Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca"

Transcript

1 Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Prof. Michele Amorena

2 Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti.? Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali.? Tuttavia i dati dimostrano che il beneficio di una dieta moderatamente ricca di pesce supera i rischi che possono derivare dall introduzione di contaminanti.? E importante un accurato controllo quali-quantitativo quantitativo del pesce che arriva sul mercato e possibilmente sviluppare strumenti sofisticati per la tracciabilità,, qualità e sicurezza.

3 Piano Nazionale Residui (PNR) Esistente dal 1988, il Piano Nazionale Residui è preposto alla sorveglianza ed al monitoraggio della presenza di residui di sostanze chimiche negli alimenti di origine animale. Categoria A Categoria B Sostanze anabolizzanti Sostanze non autorizzate Medicinali veterinari per i quali è stato definito un LMR Contaminanti ambientali

4 Campionamento prodotti della pesca (PNR)

5

6 Reg. CE 854/2004 che stabilisce norme specifiche per l'organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati al consumo umano. u Articolo 6: molluschi bivalvi vivi Gli Stati membri assicurano che la produzione e la commercializzazione di molluschi bivalvi vivi, echinodermi vivi, tunicati vivi e gasteropodi marini vivi siano sottoposte a controlli ufficiali come descritto all'allegato II. Articolo 7: prodotti della pesca Gli Stati membri assicurano che i controlli ufficiali sui prodotti della pesca siano effettuati conformemente all'allegato III.

7 Allegato II MONITORAGGIO DELLE ZONE DI STABULAZIONE E DI PRODUZIONE CLASSIFICATE Le zone di stabulazione e produzione classificate devono essere monitorate periodicamente al fine di verificare: a) che non siano commesse infrazioni circa l'origine, la provenienza e la destinazione dei molluschi bivalvi vivi; b) la qualità microbiologica dei molluschi bivalvi vivi relativamente alla zona di produzione e di stabulazione; c) la presenza di plancton tossico nelle acque di produzione e di stabulazione e di biotossine nei molluschi bivalvi vivi; d) la presenza di contaminanti chimici nei molluschi bivalvi vivi. I piani di campionamento per il controllo della presenza di contaminanti chimici devono consentire di rilevare qualsiasi superamento dei livelli stabiliti nel regolamento (CE) n. 466/2001 (attuale Reg.CE 1881/2006).

8 Allegato III I controlli ufficiali sui prodotti della pesca comprendono almeno o i seguenti elementi: residui e contaminanti: è istituito un sistema di monitoraggio per il controllo del livello di contaminazione con residui e contaminanti, conformemente alla normativa comunitaria; DECISIONI SUCCESSIVE AI CONTROLLI I prodotti della pesca sono dichiarati non idonei al consumo umano se: ; 2. essi contengono, nelle loro parti commestibili, contaminanti o residui che superano i limiti previsti dalla normativa comunitaria o in quantità tali che l'assorbimento alimentare calcolato sia superiore alla dose giornaliera o settimanale ammissibile per l'uomo.

9 ? I risultati relativi ai controlli ufficiali effettuati sui molluschi bivalvi vivi e prodotti della pesca, a cui si fa esplicito riferimento nel Reg. CE 854/2004, vengono spesso resi noti quando tali prodotti sarebbero già stati immessi in commercio.? Pertanto tali verifiche, pur assicurando una costante attività di monitoraggio su tali prodotti, non risulterebbero utili per una vera e propria azione di controllo e sorveglianza in grado di tutelare la salute del consumatore finale.

10 Si.Di.Mar (ministero dell ambiente)

11

12 Reg.CE 1881/2006 Cons. 10 Alcune specie ittiche provenienti dalla regione baltica possono contenere tenori elevati di diossine e PCB diossina-simili. simili. Una quota significativa di queste specie ittiche provenienti dalla regione baltica non risulterà conforme ai tenori massimi con conseguente esclusione dalla dieta. Cons. 11 Per evitare possibili rischi per la salute, la Svezia e la Finlandia hanno un sistema in grado di assicurare la piena informazione dei consumatori sulle raccomandazioni alimentari riguardanti le restrizioni applicabili al consumo di pesce proveniente dalla regione baltica da parte di gruppi di popolazione identificati come vulnerabili. E pertanto opportuno concedere alla Finlandia e alla Svezia una deroga per la commercializzazione temporanea di alcune specie ittiche provenienti dalla regione baltica e destinate al consumo sul loro territorio, che abbiano tenori di diossina e PCB diossina-simili simili superiori a quelli stabiliti dal presente regolamento.

13 Mar Baltico Autori Specie considerata PCB PCDD+PCDF Bruhn et al., 1999 Focena comune (Phocoena phocoena) ppb ppb Falandysz et al., 2002 Aringa (Clupea harengus) Focena comune (Phocoena phocoena) ppb - Szlinder-Richert et al., 2008 Aringa (Clupea harengus) Spratto (sprattus sprattus) Salmone (Salmo salar) ppb ppb ppb

14 Mar Mediterraneo Autori Specie considerate PCB OC IPA Escartin e Porte, 1999 Storelli e Marcotrigiano, 2001 Sciarrano (Serranus cabrilla) Triglia di fango (Mullus barbatus) ppb Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb Dendero et al., 2007 Vongola (Chamelea gallina) Cozza (Mitylus galloprovincialis) Tartufo di mare (Venus verrucosa) Dattero di mare (Lithophaga lithophaga) Riccio femmina (Paracentrotus lividus) ppb ppb (DDT) - Storelli et al., 2008 Musdea bianca (Phycis blennoides) ppb ppb (DDT)

15 Mar Tirreno Autori Specie considerate PCB OC IPA Amodio-Cocchieri et al., 2003 Pagello (Pagellus erythrinus) Boga (Boops boops) Donzella (Coris julis) Ghiozzo paganello (Gobius paganellus) Scorfano (Scorpaena scrofa) Tracina (Trachinus araneus) Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb Naso et al., 2005 Sgombro (Scomber scombrus) Nasello (Merluccius merluccius) Melù (micromesistius poutassou) Triglia di scoglio (Mullus surmeletus) Gambero rosso mediterraneo (Aristeus antennatus) Totano (todarodes sagittatus) Sogliola (Solea vulgaris) Seppia (Sepia officinalis) Pannocchia (Squilla mantis) Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb ppb -

16 Mar Tirreno Autori Specie considerate PCB OC IPA Perugini et al., 2007 Sgombro (Scomber scombrus) Nasello (Merluccius merluccius) Melù (Micromesistius poutassou) Triglia di scoglio (Mullus surmeletus) Gambero rosso mediterraneo (Aristeus antennatus) Totano (todarodes sagittatus) Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb

17 Mare Adriatico Autori Specie considerate PCB OC IPA Bayarri et al., 2001 Di Muccio et al., 2002 Sgombro (Scomber scombrus) Triglia di fango (Mullus barbatus) Acciuga (Engrulis encrasicholus) Triglia di fango (Mullus barbatus) Sgombro (Scomber scombrus) Acciuga (Engrulis encrasicholus) Nasello (Merluccius merluccius) Sogliola (Solea vulgaris) Seppia (Sepia officinalis) Calamaro (Loligo vulgaris) Rana pescatrice (Lophius piscatorius) Scampo (Nephrops norvegicus) Pannocchia (Squilla mantis) ppb ppb ppb ppb -

18 Mare Adriatico Autori Specie considerate PCB OC IPA Stefanelli et al., 2003 Triglia di fango (Mullus barbatus) Sgombro (Scomber scombrus) Acciuga (Engrulis encrasicholus) Nasello (Merluccius merluccius) Sogliola (Solea vulgaris) Seppia (Sepia officinalis) Calamaro (Loligo vulgaris) Rana pescatrice (Lophius piscatorius) Scampo (Nephrops norvegicus) Pannocchia (Squilla mantis) Vongola (Chamelea gallina) Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb ppb (DDE) - Perugini et al., 2006 Sgombro (Scomber scombrus) ppb ppb (DDT) - Perugini et al., 2006 Tartaruga comune (Caretta caretta) ppb (grasso) 82.9 ppb (fegato) 5.8 ppb (muscolo) - -

19 Mare Adriatico Autori Specie considerate PCB OC IPA Perugini et al., 2007 Sgombro (Scomber scombrus) Nasello (Merluccius merluccius) Melù (micromesistius poutassou) Triglia di fango (Mullus barbatus) Scampo (Nephrops norvegicus) Totano (todarodes sagittatus) Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb Bihari et al., 2007 Cozza (Mitylus galloprovincialis) ppb

20 Calcolo delle esposizioni alle CMA mg/kg di Hg previste dalla 1881/2006 Concentrazione mg/kg Hg-totale MetHg-90% Consumo g/die Esposizione µg/die Esposizione µg/kg p.c./die Indice di rischio , , , TDI 0.23 µg/kg p.c./die

21 Concentrazioni medie ed errore standard di Hg (ng/kg) riscontrate in pesci pescati nel medio adriatico e confrontati in funzione della specie e della stagione 1500,00 stagione estate inverno 1250,00 Media +- 1 ES Hg 1000,00 750,00 * 500,00 * * 250,00 0,00 Nephrops norvegicus Mullus barbatus Merluccius merluccius specie Micromesis tius poutassou Scomber scombrus Totarodes sagittatus

22 Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti.? Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali.? Tuttavia i dati dimostrano che il beneficio di una dieta moderatamente ricca di pesce supera i rischi che possono derivare dall introduzione di contaminanti.? E importante un accurato controllo quali-quantitativo quantitativo del pesce che arriva sul mercato è fondamentale sviluppare strumenti utili per la tracciabilità,, la qualità e la sicurezza.

23 Conclusioni Pertanto, ai fini della tutela della salute umana, si rende necessaria un azione di integrazione e coordinamento tra gli enti preposti al controllo, finalizzati ad avere un quadro globale e costantemente aggiornato sullo stato del nostro ambiente e, di conseguenza, sulla salubrità degli alimenti che da esso derivano. Non esiste una concentrazione massima accettabile per tutta la popolazione: la valutazione del rischio deve, infatti, essere condotta considerando la categoria di popolazione di appartenenza e le differenti abitudini alimentari del consumatore. E necessario che accanto alla ricerca vengano intrapresi, pertanto, programmi di educazione alimentare e sanitaria capaci di diffondere una cultura della sicurezza alimentare in grado di garantire categorie a a rischio della popolazione.

24

Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività

Pesca a strascico: razionalizzazione e selettività Iniziativa finanziata dalla Unione Europea DocUP - S.F.O.P. 2000/2006 Misura 4.4 "Azioni realizzate dagli operatori del settore" Assessorato Attività Produttive, Sviluppo Economico e Piano Telematico -Direzione

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Carta dei Fondali. Zone Fao. Pescazzurro_Mangiasalute

Carta dei Fondali. Zone Fao. Pescazzurro_Mangiasalute Pescazzurro_Mangiasalute 4 3 Carta dei Fondali Zone Fao Il mare Adriatico centrale. Da Termoli ad Ancona abbiamo il pesce naturalmente più saporito d Italia ZONE DI PESCA FAO MEDITERRANEO ZONE DI PESCA

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE L 320/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE del 2 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori

Dettagli

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO)

LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) LE PARASSITOSI ITTICHE TRA VECCHIA E NUOVA LEGISLAZIONE (E NON SOLO) CAORLE 30 GIUGNO 2012 DR PAOLO CAPOVILLA I PARASSITI DI INTERESSE SANITARIO: (PRESENTI IN PRODOTTI DELLA PESCA E MOLLUSCHI E TRASMISSIBILI

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 PESCA SPORTIVA Nelle righe che seguono tratteremo gli aspetti della pesca sportiva in mare riferendoci a quanto è previsto tuttora dalla legislazione

Dettagli

Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca

Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca Comunicazione ai Naviganti Armatori Capitani Capo Barca Motoristi e Marinai Iscritti nelle matricole della Pesca Venerdì 9 Marzo 2012 Oggetto: Regolamento CE 404/2011 - Controlli alla Pesca Giornale di

Dettagli

Servizio veterinario d igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (Area C)

Servizio veterinario d igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (Area C) Studio dell impatto ambientale di tipo radioattivo sugli animali produttori di alimenti perl uomo riscontri di passata e recente attivita veterinaria. Possibili elementi di valutazione per la definizione

Dettagli

ANISAKIS E ANISAKIASI

ANISAKIS E ANISAKIASI ANISAKIS E ANISAKIASI INTRODUZIONE L anisakiasi è una malattia zoonosica nota da molti anni [Con il termine zoonosi si intende una qualsiasi malattia infettiva o parassitaria degli animali che può essere

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) n. 2375/2001 del 29 novembre 2001

REGOLAMENTO (CE) n. 2375/2001 del 29 novembre 2001 REGOLAMENTO (CE) n. 2375/2001 del 29 novembre 2001 recante modifica del regolamento (CE) n. 466/2001 della Commissione che definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari.

Dettagli

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 UNA rapida premessa Il governo italiano ha deciso di portare a compimento la strategia della trivella che ha avuto i suoi primi vagiti

Dettagli

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA DISCIPLINARE Indice Emissione del 09.01.2007 2 1. INTRODUZIONE OP con sede in via Molo Mondracchio, s.n 60125 Ancona (indirizzo internet www.conpesca.it) L OP, ai sensi e per gli effetti delle norme comunitarie

Dettagli

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA NEI PRODOTTI ITTICI CHE COS E L ISTAMINA? L Istamina è un composto organico che si forma

Dettagli

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Servizio pesca Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi Zona di produzione Specchio acqueo dove si trovano

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

deliberazione n. 118

deliberazione n. 118 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII LEGISLATURA deliberazione n. 118 PIANO TRIENNALE REGIONALE PER LA PESCA E L ACQUACOLTURA 2009/2011 LEGGE REGIONALE 13 MAGGIO 2004, N. 11, ARTICOLO 4 ESTRATTO

Dettagli

GSA 19 MAR IONIO STRASCICO

GSA 19 MAR IONIO STRASCICO PIANO DI GESTIONE (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) GSA 19 MAR IONIO STRASCICO Maggio 2011 1. Ambiti di applicazione...3 2. Obiettivo globale...3 3. Descrizione generale...3 3.1 Inquadramento ecologico

Dettagli

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT NOTA Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT Direzione generale delle Politiche interne dell Unione Unità tematica - Politiche strutturali e

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Relazione tecnica finale DOCUP-PESCA REGIONE ABRUZZO Bando 2005/2006 Asse 4 Misura 4.6

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 374/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 16 aprile 2014

REGOLAMENTO (UE) N. 374/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 16 aprile 2014 22.4.214 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 118/1 REGOLAMENTO (UE) N. 374/214 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 214 sulla riduzione o sulla soppressione dei dazi doganali sulle

Dettagli

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010 SMEA l settore ittico in talia Check-up 2010 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione: Sabrina Navarra

Dettagli

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie.

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. seppie pulite iqf 8/12 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010663 385 x 195 x 250 260 x 415 seppie pulite iqf 10/20 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010670 385 x 195 x

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Piano di Gestione Sicilia. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft<18 m

Piano di Gestione Sicilia. (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft<18 m Piano di Gestione Sicilia (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006) Strascico lft

Dettagli

Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI

Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI Piano di Gestione GSA 16 (Stretto di Sicilia) (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 ) STRASCICO > 18 METRI Maggio 2011 1 1. Ambiti di applicazione...3 2. Obiettivo globale...3 3. Descrizione generale...4

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO SULLE RISORSE ITTICHE PESCABILI

VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO SULLE RISORSE ITTICHE PESCABILI Struttura Tecnico Scientifica di Palermo Laboratorio di Milazzo Via dei Mille 44 98057, Tel 0909224872 Fax 0909241832 RELAZIONE FINALE LUGLIO 2011 VALUTAZIONE DELL EFFETTO RISERVA DELL AREA MARINA PROTETTA

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

Filetti di alici marinate

Filetti di alici marinate Ittico Filetti di alici marinate Filetti di alici marinate in olio. filetti di alici engraulls engrasicholus (alici, acqua, aceto di vino, sale) 65% min, olio di semi di girasole, sale, acido citrico,

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo FEP 2007-2013 MISURA 3.1 Azioni collettive (art. 37 lettera m - Piani di gestione locali) Reg. (CE) n. 1198/2006 Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo Co.Ge.P.A.

Dettagli

Vigilanza dei Prodotti della Pesca

Vigilanza dei Prodotti della Pesca Ispezione degli Alimenti di origine animale Tecnici della Prevenzione 30 ore Vigilanza dei Prodotti della Pesca Natale Sergio Glorioso 1 Una volta arpionai una cernia in tana, ma questa non voleva saperne

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P.

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P. CostardellA AgugliA NasellO TonnO Trigli GamberO Pesce PilotA TombarellO Aguglia ImperialE TotanO LanzardO PolpO Pesce SpadA OcchiatA AcciugA TrigliA Atlante per il mare D.O.P. Guida al consumo sostenibile

Dettagli

Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca

Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca I controlli ufficiali nella fase della produzione primaria Procedure per un efficace controllo di filiera in sicurezza alimentare: i prodotti della pesca VALMONTONE 08 OTTOBRE 2014 Dr Nicolini Giuseppe

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

Antonello Sala, Alessandro Lucchetti, Mario Ferretti, Adriano Mariani, Simone Serra

Antonello Sala, Alessandro Lucchetti, Mario Ferretti, Adriano Mariani, Simone Serra Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Istituto di Scienze Marine (ISMAR) Sede di Ancona Consorzio Unimar S.c.r.l. Roma Not to be quoted without prior reference to the authors. Rapporto finale Indagine

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

1) Pesce fresco? NAS, Guardia di Finanza Asl Guardia Costiera rete nazionale Sedi Movimento Difesa del Cittadino

1) Pesce fresco? NAS, Guardia di Finanza Asl Guardia Costiera rete nazionale Sedi Movimento Difesa del Cittadino 1) Pesce fresco? La gastronomia italiana si distingue da sempre per la ricchezza, la genuinità e la bontà delle carni (siano esse di allevamento o di cacciagione) dei prodotti ortofrutticoli e di quelli

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Rischio chimico associato alla qualità delle acque del mare Adriatico

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Rischio chimico associato alla qualità delle acque del mare Adriatico ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischio chimico associato alla qualità delle acque del mare Adriatico Rapporto finale delle attività finanziate dal Progetto MURST/CNR Prisma 2 A cura di Fulvio Ferrara e Enzo

Dettagli

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale

Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale Invito a partecipare all ITINERARIO DEL PESCE DIMENTICATO Percorso gastronomico-culturale dedicato alle specie ittiche di minor valore commerciale L iniziativa L iniziativa, rivolta ai ristoratori la cui

Dettagli

RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE

RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE RICONOSCERE, CONSERVARE, CONSUMARE IL PESCE di Diego Ravasin Flavia Verginella con la collaborazione della Cooperativa Pescatori di Grado Coordinamento: Edo Billa e Marco Missio Vignette e disegni: Federico

Dettagli

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari Convegno Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai Laboratori Accreditati Roma, 15-16 novembre 2011 L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo

Dettagli

Istamina nei prodotti della Pesca

Istamina nei prodotti della Pesca NEWS sulla SICUREZZA E QUALITÀ DEGLI ALIMENTI Istamina nei prodotti della Pesca G.U.U.E. L del 24 ottobre 2013, n. 282 Regolamento (UE) n. 1019/2013 della Commissione del 23.10.2013 che modifica l Allegato

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Acciuga o Alice - (Engraulis encrasicolus) Nome Scientifico: Engraulis encrasicolus. Codice FAO ANE. Area di Pesca: Mediterraneo, Mar Nero, Atlantico orientale, dalle coste occidentali dell'africa al nord

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE

LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE LEGA CONSUMATORI GUIDA ALLA PESCA SOSTENIBILE QUANTI PESCI CI SONO NEL MARE? Tre pescatori di Livorno Disputarono un anno e un giorno Per stabilire e sentenziare Quanti pesci ci sono nel mare. Disse il

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email: icrmare@libero.it

I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email: icrmare@libero.it SINTESI Autori: D Ambra R., Casola E., Coccorese P., Dell Aquila M., Fiore M., Maccaroni A., Plastina N., Salerno G., Sardone M. e Scardi M. I.C.R. Mare s.c.r.l. Via Belvedere 212, 80127 Napoli email:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 91/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 277/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica gli allegati I e II della direttiva

Dettagli

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche.

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche. Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione B B Agricoltura e sviluppo

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

Report ittico 17 dicembre 2012

Report ittico 17 dicembre 2012 Report ittico 17 dicembre 2012 1. Il l settore ittico in i Italia nel 2011 1.1 Il settore in sintesi Si è accentuata, nel 2011, la flessione della produzione ittica in Italia; secondo i dati Irepa, le

Dettagli

XIV TROFEO CITTA DI RIMINI

XIV TROFEO CITTA DI RIMINI XIV TROFEO CITTA DI RIMINI BIG GAME IN DRIFTING Catch & Release OPEN FIPSAS RIMINI 26 /07/2014 (DATA DI RISERVA 27 /07/2014) REGOLAMENTO PARTICOLARE DELLA MANIFESTAZIONE Art. 1 DENOMINAZIONE: Gara di Pesca

Dettagli

SeafoodService. prima edizione

SeafoodService. prima edizione SeafoodService prima edizione Alessandro Scarponi, amministratore delegato L AZIENDA QUALITÀ E TRADIZIONE AL SERVIZIO DELLA RISTORAZIONE CHEF è una azienda che trasforma e commercializza da oltre 20 anni

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1881/2006 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 1881/2006 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari 2006R1881 IT 01.09.2012 008.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1881/2006 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre

Dettagli

ATTI DEL FORUM. Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore

ATTI DEL FORUM. Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore 1 ATTI DEL FORUM Il prodotto ittico: una risorsa per la produzione, distribuzione e somministrazione a tutela del consumatore 2 INSERIRE RIFERIMENTO CAPITOLO DOPO AVER FATTO INDICE Pubblicato nel mese

Dettagli

La cucina di nanne Chica

La cucina di nanne Chica Federiga Bertolini Vettori La cucina di nanne Chica Cento ricette di mare a cura di Rosanna Betti Edizioni ETS Indice delle ricette Antipasti Bocconcini di baccalà marinato alla menta 13 Carpaccio di baccalà

Dettagli

Cento astuzie per cucinare il pesce di mare

Cento astuzie per cucinare il pesce di mare Collana le guide Alberto e Paola Tassinari Cento astuzie per cucinare il pesce di mare BACCHILEGA EDITORE 4 ISBN 978-88-96328-85-9 2013 Bacchilega editore via Emilia 25 - Imola tel. 0542 31208 - fax 0542

Dettagli

la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini

la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini Testi Cecilia Franceschetti Serena Maso Marina Pulcini Maria Rapini la Tavola Foto Marina Pulcini Logo Paolo Capio Progetto

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE DICEMBRE 2006 INDICE 1. PRESENTAZIONE...4 2. TERMINI E DEFINIZIONI...5 3. PARTE I LA SICUREZZA

Dettagli

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 che abroga alcune direttive recanti norme sull'igiene dei prodotti alimentari e le disposizioni sanitarie per la produzione

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta "Tavolara - Punta Coda Cavallo" II sottoscritto Capitano

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli

mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae

mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae mammiferi Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) regno animali fam. Delphinidae Fonte immagine foto di S. Bava La stenella è spesso chiamata delfino nel linguaggio comune, per via della somiglianza con i

Dettagli

I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA

I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA I PESCI DEL NOSTRO MARE E LA LORO VALORIZZAZIONE GASTRONOMICA A CURA DEGLI ALLIEVI DEL CORSO TECNICO SUPERIORE PER LA VALORIZZAZIONE DI VINI E DI PRODOTTI TIPICI PER UNA RISTORAZIONE DI QUALITÀ SOMMARIO

Dettagli

Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO

Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO Ismea COMPENDIO STATISTICO DEL SETTORE ITTICO Dicembre 2009 Responsabile della ricerca Ezio Castiglione Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA

ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA ALIMENTAZIONE E SALUTE A CHIOGGIA LA SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI DELLA PESCA Luciano Boffo e Patrizia Buratti distribuzione gratuita Strada Madonna Marina, 500 - Chioggia (VE) Via G. Poli, 1 - Chioggia

Dettagli

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente:

2) nell articolo 7 è aggiunto il paragrafo seguente: 3) l articolo 12 è sostituito dal seguente: IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, (4) Il regolamento (CE) n. 1386/2007 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, HA ADOTTATO IL PRESENTE

Dettagli

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 FEP - Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013 MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

I 100 alimenti della Dukan

I 100 alimenti della Dukan Assistente Virtuale I 100 alimenti della Dukan 1 I 100 alimenti Se il metodo Dukan è così efficace, lo deve anche al fatto che consente di perdere peso mangiando a sazietà. Qui di seguito, troverai la

Dettagli

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1 IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino IL PESCE E GIUSTO Guida pratica all acquisto consapevole del pesce LE FRODI

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Prot. n. / / PR.CA.E Novara, 1 settembre 2014 ASL NO La sicurezza nel piatto Conoscere l anisakis Tra le abitudini alimentari rientra quella di portare sulle nostre tavole prodotti ittici crudi. Per tutela

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

Il trading internazionale di soft commodities nell attuale congiuntura di mercato Gli strumenti contrattuali

Il trading internazionale di soft commodities nell attuale congiuntura di mercato Gli strumenti contrattuali Il trading internazionale di soft commodities nell attuale congiuntura di mercato Gli strumenti contrattuali Campionamento strumenti contrattuali, volontari e normativi Andrea Villani A.G.E.R. Borsa Merci

Dettagli

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici ALLEGATO I Tabelle statistiche e grafici Valutazio ex-ante ambientale Figura I.1. Andamento del numero di pescherecci lle Regioni Obiettivo 1, anni 1996- N. battell 5000 4500 4000 3500 3000 2500 1500 1000

Dettagli

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Introduzione La globalizzazione e l alimentazione La globalizzazione della catena alimentare fa emergere continuamente nuove sfide e rischi

Dettagli

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali (Ordinanza sui controlli OITE) 916.443.106 del 16 maggio 2007 (Stato 1 novembre 2008) Il Dipartimento federale

Dettagli

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri Redatto da:ranghieri Dr Valerio Medico Veterinario Approvato da: 2 1) SCOPO E FINALITA DELLA PROCEDURA La presente

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli