LA GUIDA DEL PESCATURISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GUIDA DEL PESCATURISMO"

Transcript

1 LA GUIDA DEL PESCATURISMO Nell oscurità il vecchio sentì giungere il mattino e mentre remava udì il suono tremolante dei pesci volanti che uscivano dall acqua e il sibilo fatto dalle rigide ali tese mentre si allontanavano librate nel buio. Il Vecchio e il Mare Ernest Hemingway Indice 1

2 Introduzione..pag 3 Che cos è il pescaturismo...pag 3 La normativa che regola il pescaturismo.....pag 3 Gli strumenti della pesca...pag 9 Itinerari pag 18 INTRODUZIONE Una giornata a bordo di un peschereccio in compagnia dei pescatori che ci guidano nella conoscenza dell ambiente costiero e del mare con i suoi segreti e le sue leggende, osservare i metodi della pesca tradizionale e gustare a bordo il pesce appena pescato e cucinato con le ricette della tradizione locale, raggiungere i punti inaccessibili da terra per immergersi in acque limpide alla scoperta dei gioielli naturalistici che la nostra terra offre. 2

3 CHE COS E IL PESCATURISMO Il pescaturismo è definito (D.M. 293/1999) come l attività intrapresa dall armatore singolo, impresa o cooperativa, di nave da pesca costiera locale o ravvicinata, che imbarca sulla propria unità persone diverse dall equipaggio per lo svolgimento di attività turistico ricreative. Nasce con l intento di creare un integrazione al reddito dei pescatori ma si trasforma velocemente in un nuovo modo di concepire l ospitalità turistica per chi vuol provare il contatto con il mare usufruendo dell esperienza di coloro che del mare vivono, i pescatori. L offerta è quella di trascorrere una vacanza alla scoperta del mare e della pesca professionale, i suoi ritmi e le sue tradizioni. L opportunità di trascorrere una giornata su un peschereccio accompagnato dal folclore e dal fascino che nell immaginario collettivo ha sempre suscitato la figura del pescatore, il vecchio e il mare. LA NORMATIVA CHE REGOLA IL PESCATURISMO Il pescaturismo è descritto per la prima volta dalla legge 17 febbraio 1982 n. 41 Piano per la realizzazione e lo sviluppo della pesca marittima, successivamente modificata dalla Legge 165/92. Attualmente è in vigore il Decreto Ministeriale numero 293 del 13 aprile 1999, i cui punti vengono di seguito schematicamente riportati, che semplifica la normativa e trasmette un sostanziale impulso all attività. Si tratta del Regolamento recante norme in materia di disciplina dell attività di pesca-turismo, in attuazione dell art. 27-bis della legge 17 febbraio 1982 n. 41, e successive modificazioni. Tra le iniziative di pescaturismo rientrano: a) Lo svolgimento di attività pratica di pesca sportiva mediante l impiego degli attrezzi da pesca sportiva. b) Lo svolgimento di attività turistico-ricreative nell ottica della divulgazione della cultura del mare e della pesca, quali, in particolare, brevi escursioni lungo le coste, osservazione delle attività di pesca professionale, ristorazione a bordo o a terra. c) Lo svolgimento di attività finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione dell ambiente costiero, delle lagune costiere e, ove autorizzate dalla regione competente, delle acque interne, nonché ad avvicinare il grande pubblico al mondo della pesca professionale. 3

4 Principali aspetti normativi a) L attività di pescaturismo può essere esercitata in tutto l arco dell anno, in ore diurne e notturne e anche nei giorni festivi con condizioni meteo-marine favorevoli. Nel periodo che va dal 1 novembre al 30 aprile l imbarcazione deve possedere a bordo sistemazioni, anche amovibili, per il ricovero al coperto degli escursionisti. b) Le unità adibite all esercizio della pescaturismo sono obbligate a ricondurre nel porto di partenza le persone imbarcate, ovvero in caso di necessità, in altro porto del compatimento. c) E autorizzato l imbarco di minori di 14 anni se accompagnati da persona maggiorenne. d) L attività di pescaturismo può essere svolta non oltre le sei miglia per le imbarcazioni autorizzate alla pesca costiera locale e non oltre le venti miglia per le imbarcazioni autorizzate alla pesca costiera ravvicinata nell ambito del compartimento di iscrizione ed in quelli confinanti. Attrezzi autorizzati durante l attività di pesca turismo 1. L attività può essere svolta dalle unità da pesca con i reti da posta, palangari, lenze, nasse ed arpioni, se previsti nella licenza di pesca. 2. Gli armatori di unità munite di licenza di pesca riportanti sistemi a traino, previa rinuncia agli stessi, possono esercitare l attività di pesca-turismo con tutti i sistemi consentiti dall art. 19 del D.M. 26/07/95, mediante il rilascio di una attestazione provvisoria da parte del capo del compartimento marittimo del luogo di iscrizione dell unita da pesca interessata. I sistemi a traino sono sbarcati e sigillati, prima dell inizio dell attività di pesca turismo, dalla locale autorità marittima. 3. Quando l attività di pesca-turismo è effettuata utilizzando gli attrezzi da pesca sportiva, il comandante ne cura la sistemazione in maniera che non rechino intralcio al normale svolgimento dell attività di bordo durante la navigazione. 4

5 ITER AMMINISTRATIVI PER L AUTORIZZAZIONE AL PESCATURISMO Per ottenere l autorizzazione all esercizio dell attività di pescaturismo deve essere presentata apposita domanda al capo del Compartimento Marittimo del luogo d iscrizione della nave. La domanda deve contenere i dati identificativi dell armatore e dell unità da pesca, il luogo di imbarco dei turisti, le tariffe applicate e deve essere corredata della seguente documentazione: Copia delle annotazioni di sicurezza; Copia della prova di stabilità e/o copia della prova occasionale di stabilità; Copia delle annotazioni di sicurezza finalizzate esclusivamente all esercizio del pescaturismo. L autorizzazione al pescaturismo è rilasciata dal Capo del Compartimento Marittimo del luogo d iscrizione della nave tenuto conto degli accertamenti di sicurezza eseguiti anche per il tramite degli uffici marittimi dipendenti e della prova pratica di stabilità. Le annotazioni di Sicurezza finalizzate esclusivamente all esercizio del pescaturismo hanno la medesima validità temporale di quelle per l esercizio della pesca (3 anni). Il capo del Compartimento Marittimo, in sede di rilascio dell autorizzazione, fissa il numero massimo di persone imbarcabili (fino ad un massimo di 12persone). L autorizzazione per il pescaturismo deve essere rilasciata entro 60 giorni dalla presentazione della domanda e l esercente l attività è tenuto ad aggiornare la documentazione relativa alla sicurezza. L imbarcazione ed il personale devono essere in regola con la vigente normativa sulla sicurezza sul lavoro e sulla normativa di igiene e sicurezza alimentare. Condizioni di sicurezza e sanitarie Le navi destinate all esercizio dell attività di pesca-turismo devono essere provviste del materiale sanitario indicato nelle istruzioni annesse al decreto 25 maggio 1988, n 279 del Ministero della Sanità, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n 170 del 25 maggio 1998 e di seguito riportato: Il materiale sanitario non scaduto deve essere conservato in cassette di medicinali con pareti rigide, facilmente asportabile, a tenuta stagna e galleggiante, contenenti: - 1 flacone da 250 cc di disinfettante a base d ammonio quaternario; - 1 flacone di vetro scuro d ammoniaca; - 5 confezioni di varie misure di bende; - 1 confezione di cerotti medicati ed una di cerotto adesivo; - 1 pacco da 250 gr. di cotone idrofilo; - 1 forbice comune; - 1 confezione di varie misure di garza idrofila in compresse; 5

6 - 1 confezione di garza vaselinata in compresse; - 1 confezione di guanti monouso; - 1 confezione di stecche per fratture. Le imbarcazioni autorizzate all attività di pescaturismo devono essere in regola e avere a bordo i mezzi di salvataggio come previsto dal D.M. 5 agosto 2002 N tali mezzi possono essere suddivisi in individuali e collettivi. I mezzi di salvataggio collettivi ed individuali nonché i mezzi antincendio devono essere conformi alla normativa vigente, devono essere mantenuti in buono stato di funzionamento ed essere pronti all'uso immediato in ogni momento. Mezzi di salvataggio collettivi delle navi abilitate alla pesca costiera locale 1. Le navi abilitate alla pesca costiera locale devono essere dotate di zattere di salvataggio di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo, ovvero di apparecchi galleggianti approvati di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo. 2. Le navi abilitate alla pesca costiera locale possono essere autorizzate dal Capo del compartimento marittimo di iscrizione a estendere la navigazione fino a 12 miglia dalla costa previo parere favorevole dell'ente tecnico e imbarco di zattere di salvataggio di capacita' sufficiente per tutte le persone a bordo. L'autorizzazione e' annotata sulla licenza di navigazione e la sua scadenza coincide con quella delle annotazioni di sicurezza. 3. Le navi che svolgono attivita' di pesca ad una distanza massima di tre miglia dalla costa non hanno l'obbligo di essere dotate di mezzi di salvataggio collettivi. Mezzi di salvataggio collettivi delle navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata Le navi abilitate alla pesca costiera ravvicinata con limitazione della navigazione entro 20 miglia dalla costa devono essere dotate di zattere di salvataggio di capacità sufficiente per tutte le persone a bordo. Misure individuali Per ogni persona presente a bordo è richiesta una cintura di salvataggio dotata di luce. Per i salvagenti anulari si hanno le seguenti disposizioni: Le navi di lunghezza inferiore a 10 metri, ad eccezione di quelle operanti entro un miglio dalla costa, devono essere dotate di un salvagente anulare munito di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Le navi di lunghezza inferiore a 24 metri ma uguali o superiori a 10 metri devono essere dotate di un salvagente anulare munito di luce ad accensione automatica e di 6

7 boetta fumogena e di un salvagente anulare dotato di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Le navi di lunghezza uguale o superiore a 24 devono essere dotate di 2 salvagente anulari muniti di luce ad accensione automatica e di boetta fumogena e di due salvagente anulari, uno per lato, dotati di sagola galleggiante lunga almeno 30 metri. Per l imbarco di ragazzi ai età inferiore ai 14 anni, le unità devono essere dotate di mezzi di salvataggio individuali per bambini. Le unità devono inoltre tenere a bordo, come previsto dal DM 218 del 05/08/2002, segnali di soccorso costituiti da razzi a paracadute e luce rossa e segnali a luce rossa, mezzi antincendio, carte nautiche delle zone in cui operano, bussole. Le unità dovranno essere in possesso del certificato di annotazioni di sicurezza in regolare corso di validità. Per le esigenze delle persone imbarcate, ove non previsto delle pertinenti disposizioni del regolamento di sicurezza per la pesca, le unità autorizzate alla pesca-turismo devono essere dotate di apparato radiofonico VHF, anche di tipo portatile. Disposizioni relative alle cooperative e alle aziende concessionarie Le cooperative di pesca e le imprese di pesca, in relazione alle esigenze di riconversione delle attività di pesca ed in considerazione dei problemi occupazionali e sociali connessi, possono essere autorizzate ad esercitare l attività di pesca turismo, mediante utilizzazione di navi non superiori a 10 tonnellate di stazza lorda a tale fine esclusivo, con i sistemi previsti dall art. 19 del D.M. 26 luglio 1995, ad esclusione dei palangari. Per tali unità, che potranno esercitare l attività nel limite delle sei miglia, saranno applicate le norme in vigore sulla sicurezza inerenti l attività di pesca costiera locale. Il regime di cui al primo comma non si applica alle navi di nuova costruzione che abbiano avuto il nulla osta per l iscrizione quale nave da pesca nel pertinente registro. Le cooperative e le imprese concessionarie di specchi acquei per la mitilicoltura, l allevamento in mare e le tonnare possono intraprendere l attività di pesca-turismo all interno dell area asservita in concessione con imbarcazioni iscritte alla quinta categoria. 7

8 Imbarcazione di pesca turismo GLI STRUMENTI DELLA PESCA Il pescaturismo può essere realizzato sia con le imbarcazioni della piccola pesca che con le imbarcazioni a strascico a patto che quest ultime sigillino il proprio mestiere (lo strascico) ed utilizzino per la pesca gli strumenti della piccola pesca in licenza. GLI ATTREZZI DELLA PICCOLA PESCA (art. 19 del D.M. 26 luglio 1995) La piccola pesca costiera è praticata da imbarcazioni non superiori a 10 TSL o 12 metri di Lunghezza Fuori Tutto. Gli attrezzi utilizzati sono: RETI DA POSTA NASSE PALANGARI LENZE ARPIONE RETI DA POSTA Le reti da posta sono attrezzi passivi: infatti non si muovono incontro agli organismi marini, ma sono questi ultimi che, nei loro spostamenti, arrivano a contatto con le reti 8

9 stesse e vengono catturati, o per ammagliamento o per imbrocco. Si tratta di reti lasciate in mare, nell attesa che il pesce vi rimanga impigliato. Vengono solitamente distinte in: Reti fisse Ferrettare Reti fisse Le reti fisse sono calate sul fondo marino rimanendo ancorate ad esso, sono caratterizzate da fili sottili e flessibili che ammagliano il pesce e non lo lasciano fuggire. Si distinguono in: Tramaglio e Imbrocco Queste reti sono fra gli attrezzi più antichi, anche se recentemente hanno tratto grande giovamento, per la loro costruzione, dall'uso delle fibre sintetiche. Infatti queste reti, per essere funzionali, oltre ad essere realizzate con fili sufficientemente resistenti da non essere rotti dalle prede che, incappate nelle loro maglie, tentano di liberarsi, devono essere quanto più invisibili possibile in modo da non spaventarle e quindi farle fuggire. Attualmente vengono prodotte quasi esclusivamente in nylon, che per la sua alta tenacità consente la realizzazione di reti a fili sottilissimi, ma comunque sufficientemente robusti. In alcuni casi si sta inoltre diffondendo l'uso del monofilo, che presenta oltre agli altri vantaggi anche quello della quasi completa trasparenza in acqua. In genere sono calate e salpate a mano, ma in alcuni casi, per ridurre la fatica o per aumentare la lunghezza delle reti usate, vengono utilizzati particolari ausiliari di coperta, detti salpatramagli o salpareti. Le reti da posta sono confezionate con pezze di rete rettangolari che vanno armate su due lime: sulla superiore sono montati i galleggianti e su quella inferiore i piombi, in modo da farle assumere in acqua una posizione verticale. A seconda che siano ancorate o meno al fondo e a seconda della loro disposizione in acqua, possono essere divise in fisse, derivanti e circuitanti. Per reti da posta fisse si intendono tutte quelle reti che, benché possano trovarsi sul fondo oppure a mezz'acqua, vengono tuttavia ancorate in modo fisso al fondo marino con ancore o pesi. I pesi o le ancore sono segnalate in superficie da dei galleggianti con bandierine gialle di giorno e luci gialle di notte. per renderne possibile l'individuazione al momento del recupero. Queste reti, una volta calate, vengono lasciate in posizione per un certo periodo di tempo, in genere la notte, in modo tale da renderle ancora più invisibili al pesce, e poi recuperate. Normalmente nell'intervallo fra l'operazione di cala e quella di salpa la barca rientra in porto. Le reti da posta derivanti non vengono ancorate al fondo, ma sono lasciate libere di muoversi in balia delle correnti. Una estremità della rete è collegata ad un galleggiante, mentre l'altra è collegata alla barca stessa. Dato che questo sistema di pesca si effettua in vicinanza della superficie, è necessaria una ottima segnalazione e 9

10 un'accurata sorveglianza al fine di evitare incidenti con la navigazione marittima. Le reti da posta circuitanti non sono calate in linea retta, ma in modo circolare, così da imprigionare i pesci che si trovano al loro interno. Questi vengono poi spaventati in modo che si dirigano verso le pareti della rete e ne restino impigliati. TRAMAGLIO Come lo stesso nome sta ad indicare, questa rete è formata da tre pezze (pannelli), delle quali le due esterne sono a maglie grandi, mentre quella interna è a maglie più piccole. Il pesce, da qualunque parte provenga, può agevolmente superare la prima pezza ma, entrato a contatto con la seconda, forma con questa una specie di sacca, agevolato dalla presenza della terza. Sentendosi imprigionato il pesce comincia a muoversi in modo scoordinato allo scopo di liberarsi, con 1 unico risultato di aggrovigliarsi maggiormente attorno alla rete. Il tramag1io viene generalmente ancorato al fondo e viene impiegato per la cattura di pesce ad alto valore commerciale (sparidi, crostacei, pesci piatti, ecc..). RETI AD IMBROCCO Rete ad imbrocco Foto:www.ispesl.it 10

11 Queste reti sono invece formate da un unico pannello di rete e, come sta ad indicare il nome, la cattura avviene per imbrocco, ossia il pesce una volta entrato nella maglia della rete non riesce più ad andare né avanti né indietro. Le dimensioni della maglia di queste reti sono variabili a seconda della specie e della taglia del pesce che si intende catturare. Infatti se le maglie sono troppo grandi il pesce può passare oltre senza danni, mentre se troppo piccole il pesce non resta ammagliato e quindi sfugge alla cattura. Nel caso della rete da posta per tonni, la cattura non avviene tanto per imbrocco, quanto per intrappolamento del pesce nella rete nel tentativo di liberarsi. Questo tipo di rete può essere sia di tipo fisso che derivante. Ferrettare La ferrettara è una rete pelagica derivante con maglia inferiore a 180 mm di apertura, che deve essere utilizzata entro 3 miglia dalla costa. NASSE Le nasse sono trappole per la cattura di pesci e cefalopodi e crostacei. Esse sono diffuse in tutto il mondo e variano per forma, dimensione e materiali di costruzione. Normalmente sono costituite da uno scheletro, generalmente in metallo, su cui viene fissata una rete che può essere in plastica, ferro o materiale naturale come il bambù, giunco etc. La forma può essere a tronco di cono, a cilindro, a forma di zucca, a parallelepipede etc. Queste trappole sono completamente chiuse tranne che in un lato costituente l'entrata della nassa fatta in modo tale che una volta entrati i pesci diventa impossibile uscirne. Solitamente al suo interno si introducono esche vive per attirare pesci molluschi o crostacei. Generalmente le nasse vengono posizionate in serie e legate tra loro con un cordoncino, chiamato trave, a distanza variabile in funzione delle specie da catturare e dalla morfologia del fondo. PALANGARI Il palangaro può essere paragonato ad un lunghissimo bolentino, armato con molti ami ed adagiato orizzontalmente sia sul fondo del mare, secondo modalità che dipendono dalle specie insidiate, che a pochi metri al di sotto dalla superficie del mare per la pesca alle specie pelagiche. I palangari di superficie vengono lasciati alla deriva e se molto lunghi, come quelli per la pesca al tonno, vengono seguiti con i satelliti o con il radar mentre quelli di fondo sono ad esso fissati mediante degli opportuni piombi o zavorre. Il palangaro può essere distinto in tre parti: 11

12 Una sagola o lenza madre principale su cui sono posizionati gli ami mediante fili di nylon, chiamati i braccioli, di diametro inferiore a quelli della lenza madre. Una serie di sagole su cui ad una estremità eè fissato un galleggiante per l'individuazione in superficie del palangaro stesso ed una zavorra per tenere la lenza madre sul fondo. Un recipiente in cui sistemare la lenza madre su cui sono collegati i braccioli e gli ami. Palangari di piccola dimensione sono solitamente riposti in una cesta e in una cassetta. La distanza tra un bracciolo ed un altro, ed i diametri della lenza madre e dei braccioli, sono variabili a seconda della specie che si vuole insidiare e della superficie marina coperta. LENZE La pesca con le lenze è una tecnica molto diffusa nella piccola pesca costiera, in quanto permette di insidiare, tutte le specie pelagiche e demersali; possono essere distinte in due categorie: quella con l'imbarcazione in movimento (traina) e quella da fermo. A seconda del tipo di specie da catturare, esse variano nella forma e dimensione di ami, nylon e piombatura. 12

13 Di seguito si riportano alcuni esempi di lenze: pesca al dentice con la traina con esca viva: il dentice, malgrado il carattere furbo e sospettoso, abbocca sovente alle lenze opportunamente costruite, con imbarcazione in movimento e soprattutto con esca viva, soprattutto il calamaro; pesca al totano: la pesca al totano si pratica nelle ore notturne su un fondale variabile dai 20 ai 200 m di profondità. La lenza è costituita da una lenza madre di diametro variabile 0, mm di lunghezza variabile tra i 50 e 250 m alla cui estremità è fissato il terminale cui è collegata la totanara, costituita da un cilindro di piombo alla cui estremità è collegato un cestello di ami. Nei mesi da settembre ad ottobre, in occasione di serate ventose e mare mosso, si pratica la pesca al totano, utilizzando gozzi con velatura. In questo caso, data la presenza di totani in superficie, la lenza sarà molto corta, circa 20 m, e la totanara molto leggera. Tale pesca avviene, praticamente in superficie e con l imbarcazione navigante a vela. lenza morta ad occhione: l'occhione è un pesce che vive in profondità sulle secche a largo, per cui le lenze utilizzate dovranno essere lunghe e ben piombate. lenza per polpi: lenza senza ami, su cui viene legata l'esca (aguglie, granchi, etc.) ed una zavorra. Il polpo agguanterà l'esca e non la lascerà finché giunto in superficie il pescatore lo catturerà con un coppo. Bolentino per sgombri: l'attrezzatura consiste in una lunga lenza manovrata a mano sulla quale sono fissati una decina di terminali di diametro 0,35-0,50 mm ed ami e piumetta di colore bianco e rosso. Lenze Bolentino per sgombri 13

14 ARPIONI La pesca con l'arpione per la cattura del pesce spada è ancora praticata nello stretto di Messina. Si tratta di un sistema conosciuto fin dall'antichità, quando le imbarcazioni erano provviste di un albero di avvistamento molto alto, detto "coffa" e di una lunga passerella prodiera. Il "pisci spata" viene infatti individuato a vista, da un marinaio esperto del tratto di mare in cui si naviga e del comportamento del pesce. Dopo l'avvistamento la barca deve iniziare l'inseguimento per portarsi a una distanza utile per il lancio dell'arpione: compito di un altro marinaio appostato sulla passerella di prua. Questo sistema di pesca si caratterizza soprattutto per la selettività, dato che è possibile scegliere di catturare solo animali adulti che possono raggiungere, considerando anche la spada, i 4-5 m di lunghezza e un peso di kg. Il periodo di pesca è quello a cavallo della riproduzione, da maggio ad agosto nel Mediterraneo, quando i pesci spada si avvicinano alla costa. ARPIONI 14

15 ITINERARI Itinerari della costa Teatina Gli itinerari si svolgono mantenendo inalterato il protocollo dell uscita e si differenziano in base al porto di partenza. In linea generale la giornata segue il seguente programma: Ritrovo dei partecipanti nella zona d imbarco, presentazione dell uscita e preventiva istruzione al turista sulle azioni che può compiere a bordo; Si sale a bordo e si parte con l imbarcazione destinati a raggiungere come prima tappa la zona di pesca. Durante le operazione di spostamento il pescatore illustra la strumentazione di bordo e in attesa di raggiungere il punto di salpamento delle reti, c è il tempo necessario per la colazione a bordo; Raggiunta la zona di pesca si possono osservare le operazioni di pesca professionale quali cale e salpamento delle reti e degli strumenti della pesca professionale (nasse, palamiti etc.) sempre accompagnati dalla spiegazione del pescatore o dalla guida/accompagnatore sul mestiere, così vengono chiamati in gergo gli attrezzi della pesca professionale, e sul pesce catturato; Ci spostiamo lungo l itinerario turistico marino, con soste per bagno, escursioni a terra etc, accompagnati dalla descrizione del territorio e delle opportunità che esso offre; 15

16 Durante la sosta si prepara il pesce appena pescato ed inizia così la degustazione dei prodotti del mare; Ancora un po di relax, prima di rientrare nel porto di partenza, giusto il tempo per un bagno nelle acque cristalline e mentre ci si abbronza si possono avere ancora un po di informazioni sul pescaturismo, sul mare e l ambiente, sulle tradizioni culturali, storia del luogo, aneddoti e esperienze vissute sul mare. 16

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

5 agosto 2002, n. 218, adottato di concerto con il Ministro delle. politiche agricole e forestali, recante: «Regolamento di sicurezza

5 agosto 2002, n. 218, adottato di concerto con il Ministro delle. politiche agricole e forestali, recante: «Regolamento di sicurezza testo in vigore dal: 21-9-2004 IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Visto l'articolo 2, comma

Dettagli

Rilascio/rinnovo della licenza di pesca

Rilascio/rinnovo della licenza di pesca Rilascio/rinnovo della licenza di pesca Per nuove licenze: Ai fini del rilascio della licenza di pesca, l interessato (proprietario o armatore) presenta direttamente ovvero a mezzo raccomandata con avviso

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: Decreto ministeriale 05/08/2002 N. 218 Gazzetta Ufficiale N. 231 del 02/10/2002

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: Decreto ministeriale 05/08/2002 N. 218 Gazzetta Ufficiale N. 231 del 02/10/2002 Legge Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: Decreto ministeriale 05/08/2002 N. 218 Gazzetta Ufficiale N. 231 del 02/10/2002 Regolamento di sicurezza per le navi abilitate alla pesca costiera.

Dettagli

TRITONE SUB Desenzano - Brescia

TRITONE SUB Desenzano - Brescia TRITONE SUB Desenzano - Brescia PRINCIPALI VIOLAZIONI IN MATERIA DI DIPORTO E PESCA E SANZIONI PREVISTE INFRAZIONE ASSICURAZIONE Navigare o sostare con imbarcazione da diporto a motore (escluse le imbarcazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI D.M. 5 agosto 2002, n. 218 Regolamento di sicurezza per le navi abilitate alla pesca costiera. (G.U.R.I. 02-10-2002, n. 231) IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Regolamento (CE) n.1799/2006 della Commissione del 6 dicembre 2006, che modifica l allegato I del regolamento (CE) n.26/2004 relativo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13

LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13 10889 LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13 Disciplina del pescaturismo e dell ittiturismo. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: Art. 1 Finalità

Dettagli

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto (G.U. n. 295 del 17.12.1999 )

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto (G.U. n. 295 del 17.12.1999 ) Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto (G.U. n. 295 del 17.12.1999 ) Il Ministro dei Trasporti e della Navigazione... omissis...(entrata in

Dettagli

SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI

SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI S00 Segnale di soccorso notturno per navi, zattere, Si accende solo a contatto con l'acqua. Può essere stivata in qualsiasi posizione Circuito e pile a litio, con

Dettagli

Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva a cura di Mario Biancucci

Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva a cura di Mario Biancucci XII EDIZIONE-2006 Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva a cura di Mario Biancucci Il codice della nautica da diporto, entrato in vigore il 15 settembre 2005, ha apportato alcune

Dettagli

DISCIPLINA C. C02 - Per essere ammessi agli esami per il conseguimento della Patente per navi da Diporto:

DISCIPLINA C. C02 - Per essere ammessi agli esami per il conseguimento della Patente per navi da Diporto: DISCIPLINA C C0l - Nel caso in cui un imbarcazione ha subito una falla a bordo: A - occorre farla riparare e sottoporla a visita occasionale B - occorre farla riparare e controllare che possa navigare

Dettagli

PESCATURISMO. Sviluppo e diffusione del pescaturismo in Italia. Altri vantaggi derivanti dal pescaturismo. Normativa vigente

PESCATURISMO. Sviluppo e diffusione del pescaturismo in Italia. Altri vantaggi derivanti dal pescaturismo. Normativa vigente Attività di pescaturismo ed ittiturismo nell Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno: informazioni sulle opportunità di integrazione del reddito e di salvaguardia ambientale per gli operatori della

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E D INTERNAZIONALI DIREZIONE GENERLAE DELLEA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA Roma, 22 novembre 2011 Al

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D GRUPPO C2015 1. In base a quali parametri si classificano le Unità da diporto? A) lunghezza B) lunghezza, larghezza e altezza di costruzione C) potenza dell apparato motore, stazza e lunghezza 2. Per pescaggio

Dettagli

Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1

Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1 Parco Nazionale delle Cinque Terre DISCIPLINARE PROVVISORIO Deliberazione del Consiglio direttivo 4 febbraio 2005 n. 1 Il presente Disciplinare Provvisorio si applica alle attività che, secondo quanto

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 19 ottobre 2010 n.169 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 21, quinto comma, della Legge 28 giugno 2010 n.119; Vista

Dettagli

MARE SICURO" Il decalogo del Bagnante "MARE SICURO" In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: "MARE SICURO" In Windsurf Ricordati di:

MARE SICURO Il decalogo del Bagnante MARE SICURO In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: MARE SICURO In Windsurf Ricordati di: MARE SICURO" - Il decalogo del Bagnante 1 Non fare il bagno se non sei in perfette condizioni psicofisiche; 2 Anche se sei un buon nuotatore non forzare il tuo fisico; 3 Dopo una lunga esposizione al sole

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti COMMISSIONE PROVINCIALE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ATTIVITÀ DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Dettagli

Documenti obbligatori a bordo

Documenti obbligatori a bordo Documenti obbligatori a bordo NATANTI - Dichiarazione di conformità per ciascun motore fuoribordo (sostituisce il certificato d uso del motore che resta comunque valido ove già esistente). - Assicurazione

Dettagli

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Vista la legge 11 febbraio 1971, n. 50, e successive modificazioni

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 6 DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del. Vigente al: 16-7-2015 IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

SANZIONE NORMA SANZIONATORIA COMPETENZA

SANZIONE NORMA SANZIONATORIA COMPETENZA DIPORTO INFRAZIONE ABILITAZIONE ALLA NAVIGAZIONE ANNOTAZIONI DI SICUREZZA Navigare fuori dai termini di validità del certificato di sicurezza per unità da diporto. Art. 12 comma 3 L.50/71 come sostituito

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO MARITTIMO E PER VIE D ACQUA INTERNE

DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO MARITTIMO E PER VIE D ACQUA INTERNE SCHEMA DI DECRETO MINISTERIALE RECANTE ISTITUZIONE DEI TITOLI PROFESSIONALI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE IMPIEGATI A BORDO DI NAVI ABILITATE ALLA PESCA E AL TRAFFICO COSTIERO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO

Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO Explore pelagie island CROCIERA RESPIRO EMOZIONI 2016 Il Catamarano RESPIRO vi offre la possibilità di trascorrere una vacanza nei mari più affascinanti del mondo, le isole Pelagie ( Lampedusa, Linosa

Dettagli

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA A FUEL CONSUMPTION BASED METHOD TO MEASURE THE FISHING EFFORT 7 IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

Dettagli

www.sealand.it info@sealand.it Che cos è un caicco Turchia goulette goletta caicco

www.sealand.it info@sealand.it Che cos è un caicco Turchia goulette goletta caicco LE VACANZE IN CAICCO Che cos è un caicco In Turchia, suo luogo d origine, si chiama gulet e probabilmente la parola deriva dal francese goulette o goletta. Per generazioni sono stati utilizzati per il

Dettagli

MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.M. 26 luglio 1995. Disciplina del rilascio delle licenze di pesca. (G.U.R.I. 31-08-1995, n. 203). IL MINISTRO DELLE RISORSE AGRICOLE, ALIMENTARI

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 8/8/1991 N.264 DISCIPLINA: NAUTICA

PROVINCIA ROMA LEGGE 8/8/1991 N.264 DISCIPLINA: NAUTICA PROVINCIA ROMA LEGGE 8/8/1991 N.264 COMMISSIONE DI ESAME - SESSIONE 2006 DISCIPLINA: NAUTICA 1 - I NATANTI DA DIPORTO HANNO L OBBLIGO DI EFFETTUARE LE VISITE PERIODICHE DI SICUREZZA? A - Si. B - No. C

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI 70043 Monopoli (Ba) Largo Fontanelle 12 tel. 080 9303105 - fax 080 9379509 e mail: monopoli@guardiacostiera.it

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura Osservatorio Socio Economicoo della Pesca e dell Acquacoltura Indagine sulla pesca a strasci ico entro le 3 miglia dallaa costa in Veneto o: risultati e considerazioni 1. Premessa L esigenza di un analisi

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE TRAINA d' ALTURA 2014 Manifestazione organizzata con il patrocinio dell'amministrazione Provinciale di Savona

CAMPIONATO PROVINCIALE TRAINA d' ALTURA 2014 Manifestazione organizzata con il patrocinio dell'amministrazione Provinciale di Savona CAMPIONATO PROVINCIALE TRAINA d' ALTURA 2014 Manifestazione organizzata con il patrocinio dell'amministrazione Provinciale di Savona La A.P.S.D. Tuna Club Riviera dei Fiori e la Sez. Provinciale F.I.P.S.A.S.

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE 5 AGOSTO 2002, N. 218. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 231 del 02 Ottobre 2002)

DECRETO INTERMINISTERIALE 5 AGOSTO 2002, N. 218. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 231 del 02 Ottobre 2002) DECRETO INTERMINISTERIALE 5 AGOSTO 2002, N. 218 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 231 del 02 Ottobre 2002) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Regolamento di sicurezza per le navi abilitate

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

1) Una nave in navigazione temporanea può imbarcare persone 1) mai F 2) solo i componenti dell equipaggio minimo necessario F 3) nel numero

1) Una nave in navigazione temporanea può imbarcare persone 1) mai F 2) solo i componenti dell equipaggio minimo necessario F 3) nel numero 1) Una nave in navigazione temporanea può imbarcare persone 1) mai F 2) solo i componenti dell equipaggio minimo necessario F 3) nel numero consentito dalle caratteristiche dell unità V 4) solo sotto la

Dettagli

PRESENTA TROFEO VENTI 15 OTTOBRE 2011 GARA DI PESCA SPORTIVA AL BOLENTINO. in collaborazione con. Passione Pesca Passione Sub

PRESENTA TROFEO VENTI 15 OTTOBRE 2011 GARA DI PESCA SPORTIVA AL BOLENTINO. in collaborazione con. Passione Pesca Passione Sub PRESENTA TROFEO VENTI 15 OTTOBRE 2011 GARA DI PESCA SPORTIVA AL BOLENTINO in collaborazione con Passione Pesca Passione Sub BANDO DI GARA E REGOLAMENTO 1 - PARTECIPANTI: potranno partecipare tutti gli

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI (D.M.

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI (D.M. ENTE GESTORE COMUNE DI FAVIGNANA ISOLE EGADI Testo Coordinato delle Deliberazioni della Giunta Municipale del Comune di Favignana n. 237/2012, n. 15/2013, n. 47/2013, n. 63/2014, n.46/2015, n.96/2015 e

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL RUOLO DELLE CAPITANERIE DI PORTO NELLA FILIERA ITTICA Torino, 17 Giugno 2013 C.V. (CP) Enrico MORETTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO (CE) N. 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario

Dettagli

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 76 Barca/Boat INVINCIBLE BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 Light drifting alle palamite e pesca a bolentino sono i due campi d azione ideali per questa canna.

Dettagli

Prot. n. 3265 Del 23/02/2011

Prot. n. 3265 Del 23/02/2011 Prot. n. 3265 Del 23/02/2011 ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Oggetto: Circolare esplicativa del bando di attuazione della misura 1.3 del Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013. Investimenti

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 176/08 Il capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Porto Santo

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia :

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : VISTO il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (codice

Dettagli

3 TROFEO DI PESCA SPORTIVA A TRAINA TROFEO ATC

3 TROFEO DI PESCA SPORTIVA A TRAINA TROFEO ATC Affiliata Federazione Italiana Motonautica Federazione Italiana Vela Federazione Italiana Canoa Kajak motonauticamessina@libero.it 3 TROFEO DI PESCA SPORTIVA A TRAINA TROFEO ATC - Domenica 29 settembre

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16 /2002 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di

Dettagli

AREA MARINA PROTETTA "Isola di Ustica"

AREA MARINA PROTETTA Isola di Ustica AREA MARINA PROTETTA "Isola di Ustica" Deliberazione della Giunta Municipale del Comune di Ustica n. 10 del 21/03/2016 (richiama le Ordinanze n 44 del 2011 e n 48 del 2012 Capitaneria di Porto di Palermo)

Dettagli

Consumo del motore, velocità della barca

Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore - Consumo specifico di carburante secondo i vari tipi di motore Motore Densità (d ) del carburat ore Consumo (s) in grammi per CV e per ora 2

Dettagli

CAPO CACCIA - ISOLA PIANA

CAPO CACCIA - ISOLA PIANA AREA MARINA PROTETTA CAPO CACCIA - ISOLA PIANA ENTE GESTORE COMUNE DI ALGHERO Via S. Anna tel. 079997800 fax 079997699 Capitaneria di Porto competente per area: Porto Torres, 07046 (SS) Via Mare Il Comune

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

AREA MARINA PROTETTA "Isola di Ustica"

AREA MARINA PROTETTA Isola di Ustica AREA MARINA PROTETTA "Isola di Ustica" Deliberazioni della Giunta Municipale del Comune di Ustica (n. 38 del 30.04.2014; richiama l Ordinanza n. 44 del 2011 e 48 del 2012 Capitaneria di Porto di Palermo)

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2009 n.116 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 1, comma 5, e l articolo 27, comma 1, della Legge 30 novembre

Dettagli

Il sottoscritto (1) con sede in Via.. CHIEDE il rilascio/il rinnovo/la variazione (2) della licenza di pesca per esercitare la pesca (3)

Il sottoscritto (1) con sede in Via.. CHIEDE il rilascio/il rinnovo/la variazione (2) della licenza di pesca per esercitare la pesca (3) MOOULARIO 18 MODELLO 18 Marca da bollo AI Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali Direzione Generale della Pesca e dell'acquacoltura Via dell' Arte, 16-00144 ROMA (EUR) Il sottoscritto

Dettagli

CORSO DI PESCA IN MARE

CORSO DI PESCA IN MARE FIPSAS sezione provinciale di Torino Settore mare S.P.S.D Amo d Oro Colmic presentano CORSO DI PESCA IN MARE ATTIVITA CANNA DA RIVA Dispensa tecnica delle lezioni svolte presso la società S.P.S.D. Amo

Dettagli

REGOLAMENTO UE 404/2011

REGOLAMENTO UE 404/2011 REGOLAMENTO UE 404/2011 RECANTE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) 1224/2009 CHE ISTITUISCE UN REGIME DI CONTROLLO COMUNITARIO PER GARANTIRE IL RISPETTO DELLE NORME DELLA POLITICA COMUNE DELLA

Dettagli

Modulo di Gestione Stazze Versione 2.0 20 luglio 2008

Modulo di Gestione Stazze Versione 2.0 20 luglio 2008 Modulo di Gestione Stazze Versione 2.0 20 luglio 2008 info@i80.it www.j80.it Modulo di Gestione della Stazza del J80 Chiavari, 20 Luglio 2008 Il presente modulo deve essere utilizzato in occasione della

Dettagli

1 REGOLAMENTI 1.1 1.2 Navigazione notturna: 1.3 ISCRIZIONI 2.1 2.2 2.3 2.4

1 REGOLAMENTI 1.1 1.2 Navigazione notturna: 1.3 ISCRIZIONI 2.1 2.2 2.3 2.4 1 REGOLAMENTI 1.1 La Regata sarà disputata applicando: - il Regolamento di Regata ISAF 2013/2016; - le ISAF Offshore Special Regulations 2014-2015 per le regate di 3^ categoria, con obbligo aggiuntivo

Dettagli

Introduzione. Greenpeace non era lì per caso: tutti sanno che una flottiglia di spadare italiane

Introduzione. Greenpeace non era lì per caso: tutti sanno che una flottiglia di spadare italiane Unvi deor appor t osul l ast r anast or i adeldi omedei I esulper chénonsir i esceaf er mar el a pescapi r at adel l er et ider i vant ii ni t al i a www. gr eenpeace. i t 100% PI RATERI AI TALI ANA Introduzione

Dettagli

Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura

Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura Rilascio delle Licenze di Pesca "Informatizzazione della procedura" Gennaio 2000 Direzione Generale della pesca e dell acquacoltura Generalità QUADRO DI RIFERIMENTO Le nuove tecnologie, ed in particolare

Dettagli

Prontuario ideato e curato da 1990-2010 Tarquini Stefano. NAUTICA DA DIPORTO. Titolo del reato Norma violata Sanzione Competenza Procedura N o t e

Prontuario ideato e curato da 1990-2010 Tarquini Stefano. NAUTICA DA DIPORTO. Titolo del reato Norma violata Sanzione Competenza Procedura N o t e NAUTICA DA DIPORTO Titolo del reato Norma violata Sanzione Competenza Procedura N o t e ABILITAZIONE AL COMANDO, CONDOTTA E DIREZIONE NAUTICA PER UNITA' DA DIPORTO. Assumere o ritenere il comando o la

Dettagli

PROCEDURE DI RECUPERO CON ELISOCCORSO HI-LINE

PROCEDURE DI RECUPERO CON ELISOCCORSO HI-LINE ADS Acquaaria Associazione Velica Italiana PROCEDURE DI RECUPERO CON ELISOCCORSO HI-LINE Copyright ADS Acquaaria. Tutti i diritti riservati 1 Premessa La presente dispensa sulle procedure da mettere in

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta "Tavolara - Punta Coda Cavallo" II sottoscritto Capitano

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno accademico 2007-2008 Meccanizzazione

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI ORDINANZA N. 7/2004 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Monopoli : VISTA

Dettagli

Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea

Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea Sintesi Normativa sul trasporto pubblico non di linea Mantova, 29 novembre 2008 a cura del Capitano Stefano Cacciatori Tematiche di riferimento Trasporto persone Normative specifiche Considerazioni Il

Dettagli

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014

DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014 DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA Isola dell Asinara ANNO 2014 INDICE INDICE... 2 Art. 1 Disciplinare integrativo al regolamento dell AMP Isola dell Asinara - anno 2013...

Dettagli

All.5-3. Navigazione Attestati L. 264 art. 5

All.5-3. Navigazione Attestati L. 264 art. 5 Navigazione Attestati L. 264 art. 5 All.5-3 1. E consentito l uso commerciale delle unità da diporto? si, nei casi di locazione, noleggio, insegnamento professionale della navigazione da diporto, e se

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO Riconoscendo che il Comitato Permanente per la Ricerca

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4, recante misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste ORDINANZA N 37/2011 Il sottoscritto Contrammiraglio (CP), Capo del Circondario Marittimo di : Vista Visto Visto Accertato Atteso Ritenuto Visti la propria Ordinanza n. 21 /11, in data 23.04.2011, che disciplina

Dettagli

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO ICC information and syllabus CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO Per la navigazione all estero il requisito della certificazione di idoneità varia a seconda dei paesi. In

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA Settore Mobilità e Promozione Turistica/Sport Servizio Trasporti QUESITI DI NAVIGAZIONE

PROVINCIA DI FOGGIA Settore Mobilità e Promozione Turistica/Sport Servizio Trasporti QUESITI DI NAVIGAZIONE PROVINCIA DI FOGGIA Settore Mobilità e Promozione Turistica/Sport Servizio Trasporti QUESITI DI NAVIGAZIONE 1) Lo sci nautico generalmente può essere esercitato ad un distanza dalla costa di 1 500 metri

Dettagli

SOCIETA CANOTTIERI PALERMO

SOCIETA CANOTTIERI PALERMO SOCIETA CANOTTIERI PALERMO Regata dei 5 Fari 29-30 - 31 maggio 2015 Istruzioni di Regata 1 Regolamenti La Regata sarà disputata applicando: - Il Bando di regata - Il Regolamento di regata ISAF 2013/2016

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disciplina del Carpfishing per il Canale Circondariale VALLE LEPRI sito nel territorio dei comuni di Ostellato, Portomaggiore, Argenta e Comacchio. Provincia di Ferrara. Art. 1 Finalità 1. La Provincia,

Dettagli

Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva

Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva XV EDIZIONE-2009 Un vademecum per la nautica da diporto e per la pesca sportiva a cura di Mario Biancucci LA NAVIGAZIONE DA DIPORTO Il codice della nautica da diporto, come è noto, ha apportato diverse

Dettagli

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N.

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16/2003 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

Cons. autom. Serie C NAVIGAZIONE

Cons. autom. Serie C NAVIGAZIONE Cons. autom. Serie C NAVIGAZIONE La domanda per ottenere l autorizzazione alla navigazione temporanea per le unità da diporto va presentata 1 al Capo del circondario marittimo o al Direttore dell UMC (Ufficio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook)

MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) Nella presente Guida sono riportate le informazioni di supporto alla compilazione del Giornale di Bordo Elettronico

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE.

REGOLAMENTO PARTICOLARE. A.S.D.G.S.P.M. Gruppo Sportivo Pescatori Montenovo Piazza Giorgio Perlasca, 2 60010 Ostra Vetere (An) LAGO GRANDE DELLA BARCHETTA: REGOLAMENTO INTERNO 2015 Art. 1 L esercizio della pesca è consentito solo

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del diporto. IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E

Dettagli

Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado;

Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado; Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado; VISTE: VISTI: VISTI: RITENUTO : RITENUTO : RAVVISATA:

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE

Dettagli

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 Yacht Club Porto Rotondo A.S.D. International Sportfishing Association PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 GARA DI PESCA D ALTURA PORTO ROTONDO 21-22 AGOSTO 2015 PROGRAMMA Venerdì 21 agosto pomeriggio

Dettagli

Prima regola non cadere

Prima regola non cadere Prima regola non cadere 14 giugno 2012 2 La cintura di sicurezza Tanti anni fa, quando iniziai la scuola di alpinismo il mio istruttore mi disse: La prima regola è non cadere Sembrerebbe che debba valere

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008 DECRETO DIRIGENZIALE N. 12 del 6 marzo 2008 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO TRASPORTI E VIABILITA' SETTORE DEMANIO MARITTIMO - NAVIGAZIONE - PORTI, AEROPORTI E OPERE MARITTIME - Misure per la gestione del

Dettagli

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013 COMI Direzione Mobilità e Trasporti Settore Trasporti Gestione Amministrativa Traffico Acqueo trasporti.acquei@comune.venezia.it (PEC) protocollo@pec.comune.venezia.it www.comune.venezia.it/trasportoacqueo

Dettagli

&KHFRVDVRQROHDFTXHLQWHUQHQHOUHJLPHJLXULGLFRGHOPDUH"

&KHFRVDVRQROHDFTXHLQWHUQHQHOUHJLPHJLXULGLFRGHOPDUH &1$9,*$=,21( &KHFRV qo DOWRPDUH" a) è il mare dove navigano le navi da diporto b) è il mare immediatamente adiacente all acqua interna c) è il mare non compreso nelle acque interne e nel mare territoriale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 72 / 2006 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI GENOVA: RITENUTO necessario disciplinare

Dettagli

Capitaneria di Porto di Olbia

Capitaneria di Porto di Olbia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Capitaneria di Porto di Olbia Ordinanza n 21/2014 Il Contrammiraglio (CP) sottoscritto, Capo

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono

Dettagli