L Editoriale BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INFORM@PESCA. Editoriale BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO"

Transcript

1 L BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO N U M E R O X I V D I C E M B R E SOMMARIO: Informativa tecnica 2 Ricerca e statistica 4 Normativa 6 Pesca nel Mondo 8 Ricetta 10 News 10 La regione ha importato nel 2004 pesci e prodotti della piscicoltura per oltre 20 milioni di euro e ne ha esportati solo per 2,5. Pesce congelato e surgelato arriva ormai anche dal Nord Africa, Editoriale A cura di Carlo Martello (Presidente Confcooperative Taranto) comprese le aragoste cubane. Il ricorso all'import, fino al 65% del totale di pesce commercializzato, è ormai endemico. Nell'immediato futuro occorre continuare a spingere per razionalizzare il settore e riconvertirlo, a cominciare dalla riduzione della flotta peschereccia, cresciuta troppo in fretta, per finire alla nascita di consorzi tra i pescatori.

2 Informativa tecnica IL Rockfishing Una tipica costa rocciosa più o meno alta con fondali misti e accidentati, canne robuste, e attrezzature efficienti costituiscono gli elementi principali per praticare questa disciplina alieutica affascinante, emozionante e gratificante se praticata in modo corretto. Considerato che i pesci che andremo ad insidiare non sono certamente i "pescetti" della pesca a fondo ma predatori di taglia spesso considerevole, le tecniche saranno specificamente mirate ai "pescioni", e le attrezzature saranno scelte tenendo in considerazione soprattutto la robustezza e la resistenza all'usura dei materiali. Le canne avranno una lunghezza compresa, generalmente, tra i 3,50 e i 4,00 metri, ad azione principalmente parabolica ed in grado di lanciare almeno 150 grammi tra piombo ed esca. I mulinelli possono essere sia a bobina rotante( vanno benissimo anche quelli utilizzati per la piccola e media traina), che a bobina fissa, e, comunque, in grado di imbobinare almeno 200 metri di monofilo dello 0, 50, e con frizione molto sensibile e progressiva. I terminali sono abbastanza semplici, con un lungo bracciolo sul quale legheremo uno o più ami a secondo dell'esca che abbiamo e dei pesci che andiamo ad insediare. Le esche più valide sono quelle vive, ed in particolare il cefalo, l'aguglia, l'occhiata, la boga, la castagnola, la triglia, il sugarello, e lo sgombro; naturalmente il loro utilizzo è correlato con la possibilità di autoreperimento che si ha in quel momento. In mancanza di esche vive si potrà pescare con la sempre valida sardina, oppure con il calamaro o con la seppia. Tra tutte le esche suddette la più catturante, soprattutto per la genericità, è il cefalo, molto gradito a predatori quali il dentice, la spigola, il pesce serra, la ricciola, la leccia e la murena. Uno dei modi più validi per il suo innesco è su due ami-agganciati rispettivamente davanti e dietro la pinna dorsale-legati ad un bracciolo di circa 2 metri dello 0,40. Quest'ultimo sarà raccordato sulla lenza madre dello 0,50 tramite una robusta girella e alla girella stessa legheremo uno spezzone di monofilo sottile di 2

3 qualche decina di centimetri che avrà la funzione di tenere un palloncino che ci ragguaglierà continuamente sulla posizione del pesce-esca. Se, invece, si opta per la pesca in prossimità del fondo, al posto della girella normale ne useremo una a tre vie e nel terzo occhiello della girella legheremo circa 20 cm di monofilo dello 0, 30 con un piombo della grammatura desiderata; il resto del calamento resterà invariato. Pesca alla bolognese La pesca alla bolognese si effettua con delle canne telescopiche ad anelli dotate di mulinello, facendo fare una passata al galleggiante solitamente su di una linea di pesca superiore ai 10 mt. sino a un massimo di 40 mt. da riva. L'origine di questo tipo di pesca è storicamente attribuita alla provincia di Bologna. La canna bolognese La presenza del mulinello e quindi la possibilità di lanciare conferiscono alla bolognese una maggiore varietà di tecniche applicabili, permettendo almeno nella fase iniziale di pesca, quando il pesce non è ancora entrato in pastura, di esplorare tutto lo specchio d'acqua, per trovare la giusta distanza e profondità. La lunghezza ottimale della canna bolognese è tra i 5 e i 7 metri. Le canne più robuste, di lunghezza 3,90-4,50 metri, si presentano più adatte a lanciare galleggianti piombati (per la presenza del pasturatore). Il pasturatore Sulla canna bolognese si utilizza un piccolo pasturatore, del peso di 5-10 grammi, come quello tipico per bigattini, privo però della sua zavorra, che viene sostituita inserendovi una torpilla (un piombo a forma di goccia, la cui parte più voluminosa deve essere collocata verso l'amo) il cui peso dovrà essere di 2 grammi inferiore alla portata del galleggiante, in modo tale da tener conto del peso dovuto al pasturatore riempito di pastura o bigattini. Le prede Muggini, salpe (pesce teleosteo della famiglia degli Sparidi), boghe e aguglie (pesce dal corpo sottile ed allungato, con mascelle provviste di denti aguzzi a forma di becco, da cui il nome scientifico della famiglia dei Belonidi). Più raramente: saraghi e spigole 3

4 Ricerca e Statistica Cresce il volume dei ricavi della pesca marittima in Puglia. Nel quarto trimestre dell'anno scorso, hanno raggiunto i 62 milioni di euro, in crescita del 22,6% rispetto allo stesso periodo del Al pari delle catture che, con tonnellate segnano un +10,9% nonostante la diminuzione del 15,5% del numero dei giorni di pesca. Dai dati del Mipaf-Irepa emerge pure che tra le specie più pescate - soprattutto acciughe e sardine - non figurano le vongole, la cui raccolta, per tutto il 2004 e fino ad aprile 2005, è stata ferma per permettere la riproduzione della risorsa. A pescare è ancora una flotta che per il 70% appartiene alla piccola pesca costiera, concentrata a Manfredonia, Molfetta, Mola, Monopoli, Gallipoli, Taranto, Barletta, Trani e Bisceglie, le principali aree dipendenti dalla pesta. Un settore che ha carattere artigianale e locale, ma che continua a fare della Puglia la seconda realtà produttiva italiana. È locale anche il consumo del prodotto pescato che viene commercializzato solo in piccola parte nei mercati ittici come quelli di Manfredonia e Molfetta, riferimenti principali in Puglia. A Manfredonia - dove si pescano soprattutto alici, boghe, cefali, merluzzi, triglie, e tra i molluschi calamari, moscardini e totani - il mercato ittico, che nel 2004 ha registrato un buco di gestione di 167mila euro, funziona a metà. È ancora semi automatizzato e non è possibile partecipare alle aste telematiche che si tengono, in tempo reale, sulla rete europea Pefa (Pan european fish association). Se funzionasse, rimarrebbero solo i costi di trasporto del pesce fino a mercati di sbocco e si eviterebbero le due aste che invece si tengono oggi, nella piazza di partenza e in quella di arrivo. Il porto peschereccio, che a sua volta è da mettere in sicurezza, è quasi fatiscente e quando il mare è grosso costringe le imbarcazioni sipontine più pesanti ad attraccare a Molfetta. Quello di Manfredonia è un caso-tipo della mancanza di infrastrutture e tecnologie adeguate che caratterizza un po tutta la pesca pugliese. E ormai strutturalmente negativo il saldo dell'import/export per un settore che dà lavoro a quasi 1O mila marittimi, per il 10% di origine extracomunitaria. La regione ha importato nel 2004 pesci e prodotti della piscicoltura per oltre 20 milioni di euro e ne ha esportati solo per 2,5. Pesce congelato e surgelato 4

5 5 arriva ormai anche dal Nord Africa, comprese le aragoste cubane. Il ricorso all'import, fino al 65% del totale di pesce commercializzato, è ormai endemico. «La crisi - spiega Maurizio Alloggio, coordinatore della Lega Pesca di Puglia -non riguarda solo l'import. Non riusciamo ad accorciare la filiera e a eliminare molte intermediazioni per ritrovare il valore aggiunto delle nostre produzioni fresche. Come se non bastasse, affrontiamo pure l'emergenza del caro-gasolio che non si risolve neppure con i consorzi per gli acquisti collettivi perché, in Italia, la distribuzione di questo carburante è nelle mani di una lobby». Qualche tentativo però è stato fatto a Monopoli e Molfetta con consorzi di acquisto e prezzi a 13 centesimi al litro di gasolio contro i 60 di Manfredonia. Non manca la pesca a strascico con le reti troppo vicine alla costa, soprattutto nel Barese, una pratica di pesca vietata su cui proprio i movimenti ambientalisti pugliesi hanno chiesto un unico piano di gestione e di controllo delle attività di pesca in tutto l'adriatico e il Mediterraneo. Nell'immediato futuro occorre continuare a spingere per razionalizzare il settore e riconvertirlo, a cominciare dalla riduzione della flotta peschereccia, cresciuta troppo in fretta, per finire alla nascita di consorzi tra i pescatori. Sullo sfondo la normativa regionale di settore, che ancora non c'è. A due legislature dall'abrogazione della precedente legge regionale 41/84. E solo da qualche giorno è stato riconvocato il tavolo di tutte le parti coinvolte per aggiornare il testo di una proposta normativa a suo tempo definita, ma rimasta in un cassetto.

6 Normativa Legislazione Comunitaria Regolamenti Regolamento (CE) n. 1936/2005 (G.U./L n. 311 del 26/11/2005) del Consiglio, del 21 novembre 2005, che modifica il regolamento (CE) n. 27/2005 per quanto riguarda l aringa, l ippoglosso nero e il polpo. Decisioni Decisione 2005/813/CE (G.U./L n. 304 del 23/11/2005) della Commissione, del 15 novembre 2005, che modifica gli allegati I e II della decisione 2002/308/CE recante gli elenchi delle zone e delle aziende di allevamento ittico riconosciute per quanto concerne la setticemia emorragica virale (VHS) e la necrosi ematopoietica infettiva (IHN) [notificata con il numero C (2005) 4394]. Direttive Direttiva 2005/65/CE (G.U./L n. 310 del 25/11/2005) del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2005, relativa al miglioramento della sicurezza dei porti. Legislazione Comunitaria Decisioni Decisione 2005/854/CE (G.U./L n. 316 del 2/12/2005) della Commissione, del 30 novembre 2005, che modifica l allegato XII, appendice B, dell atto di adesione del 2003 riguardo ad alcuni stabilimenti dei settori delle carni, del latte e della pesca in Polonia [notificata con il numero C(2005) 4595]. 6

7 Direttive Direttiva 2005/86/CE (G.U./L n. 318 del 6/12/2005) della Commissione, del 5 dicembre 2005, che modifica l'allegato I della direttiva 2002/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle sostanze indesiderabili nell'alimentazione degli animali per quanto riguarda il canfene clorurato. Direttiva 2005/87/CE (G.U./L n. 318 del 6/12/2005) della Commissione, del 5 dicembre 2005, che modifica l allegato I della direttiva 2002/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle sostanze indesiderabili nell alimentazione degli animali per quanto riguarda il piombo, il fluoro e il cadmio. Rettifiche Rettifica della decisione 2005/629/CE (G.U./L n. 316 del 2/12/2005) della Commissione, del 26 agosto 2005, che istituisce un comitato scientifico, tecnico ed economico per la pesca (G.U./L n.316 del 31/08/2005). Nazionale Decreto 23 novembre 2005 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (G.U. n. 283 del 5/12/2005). Autorizzazione alla pesca dei fasolari nei compartimenti marittimi di Monfalcone, Venezia e Chioggia nel mese di dicembre Decreto 2 dicembre 2005 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (G.U. n. 286 del 9/12/2005). Autorizzazione all'esercizio della pesca nel giorno 8 dicembre Legislazione Comunitaria Regolamenti Regolamento (CE) n. 2017/2005 (G.U./L n. 324 del 10/12/2005) della Commissione, dell 8 dicembre 2005, relativo al divieto di pesca dello scorfano di Norvegia nella zona NAFO 3M per le navi battenti bandiera di uno Stato membro. 7

8 Pesca nel mondo Per chi conosce le spiaggie dello Sri Lanka, non è difficile immaginare l importanza che riveste il settore della pesca sull economia di questo paese. La costa che si estende a sud e a nord di Colombo, la capitale, è ricca di insediamenti turistici. Sono alberghi di proprietà di società occidentali, frequentate da americani ed europei per molto mesi l anno, ma la piccola economia locale è fortemente legata alla pesca. I villaggi sono in riva al mare, spesso tra palme da cocco che si alzano per 8 o 10 metri. Le capanne sono modeste, costruite di legno o fibre vegetali. La vita della comunità avviene all aperto, il clima è dolce e tra i pescatori vi è una forte solidarietà. Quando giunge una barca sulla spiaggia è attorniata da una moltitudine di bambini; per tirarla in secco occorrono oltre una decina di uomini, così è il villaggio intero che si fà carico di ogni alaggio o varo. È un lavoro continuo per questa gente umile. I cingalesi hanno un carattere mite e generoso. Si aiutano vicendevolmente. La pesca nello Sri Lanka ha una struttura amministrativa particolare, è organizzata per prefetture di pesca. L autorità amministrativa dà le disposizioni che regolano il settore e ne favorisce lo sviluppo promuovendo iniziative in favore dei pescatori il cui reddito è davvero molto modesto. I villaggi sono seguiti e visitati periodicamente dagli ispettori di pesca che rappresentano il tramite tra comunità e autorità. La pesca avviene con le piroghe tradizionali: sono tronchi d albero scavati, lunghe 13 o 14 metri, larghe 80 cm, affiancate dal bilanciere, un altro tronco più corto e piccolo, non scavato, che ne mantiene la stabilità e l equilibrio. Effetto devastante dello tsunami 8

9 9 Si sono sperimentate piroghe di vetroresina, ma la loro leggerezza non ha trovato entusiastica accoglienza nei villaggi. La piroga naviga a vela e spesso è altresì dotata di un motore fuoribordo che di norma è giapponese. L equipaggio è costituito da quattro/cinque uomini. Essi partono al tramonto e rientrano all alba. Di notte le barche portano a poppa un vaso metallico su cui si fanno bruciare stracci imbevuti di carburante. È questo un modo elementare per segnalare la propria posizione in mare. I colpi di vento non mancano, sicché le morti in mare non sono rare ed è questo un aspetto ancora drammatico per questa povera gente. Le catture sono costituite da tonnetti pescati con la lenza o aragoste catturate con i tramagli; specie queste assai richieste dai ristoranti o dagli alberghi frequentati dagli occidentali in vacanza. In una notte si possono pescare due o tre tonnetti o qualche aragosta e allora c è allegria nella capanna, nel villaggio, tra la gente. La pesca turismo non è molto diffusa. Ad Ikkadua, a 70 km da Colombo, vi era una barriera corallina di grande interesse, meta dei turisti. La presenza di coralli a orecchio d elefante di enormi dimensioni l aveva fatta dichiarare parco naturale. Una vera meraviglia. Su questa costa, tra questi villaggi ove i bambini nudi giocano tra le capanne in assoluta libertà, si è abbattuto il maremoto. Non è difficile immaginare quale sia la dimensione della tragedia. La pesca della costa orientale dello Sri Lanka è stata distrutta, famiglie intere scomparse. Una generazione di pescatori è stata cancellata. La città di Galle, centro amministrativo della costa a sud di Colombo, sede della prefettura di pesca, è stata rasa al suolo. Il turismo è in ginocchio. Per chi è stato laggiù resta il ricordo di una pesca viva che un onda del mare ha cancellato, l immagine di frotte di bambini uccisi in un istante, vecchi seduti davanti alla capanna trascinati via come rifiuti dalla corrente di un fiume in piena, barche scaraventate nel mezzo di una strada o sul tetto di una casa. Quel mare che era vita, ora ha ucciso anche la povertà; non resta più nulla, solo la speranza nel futuro. La risalita sarà certamente dura. È qui opportuno evidenziare che il buon cuore dei pescatori italiani ha messo in moto iniziative per i loro colleghi dell Oceano Indiano. In alcuni mercati ittici dell Adriatico e della Sicilia, una parte del pescato sarà venduta e le somme raccolte andranno ai pescatori del Sud Est asiatico perché possano riprendere il mare. Certamente occorreranno alcuni anni perché ogni sera molte piroghe possano alzare le vele e riprendere il largo, perché frotte di bambini si rincorrano tra le capanne, perché i vecchi pescatori ritornino a guardare l orizzonte infinito dell oceano. Ma la vita continua, e dopo ogni disastro si ricomincia da capo.

10 Ricetta POLPO AL CARTOCCIO Ingredienti: 4 polpi del peso di 250 gr. cad., 4/5 patate medie, 4/5 pomodorini rossi, 1 bella cipolla rossa d'acquaviva, prezzemolo, 2 foglie d'alloro sale, pepe q.b. 2 cucchiai generosi di olio extravergine aglio. Tempo di preparazione: 45 minuti Procedimento: Preparare i 4 fogli di stagnola e disporre su ognuno di essi le patate affettate (alte circa mezzo centimetro), il polpo, il pomodorino affettato con il trito di prezzemolo, l'aglio, la cipolla, alloro, sale (regolarsi poichè il polpo è gia saporito), il pepe e una innaffiata di olio extravergine. Chiudere bene il cartoccio e metterlo in forno per 45 minuti a 200 News E' una vera e propria mattanza quella che si sta consumando nel Mediterraneo. E a farne le spese è il tonno rosso, specie pregiatissima che vive nelle nostre acque e che, negli ultimi anni, è diventata preda ambita di pescatori dai pochi scrupoli. A lanciare l'allarme è il Wwf che pubblica un dossier a livello mondiale per sollecitare una moratoria da parte della Unione europea visto che, spiega Manuele Bertin, "sono saltati tutti i parametri legali fissati per la pesca di questa specie a rischio di estinzione". Un rischio che è quasi una certezza. Stando alle cifre di un marcato floridissimo che ha nel Giappone il maggior consumatore (nel 2004 per un esemplare di 200 chili venduto all'asta si è arrivati a sborsare euro), ma anche Stati Uniti e Unione europea ne importano gran quantità: nella sola Europa sono state acquistate tonnellate nel 2004 e nel Il problema è legato essenzialmente alla violazione - da parte delle ditte di pesca, soprattutto italiane, spagnole e europee, ma anche turche e libiche - di tutti i 10

11 parametri sanciti dalla Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico (ICCAT). In sostanza la quota annuale di pescato, fissata a tonnellate, è stata superata del 40% arrivando a tonnellate nel 2004 e a nel Le catture non denunciate fanno salire questi quantitativi a oltre tonnellate. Secondo il Wwf la pesca al tonno rosso è "condotta ormai al di fuori di ogni legalità e controllo, con l'ausilio dell'avvistamento aereo, per esempio, che è del tutto vietato". Ma c'è di più. Per alimentare i propri guadagni le ditte di pesca cacciano il tonno prima che raggiunga l'età della riproduzione. Questo impedisce alla specie di riprodursi con un danno che tra qualche anno non sarà più riparabile. Gli animali catturati vengono poi tenuti in 'fattorie galleggianti' (nel erano 49, nel 2006 sono salite a 62 nel Mediterraneo), vere e proprie gabbie in mare aperto dentro le quali i tonni vivono "all'ingrasso" (la stessa tecnica di allevamento delle trote, spiega il Wwf) fino a quando hanno raggiunto la taglia commerciale. A quel punto sono pronti per essere venduti. Il declino e il rischio di sparizione del tonno dai nostri mari è un disastro ecologico, ma anche economico e culturale. La pesca intensiva e industriale, del tutto "non-sostenibile", rischia di cancellare una specie simbolo che ha sostenuto per secoli un'economia fondamentale per molti paesi del Mediterraneo". Di qui la decisione di fare appello alla Ue che rappresenta i paesi europei in seno alla Commissione per la conservazione del tonno che, a novembre, si riunirà a Dubrovnik, in Croazia. 11

12 Indirizzo: Viale Magna Grecia, Taranto (TA) Tel.: Fax: L'associazione denominata "Confcooperative - Unione provinciale di Taranto" è costituita nel 1950 ai sensi e per gli effetti (art. 5 e 6) dello Statuto della Confederazione Cooperative Italiane, associazione nazionale autonoma di rappresentanza, assistenza, tutela e revisione del movimento cooperativo, riconosciuta giuridicamente ai sensi dell'art. 5 del D.L.C.P.S. 14 dicembre 1947, n. 1577, fra gli enti cooperativi e mutualistici aderenti alla Confederazione medesima ed aventi sede legale nell'ambito provinciale. L'associazione "Confcooperative - Unione provinciale di Taranto" è struttura territoriale della Confederazione Cooperative Italiane e la rappresenta nell'ambito della provincia, nel rispetto degli indirizzi generali deliberati dagli organi della Confederazione medesima. Sono rappresentati i seguenti servizi: 1. Agricolo e agroalimentare 2. Pesca 3. Consumo 4. Cultura, turismo e sport 5. Edile di abitazione 6. Produzione lavoro e servizi 12

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500

Barca/Boat INVINCIBLE. BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 76 Barca/Boat INVINCIBLE BOAT 2sect 4544B500 3,00 2 155 18 249 2 500 05349500 3,00 2 155 18 300 10 2 500 Light drifting alle palamite e pesca a bolentino sono i due campi d azione ideali per questa canna.

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Con il termine pesce si intendono le carni di animali acquatici forniti

Dettagli

Consumo del motore, velocità della barca

Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore, velocità della barca Consumo del motore - Consumo specifico di carburante secondo i vari tipi di motore Motore Densità (d ) del carburat ore Consumo (s) in grammi per CV e per ora 2

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti densità abitativa -

Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti densità abitativa - POTENZIALE AGRICOLO DEL MONTENEGRO: OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO MONTENEGRO Caratteristiche principali del Montenegro superficie - 13.812 km2 lunghezza della costa - 293,5 km popolazione - 625.000 abitanti

Dettagli

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO CAMPAGNA PESCA: NUOVO RAPPORTO DEL WWF IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO La più grave minaccia per una specie già in pericolo Sommario: Negli ultimi anni l'allevamento del tonno

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA A FUEL CONSUMPTION BASED METHOD TO MEASURE THE FISHING EFFORT 7 IL CONSUMO DI CARBURANTE QUALE METODO DI MISURA DELLO SFORZO DI PESCA

Dettagli

LA GUIDA DEL PESCATURISMO

LA GUIDA DEL PESCATURISMO LA GUIDA DEL PESCATURISMO Nell oscurità il vecchio sentì giungere il mattino e mentre remava udì il suono tremolante dei pesci volanti che uscivano dall acqua e il sibilo fatto dalle rigide ali tese mentre

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali Servizio di valutazione indipendente intermedia del Programma Operativo della Regione Autonoma della Sardegna 2000-2006 Aggiornamento della valutazione intermedia

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

Chi dovrebbe avere. il diritto di pescare. Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond

Chi dovrebbe avere. il diritto di pescare. Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond Chi dovrebbe avere il diritto di pescare Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond TROPPE NAVI PROFITTI RIDOTTI DISASTRO AMBIENTALE Il sovrasfruttamento degli stock ittici dell'unione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 PESCA SPORTIVA Nelle righe che seguono tratteremo gli aspetti della pesca sportiva in mare riferendoci a quanto è previsto tuttora dalla legislazione

Dettagli

SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc

SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc - SEZIONI PROVINCIALI F.I.P.S.A.S - SOCIETÀ ORGANIZZATRICE --------------------------------------------- GIUDICE

Dettagli

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 Yacht Club Porto Rotondo A.S.D. International Sportfishing Association PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 GARA DI PESCA D ALTURA PORTO ROTONDO 21-22 AGOSTO 2015 PROGRAMMA Venerdì 21 agosto pomeriggio

Dettagli

Report ittico 17 dicembre 2012

Report ittico 17 dicembre 2012 Report ittico 17 dicembre 2012 1. Il l settore ittico in i Italia nel 2011 1.1 Il settore in sintesi Si è accentuata, nel 2011, la flessione della produzione ittica in Italia; secondo i dati Irepa, le

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

L INFORM@PESCA. Editoriale BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO

L INFORM@PESCA. Editoriale BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO L INFORM@PESCA BOLLETTINO A CURA DI CONFCOOPERATIVE TARANTO N U M E R O X X X A P R I L E 2 0 0 7 SOMMARIO: Informativa tecnica 2 Ricerca e statistica 4 Normativa 5 Pesca nel Mondo 8 Ricetta 10 News 10

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO A TUTTI I SOCI FIESA E FIEPET CONFESERCENTI ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con apposit nota, ha fornito tra

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO

DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO DISCIPLINARE PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NEL LAGO DI CAMPOTOSTO (Delibera Commissariale n. 20 del 4 settembre 2008) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di B A R L E T T A (Via C. Colombo - Tel. 0883/531020 Fax. 0883/533400 cp-barletta@pec.mit.gov.it guardiacostiera.it/barletta) ORDINANZA

Dettagli

I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI

I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI Ismea I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI Spagna, Francia, Germania, Grecia, Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia 2008 Responsabile della ricerca Ezio Castiglione Responsabile scientifico Giorgio

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014)

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) Risorse finanziarie Risorse totali FEAMP 5 miliardi e 750 milioni da dividersi fra 27 Stati Membri Disponibilità per l Italia: 537 milioni

Dettagli

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting Il Pesce nella Rete 1 Un approccio organico 2 Considerando i rapporti tra Pesca e territorio Pesca e tradizione enogastronomica Pesca, pescatori e infrastrutture come elementi caratterizzanti di un paesaggio

Dettagli

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa P Delizie dei Mari del Nord h D alle fredde e basse acque del Mare del Nord alle nostre tavole, la platessa porta con sé tutte le qualità che

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati Acquacoltura in sistemi aperti: le gabbie galleggianti TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

Dettagli

Spedizioni 2005. Tanzania Malawi. Malawi Tanzania. Partenza Dar es Salaam il 31/07 Arrivo a Lilongwe il 14/08

Spedizioni 2005. Tanzania Malawi. Malawi Tanzania. Partenza Dar es Salaam il 31/07 Arrivo a Lilongwe il 14/08 Spedizioni 2005 Tanzania Malawi Partenza Dar es Salaam il 31/07 Arrivo a Lilongwe il 14/08 Malawi Tanzania Partenza da Lilongwe il 21/08 Arrivo a Dar es Salaam il 03/09 Tanzania e Malawi I parchi più segreti,

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i Dal Mare con Amore C a t a l o g o P r o d o t t i 2 0 0 9 L azienda Iasa nasce a Salerno nel 1969 dalla trasformazione in una moderna società di quella che era l attività di famiglia dei soci fondatori,

Dettagli

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona 3.1.1 Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici ALLEGATO I Tabelle statistiche e grafici Valutazio ex-ante ambientale Figura I.1. Andamento del numero di pescherecci lle Regioni Obiettivo 1, anni 1996- N. battell 5000 4500 4000 3500 3000 2500 1500 1000

Dettagli

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino;

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino; La III e XIII Commissione, la pesca rappresenta nel bacino del Mar Adriatico e per le comunità italiane che vi si affacciano un'importante economia diretta oltre che un consistente indotto formato dal

Dettagli

ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016

ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016 ACQUARIO DI CALA GONONE Proposta Didattica 2015-2016 La vasca de Piranha IL PERCORSO ESPOSITIVO Le 25 vasche espositive vi aspettano per farvi conoscere le specie tipiche della Sardegna, tra le quali il

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo

La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Progetto LIFE NATURA Co.Me.Bi.S. La gestione integrata degli ecosistemi costieri e marini del Mediterraneo Integrated management of coastal and marine ecosystems of the Mediterranean Simona Clò Responsabile

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IN BARCA A VELA 4 anno

IN BARCA A VELA 4 anno IN BARCA A VELA 4 anno Le Kornati e la Dalmazia del sud La vacanza fatta in barca cambia! Diventa un esperienza fatta di sport, attività e relax Giorni di mare lungo coste incantevoli, accompagnati da

Dettagli

Primi Piatti Insalata di Pesce Primi Piatti di Pesce Fritti Infarinati Mono Porzione Spiedini Panati Patate Pasta Fresca Artigianale

Primi Piatti Insalata di Pesce Primi Piatti di Pesce Fritti Infarinati Mono Porzione Spiedini Panati Patate Pasta Fresca Artigianale Catalogo generale 2 Primi Piatti Insalata di Pesce Primi Piatti di Pesce Fritti Infarinati Mono Porzione Spiedini Panati Patate Pasta Fresca Artigianale 3 Primi piatti Tortellini della Ghirlandina - gr.

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

Filetti di alici marinate

Filetti di alici marinate Ittico Filetti di alici marinate Filetti di alici marinate in olio. filetti di alici engraulls engrasicholus (alici, acqua, aceto di vino, sale) 65% min, olio di semi di girasole, sale, acido citrico,

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI MANTOVA CONVENZIONATA FIPSAS Via Principe Amedeo, 29 46100 Mantova 0376-320727 fax0376-382843

SEZIONE PROVINCIALE DI MANTOVA CONVENZIONATA FIPSAS Via Principe Amedeo, 29 46100 Mantova 0376-320727 fax0376-382843 0-0 fax0 - CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE IN A.I. 0 Valido come selezione per il Campionato Italiano Individuale 0 REGOLAMENTO PARTICOLARE ART. - La Commissione Sportiva Provinciale su assegnazione

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE

ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE ATTREZZATURE PER LA PESCA SPORTIVA & PROFESSIONALE Magic Marlin di Santo e Consolato Polimeno S.S. 106 - Zona Industriale - Condofuri Marina (RC) Tel. + 39 0965 784269 - Fax + 39 0965 784269 www.magicmarlin.it

Dettagli

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI 1 Il presente documento è il frutto delle giornate di lavoro del convegno " Per Tutti Una Valle Incantata...- Prospettive

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

I_I15.e Isole, mare e cibo (un cluster di EXPO2015)

I_I15.e Isole, mare e cibo (un cluster di EXPO2015) PoliCulturaExpoMilano2015 I_I15.e Isole, mare e cibo (un cluster di EXPO2015) Versione Estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Prof. Vincenzo Russo Professore

Dettagli

MARE SICURO" Il decalogo del Bagnante "MARE SICURO" In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: "MARE SICURO" In Windsurf Ricordati di:

MARE SICURO Il decalogo del Bagnante MARE SICURO In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: MARE SICURO In Windsurf Ricordati di: MARE SICURO" - Il decalogo del Bagnante 1 Non fare il bagno se non sei in perfette condizioni psicofisiche; 2 Anche se sei un buon nuotatore non forzare il tuo fisico; 3 Dopo una lunga esposizione al sole

Dettagli

-OVUNQUE VIAGGI- A CURA DI. MOZAMBICO Inhaca Island African Big Game (11 gg/8 notti)

-OVUNQUE VIAGGI- A CURA DI. MOZAMBICO Inhaca Island African Big Game (11 gg/8 notti) -OVUNQUE VIAGGI- A CURA DI MOZAMBICO Inhaca Island African Big Game (11 gg/8 notti) Arte Del Viaggio è lieta di presentarvi un altra incredibile proposta di pesca estrema nata dalla collaborazione con

Dettagli

Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua costa orientale. Così, usciti da

Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua costa orientale. Così, usciti da DAL MAR DI TRACIA A TRIESTE IN BARCA A VELA: LA TAPPA CONCLUSIVA DEL RIENTRO IN ITALIA DELLA MAJA IIIp. di Sara Bonafini Arrivati ormai nello Ionio, abbiamo deciso di risalire l Adriatico lungo la sua

Dettagli

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi"

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina Isole Egadi Decreto interministeriale 6 agosto 1993 Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi" (G.U. della Repubblica Italiana n. 199 del 25 agosto 1993) Il Ministro dell'ambiente di concerto

Dettagli

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto una o due settimane Un mare di amicizia e natura Una vacanza mai vissuta, o se vissuta, da ripetere! Perché con tanti amici a bordo, e ogni volta in un mare diverso,

Dettagli

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Introduzione alla geografia Introduzione agli elementi geografici e morfologici di un territorio. La posizione di un luogo. L idrografia. Introduzione

Dettagli

A z i e n d a A g r i t u r i s t i c a. Antipasti

A z i e n d a A g r i t u r i s t i c a. Antipasti A z i e n d a A g r i t u r i s t i c a I l C a s a l e d e l l E t n a Antipasti Alici in agrodolce Alici fritte Alici marinate Bresaola di tonno Bruschette al patè di tonno Calamaretti conditi (marinati)

Dettagli

PROFONDO BLU. Africa > Madagascar > Nosy Be TESTATO PER TE DA:

PROFONDO BLU. Africa > Madagascar > Nosy Be TESTATO PER TE DA: PROFONDO BLU Africa > Madagascar > Nosy Be TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono e trova

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 8

Esercitazione pratica di cucina N 8 Esercitazione pratica di cucina N 8 Cocktail di Gamberetti In Salsa Aurora ------------------------ Spaghetti di Mare Al Cartoccio ------------------------ Ravioli di Astice e pomodori Al burro Aromatizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. Art. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento approvato dalle Province di Bergamo

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca.

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca. R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca (modificato con: L.16 marzo 1933 n. 260; R.D.L. 11 aprile 1938 n. 1183; L. 12 luglio 1938 n. 1487; L. 20 marzo 1940 n.

Dettagli

AGOSTO 2015 IN CAICCO IMBARCO ALLA CABINA SU CAICCO DEFINITO CON VOLI AEREI DALL ITALIA

AGOSTO 2015 IN CAICCO IMBARCO ALLA CABINA SU CAICCO DEFINITO CON VOLI AEREI DALL ITALIA OCY.it - Ocean Yachting, in occasione dell estate 2015 organizza due crociere alla cabina a bordo di caicchi di ottimo livello con aria condizionata e box doccia. 8-15 agosto Bodrum-Hisaronu-Bodrum a bordo

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 FEP - Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013 MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

FI-MA PASTURE SPECIALI DA COMPETIZIONE COSTANO DAVVERO DI PIU, SE POI NE BASTA MENO?

FI-MA PASTURE SPECIALI DA COMPETIZIONE COSTANO DAVVERO DI PIU, SE POI NE BASTA MENO? Pieghevole FIMA 19-05-2004 14:42 Pagina 1 6 VOLTE CAMPIONE D ITALIA PASTURE SPECIALI DA COMPETIZIONE COSTANO DAVVERO DI PIU, SE POI NE BASTA MENO? Pieghevole FIMA 19-05-2004 14:42 Pagina 2 PASTURE DA OLTRE

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

SUD AFRICA - The Big Five Land

SUD AFRICA - The Big Five Land SUD AFRICA - The Big Five Land Tour con Guida per Famiglie Un viaggio straordinariamente affascinante pensato principalmente per tutti coloro che anche nel periodo dell estate locale non vogliono eseguire

Dettagli

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia Mattonella di puro Sale dolce di Cervia ideale per la cottura a caldo o per preparazioni a freddo delle pietanze. Il sale della millenaria Salina di Cervia

Dettagli

PENTA FOOD S.R.L. Sede legale: Via Roma 26/1 35010 Loreggia (PD) P. Iva, Codice Fiscale e Reg. Imprese 04840550281

PENTA FOOD S.R.L. Sede legale: Via Roma 26/1 35010 Loreggia (PD) P. Iva, Codice Fiscale e Reg. Imprese 04840550281 Crediamo che la ristorazione in grado di offrire buoni prodotti a prezzi accessibili rappresenti uno dei pochi settori, nel nostro Paese e non solo, ancora in grado di offrire positive prospettive di crescita.

Dettagli