COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE"

Transcript

1 FORNITURA E POSA DI SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IP COMPLETO DI APPARATI DI TRASMISSIONE E DI SUPPORTO, COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE TRAMITE UTILIZZO DI PUNTI DI RIPRESA COLLEGATI A CENTRALE OPERATIVA CON SISTEMA DI INTERCONNESSIONE CEDUTO A STAZIONE APPALTANTE COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE 1

2 INDICE PARTE PRIMA: Condizioni Generali Articolo Descrizione Pagina 1 OGGETTO DELL APPALTO 4 2 COMPOSIZIONE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI 4 3 DESCRIZIONE GENERALE SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA 6 4 DESCRIZIONE GENERALE IMPIANTI E APPARATI 9 5 CONDIZIONI TECNICHE GENERALI DI GARA 15 6 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLA GARA 16 7 INIZIO E TERMINE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI 17 8 DEPOSITO CAUZIONALE 17 9 TRATTAMENTO DEI DATI VALIDITÀ DELLA GRADUATORIA ORDINE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO PAGAMENTI ESECUZIONE IN DANNO RESPONSABILITA SPESE, IMPOSTE E TASSE CESSIONE DEL CONTRATTO FORO COMPETENTE RINVIO A NORME DI DIRITTO VIGENTI 19 PARTE SECONDA: Condizioni Speciali Articolo Descrizione Pagina 19 DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE IDENTIFICAZIONE SEZIONE A IDENTIFICAZIONE SEZIONE B RIPARTIZIONE COSTI VALUTAZIONE OFFERTE TABELLA PUNTEGGI PER VALUTAZIONE OFFERTE CON OPZIONI CARATTERISTICHE GENERALI SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA CARATTERISTICHE MINIME SOFTWARE DI GESTIONE CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME TELECAMERA A COLORI MOBILI CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME TELECAMERE A COLORI FISSE CARATTERISTICHE MINIME OBIETTIVI AUTOIRIS CARATTERISTICHE MINIME CUSTODIE PER ESTERNO TELECAMERE MOBILI CARATTERISTICHE MINIME RETE WIRELESS LAN DI TRASMISSIONE CARATTERISTICHE GENERALI TELECAMERE IP VIDEOBRIDGE INTEGRATO CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME VIDEOBRIDGE CARATTERISTICHE GENERALI SERVER VIDEOREGISTRAZIONE DIGITALE IN RETE 27 2

3 34 CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME VIDEOREGISTRATORI DIGITALI CARATTERISTICHE MINIME GRUPPI DI CONTINUITÀ E ARMADIETTO APPARECCHIATURE DI SUPPORTO GARANZIA E MANUTENZIONE RIFERIMENTO SCHEMATICO FORNITURA PUNTI DI RIPRESA CORSO DI FORMAZIONE SICUREZZA ATTI DI GARA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO CONDIZIONI PARTICOLARI ASSICURAZIONE PENALITÀ RISOLUZIONE RIFUSIONI DANNI E SPESE INVARIABILITÀ DEL CORRRISPETTIVO PRESCRIZIONI GENERALI COLLAUDO 32 APPENDICE TABELLA PUNTEGGI PER VALUTAZIONE OFFERTE CON OPZIONI 33 OPZIONE OFFERTA IDENTIFICAZIONE TELECAMERE UBICAZIONE 33 LOCALIZZAZIONE PUNTI DI RIPRESA E PALI DI SOSTEGNO 34 3

4 STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI PONTE DI PIAVE Piazza Garibaldi n. 1 Ponte di Piave (TV) Tel Sito Internet: Certificata: Ufficio di riferimento: Corpo Polizia Locale Via Postumia, 27 Tel Fax DOCUMENTAZIONE La documentazione di gara, contenente le norme integrative del presente bando, relative ai requisiti di partecipazione, alle modalità di presentazione dell offerta, ai documenti da presentare a corredo della stessa, alle procedure di aggiudicazione dell appalto sono visionabili presso il Comando del Corpo di Polizia Locale e sul sito internet della stazione appaltante. Il bando di gara con il relativo disciplinare, nonché lo schema di istanza per la partecipazione alla gara d appalto è altresì disponibile sul sito della stazione appaltante. Non saranno accolte le richieste di trasmissione del presente bando a mezzo fax. PREMESSA La forma giuridica che dovrà assumere l eventuale raggruppamento di imprenditori, di fornitori o di prestatori di servizi aggiudicatario dell appalto potrà avere il carattere della partecipazione di imprese in associazione a norma art. 10 del D.Lgs n. 358/1992 e s.m.i. e quindi Avvalimento Raggruppamento temporaneo di imprese (r.t.i.) Consorzio di imprese GEIE Nel seguito del documento si userà il termine associazione sottintendendo una qualsiasi aggregazione di imprese appena citate, in ogni caso rappresentate da una impresa capofila responsabile. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Costituisce oggetto del presente capitolato la fornitura e posa di sistema di videosorveglianza IP completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa. ART. 2 COMPOSIZIONE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI La fornitura e posa di sistema di videosorveglianza completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa risulta composta da: Una serie di postazioni periferiche di videosorveglianza per il monitoraggio in continuo ed in tempo reale delle immagini delle aree di interesse, in diretta e registrate; 4

5 Una centrale operativa da collocare presso ciascun comando di polizia locale eccetto Ponte di Piave; qui va sfruttato l impianto esistente o interamente sostituito con un nuovo sistema senza onere ulteriore. Un sistema di trasmissione video e dati su protocollo IP. Sono a carico del fornitore i seguenti oneri: provvedere alla fornitura delle telecamere, degli apparati trasmissivi e delle centrali operative in conformità alle specifiche tecniche allegate al presente capitolato; effettuare l installazione delle attrezzature a perfetta regola d arte; effettuare un sopralluogo per prendere visione dei siti menzionati e delle particolari esigenze di localizzazione e di videosorveglianza; di tale sopralluogo verrà redatto apposito verbale secondo l allegato 4 del bando; provvedere alla nomina di un referente responsabile del progetto con relativo criterio di reperibilità; provvedere alla pulizia dei luoghi successiva all installazione; assumere tutti gli oneri per le verifiche necessarie ad accertare le caratteristiche ambientali, le possibilità logistiche, secondo le indicazioni riportate nelle specifiche dell allegato tecnico; provvedere al trasporto ed ai mezzi d opera per le operazioni di scarico, carico e smaltimento delle apparecchiature da installare o da rimuovere; provvedere alla apposizione di pali non esistenti oppure in luogo di esistenti ma non vantaggiosamente impiegabili ed eventuali strutture di supporto per le telecamere, i cavidotti per la posa dei cavi dati IP rame (max singola tratta mt. 90)/fibra ottica(max singola tratta mt. 1500) ed elettrici per alimentazione dispositivi sotto gruppo di continuità fino alla base del punto telecamera e del centro operativo. E permesso il passaggio su cavidotti comunali da ispezionare a carico di ogni partecipante alla gara. Alla luce di possibili imprevisti, possibili ovviamente anche dopo il sopralluogo, viene concesso derogare al piu per un solo punto per ogni comune dalla canalizzazione su fibra ottica con mezzo di trasmissione alternativo. La fornitura dovrà comprendere l impianto di distribuzione ed alimentazione del sistema comprese canalizzazioni, cavi, scatole, tubazioni, supporti, snodi, staffe, custodie e quant altro necessario alla perfetta posa in opera di tutto il sistema. Il rischio di deterioramento dei prodotti è a carico dell impresa eccetto casi di noncuranza o vandalismo, ovviamente dimostrabili. effettuare tutte le prove tecniche necessarie per il corretto funzionamento del sistema; effettuare il collaudo delle attrezzature; fornire le licenze d uso effettuare la formazione del personale preposto, anche presso i singoli uffici di polizia locale garantire la consegna delle certificazioni a norma, cioè ottenute con strumento omologato Il fornitore è tenuto alla esatta osservanza di tutte le leggi, regolamenti e norme che abbiano attinenza con la fornitura, comprese quelle che potessero essere emanate in corso del contratto. Le imprese concorrenti accettano implicitamente gli oneri sopra menzionati. Per tutto quanto non sia stabilito o comunque non sia in contrasto con le pattuizioni del contratto di fornitura e con le norme del presente capitolato, nonché per quanto in essi non espressamente regolato ovvero regolato solo in parte, saranno applicabili e si riterranno parte integrante e sostanziale del contratto: 5

6 il D.Lgs 358/92 e successive modifiche e integrazioni; le disposizioni del Codice civile; le norme tecniche in vigore (normative nazionali) vigenti per le reti dati ciò indipendentemente dal fatto che, nel contratto e nel presente capitolato talune norme dei testi suddetti siano esplicitamente richiamate ed altre meno, ovvero siano richiamante in parte, dovendosi le norme predette, e le relative modificazioni, considerare sempre integrative delle pattuizioni contenute nel contratto e nelle prescrizioni del presente capitolato; le norme legislative e tutti i regolamenti vigenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, di prevenzione degli infortuni sul lavoro e di assicurazione, sia sociali che contro gli infortuni, degli operai. Il fornitore dovrà inoltre ottemperare, sotto la sua esclusiva responsabilità, alle leggi, ai regolamenti ed alle disposizioni vigenti o che saranno emanati nel corso della fornitura. E altresì tenuto all adozione, contestualmente all esecuzione dei lavori, di tutti i procedimenti e di tutte le cautele necessarie per garantire la salvaguardia della vita e dell incolumità degli operai, degli addetti ai lavori a qualsiasi titolo e dei terzi, nonché per evitare e prevenire danni e manomissioni a beni pubblici e privati per causa propria e dei propri dipendenti. In caso di danni imputabili a incidenti o vandalismi sui cantieri la stazione appaltante tollererà un tempo di riparazione. Il fornitore dovrà effettuare la fornitura con personale tecnico di provata capacità ed idoneo, per numero e qualità, alle necessità derivanti dai termini contrattuali. Tutto il personale impiegato nell ambito della fornitura, dovrà essere di gradimento del Committente, che potrà richiedere, senza specificarne il motivo e senza essere tenuto a rispondere delle conseguenze, l'allontanamento di qualsiasi addetto del Fornitore. In ogni modo l azienda aggiudicataria dovrà certificare, anche con apposita dichiarazione, la conformità delle opere realizzate e del materiale tecnico installato alla vigente normativa in materia di omologazioni tecniche, con particolare riferimento alla normativa relativa agli impianti elettrici. (legge 46/90 prima e dal D.M n 37 ora) Il sistema di videosorveglianza installato presso ogni singolo Comune dovrà utilizzare una piattaforma software uguale per tutti in modo da uniformare le conoscenze per l accesso e renderne semplice l utilizzo, garantendo l analisi ed il trattamento degli eventi in modo da ricercare, consultare, acquisire in tempo reale gli eventi interessanti. Il sistema dovrà garantire la possibilità di integrare nel tempo le dotazioni senza pregiudizio di quanto già installato e senza eccessive ed onerose implementazioni o sostituzione della tecnologia e delle strumentazioni di base. ART. 3 DESCRIZIONE GENERALE SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza risulta sinteticamente suddiviso in: Sistema di interconnessione nei comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Centrale Operativa nei di Comuni di Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Software nei di Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Punti di ripresa nei Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave posti ad altezza minima di 4.50 mt dal piano stradale con supporto (palo) a carico dell offerente, quando non diversamente specificato, come da art. 2. 6

7 Il sistema di Videosorveglianza dovrà prevedere una rete di telecamere atte al controllo delle aree più significative dei territori comunali citati tramite una gestione centralizzata e supervisione di tutti i punti telecamera, dalla centrale operativa ubicata presso la sedi di polizia locale riducendo al minimo l impatto ambientale degli apparati (telecamere, armadi locali, infrastruttura di comunicazione) e minimizzando le successive spese di gestione e di manutenzione. Il sistema dovrà già essere predisposto e dimensionato per l installazione di ulteriori nuove telecamere e le predisposizioni dovranno essere precisate. Dovrà essere prevista una opportuna e sicura registrazione. Il cavo in fibra ottica deve essere corazzato e antiroditore, multimodale, ad almeno 8 fibre, steso, cablato in replica come da norma, consegnato certificato secondo le norme, in esclusiva proprietà comunale. Il Centro di Controllo, presso la Centrale Operativa, dovrà essere costituito da unità di videoregistrazione digitale molto performanti, idonee alla registrazione di tutte le telecamere di pertinenza, secondo le norme sulla Privacy. Un personal computer avrà funzione di Operatore/Amministratore dell intero sistema. Il PC operatore/amministratore e le postazioni Client dovranno poter visualizzare contemporaneamente su un solo monitor fino a 24 telecamere e su due monitor fino a 48 telecamere. Il PC fornito dovrà essere adeguato, dimensionato e performante per gli scopi prefissati e completo di mouse, tastiera, due monitor LCD in contemporanea, uno minimo da 21 di servizio ed uno da minimo 40, per multiimmagine e joystick professionale di selezione e brandeggio telecamere. Caratteristiche tecniche DI VIDEOSORVEGLIANZA e dichiarazioni di conformità La fornitura dovrà rispondere alle seguenti caratteristiche generali : tutti gli apparecchi dovranno essere dotati di certificazione attestanti la conformità alle leggi e alle normative vigenti ( es. immissione sul mercato, marcatura CE, notifica ai sensi della direttiva 99/5/CEE per le apparecchiature radio, ecc. ), in particolare dovranno soddisfare ai requisiti richiesti dal D.Lgs. n.196 del 30/06/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali e dal Provvedimento generale sulla videosorveglianza emanato il 29/04/2004 e s.m.i, compresa quella di aprile 2010, dal Garante per la protezione dei dati personali; il sistema dovrà garantire nel tempo il costante mantenimento della qualità del segnale video, anche al variare delle condizioni atmosferiche e ambientali; in particolare, tutte le apparecchiature installate in campo aperto dovranno essere alloggiate in custodie climatizzate, al fine di garantire il corretto funzionamento del sistema anche per temperature inferiori allo 0 C, e con un adeguato grado di protezione IP; espandibilità dell impianto di videosorveglianza per garantire la possibilità di collegare altre telecamere; a questo scopo vengono privilegiate soluzioni di modularità e programmabilità delle apparecchiature; scalabilità prevedendo l installazione di apparecchiature in grado di adeguarsi a nuovi standard video e di comunicazione. Dichiarazione di conformità La ditta fornitrice provvederà a rilasciare al Settore Polizia locale dichiarazione di conformità della videosorveglianza e della conformità dell installazione. Qualora le telecamere non risultassero conformi alle normative vigenti, o non venissero rilasciate le dichiarazioni di cui sopra, la stazione appaltante si riserva di rifiutare il materiale fornito, provvedendo all acquisto presso altra Ditta specializzata e addebitando il maggiore onere sostenuto alla Ditta inadempiente, fatte salve dimostrate e giustificate cause di indisponibilità del prodotto o della soluzione tecnica specifica. 7

8 La Ditta provvederà altresì all eliminazione di guasti o difetti che dovessero derivare da un montaggio e/o una posa in opera non eseguita conformemente, senza poter richiedere alla stazione appaltante alcun onere aggiuntivo. Spese contrattuali Con la ditta aggiudicataria sarà stipulato regolare contratto avanti al Segretario comunale del comune stazione appaltante. Le spese di bollo ed i diritti di segreteria saranno a carico della medesima Caratteristiche generali Il sistema di videosorveglianza che si intende adottare dovrà essere conforme agli indirizzi del mercato ed alle soluzioni tecniche più avanzate. Dovrà possedere le seguenti caratteristiche funzionali. Espandibilità : i criteri adottati nella realizzazione dovranno essere aperti all implementazione con nuove tecnologie, all incremento dei punti di ripresa su rete IP e ai futuri sviluppi in materia di controllo del traffico e rilevazione delle targhe. Omogeneità: tutte le apparecchiature e le soluzioni adottate dovranno essere il più possibile omogenee per tipologia, interfaccia utente e specializzazione e qualità di ripresa. Obiettivi Viene richiesto il raggiungimento dei seguenti obiettivi minimi di monitoraggio delle zone: Registrazione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all anno, su preset variabile di telecamera, in formato digitale, delle riprese relative alle zone individuate; Collegamento alla postazione di videosorveglianza presso ogni singolo Comune per la visione in tempo reale delle immagini riprese, su impianto IP che diverrà proprietà di ogni comune. Le immagini registrate dovranno essere facilmente utilizzabili e gestibili per quanto riguarda il trasporto su strumentazione in grado di visualizzare il contenuto in sicurezza; Il supporto di registrazione dovrà avere una autonomia di 7 e non più 7 giorni (con cancellazione automatica in forma ciclica) senza margini in difetto. le immagini registrate dovranno poter essere visualizzate sia singolarmente (immagine per immagine), sia tramite applicazione che consenta la visualizzazione del filmato; deve essere inclusa anche la possibilità di stampa dell immagine su normali stampanti, con dati di riferimento. La ricerca dell immagine deve essere semplice da richiamare, grafica e basata sulla cronologia. Le classi di rete, per sicurezza, dovranno essere diverse da quelle delle LAN comunali per ogni comune. Dovranno essere garantiti i massimi livelli di sicurezza, sia per la LAN interna sia per la WAN fornita dai comuni. Deve essere fornita la attività di firewalling con VPN. Visualizzazione installazione e regolazione tutte le operazioni di installazione e regolazione delle telecamere dovranno essere effettuate dalla ditta appaltatrice, rispettando le norme inerenti la tutela della privacy. Qualità e norme per la fornitura Tutti i materiali e apparecchiature oggetto dell appalto dovranno essere di primaria marca produttrice, nuovi originali e verificati preventivamente dal Corpo di Polizia Locale prima della loro installazione. 8

9 Il materiale fornito diventerà proprietà dell amministrazione appaltante solo previo collaudo definitivo con esito favorevole. Modalità di fornitura e installazione La fornitura e l installazione delle attrezzature oggetto dell appalto dovranno essere eseguite secondo la migliore tecnologia ed in base alle prescrizioni del Corpo di Polizia Locale, del progetto e delle specifiche tecniche ed inoltre in modo da rispondere perfettamente a tutte le condizioni prescritte nel presente documento. La ditta fornitrice sarà pienamente responsabile di tutti i danni arrecati, direttamente o tramite il proprio personale, ai veicoli, alle strutture ed agli impianti esistenti e/o in corso di realizzazione. Il fornitore non potrà eseguire qualsivoglia variante che non sia a carattere migliorativo, in relazione alle attività previste dal progetto senza la preventiva autorizzazione del Corpo di Polizia Locale. CONDIZIONI GENERALI nei di Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave ART. 4 DESCRIZIONE GENERALE IMPIANTI E APPARATI In allegato, da pag. 34 la localizzazione fotografica dei punti di ripresa. Comune di Ponte di Piave (Ampliamento in aggiunta a telecamere esistenti) La documentazione dell impianto esistente collaudato e funzionante verrà messa a disposizione per presa visione alle partecipanti. Minimo 7 telecamere Via Roma lato municipio : 1 telecamera fissa, 1 telecamera mobile (1-2) Piazzale stazione FS: 1 telecamera fissa per controllo viale ingresso stazione, 1 mobile in verso opposto con controllo sottopassaggio ferroviario ed impianti sportivi adiacenti (3-4) Via Roma prima della chiesa su parcheggio: 1 mobile: per controllo arteria e parcheggio antistante (5) 7 9

10 Via Verdi : 1 mobile per controllo accesso campo baseball. (6) Via Terreni : 1 telecamera fissa per controllo ingresso scuole materne. (7) Frazione Negrisia (Successivo) Via Croce : 1 telecamera fissa verso chiesa (1) Via Croce : 1 telecamera mobile (2) Via De Faveri : 1 telecamera mobile (3) a riprendere retro istituto scolastico Frazione di Levada (Successivo) Via della Vittoria : 1 telecamera fissa vicino chiesa (1) Via della Vittoria : 1 telecamera mobile (2) Retro istituto scolastico : 1 telecamera mobile (3) Comune di Cimadolmo Minimo 5 telecamere. 10

11 Per San Michele di Piave Incrocio Via Roma Via Mazzini - Municipio : 1 telecamera fissa (1) Piazza Martiri : 1 telecamera mobile (anche su Via Baracca) (2) Incrocio Via Roma Via G. B. Lovadina : 1 telecamera fissa (3) Via G. B. Lovadina : 1 telecamera mobile (4) Via G. Menegaldo : 1 telecamera mobile (5) Frazione di San Michele di Piave (Successivo) Comune di Ormelle Minimo 5 telecamere 11

12 Piazza della Vittoria, di fronte al palazzo comunale : 1 telecamera mobile (1) Via Capitello della Salute Via Romana. Controllo scuola media palestra centro sociale: 1 telecamera mobile (2) Controllo direzione Roncadelle e direzione San Polo: 2 telecamere fisse: (3-4) Via Tempio: 1 telecamera fissa: (5). Frazione Tempio (Successivo) 1 1 telecamera mobile: Frazione Tempio. Incrocio Via Borgo Via Ferrandini. (1) Frazione Roncadelle (Successivo) 12

13 1 1 telecamera mobile: Frazione Roncadelle. Incrocio Via Dante Via San Maurizio Chiesa Piazza dei Caduti (con priorità poiché nel piazzale antistante hanno luogo manifestazioni anche in orario notturno). (1) Comune di Salgareda Minimo 5 telecamere Il Comando verrà trasferito a breve in una palazzina attigua alla Villa comunale dove verrà posto il nuovo centro stella. Controllo scuole medie impianti sportivi parco: 1 telecamera mobile (1) Via Roma Via Callunga: 1 telecamera fissa (2) Via Roma: 1 telecamera fissa (3) Palazzo comunale : 1 telecamera mobile (4) Via Roma Ufficio postale: 1 telecamera fissa (5) Frazione Campo di Pietra (Successivo) 13

14 1 1 telecamera mobile presso la frazione di Campo di Pietra Frazione Campobernardo (Successivo) 1 1 telecamera mobile presso la frazione di Campobernardo. Comune di San Polo di Piave Minimo 5 telecamere 14

15 Palazzo comunale: 2 telecamere contrapposte (1 fissa 1 fissa) (1 2) Via Papa Luciani - area scuole e palestra: 1 telecamera (fissa) (3) Via Mioni Patronato: 1 telecamera (fissa) (4) Via Mura Viale della Repubblica : 1 telecamera (mobile) (5) Le ditte partecipanti, nell ambito della propria offerta potranno, sempre nel limite massimo di spesa previsto nei successivi articoli, proporre anche soluzioni alternative al sito centro stella indicato. Va precisato che in Ponte di Piave il centro-stella è in municipio e la stazione di registrazione con i dati é presso il comando di polizia locale. In tutti gli altri comuni il centro-stella e la registrazione dati verranno ubicati presso le sedi esistenti o nuove di polizia locale. ART. 5 CONDIZIONI TECNICHE GENERALI DI GARA Le ditte partecipanti dovranno attentamente valutare tutte le condizioni, situazioni e circostanze che si renderanno necessarie per garantire la perfetta realizzazione e funzionalità di quanto richiesto in riferimento alle indicazioni fornite nel presente Capitolato Speciale d Appalto, tenendo conto di tutti gli oneri necessari per consegnare perfettamente funzionanti ed operative le apparecchiature in questione (software, hardware, licenze d uso software applicativo e sistema operativo, telecamere mobili e fisse, relativi gruppi di continuità, armadi locali a terra e/o a parete, eventuali ponti Wireless, pali, tralicci, staffe, canaline, cavi, scavi, ispezioni percorsi vie cavo, opere murarie, utilizzo mezzi speciali, realizzazioni linee alimentazione dai punti di centro stella o di fornitura più vicini ai punti di utilizzo, eventuale assistenza gestore sottoservizi cittadini, smaltimento imballaggi, messa a punto e prove del sistema, collaudo in loco, garanzie, manutenzione degli impianti ecc..). In particolare, oltre alle forniture hardware e software che dovranno tassativamente rispettare le caratteristiche minime più avanti descritte, si dovranno accuratamente considerare tutti gli oneri ed interventi accessori indispensabili per l installazione delle telecamere (tipo di palo, tipo di basamento, tipo di staffe, tipo di armadio, attrezzature di supporto, posizionamento di gruppi di continuità, metodi di ancoraggio ecc..), i collegamenti video/alimentazione (tipo di canalina, percorribilità cavedotti, ecc ), l alimentazione delle apparecchiature (distanza dal punto di fornitura energia, ecc..) il posizionamento dei dispositivi e strumentazione di supporto (minimizzazione dell impatto ambientale degli apparati con riduzione degli ingombri e colorazione idonea con il punto di 15

16 installazione ecc..) e comunque quanto altro utile per la realizzazione della prestazione a regola d arte in compatibilità di espansione di impianto. I singoli comuni garantiranno: il punto di alimentazione elettrica a 220 Va (per ogni singola apparecchiatura del sistema), nel luogo indicato in fase di sopralluogo che indicativamente sarà o da attingersi presso gli impianti elettrici degli edifici/proprietà pubblici sui quali verranno installate le apparecchiature o da interruttori già predisposti dal gestore della rete elettrica locale in prossimità dell apparecchiatura; I cavi ed i dispositivi elettrici sino al punto finale sono a carico della aggiudicataria; la disponibilità dei siti nei quali verranno installate le apparecchiature; i costi relativi ai consumi energetici delle apparecchiature installate; un accesso dedicato a internet tramite DSL o superiore per ogni singolo Comune. Le ditte partecipanti dovranno attentamente studiare la realizzazione della infrastruttura di rete IP, verificando la visibilità dei i vari punti (centri stella, singole postazioni telecamere, centrale Operativa ecc..) e conseguentemente dimensionando adeguatamente le apparecchiature di trasmissione ed i relativi supporti (pali, tralicci ecc..) per garantire qualità ed efficienza al sistema di videosorveglianza. Per l installazione dei supporti relativi agli apparati di trasmissione da posizionarsi su strutture e/o coperture/facciate di edifici pubblici si dovranno attentamente considerare le condizioni statiche e l impatto ambientale, pertanto dovranno essere garantite la massima stabilità e sicurezza dell installazione proposta nonché il minor impatto visivo possibile. I percorsi preferiti saranno ovviamente su cavidotti esistenti messi a disposizione da ogni comune, sui quali ogni partecipante espleterà le opportune verifiche di percorribilità. I comuni si riservano comunque, in accordo con la ditta aggiudicataria, di variare l ubicazione del centro stella indicato nel presente Capitolato, qualora particolari condizioni operative quindi determinatesi rendessero più idonea la collocazione in siti diversi da quello segnalato. Per quanto attiene il posizionamento di telecamere su palo/traliccio o struttura segnaletica (vedere posizioni indicative art. 37) le ditte dovranno nella propria offerta comprendere tutti gli oneri necessari per la fornitura del palo/traliccio, dei basamenti, degli armadi di supporto (simili a quelli in uso nell area interessata), dei collegamenti e quadri elettrici, delle protezioni occorrenti, dei cartelli indicatori la ripresa e quanto altro necessario per la realizzazione completa e a regola d arte delle strutture di supporto alle telecamere. Tutti gli impianti eseguiti dovranno essere realizzati a regola d arte e dovranno essere prodotte le certificazioni previste dalla vigente normativa in materia e la documentazione di fabbrica e la documentazione dell impianto IP. Tutte le informazioni e comandi del software applicativo di gestione, dei controlli/impostazione telecamere, i libretti di istruzione e quanto altro fornito in forma cartacea o digitale dovranno tassativamente essere in lingua italiana. Prima della formulazione dell offerta ogni ditta partecipante dovrà effettuare obbligatoriamente un sopralluogo in tutte le aree, proprietà ed edifici interessati dal sistema di videosorveglianza e rilasciare apposita dichiarazione che attesti di aver ricevuto tutte le informazioni e dati necessari per la corretta elaborazione dell offerta nonché una dichiarazione che attesti di aver visionato i siti. Tale ultima dichiarazione deve essere sottoscritta, altresì, da delegato della stazione appaltante (allegato 4 del bando). Verrà stilato un calendario di sopralluogo per ogni comune, comunicato alle partecipanti, e sarà disponibile un tecnico incaricato di illustrare la realtà territoriale su appuntamento concordati con la stazione appaltante, anche riunito con più imprese partecipanti. ART. 6 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLA GARA 16

17 Le modalità di espletamento della gara sono quelle indicate nel bando e nel disciplinare. ART. 7 INIZIO E TERMINE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI Il tempo massimo per fornitura e posa di sistema di videosorveglianza completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa è stabilito in giorni 90 (novanta) per quanto attiene le prestazioni indicate nel successivo art. 20 Sezione A. I giorni s intendono naturali, successivi e continuativi, decorrenti dalla data del verbale di consegna, oltre a quelli di andamento stagionale sfavorevole nella misura delle normali previsioni (30 gg. annui - art. 1 Legge 10/12/1981 N. 741). L ultimazione coinciderà con la messa in servizio dell intero sistema e successivamente alla data del certificato di regolare esecuzione. Relativamente alle prestazioni indicate nel successivo art. 21 Sezione B, verrà definito in fase di aggiudicazione, tramite accordo tra le parti (stazione appaltante e ditta aggiudicataria), l eventuale necessità di proroga del termine di ultimazione della fornitura. Nessun fatto od avvenimento potrà essere addotto a giustificazione di eventuali ritardi rispetto ai termini suindicati, tuttavia la stazione appaltante previa tempestiva domanda del fornitore potrà concedere una proroga per la consegna ove le ragioni prospettate rivestano carattere di forza maggiore. Tale facoltà non costituisce per la ditta un diritto. I controlli della quantità, della qualità, della conformità e della messa in opera, secondo i requisiti imposti, saranno effettuati da soggetti addetti della stazione appaltante che seguirà lo svolgimento dei lavori e delle forniture. L accettazione della merce non solleva l appaltatore dalle responsabilità in ordine ai vizi apparenti ed occulti della merce non immediatamente rilevati o rilevabili. ART. 8 DEPOSITO CAUZIONALE 8.1 DEPOSITO CAUZIONALE PROVVISORIO Per partecipare alla gara è necessaria la costituzione di un deposito cauzionale provvisorio, a garanzia della sottoscrizione pari al 2% dell importo posto a base di gara con deroga su D.Lgs. 163/2006 art.75 comma 7. L importo totale della cauzione dovrà quindi essere di 4.400,00 (quattromilaquattrocento/00). Non è consentito, a pena esclusione, costituire depositi in misura inferiore a quella indicata. Il documento originale, attestante la cauzione, che dovrà essere costituita secondo quanto indicato al successivo punto 8.3, dovrà essere presentato congiuntamente all offerta, pena l esclusione della gara. Il deposito cauzionale provvisorio sarà restituito ai concorrenti non aggiudicatari subito dopo l aggiudicazione della gara, mentre quello della ditta aggiudicataria resterà vincolato e dovrà essere valido fino alla costituzione del deposito cauzionale definitivo. Le fideiussioni o le polizze assicurative dovranno avere una validità minima di 180 giorni decorrenti dalla data di presentazione dell offerta. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante (art. 75, D. Lgs. 163/2006). L offerta è, altresì, corredata a pena di esclusione, dall impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l esecuzione del contratto, di cui all art. 113, D. Lgs. 163/2006, qualora l offerente risultasse affidatario. 8.2 DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO 17

18 La ditta aggiudicataria è obbligata a costituire una garanzia fideiussoria del 10 per cento dell importo di gara. La garanzia copre gli oneri per il mancato o inesatto adempimento e cessa di aver effetto solo alla data di emissione del certificato di regolare esecuzione. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante (art. 113, D. Lgs. 163/2006). L importo del deposito sarà precisato nella lettera di comunicazione dell aggiudicazione. 8.3 MODALITA DI COSTITUZIONE Il deposito cauzionale, potrà essere costituito con una delle seguenti modalità alternative: in contanti; b) mediante fideiussione bancaria ( rilasciata da Aziende di credito di cui all art 5 del R.D.L , n. 375 e successive modificazioni e/o integrazioni ) o polizza assicurativa ( rilasciata da impresa di assicurazioni, debitamente autorizzata all esercizio del ramo cauzioni, ai sensi del D.P.R , n. 449 e successive modificazioni e/o integrazioni ) oppure polizza rilasciata da intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107, D. Lgs. 385/1993, che svolgano in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell Economia e delle Finanze. In ogni caso il deposito cauzionale deve essere effettuato con un unico tipo di valori. ART. 9 TRATTAMENTO DEI DATI Ai sensi della Legge 675/96, si informa che i dati forniti dalle Imprese sono trattati, dalla stazione appaltante, esclusivamente per le finalità connesse alla gara e per l eventuale successiva stipula e gestione del contratto. Il titolare del trattamento dei dati in questione è la stazione appaltante. ART. 10 VALIDITÀ DELLA GRADUATORIA In caso di revoca dell aggiudicazione o risoluzione del contratto, la stazione appaltante si riserva la facoltà di aggiudicare la gara alla ditta che segue la prima, nella graduatoria formulata nel verbale di aggiudicazione ovvero approvata con il provvedimento di aggiudicazione, alle medesime condizioni proposte in sede di gara. Entro i termini di validità dell offerta, indicati nel bando di gara, la concorrente, classificata in posizione utile in graduatoria, sarà tenuta ad accettare l aggiudicazione, salvo comprovate e sopravvenute cause che impediscano la stipulazione del contratto. ART. 11 ORDINE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO Successivamente all aggiudicazione si addiverrà alla formale stipulazione del contratto, le cui spese sono a carico dell affidatario. La stazione appaltante darà avvio alla prestazione contrattuale con l emissione di apposito ordine, anche in pendenza della stipulazione del contratto. ART. 12 PAGAMENTI Il pagamento della fattura della prestazione oggetto del contratto avverrà in unica soluzione, il relativo mandato di pagamento verrà emesso entro 30 giorni solari dalla data del certificato di regolare esecuzione, o, se successiva, dalla data di presentazione della fattura. Il pagamento è, comunque, subordinato alla stipulazione del contratto. In caso di emissione di fattura irregolare, il termine di pagamento verrà sospeso dalla data d intervenuta contestazione da parte della stazione appaltante. 18

19 ART. 13 ESECUZIONE IN DANNO Qualora l appaltatore ometta di eseguire, anche parzialmente, la prestazione oggetto del contratto con le modalità ed entro i termini previsti, la stazione appaltante potrà ordinare ad altra ditta, senza alcuna formalità, l esecuzione parziale o totale di quanto omesso dall appaltatore stesso, al quale saranno addebitati i relativi costi ed i danni eventualmente derivati alla stazione appaltante. Per la rifusione dei danni ed il pagamento di penalità, la stazione appaltante potrà rivalersi, mediante trattenute, sugli eventuali crediti dell appaltatore ovvero, in mancanza, sul deposito cauzionale che dovrà, in tal caso, essere immediatamente reintegrato. ART. 14 RESPONSABILITA L appaltatrice è responsabile dell esatto adempimento del contratto, di conseguenza, risponderà nei confronti dei terzi e della stazione appaltante per l inadempimento alle obbligazioni contrattuali. Durante l esecuzione del contratto, l assuntrice è responsabile per danni derivanti a terzi anche dall operato dei propri dipendenti e pertanto, dovrà adottare tutti i provvedimenti e le cautele necessari, con l obbligo del controllo. E fatto dunque obbligo all assuntrice di mantenere la stazione appaltante sollevata ed indenne contro azioni legali derivanti da richieste risarcitorie per danni, avanzate da terzi danneggiati. L appaltatrice sarà comunque tenuta a risarcire la stazione appaltante del danno causato da ogni adempimento alle obbligazioni derivanti dal presente Capitolato Speciale d Appalto ogni qualvolta venga accertato che tale danno si sia verificato in violazione alle direttive impartite dalla stazione appaltante. ART. 15 SPESE, IMPOSTE E TASSE Tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto, sono a carico della ditta aggiudicataria. Per quanto riguarda l I.V.A. si fa espresso rinvio alle disposizioni di legge in materia. ART. 16 CESSIONE DEL CONTRATTO Per la ditta contraente è vietata la cessione anche parziale del contratto. Si applica l art. 116, D. Lgs. 163/2006 nei casi di cessione di azienda e atti di trasformazione, fusione e scissione societaria. Subappalto La ditta aggiudicataria potrà procedere al subappalto nel rispetto delle normative vigenti in materia. Il concorrente deve indicare all atto di partecipazione alla gara le parti dell appalto che intende subappaltare; in caso contrario non sarà autorizzato il subappalto. Divieto di cessione È vietata la cessione, anche parziale del contratto. Nel caso di cessione d azienda o di ramo d azienda e negli altri casi in cui l impresa fornitrice sia oggetto di atti di trasformazione a seguito dei quali perda la propria identità giuridica la cessione del contratto ha efficacia solo qualora espressamente accettata dalla stazione appaltante. ART. 17 FORO COMPETENTE Per tutte le controversie, che dovessero insorgere in dipendenza del presente Capitolato e del conseguente Contratto, è competente, esclusivamente, il Giudice Ordinario. ART. 18 RINVIO A NORME DI DIRITTO VIGENTI 19

20 Per quanto non è contemplato nel presente Capitolato, si fa rinvio alle Leggi e Regolamenti in vigore. CONDIZIONI SPECIALI ART. 19 DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE La stazione appaltante per la fornitura e posa di sistema di videosorveglianza IP completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale Operativa. riconoscerà alla ditta aggiudicataria l importo di ,00 (duecentoventimila/00) I.V.A. esclusa omnicomprensivo di tutti gli oneri, anche quelli per la sicurezza, necessari per consegnare perfettamente funzionanti ed operative le apparecchiature in questione (software, hardware, licenze d uso software applicativo e sistema operativo, telecamere mobili e fisse, armadi locali, eventuali ponti wireless, pali, staffe, canaline, cavi, scavi, ispezioni percorsi vie cavo, opere murarie, utilizzo mezzi speciali, realizzazioni linee alimentazione dai punti di fornitura ai punti di utilizzo, eventuale assistenza gestore sottoservizi cittadini, smaltimento imballaggi, messa a punto e prove del sistema, collaudo in loco, garanzie, manutenzione degli impianti ecc..). La prestazione oggetto di gara si articola in due sezioni e precisamente: SEZIONE A _ comprendente la dotazione minima di prestazioni da fornire (condizione essenziale di partecipazione alla gara) a fronte dell importo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa (le ditte che nella propria offerta non garantiranno quanto previsto nella SEZIONE A saranno escluse dalla gara). SEZIONE B _ comprendente oltre alla dotazione minima di prestazioni prevista nella SEZIONE A, prestazioni opzionali aggiuntive sempre a fronte dell importo complessivo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa. Nel presente Capitolato Speciale d Appalto sono descritte le caratteristiche minime dei vari componenti del sistema di videosorveglianza (software, hardware, software applicativo, sistema operativo, telecamere mobili e fisse, rete Wireless, ecc..) che costituiscono la dotazione tecnica minima che dovrà essere garantita, pena l esclusione dalla gara. Sono inoltre indicati i punti di ripresa (telecamere mobili / fisse) suddivisi tra quelli compresi nella Sezione A e quelli inseriti nella Sezione B. ART. 20 IDENTIFICAZIONE SEZIONE A A fronte della dell importo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa la ditta aggiudicataria dovrà garantire, pena l esclusione dalla gara, quanto di seguito specificato: realizzazione completa e funzionante dei sistemi di interconnessione nei comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave; è utile rammentare che i citati sistemi di interconnessione dovranno essere consegnati in proprietà ai comuni ed essere dimensionati in garanzia della scalabilità in relazione a esigenze successive dei committenti, anche soggettivamente; realizzazione completa e funzionante delle centrali operative in ciascuna sede municipale eccetto Ponte di Piave; installazione e collegamento alla Centrale Operativa di riferimento di n 7 punti di ripresa nel territorio del Comune di Ponte di Piave (Mobili n 4, Fisse n 3 ); installazione e collegamento alla Centrale Operativa di riferimento di n 5 punti di ripresa nel territorio del Comune di Cimadolmo (Mobili n 3, Fisse n 2); 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli