Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività"

Transcript

1 Iniziativa finanziata dalla Unione Europea DocUP - S.F.O.P. 2000/2006 Misura 4.4 "Azioni realizzate dagli operatori del settore" Assessorato Attività Produttive, Sviluppo Economico e Piano Telematico -Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo - Servizio Economia Ittica Regionale Promossa da: Associazione Produttori Pesca Società Cooperativa Cattolica (RN) Realizzata da: Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività RAPPORTO TECNICO Dott. Giuseppe Prioli Via E. Toti, Cattolica (RN) Tel fax Cattolica, 30 aprile 2008 Aprile 2008

2 INDICE 1 PREMESSA MATERIALI E METODI Azione Azione Azione RISULTATI Azione Azione Azione CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA i

3 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione Tabella 2 Scheda di rilevamento dati generali, geografici, meteorologici, temporali....6 Tabella 3 Scheda di rilevamento dati quantitativi....7 Tabella 4 Scheda di rilevamento dati biometrici e quantitativi specifici...7 Tabella 5 - Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione Tabella 6 Caratteristiche delle cale effettuate...11 Tabella 7 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca Tabella 8 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca...12 Tabella 9 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano, armate con due diverse tipologie di sacco Tabella 10 Elenco delle specie commerciali catturate nelle pescate sperimentali riguardanti sia i due differenti tipi sacco sia le due differenti tipologie di reti. (LC = lunghezza al carapace)...14 Tabella 11 Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...16 Tabella 12 - Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...17 Tabella 13 Lunghezza media (cm) e relativi limiti fiduciari di alcune specie più significative Sacco a maglia quadra, tutte le cale...21 Tabella 14 Lunghezza media (cm) e relativi limiti fiduciari di alcune specie più significative Sacco a maglia romboidale, tutte le cale...21 Tabella 15 Peso medio (g) di alcune specie più significative per le due differenti tipologia di sacco...22 Tabella 16 Catture complessive ripartite in base a limiti di taglia minima...26 Tabella 17 - Tabella riepilogativa dei parametri strutturali della popolazione ittica commerciale catturata con i due differenti tipi di sacco...27 Tabella 18 Caratteristiche delle cale effettuate...28 Tabella 19 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca Tabella 20 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca...29 Tabella 21 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano e americano, armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm..29 Tabella 22 Ripartizione % delle catture specie commerciali, ottenute nella giornata del con le due diverse reti a strascico di tipo italiano (IR) e americano (AR), armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...30 Tabella 23 Ripartizione % delle catture specie commerciali, ottenute nella giornata del con le due diverse reti a strascico di tipo italiano (IR) e americano (AR), armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...31 Tabella 24 Confronto tra le catture complessive di alcune specie più significative...32 Tabella 25 Tabella riepilogativa dei parametri strutturali della popolazione ittica commerciale catturata con i due differenti attrezzi da pesca...37 ii

4 Indice delle figure Figura 1 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete quadrata da 40 mm....3 Figura 2 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete romboidale da 50 mmm....4 Figura 3 Schema costruttivo dei due sacchi impiegati (Elab. Ferretti et al., 2005)...4 Figura 4 Una delle due barche impiegate nelle campagne sperimentali svolte tra marzo e aprile Figura 5 Inquadramento dell area interessata dalle pescate sperimentali...10 Figura 6 Tracciati delle cale nelle differenti giornate di pesca...11 Figura 7 Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture ottenute con le due differenti attrezzature nella giornata del Figura 8 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture ottenute con le due differenti attrezzature nella giornata del Figura 9 Merluccius merluccius (Nasello) Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...24 Figura 10 Gobius spp. (Ghiozzo) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...24 Figura 11 Buglussidium luteum (Sogliola gialla) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...25 Figura 12 Melicertus kerathurus (Mazzancolla) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori, intesi come lunghezza del carapace, sono espressi in mm)...25 Figura 13 Alloteuthis spp. (Calamaretto) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori della lunghezza del mantello sono espressi in cm)...26 Figura 14 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, per singolo attrezzo, ottenute con le due differenti tecniche di pesca, nella giornata del Figura 15 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, sul totale dei due attrezzi, ottenute con le due differenti tecniche di pesca nella giornata del Figura 16 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, per singolo attrezzo, ottenute con le due differenti modalità di pesca nella giornata del Figura 17 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, sul totale dei due attrezzi, ottenute con le due differenti modalità di pesca nella giornata del iii

5 1 Premessa L Associazione Produttori Pesca Cattolica ha incaricato nel giugno 2007 la M.A.R.E. Soc. Coop. a r. l. di coordinare e curare la realizzazione tecnico-scientifica del progetto Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività, ammesso a contributo con Del. G.R. dell Emilia-Romagna n. 690 del 14 maggio In sintesi gli obiettivi della ricerca, presentata in data 20/10/2006, erano i seguenti: valutare la selettività della rete americana confrontandola con la rete tradizionale italiana, entrambe armate con sacco a maglia romboidale da 40 mm (norma attualmente vigente); valutare la selettività della rete americana in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia romboidale da 40 mm e con maglia quadrata da 40 mm (secondo quanto ipotizzato nelle diverse bozze circolate del nuovo Piano d Azione Mediterraneo); confrontare l efficienza quali-quantitativa della rete americana con la rete a strascico italiana tradizionale; rilevare i parametri economici relativi ai costi d esercizio, in funzione della commercializzazione del prodotto. In relazione alle modifiche apportate ai regolamenti di pesca dall Unione Europea il 21 dicembre 2006 con Reg. CE 1967/2006 Relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile della pesca nel mar Mediterraneo, dal 1 luglio 2008 (in deroga fino al 31 maggio 2010), la dimensione minima delle maglie nel sacco (art. 9, par. 3 comma 2) dovrà essere da 40 mm a maglia quadra o, su richiesta debitamente motivata da parte del proprietario del peschereccio, da 50 mm a maglia romboidale. In relazione a questa determinante novità normativa, per cercare di trarre le più utili e corrette indicazioni dalla sperimentazione, l Associazione ha ritenuto aggiornare il piano operativo della ricerca. L aggiornamento, comunicato al Servizio Economia Ittica Regionale in data 05/09/2007 ha comportato una conseguente rimodulazione degli interventi, relativamente ai primi due punti; in sintesi gli obiettivi aggiornati sono divenuti i seguenti: 1

6 valutare la selettività della rete italiana in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale da 50 mm (rispettivamente quella che andrà in vigore dal 1 giugno 2010 e l'opzione concessa su richiesta debitamente motivata da parte del proprietario del peschereccio ); valutare la selettività della rete americana confrontandola con la rete italiana, entrambe armate con sacco a maglia quadrata da 40 mm (quella che andrà in vigore dal 1 giugno 2010), oppure con la rete romboidale da 50 mm, in base alle indicazioni provenienti dalla prima prova. confrontare l efficienza quali-quantitativa della rete americana con la rete a strascico italiana tradizionale; rilevare i parametri economici relativi ai costi d esercizio, in funzione della commercializzazione del prodotto. Circa quest ultimo aspetto sono stati rilevati i parametri che hanno consentito di stimare il costo legato ai consumi di carburante, che oggi rappresenta la voce più importante. Gli obiettivi sopra descritti sono stati perseguiti, come indicato nella relazione tecnica di progetto presentata dall Associazione, attraverso le seguenti azioni: Azione 1: comparazione di selettività e rendimenti di una rete a strascico di tipo italiano in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm; Azione 2: comparazione di selettività e i rendimenti di una rete a strascico di tipo italiano con sacco con a maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm e di un altra di tipo americano, sempre con sacco a maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm; Azione 3: realizzazione di materiali e svolgimento di n. 2 seminari informativi al fine di presentare e discutere i risultati ottenuti con le Azioni 1 e 2. 2

7 In termini generali i risultati del progetto sono destinati agli operatori della pesca, lavoratori autonomi e/o dipendenti del settore, appartenenti alle marinerie regionali che effettuano o intendono effettuare la pesca a strascico. A tal fine è anche scaricabile direttamente sul sito un estratto dei risultati della ricerca, nonché i materiali di divulgazione presentati ai seminari. 2 Materiali e metodi Secondo quanto previsto dal progetto, nei primi mesi sono state svolte le seguenti attività: ricerca bibliografica, funzionale ad aggiornare il quadro conoscitivo di base e a pianificare gli interventi; coinvolgimento del professor Mario Ferretti (CIRSPE), tecnologo della pesca e consulente del MiPAF Direzione Generale Pesca e Acquacoltura, con cui sono state discusse preventivamente le azioni nel dettaglio e con cui sono state svolte alcune riunioni di pianificazione e coordinamento, con la presenza anche di rappresentati dell Associazione Produttori Pesca; incontri con i pescatori e i retai coinvolti, al fine di realizzare ed armare al meglio i sacchi e le reti, secondo quanto concordato in sede di pianificazione di dettaglio. A queste attività di ricerca e pianificazione, è seguita la realizzazione dei due diversi sacchi, realizzati con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm (Figura 1 e Figura 2), e il montaggio sulle reti italiane. Le sotto riportate immagini dei sacchi, sono schematizzate nella Figura 3. Figura 1 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete quadrata da 40 mm. 3

8 Figura 2 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete romboidale da 50 mmm. Maglia Romboidale (Losanga) da 50 mm Maglia Quadrata da 40 mm Figura 3 Schema costruttivo dei due sacchi impiegati (Elab. Ferretti et al., 2005) Le reti così confezionate sono state poi opportunamente messe a punto in mare dalle due barche successivamente impiegate nelle campagne di pesca. Queste appartengono alla marineria di Cattolica, e come previsto hanno caratteristiche tecniche simili, in stazza e potenza, riconducibili alla maggioranza delle imbarcazioni che operano nel centro e nord Adriatico (Figura 4). 4

9 Figura 4 Una delle due barche impiegate nelle campagne sperimentali svolte tra marzo e aprile Azione 1 Viene di seguito riportato uno schema riassuntivo (Tabella 1) delle uscite di pesca sperimentale svolte, relativamente all Azione 1. Si precisa che su entrambe le barche in entrambe le giornate erano imbarcati due tecnici, al fine di rilevare i parametri generali, geografici, biologici, ecc. secondo i modelli riportati nelle Tabella 2, Tabella 3 e Tabella 4. Al termine di ogni cala si è provveduto ad una attenta cernita del pescato, separando le specie con un qualche valore commerciale, o interessanti al fine di valutare la selettività degli attrezzi, dal resto o scarto, costituito da componente organica ed inorganica. Delle specie commerciali si è in seguito proceduto alla rilevazione dei parametri biometrici: lunghezza totale per i pesci, lunghezza del mantello per i cefalopodi e lunghezza al carapace per i crostacei, ad esclusione delle canocchie (Squilla mantis) per le quali è stata rilevata la lunghezza totale. Sia della componente commerciale che di quella non commerciale, è stato rilevato il peso per specie e complessivo. 5

10 Per la rilevazione dei pesi a bordo sono stati utilizzati sia una bilancia a stadera, sia un dinamometro digitale, in relazione alla dimensione del campione sottoposto a misura. Dallo scarto è stato tratto un campione su cui indagare l eventuale presenza di invidi commerciali di piccole dimensioni. Allo scopo di registrare con maggiore precisione l area di pesca interessata dall indagine, il tragitto e la velocità delle cale effettuate, su una delle due imbarcazioni è stato predisposto un sistema di rilevamento GPS collegato ad un apposito software cartografico, installato su un computer portatile, il cui contenuto è stato successivamente analizzato in sede di elaborazione delle informazioni. Tabella 1 Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione 1. data rete sigla barca 13-mar-08 Italiana con Sacco Maglia Quadrata 40 mm IQ T 13-mar-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM 01-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Quadrata 40 mm IQ T 01-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM Tabella 2 Scheda di rilevamento dati generali, geografici, meteorologici, temporali. matricola barca nome barca ricercatori data-ora uscita data-ora rientro vento mare pescata n. calata salpata coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti 6

11 Tabella 3 Scheda di rilevamento dati quantitativi. data rete barca tecnici pescata n. peso totale specie commerciali (kg) peso resto (kg) peso campione resto (kg) Tabella 4 Scheda di rilevamento dati biometrici e quantitativi specifici data rete barca tecnici pescata n. nome italiano genere specie peso totale pescato (kg) subcampione misurato (kg) Taglia (cm) n Per confrontare gli effetti dei due attrezzi sulla comunità ittica oggetto di pesca, si è ritenuto opportuno procedere anche ad una valutazione sia del grado di affinità specifica, sia dell abbondanza. Dal confronto sono state escluse alcune specie, marginali e di scarso interesse commerciale, per le quali non vi era certezza nell attendibilità del dato numerico. Per i singoli attrezzi è stato calcolato quindi l indice di diversità di Shannon-Weaver, ad incremento proporzionale all aumentare del numero delle specie nel campione, anche 7

12 nella sua trasformazione e H (N 1 ), dove vi è una massima distribuzione delle specie nel campione quando N 1 =S, con S che rappresenta il numero totale delle specie nel campione. Sono stati inoltre calcolati l indice di evenness (uniformità) E = H /lns, che prende in considerazione la distribuzione degli individui nell ambito delle varie specie che compongono una comunità, presentando il valore massimo, pari a 1, nel caso in cui tutte le specie siano presenti con la stessa abbondanza, mentre presenta un valore basso nel caso in cui ci sia una sola specie abbondante e numerose specie rare, e l indice di ricchezza specifica D di Margalef, che è tanto più alto quante più specie sono presenti in un campione. Considerato che due comunità possono avere lo stesso numero di specie, quindi la stessa diversità specifica, ma essere costituite da specie differenti e, paradossalmente, con nessuna specie in comune, è stata indagata anche l affinità specifica. A tale scopo sono stati utilizzati l indice di Jaccard e l indice di Sorenson, in quanto tengono conto delle specie in comune tra i due differenti attrezzi. In considerazione che i due precedenti indici forniscono indicazioni di tipo qualitativo, indipendentemente dal peso che ogni specie ha all interno del campione, sono stati inoltre calcolati anche l indice di Morisita-Horn e l indice di Renkonen, così da ponderare le catture accidentali. Questi indici variano all interno di un intervallo compreso tra 0, quando non ci sono specie in comune, e 1, quando i due campioni presentano una distribuzione identica di specie. L indice di Renkonen è basato invece su valori espressi in percentuale e indica una completa similitudine quando è pari al 100%. 2.2 Azione 2 Viene di seguito riportato uno schema riassuntivo (Tabella 5) delle uscite di pesca sperimentale svolte, relativamente all Azione 2. Si precisa che su entrambe le barche, in entrambe le giornate di pesca, così come per l azione precedente, erano imbarcati due tecnici, al fine di rilevare i parametri generali, geografici, biologici, ecc. secondo i modelli riportati nelle Tabella 2, Tabella 3 e Tabella 4. Anche in questo caso si è proceduto alla registrazione del percorso delle cale effettuate, secondo le modalità in precedenza descritte. 8

13 Tabella 5 - Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione 1. data rete sigla barca 28-apr-08 Americana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm AR T 28-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM 29-apr-08 Americana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm AR T 29-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM Analogamente a quanto avvenuto nel corso dell analisi delle informazioni per l azione 1, anche in questo caso si è ritenuto opportuno procedere anche ad una valutazione sia del grado di affinità specifica, sia dell abbondanza attraverso l uso degli indici in precedenza esposti. 2.3 Azione 3 Secondo quanto previsto nella relazione progettuale sono stati realizzati materiali divulgativi, presentai nel corso di due seminari svolti in data 23 maggio 2008 alle ore 15, presso la Cooperativa Casa del Pescatore di Cesenatico (FC) e sempre in data 23 maggio 2008 alle ore 20, presso la sede di CESVIP Rimini (RN). Le iniziative erano state promosse telefonicamente, via , per affissione e distribuzione di volantini presso le cooperative dei pescatori da Cervia (RA) a Cattolica (RN), nonché direttamente e attraverso volantini a tutti i partecipanti del coordinamento regionale di Lega Pesca, svolto venerdì 16 maggio Risultati I risultati conseguiti nel corso delle varie fasi componenti l indagine, sono esposti in ordine temporale e con riferimento alle tre differenti azioni. 3.1 Azione 1 Le pescate sperimentali sono state condotte in Adriatico Centro Settentrionale, nelle acque antistanti la parte più settentrionale del Compartimento marittimo di Pesaro. In Figura 5 è riportata la zona interessata dalle pescate sperimentali inquadrata nel contesto del bacino Adriatico, mentre in Figura 6 è stata riportata la rappresentazione dei tracciati delle cale effettuate nei differenti giorni di campionamento. Le cale dal n 1 al n 5 sono state effettuate il giorno , quelle dal n 21 al 24 sono del , nell ambito dell azione 1. Quelle dal n 30 al n 35 sono del e quelle dal n 40 al 43 sono state effettuate il , nell ambito dell azione 2. 9

14 Tracce pescate Figura 5 Inquadramento dell area interessata dalle pescate sperimentali L area di pesca è antistante la falesia del monte San Bartolo (PS), ad una distanza dalla costa che varia tra le 8 e le 14 miglia. Le prime cale della giornata, in genere la prima e la seconda, realizzate tra il tardo pomeriggio e l imbrunire, sono state effettuate ad una distanza dalla costa superiore alle successive, in relazione alla differente tipologia delle catture, che varia sulla base della intensità luminosa, ed ai terreni di pesca. Le due imbarcazioni hanno proceduto appaiate, ad una distanza di circa 500 metri l una dall altra, onde evitare problemi derivanti dalla collisione tra loro delle due attrezzature di pesca. 10

15 Figura 6 Tracciati delle cale nelle differenti giornate di pesca Come si evince dalla Tabella 6, le pescate sono state effettuate nelle ore pomeridiane e notturne, dalle 16 circa alle 3.30 del giorno successivo. La durata media è stata di circa 2 ore, ad una velocità media che varia tra 3,7 e 3,9 nodi, per un tragitto che va dagli 11,8 ai 16 Km. Tabella 6 Caratteristiche delle cale effettuate data pescata ora cala ora salpamento durata (h) lunghezza m Velocità h metri nodi 13/03/ ,9 13/03/ ,9 13/03/ ,9 11

16 data pescata ora cala ora salpamento durata (h) lunghezza m Velocità h metri nodi 13/03/ ,9 14/03/ ,8 01/04/ ,7 01/04/ ,7 01/04/ ,7 01/04/ ,9 02/04/ ,9 Il tempo dedicato alla pesca è stato di circa 11 ore il primo giorno e circa 10 ore il secondo (Tabella 7). Nella prima giornata la durata dello spostamento verso la zona di pesca è stato di circa 2,5 ore, superiore a quello del secondo giorno in quanto la prima cala è stata effettuata in un area di pesca situata più al largo. Il consumo di gasolio è stato di circa 524 l il primo giorno e 470 l il secondo giorno, per un costo, rispettivamente di 409,11 e 367,12. Tabella 7 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca. data tempo pesca consumi orari in pesca tempo spostamento consumi orari in spostamento costo diesel consumi tot costo tot h l/h h l/h /l l 13/03/ , , ,78 524,50 409,11 01/04/ , , ,78 470,67 367,12 Nella Tabella 8 sono invece riportati i ricavi calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati forniti dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate immediatamente successive a quelle di pesca. In base a questi conteggi la rete con il sacco a maglia a losanga presenta un ricavo di poco superiore a quello con maglia quadra, compresa tra i 27 ed i 45, mentre il costo del carburante ha inciso nella prima giornata tra il 44% ed il 43%, e giornata successiva tra il 50% ed il 47%. Tabella 8 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca. data IQ 40 mm IR 50 mm differenza Incidenza carburante IQ 40 mm IR 50 mm 13/03/ ,75 962,07 27,32 44% 43% 01/04/ ,58 775,52 44,94 50% 47% 12

17 In Tabella 9 è esposto il quadro di sintesi delle catture distinte in porzione commerciale e non commerciale, quest ultima comprendente sia la componente organica sia inorganica del pescato. Per quanto riguarda la tipologia di rete a maglia romboidale, la porzione commerciale ha raggiunto un valore medio di circa 17 Kg (ds 4,6), mentre la restante parte è stata mediamente pari a 79 Kg (ds 47,85). La rete con il sacco a maglia quadra ha raggiunto valori di prodotto commerciale pari a circa 16 Kg (ds 3,9) ed uno scarto di 79 Kg (ds 46,81). Per entrambe le tipologie di rete del sacco i valori medi si presentano simili, anche per quanto riguarda la variabilità interna al campione, espressa in questo caso dalla deviazione standard (ds). Tabella 9 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano, armate con due diverse tipologie di sacco. data pescata peso totale specie peso resto (kg) peso totale specie peso resto (kg) commerciali (kg) commerciali (kg) IR 50 mm IR 50 mm IQ 40 mm IQ 40 mm 13/03/ ,62 29,80 10,26 29,90 13/03/ ,31 14,90 14,41 39,95 13/03/ ,34 156,68 17,59 185,30 13/03/ ,66 116,50 20,02 120,60 13/03/ ,29 116,36 24,50 82,40 01/04/ ,25 41,20 16,56 45,85 01/04/ ,40 28,65 14,51 41,95 01/04/ ,17 84,35 17,46 95,05 01/04/ ,60 112,65 15,34 77,10 01/04/ ,91 89,70 13,21 75,48 media 17,05 79,08 16,38 79,36 dev.st. 4,96 47,85 3,91 46,81 In Tabella 10 è riportato l elenco delle specie a valenza economica catturate nell intera campagna di pesca, dal al , dove è riportato il nome scientifico e quello commerciale. Accanto a questi è inoltre riportata la presenza e la taglia minima secondo il regolamento CE 1967/2006. Complessivamente si ritrovano sei specie di crostacei decapodi, un mollusco bivalve, nove molluschi cefalopodi, tre molluschi gasteropodi, un pesce cartilagineo, 39 specie di pesci ossei, per un totale complessivo di 59 specie. Di queste 10 specie presentano indicazioni sulla taglia minima. 13

18 Tabella 10 Elenco delle specie commerciali catturate nelle pescate sperimentali riguardanti sia i due differenti tipi sacco sia le due differenti tipologie di reti. (LC = lunghezza al carapace) Azione 1 Azione 2 specie Nome commerciale IR IQ AR IR Taglia minima Crostaceo decapode Liocarcinus depurator Granchio o Grancella X Crostaceo decapode Maia squinado Granzeola X X Crostaceo decapode Melicertus kerathurus Mazzancolla X X X X Crostaceo decapode Nephros norvegicus Scampo X X 20 mm LC Crostaceo decapode Parapenaeus longirostris Gambero rosa X Crostaceo decapode Squilla mantis Pannocchia o Canocchia X X X X Mollusco bivalve Ostrea edulis Ostrica piatta X X X X Mollusco cefalopode Alloteuthis media Calamaretto X X X X Mollusco cefalopode Eledone moscata Moscardino X X X Mollusco cefalopode Illex coindetii Totano X X X X Mollusco cefalopode Loligo vulgaris Calamaro X X Mollusco cefalopode Octopus vulgaris Polpo X X X X Mollusco cefalopode Sepiola spp. Seppiola X Mollusco cefalopode Sepia elegans Seppia X Mollusco cefalopode Sepia officinalis Seppia X X X X Mollusco cefalopode Todarodes eblane Totano X Mollusco gasteropode Aphorrais pes pelecani Crocetta - Piè di pellicano X X X X Mollusco gasteropode Bolinus brandaris Murice X Mollusco gasteropode Cassidaria echinofora Bogolo X X Pesce cartilagineo Raja asterias Razza X X X X Pesce osseo Alosa fallax Cheppia X X Pesce osseo Aphia minuta Rossetto X Pesce osseo Arnoglossus laterna Zanchetta X X X X Pesce osseo Belone belone Agulia X Pesce osseo Boops boops Boba X X X X Pesce osseo Buglossidium luteum Sogliola gialla X X X X Pesce osseo Cepola macrophthalma Cepola X X X X Pesce osseo Chelidonichthys lastoviza Gallinella o cappone X Pesce osseo Chelidonichthys lucernus Gallinella o cappone X X Pesce osseo Citharus linguatula Linguattola X X X Pesce osseo Conger conger Grongo X X Pesce osseo Diplodus annularis Sarago sparaglione X X X X 12 cm Pesce osseo Engraulis encrasicolus Alice o acciuga X X X X 9 cm Pesce osseo Gaidropsaurus mediterraneus Motella X X Pesce osseo Gobius niger Ghiozzo - Paganello X X X X Pesce osseo Gobius spp. Ghiozzo - Paganello X X X X Pesce osseo Lesueurigobius suerii Ghiozzetto X X X Pesce osseo Merlangius merlangus Merlano o Molo X X X Pesce osseo Merluccius merluccius Nasello X X X X 20 cm Pesce osseo Microchirus variegatus Sogliola fasciata X X Pesce osseo Mullus barbatus Triglia di fango X X X X 11 cm Pesce osseo Pagellus acarne Pagello X 17 cm Pesce osseo Pagellus erythrinus Pagello fragolino X X X X 15 cm Pesce osseo Psetta maxima Rombo chiodato X Pesce osseo Sardina pilchardus Sardina X X X X 11 cm Pesce osseo Sardinella aurita Alaccia X X X Pesce osseo Scomber japonicus Lanzardo X X X 18 cm Pesce osseo Scomber scombrus Scombro X X X X 18 cm Pesce osseo Scophthalmus rhombus Rombo liscio X Pesce osseo Scorpaena notata Scorfanotto X X X 14

19 Azione 1 Azione 2 specie Nome commerciale IR IQ AR IR Taglia minima Pesce osseo Serranus hepatus Sciarrano X X X Pesce osseo Solea vulgaris Sogliola X X X X 20 cm Pesce osseo Spicara spp. Menola X X X X Pesce osseo Sprattus sprattus Spratto X X X X Pesce osseo Trachinus draco Tracina X X Pesce osseo Trachurus mediterraneus Suro X X X X 15 cm Pesce osseo Trisopterus minutus capelanus Busbana o Cappelano X X Pesce osseo Uranoscopus scaber Pesce prete o Lucerna X Pesce osseo Zeus faber Pesce San Pietro X In Tabella 11 è riportata la composizione, sia in peso sia in valore percentuale, delle catture commerciali effettuate nella prima giornata di campionamento, riferita al totale delle cale, sia distinte per tipo di sacco sia sul totale complessivo ottenuto dai due attrezzi. Una rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture per i due attrezzi è riportata in Figura 7. Per quanto riguarda il sacco a maglia quadra (IQ), il 56% delle catture è costituito da canocchie, il 15% da seppie, il 7% da mazzancolle ed il 5% da naselli, mentre le restanti specie oscillano tra il 3% e l 1%. Le catture effettuate dal sacco romboidale sono risultate costituite dal 43% di canocchie, il 15% di ghiozzi, il 7% di seppie, l 8% di mazzancolle ed il 7% di polpi, con le restanti specie che vanno dal 4% all 1%. Se si considera il quantitativo complessivo, senza distinzione di sacco, la rete con sacco romboidale (IR) contribuisce con il 51%. Con riguardo alle singole specie, nell ambito di quelle più significative, si osserva che il sacco a maglia quadra contribuisce con l 85% delle sogliole, il 71% dei naselli, il 68% delle seppie, il 68% dei calamari, il 56% delle canocchie. Mentre il sacco a maglia a losanga presenta il 94% dei polpi e l 85% dei ghiozzi. Le mazzancolle presentano invece valori percentuali relativamente simili, pari al 48% per la maglia quadra e al 52% per la romboidale. 15

20 Tabella 11 Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie Data specie IQ IR IQ IR IQ IR grammi per singolo tipo di rete sulla specie 13-mar-08 Alloteuthis media % 1% 20% 80% 13-mar-08 Aphia minuta 0 2 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Arnoglossus laterna % 1% 73% 27% 13-mar-08 Bolinus brandaris 235 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Boops boops % 1% 38% 62% 13-mar-08 Buglossidium luteum % 0% 36% 64% 13-mar-08 Cassidaria echinofora 50 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Cepola macrophthalma % 0% 8% 92% 13-mar-08 Chelidonichthys lucernus % 0% 11% 89% 13-mar-08 Citharus linguatula 25 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Conger conger 400 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Diplodus annularis % 0% 38% 62% 13-mar-08 Engraulis encrasicholus 480 0% 1% 0% 100% 13-mar-08 Gobius spp % 15% 15% 85% 13-mar-08 Lesueurigobius suerii 61 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Loligo vulgaris % 1% 68% 32% 13-mar-08 Merluccius merluccius % 2% 71% 29% 13-mar-08 Microchirus variegatus 30 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Mullus barbatus % 0% 20% 80% 13-mar-08 Octopus vulgaris % 7% 6% 94% 13-mar-08 Ostrea edulis % 1% 0% 100% 13-mar-08 Parapenaeus longirostris 30 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Melicertus kerathurus % 8% 48% 52% 13-mar-08 Psetta maxima % 4% 0% 100% 13-mar-08 Raja asterias % 1% 66% 34% 13-mar-08 Rossia macrosoma 20 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sardina pilchardus 250 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sardinella aurita % 3% 0% 100% 13-mar-08 Scomber japonicus 450 1% 0% 100% 0% 13-mar-08 Scomber scombrus % 1% 27% 73% 13-mar-08 Scophtalmus rhombus 700 1% 0% 100% 0% 13-mar-08 Scorpaena notata 353 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sepia officinalis % 7% 68% 32% 13-mar-08 Solea vulgaris % 0% 85% 15% 13-mar-08 Spicara spp % 1% 14% 86% 13-mar-08 Sprattus sprattus 134 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Squilla mantis % 43% 56% 44% 13-mar-08 Trachurus mediterraneus 35 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Trisopterus minutus capelanus % 0% 84% 16% Totale % 100% 49% 51% Totale complessivo Analogamente a quanto effettuato per la prima giornata in Tabella 12 sono esposti i valori delle catture riferiti alla seconda giornata di campionamento, di cui una rappresentazione grafica è riportata il Figura 8. Per il sacco a maglia quadra il 25% delle catture era costituito da seppie, il 16% da canocchie, il 7% da panchette ed il 6% 16

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone spiedini di mazzancolle tropicali impanate 4x1 kg Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate 8001179011424 280 x 130 x 390 270 x 190 x 50 spiedini di calamari e mazzancolle

Dettagli

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione D.P.R. n 1639 del 2 ottobre 1968 recante "Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima" (come modificato da vari D.P.R. e Decreti ministeriali)

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km

costo carburante per km incidenza = ------------------------------------------------------------- x 100 altri costi + costo carburante per km Costi di esercizio dell impresa di autotrasporto per conto di terzi costi minimi di esercizio che garantiscano il rispetto dei parametri di sicurezza (Articolo 83 bis, commi 1 e 2, commi 4 e 4-bis della

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

LA PESCA NEL MAR NERO

LA PESCA NEL MAR NERO DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE UNITÀ TEMATICA B: POLITICHE STRUTTURALI E DI COESIONE PESCA LA PESCA NEL MAR NERO NOTA Questo studio è stato richiesto dalla commissione per la pesca del Parlamento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli