Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo"

Transcript

1 SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante (Tunnidi e Sgombridi), di questa ultima esistono delle varianti locali adatte, per dimensioni e per allestimento, alla cattura di giovani pelagici come corifene, ricciole, pesce pilota, etc. oppure modelli di dimensioni più ampie per la pesca del tonno, da maggio a giugno nel Canale di Sicilia. Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo Queste reti vengono utilizzate da natanti di notevoli dimensioni (100 t di stazza e 400 CV di potenza), sono chiamate dai pescatori lampare o ciancioli. Le reti hanno lunghezze di circa 1 km e altezze fino a 300 m. Le reti, di forma rettangolare, sono appesantite sul lato inferiore da una serie di piombi e sul lato superiore presentano dei galleggianti. La pesca avviene di notte tramite un motopeschereccio e due o tre piccole barche munite di sorgenti luminose che hanno lo scopo di attirare i banchi di pesce azzurro. A questo punto il motopeschereccio, coadiuvato da una delle barche più piccole circonda il banco con la rete; questa infine viene chiusa sul lato inferiore e salpata a bordo. La maglia minima consentita dalla legge è di 10 mm di lato. Reti da circuizione per la pesca dei tunnidi o tonnara volante La tonnara volante è la pesca d altura per eccellenza del Canale di Sicilia. Le imbarcazioni che operano in questo settore, oltre ad essere fornite di strumentazione tecnologica ad alto livello, quali girobussola, sistemi GPS con plotter, fish fynder orizzontali (Sonar) e verticali (echosounder), possono imbarcare fino a 25 persone. I motopescherecci sono in tutto per tutto delle navi, sia per l accoglienza di personale, sia per le stive che riescono a contenere quantitativi di tonni dell ordine delle decine di tonnellate e più. Una pratica ora vietata prevede il supporto di un aereo mobile per la ricerca del banco di tonni. Una volta individuato il banco, l aeromobile ne comunica la posizione alle imbarcazioni che raggiunto il posto svuotano le celle frigo delle casse di alaccie conservate appositamente per questa fase. Il banco una volta avvicinato viene trattenuto in prossimità dell imbarcazione grazie al riversamento continuo di casse di pesce esca (alaccie o sarde) che galleggiando e disperdendosi nella colonna d acqua alimentano l intero banco. Quando gli strumenti di bordo confermano l addensamento compatto del banco, viene calata la rete a circuizione che richiudendosi del banco cattura la risorsa. Gli argani a questo punto recuperano l eccesso, fino ad arrivare al pezzale, dove i tonni dimenandosi giungono a morte. A questo punto gru montate a bordo e dotte di cavi con cappi vengono utilizzate per salpare la risorsa dal pezzale. Questa una volta a bordo viene processata secondo i dettami del mercato e conservata nella cella frigo. Una volta fatto il carico uno dei due motopescherecci rimane in mare per la successiva fase di avvistamento, mentre l altro rientra a Mazara scarica il prodotto, carica i pesci esca e riparte per la zona dove l aeromobile sta effettuando le nuove ricerche. La rete raggiunge 2-3 km di lunghezza e 400 di altezza e ha maglie di mm di lato.

2 Selettività ed impatto ambientale delle reti a circuizione Le reti a circuizione sono generalmente considerate reti abbastanza selettive soprattutto quando vengono calate su banchi precedentemente individuati ed identificati. Anche le catture di specie accessorie o di materiale vario di fondo sono di solito piuttosto esigue. Non si hanno notizie di catture con queste reti di specie marine protette quali mammiferi o tartarughe in Mediterraneo, mentre non si può dire altrettanto per l'atlantico in cui queste specie rimangono imprigionate nelle reti a circuizioni più grandi. Tuttavia, considerando le caratteristiche delle reti, se si prendono le dovute precauzioni, nel caso di catture accidentali di specie protette esse possono essere liberate dalle maglie delle reti senza danni. Per ciò che concerne l'impatto sul fondo queste reti non ne presentano affatto, dato che normalmente non arrivano a toccare il fondo. In qualche zona poco profonda può capitare che, calando le reti a circuizione molto grandi, il cavo di chiusura strascichi sul fondo. Si tratta però di casi eccezionali ed occasionali, dato che lo stesso pescatore non ha interesse a rischiare danni alla rete, molto costosa, in una cala dove il fondale è troppo basso. (informazioni tratte da: Icram - classificazione e descrizione degli attrezzi da pesca in uso nelle marinerie italiane con particolare riferimento al loro impatto ambientale) IMPATTO DEI METODI DI PESCA IN BASE AL SISTEMA UTILIZZATO DALL' MCS (Marine Conservation Society) Nello specifico della pesca a circuizione (cianciolo), l'impatto è considerato basso, analogamente alla rete da fondo combinata, e alla circuizione danese metodi di pesca specie target impatto sull'habitat impatto sulle specie non-target, giovanili, scarti impatto sulle specie non-target - gestione bycatch Misure di conservazione o mitigazione disponibili (non necessariamente applicate) valutazione complessiva cianciolo sgombro, tonno, aringa, sardine impatto molto basso/ gestione corretta basso impatto/la gestione richiede qualche miglioramento basso impatto/la gestione richiede qualche miglioramento metodi "Dolphin friendly" dove applicabili basso impatto/la gestione richiede qualche miglioramento simbolo verde: impatto molto basso/gestione corretta simbolo giallo: presenza di impatto/la gestione richiede un miglioramento simbolo grafico verde A questa categoria appartengono le specie che, in base ai criteri di valutazione MCS, rappresentano la scelta alimentare più sostenibile perché derivano da stock la cui pesca è gestita in maniera sostenibile; a questa categoria appartengono specie che si riproducono rapidamente e sono più resilienti alla pressione di pesca. simbolo grafico giallo-arancio A questa categoria appartengono specie che, in base ai criteri valutazione dell MCS, sono da consumare con moderazione per evitare di portare lo status dello stock a livelli critici. Le cause della probabile insostenibilità sono da ricercare in una cattiva gestione ambientale o dello stock. Si può trattare di specie in ripresa da precedenti periodi di sovra sfruttamento o specie con una bassa resilienza alla pesca (necessitano di un periodo di tempo elevato per riprodursi) e su di esse possono incidere maggiormente i nuovi metodi di pesca

3 Selettività ed impatto ambientale degli ami Come per le reti derivanti, anche il palangaro di superficie può presentare alcuni inconvenienti alla navigazione o entrare in conflitto con altri mestieri di pesca, ma questi problemi pratici in realtà si riducono al rispetto per le norme che regolano tale attrezzo e ad una buona segnalazione dello stesso, anche di notte grazie alle molte tecnologie (esempio le boe radarabili) oggi in uso. Per ciò che concerne l impatto ambientale del palangaro derivante, sulle specie con cui entra in contatto è nota soprattutto la cattura accidentale di qualche tartaruga marina mediterranea, specie protetta e a rischio di estinzione (se permettessero di calare a tonni con innescati totani interi e quindi ami grossi sarebbero ridotte le catture di tartaruga. Tali catture, di cui però non se ne conosce l effettiva entità, sono generalmente non mortali in quanto la tartaruga può essere liberata in mare durante il salpamento dell attrezzo. Esistono però problemi legati all impatto sui giovanili dei grandi pelagici prima della taglia di prima riproduzione, soprattutto per quanto riguarda il pesce spada (Xiphias gladius). Questo induce alll utilità di periodi di sospensione dell attività di pesca per consentire allo stock di giovani pesce spada di crescere e raggiungere la taglia di prima riproduzione. In uno studio risalente al 1998 (Marano et al.,1998), effettuato in Basso Adriatico sulla cattura di grandi pelagici con vari attrezzi tra cui i palamiti, viene rilevata la cattura di giovani di tonno rosso (Thunnus thynnus) durante la campagna di pesca per la cattura dell alalunga che è solito formare dei banchi con il tonno rosso. Tuttavia si è osservato durante questa ricerca che qualora la pesca venga esercitata in zone distanti dalla costa miglia (Es: tali distanze non vengono marcate dalla pesca nel salernitano se non in casi isolati perché la pesca è per lo più costiera) ed utilizzando ami medio - grandi (7-10 cm) l incidenza di catture dei giovanili si contrae, cioè diminuisce notevolmente. Questo dato è molto significativo nella valutazione dell impatto che la pesca con il palangaro esercita sugli stock dei grandi pelagici. Infatti, come accennato sopra, la cattura di specie di determinata taglia è in relazione alla dimensione dell amo. Bisogna considerare che nel palamito di superficie tradizionale vengono utilizzati principalmente ami di grosse dimensioni e braccioli molto lunghi (fino a 50 m per il tonno rosso); soprattutto i palangari che hanno come specie bersaglio il tonno rosso mediterraneo, presentano un incidenza di cattura di giovanili molto bassa. Non altrettanto si può dire per altre specie bersaglio di dimensioni minori del tonno rosso la cui pesca è esercitata in periodi che sono di accrescimento e sviluppo per specie di notevole importanza economica come il pesce spada. Il rispetto delle norme che concernono la limitazione della lunghezza del trave e una più severa regolamentazione sui periodi di pesca che dovrebbe tenere conto anche degli ingenti ed incontrollati prelievi effettuati tutto l anno sulle risorse pelagiche presenti in Mediterraneo da flottiglie di Paesi extra - mediterranei, in conflitto con l attività di pesca professionale praticata in Italia, potrebbero attenuare la pressione di pesca e limitare futuri danni sulle popolazioni ittiche. Negli ultimi anni è balzata all attenzione di molte Commissioni internazionali il problema di catture accessorie di grossi predatori pelagici da parte dei palamiti ed altri attrezzi che operano sulla superficie del mare. Queste catture accidentali, considerate accessorie e di poco pregio, nel corso degli anni hanno destato l attenzione di molti ricercatori perché costituiscono un importante anello nella catena trofica dell ecosistema marino. Fino a qualche anno fa le reti derivanti erano considerate reti da incentivare perché considerate molto selettive e in realtà lo sono, ma la cattura accidentale di mammiferi marini e la volontà di una loro stretta e puntuale protezione, ha portato al loro ridimensionamento e al loro bando. (Informazioni tratte da: Icram -classificazione e descrizione degli attrezzi da pesca in uso nelle marinerie italiane con particolare riferimento al loro impatto ambientale)

4 BYCATCH PER ATTREZZO DA PESCA Attrezzo Ambiente Cattura Scarto Traino Strascico fondali sabbioso-fangosi variano in base alla stagione e condizioni meteo Rapido fondali sabbioso-fangosi costieri sogliole canocchie Volante acciughe squali sardine pesce spada grandi pelagici mugilidi Circuizione Cianciolo per pesce azzurro (lampara) acciughe giovanili di grandi pelagici (tonno rosso) sardine Draga idraulica fondali sabbiosi e sabbiosofangosi vongole (vongolara) canolicchi, bibi (cannellara) fasolari (fasolara) danni a larve e uova di di diverse specie presenti nell'area di pesca Sciabica Sciabica per bianchetto giovanili di acciuga e sardina Sciabica per rossetto Aphia minuta

5 Attrezzo Ambiente Cattura Scarto Palangari Palangaro fisso ancorato al fondo, fornito di ami piccoli specie demersali organismi bentonici bento-nectonici riproduttori di Nasello Palangaro derivante mantenuto in superficie, presenta ami grandi specie demersali mammiferi grandi pelagici tartarughe squali uccelli marini individui commerciali sottotaglia (anche tonno rosso o spada) Posta Tremaglio scofani aragoste seppie specie di fondale Imbrocco calata in superficie o a mezz'acqua specie pelagiche necto-bentoniche sogliole canocchie palombi naselli salpe occhiate

6 Attrezzo Ambiente Cattura Scarto Posta Rete circuitante acque poco profonde e laguna tartarughe squali rararmente delfini Nasse bentonici bento-nectonici polpi seppie lumachina di mare pesci ptregiati scampi - sud Italia gamberi - sud Italia

7 BY CATCH By catch di specie protette In Mediterraneo le catture di specie non target, riguardano spesso specie protette: - uccelli marini, in particolare marangone dal ciuffo e gabbiano corso, che hanno alti tassi di mortalità il by catch è causato per lo più delle reti da posta derivanti e dei palangari; - la tartaruga marina Caretta caretta caretta e la tartaruga verde verde Chelonia mydas, che vengono catturate in particolare con le reti a strascico da fondo e, in misura minore, dai palangari di superficie utilizzati per la pesca al pesce spada; - cetacei, più comunemente la stentella striata Stenella coeruleoalba, il delfino comune Delphinus delphis, capodoglio Physeter catodon e la balenottera comune Balaenoptera physalus. La causa principale delle catture è l'utilizzo illegale delle reti reti da posta derivanti. Per ridurre le catture accessorie di specie non target, sono state adottate alcune raccomandazioni indette dagli organismi internazionali, e sono state attuate misure per ridurre il by catch. In accordo con la risoluzione 44/225 e 46/215 adottata nel 1989 e nel 1991 dall'assemblea generale delle Nazioni Unite, è stata concordata una moratoria a livello mondiale relativa alla pesca con grandi reti pelagiche derivanti. Nel 1992, l'unione europea ha vietato nel Mediterraneo la pesca con reti da posta derivanti di lunghezza superiore a 2,5 km, così come ha successivamente fatto il GFCM nel 1997 con una risoluzione vincolante. La stessa decisione è stata adottata dall'iccat. Tutte le attività di pesca al di fuori di questo quadro giuridico rientrano in quella che viene definita pesca illegale. La Pesca INN e l'uso di reti derivanti illegali nel Mediterraneo sono quindi strettamente connesse. Negli ultimi anni, è stato segnalato un numero crescente di catture cetacei. In un primo momento è stato notato come incremento di spiaggiamenti in particolare nel Mar Ligure. E 'stato anche osservato che una buona percentuale degli animali spiaggiati mostrava evidenza di impigliamento nella rete. Nonostante l'evidenza dei fatti, le reti derivanti di grandi dimensioni sono ancora utilizzati in diverse aree del Mediterraneo. Ghost fisheries - pesca fantasma Un problema strettamente connesso al by catch e alla pesca illegale è la così detta " Ghost fisheries " (pesca fantasma), ovvero la presenza sul fondo di reti fantasma. I pescatori che praticano la pesca illegale per sfuggire ai pattugliamenti della guardia costiera o di altre autorità competenti, abbandonano le loro reti in mare. Le reti abbondonate possono dare luogo alla pesca fantasma, ovvero molti organismi come il palombo, razze e delfini, possono rimanere impigliati nella rete, per essere trasportati, una volta morti, a riva o sui fondali. Un ulteriore problema indotto dalla pesca fantasma è il danno che possono subire altre imbarcazioni nel momento in cui le le reti rimangono impigliate nell'elica.

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Provincia di Salerno UN MARE di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Un mare di qualità Studio per la protezione e valorizzazione

Dettagli

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Progetto LIFE NATURA Co.Me.Bi.S. La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Integrated management of coastal and marine ecosystems of the Mediterranean Simona Clò Responsabile

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO, LA COMPETITIVITA E LA SOSTENIBILITA DELLA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE AI SENSI DEL REG. (CE) 508/2014 art.18, comma 1, lettera i INDICE

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Consumo del motore, velocità della barca

Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore - Consumo specifico di carburante secondo i vari tipi di motore Motore Densità (d ) del carburat ore Consumo (s) in grammi per CV e per ora 2

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo:

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo: Riduzione delle catture accidentali di tartarughe con il palangaro derivante: la situazione in Italia e all estero Linnaeus, 1758 Chelonia mydas Linnaeus, 1758 crostacei meduse Susanna Piovano Università

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

FUTURO A RISCHIO PER IL PESCE AZZURRO NEL CANALE DI SICILIA

FUTURO A RISCHIO PER IL PESCE AZZURRO NEL CANALE DI SICILIA FUTURO A RISCHIO PER IL PESCE AZZURRO NEL CANALE DI SICILIA L ultimo caso di Sciacca Quannu pensu a Pirollu pensu a tia, a tia, politicanti novicentu, chi metti focu ntra la compagnia, chi fai campari

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

LA GUIDA DEL PESCATURISMO

LA GUIDA DEL PESCATURISMO LA GUIDA DEL PESCATURISMO Nell oscurità il vecchio sentì giungere il mattino e mentre remava udì il suono tremolante dei pesci volanti che uscivano dall acqua e il sibilo fatto dalle rigide ali tese mentre

Dettagli

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA A FUEL CONSUMPTION BASED METHOD TO MEASURE THE FISHING EFFORT 7 IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 PESCA SPORTIVA Nelle righe che seguono tratteremo gli aspetti della pesca sportiva in mare riferendoci a quanto è previsto tuttora dalla legislazione

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

CONVEGNO. Roma 13 Luglio 2006 Sala del Cenacolo Camera dei Deputati Vicolo Valdina 3/a

CONVEGNO. Roma 13 Luglio 2006 Sala del Cenacolo Camera dei Deputati Vicolo Valdina 3/a CONVEGNO CONTRO LA PESCA ILLEGALE PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITÀ Sviluppare l impegno dell associazionismo per una più efficace strategia di contrasto Roma 13 Luglio 2006 Sala del Cenacolo Camera dei

Dettagli

RAPPORTO DI CAMPAGNA 1: VALUTAZIONE DELL IMPATTO FISICO DETERMINATO DA ATTREZZTAURE TRAINATE SUL FONDO TRAMITE SIDESCAN SONAR (Marzo 2010)

RAPPORTO DI CAMPAGNA 1: VALUTAZIONE DELL IMPATTO FISICO DETERMINATO DA ATTREZZTAURE TRAINATE SUL FONDO TRAMITE SIDESCAN SONAR (Marzo 2010) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Istituto di Scienze Marine (ISMAR), Sede di Ancona Largo Fiera della Pesca, 1 60125 Ancona, Italy Unità di Tecnologia della Pesca (CNR-ISMAR, AN) RAPPORTO DI CAMPAGNA

Dettagli

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10)

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10) ò essere letto con Acrobat Reader 4.0, ma è del rendimento e dell'interattività. È conveniente per una buona lettura scegliere l'opzione Continuopagine affiancate dal Menu "Vista" I capitoli dell'indice

Dettagli

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO CAMPAGNA PESCA: NUOVO RAPPORTO DEL WWF IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO La più grave minaccia per una specie già in pericolo Sommario: Negli ultimi anni l'allevamento del tonno

Dettagli

CURIOSITÀ CURIOSITÀ DOMANDE CURIOSITÀ DOMANDE CURIOSITÀ

CURIOSITÀ CURIOSITÀ DOMANDE CURIOSITÀ DOMANDE CURIOSITÀ DOMANDE CURIOSITÀ CURIOSITÀ 24 Per alleggerire la pressione di pesca sulle risorse ittiche, quale tra questi provvedimenti non viene utilizzato? a. Allargare le maglie delle reti di pesca per diminuire

Dettagli

Capitolo 4 L attività di pesca

Capitolo 4 L attività di pesca Capitolo 4 L attività di pesca 4.1 Sistemi di pesca e tecnologia Ferretti M. L attività di pesca è un attività millenaria. L uomo ha sempre cercato sostentamento anche dal mare. È chiaro che nel tempo

Dettagli

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 Yacht Club Porto Rotondo A.S.D. International Sportfishing Association PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 GARA DI PESCA D ALTURA PORTO ROTONDO 21-22 AGOSTO 2015 PROGRAMMA Venerdì 21 agosto pomeriggio

Dettagli

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Action Plan Italia Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Genesi del provvedimento Il 17 dicembre 2012 la Commissione europea richiama l Italia sulle sue

Dettagli

1. Impariamo a conoscere i cetacei e le tartarughe marine che vivono nel nostro Mare Adriatico!

1. Impariamo a conoscere i cetacei e le tartarughe marine che vivono nel nostro Mare Adriatico! 22/07/2013 Network per la tutela dei cetacei e delle tartarughe marine nell Adriatico Il progetto NETCET è finanziato dal programma IPA Adriatico di Cooperazione Transfrontaliera, specificamente nell ambito

Dettagli

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico Blue World Insititution Un mare allungato, semi chiuso, connesso al resto del Mediterraneo dal Canale di Otranto, largo 70 km Il ricambio dell acqua

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000279 Beneficiario Coordinatore: CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile Via Albalonga n. 3 00183 Roma (RM) Tel.: 06-64960300/1/2 Fax: 06-64960366 Contatto:

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione rivolte ai pescatori e di aggiornamento rivolte ai Corpi di Sorveglianza in mare

Azioni di sensibilizzazione rivolte ai pescatori e di aggiornamento rivolte ai Corpi di Sorveglianza in mare GOVERNANCE AND INTEGRATED OBSERVATION OF MARINE NATURAL HABITAT Azioni di sensibilizzazione rivolte ai pescatori e di aggiornamento rivolte ai Corpi di Sorveglianza in mare Programma cofinanziato con il

Dettagli

Rapporto sui questionari per i pescatori professionali

Rapporto sui questionari per i pescatori professionali LIFE12 NAT/IT/000937 Azione A3: Consultazione dei pescatori Rapporto sui questionari per i pescatori professionali A cura di Maurizio Giganti CTS Centro Turistico Studentesco e giovanile Indice Sommario

Dettagli

RICERCA E FOTOGRAFIA CANON ACADEMY MARINE WILDLIFE

RICERCA E FOTOGRAFIA CANON ACADEMY MARINE WILDLIFE ISTITUTO TETHYS RICERCA E FOTOGRAFIA CANON ACADEMY MARINE WILDLIFE Workshop di fotografia su balene e delfini del Santuario Pelagos, Mar Ligure Referente scientifico/nautico Sabina Airoldi Direttore, Cetacean

Dettagli

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA Tipologia dell area (isola, zona scarsamente popolata, piccolo porto di pesca isolato o adiacente

Dettagli

CENSIMENTO E MONITORAGGIO CETACEI IN GOLFO DI TRIESTE ANNO 2014

CENSIMENTO E MONITORAGGIO CETACEI IN GOLFO DI TRIESTE ANNO 2014 WWF Italia ONG-Onlus Area Marina Protetta di Miramare Viale Miramare, 349 342 Trieste Tel 040 22447 Fax: 040 224636 e-mail:info@riservamarinamiramare.it sito: www.riservamarinamiramare.it CENSIMENTO E

Dettagli

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva L acciuga o alice (Engraulis encrasicolus) è il pesce azzurro per eccellenza e può senza dubbio essere considerata l oro blu del nostro mare. Non a caso è anche

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 76 Barca/Boat INVINCIBLE BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 Light drifting alle palamite e pesca a bolentino sono i due campi d azione ideali per questa canna.

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT

NOTA. Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT NOTA Dipartimento tematico B Politiche strutturali e di coesione LA PESCA NEL DODECANNESO PESCA 2008 IT Direzione generale delle Politiche interne dell Unione Unità tematica - Politiche strutturali e

Dettagli

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche.

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche. Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione B B Agricoltura e sviluppo

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i Dal Mare con Amore C a t a l o g o P r o d o t t i 2 0 0 9 L azienda Iasa nasce a Salerno nel 1969 dalla trasformazione in una moderna società di quella che era l attività di famiglia dei soci fondatori,

Dettagli

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P.

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P. CostardellA AgugliA NasellO TonnO Trigli GamberO Pesce PilotA TombarellO Aguglia ImperialE TotanO LanzardO PolpO Pesce SpadA OcchiatA AcciugA TrigliA Atlante per il mare D.O.P. Guida al consumo sostenibile

Dettagli

Report sui dati acquisiti dalla Banca Dati Spiaggiamenti nel 2014.

Report sui dati acquisiti dalla Banca Dati Spiaggiamenti nel 2014. http://mammiferimarini.unipv.it Pavia, 12 gennaio 2 Report sui dati acquisiti dalla Banca Dati Spiaggiamenti nel 214. A cura di Gianni Pavan, Elisabetta Bernuzzi, Michela Podestà Il funzionamento della

Dettagli

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Introduzione Spagnolo M. I sistemi informativi relativi al settore della pesca svolgono un ruolo centrale di supporto alla elaborazione e definizione

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo

Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo FEP 2007-2013 MISURA 3.1 Azioni collettive (art. 37 lettera m - Piani di gestione locali) Reg. (CE) n. 1198/2006 Piano di Gestione Locale dell Unità Gestionale da Capo Calavà a Capo Milazzo Co.Ge.P.A.

Dettagli

Newsletter n. 2. Esplorazione dei fondali mediterranei

Newsletter n. 2. Esplorazione dei fondali mediterranei Newsletter n. 2 Maggio 2015 Esplorazione dei fondali mediterranei 1 Area di studio ECOSAFIMED: Golfo di Patti, Italia 3 Eventi ECOSAFIMED 6 Esplorazione dei fondali mediterranei Il primo anno del progetto

Dettagli

Manfredonia Luglio 2014

Manfredonia Luglio 2014 PIANO DI GESTIONE PER LA PESCA DEL ROSSETTO (APHIA MINUTA) NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI MANFREDONIA CON L UTILIZZO DELLA SCIABICA DA NATANTE, IN DEROGA ALLA DIMENSIONE MINIMA DELLA MAGLIA DELLA RETE

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Azione C2. Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED

Azione C2. Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED Azione C2 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nelle reti a strascico: messa a punto e diffusione dei TED Programma dei Seminari informativi Programma Seminari informativi Il materiale

Dettagli

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa La sostenibilità della risorsa Oggi il quadro delle risorse ittiche dell Adriatico è drammatico. Anni di supersfruttamento delle risorse ittiche hanno causato dei gravissimi gap riproduttivi in tutte le

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO ATTIVITÀ ITTICHE, COMMERCIO E TUTELA DEL CONSUMATORE, CACCIA E PESCA SPORTIVA

GIUNTA REGIONE MARCHE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO ATTIVITÀ ITTICHE, COMMERCIO E TUTELA DEL CONSUMATORE, CACCIA E PESCA SPORTIVA GIUNTA REGIONE MARCHE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO ATTIVITÀ ITTICHE, COMMERCIO E TUTELA DEL CONSUMATORE, CACCIA E PESCA SPORTIVA PROGRAMMAZIONE SFOP 2000/2006 INTERVENTI A SOSTEGNO DEL SETTORE

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014)

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) Risorse finanziarie Risorse totali FEAMP 5 miliardi e 750 milioni da dividersi fra 27 Stati Membri Disponibilità per l Italia: 537 milioni

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

La pesca professionale nell AMP Portofino

La pesca professionale nell AMP Portofino La pesca professionale nell AMP Portofino In Liguria la piccola pesca artigianale, un attività praticata sottocosta con piccole imbarcazioni, occupa un posto di rilievo nell economia di molti borghi costieri

Dettagli

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA DISCIPLINARE Indice Emissione del 09.01.2007 2 1. INTRODUZIONE OP con sede in via Molo Mondracchio, s.n 60125 Ancona (indirizzo internet www.conpesca.it) L OP, ai sensi e per gli effetti delle norme comunitarie

Dettagli

ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE

ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE Magic Marlin di Santo e Consolato Polimeno S.S. 106 - Zona Industriale - Condofuri Marina (RC) Tel. + 39 0965 784269 - Fax + 39 0965 784269 www.magicmarlin.it

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N.

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16/2003 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015

BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 BOMBARDAMENTO A TAPPETO I pesci e gli airgun nell Adriatico AGOSTO 2015 UNA rapida premessa Il governo italiano ha deciso di portare a compimento la strategia della trivella che ha avuto i suoi primi vagiti

Dettagli

ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016

ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016 ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016 La vasca de Piranha IL PERCORSO ESPOSITIVO Le 25 vasche espositive vi aspettano per farvi conoscere le specie tipiche della Sardegna, tra le quali il

Dettagli

Uso sostenibile delle risorse ittiche

Uso sostenibile delle risorse ittiche Uso sostenibile delle risorse ittiche Pesca in mare da noi Photo M. Roggo Sostenibilità La sostenibilità è un principio guida per l'uso delle risorse, nella quale la conservazione delle caratteristiche

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16 /2002 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di

Dettagli

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo R MA MA IMED L a P e s c a come fattore di sviluppo del Turismo sostenibile Introduzione R A M M I D E La gioia dei gabbiani all arrivo in porto di un peschereccio al termine di una battuta di pesca rende

Dettagli

Gaudin, C.; De Young, C. Studies and Reviews. General Fisheries Commission for the Mediterranean. No. 81. Rome, FAO. 2007 - ISBN 978-92-5-105898-5

Gaudin, C.; De Young, C. Studies and Reviews. General Fisheries Commission for the Mediterranean. No. 81. Rome, FAO. 2007 - ISBN 978-92-5-105898-5 Gaudin, C.; De Young, C. La pesca ricreativa nei paesi del Mediterraneo: rassegna delle normative in vigore. Recreational fisheries in the Mediterranean countries: a review of existing legal frameworks.

Dettagli

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca

Commissariato italiano per la Convenzione italo-svizzera sulla pesca ACQUE ITALIANE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA ORDINANZE E COMUNICATI IN VIGORE DAL 01/01/2015 DATA N. Argomento ordinanze pag. 01/01/15 C1/15 Nuovo Regolamento di Applicazione (R.d.A.

Dettagli

GSA 9 - Mar Ligure, Mar Tirreno Settentrionale e Centrale. Altri sistemi

GSA 9 - Mar Ligure, Mar Tirreno Settentrionale e Centrale. Altri sistemi PIANO DI GESTIONE (ex art.24 del Reg. (CE) n.1198/2006 e art.19 del Reg. (CE) n.1967/2006) GSA 9 - Mar Ligure, Mar Tirreno Settentrionale e Centrale Altri sistemi 1. Ambiti di applicazione... 3 2. Obiettivo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO DI Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) NELL ARCIPELAGO PONTINO - CAMPANO, TIRRENO CENTRO MERIDIONALE

OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO DI Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) NELL ARCIPELAGO PONTINO - CAMPANO, TIRRENO CENTRO MERIDIONALE OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO DI Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) NELL ARCIPELAGO PONTINO - CAMPANO, TIRRENO CENTRO MERIDIONALE 1-2 B. Mussi, 1-2 A. Miragliuolo, 2-3 M. Battaglia 1 Studiomare, via

Dettagli

CAMPI DI RICERCA SUI CETACEI

CAMPI DI RICERCA SUI CETACEI CAMPI DI RICERCA SUI CETACEI ISOLA D ELBA, ITALIA 2014 COOPERATIVA PELAGOS La Cooperativa Pelagos lavora dal 2002 in Arcipelago Toscano nel campo della divulgazione della cultura scientifica e della tutela

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA 2014

SINTESI DEI RISULTATI DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA 2014 1 SINTESI DEI RISULTATI DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA 2014 1. Introduzione La Consultazione pubblica sulla Marine Strategy, avviata il 9 giugno e conclusa il 9 luglio 2014, è uno strumento messo in atto

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

Bocca e denti BOCCA E DENTI

Bocca e denti BOCCA E DENTI BOCCA E DENTI Bocca e denti Anche rispetto alla dentatura le diverse specie di pesci possono presentare molte differenze. Così esistono pesci senza denti (come il pesce spada adulto) ed altri con denti

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Vuoi essere parte del PROBLEMA o della SOLUZIONE?

Vuoi essere parte del PROBLEMA o della SOLUZIONE? Vuoi essere parte del PROBLEMA o della SOLUZIONE? www.surfrider.org www.portalasporta.it ...più si trova ai lati delle strade, al bordo di campi coltivati, impigliato a rami ed alberi, sugli argini dei

Dettagli

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO ICC information and syllabus CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO Per la navigazione all estero il requisito della certificazione di idoneità varia a seconda dei paesi. In

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO Newsletter n. 1 Presentazione del progetto ECOSAFIMED Obiettivi e risultati Intervista con il direttore del progetto Eventi ECOSAFIMED 1 2 3 5 CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE

Dettagli

M.U.D.S. Marine Underwater Depuration System

M.U.D.S. Marine Underwater Depuration System M.U.D.S. Marine Underwater Depuration System E un progetto di Riqualificazione e Protezione dell Habitat Marino Il M.U.D.S. risolve in modo economico il problema degli scarichi urbani dei comuni costieri,

Dettagli

CETACEI NELL ARCIPELAGO DELLE ISOLE PONTINE E CAMPANE. WWF Oasi Blu, c.p. 45, 04028 Scauri (LT), Italia

CETACEI NELL ARCIPELAGO DELLE ISOLE PONTINE E CAMPANE. WWF Oasi Blu, c.p. 45, 04028 Scauri (LT), Italia CETACEI NELL ARCIPELAGO DELLE ISOLE PONTINE E CAMPANE. 1- B. Mussi, 1- A. Miragliuolo, -3 M. Battaglia 1 Studioe, via P.L. D'Abundo, 75 Forio d'ischia (NA) Italia WWF Oasi Blu, c.p. 5, Scauri (LT), Italia

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

MARE SICURO" Il decalogo del Bagnante "MARE SICURO" In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: "MARE SICURO" In Windsurf Ricordati di:

MARE SICURO Il decalogo del Bagnante MARE SICURO In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: MARE SICURO In Windsurf Ricordati di: MARE SICURO" - Il decalogo del Bagnante 1 Non fare il bagno se non sei in perfette condizioni psicofisiche; 2 Anche se sei un buon nuotatore non forzare il tuo fisico; 3 Dopo una lunga esposizione al sole

Dettagli

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale

Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Linee guida e modalità di gestione della pesca nella zona di tutela biologica della Fossa di Pomo Adriatico centrale Relazione tecnica finale DOCUP-PESCA REGIONE ABRUZZO Bando 2005/2006 Asse 4 Misura 4.6

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 41/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 41/2007 DEL CONSIGLIO 20.1.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 15/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 41/2007 DEL CONSIGLIO del

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI RILANCIO DELL OCCUPAZIONE NEL SETTORE ATTRAVERSO NUOVE PROFESSIONI DELLA PESCA NELL AMBITO DEL PROGETTO NUOVE ATTIVITÀ ECONOMICHE E COMPETENZE PROFESSIONALI

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli