Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n del 27/07/2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n. 32730 del 27/07/2004"

Transcript

1 Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n del 27/07/2004 L'articolo 110, comma 5, del regio decreto 18 giugno 1931 n. 773, nel testo introdotto dalla legge 27 dicembre 2002 n. 289, e come successivamente modificato dall'articolo 39 del decreto legge 30 settembre 2003 n. 269, convertito dalla legge 24 novembre 2003 n. 326, considera apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il "gioco d'azzardo" quelli che, alternativamente: a) hanno insita la scommessa; b) consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura; c) consentono vincite superiori ai limiti indicati nel comma 6 dello stesso articolo 110, escluse le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato. Secondo l'attuale testo del comma 6 dell'articolo 110, si considerano, invece, apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici "da trattenimento o da gioco di abilita ", come tali idonei per il gioco lecito, quelli nei quali l'elemento dell'abilita e del trattenimento e preponderante rispetto all'elemento aleatorio e che posseggono, cumulativamente, le seguenti caratteristiche: a) siano attivabili solo con l'introduzione di moneta metallica (escluso quindi il gettone); b) il costo della partita non sia superiore a 50 centesimi di euro; c) la durata di ciascuna partita sia compresa tra sette e tredici secondi; d) possano distribuire premi in denaro, esclusivamente in monete metalliche, erogati dalla macchina subito dopo la conclusione della partita, sempre che ciascuna vincita sia non superiore a 50 euro; e) su un ciclo di partite, le vincite devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. E stato poi aggiunto un requisito negativo: in ogni caso i suddetti apparecchi, per essere idonei per il gioco lecito, non possono riprodurre il gioco del poker o comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali; cio in quanto, in tal caso, gli elementi di abilita o trattenimento, che devono qualificare i giochi leciti, ne risulterebbero, per definizione, esclusi rispetto ad apparecchi che, riproducendo il gioco del poker, presenterebbero come caratteristica quella dell'aleatorieta. Il comma 7 dello stesso articolo 110 definisce, inoltre, altre due categorie di apparecchi idonei per il gioco lecito. In particolare, nella lettera a), sono definiti gli apparecchi nei quali il giocatore possa esprimere la sua abilita fisica, mentale e strategica, precisandosi che: aa) deve trattarsi di apparecchi elettromeccanici privi di monitor; bb) devono essere attivabili unicamente con l'introduzione di monete metalliche, di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, a un euro; cc) devono poter distribuire, direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita, premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie, sempre che il valore complessivo di ogni premio non sia superiore a venti volte il costo della partita. Nella lettera b), sono precisati, invece, gli apparecchi di abilita o intrattenimento, nei quali gli elementi di abilita o trattenimento siano preponderanti rispetto all'elemento aleatorio, i quali devono possedere le seguenti caratteristiche: aa) devono essere attivabili solo con l'introduzione di moneta metallica, di valore non superiore per ciascuna partita a 50 centesimi di euro; bb) possono consentire per ciascuna partita, subito dopo la sua conclusione, il prolungamento o la ripetizione della partita, fino a un massimo di dieci volte (per tali apparecchi, secondo un'apposita scansione temporale dettagliata nella norma, e pero previsto un successivo adeguamento, nel senso che devono essere modificati in modo tale da non poter piu consentire il prolungamento o la ripetizione della partita; e, se non possono essere in tal modo convertiti in uno degli apparecchi per il gioco lecito, vanno rimossi e demoliti). Il sistema e completato dal disposto del comma 7-bis, secondo cui, comunque, per poter essere definiti leciti, gli apparecchi e congegni descritti nel comma 7, come quelli di cui al comma 6, non possono riprodurre il gioco del poker o, anche in parte, le sue regole fondamentali. CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n del 27/07/2004 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DELL'ANNO Paolino - Presidente

2 Dott. TARDINO Vincenzo - Consigliere Dott. LOMBARDI Alfredo Maria - Consigliere Dott. FIALE Aldo - Consigliere Dott. FRANCO Amedeo - est. Consigliere ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: Iurino Alfredo, nato a Venosa il 1 aprile 1975; avverso la ordinanza emessa il 16 febbraio 2004 dal tribunale di Campobasso, quale giudice del riesame; nella udienza in Camera di consiglio in data 3 giugno 2004; sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. Amedeo Franco; udito il Pubblico Ministero in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. Ciampoli Luigi, che ha concluso per il rigetto del ricorso; Svolgimento del processo Con decreto del 16 gennaio 2004, il Pubblico Ministero presso il tribunale di Campobasso dispose il sequestro probatorio di diversi apparecchi videogiuochi tipo videopoker, in relazione ai reati di cui agli artt. 110 del t.u.l.p.s. e 718 e 719 cod. pen, installati in diversi pubblici esercizi ai quali erano noleggiati dalla societa di cui lo Iurino era il contitolare. Il tribunale di Campobasso, quale giudice del riesame, con ordinanza del 16 febbraio 2004, respinse l'istanza di riesame proposta dallo Iurino, il quale propone ricorso per cassazione deducendo con un unico articolato motivo violazione di legge ed applicazione di disposizioni abrogate. In particolare osserva che il tribunale del riesame ha tenuto conto del testo dell'art. 110 del t.u.l.p.s., come novellato dalla legge 425/95, senza considerare le modifiche successivamente intervenute, le quali rendono irrilevanti penalmente le fattispecie come quelle in esame. Difatti, la vigente normativa prevede che gli apparecchi da trattenimento possano addirittura erogare vincite in denaro e che possa sussistere l'elemento aleatorio purche gli elementi abilita o trattenimento siano preponderanti. Si tratta quindi di caratteristiche anche alternative, risultando sufficiente per includere l'apparecchio nella categoria di quelli leciti da trattenimento o da giuoco di abilita la sussistenza anche di uno solo dei due elementi. Inoltre nella normativa vigente e scomparso ogni riferimento alla finalita di lucro. Illegittimamente il tribunale del riesame ha ritenuto illegittime le vincite, malgrado le stesse siano ora consentite, non ha valutato la preponderanza dell'elemento trattenimento, limitandosi ad osservare che mancava l'elemento abilita e non ha considerato che la durata della partita era superiore a quella consentita. Motivi della decisione Il ricorso e infondato. Preliminarmente va ricordato che, in tema di sequestro probatorio, il sindacato del giudice del riesame non puo investire la concreta fondatezza dell'accusa (il cui riscontro e riservato al giudice della cognizione nel merito), ma deve essere limitato alla verifica dell'astratta possibilita di sussumere il fatto attribuito ad un soggetto in una determinata ipotesi di reato ed al controllo dell'esatta qualificazione dell'oggetto del provvedimento come corpus delicti. L'accertamento del fumus commissi delicti va effettuato, pertanto, solo sotto il profilo della congruita degli elementi rappresentati e posti a fondamento del provvedimento, che non possono essere censurati in punto di fatto per apprezzarne la coincidenza con le reali risultanze processuali, ma vanno valutati cosi come esposti per verificare appunto se consentono di ricondurre l'ipotesi di reato formulata in una di quelle tipicamente previste dalla legge (vedi Cass., Sez. 6^, , Campo; Sez. 2^ , Acampora). Per quanto riguarda la denunciata applicazione di norme abrogate, va rilevato che effettivamente il

3 tribunale del riesame non fa cenno nella motivazione delle modifiche intervenute e vigenti al momento del fatto. Cio pero, contrariamente a quanto ritiene il ricorrente, non comporta la insussistenza del fumus commissi delicti alla stregua anche della nuova normativa - peraltro molto piu severa e restrittiva della precedente - ma solo una correzione della motivazione che ben puo essere effettuata direttamente da questa Corte. Nella specie e applicabile il nuovo testo dell'art. 110 del t.u.l.p.s., come modificato dall'art. 22 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (a sua volta parzialmente modificato dall'art. 39 del d.l. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni nella legge 24 novembre 2003, n. 326). Il nuovo testo lascia sostanzialmente invariata la definizione degli apparecchi per il giuoco d'azzardo (art comma 5), essendo considerati tali quelli che, alternativamente: a) hanno insita la scommessa, o b) consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura, o c) consentono vincite, anche solo relativamente aleatorie, di valore superiore ai limiti fissati al comma sesto, escluse le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato. L'installazione e l'uso di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco d'azzardo sono vietati nei luoghi pubblici o aperti al pubblico e nei circoli ed associazioni di qualunque specie (art. 110, comma 4). E' stata invece ritoccata la categoria degli apparecchi di abilita e di trattenimento idonei per il giuoco lecito. Secondo l'attuale testo del comma sesto dell'art. 110 del t.u.l.p.s., si considerano "apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento o da giuoco di abilita, come tali idonei per il giuoco lecito" quelli nei quali l'elemento dell'abilita e del trattenimento e preponderante rispetto all'elemento aleatorio e che posseggono, cumulativamente, le seguenti caratteristiche: a) siano attivabili solo con l'introduzione di moneta metallica (escluso quindi il gettone); b) il costo della partita non sia superiore a 50 centesimi di euro; c) la durata di ciascuna partita non sia inferiore a dieci secondi (ora: sia compresa tra sette e tredici secondi: v. dall'art. 39, comma 6, del d.l. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni nella legge 24 novembre 2003, n. 326); d) possano distribuire premi in danaro, esclusivamente in monete metalliche, erogati dalla macchina subito dopo la conclusione della partita, sempre che ciascuna vincita sia comunque di valore non superiore a venti volte il costo della singola partita (ora: sia non superiore ad E. 50,00: v. art. 39, comma 6, d.l. 269/2003 cit.); e) su un ciclo complessivo di partite, le vincite devono risultare non inferiori al 90 per cento delle somme giocate (ora: su un ciclo complessivo di partite, le vincite devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate: v. art. 39, comma 6, d.l. 269/2003 cit.). E' stato poi aggiunto un requisito negativo di notevole rilievo: in ogni caso i suddetti apparecchi, per essere idonei per il giuoco lecito, non possono riprodurre il giuoco del poker o comunque anche in parte le sue regole fondamentali. Il settimo comma del nuovo art. 110 del t.u.l.p.s. definisce poi altre due categorie di apparecchi idonei per il giuoco lecito. Nella lettera a) sono definiti gli apparecchi nei quali il giocatore possa esprimere la sua abilita fisica, mentale o strategica, gia previsti nel sesto comma del testo previgente, precisandosi che: aa) deve trattarsi di apparecchi elettromeccanici privi di monitor, bb) devono essere attivabili unicamente con l'introduzione di monete metalliche (non con gettone) di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, ad un euro; cc) devono poter distribuire, direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita (non attraverso il gestore del locale), premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, che non siano convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie, sempre che il valore complessivo di ogni premio non sia superiore a venti volte il costo della partita. Nella lettera b) sono precisati gli apparecchi di abilita o intrattenimento, nei quali gli elementi di abilita o trattenimento siano preponderanti rispetto all'elemento aleatorio, i quali devono possedere le seguenti caratteristiche: aa) devono essere attivabili solo con l'introduzione di moneta metallica, di valore non superiore per ciascuna partita a 50 centesimi di euro; bb) possono consentire per ciascuna partita, subito dopo la sua conclusione, il prolungamento o la ripetizione della partita stessa, fino a un massimo di dieci volte.

4 Si aggiunge pero che questi apparecchi di cui alla lettera b), dal 1 gennaio 2003 possono essere impiegati solo se denunciati ai sensi dell'articolo 14-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, e se per essi sono state assolte le relative imposte (il termine e stato prorogato al 30 aprile 2004 relativamente ai soli apparecchi e congegni per i quali, entro il 31 dicembre 2003, e stato rilasciato il nulla osta di cui al citato 14-bis e sono state assolte le relative imposte: v. art. 39, comma 7, d.l. 269/2003 modificato dalla legge di conversione 326/2003). Inoltre, dal 1 gennaio 2004 ovvero dal 1 maggio 2004 (a seconda che entro il 31 dicembre 2003 non sia maggio 2004 (a seconda che entro il 31 dicembre 2003 non sia stato o sia stato rilasciato il nulla osta di cui citato 14-bis) tali apparecchi non possono consentire il prolungamento o la ripetizione della partita e, se non convertiti in uno degli apparecchi di cui all'articolo 110, comma 6, ovvero comma 7, lettere a) e c), t.u.p.s., sono rimossi e demoliti (art. 39, comma 7, d.l. 269/2003 modificato dalla legge di conversione 326/2003). Nella lettera e) sono quindi disciplinati gli apparecchi basati sulla mera abilita fisica, mentale o strategica del giocatore, che non distribuiscono premi, per i quali la durata della partita puo variare in relazione all'abilita del giocatore e il costo della singola partita puo essere superiore a 50 centesimi di euro. Infine, ai sensi del comma 7 bis dell'art. 110 del t.u.l.p.s. (inserito dal comma 7 bis dall'art. 39 del d.l. 269/2003 modificato dalla legge di conversione 326/2003) gli apparecchi e congegni descritti nel precedente comma 7 (nelle lettere a), b) e c)) non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali. Per quanto concerne il trattamento sanzionatorio, il comma 9 dell'art. 110 del t.u.l.p.s. dispone che, sempre ferme restando le sanzioni previste dal codice penale per il giuoco d'azzardo, chiunque procede all'installazione o comunque consente l'uso in luoghi pubblici o aperti al pubblico o in circoli ed associazioni di qualunque specie degli apparecchi e congegni per il giuoco d'azzardo ovvero di apparecchi e congegni diversi non rispondenti alle caratteristiche e prescrizioni indicate nei commi 6 e 7, e punito con l'ammenda da E ,00 a E ,00, ed e inoltre sempre disposta la confisca degli apparecchi e congegni, che devono essere distrutti. Tanto premesso, risulta priva di qualsiasi fondamento la tesi del ricorrente, secondo cui nella specie si tratterebbe di apparecchi da trattenimento e che solo per questo potrebbero erogare vincite in denaro o anche riprodurre il giuoco del poker. Infatti, ai sensi del citato comma 7 bis dell'art. 110 del t.u.l.p.s, anche gli apparecchi e congegni descritti nel precedente comma 7 (nelle lettere a), b) e c)), e cioe anche quelli nei quali gli elementi di abilita o trattenimento siano preponderanti rispetto all'elemento aleatorio non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali. Del resto, e evidente che la condizione (prevista dall'ultimo periodo del comma 6) che, per essere ritenuti idonei per il giuoco lecito, gli apparecchi non riproducano il giuoco del poker o comunque anche in parte le sue regole fondamentali, riguarda tutti indistintamente gli apparecchi che gia di per se non siano qualificabili come destinati al giuoco d'azzardo ai sensi del comma quinto e non soltanto quelli che superino i limiti di vincita e parametri sanciti nel sesto comma. La riproduzione, anche in parte, del giuoco del poker o delle sue regole fondamentali comporta quindi che gli apparecchi, nei quali l'elemento dell'abilita e del trattenimento e preponderante rispetto all'elemento aleatorio, siano comunque illeciti sia che eroghino vincite in denaro nei limiti permessi sia che si limitino a consentire, subito dopo la conclusione di ciascuna partita, il suo prolungamento o la sua ripetizione. D'altra parte, come e gia stato rilevato da questa Corte (Sez. 3^, 18 giugno 2003, Di Giralamo; Sez. 3^, 16 gennaio 2004, Alimenti), proprio la lett. b) del comma 7 dell'art. 110 del t.u.l.p.s. si riferisce a quegli apparecchi nei quali, oltre a sussistere le altre condizioni poste dalla disposizione, "gli elementi di abilita o trattenimento sono preponderanti rispetto dalla disposizione, "gli elementi di abilita o trattenimento sono preponderanti rispetto all'elemento aleatorio", e tale requisito e escluso di per se (quasi per definizione) negli apparecchi che riproducono il giuoco del poker, e cio sia per le caratteristiche proprie di tale giuoco, sia perche le combinazioni delle carte discendono dal codice di funzionamento dell'apparecchio, ignoto al giocatore e sul quale il giocatore stesso non

5 puo in alcun modo influire. Nel caso in esame il giudice del merito - con un apprezzamento di fatto non censurabile in questa sede e per di piu in un giudizio cautelare - ha accertato che si trattava di apparecchi tipo videopoker, ed alla stregua della normativa vigente tanto basta per ritenere sussistente il fumus commissi delicti. Puo inoltre aggiungersi che il giudice del merito ha messo in evidenza che, dal verbale di accertamento e dal decreto di sequestro risultava che gli apparecchi in questione certamente non avevano i requisiti richiesti dall'art. 110 del t.u.l.p.s. perche un apparecchio possa considerarsi idoneo per il giuoco lecito, e cio perche gli apparecchi stessi: a) riproducevano il giuoco del poker e le sue regole fondamentali; b) avevano insita la scommessa o comunque consentivano vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura, stante l'assoluta automaticita dello svolgimento del giuoco e l'irrilevanza di eventuali abilita del giocatore; d) la durata di ciascuna partita non era compresa tra sette e tredici secondi ma era di 40 secondi (come ammette lo stesso ricorrente, che erroneamente considera questo un elemento a suo favore, probabilmente perche non tiene conto delle modifiche apportate alle disposizioni da lui citate). n ricorso deve pertanto essere rigettato con conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali. P. Q. M. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali. Cosi deciso in Roma, nella sede della Corte Suprema di Cassazione, il 3 giugno Depositato in Cancelleria il 27 luglio 2004 ( da )

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI TORTONA Oggetto: Denuncia inizio attivitá per INSTALLAZIONE di: Il sottoscritto apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed

Dettagli

Denuncia inizio attività per: Apertura nuova Attività

Denuncia inizio attività per: Apertura nuova Attività SALE GIOCHI Timbro ufficiale (spazio riservato all ufficio) COMUNE DI TRIGGIANO Al Dirigente Settore P.M. e Ambiente Ufficio di Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 42 Triggiano Denuncia inizio attività

Dettagli

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5).

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). omissis Capo II - Degli esercizi pubblici (139) 86. (art. 84 T.U. 1926). - Non possono esercitarsi,

Dettagli

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili Informativa E.P. CITTÀ DI TORINO DIVISIONE COMMERCIO SETTORE ATTIVITÀ ECONOMICHE E DI SERVIZIO Con questo scritto il Settore intende fornire le informazioni essenziali che riguardano l installazione di

Dettagli

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) -n. 19962 del 22 gennaio 2013 (dep. 9 maggio 2013)- Collegio

Dettagli

AL SUAP Comune di Vibo Valentia

AL SUAP Comune di Vibo Valentia AL SUAP Comune di Vibo Valentia OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, così come convertito e modificato dalla Legge 30 luglio 2010, n. 122. DI

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 - PRODUZIONE E/O IMPORTAZIONE E/O NOLEGGIO

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI MOD. DIA1 DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI (art. 19, L. 241/1990; art. 86 110 T.U.L.P.S.). da presentare in 2 esemplari: ( 1 originale per il comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: SCIA Segnalazione certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i;, D.M. 27 ottobre 2003;D.M. 7 gennaio 2007; art. 49

Dettagli

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Delegazioni Regionali > Campania La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Negli ultimi anni abbiamo assistito al susseguirsi

Dettagli

IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI COMO

IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI COMO . IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI COMO TABELLA DEI GIUOCm PROmITI Ai sensi dewart1.to del T.U.L.P.S. (R.D. 18.6.1931 n. 773), come modificato dall'art. 22 della legge 27.12.2002, negjf esercizi pubblici

Dettagli

1) VIDEOGIOCHI denuncia entro il 21 marzo 2003. 2) INTERVENTI A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE - proroga al 15.4.2003

1) VIDEOGIOCHI denuncia entro il 21 marzo 2003. 2) INTERVENTI A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE - proroga al 15.4.2003 Anno XXXII n. 6 Chieti 15.3.2003-1 - S O M M A R I O: 1) VIDEOGIOCHI denuncia entro il 21 marzo 2003 2) INTERVENTI A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE - proroga al 15.4.2003 3) TELEMACO PAY certificati

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) relativamente agli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA AL COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA UFFICIO COMMERCIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DI CUI ALL ART. 110 COMMA 6 E 7 TULPS (Artt. 86 comma 3 R.D.

Dettagli

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO Sportello Unico Attività Produttive Segnalazione certificata di inizio attività -SCIA(*) - per l'installazione di giochi leciti ed apparecchi e congegni di cui all'art. 110

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE UFFICIO SEGRETERIA - COMMERCIO VIA ROMA N. 46 33037 PASIAN DI PRATO - TEL. 0432/645953 FAX 0432/645918 E-MAIL: segreteria@comune.pasiandiprato.ud.it Ord. n.

Dettagli

AL COMUNE DI PIANORO. Esercente l'attività di:

AL COMUNE DI PIANORO. Esercente l'attività di: DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI (art. 19, L. 241/1990; art. 86 110 T.U.L.P.S.) da presentare in 2 esemplari: (1 originale per il comune e 1 copia per il dichiarante sulla quale verrà apposto

Dettagli

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18. Al Sindaco del Comune di OSTUNI APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.06.1931, N. 773 Denuncia

Dettagli

DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Artt. 86 e 110 T.U.L.P.S.) CHIEDE

DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Artt. 86 e 110 T.U.L.P.S.) CHIEDE MODULISTICA MARCA DA BOLLO 16,00 P54 MD14 Rev. 1 del 11/09/07 ALL UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA COMANDO POLIZIA LOCALE PIAZZA 9 NOVEMBRE 1989 20090 SEGRATE (MI) DOMANDA PER RILASCIO LICENZA PER APERTURA

Dettagli

Domanda: L attività di cava, oltre alle specifiche autorizzazioni regionali, è soggetta a titolo edilizio?

Domanda: L attività di cava, oltre alle specifiche autorizzazioni regionali, è soggetta a titolo edilizio? Domanda: L attività di cava, oltre alle specifiche autorizzazioni regionali, è soggetta a titolo edilizio? Risposta (a cura della Dott.ssa Valentina Vattani): per l apertura e la coltivazione di una cava

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S.

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S. BOLLO AL COMUNE DI FOLIGNO SERVIZIO COMMERCIO E P.A. RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S. Il sottoscritto Cognome. Nome Data di nascita /../.. Luogo di nascita...

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] Al COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Servizio SUAP DISTRIBUZIONE E GESTIONE DI GIOCHI Segnalazione Certificata Inizio Attività NUOVA APERTURA TRASFERIMENTO DI SEDE (allegare vecchia

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI INDICE Capo I - Norme generali Articolo 1 Oggetto della disciplina regolamentare

Dettagli

Sala giochi. sala giochi

Sala giochi. sala giochi Sala giochi. Per aprire o effettuare un subingresso in una sala giochi serve autorizzazione che viene rilasciata presentando l apposita istanza al Servizio Gestione del Territorio - Ufficio Commercio.

Dettagli

INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO DI INIZIO ATTIVITA Timbro del Protocollo Generale PRATICA N. Allo Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI BRA Piazza Caduti Libertà n. 14 12042 BRA INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA TABELLA DEI GIOCHI PROIBITI

QUESTURA DI PADOVA TABELLA DEI GIOCHI PROIBITI QUESTURA DI PADOVA TABELLA DEI GIOCHI PROIBITI Agli effetti dell'articolo 110 del T.U.L.P.S. negli esercizi pubblici della città e della Provincia di Padova, a tutela del pubblico interesse, sono vietati

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia da presentarsi all'ufficio Protocollo 30 giorni prima dell'inizio dell'attività DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' PER INSTALLAZIONE DI GIOCHI LECITI E APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED

Dettagli

LE NOVITA IN MATERIA DI COMMERCIO E POLIZIA AMMINISTRATIVA

LE NOVITA IN MATERIA DI COMMERCIO E POLIZIA AMMINISTRATIVA ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA MUNICIPALE E LOCALE D ITALIA riconoscimento ministero LL.PP. decreto del 10.12.1993 G.U. 18.12.1993 serie generale n 296 Appartenente alla Consulta ANCI delle Associazioni

Dettagli

DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI

DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI L attività per la produzione,la distribuzione,l esercizio e l utilizzo degli apparecchi da intrattenimento e gioco e disciplinata dall art. 110 del TULPS che detta le nozioni

Dettagli

Prov. Via n. Codice fiscale IN PROPRIO, ovvero nella sua qualità di rappresentanza di

Prov. Via n. Codice fiscale IN PROPRIO, ovvero nella sua qualità di rappresentanza di . 14,62 Al COMUNE di Borghetto Santo Spirito (Savona) OGGETTO: Richiesta autorizzazione per l'esercizio dell'attività di sala giuochi, ai sensi degli articoli 86 e 110 del T.U. delle Leggi di Pubblica

Dettagli

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI 1 INDICE Capo I - Norme generali... 3 Articolo 1 - Principi generali... 3 Articolo

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] AL COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) Servizio SUAP INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI GIOCHI LECITI presso esercizi non in possesso di Autorizzazione ex artt.86 o 88 TULPS R.D. 18/6/1931 n.773 domanda

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

Direttive Europee e Mancate notifiche

Direttive Europee e Mancate notifiche Direttive Europee e Mancate notifiche Relazione analisi e concetti a cura di Eugenio Bernardi Direttive Europee e Mancate notifiche Strabismo interessato o malafede interpretativa? Lo scoprire consiste

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S. da presentare in duplice copia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.) Al COMUNE di VILLANOVA D ASTI (AT) Il

Dettagli

Proposta di legge al Parlamento

Proposta di legge al Parlamento Proposta di legge al Parlamento Illiceità dell installazione e dell utilizzo dei sistemi di gioco d'azzardo elettronico nei locali pubblici. Modifica all articolo 110 del r.d. 773/31 (Testo unico delle

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) Istallazione di giochi leciti (art. 86 e 110 del T.U.L.P.S. r.d. n.

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) Istallazione di giochi leciti (art. 86 e 110 del T.U.L.P.S. r.d. n. COMUNE DI CASORIA (PROVINCIA DI NAPOLI) IV Settore Suap - Sportello Unico Attività Produttive Casoria (NA) piazza Cirillo (Vecchia Sede Comunale), primo piano Indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata):

Dettagli

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento in attuazione di quanto disposto

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979

Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979 Corte di Cassazione - Sentenza 2 marzo 2015, n. 8979 Rifiuti trasporto conto proprio In nome del popolo italiano - La Corte Suprema di Cassazione - Sezione terza penale Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Segnalazione di: inizio attività trasferimento sede cessazione attività Presentata da: produttore importatore distributore/gestore ii

Segnalazione di: inizio attività trasferimento sede cessazione attività Presentata da: produttore importatore distributore/gestore ii Al SUAP di MONTECATINI TERME comune.montecatiniterme@postacert.toscana.it prot. n del / / S. C. I. A. PRODUZIONE E/O IMPORTAZIONE E/O DISTRIBUZIONE E GESTIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI,

Dettagli

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale AL COMUNE DI VILLA GUARDIA UFFICIO COMMERCIO Oggetto: Denuncia, ai sensi delle legge 241/90, di inizio di attività per detenere e far funzionare in pubblico esercizio apparecchi e congegni automatici,

Dettagli

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito -

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito - ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PROFUTTIVE del Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 13 52044 CORTONA da presentare in duplice copia OGGETTO: Avvio installazione apparecchi e congegni per il gioco

Dettagli

Illegalità e gioco d azzardo

Illegalità e gioco d azzardo Gioco d azzardo: alla ricerca di possibili integrazioni tra servizio pubblico, privato sociale e territorio Illegalità e gioco d azzardo Arezzo, 11 maggio 2007 Tipologie di apparecchi o congegni Le tipologie

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

a cura di Mario Serio (Isp. Capo di Polizia Municipale)

a cura di Mario Serio (Isp. Capo di Polizia Municipale) Art. 110 testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 (Tulps) Aggiornato ed Integrato con la circolare a.a.m.s. Prot. 2013/491/DAR/UD del 13 Giugno 2013

Dettagli

Attività giochi leciti

Attività giochi leciti Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una COPIA FOTOSTATICA che timbrata dall ufficio Protocollo o dal Settore Commercio sostituisce l atto autorizzatorio AL COMUNE DI PADOVA Settore Commercio

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

Il sottoscritto,nato a ( ) il / /, ivi residente in Via n, Codice Fiscale, P.Iva Cell, ( 0922-,

Il sottoscritto,nato a ( ) il / /, ivi residente in Via n, Codice Fiscale, P.Iva Cell, ( 0922-, marca da bollo da 14,62 Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di REALMONTE (AG) P.E.C. comunedirealmonte.ag.suap@pec.it SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) PER APERTURA

Dettagli

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento: 22/09/2014 ALLEGATO B-16 SCIA Produzione/Importazione/Distribuzione/ Installazione giochi Sale giochi (Regio Decreto 18/06/1931, n. 773 - art. 86 e 110)

Dettagli

Licenza per l esercizio di: SALA PUBBLICA DA GIOCO

Licenza per l esercizio di: SALA PUBBLICA DA GIOCO posto riservato al PROTOCOLLO GENERALE Marca da bollo * Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una COPIA FOTOSTATICA che timbrata dall ufficio competente, vale come ricevuta per tutti gli eventuali

Dettagli

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA

, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE SENTENZA , REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE PENALE 1306 2/ 15 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ARTURO CORTESE Dott. LUIGI PIETRO CAIAZZO

Dettagli

SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO

SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO Piazza Municipio n. 1 22040 ALZATE BRIANZA (CO) Tel. 031/6349306 031/6349323 031/6349322 -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 6 FEBBRAIO 2008, N. 5804: le attività di cernita e adeguamento volumetrico della carta da macero e sostanze simili, poste in essere dalle ditte fornitrici

Dettagli

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL COMUNE DI CAROVIGNO (BR) PROV. BRINDISI Settore Gestione del Territorio Urbanistica LL. PP. Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa Commercio AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

per l esercizio dell attività di 2 nell esercizio ubicato in codesto Comune in Via/piazza n. con insegna

per l esercizio dell attività di 2 nell esercizio ubicato in codesto Comune in Via/piazza n. con insegna Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) per giochi leciti (art. 86, comma 1, del R.D. 18/6/1931 n. 773) per piccole attrazioni dello spettacolo viaggiante (art. 69 del R.D. 18/6/1931 n. 773)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI (approvato con delibera consiliare n. 70 del 11/07/2011) 1 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI

Dettagli

Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico

Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico L'installazione di pannelli solari è inequivocabilmente un intervento idoneo ad incidere negativamente sull'assetto paesaggistico e richiede

Dettagli

da presentare in duplice copia

da presentare in duplice copia spazio per la protocollazione Apparecchi e congegni automatici da trattenimento e svago Segnalazione Certificata di Inizio Attività da presentare in duplice copia AL COMUNE DI TERNI ALL UFFICIO COMMERCIO

Dettagli

Cassazione penale, sentenza n. 6890/11: trasporto di rifiuti speciali non pericolosi in assenza dell iscrizione all albo

Cassazione penale, sentenza n. 6890/11: trasporto di rifiuti speciali non pericolosi in assenza dell iscrizione all albo Cassazione penale, sentenza n. 6890/11: trasporto di rifiuti speciali non pericolosi in assenza dell iscrizione all albo È legittimo il sequestro del mezzo di trasporto, quando si ha la libera disponibilità

Dettagli

Licenza per l esercizio di: SALA PUBBLICA DA GIOCO

Licenza per l esercizio di: SALA PUBBLICA DA GIOCO posto riservato al PROTOCOLLO GENERALE Marca da bollo * Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una COPIA FOTOSTATICA che timbrata dall ufficio competente, vale come ricevuta per tutti gli eventuali

Dettagli

I giochi promozionali

I giochi promozionali I giochi promozionali 1 Introduzione Il fenomeno dei giochi promozionali viene disciplinato nel 2000 dall Unione Europea, con l intento di favorire la diffusione dei servizi della società dell informazione.

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MANNINO Saverio F. Presidente Dott. AMORESANO Silvio

Dettagli

10 Forum Nazionale della Polizia Locale. PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013. ********************* Elena Fiore Comandante P.M.

10 Forum Nazionale della Polizia Locale. PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013. ********************* Elena Fiore Comandante P.M. 10 Forum Nazionale della Polizia Locale PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013 ********************* Elena Fiore Comandante P.M. Forlì 1 Gli apparecchi da gioco con o senza vincite in denaro: la normativa

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona 1 3 740 ih REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto *TRIBUTI R.G.N. 10645/2013 cron.,,(3.4

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani PROT. N. TERZO SETTORE SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Via Giovanni Falcone n. 134 76012 Canosa di Puglia (BT) Tel.. 0883/610309-610312

Dettagli

AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC)

AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC) AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC) OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per l esercizio dell attività di sala giochi; Segnalazione

Dettagli

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Marca da bollo Euro 14,62 AL COMUNE DI PIETRA LIGURE SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI PALMA Salvatore

Dettagli

Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni

Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni 20 maggio 2004 Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni Entro il 31 maggio dovranno essere rimossi dai pubblici esercizi tutti gli apparecchi cosiddetti videopoker

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI (da presentare in duplice copia: 1 originale per il Comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso -6901/2015 1 ORIGINALE i REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Oggetto Danno anibientale - Prescrizione R.G.N. 18598/2011 Composta dagli Ill.mi

Dettagli

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

All Ufficio Commercio del Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO (Verona)

All Ufficio Commercio del Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO (Verona) All Ufficio Commercio del Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO (Verona) OGGETTO: Dichiarazione di inizio attività INSTALLAZIONE APPARECCHI DA GIOCO LECITO. Il/la sottoscritto/a Cognome Nome Codice fiscale

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO DI CONTRASTO DEL GIOCO ILLEGALE 1 SUPPORTO DOCUMENTALE INFO-OPERATIVO N. 1. Ed. marzo 2011. 1 di 22 pagine

PIANO STRAORDINARIO DI CONTRASTO DEL GIOCO ILLEGALE 1 SUPPORTO DOCUMENTALE INFO-OPERATIVO N. 1. Ed. marzo 2011. 1 di 22 pagine PIANO STRAORDINARIO DI CONTRASTO DEL GIOCO ILLEGALE 1 SUPPORTO DOCUMENTALE INFO-OPERATIVO N. 1 Ed. marzo 2011 1 Art. 15 ter del d. l. 1 luglio 2009, n. 78, conv. nella legge 3 agosto 2009, n. 102. 1 di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Lottizzazione abusiva: sequestro di un intero impianto fotovoltaico superiore a 10Mw

Lottizzazione abusiva: sequestro di un intero impianto fotovoltaico superiore a 10Mw Lottizzazione abusiva: sequestro di un intero impianto fotovoltaico superiore a 10Mw Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano La Corte Suprema Di Cassazione Terza Sezione Penale composta da: Alfredo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T. Dott. MARIO CICALA - Rel.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T. Dott. MARIO CICALA - Rel. 12682 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MARIO CICALA - Rel. Presidente - Dott.

Dettagli

STOP ALLE SLOT-MACHINE

STOP ALLE SLOT-MACHINE STOP ALLE SLOT-MACHINE IL NUOVO OPPIO DI STATO Proposta di Legge Statale per vietare le slot-machine nei locali pubblici contro il crescente furto legalizzato alle famiglie italiane attraverso la vendita

Dettagli

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia

COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE. Provincia di Brescia COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DI SALE PUBBLICHE DA GIOCO E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino SETTORE COMMERCIO - PROT.CIVILE VIABILITA Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE SULLE SALE GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 FEBBRAIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 FEBBRAIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 FEBBRAIO 2013, N. 7949: la nozione di mezzi vietati penalmente rilevante ai fini dell esercizio della caccia comprende anche l uso di richiami vivi

Dettagli