LE NOVITA IN MATERIA DI COMMERCIO E POLIZIA AMMINISTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA IN MATERIA DI COMMERCIO E POLIZIA AMMINISTRATIVA"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA MUNICIPALE E LOCALE D ITALIA riconoscimento ministero LL.PP. decreto del G.U serie generale n 296 Appartenente alla Consulta ANCI delle Associazioni CONVEGNO NAZIONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE 9 Edizione Giornate di Studio MODIFICA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE: QUALE POLIZIA MUNICIPALE? SULMONA (AQ) SALA CONGRESSI EUROPA PARK HOTEL FEBBRAIO 2004 LE NOVITA IN MATERIA DI COMMERCIO E POLIZIA AMMINISTRATIVA Relatrice: D.ssa Elena Fiore Comandante P.M. di Lugo S.Agata sul Santerno e Bagnara di Romagna (RA) 1

2 Indice: La disciplina dei video giochi 1. Premessa Pag Il t.u.l.p.s. Pag La legge 23 dicembre 2000, n.388 (legge finanziaria 2001) Pag La legge 27 dicembre 2002, n.289 (legge finanziaria 2003) Pag I decreti attuativi della legge 27 dicembre 2002, n.289 (finanziaria 2003) Pag La legge 24 novembre 2003, n.326 Pag L'art.110 del t.u.l.p.s. Pag La tabella dei giochi vietati Pag La vidimazione Pag L'installabilità dei video giochi Pag I limiti di luogo Pag I limiti quantitativi Pag Gli apparecchi per il gioco lecito (art.110, comma 6) Pag Altri apparecchi per il gioco lecito (art.110, comma 7) Pag I giochi previsti dalla lettera a) del comma 7 Pag I giochi previsti dalla lettera b) del comma 7 Pag I giochi previsti dalla lettera c) del comma 7 Pag Le licenze di polizia previste dall art.86 del t.u.l.p.s. Pag Le licenze di polizia e la legge finanziaria 2003 Pag Il procedimento amministrativo Pag L'installazione di video giochi nei circoli privati Pag L'installazione di video giochi negli spettacoli viaggianti Pag Le sanzioni Pag Esercizio abusivo dell'attività di distributore, gestore, installatore di Pag.43 apparecchi per il gioco lecito 9.2. Utilizzo ed uso di apparecchi da trattenimento vietati Pag Le sanzioni accessorie Pag La sospensione cautelare dell'attività Pag Altri provvedimenti di sospensione dell'attività Pag Il controllo degli apparecchi e dei congegni per trattenimento Pag.49 Ultime novita in materia di esercizi pubblici anno 2004 pag.52 2

3 PUBBLICI ESERCIZI ED ANNESSE ATTIVITA : GIOCHI LECITI La disciplina dei video giochi * di Elena Fiore ** 1. Premessa Gli apparecchi e i congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e da gioco di abilità, utilizzati in luoghi pubblici o aperti al pubblico o nei circoli privati, possono essere utilizzati per il gioco d azzardo e quindi creare allarme sociale per l'ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini; per tali motivi sono disciplinati dal r.d. 18 giugno 1931, n. 773, recante Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza Il t.u.l.p.s. La disciplina, individuata per gli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e da gioco di abilità dal t.u.l.p.s. (che nel 1931 non poteva prevedere lo sviluppo e la diffusione di questa particolare forma di trattenimento), è stata in questi decenni, più volte, oggetto di provvedimenti di modifica ad opera: dell art.1 della legge 20 maggio 1965, n. 507, dell art.1, della legge 17 dicembre 1986, n. 904, dell art.1, della legge 6 ottobre 1995, n.425, dell art.37, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n.388 (finanziaria 2001), dell art. 22 della legge 27 dicembre 2002, n.289(finanziaria 2003) e da ultimo dell art. 39 del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n.326. In particolare il t.u.l.p.s. articola la disciplina concernente i videogiochi in due disposizione contenute: nell art.86, che sottopone l attività di distribuzione, di gestione e di installazione ad apposita autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio; * Il testo è tratto dal volume Elena Fiore I video giochi negli esercizi pubblici e nei circoli privati Maggioli Editore, Rimini, 2003 ed aggiornato alla data del 26 novembre ** Comandante Polizia Municipale di Lugo, S.Agata sul Santerno e Bagnara di Romagna (Ra) 3

4 nell art.110, che individua le caratteristiche degli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e da gioco di abilità, diversificandoli da quelli per il gioco d azzardo La legge 23 dicembre 2000, n.388 (legge finanziaria 2001) La legge n.388/2000 ha modificato in modo sostanziale la disciplina dei video giochi in quanto: ha introdotto nell art.86 del t.u.l.p.s il terzo comma, che prevede la licenza per l esercizio di sale pubbliche da gioco in cui sono installati apparecchi o congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco (di cui al quinto comma dell'art.110 vigente fino al 31 dicembre 2002) e la licenza per lo svolgimento delle attività di distribuzione o di gestione, anche indiretta, di tali apparecchi; all art.38 ha previsto per i videogiochi l obbligo di un nulla osta da rilasciarsi previa verifica della documentazione prodotta dal richiedente, attestante: a) la conformità degli apparecchi alle prescrizioni di legge o di regolamento; b) l'installazione, su ciascun esemplare, di un dispositivo per la lettura delle schede a deconto o strumenti similari; c) l'ulteriore installazione, su ciascun esemplare, di un dispositivo idoneo a garantire l'immodificabilità delle caratteristiche e delle modalità di funzionamento nonché della distribuzione dei premi (dispositivo antimanomissione); ha modificato l art.110 del t.u.l.p.s. individuando nuove caratteristiche per i giochi elettronici per il gioco lecito. Le disposizioni introdotte dalla legge n.388/00, per quanto attiene il nulla osta degli apparecchi e l art.110 del t.u.l.p.s., sono state completamente riscritte dalla legge finanziaria La legge 27 dicembre 2002, n.289 (legge finanziaria 2003) La legge n.289/02 tenta di porre un freno al gioco d azzardo, ormai dilagante negli esercizi pubblici ove sono installati i videopoker, con rilevanti modifiche che: sostituiscono integralmente l art.38 della legge 23 dicembre 2000, n.388 in materia di nulla osta; riscrivono l art.110 del t.u.l.p.s. individuando nuove tipologie di apparecchi elettronici per il gioco lecito; modificano l art.14-bis del d.p.r. 26 ottobre 1972, n.640, che contiene la disciplina tributaria del settore relativa alle modalità di versamento delle imposte e di determinazione della base imponibile. 4

5 Le disposizioni introdotte dalla legge n.289/02, sono state in parte modificate dall art. 39 del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269 convertito, con modificazioni, con legge 24 novembre 2003, n I decreti attuativi della legge 27 dicembre 2002, n.289 (legge finanziaria 2003) Per rendere operative le disposizioni della legge finanziaria 2003 sono stati emanati alcuni decreti ministeriali ed in particolare: decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 11 marzo 2003 recante le regole tecniche relative agli apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento come definiti dall art. 110, comma 7, del t.u.l.p.s.; decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 10 aprile 2003 recante le regole tecniche relative agli apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento come definiti dall art. 110, comma 6, del t.u.l.p.s e modifiche al decreto 11 marzo 2003; decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 21 maggio 2003 per l individuazione dei criteri per l applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria prevista per gli apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento in assenza di nulla osta; decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 27 ottobre 2003 Determinazione del numero massimo di apparecchi e congegni di cui all art.110, commi 6 e 7, lettera b) del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (T.U.L.PS.) che possono essere installati presso esercizi pubblici, circoli privati e punti di accolta di altri giochi autorizzati La legge 24 novembre 2003, n.326 L art.39, del decreto legge 30 settembre 2003, n.269, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n.326, ha ancora una volta ritoccato la disciplina dei video giochi in quanto: modifica le caratteristiche degli apparecchi e congegni previsti dal comma 6 dell art.110 del t.u.l.p.s.; rivede le modalità previste dal comma 7 dell art.110 del t.u.l.p.s. per la messa a norma degli apparecchi individuati dalla lettera b); introduce nell art.110 del t.u.l.p.s. l art.7-bis che nega ai video giochi del comma 7 di riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le su regole fondamentali; modifica l art.14-bis del d.p.r. 26 ottobre 1972, n.640 5

6 2. L'art.110 del t.u.l.p.s. In tutte le sale da bigliardo o da gioco deve essere esposta una tabella, vidimata dal questore, nella quale sono indicati, oltre i giuochi d'azzardo, anche quelli che l'autorità stessa ritenga di vietare nel pubblico interesse. Nella tabella predetta deve essere fatta espressa menzione del divieto delle scommesse. E', in ogni caso, vietato di concedere licenze per l'uso, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, di apparecchi e di congegni automatici da gioco o da trattenimento di qualsiasi specie. Nel caso in cui tali apparecchi o congegni siano tenuti abusivamente, il colpevole è punito con l'arresto da un mese a due anni e con l'ammenda da.1000 a Così, nel r.d. 18 giugno 1931, n.773, pubblicato sulla G.U. 26 giugno 1931 n.146, il legislatore aveva disciplinato gli apparecchi e i congegni automatici da gioco o da trattenimento. Una disciplina che non conosceva deroghe: nei luoghi pubblici o aperti al pubblico erano vietati gli apparecchi e i congegni automatici da gioco o da trattenimento di qualsiasi specie. In questi settanta anni la norma si è adeguata alle mutate esigenze di una società che considera i video giochi una componente importante del mondo giovanile che, però, racchiude in sé una grande potenzialità ed enormi rischi. Il vecchio impianto dell'art.110 del t.u.l.p.s., a poco a poco, a seguito di interventi del legislatore e della giurisprudenza, si è modificato, creando da un lato una più netta individuazione del rapporto intercorrente tra l'abilità del giocatore e l'aleatorietà della procedura e del meccanismo del gioco, dall'altro la determinazione di un tetto della posta in gioco, al di sotto della quale la vincita resta lecita. La stessa Corte di Cassazione nella sentenza del 6 maggio 1998, n.1625 aveva fortemente ridimensionato la nozione del "fine di lucro", essenziale perché si configuri il gioco d'azzardo; elemento che non può attuarsi quando "la posta in gioco sia talmente esigua da non configurarsi un guadagno economicamente apprezzabile". Gli interventi legislativi degli ultimi anni, ed in modo particolare la legge n.425/95 e la legge n.388/00, hanno tenuto conto di questa diversa 6

7 impostazione per determinare i parametri distintivi della liceità ed illiceità degli apparecchi per il gioco lecito, ponendo limiti certi e tassativi al costo massimo della giocata e al valore massimo del premio conseguibile. L'uso sconsiderato ed illecito, però, di questi apparecchi e il conseguente allarme sociale che li accompagna ha costretto il legislatore a rimettere in discussione i testi normativi precedenti con nuove soluzioni individuate nell'art.22 della legge 27 dicembre 2002, n.289 (legge finanziaria 2003). La citata novella legislativa ha profondamente mutato l'assetto normativo della materia degli apparecchi da video gioco, attraverso la riformulazione dell'art.110 del t.u.l.p.s, dell'art.38 della legge n.388/00 e dell'art.14-bis del r.d. n.640/ La tabella dei giochi vietati La tabella dei giochi vietati è disciplinata dal comma 1 dell'art.110 del t.u.l.p.s., che viene confermato dalla legge n.289/02 nella sua formulazione precedente, salvo alcuni aggiustamenti unicamente di tipo formale. Il primo comma dell art.110 del t.u.l.p.s. era stato comunque modificato dalla legge n. 388/00, e le novità introdotte possono essere così sintetizzate: l obbligo della tabella dei giochi vietati viene esteso dalle sale da bigliardo o da giuoco a tutti gli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati a praticare il gioco o ad installare apparecchi da gioco; nella tabella, oltre i giuochi d'azzardo e a quelli che l'autorità stessa ritenga di vietare nel pubblico interesse, possono essere inseriti le prescrizioni e i divieti specifici che la stessa autorità ritenga di disporre nel pubblico interesse. La giurisprudenza negli ultimi anni aveva sostenuto, in modo quasi unanime, che tutti i pubblici esercizi hanno l'obbligo di esporre la tabella dei giochi. Il termine "sale da biliardo o da gioco", infatti, (utilizzato nel comma 1 dell art.110 del t.u.l.p.s. prima della modifica) doveva essere inteso "in senso comune e cioè come luogo ove, oltre alle varie attività consentite, possa giocarsi anche al biliardo o ad altri giochi leciti, e non già in senso specifico, e cioè esercizio pubblico destinato esclusivamente allo svolgimento di quei giochi. Gli obblighi quindi - dell'esposizione della tabella e della visibilità della stessa nell'esercizio devono essere rispettati per ogni esercizio pubblico autorizzato allo svolgimento dei giuochi" (Cassazione Penale Sezione I, sentenza n del 26 settembre 1984). 7

8 La legge n.388/00, modificando il comma 1 dell art.110 del t.u.l.p.s., ha confermato questo orientamento giurisprudenziale, prevedendo infatti che la tabella dei giochi vietati deve essere esposta in tutti gli esercizi autorizzati a praticare il gioco e in luogo visibile (art.195 del reg. d'es. del t.u.l.p.s.). Il Ministero dell'interno, nella circolare 557/B (1) del 28 giugno 2001 aveva commentato che "Dalla nuova formulazione della disposizione - differente dalla previgente che imponeva l'obbligo di esporre la tabella dei giochi proibiti solo nelle sale "da biliardo o da gioco" - si comprende come il legislatore abbia conferito un particolare significato alla semplice presenza in un locale di uno o più apparecchi da gioco, tale da imporre l'obbligo di esposizione della tabella. Detta circostanza, che a prima vista potrebbe sembrare di poco rilievo, in concreto comporta non solo la conseguenza che gli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici installati in un qualunque esercizio non possono riprodurre i giochi vietati contenuti nella tabella, ma anche che il Questore ha la possibilità di imporre particolari prescrizioni e divieti specifici che riguardano appunto tali apparecchi. A tale riguardo e soprattutto in considerazione del fatto che l'esposizione della tabella comporta una sorta di pubblicità notizia, è quanto mai opportuno che nel contesto della medesima siano indicati in modo puntuale gli elementi che caratterizzano e differenziano gli apparecchi automatici per il gioco d'azzardo (art comma) da quelli da trattenimento e di abilità (art comma) e dai giochi leciti (art comma).". La finanziaria 2001 comunque non si è limitata ad individuare con chiarezza i luoghi ove vige l obbligo di esposizione della tabella, ma ha ampliato i contenuti della tabella stessa prevedendo che in essa vi siano indicati: i giochi d azzardo, i giochi non d azzardo che l autorità competente ritenga di vietare nel pubblico interesse, le prescrizioni e i divieti specifici disposti nel pubblico interesse La vidimazione Il comma 1 dell art.110 del t.u.l.p.s. assegna la competenza a vidimare la tabella dei giochi vietati al questore, ma il d.p.r. n.311/01 ha introdotto nell art.195 del reg. di es. del t.u.l.p.s. una modifica a questo dettato legislativo: " In deroga, a quanto previsto dall'art.110, 1 comma della legge, la vidimazione è effettuata dal sindaco o da un suo delegato, in ottemperanza agli elenchi dei giochi vietati, oltre a quelli d'azzardo, stabiliti dal questore, o se si tratta di giochi in uso in tutto lo Stato dal Ministero dell'interno". 8

9 La legge finanziaria 2003, nella riformulazione del 1 comma dell'art.110 del t.u.l.p.s., ribadisce ancora che " ( ) è esposta una tabella, vidimata dal questore, ( )"; si ritiene comunque ancora vigente la deroga prevista dall'art.195 del reg. d'es. del t.u.l.p.s.. Il Ministero dell interno con nota 557/B A(4) del 7 luglio 2003 ha infatti confermato che la vidimazione della tabella dei giochi, prevista dall art.110 del t.u.l.p.s, spetta all autorità comunale. E' importante comunque sottolineare che al Sindaco è stata trasferita unicamente la competenza alla vidimazione della tabella e non quella di stabilirne i contenuti: prerogativa questa che appartiene unicamente all'autorità di pubblica sicurezza. Questo compito può essere svolto in prima persona dal Sindaco ovvero da una persona a questo delegata, e quindi da un assessore ovvero da un dirigente o da un responsabile di servizio: deve comunque risultare in un atto del comune che questa persona vidima la tabella dei giochi vietati in virtù di una delega concessa. Ma cosa deve intendersi per vidimazione? Questo termine deriva dal latino "vìdimus" e cioè "noi abbiamo visto" ed era la formula che veniva apposta dall autorità competente sui documenti in segno di approvazione. Vidimare quindi significa porre su un documento un segno, quale ad esempio una firma, per renderlo valido o per autenticarne il contenuto: la vidimazione della tabella è testimonianza della sua conformità alla tabella predisposta dal Questore. 3. L'installabilità dei video giochi La normativa, in vigore fino al 31 dicembre 2002, non aveva mai stabilito limiti per l'installabilità dei video giochi per il gioco lecito, a condizione comunque che la loro installazione avvenisse previo rilascio di licenza di polizia di cui all'art.86 del t.u.l.p.s. (nel tempo poi sostituita con denuncia di inizio attività). Eventuali limiti erano posti dai regolamenti locali adottati da moltissimi comuni per disciplinare questa particolare attività. La finanziaria 2003 ha, invece, adottato limiti precisi per l'installazione di questi apparecchi per il gioco lecito sia per quanto attiene i luoghi sia per il numero degli apparecchi collocati in un medesimo esercizio pubblico. 9

10 3.1. I limiti di luogo Con la legge n.289/02 il legislatore precisa che alcuni apparecchi da trattenimento per il gioco lecito possono essere installati unicamente negli esercizi autorizzati ai sensi dell'art.86 e dell'art.88 del t.u.l.p.s.. Nessuna incertezza sussiste per l'individuazione degli esercizi autorizzati ai sensi dell'art.86 del t.u.l.p.s.: articolo che disciplina i pubblici esercizi quali: le attività ricettive ( alberghi, locande, pensioni, ecc..) 1 ; gli esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande (ristoranti, pizzerie, bar, osterie, pub ecc ) 2 ; le sale gioco ( sale pubbliche per bigliardi o altri giochi leciti); gli stabilimenti di bagni; l'esercizio di somministrazione nei circoli privati 3. Gli esercizi disciplinati dall'art.88 del t.u.l.p.s. sono gli esercizi per la gestione delle scommesse e la sale Bingo. In queste ultime però non possono essere installati gli apparecchi da trattenimento, in quanto il legislatore della legge n.289/02 fa salvo il divieto previsto dall'art.2 del d.m. 31 gennaio 2000, n.29. La disposizione, contenuta nel comma 3, del vigente art.110 del t.u.l.p.s., rappresenta una rilevante novità, in quanto pone limiti precisi alla "possibilità" di installare giochi elettronici per il gioco lecito. Limiti però che sono applicabili unicamente agli apparecchi individuati nell'art.110: al comma 6, alla lettera b) del comma 7. Nelle more di una diversa interpretazione ministeriale 4, si ritiene che il comma 3 dell'art.110 del t.u.l.p.s. non consenta più di installare negli esercizi commerciali, negli esercizi artigianali e comunque in locali diversi dai pubblici esercizi e dalle sale scommesse i video giochi disciplinati dal comma 6 e dalla lettera b) del comma 7 dello stesso articolo 110: in questi 1 Le attività ricettive sono disciplinate dalla legge 29 marzo 2001, n.135, recante la riforma della legislazione nazionale del turismo e, per espressa disposizione dell'art.9 della citata legge, anche dall'art.86 del t.u.l.p.s.. 2 L'attività di somministrazione di alimenti e bevande è disciplinata dalla legge 25 agosto 1991, n. 287 e, per espressa disposizione dell'art.152 del regolamento di esecuzione del t.u.l.p.s., come modificato dal d.p.r. n.311/01, anche dall'art.86 del t.u.l.p.s.. 3 L'attività di somministrazione nei circoli privati è disciplinata dal d.p.r. 4 aprile 2001, n.235 e, per espressa disposizione dell'art.4 del citato d.p.r., anche dall'art.86 del t.u.l.p.s.. 4 Questa disposizione sarà comunque soggetta a interpretazioni discordanti in quanto forti saranno le pressioni delle categorie escluse, quali ad es. le sale Bingo e le tabaccherie (fatta eccezione per quelle che hanno licenza di cui all'art.88 del t.u.lp.s.). 10

11 locali eventualmente potranno essere installati, previo rilascio di apposita licenza, gli apparecchi e i congegni da trattenimento per il gioco lecito individuati dalle lettere a) e c) del comma 7. Se gli apparecchi e i congegni da trattenimento per il gioco lecito, individuati dal comma 6, fino alla data del 31 dicembre 2002, non sono mai stati installati in locali aperti al pubblico, in quanto la precedente normativa non ne autorizzava l'installazione, quelli disciplinati dall'attuale comma 7, lett. b) (prima delle modifiche introdotte dalla legge n.289/02 erano previsti dal comma 5) venivano installati, con licenza di cui all'art.86, comma 3, del t.u.l.p.s, anche presso esercizi diversi dagli esercizi pubblici (negli esercizi commerciali ecc..). Dal 1 gennaio 2003 questa installazione sembra non essere più consentita in esercizi non assoggettati ad autorizzazione ai sensi degli articoli 86 o 88 e quindi occorre procedere alla revoca d'ufficio delle licenze rilasciate per esercizi diversi. Se da un lato la finanziaria 2003 vieta l'installazione dei video giochi negli esercizi commerciali ed artigianali, dall'altro ritiene questi apparecchi installabili negli esercizi di cui all'art.88 del t.u.l.p.s., e quindi nelle esercizi per la gestione delle scommesse, prima escluse da questa possibilità. Per le sale scommesse il divieto era posto dall'art.2, comma 1, lettera h) del D.M. 2 giugno 1998, n.174 che stabiliva. " h) l'accettazione delle scommesse avviene nei locali nei quali non si svolgono attività diverse dalla accettazione di scommesse." I limiti quantitativi Oltre a stabilire limitazioni sulla tipologia degli esercizi, ove poter installare alcuni degli apparecchi per il gioco lecito individuati dal t.u.l.p.s., il legislatore della legge n.289/02, al comma 6 dell'art.22, ipotizza l'emanazione di un decreto dirigenziale del Ministero dell'economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, di concerto con il Ministero dell'interno, tenuto conto del parere della Conferenza Stato-città ed autonomie locali, per individuare: il numero massimo di apparecchi, con riferimento alle loro diverse tipologie di cui all'art.110, commi 6 e 7, del t.u.l.p.s., che possono essere installati presso pubblici esercizi o punti di raccolta di altri giochi autorizzati, fermo restando quanto stabilito dall'articolo 1, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 31 gennaio 2000, n. 29; le prescrizioni da osservare ai fini dell'installazione sulla base dei seguenti criteri direttivi: 11

12 a) dimensione e natura dell'attività prevalente svolta presso l'esercizio o il locale; b) ubicazione dell'esercizio o del locale. La legge n.289/02, quindi, prevede l uscita di un regolamento per determinare non solo il limite quantitativo degli apparecchi installabili negli esercizi pubblici, ma anche le prescrizioni per la loro installazione, invalidando quanto già disposto in materia dai regolamenti comunali. Il regolamento è stato emanato con decreto 27 ottobre 2003 Determinazione del numero massimo di apparecchi e congegni di cui all art.110, commi 6 e 7, lettera b) del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (T.U.L.PS.) che possono essere installati presso esercizi pubblici, circoli privati e punti di raccolta di altri giochi autorizzati, pubblicato sulla G.U. n. 255 del 3 novembre L'Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato nel decreto in esame sceglie di dimensionare esclusivamente gli apparecchi di cui ai commi 6 e 7, lettera b), dell'art.110, lasciando invece libera l'installazione degli apparecchi previsti dal comma 7, lettere a) e c) del medesimo articolo, in quanto questi ultimi giochi non sono vietati ai minori degli anni 18 e non contengono elementi d'azzardo ma solo di puro intrattenimento. Il numero massimo degli apparecchi è individuato come nella tabella di seguito riportata: Tipologia degli esercizi Numero massimo di apparecchi - bar ed esercizi similari n.1 ogni 15 mq (max 2 fino a 50 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 50 mq fino ad un numero max di 4) - ristorante ed esercizi similari n.1 ogni 30 mq (max 2 fino a 100 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 100 mq fino ad un numero max di 4) - stabilimento balneare ed esercizi similari n.1 ogni 1000 mq (max 2 fino a 2500 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 2500 mq fino ad un numero max di 4) - albergo ed esercizi similari n.1 ogni 20 camere (max 4 fino a 100 camere, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 100 camere fino ad un numero max di 6) - sala pubblica da gioco n.1 ogni 10 mq ( il numero complessivo non deve superare il numero dei giochi delle altre tipologie) - agenzia di raccolta di scommesse ed esercizi autorizzati ai sensi dell'art.88 del t.u.l.p.s. n.1 ogni 15 mq (max 6 fino a 100 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 100 mq fino ad un numero max di 8) 12

13 - esercizio di raccolte scommesse - circoli privati di cui al d.p.r. n.235/01 con autorizzazione alla somministrazione bevande - circoli privati di cui al d.p.r. n.235/01 con autorizzazione alla somministrazione alimenti n.1 ogni 15 mq (max 2 fino a 50 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 50 mq fino ad un numero max di 4) n.1 ogni 15 mq (max 2 fino a 50 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 50 mq fino ad un numero max di 4) n.1 ogni 30 mq (max 2 fino a 100 mq, elevabile di un'unità per ogni ulteriori 100 mq fino ad un numero max di 4) L'art.3 del decreto fissa, poi, delle disposizioni generali che prevedono: a) il divieto di installazione degli apparecchi, di cui ai commi 6 e 7, lettera b) dell'art.110 del t.u.l.p.s.: in tutte le aree poste all'esterno degli esercizi ove è possibile la loro installazione e quindi degli esercizi assoggettati alle licenze di cui agli artt.86 e 88 del tulps (escluso le sale bingo); nelle attività di somministrazione al servizio di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici e nelle pertinenze dei luoghi di culto; b) l obbligo di installare nelle attività di somministrazione di alimenti e/o bevande, negli stabilimenti balneari nelle attività ricettive, nei circoli privati e negli esercizi che raccolgono scommesse, oltre agli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b) dell art.110, anche altri apparecchi e congegni; c) il divieto di installare nelle sale pubbliche da gioco gli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b) dell art.110 in numero superiore al numero complessivo delle altre tipologie di apparecchi o congegni presenti nell esercizio stesso; d) nessun obbligo nelle agenzie di raccolta scommesse di installare oltre agli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b) dell art.110, altre tipologie di apparecchi o congegni ; e) una separazione fisica, più o meno rigida a seconda della tipologia di esercizio tra apparecchi che appartengono alle tipologie individuate dai commi 6 e 7 lettera b) dell'art.110 e le altre tipologie di giochi e precisamente: nelle attività di somministrazione di alimenti e/o bevande, negli stabilimenti balneari, nei circoli privati e negli esercizi che raccolgono scommesse, gli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b) dell art.110, non devono essere contigui ad altre tipologie di apparecchi; nelle attività ricettive e nelle sale pubbliche da gioco gli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b) dell art.110, devono essere collocati in aree specificatamente dedicate. Il decreto 27 aprile 2003 stabilisce anche alcune disposizioni transitorie, prevedendo che fino al 30 aprile 2004, nel computo degli apparecchi di cui 13

14 all art.110, comma 7, lettera b) che si possono installare, non si deve tenere conto di quelli installati anteriormente la data di efficacia del decreto stesso (3 novembre 2003) a condizione che siano in regola con il nulla osta rilasciato e siano state assolte le imposte per gli anni 2003 e Le altre disposizioni, individuate dall art.3 del decreto e che precisano le modalità di installazione di questi apparecchi, sono in vigore dal 3 novembre Occorre quindi prevedere una procedura per regolarizzare quegli esercizi pubblici che hanno installato un numero superiore di apparecchi di cui all art.110, comma 7 lettera b) (gli apparecchi di cui all art.110 comma 6 non sono ancora distribuiti sul territorio nazionale). Considerato non solo le limitazioni quantitative di questi apparecchi, ma anche l obbligo di installare contemporaneamente agli apparecchi di cui ai commi 6 e 7 lettera b), anche altri apparecchi e congegni (che devono comunque essere autorizzati), si ritiene opportuno invitare tutti coloro che hanno installato questi apparecchi di presentare, entro la data del 30 aprile , una nuova denuncia di inizio attività nella quale dichiararne il numero e la tipologia. Questa regolarizzazione, tramite una nuova d.i.a., consente di poter ritenere non autorizzati, ai sensi dell art.86 del t.u.l.p.s., quegli apparecchi che eventualmente dal 1 maggio 2004 saranno installati in soprannumero negli esercizi pubblici. Questi apparecchi infatti potrebbero essere in numero superiore, rispetto a quanto stabilito dal decreto in esame, ma essere autorizzati perché installati in data antecedente al decreto stesso. In tale ipotesi non potrebbero applicarsi le sanzioni amministrative previste per violazione dell art.86 del t.u.l.p.s. essendo apparecchi già autorizzati, ma neanche altre sanzioni poiché nulla è disposto in merito nel decreto 27 ottobre 2003 né nell art.110 del t.u.l.p.s.. E inoltre indispensabile disporre con un apposita ordinanza che, quale prescrizione di cui all art. 9 del t.u.l.p.s., gli apparecchi disciplinati dai commi 6 e 7 lettera b) devono essere collocati secondo le modalità indicate dall art.3 del d.m. 27 ottobre 2003; in tal modo, qualora si accerti la non ottemperanza a questa prescrizione, potranno essere applicate le sanzioni previste dall art.17-bis, secondo comma, del t.u.l.p.s.. La collocazione degli apparecchi di cui all art.110 commi 6 e 7 lettera b) con modalità conformi a quanto stabilito dall art.3 del decreto 27 ottobre 2003, che prevede una non contiguità ovvero una separazione tra le diverse tipologie di apparecchi ed un divieto di installarli all esterno dei locali, dovrà 5 Si rammenta anche che entro questa data gli apparecchi di cui all art.110, comma 7, lettera b) devono essere resi conformi alle caratteristiche previste per i giochi leciti e quindi non potranno più consentire il prolungamento o la ripetizione della partita. 14

15 anche essere dichiarata nella d.i.a. dall interessato, che effettua tale dichiarazione sotto la propria personale responsabilità. Si rammenta che, ai sensi dell art.21 della legge n.241/90, con la denuncia di cui all art. 19 l'interessato deve dichiarare la sussistenza dei presupposti e dei requisiti di legge richiesti e che in caso di dichiarazioni mendaci o di false attestazioni non è ammessa la conformazione dell'attività e dei suoi effetti a legge o la sanatoria prevista dagli articoli medesimi ed il dichiarante è punito con la sanzione prevista dall'articolo 483 del codice penale, salvo che il fatto costituisca più grave reato. Se l ufficio dell amministrazione comunale, responsabile di questi procedimenti amministrativi, non ritiene opportuno ricorrere alla presentazione di una nuova d.i.a., si dovrà emanare un ordinanza per imporre entro il 30 aprile 2004, di eliminare gli apparecchi in soprannumero dichiarando che per questi l autorizzazione rilasciata deve intendersi revocata: questa soluzione appare comunque meno soddisfacente in quanto non dà certezza sul reale numero degli apparecchi installati negli esercizi pubblici. 4. Gli apparecchi per il gioco lecito (art.110, comma 6) Il comma 6 del t.u.l.p.s., vigente dal 1 gennaio 2003, e modificato dal d.l. 30 settembre 2003, n.269, convertito con modificazioni con l. 24 novembre 2003 n.326, introduce una nuova tipologia di apparecchi per il gioco lecito, la cui caratteristica principale è la corresponsione di somme denaro. La scelta del legislatore, di introdurre tra gli apparecchi per il gioco lecito anche quelli che possono erogare ai giocatori vincite sotto forma di modiche somme di denaro, è stata dettata dalla speranza di scoraggiare in questo modo l uso di apparecchi manomessi. Questi nuovi apparecchi devono avere particolari caratteristiche: gli elementi di abilità o trattenimento devono essere preponderanti rispetto all'elemento aleatorio - questo è un requisito indispensabile affinché non si configuri il gioco d'azzardo, come definito dall'art.721 del codice penale; possono essere attivati solo con l'introduzione di moneta metallica - con questa disposizione comunque non è ammesso il lettore di banconote; il costo della partita non deve superare 50 centesimi di euro; la durata della partita è compresa tra sette e tredici secondi; 15

16 le vincite sono costituite da somme di denaro, ciascuna comunque di valore non superiore 50 euro, erogate dalla macchina subito dopo la sua conclusione ed esclusivamente in monete metalliche - le vincite sono computate dall'apparecchio, in modo non predeterminabile, su un ciclo complessivo di partite, e devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate; gli apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque anche in parte le sue regole - il divieto di riprodurre il gioco del poker evita che l'elemento aleatorio sia preponderante rispetto agli elementi di abilità o trattenimento e la precisazione che esso si estende anche ai giochi che ne riproducono le regole può essere interpretata nel senso che sono vietati i giochi che, pur non utilizzando le carte da gioco, si svolgono anche solo in parte secondo le regole del poker. Gli apparecchi che erogano, come vincita, delle somme di denaro, non possono essere utilizzati dai minori di anni 18 (anche se accompagnati da un familiare). Questo divieto, quindi, è posto limitatamente all'utilizzo degli apparecchi individuati dal comma 6 dell'art.110 del t.u.l.p.s. e non si applica per le altre tipologie di apparecchi per il gioco lecito. Naturalmente un' estensione del divieto di uso da parte di minori dei video giochi, di cui al comma 7, dell'art.110 del t.u.l.p.s., può essere inserita dal questore nella tabella dei giochi vietati, se si ravvisano motivi di pubblico interesse. 5. Altri apparecchi per il gioco lecito (art.110, comma 7) Nel comma 7, dell'art.110 del t.u.l.p.s., modificato dal d.l. 30 settembre 2003, n.269, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003, n.326, il legislatore della legge finanziaria 2003 ha previsto altri apparecchi da trattenimento per il gioco lecito, classificandoli in tre tipologie I giochi previsti dalla lettera a) del comma 7 Nella categoria individuata con la lettera a) sono inseriti gli apparecchi elettromeccanici, attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica, aventi le seguenti caratteristiche: privi di monitor; 16

17 attivabili unicamente con l'introduzione di monete metalliche, di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, ad 1 euro; distribuiscono, direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita, premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie. In tal caso il valore complessivo di ogni premio non può essere superiore a venti volte il costo della partita e quindi nel massimo pari a 20 euro. gli apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque anche in parte le sue regole - questo divieto già previsto per gli apparecchi disciplinati dall art.110, comma 6, è individuato dall art.7-bis dell art.110 introdotto dall art.39 del d.l n. 269/2003, convertito con modificazioni con legge 24 novembre 2003 n.326. Nella lettera a) del comma 7, dell'art.110 del t.u.l.p.s., è stata quindi enucleata un'altra nuova categoria di apparecchi per il gioco lecito, privi di monitor; categoria che ripropone parzialmente le caratteristiche previste per i giochi disciplinati dal vecchio comma 6 dell'art.110. Nel confronto delle due tipologie emergono alcune differenze: comma 6, art.110, in vigore fino al apparecchi anche dotati di monitor attivabili con moneta metallica o gettone premi di valore complessivo non superiore a dieci volte il costo della partita (max 10 euro) comma 7, lettera a), art.110, in vigore dall' apparecchi senza monitor attivabili solamente con moneta metallica valore complessivo di ogni premio non superiore a venti volte il costo della partita (max 20 euro) non richiesto il nulla osta necessario il nulla osta dell'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato non possono riprodurre gioco del poker (dal ) 17

18 alcune analogie: comma 6, art.110, in vigore fino al premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie comma 7, lettera a), art.110, in vigore dall' premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie Diversamente da quanto disposto alla lettera b) del comma 7 in argomento, il legislatore non prevede una fase transitoria per regolarizzare gli apparecchi già installati, aventi in parte le caratteristiche previste dal precedente comma 6 dell'art.110 del t.u.l.p.s. e pertanto, dal 1 gennaio 2003, questi apparecchi possono essere installati solo alle seguenti condizioni: devono essere conformi alle caratteristiche individuate dall'attuale comma 7, lettera a) del t.u.l.p.s; devono essere denunciati all'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato per il rilascio del nulla osta; devono essere contrassegnati con un numero progressivo e dotati di scheda esplicativa riportante le caratteristiche tecniche; devono essere oggetto di denuncia di inizio attività ai sensi dell'art.86 del t.u.l.p.s.. Gli apparecchi della lettera a) inoltre possono essere installati anche in esercizi diversi da quelli assoggettati alle licenze di cui agli artt.86 e 88 del t.u.l.p.s, - e quindi anche negli esercizi commerciali, nelle tabaccherie, negli esercizi artigianali ecc..- in quanto l'installabilità è limitata dal comma 3 del vigente art.110 del t.u.l.p.s. unicamente per gli apparecchi automatici di cui ai commi 6 e 7, lettera b), del medesimo articolo. A questi apparecchi sono ammessi a giocare anche i minori, salva diversa prescrizione fatta inserire dal Questore nella tabella dei giochi vietati I giochi previsti dalla lettera b) del comma 7 E' questa la categoria ove sono stati relegati i video giochi, o meglio gli apparecchi automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento o da gioco di abilità, prima disciplinati dal comma 5 dell'art.110 del t.u.l.p.s.. Questi giochi, nei quali gli elementi di abilità o trattenimento sono preponderanti rispetto all'elemento aleatorio, alla luce delle nuove disposizioni sono così caratterizzati: 18

19 si attivano solo con l'introduzione di moneta metallica; il valore per ciascuna partita non deve essere superiore a 50 centesimi di euro; possono consentire per ciascuna partita, subito dopo la sua conclusione, il prolungamento o la ripetizione della partita, fino a un massimo di dieci volte(ma solo fino al 30 aprile 2004 questo termine è individuato dal dall art.39 del d.l n. 269/2003, convertito con modificazioni con legge 24 novembre 2003 n.326); gli apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque anche in parte le sue regole - questo divieto è individuato dall art.7-bis dell art.110 introdotto dall art.30 del d.l n. 269/2003, convertito con modificazioni con legge 24 novembre 2003 n.326, (e sembra comunque non applicabile fino alla data del 1 maggio 2004 per interpretazione contenuta nella circolare Prot. n. UDG/578 del 26 novembre 2003 della Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) Confrontando i giochi previsti dall'attuale comma 7, lettera b), dell'art.110 del t.u.l.ps. con quelli in precedenza disciplinati dal comma 5 si notano le seguenti differenze: comma 5, art.110, in vigore fino al si attivano sia con monete metalliche che con banconote (lettore di banconote) il valore del costo della partita non supera il valore della moneta metallica corrente di valore non superiore ad 1 euro comma 7, lettera b), art.110, in vigore dall' si attivano solo con l'introduzione di moneta metallica il valore del costo di ciascuna partita non superiore a 50 centesimi di euro la durata di ciascuna partita non può essere inferiore a dodici secondi non determinata la durata della partita non possono riprodurre gioco del poker (se regolarizzati entro la data del si applica dal ) alcune analogie: comma 5, art.110, comma 7, lettera b), art.110, 19

20 in vigore fino al possono distribuire premi che consistono, per ciascuna partita ed immediatamente dopo la sua conclusione, nel prolungamento o ripetizione della partita stessa fino ad un massimo di dieci volte l'elemento abilità e trattenimento è preponderante rispetto all'elemento aleatorio in vigore dall' consentono per ciascuna partita, subito dopo la sua conclusione, il prolungamento o la ripetizione della partita, fino ad un massimo di dieci volte gli elementi di abilità o trattenimento sono preponderanti rispetto all'elemento aleatorio Considerato che il comma 7, lettera b), dell'art.110 del t.u.l.p.s. disciplina apparecchi già installati, il legislatore ha ritenuto di consentire la loro utilizzazione, prevedendo due fasi di regolarizzazione ( i cui termini sono stati modificati dal d.l. n.269/2003, convertito con modificazioni con legge 24 novembre 2003 n.326). Nella prima fase, che decorre dal 1 gennaio 2003 al 30 aprile 2004, questi apparecchi possono essere impiegati solo se denunciati ai sensi dell'articolo 14-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, e se per essi sono state assolte le relative imposte. Gli apparecchi in argomento quindi : possono essere attivati unicamente con una moneta metallica e quindi deve essere eliminato da quelli già installati il lettore di banconote (dal 1 gennaio 2003); devono essere modificati in modo tale che il costo della partita passi da 1 euro a 50 centesimi di euro (dal 1 gennaio 2003) Per essi i proprietari o i gestori : devono presentare denuncia su apposito modello, ai sensi dell'art.14 bis del d.p.r. n.640/72, all'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato (entro 21 marzo 2003); devono autocertificare, al momento della presentazione della denuncia, la sussistenza nel video gioco dei requisiti tecnici previsti dall'art.110 del t.u.l.p.s.; devono corrispondere l'imposta dovuta per l'anno 2003 su un imponibile di euro (entro 21 marzo 2003). L'art.14-bis dispone infatti che " Entro il 15 febbraio 2003 (termine poi prorogato al 21 marzo) gli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco lecito, come definiti ai sensi dell'articolo 110, comma 7, del predetto testo unico, installati prima del 1 gennaio 2003, devono essere denunciati, con apposito modello 20

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli