LA GUIDA DEL PESCATURISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GUIDA DEL PESCATURISMO"

Transcript

1 LA GUIDA DEL PESCATURISMO Nell oscurità il vecchio sentì giungere il mattino e mentre remava udì il suono tremolante dei pesci volanti che uscivano dall acqua e il sibilo fatto dalle rigide ali tese mentre si allontanavano librate nel buio. Il Vecchio e il Mare Ernest Hemingway Indice 1

2 Introduzione..pag 3 Che cos è il pescaturismo...pag 3 La normativa che regola il pescaturismo.....pag 3 Gli strumenti della pesca...pag 9 Itinerari pag 18 INTRODUZIONE Una giornata a bordo di un peschereccio in compagnia dei pescatori che ci guidano nella conoscenza dell ambiente costiero e del mare con i suoi segreti e le sue leggende, osservare i metodi della pesca tradizionale e gustare a bordo il pesce appena pescato e cucinato con le ricette della tradizione locale, raggiungere i punti inaccessibili da terra per immergersi in acque limpide alla scoperta dei gioielli naturalistici che la nostra terra offre. 2

3 CHE COS E IL PESCATURISMO Il pescaturismo è definito (D.M. 293/1999) come l attività intrapresa dall armatore singolo, impresa o cooperativa, di nave da pesca costiera locale o ravvicinata, che imbarca sulla propria unità persone diverse dall equipaggio per lo svolgimento di attività turistico ricreative. Nasce con l intento di creare un integrazione al reddito dei pescatori ma si trasforma velocemente in un nuovo modo di concepire l ospitalità turistica per chi vuol provare il contatto con il mare usufruendo dell esperienza di coloro che del mare vivono, i pescatori. L offerta è quella di trascorrere una vacanza alla scoperta del mare e della pesca professionale, i suoi ritmi e le sue tradizioni. L opportunità di trascorrere una giornata su un peschereccio accompagnato dal folclore e dal fascino che nell immaginario collettivo ha sempre suscitato la figura del pescatore, il vecchio e il mare. LA NORMATIVA CHE REGOLA IL PESCATURISMO Il pescaturismo è descritto per la prima volta dalla legge 17 febbraio 1982 n. 41 Piano per la realizzazione e lo sviluppo della pesca marittima, successivamente modificata dalla Legge 165/92. Attualmente è in vigore il Decreto Ministeriale numero 293 del 13 aprile 1999, i cui punti vengono di seguito schematicamente riportati, che semplifica la normativa e trasmette un sostanziale impulso all attività. Si tratta del Regolamento recante norme in materia di disciplina dell attività di pesca-turismo, in attuazione dell art. 27-bis della legge 17 febbraio 1982 n. 41, e successive modificazioni. Tra le iniziative di pescaturismo rientrano: a) Lo svolgimento di attività pratica di pesca sportiva mediante l impiego degli attrezzi da pesca sportiva. b) Lo svolgimento di attività turistico-ricreative nell ottica della divulgazione della cultura del mare e della pesca, quali, in particolare, brevi escursioni lungo le coste, osservazione delle attività di pesca professionale, ristorazione a bordo o a terra. c) Lo svolgimento di attività finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione dell ambiente costiero, delle lagune costiere e, ove autorizzate dalla regione competente, delle acque interne, nonché ad avvicinare il grande pubblico al mondo della pesca professionale. 3

4 Principali aspetti normativi a) L attività di pescaturismo può essere esercitata in tutto l arco dell anno, in ore diurne e notturne e anche nei giorni festivi con condizioni meteo-marine favorevoli. Nel periodo che va dal 1 novembre al 30 aprile l imbarcazione deve possedere a bordo sistemazioni, anche amovibili, per il ricovero al coperto degli escursionisti. b) Le unità adibite all esercizio della pescaturismo sono obbligate a ricondurre nel porto di partenza le persone imbarcate, ovvero in caso di necessità, in altro porto del compatimento. c) E autorizzato l imbarco di minori di 14 anni se accompagnati da persona maggiorenne. d) L attività di pescaturismo può essere svolta non oltre le sei miglia per le imbarcazioni autorizzate alla pesca costiera locale e non oltre le venti miglia per le imbarcazioni autorizzate alla pesca costiera ravvicinata nell ambito del compartimento di iscrizione ed in quelli confinanti. Attrezzi autorizzati durante l attività di pesca turismo 1. L attività può essere svolta dalle unità da pesca con i reti da posta, palangari, lenze, nasse ed arpioni, se previsti nella licenza di pesca. 2. Gli armatori di unità munite di licenza di pesca riportanti sistemi a traino, previa rinuncia agli stessi, possono esercitare l attività di pesca-turismo con tutti i sistemi consentiti dall art. 19 del D.M. 26/07/95, mediante il rilascio di una attestazione provvisoria da parte del capo del compartimento marittimo del luogo di iscrizione dell unita da pesca interessata. I sistemi a traino sono sbarcati e sigillati, prima dell inizio dell attività di pesca turismo, dalla locale autorità marittima. 3. Quando l attività di pesca-turismo è effettuata utilizzando gli attrezzi da pesca sportiva, il comandante ne cura la sistemazione in maniera che non rechino intralcio al normale svolgimento dell attività di bordo durante la navigazione. 4

5 ITER AMMINISTRATIVI PER L AUTORIZZAZIONE AL PESCATURISMO Per ottenere l autorizzazione all esercizio dell attività di pescaturismo deve essere presentata apposita domanda al capo del Compartimento Marittimo del luogo d iscrizione della nave. La domanda deve contenere i dati identificativi dell armatore e dell unità da pesca, il luogo di imbarco dei turisti, le tariffe applicate e deve essere corredata della seguente documentazione: Copia delle annotazioni di sicurezza; Copia della prova di stabilità e/o copia della prova occasionale di stabilità; Copia delle annotazioni di sicurezza finalizzate esclusivamente all esercizio del pescaturismo. L autorizzazione al pescaturismo è rilasciata dal Capo del Compartimento Marittimo del luogo d iscrizione della nave tenuto conto degli accertamenti di sicurezza eseguiti anche per il tramite degli uffici marittimi dipendenti e della prova pratica di stabilità. Le annotazioni di Sicurezza finalizzate esclusivamente all esercizio del pescaturismo hanno la medesima validità temporale di quelle per l esercizio della pesca (3 anni). Il capo del Compartimento Marittimo, in sede di rilascio dell autorizzazione, fissa il numero massimo di persone imbarcabili (fino ad un massimo di 12persone). L autorizzazione per il pescaturismo deve essere rilasciata entro 60 giorni dalla presentazione della domanda e l esercente l attività è tenuto ad aggiornare la documentazione relativa alla sicurezza. L imbarcazione ed il personale devono essere in regola con la vigente normativa sulla sicurezza sul lavoro e sulla normativa di igiene e sicurezza alimentare. Condizioni di sicurezza e sanitarie Le navi destinate all esercizio dell attività di pesca-turismo devono essere provviste del materiale sanitario indicato nelle istruzioni annesse al decreto 25 maggio 1988, n 279 del Ministero della Sanità, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n 170 del 25 maggio 1998 e di seguito riportato: Il materiale sanitario non scaduto deve essere conservato in cassette di medicinali con pareti rigide, facilmente asportabile, a tenuta stagna e galleggiante, contenenti: - 1 flacone da 250 cc di disinfettante a base d ammonio quaternario; - 1 flacone di vetro scuro d ammoniaca; - 5 confezioni di varie misure di bende; - 1 confezione di cerotti medicati ed una di cerotto adesivo; - 1 pacco da 250 gr. di cotone idrofilo; - 1 forbice comune; - 1 confezione di varie misure di garza idrofila in compresse; 5

6 - 1 confezione di garza vaselinata in compresse; - 1 confezione di guanti monouso; - 1 confezione di stecche per fratture. Le imbarcazioni autorizzate all attività di pescaturismo devono essere in regola e avere a bordo i mezzi di salvataggio come previsto dal D.M. 5 agosto 2002 N tali mezzi possono essere suddivisi in individuali e collettivi. I mezzi di salvataggio collettivi ed individuali nonché i mezzi antincendio devono essere conformi alla normativa vigente, devono essere mantenuti in buono stato di funzionamento ed essere pronti all'uso immediato in ogni momento. Mezzi di salvataggio collettivi delle navi abilitate alla pesca costiera locale 1. Le navi abilitate alla pesca costiera locale devono essere dotate di zattere di salvataggio di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo, ovvero di apparecchi galleggianti approvati di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo. 2. Le navi abilitate alla pesca costiera locale possono essere autorizzate dal Capo del compartimento marittimo di iscrizione a estendere la navigazione fino a 12 miglia dalla costa previo parere favorevole dell'ente tecnico e imbarco di zattere di salvataggio di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo. L'autorizzazione e' annotata sulla licenza di navigazione e la sua scadenza coincide con quella delle annotazioni di sicurezza. 3. Le navi che svolgono attivita' di pesca ad una distanza massima di tre miglia dalla costa non hanno l'obbligo di essere dotate di mezzi di salvataggio collettivi. Mezzi di salvataggio collettivi delle navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata Le navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata con limitazione della navigazione entro 20 miglia dalla costa devono essere dotate di zattere di salvataggio di capacità sufficiente per tutte le persone a bordo. Misure individuali Per ogni persona presente a bordo è richiesta una cintura di salvataggio dotata di luce. Per i salvagenti anulari si hanno le seguenti disposizioni: Le navi di lunghezza inferiore a 10 metri, ad eccezione di quelle operanti entro un miglio dalla costa, devono essere dotate di un salvagente anulare munito di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Le navi di lunghezza inferiore a 24 metri ma uguali o superiori a 10 metri devono essere dotate di un salvagente anulare munito di luce ad accensione automatica e di 6

7 boetta fumogena e di un salvagente anulare dotato di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Le navi di lunghezza uguale o superiore a 24 devono essere dotate di 2 salvagente anulari muniti di luce ad accensione automatica e di boetta fumogena e di due salvagente anulari, uno per lato, dotati di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Per l imbarco di ragazzi ai età inferiore ai 14 anni, le unità devono essere dotate di mezzi di salvataggio individuali per bambini. Le unità devono inoltre tenere a bordo, come previsto dal DM 218 del 05/08/2002, segnali di soccorso costituiti da razzi a paracadute e luce rossa e segnali a luce rossa, mezzi antincendio, carte nautiche delle zone in cui operano, bussole. Le unità dovranno essere in possesso del certificato di annotazioni di sicurezza in regolare corso di validità. Per le esigenze delle persone imbarcate, ove non previsto delle pertinenti disposizioni del regolamento di sicurezza per la pesca, le unità autorizzate alla pesca-turismo devono essere dotate di apparato radiofonico VHF, anche di tipo portatile. Disposizioni relative alle cooperative e alle aziende concessionarie Le cooperative di pesca e le imprese di pesca, in relazione alle esigenze di riconversione delle attività di pesca ed in considerazione dei problemi occupazionali e sociali connessi, possono essere autorizzate ad esercitare l attività di pesca turismo, mediante utilizzazione di navi non superiori a 10 tonnellate di stazza lorda a tale fine esclusivo, con i sistemi previsti dall art. 19 del D.M. 26 luglio 1995, ad esclusione dei palangari. Per tali unità, che potranno esercitare l attività nel limite delle sei miglia, saranno applicate le norme in vigore sulla sicurezza inerenti l attività di pesca costiera locale. Il regime di cui al primo comma non si applica alle navi di nuova costruzione che abbiano avuto il nulla osta per l iscrizione quale nave da pesca nel pertinente registro. Le cooperative e le imprese concessionarie di specchi acquei per la mitilicoltura, l allevamento in mare e le tonnare possono intraprendere l attività di pesca-turismo all interno dell area asservita in concessione con imbarcazioni iscritte alla quinta categoria. 7

8 Imbarcazione di pesca turismo GLI STRUMENTI DELLA PESCA Il pescaturismo può essere realizzato sia con le imbarcazioni della piccola pesca che con le imbarcazioni a strascico a patto che quest ultime sigillino il proprio mestiere (lo strascico) ed utilizzino per la pesca gli strumenti della piccola pesca in licenza. GLI ATTREZZI DELLA PICCOLA PESCA (art. 19 del D.M. 26 luglio 1995) La piccola pesca costiera è praticata da imbarcazioni non superiori a 10 TSL o 12 metri di Lunghezza Fuori Tutto. Gli attrezzi utilizzati sono: RETI DA POSTA NASSE PALANGARI LENZE ARPIONE RETI DA POSTA Le reti da posta sono attrezzi passivi: infatti non si muovono incontro agli organismi marini, ma sono questi ultimi che, nei loro spostamenti, arrivano a contatto con le reti 8

9 stesse e vengono catturati, o per ammagliamento o per imbrocco. Si tratta di reti lasciate in mare, nell attesa che il pesce vi rimanga impigliato. Vengono solitamente distinte in: Reti fisse Ferrettare Reti fisse Le reti fisse sono calate sul fondo marino rimanendo ancorate ad esso, sono caratterizzate da fili sottili e flessibili che ammagliano il pesce e non lo lasciano fuggire. Si distinguono in: Tramaglio e Imbrocco Queste reti sono fra gli attrezzi più antichi, anche se recentemente hanno tratto grande giovamento, per la loro costruzione, dall'uso delle fibre sintetiche. Infatti queste reti, per essere funzionali, oltre ad essere realizzate con fili sufficientemente resistenti da non essere rotti dalle prede che, incappate nelle loro maglie, tentano di liberarsi, devono essere quanto più invisibili possibile in modo da non spaventarle e quindi farle fuggire. Attualmente vengono prodotte quasi esclusivamente in nylon, che per la sua alta tenacità consente la realizzazione di reti a fili sottilissimi, ma comunque sufficientemente robusti. In alcuni casi si sta inoltre diffondendo l'uso del monofilo, che presenta oltre agli altri vantaggi anche quello della quasi completa trasparenza in acqua. In genere sono calate e salpate a mano, ma in alcuni casi, per ridurre la fatica o per aumentare la lunghezza delle reti usate, vengono utilizzati particolari ausiliari di coperta, detti salpatramagli o salpareti. Le reti da posta sono confezionate con pezze di rete rettangolari che vanno armate su due lime: sulla superiore sono montati i galleggianti e su quella inferiore i piombi, in modo da farle assumere in acqua una posizione verticale. A seconda che siano ancorate o meno al fondo e a seconda della loro disposizione in acqua, possono essere divise in fisse, derivanti e circuitanti. Per reti da posta fisse si intendono tutte quelle reti che, benché possano trovarsi sul fondo oppure a mezz'acqua, vengono tuttavia ancorate in modo fisso al fondo marino con ancore o pesi. I pesi o le ancore sono segnalate in superficie da dei galleggianti con bandierine gialle di giorno e luci gialle di notte. per renderne possibile l'individuazione al momento del recupero. Queste reti, una volta calate, vengono lasciate in posizione per un certo periodo di tempo, in genere la notte, in modo tale da renderle ancora più invisibili al pesce, e poi recuperate. Normalmente nell'intervallo fra l'operazione di cala e quella di salpa la barca rientra in porto. Le reti da posta derivanti non vengono ancorate al fondo, ma sono lasciate libere di muoversi in balia delle correnti. Una estremità della rete è collegata ad un galleggiante, mentre l'altra è collegata alla barca stessa. Dato che questo sistema di pesca si effettua in vicinanza della superficie, è necessaria una ottima segnalazione e 9

10 un'accurata sorveglianza al fine di evitare incidenti con la navigazione marittima. Le reti da posta circuitanti non sono calate in linea retta, ma in modo circolare, così da imprigionare i pesci che si trovano al loro interno. Questi vengono poi spaventati in modo che si dirigano verso le pareti della rete e ne restino impigliati. TRAMAGLIO Come lo stesso nome sta ad indicare, questa rete è formata da tre pezze (pannelli), delle quali le due esterne sono a maglie grandi, mentre quella interna è a maglie più piccole. Il pesce, da qualunque parte provenga, può agevolmente superare la prima pezza ma, entrato a contatto con la seconda, forma con questa una specie di sacca, agevolato dalla presenza della terza. Sentendosi imprigionato il pesce comincia a muoversi in modo scoordinato allo scopo di liberarsi, con 1 unico risultato di aggrovigliarsi maggiormente attorno alla rete. Il tramag1io viene generalmente ancorato al fondo e viene impiegato per la cattura di pesce ad alto valore commerciale (sparidi, crostacei, pesci piatti, ecc..). RETI AD IMBROCCO Rete ad imbrocco Foto:www.ispesl.it 10

11 Queste reti sono invece formate da un unico pannello di rete e, come sta ad indicare il nome, la cattura avviene per imbrocco, ossia il pesce una volta entrato nella maglia della rete non riesce più ad andare né avanti né indietro. Le dimensioni della maglia di queste reti sono variabili a seconda della specie e della taglia del pesce che si intende catturare. Infatti se le maglie sono troppo grandi il pesce può passare oltre senza danni, mentre se troppo piccole il pesce non resta ammagliato e quindi sfugge alla cattura. Nel caso della rete da posta per tonni, la cattura non avviene tanto per imbrocco, quanto per intrappolamento del pesce nella rete nel tentativo di liberarsi. Questo tipo di rete può essere sia di tipo fisso che derivante. Ferrettare La ferrettara è una rete pelagica derivante con maglia inferiore a 180 mm di apertura, che deve essere utilizzata entro 3 miglia dalla costa. NASSE Le nasse sono trappole per la cattura di pesci e cefalopodi e crostacei. Esse sono diffuse in tutto il mondo e variano per forma, dimensione e materiali di costruzione. Normalmente sono costituite da uno scheletro, generalmente in metallo, su cui viene fissata una rete che può essere in plastica, ferro o materiale naturale come il bambù, giunco etc. La forma può essere a tronco di cono, a cilindro, a forma di zucca, a parallelepipede etc. Queste trappole sono completamente chiuse tranne che in un lato costituente l'entrata della nassa fatta in modo tale che una volta entrati i pesci diventa impossibile uscirne. Solitamente al suo interno si introducono esche vive per attirare pesci molluschi o crostacei. Generalmente le nasse vengono posizionate in serie e legate tra loro con un cordoncino, chiamato trave, a distanza variabile in funzione delle specie da catturare e dalla morfologia del fondo. PALANGARI Il palangaro può essere paragonato ad un lunghissimo bolentino, armato con molti ami ed adagiato orizzontalmente sia sul fondo del mare, secondo modalità che dipendono dalle specie insidiate, che a pochi metri al di sotto dalla superficie del mare per la pesca alle specie pelagiche. I palangari di superficie vengono lasciati alla deriva e se molto lunghi, come quelli per la pesca al tonno, vengono seguiti con i satelliti o con il radar mentre quelli di fondo sono ad esso fissati mediante degli opportuni piombi o zavorre. Il palangaro può essere distinto in tre parti: 11

12 Una sagola o lenza madre principale su cui sono posizionati gli ami mediante fili di nylon, chiamati i braccioli, di diametro inferiore a quelli della lenza madre. Una serie di sagole su cui ad una estremità eè fissato un galleggiante per l'individuazione in superficie del palangaro stesso ed una zavorra per tenere la lenza madre sul fondo. Un recipiente in cui sistemare la lenza madre su cui sono collegati i braccioli e gli ami. Palangari di piccola dimensione sono solitamente riposti in una cesta e in una cassetta. La distanza tra un bracciolo ed un altro, ed i diametri della lenza madre e dei braccioli, sono variabili a seconda della specie che si vuole insidiare e della superficie marina coperta. LENZE La pesca con le lenze è una tecnica molto diffusa nella piccola pesca costiera, in quanto permette di insidiare, tutte le specie pelagiche e demersali; possono essere distinte in due categorie: quella con l'imbarcazione in movimento (traina) e quella da fermo. A seconda del tipo di specie da catturare, esse variano nella forma e dimensione di ami, nylon e piombatura. 12

13 Di seguito si riportano alcuni esempi di lenze: pesca al dentice con la traina con esca viva: il dentice, malgrado il carattere furbo e sospettoso, abbocca sovente alle lenze opportunamente costruite, con imbarcazione in movimento e soprattutto con esca viva, soprattutto il calamaro; pesca al totano: la pesca al totano si pratica nelle ore notturne su un fondale variabile dai 20 ai 200 m di profondità. La lenza è costituita da una lenza madre di diametro variabile 0, mm di lunghezza variabile tra i 50 e 250 m alla cui estremità è fissato il terminale cui è collegata la totanara, costituita da un cilindro di piombo alla cui estremità è collegato un cestello di ami. Nei mesi da settembre ad ottobre, in occasione di serate ventose e mare mosso, si pratica la pesca al totano, utilizzando gozzi con velatura. In questo caso, data la presenza di totani in superficie, la lenza sarà molto corta, circa 20 m, e la totanara molto leggera. Tale pesca avviene, praticamente in superficie e con l imbarcazione navigante a vela. lenza morta ad occhione: l'occhione è un pesce che vive in profondità sulle secche a largo, per cui le lenze utilizzate dovranno essere lunghe e ben piombate. lenza per polpi: lenza senza ami, su cui viene legata l'esca (aguglie, granchi, etc.) ed una zavorra. Il polpo agguanterà l'esca e non la lascerà finché giunto in superficie il pescatore lo catturerà con un coppo. Bolentino per sgombri: l'attrezzatura consiste in una lunga lenza manovrata a mano sulla quale sono fissati una decina di terminali di diametro 0,35-0,50 mm ed ami e piumetta di colore bianco e rosso. Lenze Bolentino per sgombri 13

14 ARPIONI La pesca con l'arpione per la cattura del pesce spada è ancora praticata nello stretto di Messina. Si tratta di un sistema conosciuto fin dall'antichità, quando le imbarcazioni erano provviste di un albero di avvistamento molto alto, detto "coffa" e di una lunga passerella prodiera. Il "pisci spata" viene infatti individuato a vista, da un marinaio esperto del tratto di mare in cui si naviga e del comportamento del pesce. Dopo l'avvistamento la barca deve iniziare l'inseguimento per portarsi a una distanza utile per il lancio dell'arpione: compito di un altro marinaio appostato sulla passerella di prua. Questo sistema di pesca si caratterizza soprattutto per la selettività, dato che è possibile scegliere di catturare solo animali adulti che possono raggiungere, considerando anche la spada, i 4-5 m di lunghezza e un peso di kg. Il periodo di pesca è quello a cavallo della riproduzione, da maggio ad agosto nel Mediterraneo, quando i pesci spada si avvicinano alla costa. ARPIONI 14

15 ITINERARI Itinerari della costa Teatina Gli itinerari si svolgono mantenendo inalterato il protocollo dell uscita e si differenziano in base al porto di partenza. In linea generale la giornata segue il seguente programma: Ritrovo dei partecipanti nella zona d imbarco, presentazione dell uscita e preventiva istruzione al turista sulle azioni che può compiere a bordo; Si sale a bordo e si parte con l imbarcazione destinati a raggiungere come prima tappa la zona di pesca. Durante le operazione di spostamento il pescatore illustra la strumentazione di bordo e in attesa di raggiungere il punto di salpamento delle reti, c è il tempo necessario per la colazione a bordo; Raggiunta la zona di pesca si possono osservare le operazioni di pesca professionale quali cale e salpamento delle reti e degli strumenti della pesca professionale (nasse, palamiti etc.) sempre accompagnati dalla spiegazione del pescatore o dalla guida/accompagnatore sul mestiere, così vengono chiamati in gergo gli attrezzi della pesca professionale, e sul pesce catturato; Ci spostiamo lungo l itinerario turistico marino, con soste per bagno, escursioni a terra etc, accompagnati dalla descrizione del territorio e delle opportunità che esso offre; 15

16 Durante la sosta si prepara il pesce appena pescato ed inizia così la degustazione dei prodotti del mare; Ancora un po di relax, prima di rientrare nel porto di partenza, giusto il tempo per un bagno nelle acque cristalline e mentre ci si abbronza si possono avere ancora un po di informazioni sul pescaturismo, sul mare e l ambiente, sulle tradizioni culturali, storia del luogo, aneddoti e esperienze vissute sul mare. 16

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA NAVIGAZIONE

PROVINCIA DI SAVONA NAVIGAZIONE PROVINI DI SVON NVIGZIONE ESME PER L ERTMENTO DELL IDONEIT PROFESSIONLE PER L ESERIZIO DELL TTIVITÀ DI ONSULENZ PER L IROLZIONE DEI MEZZI DI TRSPORTO 1 Qual'è la definizione di navigazione da diporto:

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione D.P.R. n 1639 del 2 ottobre 1968 recante "Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima" (come modificato da vari D.P.R. e Decreti ministeriali)

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

LIBRO PRIMO 1-2. Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima. Dell ordinamento amministrativo della navigazione.

LIBRO PRIMO 1-2. Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima. Dell ordinamento amministrativo della navigazione. 1-2 Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima 93 LIBRO PRIMO Dell ordinamento amministrativo della navigazione. 2. - D.P.R. 15 Febbraio 1952 n. 328. Approvazione del Regolamento

Dettagli

INDICE. Premessa...I. 2. Documentazioni...10 2.1 Vendita e acquisto unità da diporto 10 2.2 Immatricolazione 11 2.3 Assicurazione per motore.

INDICE. Premessa...I. 2. Documentazioni...10 2.1 Vendita e acquisto unità da diporto 10 2.2 Immatricolazione 11 2.3 Assicurazione per motore. INDICE Premessa.....I 1. Patenti nautiche..... 1 1.1 Patenti nautiche senza esami..1 1.2 Rinnovo patenti nautiche.3 1.3 Obbligo di possesso patente nautica.5 1.4 Validità patenti nautiche straniere 6 1.5

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE.

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. Storia della Navigazione sui Laghi Maggiore, Garda e Como IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. La produzione di energia attraverso l'uso del vapore, fu

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica Personalizza la tua presenza con PARTNER UFFICIAE StandBandiere EspositoriSTRISCIONI DG Idea S.r.l. Via Vercelli, 35/A 13030 Caresanablot (VC) A soli 50 metri da VercelliFiere Tel. e Fax 0161-232945 Tappeti

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Navigazione Edizione 2013 Pubblicazione realizzata con il contributo del Ministero

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE MEZZI PETROLIERE LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE L evoluzione delle navi cisterna in termini di sicurezza contro i rischi di inquinamento ha subito negli ultimi anni una forte accelerazione che ha

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli