RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO"

Transcript

1 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Premessa La presente relazione tecnica riguarda gli impianti elettrici a servizio dell edificio da destinare a centro polifunzionale da realizzare nel comune di Magliano e, in particolare, descrive le tipologie impiantistiche proposte unitamente ai principali aspetti funzionali. I principali obiettivi posti alla base della progettazione degli impianti elettrici in questione sono: soddisfacimento delle richieste d utenza; protezione dai rischi elettrici; elevato livello di affidabilità e di sicurezza di esercizio; flessibilità di impiego con ampia gamma di lavoro degli impianti; economicità di gestione derivante dalle tipologie impiantistiche scelte; semplicità impiantistica, nel rispetto dei vincoli architettonici. La fornitura dell energia elettrica sarà effettuata dall ENEL direttamente in bassa tensione con fornitura trifase 400V+N e, pertanto, per l impianto è previsto una sistema di distribuzione TT. Gli impianti elettrici saranno realizzati in ogni loro parte e nel loro insieme in conformità alla legislazione e alle norme tecniche vigenti, in particolare: Leggi e decreti - Decreto 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici ; - Legge n.186 del "Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici"; - Legge n.791 del "Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità Europee relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione" 1

2 - Decreto Legislativo n. 81/2008 norme in materia di il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; - Legislazione vigente per la prevenzione incendi e norme del locale Comando dei Vigili del Fuoco. Normativa tecnica Normativa tecnica CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), con particolare riferimento: - Norme CEI Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. Linee in cavo; - Norme CEI Apparecchiature a bassa tensione. Parte 2: interruttori automatici; - Norme CEI Apparecchiature a bassa tensione. Parte 3: Interruttori di manovra, sezionatori, interruttori di manovra-sezionatori e unità combinate con fusibili; - Norme CEI 17-13/1 - Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri bt). Parte 1: Apparecchiature soggette a prove tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove tipo (ANS); - Norme CEI 17-13/3 - Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri bt). Parte 3: prescrizioni particolari per apparecchiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso; - Norme CEI 64 - Effetti della corrente attraverso il corpo umano; - Norme CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; - Norme CEI Guida per l'esecuzione dell'impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario; - Norme CEI Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori; - Norme CEI Edilizia ad uso residenziale e terziario. Guida per l'integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici Criteri generali; - Norme CEI Protezione contro i fulmini; - Norma UNI EN : Luce e illuminazione illuminazione dei posti di lavoro - Parte 1: posti di lavoro in interni; 2

3 Nel complesso, a servizio del centro polifunzionale, sono previsti i seguenti impianti elettrici: Impianto elettrico di energia comprendente essenzialmente: - quadro consegna energia; - linea elettrica montante principale; - quadro generale bt; - linee elettriche montanti per la distribuzione dell energia elettrica ai quadri di zona; - quadri elettrici di zona; - linee elettriche dorsali di alimentazione a valle dei quadri di zona; - impianto elettrico a servizio delle diverse zone del centro polivalente a valle del rispettivo quadro di zona; - impianto di illuminazione interno; - impianto di illuminazione di sicurezza; - impianto di terra; - Impianto di illuminazione esterna; Impianti elettrici speciali comprendenti essenzialmente: - impianto trasmissione dati e telefono; - impianto centralizzato TV; - Impianto di videocitofono; - Impianto di videosorveglianza Alimentazione e quadro consegna energia Immediatamente a valle del contatore ENEL sarà installato il quadro consegna energia completo di scaricatore di sovratensione e di interruttore magnetotermico differenziale a bassa sensibilità selettivo avente funzioni di sezionamento generale dell impianto a valle e di protezione della linea di alimentazione in uscita. 3

4 Per l alloggiamento del contatore ENEL e del quadro consegna sarà predisposto apposito armadio in resina a doppio scomparto tipo Conchiglia (vano ENEL + vano utente), nel punto di fornitura in prossimità del perimetro esterno del lotto. Linea montante di alimentazione Dal suddetto quadro di consegna si dipartirà la linea elettrica montante di alimentazione che sarà attestata sul Quadro Generale del centro polivalente, da ubicare nell apposito vano tecnico, e la linea elettrica del alimentazione del Quadro Portineria La linea montante sarà costituita da un sistema trifase con neutro con cavi unipolari isolati in gomma di qualità G7 con guaina termoplastica del tipo FG7R 0,6/1kV conformi alle norme CEI e CEI 20-22, di sezione 3x95+1x50. La suddetta linea sarà posata in tubazione pvc interrata posta ad una profondità non inferiore a 60 cm. Quadro elettrico generale Il quadro generale sarà ubicato in apposito vano tecnico. Il quadro sarà equipaggiato delle necessarie apparecchiature di manovra e protezione delle linee montanti di alimentazione dei quadri di zona e dei circuiti terminali alimentati direttamente dal quadro stesso. Il quadro sarà costituito da carpenteria metallica con profondità 400mm da pavimento, adatta all installazione di apparecchi modulari e scatolati. L involucro avrà altezza pari a 1800 mm e larghezza pari a 700 mm. Il quadro sarà provvisto di porta trasparente. L involucro del quadro sarà in lamiera zinco-cromata elettroliticamente, verniciata a polvere. Colore: RAL 7035 grigio chiaro. L impianto a valle del quadro generale sarà suddiviso in diversi circuiti al fine di evitare pericoli e ridurre gli inconvenienti in caso di guasto e di facilitare le ispezioni, le prove e la manutenzione in condizioni di sicurezza. 4

5 Linee montanti alimentazione quadri di zona A valle del quadro generale sarà realizzata una distribuzione radiale in cui le diverse linee in partenza dal suddetto quadro alimenteranno singolarmente i quadri di zona. Le suddette linee si svilupperanno prevalentemente con percorsi orizzontali e saranno costituite da cavi multipolari isolati in gomma di qualità G7 con guaina in pvc del tipo FG7OR 0,6/1kV conformi alle norme CEI e CEI posti in tubazione interrata alla profondità non inferiore di 60 cm. Ogni linea montante sarà attestata sulla morsetteria di ingresso del rispettivo quadro di zona alimentato Criteri generali per l esecuzione degli impianti elettrici all interno dei locali ordinari Vengono ora presi in esame i criteri generali per l esecuzione degli impianti elettrici all interno dei locali che possono essere classificati ambienti ordinari, per i quali dovranno essere rispettate le prescrizioni della norma generale CEI 64-8 Le linee elettriche poste entro tubazioni saranno formate da cavi unipolari con conduttore in rame ed isolante in pvc di qualità R2 per tensioni nominali non inferiori a 450/750 V del tipo non propaganti la fiamma secondo norme CEI Per i conduttori di fase e di neutro saranno adottate le seguenti sezioni minime: - 1,5 mmq per i circuiti che alimentano punti luce, segnalazione e comando; - 2,5 mmq per i circuiti che alimentano prese da 10/16 A e per gli altri circuiti di potenza inferiore a 3 kw; - 4 mmq per i circuiti di potenza superiore o uguale a 3 kw. All interno dei locali i suddetti i cavi in tutto il loro percorso risulteranno installati in tubi pvc incassati nelle opere murarie sotto traccia o posati sotto pavimento. Per la posa sotto traccia saranno utilizzati tubi in pvc di tipo leggero flessibile, per la posa sotto pavimento saranno utilizzati tubi in pvc del tipo flessibile pesante. 5

6 Il diametro interno dei tubi risulterà almeno uguale a 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi. Le derivazioni saranno eseguite in adeguate cassette di derivazione in materiale termoplastico, con coperchio fissato a mezzo di viti, utilizzando appositi morsetti. I cavi all interno della cassetta non dovranno occupare pi del 50% del volume interno della cassetta stessa. I tubi protettivi, le cassette e le scatole per l impianto di energia e per l impianto di segnalazione a bassissima tensione di sicurezza (SELV) saranno distinte tra loro. I tubi protettivi installati nella parete avranno percorso orizzontale, verticale o parallelo allo spigolo della parete. Per non danneggiare il cavo il raggio di curvatura dei tubi sarà pari a circa tre volte il diametro esterno del tubo. Le giunzioni e le derivazioni saranno eseguite con appositi dispositivi di connessione (morsetti con o senza viti) aventi grado di protezione IP XXB; è ammesso l entra-esci sui morsetti, ad esempio di una presa per alimentare un altra presa, purché esistano doppi morsetti o questi siano dimensionati per ricevere la sezione totale dei conduttori da collegare. Eliminazione delle barriere architettoniche Ai fini dell eliminazione delle barriere architettoniche occorre ubicare in posizione comoda per il portatore di handicap gli interruttori, i campanelli, i pulsanti di comando, le prese ed il citofono. Tali apparecchiature devono essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protette dal danneggiamento per urto. Tali norme speciali per l eliminazione delle barriere architettoniche devono essere applicate in tutti gli ambienti previsti per i portatori di handicap. Nei locali servizi previsti per i portatori di handicap deve essere installato un campanello di allarme in prossimità della vasca e della tazza (wc) Le quote di installazione di prese, comandi ed apparecchiature, negli ambienti previsti per i portatori di handicap sono indicate nella seguente tabella: 6

7 Tipo di Apparecchiature Limiti estremi delle Quote di installazione quote di installazione di progetto Campanelli e pulsanti di comando Da 40 a 140 cm 90 cm Presa energia, TV e telefono Da 45 a 115 cm 60 cm citofono Da 110 a 130 cm 120 cm Quadro elettrico, interuttori Da 60 a 140 cm 130 cm Quote di installazione delle apparecchiature elettriche negli alloggi previsti per i portatori di handicap ai fini dell eliminazione delle barriere architettoniche Impianto di illuminazione artificiale all interno degli ambienti Criteri adottati per la progettazione illuminotecnica Per la realizzazione dell illuminazione è essenziale, oltre al valore dell illuminamento richiesto, soddisfare esigenze qualitative e quantitative. I requisiti illuminotecnici vengono determinati dalla soddisfazione delle seguenti tre esigenze fondamentali: il confort visivo: la sensazione di benessere percepita dalle persone contribuisce indirettamente anche a ottenere alti livelli di produttività; la prestazione visiva: le persone sono in grado di svolgere i loro compiti visivi anche in circostanze difficili e protratti nel tempo; la sicurezza. I principali parametri che caratterizzano l ambiente luminoso sono: distribuzione delle luminanze; illuminamento; abbagliamento; direzione della luce; resa dei colori e colore apparente della luce; sfarfallamento; luce diurna; I criteri adottati per la progettazione illuminotecnica sono quelli riportati nella norma UNI EN L impianto di illuminazione artificiale nelle aule sarà realizzato mediante apparecchi per lampade fluorescenti inseriti, in ognuna di esse, su almeno due circuiti separati. I corpi 7

8 illuminanti appartenenti alle file più lontane dalle finestre saranno inseriti su un circuito separato in modo da poterne effettuare l accensione in maniera indipendente e quindi poter regolare l illuminazione in modo che il valore di illuminamento nelle zone delle aule più vicine alle finestre sia prossimo a quello delle zone più lontane dalle finestre stesse. L impianto di illuminazione artificiale garantirà il rispetto dei requisiti illuminotecnici riportati nella Norma UNI EN relativa agli ambienti all interno di edifici scolastici. I valori dell illuminamento, abbagliamento molesto e resa dei colori presi alla base del progetto illuminotecnico sono riportati nella seguente tabella: Tipo di interno, compito o attività E m (lx) UGR L R a Aule scolastiche Aule per corsi serali e per adulti Laboratori di informatica Sale professori Palazzetti, palestre, piscine (uso generale) Il grado di uniformità dell illuminamento sarà non inferiore a 0,8 nella zona del locale dove si svolge un determinato compito visivo che, per le aule, viene determinata considerando il piano di lavoro ad un altezza di 0.85 m dal pavimento, con esclusione della zona compresa nella fascia di larghezza 0.8 m lungo le pareti dell aula. L illuminamento nelle zone immediatamente circostanti deve essere correlato all illuminamento della zona del campo visivo e deve fornire una distribuzione delle luminanze ben equilibrate nel campo visivo. L illuminamento delle zone immediatamente circostanti alla zona del compito visivo sarà più basso di quello del compito ma non deve essere minore dei valori indicati nel seguente prospetto Illuminamento del compito (lx) >750_ < 200_ Illuminamento delle zone immediatamente circostanti (lx) E compito Uniformità 0,7 Uniformità 0,5 8

9 Abbagliamento L abbagliamento è la sensazione visiva prodotta da superfici che determinano elevati gradienti di luminanza del campo visivo e può essere percepito come abbagliamento molesto o debilitante. E necessario limitare l abbagliamento per evitare errori, affaticamento ed incidenti. In luoghi interni come nel presente progetto, l abbagliamento molesto può essere prodotto direttamente dagli apparecchi di illuminazione o dalle finestre. Se i limiti dell abbagliamento molesto sono soddisfatti, l abbagliamento debilitante assume generalmente un importanza trascurabile. Agli effetti dell abbagliamento diretto tutti i locali scolastici rientrano nella classe B in cui si svolgono attività con compiti visivi che richiedono prestazioni visive elevate Nel calcoli illuminotecnici relativi al progetto di illuminazione degli ambienti interni è stato valutato l abbagliamento molesto direttamente prodotto dagli apparecchi di illuminazione previsti, utilizzando il metodo gabellare CIE dell indice di abbagliamento UGR (Unified Glare Rating). Il valore di UGR dell impianto di illuminazione risulta in tutti i casi non maggiore del valore riportato nella di cui sopra. Per la presentazione visiva e la sensazione di comfort e di benessere in progetto sono previste lampade fluorescenti con un indice di resa del colore non minore di 80. L illuminazione delle postazioni di lavoro con attrezzature munite di videoterminali deve essere appropriata per tutti i compiti svolti, quali la lettura dello schermo, del testo stampato, scrittura su carta, lavoro sulla tastiera. Per queste zone, i criteri ed il sistema d illuminazione sarà scelto conformemente al campo di attività, al tipo di compito ed al tipo di interno fra quelli indicati nella tabella. Le attrezzature munite di videoterminali possono produrre delle riflessioni che causano abbagliamento debilitante e abbagliamento molesto. In fase di progetto sono state determinate le zone d installazione critiche e scelti gli apparecchi e le posizioni d installazione che non producano riflessioni fastidiose. 3.1 Apparecchi di illuminazione Le funzioni che gli apparecchi di illuminazione devono svolgere sono principalmente le seguenti: assicurare l incolumità fisica di tutti coloro che entrano in contatto con una qualunque sua parte consapevolmente o accidentalmente; non alterare il campo magnetico dell ambienti in cui operano ed assolvere ad ipotesi di razionalizzazione dei consumi di energia elettrica; 9

10 modificare i fasci luminosi prodotti dalle lampade per ottenere la curva fotometrica desiderata. Le prestazioni degli apparecchi di illuminazione previsti in progetto sono riportate nell elaborato di progetto relativo ai calcoli illuminotecnici. Per ogni locale sono stati previsti più corpi illuminanti in lamiera di acciaio con ottica Dark light ad alveoli ad alta parabolicità in alluminio speculare, antiriflesso ed antiridescente a bassissima luminanza 60, ognuno dotato di lampade fluorescenti 4x18 W. I corpi illuminanti saranno posizionati come previsto negli elaborati di progetto, in modo da ridurre al minimo riflessioni fastidiose. Per garantire la continuità di esercizio l impianto di illuminazione nelle diverse zone sarà suddiviso su più circuiti. Nello stabilire i criteri di suddivisione dell impianto di illuminazione si farà in modo di non superare 1000 VA per ogni circuito d illuminazione. Illuminazione di sicurezza Il centro polifunzionale sarà dotato di un efficiente impianto di illuminazione di sicurezza per consentire un regolare esodo delle persone in caso di emergenza. L illuminazione di sicurezza per l esodo comprende: - la segnaletica di sicurezza per indicare il percorso da seguire per raggiungere il luogo sicuro; - l illuminazione delle vie di esodo fino al luogo sicuro. I cartelli della segnaletica di sicurezza per indicare il percorso saranno di forma quadrata o rettangolare con un pittogramma bianco su fondo verde, che deve ricoprire almeno il 50% della superficie del cartello. I cartelli in questione saranno retroilluminati, cioè costituiti da un apparecchio di emergenza, con applicato il pittogramma. I cartelli saranno visibili da qualsiasi punto della via di esodo, quindi la distanza tra un cartello e l altro dipende dalla distanza di visibilità. L illuminazione di sicurezza per l esodo deve avere i seguenti requisiti: - intervento automatico; - tempo di intervento entro 0,5 s (interruzione breve) 10

11 - autonomia 1 h; - dispositivo di carica degli accumulatori di tipo automatico e tale da consentire la ricarica completa entro 12 h; - illuminamento non inferiore a 5 lx ad 1 m di altezza dal piano di calpestio La segnaletica di sicurezza per indicare il percorso di uscita sarà realizzata con apparecchi di emergenza autonomi del tipo SE, che si accendono soltanto al mancare dell illuminazione ordinaria. L illuminazione di sicurezza delle vie di esodo fino al luogo sicuro sarà realizzata utilizzando una parte degli apparecchi utilizzati anche per l illuminazione ordinaria, equipaggiati con gruppo di emergenza. Impianto di illuminazione esterna Le aree esterne del fabbricato saranno dotate di un adeguato impianto di illuminazione che, nel suo complesso, comprende: - illuminazione della zona a verde posteriore da realizzarsi mediante apparecchi illuminanti del tipo residenziale in alluminio presso fuso Disano modello Torcia, su palo di altezza fuori terra 3,5 m; - illuminazione a parete sulle facciate dell edificio mediante apparecchi illuminanti in allumino pressofuso Disano modello Onda2 a luce diretta, con lampada FLC 1x26W con altezza di montaggio fissata a circa 2,5 m - illuminazione a pavimento della zona a verde centrale ed in parte di quella posteriore mediante apparecchi illuminanti in alluminio pressofuso ad incasso con lampada FLC 1x35W L impianto sarà suddiviso in più circuiti, ognuno realizzato con cavo multipolare FG7OR di sezione 3G2,5 posto in tubazione pvc interrata. Impianto di messa a terra L impianto di terra, nel suo complesso, comprenderà i seguenti elementi: rete di terra disperdente realizzata con corda di rame nuda sezione 35 mq direttamente interrata lungo il perimetro del fabbricato alla quale saranno collegati i ferri di armatura del cemento armato; conduttore di terra, per collegare il dispersore al collettore di terra, costituito da corda nuda di rame interrata di sezione 35 mmq. 11

12 un collettore o nodo principale di terra, costituito da una barra di rame 30 mm x 3 mm posto nel locale quadro generale; collegamenti equipotenziali principali riguardanti la tubazione idrica principale; Il collegamento equipotenziale della tubazione è effettuato nella centrale idrica o in corrispondenza del contatore AQP con cavo giallo/verde tipo H07V-K da 10 mmq; conduttori equipotenziali secondari, nei locali bagni o docce, isolati in pvc colore giallo/verde tipo N07V-K di sezione 2,5 mmq in tubazione pvc incassata, da collegarsi al conduttore di protezione più prossimo; conduttori di protezione isolati in pvc colore giallo/verde tipo N07V-K di sezione pari alla sezione del conduttore di fase, per il collegamento delle masse al collettore di terra; Nel rispetto della norma CEI sarà realizzato un impianto di terra unico al quale saranno collegate tutte le masse metalliche delle apparecchiature elettriche. Protezione contro i contatti indiretti Gli interruttori di tipo magnetotermico differenziale previsti in progetto permettono che sia verificata, sia per i circuiti condominiali di uso comune, sia per gli impianti di ogni singolo appartamento, la condizione Ra * Idn 50 dove: Ra è la somma delle resistenze dei conduttori di protezione e del dispersore, in ohm; Idn è la più elevata tra le correnti differenziali nominali d intervento degli interruttori installati, in ampere. La precedente relazione è condizione sufficiente per assicurare la protezione contro i contatti indiretti sull impianto. 12

13 IMPIANTI ELETTRICI SPECIALI Generalità A servizio del centro polifunzionale è prevista la realizzazione dei seguenti impianti speciali: - impianto trasmissione dati e telefono; - impianto TV - sistema di videosorveglianza; - Impianto di videocitofono. I cavi di segnale saranno posati in tubi e canali separati da quelli dei cavi di energia. La separazione tra i cavi di energia e di segnale è necessaria non solo ai fini della sicurezza, ma anche per evitare eventuali disturbi provocati dai campi elettromagnetici dei cavi di energia. Impianto telefonico e trasmissione dati Il centro polifunzionale sarà dotato di una rete di trasmissione dati e telefono realizzato mediante un cablaggio strutturato; verrà realizzato con una topologia a stella, dove il centro stella è rappresentato dal quadro di permutazione (di tipo rack 19 ). Saranno presenti 3 rack in modo da ottenere una più razionale distribuizione delle utenze. La categoria dell impianto sarà 6. Ogni postazione di lavoro sarà dotata dei necessari punti presa cablati con frutti tipo RJ45. Anche le singole utenze telefoniche verranno cablate con connettori RJ45 per garantire la flessibilità dell impianto. Nel quadro di zona (Rack) verranno attestate le utenze pertinenti alla zona stessa su un numero adeguato di pannelli di permutazione della stessa categoria della rete, ognuna etichettata per una facile individuazione. Il collegamento tra i rack avverrà mediante dorsali realizzate con 4 cavi LAN categoria 6 e con un cavo multi coppia (da 20 cp). Nella planimetria di progetto sono indicate le postazioni per impianto telefono e trasmissione dati. 13

14 Impianto TV Ogni singolo edificio costituente il centro polifunzionale sarà dotato di un impianto d antenna TV del tipo conforme alle CEI in grado di distribuire all utenza tutti i segnali ricevibili sia analogici che digitali, costituito da antenna di captazione terrestre montata su palo autoportante zincato e di antenna di tipo parabolico dotata di doppio illuminatore di diametro non inferiore a 120 cm montata su apposito supporto. I rispettivi segnali verranno opportunamente trattati da centralino elettronico di amplificazione e distribuiti alle prese secondo lo schema planimetrico di progetto. Impianto di videosorveglianza Sarà previsto un sistema di video sorveglianza atto a consentire il controllo visivo di alcune zone ritenute critiche da una postazione centralizzata o remota e che costituisca, per il personale addetto alla vigilanza, un valido ausilio per l organizzazione delle azioni di contrasto ad eventuali attività criminose. Sarà adottato un sistema di video sorveglianza che si avvalga delle più recenti ed innovative tecniche di gestione, trattamento, registrazione e di trasmissione remota delle immagini video. Il sistema, nelle sue linee essenziali, sarà costituito dai seguenti elementi: Telecamere di ultima generazione, a colori, Day/Night, 1/3" CCD DSP, 520 LTV, 230 V ca, ad alta risoluzione equipaggiate con la più recente tecnologia CCD e tecnologie avanzate di elaborazione dei segnali al fine di fornire immagini nitide e con correzione della luminosità per applicazioni di sorveglianza che richiedano immagini ad alta risoluzione. Le telecamere utilizzeranno un filtro infrarosso di tipo meccanico in grado di offrire immagini nitide, anche quando le condizioni di luce variano considerevolmente nell'arco della giornata. Nella modalità notturna le telecamere saranno sensibili agli infrarossi. Le caratteristiche delle telecamere saranno tali da includere zoom digitale, menu OSD, programmazione della compensazione del controluce su 6 zone, titolazione, otturatore a bassa velocità. Sistema di analisi dell immagine e trasmissione video atto a garantire una elevata affidabilità di rivelazione e un basso tasso di allarmi impropri. Sistemi di gestione, trattamento, registrazione digitale e trasmissione video che preveda la registrazione di singole immagini e/o di sequenze che devono essere opportunamente registrate, memorizzate, processate ed archiviate permanentemente e con alta qualità. 14

15 Impianto videocitofono E previsto un impianto videocitofonico digitale comprendente n. 1 postazione esterna in prossimità del cancello di entrata e due postazioni esterne rispettivamente nel locale portineria e nel locale Direzione/Segreteria. 15

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli Progettazione di impianti elettrici industriali Prof. E. Cardelli 1 CAVI ELETTRICI Definizioni: con la denominazione di cavo elettrico si intende indicare un conduttore uniformemente isolato oppure un

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili.

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili. L AZIENDA l azienda Quartier Generale Via Orna 35, Brendola (VI) La Triveneta Cavi dal 1965 è una delle più importanti realtà nel mercato europeo della produzione di cavi bassa e media tensione destinati

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano.

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. DUE FILI PLUS Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. Abbiamo aumentato le performance, le distanze, le possibilità di dialogo. Da oggi con la nuova tecnologia Due Fili Plus si

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

L impianto elettrico nel residenziale

L impianto elettrico nel residenziale Guida tecnica L impianto elettrico nel residenziale Come realizzare impianti conformi alla CEI 64-8 Testo aggiornato alla 7 a edizione Guida tecnica L impianto elettrico nel residenziale Come realizzare

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA Normalmente, in presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla tensione quale causa dei danni (infatti si leggono o si ascoltano

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti

Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti Italia Tipo 2 con e senza shutter. Solo da MENNEKES. Colonnine di ricarica, stazioni di ricarica a parete e Home Charger con tipo 2 e shutter: Tutto

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli