COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE"

Transcript

1 FORNITURA E POSA DI SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IP COMPLETO DI APPARATI DI TRASMISSIONE E DI SUPPORTO, COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE TRAMITE UTILIZZO DI PUNTI DI RIPRESA COLLEGATI A CENTRALE OPERATIVA CON SISTEMA DI INTERCONNESSIONE CEDUTO A STAZIONE APPALTANTE COMUNI DI PONTE DI PIAVE, CIMADOLMO, ORMELLE, SALGAREDA, SAN POLO DI PIAVE 1

2 INDICE PARTE PRIMA: Condizioni Generali Articolo Descrizione Pagina 1 OGGETTO DELL APPALTO 4 2 COMPOSIZIONE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI 4 3 DESCRIZIONE GENERALE SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA 6 4 DESCRIZIONE GENERALE IMPIANTI E APPARATI 9 5 CONDIZIONI TECNICHE GENERALI DI GARA 15 6 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLA GARA 16 7 INIZIO E TERMINE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI 17 8 DEPOSITO CAUZIONALE 17 9 TRATTAMENTO DEI DATI VALIDITÀ DELLA GRADUATORIA ORDINE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO PAGAMENTI ESECUZIONE IN DANNO RESPONSABILITA SPESE, IMPOSTE E TASSE CESSIONE DEL CONTRATTO FORO COMPETENTE RINVIO A NORME DI DIRITTO VIGENTI 19 PARTE SECONDA: Condizioni Speciali Articolo Descrizione Pagina 19 DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE IDENTIFICAZIONE SEZIONE A IDENTIFICAZIONE SEZIONE B RIPARTIZIONE COSTI VALUTAZIONE OFFERTE TABELLA PUNTEGGI PER VALUTAZIONE OFFERTE CON OPZIONI CARATTERISTICHE GENERALI SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA CARATTERISTICHE MINIME SOFTWARE DI GESTIONE CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME TELECAMERA A COLORI MOBILI CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME TELECAMERE A COLORI FISSE CARATTERISTICHE MINIME OBIETTIVI AUTOIRIS CARATTERISTICHE MINIME CUSTODIE PER ESTERNO TELECAMERE MOBILI CARATTERISTICHE MINIME RETE WIRELESS LAN DI TRASMISSIONE CARATTERISTICHE GENERALI TELECAMERE IP VIDEOBRIDGE INTEGRATO CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME VIDEOBRIDGE CARATTERISTICHE GENERALI SERVER VIDEOREGISTRAZIONE DIGITALE IN RETE 27 2

3 34 CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME VIDEOREGISTRATORI DIGITALI CARATTERISTICHE MINIME GRUPPI DI CONTINUITÀ E ARMADIETTO APPARECCHIATURE DI SUPPORTO GARANZIA E MANUTENZIONE RIFERIMENTO SCHEMATICO FORNITURA PUNTI DI RIPRESA CORSO DI FORMAZIONE SICUREZZA ATTI DI GARA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO CONDIZIONI PARTICOLARI ASSICURAZIONE PENALITÀ RISOLUZIONE RIFUSIONI DANNI E SPESE INVARIABILITÀ DEL CORRRISPETTIVO PRESCRIZIONI GENERALI COLLAUDO 32 APPENDICE TABELLA PUNTEGGI PER VALUTAZIONE OFFERTE CON OPZIONI 33 OPZIONE OFFERTA IDENTIFICAZIONE TELECAMERE UBICAZIONE 33 LOCALIZZAZIONE PUNTI DI RIPRESA E PALI DI SOSTEGNO 34 3

4 STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI PONTE DI PIAVE Piazza Garibaldi n. 1 Ponte di Piave (TV) Tel Sito Internet: Certificata: Ufficio di riferimento: Corpo Polizia Locale Via Postumia, 27 Tel Fax DOCUMENTAZIONE La documentazione di gara, contenente le norme integrative del presente bando, relative ai requisiti di partecipazione, alle modalità di presentazione dell offerta, ai documenti da presentare a corredo della stessa, alle procedure di aggiudicazione dell appalto sono visionabili presso il Comando del Corpo di Polizia Locale e sul sito internet della stazione appaltante. Il bando di gara con il relativo disciplinare, nonché lo schema di istanza per la partecipazione alla gara d appalto è altresì disponibile sul sito della stazione appaltante. Non saranno accolte le richieste di trasmissione del presente bando a mezzo fax. PREMESSA La forma giuridica che dovrà assumere l eventuale raggruppamento di imprenditori, di fornitori o di prestatori di servizi aggiudicatario dell appalto potrà avere il carattere della partecipazione di imprese in associazione a norma art. 10 del D.Lgs n. 358/1992 e s.m.i. e quindi Avvalimento Raggruppamento temporaneo di imprese (r.t.i.) Consorzio di imprese GEIE Nel seguito del documento si userà il termine associazione sottintendendo una qualsiasi aggregazione di imprese appena citate, in ogni caso rappresentate da una impresa capofila responsabile. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Costituisce oggetto del presente capitolato la fornitura e posa di sistema di videosorveglianza IP completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa. ART. 2 COMPOSIZIONE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI La fornitura e posa di sistema di videosorveglianza completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa risulta composta da: Una serie di postazioni periferiche di videosorveglianza per il monitoraggio in continuo ed in tempo reale delle immagini delle aree di interesse, in diretta e registrate; 4

5 Una centrale operativa da collocare presso ciascun comando di polizia locale eccetto Ponte di Piave; qui va sfruttato l impianto esistente o interamente sostituito con un nuovo sistema senza onere ulteriore. Un sistema di trasmissione video e dati su protocollo IP. Sono a carico del fornitore i seguenti oneri: provvedere alla fornitura delle telecamere, degli apparati trasmissivi e delle centrali operative in conformità alle specifiche tecniche allegate al presente capitolato; effettuare l installazione delle attrezzature a perfetta regola d arte; effettuare un sopralluogo per prendere visione dei siti menzionati e delle particolari esigenze di localizzazione e di videosorveglianza; di tale sopralluogo verrà redatto apposito verbale secondo l allegato 4 del bando; provvedere alla nomina di un referente responsabile del progetto con relativo criterio di reperibilità; provvedere alla pulizia dei luoghi successiva all installazione; assumere tutti gli oneri per le verifiche necessarie ad accertare le caratteristiche ambientali, le possibilità logistiche, secondo le indicazioni riportate nelle specifiche dell allegato tecnico; provvedere al trasporto ed ai mezzi d opera per le operazioni di scarico, carico e smaltimento delle apparecchiature da installare o da rimuovere; provvedere alla apposizione di pali non esistenti oppure in luogo di esistenti ma non vantaggiosamente impiegabili ed eventuali strutture di supporto per le telecamere, i cavidotti per la posa dei cavi dati IP rame (max singola tratta mt. 90)/fibra ottica(max singola tratta mt. 1500) ed elettrici per alimentazione dispositivi sotto gruppo di continuità fino alla base del punto telecamera e del centro operativo. E permesso il passaggio su cavidotti comunali da ispezionare a carico di ogni partecipante alla gara. Alla luce di possibili imprevisti, possibili ovviamente anche dopo il sopralluogo, viene concesso derogare al piu per un solo punto per ogni comune dalla canalizzazione su fibra ottica con mezzo di trasmissione alternativo. La fornitura dovrà comprendere l impianto di distribuzione ed alimentazione del sistema comprese canalizzazioni, cavi, scatole, tubazioni, supporti, snodi, staffe, custodie e quant altro necessario alla perfetta posa in opera di tutto il sistema. Il rischio di deterioramento dei prodotti è a carico dell impresa eccetto casi di noncuranza o vandalismo, ovviamente dimostrabili. effettuare tutte le prove tecniche necessarie per il corretto funzionamento del sistema; effettuare il collaudo delle attrezzature; fornire le licenze d uso effettuare la formazione del personale preposto, anche presso i singoli uffici di polizia locale garantire la consegna delle certificazioni a norma, cioè ottenute con strumento omologato Il fornitore è tenuto alla esatta osservanza di tutte le leggi, regolamenti e norme che abbiano attinenza con la fornitura, comprese quelle che potessero essere emanate in corso del contratto. Le imprese concorrenti accettano implicitamente gli oneri sopra menzionati. Per tutto quanto non sia stabilito o comunque non sia in contrasto con le pattuizioni del contratto di fornitura e con le norme del presente capitolato, nonché per quanto in essi non espressamente regolato ovvero regolato solo in parte, saranno applicabili e si riterranno parte integrante e sostanziale del contratto: 5

6 il D.Lgs 358/92 e successive modifiche e integrazioni; le disposizioni del Codice civile; le norme tecniche in vigore (normative nazionali) vigenti per le reti dati ciò indipendentemente dal fatto che, nel contratto e nel presente capitolato talune norme dei testi suddetti siano esplicitamente richiamate ed altre meno, ovvero siano richiamante in parte, dovendosi le norme predette, e le relative modificazioni, considerare sempre integrative delle pattuizioni contenute nel contratto e nelle prescrizioni del presente capitolato; le norme legislative e tutti i regolamenti vigenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, di prevenzione degli infortuni sul lavoro e di assicurazione, sia sociali che contro gli infortuni, degli operai. Il fornitore dovrà inoltre ottemperare, sotto la sua esclusiva responsabilità, alle leggi, ai regolamenti ed alle disposizioni vigenti o che saranno emanati nel corso della fornitura. E altresì tenuto all adozione, contestualmente all esecuzione dei lavori, di tutti i procedimenti e di tutte le cautele necessarie per garantire la salvaguardia della vita e dell incolumità degli operai, degli addetti ai lavori a qualsiasi titolo e dei terzi, nonché per evitare e prevenire danni e manomissioni a beni pubblici e privati per causa propria e dei propri dipendenti. In caso di danni imputabili a incidenti o vandalismi sui cantieri la stazione appaltante tollererà un tempo di riparazione. Il fornitore dovrà effettuare la fornitura con personale tecnico di provata capacità ed idoneo, per numero e qualità, alle necessità derivanti dai termini contrattuali. Tutto il personale impiegato nell ambito della fornitura, dovrà essere di gradimento del Committente, che potrà richiedere, senza specificarne il motivo e senza essere tenuto a rispondere delle conseguenze, l'allontanamento di qualsiasi addetto del Fornitore. In ogni modo l azienda aggiudicataria dovrà certificare, anche con apposita dichiarazione, la conformità delle opere realizzate e del materiale tecnico installato alla vigente normativa in materia di omologazioni tecniche, con particolare riferimento alla normativa relativa agli impianti elettrici. (legge 46/90 prima e dal D.M n 37 ora) Il sistema di videosorveglianza installato presso ogni singolo Comune dovrà utilizzare una piattaforma software uguale per tutti in modo da uniformare le conoscenze per l accesso e renderne semplice l utilizzo, garantendo l analisi ed il trattamento degli eventi in modo da ricercare, consultare, acquisire in tempo reale gli eventi interessanti. Il sistema dovrà garantire la possibilità di integrare nel tempo le dotazioni senza pregiudizio di quanto già installato e senza eccessive ed onerose implementazioni o sostituzione della tecnologia e delle strumentazioni di base. ART. 3 DESCRIZIONE GENERALE SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza risulta sinteticamente suddiviso in: Sistema di interconnessione nei comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Centrale Operativa nei di Comuni di Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Software nei di Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave Punti di ripresa nei Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave posti ad altezza minima di 4.50 mt dal piano stradale con supporto (palo) a carico dell offerente, quando non diversamente specificato, come da art. 2. 6

7 Il sistema di Videosorveglianza dovrà prevedere una rete di telecamere atte al controllo delle aree più significative dei territori comunali citati tramite una gestione centralizzata e supervisione di tutti i punti telecamera, dalla centrale operativa ubicata presso la sedi di polizia locale riducendo al minimo l impatto ambientale degli apparati (telecamere, armadi locali, infrastruttura di comunicazione) e minimizzando le successive spese di gestione e di manutenzione. Il sistema dovrà già essere predisposto e dimensionato per l installazione di ulteriori nuove telecamere e le predisposizioni dovranno essere precisate. Dovrà essere prevista una opportuna e sicura registrazione. Il cavo in fibra ottica deve essere corazzato e antiroditore, multimodale, ad almeno 8 fibre, steso, cablato in replica come da norma, consegnato certificato secondo le norme, in esclusiva proprietà comunale. Il Centro di Controllo, presso la Centrale Operativa, dovrà essere costituito da unità di videoregistrazione digitale molto performanti, idonee alla registrazione di tutte le telecamere di pertinenza, secondo le norme sulla Privacy. Un personal computer avrà funzione di Operatore/Amministratore dell intero sistema. Il PC operatore/amministratore e le postazioni Client dovranno poter visualizzare contemporaneamente su un solo monitor fino a 24 telecamere e su due monitor fino a 48 telecamere. Il PC fornito dovrà essere adeguato, dimensionato e performante per gli scopi prefissati e completo di mouse, tastiera, due monitor LCD in contemporanea, uno minimo da 21 di servizio ed uno da minimo 40, per multiimmagine e joystick professionale di selezione e brandeggio telecamere. Caratteristiche tecniche DI VIDEOSORVEGLIANZA e dichiarazioni di conformità La fornitura dovrà rispondere alle seguenti caratteristiche generali : tutti gli apparecchi dovranno essere dotati di certificazione attestanti la conformità alle leggi e alle normative vigenti ( es. immissione sul mercato, marcatura CE, notifica ai sensi della direttiva 99/5/CEE per le apparecchiature radio, ecc. ), in particolare dovranno soddisfare ai requisiti richiesti dal D.Lgs. n.196 del 30/06/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali e dal Provvedimento generale sulla videosorveglianza emanato il 29/04/2004 e s.m.i, compresa quella di aprile 2010, dal Garante per la protezione dei dati personali; il sistema dovrà garantire nel tempo il costante mantenimento della qualità del segnale video, anche al variare delle condizioni atmosferiche e ambientali; in particolare, tutte le apparecchiature installate in campo aperto dovranno essere alloggiate in custodie climatizzate, al fine di garantire il corretto funzionamento del sistema anche per temperature inferiori allo 0 C, e con un adeguato grado di protezione IP; espandibilità dell impianto di videosorveglianza per garantire la possibilità di collegare altre telecamere; a questo scopo vengono privilegiate soluzioni di modularità e programmabilità delle apparecchiature; scalabilità prevedendo l installazione di apparecchiature in grado di adeguarsi a nuovi standard video e di comunicazione. Dichiarazione di conformità La ditta fornitrice provvederà a rilasciare al Settore Polizia locale dichiarazione di conformità della videosorveglianza e della conformità dell installazione. Qualora le telecamere non risultassero conformi alle normative vigenti, o non venissero rilasciate le dichiarazioni di cui sopra, la stazione appaltante si riserva di rifiutare il materiale fornito, provvedendo all acquisto presso altra Ditta specializzata e addebitando il maggiore onere sostenuto alla Ditta inadempiente, fatte salve dimostrate e giustificate cause di indisponibilità del prodotto o della soluzione tecnica specifica. 7

8 La Ditta provvederà altresì all eliminazione di guasti o difetti che dovessero derivare da un montaggio e/o una posa in opera non eseguita conformemente, senza poter richiedere alla stazione appaltante alcun onere aggiuntivo. Spese contrattuali Con la ditta aggiudicataria sarà stipulato regolare contratto avanti al Segretario comunale del comune stazione appaltante. Le spese di bollo ed i diritti di segreteria saranno a carico della medesima Caratteristiche generali Il sistema di videosorveglianza che si intende adottare dovrà essere conforme agli indirizzi del mercato ed alle soluzioni tecniche più avanzate. Dovrà possedere le seguenti caratteristiche funzionali. Espandibilità : i criteri adottati nella realizzazione dovranno essere aperti all implementazione con nuove tecnologie, all incremento dei punti di ripresa su rete IP e ai futuri sviluppi in materia di controllo del traffico e rilevazione delle targhe. Omogeneità: tutte le apparecchiature e le soluzioni adottate dovranno essere il più possibile omogenee per tipologia, interfaccia utente e specializzazione e qualità di ripresa. Obiettivi Viene richiesto il raggiungimento dei seguenti obiettivi minimi di monitoraggio delle zone: Registrazione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all anno, su preset variabile di telecamera, in formato digitale, delle riprese relative alle zone individuate; Collegamento alla postazione di videosorveglianza presso ogni singolo Comune per la visione in tempo reale delle immagini riprese, su impianto IP che diverrà proprietà di ogni comune. Le immagini registrate dovranno essere facilmente utilizzabili e gestibili per quanto riguarda il trasporto su strumentazione in grado di visualizzare il contenuto in sicurezza; Il supporto di registrazione dovrà avere una autonomia di 7 e non più 7 giorni (con cancellazione automatica in forma ciclica) senza margini in difetto. le immagini registrate dovranno poter essere visualizzate sia singolarmente (immagine per immagine), sia tramite applicazione che consenta la visualizzazione del filmato; deve essere inclusa anche la possibilità di stampa dell immagine su normali stampanti, con dati di riferimento. La ricerca dell immagine deve essere semplice da richiamare, grafica e basata sulla cronologia. Le classi di rete, per sicurezza, dovranno essere diverse da quelle delle LAN comunali per ogni comune. Dovranno essere garantiti i massimi livelli di sicurezza, sia per la LAN interna sia per la WAN fornita dai comuni. Deve essere fornita la attività di firewalling con VPN. Visualizzazione installazione e regolazione tutte le operazioni di installazione e regolazione delle telecamere dovranno essere effettuate dalla ditta appaltatrice, rispettando le norme inerenti la tutela della privacy. Qualità e norme per la fornitura Tutti i materiali e apparecchiature oggetto dell appalto dovranno essere di primaria marca produttrice, nuovi originali e verificati preventivamente dal Corpo di Polizia Locale prima della loro installazione. 8

9 Il materiale fornito diventerà proprietà dell amministrazione appaltante solo previo collaudo definitivo con esito favorevole. Modalità di fornitura e installazione La fornitura e l installazione delle attrezzature oggetto dell appalto dovranno essere eseguite secondo la migliore tecnologia ed in base alle prescrizioni del Corpo di Polizia Locale, del progetto e delle specifiche tecniche ed inoltre in modo da rispondere perfettamente a tutte le condizioni prescritte nel presente documento. La ditta fornitrice sarà pienamente responsabile di tutti i danni arrecati, direttamente o tramite il proprio personale, ai veicoli, alle strutture ed agli impianti esistenti e/o in corso di realizzazione. Il fornitore non potrà eseguire qualsivoglia variante che non sia a carattere migliorativo, in relazione alle attività previste dal progetto senza la preventiva autorizzazione del Corpo di Polizia Locale. CONDIZIONI GENERALI nei di Comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave ART. 4 DESCRIZIONE GENERALE IMPIANTI E APPARATI In allegato, da pag. 34 la localizzazione fotografica dei punti di ripresa. Comune di Ponte di Piave (Ampliamento in aggiunta a telecamere esistenti) La documentazione dell impianto esistente collaudato e funzionante verrà messa a disposizione per presa visione alle partecipanti. Minimo 7 telecamere Via Roma lato municipio : 1 telecamera fissa, 1 telecamera mobile (1-2) Piazzale stazione FS: 1 telecamera fissa per controllo viale ingresso stazione, 1 mobile in verso opposto con controllo sottopassaggio ferroviario ed impianti sportivi adiacenti (3-4) Via Roma prima della chiesa su parcheggio: 1 mobile: per controllo arteria e parcheggio antistante (5) 7 9

10 Via Verdi : 1 mobile per controllo accesso campo baseball. (6) Via Terreni : 1 telecamera fissa per controllo ingresso scuole materne. (7) Frazione Negrisia (Successivo) Via Croce : 1 telecamera fissa verso chiesa (1) Via Croce : 1 telecamera mobile (2) Via De Faveri : 1 telecamera mobile (3) a riprendere retro istituto scolastico Frazione di Levada (Successivo) Via della Vittoria : 1 telecamera fissa vicino chiesa (1) Via della Vittoria : 1 telecamera mobile (2) Retro istituto scolastico : 1 telecamera mobile (3) Comune di Cimadolmo Minimo 5 telecamere. 10

11 Per San Michele di Piave Incrocio Via Roma Via Mazzini - Municipio : 1 telecamera fissa (1) Piazza Martiri : 1 telecamera mobile (anche su Via Baracca) (2) Incrocio Via Roma Via G. B. Lovadina : 1 telecamera fissa (3) Via G. B. Lovadina : 1 telecamera mobile (4) Via G. Menegaldo : 1 telecamera mobile (5) Frazione di San Michele di Piave (Successivo) Comune di Ormelle Minimo 5 telecamere 11

12 Piazza della Vittoria, di fronte al palazzo comunale : 1 telecamera mobile (1) Via Capitello della Salute Via Romana. Controllo scuola media palestra centro sociale: 1 telecamera mobile (2) Controllo direzione Roncadelle e direzione San Polo: 2 telecamere fisse: (3-4) Via Tempio: 1 telecamera fissa: (5). Frazione Tempio (Successivo) 1 1 telecamera mobile: Frazione Tempio. Incrocio Via Borgo Via Ferrandini. (1) Frazione Roncadelle (Successivo) 12

13 1 1 telecamera mobile: Frazione Roncadelle. Incrocio Via Dante Via San Maurizio Chiesa Piazza dei Caduti (con priorità poiché nel piazzale antistante hanno luogo manifestazioni anche in orario notturno). (1) Comune di Salgareda Minimo 5 telecamere Il Comando verrà trasferito a breve in una palazzina attigua alla Villa comunale dove verrà posto il nuovo centro stella. Controllo scuole medie impianti sportivi parco: 1 telecamera mobile (1) Via Roma Via Callunga: 1 telecamera fissa (2) Via Roma: 1 telecamera fissa (3) Palazzo comunale : 1 telecamera mobile (4) Via Roma Ufficio postale: 1 telecamera fissa (5) Frazione Campo di Pietra (Successivo) 13

14 1 1 telecamera mobile presso la frazione di Campo di Pietra Frazione Campobernardo (Successivo) 1 1 telecamera mobile presso la frazione di Campobernardo. Comune di San Polo di Piave Minimo 5 telecamere 14

15 Palazzo comunale: 2 telecamere contrapposte (1 fissa 1 fissa) (1 2) Via Papa Luciani - area scuole e palestra: 1 telecamera (fissa) (3) Via Mioni Patronato: 1 telecamera (fissa) (4) Via Mura Viale della Repubblica : 1 telecamera (mobile) (5) Le ditte partecipanti, nell ambito della propria offerta potranno, sempre nel limite massimo di spesa previsto nei successivi articoli, proporre anche soluzioni alternative al sito centro stella indicato. Va precisato che in Ponte di Piave il centro-stella è in municipio e la stazione di registrazione con i dati é presso il comando di polizia locale. In tutti gli altri comuni il centro-stella e la registrazione dati verranno ubicati presso le sedi esistenti o nuove di polizia locale. ART. 5 CONDIZIONI TECNICHE GENERALI DI GARA Le ditte partecipanti dovranno attentamente valutare tutte le condizioni, situazioni e circostanze che si renderanno necessarie per garantire la perfetta realizzazione e funzionalità di quanto richiesto in riferimento alle indicazioni fornite nel presente Capitolato Speciale d Appalto, tenendo conto di tutti gli oneri necessari per consegnare perfettamente funzionanti ed operative le apparecchiature in questione (software, hardware, licenze d uso software applicativo e sistema operativo, telecamere mobili e fisse, relativi gruppi di continuità, armadi locali a terra e/o a parete, eventuali ponti Wireless, pali, tralicci, staffe, canaline, cavi, scavi, ispezioni percorsi vie cavo, opere murarie, utilizzo mezzi speciali, realizzazioni linee alimentazione dai punti di centro stella o di fornitura più vicini ai punti di utilizzo, eventuale assistenza gestore sottoservizi cittadini, smaltimento imballaggi, messa a punto e prove del sistema, collaudo in loco, garanzie, manutenzione degli impianti ecc..). In particolare, oltre alle forniture hardware e software che dovranno tassativamente rispettare le caratteristiche minime più avanti descritte, si dovranno accuratamente considerare tutti gli oneri ed interventi accessori indispensabili per l installazione delle telecamere (tipo di palo, tipo di basamento, tipo di staffe, tipo di armadio, attrezzature di supporto, posizionamento di gruppi di continuità, metodi di ancoraggio ecc..), i collegamenti video/alimentazione (tipo di canalina, percorribilità cavedotti, ecc ), l alimentazione delle apparecchiature (distanza dal punto di fornitura energia, ecc..) il posizionamento dei dispositivi e strumentazione di supporto (minimizzazione dell impatto ambientale degli apparati con riduzione degli ingombri e colorazione idonea con il punto di 15

16 installazione ecc..) e comunque quanto altro utile per la realizzazione della prestazione a regola d arte in compatibilità di espansione di impianto. I singoli comuni garantiranno: il punto di alimentazione elettrica a 220 Va (per ogni singola apparecchiatura del sistema), nel luogo indicato in fase di sopralluogo che indicativamente sarà o da attingersi presso gli impianti elettrici degli edifici/proprietà pubblici sui quali verranno installate le apparecchiature o da interruttori già predisposti dal gestore della rete elettrica locale in prossimità dell apparecchiatura; I cavi ed i dispositivi elettrici sino al punto finale sono a carico della aggiudicataria; la disponibilità dei siti nei quali verranno installate le apparecchiature; i costi relativi ai consumi energetici delle apparecchiature installate; un accesso dedicato a internet tramite DSL o superiore per ogni singolo Comune. Le ditte partecipanti dovranno attentamente studiare la realizzazione della infrastruttura di rete IP, verificando la visibilità dei i vari punti (centri stella, singole postazioni telecamere, centrale Operativa ecc..) e conseguentemente dimensionando adeguatamente le apparecchiature di trasmissione ed i relativi supporti (pali, tralicci ecc..) per garantire qualità ed efficienza al sistema di videosorveglianza. Per l installazione dei supporti relativi agli apparati di trasmissione da posizionarsi su strutture e/o coperture/facciate di edifici pubblici si dovranno attentamente considerare le condizioni statiche e l impatto ambientale, pertanto dovranno essere garantite la massima stabilità e sicurezza dell installazione proposta nonché il minor impatto visivo possibile. I percorsi preferiti saranno ovviamente su cavidotti esistenti messi a disposizione da ogni comune, sui quali ogni partecipante espleterà le opportune verifiche di percorribilità. I comuni si riservano comunque, in accordo con la ditta aggiudicataria, di variare l ubicazione del centro stella indicato nel presente Capitolato, qualora particolari condizioni operative quindi determinatesi rendessero più idonea la collocazione in siti diversi da quello segnalato. Per quanto attiene il posizionamento di telecamere su palo/traliccio o struttura segnaletica (vedere posizioni indicative art. 37) le ditte dovranno nella propria offerta comprendere tutti gli oneri necessari per la fornitura del palo/traliccio, dei basamenti, degli armadi di supporto (simili a quelli in uso nell area interessata), dei collegamenti e quadri elettrici, delle protezioni occorrenti, dei cartelli indicatori la ripresa e quanto altro necessario per la realizzazione completa e a regola d arte delle strutture di supporto alle telecamere. Tutti gli impianti eseguiti dovranno essere realizzati a regola d arte e dovranno essere prodotte le certificazioni previste dalla vigente normativa in materia e la documentazione di fabbrica e la documentazione dell impianto IP. Tutte le informazioni e comandi del software applicativo di gestione, dei controlli/impostazione telecamere, i libretti di istruzione e quanto altro fornito in forma cartacea o digitale dovranno tassativamente essere in lingua italiana. Prima della formulazione dell offerta ogni ditta partecipante dovrà effettuare obbligatoriamente un sopralluogo in tutte le aree, proprietà ed edifici interessati dal sistema di videosorveglianza e rilasciare apposita dichiarazione che attesti di aver ricevuto tutte le informazioni e dati necessari per la corretta elaborazione dell offerta nonché una dichiarazione che attesti di aver visionato i siti. Tale ultima dichiarazione deve essere sottoscritta, altresì, da delegato della stazione appaltante (allegato 4 del bando). Verrà stilato un calendario di sopralluogo per ogni comune, comunicato alle partecipanti, e sarà disponibile un tecnico incaricato di illustrare la realtà territoriale su appuntamento concordati con la stazione appaltante, anche riunito con più imprese partecipanti. ART. 6 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELLA GARA 16

17 Le modalità di espletamento della gara sono quelle indicate nel bando e nel disciplinare. ART. 7 INIZIO E TERMINE FORNITURA, POSA E INTERVENTI ACCESSORI Il tempo massimo per fornitura e posa di sistema di videosorveglianza completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale operativa è stabilito in giorni 90 (novanta) per quanto attiene le prestazioni indicate nel successivo art. 20 Sezione A. I giorni s intendono naturali, successivi e continuativi, decorrenti dalla data del verbale di consegna, oltre a quelli di andamento stagionale sfavorevole nella misura delle normali previsioni (30 gg. annui - art. 1 Legge 10/12/1981 N. 741). L ultimazione coinciderà con la messa in servizio dell intero sistema e successivamente alla data del certificato di regolare esecuzione. Relativamente alle prestazioni indicate nel successivo art. 21 Sezione B, verrà definito in fase di aggiudicazione, tramite accordo tra le parti (stazione appaltante e ditta aggiudicataria), l eventuale necessità di proroga del termine di ultimazione della fornitura. Nessun fatto od avvenimento potrà essere addotto a giustificazione di eventuali ritardi rispetto ai termini suindicati, tuttavia la stazione appaltante previa tempestiva domanda del fornitore potrà concedere una proroga per la consegna ove le ragioni prospettate rivestano carattere di forza maggiore. Tale facoltà non costituisce per la ditta un diritto. I controlli della quantità, della qualità, della conformità e della messa in opera, secondo i requisiti imposti, saranno effettuati da soggetti addetti della stazione appaltante che seguirà lo svolgimento dei lavori e delle forniture. L accettazione della merce non solleva l appaltatore dalle responsabilità in ordine ai vizi apparenti ed occulti della merce non immediatamente rilevati o rilevabili. ART. 8 DEPOSITO CAUZIONALE 8.1 DEPOSITO CAUZIONALE PROVVISORIO Per partecipare alla gara è necessaria la costituzione di un deposito cauzionale provvisorio, a garanzia della sottoscrizione pari al 2% dell importo posto a base di gara con deroga su D.Lgs. 163/2006 art.75 comma 7. L importo totale della cauzione dovrà quindi essere di 4.400,00 (quattromilaquattrocento/00). Non è consentito, a pena esclusione, costituire depositi in misura inferiore a quella indicata. Il documento originale, attestante la cauzione, che dovrà essere costituita secondo quanto indicato al successivo punto 8.3, dovrà essere presentato congiuntamente all offerta, pena l esclusione della gara. Il deposito cauzionale provvisorio sarà restituito ai concorrenti non aggiudicatari subito dopo l aggiudicazione della gara, mentre quello della ditta aggiudicataria resterà vincolato e dovrà essere valido fino alla costituzione del deposito cauzionale definitivo. Le fideiussioni o le polizze assicurative dovranno avere una validità minima di 180 giorni decorrenti dalla data di presentazione dell offerta. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante (art. 75, D. Lgs. 163/2006). L offerta è, altresì, corredata a pena di esclusione, dall impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l esecuzione del contratto, di cui all art. 113, D. Lgs. 163/2006, qualora l offerente risultasse affidatario. 8.2 DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO 17

18 La ditta aggiudicataria è obbligata a costituire una garanzia fideiussoria del 10 per cento dell importo di gara. La garanzia copre gli oneri per il mancato o inesatto adempimento e cessa di aver effetto solo alla data di emissione del certificato di regolare esecuzione. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante (art. 113, D. Lgs. 163/2006). L importo del deposito sarà precisato nella lettera di comunicazione dell aggiudicazione. 8.3 MODALITA DI COSTITUZIONE Il deposito cauzionale, potrà essere costituito con una delle seguenti modalità alternative: in contanti; b) mediante fideiussione bancaria ( rilasciata da Aziende di credito di cui all art 5 del R.D.L , n. 375 e successive modificazioni e/o integrazioni ) o polizza assicurativa ( rilasciata da impresa di assicurazioni, debitamente autorizzata all esercizio del ramo cauzioni, ai sensi del D.P.R , n. 449 e successive modificazioni e/o integrazioni ) oppure polizza rilasciata da intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107, D. Lgs. 385/1993, che svolgano in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell Economia e delle Finanze. In ogni caso il deposito cauzionale deve essere effettuato con un unico tipo di valori. ART. 9 TRATTAMENTO DEI DATI Ai sensi della Legge 675/96, si informa che i dati forniti dalle Imprese sono trattati, dalla stazione appaltante, esclusivamente per le finalità connesse alla gara e per l eventuale successiva stipula e gestione del contratto. Il titolare del trattamento dei dati in questione è la stazione appaltante. ART. 10 VALIDITÀ DELLA GRADUATORIA In caso di revoca dell aggiudicazione o risoluzione del contratto, la stazione appaltante si riserva la facoltà di aggiudicare la gara alla ditta che segue la prima, nella graduatoria formulata nel verbale di aggiudicazione ovvero approvata con il provvedimento di aggiudicazione, alle medesime condizioni proposte in sede di gara. Entro i termini di validità dell offerta, indicati nel bando di gara, la concorrente, classificata in posizione utile in graduatoria, sarà tenuta ad accettare l aggiudicazione, salvo comprovate e sopravvenute cause che impediscano la stipulazione del contratto. ART. 11 ORDINE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO Successivamente all aggiudicazione si addiverrà alla formale stipulazione del contratto, le cui spese sono a carico dell affidatario. La stazione appaltante darà avvio alla prestazione contrattuale con l emissione di apposito ordine, anche in pendenza della stipulazione del contratto. ART. 12 PAGAMENTI Il pagamento della fattura della prestazione oggetto del contratto avverrà in unica soluzione, il relativo mandato di pagamento verrà emesso entro 30 giorni solari dalla data del certificato di regolare esecuzione, o, se successiva, dalla data di presentazione della fattura. Il pagamento è, comunque, subordinato alla stipulazione del contratto. In caso di emissione di fattura irregolare, il termine di pagamento verrà sospeso dalla data d intervenuta contestazione da parte della stazione appaltante. 18

19 ART. 13 ESECUZIONE IN DANNO Qualora l appaltatore ometta di eseguire, anche parzialmente, la prestazione oggetto del contratto con le modalità ed entro i termini previsti, la stazione appaltante potrà ordinare ad altra ditta, senza alcuna formalità, l esecuzione parziale o totale di quanto omesso dall appaltatore stesso, al quale saranno addebitati i relativi costi ed i danni eventualmente derivati alla stazione appaltante. Per la rifusione dei danni ed il pagamento di penalità, la stazione appaltante potrà rivalersi, mediante trattenute, sugli eventuali crediti dell appaltatore ovvero, in mancanza, sul deposito cauzionale che dovrà, in tal caso, essere immediatamente reintegrato. ART. 14 RESPONSABILITA L appaltatrice è responsabile dell esatto adempimento del contratto, di conseguenza, risponderà nei confronti dei terzi e della stazione appaltante per l inadempimento alle obbligazioni contrattuali. Durante l esecuzione del contratto, l assuntrice è responsabile per danni derivanti a terzi anche dall operato dei propri dipendenti e pertanto, dovrà adottare tutti i provvedimenti e le cautele necessari, con l obbligo del controllo. E fatto dunque obbligo all assuntrice di mantenere la stazione appaltante sollevata ed indenne contro azioni legali derivanti da richieste risarcitorie per danni, avanzate da terzi danneggiati. L appaltatrice sarà comunque tenuta a risarcire la stazione appaltante del danno causato da ogni adempimento alle obbligazioni derivanti dal presente Capitolato Speciale d Appalto ogni qualvolta venga accertato che tale danno si sia verificato in violazione alle direttive impartite dalla stazione appaltante. ART. 15 SPESE, IMPOSTE E TASSE Tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto, sono a carico della ditta aggiudicataria. Per quanto riguarda l I.V.A. si fa espresso rinvio alle disposizioni di legge in materia. ART. 16 CESSIONE DEL CONTRATTO Per la ditta contraente è vietata la cessione anche parziale del contratto. Si applica l art. 116, D. Lgs. 163/2006 nei casi di cessione di azienda e atti di trasformazione, fusione e scissione societaria. Subappalto La ditta aggiudicataria potrà procedere al subappalto nel rispetto delle normative vigenti in materia. Il concorrente deve indicare all atto di partecipazione alla gara le parti dell appalto che intende subappaltare; in caso contrario non sarà autorizzato il subappalto. Divieto di cessione È vietata la cessione, anche parziale del contratto. Nel caso di cessione d azienda o di ramo d azienda e negli altri casi in cui l impresa fornitrice sia oggetto di atti di trasformazione a seguito dei quali perda la propria identità giuridica la cessione del contratto ha efficacia solo qualora espressamente accettata dalla stazione appaltante. ART. 17 FORO COMPETENTE Per tutte le controversie, che dovessero insorgere in dipendenza del presente Capitolato e del conseguente Contratto, è competente, esclusivamente, il Giudice Ordinario. ART. 18 RINVIO A NORME DI DIRITTO VIGENTI 19

20 Per quanto non è contemplato nel presente Capitolato, si fa rinvio alle Leggi e Regolamenti in vigore. CONDIZIONI SPECIALI ART. 19 DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE La stazione appaltante per la fornitura e posa di sistema di videosorveglianza IP completo di apparati di trasmissione e di supporto, componenti hardware e software tramite utilizzo di punti di ripresa collegati a centrale Operativa. riconoscerà alla ditta aggiudicataria l importo di ,00 (duecentoventimila/00) I.V.A. esclusa omnicomprensivo di tutti gli oneri, anche quelli per la sicurezza, necessari per consegnare perfettamente funzionanti ed operative le apparecchiature in questione (software, hardware, licenze d uso software applicativo e sistema operativo, telecamere mobili e fisse, armadi locali, eventuali ponti wireless, pali, staffe, canaline, cavi, scavi, ispezioni percorsi vie cavo, opere murarie, utilizzo mezzi speciali, realizzazioni linee alimentazione dai punti di fornitura ai punti di utilizzo, eventuale assistenza gestore sottoservizi cittadini, smaltimento imballaggi, messa a punto e prove del sistema, collaudo in loco, garanzie, manutenzione degli impianti ecc..). La prestazione oggetto di gara si articola in due sezioni e precisamente: SEZIONE A _ comprendente la dotazione minima di prestazioni da fornire (condizione essenziale di partecipazione alla gara) a fronte dell importo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa (le ditte che nella propria offerta non garantiranno quanto previsto nella SEZIONE A saranno escluse dalla gara). SEZIONE B _ comprendente oltre alla dotazione minima di prestazioni prevista nella SEZIONE A, prestazioni opzionali aggiuntive sempre a fronte dell importo complessivo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa. Nel presente Capitolato Speciale d Appalto sono descritte le caratteristiche minime dei vari componenti del sistema di videosorveglianza (software, hardware, software applicativo, sistema operativo, telecamere mobili e fisse, rete Wireless, ecc..) che costituiscono la dotazione tecnica minima che dovrà essere garantita, pena l esclusione dalla gara. Sono inoltre indicati i punti di ripresa (telecamere mobili / fisse) suddivisi tra quelli compresi nella Sezione A e quelli inseriti nella Sezione B. ART. 20 IDENTIFICAZIONE SEZIONE A A fronte della dell importo riconosciuto di ,00 I.V.A. esclusa la ditta aggiudicataria dovrà garantire, pena l esclusione dalla gara, quanto di seguito specificato: realizzazione completa e funzionante dei sistemi di interconnessione nei comuni di Ponte di Piave, Cimadolmo, Ormelle, Salgareda, San Polo di Piave; è utile rammentare che i citati sistemi di interconnessione dovranno essere consegnati in proprietà ai comuni ed essere dimensionati in garanzia della scalabilità in relazione a esigenze successive dei committenti, anche soggettivamente; realizzazione completa e funzionante delle centrali operative in ciascuna sede municipale eccetto Ponte di Piave; installazione e collegamento alla Centrale Operativa di riferimento di n 7 punti di ripresa nel territorio del Comune di Ponte di Piave (Mobili n 4, Fisse n 3 ); installazione e collegamento alla Centrale Operativa di riferimento di n 5 punti di ripresa nel territorio del Comune di Cimadolmo (Mobili n 3, Fisse n 2); 20

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI

FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI / COMUNE DI MANIACE COD.FISC.: 93005530873 P.IVA : 01781170871 Provincia di Catania tel 095/690139 FAX 095/690718 FORNITURA DI N. 15 GENERATORI ELETTRICI Progetto a valere sulle risorse del Gal Etna misura

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C.

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. n 442/2001) PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI UNA SOLUZIONE INFORMATICA-SOFTWARE E

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI UNA SOLUZIONE INFORMATICA-SOFTWARE E DISCIPLINARE DI PROCEDURA IN ECONOMIA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA PADOVA FORNITURA DI UNA SOLUZIONE INFORMATICA-SOFTWARE E RELATIVI SERVIZI DI IMPLEMENTAZIONE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 ENTE APPALTANTE: Comune di Cusano Milanino Piazza Martiri di

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE Cuggiono (MI) Via Ugo Foscolo e Scuola Media 1 SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: E.E.S.CO.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE SANTOBONO-PAUSILIPON VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 CONTRATTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO ANNUALE (PROROGABILE DI UN ULTERIORE ANNO)

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

AREA TECNICA. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA (ai sensi dell art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, del vigente D.Lgs.

AREA TECNICA. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA (ai sensi dell art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, del vigente D.Lgs. BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA (ai sensi dell art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, del vigente D.Lgs. 163/2006) Per l appalto dei lavori di Riqualificazione urbanistica delle aree periferiche

Dettagli

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE ALL. A AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI PULIZIA E FACCHINAGGIO PER LA SEDE DELLA SOGESID S.P.A. DI ROMA E PER LA FORESTERIA MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel.

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. BANDO DI GARA: APPALTO N. 1/2014 CIG 567040563B 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. 02/88463.267 Fax 02/884.66.237 2.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI LOTTO 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI. (PERIODO: gennaio 2016/ dicembre 2016) CIG:

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza Articolo 3 Titolare e Responsabile del trattamento dati Articolo 4 Incaricati del trattamento dati Articolo

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

IIS via C. Emery 97 C.F. 97804430581 - Cod. Mec. RMIS11100B - Distr. Scol. XXVIII

IIS via C. Emery 97 C.F. 97804430581 - Cod. Mec. RMIS11100B - Distr. Scol. XXVIII MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO IIS via C. Emery 97 C.F. 97804430581 - Cod. Mec. RMIS11100B - Distr. Scol. XXVIII EN ISO 9001: 2008

Dettagli

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI CAPITOLATO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE A MEZZO POMPA DI CALORE ARIA ARIA TIPO SPLIT DA REALIZZARE PRESSO

Dettagli

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa Allegato sub. A SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/62311 Fax 0588/65470 Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014 Alle

Dettagli

BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DELLA FORNITURA DI PRODOTTI VENDIBILI IN FARMACIA

BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DELLA FORNITURA DI PRODOTTI VENDIBILI IN FARMACIA BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DELLA FORNITURA DI PRODOTTI VENDIBILI IN FARMACIA 1. STAZIONE APPALTANTE: AMEA SpA che gestisce la Farmacia Comunale di Paliano. La Stazione

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

TERMINE DI ESECUZIONE:

TERMINE DI ESECUZIONE: C O M U N E D I M O L A D I B A R I Provincia di Bari Settore VIII Lavori Pubblici e Manutenzioni Profilo Committente: www.comune.moladibari.ba.it BANDO DI GARA 1. STAZIONE APPALTANTE: Comune di Mola di

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: ALLEGATO C) Rep. n... del.. COMUNE DI CAVEZZO Provincia di Modena CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE DELL AREA / AREE IN LOCALITA CAVEZZO. PER L ALLESTIMENTO A VERDE E LA MANUTENZIONE L anno duemilasette del

Dettagli

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase COMUNE DI FRANCAVILLA DI SICILIA P R O V I N C I A D I M E S S I N A Ente del Parco Fluviale dell Alcantara Area Tecnica Lavori Pubblici Servizio Idroelettrico Piazza Annunziata n. 3 98034 Francavilla

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it Procedura negoziata per l'affidamento in cottimo fiduciario della fornitura relativa all'adeguamento tecnologico, all'ampliamento ed alla manutenzione in sede ed a campo del sistema di videosorveglianza

Dettagli

Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale rappresentante)

Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale rappresentante) DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODULO I Procedura ristretta accelerata per l affidamento delle prestazioni relative all allestimento della mostra temporanea dal titolo provvisorio

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 LOTTO 1 CIG. 634030378C Responsabilità civile terzi Responsabilità civile verso prestatori d opera

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART. 1 Oggetto dell appalto Il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell ente locale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA Provincia di Torino SETTORE POLITICHE EDUCATIVE E SOCIALI UFFICIO ISTRUZIONE CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA PERIODO SETTEMBRE 2015 GIUGNO 2020 1 INDICE

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO,

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, CONTRATTO REP. N. DEL AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, ESTESO AL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI AVELLINO E BENEVENTO

Dettagli

Gestione Patrimonio Agricolo - Forestale Regionale BANDITE DI SCARLINO

Gestione Patrimonio Agricolo - Forestale Regionale BANDITE DI SCARLINO AFFIDAMENTO SERVIZIO GESTIONE PARCHEGGIO A PAGAMENTO CON CUSTODIA LOC. VAL MARTINA NEL COMUNE DI SCARLINO CAPITOLATO D ONERI 1) Oggetto appalto : servizio di gestione del parcheggio pubblico a pagamento

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Allegato 1 CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Art. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA L appalto ha per oggetto la fornitura di

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA Presidio Ospedaliero Nord S.MARIA GORETTI DI LATINA SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UNA RM 1,5 T, L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano

COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA EDIFICI ED AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 09.06.2011 1/5 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

BUSTA A: chiusa e sigillata con scritto Documentazione amministrativa : 1) da fac simile allegato; 2) 3)

BUSTA A: chiusa e sigillata con scritto Documentazione amministrativa : 1) da fac simile allegato; 2) 3) 89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 DISCIPLINARE DI GARA INFORMALE Procedura per l individuazione di una ditta cui affidare il

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la manutenzione ordinaria e straordinaria dell impianto di illuminazione pubblica di tutto il territorio comunale, ivi compreso le linee elettriche

Dettagli

C o m u n e d i B a r i

C o m u n e d i B a r i C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA Servizi assicurativi polizze rischi: incendio, furto, rca/ard/infortuni, responsabilità civile patrimoniale dell ente, tutela legale, dal 1 gennaio 2012 al

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA PER

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA PER AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA Azienda Unità Sanitaria Locale Latina con sede legale in V.le P.L. Nervi Centro Direzionale Latinafiori/torre G2 04100 Latina codice fiscale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI LEASING IMMOBILIARE FINALIZZATO ALL ACQUISTO DELL IMMOBILE PROVANA S.P.A. DESTINATO A NUOVA SEDE UFFICI COMUNALI. (leasing immobiliare

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO ASSICURATIVO POLIZZA RCT/RCO

DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO ASSICURATIVO POLIZZA RCT/RCO C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO ASSICURATIVO POLIZZA RCT/RCO Pagina 1 di 7 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio assicurativo della responsabilità civile

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente appalto è relativo alla fornitura, consegna e installazione di attrezzature cardiovascolari, isotoniche e altro

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta art. 3, comma 37 e Art.

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA Atti 1517/2006 all.10 $%&' I N D I C E Art. 1 Oggetto del capitolato Art. 2 Durata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di dispositivi medici occorrenti al servizio di radiologia interventistica e vascolare

Dettagli

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE Tra: l sig. o la società.,sede legale, persona del legale rappresentante pro-tempore, in proprio nonché quale procuratore di.,

Dettagli

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con sede in Ponte di Piave Piazza G. Garibaldi n 1, C.F. 80011510262

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura Art. 2 Importo dell appalto Art. 3 Caratteristiche della fornitura Art. 4 Criteri di aggiudicazione Art. 5 Termini e luoghi

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Determinazione n. 291 del 22/06/2012

Determinazione n. 291 del 22/06/2012 REGISTRO DELLE DETERMINAZIONI DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI Determinazione n. 291 del 22/06/2012 SERVIZIO DI DIREZIONE O G G E T T O: FORNITURA E POSA IN OPERA PER UPGRADE E CONVERSIONE IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI ACQUISTI MICHELIN ITALIA Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1 CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. Premessa... 3 2. Principi etici... 3 3. Prezzi... 3 4. Consegna della fornitura... 3 5.

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software

Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software Prot. n. 3318/C15 Cava de Tirereni,29/10/2014 Oggetto: Avviso di gara a licitazione privata per contratto di manutenzione ed assistenza tecnica informatica hardware/software IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Vista

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno Via dei Lavoratori, 21 57016 Rosignano Marittimo (LI) tel. 0039 0586/724434 fax 0586/724274 Capitolato Speciale d Appalto per la fornitura di gas GPL per le

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Allegato A alla Determinazione Dirigenziale n - del PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Operativa

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO DEL 04/08/2015

RICHIESTE DI CHIARIMENTO DEL 04/08/2015 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA SULL AREA GESTIONALE (SISTEMA ESACE) DEL SISTEMA INFORMATIVO DI SACE CIG 6315997D98 RICHIESTE DI CHIARIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE - DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO CENTRALE ACQUISTI BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA

COMUNE DI FIRENZE - DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO CENTRALE ACQUISTI BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA COMUNE DI FIRENZE - DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO CENTRALE ACQUISTI BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante:comune di Firenze - Direzione Risorse Finanziarie, Servizio Centrale Acquisti,

Dettagli

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa.

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa. OGGETTO: Bando di gara per la fornitura ed installazione degli apparati necessari all implementazione di un area WIFI nella scuola Numero di Gara CIG Z910EB074F In esecuzione del Decreto Prot N 1073 del

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/07/2015-31/12/2019 CIG Z441113766

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/07/2015-31/12/2019 CIG Z441113766 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 01/07/2015-31/12/2019 CIG Z441113766 In esecuzione delle deliberazioni di Giunta Comunale n. n. 148 del 17 settembre 2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI ALLEGATO A COMUNE DI FIRENZE Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE ART. 1 Oggetto

Dettagli

Premessa Di seguito si rappresentano gli elementi caratterizzanti l Istituto evidenziati in seguito nell allegato 2 (SCHEMA CAPITOLATO TECNICO):

Premessa Di seguito si rappresentano gli elementi caratterizzanti l Istituto evidenziati in seguito nell allegato 2 (SCHEMA CAPITOLATO TECNICO): Codice G.I.G. ZAF1679E33 LETTERA INVITO PER PROCEDURA NEGOZIATA ( COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART.125 D.LGS N.163/2006 e s.m.i.) PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA DURATA DI 48 MESI Periodo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di manutenzione programmata e straordinaria

Dettagli