CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC"

Transcript

1 CLIENTE CUSTOMER Dott. Ing. Emiliano Gucci Via Bonghi Grosseto Tel. e fax TITOLO TITLE Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI TVCC IMPIANTI ELETTRICI ED ELETTRONICI RELAZIONE TECNICA SIGLA TAG CO-REL- Emissione PD EG Maggio 1 LINGUA-LANG. PAGINA-SHEET REV DESCRIZIONE - DESCRIPTION EMESSO ISSUED APPROV. - APPR'D DATA DATE I 1 / 24 SOSTITUISCE IL REPLACES

2 INDICE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO SCOPO DELL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA DI VIEDEOSORVEGLIANZA URBANA ARCHITETTURA DI SISTEMA SITI SENSIBILI CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA ADOTTATI PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI E CORTO CIRCUITI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI ESECUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE ELETTRICA QUADRI ELETTRICI CAVI VERIFICHE ELETTRICHE FINALI I 2 24

3 1 Oggetto del presente documento è la relazione tecnica di progetto relativa alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza urbana da installare nel Comune di Orbetello (GR). Oltre alla progettazione delle opere impiantistiche da installare, nelle planimetrie di progetto sono riportati anche i tracciati dei cavidotti principali e gli apparati di trasmissione video previsti nei diversi siti di interesse. Vengono di seguito dettagliate le scelte impiantistiche adottate, i criteri di sicurezza e le caratteristiche del nuovo impianto di TVCC. I sistemi di videosorveglianza rappresentano un valido strumento d ausilio per le forze dell ordine nelle attività di controllo del territorio urbano. Un'analisi non esaustiva delle principali applicazioni dimostra che la videosorveglianza è utilizzata a fini molteplici, alcuni dei quali possono essere raggruppati nei seguenti ambiti generali: 1) protezione e incolumità degli individui, ivi ricompresi i profili attinenti alla sicurezza urbana, all'ordine e sicurezza pubblica, alla prevenzione, accertamento o repressione dei reati svolti dai soggetti pubblici e privati, alla razionalizzazione e miglioramento dei servizi al pubblico volti anche ad accrescere la sicurezza degli utenti; 2) protezione della proprietà; 3) rilevazione, prevenzione e controllo delle infrazioni svolti dai soggetti pubblici e privati; 4) acquisizione di prove. L utilizzo di sistemi di videosorveglianza ha garantito negli ultimi anni differenti e decisivi risultati nelle attività di prevenzione degli eventi di microcriminalità nei territori urbani. Il livello di prestazione di questi sistemi si è evoluto nel tempo con l introduzione di nuove tecnologie sia dal punto di vista delle unità di ripresa delle immagini che da quello di trasmissione ed archiviazione delle stesse. Le modalità di utilizzo e le prestazioni di questi sistemi dipendo direttamente dalla corretta analisi delle esigenze rilevate e da un approfondito studio tecnico sulle tecnologie applicabili. I 3 24

4 Esistono infatti, differenti architetture per la realizzazione dei sistemi di videosorveglianza e saper identificare quella più corretta rappresenta un punto fondamentale. Questa analisi deve essere effettuata sia a livello generale, per l intero tessuto urbano, sia per le singole realtà che all interno del territorio vengono individuate come aree sensibili. La scelta della tipologia di telecamera e il corretto posizionamento è uno dei passi fondamentali della attività di progettazione di un sistema di videosorveglianza ma non è il solo. Infatti, in funzione delle modalità di gestione con cui le forze dell ordine interagiranno con il sistema, assume notevole importanza la soluzione adottata per l archiviazione delle immagini e la conseguente consultazione. Infine è necessario considerare che nella maggior parte dei casi i sistemi di videosorveglianza vengono calati in realtà urbanistiche già definite che mostrano forti vincoli sulle possibilità di installazione e su quelle di realizzazione di un infrastruttura di comunicazione tra le unità di ripresa e i sistemi di archiviazione e gestione. Da tutto questo si è dedotto la necessità di uno studio approfondito che consenta all amministrazione di affrontare l argomento videosorveglianza urbana pianificando correttamente gli investimenti e gli interventi necessari. I 4 24

5 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO [1] D.M. 37/8: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 25, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. [2] D.Lgs 9/4/8 n.81 Attuazione dell art. 1 della legge 3/8/7 n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. [3] Norma CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1 V in corrente alternata e a 15 V in corrente continua [4] Norma CEI -2: Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici [5] Norma CEI 11-37: Guida alla realizzazione degli impianti di terra [6] Norma CEI 2-22: Cavi non propaganti l'incendio [7] Norma CEI 2-35: Cavi non propaganti la fiamma [8] Norma CEI 64-5: Edilizia residenziale, guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici. [9] Provvedimento in materia di videosorveglianza - 8 aprile 21 (Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 aprile 21). [1] D.Lgs 196/3 Codice in materia di protezione dei dati personali. [11] Provvedimento generale Videosorveglianza, chiarimenti sull applicazione del D.Lgs 196/3. [12] Art. 615bis del Codice Penale Interferenze illecite nella vita privata. [13] Legge 3/7 Statuto dei Lavoratori. I 5 24

6 3 SCOPO DELL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA DI VIEDEOSORVEGLIANZA URBANA Lo scopo che l amministrazione comunale di Orbetello si è prefisso di raggiungere con l installazione del sistema di videosorveglianza urbana si può riassumere come di seguito: Prevenzione di attività di microcriminalità; Prevenzione di atti vandalici nei confronti di siti sensibili; Rilevazione e ricostruzione di eventi criminosi; Controllo contestuale di piazze, strade e fabbricati. I siti individuati come sensibili sono generalmente localizzati in complessi quali parchi, piazze vie del centro storico, stabili comunali, parcheggi, opere di pubblico interesse e di valore storico, luoghi di culto. 4 ARCHITETTURA DI SISTEMA Dall analisi delle esigenze, dai sopralluoghi e dagli studi effettuati è stata identificata un architettura di videosorveglianza composta da telecamere in campo di tipo fisse e da un sistema di trasmissione dati di tipo wireless ed in fibra ottica. In particolare le esigenze espresse e la definizione di particolari siti da sottoporre al controllo video, ha portato alla valutazione di un sistema di videosorveglianza modulare ed ampliabile nel tempo. Questo consentirà all amministrazione del Comune di Orbetello di ampliare nel tempo il sistema avendo la possibilità di aggiungere nuovi siti, costruendo così una rete di sorveglianza articolata. Si è previsto quindi la realizzazione di un sistema composto da telecamere fisse disposte all interno del tessuto urbano del Comune di Orbetello e collegate ad un sistema di archiviazione dati e gestione delle immagini, definito concentratore (NVR), tramite una infrastruttura wireless e/o in fibra ottica. Nello specifico per il complesso urbano della città di Orbetello si è optato per una soluzione di infrastruttura di rete cablata con fibra ottica multimodale; il sistema così definito risulta essere I 6 24

7 più affidabile, immune ai disturbi elettrici, con elevata banda passante, basse attenuazioni del segnale anche per distanze elevate e garante di una continuità di servizio nel tempo maggiore. Per le frazioni del Comune di Orbetello (Telamone, Fonteblanda, Albinia ed Ansedonia) si è scelto, per ragioni logistiche, di prevedere una infrastruttura locale quanto più possibile cablata in fibra ottica e di trasferire i segnali video prodotti dalle telecamere locali in rete mediante ponti radio con tecnologia wireless (Wlan). Il centro di raccolta dati, unico per l intera architettura di sistema, sarà ubicato nel nuovo palazzo comunale di Orbetello nella Piazza del Popolo; il nodo di raccolta dati permetterà l archiviazione (storage) e l elaborazione delle immagini mediante l ausilio di opportuni software atti ad elaborare le informazioni delle telecamere di contesto e quelle per il controllo specifico di targhe e ZTL. Il sistema di stoccaggio delle informazioni video sarà gestito dalla Polizia Municipale di Orbetello con possibilità di accesso da remoto (client) ad altri operatori autorizzati medianti sistemi di firewall con username e password. I segnali video provenienti dalle frazioni limitrofe del Comune saranno inviati sul Monte Argentario dove saranno ubicate una serie di antenne radio per l acquisizione dei segnali ed il rilancio degli stessi sul palazzo Comunale di Orbetello dove saranno acquisiti e storicizzati nei server dati preposti. Sono stati previsti tre tipologie di ripresa nell ambito dell intera infrastruttura di rete a telecamere TVCC: 1-Ripresa di contesto: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di visualizzare le caratteristiche generali del sito sensibile per rilevarne fenomeni di microcriminalità e contestualizzare ogni evento significativo. 2-Ripresa targhe: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di leggere le targhe dei veicoli in transito per poter effettuare una analisi comparativa con liste di segnalazione (black list o white list); in particolare le immagini saranno archiviate in modo da poter effettuare il riconoscimento delle targhe e del tipo di veicoli in transito in ingresso alle località prescelte per tale controllo, i dati potranno anche essere utilizzati per la verifica e la statistica sul traffico. I 7 24

8 3-Varco ZTL: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di leggere le targhe dei veicoli in transito per poter effettuare una analisi comparativa con liste di autoveicoli autorizzate ad entrare in zona ZTL; in particolare le immagini saranno archiviate in modo da poter effettuare il riconoscimento delle targhe e del tipo di veicoli in transito e di notificare il relativo verbale in caso di infrazione grazie ad un software con Omologazione Ministeriale secondo gli standard dettati dalla Norma UNI ISO SITI SENSIBILI I siti di interesse in cui sono state installate le telecamere per le diverse tipologie di ripresa, sono riportati di seguito: Postazione 1) DIGA ORBETELLO - P.ZZA DEL POPOLO: telecamere con lettura targhe solo in direzione Orbetello (posizione diga); Postazione 2) P.ZZA DEL POPOLO: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 3) VIA DEI TRASVOLATORI ATLANTICI - P.ZZA BECCARIA: PUNTO ZTL (telecamere per ZTL); Postazione 4) P.ZZA BECCARIA: n.1 telecamera per controllo ambientale; Postazione 5) VIA GIOBERTI: PUNTO ZTL (telecamere per ZTL); Postazione 6) P.ZZA EROE 2 MONDI: n. 2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 7) P.ZZA DELLA REPUBBLICA: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 8) ZONA GUZMAN: n.1 telecamere per controllo ambientale; Postazione 9) ZONA CAMPI DA TENNIS: n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 1) P.ZZA CORTESINI E GIARDINI : n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 11) ZONA SEMAFORO VIA DONATORI DEL SANGUE: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 12) SCUOLA MEDIA VIA POLA : n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 13) SVINCOLO ORBETELLO SCALO CASERMA VVF: telecamere per lettura Targhe in direzione Orbetello; Postazione 14) ORBETELLO STAZIONE: n.2 telecamere per controllo ambientale ; I 8 24

9 Postazione 15) ANSEDONIA Sud (via delle Mimose - Via della Tagliata): telecamere per lettura Targhe in direzione Ansedonia Nord; Postazione 16) ANSEDONIA Nord (via delle Mimose - Prov. Feniglia): telecamere per lettura Targhe in direzione Ansedonia Sud; Postazione 17) ALBINA - P.ZZA DELLE REGIONI: n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 18) ALBINA - VIA PIETRO ALDI: telecamere con lettura targhe in direzione Albinia; Postazione 19) ALBINA - PASSAGGIO AL LIVELLO: telecamere con lettura targhe ; Postazione 2) ALBINA - SVINCOLO DA ROMA: n.2 telecamere con lettura targhe in direzione Albinia; Postazione 21) TALAMONE: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 22) FONTEBLANDA CENTRO PAESE: n.2 telecamere per controllo ambientale ingressi Fonteblanda. Di seguito si descrivono sinteticamente i principali interventi necessari per mettere in opera le telecamere per ciascun sito di interesse: I 9 24

10 POSTAZIONE N.1 ORBETELLO - P.ZZA DEL POPOLO - DIGA Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio verso palazzo comunale Scavo su terra e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.2 P.ZZA DEL POPOLO n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Scavo su asfalto per energia e segnale Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione I 1 24

11 POSTAZIONE N.3 VIA DEI TRASVOLATORI ATLANTICI Controllo Targhe per ZTL Un apparato per controllo targhe ZTL Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione POSTAZIONE N.4 P.ZZA BECCARIA n.1 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione I 11 24

12 POSTAZIONE N.5 VIA GIOBERTI Controllo Targhe per ZTL Un apparato per controllo targhe ZTL Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.6 P.ZZA EROE 2 MONDI n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica I 12 24

13 POSTAZIONE N.7 P.ZZA DELLA REPUBBLICA n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.8 ZONA GUZMAN n.1 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente campi da tennis + interruttore di protezione I 13 24

14 POSTAZIONE N.9 ZONA CAMPI DA TENNIS n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente campi da tennis + interruttore di protezione POSTAZIONE N.1 P.ZZA CORTESINI - GIARDINI n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Scavo su asfalto e terra; conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico da parcheggio polizia municipale + interruttore di protezione I 14 24

15 POSTAZIONE N.11 VIA DONATORI DEL SANGUE ZONA SEMAFORO n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.12 SCUOLA MEDIA VIA POLA. n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente (scuola) campi da tennis + interruttore di protezione I 15 24

16 POSTAZIONE N.13 SVINCOLO ORBETELLO SCALO CASERMA VV.F. Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 1m f.t. Ponte radio in ricezione da postazione n.15 e ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.14 ORBETELLO STAZIONE F.S. n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su parete con staffa Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Conduttura con tubazione TAZ in vista Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 16 24

17 POSTAZIONE N.15 ANSEDONIA SUD Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Trasmissione con apparecchiature UMTS Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.16 ANSEDONIA NORD Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 1m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Postazione n.12 Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 17 24

18 POSTAZIONE N.17 ALBINIA P.ZZA DELLE REGIONI n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario ed in ricezione da postazione n.17 Scavo su asfalto e terra; conduttura con tubazione TAZ in vista Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.18 ALBINIA VIA PIETRO ALDI Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso fabbricato scuola Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 18 24

19 POSTAZIONE N.19 ALBINIA ZONA PASSAGGIO A LIVELLO Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Trasmissione con apparecchiature UMTS Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.2 ALBINIA SVINCOLO DA ROMA Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. le telecamere; su palo di altezza minima 1m f.t. il ponte radio Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica I 19 24

20 POSTAZIONE N.21 TALAMONE n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario ed in ricezione da postazione n.21 installati su torre faro porto Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.22 FONTEBLANDA n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su pali di pubblica illuminazione di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso postazione n.2 installato su fabbricato scuola Scavo su asfalto Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico di pubblica illuminazione + interruttore di protezione I 2 24

21 CONCENTRATORE PONTI RADIO MONTE ARGENTARIO La rete wireless prevista necessiterà di una struttura di punti di raccolta dei segnali wireless, definito centro stella ubicato sul Monte Argentario. Il centro stella dei ponti radio sarà quindi ad una altezza elevata rispetto ai siti in cui sono installate le telecamere; da qui si raccoglieranno tutti i segnali provenienti dai ponti radio decentralizzati e saranno rilanciati verso la centrale operativa della polizia municipale nel nuovo palazzo comunale di Orbetello. Componenti tecnologici principali: 6 Punti di raccolta e ritrasmissione del segnale radio verso la centrale operativa. CENTRO DI RACCOLTA DATI NUOVO PALAZZO COMUNALE DI ORBETELLO Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni provenienti dalle telecamere di contesto. Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni che provengono dalle telecamere per il controllo delle targhe e controllo black list e white list. Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni che provengono dalle telecamere per il controllo delle targhe per ZTL con a bordo i server sanzionatori e di gestione dei permessi. I 21 24

22 6 CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA ADOTTATI 6.1 Protezione contro sovraccarichi e corto circuiti La protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti sarà realizzata con l impiego di cavi di adeguata portata e di interruttori magnetotermici e differenziali con corrente nominale scelta in funzione del cavo da proteggere, in modo da soddisfare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 64-8: I b I n I z I 2 t < K 2 S 2, dove: I b è la corrente di impiego I n è la corrente nominale dell interruttore a monte del cavo I z è la portata del cavo K 2 S 2 è l energia termica massima sopportabile dal cavo in rame (K =115 per cavi isolati in PVC e K =143 per cavi isolati in EPR) Gli interruttori magnetotermici installati nell impianto elettrico in oggetto dovranno avere tutti caratteristica di intervento di tipo C ed inoltre tutti gli interruttori magnetotermici e/o differenziali, dovranno avere potere di interruzione pari almeno a 6kA. 6.2 Protezione contro i contatti diretti La protezione contro i contatti diretti sarà realizzata mediante isolamento totale delle parti attive dell impianto. 6.3 Protezione contro i contatti indiretti La protezione contro i contatti indiretti sarà eseguita mediante interruzione automatica dell alimentazione; ciò sarà realizzato mediante la messa a terra di tutte le masse e masse estranee presenti nell impianto, e con l impiego di interruttori differenziali opportunamente I 22 24

23 coordinati con l impianto di terra. In particolare, la resistenza dell impianto di terra dovrà essere tale da rispettare la relazione, prescritta dalla Norma CEI 64-8: R t I g 5 V dove I g è la corrente che provoca l intervento dei dispositivi di protezione differenziali installati nell impianto. Si ricorda che il valore di I g da considerare sarà il più alto valore della corrente differenziale dell interruttore presente nell impianto. Si ricorda all installatore di misurare sul campo il valore della resistenza di terra dell impianto al fine di verificare la formula suddetta. 6.4 Esecuzione della distribuzione elettrica Le linee elettriche per l alimentazione delle telecamere saranno composte cavi multipolari tipo FG7OR,6/1kV di sezione pari a 3x2,5mm 2 posati in cavidotto interrato (tubazione in PVC doppia parete con resistenza allo schiacciamento di almeno 45N) e diametro pari a Φ=5mm. 6.5 Quadri elettrici Si dovrà provvedere, per ogni nuova fornitura ENEL, ad installare un armadio stradale realizzato in vetroresina stampata, con porta incernierata asportabile, provvista di serratura, struttura modulare componibile, entrate ed uscite cavi con pressacavi o passacavi, con grado di protezione min. IP44, con telai di ancoraggio a pavimento e comprensivo di palo di sostegno in vetroresina diametro 12mm, h= 142mm con piastre di fondo; l armadio dovrà contenere il contatore di energia ENEL ed un interruttore magnetotermico differenziale 2x1A - classe AC - Idn =.3A in calotta stagna IP Cavi Tutti i cavi di energia posati saranno del tipo non propaganti l incendio (conformi alla Norma CEI 2-22). I cavi per i circuiti di comando e segnalazione, nonché i cavi per i circuiti a bassissima tensione di sicurezza (SELV) saranno posati entro tubi distinti da quelli dei cavi per energia. I 23 24

24 In accordo con quanto prescritto dalla Norma CEI 64-8/5 la colorazione dei cavi dovrà essere la seguente: fase: nero, marrone o grigio neutro: blu chiaro conduttori di protezione, di terra ed equipotenziali: giallo-verde 6.7 Verifiche elettriche finali Prima della messa in esercizio dell impianto dovranno essere effettuate le seguenti verifiche: - esame a vista, che deve accertare la corretta messa in opera dell impianto e di ciascuno dei suoi componenti; - prova di continuità dei conduttori di protezione ed equipotenziali; - misura della resistenza di terra per le masse dell impianto, che dovrà risultare di valore tale da soddisfare la relazione di cui al par.6.3; tale misura può essere sostituita con la misura della resistenza dell anello di guasto; - prova di intervento degli interruttori differenziali. Grosseto 14/5/21 Il Tecnico Ing. Emiliano Gucci I 24 24

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO IMPIANTO ELETTRICO Premessa Nel seguito sono descritti gli impianti elettrici e di terra da realizzare per ciascun punto nel quale sono installate gli apparati dell'sistema

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

STUDIO CASTAGNO INDICE. Tavola 2.Rev01

STUDIO CASTAGNO INDICE. Tavola 2.Rev01 INDICE. 1.0 Premessa 1.1 Generalità 1.2 Dati tecnici di progetto 1.3 Tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro 2.0 Normative di riferimento 2.1 Leggi e decreti 2.2 Norme CEI di prodotto 2.3

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE DTR1B pag 1 di 8 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE Indice generale 1 Premessa... 2 2 Normativa di riferimento... 2 3 Descrizione delle opere

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 27 Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA di VIA IV NOVEMBRE PROGETTO ESECUTIVO 2014 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RESPONSABILE UNICO

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI AN.P1 N.P1.11 A.NP.2 ANP2.2 ANP.3 N.P3.4 ANP.4 ANP.5 Fornitura ed installazione di sistema di sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Il sottoscritto GIOVANNI ROSSI titolare o legale rappresentante dell impresa GIOVANNI ROSSI IMPIANTI ELETTRICI, operante nel settore IMPIANTI

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. n. 37 del 19/06/2013 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Premessa La presente relazione tecnica riguarda gli impianti elettrici a servizio dell edificio da destinare a centro polifunzionale da realizzare nel comune di Magliano e,

Dettagli

2. Leggi norme e regolamenti

2. Leggi norme e regolamenti Premessa La presente relazione fa parte della documentazione relativa alla progettazione degli impianti elettrici previsti nei lavori di rifunzionalizzazione laboratori e spazi didattici presso l istituto

Dettagli

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02 GSM PORDENONE DIREZIONE TECNICA GSM -PORDENONE APPALTO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RILEVAMENTO DEL TRAFFICO MEDIANTE SENSORI E TELECAMERE, E DI INFORMAZIONE ALL'UTENZA

Dettagli

Regolamento per la Videosorveglianza

Regolamento per la Videosorveglianza Regolamento per la Videosorveglianza Art. 1 Il sistema di videosorveglianza è installato per le seguenti finalità: a. la sicurezza urbana, stradale e della circolazione e per le attività di polizia giudiziaria

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Viale G. Vadi, n. 7-57033 Marciana Marina - Tel. 0565/99002 Fax:0565/904321 e-mail: comune@marcianamarina.toscana.it internet: www.marcianamarina.toscana.it

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE Comune di Bruino Provincia di Torino OGGETTO: PROGETTO PRELIMINARE Intervento di installazione telecamere per la videosorveglianza presso il centro cittadino, l area ecologica e cimitero comunale.. DESCRIZIONE:

Dettagli

DOMANDA Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al

DOMANDA Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al Con riferimento alla gara citata in oggetto, scadente originariamente in data 23/7/2014, ed in merito alla Vs. comunicazione di proroga al 25/8/2014, si prega di confermare che il ns. plico e relativo

Dettagli

LINEA GUIDA PROCEDURALE

LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA prevista dall articolo 7 comma 6 e dall articolo 8 comma 3 del D.M. n. 37/08 Delibera n. 353/12 Consiglio Direttivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5.

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5. Indice 1.0 - Premessa......pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV....pag. 5 5.0 - Dimensionamento delle linee...pag. 5 6.0 - Protezione delle condutture

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO Riattivazione sistema di automazione 1 10 NUOVO ANEMOMETRO Fornitura e posa in opera di postazione per la misurazione della velocità e della direzione del vento per gallerie formata da rilevatore ad ultrasuoni

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA CONSULMEDIA SRL STUDIO TECNICO PER. IND. DE GREGORIO ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA PAESEDIGIT@LE Panchine intelligenti, wifi e videosorveglianza Specifiche Tecniche progetto

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

ZTL n. 2. 1(2x4) in cavidotto esistente

ZTL n. 2. 1(2x4) in cavidotto esistente ZTL n. 1 via V Giornate Struttura: tronco inferiore palo e plinto di fondazione esistente, tronco superiore palo di nuova installazione in sostituzione dello sbraccio esistente. Telecamere: n. 1 VDR +

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI 1 COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PROVINCIA DI PERUGIA) PROGRAMMA URBANO COMPLESSO PUC 2/2008 (D.G.R.351/08) LA CITTA DEL LAGO CENTRO STORICO AREA MONUMENTALE AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area sviluppo, lavoro ed innovazione P.O. FESR 2007/2013 - Linea di intervento 2.4 - Azione 2.4.1. Comune di Carmiano

REGIONE PUGLIA Area sviluppo, lavoro ed innovazione P.O. FESR 2007/2013 - Linea di intervento 2.4 - Azione 2.4.1. Comune di Carmiano REGIONE PUGLIA Area sviluppo, lavoro ed innovazione P.O. FESR 2007/2013 - Linea di intervento 2.4 - Azione 2.4.1 Comune di Carmiano Intervento di efficientamento energetico e miglioramento della sostenibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI Settembre 2010 Sommario PROGETTO DEFINITIVO...1

Dettagli

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DOMUS ing&arch s.r.l. 012_06_Compl_tang_IE_CME - copertina_01 COMUNE: MARTINENGO All. CME COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 E09 00 CALCOLO RETE DI TERRA E SPECIFICHE SETTEMBRE

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli