CAPRI ISCHIA PROCIDA. informazioni turistiche. Luoghi, eventi, feste Shopping Gusto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPRI ISCHIA PROCIDA. informazioni turistiche. Luoghi, eventi, feste Shopping Gusto"

Transcript

1 CAPRI ISCHIA PROCIDA informazioni turistiche Luoghi, eventi, feste Shopping Gusto

2 CAPRI ISCHIA PROCIDA informazioni turistiche

3 Indice Copyright 2010 COM.TUR - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Napoli Corso Meridionale, Napoli Tel Fax testo Ciro Cenatiempo foto Marco Maraviglia by Clik for look Archivio Com.Tur realizzazione grafica e stampa a cura di Massa Editore s.r.l. Capri Luoghi, eventi, feste Marina Grande, dalla piazzetta a San Michele Gusto I ravioli, l insalata, la torta Shopping Boutique, botteghe d artigiani e laboratori di creazioni Ischia Luoghi, eventi, feste Un tour insulare attraverso i comuni dell isola Gusto Il coniglio all ischitana, il vino e gli ortaggi spontanei Shopping Vasi, piatti e formelle in ceramica, i cestini in rafia Procida Luoghi, eventi, feste L architettura isolana, il venerdì santo, il paesaggio Gusto Il limone, la pesca, la lingua in pastasfoglia Shopping Limoncello, merletti e gli orecchini fatti ad uncinetto

4 PRESENTAZIONE Presentazione Area Marina Protetta del Regno di Nettuno. Un rigoglioso popolamento coralligeno, su cui spiccano i grandi ventagli delle Gorgonie gialle. Per i viaggiatori dell antichità le isole rappresentavano le sedi del Mito, dell Utopia, della Meraviglia. I racconti e le storie del passato consideravano le terre in mezzo al mare come i luoghi dell esotismo per eccellenza, diverse, misteriose, affascinanti. Le descrizioni geografiche si arricchivano di simboli esotici, si coloravano di atmosfere magiche e leggendarie. Per i turisti contemporanei che arrivano nel golfo di Napoli, lo scenario di suggestioni non è cambiato: ancora oggi si dirigono verso Capri, Ischia, e Procida, con il desiderio di ritrovare in esse i paradisi lontani, l Isola Felice, l Isola Beata, l isola del Rubino. Del resto, Capri, Ischia e Procida hanno condiviso per molti secoli gli aspetti sfuggenti e accattivanti di quelle narrazioni insulari e visionarie, di cui erano protagonisti, di volta in volta, le ammalianti e splendide Sirene, il vulcanico gigante Tifeo, il poderoso e divino Eracle. Poi, durante il Grand Tour ottocentesco, le sensazioni e le percezioni delle isole si sono modernizzate. Anche per merito dell arte e della letteratura, della ricerca scientifica, biologica e archeologica che hanno svelato i luoghi capresi, ischitani e proci- dani nella loro intimità, contribuendo comunque a creare, di nuovo, altri miti globali intorno ai tre microcosmi circondati dall azzurro del Mare Tirreno. Capri, Ischia e Procida continuano, così, ad essere tre isole diverse, irresistibili, affascinanti. Avvicinarsi ad esse, colma l animo di una ebbrezza unica, ancora prima dello sbarco. Capri rappresenta la mondanità esclusiva in un contesto di segni millenari un po dionisiaci che si rinnovano da Augusto a Tiberio, da Malaparte a Fersen, e oltre. Ischia è un vero continente in miniatura, per le sue caratteristiche climatiche, i suoi paesaggi mai uguali che ribollono d acqua termale sulfurea. Procida è più marittima, verace come una vongola, quasi una trappola magica di architetture, con la sua flotta di pescatori e i suoi marinai inossidabili. Questa agile guida dedicata alle tre isole dell arcipelago partenopeo è pertanto uno strumento utile per navigare tra le emozioni, è una piccola bussola per orientare i sentimenti verso la scoperta di scorci naturalistici, evidenze monumentali, curiosità, folclori e sapori tradizionali che trasformano il viaggio in un esperienza memorabile. PRESENTAZIONE 6 7

5 In nessun luogo al mondo, vi sono tante occasioni di deliziosa quiete, come in questa piccola isola. (Charles Dickens) CAPRI

6 ISOLA DI CAPRI Luoghi, eventi, feste ISOLA DI CAPRI Capri è la seconda per estensione e numero di abitanti tra le isole dell arcipelago partenopeo. Secondo alcuni studiosi sull origine del nome c è una duplice spiegazione, perché più che isola delle capre, potrebbe essere piuttosto isola dei cinghiali, dal greco kapros, cinghiale appunto, animale del quale sono stati trovati numerosi reperti fossili. È stata definita una scheggia di promontorio, perché in origine rappresentava l estrema punta delle penisola sorrentina, di cui conserva le caratteristiche morfologiche carsiche (è ricca di grotte e anfratti), e dalla quale si è separata in seguito a movimenti tellurici. Colonizzata dai Greci dell Acarnania, divenne romana con Augusto che vi sbarcò nel 29 avanti Cristo. In seguito a un prodigio, Augusto l acquistò dalla Napoli greca in cambio di Ischia, e vi costruì grandi insediamenti, lanciandone lo sviluppo. Alla sua morte, nel 14 dopo Cristo, Tiberio - che ereditò l Impero - la scelse per trascorrervi i suoi ultimi dieci anni, lontano da Roma. La Torre dell orologio nella Piazzetta. 11

7 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI Capri, l arrivo al Porto. CAPRI Appena scesi dal traghetto o dall aliscafo, ci si trova a Marina Grande, approdo commerciale e turistico. È un po come un gran bazar di negozietti e uffici di agenzie, pullulante di escursionisti e viaggiatori d un giorno; e un po è come un villaggio galleggiante per le centinaia di natanti attraccati (molti altri ormeggiano in rada), i cui abitanti amano scendere a terra di sera, quando i gitanti abbandonano l isola. Si può scegliere di andare a fare un tuffo ai Bagni di Tiberio o alla spiaggia libera, non lontana, oppure si va a piedi per le viuzze pedonali e le gradinate che spuntano su via Acquaviva, alla fine della quale c è la porta medievale di Capri. Salendo dal porto per la via provinciale Marina Grande, c è la Chiesa di San Costanzo (divenuto patrono dell isola contro le invasioni saracene) che è però dedicata alla Madonna della ISOLA DI CAPRI Vista sul porto. Il suo territorio è diviso in due dal monte Solaro (589 metri) che, per gli strapiombi delle sue falesie, ne ha condizionato gli insediamenti in due luoghi separati, Capri e Anacapri, che sono Comuni autonomi. Partendo da questi centri principali, i percorsi si dipanano a raggiera verso l interno e le coste, tra i luoghi più significativi da visitare nell Isola delle Sirene

8 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI La piazzetta di Capri. si affacciano le coppie di innamorati: è il primo approccio con un infinità di punti di osservazione incantevoli. Si entra così a piazza Umberto I, ovvero nella Piazzetta, espressione del mito e dell identità caprese, nonché la certificazione della mondanità dell isola. È il cuore dal quale si diparte la vitalità caprese, di giorno e soprattutto di notte; il punto di riferimento del jet-set mondiale che qui ama farsi vedere, incontrarsi, mescolandosi ai turisti, tra tavolini di bar, spazi angusti, chiacchiere multilingue. Nel Settecento (seconda metà) era il luogo del mercato, dunque strategico allora come oggi. In Piazzetta c è il Municipio, la Torre dell Orologio, la Chiesa di Santo Stefano, già cattedrale (fino al 1818, anno in cui fu abolito il vescovado), il cui edificio attuale fu terminato verso la fine del Seicento: è interessante il pavimento policromo in tarsie mar- ISOLA DI CAPRI La scala d accesso dalla funicolare. 14 Libera, ed è stata sede vescovile fino al Probabilmente eretta su una preesistente basilica paleocristiana, ha una struttura a croce greca di influenza bizantina. La festa in onore della Maria Santissima della Libera, rievoca una tradizione religiosa e folcloristica antichissima e molto sentita, e si celebra la domenica successiva all 8 settembre proprio nel borgo marinaro. La cornice tradizionale della processione e delle luminarie per le strade si conclude con un concerto, al quale, a mezzanotte, fa seguito lo spettacolo di fuochi pirotecnici. Per spostarsi dall approdo, in ogni caso, l alternativa è prendere la funicolare, da piazza Vittoria: in cinque minuti si arriva in paese, dopo aver percorso un tratto di 648 metri. Fu inaugurata ai primi del 900 e, da allora, funziona senza soste, a gran ritmo, soprattutto in estate. Dalla sua terrazza panoramica 15

9 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI La piazzetta di Capri. Lo shopping per le vie del Centro. 16 moree davanti all altare maggiore, che proviene dagli scavi di Villa Jovis. Qui è conservata la statua di San Costanzo, il santo protettore di tutta l isola. La festa in suo onore si celebra il 14 maggio. Il giorno prima la statua viene esposta e, dunque, trasportata in processione nella Chiesa di Marina Grande, dove vengono allestite, per l occasione, giostre e bancarelle. In pieno abitato e negli immediati dintorni, non è l unica chiesa: c è ad esempio quella di Sant Anna, eretta alla fine del 300, con una facciata seicentesca; senza dimenticare la Chiesa del SS. Salvatore con il convento delle Teresiane. Nel trecentesco palazzetto di fronte alla Chiesa di Santo Stefano c è il Museo archeologico del Centro caprense Ignazio Cerio, che fu fondato da Edwin Cerio nel 1949 e dedicato al padre, che era un medico naturalista divenuto un profondo conoscitore dell isola in cui si era trasferito nel Va detto, tornando alla dimensione profana, che si deve all inventiva di Raffaele Vuotto, giovane caprese, la sistemazione dei primi tavolini in Piazzetta: era il lontano La Piazzetta, manco a dirlo, è anche il teatro delle manifestazioni di Capodanno ed Epifania (si svolgono anche ad Anacapri), caratterizzate dal ballo della Tarantella. Sono eventi emblematici tra i tanti che l isola accoglie anche dal punto di vista congressuale. Le opzioni, spostandosi dalla Piazzetta, sono ovviamente molteplici e fascinose. Via Le Botteghe ha una atmosfera araba, strettissima, nel centro antico: è qui che furono aperte le prime botteghe di generi alimentari. In via Camerelle si entra nel paradiso dello shopping, tra negozi eleganti e griffe mondiali: ma non bisogna dimenticare che questa strada che lega il piazzale del Quisisana con via Tragara, ha origini romane, ed era caratterizzata da una serie di vani (camerelle, appunto: forse erano cisterne) realizzati in un muro di sostegno. Tragara è considerata la più romantica tra le vie di Capri, ci si muove tra ville, alberghi, colori e profumi, fino a un belvedere e giù alla cala dove, tra i Faraglioni e lo Scoglio del Monacone, c era il principale porto dei Romani. Loro, in un era di sfarzi, in questa zona, costruirono dimore e ninfei, e molto tempo dopo furono imitati da numerosi artisti che, nel Novecento, l hanno eletta a rifugio ideale. I Faraglioni, i tre scogli del mito, erano chiamati Sirenum Scopuli, gli scogli delle sirene. Sono tre pinnacoli risparmiati da frane ed erosioni. Hanno tre nomi diversi. Stella, che è alto 111 metri, è il primo, ed è il più vicino alla costa; il Faraglione di mezzo, alto 81 metri, è legato allo Scopolo (o Faraglione di fuori), da uno spazio marino di otto metri che ha un arco nel centro. Solo sullo Scopolo vive la famosa lucertola azzurra, Podarcis sicula coerulea o Lacerta 17 ISOLA DI CAPRI

10

11 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI I resti archeologici di Villa Jovis. I Faraglioni. Lo scrittore russo Maxime Gorkij. coerulea faraglionensis, che fu scoperta da Ignazio Cerio nel A un quarto d ora dalla Piazzetta, sul versante sud, c è invece la baia di Marina Piccola, dove si giunge percorrendo via Mulo che, per interi tratti, è stata costruita a gradini: qui c è la Villa Pierina, che fu acquistata - con la vicina Villa Serafina - dal grande scrittore russo Maxime Gorkij che, agli inizi del Novecento, vi abitò impegnandosi a organizzare la scuola rivoluzionaria, con gli altri esuli russi. Marina Piccola è un polo del turismo balneare, con i suoi rinomati stabilimenti. Qui, fino alla fine dell Ottocento, c erano solo le casupole dei pescatori di corallo. Scendendo qualche gradino s incontra la cappelletta di Sant Andrea, fatta costruire nel 1900, su progetto del pittore Riccardo Fainardi, da Ugo Andreas, ingegnere tedesco proprietario di Villa Capricorno a Tragara. Va detto che Ugo Andreas, con Mortiz von Bernus, pagò la fabbrica - tra il 1899 e il per la costruzione della chiesa Evangelica, sempre a Tragara, che veniva incontro alle esigenze della folta comunità tedesca di allora: si fa notare per il tetto spiovente e lo stile goticizzante. Continuando, comunque, si arriva allo Sco- glio delle Sirene che divide l insenatura in due, Marina di Pennauro e Marina di Mulo. Secondo alcuni è qui che si trovava il prato fiorito sul mare, quello che nei racconti di Omero e di Apollonio Rodio era il luogo da cui le Sirene tentarono Ulisse con il loro canto melodioso. Al di sopra di Marina Picola, sul versante di sud-est del monte Solaro, a 150 metri sul mare, c è la Grotta delle Felci, dove sono state rinvenute le tracce umane più antiche, datate dal paleolitico superiore all età del bronzo, e in particolare del periodo neolitico intermedio. Sempre dalla Piazzetta, in alternativa, da via Longano, per via Supramonte e, dopo il quadrivio della Croce, entrando in via Tiberio, si può procedere verso l itinerario caprese più celebre, quello che conduce fino a Villa Jovis e al Monte di Tiberio (335 metri). Scenario rurale, tra vigneti, orti, giardi- ISOLA DI CAPRI 20 21

12 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI F. Alvino, Veduta delle rovine di Villa Jovis. Panorama verso la penisola sorrentina e Punta Campanella. 22 ni, agrumeti e boschetti, passando davanti alle cappelle di San Michele (piccolo complesso conventuale con campanile a vela e dai caratteri bizantini), in località Cesina, di Monetella e Moneta. Dedicata a Giove, il capo degli dei, la Villa Jovis dell imperatore Tiberio è la prima tra le dodici ville isolane d epoca romana. Immensa, con settemila metri quadrati di costruzioni, tredicimila metri di parco con terrazze e ninfei disseminati su 40 metri di dislivello, si protende, maestosa, verso la penisola sorrentina e Punta Campanella. Gli scavi di Amedeo Maiuri hanno riportato alla luce il nucleo centrale con grandi cisterne, intorno alle quali s identificano quattro aree: il quartiere dell imperatore e della corte; la zona della servitù, quella delle terme e lo spazio per le udienze pubbliche. Si possono comunque notare almeno due fasi di stratificazione: la prima dell epoca augustea, con l uso di pietra calcarea ricoperta di opus reticolatum con intonaco e pitture, i pavimenti in mosaico di marmo; e la seconda visibile nei pavimenti ricoperti di lastre di marmo e pareti rivestite con mosaico di vetro. Andando oltre, verso l estremità settentrionale della Villa, si arriva al cosiddetto Salto di Tiberio, 297 metri a picco sul mare, che - seguendo i leggendari racconti di Svetonio - era il punto dal quale l imperatore faceva scaraventare vittime umane per il proprio divertimento. Sulla terrazza più alta della Villa, proprio per fronteggiare l atmosfera pagana, i capresi vollero costruire la chiesetta di Santa Maria del Soccorso, ritrovo dei pescatori che lì si incontravano per ringraziare del buon andamento delle battute di pesca. Qui, il 7 e l 8 settembre, si celebra la festa in onore della Vergine, cui si collega la Piedigrotta Tiberiana, con concerti e degustazioni. Dalla prima parte dell itinerario precedente, deviando per via Lo Capo, si giunge a Villa Fersen, costruita dal poeta e conte francese Jacques d Adelsward Fersen ( ), conosciuta anche come Villa Lysis, dal nome del giovane amico del filosofo Socrate. Fersen era un dandy del Decadentismo, un esteta simbolista, che fu perseguitato in patria per la sua omosessualità. Il contesto naturalistico è meraviglioso, e l edificio è di gusto neoclassico, rivisitato in stile liberty. Dal quadrivio della Croce ci si può invece orientare verso gli scenari selvatici dell Arco Naturale, della Grotta di Matermania (o Matromania), fino al Pizzolungo e oltre, costeggiando le pendici del monte Tuoro, fino a scoprire la curiosa sagoma di Villa Malaparte. L Arco Naturale si trova a 200 metri di altezza sul mare, nella cala di Matermania, ed è ciò che resta di uno smottamento di una grande cavità nella montagna, allargatosi nel tempo, per effetto dell erosione marina, prima; dell acqua e del vento, dopo. Continuando, in discesa, la Grotta di 23 ISOLA DI CAPRI

13 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI Via Krupp. Villa Malaparte. Matermania è interessante perché si pensa che fosse la sede del culto di Cibele, la Mater Magna dell antichità, la dea della fecondità. In età imperiale fu utilizzata - lo dimostrano i decori con mosaici alle pareti - come lussuoso ninfeo. Qui si riposava e banchettava. Proseguendo, lo sguardo si posa sull architettura particolare di Villa Malaparte. Lo scrittore Curzio Malaparte, nel 1936, spese 360 lire per comprare il promontorio su Punta Massullo, dove fece costruire - dal 1938 al la Casa come me. Pensata e fatta a propria immagine e somiglianza con l aiuto del progettista razionalista Adalberto Libera. Il panorama spazia dai Faraglioni alla parete di Matermania, mentre a est ci si perde nella costiera amalfitana: è davvero un luogo suggestivo. Ancora partendo dalla Piazzetta, l orizzonte vicino impone di andare ai Giardini di Augusto, a pochi passi. A terrazze panoramiche, questi giardini pubblici facevano parte delle proprietà dell industriale tedesco dell acciaio Alfred Krupp, il re dei cannoni che adorava Capri ma non fu ricambiato di tanto amore. Krupp donò questo parco, intitolato al suo nome fino al 1918, al Comune. Ospita un monumento a Lenin, in ricordo del suo soggiorno caprese, che fu realizzato dallo scultore Giacomo Manzù. A congiungere i Giardini di Augusto con la Marina di Pennaulo, sul versante di Marina Piccola, c è un altro spicchio di mito caprese: la via Krupp, considerata non a caso una vera e propria opera d arte. Ripida, con i suoi tornanti a 90 gradi, si snoda a zig-zag per 1346 metri: fu opera dell ingegnere svizzero Emilio Mayer, fu costruita in meno di due anni nel 1902, e finanziata da Krupp interamente, con la somma di lire. A pochi minuti dai Giardini, c è una conca pianeggiante, scelta per costruirvi il monastero, la Certosa di San Giacomo, fondata nel 1371 dal conte caprese Giacomo Arcucci, segretario della Regina Giovanna I di Napoli. Seguendo le regole del codice certosino (la preghiera, il lavoro, la solitudine), l impianto monumentale presenta prima un ingresso con la foresteria e la farmacia; quindi, il chiostro piccolo dell ultimo quarto del Trecento, sul portico del quale convergevano refettorio, biblioteca e chie- ISOLA DI CAPRI 24 25

14 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI La Casa Rossa. La certosa. sa; poi, il vero e proprio convento con il chiostro grande della fine del 500 con le celle e le zone di servizio, la sala capitolare, gli orti e l alloggio del priore, esposti a ovest verso il mare. La chiesa, a navata unica, presenta tre volte a crociera, mentre il refettorio ospita la sala-museo con i dipinti del pittore simbolista tedesco Karl Wilhelm Diefenbach che visse a Capri dal 1900 alla sua morte, nel 1913; una collezione di pittura tra 600 e 800, e le statue romane rivenute sui fondali della Grotta Azzurra. La Torre dell Orologio, infine, presenta una cuspide con volute barocche. Va ricordato che nel 1534 la Certosa subì seri danni per l incursione di Barbarossa, alla quale seguirono quelle di Mustafà Pascià (1553) e quella del corsaro Dragut. Dopo la fuga dei monaci, il complesso fu ampliato e fortificato. I lunghi lavori si conclusero nel 1636, riprendendo poi, nel 1691, con il restauro della torre, del chiostro grande e del presbiterio, oltre alla costruzione del campanile a tre arcate posto tra i due chiostri e demolito nel Oggi la Certosa è sede, oltre che del museo, di una scuola e della biblioteca comunale. ANACAPRI Spostandosi sull altro versante dell isola, verso occidente, c è la Chiesa di Sant Antonio da Padova, il protettore di Anacapri (è conosciuta anche come Chiesa de Marinai), che ha un impianto seicentesco, ed è stata restaurata e ampliata nel Ha una piccola terrazza panoramica, ed è attraversata dalla cosiddetta Scala Fenicia, che in realtà è greca: questa era l unica via d accesso, verticale e faticosissima, diretta tra il porto e Anacapri, fino a quando fu costruita la strada nel Giunti nel centro storico, da piazza Vittoria, si procede per la strada pedonale alla sinistra del monumento ai Caduti, e si trova la Casa Rossa, dipinta in rosso pompeiano. È stata realizzata con più stili architettonici, ispirati al collezionismo tardo ottocentesco, ha finestre bifore e merlature, ingloba una torre Aragonese cinquecentesca a pianta quadrata e, all interno, ha il cortile porticato. La sua storia è legata alla vicenda del generale americano John Clay H. Mac Kowen, che sbarcò a Capri reduce dalla guerra civile americana, e vi rimase per 23 anni. La sua vita presenta analogie con quella di Axel Munthe che pure trasformò Villa San Michele in una casa museo, infatti raccolse e custodì numerosi reperti archeologici, tra epigrafi, bassorilievi, statue recuperate qua e là sull isola. La Casa Rossa ospita una mostra permanente con tele di maestri italiani e stranieri, collezione che è stata acquistata dal Comune di Anacapri grazie all offerta di Spiridione e Savo Raskovich due appassionati che hanno raccolto e conservato opere dedicate a Capri. Dal 2008 vi si trovano anche le tre statue romane ritrovate nel 1964 e nel 1974 nella Grotta Azzurra. La Villa San Michele è uno dei luoghi più visitati in assoluto: si trova in zona Capodimonte, a cinque minuti dal centro. Fu costruita con un personale ISOLA DI CAPRI 26 27

15 ISOLA DI CAPRI Villa San Michele, progettata dallo svedese Axel Munthe. Panorama. progetto da Axel Munthe, il medico e scrittore svedese ( ) autore del celebre romanzo autobiografico Storia di San Michele, in parte su rovine di epoca romana. Secondo alcuni ci troviamo di fronte a una sorta di follia personale, sulla scorta di quella che ispirò il conte Fersen, per lo stile eclettico, discusso e affascinante, dell architettura. La Villa è gestita dalla Fondazione Axel Munthe San Michele. Nel 1940 Munthe ottenne il divieto di caccia agli uccelli di passo, con grande lungimiranza. Alla sua morte, nella grande tenuta, l Università di Stoccolma ha impiantato una stazione ornitologica di studio sulle migrazioni, che resta un punto di riferimento per gli studiosi che si occupano di ricerca sull avifauna e di tutela dell ambiente, in un contesto che comprende anche il Castello Barbarossa, ricoperto di vegetazione a dir poco straordinaria. Il Barbarossa in questione è Khair ad-dîn, che anche per l isola di Capri fu un vero flagello, cingendo d assedio il castello di Anacapri (eretto nell anno Mille) e incendiandolo. Restando in un contesto paesaggistico-naturalistico, s impone l escursione al Monte Solaro; o all eremo di Santa Maria a Cetrella e, eventualmente, azzardare una passeggiata per il Passetiello, che era una volta l unica e difficile via di collegamento tra Anacapri e Capri. Durante l occupazione francese, nel 1808, il Passetiello ricoprì un ruolo strategico, perché consentì il passaggio delle truppe da un Comune all altro. La cima del Solaro, invece, si può raggiungere a piedi o, più comodamente, in seggiovia prendendo - da piazza Vittoria - per via Caposcuro, a destra. Lo sguardo resta ammaliato dagli scenari che levano il fiato. Nella valle compresa tra il Solaro e il monte Cappello, dominando Marina Piccola, si trova l eremo che deve il suo nome alla cedrina, l erba aromatica, simbolo pro- ISOLA DI CAPRI 29

16 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI Resti archeologici della Villa imperiale di Damecuta Il Faro di Punta Carena. 30 fumato tra i tanti, in un angolo esclusivo di solitudine e contemplazione, scelto per questo dagli eremiti domenicani alla fine del 400. Annessa al convento c è una chiesetta con il campanile quadrato, che costituisce un esempio dell architettura tardogotica caprese. Qui si celebravano i riti di devozione dei pescatori di corallo. Dal cuore di Anacapri si diparte un altra passeggiata cruciale per gli escursionisti dal pollice verde che, partendo a sinistra della stazioncina della seggiovia, conduce al belvedere della Migliera. Qui sono stati ritrovati resti di costruzioni di età imperiale. Ci si affaccia sulle rocce scoscese delle cale del Tuono e del Limno o, verso ovest, si punta lo sguardo fino a Punta Carena e al Faro che, inaugurato il 1 dicembre 1867, è il secondo in Italia per importanza e potenza d illuminazione. La migliera è il luogo dove si coltiva il miglio, che era un cereale diffuso moltissimo, prima dell arrivo del granturco. Si cammina tra vigneti, uliveti, giardini e orti, e la meta finale è davvero spettacolare. Volendo, un po più in alto, ai piedi di una croce di ferro, si gode finanche della vista dei Faraglioni. Punta Carena e il Faro sono raggiungibili comunque da via Nuova del Faro, sempre tra scenari unici, che evocano la storia, per la presenza dei Fortini (di Pino, di Mesola, di Orrico) che, insieme alle torri di Damecuta e della Guardia, costituivano il sistema difensivo occidentale fino a nord, fino alla Grotta Azzurra, in un alternanza di baiette, tra le quali Cala del Tombosiello e Cala del Rio, caratterizzate da una bellezza memorabile. Della grandiosa Villa imperiale di Damecuta, restano pochi resti sull altopiano: lo scavo fu iniziato nel 1937 da Amedeo Maiuri. Si è riusciti a definire l esistenza di una lunga loggia sostenuta da arcate, la presenza di frammenti di colonne in puro marmo greco. Di certo era ricca di pavimenti in marmo, di stucchi, e decorazioni di pregio. La Torre cilindrica di Damecuta, all estremità ovest della Villa, a 151 metri sul mare, fu costruita a difesa del- Uno dei Fortini lungo la costa. 31 ISOLA DI CAPRI

17 ISOLA DI CAPRI ISOLA DI CAPRI Grotta Azzurra. le incursioni saracene, e riutilizzata come fortino dagli inglesi nel periodo del conflitto con i francesi ( ). Dal belvedere si intravede il piccolo scalo di Gràdola con la spiaggetta rocciosa a ridosso della Grotta Azzurra. Della Grotta Azzurra, che lo scrittore Domenico Rea definì come la grotta più celebre dopo quella di Betlemme, si sa che nell immaginario collettivo rappresenta uno dei luoghi più famosi del mondo. Fu esplorata il 18 aprile 1826 da quattro personaggi entrati nella leggenda: c era il pittore tedesco August Kopisch, con l amico paesaggista Ernst Fries, spinti dall unico oste dell isola dell epoca, don Giuseppe Pagano. Con loro c era il pescatore Angelo Ferraro detto Il Riccio, l unico ad averla visitata tra i contemporanei che ne ignoravano l esistenza, a dispetto di un profondo passato durante il quale la grotta era stata frequentata e conosciuta. Kopisch, ne La scoperta della Grotta Azzurra, descrisse con entusiasmo e meraviglia quei momenti: da allora in poi, la grotta è entrata nel mito planetario. L ingresso è largo due metri e alto uno. Il colore azzurro del mare con gli avvolgenti riflessi sulle rocce è dovuto a un varco sottomarino da cui penetra la luce. Vi sono stati trovati resti di un antico approdo: i Romani la usarono come ninfeo, adorno di mosaici e statue. Tornando, infine, al centro di Anacapri, da visitare restano alcuni luoghi di culto. La chiesa monumentale di San Michele, barocca, settecentesca, con architetture ideate da Antonio Vaccaro: ha una pianta centrale con una cupola su un ottagono che si dirama in sei nicchie absidate. Sul pavimento in maiolica, c è la famosa Cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso terrestre. La Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli è invece della fine del 300, quando fu eretta con il nome di Santa Maria alli Curti. La Chiesa di Santa Sofia, a tre navate, è il risultato di numerose stratificazioni: presenta una facciata bianca settecentesca, con un campanile a più orologi e si apre sulla piazzetta. Da non dimenticare, poi, Le Boffe, il quartiere seicentesco descritto da Maiuri. Sul nome, le boffe, pare che venga dal dialetto perché così si indicano le bolle sotto la crosta del pane; ma, per altri, il termine da una deformazione di d Elboeuf, il comandante della guarnigione francese sull isola. In tale scenario, il 13 giugno si tiene la festa patronale di Sant Antonio, con la processione della statua del santo. All inizio di settembre, si svolge la Settembrata Anacaprese, una coinvolgente kermesse folclorica organizzata dal Comune, in una cornice di sagra dell uva, enogastronomia, artigianato, eventi musicali, sfilata di carri allegorici, che è una vera e propria gara tra le quattro contrade locali: Le Boffe, La Porta, Le Stalle, la Pietra. Ogni anno c è un tema da seguire, in un gioco di abilità non solo di tipo organizzativo e creativo, ma anche estetico e artistico. ISOLA DI CAPRI 32 33

18 Gusto j Iravioli, l insalata, la torta: tutto è unito all aggettivo caprese e, dunque, ogni piatto è un vero simbolo dell identità, in una cornice di semplicità assoluta. In questo modo anche i tesori isolani del gusto hanno conquistato un eco internazionale. I ravioli capresi sono considerati il primo piatto per eccellenza dell isola: sono molto delicati e farciti con la caciotta, accompagnati da un fresco condimento di pomodoro e basilico. Ma c è chi li preferisce con burro e salvia oppure fritti. L insalata caprese, lo sanno tutti, è composta da mozzarella, pomodoro, basilico e olio di oliva, ma molti ignorano che fu inventata ad Anacapri nei primi anni del Novecento. E che dire della torta caprese, a base di mandorle e cioccolato, alla quale proprio non si può rinunciare? Da assaggiare anche nella versione al limone o accompagnata con il gelato. Si dice che sia arrivata a Capri al seguito di una famiglia di russi, grazie alle mani di una cuoca che, pare, la preparasse per ufficiali delle truppe napoleoniche durante la campagna di Russia. Nella tradizione culinaria non manca mai l accostamento tra pesce e ortaggi, come resta consolidato, nelle cucine di casa, il totano ripieno o il totano con le patate. La pasta con il sugo della cernia o dello scorfano o, ancora, con la polpa di riccio, è sempre un must, così come la minestra di ceci con le seppioline. In generale, il pesce pregiato, con crostacei e i molluschi, non manca mai. La pezzogna all acqua pazza, ad esempio, conquista per la sua bontà. Altrettanto saporite: le alici indorate e fritte o marinate agli agrumi, i calamaretti in umido o ripieni con uva passa e pinoli. Una storia di gastronomia più rurale la si incontra nello specifico ad Anacapri, dove c è sempre chi prepara le quaglie con la pancetta affumicata, i piselli e gli aromi selvatici. In tavola, tra le 34 PEZZOGNA ALL ACQUA PAZZA Pulire la pezzogna eviscerandola e privarla delle squame, in una padella alta preparare un fondo con aglio in camicia, olio e peperoncino. Quando il tutto sarà rosolato, aggiungere i pomodori tagliati in quattro, la pezzogna e le patate precedentemente tagliate a quadri e fate cuocere in acqua per 5 minuti con il sale, il pepe e il vino bianco. Dopo che il vino sarà sfumato, aggiungere due mestoli di fumetto di pesce e portare a cottura per circa 10 minuti. Alla fine si uniscono le erbe e servire con il pane raffermo tostato. carni, ci sono anche il pollo e il coniglio allevati in zona. Più tipica ancora è la zuppa di cicerchie, legume ormai raro, che comunque trova ancora spazio nei campi ed estimatori convinti. Il vino buono, oggi a denominazione d origine controllata (da vitigni autoctoni), sia bianco che rosso, era apprezzato già dall imperatore Tiberio. Dai profumatissimi limoni capresi, si ricava, infine, un ottimo limoncello. Fino a qualche decennio fa la pezzogna veniva considerata dai pescatori, ma anche dai cuochi un pesce minore e di scarsa importanza ma, da qualche tempo, la pezzogna, conosciuta anche come occhialone, non manca mai nelle proposte della gastronomia di eccellenza, per la qualità organolettica delle sue carni. In particolare le acque al largo di Anacapri, a qualche miglio da Punta Carena, sono tra le più ricche di questo pesce che vive sui fondali rocciosi tra i cento e i trecento metri di profondità. ISOLA DI CAPRI La cucina veloce dell estate caprese è ricca di molteplici preparazioni semplici, da gustare spesso all aperto, dopo aver apparecchiato la tavola in giardino, al riparo di un caratteristico pergolato, e lasciandosi avvolgere dalla brezza salmastra e rilassante dei pomeriggi in cui soffia il nobile vento di maestrale. Uno di questi piatti è un primo a base di pasta, ed è conosciuto popolarmente come la Chiummenzana. È caratterizzato da una freschezza esemplare. In pratica è una variazione sul tema dei classicissimi spaghetti saltati in padella con l aglio, l olio e il peperoncino piccante. In questo caso c è l aggiunta di pomodori rossi tagliati grossolanamente, con un bel po di basilico e un pizzico di origano selvatico. È pronto in un quarto d ora. Con i suoi colori mediterranei, e il suo profumo unico, è un peccato di gola al quale è difficile resistere. j 35 ISOLA DI CAPRI

19 ISOLA DI CAPRI Shopping Capri e Anacapri, per definizione, costituiscono due location esclusive amate dai grandi personaggi che contano, della politica, dell industria, del cinema, della moda, dell arte, dello spettacolo, della cultura in generale. Una ambientazione internazionale senza frontiere che, anche per questo, rappresenta un contenitore completo di tutto quanto ci si sia di firmato, tra negozi e boutique, botteghe d artigiani e laboratori di creazioni da comprare, come ricordo, souvenir, ma anche nel segno dell originalità e del lusso. Tutto si trasforma nel marchio distintivo di Capri. E tutte le Grandi Firme si trovano qui, nelle vie più importanti e note. Capi d abbigliamento e gioielli esagerati, perle e coralli; bigiotteria raffinata, monili e orecchini, ma anche t-shirt o ceramiche artistiche di alta qualità. E ancora, stoffe che evocano una tradizione lontana; oppure scarpe di corda, come quelle mitiche espadrillas che diventarono qui le «zappate- glie», tanto per citare un oggetto portato, soprattutto nel recente passato, e che oggi fanno il paio con i sandali fatti su misura. Per non dimenticare un altra esclusiva, quella dei profumi capresi creati artigianalmente usando le erbe speciali e le spezie che la Natura ha regalato all isola nel corso dei secoli, e che si cercano con cura lungo le coste e i camminamenti scoscesi. Essenze che, a dir poco, sono inebrianti, eleganti. E poi, antiquariato, stampe, quadri d autori isolani, sculture, pizzi e merletti fatti a mano, come i parei, i costumi da bagno, gli scialli, o gli intarsi in legno. Come dire, si passeggia, si ammira e si compra, sempre in uno stupefacente Barnum. Da non perdere. ISOLA DI CAPRI 36 37

20 ISCHIA L'isola d'ischia, che separa il golfo di Gaeta da quello di Napoli ed è separata, da uno stretto canale, dall'isola di Procida, non è che una montagna a picco, la cui cima bianca e folgorante immerge i denti scheggiati dal cielo. I suoi fianchi scoscesi, solcati da vallette, da burroni, letti di torrenti, sono rivestiti dall'alto in basso da castagneti di un verde scuro. I pianori più vicini al mare e inclinati sui flutti hanno delle casupole, delle ville rustiche e dei villaggi per metà celati sotto i pergolati delle vigne. Ognuno di questi villaggi ha la sua marina. Si chiama così il piccolo porto dove si dondolano le barche dei pescatori dell'isola e dove ondeggiano alcuni alberi di navi a vela latina (la vela latina è triangolare, stretta e sospesa a un albero leggermente inclinato indietro). I pennoni quasi toccano gli alberi e le vigne della costa. (Alphonse de Lamartine)

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

GUIDA AI MONUMENTI ANTICHI AZIENDAAUTONOMA DI CURA, SOGGIORNO E TURISMO DELL ISOLA DI CAPRI

GUIDA AI MONUMENTI ANTICHI AZIENDAAUTONOMA DI CURA, SOGGIORNO E TURISMO DELL ISOLA DI CAPRI GUIDA AI MONUMENTI ANTICHI DELL ISOLA DI CAPRI AZIENDAAUTONOMA DI CURA, SOGGIORNO E TURISMO DELL ISOLA DI CAPRI Villa Jovis. Villa di Damecuta. Grotta di Matermania. Scala fenicia. Indice 2 La storia 6

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano

falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano falzone.eu dal 30 aprile al 2 maggio 2015 piazza walther bolzano Festa dei fiori Bolzano dal 30 aprile al 2 maggio 2015 Programma Primavera a Bolzano Bolzano, dove la primavera ha un fascino tutto particolare,

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G.

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G. 1. La scuola adotta un monumento www.lascuolaadottaunmonumento.it a cura della Fondazione Napoli Novantanove www.napolinovantanove.org dal 1 maggio al 2 giugno gli alunni degli istitui scolastici che aderiscono

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Singapore Paese #1. Best in Travel 2015 estratto gratuito

Singapore Paese #1. Best in Travel 2015 estratto gratuito Singapore Paese #1 Best in Travel 2015 estratto gratuito GETTY IMAGES Top 10 Paesi Feste ed eventi In febbraio carri allegorici riccamente decorati, draghi che sputano fuoco e giochi pirotecnici caratterizzano

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO Questo itinerario intende condurvi alla scoperta delle Valli dell Oltrepò celebri per le produzioni viticole, idealmente costruito per permettervi di scoprire oltre alle bellezze del territorio anche l

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli