La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità"

Transcript

1 La struttura del discorso segnato: dati sulla LIS, l ASL e la LSF, e nuove prospettive nel quadro di una grammatica dell iconicità di Elena Antinoro Pizzuto, Paolo Rossini, Marie-Anne Sallandre, Erin Wilkinson 1. Introduzione In questo lavoro esaminiamo la struttura del discorso segnato analizzando brevi racconti in tre diverse Lingue dei Segni: quella italiana (LIS), americana (ASL), e francese (LSF). Focalizziamo l attenzione su strutture linguistiche universali che garantiscono la coesione testuale, e che vengono abitualmente descritte come deittico-anaforiche (v. in particolare Lyons, 1977). Nelle Lingue dei Segni (LS) come nelle lingue vocali (LV), queste strutture permettono di introdurre per la prima volta nel discorso i referenti (le persone, oggetti, eventi) di cui si parla (riferimento deittico) e, successivamente, di re-introdurre o parlare di nuovo degli stessi referenti (riferimento anaforico). I segni illustrati in fig. 1 forniscono un esempio standard di queste strutture in LIS 1. In (1a) il segnante produce il segno una settimana fa con lo sguardo verso il suo interlocutore, e quindi introduce per la prima volta nel discorso (riferimento deittico) il referente collega con il segno standard collega (1b), marcando il segno con uno spostamento del luogo di articolazione (alla sua destra) e dello sguardo, diretto verso lo stesso punto nello spazio. Più avanti nel discorso, il segnante re-introduce anaforicamente lo stesso referente ( lui, il collega... ), usando un segno di indicazione (1c) verso lo stesso punto che aveva prima marcato nello spazio (v. 1b), e il segno collega (1d) che però questa volta è prodotto nello spazio neutro. Questo modo di produrre il riferimento deittico-anaforico è stato descritto estesamente nella letteratura sulle LS, e molti autori hanno sottolineato somiglianze tipologiche molto rilevanti fra Lingue dei Segni diverse, spes- 1 Dal racconto Il furto della collana, tratto da un corpus raccolto da Fabbretti (1997). 41

2 so anche geograficamente molto distanti (v. fra gli altri Pizzuto, 2007). In molte LS (probabilmente in tutte) per introdurre (riferimento deittico) e reintrodurre (riferimento anaforico) referenti nel discorso (persone, oggetti o eventi di cui si parla), i segni per questi referenti vengono simbolicamente posizionati nello spazio segnico indicando luoghi nello spazio (o loci come chiamati da alcuni autori, v. Liddell, 2003) tramite: lo sguardo; modifiche del luogo di articolazione (v. 1b); un segno di indicazione manuale (v. 1c). Fig. 1 Una settimana fa, un collega [...] lui, il collega... [ ] 1a 1b 1c 1d Le LS possono però usare anche un altro modo per riferirsi a persone, oggetti, eventi. Si possono produrre unità segniche complesse molto diverse da quelle illustrate sopra in 1a-1b, che tipicamente: non sono elencabili come segni standard, non corrispondono cioè a segni elencati nei dizionari; sono marcate a un livello metalinguistico da un uso particolare dello sguardo; mostrano caratteristiche fortemente iconiche, e per questa ragione (e altre che qui non discutiamo), adottando il modello proposto da Cuxac (2000) possono essere caratterizzate come Strutture di Grande Iconicità (SGI). Illustriamo schematicamente qui di seguito il modello proposto da Cuxac, un modello che a nostro avviso è di grande interesse per esaminare da nuove e promettenti prospettive la struttura delle LS, e in particolare del discorso segnato. 2. Segni standard e Strutture di Grande Iconicità: una descrizione schematica Secondo la proposta formulata da Cuxac (2000; v. anche Cuxac e Sallandre, 2007), tutte le LS sono radicate in un processo di iconizzazione (o iconicizzazione) dell esperienza percettivo-pratica dei segnanti. Le LS, secondo Cuxac, possiedono una dimensione semiotica in più rispetto alle LV: nelle LS (ma non nelle LV) ci sono due modi per significare: dire e mo- 42

3 strare, usando SGI o Trasferimenti ; dire (senza mostrare), usando il lessico standard e segni di indicazione. Questi due modi di significare rispecchiano due diverse intenzioni comunicative e semiotiche che si alternano nel discorso segnato: un intenzione illustrativa (dire e mostrare), e una non illustrativa (dire senza mostrare). Un punto nodale, nel modello proposto da Cuxac, è la considerazione piena dello sguardo del segnante: lo sguardo svolge un ruolo cruciale per distinguere le due diverse intenzioni semiotiche e, di conseguenza, i segni standard (e i segni di indicazione ad essi connessi), dalle SGI. Molto schematicamente, nel produrre segni standard lo sguardo del segnante è diretto verso l interlocutore (o verso punti marcati nello spazio connessi alla produzione di segni standard, v. sopra 1a e 1b), mentre nel produrre SGI lo sguardo è diretto sulle mani, o rappresenta lo sguardo di entità simbolizzate, come illustreremo fra breve. Nel quadro proposto da Cuxac si distinguono tre tipi principali di SGI, ciascuna caratterizzata da uno specifico uso (linguistico e metalinguistico) dello sguardo: Trasferimenti di Taglia e di Forma (TF) descrivono forme e/o anche dimensioni dei referenti rappresentati, senza che vi sia un processo, lo sguardo del segnante è tipicamente rivolto sulla mano o sulle mani impegnate a produrre la forma rappresentata, l espressione facciale è congruente con la forma descritta; Trasferimenti di Situazione (TS) viene mostrata una situazione come vedendo la scena da lontano, si rappresenta sia un agente che un processo, lo sguardo è diretto prima verso la mano dominante (che rappresenta un agente e un processo), poi verso la mano non-dominante (che rappresenta un punto di riferimento o locativo ), l espressione facciale è congruente con il processo rappresentato; Trasferimenti di Persona (TP) l intero corpo del segnante riproduce una o più azioni fatte o subite da uno (o più) agenti/esperienti, il narratore diventa la persona di cui parla, assumendo lo sguardo dell entità rappresentata, e un espressione facciale, postura del corpo, forma delle mani iconicamente congruenti con l azione/stato dell entità rappresentata. Consideriamo alcuni esempi tratti dai racconti LIS, ASL e LSF che abbiamo analizzato. In 2a un segnante LSF si riferisce a un albero con un segno standard, prodotto con lo sguardo verso l interlocutore. In 2b/2c (le figure mostrano la parte iniziale e finale del segno) il segnante usa per lo stesso referente albero un TF ( la forma di un albero ), con lo sguardo rivolto sulle mani. Le figure 3a-3c mostrano tre esempi di riferimento anaforico tramite TS. I due esempi LIS (3a) e ASL (3b) trasmettono lo stesso significato: il cane 43

4 Fig. 2a LSF ALBERO (standard) Fig. 2b/2c LSF forma di albero (TF) Fig. 3a LIS (TS) Fig. 3b: ASL (TS) Fig. 3c: LSF (TS) cade dal davanzale. L esempio LSF simbolizza un cavallo che salta il recinto 2. Le figure 4a-4b mostrano esempi di TP con funzione anaforica in LIS e ASL. In 4a, il segnante produce un doppio TP, riferendosi simultaneamente a un bambino, un cane e le azioni che essi fanno ( il bambino tiene in braccio il cane mentre il cane lo lecca sulla guancia ). In 4b, il segnante si riferisce anaforicamente a un cane con la testa bloccata dentro un barattolo. Sia i TS sia i TP evidenziano un altra caratteristica altamente specifica delle LS: la possibilità di riferirsi simultaneamente a due o anche più referenti (ad es. il cane/il davanzale, il cavallo/il recinto nei TS in 3a-3c, il bambino/il cane/la guancia del bambino e il cane/la sua testa/il barattolo nei TP in 4a-4b). Le strutture appena illustrate sono note a tutti i segnanti e ampiamente discusse ma con altri termini e da altre prospettive. Il termine più frequentemente usato per le componenti manuali dei TF e TS e in parte dei TP, è quello di classificatore (e altri termini che qui non discutiamo per limiti 2 Non è possibile illustrare con immagini prive di movimento gli spostamenti rapidi di direzione dello sguardo dalla mano dominante alla mano non dominante che caratterizzano i TS, e che si possono individuare nell analisi dei filmati da cui sono tratti i videoclip. 44

5 Fig. 4a LIS (TP) Fig. 4b ASL (TP) di spazio). Cuxac denomina invece questi elementi manuali proforme. I TP sono più comunemente descritti come impersonamento (per discussioni più appropriate v. Cuxac e Sallandre, 2007; Emmorey, 2003; Pizzuto, 2007; Pizzuto et al., 2005; Russo Cardona e Volterra, 2007). La differenza fra la terminologia proposta da Cuxac (e nel presente lavoro), e quella usata più frequentemente in letteratura non è superficiale ma sostanziale. La diversa terminologia proposta da Cuxac si basa infatti su un modello linguistico che attribuisce all iconicità un ruolo formale cruciale nella struttura del discorso e della grammatica delle LS (Cuxac, 2000), in cui lo sguardo è considerato un parametro fondamentale dell attività segnica. È la diversa direzione dello sguardo l elemento chiave per distinguere segni standard e SGI. 3. Studi precedenti su LSF e LIS: risultati e domande aperte Molti studi sul discorso e la grammatica della LSF (ad es. Cuxac, 1996; 2000; Sallandre, 2003), basati su corpora che, per gli studi sulle LS, possono essere considerati molto ampi 3, hanno documentato con grande chiarezza che le SGI sono molto importanti nell articolare l informazione nel discorso segnato, e sono anche molto frequenti: ad es. costituiscono mediamente fino al 70% dei segni prodotti in testi narrativi, intorno al 30% dei segni in testi definiti prescrittivi come le ricette di cucina (Sallandre, 2003). Studi recenti sulla LIS forniscono la stessa indicazione, anche se in 3 Ci sembra importante sottolineare, anche se non possiamo discuterne qui come sarebbe necessario, che in termini quantitativi, c è una grossa discrepanza fra i corpora disponibili e analizzati nello studio delle LV (di solito corrispondenti a molte ore di parlato), e quelli relativi alle LS, dove un corpus di di segnato può essere già considerato molto ampio. 45

6 alcuni casi quelle che qui chiamiamo SGI vengono descritte con altri termini (cfr. ad es. Russo, 2004; Pizzuto et al., 2005; 2006; Pizzuto, 2007; i contributi di Di Renzo e di Lucioli, Lamano e Gianfreda in questo volume). Per quanto ci risulti, nessuno studio precedente (ad eccezione di osservazioni riportate in Pizzuto, 2007 e in Antinoro Pizzuto et al., 2007), ha cercato di accertare come e quanto le SGI vengono usate per effettuare il riferimento deittico-anaforico, cioè come strumenti per la coesione testuale. Lo studio che riportiamo qui di seguito cerca di rispondere alle seguenti domande: nel riferimento deittico-anaforico, le SGI sono più o meno frequenti dei segni standard e dei segni di indicazione? le SGI sono ugualmente frequenti nel riferimento deittico e in quello anaforico, o ci sono differenze rilevanti? quanto spesso le SGI sono usate per riferirsi a più referenti, realizzando cioè quella caratteristica altamente specifica delle LS che abbiamo definito Riferimento Multiplo (RM)? 4. Risposte e nuove informazioni dall esame comparativo di dati LIS, ASL e LSF Per rispondere alle domande formulate sopra abbiamo analizzato brevi racconti (comparabili per durata e complessità) prodotti in LIS, ASL e LSF. In ciascuna LS abbiamo analizzato 1 di segnato prodotto da tre segnanti nativi di età e esperienza linguistica comparabile. Per la LIS e l ASL i racconti sono stati elicitati con una stessa storia illustrata molto nota, la Storia della Rana (Mayer, 1969), che narra le avventure di un bambino, del suo cane e di una rana che il bambino trova e mette in un barattolo. Successivamente la rana scappa e il bambino e il cane iniziano a cercarla dappertutto. I dati analizzati contengono lo stesso numero di episodi della parte iniziale della storia. Per la LSF abbiamo usato una storia illustrata molto breve (composta da 5 figure) nota come Il cavallo, che parla di un cavallo, una mucca e un uccellino, e delle azioni e interazioni di e fra i protagonisti di questa storia (per maggiori dettagli v. Antinoro Pizzuto et al., 2007). Per quanto riguarda la scelta delle lingue esaminate va osservato quanto segue. È noto che ASL e LSF sono storicamente connesse: la LSF ha influenzato l ASL tramite la straordinaria esperienza umana e educativa che ha portato l educatore sordo francese Laurent Clerc, segnante LSF, a trasferirsi negli Stati Uniti, e a creare insieme a Thomas Gallaudet la prima scuola per sordi negli Stati Uniti in cui la Lingua dei Segni veniva usata per comunicare ed educare (Russo Cardona e Volterra, 2007). Non abbiamo inve- 46

7 ce notizie certe su parentele storiche fra LIS e ASL/LSF. Anche se non possiamo escludere che ci siano stati contatti fra sordi italiani, americani e francesi, non abbiamo documenti scritti che attestino una relazione storica LIS ASL/LSF (sull importanza della scrittura per la storia delle LS v. Pennacchi, in questo volume). In sostanza, allo stato attuale delle conoscenze, possiamo dire che le LS che abbiamo scelto di esaminare ci permettono di esplorare, sia pure in parte, se le eventuali somiglianze/differenze fra le tre LS sono/non sono influenzate dalle relazioni storiche fra di loro. Esaminiamo adesso i risultati principali del nostro studio. Per limiti di spazio, riassumiamo qui solo i dati più rilevanti, raggruppando in un unica categoria le SGI che abbiamo esaminato (v. Antinoro Pizzuto et al. [2007] per una descrizione più dettagliata). In ciascun testo esaminato, abbiamo individuato un numero totale di occorrenze di riferimenti deittico-anaforici variabile fra 46 e 71 (nei tre testi LSF, indicati qui di seguito come LSF-1, LSF-2 e LSF-3), e (nei sei testi LIS e ASL, indicati qui di seguito, rispettivamente, come LIS-1, LIS-2, LIS-3 e ASL-1, ASL2-ASL3). La figura 5 mostra le regolarità individuate nel riferimento deittico, paragonando la proporzione (in percentuale) delle SGI con quella dei segni standard e dei segni di indicazione (raggruppati insieme in unica categoria STD). Fig. 5 SGI vs. segni standard e segni di indicazione nel riferimento deittico % LIS-1 LIS-2 LIS-3 ASL-1 ASL-2 ASL-3 LSF-1 LSF-2 LSF-3 STD SGI mix È evidente che per parlare per la prima volta di una persona (o oggetto o evento) tutti i segnanti meno uno usano molto più spesso segni standard (50%-83%, per la maggior parte segni lessicali, raramente segni di indica- 47

8 zione), Le SGI sono meno frequenti, ma costituiscono in ogni caso una proporzione non trascurabile (dal 17% al 40%). Le strutture miste ( mix nel grafico, composte per lo più da TF e segni di indicazione) rappresentano una proporzione marginale (8% -10%), e sono prodotte solo dai segnanti LIS-3 e LSF-3. Il segnante LSF-1 costituisce un eccezione a questo andamento: nell 83% dei casi usa SGI. La figura 6 mostra le regolarità individuate nel riferimento anaforico. In questo caso, le proporzioni si invertono: in tutte e tre le LS predominano largamente le SGI, in proporzioni comprese fra l 80% (ASL-2) e il 95% (LSF- 3). I segni STD costituiscono una proporzione decisamente limitata (dal 5% al 20%), soprattutto rispetto a quanto riscontrato nel riferimento deittico. Fig. 6 SGI vs. segni standard e segni di indicazione nel riferimento anaforico % LIS-1 LIS-2 LIS-3 ASL-1 ASL-2 ASL-3 LSF-1 LSF-2 LSF-3 STD SGI Riportiamo infine la proporzione di casi di Riferimento Multiplo (RM, v. sez 2 e illustrazioni 3a-4b), cioè dei casi in cui le SGI da sole, o in qualche caso accompagnate da un segno standard e/o da un segno di indicazione, si riferivano simultaneamente a due o più referenti. Questa proporzione è stata calcolata dividendo il numero di occorrenze di RM per il totale di occorrenze di riferimento deittico e anaforico. Mediamente, il RM si è verificato nel 40% dei casi. 5. Conclusioni e indicazioni per ricerche future I dati che abbiamo descritto avvalorano, ed estendono a nuovi aspetti della struttura linguistica delle LS, le indicazioni di studi precedenti su LSF 48

9 e LIS. Le SGI costituiscono indiscutibilmente un fenomeno estremamente rilevante nelle tre LS esaminate, e sono le strutture più frequenti con cui si realizza il riferimento anaforico. Il filo del discorso nei racconti esaminati si regge primariamente sulle SGI. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare da molte ricerche (soprattutto ma non solo in descrizioni dell ASL), i nostri dati mostrano che nel riferimento anaforico l uso di segni standard e/o di segni di indicazione diretti verso specifici loci (v. sez. 1) è un fenomeno decisamente marginale. In una proporzione importante di casi, le SGI consentono inoltre possibilità di RM che costituiscono un ulteriore caratteristica altamente specifica delle LS. In accordo con studi precedenti sulle SGI, i nostri dati suggeriscono che le strutture discorsive e sintattiche del segnato possiedono caratteristiche peculiari, molto diverse da quelle considerate standard, illustrate nell esempio (1) di questo lavoro. Le somiglianze interlinguistiche rilevate sembrano molto più legate alla modalità visivo-gestuale che a relazioni storiche fra le LS esaminate. Troviamo infatti regolarità simili non solo in ASL e LSF, che hanno legami storici accertati, ma anche in LIS, una lingua che, per quanto ne sappiamo oggi, non ha legami storici diretti con le altre due. Va ricordato inoltre che strutture tipologicamente molto simili nel realizzare il riferimento deitticoanaforico sono state descritte in molte LS anche geograficamente distanti, e dunque è plausibile ipotizzare che costituiscano tratti molto generali, verisimilmente universali delle LS (Pizzuto, 2007). I dati discussi vanno certamente vagliati ulteriormente, effettuando ricerche più ampie, su corpora più estesi (e su diverse varietà discorsive), e su un campione più vasto di LS geograficamente (e storicamente) distanti. La presenza massiccia di SGI nei nostri dati fornisce tuttavia indicazioni molto chiare a favore di modelli formali delle LS che cercano di delineare una grammatica dell iconicità, come quello proposto da Cuxac (2000) e, da prospettive un po diverse, da Russo (2004) 4. Come osservano alcuni autori (Pizzuto et al., 2007), gran parte della ricerca passata e attuale sulle LS è stata guidata da una prospettiva assimilazionista. Si è cercato di mostrare e provare che le LS sono lingue a tutti gli effetti, paragonabili come efficacia espressiva e funzioni alle lingue vocali, e quindi possiedono strutture molto simili nella sostanza a quelle già note e descritte per le lingue vocali. Questo compito è stato già in larga misura assolto, e sembra giunto il tempo di guardare più lontano e più in profondità, esplorando le LS 4 Vogliamo qui dichiarare il nostro profondo debito di gratitudine per Tommaso Russo Car-dona, amico e studioso di grandissimo valore prematuramente scomparso nel settembre Gli studi pioneristici di Tommaso su iconicità e metafora nella LIS e nelle lingue vocali sono stati fondamentali per sviluppare molte idee e progetti strettamente connessi alle linee di lavoro esemplificate nel presente contributo. 49

10 da una prospettiva non assimilazionista, che valorizzi pienamente non solo tutto ciò che le LS hanno in comune con le lingue vocali, ma anche tutto ciò che hanno di diverso. Se si rispettano e valorizzano pienamente le particolari caratteristiche delle LS come lingue altamente iconiche, con possibilità espressive peculiari della modalità visivo-gestuale, e con una strutturazione multilineare dell informazione che non ha pari nelle lingue acustico-vocali, rimane a nostro avviso ancora molto da scoprire e imparare sulle somiglianze e differenze fra discorso segnato e parlato. Per sviluppare nuove e appropriate ricerche in questa direzione occorrerà non sottrarsi all esigenza di sviluppare nuovi strumenti teoricometodologici, e fra questi certamente, a nostro parere, anche tecniche e metodologie più rigorose per costituire ampi corpora di LS, rappresentarli in forma scritta, e analizzarli con procedure computerizzate paragonabili a quelle che da alcuni decenni ormai si usano nell analisi del parlato. Allo stato attuale, le risorse di cui si dispone per le LS in questo settore sono incomparabilmente più limitate di quelle disponibili per lo studio delle lingue vocali, e ciò ostacola seriamente la ricerca (Pizzuto, Rossini e Russo, 2006). Da un punto di vista più generale, occorre inoltre adeguare e ampliare gli strumenti teorici e metodologici della linguistica. Questi strumenti hanno ovvi limiti, perché sono stati sviluppati per secoli sulla base di conoscenze parziali, relative per lo più alle forme scritte delle lingue vocali. Occorre a nostro avviso una prospettiva semiotica di più ampio respiro che ci consenta di definire modelli più generali, più appropriati per descrivere sia le Lingue dei Segni sia le lingue vocali senza costringere le une o le altre entro schemi riduttivi validi solo per l una o per l altra delle tue tipologie di lingue. Crediamo che un attenzione maggiore alle caratteristiche specifiche del segnato e del parlato possa fornire nuove, preziose indicazioni sui tratti veramente universali del linguaggio. Bibliografia Antinoro Pizzuto E., Rossini P., Sallandre M.A., Wilkinson E. (2007), Deixis, anaphora and highly iconic structures: cross-linguistic evidence on American (ASL), French (LSF) and Italian (LIS) Signed Languages, Electronic Proceedings of the International Congress Theoretical Issues in Sign Language Research TISLR 9, Florianopolis, Brazil, December (a cura di R. Müller de Quadros), [http://www.editora-arara-azul.com.br/livros. php]. Cuxac C. (2000), La Langue des Signes Française (LSF). Les voies de l iconicité, Faits de Langues, 15-16, Ophrys, Paris. 50

11 Cuxac C., Sallandre M.A. (2007), Iconicity and arbitrariness in French Sign language: highly iconic structures, degenerated iconicity and diagrammatic iconicity, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Emmorey K. (a cura di) (2003), Perspectives on classifier constructions in sign languages, Lawrence Erlbaum, Mahwah, NJ. Fabbretti D. (1997), Scrivere e segnare. La costruzione del discorso nell italiano scritto e nella Lingua dei Segni delle persone sorde, Tesi di dottorato [Ph.D. diss], Università degli Studi di Roma La Sapienza. Liddell S.K. (2003), Grammar, gesture and meaning in american sign language, Cambridge University Press, Cambridge, UK. Lyons, J. (1977), Semantics, Vol. 2, Cambridge University Press Cambridge, UK. Mayer M. (1969), Frog, where are you?, Dial Press, New York. Pietrandrea P., Russo, T. (2007), Diagrammatic and imagic hypoicons, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P., Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E., Pietrandrea P., Simone R. (2007), Introduction, in Verbal and signed languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E. (2007), Deixis, anaphora and person reference in signed languages, in Verbal and Signed Languages Comparing structures, constructs and methodologies (a cura di Pizzuto E., Pietrandrea P. e Simone R.), Mouton De Gruyter, Berlin/New York, Pizzuto E., Rossini P., Russo T., Wilkinson E. (2005), Formazione di parole visivo-gestuali e classi grammaticali nella Lingua dei Segni Italiana (LIS): dati disponibili e questioni aperte, in La Formazione delle Parole Atti del XXX- VII Congresso Internazionale SLI (a cura di Grossmann M. e Thornton A.M.), Bulzoni, Roma, Pizzuto E., Rossini P., Russo T. (2006), Representing signed languages in written form: questions that need to be posed, Proceedings of the Second Workshop on the Representation and Processing of Sign Languages - LREC th International Conference on Language Resources and Evaluation (a cura di Vettori C.), ILC-CNR, Pisa, 1-6. Russo T. (2004), La mappa poggiata sull isola. Iconicità e metafora nelle Lingue dei Segni e nelle Lingue Vocali, Università della Calabria, Centro Editoriale Librario, Rende. Russo Cardona T., Volterra V. (2007), Le Lingue dei Segni. Storia e semiotica, Carocci, Roma. Sallandre M.A. (2003), Les Unités du Discours en Langue des Signes Française Tentative de Categorization dans le Cadre d une Grammaire de l Iconicité, Thèse de Doctorat en Sciences du Langage, Université Paris 8, Paris. 51

STUDI E ATTIVITÀ ACCADEMICA

STUDI E ATTIVITÀ ACCADEMICA CURRICULUM VITAE DI TOMMASO RUSSO t.russo@mclink.it Tommaso Russo svolge la sua attività didattica e di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell Università della Calabria e in collaborazione con

Dettagli

L approccio socio semiotico alle lingue dei segni

L approccio socio semiotico alle lingue dei segni Per Tullio De Mauro ISBN 978-88-548-4674-6 DOI 10.4399/978885484674614 pag. 265 285 (marzo 2012) L approccio socio semiotico alle lingue dei segni Una testimonianza PAOLA PIETRANDREA SOMMARIO: 1. Introduzione,

Dettagli

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro

1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni. Asse sintagmatico nelle lingue verbali: l uomo legge un libro Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2014 / 2015 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Aspetti semiotici delle lingue dei segni Asse

Dettagli

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana 11 GIUGNO 2015 Elena Tomasuolo ISTC CNR Meeting Firenze Introduzione Una larga parte del lessico verbale consiste

Dettagli

Disturbi specifici del linguaggio: disfasie

Disturbi specifici del linguaggio: disfasie Disturbi specifici del linguaggio: disfasie Evolutivi: Anomia: incapacità di trovare le parole giuste Disgrafia (o agrafia): disturbi della capacità di scrittura Dislessia (o alessia): disturbi della capacità

Dettagli

Curriculum vitae di Claudia S. Bianchini

Curriculum vitae di Claudia S. Bianchini Nome: Claudia Savina Cognome: Bianchini Nata: a Roma il 12 febbraio 1983 Residente in: Roma Recapiti internet: chiadu14@tiscali.it Automunita (patente A2 e B) Dati anagrafici Titoli di studio ed attività

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ISTC - CNR Trento, 21 maggio 2011

Dettagli

Le diverse forme di bilinguismo e loro applicazioni

Le diverse forme di bilinguismo e loro applicazioni Le diverse forme di bilinguismo e loro applicazioni Benoît Virole 1 16/02/2004 Riassunto Presentiamo le diverse forme di bilinguismo che si possono incontrare nella pratica professionale in Francia e analizziamo

Dettagli

Le lingue dei segni: luoghi comuni

Le lingue dei segni: luoghi comuni Le lingue dei segni: luoghi comuni La modalità visivo-gestuale non può sostituire in modo completo quella acustico-vocale (le lingue parlate e quelle segnate sviluppano le stesse aree cerebrali) La lingua

Dettagli

Curriculum Vitae Ai fini della pubblicazione INFORMAZIONI PERSONALI CECILIA GAZZERI ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE.

Curriculum Vitae Ai fini della pubblicazione INFORMAZIONI PERSONALI CECILIA GAZZERI ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE. Curriculum Vitae Ai fini della pubblicazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome CECILIA GAZZERI Nazionalità Italiana Data di nascita 30/08/1979 ESPERIENZA LAVORATIVA Settembre 2014 - presente Settembre 2014 Maggio

Dettagli

Antonella Ghersetti Università Ca Foscari, Venezia

Antonella Ghersetti Università Ca Foscari, Venezia Antonella Ghersetti Università Ca Foscari, Venezia Didattica dell'arabo: problemi e esperienze Centro Linguistico di Ateneo, Università di Sassari, 11 novembre 2011 L arabo standard, lingua viva? L arabo

Dettagli

Dott.ssa Maria Luisa Franchi. Maria Luisa Franchi

Dott.ssa Maria Luisa Franchi. Maria Luisa Franchi Dott.ssa Concetti di priorità temporale Il caso di prima Sistematicità formale Per capire cosa si intende per sistematicità diciamo che gli elementi di una lingua presentano relazioni di somiglianza. Ad

Dettagli

Proprietà che distinguono i nomi-massa dai nomi numerabili (Chierchia 1998, 55-57):

Proprietà che distinguono i nomi-massa dai nomi numerabili (Chierchia 1998, 55-57): LEZIONE 6 KEYWORDS: nomi plurali, nomi massa, semireticolo, cumulatività, nomi collettivi 1. Nomi plurali e nomi massa Abbiamo assunto che un nome comune denota la funzione caratteristica di un insieme

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04 Lingua e Traduzione Lingua francese (Decreto del Rettore

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA

LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA LA LINGUA DEI SEGNI E CULTURA RAPPRESENTATION AND PROCESSING OF SIGN LANGUAGES Seminario del corso di elaborazione del linguaggio naturale Anno accademico 2006-2007 I segni usati dai sordomuti costituiscono

Dettagli

Lingue dei segni e lingue parlate

Lingue dei segni e lingue parlate Progetti sulle grandi scimmie e lingue dei segni Università degli Studi di Milano Lingue dei segni e lingue parlate Sandro Zucchi 2012-2013 In diversi studi, a partire dagli anni 60, del secolo scorso,

Dettagli

GIUDIZI INDIVIDUALI E COLLEGIALE SUI TITOLI E SULLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

GIUDIZI INDIVIDUALI E COLLEGIALE SUI TITOLI E SULLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PRESSO L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI, FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE, AREA 10 SCIENZE DELL

Dettagli

COMUNICAZIONE UMANA. Linguaggi, Lingue, Lingue dei segni

COMUNICAZIONE UMANA. Linguaggi, Lingue, Lingue dei segni COMUNICAZIONE UMANA Linguaggi, Lingue, Lingue dei segni Varese - 3 giugno 2008 Unità didattica seminariale a cura della dott.ssa Enrica Rèpaci Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi dell

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

Didattica e certificazione dell italiano in Camerun. Raymond Siebetcheu Università per Stranieri di Siena

Didattica e certificazione dell italiano in Camerun. Raymond Siebetcheu Università per Stranieri di Siena Didattica e certificazione dell italiano in Camerun Raymond Siebetcheu Università per Stranieri di Siena Summer School Politiche di integrazione linguistica, Università di Bari, 19 giugno 2015 Quadro sociolinguistico

Dettagli

Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS)

Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) a cura di Giulia Porcari Li Destri(*) e Virginia Volterra (**) (Dicembre 2006) http://www.istc.cnr.it/mostralis/docs/biblis06.pdf

Dettagli

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Ordine di scuola Campo di esperienza-disciplina Scuola Primaria Lingua inglese Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

Membro del Collegio della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze linguistiche e letterarie.

Membro del Collegio della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze linguistiche e letterarie. Professore Ordinario di Lingua e Traduzione Francese presso la Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere, Università Cattolica, sede di Milano, dall'a.a. 2002/2003. Presidente della Consulta

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI INGLESE BIENNIO CLASSICO TRADIZIONALE LICEO CLASSICO GIULIO CESARE

PROGRAMMAZIONE DI INGLESE BIENNIO CLASSICO TRADIZIONALE LICEO CLASSICO GIULIO CESARE PROGRAMMAZIONE DI INGLESE BIENNIO CLASSICO TRADIZIONALE LICEO CLASSICO GIULIO CESARE Competenze asse dei linguaggi Competenze OSA Abilità dello studente Contenuti disciplinari Tipologia delle verifiche

Dettagli

BRANDOLINI CHIARA VIA GIOVANNI XXIII, 8-27041 BARBIANELLO 038557405-3475379214. chiara.brandolini@unipv.it

BRANDOLINI CHIARA VIA GIOVANNI XXIII, 8-27041 BARBIANELLO 038557405-3475379214. chiara.brandolini@unipv.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data di nascita BRANDOLINI CHIARA VIA GIOVANNI XXIII, 8-27041 BARBIANELLO 038557405-3475379214 chiara.brandolini@unipv.it

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Double Degree. Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere. UCSC International

Double Degree. Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere. UCSC International Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere UCSC & Università della Boemia Meridionale a Ceske Budĕjovice Laurea Magistrale in Lingue, Letterature e culture straniere - Scienze del linguaggio,

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU OBIETTIVI DEL CORSO

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Programma d aula e d esame

Programma d aula e d esame Programma d aula e d esame Lingua Inglese-Giuridico (prima lingua) Codici 50042-50041, Percorso B2-legal Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati

Dettagli

Documentazione Demo online

Documentazione Demo online READ-IT Documentazione Demo online ILC-CNR ItaliaNLP Lab Sommario 1 MISURAZIONE DELLA LEGGIBILITÀ DI UN TESTO 2 1.1 Analisi globale della leggibilità 3 1.1.1 Valutazione globale della leggibilità del documento

Dettagli

Programma d aula e d esame

Programma d aula e d esame Programma d aula e d esame Lingua Francese (seconda lingua) Codice 30232, Percorso 1 Coordinatore: Prof. Bianca Maria SAN PIETRO Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati e consigliati

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

Paola Pietrandrea 10/01/1973, Rome, Italy. Italian paolapietrandrea@gmail.com

Paola Pietrandrea 10/01/1973, Rome, Italy. Italian paolapietrandrea@gmail.com Paola Pietrandrea s Curriculum Vitae Personal details Name: Date, place of birth Nationality E-mail Paola Pietrandrea 10/01/1973, Rome, Italy. Italian paolapietrandrea@gmail.com Employment history 2005-present

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI. Nome TIGRATO ANNA. xxxxxxxxxxxxxxx) Nazionalità. Italiana E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O INFORMAZIONI. Nome TIGRATO ANNA. xxxxxxxxxxxxxxx) Nazionalità. Italiana E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Oggetto: Lettorato di Francese Nome Indirizzo Telefono Codice fiscale E-mail TIGRATO ANNA Nazionalità Data e luogo

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO :

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : Competenze in uscita 1 Lo studente legge, comprende su lettura o ascolto o ascolto/visione e interpreta testi verbali e non verbali di vario tipo riconoscendo

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

Approccio comunicativo e tecnologie informatiche per l apprendimento della LS

Approccio comunicativo e tecnologie informatiche per l apprendimento della LS Approccio comunicativo e tecnologie informatiche per l apprendimento della LS Esperienze didattiche con alunni DSA Giulia Lampugnani Direttivo Nazionale AID Le difficoltà degli alunni DSA nell'acquisizione

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) Linguistica e psicolinguistica

Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) Linguistica e psicolinguistica Bibliografia ragionata dei lavori relativi alla Lingua dei Segni Italiana (LIS) a cura di Giulia Porcari Li Destri e Virginia Volterra (*) (Dicembre 2002) http://wwwistc.ip.rm.cnr.it/mostralis/docs/biblis.pdf

Dettagli

Cecilia Maria Andorno

Cecilia Maria Andorno Cecilia Maria Andorno si è laureata in Lettere moderne presso l'università di Torino nel 1994 sotto la guida di Bice Mortara Garavelli. Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Linguistica presso l Università

Dettagli

QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea. Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea. Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano QCER e didattica delle lingue moderne in una prospettiva europea Carlotta Soffiantini Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Il Quadro Premesse Scopi Contenuti Attività Premesse Quadro Comune Europeo

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Ensemble, ça a nous ressemble! Mercoledì 21 aprile 2010. Aula Magna del Rettorato Via Verdi, 8 - Torino. Università degli Studi di Torino - 2010

Ensemble, ça a nous ressemble! Mercoledì 21 aprile 2010. Aula Magna del Rettorato Via Verdi, 8 - Torino. Università degli Studi di Torino - 2010 Ensemble, Università degli Studi di Torino - 2010 ça a nous ressemble! Mercoledì 21 aprile 2010 Aula Magna del Rettorato Via Verdi, 8 - Torino Università degli Studi di Torino Università degli Studi di

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Il Progetto ATLAS. Automatic Translation into Sign Languages. 1. Linguaggio dei Segni e Avatar

Il Progetto ATLAS. Automatic Translation into Sign Languages. 1. Linguaggio dei Segni e Avatar Il Progetto ATLAS Automatic Translation into Sign Languages Paolo Prinetto Politecnico di Torino Andrea Del Principe, Carmen Marino, Mauro Rossini, Michele Visintin Rai - Centro Ricerche e Innovazione

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale La strutturazione Dopo aver concordato con il docente l argomento della tesi, si consiglia di scrivere subito il titolo, l introduzione e l indice finale.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE L.I.S. 1 LIVELLO

BANDO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE L.I.S. 1 LIVELLO PROVINCIA DI FROSINONE SETTORE POLITICHE SOCIALI ENTE NAZIONALE SORDI SEZIONE PROVINCIALE DI FROSINONE BANDO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE L.I.S. 1 LIVELLO La Provincia di Frosinone, Settore

Dettagli

LA LIS DAL PUNTO DI VISTA SEMIOTICO

LA LIS DAL PUNTO DI VISTA SEMIOTICO LA LIS DAL PUNTO DI VISTA SEMIOTICO DANIELA BOLLINI FONDAZIONE SCUOLE CIVICHE MILANO Dipartimento Lingue Scuola Superiore per Mediatori Linguistici via Alex Visconti, 18 20151 MILANO Relatore: prof. Bruno

Dettagli

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI PREMESSA I corsi per lo sviluppo di competenze in Lingua Inglese sono tutti orientati alla preparazione di esami Cambridge e

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

loredana.sciolla@unito.it

loredana.sciolla@unito.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Loredana Sciolla c/o Campus Luigi Einaudi, Lungodora Siena 100, 10153 Torino Telefono Campus Luigi

Dettagli

Progetto ATLAS. Traduzione Automatica dall italiano alla lingua dei segni italiana. 1. Introduzione

Progetto ATLAS. Traduzione Automatica dall italiano alla lingua dei segni italiana. 1. Introduzione Progetto ATLAS Traduzione Automatica dall italiano alla lingua dei segni italiana Mauro Rossini, Carmen Marino, Andrea Del Principe, Michele Visintin, Roberto Borgotallo Rai - Centro Ricerche e Innovazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Perché scrivere i riferimenti bibliografici? Il processo redazione dei riferimenti bibliografici consiste di 2 parti correlate tra loro:

Perché scrivere i riferimenti bibliografici? Il processo redazione dei riferimenti bibliografici consiste di 2 parti correlate tra loro: Fisher, D. e T. Hanstock, Citing References, Ed. Blackwell s, 1998. Libera traduzione e riadattamento a cura del Servizio Orientamento e Tutorato Facoltà di Economia, Università di Padova. Trattazione

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

inizio corsi 28 settembre

inizio corsi 28 settembre inizio corsi 28 settembre TIPOLOGIA CORSI CORSI DI GRUPPO STANDARD ssa MATERNA PRIMI PASSI ELEMENTARI AVVIAMENTO MEDIE CONSOLIDAMENTO SUPERIORI POTENZIAMENTO scelta tra: PREPARAZIONE ESAMI DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

I tempi passati in una IV della scuola primaria

I tempi passati in una IV della scuola primaria Sperimentazione: Giuliana Capelli, Silvia Cattani Redazione del testo: Silvia Cattani, Gabriele Pallotti I tempi passati in una IV della scuola primaria Questo percorso didattico, svolto in una classe

Dettagli

Anno scolastico 2015/16. Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE.

Anno scolastico 2015/16. Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE. Anno scolastico 2015/16 Piano di lavoro individuale ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO - ITE Classe: 5 ITE Insegnante: Corradina Gennaro Materia: Inglese ISS BRESSANONE-BRIXEN

Dettagli

INGLESE CLASSE PRIMA

INGLESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende oralmente i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che affronta normalmente a scuola. ASCOLTO (Comprensione orale) Capire i punti

Dettagli

Le tappe dell acquisizione della lingua nativa

Le tappe dell acquisizione della lingua nativa Le tappe dell acquisizione della lingua nativa 1 paradosso: non nasciamo per parlare Sezione del cranio di Sezione del cranio di Sezione del cranio di un uomo di un neonato un essere umano adulto Neanderthal

Dettagli

LATERALIZZAZIONE. Col termine lateralizzazione si intende la localizzazione di una funzione principalmente nell uno o nell altro emisfero

LATERALIZZAZIONE. Col termine lateralizzazione si intende la localizzazione di una funzione principalmente nell uno o nell altro emisfero LATERALIZZAZIONE EMISFERICA E LINGUAGGIO Lateralizzazione emisferica delle funzioni Col termine lateralizzazione si intende la localizzazione di una funzione principalmente nell uno o nell altro emisfero

Dettagli

Con il patrocino. Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione -

Con il patrocino. Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione - Con il patrocino Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione - Il servizio di ludoteca L'albero Segnante, nato nel 2008, ha raggiunto nel 2015 la sua settima edizione grazie alla collaborazione

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Schede. EL.LE ISSN 2280-6792 Vol. 4 Num. 1 Marzo 2015. Ketti Borille (Università Ca Foscari Venezia, Italia)

Schede. EL.LE ISSN 2280-6792 Vol. 4 Num. 1 Marzo 2015. Ketti Borille (Università Ca Foscari Venezia, Italia) EL.LE Vol. 4 Num. 1 Marzo 2015 Schede Ketti Borille (Università Ca Foscari Venezia, Italia) Indirizzo web: http://www.bonjourdefrance.com Gratuito Online Accessibilità: sì Social: https://www.facebook.com/bonjourdefrance?fref=ts

Dettagli

MODELACT WP 3 Acquisition. Unita ISTC CNR - Roma Elena Tomasuolo Meeting Firenze 27 gen 2014

MODELACT WP 3 Acquisition. Unita ISTC CNR - Roma Elena Tomasuolo Meeting Firenze 27 gen 2014 MODELACT WP 3 Acquisition Unita ISTC CNR - Roma Elena Tomasuolo Meeting Firenze 27 gen 2014 3.1 Analysis of corpora 1) Individuare i verbi d'azione che vengono compresi e prodotti piu precocemente dai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PRODUZIONE E RICERCA SCIENTIFICA SIAARTI

REGOLAMENTO DEL COMITATO PRODUZIONE E RICERCA SCIENTIFICA SIAARTI REGOLAMENTO DEL COMITATO PRODUZIONE E RICERCA SCIENTIFICA SIAARTI Il Comitato Produzione e Ricerca Scientifica (CPRS) svolge le seguenti funzioni: 1. Stabilisce la metodologia per la produzione di linee

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

1. La prima lingua. Meccanismi di apprendimento.

1. La prima lingua. Meccanismi di apprendimento. Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2013 / 2014 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. La prima lingua. Meccanismi di apprendimento.

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

CATALOGO CORSI FONDIMPRESA

CATALOGO CORSI FONDIMPRESA CATALOGO CORSI FONDIMPRESA LINGUA FRANCESE PER LE RELAZIONI D'AFFARI interlocutori parlanti la lingua francese, in piccoli gruppi di lavoro. Descrivere il proprio lavoro, parlare dell'organizzazione aziendale,

Dettagli