CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC"

Transcript

1 CLIENTE CUSTOMER Dott. Ing. Emiliano Gucci Via Bonghi Grosseto Tel. e fax TITOLO TITLE Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI TVCC IMPIANTI ELETTRICI ED ELETTRONICI RELAZIONE TECNICA SIGLA TAG CO-REL- Emissione PD EG Maggio 1 LINGUA-LANG. PAGINA-SHEET REV DESCRIZIONE - DESCRIPTION EMESSO ISSUED APPROV. - APPR'D DATA DATE I 1 / 24 SOSTITUISCE IL REPLACES

2 INDICE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO SCOPO DELL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA DI VIEDEOSORVEGLIANZA URBANA ARCHITETTURA DI SISTEMA SITI SENSIBILI CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA ADOTTATI PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI E CORTO CIRCUITI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI ESECUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE ELETTRICA QUADRI ELETTRICI CAVI VERIFICHE ELETTRICHE FINALI I 2 24

3 1 Oggetto del presente documento è la relazione tecnica di progetto relativa alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza urbana da installare nel Comune di Orbetello (GR). Oltre alla progettazione delle opere impiantistiche da installare, nelle planimetrie di progetto sono riportati anche i tracciati dei cavidotti principali e gli apparati di trasmissione video previsti nei diversi siti di interesse. Vengono di seguito dettagliate le scelte impiantistiche adottate, i criteri di sicurezza e le caratteristiche del nuovo impianto di TVCC. I sistemi di videosorveglianza rappresentano un valido strumento d ausilio per le forze dell ordine nelle attività di controllo del territorio urbano. Un'analisi non esaustiva delle principali applicazioni dimostra che la videosorveglianza è utilizzata a fini molteplici, alcuni dei quali possono essere raggruppati nei seguenti ambiti generali: 1) protezione e incolumità degli individui, ivi ricompresi i profili attinenti alla sicurezza urbana, all'ordine e sicurezza pubblica, alla prevenzione, accertamento o repressione dei reati svolti dai soggetti pubblici e privati, alla razionalizzazione e miglioramento dei servizi al pubblico volti anche ad accrescere la sicurezza degli utenti; 2) protezione della proprietà; 3) rilevazione, prevenzione e controllo delle infrazioni svolti dai soggetti pubblici e privati; 4) acquisizione di prove. L utilizzo di sistemi di videosorveglianza ha garantito negli ultimi anni differenti e decisivi risultati nelle attività di prevenzione degli eventi di microcriminalità nei territori urbani. Il livello di prestazione di questi sistemi si è evoluto nel tempo con l introduzione di nuove tecnologie sia dal punto di vista delle unità di ripresa delle immagini che da quello di trasmissione ed archiviazione delle stesse. Le modalità di utilizzo e le prestazioni di questi sistemi dipendo direttamente dalla corretta analisi delle esigenze rilevate e da un approfondito studio tecnico sulle tecnologie applicabili. I 3 24

4 Esistono infatti, differenti architetture per la realizzazione dei sistemi di videosorveglianza e saper identificare quella più corretta rappresenta un punto fondamentale. Questa analisi deve essere effettuata sia a livello generale, per l intero tessuto urbano, sia per le singole realtà che all interno del territorio vengono individuate come aree sensibili. La scelta della tipologia di telecamera e il corretto posizionamento è uno dei passi fondamentali della attività di progettazione di un sistema di videosorveglianza ma non è il solo. Infatti, in funzione delle modalità di gestione con cui le forze dell ordine interagiranno con il sistema, assume notevole importanza la soluzione adottata per l archiviazione delle immagini e la conseguente consultazione. Infine è necessario considerare che nella maggior parte dei casi i sistemi di videosorveglianza vengono calati in realtà urbanistiche già definite che mostrano forti vincoli sulle possibilità di installazione e su quelle di realizzazione di un infrastruttura di comunicazione tra le unità di ripresa e i sistemi di archiviazione e gestione. Da tutto questo si è dedotto la necessità di uno studio approfondito che consenta all amministrazione di affrontare l argomento videosorveglianza urbana pianificando correttamente gli investimenti e gli interventi necessari. I 4 24

5 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO [1] D.M. 37/8: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 25, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. [2] D.Lgs 9/4/8 n.81 Attuazione dell art. 1 della legge 3/8/7 n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. [3] Norma CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1 V in corrente alternata e a 15 V in corrente continua [4] Norma CEI -2: Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici [5] Norma CEI 11-37: Guida alla realizzazione degli impianti di terra [6] Norma CEI 2-22: Cavi non propaganti l'incendio [7] Norma CEI 2-35: Cavi non propaganti la fiamma [8] Norma CEI 64-5: Edilizia residenziale, guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici. [9] Provvedimento in materia di videosorveglianza - 8 aprile 21 (Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 aprile 21). [1] D.Lgs 196/3 Codice in materia di protezione dei dati personali. [11] Provvedimento generale Videosorveglianza, chiarimenti sull applicazione del D.Lgs 196/3. [12] Art. 615bis del Codice Penale Interferenze illecite nella vita privata. [13] Legge 3/7 Statuto dei Lavoratori. I 5 24

6 3 SCOPO DELL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA DI VIEDEOSORVEGLIANZA URBANA Lo scopo che l amministrazione comunale di Orbetello si è prefisso di raggiungere con l installazione del sistema di videosorveglianza urbana si può riassumere come di seguito: Prevenzione di attività di microcriminalità; Prevenzione di atti vandalici nei confronti di siti sensibili; Rilevazione e ricostruzione di eventi criminosi; Controllo contestuale di piazze, strade e fabbricati. I siti individuati come sensibili sono generalmente localizzati in complessi quali parchi, piazze vie del centro storico, stabili comunali, parcheggi, opere di pubblico interesse e di valore storico, luoghi di culto. 4 ARCHITETTURA DI SISTEMA Dall analisi delle esigenze, dai sopralluoghi e dagli studi effettuati è stata identificata un architettura di videosorveglianza composta da telecamere in campo di tipo fisse e da un sistema di trasmissione dati di tipo wireless ed in fibra ottica. In particolare le esigenze espresse e la definizione di particolari siti da sottoporre al controllo video, ha portato alla valutazione di un sistema di videosorveglianza modulare ed ampliabile nel tempo. Questo consentirà all amministrazione del Comune di Orbetello di ampliare nel tempo il sistema avendo la possibilità di aggiungere nuovi siti, costruendo così una rete di sorveglianza articolata. Si è previsto quindi la realizzazione di un sistema composto da telecamere fisse disposte all interno del tessuto urbano del Comune di Orbetello e collegate ad un sistema di archiviazione dati e gestione delle immagini, definito concentratore (NVR), tramite una infrastruttura wireless e/o in fibra ottica. Nello specifico per il complesso urbano della città di Orbetello si è optato per una soluzione di infrastruttura di rete cablata con fibra ottica multimodale; il sistema così definito risulta essere I 6 24

7 più affidabile, immune ai disturbi elettrici, con elevata banda passante, basse attenuazioni del segnale anche per distanze elevate e garante di una continuità di servizio nel tempo maggiore. Per le frazioni del Comune di Orbetello (Telamone, Fonteblanda, Albinia ed Ansedonia) si è scelto, per ragioni logistiche, di prevedere una infrastruttura locale quanto più possibile cablata in fibra ottica e di trasferire i segnali video prodotti dalle telecamere locali in rete mediante ponti radio con tecnologia wireless (Wlan). Il centro di raccolta dati, unico per l intera architettura di sistema, sarà ubicato nel nuovo palazzo comunale di Orbetello nella Piazza del Popolo; il nodo di raccolta dati permetterà l archiviazione (storage) e l elaborazione delle immagini mediante l ausilio di opportuni software atti ad elaborare le informazioni delle telecamere di contesto e quelle per il controllo specifico di targhe e ZTL. Il sistema di stoccaggio delle informazioni video sarà gestito dalla Polizia Municipale di Orbetello con possibilità di accesso da remoto (client) ad altri operatori autorizzati medianti sistemi di firewall con username e password. I segnali video provenienti dalle frazioni limitrofe del Comune saranno inviati sul Monte Argentario dove saranno ubicate una serie di antenne radio per l acquisizione dei segnali ed il rilancio degli stessi sul palazzo Comunale di Orbetello dove saranno acquisiti e storicizzati nei server dati preposti. Sono stati previsti tre tipologie di ripresa nell ambito dell intera infrastruttura di rete a telecamere TVCC: 1-Ripresa di contesto: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di visualizzare le caratteristiche generali del sito sensibile per rilevarne fenomeni di microcriminalità e contestualizzare ogni evento significativo. 2-Ripresa targhe: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di leggere le targhe dei veicoli in transito per poter effettuare una analisi comparativa con liste di segnalazione (black list o white list); in particolare le immagini saranno archiviate in modo da poter effettuare il riconoscimento delle targhe e del tipo di veicoli in transito in ingresso alle località prescelte per tale controllo, i dati potranno anche essere utilizzati per la verifica e la statistica sul traffico. I 7 24

8 3-Varco ZTL: la ripresa della zona sorvegliata permetterà di leggere le targhe dei veicoli in transito per poter effettuare una analisi comparativa con liste di autoveicoli autorizzate ad entrare in zona ZTL; in particolare le immagini saranno archiviate in modo da poter effettuare il riconoscimento delle targhe e del tipo di veicoli in transito e di notificare il relativo verbale in caso di infrazione grazie ad un software con Omologazione Ministeriale secondo gli standard dettati dalla Norma UNI ISO SITI SENSIBILI I siti di interesse in cui sono state installate le telecamere per le diverse tipologie di ripresa, sono riportati di seguito: Postazione 1) DIGA ORBETELLO - P.ZZA DEL POPOLO: telecamere con lettura targhe solo in direzione Orbetello (posizione diga); Postazione 2) P.ZZA DEL POPOLO: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 3) VIA DEI TRASVOLATORI ATLANTICI - P.ZZA BECCARIA: PUNTO ZTL (telecamere per ZTL); Postazione 4) P.ZZA BECCARIA: n.1 telecamera per controllo ambientale; Postazione 5) VIA GIOBERTI: PUNTO ZTL (telecamere per ZTL); Postazione 6) P.ZZA EROE 2 MONDI: n. 2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 7) P.ZZA DELLA REPUBBLICA: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 8) ZONA GUZMAN: n.1 telecamere per controllo ambientale; Postazione 9) ZONA CAMPI DA TENNIS: n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 1) P.ZZA CORTESINI E GIARDINI : n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 11) ZONA SEMAFORO VIA DONATORI DEL SANGUE: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 12) SCUOLA MEDIA VIA POLA : n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 13) SVINCOLO ORBETELLO SCALO CASERMA VVF: telecamere per lettura Targhe in direzione Orbetello; Postazione 14) ORBETELLO STAZIONE: n.2 telecamere per controllo ambientale ; I 8 24

9 Postazione 15) ANSEDONIA Sud (via delle Mimose - Via della Tagliata): telecamere per lettura Targhe in direzione Ansedonia Nord; Postazione 16) ANSEDONIA Nord (via delle Mimose - Prov. Feniglia): telecamere per lettura Targhe in direzione Ansedonia Sud; Postazione 17) ALBINA - P.ZZA DELLE REGIONI: n.3 telecamere per controllo ambientale; Postazione 18) ALBINA - VIA PIETRO ALDI: telecamere con lettura targhe in direzione Albinia; Postazione 19) ALBINA - PASSAGGIO AL LIVELLO: telecamere con lettura targhe ; Postazione 2) ALBINA - SVINCOLO DA ROMA: n.2 telecamere con lettura targhe in direzione Albinia; Postazione 21) TALAMONE: n.2 telecamere per controllo ambientale; Postazione 22) FONTEBLANDA CENTRO PAESE: n.2 telecamere per controllo ambientale ingressi Fonteblanda. Di seguito si descrivono sinteticamente i principali interventi necessari per mettere in opera le telecamere per ciascun sito di interesse: I 9 24

10 POSTAZIONE N.1 ORBETELLO - P.ZZA DEL POPOLO - DIGA Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio verso palazzo comunale Scavo su terra e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.2 P.ZZA DEL POPOLO n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Scavo su asfalto per energia e segnale Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione I 1 24

11 POSTAZIONE N.3 VIA DEI TRASVOLATORI ATLANTICI Controllo Targhe per ZTL Un apparato per controllo targhe ZTL Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione POSTAZIONE N.4 P.ZZA BECCARIA n.1 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente su palazzo comunale + interruttore di protezione I 11 24

12 POSTAZIONE N.5 VIA GIOBERTI Controllo Targhe per ZTL Un apparato per controllo targhe ZTL Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto e conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.6 P.ZZA EROE 2 MONDI n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica I 12 24

13 POSTAZIONE N.7 P.ZZA DELLA REPUBBLICA n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.8 ZONA GUZMAN n.1 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente campi da tennis + interruttore di protezione I 13 24

14 POSTAZIONE N.9 ZONA CAMPI DA TENNIS n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Posa di conduttura in vista con tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente campi da tennis + interruttore di protezione POSTAZIONE N.1 P.ZZA CORTESINI - GIARDINI n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su parete con staffa Fibra ottica Scavo su asfalto e terra; conduttura in vista con posa di tubazione in acciaio zincato Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico da parcheggio polizia municipale + interruttore di protezione I 14 24

15 POSTAZIONE N.11 VIA DONATORI DEL SANGUE ZONA SEMAFORO n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su asfalto Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.12 SCUOLA MEDIA VIA POLA. n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale Mpixel Su palo di altezza minima 6m f.t. Fibra ottica Scavo su terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico esistente (scuola) campi da tennis + interruttore di protezione I 15 24

16 POSTAZIONE N.13 SVINCOLO ORBETELLO SCALO CASERMA VV.F. Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 1m f.t. Ponte radio in ricezione da postazione n.15 e ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.14 ORBETELLO STAZIONE F.S. n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su parete con staffa Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Conduttura con tubazione TAZ in vista Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 16 24

17 POSTAZIONE N.15 ANSEDONIA SUD Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Trasmissione con apparecchiature UMTS Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.16 ANSEDONIA NORD Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 1m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Postazione n.12 Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 17 24

18 POSTAZIONE N.17 ALBINIA P.ZZA DELLE REGIONI n.3 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario ed in ricezione da postazione n.17 Scavo su asfalto e terra; conduttura con tubazione TAZ in vista Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.18 ALBINIA VIA PIETRO ALDI Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso fabbricato scuola Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq I 18 24

19 POSTAZIONE N.19 ALBINIA ZONA PASSAGGIO A LIVELLO Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. Trasmissione con apparecchiature UMTS Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq POSTAZIONE N.2 ALBINIA SVINCOLO DA ROMA Controllo Targhe Un apparato per controllo targhe Fissa Su palo di altezza minima 6m f.t. le telecamere; su palo di altezza minima 1m f.t. il ponte radio Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica I 19 24

20 POSTAZIONE N.21 TALAMONE n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su palo di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso Monte Argentario ed in ricezione da postazione n.21 installati su torre faro porto Scavo su asfalto e terra Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica POSTAZIONE N.22 FONTEBLANDA n.2 Telecamere Fissa con tecnologia digitale o analogica Su pali di pubblica illuminazione di altezza minima 6m f.t. Ponte radio in trasmissione verso postazione n.2 installato su fabbricato scuola Scavo su asfalto Posa di cavo FG7OR.6/1kV 3x2.5 mmq + fibra ottica Derivazione da quadro elettrico di pubblica illuminazione + interruttore di protezione I 2 24

21 CONCENTRATORE PONTI RADIO MONTE ARGENTARIO La rete wireless prevista necessiterà di una struttura di punti di raccolta dei segnali wireless, definito centro stella ubicato sul Monte Argentario. Il centro stella dei ponti radio sarà quindi ad una altezza elevata rispetto ai siti in cui sono installate le telecamere; da qui si raccoglieranno tutti i segnali provenienti dai ponti radio decentralizzati e saranno rilanciati verso la centrale operativa della polizia municipale nel nuovo palazzo comunale di Orbetello. Componenti tecnologici principali: 6 Punti di raccolta e ritrasmissione del segnale radio verso la centrale operativa. CENTRO DI RACCOLTA DATI NUOVO PALAZZO COMUNALE DI ORBETELLO Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni provenienti dalle telecamere di contesto. Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni che provengono dalle telecamere per il controllo delle targhe e controllo black list e white list. Installazione dei server e rack dati di registrazione e stoccaggio delle informazioni che provengono dalle telecamere per il controllo delle targhe per ZTL con a bordo i server sanzionatori e di gestione dei permessi. I 21 24

22 6 CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA ADOTTATI 6.1 Protezione contro sovraccarichi e corto circuiti La protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti sarà realizzata con l impiego di cavi di adeguata portata e di interruttori magnetotermici e differenziali con corrente nominale scelta in funzione del cavo da proteggere, in modo da soddisfare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 64-8: I b I n I z I 2 t < K 2 S 2, dove: I b è la corrente di impiego I n è la corrente nominale dell interruttore a monte del cavo I z è la portata del cavo K 2 S 2 è l energia termica massima sopportabile dal cavo in rame (K =115 per cavi isolati in PVC e K =143 per cavi isolati in EPR) Gli interruttori magnetotermici installati nell impianto elettrico in oggetto dovranno avere tutti caratteristica di intervento di tipo C ed inoltre tutti gli interruttori magnetotermici e/o differenziali, dovranno avere potere di interruzione pari almeno a 6kA. 6.2 Protezione contro i contatti diretti La protezione contro i contatti diretti sarà realizzata mediante isolamento totale delle parti attive dell impianto. 6.3 Protezione contro i contatti indiretti La protezione contro i contatti indiretti sarà eseguita mediante interruzione automatica dell alimentazione; ciò sarà realizzato mediante la messa a terra di tutte le masse e masse estranee presenti nell impianto, e con l impiego di interruttori differenziali opportunamente I 22 24

23 coordinati con l impianto di terra. In particolare, la resistenza dell impianto di terra dovrà essere tale da rispettare la relazione, prescritta dalla Norma CEI 64-8: R t I g 5 V dove I g è la corrente che provoca l intervento dei dispositivi di protezione differenziali installati nell impianto. Si ricorda che il valore di I g da considerare sarà il più alto valore della corrente differenziale dell interruttore presente nell impianto. Si ricorda all installatore di misurare sul campo il valore della resistenza di terra dell impianto al fine di verificare la formula suddetta. 6.4 Esecuzione della distribuzione elettrica Le linee elettriche per l alimentazione delle telecamere saranno composte cavi multipolari tipo FG7OR,6/1kV di sezione pari a 3x2,5mm 2 posati in cavidotto interrato (tubazione in PVC doppia parete con resistenza allo schiacciamento di almeno 45N) e diametro pari a Φ=5mm. 6.5 Quadri elettrici Si dovrà provvedere, per ogni nuova fornitura ENEL, ad installare un armadio stradale realizzato in vetroresina stampata, con porta incernierata asportabile, provvista di serratura, struttura modulare componibile, entrate ed uscite cavi con pressacavi o passacavi, con grado di protezione min. IP44, con telai di ancoraggio a pavimento e comprensivo di palo di sostegno in vetroresina diametro 12mm, h= 142mm con piastre di fondo; l armadio dovrà contenere il contatore di energia ENEL ed un interruttore magnetotermico differenziale 2x1A - classe AC - Idn =.3A in calotta stagna IP Cavi Tutti i cavi di energia posati saranno del tipo non propaganti l incendio (conformi alla Norma CEI 2-22). I cavi per i circuiti di comando e segnalazione, nonché i cavi per i circuiti a bassissima tensione di sicurezza (SELV) saranno posati entro tubi distinti da quelli dei cavi per energia. I 23 24

24 In accordo con quanto prescritto dalla Norma CEI 64-8/5 la colorazione dei cavi dovrà essere la seguente: fase: nero, marrone o grigio neutro: blu chiaro conduttori di protezione, di terra ed equipotenziali: giallo-verde 6.7 Verifiche elettriche finali Prima della messa in esercizio dell impianto dovranno essere effettuate le seguenti verifiche: - esame a vista, che deve accertare la corretta messa in opera dell impianto e di ciascuno dei suoi componenti; - prova di continuità dei conduttori di protezione ed equipotenziali; - misura della resistenza di terra per le masse dell impianto, che dovrà risultare di valore tale da soddisfare la relazione di cui al par.6.3; tale misura può essere sostituita con la misura della resistenza dell anello di guasto; - prova di intervento degli interruttori differenziali. Grosseto 14/5/21 Il Tecnico Ing. Emiliano Gucci I 24 24

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli Progettazione di impianti elettrici industriali Prof. E. Cardelli 1 CAVI ELETTRICI Definizioni: con la denominazione di cavo elettrico si intende indicare un conduttore uniformemente isolato oppure un

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli