Vigilanza dei Prodotti della Pesca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vigilanza dei Prodotti della Pesca"

Transcript

1 Ispezione degli Alimenti di origine animale Tecnici della Prevenzione 30 ore Vigilanza dei Prodotti della Pesca Natale Sergio Glorioso 1

2 Una volta arpionai una cernia in tana, ma questa non voleva saperne di venire fuori. Dopo una serie di immersioni ho introdotto il braccio nella grotta per cercare di trascinarla fuori. Toccandola, ho sentito il suo cuore che batteva. È come se improvvisamente mi fossi reso conto di qualcosa. I pesci non gridano, non ci fanno impressione, appartengono ad un mondo diverso dal nostro. Lo consideriamo un mondo non nostro e gli abitanti estranei. Eppure quando sparavo ai saraghi, questi si dibattevano. Dovremmo imparare a parlare dei pesci come entità viventi. Se potessimo sentire il loro grido di dolore, sono convinto che smetteremmo di mangiarli. Enzo Maiorca

3 Definizioni Sono da intendersi prodotti della pesca tutti gli animali marini e di acqua dolce ovvero pesci, molluschi, crostacei, echinodermi. Decreto legislativo 30/12/1992 n. 531 che stabilisce le norme sanitarie in materia di prodotti della pesca Tutti gli animali marini o di acqua dolce (ad eccezione dei molluschi bivalvi vivi, echinodermi vivi, tunicati vivi e gasteropodi marini vivi e di tutti i mammiferi, rettili e rane), selvatici o di allevamento, e tutte le forme, parti e prodotti commestibili di tali animali. (Altre definizioni) Molluschi bivalvi vivi, echinodermi vivi, tunicati vivi e gasteropodi marini vivi destinati al consumo umano. (All.I Reg. CE 853/04)

4 Pesci Vertebrati acquatici provvisti di scheletro interno ed esternamente di squame e pinne.. Questi organi di locomozione possono essere dorsali, anali, caudali, pettorali e ventrali. Il corpo è formato generalmente da una testa, un tronco ed una coda. La forma esterna del corpo è in genere affusolata onde favorire l avanzamento nell acqua. Vivono in acque salate, dolci e salmastre. La massima parte delle specie viene consumata fresca, ma moltissimi pesci vengono preparati e conservati sott olio, salati o seccati.

5 E vietata la commercializzazione di Esemplari delle famiglie Tetraodontidae Molidae Diodontidae Cantighasteridae Prodotti contenenti biotossine: Ciguatossine ed altre paralizzanti Decreto legislativo 30/12/1992 n. 531 che stabilisce le norme sanitarie in materia di prodotti della pesca

6 Pesci pesce di acqua dolce: carpa, luccio, pesce persico, trota, tinca; pesci diadromi: salmone, anguilla; pesci di acqua salata: aringa, dentice, merluzzo, orata, spigola (o branzino), sarago, sogliola, sardina, tonno, sgombro, ecc. 6

7 Molluschi Sono caratterizzati dall assenza di scheletro interno e si dividono in due gruppi principali: Molluschi bivalvi (guscio): mitilo, ostrica, vongola, dattero di mare Cefalopodi (tentacoli): calamaro, seppia, polpo 7

8 Crostacei Sono animali dotati di esoscheletro (corazza), dalle carni molto pregiate: aragosta gambero granchio cannocchia scampo 8

9 Rischi sanitari Il consumo di prodotti inquinati o non adeguatamente conservati può rappresentare un rischio per la salute del consumatore; nei prodotti ittici i principali pericoli sono i seguenti: Pericoli biologici Microbiologici: presenza di batteri e virus (campylobatteriosi, epatite) Parassitari: presenza di vermi (anisakis) Pericoli chimici Istamina: molecola tossica e irritante prodotta dal pesce mal conservato Inquinanti ambientali: inquinanti delle acque che vengono assorbiti dal pesce: Mercurio Cadmio Pcb Biotossine algali: prodotte dalle alghe possono essere tossiche per l uomo 9

10 Pericoli biologici sono rappresentati da batteri (es. Campylobacter, Salmonella, E.Coli, ecc ), da parassiti (Anisakis) e virus. Anche in questo caso gli alimenti più a rischio sono i molluschi poiché possono essere consumati crudi. Per prevenire il rischio bisogna assumere cibi controllati dal SSN e adeguatamente conservati. Si consiglia inoltre di cuocere il pesce. Istamina (pericoli chimici) Sostanza che si forma durante l errata e prolungata conservazione dalla degradazione batterica degli aminoacidi dei muscoli, può causare reazioni allergiche molto gravi. Per evitare il rischio bisogna valutare la freschezza del pesce. 10

11 Pericoli Sanitari Metalli pesanti (pericoli chimici) la loro presenza nel pesce e nei molluschi è indice dello stato di inquinamento delle acque. I molluschi, essendo animali filtratori accumulano al loro interno queste sostanze, quindi rappresentano il rischio maggiore. Contaminanti ambientali (pericoli chimici) sono sostanze che si possono ritrovare nelle acque a seguito dell inquinamento ambientale (es. pesticidi, pcb, etc.,) o che vengono prodotte da un eccessiva proliferazione delle alghe (es. mucillagine). Anche in questo caso i molluschi, poiché filtratori sono gli alimenti più a rischio. 11

12 Filiera 12

13 I metodi di produzione Pesce pescato: mare, fiume, lago, ecc.. Pesce allevato (acquacoltura): Allevamento intensivo Allevamento estensivo Centri di depurazione 13

14 l acquacoltura Con il termine acquacoltura si indica l allevamento di organismi animali e piante acquatiche. Si può fare, a seconda dei casi, in mare, lagune, laghi, stagni o vasche. 14

15 Allevamento intensivo Impianti a terra con bacini artificiali di piccole dimensioni. L allevatore fornisce il cibo ai pesci e regola l impianto dell acqua attraverso apposite saracinesche. Specie allevate in modo intensivo: trote, branzini, orate, anguille. 15

16 Allevamento estensivo Viene praticato nelle lagune costiere I pesci si nutrono di cio che si trova nell ambiente naturale L attività dell allevatore si limita alla gestione del ricambio dell acqua, alla semina di esemplari giovani ed alla pesca. Specie allevate in modo estensivo: polipo, triglia, scampi. 16

17 centri di depurazione I centri di depurazione sono appositi centri alimentati con acque marine pulite. A tali centri vengono spediti i molluschi provenienti da zone di produzione che non raggiungono condizioni igieniche sufficienti. 17

18 Lavorazioni subite dai prodotti ittici Dopo la pesca i prodotti ittici possono subire uno o più dei seguenti trattamenti: Trattamento con il freddo Trasporto e vendita senza alcuna lavorazione Preparazione (al momento della pesca o in fase di vendita) Trasformazione (in stabilimenti autorizzati) 18

19 trattamento con il freddo Tutti i prodotti ittici hanno la caratteristica di essere estremamente deperibili Per tale ragione è indispensabile che immediatamente dopo la pesca vengano conservati al freddo A meno che non subiscano trattamenti particolari, dovranno essere conservati al freddo fino alla vendita e al successivo consumo 19

20 trattamento con il freddo Refrigerazione: consiste nella conservazione sotto ghiaccio (pesce e crostacei) o in frigo (molluschi e filettame) ad una temperatura compresa tra 0 e +6 C Congelamento: consiste nel portare i prodotti (lavorati e non) ad una temperatura compresa tra -15 e - 12 C Tali prodotti sono di solito glassati ovvero ricoperti da uno strato di ghiaccio che li protegge dalla evaporazione e disidratazione Surgelamento: consiste nel portare i prodotti (di solito lavorati) ad una temperatura inferiore a -18 C 20

21 Lavorazioni subite dai prodotti ittici: preparazione Per preparazione si intendono tutte quelle lavorazioni che i prodotti ittici possono subire per facilitarne il consumo e diminuirne la deteriorabilità senza perdere le caratteristiche di prodotto fresco. La preparazione può avvenire: immediatamente dopo la pesca (di solito precede il congelamento) negli stabilimenti di trasformazione (prima di subire altri trattamenti) al momento della vendita (di solito sul fresco, su richiesta del cliente) 21

22 Lavorazioni subite dai prodotti ittici: preparazione Asportazione delle scaglie Eviscerazione (intestino e organi interni sono i primi a deteriorarsi) Spellatura Sfilettatura (si conserva solo il muscolo, eliminando testa, lisca ecc.) Raschiatura e/o sgusciatura dei molluschi Decorticazione dei crostacei 22

23 Lavorazioni subite dai prodotti ittici: trasformazione Per trasformazione si intendono tutte quelle lavorazioni che i prodotti ittici possono subire per facilitarne il consumo e diminuirne la deteriorabilità, perdendo le caratteristiche di prodotto fresco La trasformazione può avvenire solo in stabilimenti autorizzati e dà luogo a due tipologie di prodotto: Semiconserve: durano più a lungo del prodotto fresco ma vanno conservate in frigorifero Conserve: durano più a lungo del prodotto fresco e possono essere conservate a temperatura ambiente 23

24 Lavorazioni subite dai prodotti ittici: trasformazione Essiccazione (asciugatura all aria) stoccafisso Salagione (disidratazione mediante sale) baccalà Affumicatura (asciugatura/cottura mediante fumo di legna) Salmone, aringhe Marinatura (conservazione in aceto, olio, limone, ecc) Alici, filettame in genere Pastellatura e impanatura Anelli di totano (di solito anche cotti) Cottura Gamberi, molluschi 24

25 I prodotti ittici, dopo aver subito uno o più dei trattamenti fin qui descritti sono esposti per la vendita Possono essere presentati in due principali modalità: Sfusi Confezionati 25

26 prodotti sfusi I prodotti sfusi sono quelli acquistabili presso i classici banchi vendita: Mercati Pescherie Banco pesce dei supermercati Il cliente sceglie il prodotto e la quantità (attenzione alla freschezza) e può chiederne la preparazione (pulitura, ecc.) 26

27 Tra i prodotti sfusi di solito si trovano: Prodotti freschi (pesci, molluschi, crostacei) Prodotti decongelati (di solito molluschi e crostacei) Prodotti precotti (di solito crostacei) Prodotti congelati (di solito molluschi e crostacei) 27

28 Prodotti Confezionati 28

29 29

30 Etichettatura 30

31 Etichettatura 31

32 32

33 33

34 Valutazione della freschezza 34

35 Parametri principali 35

36 Parametri ausiliari 36

37 Parametri ausiliari 37

38 38

39 39

40 Le frodi più diffuse 40

41 Prima della commercializzazione i prodotti ittici devono essere sottoposti a visita veterinaria in mercati o stabilimenti riconosciuti (riconoscimento comunitario con Bollo CE). Il riconoscimento è concesso dalla regione dopo parere favorevole del servizio veterinario e dopo che ne sono stati verificati i requisiti strutturali e logistici. Ad ogni stabilimento o mercato (di produzione e di distribuzione) è preposto un veterinario ufficiale 41

42 Il Mercato Ittico è stato riconosciuto idoneo all'esercizio delle attività di commercializzazione e lavorazione dei prodotti della pesca, in qualità di Stabilimento Alimentare.. La particolare natura del prodotto impone che tutta la filiera di commercializzazione dei prodotti della pesca rispetti le norme sanitarie vigenti emanate dalla Comunità Europea, in particolare la Direttiva 91/493/CEE recepita con D.Lgs n.531 e le Direttive 93/43/CEE e 96/3/CE recepite con D.Lgs n.155 (oggi «Pacchetto igiene»).

43 Il prodotto viene controllato direttamente sul luogo di produzione e quindi destinato alla commercializzazione utilizzando esclusivamente automezzi refrigerati ed autorizzati al trasporto dei prodotti della pesca. Dall'1/01/2005 la CEE definisce la procedura per la Rintracciabilità del prodotto al fine di garantire, in caso di rischio alimentare, il ritiro dal commercio di tali prodotti a garanzia del consumatore finale. All'interno del Mercato Ittico Ingrosso gli adempimenti igienico-sanitari vengono stabiliti e regolati da un Protocollo Aziendale di Igiene ed Autocontrollo che, operando a più livelli, garantisce:

44 la selezione e le referenze del fornitore; il controllo e la verifica delle merci al ricevimento; il controllo delle temperature delle celle frigorifere e di surgelazione a garanzia di continuità della catena del freddo; l'igiene e la formazione del personale addetto alle lavorazioni; la verifica della pulizia e disinfezione dei locali di lavorazione; la disinfestazione e la lotta agli animali indesiderati; lo smaltimento dei rifiuti e la distruzione delle merci non idonee alla vendita; la manutenzione per il corretto funzionamento di impianti ed attrezzature.

45 Alcune definizioni: il pescato Prodotti freschi: prodotti freschi compresi quelli confezionati sottovuoto o in atmosfera modificata che non hanno subito alcun trattamento diverso dalla refrigerazione Prodotti preparati: sottoposti ad una operazione che ne ha modificato le caratteristiche strutturali es. sfilettatura, eviscerazione Prodotti trasformati: quelli che hanno subito un trattamento fisico-chimico da soli o con altri alimenti: (es. salagione, cottura..)

46 Alcune definizioni Stabilimento: locale in cui i prodotti della pesca vengono preparati, trasformati, refrigerati, congelati, imballati e depositati, ivi compresi gli impianti di macellazione Commercializzazione: la detenzione o esposizione per la vendita, la vendita, la consegna o qualsiasi forma di immissione sul mercato, tranne la vendita al dettaglio o la cessione diretta sul mercato locale di una piccola parte dal pescatore al consumatore. Negli impianti collettivi e nei mercati all ingrosso si effettua solo esposizione e vendita

47 Nave officina: Nave a bordo della quale i prodotti della pesca sono sottoposti ad una o più operazioni come affettatura, sfilettatura, spellatura, tritatura, congelamento o trasformazione seguita da preconfezionamento ai sensi del D.Lgs. 109/1992 e successive modifiche Navi congelatrici: Hanno un numero di identificazione diverso dal bollo CE

48 Tipologie di stabilimenti Locali di macellazione per prodotti di acquacoltura con annessi locali di preparazione e conservazione Stabilimenti operanti in regime di freddo artificiale che effettuano una o più delle seguenti operazioni: cernita, frazionamento, ghiacciatura, preparazione dei prodotti della pesca (compresi i molluschi) refrigerati, congelati o surgelati Magazzini e depositi frigoriferi per la conservazione dei prodotti della pesca refrigerati, congelati non imballati Stabilimenti che effettuano operazioni come cottura, essiccamento, affumicamento e salagione, marinatura, ecc Circolare del Ministero della sanità n. 5 del 19/02/

49 Alcune disposizioni specifiche d'igiene Catturati nel loro ambiente naturale, i prodotti della pesca sono a volte trattati per il dissanguamento, lo svisceramento ovvero per togliere teste e pinne. Tali prodotti vengono poi refrigerati, congelati o trasformati e/o confezionati/imballati a bordo delle navi.

50 Disposizioni specifiche vengono introdotte per i seguenti elementi: la natura delle attrezzature sulle navi da pesca, sulle navi officina e sulle navi di congelazione: caratteristiche delle zone di ricevimento, di lavoro e di deposito e delle installazioni di refrigerazione/congelazione, l'evacuazione dei rifiuti e la disinfezione; l'igiene delle navi da pesca, delle navi officina e delle navi di congelazione: la pulizia, la lotta contro ogni contaminazione e il trattamento tramite acqua e freddo; l'igiene da rispettare durante e dopo lo sbarco dei prodotti della pesca: la lotta contro ogni tipo di contaminazione, l'attrezzatura utilizzata, i locali d'asta e i mercati all'ingrosso;

51 Prescrizioni Le prescrizioni sulla lavorazione ed i requisiti di impianti, mercati e navi sono contenute negli allegati del D. Lgs. 531/92 e sue modifiche (D. Lgs 524 del 26/10/1995 e riguardano: Condizioni di igiene a bordo delle navi da pesca Requisiti delle navi officina Operazioni di sbarco Requisiti degli stabilimenti a terra La manipolazione dei prodotti compresi quelli trasformati La visita veterinaria Imballaggio, bollatura e trasporto

52 Vigilanza Capitaneria di porto e ASL: all arrivo su pescherecci e condizioni di sbarco Servizio veterinario ASL: Controllo sanitario 52

53 Visita veterinaria Identificazione di specie Controllo organolettico: Si valuta la freschezza Controllo parassitologico: per la ricerca di parassiti visibili. I pesci parassitati vengono distrutti Controllo chimico: controlli per azoto basico volatile totale, trimetilammina, azoto, m=100 ppm, Controllo microbiologico 53

54 La vigilanza viene condotta su: i prodotti freschi e congelati, nonché i molluschi e i crostacei cotti; i prodotti della pesca trasformati; la polpa di pesce separata meccanicamente, il confezionamento, l'imballaggio, l'immagazzinamento e il trasporto dei prodotti della pesca; 54

55 Oltre ai controlli generali, i prodotti della pesca sono oggetto di controlli ufficiali al momento dello sbarco o, prima della prima vendita, in un luogo d'asta o in un mercato all'ingrosso. Tali controlli comprendono in particolare: controlli della presenza di pesci tossici o contenenti biotossine. sorveglianza organolettica; azoto basico volatile totale; controllo dell'istamina; sorveglianza del tenore di contaminanti, come ad esempio i metalli pesanti; test microbiologici; individuazione di parassiti;

56 Gli strumenti del controllo ufficiale: ispezione e verifica/audit Ispezione e verifica I Regolamenti comunitari n. 854 e 882/2004, ne forniscono una valida interpretazione precisandone allo stesso tempo le attività previste. Pertanto, se nell ispezione si esprime la professionalità dell autorità competente attraverso valutazioni proprie a prescindere dagli strumenti di cui si serve la ditta, nella verifica è privilegiato il controllo, mediante esame e considerazione delle prove obiettive, volto a stabilire se siano stati soddisfatti requisiti specifici ossia, la valutazione approfondita di un determinato aspetto. La possibilità di gestire la verifica con l ausilio di una check list di riscontro può fornire lo spunto per elaborare un protocollo operativo e quindi istruzioni scritte in grado di codificare per ciascun punto quali siano i requisiti da soddisfare. L impiego di queste liste consente al Servizio Veterinario deputato al Controllo Ufficiale di verificare la completezza formale dei requisiti previsti per ogni singola voce.

57 A scopo esemplificativo riportiamo brevemente il protocollo operativo per la verifica dell idoneità del processo produttivo ed i cui requisiti sono stati individuati nel modo seguente: 1. adeguatezza delle caratteristiche strutturali dello stabilimento alle lavorazioni che vi vengono svolte, ossia: presenza di rivestimenti impermeabili sulle pareti; giunzioni muri/pavimenti arrotondate; pavimenti in materiale impermeabile, antisdrucciolo e con pendenza verso gli scarichi; finestre/lucernai di tipo non apribile o dotati di protezioni inamovibili; 2. utilizzo razionale delle aree/locali in funzione delle produzioni aziendali controllando per ogni ciclo di lavorazione: come viene garantita la separazione tra zone ad alto e basso rischio ( zone sporche e zone pulite ) e tra prodotti incompatibili quali: prodotti crudi prodotti cotti, MBV da depurare MBV depurati, pesce/molluschi cefalopodi in fase di eviscerazione e/o spellatura e/o decongelamento prodotti finiti; com è predisposto il flusso produttivo nei vari reparti; 3. modalità di applicazione dei processi tecnologici e di utilizzo di macchinari/attrezzature valutando: modalità di termoregistrazione; idoneità delle installazioni frigorifere utilizzate per ridurre rapidamente la temperatura dei prodotti sottoposti a congelamento (tunnel, anaconde di congelamento, ecc ); idoneità dei macchinari impiegati per i trattamenti termici (cottura, frittura, spiedatura, ecc ).

58 Gli strumenti del controllo ufficiale Audit Il metodo di verifica più significativo incluso tra gli strumenti del controllo ufficiale è sicuramente l Audit. La definizione contenuta nel Regolamento n. 882/2004 cita. è un esame sistematico e indipendente per accertare se determinate attività e i risultati correlati siano conformi alle disposizioni previste, se tali disposizioni siano attuate in modo efficace e siano adeguate per raggiungere determinati obiettivi. Come per l ispezione dunque ci si basa sulla verifica della conformità alla norma, ma nel caso dell Audit occorre valutare anche l efficacia e l adeguatezza per il conseguimento di determinati obiettivi. Questa definizione rispecchia quella fornita dalla norma ISO UNI EN 19011, con l unica differenza che il controllo della rispondenza alle disposizioni previste e il raggiungimento di determinati obiettivi viene reinterpretato ed identificato negli obiettivi della Qualità.

59 In altri termini l Audit si può considerare una sorta di strumento di misura che consente di valutare la conformità e l efficacia del sistema di gestione delle imprese alimentari. L elaborazione e la programmazione di piani di Audit consente d implementare sistemi diversificati in funzione di una preliminare classificazione degli stabilimenti in base al rischio per tipologia e produttività, al rischio per la salute pubblica, nonché al grado di conformità delle diverse imprese alimentari alla normativa vigente. Gli Audit in campo, comprensivi delle procedure relative alle buone prassi igieniche e a quelle basate su HACCP, sono redatti uniformandone i criteri ai principi della normativa di riferimento e diversificandone la forma in relazione alle peculiarità delle imprese del settore precedentemente considerate. Sulla base dei risultati ottenuti è possibile che l esperienza condotta si integri e si completi nelle indicazioni contenute nelle normative di settore e non possa che rappresentare il punto di partenza per ulteriori elaborazioni e sviluppi.

60 Inidoneità al consumo alimentare umano Vengono dichiarati non idonei al consumo da parte dell'uomo i prodotti della pesca i cui controlli organolettici, chimici o microbiologici rivelano la presenza in quantità eccessiva di sostanze pericolose per la salute umana.

61 Bollatura sanitaria e marchiatura di identificazione Nei casi previsti dal regolamento, i prodotti di origine animale sono contrassegnati da un bollo sanitario apposto ai sensi del regolamento (CE) n. 854/2004 sui controlli ufficiali dei prodotti di origine animale o, in mancanza, da un marchio di identificazione. Questo marchio deve essere applicato durante o dopo la fabbricazione, deve essere di forma ovale, leggibile, indelebile, facilmente visibile dalle autorità di controllo e deve recare le informazioni relative al nome del paese di provenienza e il numero di riconoscimento dello stabilimento. 61

62 Regole specifiche d'igiene applicabili ai prodotti alimentari di origine animale Recente normativa Regolamento (CE) n. 853/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale. SINTESI Gli alimenti di origine animale di cui allegato I del trattato possono presentare rischi di natura microbiologica e chimica. Tali rischi rendono necessaria l'adozione di norme specifiche in materia di igiene che consentano di contribuire alla realizzazione del mercato interno e di garantire un elevato livello di tutela della salute pubblica. Dette norme integrano quelle previste dal regolamento (CE) n. 852/2004 sull'igiene dei prodotti alimentari, che riguarda, in particolare il riconoscimento degli operatori del settore. 62

63 CAMPO DI APPLICAZIONE Reg.853/04 Le disposizioni del regolamento si applicano ai prodotti di origine animale, trasformati o meno, ma non riguardano gli alimenti composti in parte da prodotti di origine vegetale. Inoltre, salvo espressa indicazione contraria, tali disposizioni non si applicano al commercio in dettaglio né alla produzione primaria destinata al consumo privato, per i quali sono sufficienti le disposizioni del regolamento precitato sull'igiene dei prodotti alimentari (Reg 852/2004).

64 Riconoscimento Gli stabilimenti che manipolano prodotti di origine animale devono essere riconosciuti dall'autorità competente del relativo Stato membro. L'obbligo di riconoscimento non si applica agli stabilimenti che esercitano unicamente attività di produzione primaria, operazioni di trasporto, il magazzinaggio di prodotti che non richiedono installazioni termicamente controllate né operazioni di vendita al dettaglio non soggette al regolamento. Gli Stati membri tengono elenchi aggiornati degli stabilimenti riconosciuti. Questi ultimi ricevono un numero di riconoscimento al quale vengono aggiunti codici indicanti la tipologia dei prodotti di origine animale fabbricati.

65 Importazioni da paesi terzi La Commissione redige elenchi dei paesi terzi dai quali sono consentite le importazioni di prodotti di origine animale, in conformità del regolamento sui controlli ufficiali (Reg. Ce 854/02). In occasione della redazione di tali elenchi, si tiene segnatamente conto:

66 - della normativa vigente nel paese terzo nonché dell'organizzazione e dei poteri dell'autorità competente e dei servizi d'ispezione; - della situazione sanitaria generale in tale paese nonché delle condizioni sanitarie di produzione, di fabbricazione, di manipolazione, di magazzinaggio e di spedizione applicate ai prodotti di origine animale; - dell'esperienza acquisita in materia di commercializzazione con il paese terzo e della sua collaborazione nello scambio di informazioni, in particolare sui rischi sanitari; - dei risultati delle ispezioni e dei controlli comunitari effettuati in tale paese; - dell'esistenza nel paese terzo di una normativa sull'alimentazione animale nonché di programmi di sorveglianza delle zoonosi e dei residui.

67 Molluschi Sono invertebrati acquatici e vivono in acque salate, dolci o sulle terre. Il corpo è a tegumento molle e distinto in tre parti: capo, piede, sacco viscerale. Il piede è variamente sviluppato nelle diverse specie, il corpo è generalmente protetto da un guscio o conchiglia. Ai fini alimentari hanno interesse solo i gasteropodi, i lamellibranchi ed i cefalopodi.

68 I gasteropodi hanno corpo a spirale ed il piede situato in posizione ventrale la cui terminazione è provvista di una lamina calcarea destinata a chiudere la conchiglia. Vivono in ambienti diversissimi: sulla terra, nelle acqua dolci e salate. Questi ultimi si trovano aderenti fortemente alle rocce mediante il piede o strisciano sul fondo o nuotano fluttuando. Il corpo dei lamellibranchi è contenuto in due valve tenute unite da un legamento elastico a mò di cerniera. Appartengono a questo gruppo le cozze o mitili, le ostriche, le vongole, ecc.. Ai cefalopodi appartengono il polpo comune, il calamaro, la seppia, ecc.. Hanno il corpo a forma di sacco dal quale sporge anteriormente il capo sormontato da 8 (ottopodi) -10 decapodi) tentacoli che circondano la bocca. I crostacei sono artropodi a respirazione branchiale che vivono nelle acque. Tra questi gamberi, gamberetti, aragoste, scampi, ecc Gli echinodermi sono animali provvisti di un dermoscheletro; vi appartengono varie classi le cui specie più importanti sono i ricci di mare e le stelle di mare.

69 Molluschi bivalvi Fatte salve le disposizioni relative alla depurazione, le norme che seguono si applicano anche agli echinodermi, ai tunicati e ai gasteropodi marini vivi. I molluschi bivalvi viventi raccolti su banchi naturali e destinati al consumo da parte dell'uomo devono soddisfare norme sanitarie elevate riguardanti tutte le fasi della catena di produzione: la produzione dei molluschi bivalve viventi: tre tipi di zone (classi A, B o C) di produzione; la raccolta di tali molluschi e il loro trasporto fino a un centro di spedizione o di purificazione, a una zona di immagazzinamento o a uno stabilimento di trasformazione; il deposito dei molluschi in zone autorizzate deve garantire condizioni ottimali di tracciabilità e di purificazione; regolamento (CE) n. 853/

70 Ed inoltre gli impianti e le condizioni di igiene indispensabili nei centri di spedizione e di purificazione; le norme sanitarie applicabili ai molluschi bivalve viventi: la freschezza e la consumabilità, i criteri microbiologici, la valutazione della presenza di biotossine marine e di sostanze nocive tenendo conto della dose giornaliera ammissibile; la marcatura di salubrità, il confezionamento, l'etichettatura, l'immagazzinamento e il trasporto dei molluschi bivalve viventi; le norme applicabili ai pettinidi raccolti al di fuori delle zone classificate. regolamento (CE) n. 853/

71 Requisiti igienico-sanitari dei molluschi Devono: Possedere requisiti di freschezza, essere vivi e vitali, presentare gusci privi di sudiciume, reazione adeguata alla percussione e livelli normali di liquido intervalvare Contenere meno di 300 coliformi fecali o meno di 230 Escherichia coli per 100 grammi di colpa e liquido intervalvare Essere privi di salmonella in 25 grammi di prodotto Non contenere sostanze tossiche o nocive sia di origine naturale che di immissione dall ambiente Non superare il tenore massimo di nuclidi radioattivi consentiti per gli alimenti Non superare la quantità massima di 80 microgrammi per 100 grammi di polpa di biotossine algali del tipo PSP Non dare risposta positiva per le altre biotossine algali 71

72 La classificazione delle acque è fatta dalla regione L'autorità competente è tenuta a stabilire l'ubicazione e i limiti delle zone di produzione e di stabulazione di molluschi bivalve. Le zone di produzione in cui la raccolta dei molluschi è autorizzata sono suddivise in tre classi: Zona A: Quella con i requisiti microbiologici e chimici dell allegato A. I molluschi possono essere raccolti per il consumo diretto da parte dell'uomo; Zona B: Quella con requisiti microbiologici e chimici diversi dell allegato A. I coliformi non possono superare i per 100 grammi di polpa e escherichia coli nel 90% dei campioni. zona nella quale i molluschi possono essere raccolti ma non possono essere commercializzati per il consumo da parte dell'uomo senza prima aver subito un trattamento in un centro di purificazione o di decantazione; Zona C: I coliformi vanno dai ai per 100 grammi di polpa e 4600 escherichia coli nel 90% dei campioni. zona nella quale i molluschi possono essere raccolti, ma possono essere commercializzati per il consumo da parte dell'uomo solo dopo una decantazione di lunga durata (minimo due mesi), accompagnata o meno da una purificazione. 72

73 Compiti dei centri di depurazione Accettare solamente molluschi con regolare documento di registrazione Effettuare analisi microbiologiche sui molluschi prima e dopo la depurazione Registrare la durata del processo di depurazione (tempo di riempimento e svuotamento) Registrare i dati sulle partite in entrata ed in uscita Curare il confezionamento e le indicazioni in etichetta 73

74 Compiti dei centri di spedizione Accettare solamente molluschi con regolare documento di registrazione proveniente da zona A o da bacino di stabulazione Per la rifinitura usare solo acqua potabile o acqua di mare pulita sotto pressione Eseguire le indagini microbiologiche sui molluschi Conservare i dati sulle partite arrivate e quelle consegnate Occuparsi del confezionamento e della bollatura 74

75 Il documento di registrazione Accompagna il lotto dei molluschi durante la spedizione Deve contenere: L identità e la firma del produttore La data di raccolta L ubicazione della zona di produzione nel modo più circostanziato possibile La quantità e la specie di molluschi La destinazione Deve essere numerato e conservato dal destinatario per 12 mesi 75

76 La bollatura sanitaria Il bollo sanitario è apposto su etichetta resistente ed impermeabile e, nel caso di confezioni che non costituiscono unità di vendita, il venditore può frazionare il contenuto e conservare il bollo sanitario per 60 giorni. Deve riportare: Il paese produttore e speditore La specie dei molluschi ( denominazione comune e scientifica) Identificazione del centro di spedizione Data di confezionamento e di scadenza o in alternativa la dizione che i molluschi devono essere vivi al momento dell acquisto 76

77 Il controllo sanitario A livello di zone di produzione e stabulazione per : Evitare illeciti sulla produzione e destinazione Verificare i requisiti microbiologici della zona di raccolta Verificare l eventuale presenza di plancton tossico o di contaminanti chimici A livello di stabilimenti per controllare: Se sono soddisfatte le condizioni di riconoscimento La pulizia dell impianto e del personale La manipolazione ed il trattamento dei molluschi I registri di carico e scarico L uso corretto dei bolli sanitari Le condizioni di conservazione e trasporto 77

78 78

79

80

81

82

83

84

85

86

87 Le ultime emergenze legate agli alimenti..hanno portato l Unione Europea verso una nuova organizzazione per la sicurezza alimentare

88 Reg. 852/04 Reg.853/04 Reg.854/04 Reg.882/04 Dir. 2002/41 8 febbraio 2005 Reg. 183/05 Il «Pacchetto igiene Si conclude il cambiamento delle norme comunitarie in materia di sicurezza alimentare

89 Gli alimenti sono un argomento importante per il consumatore: Gli alimenti hanno un considerevole valore sociale e culturale Il rischio nel settore alimentare non è accettato I consumatori ignorano i processi produttivi degli alimenti Un nuovo approccio legislativo: Principi generali di sicurezza alimentare approccio globale ed integrato responsabilità primaria agli operatori del settore alimentare e dei mangimi messa in atto della rintracciabilità l analisi del rischio è alla base di ogni decisione principio di precauzione

90 Informazione del consumatore L Autorità Europea per la sicurezza alimentare deve fare in modo che i cittadini ricevano nei settori di sua competenza informazioni - rapide - affidabili - obiettive - comprensibili Spetta agli operatori del settore alimentare garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione alimentare inerenti la loro attività Responsabilità Gli STATI MEMBRI applicano la legislazione alimentare e controllano e verificano il rispetto delle disposizioni da parte degli operatori del settore alimentare organizzano un sistema ufficiale di controllo per la sorveglianza della sicurezza degli alimenti

91 Tracciabilità passaggio di informazioni lungo la filiera fino al consumatore Rintracciabilità possibilità di individuare i fornitori di materie prime e i destinatari dei prodotti per poter procedere a ritiro dal mercato di prodotti non conformi

92 Tracciabilità (traking) è il processo che segue il prodotto da monte a valle della filiera, può essere definito come l'insieme delle informazioni sull'origine delle materie prime utilizzate, sul luogo di produzione, sulle tecniche di produzione seguite Rintracciabilità (tracing) è il processo che raccoglie, archivia e collega tutte le informazioni precedentemente rilasciate, fino all'anello più lontano della filiera reso disponibile. Produzione Trasporto e Conferimento Trasformazione Trasporto e Conferimento Distribuzione RINTRACCIABILITA Cliente

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli

LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI. Conoscerli Riconoscerli E gustarli LA FILIERA DEI PRODOTTI ITTICI Conoscerli Riconoscerli E gustarli La filiera dei prodotti ittici Sotto la denominazione di prodotti ittici rientra una vasta gamma di alimenti raggruppati in tre grossi

Dettagli

SEMINARIO DIVULGATIVO

SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO Esigenze formative per il settore della Pesca e dell Acquacoltura alla luce delle nuove normative europee. Il manuale di buona prassi igienica strumento essenziale

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore

SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore SICUREZZA ALIMENTARE E RINTRACCIABILITÀ Le norme per il settore Sicurezza alimentare e rintracciabilità OBIETTIVO Presentazione delle novità introdotte dalla EU sulla sicurezza e dei prodotti alimentari.

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Reg. CE 853 854 / 2004. Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi

Reg. CE 853 854 / 2004. Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi Reg. CE 853 854 / 2004 Produzione e commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi Molluschi bivalvi vivi I regolamenti fissano le norme sanitarie per la produzione e la immissione sul mercato dei molluschi

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

Regolamenti (CE) 852/04, 853/04, 854/04, 882/04, Direttiva 2002/99 e Regolamento (CE) 183/05

Regolamenti (CE) 852/04, 853/04, 854/04, 882/04, Direttiva 2002/99 e Regolamento (CE) 183/05 Pacchetto igiene Regolamenti (CE) 852/04, 853/04, 854/04, 882/04, Direttiva 2002/99 e Regolamento (CE) 183/05 Pacchetto igiene I recenti regolamenti comunitari costituenti il cosiddetto "pacchetto igiene"

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute Gestione del rischio Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute AUTOCONTROLLO - DECRETO LEGISLATIVO 155/ 97 I principi su cui si basa l elaborazione di un piano HACCP sono 7: Identificare

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA MODULO 2A Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare OGGETTO: Istanza di riconoscimento ai sensi del Regolamento (CE) n. 852/2004 n. 853/2004 ALTRO Il sottoscritto. Cod. Fiscale I I I I I I I I

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE.

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. A partire dal 1 gennaio 2006 si applicano, su tutto il territorio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 L'entrata in vigore dei recenti regolamenti europei in materia di sicurezza degli alimenti, il cosiddetto "Pacchetto igiene", sta avviando una profonda

Dettagli

Associazione Industriali delle Carni - ASS.I.CA.

Associazione Industriali delle Carni - ASS.I.CA. Associazione Industriali delle Carni - ASS.I.CA. I REGOLAMENTI SULL IGIENE DEGLI ALIMENTI : NUOVI SCENARI PER L INDUSTRIA DELLE CARNI FIERE DI CREMONA 28 OTTOBRE GIORGIO RIMOLDI Responsabile Ufficio Legislazione

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Servizio pesca Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi Zona di produzione Specchio acqueo dove si trovano

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE Coltivazioni (orticole in pieno campo, orticole in serra, cereali, leguminose, industriali,foraggere ) Decisione CE 2007/363 ;Reg. CE 183/05 degli Alimenti e Nutrizione Allevament apistici riferimento.

Dettagli

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2.

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2. Ordinanza del DFI sul controllo dellʼimportazione, del transito e dellʼesportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dellʼue, Islanda e Norvegia (OITE-CUE) del... Il Dipartimento

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

HACCP (Reg CE 852\04 )

HACCP (Reg CE 852\04 ) L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto al fine di valutare e stimare pericoli

Dettagli

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE Fabio Grillo Spina Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Via Quintino Sella,

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 18 dicembre 2014 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili territoriali FIESA, FIEPeT, ASSOTURISMO Loro sedi ed indirizzi Prot.n.

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti.

Rimanendo a Vostra disposizione per ulteriori chiarimenti, colgo personalmente l occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti. A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

H A C C P. Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi

H A C C P. Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi H A C C P Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi del pericolo e punti critici di controllo) rappresenta uno strumento operativo per l'analisi dei rischi che caratterizzano

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM MARCHIO/AZIENDA ATTIVITÀ STABILIMENTI INTERPAN S.p.A. SPIGA Produzione pane fresco Produzione pizze fresche e

Dettagli

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008)

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008) Pag. 1 di 7 Al Sig. Direttore UOC Veterinaria Area B (Igiene degli Alimenti di Origine Animale) Az.ULSS n.12 Dipartimento di Prevenzione P.le San Lorenzo Giustiniani, 11/d 30174 Zelarino Venezia (VE) Modello

Dettagli

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER)

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER) RELAZIONE TECNICA da allegare a NOTIFICA/COMUNICAZIONE con modelli A1 A1 BIS DISTRIBUTORI A1 TER Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CRITERI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Competenza su: alimenti di origine animale. La pianificazione annuale dell attività dell

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamento n.852/2004 del 29.04.2004 sull igiene dei prodotti alimentari

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

Giampaolo Giunta Azienda USL 5 Grosseto

Giampaolo Giunta Azienda USL 5 Grosseto DGRT 416/2013 Piano Formativo Regionale Evento N 2 Il controllo ufficiale degli stabilimenti riconosciuti: dalla verifica di conformità alla valutazione di efficacia Lista riscontro HACCP ALCUNI ESEMPI

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

IN MATERIA DI BUONE PRASSI IGIENICHE, CON RILASCIO DI ATTESTATO, RIVOLTI AGLI ADDETTI DELLA PRODUZIONE PRIMARIA

IN MATERIA DI BUONE PRASSI IGIENICHE, CON RILASCIO DI ATTESTATO, RIVOLTI AGLI ADDETTI DELLA PRODUZIONE PRIMARIA AGCI AGRITAL CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI BUONE PRASSI IGIENICHE, CON RILASCIO DI ATTESTATO, RIVOLTI AGLI ADDETTI DELLA PRODUZIONE PRIMARIA CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA c/o Palazzo

Dettagli

GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO

GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO GRUPPO SPECIFICO PER CONTROLLI QUALIFICATI NEL SETTORE ITTICO nel quadro della programmazione obittivi 2012 del Dipartimento di Prevenzione Veterinario integrato con il Dipartimento di Prevenzione Medico

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno)

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno) I,P.P.S.A.R "L. Carnacina" 37011 - BARDOLINO (VR) via Europa Unita 045/6213311 Fax 045/7210132 Sezione Associata: 37067 Valeggio sul Mincio (VR) Via Centro, 1 0456370592 r.a. - 0456379919 Tirocinio formativo

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 7.7.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 186/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1028/2006 DEL CONSIGLIO del 19 giugno 2006 recante norme

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA Perché la normativa sui sottoprodotti? Prima dei regolamenti comunitari 1774/2002 e 1069/2009 l utilizzo dei sottoprodotti era

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI

REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI REGIONE LAZIO AZIENDA USL RMA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS NEI PRODOTTI ITTICI REGIONE LAZIO SERVIZIO VETERINARIO IGIENE ALIMENTI O.A. - SIAN CONTROLLO DEL PERICOLO ANISAKIS

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli