Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività"

Transcript

1 Iniziativa finanziata dalla Unione Europea DocUP - S.F.O.P. 2000/2006 Misura 4.4 "Azioni realizzate dagli operatori del settore" Assessorato Attività Produttive, Sviluppo Economico e Piano Telematico -Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo - Servizio Economia Ittica Regionale Promossa da: Associazione Produttori Pesca Società Cooperativa Cattolica (RN) Realizzata da: Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività RAPPORTO TECNICO Dott. Giuseppe Prioli Via E. Toti, Cattolica (RN) Tel fax Cattolica, 30 aprile 2008 Aprile 2008

2 INDICE 1 PREMESSA MATERIALI E METODI Azione Azione Azione RISULTATI Azione Azione Azione CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA i

3 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione Tabella 2 Scheda di rilevamento dati generali, geografici, meteorologici, temporali....6 Tabella 3 Scheda di rilevamento dati quantitativi....7 Tabella 4 Scheda di rilevamento dati biometrici e quantitativi specifici...7 Tabella 5 - Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione Tabella 6 Caratteristiche delle cale effettuate...11 Tabella 7 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca Tabella 8 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca...12 Tabella 9 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano, armate con due diverse tipologie di sacco Tabella 10 Elenco delle specie commerciali catturate nelle pescate sperimentali riguardanti sia i due differenti tipi sacco sia le due differenti tipologie di reti. (LC = lunghezza al carapace)...14 Tabella 11 Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...16 Tabella 12 - Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...17 Tabella 13 Lunghezza media (cm) e relativi limiti fiduciari di alcune specie più significative Sacco a maglia quadra, tutte le cale...21 Tabella 14 Lunghezza media (cm) e relativi limiti fiduciari di alcune specie più significative Sacco a maglia romboidale, tutte le cale...21 Tabella 15 Peso medio (g) di alcune specie più significative per le due differenti tipologia di sacco...22 Tabella 16 Catture complessive ripartite in base a limiti di taglia minima...26 Tabella 17 - Tabella riepilogativa dei parametri strutturali della popolazione ittica commerciale catturata con i due differenti tipi di sacco...27 Tabella 18 Caratteristiche delle cale effettuate...28 Tabella 19 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca Tabella 20 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca...29 Tabella 21 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano e americano, armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm..29 Tabella 22 Ripartizione % delle catture specie commerciali, ottenute nella giornata del con le due diverse reti a strascico di tipo italiano (IR) e americano (AR), armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...30 Tabella 23 Ripartizione % delle catture specie commerciali, ottenute nella giornata del con le due diverse reti a strascico di tipo italiano (IR) e americano (AR), armate con lo stesso tipo di sacco a maglia romboidale da 50 mm. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie...31 Tabella 24 Confronto tra le catture complessive di alcune specie più significative...32 Tabella 25 Tabella riepilogativa dei parametri strutturali della popolazione ittica commerciale catturata con i due differenti attrezzi da pesca...37 ii

4 Indice delle figure Figura 1 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete quadrata da 40 mm....3 Figura 2 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete romboidale da 50 mmm....4 Figura 3 Schema costruttivo dei due sacchi impiegati (Elab. Ferretti et al., 2005)...4 Figura 4 Una delle due barche impiegate nelle campagne sperimentali svolte tra marzo e aprile Figura 5 Inquadramento dell area interessata dalle pescate sperimentali...10 Figura 6 Tracciati delle cale nelle differenti giornate di pesca...11 Figura 7 Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture ottenute con le due differenti attrezzature nella giornata del Figura 8 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture ottenute con le due differenti attrezzature nella giornata del Figura 9 Merluccius merluccius (Nasello) Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...24 Figura 10 Gobius spp. (Ghiozzo) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...24 Figura 11 Buglussidium luteum (Sogliola gialla) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori di LT sono espressi in cm)...25 Figura 12 Melicertus kerathurus (Mazzancolla) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori, intesi come lunghezza del carapace, sono espressi in mm)...25 Figura 13 Alloteuthis spp. (Calamaretto) - Confronto della distribuzione di taglia delle catture effettuate con entrambe le attrezzature di pesca (in ascissa i valori della lunghezza del mantello sono espressi in cm)...26 Figura 14 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, per singolo attrezzo, ottenute con le due differenti tecniche di pesca, nella giornata del Figura 15 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, sul totale dei due attrezzi, ottenute con le due differenti tecniche di pesca nella giornata del Figura 16 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, per singolo attrezzo, ottenute con le due differenti modalità di pesca nella giornata del Figura 17 - Rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture, sul totale dei due attrezzi, ottenute con le due differenti modalità di pesca nella giornata del iii

5 1 Premessa L Associazione Produttori Pesca Cattolica ha incaricato nel giugno 2007 la M.A.R.E. Soc. Coop. a r. l. di coordinare e curare la realizzazione tecnico-scientifica del progetto Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività, ammesso a contributo con Del. G.R. dell Emilia-Romagna n. 690 del 14 maggio In sintesi gli obiettivi della ricerca, presentata in data 20/10/2006, erano i seguenti: valutare la selettività della rete americana confrontandola con la rete tradizionale italiana, entrambe armate con sacco a maglia romboidale da 40 mm (norma attualmente vigente); valutare la selettività della rete americana in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia romboidale da 40 mm e con maglia quadrata da 40 mm (secondo quanto ipotizzato nelle diverse bozze circolate del nuovo Piano d Azione Mediterraneo); confrontare l efficienza quali-quantitativa della rete americana con la rete a strascico italiana tradizionale; rilevare i parametri economici relativi ai costi d esercizio, in funzione della commercializzazione del prodotto. In relazione alle modifiche apportate ai regolamenti di pesca dall Unione Europea il 21 dicembre 2006 con Reg. CE 1967/2006 Relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile della pesca nel mar Mediterraneo, dal 1 luglio 2008 (in deroga fino al 31 maggio 2010), la dimensione minima delle maglie nel sacco (art. 9, par. 3 comma 2) dovrà essere da 40 mm a maglia quadra o, su richiesta debitamente motivata da parte del proprietario del peschereccio, da 50 mm a maglia romboidale. In relazione a questa determinante novità normativa, per cercare di trarre le più utili e corrette indicazioni dalla sperimentazione, l Associazione ha ritenuto aggiornare il piano operativo della ricerca. L aggiornamento, comunicato al Servizio Economia Ittica Regionale in data 05/09/2007 ha comportato una conseguente rimodulazione degli interventi, relativamente ai primi due punti; in sintesi gli obiettivi aggiornati sono divenuti i seguenti: 1

6 valutare la selettività della rete italiana in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale da 50 mm (rispettivamente quella che andrà in vigore dal 1 giugno 2010 e l'opzione concessa su richiesta debitamente motivata da parte del proprietario del peschereccio ); valutare la selettività della rete americana confrontandola con la rete italiana, entrambe armate con sacco a maglia quadrata da 40 mm (quella che andrà in vigore dal 1 giugno 2010), oppure con la rete romboidale da 50 mm, in base alle indicazioni provenienti dalla prima prova. confrontare l efficienza quali-quantitativa della rete americana con la rete a strascico italiana tradizionale; rilevare i parametri economici relativi ai costi d esercizio, in funzione della commercializzazione del prodotto. Circa quest ultimo aspetto sono stati rilevati i parametri che hanno consentito di stimare il costo legato ai consumi di carburante, che oggi rappresenta la voce più importante. Gli obiettivi sopra descritti sono stati perseguiti, come indicato nella relazione tecnica di progetto presentata dall Associazione, attraverso le seguenti azioni: Azione 1: comparazione di selettività e rendimenti di una rete a strascico di tipo italiano in due condizioni di armamento del sacco: rete del sacco con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm; Azione 2: comparazione di selettività e i rendimenti di una rete a strascico di tipo italiano con sacco con a maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm e di un altra di tipo americano, sempre con sacco a maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm; Azione 3: realizzazione di materiali e svolgimento di n. 2 seminari informativi al fine di presentare e discutere i risultati ottenuti con le Azioni 1 e 2. 2

7 In termini generali i risultati del progetto sono destinati agli operatori della pesca, lavoratori autonomi e/o dipendenti del settore, appartenenti alle marinerie regionali che effettuano o intendono effettuare la pesca a strascico. A tal fine è anche scaricabile direttamente sul sito un estratto dei risultati della ricerca, nonché i materiali di divulgazione presentati ai seminari. 2 Materiali e metodi Secondo quanto previsto dal progetto, nei primi mesi sono state svolte le seguenti attività: ricerca bibliografica, funzionale ad aggiornare il quadro conoscitivo di base e a pianificare gli interventi; coinvolgimento del professor Mario Ferretti (CIRSPE), tecnologo della pesca e consulente del MiPAF Direzione Generale Pesca e Acquacoltura, con cui sono state discusse preventivamente le azioni nel dettaglio e con cui sono state svolte alcune riunioni di pianificazione e coordinamento, con la presenza anche di rappresentati dell Associazione Produttori Pesca; incontri con i pescatori e i retai coinvolti, al fine di realizzare ed armare al meglio i sacchi e le reti, secondo quanto concordato in sede di pianificazione di dettaglio. A queste attività di ricerca e pianificazione, è seguita la realizzazione dei due diversi sacchi, realizzati con maglia quadrata da 40 mm e con maglia romboidale (o a losanga) da 50 mm (Figura 1 e Figura 2), e il montaggio sulle reti italiane. Le sotto riportate immagini dei sacchi, sono schematizzate nella Figura 3. Figura 1 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete quadrata da 40 mm. 3

8 Figura 2 Unione dell avansacco (superiore) con il sacco (inferiore) realizzato con rete romboidale da 50 mmm. Maglia Romboidale (Losanga) da 50 mm Maglia Quadrata da 40 mm Figura 3 Schema costruttivo dei due sacchi impiegati (Elab. Ferretti et al., 2005) Le reti così confezionate sono state poi opportunamente messe a punto in mare dalle due barche successivamente impiegate nelle campagne di pesca. Queste appartengono alla marineria di Cattolica, e come previsto hanno caratteristiche tecniche simili, in stazza e potenza, riconducibili alla maggioranza delle imbarcazioni che operano nel centro e nord Adriatico (Figura 4). 4

9 Figura 4 Una delle due barche impiegate nelle campagne sperimentali svolte tra marzo e aprile Azione 1 Viene di seguito riportato uno schema riassuntivo (Tabella 1) delle uscite di pesca sperimentale svolte, relativamente all Azione 1. Si precisa che su entrambe le barche in entrambe le giornate erano imbarcati due tecnici, al fine di rilevare i parametri generali, geografici, biologici, ecc. secondo i modelli riportati nelle Tabella 2, Tabella 3 e Tabella 4. Al termine di ogni cala si è provveduto ad una attenta cernita del pescato, separando le specie con un qualche valore commerciale, o interessanti al fine di valutare la selettività degli attrezzi, dal resto o scarto, costituito da componente organica ed inorganica. Delle specie commerciali si è in seguito proceduto alla rilevazione dei parametri biometrici: lunghezza totale per i pesci, lunghezza del mantello per i cefalopodi e lunghezza al carapace per i crostacei, ad esclusione delle canocchie (Squilla mantis) per le quali è stata rilevata la lunghezza totale. Sia della componente commerciale che di quella non commerciale, è stato rilevato il peso per specie e complessivo. 5

10 Per la rilevazione dei pesi a bordo sono stati utilizzati sia una bilancia a stadera, sia un dinamometro digitale, in relazione alla dimensione del campione sottoposto a misura. Dallo scarto è stato tratto un campione su cui indagare l eventuale presenza di invidi commerciali di piccole dimensioni. Allo scopo di registrare con maggiore precisione l area di pesca interessata dall indagine, il tragitto e la velocità delle cale effettuate, su una delle due imbarcazioni è stato predisposto un sistema di rilevamento GPS collegato ad un apposito software cartografico, installato su un computer portatile, il cui contenuto è stato successivamente analizzato in sede di elaborazione delle informazioni. Tabella 1 Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione 1. data rete sigla barca 13-mar-08 Italiana con Sacco Maglia Quadrata 40 mm IQ T 13-mar-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM 01-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Quadrata 40 mm IQ T 01-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM Tabella 2 Scheda di rilevamento dati generali, geografici, meteorologici, temporali. matricola barca nome barca ricercatori data-ora uscita data-ora rientro vento mare pescata n. calata salpata coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti coordinate geografiche coordinate geografiche N E N E ora-minuti ora-minuti 6

11 Tabella 3 Scheda di rilevamento dati quantitativi. data rete barca tecnici pescata n. peso totale specie commerciali (kg) peso resto (kg) peso campione resto (kg) Tabella 4 Scheda di rilevamento dati biometrici e quantitativi specifici data rete barca tecnici pescata n. nome italiano genere specie peso totale pescato (kg) subcampione misurato (kg) Taglia (cm) n Per confrontare gli effetti dei due attrezzi sulla comunità ittica oggetto di pesca, si è ritenuto opportuno procedere anche ad una valutazione sia del grado di affinità specifica, sia dell abbondanza. Dal confronto sono state escluse alcune specie, marginali e di scarso interesse commerciale, per le quali non vi era certezza nell attendibilità del dato numerico. Per i singoli attrezzi è stato calcolato quindi l indice di diversità di Shannon-Weaver, ad incremento proporzionale all aumentare del numero delle specie nel campione, anche 7

12 nella sua trasformazione e H (N 1 ), dove vi è una massima distribuzione delle specie nel campione quando N 1 =S, con S che rappresenta il numero totale delle specie nel campione. Sono stati inoltre calcolati l indice di evenness (uniformità) E = H /lns, che prende in considerazione la distribuzione degli individui nell ambito delle varie specie che compongono una comunità, presentando il valore massimo, pari a 1, nel caso in cui tutte le specie siano presenti con la stessa abbondanza, mentre presenta un valore basso nel caso in cui ci sia una sola specie abbondante e numerose specie rare, e l indice di ricchezza specifica D di Margalef, che è tanto più alto quante più specie sono presenti in un campione. Considerato che due comunità possono avere lo stesso numero di specie, quindi la stessa diversità specifica, ma essere costituite da specie differenti e, paradossalmente, con nessuna specie in comune, è stata indagata anche l affinità specifica. A tale scopo sono stati utilizzati l indice di Jaccard e l indice di Sorenson, in quanto tengono conto delle specie in comune tra i due differenti attrezzi. In considerazione che i due precedenti indici forniscono indicazioni di tipo qualitativo, indipendentemente dal peso che ogni specie ha all interno del campione, sono stati inoltre calcolati anche l indice di Morisita-Horn e l indice di Renkonen, così da ponderare le catture accidentali. Questi indici variano all interno di un intervallo compreso tra 0, quando non ci sono specie in comune, e 1, quando i due campioni presentano una distribuzione identica di specie. L indice di Renkonen è basato invece su valori espressi in percentuale e indica una completa similitudine quando è pari al 100%. 2.2 Azione 2 Viene di seguito riportato uno schema riassuntivo (Tabella 5) delle uscite di pesca sperimentale svolte, relativamente all Azione 2. Si precisa che su entrambe le barche, in entrambe le giornate di pesca, così come per l azione precedente, erano imbarcati due tecnici, al fine di rilevare i parametri generali, geografici, biologici, ecc. secondo i modelli riportati nelle Tabella 2, Tabella 3 e Tabella 4. Anche in questo caso si è proceduto alla registrazione del percorso delle cale effettuate, secondo le modalità in precedenza descritte. 8

13 Tabella 5 - Quadro di sintesi delle uscite svolte nella campagna di pesca dell Azione 1. data rete sigla barca 28-apr-08 Americana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm AR T 28-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM 29-apr-08 Americana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm AR T 29-apr-08 Italiana con Sacco Maglia Romboidale 50 mm IR GM Analogamente a quanto avvenuto nel corso dell analisi delle informazioni per l azione 1, anche in questo caso si è ritenuto opportuno procedere anche ad una valutazione sia del grado di affinità specifica, sia dell abbondanza attraverso l uso degli indici in precedenza esposti. 2.3 Azione 3 Secondo quanto previsto nella relazione progettuale sono stati realizzati materiali divulgativi, presentai nel corso di due seminari svolti in data 23 maggio 2008 alle ore 15, presso la Cooperativa Casa del Pescatore di Cesenatico (FC) e sempre in data 23 maggio 2008 alle ore 20, presso la sede di CESVIP Rimini (RN). Le iniziative erano state promosse telefonicamente, via , per affissione e distribuzione di volantini presso le cooperative dei pescatori da Cervia (RA) a Cattolica (RN), nonché direttamente e attraverso volantini a tutti i partecipanti del coordinamento regionale di Lega Pesca, svolto venerdì 16 maggio Risultati I risultati conseguiti nel corso delle varie fasi componenti l indagine, sono esposti in ordine temporale e con riferimento alle tre differenti azioni. 3.1 Azione 1 Le pescate sperimentali sono state condotte in Adriatico Centro Settentrionale, nelle acque antistanti la parte più settentrionale del Compartimento marittimo di Pesaro. In Figura 5 è riportata la zona interessata dalle pescate sperimentali inquadrata nel contesto del bacino Adriatico, mentre in Figura 6 è stata riportata la rappresentazione dei tracciati delle cale effettuate nei differenti giorni di campionamento. Le cale dal n 1 al n 5 sono state effettuate il giorno , quelle dal n 21 al 24 sono del , nell ambito dell azione 1. Quelle dal n 30 al n 35 sono del e quelle dal n 40 al 43 sono state effettuate il , nell ambito dell azione 2. 9

14 Tracce pescate Figura 5 Inquadramento dell area interessata dalle pescate sperimentali L area di pesca è antistante la falesia del monte San Bartolo (PS), ad una distanza dalla costa che varia tra le 8 e le 14 miglia. Le prime cale della giornata, in genere la prima e la seconda, realizzate tra il tardo pomeriggio e l imbrunire, sono state effettuate ad una distanza dalla costa superiore alle successive, in relazione alla differente tipologia delle catture, che varia sulla base della intensità luminosa, ed ai terreni di pesca. Le due imbarcazioni hanno proceduto appaiate, ad una distanza di circa 500 metri l una dall altra, onde evitare problemi derivanti dalla collisione tra loro delle due attrezzature di pesca. 10

15 Figura 6 Tracciati delle cale nelle differenti giornate di pesca Come si evince dalla Tabella 6, le pescate sono state effettuate nelle ore pomeridiane e notturne, dalle 16 circa alle 3.30 del giorno successivo. La durata media è stata di circa 2 ore, ad una velocità media che varia tra 3,7 e 3,9 nodi, per un tragitto che va dagli 11,8 ai 16 Km. Tabella 6 Caratteristiche delle cale effettuate data pescata ora cala ora salpamento durata (h) lunghezza m Velocità h metri nodi 13/03/ ,9 13/03/ ,9 13/03/ ,9 11

16 data pescata ora cala ora salpamento durata (h) lunghezza m Velocità h metri nodi 13/03/ ,9 14/03/ ,8 01/04/ ,7 01/04/ ,7 01/04/ ,7 01/04/ ,9 02/04/ ,9 Il tempo dedicato alla pesca è stato di circa 11 ore il primo giorno e circa 10 ore il secondo (Tabella 7). Nella prima giornata la durata dello spostamento verso la zona di pesca è stato di circa 2,5 ore, superiore a quello del secondo giorno in quanto la prima cala è stata effettuata in un area di pesca situata più al largo. Il consumo di gasolio è stato di circa 524 l il primo giorno e 470 l il secondo giorno, per un costo, rispettivamente di 409,11 e 367,12. Tabella 7 Quadro riassuntivo di tempi, consumi e costi del carburante, stimati per le due giornate di pesca. data tempo pesca consumi orari in pesca tempo spostamento consumi orari in spostamento costo diesel consumi tot costo tot h l/h h l/h /l l 13/03/ , , ,78 524,50 409,11 01/04/ , , ,78 470,67 367,12 Nella Tabella 8 sono invece riportati i ricavi calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati forniti dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate immediatamente successive a quelle di pesca. In base a questi conteggi la rete con il sacco a maglia a losanga presenta un ricavo di poco superiore a quello con maglia quadra, compresa tra i 27 ed i 45, mentre il costo del carburante ha inciso nella prima giornata tra il 44% ed il 43%, e giornata successiva tra il 50% ed il 47%. Tabella 8 - Quadro sinottico dei ricavi, calcolati sul pescato e in base ai prezzi medi all ingrosso relativi alle specie, secondo i dati fornitici dal Mercato Ittico di Cattolica, per le giornate successive a quelle di pesca. data IQ 40 mm IR 50 mm differenza Incidenza carburante IQ 40 mm IR 50 mm 13/03/ ,75 962,07 27,32 44% 43% 01/04/ ,58 775,52 44,94 50% 47% 12

17 In Tabella 9 è esposto il quadro di sintesi delle catture distinte in porzione commerciale e non commerciale, quest ultima comprendente sia la componente organica sia inorganica del pescato. Per quanto riguarda la tipologia di rete a maglia romboidale, la porzione commerciale ha raggiunto un valore medio di circa 17 Kg (ds 4,6), mentre la restante parte è stata mediamente pari a 79 Kg (ds 47,85). La rete con il sacco a maglia quadra ha raggiunto valori di prodotto commerciale pari a circa 16 Kg (ds 3,9) ed uno scarto di 79 Kg (ds 46,81). Per entrambe le tipologie di rete del sacco i valori medi si presentano simili, anche per quanto riguarda la variabilità interna al campione, espressa in questo caso dalla deviazione standard (ds). Tabella 9 Quadro di sintesi delle pescate svolte nelle due giornate con le due diverse reti a strascico di tipo italiano, armate con due diverse tipologie di sacco. data pescata peso totale specie peso resto (kg) peso totale specie peso resto (kg) commerciali (kg) commerciali (kg) IR 50 mm IR 50 mm IQ 40 mm IQ 40 mm 13/03/ ,62 29,80 10,26 29,90 13/03/ ,31 14,90 14,41 39,95 13/03/ ,34 156,68 17,59 185,30 13/03/ ,66 116,50 20,02 120,60 13/03/ ,29 116,36 24,50 82,40 01/04/ ,25 41,20 16,56 45,85 01/04/ ,40 28,65 14,51 41,95 01/04/ ,17 84,35 17,46 95,05 01/04/ ,60 112,65 15,34 77,10 01/04/ ,91 89,70 13,21 75,48 media 17,05 79,08 16,38 79,36 dev.st. 4,96 47,85 3,91 46,81 In Tabella 10 è riportato l elenco delle specie a valenza economica catturate nell intera campagna di pesca, dal al , dove è riportato il nome scientifico e quello commerciale. Accanto a questi è inoltre riportata la presenza e la taglia minima secondo il regolamento CE 1967/2006. Complessivamente si ritrovano sei specie di crostacei decapodi, un mollusco bivalve, nove molluschi cefalopodi, tre molluschi gasteropodi, un pesce cartilagineo, 39 specie di pesci ossei, per un totale complessivo di 59 specie. Di queste 10 specie presentano indicazioni sulla taglia minima. 13

18 Tabella 10 Elenco delle specie commerciali catturate nelle pescate sperimentali riguardanti sia i due differenti tipi sacco sia le due differenti tipologie di reti. (LC = lunghezza al carapace) Azione 1 Azione 2 specie Nome commerciale IR IQ AR IR Taglia minima Crostaceo decapode Liocarcinus depurator Granchio o Grancella X Crostaceo decapode Maia squinado Granzeola X X Crostaceo decapode Melicertus kerathurus Mazzancolla X X X X Crostaceo decapode Nephros norvegicus Scampo X X 20 mm LC Crostaceo decapode Parapenaeus longirostris Gambero rosa X Crostaceo decapode Squilla mantis Pannocchia o Canocchia X X X X Mollusco bivalve Ostrea edulis Ostrica piatta X X X X Mollusco cefalopode Alloteuthis media Calamaretto X X X X Mollusco cefalopode Eledone moscata Moscardino X X X Mollusco cefalopode Illex coindetii Totano X X X X Mollusco cefalopode Loligo vulgaris Calamaro X X Mollusco cefalopode Octopus vulgaris Polpo X X X X Mollusco cefalopode Sepiola spp. Seppiola X Mollusco cefalopode Sepia elegans Seppia X Mollusco cefalopode Sepia officinalis Seppia X X X X Mollusco cefalopode Todarodes eblane Totano X Mollusco gasteropode Aphorrais pes pelecani Crocetta - Piè di pellicano X X X X Mollusco gasteropode Bolinus brandaris Murice X Mollusco gasteropode Cassidaria echinofora Bogolo X X Pesce cartilagineo Raja asterias Razza X X X X Pesce osseo Alosa fallax Cheppia X X Pesce osseo Aphia minuta Rossetto X Pesce osseo Arnoglossus laterna Zanchetta X X X X Pesce osseo Belone belone Agulia X Pesce osseo Boops boops Boba X X X X Pesce osseo Buglossidium luteum Sogliola gialla X X X X Pesce osseo Cepola macrophthalma Cepola X X X X Pesce osseo Chelidonichthys lastoviza Gallinella o cappone X Pesce osseo Chelidonichthys lucernus Gallinella o cappone X X Pesce osseo Citharus linguatula Linguattola X X X Pesce osseo Conger conger Grongo X X Pesce osseo Diplodus annularis Sarago sparaglione X X X X 12 cm Pesce osseo Engraulis encrasicolus Alice o acciuga X X X X 9 cm Pesce osseo Gaidropsaurus mediterraneus Motella X X Pesce osseo Gobius niger Ghiozzo - Paganello X X X X Pesce osseo Gobius spp. Ghiozzo - Paganello X X X X Pesce osseo Lesueurigobius suerii Ghiozzetto X X X Pesce osseo Merlangius merlangus Merlano o Molo X X X Pesce osseo Merluccius merluccius Nasello X X X X 20 cm Pesce osseo Microchirus variegatus Sogliola fasciata X X Pesce osseo Mullus barbatus Triglia di fango X X X X 11 cm Pesce osseo Pagellus acarne Pagello X 17 cm Pesce osseo Pagellus erythrinus Pagello fragolino X X X X 15 cm Pesce osseo Psetta maxima Rombo chiodato X Pesce osseo Sardina pilchardus Sardina X X X X 11 cm Pesce osseo Sardinella aurita Alaccia X X X Pesce osseo Scomber japonicus Lanzardo X X X 18 cm Pesce osseo Scomber scombrus Scombro X X X X 18 cm Pesce osseo Scophthalmus rhombus Rombo liscio X Pesce osseo Scorpaena notata Scorfanotto X X X 14

19 Azione 1 Azione 2 specie Nome commerciale IR IQ AR IR Taglia minima Pesce osseo Serranus hepatus Sciarrano X X X Pesce osseo Solea vulgaris Sogliola X X X X 20 cm Pesce osseo Spicara spp. Menola X X X X Pesce osseo Sprattus sprattus Spratto X X X X Pesce osseo Trachinus draco Tracina X X Pesce osseo Trachurus mediterraneus Suro X X X X 15 cm Pesce osseo Trisopterus minutus capelanus Busbana o Cappelano X X Pesce osseo Uranoscopus scaber Pesce prete o Lucerna X Pesce osseo Zeus faber Pesce San Pietro X In Tabella 11 è riportata la composizione, sia in peso sia in valore percentuale, delle catture commerciali effettuate nella prima giornata di campionamento, riferita al totale delle cale, sia distinte per tipo di sacco sia sul totale complessivo ottenuto dai due attrezzi. Una rappresentazione grafica della composizione percentuale delle catture per i due attrezzi è riportata in Figura 7. Per quanto riguarda il sacco a maglia quadra (IQ), il 56% delle catture è costituito da canocchie, il 15% da seppie, il 7% da mazzancolle ed il 5% da naselli, mentre le restanti specie oscillano tra il 3% e l 1%. Le catture effettuate dal sacco romboidale sono risultate costituite dal 43% di canocchie, il 15% di ghiozzi, il 7% di seppie, l 8% di mazzancolle ed il 7% di polpi, con le restanti specie che vanno dal 4% all 1%. Se si considera il quantitativo complessivo, senza distinzione di sacco, la rete con sacco romboidale (IR) contribuisce con il 51%. Con riguardo alle singole specie, nell ambito di quelle più significative, si osserva che il sacco a maglia quadra contribuisce con l 85% delle sogliole, il 71% dei naselli, il 68% delle seppie, il 68% dei calamari, il 56% delle canocchie. Mentre il sacco a maglia a losanga presenta il 94% dei polpi e l 85% dei ghiozzi. Le mazzancolle presentano invece valori percentuali relativamente simili, pari al 48% per la maglia quadra e al 52% per la romboidale. 15

20 Tabella 11 Ripartizione % delle catture specie commerciali, fatte nella giornata del con le due diverse tipologie di sacco. Nelle ultimi due colonne è riportato il valore % sul totale di ogni specie Data specie IQ IR IQ IR IQ IR grammi per singolo tipo di rete sulla specie 13-mar-08 Alloteuthis media % 1% 20% 80% 13-mar-08 Aphia minuta 0 2 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Arnoglossus laterna % 1% 73% 27% 13-mar-08 Bolinus brandaris 235 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Boops boops % 1% 38% 62% 13-mar-08 Buglossidium luteum % 0% 36% 64% 13-mar-08 Cassidaria echinofora 50 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Cepola macrophthalma % 0% 8% 92% 13-mar-08 Chelidonichthys lucernus % 0% 11% 89% 13-mar-08 Citharus linguatula 25 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Conger conger 400 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Diplodus annularis % 0% 38% 62% 13-mar-08 Engraulis encrasicholus 480 0% 1% 0% 100% 13-mar-08 Gobius spp % 15% 15% 85% 13-mar-08 Lesueurigobius suerii 61 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Loligo vulgaris % 1% 68% 32% 13-mar-08 Merluccius merluccius % 2% 71% 29% 13-mar-08 Microchirus variegatus 30 0% 0% 100% 0% 13-mar-08 Mullus barbatus % 0% 20% 80% 13-mar-08 Octopus vulgaris % 7% 6% 94% 13-mar-08 Ostrea edulis % 1% 0% 100% 13-mar-08 Parapenaeus longirostris 30 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Melicertus kerathurus % 8% 48% 52% 13-mar-08 Psetta maxima % 4% 0% 100% 13-mar-08 Raja asterias % 1% 66% 34% 13-mar-08 Rossia macrosoma 20 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sardina pilchardus 250 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sardinella aurita % 3% 0% 100% 13-mar-08 Scomber japonicus 450 1% 0% 100% 0% 13-mar-08 Scomber scombrus % 1% 27% 73% 13-mar-08 Scophtalmus rhombus 700 1% 0% 100% 0% 13-mar-08 Scorpaena notata 353 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Sepia officinalis % 7% 68% 32% 13-mar-08 Solea vulgaris % 0% 85% 15% 13-mar-08 Spicara spp % 1% 14% 86% 13-mar-08 Sprattus sprattus 134 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Squilla mantis % 43% 56% 44% 13-mar-08 Trachurus mediterraneus 35 0% 0% 0% 100% 13-mar-08 Trisopterus minutus capelanus % 0% 84% 16% Totale % 100% 49% 51% Totale complessivo Analogamente a quanto effettuato per la prima giornata in Tabella 12 sono esposti i valori delle catture riferiti alla seconda giornata di campionamento, di cui una rappresentazione grafica è riportata il Figura 8. Per il sacco a maglia quadra il 25% delle catture era costituito da seppie, il 16% da canocchie, il 7% da panchette ed il 6% 16

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Prof. Michele Amorena Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione

Dettagli

Carta dei Fondali. Zone Fao. Pescazzurro_Mangiasalute

Carta dei Fondali. Zone Fao. Pescazzurro_Mangiasalute Pescazzurro_Mangiasalute 4 3 Carta dei Fondali Zone Fao Il mare Adriatico centrale. Da Termoli ad Ancona abbiamo il pesce naturalmente più saporito d Italia ZONE DI PESCA FAO MEDITERRANEO ZONE DI PESCA

Dettagli

Antonello Sala, Alessandro Lucchetti, Mario Ferretti, Adriano Mariani, Simone Serra

Antonello Sala, Alessandro Lucchetti, Mario Ferretti, Adriano Mariani, Simone Serra Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Istituto di Scienze Marine (ISMAR) Sede di Ancona Consorzio Unimar S.c.r.l. Roma Not to be quoted without prior reference to the authors. Rapporto finale Indagine

Dettagli

I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email: icrmare@libero.it

I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email: icrmare@libero.it SINTESI Autori: D Ambra R., Casola E., Coccorese P., Dell Aquila M., Fiore M., Maccaroni A., Plastina N., Salerno G., Sardone M. e Scardi M. I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email:

Dettagli

Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca

Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca Venerdì 9 Marzo 2012 Oggetto: Regolamento CE 404/2011 - Controlli alla Pesca Giornale di

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 UNA rapida premessa Il governo italiano ha deciso di portare a compimento la strategia della trivella che ha avuto i suoi primi vagiti

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO)

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) CAORLE 30 GIUGNO 2012 DR PAOLO CAPOVILLA I PARASSITI DI INTERESSE SANITARIO: (PRESENTI IN PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI E TRASMISSIBILI

Dettagli

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA DISCIPLINARE Indice Emissione del 09.01.2007 2 1. INTRODUZIONE OP con sede in via Molo Mondracchio, s.n 60125 Ancona (indirizzo internet www.conpesca.it) L OP, ai sensi e per gli effetti delle norme comunitarie

Dettagli

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Relazione tecnica finale DOCUP-PESCA REGIONE ABRUZZO Bando 2005/2006 Asse 4 Misura 4.6

Dettagli

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale L iniziativa L iniziativa, rivolta ai ristoratori la cui

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT NOTA Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT Direzione generale delle Politiche interne dell Unione Unità tematica - Politiche strutturali e

Dettagli

deliberazione n. 118

deliberazione n. 118 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII LEGISLATURA deliberazione n. 118 PIANO TRIENNALE REGIONALE PER LA PESCA E L ACQUACOLTURA 2009/2011 LEGGE REGIONALE 13 MAGGIO 2004, N. 11, ARTICOLO 4 ESTRATTO

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

Acciuga o Alice - (Engraulis encrasicolus) Nome Scientifico: Engraulis encrasicolus. Codice FAO ANE. Area di Pesca: Mediterraneo, Mar Nero, Atlantico orientale, dalle coste occidentali dell'africa al nord

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

XIV TROFEO CITTA DI RIMINI

XIV TROFEO CITTA DI RIMINI XIV TROFEO CITTA DI RIMINI BIG GAME IN DRIFTING Catch & Release OPEN FIPSAS RIMINI 26 /07/2014 (DATA DI RISERVA 27 /07/2014) REGOLAMENTO PARTICOLARE DELLA MANIFESTAZIONE Art. 1 DENOMINAZIONE: Gara di Pesca

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 PESCA SPORTIVA Nelle righe che seguono tratteremo gli aspetti della pesca sportiva in mare riferendoci a quanto è previsto tuttora dalla legislazione

Dettagli

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie.

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. seppie pulite iqf 8/12 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010663 385 x 195 x 250 260 x 415 seppie pulite iqf 10/20 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010670 385 x 195 x

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo FEP 2007-2013 MISURA 3.1 Azioni collettive (art. 37 lettera m - Piani di gestione locali) Reg. (CE) n. 1198/2006 Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo Co.Ge.P.A.

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Servizio veterinario d igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (Area C)

Servizio veterinario d igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (Area C) Studio dell impatto ambientale di tipo radioattivo sugli animali produttori di alimenti perl uomo riscontri di passata e recente attivita veterinaria. Possibili elementi di valutazione per la definizione

Dettagli

Manfredonia Luglio 2014

Manfredonia Luglio 2014 PIANO DI GESTIONE PER LA PESCA DEL ROSSETTO (APHIA MINUTA) NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI MANFREDONIA CON L UTILIZZO DELLA SCIABICA DA NATANTE, IN DEROGA ALLA DIMENSIONE MINIMA DELLA MAGLIA DELLA RETE

Dettagli

ANISAKIS E ANISAKIASI

ANISAKIS E ANISAKIASI ANISAKIS E ANISAKIASI INTRODUZIONE L anisakiasi è una malattia zoonosica nota da molti anni [Con il termine zoonosi si intende una qualsiasi malattia infettiva o parassitaria degli animali che può essere

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO SULLE RISORSE ITTICHE PESCABILI

VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO SULLE RISORSE ITTICHE PESCABILI Struttura Tecnico Scientifica di Palermo Laboratorio di Milazzo Via dei Mille 44 98057, Tel 0909224872 Fax 0909241832 RELAZIONE FINALE LUGLIO 2011 VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA

Dettagli

Filetti di alici marinate

Filetti di alici marinate Ittico Filetti di alici marinate Filetti di alici marinate in olio. filetti di alici engraulls engrasicholus (alici, acqua, aceto di vino, sale) 65% min, olio di semi di girasole, sale, acido citrico,

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA NEI PRODOTTI ITTICI CHE COS E L ISTAMINA? L Istamina è un composto organico che si forma

Dettagli

Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI

Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI Maggio 2011 1 1. Ambiti di applicazione...3 2. Obiettivo globale...3 3. Descrizione generale...4

Dettagli

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P.

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P. CostardellA AgugliA NasellO TonnO Trigli GamberO Pesce PilotA TombarellO Aguglia ImperialE TotanO LanzardO PolpO Pesce SpadA OcchiatA AcciugA TrigliA Atlante per il mare D.O.P. Guida al consumo sostenibile

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

Piano di Gestione Sicilia. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft<18 m

Piano di Gestione Sicilia. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft<18 m Piano di Gestione Sicilia (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft

Dettagli

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche.

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche. Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione B B Agricoltura e sviluppo

Dettagli

ATTI DEL FORUM. Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore

ATTI DEL FORUM. Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore 1 ATTI DEL FORUM Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore 2 INSERIRE RIFERIMENTO CAPITOLO DOPO AVER FATTO INDICE Pubblicato nel mese

Dettagli

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1 IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino IL PESCE E GIUSTO Guida pratica all acquisto consapevole del pesce LE FRODI

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA

I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA A CURA DEGLI ALLIEVI DEL CORSO TECNICO SUPERIORE PER LA VALORIZZAZIONE DI VINI E DI PRODOTTI TIPICI PER UNA RISTORAZIONE DI QUALITÀ SOMMARIO

Dettagli

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Progetto LIFE NATURA Co.Me.Bi.S. La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Integrated management of coastal and marine ecosystems of the Mediterranean Simona Clò Responsabile

Dettagli

RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE

RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE IL PESCE di Diego Ravasin Flavia Verginella con la collaborazione della Cooperativa Pescatori di Grado Coordinamento: Edo Billa e Marco Missio Vignette e disegni: Federico

Dettagli

la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini

la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini Testi Cecilia Franceschetti Serena Maso Marina Pulcini Maria Rapini la Tavola Foto Marina Pulcini Logo Paolo Capio Progetto

Dettagli

GSA 19 MAR IONIO STRASCICO

GSA 19 MAR IONIO STRASCICO PIANO DI GESTIONE (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) GSA 19 MAR IONIO STRASCICO Maggio 2011 1. Ambiti di applicazione...3 2. Obiettivo globale...3 3. Descrizione generale...3 3.1 Inquadramento ecologico

Dettagli

SeafoodService. prima edizione

SeafoodService. prima edizione SeafoodService prima edizione Alessandro Scarponi, amministratore delegato L AZIENDA QUALITÀ E TRADIZIONE AL SERVIZIO DELLA RISTORAZIONE CHEF è una azienda che trasforma e commercializza da oltre 20 anni

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA

ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA LA SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI DELLA PESCA Luciano Boffo e Patrizia Buratti distribuzione gratuita Strada Madonna Marina, 500 - Chioggia (VE) Via G. Poli, 1 - Chioggia

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

VALUTAZIONE DEGLI STOCK DI ALICI (Engraulis encrasicolus) E SARDINE (Sardina pilchardus) CON METODI DI DINAMICA DI POPOLAZIONE

VALUTAZIONE DEGLI STOCK DI ALICI (Engraulis encrasicolus) E SARDINE (Sardina pilchardus) CON METODI DI DINAMICA DI POPOLAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÁ DI BOLOGNA FACOLTÁ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di laurea magistrale in BIOLOGIA MARINA VALUTAZIONE DEGLI STOCK DI ALICI (Engraulis encrasicolus) E SARDINE

Dettagli

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010 SMEA l settore ittico in talia Check-up 2010 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione: Sabrina Navarra

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Consumo del motore, velocità della barca

Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore - Consumo specifico di carburante secondo i vari tipi di motore Motore Densità (d ) del carburat ore Consumo (s) in grammi per CV e per ora 2

Dettagli

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA Tipologia dell area (isola, zona scarsamente popolata, piccolo porto di pesca isolato o adiacente

Dettagli

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 FEP - Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013 MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone

Dettagli

STUDIO. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA IN CROAZIA PESCA 2009 IT

STUDIO. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA IN CROAZIA PESCA 2009 IT STUDIO Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA IN CROAZIA PESCA 2009 IT Direzione generale delle Politiche interne dell Unione Dipartamento tematica B Politiche strutturali

Dettagli

LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE

LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE QUANTI PESCI CI SONO NEL MARE? Tre pescatori di Livorno Disputarono un anno e un giorno Per stabilire e sentenziare Quanti pesci ci sono nel mare. Disse il

Dettagli

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali Servizio di valutazione indipendente intermedia del Programma Operativo della Regione Autonoma della Sardegna 2000-2006 Aggiornamento della valutazione intermedia

Dettagli

Azione C2. Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED

Azione C2. Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED Azione C2 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED Programma dei Seminari informativi Programma Seminari informativi Il materiale

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca

Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca I controlli ufficiali nella fase della produzione primaria Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca VALMONTONE 08 OTTOBRE 2014 Dr Nicolini Giuseppe

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Classificazione dei crostacei, molluschi e pesci

Classificazione dei crostacei, molluschi e pesci Classificazione prodotti della pesca Classificazione dei crostacei, molluschi e pesci 1 Crostacei Artropodi acquatici provvisti di appendici articolate, corpo rivestito da esoscheletro resistente. Le zampe

Dettagli

Pesci e Stagioni in Emilia-Romagna

Pesci e Stagioni in Emilia-Romagna PROVINCIA Pesci e Stagioni in Emilia-Romagna PROVINCIA DI FERRARA DI RAVENNA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA PROVINCIA DI RIMINI Pesci e Stagioni in Emilia-Romagna PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI RAVENNA

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE Lezione 4 MISURA 3.1 Azioni collettive Progetto La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE TITOLO V: CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Principi generali SM

Dettagli

F.I.P.S.A.S. C.O.N.I. C.M.A.S. Libro bianco LE GARE DI PESCA IN APNEA. A cura del Comitato di Settore Attività Subacquee

F.I.P.S.A.S. C.O.N.I. C.M.A.S. Libro bianco LE GARE DI PESCA IN APNEA. A cura del Comitato di Settore Attività Subacquee F.I.P.S.A.S. C.O.N.I. C.M.A.S. Libro bianco LE GARE DI PESCA IN APNEA A cura del Comitato di Settore Attività Subacquee Roma anno 2002 INDICE INTRODUZIONE (di Alberto Azzali). pag.3 CAPITOLO 1 - La Federazione

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo R MA MA IMED L a P e s c a come fattore di sviluppo del Turismo sostenibile Introduzione R A M M I D E La gioia dei gabbiani all arrivo in porto di un peschereccio al termine di una battuta di pesca rende

Dettagli

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO, LA COMPETITIVITA E LA SOSTENIBILITA DELLA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE AI SENSI DEL REG. (CE) 508/2014 art.18, comma 1, lettera i INDICE

Dettagli

Report ittico 17 dicembre 2012

Report ittico 17 dicembre 2012 Report ittico 17 dicembre 2012 1. Il l settore ittico in i Italia nel 2011 1.1 Il settore in sintesi Si è accentuata, nel 2011, la flessione della produzione ittica in Italia; secondo i dati Irepa, le

Dettagli

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Provincia di Salerno UN MARE di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Un mare di qualità Studio per la protezione e valorizzazione

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Misura 1 Obiettivo specifico Mantenere la prosperità economica e sociale delle zone di pesca

Dettagli

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Maria Severina

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae

mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae Fonte immagine foto di S. Bava La stenella è spesso chiamata delfino nel linguaggio comune, per via della somiglianza con i

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 374/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 16 aprile 2014

REGOLAMENTO (UE) N. 374/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 16 aprile 2014 22.4.214 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 118/1 REGOLAMENTO (UE) N. 374/214 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 214 sulla riduzione o sulla soppressione dei dazi doganali sulle

Dettagli

RAPPORTO DI CAMPAGNA 1: VALUTAZIONE DELL IMPATTO FISICO DETERMINATO DA ATTREZZTAURE TRAINATE SUL FONDO TRAMITE SIDESCAN SONAR (Marzo 2010)

RAPPORTO DI CAMPAGNA 1: VALUTAZIONE DELL IMPATTO FISICO DETERMINATO DA ATTREZZTAURE TRAINATE SUL FONDO TRAMITE SIDESCAN SONAR (Marzo 2010) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Istituto di Scienze Marine (ISMAR), Sede di Ancona Largo Fiera della Pesca, 1 60125 Ancona, Italy Unità di Tecnologia della Pesca (CNR-ISMAR, AN) RAPPORTO DI CAMPAGNA

Dettagli

Costruzione di un Commercio Ittico allʹingrosso nella Contea Istriana e nella Contea Litoraneo Montana

Costruzione di un Commercio Ittico allʹingrosso nella Contea Istriana e nella Contea Litoraneo Montana UNIVERSITÀ DI ZAGABRIA FACOLTÀ DI AGRARIA Studio per lʹattuabilità del progetto internazionale FISH.LOG. Costruzione di un Commercio Ittico allʹingrosso nella Contea Istriana e nella Contea Litoraneo Montana

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Antipasti caldi e freddi

Antipasti caldi e freddi Menu Tutti i nostri piatti sono influenzati dal pescato del giorno, quindi malgrado i nostri sforzi, alcuni prodotti potrebbero non esserci. La nostra cucina è esclusivamente espressa, pertanto si potrebbero

Dettagli

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Action Plan Italia Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Genesi del provvedimento Il 17 dicembre 2012 la Commissione europea richiama l Italia sulle sue

Dettagli

Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO

Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO Dicembre 2009 Responsabile della ricerca Ezio Castiglione Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione

Dettagli

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente:

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente: IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, (4) Il regolamento (CE) n. 1386/2007 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, HA ADOTTATO IL PRESENTE

Dettagli