La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità"

Transcript

1 La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità di Elena Antinoro Pizzuto, Paolo Rossini, Marie-Anne Sallandre, Erin Wilkinson 1. Introduzione In questo lavoro esaminiamo la struttura del discorso segnato analizzando brevi racconti in tre diverse Lingue dei Segni: quella italiana (LIS), americana (ASL), e francese (LSF). Focalizziamo l attenzione su strutture linguistiche universali che garantiscono la coesione testuale, e che vengono abitualmente descritte come deittico-anaforiche (v. in particolare Lyons, 1977). Nelle Lingue dei Segni (LS) come nelle lingue vocali (LV), queste strutture permettono di introdurre per la prima volta nel discorso i referenti (le persone, oggetti, eventi) di cui si parla (riferimento deittico) e, successivamente, di re-introdurre o parlare di nuovo degli stessi referenti (riferimento anaforico). I segni illustrati in fig. 1 forniscono un esempio standard di queste strutture in LIS 1. In (1a) il segnante produce il segno una settimana fa con lo sguardo verso il suo interlocutore, e quindi introduce per la prima volta nel discorso (riferimento deittico) il referente collega con il segno standard collega (1b), marcando il segno con uno spostamento del luogo di articolazione (alla sua destra) e dello sguardo, diretto verso lo stesso punto nello spazio. Più avanti nel discorso, il segnante re-introduce anaforicamente lo stesso referente ( lui, il collega... ), usando un segno di indicazione (1c) verso lo stesso punto che aveva prima marcato nello spazio (v. 1b), e il segno collega (1d) che però questa volta è prodotto nello spazio neutro. Questo modo di produrre il riferimento deittico-anaforico è stato descritto estesamente nella letteratura sulle LS, e molti autori hanno sottolineato somiglianze tipologiche molto rilevanti fra Lingue dei Segni diverse, spes- 1 Dal racconto Il furto della collana, tratto da un corpus raccolto da Fabbretti (1997). 41

2 so anche geograficamente molto distanti (v. fra gli altri Pizzuto, 2007). In molte LS (probabilmente in tutte) per introdurre (riferimento deittico) e reintrodurre (riferimento anaforico) referenti nel discorso (persone, oggetti o eventi di cui si parla), i segni per questi referenti vengono simbolicamente posizionati nello spazio segnico indicando luoghi nello spazio (o loci come chiamati da alcuni autori, v. Liddell, 2003) tramite: lo sguardo; modifiche del luogo di articolazione (v. 1b); un segno di indicazione manuale (v. 1c). Fig. 1 Una settimana fa, un collega [...] lui, il collega... [ ] 1a 1b 1c 1d Le LS possono però usare anche un altro modo per riferirsi a persone, oggetti, eventi. Si possono produrre unità segniche complesse molto diverse da quelle illustrate sopra in 1a-1b, che tipicamente: non sono elencabili come segni standard, non corrispondono cioè a segni elencati nei dizionari; sono marcate a un livello metalinguistico da un uso particolare dello sguardo; mostrano caratteristiche fortemente iconiche, e per questa ragione (e altre che qui non discutiamo), adottando il modello proposto da Cuxac (2000) possono essere caratterizzate come Strutture di Grande Iconicità (SGI). Illustriamo schematicamente qui di seguito il modello proposto da Cuxac, un modello che a nostro avviso è di grande interesse per esaminare da nuove e promettenti prospettive la struttura delle LS, e in particolare del discorso segnato. 2. Segni standard e Strutture di Grande Iconicità: una descrizione schematica Secondo la proposta formulata da Cuxac (2000; v. anche Cuxac e Sallandre, 2007), tutte le LS sono radicate in un processo di iconizzazione (o iconicizzazione) dell esperienza percettivo-pratica dei segnanti. Le LS, secondo Cuxac, possiedono una dimensione semiotica in più rispetto alle LV: nelle LS (ma non nelle LV) ci sono due modi per significare: dire e mo- 42

3 strare, usando SGI o Trasferimenti ; dire (senza mostrare), usando il lessico standard e segni di indicazione. Questi due modi di significare rispecchiano due diverse intenzioni comunicative e semiotiche che si alternano nel discorso segnato: un intenzione illustrativa (dire e mostrare), e una non illustrativa (dire senza mostrare). Un punto nodale, nel modello proposto da Cuxac, è la considerazione piena dello sguardo del segnante: lo sguardo svolge un ruolo cruciale per distinguere le due diverse intenzioni semiotiche e, di conseguenza, i segni standard (e i segni di indicazione ad essi connessi), dalle SGI. Molto schematicamente, nel produrre segni standard lo sguardo del segnante è diretto verso l interlocutore (o verso punti marcati nello spazio connessi alla produzione di segni standard, v. sopra 1a e 1b), mentre nel produrre SGI lo sguardo è diretto sulle mani, o rappresenta lo sguardo di entità simbolizzate, come illustreremo fra breve. Nel quadro proposto da Cuxac si distinguono tre tipi principali di SGI, ciascuna caratterizzata da uno specifico uso (linguistico e metalinguistico) dello sguardo: Trasferimenti di Taglia e di Forma (TF) descrivono forme e/o anche dimensioni dei referenti rappresentati, senza che vi sia un processo, lo sguardo del segnante è tipicamente rivolto sulla mano o sulle mani impegnate a produrre la forma rappresentata, l espressione facciale è congruente con la forma descritta; Trasferimenti di Situazione (TS) viene mostrata una situazione come vedendo la scena da lontano, si rappresenta sia un agente che un processo, lo sguardo è diretto prima verso la mano dominante (che rappresenta un agente e un processo), poi verso la mano non-dominante (che rappresenta un punto di riferimento o locativo ), l espressione facciale è congruente con il processo rappresentato; Trasferimenti di Persona (TP) l intero corpo del segnante riproduce una o più azioni fatte o subite da uno (o più) agenti/esperienti, il narratore diventa la persona di cui parla, assumendo lo sguardo dell entità rappresentata, e un espressione facciale, postura del corpo, forma delle mani iconicamente congruenti con l azione/stato dell entità rappresentata. Consideriamo alcuni esempi tratti dai racconti LIS, ASL e LSF che abbiamo analizzato. In 2a un segnante LSF si riferisce a un albero con un segno standard, prodotto con lo sguardo verso l interlocutore. In 2b/2c (le figure mostrano la parte iniziale e finale del segno) il segnante usa per lo stesso referente albero un TF ( la forma di un albero ), con lo sguardo rivolto sulle mani. Le figure 3a-3c mostrano tre esempi di riferimento anaforico tramite TS. I due esempi LIS (3a) e ASL (3b) trasmettono lo stesso significato: il cane 43

4 Fig. 2a LSF ALBERO (standard) Fig. 2b/2c LSF forma di albero (TF) Fig. 3a LIS (TS) Fig. 3b: ASL (TS) Fig. 3c: LSF (TS) cade dal davanzale. L esempio LSF simbolizza un cavallo che salta il recinto 2. Le figure 4a-4b mostrano esempi di TP con funzione anaforica in LIS e ASL. In 4a, il segnante produce un doppio TP, riferendosi simultaneamente a un bambino, un cane e le azioni che essi fanno ( il bambino tiene in braccio il cane mentre il cane lo lecca sulla guancia ). In 4b, il segnante si riferisce anaforicamente a un cane con la testa bloccata dentro un barattolo. Sia i TS sia i TP evidenziano un altra caratteristica altamente specifica delle LS: la possibilità di riferirsi simultaneamente a due o anche più referenti (ad es. il cane/il davanzale, il cavallo/il recinto nei TS in 3a-3c, il bambino/il cane/la guancia del bambino e il cane/la sua testa/il barattolo nei TP in 4a-4b). Le strutture appena illustrate sono note a tutti i segnanti e ampiamente discusse ma con altri termini e da altre prospettive. Il termine più frequentemente usato per le componenti manuali dei TF e TS e in parte dei TP, è quello di classificatore (e altri termini che qui non discutiamo per limiti 2 Non è possibile illustrare con immagini prive di movimento gli spostamenti rapidi di direzione dello sguardo dalla mano dominante alla mano non dominante che caratterizzano i TS, e che si possono individuare nell analisi dei filmati da cui sono tratti i videoclip. 44

5 Fig. 4a LIS (TP) Fig. 4b ASL (TP) di spazio). Cuxac denomina invece questi elementi manuali proforme. I TP sono più comunemente descritti come impersonamento (per discussioni più appropriate v. Cuxac e Sallandre, 2007; Emmorey, 2003; Pizzuto, 2007; Pizzuto et al., 2005; Russo Cardona e Volterra, 2007). La differenza fra la terminologia proposta da Cuxac (e nel presente lavoro), e quella usata più frequentemente in letteratura non è superficiale ma sostanziale. La diversa terminologia proposta da Cuxac si basa infatti su un modello linguistico che attribuisce all iconicità un ruolo formale cruciale nella struttura del discorso e della grammatica delle LS (Cuxac, 2000), in cui lo sguardo è considerato un parametro fondamentale dell attività segnica. È la diversa direzione dello sguardo l elemento chiave per distinguere segni standard e SGI. 3. Studi precedenti su LSF e LIS: risultati e domande aperte Molti studi sul discorso e la grammatica della LSF (ad es. Cuxac, 1996; 2000; Sallandre, 2003), basati su corpora che, per gli studi sulle LS, possono essere considerati molto ampi 3, hanno documentato con grande chiarezza che le SGI sono molto importanti nell articolare l informazione nel discorso segnato, e sono anche molto frequenti: ad es. costituiscono mediamente fino al 70% dei segni prodotti in testi narrativi, intorno al 30% dei segni in testi definiti prescrittivi come le ricette di cucina (Sallandre, 2003). Studi recenti sulla LIS forniscono la stessa indicazione, anche se in 3 Ci sembra importante sottolineare, anche se non possiamo discuterne qui come sarebbe necessario, che in termini quantitativi, c è una grossa discrepanza fra i corpora disponibili e analizzati nello studio delle LV (di solito corrispondenti a molte ore di parlato), e quelli relativi alle LS, dove un corpus di di segnato può essere già considerato molto ampio. 45

6 alcuni casi quelle che qui chiamiamo SGI vengono descritte con altri termini (cfr. ad es. Russo, 2004; Pizzuto et al., 2005; 2006; Pizzuto, 2007; i contributi di Di Renzo e di Lucioli, Lamano e Gianfreda in questo volume). Per quanto ci risulti, nessuno studio precedente (ad eccezione di osservazioni riportate in Pizzuto, 2007 e in Antinoro Pizzuto et al., 2007), ha cercato di accertare come e quanto le SGI vengono usate per effettuare il riferimento deittico-anaforico, cioè come strumenti per la coesione testuale. Lo studio che riportiamo qui di seguito cerca di rispondere alle seguenti domande: nel riferimento deittico-anaforico, le SGI sono più o meno frequenti dei segni standard e dei segni di indicazione? le SGI sono ugualmente frequenti nel riferimento deittico e in quello anaforico, o ci sono differenze rilevanti? quanto spesso le SGI sono usate per riferirsi a più referenti, realizzando cioè quella caratteristica altamente specifica delle LS che abbiamo definito Riferimento Multiplo (RM)? 4. Risposte e nuove informazioni dall esame comparativo di dati LIS, ASL e LSF Per rispondere alle domande formulate sopra abbiamo analizzato brevi racconti (comparabili per durata e complessità) prodotti in LIS, ASL e LSF. In ciascuna LS abbiamo analizzato 1 di segnato prodotto da tre segnanti nativi di età e esperienza linguistica comparabile. Per la LIS e l ASL i racconti sono stati elicitati con una stessa storia illustrata molto nota, la Storia della Rana (Mayer, 1969), che narra le avventure di un bambino, del suo cane e di una rana che il bambino trova e mette in un barattolo. Successivamente la rana scappa e il bambino e il cane iniziano a cercarla dappertutto. I dati analizzati contengono lo stesso numero di episodi della parte iniziale della storia. Per la LSF abbiamo usato una storia illustrata molto breve (composta da 5 figure) nota come Il cavallo, che parla di un cavallo, una mucca e un uccellino, e delle azioni e interazioni di e fra i protagonisti di questa storia (per maggiori dettagli v. Antinoro Pizzuto et al., 2007). Per quanto riguarda la scelta delle lingue esaminate va osservato quanto segue. È noto che ASL e LSF sono storicamente connesse: la LSF ha influenzato l ASL tramite la straordinaria esperienza umana e educativa che ha portato l educatore sordo francese Laurent Clerc, segnante LSF, a trasferirsi negli Stati Uniti, e a creare insieme a Thomas Gallaudet la prima scuola per sordi negli Stati Uniti in cui la Lingua dei Segni veniva usata per comunicare ed educare (Russo Cardona e Volterra, 2007). Non abbiamo inve- 46

7 ce notizie certe su parentele storiche fra LIS e ASL/LSF. Anche se non possiamo escludere che ci siano stati contatti fra sordi italiani, americani e francesi, non abbiamo documenti scritti che attestino una relazione storica LIS ASL/LSF (sull importanza della scrittura per la storia delle LS v. Pennacchi, in questo volume). In sostanza, allo stato attuale delle conoscenze, possiamo dire che le LS che abbiamo scelto di esaminare ci permettono di esplorare, sia pure in parte, se le eventuali somiglianze/differenze fra le tre LS sono/non sono influenzate dalle relazioni storiche fra di loro. Esaminiamo adesso i risultati principali del nostro studio. Per limiti di spazio, riassumiamo qui solo i dati più rilevanti, raggruppando in un unica categoria le SGI che abbiamo esaminato (v. Antinoro Pizzuto et al. [2007] per una descrizione più dettagliata). In ciascun testo esaminato, abbiamo individuato un numero totale di occorrenze di riferimenti deittico-anaforici variabile fra 46 e 71 (nei tre testi LSF, indicati qui di seguito come LSF-1, LSF-2 e LSF-3), e (nei sei testi LIS e ASL, indicati qui di seguito, rispettivamente, come LIS-1, LIS-2, LIS-3 e ASL-1, ASL2-ASL3). La figura 5 mostra le regolarità individuate nel riferimento deittico, paragonando la proporzione (in percentuale) delle SGI con quella dei segni standard e dei segni di indicazione (raggruppati insieme in unica categoria STD). Fig. 5 SGI vs. segni standard e segni di indicazione nel riferimento deittico % LIS-1 LIS-2 LIS-3 ASL-1 ASL-2 ASL-3 LSF-1 LSF-2 LSF-3 STD SGI mix È evidente che per parlare per la prima volta di una persona (o oggetto o evento) tutti i segnanti meno uno usano molto più spesso segni standard (50%-83%, per la maggior parte segni lessicali, raramente segni di indica- 47

8 zione), Le SGI sono meno frequenti, ma costituiscono in ogni caso una proporzione non trascurabile (dal 17% al 40%). Le strutture miste ( mix nel grafico, composte per lo più da TF e segni di indicazione) rappresentano una proporzione marginale (8% -10%), e sono prodotte solo dai segnanti LIS-3 e LSF-3. Il segnante LSF-1 costituisce un eccezione a questo andamento: nell 83% dei casi usa SGI. La figura 6 mostra le regolarità individuate nel riferimento anaforico. In questo caso, le proporzioni si invertono: in tutte e tre le LS predominano largamente le SGI, in proporzioni comprese fra l 80% (ASL-2) e il 95% (LSF- 3). I segni STD costituiscono una proporzione decisamente limitata (dal 5% al 20%), soprattutto rispetto a quanto riscontrato nel riferimento deittico. Fig. 6 SGI vs. segni standard e segni di indicazione nel riferimento anaforico % LIS-1 LIS-2 LIS-3 ASL-1 ASL-2 ASL-3 LSF-1 LSF-2 LSF-3 STD SGI Riportiamo infine la proporzione di casi di Riferimento Multiplo (RM, v. sez 2 e illustrazioni 3a-4b), cioè dei casi in cui le SGI da sole, o in qualche caso accompagnate da un segno standard e/o da un segno di indicazione, si riferivano simultaneamente a due o più referenti. Questa proporzione è stata calcolata dividendo il numero di occorrenze di RM per il totale di occorrenze di riferimento deittico e anaforico. Mediamente, il RM si è verificato nel 40% dei casi. 5. Conclusioni e indicazioni per ricerche future I dati che abbiamo descritto avvalorano, ed estendono a nuovi aspetti della struttura linguistica delle LS, le indicazioni di studi precedenti su LSF 48

9 e LIS. Le SGI costituiscono indiscutibilmente un fenomeno estremamente rilevante nelle tre LS esaminate, e sono le strutture più frequenti con cui si realizza il riferimento anaforico. Il filo del discorso nei racconti esaminati si regge primariamente sulle SGI. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare da molte ricerche (soprattutto ma non solo in descrizioni dell ASL), i nostri dati mostrano che nel riferimento anaforico l uso di segni standard e/o di segni di indicazione diretti verso specifici loci (v. sez. 1) è un fenomeno decisamente marginale. In una proporzione importante di casi, le SGI consentono inoltre possibilità di RM che costituiscono un ulteriore caratteristica altamente specifica delle LS. In accordo con studi precedenti sulle SGI, i nostri dati suggeriscono che le strutture discorsive e sintattiche del segnato possiedono caratteristiche peculiari, molto diverse da quelle considerate standard, illustrate nell esempio (1) di questo lavoro. Le somiglianze interlinguistiche rilevate sembrano molto più legate alla modalità visivo-gestuale che a relazioni storiche fra le LS esaminate. Troviamo infatti regolarità simili non solo in ASL e LSF, che hanno legami storici accertati, ma anche in LIS, una lingua che, per quanto ne sappiamo oggi, non ha legami storici diretti con le altre due. Va ricordato inoltre che strutture tipologicamente molto simili nel realizzare il riferimento deitticoanaforico sono state descritte in molte LS anche geograficamente distanti, e dunque è plausibile ipotizzare che costituiscano tratti molto generali, verisimilmente universali delle LS (Pizzuto, 2007). I dati discussi vanno certamente vagliati ulteriormente, effettuando ricerche più ampie, su corpora più estesi (e su diverse varietà discorsive), e su un campione più vasto di LS geograficamente (e storicamente) distanti. La presenza massiccia di SGI nei nostri dati fornisce tuttavia indicazioni molto chiare a favore di modelli formali delle LS che cercano di delineare una grammatica dell iconicità, come quello proposto da Cuxac (2000) e, da prospettive un po diverse, da Russo (2004) 4. Come osservano alcuni autori (Pizzuto et al., 2007), gran parte della ricerca passata e attuale sulle LS è stata guidata da una prospettiva assimilazionista. Si è cercato di mostrare e provare che le LS sono lingue a tutti gli effetti, paragonabili come efficacia espressiva e funzioni alle lingue vocali, e quindi possiedono strutture molto simili nella sostanza a quelle già note e descritte per le lingue vocali. Questo compito è stato già in larga misura assolto, e sembra giunto il tempo di guardare più lontano e più in profondità, esplorando le LS 4 Vogliamo qui dichiarare il nostro profondo debito di gratitudine per Tommaso Russo Car-dona, amico e studioso di grandissimo valore prematuramente scomparso nel settembre Gli studi pioneristici di Tommaso su iconicità e metafora nella LIS e nelle lingue vocali sono stati fondamentali per sviluppare molte idee e progetti strettamente connessi alle linee di lavoro esemplificate nel presente contributo. 49

10 da una prospettiva non assimilazionista, che valorizzi pienamente non solo tutto ciò che le LS hanno in comune con le lingue vocali, ma anche tutto ciò che hanno di diverso. Se si rispettano e valorizzano pienamente le particolari caratteristiche delle LS come lingue altamente iconiche, con possibilità espressive peculiari della modalità visivo-gestuale, e con una strutturazione multilineare dell informazione che non ha pari nelle lingue acustico-vocali, rimane a nostro avviso ancora molto da scoprire e imparare sulle somiglianze e differenze fra discorso segnato e parlato. Per sviluppare nuove e appropriate ricerche in questa direzione occorrerà non sottrarsi all esigenza di sviluppare nuovi strumenti teoricometodologici, e fra questi certamente, a nostro parere, anche tecniche e metodologie più rigorose per costituire ampi corpora di LS, rappresentarli in forma scritta, e analizzarli con procedure computerizzate paragonabili a quelle che da alcuni decenni ormai si usano nell analisi del parlato. Allo stato attuale, le risorse di cui si dispone per le LS in questo settore sono incomparabilmente più limitate di quelle disponibili per lo studio delle lingue vocali, e ciò ostacola seriamente la ricerca (Pizzuto, Rossini e Russo, 2006). Da un punto di vista più generale, occorre inoltre adeguare e ampliare gli strumenti teorici e metodologici della linguistica. Questi strumenti hanno ovvi limiti, perché sono stati sviluppati per secoli sulla base di conoscenze parziali, relative per lo più alle forme scritte delle lingue vocali. Occorre a nostro avviso una prospettiva semiotica di più ampio respiro che ci consenta di definire modelli più generali, più appropriati per descrivere sia le Lingue dei Segni sia le lingue vocali senza costringere le une o le altre entro schemi riduttivi validi solo per l una o per l altra delle tue tipologie di lingue. Crediamo che un attenzione maggiore alle caratteristiche specifiche del segnato e del parlato possa fornire nuove, preziose indicazioni sui tratti veramente universali del linguaggio. Bibliografia Antinoro Pizzuto E., Rossini P., Sallandre M.A., Wilkinson E. (2007), Deixis, anaphora and highly iconic structures: cross-linguistic evidence on American (ASL), French (LSF) and Italian (LIS) Signed Languages, Electronic Proceedings of the International Congress Theoretical Issues in Sign Language Research TISLR 9, Florianopolis, Brazil, December (a cura di R. Müller de Quadros), [http://www.editora-arara-azul.com.br/livros. php]. Cuxac C. (2000), La Langue des Signes Française (LSF). Les voies de l iconicité, Faits de Langues, 15-16, Ophrys, Paris. 50

11 Cuxac C., Sallandre M.A. (2007), Iconicity and arbitrariness in French Sign language: highly iconic structures, degenerated iconicity and diagrammatic iconicity, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Emmorey K. (a cura di) (2003), Perspectives on classifier constructions in sign languages, Lawrence Erlbaum, Mahwah, NJ. Fabbretti D. (1997), Scrivere e segnare. La costruzione del discorso nell italiano scritto e nella Lingua dei Segni delle persone sorde, Tesi di dottorato [Ph.D. diss], Università degli Studi di Roma La Sapienza. Liddell S.K. (2003), Grammar, gesture and meaning in american sign language, Cambridge University Press, Cambridge, UK. Lyons, J. (1977), Semantics, Vol. 2, Cambridge University Press Cambridge, UK. Mayer M. (1969), Frog, where are you?, Dial Press, New York. Pietrandrea P., Russo, T. (2007), Diagrammatic and imagic hypoicons, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P., Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E., Pietrandrea P., Simone R. (2007), Introduction, in Verbal and signed languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E. (2007), Deixis, anaphora and person reference in signed languages, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E., Rossini P., Russo T., Wilkinson E. (2005), Formazione di parole visivo-gestuali e classi grammaticali nella Lingua dei Segni Italiana (LIS): dati disponibili e questioni aperte, in La Formazione delle Parole Atti del XXX- VII Congresso Internazionale SLI (a cura di Grossmann M. e Thornton A.M.), Bulzoni, Roma, Pizzuto E., Rossini P., Russo T. (2006), Representing signed languages in written form: questions that need to be posed, Proceedings of the Second Workshop on the Representation and Processing of Sign Languages - LREC th International Conference on Language Resources and Evaluation (a cura di Vettori C.), ILC-CNR, Pisa, 1-6. Russo T. (2004), La mappa poggiata sull isola. Iconicità e metafora nelle Lingue dei Segni e nelle Lingue Vocali, Università della Calabria, Centro Editoriale Librario, Rende. Russo Cardona T., Volterra V. (2007), Le Lingue dei Segni. Storia e semiotica, Carocci, Roma. Sallandre M.A. (2003), Les Unités du Discours en Langue des Signes Française Tentative de Categorization dans le Cadre d une Grammaire de l Iconicité, Thèse de Doctorat en Sciences du Langage, Université Paris 8, Paris. 51

Meccanismi di coesione testuale e Strutture di Grande Iconicità nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) e altre lingue dei segni 1

Meccanismi di coesione testuale e Strutture di Grande Iconicità nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) e altre lingue dei segni 1 Meccanismi di coesione testuale e Strutture di Grande Iconicità nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) e altre lingue dei segni 1 Elena Antinoro Pizzuto Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione,

Dettagli

Lingue verbali e lingue dei segni / Verbal and Signed Languages

Lingue verbali e lingue dei segni / Verbal and Signed Languages Dipartimento di Linguistica Università degli Studi Roma Tre Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Colloquio Internazionale / International Colloquium

Dettagli

I segni parlano. FrancoAngeli. Prospettive di ricerca sulla Lingua dei Segni Italiana

I segni parlano. FrancoAngeli. Prospettive di ricerca sulla Lingua dei Segni Italiana I segni parlano Prospettive di ricerca sulla Lingua dei Segni Italiana Ente Nazionale Sordi Onlus A cura di Caterina Bagnara, Serena Corazza, Sabina Fontana e Amir Zuccalà FrancoAngeli In copertina:

Dettagli

la formazione delle classi e della categorie

la formazione delle classi e della categorie la formazione delle classi e della categorie Tradizionalmente si assume che per formare una classe sia necessario indicare proprietà necessarie e congiuntamente sufficienti. Indicate le proprietà si possono

Dettagli

Elementi di Psicologia dello Sviluppo (II modulo) Mirco Fasolo

Elementi di Psicologia dello Sviluppo (II modulo) Mirco Fasolo Elementi di Psicologia dello Sviluppo (II modulo) Mirco Fasolo mirco.fasolo@unimib.it Bibliografia Testi obbligatori - D amico, Devescovi (2003). Comunicazione e linguaggio nei bambini. Carocci: Roma.

Dettagli

COMPETENZA. Presta attenzione al contesto ed al contenuto cogliendo le informazioni esplicite della comunicazione

COMPETENZA. Presta attenzione al contesto ed al contenuto cogliendo le informazioni esplicite della comunicazione L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione ) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti formulati in un registro chiaro il più possibile adeguato

Dettagli

ITALIANO. Traguardi, obiettivi, nodi concettuali. Il lessico. ITALIANO- TRAGUARDI LESSICO

ITALIANO. Traguardi, obiettivi, nodi concettuali. Il lessico. ITALIANO- TRAGUARDI LESSICO Proposta di lettura e di interpretazione, secondo nodi concettuali, delle Indicazioni 2012 Maria Franchetti ITALIANO. Traguardi, obiettivi, nodi concettuali Il lessico. ITALIANO- TRAGUARDI LESSICO Piste

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI DI GERMIGNAGA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA OGGETTO DELLA PROGRAMMAZIONE ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI DI GERMIGNAGA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA OGGETTO DELLA PROGRAMMAZIONE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2016/2017 Responsabile programmazione Insegnanti Destinatari (Classe/Gruppo) Durata (dal-al) Ore settimanali CL. V Anno scolastico MATERIA OGGETTO DELLA PROGRAMMAZIONE ARTE

Dettagli

Le lingue storico-naturali

Le lingue storico-naturali Le lingue storico-naturali Le lingue umane sono dette [ ] lingue storico-naturali: da un lato sono apprese in modo naturale e spontaneo, dall altro sono il prodotto di un evoluzione attraverso il tempo

Dettagli

Scuola statale italiana di Madrid Anno scolastico 2016/17 LINGUA ITALIANA Classe 2C Insegnante: Cristina Contri. ABILITÀ Obiettivi di apprendimento

Scuola statale italiana di Madrid Anno scolastico 2016/17 LINGUA ITALIANA Classe 2C Insegnante: Cristina Contri. ABILITÀ Obiettivi di apprendimento Scuola statale italiana di Madrid Anno scolastico 2016/17 LINGUA ITALIANA Classe 2C Insegnante: Cristina Contri NUCLEI FONDANTI ASCOLTO E PARLATO COMPETENZE Ascoltare e comprendere messaggi in contesti

Dettagli

TRAGUARDI PER LO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE TRASVERSALI ASCOLTO E PARLATO ESSERE AUTONOMI E RESPONSABILI COMUNICARE

TRAGUARDI PER LO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE TRASVERSALI ASCOLTO E PARLATO ESSERE AUTONOMI E RESPONSABILI COMUNICARE CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA I GRADO COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA FONTI DI SVILUPPO DELLE OBIETTIVI DI ASCOLTO E PARLATO 1. L allievo interagisce in diverse situazioni

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE SECONDA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE SECONDA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE SECONDA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

CONVEGNO INTERNAZIONALE

CONVEGNO INTERNAZIONALE UNIVERSITY OF SS. CYRIL AND METHODIUS FACULTY OF PHILOLOGY BLAŽE KONESKI CONVEGNO INTERNAZIONALE LA VALUTAZIONE NELL INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELLE LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Skopje 12 SETTEMBRE

Dettagli

LIVE LLO 9-10/1 07-8/10. 6/10 Partecipa sufficientemente a scambi comunicativi semplici. Comprende globalmente le istruzioni verbali e

LIVE LLO 9-10/1 07-8/10. 6/10 Partecipa sufficientemente a scambi comunicativi semplici. Comprende globalmente le istruzioni verbali e LIVE LLO 9-10/1 0 07-8/10 EFFICACIA COMUNICATIVA Partecipa in modo efficace a scambi comunicativi semplici e chiari. Comprende in modo completo le istruzioni orali e sa rispondere alle richieste in maniera

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE G. B. BROCCHI Bassano del Grappa -VI. Progettazione didattico educativa di dipartimento CLASSE INDIRIZZO

LICEO GINNASIO STATALE G. B. BROCCHI Bassano del Grappa -VI. Progettazione didattico educativa di dipartimento CLASSE INDIRIZZO Pagina 1 di 5 DIPARTIMENTO CLASSE INDIRIZZO FRANCESE PRIMO BIENNIO LINGUISTICO SCIENZE UMANE (OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE) OBIETTIVI IN TERMINI DI: COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE E ATTIVITÀ COMPETENZA ABILITÀ

Dettagli

La matematica come forma di comunicazione PRIN

La matematica come forma di comunicazione PRIN La matematica come forma di comunicazione PRIN 2009-2011 Introduzione Quanto è chiara l idea di comunicazione matematica? Possiamo distinguere il discorso matematico da tutti gli altri concentrandoci soltanto

Dettagli

ITALIANO classe quarta

ITALIANO classe quarta NUCLEI TEMATICI COMPETENZE CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO - SA ESPRIMERE LA PROPRIA OPINIONE SU UN ARGOMENTO TRATTATO - SA PORRE DOMANDE PERTINENTI ALL ARGOMENTO E AL CONTESTO DURANTE O DOPO L ASCOLTO -

Dettagli

1. Fenomeni fonologici nelle lingue dei segni. Epentesi

1. Fenomeni fonologici nelle lingue dei segni. Epentesi Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Fenomeni fonologici nelle lingue dei segni Epentesi

Dettagli

Gli elementi della comunicazione

Gli elementi della comunicazione Laboratorio di Scrittura creativa Il Testo narrativo Gli elementi della comunicazione App Generation Writers I. C. San Francesco Nicola Napolitano Anguillara Sabazia - RM Il processo di comunicazione La

Dettagli

STUDI E ATTIVITÀ ACCADEMICA

STUDI E ATTIVITÀ ACCADEMICA CURRICULUM VITAE DI TOMMASO RUSSO t.russo@mclink.it Tommaso Russo svolge la sua attività didattica e di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell Università della Calabria e in collaborazione con

Dettagli

Classe 3 Curricolo di ITALIANO. Nuclei fondanti Abilità Conoscenze Ascoltare e Parlare

Classe 3 Curricolo di ITALIANO. Nuclei fondanti Abilità Conoscenze Ascoltare e Parlare Classe 3 Curricolo di ITALIANO Nuclei fondanti Abilità Conoscenze Ascoltare e Parlare -Prendere la parola negli scambi comunicativi, rispettando il proprio turno. -Comprendere le informazioni principali

Dettagli

Applicazioni:la traduzione automatica

Applicazioni:la traduzione automatica Applicazioni:la traduzione automatica Il problema di tradurre automaticamente un testo da una lingua all altra è stato affrontato ancora prima della nascita dell IA. Negli anni Cinquanta diversi ricercatori,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI RACCONIGI CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

DIREZIONE DIDATTICA DI RACCONIGI CURRICOLO DI LINGUA INGLESE DIREZIONE DIDATTICA DI RACCONIGI CURRICOLO DI LINGUA INGLESE PREMESSA Il Curricolo di lingua straniera attualmente in uso nel nostro circolo è stato elaborato tenendo presenti le indicazioni del Progetto

Dettagli

014 5 Pragmatica Lingue per scopi speciali. [014 8] Abbreviazioni e simboli Filosofia e teoria

014 5 Pragmatica Lingue per scopi speciali. [014 8] Abbreviazioni e simboli Filosofia e teoria T4 T4 014 301 Filosofia e teoria 014 301 8 Scuole, teorie, metodologie 014 301 82 Linguistica formale Notazione 01 dalla Tavola 1 come di seguito modificata Da non usare per scuole e teorie semantiche;

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sissa Trecasali Allegato 2.E al Piano Triennale dell Offerta Formativa 2016/19 CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA DELL INFANZIA

Istituto Comprensivo di Sissa Trecasali Allegato 2.E al Piano Triennale dell Offerta Formativa 2016/19 CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Obiettivi riferiti all intero percorso della scuola dell infanzia OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE Osservare con attenzione

Dettagli

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2015 / 2016 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni Asse

Dettagli

PARTE PRIMA: PROGETTAZIONE ANNUALE

PARTE PRIMA: PROGETTAZIONE ANNUALE INSEGNANTE: Anna Maria Croce ANNO SCOLASTICO: 2015/2016 CLASSE: unica infanzia MATERIA: I discorsi e le parole PARTE PRIMA: PROGETTAZIONE ANNUALE UDA 1 - Settembre: Accoglienza Conoscersi per diventare

Dettagli

Disegno e Storia dell'arte

Disegno e Storia dell'arte Istituto Tecnico Industriale - Liceo Scientifico Scienze Applicate A. Pacinotti Fondi (LT) Anno Scolastico 2014-2015 Disegno e Storia dell'arte Docenti Maria Grazia Parisella Francesco Samperi Docente

Dettagli

UDA n.1 STUDIARE LA GRAMMATICA C1_01: Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

UDA n.1 STUDIARE LA GRAMMATICA C1_01: Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione CPIA PALERMO 2 PROGETTAZIONE PER UNITA DI APPRENDIMENTO PERCORSO DI ISTRUZIONE DI I LIVELLO - SECONDO PERIODO DIDATTICO a.s. 2016/2017 ASSE DEI LINGUAGGI (ITALIANO) UDA n.1 STUDIARE LA GRAMMATICA C1_01:

Dettagli

COMPETENZE DI ITALIANO

COMPETENZE DI ITALIANO ASCOLTARE PARLARE CLASSE I COMPETENZE DI ITALIANO Sa ascoltare testi presentati e comunicazioni orali, ne riconosce le caratteristiche rielaborandoli in modo autonomo e personale, li sa riferire con proprietà

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI, SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI, SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: FRANCESE (seconda lingua) CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI, SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA

COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA COMPETENZA ITALIANO COMPETENZA CHIAVE COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Definizione: è la capacità di esprimere e interpretare pensieri,sentimenti e fatti in forma sia in forma orale che scritta (comprensione

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO

OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO TERZA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI COMPETENZE VERIFICHE ASCOLTARE Ascoltare e comprendere comandi, istruzioni, regole. Seguire una conversazione e comprendere ciò di

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa D ASCOLTO ( COMPRENSIONE ORALE ) L alunno comprende oralmente

Dettagli

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a Competenze Conoscenze Abilità Tecniche di lettura espressiva: intonazione, pause, punteggiatura. Applicare diverse strategie di lettura: lettura espressiva

Dettagli

Programmazione annuale a. s

Programmazione annuale a. s Programmazione annuale a. s. 2016-2017 MATERIA: CLASSE: ITALIANO SECONDA LIBRO/I DI TESTO: AUTORE: TITOLO: EDITORE: AUTORE: TITOLO: EDITORE: MARCELLO SENSINI L ITALIANO DA SAPERE IN TEORIA E IN PRATICA

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Secondaria di Primo Grado - ITALIANO - COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLA MADRE LINGUA Classe Prima Profilo dello studente al termine

Dettagli

4 lezione: 30/10/2015

4 lezione: 30/10/2015 4 lezione: 30/10/2015 Argomenti trattati: 1) Esercizi sulle note 2) Connettivi e coesivi 3) La stesura: convenzioni e accortezze editoriali 1) Esercizi sulle note: gli errori 1) Nobili, Claudia Sebastiana,

Dettagli

Morfologia della LIS

Morfologia della LIS Morfologia della LIS La LIS possiede meccanismi morfologici attraverso i quali le parole possono essere modificate DERIVAZIONE: aggiungendo un suffisso ad un segno si modifica il suo significato. In LIS

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA. LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA. LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA LINGUA ITALIANA Classe prima 1)ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE 1a saper comprendere messaggi o richieste verbali 1b saper interloquire con insegnanti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ITALIANO CLASSE 2 a PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO -L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE MONOENNIO - ITALIANO OBIETTIVI MINIMI 1.PARLARE/ASCOLTARE: usare il codice verbale orale in modo significativo. a. Mantenere l attenzione sul messaggio orale avvalendosi dei diversi linguaggi verbali e

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI AMMINISTRAZIONE FINANZA E Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp :12 Pagina V. Indice

01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp :12 Pagina V. Indice 01_178_DEAGO_Vedere per_cardona.qxp 18-10-2007 15:12 Pagina V 3 Nota introduttiva 7 CAPITOLO 1 Materiale audiovisivo e glottodidattica di Elena Ballarin 7 1.1 Il testo audiovisivo 1.1.1 Tipi testuali,

Dettagli

ITALIANO CLASSE 1 1. ASCOLTARE E COMPRENDERE TESTI NARRATIVI.

ITALIANO CLASSE 1 1. ASCOLTARE E COMPRENDERE TESTI NARRATIVI. ITALIANO OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. ASCOLTARE E COMPRENDERE TESTI 1.1 Ascoltare una semplice narrazione individuando personaggi, luoghi, successione temporale. 1.2 Ascoltare una semplice descrizione

Dettagli

LIVELLI DI COMPETENZA ITALIANO CL. 1 Livello non sufficiente 5

LIVELLI DI COMPETENZA ITALIANO CL. 1 Livello non sufficiente 5 LIVELLI DI COMPETENZA ITALIANO CL. 1 Non scrive parole/frasi autonomamente. Se guidato scrive in modo non Scrive parole/frasi autonomamente ma in modo non Scrive parole/frasi con qualche imperfezione.

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE QUINTA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto finalizzato e dell ascolto attivo e relativi processi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI 1. PRODUZIONE E COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE: ASCOLTARE, COMPRENDERE, PARLARE 1.1 Ascoltare e comprendere semplici messaggi 1.2 Ascoltare

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI FRANCESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI FRANCESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

L approccio socio semiotico alle lingue dei segni

L approccio socio semiotico alle lingue dei segni Per Tullio De Mauro ISBN 978-88-548-4674-6 DOI 10.4399/978885484674614 pag. 265 285 (marzo 2012) L approccio socio semiotico alle lingue dei segni Una testimonianza PAOLA PIETRANDREA SOMMARIO: 1. Introduzione,

Dettagli

LA GRAMMATICA PEDAGOGICA

LA GRAMMATICA PEDAGOGICA LA GRAMMATICA PEDAGOGICA Convegno Il primo passo Torino, 8 aprile 2014 Franca Bosc, Università degli Studi di Milano Nozioni di Lingua e Grammatica : Sistemi logico formali che offrono concettualizzazioni

Dettagli

Il processo di comprensione del testo scritto

Il processo di comprensione del testo scritto ALLEGATO 1 testo di partenza Il processo di comprensione del testo scritto Gli studi dedicati alla lettura, soprattutto in ambito psicolinguistico e neurolinguistico, pur collocandosi su livelli diversi,

Dettagli

Educazione linguistica. SILSIS Scienze Naturali e FIM a.a

Educazione linguistica. SILSIS Scienze Naturali e FIM a.a Educazione linguistica SILSIS Scienze Naturali e FIM a.a. 2007-08 Linguaggio scientifico Il tema del linguaggio scientifico offre ampia materia di lavoro non solo al linguista, ma anche allo studioso di

Dettagli

A R T E E I M M A G I N E

A R T E E I M M A G I N E CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA A R T E E I M M A G I N E CLASSI PRIMARIA ESPRIMERSI E COMUNICARE A1 - Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo, utilizzando materiali e tecniche

Dettagli

Educazione Linguistica (lingua come codice) ortografia e punteggiatura morfologia sintassi della frase semplice e complessa

Educazione Linguistica (lingua come codice) ortografia e punteggiatura morfologia sintassi della frase semplice e complessa Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES Tutti gli indirizzi Anno scolastico Disciplina: Lingua e letteratura italiana CLASSE 1 1. comunicare e interagire verbalmente in contesti di varia natura

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche ITALIANO

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche ITALIANO Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche ITALIANO CLASSE: Prima DISCIPLINA: Italiano AMBITO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO/ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

CLASSE SECONDA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ITALIANO A) ASCOLTARE 1 BIMESTRE 2 BIMESTRE 3 BIMESTRE 4 BIMESTRE

CLASSE SECONDA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ITALIANO A) ASCOLTARE 1 BIMESTRE 2 BIMESTRE 3 BIMESTRE 4 BIMESTRE OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CLASSE SECONDA ITALIANO A) ASCOLTARE 1 1. Ascoltare e comprendere vari messaggi 1. Ascoltare messaggi orali di vario genere e individuare l'argomento centrale 2. Ascoltare

Dettagli

JEROME SEYMOUR BRUNER

JEROME SEYMOUR BRUNER TEORIE DELL APPRENDIMENTO E QUALITÀ DEI PROCESSI (PARTE II) PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 JEROME SEYMOUR BRUNER--------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Tipologie di glottodidattica

Tipologie di glottodidattica Induttivo o deduttivo, questo è il dilemma. Al centro delle considerazioni didattiche può stare lingua oggetto l apprendente. Nel primo caso possiamo distinguere due principali filoni di glottodidattica:

Dettagli

CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE. - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni

CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE. - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE ITALIANO - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni - Potenziare l ascolto reciproco, il rispetto e

Dettagli

Metodi qualitativi per la ricerca applicata all indagine sociale e di marketing

Metodi qualitativi per la ricerca applicata all indagine sociale e di marketing Master Universitario di Secondo Livello in Metodi qualitativi per la ricerca applicata all indagine sociale e di marketing Ciclo di seminari per la formazione avanzata sui metodi e le tecniche della ricerca

Dettagli

Localizzazione di una esplosione

Localizzazione di una esplosione XXIII Ciclo di Dottorato in Geofisica Università di Bologna Corso di: Il problema inverso in sismologia Prof. Morelli Localizzazione di una esplosione Paola Baccheschi & Pamela Roselli 1 INTRODUZIONE Problema

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO MANZONI DOCENTE: MARTORANA ISABELLA MATERIA: FRANCESE Classe II Sezione C FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI

Dettagli

Il tubo del tempo. Dalla descrizione grammaticale alla cognizione della grammatica

Il tubo del tempo. Dalla descrizione grammaticale alla cognizione della grammatica Il tubo del tempo Dalla descrizione grammaticale alla cognizione della grammatica Parte prima: La situazione attuale Il posto della grammatica cognitiva A che cosa serve la grammatica? Tante risposte:

Dettagli

INTERPRETE IN LINGUA DEI SEGNI ITALIANA

INTERPRETE IN LINGUA DEI SEGNI ITALIANA INTERPRETE IN LINGUA DEI SEGNI ITALIANA DESCRIZIONE SINTETICA INTERPRETE IN LINGUA DEI SEGNI ITALIANA L Interprete in lingua dei segni italiana è in grado di effettuare la traduzione e l interpretazione

Dettagli

B. Comprendere le informazioni essenziali di un esposizione e di istruzioni sempre più complesse

B. Comprendere le informazioni essenziali di un esposizione e di istruzioni sempre più complesse OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CLASSE QUARTA ITALIANO A ) ASCOLTARE 1 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 1. Conoscere ed applicare le strategie essenziali dell ascolto attivo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE 1^ relative al linguaggio visivo per produrre varie comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi,

Dettagli

Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro

Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro Percorsi assistiti di Alternanza Scuola-Lavoro Seminari / Laboratori di formazione Team Centro Polifunzionale di Servizio Dilos Center SIMUCENTER regionale per la Puglia Alternanza Scuola Lavoro nei nuovi

Dettagli

Classe Prima Scuola Secondaria di Primo Grado

Classe Prima Scuola Secondaria di Primo Grado FRANCESE Classe Prima Scuola Secondaria di Primo Grado NUCLEI TEMATICI CONOSCENZE ABILITA Ascolto Suoni, ritmo ed intonazione della Ascoltare e capire lingua globalmente brevi (Ricezione orale) conversazioni

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO DI FRANCESE SPAGNOLO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA Comprendere il significato globale di un breve e semplice messaggio orale e riconoscere in esso informazioni utili. NUCLEI TEMATICI ASCOLTO

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di MUSICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di MUSICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di MUSICA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni di lavoro, comprende

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Sapere Nuclei fondanti TESTO. Saper fare. Memorizzare. Comprendere. Produrre CODICE OGGETTO CULTURALE LESSICO.

LINGUA ITALIANA. Sapere Nuclei fondanti TESTO. Saper fare. Memorizzare. Comprendere. Produrre CODICE OGGETTO CULTURALE LESSICO. LINGUA ITALIANA è è Sapere Nuclei fondanti OGGETTO CULTURALE che registra i CAMBIAMENTI. CODICE Utilizzato per la COMUNICAZIONE Ha come unità fondamentale il TESTO Utilizza un LESSICO Saper fare che determinano

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNAULE DIDATTICA Docente PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plessi SBRANA-LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe IV Disciplina ITALIANO Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

Il termine web nasce dalla contrazione di world wide web (ampia ragnatela mondiale). Questa piattaforma consente a tutti di accedere a informazioni,

Il termine web nasce dalla contrazione di world wide web (ampia ragnatela mondiale). Questa piattaforma consente a tutti di accedere a informazioni, Il termine web nasce dalla contrazione di world wide web (ampia ragnatela mondiale). Questa piattaforma consente a tutti di accedere a informazioni, consultare innumerevoli contenuti ecc. Sintetizziamo

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO

CURRICOLO di ITALIANO CURRICOLO di ITALIANO Classi: I e II della Scuola Secondaria I grado Competenze Abilità Conoscenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

BILINGUISMO E SORDITÀ

BILINGUISMO E SORDITÀ BILINGUISMO E SORDITÀ 1 Pietro Celo Unimib-Unibo COS È IL BILINGUISMO? Essere bilingue significa utilizzare due o più lingue quotidianamente e non conoscere perfettamente due o più lingue come molti ancora

Dettagli

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II Funzioni della sociologia in generale e per gli AS COSA VUOL DIRE PENSARE SOCIOLOGICO a) Non ci sono solo individui, c è la società b) Esistono le istituzioni, le norme c) Apparteniamo

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICOLARE

PROGETTAZIONE CURRICOLARE ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTÀ Piazza Martiri, 61-41059 ZOCCA (MO) - e-mail: iczocca@ic-zocca.it Tel. 059 /985790 - Fax.059 /985779 PROGETTAZIONE CURRICOLARE Scuola Secondaria di 1 grado di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2014 / 2015 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni Asse

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. La relazione di lavoro

Italiano Tecnico 2007-2008. La relazione di lavoro Italiano Tecnico 2007-2008 La relazione di lavoro La relazione Si tratta di un testo che deve tracciare il bilancio di un esperienza o il resoconto di una ricerca. Nella relazione prevale la componente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO ASCOLTARE E PARLARE Istituto Comprensivo Rignano Incisa PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO Classe V 1 Quadrimestre Obiettivi Attività Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui; Prendere la parola

Dettagli

Geografia. Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda

Geografia. Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda Geografia Competenze da raggiungere al termine delle classe seconda Sa orientarsi nello spazio vissuto e rappresentato utilizzando gli indicatori spaziali adeguati. Sa effettuare e descrivere percorsi

Dettagli

MATEMATICA CLASSE NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo.

MATEMATICA CLASSE NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo. MATEMATICA OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo..2 Usare il numero per contare, confrontare, ordinare raggruppamenti di oggetti..3 Leggere

Dettagli

ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Raccordi interdisciplinari

ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Raccordi interdisciplinari ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Raccordi interdisciplinari ASCOLTARE E PARLARE Comprende e rielabora testi ascoltati, intervenendo

Dettagli

LINGUA INGLESE CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA. PARLATO Produzione e interazione orale. ASCOLTO Comprensione orale

LINGUA INGLESE CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA. PARLATO Produzione e interazione orale. ASCOLTO Comprensione orale CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA LINGUA INGLESE CLASSI PRIMARIA ASCOLTO Comprensione orale O B I E T T I V I D I PARLATO Produzione e interazione orale A P P R E N D I M E N T O LETTURA Comprensione

Dettagli

parte I teoria generale lezione 1 introduzione alla semiotica

parte I teoria generale lezione 1 introduzione alla semiotica Corso di Semiotica per la comunicazione Università di Teramo a.a. 2007/2008 prof. Piero Polidoro parte I teoria generale lezione 1 introduzione alla semiotica Sommario Quadro storico 3. 4. 5. Quadro storico

Dettagli

LETTURA SCRITTURA ACQUISIZIONE ED ESPANSIONE DEL LESSICO RICETTIVO E PRODUTTIVO

LETTURA SCRITTURA ACQUISIZIONE ED ESPANSIONE DEL LESSICO RICETTIVO E PRODUTTIVO Classe Seconda ASCOLTO E PARLATO LETTURA SCRITTURA ACQUISIZIONE ED ESPANSIONE DEL LESSICO RICETTIVO E PRODUTTIVO ELEMENTI DI GRAMMATICA ESPLICITA E RIFLESSIONE SULL USO DELLA LINGUA Settembre Prove d ingresso

Dettagli

Analisi: G E O M E T R I C A. Studio di 4 qualità geometriche dell architettura. Per ogni qualità analisi di 4 architetture.

Analisi: G E O M E T R I C A. Studio di 4 qualità geometriche dell architettura. Per ogni qualità analisi di 4 architetture. Analisi: G E O M E T R I C A Studio di 4 qualità geometriche dell architettura. Per ogni qualità analisi di 4 architetture. N.B. 1. Scegliere architetture ove la qualità è manifesta in modo pressochè identico.

Dettagli

ITALIANO UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ

ITALIANO UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ UNITÀ DIDATTICA N. 1 ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ 1. Adeguare la comunicazione, prestando attenzione all interlocutore, alla situazione,all argomento. 2. Esprimersi

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. individuale di testi.

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. individuale di testi. ASSE CULTURALE: LINGUAGGI DISCIPLINA: ITALIANO TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI Classe Microcompetenze specifiche (Testo narrativo

Dettagli

PERCORSO 2 Poligoni e triangoli

PERCORSO 2 Poligoni e triangoli PERCORSO 2 Poligoni e triangoli di Elena Ballarin Riferimento al testo base: A. Acquati, Mate.com, volume 1B, capitolo 4, pp. 132-177 Destinatari: scuola secondaria di primo grado, classe 1 a In classe

Dettagli

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana 11 GIUGNO 2015 Elena Tomasuolo ISTC CNR Meeting Firenze Introduzione Una larga parte del lessico verbale consiste

Dettagli

I discorsi dei Presidenti

I discorsi dei Presidenti Ricerca I discorsi dei Presidenti Michele Cortelazzo, Arjuna Tuzzi (Università di Padova) Il discorso del 2 giugno di Giorgio Napolitano comparato con quelli dei predecessori 1. Il corpus Abbiamo analizzato

Dettagli

L italiano di stranieri, l italiano di apprendenti indagati attraverso corpora

L italiano di stranieri, l italiano di apprendenti indagati attraverso corpora L italiano di stranieri, l italiano di apprendenti indagati attraverso corpora Costruzione di corpora 10. Valutazione del lessico 15 aprile 2014 Linguistica italiana II Mirko Tavosanis Ad una prima scorsa

Dettagli

EDUCARE ALLA RAZIONALITÀ 9-11 giugno 2016, Sestri Levante

EDUCARE ALLA RAZIONALITÀ 9-11 giugno 2016, Sestri Levante IL PARADIGMA DELLA PROGRAMMAZIONE LOGICA E LO SVILUPPO DI ABILITÀ DEDUTTIVE NELLA SCUOLA DEL PRIMO CICLO EDUCARE ALLA RAZIONALITÀ 9-11 giugno 2016, Sestri Levante in ricordo di Paolo Gentilini LAURA LOMBARDI,

Dettagli

Psicologia della comunicazione Fondamenti. Psicologia della comunicazione I. Riccioni 1

Psicologia della comunicazione Fondamenti. Psicologia della comunicazione I. Riccioni 1 Psicologia della comunicazione Fondamenti Psicologia della comunicazione I. Riccioni 1 Psicologia della comunicazione Settore scientifico-disciplinare: Psicologia generale Campo di ricerca interdisciplinare

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof. Crosta Alice Classe 1 sez. D

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof. Crosta Alice Classe 1 sez. D Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

ASSE DEI LINGUAGGI competenze attese d asse indicatori descrittori Competenza d asse Indicatori Descrittori

ASSE DEI LINGUAGGI competenze attese d asse indicatori descrittori Competenza d asse Indicatori Descrittori ASSE LINGUAGGI 1 ASSE DEI LINGUAGGI competenze attese d asse indicatori descrittori Competenza d asse Indicatori Descrittori 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per

Dettagli

Si può fare un riassunto in matematica?

Si può fare un riassunto in matematica? Si può fare un riassunto in matematica? Livello scolare: 1 biennio Abilità Esprimersi nel linguaggio naturale con coerenza e proprietà. Usare, in varie situazioni, linguaggi simbolici. Analizzare semplici

Dettagli