FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA"

Transcript

1 FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE E QUALIFICAZIONE DELLA COOPERAZIONE RELATIVI ALLA INDIVIDUAZIONE IN AMBITO COOPERATIVO DI FIGURE PROFESSIONALI PER LA SALVAGUARDIA ECONOMICA E LA VALORIZZAZIONE STORICA, CULTURALE ED ARTISTICA DEL PATRIMONIO ITTICO Realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna ai sensi dell art. 2, lett. b) e f) della Legge 23/03/90 n. 22 Deliberazione della Giunta Regionale n del 16/11/1998

2

3

4

5

6 INTRODUZIONE Questo progetto, realizzato grazie al contributo della Regione Emilia Romagna, nasce dall esigenza di conoscere la realtà storica ed economica del patrimonio ittico delle strutture ad esso connesse, nonché dalla realizzazione di interventi a sostegno del settore pesca. Nelle pagine seguenti verrà illustrata un analisi accurata per il recupero e la valorizzazione del patrimonio ittico regionale e degli immobili in cui vengono svolte le attività legate al mercato della pesca; con particolare riferimento alle provincie del Litorale Emiliano-Romagnolo. L elaborato consiste in una ricerca di carattere storico-economico finalizzata al reperimento di elementi necessari all individuazione di un sito collocato in un area strategica, dal punto di vista turistico e per l economia ittica locale; nonché per la realizzazione di un museo legato al settore della pesca. Successivamente, dal punto di vista storico-etnografico, si intende focalizzare l attenzione sull eventuale coinvolgimento di strutture che potrebbero agevolare la gestione di centri polivalenti. Il fine ultimo della nostra ricerca è quindi di creare un polo attrattivo dal punto di vista sociale economico e turistico, costituendo nuove cooperative o coinvolgendo le esistenti per creare occupazione. 1

7 P R I M A P A R T E 2

8 1. BREVI NOTIZIE STORICHE Il territorio che si estende a Sud del Delta del Po fino alle pendici delle colline romagnole offre al visitatore una gran varietà di ambienti e di attrattive culturali. In questo estremo lembo della pianura padana si trovano, l uno accanto all altro, i relitti della primitiva macchia mediterranea, le lagune litoranee, le valli salmastre, le zone umide di acqua dolce, le antiche vestigia etrusche e romane, gli splendori dei mosaici bizantini e le suggestioni dell architettura benedettina ed estense. L opera della natura ed il lavoro dell uomo si sono intrecciati nel corso dei millenni per dare forma a questo territorio sempre mutabile. Fino a pochi decenni or sono, infatti, bastava una piena del fiume o una violenta mareggiata per modificare gli incerti confini tra l emerso ed il sommerso. Nonostante una simile estrema provvisorietà, gli insediamenti umani nella zona recano date antichissime. Queste terre hanno avuto origine dal continuo e copioso apporto di detriti depositati dalle acque del Po e dai suoi affluenti nel corso di migliaia di anni con il conseguente progressivo spostamento ad est della linea di costa del Mare Adriatico. La foce del grande fiume porta traccia storica di popolamenti sin dalla seconda età del ferro. Al VI secolo a. C. risale l emporio etrusco di Spina che stabilì importanti relazioni commerciali con i Greci e con popolazioni del Nord Europa, come testimoniano i ricchi corredi funerari scavati nella necropoli. Risalgono a quei tempi lontanissimi le prime pratiche di regimentazione idraulica, con l escavo di bocche e canali rivolti soprattutto alla navigazione commerciale, ma utili anche alla piscicoltura ed all agricoltura. La produzione del sale era un altra importante voce dell economia locale. 3

9 A partire dal III secolo a. C., dopo le invasioni dei Galli, furono i Romani a stabilire il proprio controllo sulla regione, dotandola gradualmente di importanti vie di comunicazione per acqua e per terra, potenziandone i porti e gli insediamenti, incentivandone le produzioni agricole, silvicole e pastorali, la piscicoltura, le saline, i cantieri navali, la fabbricazione di laterizi e la raccolta del legname. Non mancano le testimonianze di quel periodo particolarmente fecondo: numerosi sono i ritrovamenti archeologici in territorio ferrarese, ma ancora maggior rilievo hanno i resti del porto romano di Classe sede dell armata romana del levante e le preziose vestigia romane della città di Rimini, la quale in età augustea fu oggetto di un grandioso programma di opere pubbliche che culminò con la realizzazione dell'arco di Augusto e del Porto di Tiberio. Ultima roccaforte dell Impero Romano d Occidente, Ravenna divenne poi capitale dei regni barbarici e, successivamente, sede dell esarcato bizantino. Le sue solenni basiliche evocano in maniera compiuta il periodo di splendore vissuto dalla città. Nel periodo longobardo, un poco più a Sud del Delta del Po, si sviluppò la suggestiva città lagunare di Comacchio: l antica tradizione della produzione del sale fu fonte della sua floridezza ma anche della sua decadenza in un infelice scontro con Venezia. Nelle pescose valli salmastre che la circondavano fu inventato il lavoriero, strumento essenziale di una filiera produttiva articolata nei suggestivi casoni da pesca, ancora oggi alla base della locale attività di piscicoltura che ha nell anguilla l elemento di maggiore originalità. Un altra laboriosa e creativa presenza ha lasciato tracce imponenti: l Abbazia di Pomposa, col suo svettante campanile, ospitò i monaci benedettini che fra l ottavo ed il nono secolo 4

10 sperimentarono l efficacia della loro regola intraprendendo rilevanti opere di bonifica e potenziando la produzione agricola. Numerose alluvioni determinarono, a monte del corso del Po, una serie di rotte che indussero ad un lento e progressivo impaludamento del Polesine ferrarese. Al fine di accontentare le pressanti richieste di terreno che pervenivano dal mondo agricolo, la Signoria Estense avviò un imponente progetto di prosciugamento dell'area paludosa noto come Grande Bonifica Ferrarese. Tuttavia, in pochi anni, la costipazione dei suoli avrebbe vanificato quest opera di bonifica, oggi ricordata soprattutto per le antiche chiaviche idrauliche a porte vinciane ancora esistenti nel territorio di Goro, nei pressi del Canal Bianco. Qui si trova anche l imponente Castello della Mesola, residenza estiva e di caccia degli Estensi. Più a Sud, nell ultima propaggine della Romagna, si consolidò la Signoria dei Malatesta. Sotto il loro dominio furono costruite rocche, chiese come il celebre tempio Malatestiano e palazzi signorili. Nei secoli successivi, con la decadenza ed il tramonto delle Signorie, la Romagna ed il territorio ferrarese entrarono a far parte dei possedimenti pontifici. Fatta salva la breve parentesi di dominio napoleonico, questi territori continuarono a far parte dello Stato Pontificio fino al 1860, quando furono ufficialmente annessi al Regno d Italia con un plebiscito popolare. Dopo l unità d Italia furono intraprese colossali opere di bonifica. In oltre un secolo sono stati bonificati decine di migliaia di ettari di palude: l ambiente, il paesaggio, gli insediamenti e le attività economiche hanno così conosciuto graduali ma radicali trasformazioni. Nella fascia litoranea emiliano romagnola sono ancora presenti tutti gli ambienti naturali che ne componevano l antico paesaggio. 5

11 Anche se ridotti a lembi frazionati e discontinui sono comunque testimonianze di quello che doveva essere l aspetto delle fasce marginali della pianura e costituiscono un immenso patrimonio naturale, ambientale, paesaggistico ma anche storico da conservare, tutelare e tramandare. 6

12 2. GLI AMBIENTI NATURALI E LA VEGETAZIONE Anche se la vegetazione naturale si è notevolmente ridotta per il pesante condizionamento umano, la varietà di ambienti del territorio costiero conserva ancora ambienti naturali di grande interesse, soprattutto nella zona compresa fra il Delta del Po e le Saline di Cervia LE DUNE E GLI SCANNI Lungo la costa sulle dune che si trovano nei residui tratti di spiaggia naturale e sugli scanni, sottili isolotti che orlano a mare le bocche del Po, si trovano esempi tipici di vegetazione delle sabbie. Si possono infatti osservare alcune comunità vegetali disposte secondo una successione spaziale che, partendo in prossimità della battigia, giunge a ridosso delle retrostanti formazioni boschive. Tale successione, non sempre ben riconoscibile, rispecchia una precisa e decrescente capacità di adattamento delle piante alle difficili condizioni di vita imposte dal vento, dall aridità e mobilità della sabbia, dalla temperatura e dalla salsedine. Sulla spiaggia, più vicino alla linea di costa, si spingono solo poche specie pioniere, tra cui la ruchetta di mare e la nappola italiana. In seconda fila crescono la robusta gramigna delle spiagge e lo sparto pungente, dalle foglie piuttosto rigide ed acuminate. Queste graminacee colonizzano le dune mobili del litorale contribuendo in maniera decisiva alla loro costruzione grazie all azione consolidante dei rizomi. Su queste dune fiorisce, da giugno a settembre, il grazioso convolvolo delle sabbie, con il fusto strisciante e bei fiori imbutiformi di colore rosa. 7

13 Dietro alle dune, in posizione riparata, crescono alcune specie di muschi e, ancora più all interno, dove il suolo è ormai stabile, si possono trovare i primi arbusti di olivello spinoso e ginepro comune LE ZONE UMIDE DI ACQUA SALMASTRA Le zone umide di acqua salmastra sono specchi d acqua di scarsa profondità, comunicanti col mare tramite canali che consentono l ingresso delle acque marine, o separate dal medesimo tramite chiaviche o paratie. Sugli argini, nelle secche e sui dossi che emergono dalle acque salmastre si insedia una vegetazione poco appariscente ma peculiare e molto specializzata. In questi ambienti, infatti, le variazioni del livello idrico e l elevata salinità consentono la sopravvivenza solamente di piante capaci di tollerare alte concentrazioni di cloruro sodico. Le più caratteristiche sono sicuramente le salicornie, provviste di un fusto succulento ramificato e segmentato, con foglie ridotte a squame. Per il loro aspetto, che le rende simili a piccoli cactus, sono note anche con il nome di grasselle. I fusti e i rami, normalmente di colore grigio verde, tendono al rosso porporino col sopraggiungere dell autunno. Sulla superficie dei dossi, accanto alle salicornie, altre specie costituiscono mutevoli popolamenti a seconda della posizione più o meno rialzata e dei livelli di umidità e salinità del suolo: fra queste il limonio, pianta protetta che da vita a spettacolari fioriture. Quando la salinità diminuisce compaiono le comuni bordure a canna di palude e ciuffi di giunco marittimo. Uno dei pochi arbusti in grado di abitare in questo ambiente è il tamerice, il quale alligna sugli argini più elevati delle valli. 8

14 2.3. LE ZONE UMIDE DI ACQUA DOLCE La valli di Argenta ed il complesso vallivo di Punte Alberete Valle di Mandriole costituiscono importanti oasi di rifugio per numerose specie la cui sopravvivenza è legata agli specchi di acqua dolce. La vegetazione è distribuita in rapporto alla profondità dell acqua. In alcuni casi si tratta di specie divenute particolarmente rare. All esterno le valli d acqua dolce sono circondate da alberi come i salici e i pioppi, da arbusti come la frangola e da prati, talvolta inondati, dove si trovano densi ciuffi di carice spondicola e fiori di campanella e giaggiolo acquatico. Oltre alla comune canna di palude, fanno parte di questi ambienti la tifa a foglie strette e, dove la profondità aumenta, la lisca lacustre. Specie acquatiche vere e proprie si osservano al centro delle valli, dove l acqua raggiunge profondità variabile da 50 centimetri a 2 metri. La ninfea bianca e la genziana d acqua hanno radici ancorate sul fondo e foglie ampie di forma arrotondata, adagiate sul pelo dell acqua dove, in estate, si schiudono le corolle bianche e gialle dei loro splendidi fiori LE FORMAZIONI BOSCHIVE Tra le principali testimonianze delle aree boscate naturali della Pianura Padana, ormai ridottissime, si segnala il Bosco della Mesola, originatosi nell alto medioevo su cordoni dunosi alle foci del Po di Volano. La vegetazione, molto ricca e articolata, è condizionata dalla morfologia del territorio. Al suo interno esistono esemplari arborei di dimensioni notevoli e solo pochi raggi solari riescono a penetrare la densa copertura vegetativa. 9

15 Sulle dune di formazione più recente domina il leccio, la specie arborea più diffusa nel bosco. Nelle depressioni infradunali dove, soprattutto in inverno, l acqua ristagna a lungo, crescono il frassino meridionale, il pioppo bianco e l olmo comune. Nella parte più occidentale, sulle dune più antiche e livellate dal tempo, trova spazio la tipica formazione boschiva di pianura con farnie e carpini bianchi. Di estremo interesse naturalistico è anche l ultima foresta allagata della regione: l oasi di Punte Alberete. Qui, attorno a stagni e fossi di acqua dolce dove vegetano le ninfee, si sviluppa un rigoglioso bosco di pioppi, salici e frassini e altre specie arboree legati agli ambienti umidi ripariali. Nelle Valli di Argenta si trova il Traversante, un bell esempio di bosco a sommersione saltuaria LE PINETE Le pinete caratterizzano buona parte del paesaggio del litorale e sono state impiantate artificialmente in tempi più o meno remoti. Le storiche pinete ravennati risalgono con molta probabilità all epoca romana. Fino alla metà del settecento costituivano un unica ampia e ininterrotta selva dalla foce del fiume Lamone fino alle saline di Cervia. Oggi sono ridotte a tre soli tronconi: le pinete di San Vitale, Classe e Cervia. Sono costituite dal pino domestico, albero dalla notissima chioma ad ombrello che, estraneo alla flora locale, è bisognoso di continue cure. Accanto ad esso crescono le piante del bosco spontaneo (lecci, farnie, pioppi e frassini) sotto le quali prosperano molte specie di arbusti ed eleganti orchidee. Più recenti sono le pinete di Stato impiantate agli inizi del secolo a ridosso della costa ravennate. La sottile fascia boscata è costituita 10

16 prevalentemente da pini marittimi, più resistenti alla salsedine rispetto ai pini domestici. Risalgono invece agli anni trenta i rimboschimenti che danno vita alla Pineta di Volano, interessante riserva naturale allo sbocco dell omonimo ramo del Po. 11

17 3. LA FAUNA Il territorio storico e odierno del delta è una vasta area antropizzata che racchiude un mosaico di zone umide con acque correnti, stagnanti, dolci, salmastre, salate, boschi igrofili e planinziali, pinete costiere. Negli ultimi secoli la fauna ha risentito negativamente delle inarrestabili trasformazioni ambientali e molte specie animali si sono estinte: il lupo, il castoro ed il pellicano nel XVII secolo; il capriolo e la gru agli inizi di questo secolo; la lontra negli anni ottanta. Altre specie, come la moretta tabaccata, la pernice di mare, lo storione comune e lo storione del Naccari, sono da tempo rarissime. Negli ultimi due decenni, tuttavia, la tendenza al progressivo depauperamento del patrimonio faunistico sembra essersi arrestata ed alcune specie nidificanti, che erano assenti da più di un secolo, hanno fatto ritorno. Il cormorano è tornato a nidificare nel 1986 nelle valli di Argenta e Marmorta; nel 1989 è ritornata la spatola; tra la fine degli anni settanta e l inizio degli anni ottanta hanno cominciato a nidificare il gabbiano corallino, il gabbiano roseo, il beccapesci e la rara sterna di Ruppel. Anche predatori terrestri, come la volpe, il tasso, la donnola e la faina hanno rapidamente ricolonizzato la pianura, irradiandosi dall Appennino attraverso le aste fluviali ed i corsi dei torrenti GLI UCCELLI Gli uccelli, con oltre 200 specie di nidificanti, migratori e svernati regolari, sono la componente che in ogni periodo dell anno colpisce maggiormente per la grande varietà e la spettacolarità delle manifestazioni. 12

18 Per documentarne e registrarne la consistenza e le variazioni vengono effettuati periodicamente censimenti dell avifauna stanziale e migratoria. Sono soprattutto le zone umide, sia dolci che salmastre, nelle quali abbondano le possibilità alimentari, di rifugio e di nidificazione, ad ospitare in ogni periodo dell anno ingenti popolazioni di uccelli. Il Delta del Po, infatti, si inserisce sulle rotte migratorie di diverse specie ornitologiche che, partendo dal Nord Europa, attraversano la nostra penisola per portarsi nelle stazioni di svernamento mediterranee. Per effetto della convenzione di Ramsar, le maggiori zone umide comprese nelle province di Ferrara e Ravenna sono state dichiarate zone di importanza internazionale per gli uccelli acquatici. Sulle spiagge meno frequentate nidifica ancora la beccaccia di mare, ormai scomparsa dal resto d Italia; nello stesso ambiente nidificano spesso il fratino ed il fraticello. All interno di lagune e valli arginate, su dossi e barene, nidificano numerose specie come il gabbiano comune, il gabbiano reale, la sterna comune, la pettegola, il cavaliere d Italia e l avocetta, spesso riuniti in colonie. In inverno e nei periodi delle migrazioni questi specchi d acqua si popolano di migliaia di folaghe e di varie specie di anatre. Le saline di Comacchio e Cervia, con i loro specchi d acqua che non gelano in inverno e le ampie distese di fanghi ricchi di invertebrati, ospitano un gran numero di uccelli lamicoli, ma anche numerose garzette e qualche fenicottero. Le zone umide d acqua dolce (canali, golene fluviali, casse di espansione) sono in assoluto gli ambienti più ricchi di specie per l ampia varietà di ambienti che presentano. I canneti offrono, a specie come l airone rosso ed il falco di palude, un sito di nidificazione; ad altre, come il tarabuso, il porciglione, il 13

19 basettino, il cannareccione, la cannaiola, l usignolo di fiume, il Martin pescatore ed il forapaglie, un ambiente in cui alimentarsi e trascorrere pressoché tutto l anno. Ai margini del canneto e nei chiari di possono osservare svassi maggiori, tuffetti, folaghe e gallinelle che costruiscono nidi galleggianti. In alcune zone, come la Valle di Mandriole e le Valli di Argenta e Marmorta, dove in estate di formano vaste distese di piante con foglie e fiori galleggianti, il rarissimo mignattino piombato costruisce il suo nido di steli sulle ninfee. Le pinete costiere e i boschi igrofili, come quello di Punte Alberete, costituiscono uno degli ultimi rifugi per diverse ornitologiche da tempo fortemente ridotte. Oltre a numerosi passeriformi, tra le specie più interessanti figurano rapaci come il lodaiolo, il gufo comune, l allocco, l assiolo ed il raro mignattaio. Di notevole importanza naturalistica è la presenza delle garzaie. Si tratta di colonie nidificanti in cui le varie specie si dispongono a seconda delle esigenze di ciascuna. Le più note sono le garzaie di Punte Alberete, della Valle Bertuzzi, della Valle di Mandriole e dell ex zuccherificio di Codigoro, nelle quali viene segnalata la presenza di aironi cenerini, sgarze, ciuffetti, nitticore e garzette I MAMMIFERI Tra i mammiferi, oltre ai ricci, le donnole, le faine, i tassi e le volpi, va segnalata la presenza dei daini nel bosco della Mesola, probabilmente importati dagli Estensi perché facili da cacciare. La loro presenza ha tuttavia causato seri problemi di competizione alimentare ai cervi. Questi ultimi, presumibilmente derivati da esemplari che vivevano nelle selve planiziali prima dell insediamento umano, rappresentano la componente faunistica più preziosa del Bosco e sono stimati in circa un centinaio. 14

20 Fra i mammiferi tipici delle zone umide ci sono il topolino delle risaie, che vive tra le canne in un nido sferico fatto di steli, l arvicola d acqua ed il topo ragno. Da segnalare è la presenza di specie di recente introduzione come il coniglio d origine iberica, introdotto negli anni cinquanta a Boscoforte e la nutria, un roditore di origine sudamericana. Quest ultimo, sfuggito dagli allevamenti dove veniva allevato per la sua pregiata pelliccia, è diventato abbondantissimo ed ubiquitario, creando disturbo a numerose specie di uccelli acquatici GLI ANFIBI E I RETTILI Le zone umide del delta ospitano quasi tutte le specie di anfibi della regione, tranne quelle più legate agli ambienti collinari e montani. Sono abbondanti le rane verdi, i rospi comuni e i piccoli rospi smeraldini. Molto diffusa è la raganella. I relitti vallivi e le zone adiacenti al corso del Po potrebbero ospitare una specie molto rara nella pianura Padana, il rospo bruno di Cornalia, finora mai segnalato con certezza nella nostra regione. Piuttosto comuni sono anche i tritoni e le salamandre. Tra i rettili, la testuggine palustre è senza dubbio la specie più prestigiosa della zona del Delta. Nel bosco della Mesola sono molto numerose anche le testuggini terrestri. Abbondanti sono le bisce d acqua. La vipera comune sopravvive negli ultimi lembi di foreste e pinete costiere I PESCI Gli specchi vallivi sono caratterizzati da una ricca ittiofauna: si tratta soprattutto di anguille, che trascorrono la loro vita nelle acque interne per andarsi a riprodurre in mare. Anche diverse specie marine come i cefali, le orate, i branzini, le passere, le 15

21 sogliole e le spigole penetrano spesso nelle zone umide costiere dove crescono più rapidamente. Le acque fluviali, dei canali e delle valli di acqua dolce, caratterizzate da un lento decorso, da elevate temperature e da una ricca vegetazione palustre, sono popolate specialmente da carpe e tinche che tuttavia, in molte zone, sono state soppiantate da pesci introdotti dall uomo quali il pesce gatto, il persico e la gambusia. Tra i predatori è presente il luccio. Nelle zone umide costiere in comunicazione col mare si trovano anche gli storioni: gli esemplari adulti risalgono i fiumi per riprodursi, mentre quelli giovani li discendono per poter vivere in mare. La presenza e gli spostamenti stagionali di grandi quantità di pesce tra lagune, foci dei fiumi e mare, sono noti da secoli agli abitanti di questi luoghi che hanno sviluppato originali ed efficientissimi metodi di cattura. Fra questi il caratteristico lavoriero, sistema tradizionale che intrappola il pesce nel momento in cui abbandona le valli per portarsi in mare per la riproduzione. La pesca, che in passato rappresentava una delle principali fonti di sussistenza, oggi è un importante risorsa economica che alimenta un vasto mercato non solo locale. 16

22 4. LA PESCA 4.1. GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA Nella fascia costiera si concentrano, più che in altre aree, insediamenti ed attività produttive: alla discontinuità fisica del substrato si contrappone la continuità degli spazi occupati dalle attività umane. L'elevato numero di attività praticate sulla fascia costiera ha generato conflitti tra i diversi utilizzatori: turismo ed inquinamento, degrado ambientale e produzione di alimenti di qualità, conservazione di ecosistemi naturali e diffusa cementificazione possono convivere solamente adottando strategie integrate di gestione e generando corrette relazioni tra le parti che facciano escludere quelle attività caratterizzate da un pessimo rapporto tra benefici realizzati e danni prodotti. Storicamente l'attività della pesca ha un ruolo centrale nella fascia costiera, anche se negli ultimi anni l'oggettiva riduzione delle risorse ha parzialmente marginalizzato il peso del settore facendo diffondere la consapevolezza che si tratti di una attività soggetta non solamente a regole economiche, ma soprattutto e sempre di più a regole che possono essere definite ecologiche: la prosperità delle imprese sarà sempre più legata allo stato di salute, alla disponibilità della risorsa, alle condizioni degli ecosistemi costieri. Anche la legislazione italiana di settore si è rivelata sensibile alla problematica della tutela delle risorse marine, come dimostrano, ad esempio, le disposizioni sul fermo di pesca, sul limite minimo delle taglie di cattura, sui divieti o limitazioni per la pesca nelle zone di tutela biologica. 17

23 In questo complesso scenario possono assumere un ruolo importante le strutture cooperative che, fin da tempi lontani, si sono dedicate alla pesca, all'allevamento ittico ed alla commercializzazione di tale prodotto. Alla funzione produttiva può essere affiancata una partecipazione attiva al processo di integrazione con il mondo ambientalistico-culturale: adesione alle campagne per la pulizia dei fondali marini, conservazione di zone umide nell'ambito lagunare e recupero di vecchi edifici legati all'esercizio della pesca costituiscono esempi di attività mirate alla salvaguardia economica ed alla valorizzazione storica, culturale ed artistica del patrimonio ittico PRODUZIONE REGIONALE Secondo dati ISTAT il prodotto ittico marittimo e lagunare sbarcato dal naviglio emiliano romagnolo ha subito nel corso degli ultimi anni una flessione abbastanza consistente: confrontando i dati riferiti al 1996 e 1998 (gli ultimi disponibili) è facile constatare una flessione del 12,4% (vedi tab. 1). In effetti nel 1996 la produzione totale ammontava a quintali. In particolare la produzione di pesci, pari a quintali, aveva coperto il 53,88% del totale; la produzione di molluschi, pari a quintali, il 41,31% del totale; la produzione di crostacei, pari a quintali, il 4,81% del totale. Nel 1998 il prodotto ittico marittimo e lagunare sbarcato dal naviglio emiliano romagnolo è ammontato a quintali. La produzione di pesci, pari a quintali, ha coperto il 56,74% del totale; la produzione di molluschi, pari a quintali, il 39,94% del totale; la produzione di crostacei, pari a quintali, il 3,32% del totale. Le specie più rappresentative, nonostante la flessione del pescato, sono rimaste, nel corso degli anni, le medesime (vedi tab. 2): 18

24 sarde, alici, triglie e cefali fra i pesci; vongole e mitili fra i molluschi; pannocchie e scampi fra i crostacei. I quantitativi pescati in Emilia Romagna, suddivisi per categoria, sono illustrati nella tabella 1. Tab. 1 - Produzione complessiva della pesca marittima e lagunare in Emilia Romagna Specie Quantità (valori espressi in quintali) Alici, sarde, sgombri Tonni Altri pesci Totale pesci Calamari, polpi, seppie Altri molluschi Totale molluschi Totale crostacei Totale generale Fonte: Statistiche sulla pesca, caccia, zootecnia, ISTAT, Roma, 1998 e 2000 Più in esteso, i quantitativi pescati in Emilia Romagna, suddivisi per specie, sono illustrati nella tabella che si riporta nella pagina successiva. 19

25 Tab. 2 - Produzione complessiva della pesca marittima e lagunare in Emilia Romagna Specie Quintali (quantità in quintali) Alici Sarde Sgombri Tonni Aguglie Anguille Bisi 18 0 Boghe Caponi Cefali Cernie 32 0 Dentici 99 0 Ghiozzi Latterini Leccie Mendole 13 5 Merluzzi Ombrine Orate Pagelli Palamite Palombi Potassoli Pesci spada 18 0 Rane pescatrici Razze Rombi Saraghi Sogliole Spigole Sugarelli Triglie Altri pesci Calamari Polpi Seppie Mitili Moscardini Totani Vongole Altri molluschi Aragoste 30 2 Gamberi bianchi Gamberi rossi Pannocchie Scampi Altri crostacei Totale Fonte: Statistiche sulla caccia, pesca e zootecnia, ISTAT, Roma, 1998 e 2000 La flotta dell Emilia Romagna è attrezzata per: 20

26 la pesca a strascico: sono reti, trainate da una o due imbarcazioni, costituite da parecchie pezze, diverse per le dimensioni del filo e della maglia, cucite in maniera tale da formare durante il traino un tronco di cono o di piramide. Il pesce viene catturato mediante il progressivo avanzamento della rete verso il banco; volante: le reti per questo tipo di pesca vengono trainate a mezz'acqua o sfiorano appena il fondo; offrono la possibilità di pesca a diverse profondità e possono essere utilizzate anche in presenza di substrati rocciosi. La rete è costituita da molte pezze a maglie diverse, adattabile in relazione alla taglia dei pesci pelagici da pescare; draghe idrauliche: sono attrezzi che penetrano nel fondo marino e raccolgono, avanzando, gli organismi presenti nel substrato. La sabbia ed il fango accumulati durante questa operazione vengono espulsi con getti d'acqua pompati nel sistema di cattura, i molluschi vengono trattenuti da una griglia metallica. Qui di seguito si riportano le catture per gruppi di specie (tab. 3) e alcuni valori medi per battello, secondo i sistemi di pesca (tab. 4). Catture per gruppi di specie e sistemi di pesca in Emilia Romagna Gruppi di specie Strascico Volante Draghe Totali Pesce Molluschi Crostacei Totali (Valori in tonnellate) Fonte: Elaborazione su dati IREPA,

27 Tab. 4 - Valori medi per battello e sistemi di pesca in Emilia Romagna Indicatori Stascico Volante Draghe Numero battelli Tonnellaggio stazza lorda 28,1 51,1 10 Potenza motori (kw) Lunghezza fuori tutto (m) 16,8 21,3 13,9 Giorni di pesca Età media Numero marittimi Fonte: Elaborazione su dati IREPA, 1997 Analizzando i dati ISTAT riferiti al 1998 riguardanti la pesca nei laghi e nei bacini artificiali si nota un lieve aumento del quantitativo pescato rispetto alle rilevazioni del 1996 (+ 2,64%). Nello specifico nel 1998 il quantitativo pescato nei laghi e nei bacini artificiali, escluse le lagune e le valli salmastre costiere, ha raggiunto quintali, contro la produzione di quintali del La ripartizione per specie è illustrata nella tabella 5. Tab. 5 - Produzione della pesca nei laghi e nei bacini artificiali in Emilia Romagna Specie Quantità (valori espressi in quintali) Carpioni, coregoni, salmerini Anguille Lucci, persici / 3 Alborelle, carpe, tinche Altri pesci Totale Fonte: Statistiche sulla pesca, caccia e zootecnia, ISTAT, Roma, 1998 e 2000 Negli ultimi anni in Emilia Romagna si è registrata una discreta crescita della produzione lorda vendibile e dei consumi intermedi (tabella 6). 22

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

Birdwatching Days. 15, 16 e 17 maggio. Parco del Delta del Po Emilia-Romagna

Birdwatching Days. 15, 16 e 17 maggio. Parco del Delta del Po Emilia-Romagna Birdwatching Days 15, 16 e 17 maggio Parco del Delta del Po Emilia-Romagna Un weekend speciale dedicato al birdwatching in cui verranno organizzate escursioni speciali in barca, a piedi e in bici alla

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Il birdwatching nel Parco Delta del Po

Il birdwatching nel Parco Delta del Po Il birdwatching nel Parco Delta del Po Massimiliano Costa U.O. Parchi e Zone Umide Provincia di Ravenna Gli Uccelli rappresentano la più importante risorsa naturalistica del Parco del Delta del Po 328

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo R MA MA IMED L a P e s c a come fattore di sviluppo del Turismo sostenibile Introduzione R A M M I D E La gioia dei gabbiani all arrivo in porto di un peschereccio al termine di una battuta di pesca rende

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali Servizio di valutazione indipendente intermedia del Programma Operativo della Regione Autonoma della Sardegna 2000-2006 Aggiornamento della valutazione intermedia

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Attività presso il Centro Accoglienza Visitatori Riserva Naturale Torbiere

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

fai la cosa giusta COMUNE DI SASSARI insieme per il decoro urbano SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E VERDE PUBBLICO

fai la cosa giusta COMUNE DI SASSARI insieme per il decoro urbano SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E VERDE PUBBLICO COMUNE DI SASSARI SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E VERDE PUBBLICO fai la cosa giusta insieme per il decoro urbano Proposte CEAS LAGO BARATZ ANNO SCOLASTICO 2010-2011 LE STAGIONI DEL LAGO BARATZ E DI PORTO

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale NEWSLETTER O1 maggio 2010 in questo numero: 1. development with nature : gli obiettivi del progetto NATREG 2. verso una strategia transnazionale per la conservazione attiva delle aree protette 3. NATREG

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

GITA NEL PARCO DEL DELTA DEL PO 28/30 APRILE 2014 CON TAPPE A : COMACCHIO, PORTO GARIBALDI, POMPOSA, SANTA GIUSTINA, MESOLA, RAVENNA

GITA NEL PARCO DEL DELTA DEL PO 28/30 APRILE 2014 CON TAPPE A : COMACCHIO, PORTO GARIBALDI, POMPOSA, SANTA GIUSTINA, MESOLA, RAVENNA GITA NEL PARCO DEL DELTA DEL PO 28/30 APRILE 2014 CON TAPPE A : COMACCHIO, PORTO GARIBALDI, POMPOSA, SANTA GIUSTINA, MESOLA, RAVENNA VIAGGIO DOPO LA LEVATACCIA DELLE CINQUE E ALTRETTANTE ORE DI VIAGGIO

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

I L P A R C O D E L D E L T A P O marco mazzella architetto

I L P A R C O D E L D E L T A P O marco mazzella architetto I L P A R C O D E L D E L T A P O marco mazzella architetto formazione del delta dal 1150 al 1604 Il Delta del Po è uno straordinario e unico esempio di grande area umida, 180 chilometri quadrati, 70 chilometri

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

I FENICOTTERI ROSA DEL DELTA DEL PO

I FENICOTTERI ROSA DEL DELTA DEL PO I Quaderni dell Accademia del tartufo del Delta del Po n.34 I FENICOTTERI ROSA DEL DELTA DEL PO a cura di Antonio Dimer Manzolli Nome scientifico: Phoenicopterus ruber Ordine: Fenicotteriformi Famiglia:

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011. Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione.

PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011. Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione. PROGETTAZIONE NELLE AREE COSTIERE 2010-2011 Colonie Marine dalla tutela ai progetti di valorizzazione. Arch. Filippo Boschi 4 maggio 2011 Colonie marine 1. Nascita ed evoluzione Le origini 1750 il dottor

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

GITE GIORNALIERE 2010

GITE GIORNALIERE 2010 ASSESSORATO TERZA ETA CONSULTA TERZA ETA GITE GIORNALIERE 2010 L Assessorato alla Terza Età in collaborazione con Turismovest nei mesi di luglio, agosto e settembre organizza le gite giornaliere rivolte

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto e l impiego dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 3 Tutela della biodiversità in aree protette e rete Natura

Dettagli

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca ACQUE ITALIANE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA ORDINANZE E COMUNICATI IN VIGORE DAL 01/01/2015 DATA N. Argomento ordinanze pag. 01/01/15 C1/15 Nuovo Regolamento di Applicazione (R.d.A.

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

Azienda Agricola Agri2000

Azienda Agricola Agri2000 Azienda Agricola Agri2000 Sezione anagrafica Nome Produttore: Paola Carnino e Carlo Maritano (foto 1) Indirizzo: Strada dei Pautassi S. Ambrogio Data inizio attività: 1996 1 Tipologia di conduzione e numero

Dettagli

Visite guidate museali. Esplorazione nella natura. Laboratori didattici. sul bosco, gli habitat e le specie protette

Visite guidate museali. Esplorazione nella natura. Laboratori didattici. sul bosco, gli habitat e le specie protette Visite guidate museali sul bosco, gli habitat e le specie protette Esplorazione nella natura nei boschi della Romagna geografica e negli habitat delle Colline Forlivesi Laboratori didattici sull ecologia

Dettagli

Faro di Goro. Lanterna Vecchia

Faro di Goro. Lanterna Vecchia Il Po e il suo Delta Il Po, un tempo noto con il nome di Eridano, nasce sul versante settentrionale del Monviso ed è con i suoi 652 km il fiume più lungo d'italia. Nel suo corso, che ha un andamento nettamente

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Gestione forestale nelle Proprietà Collettive

Gestione forestale nelle Proprietà Collettive Gestione forestale nelle Proprietà Collettive L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE BENI CIVICI DI PESARIIS E LA GESTIONE ASSOCIATA DEI PATRIMONI BOSCHIVI Luca Strazzaboschi Venzone - 19 febbraio 2015 USI

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

IL PARCO NAZIONALE DELLA SELVA BOEMA ( ŠUMAVA IN CECO)

IL PARCO NAZIONALE DELLA SELVA BOEMA ( ŠUMAVA IN CECO) IL PARCO NAZIONALE DELLA SELVA BOEMA ( ŠUMAVA IN CECO) L affascinante e meraviglioso paesaggio della Selva Boema presso il confine sud occidentale della Repubblica ceca fa parte di uno dei più grandi complessi

Dettagli

Vacanze a CIPRO. Durata della vacanza: 8 giorni. Pacchetti già organizzati per le seguenti settimane: PARTENZA 29 maggio RIENTRO 5 giugno

Vacanze a CIPRO. Durata della vacanza: 8 giorni. Pacchetti già organizzati per le seguenti settimane: PARTENZA 29 maggio RIENTRO 5 giugno Vacanze a CIPRO Durata della vacanza: 8 giorni Pacchetti già organizzati per le seguenti settimane: PARTENZA 29 maggio RIENTRO 5 giugno PARTENZA 23 agosto RIENTRO 30 agosto PARTENZA 6 settembre RIENTRO

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno POSIZIONI E CONFINI Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno PAESAGGIO Montuoso (41%) Collinare(50%) Pianeggiante(9%) Territorio montuoso pianeggiante collinare

Dettagli

TOUR DEL DELTA DEL DANUBIO

TOUR DEL DELTA DEL DANUBIO TOUR DEL DELTA DEL DANUBIO Un'esperienza indimenticabile...in mezzo alla natura. Oltre 300 specie di uccelli, 1200 tipi di piante, 60 varietà di pesci in una zona protetta estesa su 5640 kilometri quadrati.

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Scout Gambarogno e Visagno Claro Gruppo canoisti ticinesi. Dal lago Maggiore a Piazza San Marco di Venezia

Scout Gambarogno e Visagno Claro Gruppo canoisti ticinesi. Dal lago Maggiore a Piazza San Marco di Venezia Scout Gambarogno e Visagno Claro Gruppo canoisti ticinesi Dal lago Maggiore a Piazza San Marco di Venezia 27 giugno 12 luglio 2009 Introduzione Le sezioni scout di Claro e del Gambarogno, in collaborazione

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Corso di Economia Agraria Corso di Studi in Scienze e Tecnologie Agraria Facoltà di Agraria Università di Sassari

Corso di Economia Agraria Corso di Studi in Scienze e Tecnologie Agraria Facoltà di Agraria Università di Sassari Corso di Economia Agraria Corso di Studi in Scienze e Tecnologie Agraria Facoltà di Agraria Università di Sassari Coefficienti di Ammortamento a fini fiscali per beni materiali destinati l attività agricola,

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

GIORNATA DEL FRATINO 2014 6 Memorial Raimondo Stiassi pulizia degli arenili naturali

GIORNATA DEL FRATINO 2014 6 Memorial Raimondo Stiassi pulizia degli arenili naturali Sezione Regionale WWF Toscana via Cavour 108-50129 Firenze www.wwf.it/toscana Comitato WWF Val di Cornia via Cavour 56-57025 Piombino (LI) Oasi WWF Padule di Bolgheri Tenuta San Guido Loc. Capanne 57022

Dettagli

Newsletter di Sagittaria SAGITTARIA Ass. Culturale Naturalistica Via Badaloni 9 45100 Rovigo (Italy) tel 0425-463117 www.associazionesagittaria.

Newsletter di Sagittaria SAGITTARIA Ass. Culturale Naturalistica Via Badaloni 9 45100 Rovigo (Italy) tel 0425-463117 www.associazionesagittaria. Newsletter di Sagittaria SAGITTARIA Ass. Culturale Naturalistica Via Badaloni 9 45100 Rovigo (Italy) tel 0425-463117 www.associazionesagittaria.it n 15 - Giugno 2012 solo per iscriverti o cancellarti dalla

Dettagli

descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* Maggio*2012*

descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* Maggio*2012* !! descrizione*del*golfo*agricolo*e*prati*adiacenti* * book*fotografico*a*cura*del*comitato*golfo*agricolo* * Maggio*2012*!!!!! FotoN 1(TR1(Attivitàagricole UnafotografiapanoramicadelGolfoAgricoloscattatadallaRes.Campo,ViaF.lliCervi,Milano2.Sullo

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO Edi Valpreda ENEA Dipartimento Ambiente Cambiamenti Globali e Sostenibilità ACS EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013 PRESENTAZIONE Lo Studio Naturalistico Diatomea propone alle scuole del territorio numerose attività didattiche con tematiche naturalistiche al fine di portare anche i più piccoli a contatto con l ambiente

Dettagli

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda Come Arrivare Costa Rossa Sardegna è la nuova espressione identitaria di Trinità d Agultu e Vignola, comune nel Nord Sardegna situato in Gallura, di grande interesse turistico, in provincia di Olbia -

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli