Frodi nel settore della pesca. Giuseppe Arcangeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Frodi nel settore della pesca. Giuseppe Arcangeli"

Transcript

1 Frodi nel settore della pesca Giuseppe Arcangeli

2

3

4 La sostituzione di specie La vendita di prodotto scongelato per fresco

5 REGOLAMENTO (CE) N. 104/2000 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 1999 relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura capo 2 : Informazione dei consumatori a) la denominazione commerciale della specie, b) il metodo di produzione (cattura in mare o nelle acque interne o allevamento), c) la zona di cattura.

6 REGOLAMENTO (CE) N. 2065/2001 DELLA COMMISSIONE del 22 ottobre 2001 che stabilisce le modalità d'applicazione del regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio per quanto concerne l'informazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura

7 Decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 31 gennaio 2008 (G.U. n. 45 del 22 febbraio 2008) Denominazione in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale

8

9

10 Denominazione in lingua italiana Genere e specie Famiglia Ordine Abramide Abramis brama (Linneo, 1758) CYPRINIDAE CYPRINIFORMES Alice indopacifica Stolephorus indicus (Van Hasselt, 1823) ENGRAULIDAE CLUPEIFORMES Aragosta atlantica Palinurus charlestoni (Forest e Postel, 1964) DECAPODA PALINURIDAE Aspio Aspius aspius (Linnaeus, 1758) CYPRINIDAE CYPRINIFORMES Berice rosso Centroberyx affinis ( Günther, 1859) BERYCIDAE BERYCIFORMES Bondella Coregonus macrophthalmus (Nusslin,1882) SALMONIDAE SALMONIFORMES Buccina Buccinum undatum (Linneo,1758) BUCCINIDAE NEOGASTEROPODA Calamaro occhigrandi Loligo ocula (Cohen, 1976) LOLIGINIDAE DECAPODA Canestrello bianco Flexopecten spp. PECTINIDAE OSTREOIDA Cappa del Pacifico Gari solida (Gray, 1828) GARIDAE VENEROIDA Cappalunga o Cannolicchio Ensis ensis (Linneo, 1758) SOLENIDAE VENEROIDA Cappalunga o Cannolicchio Ensis siliqua (Linneo, 1758) SOLENIDAE VENEROIDA Carango indopacifico Alepes djedaba (Forsskål, 1775) CARANGIDAE PERCIFORMES Cernia indopacifica Epinephelus retouti (Bleeker,1868) SERRANIDAE PERCIFORMES Cernia miniata Cephalopholis miniatus (Forsskål, 1775) SERRANIDAE PERCIFORMES Chiocciola di scogliera Littorina spp. LITTORINIDAE MESOGASTEROPODA Fieto argenteo Pampus argenteus (Euphrasen, 1788) STROMATEIDAE PERCIFORMES Gamberetto Palaemon adspersus (Rathke, 1837) PALAEMONIDAE DECAPODA Gambero bianco Pasiphaea rivado (Risso, 1816) PENAEIDAE DECAPODA Gambero rosso del Pacifico Heterocarpus affinis (Faxon, 1893) PANDALIDAE DECAPODA Gamberone malese Trachypenaeus malaiana (Balss, 1933) PENAEIDAE DECAPODA Granchio cinese Eriocheris sinensis (Milne Edwards, 1853) GRAPSIDAE BRACHYURA Granchio indopacifico Portunus trituberculatus (Miers, 1876) DECAPODA PORTUNIDAE Lingua Cynoglossus cynoglossus (Hamilton, 1822) CYNOGLOSSIDAE PLEURONECTIFORMES Lumachino Melarhaphe neritoides (Linneo, 1758) NASSARIIDAE NEOGASTEROPODAE Lumachino Nassarius reticulatus (Jeffreys, 1867) NASSARIIDAE NEOGASTEROPODAE Lumacone spinoso Cassidaria echinophora (Linneo, 1758) CASSIDAE CAENOGASTEROPODA Lutiano filamentoso Pristipomoides filamentosus (Valenciennes, 1830) LUTJANIDAE PERCIFORMES Mazzancolla del Pacifico Farfantapenaeus californiensis (Holmes, 1900) PENAEIDAE DECAPODA Mazzancolla tropicale Farfantepenaeus brevirostris (Kingsley, 1878) PENAEIDAE DECAPODA Mazzancolla tropicale Litopenaeus vannamei (Boone, 1931), ex Penaeus vannamei LITOPENAEIDAE DECAPODA Melù australe Micromesistius australis (Norman, 1937) GADIDAE GADIFORMES

11 Miro Echelus myrus (Linneo, 1758) OPHICHTHIDAE ANGUILLIFORMES Murice comune Bolinus brandaris o Murex brandaris (Linneo, 1758) MURICIDAE NEOGASTEROPODAE Murice del Pacifico Trophon spp. MURICIDAE NEOGASTEROPODA Nasello atlantico o Merluzzo atlantico Patagonotothen ramsay (Regan, 1913) NOTOTHENIIDAE PERCIFORMES Palombo Mustelus canis (Mitchill, 1815) TRIAKIDAE CARCHARHINIFORMES Passera del pacifico Hippoglossoides elassodon (Jordan e Gilbert, 1880) PLEURONECTIDAE PLEURONECTIFORMES Ombrina atlantica Cynoscion guatucupa (Cuvier, 1830) SCIAENIDAE PERCIFORMES Pesci spatola Polyodontidae spp. POLYODONTIDAE ACIPENSERIFORMES Rana pescatrice atlantica Lophius gastrophisus (Miranda-Ribeiro, 1915) LOPHIIDAE LOPHIIFORMES Razza stellata Amblyraja radiata (Donovan, 1808) RAJIDAE RAJIFORMES Scrofanotto Scorphaena notata (Rafisesque, 1810) SCORPAENIDAE SCORPAENIFORMES Scrofanotto Scorpena ustolata (Lowe, 1841) SCORPAENIDAE SCORPAENIFORMES Seppia pizzuta Sepia orbignyana (Férussac, 1826) SEPIIDAE TEUTHOIDEA Smeriglio del Pacifico Lamna ditropis (Hubbs e Follett, 1947) LAMNIDAE SQUALIFORMES Sogliola adriatica Pegusa impar (Bennett, 1831) SOLEIDAE PLEURONECTIFORMES Sogliola egiziana Solea aegyptiaca (Chabanaud, 1927) SOLEIDAE PLEURONECTIFORMES Sogliola indopacifica Paraplagusia bilineata (Bloch, 1787) CYNOGLOSSINAE PLEURONECTIFORMES Squalo portoghese Centroscymnus coelolepis (Barbosa du Bocage e Brito DALATIIDAE SQUALIFORMES Capello, 1864) Tordo nero Labrus merula (Linneo, 1758) LABRIDAE PERCIFORMES Tordo pavone Symphodus tinca (Linneo, 1758) LABRIDAE PERCIFORMES Totano volante Ommastrephes bartramii (Lesueur, 1821) OMMASTREPHIDAE DECAPODA Totano volante Todaropsis eblanae, (Ball, 1841) OMMASTREPHIDAE DECAPODA Trigone viola Pteroplatytrygon violacea (Last e Compagno, 1999) DASYATIDAE RAJIFORMES Vongola cilena Mulinia edulis (King, 1931) MACTRIDAE VENEROIDA

12 Fao-Picture Seafood mag.- Picture

13 Le frodi con implicazioni COMMERCIALI Cod..e simili

14 Molva (ling) Baccalà (cod)

15

16

17 Regolamento (CE) n. 1332/2005 ELASMOBRANCHII (Squali e razze) Rhincodon typus - Squalo balena Carcharodon carcharias - Squalo bianco Cetorhinus maximus - Squalo elefante

18 Le frodi con implicazioni sanitarie Fao -Pictures

19

20 COMPLESSO UROFORO (estremità colonna vertebrale) Courtesy Dr. C. Pellegrino A: Pesce palla; B: Gallinella; C: Rana pescatrice I.P.: ossa ipurali; P.A.: paraipurale; E.P.: epiurale; N.S.: neurospina; E.S.: ematospina; C: centro vertebrale.

21 Maggio USA

22 FDA News FOR IMMEDIATE RELEASE P07-91 May 24, 2007 Media Inquiries: Consumer Inquiries: 888-INFO-FDA FDA Warning on Mislabeled Monkfish Fish Believed to be Puffer Fish; Contains Deadly Toxin The Food and Drug Administration (FDA) is warning consumers not to buy or eat imported fish labeled as monkfish, which actually may be puffer fish, containing a potentially deadly toxin called tetrodotoxin. Eating puffer fish that contain this potent toxin can result in serious illness or death. Tetrodotoxin is not destroyed by common food preparation or storage, such as cooking or freezing. Monkfish do not contain tetrodotoxin. The product was imported and distributed by Hong Chang Corp., Santa Fe Springs, Calif.

23

24 Pesce balestra (trigger fish)

25 FAUNA LESSEPSIANA DATI CIESM Alepes djedaba (1927) Apogon nigripinnis (1947) Apogon queketti (2006) Asterina burtoni (1966) Atherinomorus lacunosus (1902) Callionymus filamentosus (1953) Crenidens crenidens (1970) Cynoglossus sinusarabici (1953) Dussumieria acuta (1953) Epinephelus coioides (1969) Epinephelus malabaricus (1969) Etrumeus teres (1963) Fistularia commersonii Fulvia fragilis Ferosagitta galerita (2003) Hemiramphus far (1927) Herklotsichthys punctatus (1976) Himantura uarnak (1955) Hippocampus fuscus (2002) Hyporhamphus affinis (1967) Hypselodoris infucata Lagocephalus sceleratus (2005) Lagocephalus spadiceus (1953) Lagocephalus suezensis (1977) Leiognathus klunzingeri (1931) Leonnates persicus Liza carinata (1971) Lutjanus argentimaculatus (1977) Monishia ochetica (1927) Muraenesox cinereus (1982) Nemipterus randalli (2006) Oxyurichthys papuensis (1983) Pampus argenteus (1896) Papilloculiceps longiceps (1990) Paraexocoetus mento (1935) Pelates quadrilineatus (1970) Pempheris vanicolensis (1979) Petroscirtes ancylodon (1989) Platycephalus indicus (1953) Plotosus lineatus (2002)

26 Lagocephalus spadiceus (Pesce coniglio) Origine: Indopacifico > Mar Rosso (dati CIESM)

27 Sphoeroides pachygaster (Pesce palla) Origine: Indopacifico > Mar Rosso (dati CIESM)

28 Lagocephalus sceleratus Città di Suez: 8 decessi nel 2004 (Zaki e Mossa, 2005) Fishbase-picture

29 Fishbase map Lagocephalus sceleratus > SUEZ channel

30 Courtesy dr. Maurizio Mambelli ASL Forlì

31 Courtesy dr. Maurizio Mambelli ASL Forlì

32 Fishbase picture Ruvettus pretiosus

33

34

35 Salpa

36

37 Sigano

38

39 Pesce serra invece di branzino istamina!

40

41 La diagnostica di laboratorio

42 Isoelectrofocusing (IEF) _ + + pi: 5.2 pi: 9.0 ddp

43 XIPHIAS GLADIUS

44 PCR-based techniques La reazione a catena della polimerasi consente di isolare e moltiplicare frammenti di DNA dei quali si conosca la sequenza delle sue porzioni iniziali e terminali Utilizza un enzima termostabile (Taq polimerasi) in grado di elongare un oligonucleotide di innesco di nucleotidi (primer) Ripetizione di cicli costituiti ognuno da tre fasi: 1 Denaturazione 2 Appaiamento dei primers 3 Elongazione Le fasi del ciclo sono scandite dalla variazione di temperatura del sistema operata in termociclatori Immagine PCR Reazione esponenziale Alla fine della reazione si avranno milioni di copie della sequenza target di partenza

45 Esempio: metodica in uso presso l IZSVe per l identificazione di Xiphias gladius Questa metodica prevede l utilizzo di due coppie di primers: XP1 specifica per X. gladius produce una banda di 211bp CONTROL 12S universale produce una banda di 183 bp

46 Esempio: metodica di PCR real-time con sonde Taqman in uso all IZSVe per identificazione della famiglia dei Gadidi Coppia di primers specifici per un tratto del cyt B di 75 bp della famiglia Gadidae Sonda Taqman di 29 bp marcata al 5 5 con Hex (fluoroforo)) e al 3 3 con TAMRA (quencher) Cicli soglia superiori a 32 vengono considerati negativi Gadus Theragra chalcogramma Merluccidi

47 Sequenziamento Ci consente di determinare la sequenza dei nostri amplificati Massimo dell informazione possibile Viene utilizzata correntemente dal nostro istituto in fase di allestimento di test di identificazione e per conferma in casi dubbi Metodo di elezione per valutazioni di tipo filogenetico Esistono varie metodiche di sequenziamento La più utilizzata è quella che sfrutta la chimica dei terminatori dideossi con separazione tramite elettroforesi capillare in sistemi automatizzati ( bp) Questo metodo è laborioso, costoso e operato in apparati molto costosi

48 Pyrosequencing E`una tecnica di sequenziamento per sintesi che sfrutta una cascata enzimatica perfettamante sincronizzata Permette di sequenziare in modo accurato frammenti di DNA lunghi fino bp Consente di determinare la similarità delle sequenze ottenute con quelle presenti in un data-base locale Metodo veloce, con costi per campione limitati e operato in un apparato di costo ragionevole

49 Metodi per differenziare pesce fresco e pesce decongelato e loro utilizzo ai fini del controllo ufficiale Elena Teneggi, Luca Fasolato, Emanuele Cencetti, Franco Mutinelli

50 Esame Sensoriale Aspetto esteriore METODI PER IDENTIFICARE IL PRODOTTO DECONGELATO Esame organolettico Esami di Laboratorio (Fisiologici; Chimici; Fisici) Istologia (emolisi; alterazione fibre muscolari) Attività enzimatica (cellulari e mitocondriali) Metodi impedenzometrici (Fish Tester; Torrymeter) Metodi spettroscopici (NIRs; Fluorescenza)

51 Metodiche in prova Metodi rapidi di screening Spettroscopia a Fluorescenza nell Ultravioletto Spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRs; near infrared reflectance spectroscopy) Metodo di Conferma Analisi istologica del tessuto muscolare

52 TECNICA ISTOLOGICA La prova istologica su tessuto muscolare permette di osservare nel tessuto sottoposto a congelamento caratteristiche lesioni istologiche (es. vacuoli) determinate dalla formazione dei cristalli di ghiaccio nell interno delle fibre muscolari : Alterazioni a spazi cistici all interno delle fibre Presenza di materiale amorfo eosinofilico Colorazione con ematossilina/eosina, una delle più comuni in laboratorio: l'ematossilina, basica, colora il nucleo in blu, l'eosina, acida, colora il citoplasma in rosa.

53 Fresco Congelato Congelato Congelato Branzino

54 Fresco Congelato Congelato Congelato Nasello

55 TECNICA NIRS La tecnica NIRS ( Near Infrared Reflectance Spectroscopy) viene oggi suggerita quale metodica rapida ed economica per: Caratterizzazione della qualità e freschezza Determinazione del valore nutrizionale Ausilio alla Tracciabilità e Autenticazione di prodotto Essa sfrutta la capacità dei composti organici di interagire con la radiazione luminosa (capacità di assorbire, trasmettere e riflettere la radiazione elettromagnetica) del vicino infrarosso e di correlarla a specifici parametri chimici, reologici e sensoriali.

56 Media degli spettri NIRs 2.5 orata fresco congelato absorbance wavelenghts

57 Spettroscopia a fluorescenza La tecnica spettroscopica a fluorescenza nell ultravioletto è stata brevettata principalmente per: Determinazione della tenerezza della carne Caratterizzazione della freschezza del pesce Ausilio alla Tracciabilità e Autenticazione di prodotto E un metodo non invasivo che fornisce informazioni sulle molecole fluorescenti (Fluorofori es. Triptofano, aminoacidi aromatici, acidi nucleici), presenti nei campioni biologici, la cui potenzialità discriminante, nel caso in esame, è stata attribuita allo spettro di fluorescenza del NADH (nicotinamide adenindinucleotide).

58 Istologia VANTAGGI E SVANTAGGI VANTAGGI Metodica consolidata Largamente applicabile a molti laboratori Alterazioni evidenti SVANTAGGI Tempi Sostanze tossiche Addestramento operatore Valutare eventuali differenze di specie

59 VANTAGGI E SVANTAGGI Tecniche Spettroscopiche VANTAGGI Tempi rapidi Poca o nessuna preparazione del campione Brevetti trasportabili Le performance aumentano all aumentare di N SVANTAGGI Elaborazione e studio dei dati Costo della strumentazione da laboratorio Necessitano di curve standard (alto numero di campioni standard) Valutare eventuali differenze di specie

60 CONCLUSIONI Mettere a punto un sistema sensibile (in grado di identificare con sicurezza i campioni positivi) e specifico In grado di escludere con sicurezza i campioni negativi Valutare l utilizzo di tecniche di screening in abbinato a tecniche di conferma, specie su campioni reputati dubbi.

61 GRAZIE! Fao-Picture

I principali pericoli sanitari legati al consumo dei prodotti ittici

I principali pericoli sanitari legati al consumo dei prodotti ittici I principali pericoli sanitari legati al consumo dei prodotti ittici LEZIONE N. 1 Giuseppe Arcangeli Ferrara 29 ottobre 2009 Seafood Area: 230 firms 3.500 workers 500 millions (2004) Evoluzione del consumo

Dettagli

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie.

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. seppie pulite iqf 8/12 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010663 385 x 195 x 250 260 x 415 seppie pulite iqf 10/20 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010670 385 x 195 x

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, e successive modificazioni concernente la disciplina della pesca marittima;

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, e successive modificazioni concernente la disciplina della pesca marittima; DECRETO MINISTERIALE 27 MARZO 2002 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 84 del 10 aprile 2002) MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo.

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI VISTA la legge 14 luglio 1965,

Dettagli

Decreto 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. G.U. n. 84 del 10-4-2002

Decreto 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. G.U. n. 84 del 10-4-2002 FLAI - Decreto 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo... Pagina 1 di 17 Decreto 27 marzo 2002 Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo. G.U. n. 84 del 10-4-2002

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici Il salva acquisto Mini guida all acquisto di prodotti ittici Calendario ittico i prodotti ittici di stagione Gennaio:nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia Febbraio:nasello, sardina, sgombro, sogliola,

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico.

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. eal Time PC La PC eal Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. Gli strumenti per PC eal Time, oltre a fungere da termociclatori,

Dettagli

Catalogo Pesce Surgelato

Catalogo Pesce Surgelato Catalogo Pesce Surgelato ANELLI DI TOTANO ANELLI CIUFFI TAGLIATI 10%gl. - 1 Kg - Patagonia cod. 47214 ANELLI TOTANO 10%gl. - 550 pezzi - 5 Kg - cod. 47205 Marfrio 0%gl. - 100 pezzi - 1 Kg - cod. 47309

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

VII Anno/ n. 16 3ª Edizione Numero 1/2014

VII Anno/ n. 16 3ª Edizione Numero 1/2014 Nuove denominazioni provvisorie di specie ittiche (proposte da Regione Veneto e e il futuro delle denominazioni scientifiche e commerciali nella Unione europea di Alfredo Mengoli Figura A Sempre più le

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

ITTICO Bollettino N. ITT\ 018\2013 Prezzi all'ingrosso praticati il giorno martedì 05/03/2013

ITTICO Bollettino N. ITT\ 018\2013 Prezzi all'ingrosso praticati il giorno martedì 05/03/2013 Centro Agro-Alimentare di Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1 00012 Guidonia Montecelio (Roma) Tel. 06 60501201 - Fax 06 60501275 http://www.agroalimroma.it ITTICO Bollettino N. ITT\ 018\2013 Prezzi all'ingrosso

Dettagli

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino

La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La reazione a catena della polimerasi (PCR) di Ofelia Leone e Vincenzo Mandarino La Polymerase Chain Reaction (PCR) o reazione di amplificazione a catena è una tecnica che permette di amplificare una specifica

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone spiedini di mazzancolle tropicali impanate 4x1 kg Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate 8001179011424 280 x 130 x 390 270 x 190 x 50 spiedini di calamari e mazzancolle

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction)

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction) REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI ( PCR =Polymerase Chain Reaction) Verso la metà degli anni 80, il biochimico Kary Mullis mise a punto un metodo estremamente rapido e semplice per produrre una quantità

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Prof.ssa Flavia Frabetti aa. 2010-11 Estrazione acidi nucleici (DNA o RNA) Verifica tramite elettroforesi su gel di agarosio Amplificazione o clonaggio

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento I n t r o d u z i o n e a l l e t e c n i c h e d i bi o l o g i a m o l e c o l a r e e l o r o a p p l i c a z i o n i ne l L a b o r a t o r i o C l i n i c o Corso di aggiornamento Milano - Sabato

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI Conoscerli Riconoscerli E gustarli La filiera dei prodotti ittici Sotto la denominazione di prodotti ittici rientra una vasta gamma di alimenti raggruppati in tre grossi

Dettagli

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1

IZSTO IL PESCE E GIUSTO. Guida pratica all acquisto consapevole del pesce A.S.L. TO1 IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta A.S.L. TO1 Azienda Sanitaria Locale Torino IL PESCE E GIUSTO Guida pratica all acquisto consapevole del pesce LE FRODI

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato

Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato 20/02/2015 ADRIATICA di Glerean A. Scarfò A. C Snc - SAN GIOVANNI AL NATISONE (UD) Pag. 1 di 3 Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato cgaccai acciuga o alice(engraulis encrasicolus)mediter cong.vedi

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Metodi di studio delle proteine : determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Spettrofotometro cuvetta monocromatore rivelatore

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Dottoressa Camerin Consuelo Laboratorio Oncoematologia Pediatrica

Dettagli

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI CIANOBATTERI Susanna Vichi, Simonetta Gemma, Emanuela Testai Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Convegno Cianobatteri

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA

GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA MARI ITALIANI VIETATO ANCHE IN CASO DI ESEMPLARI MORTI Tartaruga caretta Caretta caretta #2;5 (e tutte le altre tartarughe marine) Guida all

Dettagli

Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato

Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato 27/03/2015 ADRIATICA di Glerean A. Scarfò A. C Snc - SAN GIOVANNI AL NATISONE (UD) Pag. 1 di 3 Stampa Listino ITA1 CG - Listino Ita 1 Congelato cgaccai acciuga o alice(engraulis encrasicolus)mediter cong.vedi

Dettagli

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica)

Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) DNA Metodiche di analisi del DNA (cenni) (Ingegneria genetica) Principali tecniche di base Enzimi di restrizione (Endonucleasi) Gel elettroforesi Ibridizzazione PCR (Polymerase Chain Reaction) Sequenziamento

Dettagli

Laboratorio di diagnostica Molecolare Dipartimento di Patologia Sezione di Anatomia Patologica Università di Verona

Laboratorio di diagnostica Molecolare Dipartimento di Patologia Sezione di Anatomia Patologica Università di Verona Laboratorio di diagnostica Molecolare Dipartimento di Patologia Sezione di Anatomia Patologica Università di Verona Il tecnico di laboratorio biomedico: Applicazioni nel laboratorio di anatomia patologica

Dettagli

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano SOC di Farmacologia Sperimentale e Clinica VI CONGRESSO NAZIONALE FITeLab Slow Medicine Laboratory: IT s the Future 1-2-3 Ottobre 2015 Ospedale Borgo Roma (Verona) La farmacogeneticanella gestione del

Dettagli

GENETICA E RISORSE ITTICHE

GENETICA E RISORSE ITTICHE GIORNATA SATELLITE SAPIEXPO FOOD SAFETY AND QUALITY: SICUREZZA E QUALITA DEL CIBO GENETICA E RISORSE ITTICHE MILANA V., ROSSI A.R., SOLA L. Sapienza Università di Roma Piano strategico 2007-2012 Ufficio

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 corso di genomica aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 Esami 31- gennaio 2012 7- febbraio 2012 28 - febbraio 2012 D. Frezza Esercitazione II

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo HUMAN GENOME PROJECT

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR XXIX Scuola Annuale di Bioingegneria. Bressanone, 13-17 settembre 2010 Francesca Ceroni Biotecnologie tradizionali 1) DNA ricombinante 2) PCR 3) Sequenziamento automatizzato Biologia Sintetica 4) Approccio

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE CRITICITA SANITARIE CRITICITA SANITARIE NELLA NELLA COMMERCIALIZZAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI DEI PRODOTTI ITTICI il rischio del crudo nella ristorazione

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A.

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO. Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PROGETTO POR SICILIA 2000/2006 1999.IT.16.1.PO.011/4.17b/8.3.7/0056 Università degli Studi di Palermo C.I.R.I.T.A. PRESENTAZIONE DEI RISULTATI FINALI DEL PROGETTO Studio della struttura genetica e demografica

Dettagli

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento

Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento Preparazione dei campioni da inviare per il sequenziamento PCR preparativa Buffer 10x dntp 2mM Taq polimerasi Oligonucleotidi up e down 100 ng/ul Volume finale 2 ul/campione 2 ul/campione 0,5 U/campione

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici

Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici Analisi di sequenziamento degli acidi nucleici In questa lezione darò qualche breve cenno sui metodi di sequenziamento del DNA e specialmente quelli con marcatura fluorescente che attualmente vengono effettuati

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici.

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici. La spettroscopia di Risonanza Magnetica Nucleare (NMR) è una tecnica analitica strumentale che permette di ottenere dettagliate informazioni sulla struttura molecolare dei composti in esame. La spettroscopia

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 2 Analisi del DNA e delle proteine 3 Analizzare DNA e proteine Per le applicazioni delle biotecnologie è di fondamentale importanza: 1. essere in grado di identificare

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11

Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11 Stage: Raggio di Sole Laboratorio analisi A.S. 2010-11 Loschi Martina Malvermi Raffaele Determinazione delle micotossine Le micotossine sono prodotte da funghi e parassiti presenti nei cereali. In alte

Dettagli

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Ugo Marchesi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM ugo.marchesi@izslt.it ORGANISMI

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni cliniche

BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni cliniche I T A L B I O F O R M A i n c o l l a b o r a z i o n e c o n O R D I N E N A Z I O N A L E D E I B I O L O G I o r g a n i z z a i l c o r s o d i a g g i o r n a m e n t o BIOLOGIA MOLECOLARE: introduzione

Dettagli

COMMERCIALIZZAZIONE E IGIENE DEGLI SQUALIFORMI

COMMERCIALIZZAZIONE E IGIENE DEGLI SQUALIFORMI MiATTM : Azioni urgenti per la conservazione dei pesci cartilaginei nei mari italiani LIFE 10 NAT/IT/271 COMMERCIALIZZAZIONE E IGIENE DEGLI SQUALIFORMI GLI SQUALIFORMI IN COMMERCIO Scyliorhinus canicula

Dettagli

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune:

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune: III giorno: 1) Estrazione del DNA genomico da campioni SECCHI e da coltura liquida 2) Preparazione del gel di agarosio 3) Corsa del DNA genomico in gel di agarosio e sua visualizzazione 4) PCR del DNA

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000279 Beneficiario Coordinatore: CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile Via Albalonga n. 3 00183 Roma (RM) Tel.: 06-64960300/1/2 Fax: 06-64960366 Contatto:

Dettagli

LE FRODI SANITARIE: IL PERICOLO DIETRO L ETICHETTA

LE FRODI SANITARIE: IL PERICOLO DIETRO L ETICHETTA LE FRODI SANITARIE: IL PERICOLO DIETRO L ETICHETTA Elena Bozzetta Dirigente Responsabile della SC Istopatologia e Test Rapidi Sperimentale del Piemonte LA CONTRAFFAZIONE ALIMENTARE: UN DANNO PER LE IMPRESE,

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

ANALISI DI MUTAZIONI PUNTIFORMI NON NOTE ANALISI DI SEQUENZA.

ANALISI DI MUTAZIONI PUNTIFORMI NON NOTE ANALISI DI SEQUENZA. ANALISI DI MUTAZIONI PUNTIFORMI NON NOTE Margherita Vinciguerra U.O. Ematologia II Laboratorio per lo Studio e la Diagnosi Molecolare Prenatale di Talassemia A.O. V. Cervello, Palermo. Analisi di sequenza

Dettagli

Biologia molecolare clinica. Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica

Biologia molecolare clinica. Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica Biologia molecolare clinica Organizzazione del laboratorio di biologia molecolare clinica Le tecniche di biologia molecolare negli ultimi anni si sono diffuse nei laboratori di diagnostica clinica dove

Dettagli

e dei genotipi tossici

e dei genotipi tossici Metodi molecolari l per il riconoscimento dei cianobatteri e dei genotipi tossici Susanna Vichi Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Workshop Sorveglianza delle

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Dott.ssa Quintarelli Concetta

Dott.ssa Quintarelli Concetta Dott.ssa Quintarelli Concetta Estrazione e quantizzazione degli acidi nucleici Pre-PCR Accetazione Post-PCR Refertazione Area PCR GUANTI MONOUSO PUNTALI CON FILTRO CESTELLO PER GHIACCIO TUBINI PCR Materiale

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

Fisiologia dell emostasi

Fisiologia dell emostasi 1 STRATEGIE DIAGNOSTICHE PER L EMOFILIA A DEL CANE Marco Caldin DVM, PhD, ECVCP Diplomate 2 Fisiologia dell emostasi 1 3 Fisiologia dell emostasi 4 Attivazione emostatica 2 5 Emostasi primaria 6 Emostasi

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

Media geometrica: radice ennesima del prodotto delle n osservazioni

Media geometrica: radice ennesima del prodotto delle n osservazioni Moda: valore a più alta frequenza Mediana: valore al di sotto del quale cadono il 50% delle osservazioni Media aritmetica: valore che corrisponde alla somma di tutti i valori diviso il numero delle osservazioni

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico

La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico La ricerca scientifica alza la guardia contro le frodi nel settore ittico Elena Bozzetta SC Istopatologia e Test rapidi FRODI ALIMENTARI: la sanità pubblica in campo per la tutela dei cittadini Torino,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE

REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE in vigore dal 01 gennaio 2016 REGOLAMENTO DELLE SEMINE DI MATERIALE ITTICO NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE Ai sensi dell art. 16 della

Dettagli

SeafoodService. prima edizione

SeafoodService. prima edizione SeafoodService prima edizione Alessandro Scarponi, amministratore delegato L AZIENDA QUALITÀ E TRADIZIONE AL SERVIZIO DELLA RISTORAZIONE CHEF è una azienda che trasforma e commercializza da oltre 20 anni

Dettagli