IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, Salerno tel. 089/ fax 089/ sito web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa."

Transcript

1 L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università di Salerno. È stata fondata nel 1982 con lo scopo di promuovere lo sviluppo della ricerca economica del settore e di svolgere attività di assistenza in favore degli enti pubblici deputati alla gestione delle risorse ittiche e dell acquacoltura. L Irepa Onlus, ente aderente al SISTAN, è responsabile della produzione statistica della pesca i- taliana nel quadro delle attività promosse dal MIPAAF ed è inserito nel Programma Statistico Nazionale dell ISTAT. L istituto svolge un intensa attività a carattere internazionale, sia nel quadro dei programmi di ricerca in collaborazione con altri istituti europei, sia contribuendo alla realizzazione dei programmi di sviluppo in altri paesi. IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, Salerno tel. 089/ fax 089/ sito web Le pubblicazioni Irepa si propongono quale strumento di diffusione ed informazione per quanti operano nel campo dell economia e della gestione della pesca. Esse accolgono i contributi che l Irepa, autonomamente o in collaborazione con altre sedi di studio e di ricerca, produce nell ambito delle sue attività istituzionali. L obiettivo che l Irepa intende perseguire mediante la realizzazione di queste iniziative editoriali risponde, pertanto, all esigenza di soddisfare la domanda d informazione e documentazione economica e statistica inerente il settore della pesca. È con questo spirito che l Irepa si rivolge ad un pubblico più ampio di quello degli specialisti di settore partecipando i risultati di un impegno che, avviato nei primi anni 80, vede oggi il coinvolgimento di un numero considerevole di enti di studio e ricerca operanti in ambito comunitario ed internazionale. Dal continuo scambio di esperienze e collaborazioni maturate in ambiti disciplinari ed in aree geografiche diversificate, ci auguriamo possa derivare quel processo di continuo arricchimento cui, in ultima analisi, tende questa proposta culturale. Il presente rapporto è realizzato nell ambito del progetto di indagine campionaria per la produzione delle statistiche della pesca in Italia, con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Direzione Generale della Pesca Marittima e dell Acquacoltura ed Unione Europea - DG Mare - Reg. n 1198/06 FEP.

2 Irepa Onlus OSSERVATORIO ECONOMICO SULLE STRUTTURE PRODUTTIVE DELLA PESCA MARITTIMA IN ITALIA 2009

3 Indice Introduzione pag Il quadro macroeconomico» 9 2. L andamento dello di pesca» Caratteristiche strutturali della flotta da pesca» L attività di pesca» Gli occupati nel settore della pesca marittima» La produzione della pesca nel Mediterraneo» La produzione per specie» I prezzi alla produzione» La produzione per sistemi di pesca» La redditività delle imprese ittiche» La pesca nel sistema economico nazionale» Il conto economico del comparto ittico» La redditività delle imprese ittiche» 41 Appendici A. Statistiche nazionali» 43 B. Statistiche regionali» 67 5

4 Introduzione Il settore ittico sta attraversando un periodo di transizione da collegare alle nuove politiche gestionali proposte in ambito nazionale e soprattutto comunitario e al delinearsi di nuovi scenari organizzativi che riguardano, in particolar modo, le fasi di vendita e commercializzazione del pescato. Per quanto riguarda il primo aspetto, nel corso del 2010, è entrato pienamente in vigore il Reg.(CE) n.1967/2006 relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nel mar Mediterraneo; molte delle restrizioni e delle modifiche introdotte dal regolamento mediterraneo in vigore dal 2006 risultavano, infatti, in deroga transitoria sino al 1 giugno Le misure tecniche previste dal Regolamento produrranno, nel breve periodo, un impatto diretto sulla struttura produttiva nazionale in quanto prevedono l adeguamento della dimensione delle maglie per le reti trainate e le reti a circuizione, il divieto di pesca di diversi organismi marini al di sotto di una taglia minima, la pesca in habitat protetti e in zone di pesca protette. Numerose saranno, inoltre, le restrizioni dettate dal Regolamento mediterraneo che, di fatto, produrranno effetti diretti ed immediati sul segmento del piccolo strascico dell alto Adriatico che, in base all attuale regolamentazione nazionale, pescava entro le tre miglia in presenza di specifica autorizzazione, sulla piccola pesca autorizzata alla pesca speciale e sperimentale del bianchetto, del rossetto e del cicerello con la sciabica da natante, con circuizione senza chiusura e con lo strascico e sulle draghe idrauliche e i rastrelli da natante del Tirreno per la pesca di molluschi bivalvi entro le 0,3 miglia dalla costa. Tutte queste tipologie di pesca, in mancanza di deroghe specifiche, non potranno più essere praticate dal 1 giugno 2010 nonostante si tratti molto spesso di tecniche di pesca tradizionali, legate ad usi locali e socialmente ed economicamente importanti per alcune marinerie italiane. A ciò si aggiunge, l approvazione, alla fine del 2009, del Regolamento 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca; le misure previste dal presente regolamento sono intese ad istituire un regime comunitario di controllo, ispezione ed esecuzione dotato di un approccio globale e integrato conformemente al principio di proporzionalità, volto a garantire il rispetto di tutte le norme della politica comune della pesca al fine di consentire lo sfruttamento sostenibile delle risorse acquatiche viventi nell ambito di una strategia politica globale; il Regolamento introduce, con gradualità, una serie di adempimenti ed oneri aggiuntivi alle imprese ittiche al fine di permettere la piena attuazione delle norme previste. In questo scenario si inseriscono le nuove dinamiche commerciali rappresentate essenzialmente da una domanda stabile, dall aumento delle quote di mercato da parte di canali commerciali alternativi a quelli tradizionali, quali la Grande Distribuzione Organizzata, e da una crescita costante della dipendenza dalle importazioni. Tali tendenze spingono il settore a organizzarsi e promuovere nuovi modelli gestionali basati sulla concentrazione delle vendite, sulla tracciabilità del prodotto, sul miglioramento degli standard qualitativi. 7

5 Osservatorio Nazionale 2009 Alla fine di questo periodo di cruciali cambiamenti, dunque, nel settore ittico nazionale potrebbero acuirsi le differenze già presenti nel tessuto produttivo che vedono contrapposte, da un lato, la pesca a carattere maggiormente industriale in grado adeguarsi ai nuovi scenari e, dall altra, la pesca artigianale, costituita dalle piccole imbarcazioni a conduzione spesso familiare che recepisce passivamente tali mutamenti e che maggiormente ne risentirà dal punto di vista occupazionale e reddituale. L analisi degli indicatori di produzione e delle principali componenti del conto economico per il 2009 evidenziano una leggera ripresa rispetto al 2008, anno particolarmente negativo per il settore a causa dell impennata dei prezzi dei prodotti petroliferi; nonostante ciò, i primi dati riferiti al 2010 denunciano una situazione di forte crisi per alcuni comparti quali lo strascico che opera in Adriatico. Al fine di cogliere le tendenze in atto nel settore ittico, il XVIII Rapporto dell Osservatorio Economico IREPA sulle strutture produttive della pesca marittima in Italia presenta i risultati conseguiti dal settore peschereccio nazionale nel corso del 2009 con l obiettivo di focalizzare l attenzione sui principali andamenti del settore sia a livello nazionale sia a livello regionale, articolati per segmenti di pesca. I dati presentati in questo rapporto rappresentano una sintesi delle informazioni statistiche elaborate dall Irepa, nell ambito del Programma Statistico Nazionale e realizzate con il contributo del Mipaaf. Come di consueto, la presentazione dei risultati è articolata su due livelli; dapprima sono riportate le informazioni statistiche a livello nazionale in modo da fornire un quadro d insieme del settore; di seguito, vengono presentate le statistiche regionali, utili strumenti operativi per un analisi puntuale della realtà produttiva locale. 8

6 Capitolo 1 Il quadro macroeconomico 1. Il quadro macroeconomico Nel 2009, la produzione ittica complessiva ha presentato un inversione di tendenza rispetto all anno precedente, con un aumento della produzione (+7%) e del fatturato (+9%). Il positivo andamento dei quantitativi prodotti è da attribuire al comparto della pesca in mare che, dopo un anno di forte crisi (nel 2008, gli sbarchi erano diminuiti del 18% rispetto all anno precedente), torna a salire sulle 242 mila tonnellate. I livelli produttivi registrati per le attività di allevamento 1 hanno subito un calo a partire dal 2008, dovuto essenzialmente alla crisi che ha colpito il comparto della mitilicoltura. Per quanto riguarda la pesca nel Mediterraneo, la crescita dei livelli produttivi è da porre in relazione alla ripresa dell attività della flotta che segna il ritorno su livelli standard dopo la consistente riduzione dell attività registrata nel 2008 e generata dall aumento del prezzo del carburante; nonostante tale incremento, la produttività media giornaliera non è aumentata rispetto ai due anni precedenti. Stabili i prezzi alla produzione; nel periodo , i prezzi dei prodotti ittici erano cresciuti a ritmi più o meno sostenuti permettendo di recuperare le perdite derivanti da cali di produzione o di compensare, anche se solo parzialmente, gli aumenti dei costi operativi; negli ultimi tre anni, al contrario, i prezzi alla produzione non sono aumentati, penalizzando i ricavi del comparto. Sul fronte della domanda interna, dopo una lunga fase di stagnazione che ha caratterizzato i consumi di prodotti ittici negli ultimi anni, nel 2009, si è registrato un lieve aumento con un consumo pro-capite che passa dai 19,2 kg del 2008 ai 19,6 kg del 2009; in termini complessivi, i consumi apparenti sono cresciuti, nell ultimo anno del 3% in quantità, ma solo dello 0,9% in valore. Nel 2009, gli scambi commerciali con l'estero dei prodotti ittici hanno confermato la posizione deficitaria del nostro paese nei confronti dei mercati stranieri. I conti della bilancia commerciale del settore ittico si sono chiusi nel 2009 con un passivo di 3,1 miliardi di euro, facendo registrare un peggioramento del 2% rispetto all anno precedente. In termini di quantità, la situazione non si è discostata molto da quella descritta per il valore. Infatti, nonostante le esportazioni siano cresciute rispetto al 2008, in concomitanza dell intensificarsi delle importazioni di prodotti ittici, il disavanzo è peggiorato nel 2009, raggiungendo quasi 780 mila tonnellate. In valore, al contrario, le importazioni sono diminuite di circa il 2,5% come conseguenza della sensibile crescita delle uscite per i prodotti freschi e la flessione degli esborsi per i trasformati. 1 I dati statistici riferiti alla produzione in quantità e valore dell acquacoltura sono di fonte Unimar che fornisce i dati ufficiali nazionali per tale comparto. In mancanza dei dati relativi al 2009, per la predisposizione del quadro macroeconomico riferito a 2009, sono stati riproposti i dati dell anno precedente. 9

7 Osservatorio Nazionale 2009 Tab La produzione ittica in Italia Catture (t) Pesca marittima Pesca nel Mediterraneo (a) Pesca oceanica (b) Acquacoltura (c) Totale produzione Ricavi (mln ) Pesca marittima Pesca nel Mediterraneo (a) Pesca oceanica (b) ,05 Acquacoltura (c) Totale produzione Prezzi medi Pesca marittima 4,93 4,87 4,96 ( /kg) Pesca nel Mediterraneo (a) 5,00 5,00 5,04 Pesca oceanica (b) 2,91 2,20 2,76 Acquacoltura (c) 3,21 2,95 2,95 Totale produzione 4,25 4,08 4,17 Fonte: a) Irepa; b) Istat; c) Unimar (per il 2009, in mancanza del dato annuale è stato riportato lo stesso dato del 2008) Tab I principali indicatori economici del settore ittico italiano ( ) Volume Valore Migliaia di tonnellate Milioni di euro Produzione interna (a) Import (b)* Export (b)* Saldo commerciale Movimento Consumi apparenti Consumo pro-capite (kg) 19,2 19,6 - - Saldo normalizzato (%) -50,3-51,3-50,2-54,3 Propensione all'import (%) 77,9 77,3 77,8 75,2 Propensione all'export (%) 34,0 33,1 33,6 29,6 Tasso di autoapprovvigionamento (%) 33,5 33,9 33,4 35,2 *Sono escluse le importazioni e le esportazioni di oli e grassi, farine e altri prodotti non destinati all'alimentazione umana. a) Irepa, Unimar, Istat. b) Istat. Fonte: Elaborazione Irepa su fonti diverse 10

8 Capitolo 1 Il quadro macroeconomico Graf. 1.1 Produzione interna e bilancia commerciale dei prodotti ittici nel 2009 Pesca mediterranea Pesca oceanica t mln t 23 mln Pesca marittima t mln Acquacoltura t 466 mln Produzione ittica totale t mln Import t mln Export t 494 mln Consumo interno totale t mln Consumo pro capite annuo 19,6 kg 11

9 Capitolo 2 L andamento dello di pesca 2. L andamento dello di pesca 2.1 Caratteristiche strutturali della flotta da pesca La flotta da pesca nazionale iscritta nell Archivio Licenze di Pesca a dicembre 2009 è composta da battelli per un tonnellaggio complessivo di Gt ed una potenza motore di kw. Questi totali comprendono sia i battelli che operano oltre gli stretti sia le imbarcazioni temporaneamente in disarmo; entrambe queste categorie sono escluse dall analisi che segue che, invece, è focalizzata sui natanti che svolgono la loro attività all interno delle acque mediterranee battelli, GT e kw - nelle acque costiere che circondano la penisola italiana. Tab Composizione della flotta peschereccia italiana, 2009 N. battelli Gt kw Flotta mediterranea Flotta oceanica Flotta temporaneamente inattiva Totale Anche nel corso dell ultimo anno, si è confermata la tendenza al progressivo ridimensionamento della flotta che caratterizza il settore ormai da un decennio e che risponde alle richieste della Commissione Europea in tema di sostenibilità; in termini percentuali, le variazioni sono state pari a circa l 1% per tutte le variabili considerate. Dall esame della flotta per sistemi di pesca si evidenzia che i due principali segmenti della flotta italiana sono quello della piccola pesca costiera, con imbarcazioni fino a 12 metri che utilizzano attrezzi passivi e il segmento dei pescherecci a strascico. Il primo comprende imbarcazioni, per un tonnellaggio complessivo di poco più di tonnellate lorde e il secondo è composto da battelli per un Gt di oltre 113 mila unità. Insieme i due segmenti rappresentano poco meno del 90% dei battelli e i ¾ del tonnellaggio dell intera struttura produttiva nazionale. Seguono le draghe idrauliche, con 700 imbarcazioni, mentre meno numerosi sono i polivalenti passivi (491 unità), i battelli a circuizione (310), i palangari (192) e le imbarcazioni armate a volante (134). 13

10 Osservatorio Nazionale 2009 Graf Andamento della capacità di pesca, anno base 2004=100 Tab Caratteristiche tecniche della flotta peschereccia italiana per sistemi di pesca, 2009 valori assoluti e incidenza percentuale Sistemi N. battelli Inc. % GT Inc. % kw Inc. % Strascico , , ,9 Volante 134 1, , ,4 Circuizione 310 2, , ,6 Draghe idrauliche 700 5, , ,9 Piccola pesca , , ,3 Polivalenti passivi 491 3, , ,3 Palangari 192 1, , ,5 Totale , , ,0 2.2 L attività di pesca L attività di pesca della flotta nazionale è stata pari, nel corso dell anno, a giorni totali equivalenti ad una media per battello di 133 giorni. Rispetto al precedente anno si è registrata una netta ripresa dell attività della flotta nazionale che è aumentata del 13%, pari, in valore assoluto, a circa 15 giorni per battello. Dopo la consistente riduzione dell attività registrata nel 2008 e generata dall aumento del prezzo del carburante, il 2009 ha segnato il ritorno su livelli standard di attività; dall andamento mensile dei giorni medi di pesca, si evidenzia che l aumento dell attività media si è concentrato soprattutto nel periodo primaverileestivo, nei mesi successivi, invece l attività si è mantenuta sugli stessi livelli degli anni precedenti molto probabilmente a causa dell instabilità dei prezzi petroliferi che nella seconda parte dell anno sono tornati a crescere. 14

11 Capitolo 2 L andamento dello di pesca Graf Giorni medi di attività per sistemi di pesca, Tab Giorni medi di attività per sistemi di pesca, var% Sistemi 09/08 Strascico Volante Circuizione Draghe idrauliche Piccola pesca Polivalenti passivi Palangari Totale Passando a valutazioni meno aggregate si può osservare che la tendenza all incremento dei giorni è comune a tutti i sistemi di pesca con l unica eccezione delle draghe idrauliche. L attività media della flotta operante in prevalenza con reti da traino con divergenti e rapido, si è attestata sui 159 giorni per battello contro i 147 giorni del 2008 ed i 160 di media per gli anni dal 2004 al Tra le aree più importanti per la pesca a strascico, particolarmente consistente è stata la variazione registrata dai natanti dell area pugliese che, nel corso del 2009, hanno effettuato una consistente espansione dell attività (+20%); tale incremento è andato al di là del recupero rispetto al 2008 attestandosi su valori medi di 182 giorni per battello che costituiscono il picco negli ultimi sei anni. Molto debole, invece, l incremento dell attività dei battelli localizzati a Mazara del Vallo che costituiscono il polo principale della pesca italiana, sia in termini strutturali in quanto rappresentano il 20% del tonnellaggio complessivo del sistema a strascico, sia sotto il profilo produttivo in quanto contribuiscono con l 8% al volume degli sbarchi e con l 11% al valore dei ricavi. La flotta a strascico di Mazara del Vallo effettua uscite della durata di 15/20 giorni per raggiungere le aree di pesca localizzate a notevole distanza dalle coste nazionali, al limite delle acque territoriali libiche, tunisine e nel caso della pesca del gambero di profondità, anche nell Egeo e verso l Egitto. 15

12 Osservatorio Nazionale 2009 Nel corso del 2009, l attività del segmento si è mantenuta sui livelli del 2008, al di sotto dei dati registrati fino al 2007: i giorni di pesca per natante si sono attestati a 184 contro i 207 effettuati in media tra il 2004 ed il In effetti, una quota di imprese di questo segmento ha subito significative perdite economiche nel corso del 2008 e ciò ha avuto consistenti riflessi negativi nel 2009 limitando le capacità operative o, in casi limite, costringendo all inattività numerose unità produttive. I battelli armati a volante hanno riportato un rilevante aumento dei giorni di pesca passando dai 124 ai 161 giorni/battello e raggiungendo il livello più elevato di attività degli ultimi quattro anni. Meno consistente, ma pur sempre sostenuto, l incremento registrato per i battelli armati a circuizione che hanno pescato in media per 101 giorni contro gli 83 del precedente anno; in ogni caso, l attività di pesca del 2009 si è attestata su livelli inferiori a quelli registrati negli anni precedenti. L attività delle draghe idrauliche è stata pari a 87 giorni ed ha toccato il livello più basso degli ultimi sei anni; in termini percentuali il calo è quantificabile in -17 %. La motivazione sottostante il pesante rallentamento dei giorni di pesca è da ricercare nel fatto che molte delle aree interessate hanno registrato una riduzione della consistenza dei banchi di vongole o la presenza di prodotto sottomisura che non era possibile pescare; al contrario, invece, l attività dei battelli della OP Fasolari si è svolta normalmente. L attività delle vongolare viene gestita in ambito compartimentale dai Consorzi che decidono i livelli di attività e quelli di produzione in funzione delle condizioni della risorsa e del mercato; nel dettaglio emerge che soltanto a Manfredonia si è registrata una crescita dell attività media dai 68 giorni del 2008 ai 106 del 2009 che sono in linea con i 107 del 2007 e i 100 giorni del Forte calo nei compartimenti marchigiani con i due Consorzi di Ancona i cui battelli hanno dimezzato il livello di attività, e in Veneto, dove la marineria di Chioggia ha segnato una flessione di oltre il 35% e l attività media si è attestata a 82 giorni contro i 130 degli anni precedenti; a Caorle (VE) si sono registrati 60 giorni di pesca, in linea con il 2008 (55) mentre nei precedenti 4 anni la media è stata pari a 121 giorni. In numerosi compartimenti, la riduzione del livello di attività è stata accompagnata anche dal contenimento del prelievo giornaliero, fanno eccezione soltanto Pescara (+11%) ed Ancona (+26%). Per quanto riguarda le poche imbarcazioni operative lungo il versante tirrenico si registra un leggerissimo aumento dei giorni di attività per i battelli laziali e un consistente calo per i natanti campani. Anche le imbarcazioni della piccola pesca sono state caratterizzate da un discreto incremento (17%) dei giorni di pesca che sono passati da 111 a 130, con una crescita in valore assoluto pari a 19 giorni di pesca in più. In alcune aree l incremento registrato è stato di gran lunga superiore: nel caso delle Marche e della Sardegna, ad esempio, l attività della flotta è aumenta di 1/3 per un equivalente pari rispettivamente a 41 e 36 giorni in più; andamento positivo anche per la flotta emiliana, toscana, veneta e siciliana i cui battelli hanno registrato un aumento di oltre 20 giorni di pesca. Anche per la flotta di dimensioni superiori ai 12 metri di lft che esercita l attività di pesca con l ausilio di attrezzi passivi si è registrata una variazione positiva dell attività media che si è attestata sui 135 giorni contro i 123 del precedente anno. Sostanzialmente stabili, invece, i giorni di pesca rilevati per i palangari che nel corso dell anno hanno pescato mediamente per 126 giorni. Come conseguenza della aumento del livello di attività, anche lo di pesca1 ha registrato un incremento pari nel complesso a +5% (tab. 2.5); in controtendenza lo di pesca esercitato dalla draghe idrauliche (-21%) e dai palangari (-14,6%). 1 Lo di pesca esprime sinteticamente l impiego dei fattori produttivi utilizzati nella cattura di specie marine. Sulla base delle indicazioni comunitarie (Reg. CE 2091/1998) lo di pesca è calcolato moltiplicando una misura di capacità media (GT) per i giorni di pesca. 16

13 Capitolo 2 L andamento dello di pesca Tab Andamento dell'attività per compartimenti, draghe idrauliche, giorni medi Var% Compartimento /08 Pescara Ortona Napoli Ravenna Rimini Monfalcone Monfalcone fasolari Roma Ancona Civitanova marche Pesaro San Benedetto del Tronto Molfetta Manfredonia Chioggia Chioggia fasolari Venezia Venezia fasolari Termoli Totale Sistemi Tab Sforzo di pesca per sistemi di pesca var% 09/08 GT*giorni di pesca medi in mln Strascico 21,8 22,5 21,6 20,5 17,6 18,4 4,5 Volante 1,4 1,4 1,6 1,7 1,5 1,7 12,6 Circuizione 1,6 1,6 1,5 1,5 1,2 1,5 19,2 Draghe idrauliche 0,9 0,8 0,9 1,1 1,0 0,8-21,2 Piccola pesca 2,3 2,2 2,5 2,2 1,9 2,2 11,0 Polivalenti passivi 0,6 0,6 0,7 0,7 0,8 0,8 9,4 Palangari 2,0 1,8 1,6 1,2 1,0 0,9-14,6 Totale 31,4 31,5 30,5 29,0 25,1 26,4 5,0 2.3 Gli occupati nel settore della pesca marittima Nel corso del 2009, il numero di occupati nel settore peschereccio nazionale è stato pari a unità. La distribuzione dell equipaggio in base ai sistemi di pesca evidenzia che strascico e piccola pesca sono tra quelli che impiegano più forze lavoro (9.021 unità il primo e il secondo), pari in totale al 78% del totale nazionale. Volanti e draghe idrauliche contribuiscono ciascuno a dare occupazione a circa pescatori professionali ed, infine, la flotta che utilizza attrezzi passivi assorbe in totale circa 14 mila occupati. 17

14 Osservatorio Nazionale 2009 Rispetto all anno precedente gli occupati sono diminuiti del 2% che equivale in valore assoluto a circa 600 imbarcati in meno; ampliando l orizzonte temporale si evidenzia che tra il 2004 e il 2009, il settore peschereccio ha perso circa unità con un decremento medio annuo del 17%. All origine del negativo trend occupazionale del settore vi sono almeno due fattori concomitanti; il primo è rappresentato dalla costante diminuzione dello di pesca, il secondo è rappresentato dalla riduzione della produttività fisica ed economica delle imbarcazioni che ha pregiudicato, anche a seguito dell aumento dei costi di produzione, le condizioni economiche delle imprese di pesca e quindi dei lavoratori. A tal proposito basti considerare che il costo del lavoro per addetto annuo, che corrisponde al compenso lordo percepito dall equipaggio, evidenzia rispetto al 2004, una riduzione di oltre il 20% sia su base annua sia mensile. Tab Gli occupati per sistemi di pesca Sistemi var% 09/04 Strascico Volante Circuizione Draghe idrauliche Piccola pesca Polivalenti passivi Palangari Totale

15 Capitolo 3 La produzione della pesca nel Mediterraneo 3. La produzione della pesca nel Mediterraneo Nel 2009, la produzione della flotta peschereccia italiana che opera nel Mediterraneo è stata di tonnellate per un fatturato di milioni di euro; i dati mostrano una ripresa rispetto ai livelli produttivi del 2008 che, a causa dei bassi livelli di attività dovuti all impennata del prezzo dei prodotti petroliferi, è stato un anno particolarmente negativo per l industria ittica; nonostante ciò, sia le catture sia i ricavi confermano il ridimensionamento produttivo a cui è sottoposto il comparto dal 2000 ad oggi; le quantità sbarcate nel 2009 risultano, infatti, il 12% in meno rispetto al 2007, al pari dei ricavi. La ripresa che ha contraddistinto il comparto nel 2009 ha interessato tutti i segmenti produttivi ad eccezione delle draghe idrauliche e, in minor misura dei palangari; gli strascicanti con una produzione in aumento del 5,6%, hanno parzialmente recuperato il calo subito nel I prezzi alla produzione, dopo le crescite registrate tra 2004 e 2006, sono stabili su una media di 5,00 /kg. Negli ultimi tre anni, nonostante l altalenante andamento dell offerta, la componente recessiva dei consumi interni ed una diversa composizione del pescato, che ha visto una maggiore incidenza di specie meno pregiate (quali pesce azzurro) su quelle a maggiore valore unitario (naselli e gamberi), hanno determinato un livello dei prezzi alla produzione stazionario. Graf Andamento delle catture e dei ricavi, flotta nazionale, tonnellate milioni di Catture Ricavi 500 Il trend appena descritto presenta caratteri comuni a tutte le regioni in quanto la ripresa dei livelli produttivi ha interessato con intensità diverse tutte le aree; nello specifico, aumenti molto consistenti sono stati registrati in Sicilia e in Toscana grazie ai buoni rendimenti della circuizione; cali nelle catture complessive hanno, invece, interessato alcune regioni adriatiche (in particolare, Molise e Marche) a causa dei bassi livelli produttivi delle draghe idrauliche. 19

16 Osservatorio Nazionale 2009 Nonostante la crescita dei livelli produttivi, la perfomance media (catture annue e giornaliere per singolo battello) non ha presentato analoghi incrementi; infatti, le catture giornaliere hanno raggiunto il livello più basso nel periodo , mentre quelle annue per battello, pari a 17,5 ton., sono risultate superiori soltanto a quelle del 2008 (16 kg ton.), ma nettamente inferiori a quelle realizzate tra 2004 e 2007, con una punta di circa 20 ton. realizzata nel Tab Indicatori di produzione, flotta nazionale, Valori assoluti Catture (t) Ricavi (mln ) 1.379, , , , , ,96 Prezzi ( /kg) 4,79 5,17 5,23 5,00 5,00 5,04 Valori medi per battello e giornalieri Catt./batt. (t) 18,5 17,8 19,9 19,4 16,1 17,5 Catt./giorni (kg) 130,7 132,6 144,1 147,7 136,3 131,4 Ricavi/batt. (000 ) 88,43 92,03 104,21 97,3 80,5 88,3 Ricavi/giorni ( ) 625,65 686,01 753,73 738,8 681,3 662,0 Tab Catture, ricavi e prezzi per sistemi di pesca, 2009, valori assoluti e variazione % Catture (tonn.) Ricavi (mln ) Prezzi ( /kg) Sistemi 2009 Var.% 2009 Var.% 2009 Var.% Strascico ,6 585,64 6,6 6,88 1,0 Volante ,7 50,51 12,1 1,26-1,6 Circuizione ,0 71,80-2,1 1,96-21,1 Draghe idrauliche ,7 63,39-3,1 3,22 32,2 Piccola pesca ,0 302,59 17,1 7,88 0,1 Polivalenti passivi ,3 67,62 54,9 7,12-50,4 Palangari ,4 37,41-20,1 8,21-2,0 Totale , ,96 8,9 5,04 0,7 3.1 La produzione per specie La composizione del pescato, come nei precedenti anni, vede prevalere le acciughe con una produzione di circa 54 mila tonnellate, pari al 23,5% del volume complessivo sbarcato, con una crescita del 21% rispetto al 2008; seguono le vongole con tonnellate, il 7,5% del totale in forte calo rispetto al 2008 (7.600 tonnellate meno); tuttavia, il calo dell offerta ha favorito il rialzo del prezzo aumentato del 33% cosicché la flessione dei ricavi è stata contenuta in 8 punti percentuali. Tra le specie principali, si segnalano le sardine, la cui produzione ha superato le 15 mila tonnellate grazie ad un incremento del 27% rispetto al 2008, collocandosi al terzo posto e contribuendo con il 6,6% alle catture complessive; ai primi posti per livelli di cattura, si confermano il nasello con 12 mila tonnellate (il 5,2% del totale) e i gamberi bianchi con 9500 tonnellate (il 4,1% della produzione). Queste sei specie rappresentano il 51% del pescato totale nel 2009, mentre sono 21 le specie necessarie a raggiungere il 75%, tra cui pannocchie, triglie di fango, pesce spada, scampi, moscardini e gamberi rossi. 20

17 Capitolo 3 La produzione della pesca nel Mediterraneo Diversa l importanza dei prodotti se si considera il valore economico; il nasello con una quota del 7,8% del totale è la specie più importante, seguito dalle acciughe il cui contributo è pari al 7,5%; seguono le seppie, i gamberi bianchi, gli scampi e il pesce spada con quote oscillanti tra il 6,4 ed il 5,2%. Delle 130 specie rilevate nel corso dell anno, i 2/3 hanno registrato una variazione di segno positivo degli sbarchi; oltre le specie già menzionate, si segnalano i gamberi bianchi in aumento di 1300 tonnellate (+16%), il pesce spada con 570 tonnellate di variazione (+13%) e la sogliola con una crescita di 465 tonnellate (+28%). Tra le 14 specie demersali selezionate1 in base alla buona diffusione commerciale e ai sostenuti livelli degli sbarchi (rappresentano il 32% delle catture ed il 49% dei ricavi), si registra la consistente crescita dei gamberi rossi (22%) e dei gamberi bianchi (16%); in controtendenza il dato delle due specie di triglie che decresce di circa il 15%. Il volume complessivo degli sbarchi di queste specie è in aumento di quasi 2 punti ed il prezzo risulta in crescita del 3,7% rispetto al dato registrato nel Graf Le principali specie pescate per quantità e incidenza sul totale, 2009 Seppie Gamberi bianchi Naselli Sardine Vongole Acciughe 3,4% 5,1% 5,3% 5,3% 10,8% 22,9% Acciughe Vongole Sardine Naselli Gamberi bianchi o rosa Seppie Catture (ton) Graf Le principali specie pescate per ricavi e incidenza sul totale, 2009 Scampi Pesce spada Gamberi bianchi Seppie Acciughe Naselli 5,8% 6,1% 6,1% 6,3% 7,8% 8,0% Naselli Acciughe Seppie Gamberi bianchi Pesce spada Scampi Ricavi (mln ) 90,56 87,80 69,90 68,18 62,73 61,28 1 Le specie sono: gamberi bianchi, rossi e viola, pannocchie, scampi, calamari, moscardini, polpi, seppie, totani, naselli, rane pescatrici, sugarelli, triglie di scoglio e di fango. 21

18 Osservatorio Nazionale I prezzi alla produzione Nel corso del 2009, il livello dei prezzi alla produzione, pari a 5,04 /kg, è rimasto stabile rispetto ai due anni precedenti; se si escludono le acciughe e le vongole, il cui prezzo presenta una maggiore correlazione rispetto alle quantità pescate, per tutte le altre specie il livello dei prezzi si dimostra indipendente dall offerta che è sempre inferiore alla domanda di prodotti ittici soddisfatta solo per il 20% dal pescato nazionale. La stabilità dei prezzi alla produzione riferiti alla produzione complessiva è la risultante di andamenti contrapposti sia a livello regionale sia per sistemi di pesca. In relazione alle aree geografiche, si evidenziano andamenti discordanti con prezzi in aumento nell area adriatica e in calo lungo il litorale tirrenico e in Sicilia; in queste ultime aree, la maggiore incidenza nel pescato di pesce azzurro ha prodotto un calo del prezzo medio con punte del 27% in Toscana e del 24% in Campania; in diminuzione, anche il prezzo in Liguria (-12%), sebbene esso si confermi il più elevato a livello nazionale (8,92 /kg). Nelle regioni adriatiche, grazie al buon andamento del prezzo delle vongole, si registrano incrementi dei prezzi medi; nelle Marche, in particolare, si è passati da un prezzo medio di 3,75 /kg del 2008 ai 4,61 /kg del Per quanto riguarda i sistemi di pesca, al di là della crescita dei prezzi registrata per la produzione delle draghe idrauliche (+32%) e del calo della circuizione (-21%), non si sono registrate variazioni di rilievo. In particolare, per le draghe idrauliche è necessario sottolineare che l aumento di prezzo registrato nel corso dell anno segue quello registrato nel 2008 e rappresenta un parziale recupero rispetto al calo registrato nel corso del 2007 quando il prezzo è sceso a 2,06 euro/kg. Il dato registrato nel 2009, pari a 3,22 euro/kg rimane, comunque, inferiore al valore relativo al 2004 e al Il prezzo medio dello sbarcato della circuizione ha raggiunto, nel 2009, il valore più basso dal 2004, scendendo al di sotto dei 2,00 /kg; lo sbarcato assume oscillazioni di prezzo molto consistente da regione a regione in funzione dell apprezzamento del prodotto presso il mercato locale e della qualità del prodotto (taglia); nel 2009, tra le regioni più importanti per livelli produttivi si segnala la Toscana che a fronte di una produzione pari a tonnellate (il 17% delle catture complessive della circuizione nazionale) ha fatto registrate un prezzo medio di appena 0,91 /kg. Scendendo ad un maggior livello di dettaglio e prendendo in considerazione il gruppo delle 16 specie demersali selezionate per la buona diffusione commerciale 2, si evidenzia una sostanziale stabilità per 7 specie (sugarelli, gamberi rossi, polpi, rana pescatrice, naselli, triglie di fango e scampi), un aumento per moscardino muschiato (+6%), triglie di scoglio (+10%) e seppie (+13%) e una riduzione per calamari e totani rossi (-22%), moscardino bianco (-9%), pannocchie (-7%) e gamberi bianchi (-6%). 2 Le specie sono: gamberi bianchi, rossi e viola, pannocchie, scampi, calamari, moscardini, polpi, seppie, totani, naselli, rane pescatrici, sugarelli, triglie di scoglio e di fango. 22

19 Capitolo 3 La produzione della pesca nel Mediterraneo Tabella Prezzi per sistema di pesca ( /Kg), Sistemi Strascico 6,10 6,83 7,33 7,16 6,81 6,88 Volante 1,14 1,03 1,37 1,29 1,28 1,26 Circuizione 2,29 2,24 2,20 2,53 2,48 1,96 Draghe idrauliche 3,47 3,48 2,92 2,06 2,44 3,22 Piccola pesca 7,17 7,69 8,42 7,80 7,87 7,88 Polivalenti passivi 6,33 6,19 6,59 8,05 7,55 7,12 Palangari 8,95 8,59 8,03 8,79 8,38 8,21 Totale 4,79 5,17 5,23 5,00 5,00 5,04 Graf Andamento dei prezzi e delle catture, La produzione per sistemi di pesca Strascico La flotta operante in prevalenza con reti da traino con divergenti e rapido, composta da poco meno di 2700 motopesca, costituisce il nucleo principale della pesca italiana. Infatti, pur rappresentando il 20% del numero di battelli, concentra i 2/3 del tonnellaggio, il 37% del volume di prodotto sbarcato ed il 50% dei ricavi complessivi. Dall esame della ripartizione della flotta a strascico per classi dimensionali, emerge che la quota prevalente (53%) dei battelli si concentra tra i 12 e i 18 metri confermando la struttura artigianale e familiare del settore peschereccio italiano. In questo nucleo, si riscontra anche la quota prevalente degli sbarchi e dei ricavi, rispettivamente il 41% ed il 39%. I battelli con dimensioni comprese tra i 18 e i 24 metri costituiscono il 29% del totale ma concentrano la quota prevalente di tonnellaggio (40%) e contribuiscono con il 37% alle catture e ai ricavi. I motopesca dalle dimensioni > 24 metri e con caratteristiche gestionali più prossime alla pesca industriale, sono l 11% dell intera flotta a strascico e racchiudono il 36% del tonnellaggio contribuendo per il 19% alle quantità e con il 22% ai ricavi. 23

20 Osservatorio Nazionale 2009 Marginale la consistenza ed il contributo dei natanti inferiori ai 12 metri, che superano di poco le 200 unità. Nel corso del 2009, l attività media si è attestata sui 159 giorni per battello contro i 147 giorni del 2008 ed i 162 di media per gli anni dal 2004 al Il volume degli sbarchi è aumentato del 5,5%, pari a 4500 tonnellate. In chiaroscuro l andamento commerciale, dal momento che il prezzo resta fermo sui valori del 2008 e questo può essere considerato positivo tenuto conto dell incremento dell offerta. Tuttavia, il dato resta inferiore ai valori registrati nel 2006 e 2007, a testimoniare come ancora non siano stati superati la flessione dei consumi e della domanda conseguenze della crisi economica che ha investito l economia internazionale nel Anche dal punto di vista produttivo, sebbene il 2009 registra una inversione di tendenza rispetto al 2008, con una ripresa delle catture, rimangono lontani i livelli di catture e di ricavi realizzati dalla flotta a strascico prima del 2008; le catture annue per battello mostrano un peggioramento della produttività unitaria; nel 2009, un battello a strascico ha, in media, prelevato 31,8 ton. di prodotto a fronte delle 34 ton. del 2006 e del 2007; analogo andamento si registra per le catture giornaliere. Graf Catture della flotta a strascico ripartite per classi di LFT, anno 2009 L andamento nazionale viene confermato in tutte le aree di pesca. Particolarmente positivo il dato relativo all area adriatica pugliese, dove sbarchi e ricavi sono aumentati del 19%. Nelle regioni tirreniche, la produzione è mediamente aumentate del 10%, mentre, in Sicilia meridionale, la crescita è risultata più modesta (+2%). Il nasello si conferma come specie prevalente nella composizione del pescato della flotta a strascico con un volume di sbarcato prossimo alle 10 mila tonnellate che rappresenta l 82% degli sbarchi totali della specie. Area di produzione per eccellenza del nasello è tutta la fascia adriatica dove il volume di prodotto sbarcato supera le 6 mila tonnellate e in particolare nella GSA 18 la produzione degli ultimi due anni oscilla intorno alle 3500 tonnellate. Buon livello di produzione anche nella Sicilia meridionale con oltre 1500 tonnellate e nel nord Tirreno con 850 tonnellate. Dal confronto con il 2008, emerge una flessione di 6 punti localizzata nel nord adriatico dove il volume di nasello scende a 2500 tonnellate contro le 3 mila del

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

Piano di Gestione Nazionale per draghe idrauliche e rastrelli da natante ex art. 19 e richiesta di autorizzazione alla deroga riguardante le modalità

Piano di Gestione Nazionale per draghe idrauliche e rastrelli da natante ex art. 19 e richiesta di autorizzazione alla deroga riguardante le modalità Piano di Gestione Nazionale per draghe idrauliche e rastrelli da natante ex art. 19 e richiesta di autorizzazione alla deroga riguardante le modalità di impiego delle draghe, ai sensi dell articolo 13,

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Introduzione Spagnolo M. I sistemi informativi relativi al settore della pesca svolgono un ruolo centrale di supporto alla elaborazione e definizione

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Report ittico 17 dicembre 2012

Report ittico 17 dicembre 2012 Report ittico 17 dicembre 2012 1. Il l settore ittico in i Italia nel 2011 1.1 Il settore in sintesi Si è accentuata, nel 2011, la flessione della produzione ittica in Italia; secondo i dati Irepa, le

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO, LA COMPETITIVITA E LA SOSTENIBILITA DELLA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE AI SENSI DEL REG. (CE) 508/2014 art.18, comma 1, lettera i INDICE

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 213 Sommario IL MERCATO DEL PROJECT

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 Indagine 2013 Sommario 1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2 2. Dimensioni aziendali... 4 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 4. Produzioni aziendali... 11 5. Integrazione e rapporto

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa In un mercato con i principali parametri della crescita bloccati, o addirittura con segno negativo, il franchising ha saputo sostanzialmente tenere

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna CONVEGNO AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA Nuova PAC - Politica Agricola Comunitaria 2014-2020 «Il punto di vista del sistema bancario: analisi del contesto, credito all agricoltura, il rapporto con i Confidi»

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA Tipologia dell area (isola, zona scarsamente popolata, piccolo porto di pesca isolato o adiacente

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per le Infrastrutture, i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici Ufficio di Statistica Sistema

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per la l impresa e l internalizzazione Divisione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Ufficio VII

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - BASILICATA CONGIUNTURA 1/2014 IL CONSUNTIVO DEL TURISMO LUCANO NEL 2013 * ם IL QUADRO GENERALE ANCORA UN BILANCIO SFAVOREVOLE PER IL TURISMO ITALIANO Il crollo dei

Dettagli

Capitolo 10 La programmazione nazionale e le misure di gestione

Capitolo 10 La programmazione nazionale e le misure di gestione Capitolo 10 La programmazione nazionale e le misure di gestione 10.1 La gestione dello sforzo di pesca e i diritti di proprietà nelle politiche di intervento nazionale Sabatella R. F., Spagnolo M. Il

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa La sostenibilità della risorsa Oggi il quadro delle risorse ittiche dell Adriatico è drammatico. Anni di supersfruttamento delle risorse ittiche hanno causato dei gravissimi gap riproduttivi in tutte le

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli