La qualità apre molte porte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La qualità apre molte porte"

Transcript

1 Sapori che ispirano

2

3 La qualità apre molte porte Tutela dei prodotti, dei consumatori, dell ambiente. Terre di Rossini e Raffaello per un nuovo concetto di qualità Tutelare, valorizzare, promuovere le tipicità e le eccellenze agroalimentari e ittiche del territorio. Sono queste le finalità di Terre di Rossini e Raffaello - azienda speciale della Camera di Commercio di Pesaro Urbino - che riunisce enti, associazioni di categoria, consorzi locali che a vario titolo operano nella produzione e nella trasformazione di quanto ogni giorno, dalle nostre campagne e dal nostro mare, arriva sulle nostre tavole. Obiettivo comune, l affermazione di un nuovo e più ampio concetto di qualità basato sui valori di stagionalità, freschezza, genuinità e autenticità che compongono quella filiera corta in grado di offrire - allo stesso tempo - trasparenza verso il consumatore e salvaguardia dell integrità ambientale del territorio. Terre di Rossini e Raffaello è l espressione delle cosiddette culture materiali che insieme alle bellezze storiche, artistiche, paesaggistiche della provincia di Pesaro e Urbino costituiscono un diffuso patrimonio di civiltà e tradizioni. Alberto Drudi Presidente della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino Gianfranco Santi Presidente dell Azienda Speciale Terre di Rossini e Raffaello 1

4 A sinistra, veduta di Urbino A destra, Pesaro, Fiorenzuola di Focara, Parco Naturale del colle San Bartolo 2

5 Dove c è bellezza c è bontà Colpo d occhio sulla provincia di Pesaro Urbino. Attraverso luoghi, paesaggi, delizie della tavola Non è difficile associare il bello al buono. Quasi sempre infatti, alle bellezze di un territorio, corrispondono prodotti prelibati e delizie della tavola. E il caso della provincia di Pesaro e Urbino, che dal litorale adriatico fino alle vette dell Appennino offre una sorprendente molteplicità di luoghi e paesaggi dove le comunità hanno innestato armoniose condizioni di vita e una speciale affinità con il bello e con il buono. Il litorale è una suggestiva fascia costiera di 40 chilometri che dall alta falesia del monte San Bartolo digrada in una verde coda di dolci colline fino a Marotta. Da nord a sud si incontrano Gabicce Mare, Pesaro (città natale di Gioachino Rossini) e Fano, ognuna con la propria identità marinara che si ritrova nei semplici e genuini sapori del pesce azzurro e dei brodetti cucinati in vario modo. Le valli del Conca e del Marecchia segnano la parte più aspra del territorio. Le colline sono alte e rocciose e sovente culminano in rocche e fortificazioni memori degli alterni contrasti fra i Malatesta di Rimini e i Montefeltro di Urbino. 3

6 San Leo, Sant Agata Feltria, Pennabilli, Carpegna sono le località più celebri. Tipici di questi luoghi sono i prelibati tartufi, il formaggio di fossa, il prosciutto di Carpegna dop, il pane tradizionale di Maiolo. Urbino e il Montefeltro è il territorio che s irradia dalla nobile città del Rinascimento (patria di Raffaello Sanzio). Tutta l area, per l ineguagliabile bellezza paesaggistica e per le innumerevoli testimonianze storiche e artistiche merita una visita. In particolare, accanto a Urbino, Urbania, Sant Angelo in Vado, Sassocorvaro. A tavola si possono gustare la celebre Casciotta d Urbino dop, salumi, carni di razza marchigiana, frutti autoctoni, funghi. La valle del Metauro traccia il percorso dell antica via Flaminia che in epoca romana congiungeva Fano e il litorale adriatico a Roma. E la valle di tesori enologici e culinari come il Bianchello del Metauro DOC, l olio extravergine Cartoceto dop (uno fra i più apprezzati in Italia) e il tartufo di Acqualagna. Dalla costa verso l entroterra è consigliata una visita a Fossombrone (e al suggestivo passo del Furlo), a Cagli (e 4

7 all altopiano del Monte Petrano che la sovrasta), ad Acqualagna. La valle del Cesano, al confine sud della provincia di Pesaro e Urbino è la terra dove il mare si respira fin sulle colline più alte e distanti. Risalendo si incontrano borghi incantevoli come San Costanzo, Montemaggiore, Mondavio, San Lorenzo in Campo, fino all elegante cittadina di Pergola e al secolare monastero di Fonte Avellana (Serra Sant Abbondio), oasi di pace e spiritualità alle pendici del monte Catria. Protagonisti della cucina e delle tipicità locali sono il farro di Monterosso (unico al mondo, rigenerato dalla specie originaria utilizzata 7 mila anni or sono dai faraoni d Egitto), i singolari mieli al gusto di erbe mediche e aromatiche, il dolce e profumato vino di visciole e lo storico rosso Pergola DOC. Pagina a fianco: a sinistra, Urbania; a destra il Monastero di Fonte Avellana. Sopra: a sinistra, Sant Angelo in Vado-Cascata del Sasso; al centro, Acqualagna-Gola del Furlo; a destra, Pesaro-Parco Naturale del colle San Bartolo 5

8 6

9 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Prosciutto di Carpegna DOP Storia, territorio e tradizione Il prosciutto di Carpegna ha origini antichissime. La prima testimonianza scritta risale al 1463, quando il signore di Cesena, Malatesta Novello, decise di vendere le importanti saline di Cervia alla Serenissima, con l eccezione del diritto di utilizzo, in modo tale da consentire la salatura delle cosce di maiale. Al giorno d oggi il Prosciutto di Carpegna DOP si produce solamente nel territorio dell omonimo comune, con cosce di maiali nati, allevati e macellati nelle Marche, in Emilia Romagna e in Lombardia. La produzione Per produrre il Prosciutto di Carpegna DOP vengono utilizzate solo cosce di suino di peso non inferiore ai 160 kg. La salatura viene effettuata a mano nella noce della coscia; seguono le diverse fasi di preparazione che introducono alla pre-stagionatura, momento importante prima di un lungo periodo di riposo. Le parti del prosciutto non protette dalla cotenna sono ricoperte con uno stucco o sugna, costituito da grasso suino e aromi naturali (farina, pepe nero, grasso di maiale, cannella, paprica ed altri sapori). Il riposo delle cosce nelle celle di stagionatura è alternato periodicamente all aria buona e frizzante della valle. Al termine della lunga stagionatura (almeno 400 giorni), gli artigiani puliscono con grande cura il prosciutto dallo stucco e lo disossano interamente a mano con sapiente abilità. La pressatura a freddo ricompatta il prosciutto nella classica forma piatta o nel più tondeggiante, cosiddetto, addobbo. La degustazione Si presenta con forma tondeggiante e al taglio è di colore rosa salmonato, mentre il grasso vira al rosato. È preferibile tagliarlo a mano col coltello. In cucina si usa consumarlo al naturale. Molto gustoso con le albicocche di collina. 7

10 8

11 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Casciotta d Urbino DOP CARATTERISTICHE E un formaggio fresco prodotto con latte ovino in grande percentuale ma con l aggiunta di latte vaccino. Le Casciotte prodotte con latte crudo sono le migliori, infatti il latte viene portato sino ad una temperatura massima di gradi centigradi, si versa il caglio e si mescola bene. Dopo circa mezz ora il latte si trasforma in cagliata, si frantuma e formata ormai la pasta, la si lavora pressandola e mettendola nelle forme. La Casciotta d Urbino si lascia maturare per una ventina di giorni in ambienti a temperatura e umidità controllata. Le forme sono arrotondate, la crosta è sottile e la pasta di colore bianco, il gusto a tendenza dolce del formaggio è una delle caratteristiche più tipiche di questo prodotto. In cucina utilizzato negli antipasti assieme ai salumi grassi; accompagna le fave fresche; è ottimo a fine pasto con le noci o la pera angelica; alcuni chef lo utilizzano in salsa per condire le tagliatelle al tartufo. ABBINAMENTI I formaggi freschi e a tendenza dolce come la Casciotta si sposano a vini bianchi secchi di medio corpo e non troppo ricchi di alcool: ideali il Bianchello del Metauro DOC e il Colli Pesaresi bianco DOC. ZONA DI ORIGINE Tutta la provincia di Pesaro e Urbino STAGIONALITÀ Tutto l anno, in particolare nei mesi di primavera ed estate. 9

12 10

13 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Olio Extravergine Cartoceto DOP Zone di produzione Le olive destinate alla produzione della DOP Cartoceto devono essere prodotte nei territori collinari dei Comuni vocati all olivicultura aventi le caratteristiche e il livello qualitativo previsti dal disciplinare di produzione. La zona di produzione comprende gli interi territori amministrativi dei comuni di Cartoceto, Saltara, Serrungarina, Mombaroccio e parte di quello di Fano che si identifica in cartografia con tutto il versante collinare nord delimitato dalla ss. Flaminia fino all incrocio con la ss. Adriatica (versante sud) ed il confine amministrativo (versante nord). Varietà di olive La DOP Cartoceto è prodotta con olive provenienti prevalentemente dalle cultivar Raggiola, Frantoio e Leccino, nei rapporti di seguito descritti. Nell ambito dell oliveto iscritto all albo della d.o.p., dette cultivar principali dovranno essere presenti in misura non inferiore al 70% congiuntamente o singolarmente. E ammessa la presenza, fino a un massimo complessivo del 30%, di varietà diverse: Raggia, Moraiolo, Pendolino, Maurino, Carboncella, Nebbia, Rosciola ammesse congiuntamente o singolarmente. colore Verde, o verde con riflessi giallo oro per gli oli ancora molto freschi. Giallo oro, con lievi riflessi verdognoli, per gli oli più maturi. ODORE Fruttato di oliva verde, da leggero a medio, secondo la scala C.O.I., con lieve sentore di erbaceo. Possono essere presenti i caratteristici e gradevoli profumi di mandorla verde e mela acerba. GUSTO Armonico, fra le sensazioni di fruttato verde, dolce, amaro e piccante fusi. Può essere presente un gradevole e caratteristico retrogusto di mandorla verde. Valore del grado di acidità massimo g.0,5% (espresso in acido Oleico) rilevato all imbottigliamento. 11

14 Bruno Baratti, 1985 ca. I dodici mesi dell anno. Settembre Maiolica a gran fuoco. Diametro cm. 34. Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 12

15 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Bianchello del Metauro DOC CARATTERISTICHE All aspetto è brillante, giallo paglierino con riflessi verdolini; al naso ha sentori di pesca e fiori bianchi di biancospino; al sapore è secco, sapido con note di mandorla e spiccata acidità. Può reggere anche un moderato affinamento acquistando morbidezza ed armonia. In cucina viene utilizzato per sfumare le preparazioni di vongole o cozze in sautè e preparazioni di pesce al forno in arrosto segreto. TIPOLOGIE E ottenuto da uve provenienti da vitigno Bianchello o Biancame, possono concorrere per un massimo del 5% anche le uve di Malvasia toscana. STAGIONALITÀ Vino da degustare entro l anno di produzione, ma in certe annate può raggiungere una discreta longevità. ABBINAMENTI Si abbina con antipasti di pesce non salsati, piatti della cucina marinara come risotti e paste fatte a mano con molluschi, piccoli crostacei e pesci di tendenza dolce, carni bianche e Casciotta d Urbino DOP. ZONA DI ORIGINE 18 Comuni del bacino imbrifero del fiume Metauro, da Fossombrone fino a Fano. 13

16 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Colli Pesaresi DOC CARATTERISTICHE Il Colli Pesaresi Rosso è vino di pronta beva, ma piccole zone decisamente vocate consentono di ottenere un prodotto più strutturato, in grado di resistere ad un affinamento anche di 3/4 anni. In gioventù il colore è rosso rubino, il profumo ricorda piccoli frutti rossi. Al sapore è secco, giustamente tannico, di buona struttura, con finale leggermente amarognolo. In cucina è vino da marinature da arrosto e cacciagione, viene usato nella pasticciata, piatto di carne della tradizione ricco di spezie. ABBINAMENTI Si abbina a primi piatti con carne bovina marchigiana, tagliate di manzo e porchetta al finocchio selvatico. TIPOLOGIE Colli Pesaresi Rosso Sangiovese min.70%; possono concorrere altri vitigni fino 30% Colli Pesaresi Sangiovese (anche Riserva e Novello) Sangiovese min.85% Colli Pesaresi Rosato Sangiovese min. 70% Colli Pesaresi Trebbiano Albanella min. 85%; possono concorrere altri vitigni fino 15% Colli Pesaresi Bianco Albanella, Verdicchio ed altri min. 75% SOTTOZONE Colli Pesaresi Focara Rosso (anche Riserva) Sangiovese min. 85%; Pinot nero max 15% Colli Pesaresi Focara Pinot nero (anche Riserva) Colli Pesaresi Roncaglia Bianco Albanella 85%; Pinot nero max 15% STAGIONALITÀ E MATURAZIONE Vini che possono essere degustati giovani ma che resistono a discreti affinamenti. 14

17 DOP&DOC. I tesori del palato Le eccellenze a denominazione di origine protetta e controllata della provincia di Pesaro Urbino Pergola DOC CARATTERISTICHE Rubino a base granato, al profumo esprime le caratteristiche migliori di complessità: visciole, iris, roselline, fragole; al gusto è fresco e di buona persistenza aromatica. ABBINAMENTI Vino profumato di frutta e fiori rossi può abbinarsi a carni bianche preparate con aromi come il coniglio in porchetta; a lumache e a brodetti ricchi di aromaticità. TIPOLOGIE Rosso Novello Passito Composto da vitigni Aleatico min. 70%; possono concorrere altri vitigni a bacca nera riconosciuti dalla Regione Marche, fino a un massimo del 30%. ZONA DI ORIGINE Comune di Pergola, Fratterosa, Frontone, Serra Sant Abbondio, San Lorenzo in Campo, tutti situati in provincia di Pesaro e Urbino. STAGIONALITÀ E MATURAZIONE Le sue caratteristiche migliori si apprezzano entro due anni dalla vendemmia tranne che per la tipologia Passito, che viene messo in commercio dopo il 1 Novembre dell anno successivo alla produzione e possiede elevata longevità, migliorando nell affinamento in bottiglia. 15

18 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello Tartufo Fungo ipogeo che si raccoglie tutto l anno nella fascia appenninica della provincia di Pesaro e Urbino nelle diverse varietà stagionali: il bianco pregiato o rapone, il nero pregiato, lo scorzone o nero estivo, il bianchetto o marzuolo. Prodotto insuperabile per prelibatezza e rarità si conserva fresco per soli 10/15 giorni. Il tartufo dà il meglio di sé in diverse preparazioni: crostini, fondute e frittatine; su tagliatelline in bianco e risotti. Ma anche su filetti tenerissimi di carne marchigiana; su sontuosi cosciotti d agnello o sul fagiano in casseruola. Formaggio di fossa Ricca è la documentazione che attesta la continuità della tradizione e la fedeltà dei procedimenti di produzione e infossatura alle regole antiche. Alcuni documenti trovati nell Archivio di Stato di Cesena, dimostrano che ancora nel 1778, nel Convento di San Lorenzo di Talamello, era consuetudine togliere il formaggio dalle fosse nel mese di novembre. Il formaggio di fossa di oggi è figlio di quella tradizione che si rinnova, mantenendo intatti gli antichi procedimenti di stagionatura. Ogni estate le fosse vengono ripulite e asciugate con un falò di paglia e sterpi poi, dopo aver sistemato con un tavolato il fondo per creare un incavo per raccogliere il liquido, si ricoprono le pareti con un intelaiatura di legno e canne foderata di paglia. Le forme ricavate dal latte ovino, dopo almeno due mesi di maturazione, in agosto si dispongono nelle fosse in sacchi di cotone bianchi, dove il nome del proprietario e il peso sono stati scritti col nerofumo. Una volta piene, le fosse si chiudono con tavole e gesso, per aspettare la riapertura di novembre, quando finalmente il formaggio ha acquistato tutte le sue speciali peculiarità. Una volta recuperato, il formaggio presenta una crosta tenera con pasta soffice che si frantuma in scaglie. Il gusto è 16

19 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello intenso, persistente e penetrante, ma sempre in equilibrio con la tendenza dolce che crea una grande armonia al palato. Zona di origine: Talamello e Sant Agata Feltria. Carne bovina di razza marchigiana IGP La razza bovina marchigiana viene alimentata con tecniche tradizionali, utilizzando in buona parte prodotti quali orzo, fieno, favino e pisello proteico. La carne ha un sapore inimitabile e tipico, ottimi valori dietetici, un basso tenore di colesterolo ed un elevato tenore di proteine nobili. E una carne magra, succulenta e consistente alla masticazione, leggermente rosata ed a grana fine, il cui pregio è esaltato proprio dal tipo di allevamento; infatti i bovini nel periodo primaverile-estivo sono lasciati liberamente al pascolo. Zona di origine: soprattutto nel Montefeltro e nelle zone collinari delle Marche. Pesce e molluschi della costa pesarese Il mare della provincia di Pesaro e Urbino è particolarmente ricco e pescoso: canocchie, scampi, gamberi, astici, seppie, calamari, polipi, scorfani, rane pescatrici, san pietro, rombi, razze, spinaroli, palombi, gattucci, merluzzi, triglie da scoglio, marmore, pagelli, ghiozzi, spigole, sogliole, dentici, orate, saraghi, ricciole, soasi, tonni, pesce spada, telline o calcinelli, cannolicchi, canestrelli, cappesante, ostriche, ecc. Giudicati più poveri ma ricchi di freschezza, gustosità e valore nutritivo: cannelli, moscardini, totani, vongole, cozze, lumachine, sarde, lattarini, saraghe, cefali, alici, sgomberi, lanzardi, cefali, bobe, suri, triglie da fondo, moli, busbane, mazzole, paganelli, pagelli, zanchette e pesce misto per brodetto. Le vongole e le lumachine di mare si trovano in banchi naturali; le vongole vengono raccolte in fondali sabbiosi fino ad un massimo di 2 miglia dalla battigia; le lu- 17

20 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello mache con attrezzi da posta per il fondo (cestini o cestelli) fino ad una distanza massima di 5/6 miglia dalla battigia. Le cozze per il 90% sono d allevamento, il restante proviene da banchi naturali. Nelle acque antistanti alla nostra provincia ci sono 4 impianti (del tipo ad accrescimento naturale, senza alimenti indotti). Le acque di questi impianti sono campionate dalle ASL locali, con la collaborazione dei produttori, una volta al mese, per tutta l ampiezza del compartimento fino ad una distanza dalla battigia di 6 miglia. Rispettare la stagionalità del pesce significa acquistare la qualità al miglior prezzo. Triglia da fondo: da settembre a maggio. Moscardini: da ottobre a dicembre. Seppie: da marzo a giugno. Pesce da brodetto: da settembre a novembre. Canocchie: da maggio a settembre. Sogliole: da giugno ad ottobre. Sgomberi: da aprile a settembre. Nasello o merluzzo: da marzo a maggio. Vongole e cozze si trovano quasi tutto l anno (produzione costante); alcuni mesi dell anno hanno una polpa di maggiore dimensione. Le lumachine da ottobre a maggio, a causa del fermo dell attività di pesca nel periodo estivo.i molluschi e mitili vanno commercializzati e cotti con il guscio ancora chiuso (valve serrate). I gasteropodi vanno acquistati preferibilmente con il mollusco vivo ed in movimento. In cucina i piatti poveri della tradizione sono il brodetto (zuppa di pesce) e le poracce (vongole) alla puretta, i sardon (alici) a scottadito, le cappul (mitili) gratinate, le seppie o i moscardini con i piselli. Il piatto tipico per eccellenza è il brodetto alla fanese che viene preparato con almeno 7-8 varietà di pesce (2 kg di 18

21 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello pesce pulito per 4 persone). I pesci da utilizzare sono: seppie, calamari, scorfano, boccaincava, tracina, triglie, mazzola, rana pescatrice, palombo, san pietro, sogliole, canocchie, grancelle. Le vongole, le cozze e le lumache di mare erano cibi popolari delle coste. Le vongole si possono gustare con spaghetti, nel risotto, con polenta o mangiate al naturale previa cottura. Le cozze possono essere cotte in padella al naturale, oppure condite con mollica di pane, sale, pepe, prezzemolo e poi gratinate al forno; vengono usate anche come condimento per la pasta. Le lumachine sono solitamente cotte al tegame in porchetta (con conserva, finocchio selvatico e ben pepate). Pasta Nelle campagne della provincia di Pesaro e Urbino la coltivazione di cereali è sempre stata un importante realtà. Con le farine di grano tenero le famiglie contadine preparavano il pane cotto nel forno a legna; con quella di grano duro a mezzo si componevano le sfoglie per le paste all uovo fatte in casa. Piatto della domenica per eccellenza, le tagliatelle con il sugo di fagioli, di piccione, di piselli. Nelle festività più importanti (Natale, Pasqua) in tavola si portano i cappelletti in brodo di cappone o i passatelli in brodo di carne o in brodo di pesce. Piatto povero ma davvero saporito, i tacconi sono fatti con la farina di fave e conditi con lardo e pomodoro. Recentemente si sta affermando l ottima pasta di farro salutare e dietetica. Questo cereale viene sempre più coltivato in provincia di Pesaro e Urbino, con importanti risultati qualitativi. Le Lumachelle della Duchessa, ricetta con pasta all uovo ormai dimenticata ma di grande nobiltà, venivano condite con sugo di rigaglie di pollo. 19

22 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello Pane Località particolarmente vocate alla lavorazione del pane sono: Chiaserna, Frontino, Maiolo e Mercatello sul Metauro. I semplici, ma indispensabili segreti per ottenere l ottimo pane che qui si produce sono le farine di qualità ottenute dal grano macinato a pietra, acqua di sorgente, lievito madre, cottura in forno a legna. Risultato: un aroma, una fragranza e una sapidità che mantengono la loro freschezza anche per tre o quattro giorni. Patata rossa di Borgo Pace I pregi di questa patata si esprimono nel sapore determinato dalla qualità del terreno umido e tendenzialmente sciolto. Le arature e il sistema di preparazione dei terreni seguono un criterio strettamente biologico. L altra grande qualità di questa patata sta nella croccantezza che si ottiene con la cottura. Ottimi gli antipasti con tortini di patate, con Casciotta d Urbino DOP e funghi porcini; con il tartufo bianco pregiato, fino ad arrivare a splendidi dolcetti a base di patate. Patata gialla di Montecopiolo E una patata di lunga conservazione, piccola, di forma allungata con buccia rosata. Coltivata nel Montefeltro, nel territorio di Montecopiolo (in particolare nella frazione di Monteboaggine), a 950 metri di altitudine, viene raccolta dalla fine di settembre e agli inizi di ottobre. Particolarmente resistente ai freddi invernali, si usava in cucina lessata e passata in padella con un battuto di lardo e cipolla o cotta sotto la cenere del camino. Pera Angelica di Serrungarina Coltivata in tutto il bacino del fiume Metauro, la pera Angelica matura dalla fine del mese di settembre e continua per tutto ottobre; qualche volta raggiunge anche la metà di novembre. 20

23 Un ricco paniere per tutto l anno Origine, caratteristiche, stagionalità dei prodotti tipici delle Terre di Rossini e Raffaello L albero ha chioma piramidale e rami eretti e foglie piccole. Il frutto è rotondeggiante ed oblungo, non troppo grande. Il colore è verde-giallo con macchia rosata dovuta all esposizione del sole. La polpa è bianca, butirrosa e insieme croccante, piena di sugo abbondante e saporito con note aromatiche all olfatto di uva malvasia e moscato. Vino di visciole Il vino (termine in uso ma improprio) è ottenuto da uve di Pergola rosso DOC, Montepulciano e Sangiovese che vengono fatte rifermentare con le visciole selvatiche e zucchero. Viene prodotto tra giugno e luglio, nel periodo di maturazione della visciola. Si uniscono le visciole al vino, si aggiunge zucchero e si lascia fermentare molto lentamente per circa 4/5 mesi. Infine, con normali tecniche enologiche, il vino viene separato, filtrato e imbottigliato. Zone di origine: Pergola, Cantiano, Cagli e Montefeltro. Moretta di Fano Originariamente nata come bevanda tonificante per i marinai di Fano che dovevano affrontare il mare e le intemperie, la Moretta è un caffè corretto con un mix di liquori e con aggiunta di una piccola scorza di limone e zucchero. Nel passato la povertà portava ad evitare gli sprechi, perciò per la Moretta venivano utilizzati i rimasugli di liquori avanzati. Oggi la bevanda ha assunto un suo equilibrio con proporzionato dosaggio rhum, anice e brandy (o cognac); il liquore va scaldato con zucchero e una scorzetta di limone o di arancia, con il getto di vapore direttamente nel bicchiere, fino a sciogliere lo zucchero. Poi si aggiunge il caffè espresso ben caldo, facendolo scendere in modo da non mescolarlo con il liquore. È servita in piccoli bicchieri trasparenti che consentano di vedere i tipici tre strati: il bianco dello zucchero, il trasparente del liquore e il nero del caffè. È compito del bevitore mescolare con il cucchiaino. Recentemente la Moretta di Fano è stata ufficialmente riconosciuta dall Aibes nella categoria dei cocktail after dinner. 21

24 Ogni giorno biologico Qualità dei consumi, filiera corta. Il successo di una realtà in piena espansione. Nella provincia di Pesaro Urbino, l agricoltura biologica è una realtà già affermata ed in piena espansione. Sempre più coltivatori scelgono infatti questo tipo di produzione in assenza di impiego di sostanze chimiche, adottando politiche di qualità e consumi di filiera corta. La stessa impostazione, a caduta, la possiamo ritrovare in numerosi ristoranti del nostro territorio - soprattutto agriturismi - che utilizzano alimenti biologici selezionati e garantiti per ogni tipologia di prodotto: carni, formaggi, frutta e verdura, oli, vini, marmellate, conserve, farine, legumi, pasta e altro ancora. Nella provincia di Pesaro Urbino, il cosiddetto biologico, fino ad alcuni anni fa sinonimo di appartenenza ad una élite di consumatori, sta di fatto entrando nelle sane abitudini alimentari di ogni giorno. 22

25 Fano, Arco d Augusto 23

26 Terre di Rossini e Raffaello è l azienda speciale costituita dalla Camera di Commercio di Pesaro e Urbino, nell anno 2006, allo scopo di attuare tutte le iniziative volte a valorizzare il territorio provinciale e le produzioni agroalimentari ed ittiche delle imprese locali. Il Consiglio di Amministrazione, per il quinquennio 2007/2012, è composto da: Gianfranco Santi - Presidente Stefano Orsi - Vice Presidente Denis Bernabucci - Consigliere Claudio Blasi - Consigliere Tonino Giardini - Consigliere Giancarlo Pedinotti - Consigliere Angela Tringali - Consigliere Del Consiglio d Amministrazione fa parte, di diritto, il Presidente della Camera di Commercio, Comm. Alberto Drudi. Progetto editoriale Viviana Bucci, Stefano Mariani Graphic design, impaginazione Viviana Bucci (Multipla, Pesaro) Testi Stefano Mariani Traduzioni Tradex, Pesaro Stampa Grafica Vadese Il Collegio dei Revisori dei Conti, per il quinquennio 2006/2011, è composto da: Rita Novelli - Presidente Roberto Nunzi - Componente Oretta Ciancamerla - Componente Direttore dell Azienda è il Segretario Generale della Camera di Commercio, Dott. Fabrizio Schiavoni. Hanno collaborato alla stesura della brochure: Francesca Capoccia, Cristina Sabbatini, Maria Giovanna Carosi Si ringraziano: i Consorzi di tutela dei prodotti Dop e Doc e gli esperti di enogastromia Giuseppe Cristini ed Otello Renzi. dicembre 2008 Referenze fotografiche Copertina e retro immagini in alto, da sinistra Paolo Semprucci - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro Antonio Quattrone - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale immagini al centro, da sinistra Claudio Bartolucci - Archivio Multipla Paolo Semprucci - Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro Michele Sereni - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Seconda di copertina Silvano Bacciardi - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 4 a sinistra Paolo Semprucci - Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro a destra Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 5 Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro Pagina 6 a sinistra Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro a destra Archivio Provincia di Pesaro e Urbino Pagina 7 a sinistra e al centro Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro a destra Filippo Peroni - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 10 e pag. 19 a sinistra Paolo Semprucci - Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro Pagina 12 Paolo Semprucci - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 14 Michele Sereni - Archivio Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro Pagina 19 Paolo Semprucci - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 20 in alto Adriano Gamberini - Archivio Provincia di Pesaro e Urbino in basso Solidea Vitali Rosati - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 21/22 Paolo Semprucci - Archivio Comune di Pesaro Servizio Promozione Territoriale Pagina 24 Paolo Semprucci - Archivio Consorzio Urbino e il Montefeltro Pagina 25 Adriano Gamberini - Archivio Provincia di Pesaro e Urbino 24

27 San Marino Provincia di Perugia Provincia di Rimini Gradara Gabicce Mare Mare Adriatico Pesaro San Leo Talamello Tavullia Sassofeltrio Maiolo Montegrimano Montelabbate Fano Mercatino Conca Novafeltria Monte Cerignone Tavoleto S.Agata Feltria S.Angelo in L. Montecopiolo Auditore Colbordolo Mombaroccio Pennabilli Macerata Feltria Montecalvo Pietrarubbia Petriano Monteciccardo Cartoceto Marotta Carpegna Casteldelci Urbino Saltara Piagge Mondolfo Frontino Isola del Piano Montemaggiore Piandimeleto San Giorgio Provincia Belforte all Isauro Orciano Monte Porzio di Arezzo Sant Ippolito Sant Angelo in V. Barchi Mondavio Fermignano Urbania Fossombrone Fratte Rosa Mercatello sul M. Borgo Pace Apecchio Piobbico Acqualagna Cagli Cantiano Frontone Pergola Serra S.Abbondio San Lorenzo in Campo Provincia di Ancona

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli FRANCO NOBILE GIORGIA ROMEO LA SALUTE VIEN MANGIANDO La qualità dei cibi per la qualità della vita Prefazione di Francesco Schittulli Agli amici paracadutisti della Brigata Folgore Layout e impaginazione

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

Maremma Toscana. DOCG DOC IGT DOP IGP Tradizionali. Prodotti Tipici e Territorio POR FSE

Maremma Toscana. DOCG DOC IGT DOP IGP Tradizionali. Prodotti Tipici e Territorio POR FSE POR FSE 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regione Toscana Maremma Toscana Prodotti Tipici e Territorio DOCG DOC IGT DOP IGP Tradizionali FSE Investiamo nel vostro futuro Cresce l Europa.

Dettagli

D I S P O N E. GF\D:\Documents and Settings\All Users\Documenti\Documenti\NOMINE 2012-2013\GRADUATORIA DEFIN UTILIZZ E ASS PROVV 2012-13.

D I S P O N E. GF\D:\Documents and Settings\All Users\Documenti\Documenti\NOMINE 2012-2013\GRADUATORIA DEFIN UTILIZZ E ASS PROVV 2012-13. Prot. n. 6028 C2CU, 05.09.2012 IL DIRIGENTE VISTO il CCNI sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA sottoscritto per l anno scolastico 20122013 in data 2382012;

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

o ami la carne o te ne innamorerai Menù

o ami la carne o te ne innamorerai Menù o ami la carne o te ne innamorerai Menù Hanno inventato il matrimonio perché non si può cucinare per una persona sola. Anche per questa ragione amiamo cucinare gli stessi piatti per più persone. Nel caso,

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche I RISTORANTI DEL BUON VINO Marchio OSPITALITA ITALIANA della Ristorazione Tipica Astigiana Appendici I, II, III al Disciplinare per la qualificazione dei ristoranti tipici della provincia di Asti Appendice

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

60,99 cad. Monet. Da soli

60,99 cad. Monet. Da soli Monet Da soli 60,99 cad. Cesto in vimini intrecciato bicolore con manici: Panettone classico Milanese, incartato a mano Tre Marie, 750 g Bottiglia legatura Mionetto frizzante Mionetto, 750 ml Bottiglia

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai Generazioni si sono succedute su questa terra, ognuna ne ha preso cura col suo carico d amore e di rispetto, consegnandola alle seguenti certa che fosse in buone mani. La terra, le vigne e il vino è il

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli