RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO"

Transcript

1 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Premessa La presente relazione tecnica riguarda gli impianti elettrici a servizio dell edificio da destinare a centro polifunzionale da realizzare nel comune di Magliano e, in particolare, descrive le tipologie impiantistiche proposte unitamente ai principali aspetti funzionali. I principali obiettivi posti alla base della progettazione degli impianti elettrici in questione sono: soddisfacimento delle richieste d utenza; protezione dai rischi elettrici; elevato livello di affidabilità e di sicurezza di esercizio; flessibilità di impiego con ampia gamma di lavoro degli impianti; economicità di gestione derivante dalle tipologie impiantistiche scelte; semplicità impiantistica, nel rispetto dei vincoli architettonici. La fornitura dell energia elettrica sarà effettuata dall ENEL direttamente in bassa tensione con fornitura trifase 400V+N e, pertanto, per l impianto è previsto una sistema di distribuzione TT. Gli impianti elettrici saranno realizzati in ogni loro parte e nel loro insieme in conformità alla legislazione e alle norme tecniche vigenti, in particolare: Leggi e decreti - Decreto 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici ; - Legge n.186 del "Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici"; - Legge n.791 del "Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità Europee relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione" 1

2 - Decreto Legislativo n. 81/2008 norme in materia di il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; - Legislazione vigente per la prevenzione incendi e norme del locale Comando dei Vigili del Fuoco. Normativa tecnica Normativa tecnica CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), con particolare riferimento: - Norme CEI Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo; - Norme CEI Apparecchiature a bassa tensione. Parte 2: interruttori automatici; - Norme CEI Apparecchiature a bassa tensione. Parte 3: Interruttori di manovra, sezionatori, interruttori di manovra-sezionatori e unità combinate con fusibili; - Norme CEI 17-13/1 - Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri bt). Parte 1: Apparecchiature soggette a prove tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove tipo (ANS); - Norme CEI 17-13/3 - Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri bt). Parte 3: prescrizioni particolari per apparecchiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso; - Norme CEI 64 - Effetti della corrente attraverso il corpo umano; - Norme CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; - Norme CEI Guida per l'esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario; - Norme CEI Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori; - Norme CEI Edilizia ad uso residenziale e terziario. Guida per l'integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici Criteri generali; - Norme CEI Protezione contro i fulmini; - Norma UNI EN : Luce e illuminazione illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: posti di lavoro in interni; 2

3 Nel complesso, a servizio del centro polifunzionale, sono previsti i seguenti impianti elettrici: Impianto elettrico di energia comprendente essenzialmente: - quadro consegna energia; - linea elettrica montante principale; - quadro generale bt; - linee elettriche montanti per la distribuzione dell energia elettrica ai quadri di zona; - quadri elettrici di zona; - linee elettriche dorsali di alimentazione a valle dei quadri di zona; - impianto elettrico a servizio delle diverse zone del centro polivalente a valle del rispettivo quadro di zona; - impianto di illuminazione interno; - impianto di illuminazione di sicurezza; - impianto di terra; - Impianto di illuminazione esterna; Impianti elettrici speciali comprendenti essenzialmente: - impianto trasmissione dati e telefono; - impianto centralizzato TV; - Impianto di videocitofono; - Impianto di videosorveglianza Alimentazione e quadro consegna energia Immediatamente a valle del contatore ENEL sarà installato il quadro consegna energia completo di scaricatore di sovratensione e di interruttore magnetotermico differenziale a bassa sensibilità selettivo avente funzioni di sezionamento generale dell impianto a valle e di protezione della linea di alimentazione in uscita. 3

4 Per l alloggiamento del contatore ENEL e del quadro consegna sarà predisposto apposito armadio in resina a doppio scomparto tipo Conchiglia (vano ENEL + vano utente), nel punto di fornitura in prossimità del perimetro esterno del lotto. Linea montante di alimentazione Dal suddetto quadro di consegna si dipartirà la linea elettrica montante di alimentazione che sarà attestata sul Quadro Generale del centro polivalente, da ubicare nell apposito vano tecnico, e la linea elettrica del alimentazione del Quadro Portineria La linea montante sarà costituita da un sistema trifase con neutro con cavi unipolari isolati in gomma di qualità G7 con guaina termoplastica del tipo FG7R 0,6/1kV conformi alle norme CEI e CEI 20-22, di sezione 3x95+1x50. La suddetta linea sarà posata in tubazione pvc interrata posta ad una profondità non inferiore a 60 cm. Quadro elettrico generale Il quadro generale sarà ubicato in apposito vano tecnico. Il quadro sarà equipaggiato delle necessarie apparecchiature di manovra e protezione delle linee montanti di alimentazione dei quadri di zona e dei circuiti terminali alimentati direttamente dal quadro stesso. Il quadro sarà costituito da carpenteria metallica con profondità 400mm da pavimento, adatta all installazione di apparecchi modulari e scatolati. L involucro avrà altezza pari a 1800 mm e larghezza pari a 700 mm. Il quadro sarà provvisto di porta trasparente. L involucro del quadro sarà in lamiera zinco-cromata elettroliticamente, verniciata a polvere. Colore: RAL 7035 grigio chiaro. L impianto a valle del quadro generale sarà suddiviso in diversi circuiti al fine di evitare pericoli e ridurre gli inconvenienti in caso di guasto e di facilitare le ispezioni, le prove e la manutenzione in condizioni di sicurezza. 4

5 Linee montanti alimentazione quadri di zona A valle del quadro generale sarà realizzata una distribuzione radiale in cui le diverse linee in partenza dal suddetto quadro alimenteranno singolarmente i quadri di zona. Le suddette linee si svilupperanno prevalentemente con percorsi orizzontali e saranno costituite da cavi multipolari isolati in gomma di qualità G7 con guaina in pvc del tipo FG7OR 0,6/1kV conformi alle norme CEI e CEI posti in tubazione interrata alla profondità non inferiore di 60 cm. Ogni linea montante sarà attestata sulla morsetteria di ingresso del rispettivo quadro di zona alimentato Criteri generali per l esecuzione degli impianti elettrici all interno dei locali ordinari Vengono ora presi in esame i criteri generali per l esecuzione degli impianti elettrici all interno dei locali che possono essere classificati ambienti ordinari, per i quali dovranno essere rispettate le prescrizioni della norma generale CEI 64-8 Le linee elettriche poste entro tubazioni saranno formate da cavi unipolari con conduttore in rame ed isolante in pvc di qualità R2 per tensioni nominali non inferiori a 450/750 V del tipo non propaganti la fiamma secondo norme CEI Per i conduttori di fase e di neutro saranno adottate le seguenti sezioni minime: - 1,5 mmq per i circuiti che alimentano punti luce, segnalazione e comando; - 2,5 mmq per i circuiti che alimentano prese da 10/16 A e per gli altri circuiti di potenza inferiore a 3 kw; - 4 mmq per i circuiti di potenza superiore o uguale a 3 kw. All interno dei locali i suddetti i cavi in tutto il loro percorso risulteranno installati in tubi pvc incassati nelle opere murarie sotto traccia o posati sotto pavimento. Per la posa sotto traccia saranno utilizzati tubi in pvc di tipo leggero flessibile, per la posa sotto pavimento saranno utilizzati tubi in pvc del tipo flessibile pesante. 5

6 Il diametro interno dei tubi risulterà almeno uguale a 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi. Le derivazioni saranno eseguite in adeguate cassette di derivazione in materiale termoplastico, con coperchio fissato a mezzo di viti, utilizzando appositi morsetti. I cavi all interno della cassetta non dovranno occupare pi del 50% del volume interno della cassetta stessa. I tubi protettivi, le cassette e le scatole per l impianto di energia e per l impianto di segnalazione a bassissima tensione di sicurezza (SELV) saranno distinte tra loro. I tubi protettivi installati nella parete avranno percorso orizzontale, verticale o parallelo allo spigolo della parete. Per non danneggiare il cavo il raggio di curvatura dei tubi sarà pari a circa tre volte il diametro esterno del tubo. Le giunzioni e le derivazioni saranno eseguite con appositi dispositivi di connessione (morsetti con o senza viti) aventi grado di protezione IP XXB; è ammesso l entra-esci sui morsetti, ad esempio di una presa per alimentare un altra presa, purché esistano doppi morsetti o questi siano dimensionati per ricevere la sezione totale dei conduttori da collegare. Eliminazione delle barriere architettoniche Ai fini dell eliminazione delle barriere architettoniche occorre ubicare in posizione comoda per il portatore di handicap gli interruttori, i campanelli, i pulsanti di comando, le prese ed il citofono. Tali apparecchiature devono essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protette dal danneggiamento per urto. Tali norme speciali per l eliminazione delle barriere architettoniche devono essere applicate in tutti gli ambienti previsti per i portatori di handicap. Nei locali servizi previsti per i portatori di handicap deve essere installato un campanello di allarme in prossimità della vasca e della tazza (wc) Le quote di installazione di prese, comandi ed apparecchiature, negli ambienti previsti per i portatori di handicap sono indicate nella seguente tabella: 6

7 Tipo di Apparecchiature Limiti estremi delle Quote di installazione quote di installazione di progetto Campanelli e pulsanti di comando Da 40 a 140 cm 90 cm Presa energia, TV e telefono Da 45 a 115 cm 60 cm citofono Da 110 a 130 cm 120 cm Quadro elettrico, interuttori Da 60 a 140 cm 130 cm Quote di installazione delle apparecchiature elettriche negli alloggi previsti per i portatori di handicap ai fini dell eliminazione delle barriere architettoniche Impianto di illuminazione artificiale all interno degli ambienti Criteri adottati per la progettazione illuminotecnica Per la realizzazione dell illuminazione è essenziale, oltre al valore dell illuminamento richiesto, soddisfare esigenze qualitative e quantitative. I requisiti illuminotecnici vengono determinati dalla soddisfazione delle seguenti tre esigenze fondamentali: il confort visivo: la sensazione di benessere percepita dalle persone contribuisce indirettamente anche a ottenere alti livelli di produttività; la prestazione visiva: le persone sono in grado di svolgere i loro compiti visivi anche in circostanze difficili e protratti nel tempo; la sicurezza. I principali parametri che caratterizzano l ambiente luminoso sono: distribuzione delle luminanze; illuminamento; abbagliamento; direzione della luce; resa dei colori e colore apparente della luce; sfarfallamento; luce diurna; I criteri adottati per la progettazione illuminotecnica sono quelli riportati nella norma UNI EN L impianto di illuminazione artificiale nelle aule sarà realizzato mediante apparecchi per lampade fluorescenti inseriti, in ognuna di esse, su almeno due circuiti separati. I corpi 7

8 illuminanti appartenenti alle file più lontane dalle finestre saranno inseriti su un circuito separato in modo da poterne effettuare l accensione in maniera indipendente e quindi poter regolare l illuminazione in modo che il valore di illuminamento nelle zone delle aule più vicine alle finestre sia prossimo a quello delle zone più lontane dalle finestre stesse. L impianto di illuminazione artificiale garantirà il rispetto dei requisiti illuminotecnici riportati nella Norma UNI EN relativa agli ambienti all interno di edifici scolastici. I valori dell illuminamento, abbagliamento molesto e resa dei colori presi alla base del progetto illuminotecnico sono riportati nella seguente tabella: Tipo di interno, compito o attività E m (lx) UGR L R a Aule scolastiche Aule per corsi serali e per adulti Laboratori di informatica Sale professori Palazzetti, palestre, piscine (uso generale) Il grado di uniformità dell illuminamento sarà non inferiore a 0,8 nella zona del locale dove si svolge un determinato compito visivo che, per le aule, viene determinata considerando il piano di lavoro ad un altezza di 0.85 m dal pavimento, con esclusione della zona compresa nella fascia di larghezza 0.8 m lungo le pareti dell aula. L illuminamento nelle zone immediatamente circostanti deve essere correlato all illuminamento della zona del campo visivo e deve fornire una distribuzione delle luminanze ben equilibrate nel campo visivo. L illuminamento delle zone immediatamente circostanti alla zona del compito visivo sarà più basso di quello del compito ma non deve essere minore dei valori indicati nel seguente prospetto Illuminamento del compito (lx) >750_ < 200_ Illuminamento delle zone immediatamente circostanti (lx) E compito Uniformità 0,7 Uniformità 0,5 8

9 Abbagliamento L abbagliamento è la sensazione visiva prodotta da superfici che determinano elevati gradienti di luminanza del campo visivo e può essere percepito come abbagliamento molesto o debilitante. E necessario limitare l abbagliamento per evitare errori, affaticamento ed incidenti. In luoghi interni come nel presente progetto, l abbagliamento molesto può essere prodotto direttamente dagli apparecchi di illuminazione o dalle finestre. Se i limiti dell abbagliamento molesto sono soddisfatti, l abbagliamento debilitante assume generalmente un importanza trascurabile. Agli effetti dell abbagliamento diretto tutti i locali scolastici rientrano nella classe B in cui si svolgono attività con compiti visivi che richiedono prestazioni visive elevate Nel calcoli illuminotecnici relativi al progetto di illuminazione degli ambienti interni è stato valutato l abbagliamento molesto direttamente prodotto dagli apparecchi di illuminazione previsti, utilizzando il metodo gabellare CIE dell indice di abbagliamento UGR (Unified Glare Rating). Il valore di UGR dell impianto di illuminazione risulta in tutti i casi non maggiore del valore riportato nella di cui sopra. Per la presentazione visiva e la sensazione di comfort e di benessere in progetto sono previste lampade fluorescenti con un indice di resa del colore non minore di 80. L illuminazione delle postazioni di lavoro con attrezzature munite di videoterminali deve essere appropriata per tutti i compiti svolti, quali la lettura dello schermo, del testo stampato, scrittura su carta, lavoro sulla tastiera. Per queste zone, i criteri ed il sistema d illuminazione sarà scelto conformemente al campo di attività, al tipo di compito ed al tipo di interno fra quelli indicati nella tabella. Le attrezzature munite di videoterminali possono produrre delle riflessioni che causano abbagliamento debilitante e abbagliamento molesto. In fase di progetto sono state determinate le zone d installazione critiche e scelti gli apparecchi e le posizioni d installazione che non producano riflessioni fastidiose. 3.1 Apparecchi di illuminazione Le funzioni che gli apparecchi di illuminazione devono svolgere sono principalmente le seguenti: assicurare l incolumità fisica di tutti coloro che entrano in contatto con una qualunque sua parte consapevolmente o accidentalmente; non alterare il campo magnetico dell ambienti in cui operano ed assolvere ad ipotesi di razionalizzazione dei consumi di energia elettrica; 9

10 modificare i fasci luminosi prodotti dalle lampade per ottenere la curva fotometrica desiderata. Le prestazioni degli apparecchi di illuminazione previsti in progetto sono riportate nell elaborato di progetto relativo ai calcoli illuminotecnici. Per ogni locale sono stati previsti più corpi illuminanti in lamiera di acciaio con ottica Dark light ad alveoli ad alta parabolicità in alluminio speculare, antiriflesso ed antiridescente a bassissima luminanza 60, ognuno dotato di lampade fluorescenti 4x18 W. I corpi illuminanti saranno posizionati come previsto negli elaborati di progetto, in modo da ridurre al minimo riflessioni fastidiose. Per garantire la continuità di esercizio l impianto di illuminazione nelle diverse zone sarà suddiviso su più circuiti. Nello stabilire i criteri di suddivisione dell impianto di illuminazione si farà in modo di non superare 1000 VA per ogni circuito d illuminazione. Illuminazione di sicurezza Il centro polifunzionale sarà dotato di un efficiente impianto di illuminazione di sicurezza per consentire un regolare esodo delle persone in caso di emergenza. L illuminazione di sicurezza per l esodo comprende: - la segnaletica di sicurezza per indicare il percorso da seguire per raggiungere il luogo sicuro; - l illuminazione delle vie di esodo fino al luogo sicuro. I cartelli della segnaletica di sicurezza per indicare il percorso saranno di forma quadrata o rettangolare con un pittogramma bianco su fondo verde, che deve ricoprire almeno il 50% della superficie del cartello. I cartelli in questione saranno retroilluminati, cioè costituiti da un apparecchio di emergenza, con applicato il pittogramma. I cartelli saranno visibili da qualsiasi punto della via di esodo, quindi la distanza tra un cartello e l altro dipende dalla distanza di visibilità. L illuminazione di sicurezza per l esodo deve avere i seguenti requisiti: - intervento automatico; - tempo di intervento entro 0,5 s (interruzione breve) 10

11 - autonomia 1 h; - dispositivo di carica degli accumulatori di tipo automatico e tale da consentire la ricarica completa entro 12 h; - illuminamento non inferiore a 5 lx ad 1 m di altezza dal piano di calpestio La segnaletica di sicurezza per indicare il percorso di uscita sarà realizzata con apparecchi di emergenza autonomi del tipo SE, che si accendono soltanto al mancare dell illuminazione ordinaria. L illuminazione di sicurezza delle vie di esodo fino al luogo sicuro sarà realizzata utilizzando una parte degli apparecchi utilizzati anche per l illuminazione ordinaria, equipaggiati con gruppo di emergenza. Impianto di illuminazione esterna Le aree esterne del fabbricato saranno dotate di un adeguato impianto di illuminazione che, nel suo complesso, comprende: - illuminazione della zona a verde posteriore da realizzarsi mediante apparecchi illuminanti del tipo residenziale in alluminio presso fuso Disano modello Torcia, su palo di altezza fuori terra 3,5 m; - illuminazione a parete sulle facciate dell edificio mediante apparecchi illuminanti in allumino pressofuso Disano modello Onda2 a luce diretta, con lampada FLC 1x26W con altezza di montaggio fissata a circa 2,5 m - illuminazione a pavimento della zona a verde centrale ed in parte di quella posteriore mediante apparecchi illuminanti in alluminio pressofuso ad incasso con lampada FLC 1x35W L impianto sarà suddiviso in più circuiti, ognuno realizzato con cavo multipolare FG7OR di sezione 3G2,5 posto in tubazione pvc interrata. Impianto di messa a terra L impianto di terra, nel suo complesso, comprenderà i seguenti elementi: rete di terra disperdente realizzata con corda di rame nuda sezione 35 mq direttamente interrata lungo il perimetro del fabbricato alla quale saranno collegati i ferri di armatura del cemento armato; conduttore di terra, per collegare il dispersore al collettore di terra, costituito da corda nuda di rame interrata di sezione 35 mmq. 11

12 un collettore o nodo principale di terra, costituito da una barra di rame 30 mm x 3 mm posto nel locale quadro generale; collegamenti equipotenziali principali riguardanti la tubazione idrica principale; Il collegamento equipotenziale della tubazione è effettuato nella centrale idrica o in corrispondenza del contatore AQP con cavo giallo/verde tipo H07V-K da 10 mmq; conduttori equipotenziali secondari, nei locali bagni o docce, isolati in pvc colore giallo/verde tipo N07V-K di sezione 2,5 mmq in tubazione pvc incassata, da collegarsi al conduttore di protezione più prossimo; conduttori di protezione isolati in pvc colore giallo/verde tipo N07V-K di sezione pari alla sezione del conduttore di fase, per il collegamento delle masse al collettore di terra; Nel rispetto della norma CEI sarà realizzato un impianto di terra unico al quale saranno collegate tutte le masse metalliche delle apparecchiature elettriche. Protezione contro i contatti indiretti Gli interruttori di tipo magnetotermico differenziale previsti in progetto permettono che sia verificata, sia per i circuiti condominiali di uso comune, sia per gli impianti di ogni singolo appartamento, la condizione Ra * Idn 50 dove: Ra è la somma delle resistenze dei conduttori di protezione e del dispersore, in ohm; Idn è la più elevata tra le correnti differenziali nominali d intervento degli interruttori installati, in ampere. La precedente relazione è condizione sufficiente per assicurare la protezione contro i contatti indiretti sull impianto. 12

13 IMPIANTI ELETTRICI SPECIALI Generalità A servizio del centro polifunzionale è prevista la realizzazione dei seguenti impianti speciali: - impianto trasmissione dati e telefono; - impianto TV - sistema di videosorveglianza; - Impianto di videocitofono. I cavi di segnale saranno posati in tubi e canali separati da quelli dei cavi di energia. La separazione tra i cavi di energia e di segnale è necessaria non solo ai fini della sicurezza, ma anche per evitare eventuali disturbi provocati dai campi elettromagnetici dei cavi di energia. Impianto telefonico e trasmissione dati Il centro polifunzionale sarà dotato di una rete di trasmissione dati e telefono realizzato mediante un cablaggio strutturato; verrà realizzato con una topologia a stella, dove il centro stella è rappresentato dal quadro di permutazione (di tipo rack 19 ). Saranno presenti 3 rack in modo da ottenere una più razionale distribuizione delle utenze. La categoria dell impianto sarà 6. Ogni postazione di lavoro sarà dotata dei necessari punti presa cablati con frutti tipo RJ45. Anche le singole utenze telefoniche verranno cablate con connettori RJ45 per garantire la flessibilità dell impianto. Nel quadro di zona (Rack) verranno attestate le utenze pertinenti alla zona stessa su un numero adeguato di pannelli di permutazione della stessa categoria della rete, ognuna etichettata per una facile individuazione. Il collegamento tra i rack avverrà mediante dorsali realizzate con 4 cavi LAN categoria 6 e con un cavo multi coppia (da 20 cp). Nella planimetria di progetto sono indicate le postazioni per impianto telefono e trasmissione dati. 13

14 Impianto TV Ogni singolo edificio costituente il centro polifunzionale sarà dotato di un impianto d antenna TV del tipo conforme alle CEI in grado di distribuire all utenza tutti i segnali ricevibili sia analogici che digitali, costituito da antenna di captazione terrestre montata su palo autoportante zincato e di antenna di tipo parabolico dotata di doppio illuminatore di diametro non inferiore a 120 cm montata su apposito supporto. I rispettivi segnali verranno opportunamente trattati da centralino elettronico di amplificazione e distribuiti alle prese secondo lo schema planimetrico di progetto. Impianto di videosorveglianza Sarà previsto un sistema di video sorveglianza atto a consentire il controllo visivo di alcune zone ritenute critiche da una postazione centralizzata o remota e che costituisca, per il personale addetto alla vigilanza, un valido ausilio per l organizzazione delle azioni di contrasto ad eventuali attività criminose. Sarà adottato un sistema di video sorveglianza che si avvalga delle più recenti ed innovative tecniche di gestione, trattamento, registrazione e di trasmissione remota delle immagini video. Il sistema, nelle sue linee essenziali, sarà costituito dai seguenti elementi: Telecamere di ultima generazione, a colori, Day/Night, 1/3" CCD DSP, 520 LTV, 230 V ca, ad alta risoluzione equipaggiate con la più recente tecnologia CCD e tecnologie avanzate di elaborazione dei segnali al fine di fornire immagini nitide e con correzione della luminosità per applicazioni di sorveglianza che richiedano immagini ad alta risoluzione. Le telecamere utilizzeranno un filtro infrarosso di tipo meccanico in grado di offrire immagini nitide, anche quando le condizioni di luce variano considerevolmente nell'arco della giornata. Nella modalità notturna le telecamere saranno sensibili agli infrarossi. Le caratteristiche delle telecamere saranno tali da includere zoom digitale, menu OSD, programmazione della compensazione del controluce su 6 zone, titolazione, otturatore a bassa velocità. Sistema di analisi dell immagine e trasmissione video atto a garantire una elevata affidabilità di rivelazione e un basso tasso di allarmi impropri. Sistemi di gestione, trattamento, registrazione digitale e trasmissione video che preveda la registrazione di singole immagini e/o di sequenze che devono essere opportunamente registrate, memorizzate, processate ed archiviate permanentemente e con alta qualità. 14

15 Impianto videocitofono E previsto un impianto videocitofonico digitale comprendente n. 1 postazione esterna in prossimità del cancello di entrata e due postazioni esterne rispettivamente nel locale portineria e nel locale Direzione/Segreteria. 15

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 93 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Una villa occupa una superficie di sedime di circa

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 5 a) Quadri elettrici... b) Cavi... c) Condutture... d) Cassette e connessioni... e) Impianti elettrici

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 CATEGORIA E SISTEMA... 2 2.2 CARICHI PREVISTI... 2 2.3 CONDUTTURE... 3 2.3.1 Tipi di cavi... 3 2.3.2 Tubi protettivi e

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

CITTA DI VENARIA REALE

CITTA DI VENARIA REALE STUDIO TECNICO DI PROGETTAZIONE GIUBERTONI per.ind. STEFANO Via Rosolino Pilo n 39-10145 TORINO CITTA DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO Luogo: NUOVA AREA CAMPER Oggetto: IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE

Dettagli

Dati di progetto. Descrizione delle opere.

Dati di progetto. Descrizione delle opere. Dati di progetto. La relazione tecnica in oggetto è parte integrante del progetto ed ha lo scopo di fornire una descrizione delle opere inerenti la realizzazione dell impianto elettrico, posto a servizio

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione Estratto delle normative per gli impianti elettrici in bassa tensione per impianti utilizzatori a carattere stabile in abitazioni, uffici, negozi, magazzini, laboratori, officine, scuole ed annessi. L'impianto

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

STUDIO TECNICO D INGEGNERIA ING.GIOVANNI MUSIO. 9LD69LWDOLD1ƒ6HUUHQWL&$7HO)D[ Partita I.V.A. 01077780920 - C.F.MSUGNN54P26I667S. COMUNE di 6(55(17,

STUDIO TECNICO D INGEGNERIA ING.GIOVANNI MUSIO. 9LD69LWDOLD1ƒ6HUUHQWL&$7HO)D[ Partita I.V.A. 01077780920 - C.F.MSUGNN54P26I667S. COMUNE di 6(55(17, COMUNE di 6(55(17, (Provincia di CAGLIARI) via Nazionale N 280 telefono 070-9159037 telefax 070-9159791 telex... e-mail.@. LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA, IGIENE E

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5.

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5. Indice 1.0 - Premessa......pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV....pag. 5 5.0 - Dimensionamento delle linee...pag. 5 6.0 - Protezione delle condutture

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI D APPARTAMENTO

IMPIANTI ELETTRICI D APPARTAMENTO IMPIANTI ELETTRICI D APPARTAMENTO GENERALITA Il presente corso ha lo scopo di guidare l installatore nella realizzazione pratica degli impianti elettrici nuovi, non soggetti a progettazione secondo il

Dettagli

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTO ELETTRICO LUGLIO 2007 descrizione Pagina 1 di 1 A1.1 - QUADRO GENERALE ESTERNO QGE Quadro di tipo prefabbricato in materiale

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci

Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci Il Committente INDIRE Il Direttore Generale Dott. Flaminio Galli DATA Maggio 2015 Il Progettista Arch. Efisio Corongiu Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci AGG.TO Oggetto elaborato SOMMARIO 1. Generalità 3 2.

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica R ie Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1 1 - Premessa...2 2 - Principali norme di riferimento...4 3 - Tipo di forniture e tipo di sistema

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA INDICE 1. Generalità pag. 2 2. Dati del sistema elettrico di distribuzione pag. 2 2.1 Appartamento tipo pag. 2 2.2 Parti comuni pag. 3 3. Specifiche tecniche pag. 3 3.1 Protezione contro i contatti diretti

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Quadri di bassa tensione 1 IE.01 Quadro di bassa tensione di consegna (BOX IN PREFABBRICATO O MURATURA INCLUSO) Totale a corpo 1,00 99,40 99,40

Dettagli

Relazione tecnica sulle reti elettriche, telefoniche ed erogazione gas

Relazione tecnica sulle reti elettriche, telefoniche ed erogazione gas 1/10 RELAZIONE TECNICA SULLE RETI ELETTRICHE, TELEFONICHE ED EROGAZIONE GAS Gli impianti descritti nella presente relazione tecnica riguardano le utenze di un Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) in Giffoni

Dettagli

INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3

INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3 INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3 4 QUADRI GENERALI _ NOTA GENERALE PER TUTTI I QUADRI ELETTRICI:... 3 4.1 QUADRI DI PROTEZIONE

Dettagli

2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO

2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO SOMMARIO 1. PREMESSA... 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... a) Quadri elettrici... b) Cavi... c) Condutture... d) Cassette e connessioni... e) Impianti elettrici nei

Dettagli

FONDAZIONE CONSERVATORIO FIESCHI

FONDAZIONE CONSERVATORIO FIESCHI M.&.G. Progetti s.n.c. di Ing. S. Mirenda & P.ind. A. Grosso Chiavari (GE) Via S. Francesco N.15/8 Tel 0185/306893-Fax 0185/306893 e-mail: studiomirenda@aliceposta.it P.IVA. 01661990992 FONDAZIONE CONSERVATORIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO NORMATIVA DI RFERIMENTO CEI 64-8 : Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata a 1500 V in corrente continua ;

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti elettrici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio sezione: IMPIANTI ELETTRICI titolo e contenuto della tavola: Computo metrico estimativo Studio Associato di Ingegneria NEW ENERGY di Ing. Mancini e Ing. Mannucci Viale Marconi, 117A 56028 San Miniato (PI)

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI Settembre 2010 Sommario PROGETTO DEFINITIVO...1

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI IMPIANTI Lavorare in sicurezza Piero Pardini Molti infortuni si verificano svolgendo attività banali e sottovalutando i rischi. Un ottima illuminazione dell ambiente e un impianto a norma rappresentano

Dettagli

Relazione Specialistica Impianto Elettrico

Relazione Specialistica Impianto Elettrico Comune di Laerru Provincia di SASSARI Relazione specialistica Impianto elettrico OGGETTO: Potenziamento delle strutture scolastiche in termini di dotazioni tecniche e di spazi per attività extrascolastiche

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO 1. PREMESSA Gli impianti elettrici della scuola in oggetto sono stati progettati secondo le normative

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese. Impiantistica elettrica anno 2003

CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese. Impiantistica elettrica anno 2003 CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese MANO D OPERA Prezzi medi orari, comprensivi di spese generali e utili, desunti dalle paghe orarie delle

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A DIREZIONE DELLE SALINE pag.1 di 36 DISCIPLINARE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE PARTE 1... 3 CONDIZIONI GENERALI... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO INDICE 1. PREMESSA... 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3. CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE CONDUTTURE... 3 4. PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA.... 5 4.1. Protezione

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico 16 16 Impianto fotovoltaico totalmente integrato kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico trifase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 15,96kWp. Costruito con numero 12 stringhe

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 15 IMPIANTI ELETTRICI 15.01 Distribuzione circuiti luce 15.01.001 Punto luce e punto di comando

Dettagli

DATI DI PROGETTO. Dati delle alimentazioni elettriche.

DATI DI PROGETTO. Dati delle alimentazioni elettriche. DATI DI PROGETTO La presente relazione riguarda gli impianti elettrici di distribuzione dell illuminazione ordinaria e di sicurezza, della forza motrice alla stazione di sollevamento e dei quadri elettrici,

Dettagli

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali EDIZIONE 2015 Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali Catalogo 2013 ABB mette a disposizione dei propri clienti tutta una serie di strumenti utili per la configurazione degli

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

2. Leggi norme e regolamenti

2. Leggi norme e regolamenti Premessa La presente relazione fa parte della documentazione relativa alla progettazione degli impianti elettrici previsti nei lavori di rifunzionalizzazione laboratori e spazi didattici presso l istituto

Dettagli

I locali da bagno e doccia

I locali da bagno e doccia I locali da bagno e doccia 1. Classificazione delle Zone In funzione della pericolosità, nei locali bagno e doccia (Norma 64-8 sez. 701) si possono individuare quattro zone (fig. 1) che influenzano i criteri

Dettagli

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di un magazzino adibito a vendita di generi alimentari, con dimensioni di 12 x 20 metri. Il magazzino

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli