La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno km di costa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa"

Transcript

1 La sostenibilità della risorsa Oggi il quadro delle risorse ittiche dell Adriatico è drammatico. Anni di supersfruttamento delle risorse ittiche hanno causato dei gravissimi gap riproduttivi in tutte le specie autoctone e solo la grandissima ricchezza biologica del mare e il fatto che una parte degli stock di individui adulti dislocati nei numerosi fondali inaccessibili per le reti da traino ha permesso che si creassero enclave spazio/temporali che hanno consentito ad una parte dello stock di raggiungere la maturità sessuale, evitando così l'esaurimento della popolazione. Secondo Ocean2012 (una coalizione di 217 Ong che si battono per una riforma del mercato e delle politiche ittiche europee) in termini di attività ittiche ecosostenibili la quota di pescato italiana sarebbe già esaurita Per l Italia il grado di autosufficienza e sceso dal 32,8% al 30,2% negli ultimi due anni e rimane dipendente dal pesce estero per circa il 70% dei suoi consumi con un disavanzo di 3 miliardi di euro E stato calcolato che l autonomia ittica italiana è di soli 104 giorni l anno Il caso italiano è, in tal senso, emblematico : km di costa malgestiti, violentata fino a renderla spopolata o fortemente inquinata: Ancora oggi nonostante le tante Bandiere Blu lo sversamento in mare di inquinanti dai fiumi è continuo e ad esso si aggiunge lo scarico in mare di rifiuti di ogni genere da parte di navi che a centinaia navigano quotidianamente nel nostro mare. Sebbene gli stock ittici siano una risorsa rinnovabile, preleviamo dai nostri mari molto più velocemente rispetto ai tempi di ripopolamento. Le raccomandazioni derivanti dalla ricerca scientifica hanno trovato scarsa applicazione nella gestione della pesca e alle strategie di gestione, come ad esempio per i programmi di contenimento dello sforzo, è mancato perlopiù un fondamento scientifico nonostante l'abbondanza delle ricerche e delle conoscenze sulla pesca e le risorse nell Adriatico. Non si è creato un organismo scientifico generale che possa promuovere e coordinare le attività e i risultati scientifici, valutare i pareri se presentarli in una forma adeguata che serva di base alla gestione della pesca La conseguenza è che il 54% dei 46 stock ittici del Mediterraneo esaminati nel rapporto di Ocean2012 è sovrasfruttato. Dato il calo delle catture, l Italia, che continua a consumare quasi la stessa quantità di pesce del 1999, è costretta a importarne il 37% in più rispetto a un ventennio fa. 1

2 Se si elabora questa biomassa delle tre specie, su un piano teorico, per avere un idea di cosa può rappresentare in termini economici in un area come il Mare Adriatico che complessivamente ha una superficie di kmq dei quali, togliendo le acque territoriali croate e la fascia costiera ne restano pescabili circa kmq che divisi per i 6000 addetti imbarcati su pescherecci operativi fuori delle tre miglia ci da un rapporto di un pescatore ogni 18 kmq che sono circa 1800 ettari. E come se ogni pescatore ha quasi un area come il territorio di San Benedetto che è di 24 kmq. Se poi si fa lo stesso calcolo per i 3200 operatori entro le tre miglia, con una superficie di Kmq, il rapporto è di un pescatore ogni 1,20 kmq che sono circa 120 ettari. Rapportando così la biomassa sulla superficie pescabile possiamo ipotizzare questi valori: Diap 2 Nasello Kg/Kmq Qtà disponibile kg kg/addetto / addetto Anno , ,4 4546,2 Anno , ,4 5417,3 Anno , ,4 6236,0 Anno , ,1 4842,9 Anno , ,9 4939,5 Anno , ,6 3501,1 Anno , ,2 2061,6 Scampo Kg/Kmq Qtà disponibile kg kg/addetto / addetto Anno , ,9 810,7 Anno , ,1 1036,6 Anno , ,6 1068,8 Anno , ,5 451,7 Anno , ,3 512,2 Anno , ,9 568,7 Anno , ,1 463,8 Triglia Kg/Kmq Qtà disponibile kg kg/addetto / addetto Anno , , ,6 Anno , ,7 1430,3 Anno , ,4 1916,0 Anno , ,2 1015,8 Anno , ,0 1987,9 2

3 Anno , ,8 1518,2 Anno , ,2 1841,6 Queste ipotesi di valutazione economica della biomassa disponibile non tiene conto della riserva minima per ogni specie a rischio estinzione. Nel contempo da un idea della scarsa redditività del lavoro nella pesca ulteriormente aggravata dal costo del gasolio. Bisogna chiedersi come mai dopo dieci Piani triennali per la pesca, ventisei fermi biologici ed oltre 4 miliardi di euro spesi in questo settore negli ultimi venticinque anni ci ritroviamo con il dimezzamento della flotta, il dimezzamento degli equipaggi, il dimezzamento del pescato e il raddoppio della dipendenza dall estero con una bilancia negativa di oltre tre miliardi di euro annui, con il mondo della ricerca fermo e ignorato. E di questo vero e proprio disastro possiamo darci alcune risposte anche di natura politica come la mancanza di un Piano Strategico di settore di lunga durata sia da parte del Governo centrale che delle Regioni per l affermazione di una politica di sostenibilità della risorsa e di condivisione della stessa con i Paesi frontalieri e la mancanza di un coinvolgimento reale delle Amministrazioni locali nella programmazione degli interventi da parte del Governo centrale che delle Regioni. La scarsa attenzione delle forze politiche alle problematiche di sviluppo del settore ed eccessiva delega alle associazioni di categoria da decenni ferme nelle loro iniziative. Eppure se andiamo ad analizzare i fondi messi a disposizione dalla UE negli anni 1988/2007 vediamo che sono stati spesi circa 900 milioni di euro su iniziative come da questa diapositiva Diap e 3/4 Descrizione Euro % Demolizioni barche ,85 28 Incremento capacità di cattura ,94 15 Fermi biologici ,23 11 Incremento Acquacoltura ,39 10 Azioni per Organizzazioni e Ass. produt ,32 9 Progetti Pilota ,07 7 Infrastrutture portuali ,18 7 Modernizzazioni barche ,50 6 Promozione ,57 4 Trasferimento Barche Stati Esteri ,60 3 Totale ,65 Diap 4 top porti Porto Euro Mazara Del Vallo ,46 San Benedetto T ,99 Ancona ,90 Molfetta ,16 Trapani ,02 3

4 Demolizioni La mancanza di una gestione scientifica e di una visione dell economia ittica proiettata nel futuro come settore di valenza strategica nazionale ha portato a cercare una soluzione con la demolizione della flotta. Iniziativa inefficace considerando l incremento esponenziale della flotta dei Paesi frontalieri con i quali si condividono le stesse aree di pesca e di risorse ittiche. Le demolizioni di barche in Italia, effettuate a partire dal 1991, sono state ad oggi 5870 e hanno riguardato lo strascico, con ritiro di 2218 licenze, pari al 38% del totale, i LongLine o Palangari con 1645 licenze, pari al 28%, le reti da posta con 996 licenze, pari al 17%, la circuizione con 934 licenze, pari al 16%, le Vongolare con 67 licenze, pari al 1% e per ultime le Volanti con 10 licenze, pari al 0.2%. Diap 5 Anno Vongolare RetiPosta LongLine Strascico Circuizione Volante Totale Totale Diap /6 Delle 5870 barche demolite 586 erano in attività da Diap 7 Periodo N % Da 50 anni in su Da 30 anni a 50 anni Da 20 anni a 30 anni Sotto i 20 anni Totale

5 Nel nostro compartimento le demolizioni comprese quelle iscritte al porto di Martinsicuro sono state ad oggi 196 con in testa la flotta sambenedettese con 103 demolizioni alle quali vanno aggiunte altre 138, in massima parte piccole imbarcazioni, che sono state trasferite in altri porti. Diap 8 Anno CUPRA MARITTIMA GROTTAMMARE MARTINSICURO PEDASO PORTO SAN GIORGIO SAN BENEDETTO T. Totale Totale Sono poi da evidenziare le 38 demolizioni delle imbarcazioni di Martinsicuro che ha avuto la flotta delle lampare decimate. Diap 9 Nome Anno Dem. TSL KW Mat Costr. Anno Costr. Anni attiv. FURIA DEI MARI Legno RAFFAELE Legno MARIS STELLA III^ Legno RISORGIMENTO Legno YOGHI Legno MATADOR Legno ANTONIO DA PADOVA Legno NEMBO KID Metallo GHIBLI Legno GUIDO Legno PIZZICHI' Legno MOTOMAR Legno EOLO Legno BENEDETTO CARMINE Legno

6 PADRE CANDIDO Legno CONDOTTIERO Legno NONNO FONTANA Metallo GRECALE Metallo Con le demolizioni sono state ritirate Diap 10 Porto Reti da Posta LongLine Strascico Circuizione Vongolare Volante Totale PORTO SAN GIORGIO PEDASO CUPRAMARITTIMA GROTTAMMARE SAN BENEDETTO T Totale Demolite Trasferite Porto Reti da Posta LongLine Strascico Circuizione Vongolare Volante Totale PORTO SAN GIORGIO PEDASO CUPRAMARITTIMA GROTTAMMARE SAN BENEDETTO T Totale Flotta attuale La consistenza della flotta da pesca italiana è oggi fortemente ridimensionata se rapportata alla lunghezza delle coste e della vastità della superficie di mare disponibile. Ben il 75% delle imbarcazioni sono di piccolo tonnellaggio ciò conferisce alla flotta italiana le caratteristiche di una flotta artigianale di piccolo cabotaggio, sebbene una parte ingente delle catture sia effettuata da pescherecci più grossi e non artigianali. Si tratta perlopiù di attività di piccola pesca che, nelle acque costiere, praticano mestieri diversi in funzione del periodo dell'anno.e vi è inoltre un'alta percentuale di pescatori semiprofessionali e a tempo parziale. I punti di sbarco o di approdo sono 549 disseminati lungo migliaia di chilometri di costa..diap 11 Categoria N % Fino a 10 TSL Da 11 a 20 TSL Da 21 a 50 TSL Da 51 a 100 TSL

7 Sopra le 100 TSL Totale Quella che era stata appena 30 anni fa una delle marinerie più forti nel mondo con la sua flottiglia di 90 pescherecci oceanici con stazza dalle 500 alle 2000 TSL oggi ha solo due imbarcazioni che superano le 500 TSL, una tonnara iscritta al compartimento di Napoli e una a strascico iscritta a Mazara del Vallo e operativa nel Mediterraneo Oggi lo scenario della maggiore consistenza di flotta di pesca in termini di tonnellaggio va al porto di Mazara del Vallo. Il nostro porto che per decenni ha detenuto il primato è oggi al 9 posto Diap 12 Porto Tonn N MAZARA DEL VALLO , CHIOGGIA 5.545, ANCONA 4.566, SCIACCA 4.046, MANFREDONIA 3.479, CAGLIARI 3.141, MOLFETTA 3.080,10 60 PESCARA 2.987,60 99 SAN BENEDETTO DEL TRONTO 2.845, PORTICELLO 2.524, PORTOPALO DI CAPO PASSERO 2.451,90 82 SALERNO 2.351, RIMINI 2.174, CIVITANOVA MARCHE 2.167,60 84 PALERMO 1.928,80 69 CATANIA 1.814,20 46 FANO 1.812,25 90 SANT'ANTIOCO 1.734, TRAPANI 1.630, BISCEGLIE 1.611,90 44 NAPOLI 1.583,70 29 MONOPOLI 1.581,65 96 ANZIO 1.494,15 65 TERMOLI 1.458,80 88 PORTO EMPEDOCLE 1.433,65 56 ROMA 1.425,95 74 GORO 1.391, Mancano numeri certi sugli addetti imbarcati sui pescherecci italiani, i pochi dati attendibili sono datati a diversi anni fa. Purtroppo benché esistano osservatori della pesca strapagati il monitoraggio è blando. Eppure sarebbe di fondamentale importanza conoscere non solo il numero ma anche l età, il livello culturale e la preparazione professionale, le aspettative, la nazionalità ecc. Dotandosi di questi dati sarebbe possibile mettere in atto delle azioni di attrazione delle nuove generazioni per dimostrare che le attività di pesca rappresentano una possibilità di lavoro. Perché la mancanza di nuove assunzioni, assieme alla perdita di opportunità di lavoro per i pescatori più anziani sta avendo un impatto negativo sulla trasmissione dell'eredità culturale legata alle attività di pesca. Nella nostra regione non esistono più Istituti di formazione professionale e ormai da decenni non vengono utilizzati i fondi del FSE per le attività pescherecce. 7

8 Nella diap 13 si è cercato di stimare il numero degli addetti alla pesca e confrontando la stima con la nostra marineria i dati sono molto vicini alla realtà. Categoria N % Fino a 10 TSL Da 11 a 20 TSL Da 21 a 50 TSL Da 51 a 100 TSL Sopra le 100 TSL Totale Un dato su cui riflettere è quello dato dagli anni di attività dei pescherecci residui. Come si può notare nella tavola la nostra è una flottiglia obsoleta dove oltre il 50% ha una attività superiore ai trenta anni quindi con barche costruite in epoche in cui non erano presenti le problematiche legate alle condizioni igienico-sanitarie, di sicurezza e confort, di risparmio energetico, di inquinamento acustico e da idrocarburi. diap 14 Periodo N % Da 50 anni in su Da 30 anni a 50 anni Da 20 anni a 30 anni Sotto i 20 anni Totale Porto Da 20 anni a 30 anni Da 30 anni Da 50 anni Sotto i 20 Totale a 50 anni in su anni ORISTANO GORO PORTICELLO SANT'ANTIOCO CHIOGGIA MANFREDONIA MAZARA DEL VALLO MARANO LAGUNARE ANCONA CAGLIARI RODI GARGANICO TARANTO TRAPANI SALERNO GALLIPOLI CORIGLIANO CALABRO ISOLA DELLE FEMMINE PORTOPALO DI CAPO PASSERO Demolibili

9 SCIACCA Scorrendo l elenco delle barche si notano decine di imbarcazioni con un età superiore ai 90 anni. Questo fa nascere il sospetto che è probabilmente frutto di una mancanza di controllo da parte delle autorità competenti perché se fosse vero sarebbero oggetto da museo. Nome M/P PORTO Anzianità ENRICHETTA ANCONA 107 6GA001 SPERLONGA 106 MATILDE ANCONA 103 RICCHI SCARDOVARI 103 FLIPPER GORO 103 ROSA LA SPEZIA 103 A. LUPIN SENIGALLIA 102 ESMERALDA ANCONA 102 SARA PORTICELLO 101 S. TERESA DEL BAMBIN GESU' SANT'ANTIOCO 100 LETIZIA GORO 100 VITTORIO BELLARIA 100 NOVELLINO ISOLA DELLE FEMMINE 99 S. ANTONIO ALGHERO 95 MAREA GALLIPOLI 94 BEA GORO 94 BIANCA MARIA PORTO TORRES 93 MARIA ADELAIDE PORTO TORRES 93 JESUS ORISTANO 93 RIKI II GORO 92 Il Compartimento di San Benedetto T. Le unità da pesca esistenti oggi sono 271 con in testa San Benedetto, 124, Porto San Giorgio 98, Cupramarittima 36 e poi Pedaso 12 e Grottammare con 1. La maggioranza delle licenze sono le reti da posta 83, le vongolare 81, a strascico 66, palangari 25, volante 12, circuizione 4. Si può notare come la maggioranza delle licenze riguarda l operatività della fascia costiera dove i ritmi di lavoro sono più lenti e soprattutto si effettua una pesca con uscita in mare e rientro nella giornata. Si possono stimare addetti alla pesca nel compartimento di circa 544 unità con in testa San Benedetto, 311, Porto San Giorgio 158, Cupramarittima 58 e poi Pedaso 16 e Grottammare con 1.. diap N Porto Reti da Posta LongLine Strascico Circuizione Vongolare Volante Totale PORTO SAN GIORGIO PEDASO CUPRAMARITTIMA GROTTAMMARE SAN BENEDETTO T Totale

10 Porto Reti da Posta LongLine Strascico Circuizione Vongolare Volante Totale PORTO SAN GIORGIO PEDASO CUPRAMARITTIMA GROTTAMMARE SAN BENEDETTO DEL TRONTO Totale Il pescato astato nel Mercato di San Benedetto T A conforto delle statistiche relative al raffronto fra l astato del 1996 con quello del 2011 i dati del 2012 vedono in grande ripresa di cattura due specie di buon valore commerciale : il merluzzo che è incrementato del 36% e la sogliola con un +157% e una ripresa di totani +32% e seppie +21%. Le quantità astate al 31 maggio 2013 confermano un importante incremento di queste specie. diap N Specie Variazione % Scampi Pannocchie Mazzancolle Gambero rosa Specie Variazione % Calamari Moscardini Seppie Totani Specie Variazione % Sogliole 2.749, , Rombi 349, , Razze 658, , Specie Variazione % Busbane 2.654, , ,

11 Merluzzi , , Rospi-Pescatrici , , ,00 +7 Potassoli O Melu` , , ,00-24 Triglie , , ,00-8 Gallinella o mazzola , ,00 +1,4 Lo sforzo di pesca del pesca azzurro nell Adriatico Analizzando i dati relativi alle licenze di pesca del pesce azzurro nell Adriatico viene fuori ancora una volta l innegabile realtà di un settore non governato da una politica della pesca basata sulla ricerca e sulla sostenibilità della risorsa ma bensì sulla approssimazione, sulla sudditanza ad esigenze di mercato effimere, su una politica associativa corporativa incapace di una visione strategica di lungo respiro. Infatti negli ultimi due decenni sia con la demolizione di pescherecci che con il rilascio di licenze di pesca a coppia, comunemente chiamate volante, si è cercato di diminuire lo sforzo di pesca a strascico incrementando la cattura di pesce azzurro e così pregiudicando ulteriormente lo stock ittico già fortemente depresso. diap N Mare N % Adriatico Ionio 1 - Mediterraneo 6 3 Tirreno 18 8 Totale 227 Area N % Alto Adriatico Centro Adriatico Basso Adriatico Totale 202 Rilascio Licenze Volante Il governo italiano nel corso degli anni ha di fatto promosso un incremento della pressione di pesca su queste specie nell Adriatico permettendo un aumento del numero delle imbarcazioni autorizzate, e della stazza delle stesse, anche grazie all artificio delle licenze di pesca sperimentale che di sperimentale non avevano nulla: una vera e propria flotta fantasma che alla fine è stata regolarizzata ed è andata a soppiantare il più tradizionale sistema della lampara, con un pescato di notevole qualità. Porto Totale Porto Totale BELLARIA 3 CIVITANOVA MARCHE 2 CATTOLICA 2 FANO 4 CESENATICO 14 MARTINSICURO 1 CHIOGGIA 33 PESCARA 5 GORO 11 SAN BENEDETTO T

12 MARANO LAGUNARE 3 TORTORETO 1 PORTO GARIBALDI 16 CROTONE 1 PORTO TOLLE 17 LAMPEDUSA 1 RAVENNA 1 SCIACCA 5 RIMINI 15 ANZIO 2 BARLETTA 3 CORIGLIANO CAL. 3 BISCEGLIE 3 FORMIA 2 MANFREDONIA 24 PORTO SANTO ST. 2 MARGHERITA DI S. 1 GAETA 1 MOLA DI BARI 1 LA SPEZIA 2 MOLFETTA 1 SAN REMO 1 TRANI 7.ELLABATE 1 ANCONA 23 VIAREGGIO 4 Totale 228 Complessivamente sono state rilasciate 228 licenze delle quali 205 pari al 90% in Adriatico. Di queste ultime ben 115 in Alto Adriatico pari al 57%, 47 in Centro Adriatico pari al 23% e 40 in Basso Adriatico pari al 20%. Una ripartizione senza criterio di sostenibilità se non quello di soddisfare marinerie che dopo aver intaccato le proprie risorse demersali si sono riversate sul pesce azzurro. Non si è cercato di mutuare esperienze in atto in Europa come in tutto il Mondo di contenimento delle catture in base alla ricerca e alla rilevazione della biomassa seguendo un formulario ormai consolidato. ( sarebbe stato sufficiente informarsi sulle disposizione UE nel Cantabrico dove da cinque anni sono contingentate le catture e grazie alle aziende di trasformazione collegate la materia prima ha raggiunto un altissima redditività o i fermi pluriennali nelle coste marocchine o della Namibia) Così operando e ignorando il grido di allarme proveniente dal mondo ambientalista e dalla ricerca si è intaccato un patrimonio naturale inestimabile, a ragione definito l oro blu, che rappresenta l unico pesce massivo del nostro mare e dal quale ha avuto origine un industria di lavorazione oggi sofferente per la mancanza di materia prima di dimensioni macchinabili. Ulteriore fattore altamente penalizzante la contaminazione stagionale del pescato da parte dell Anisakis, che ha creato diffidenza e una ulteriore fortissima contrazione del mercato. La situazione nel porto di San Benedetto La cattura annuale dei motopesca facenti capo a San Benedetto è passata dalle tonnellate degli anni 70 a degli anni 80, alle degli anni 90, alle 4000 del primo decennio del 2000, alle 2000 del diap N Periodo Tonnellate/Anno Anni Anni Anni Anni Oggi 2000 Anno Tonnellate Anno Anno

13 Anno Anno Anno Anno Anno Anno Anno Anno Anno Oggi benché siano rilasciate 8 licenze principali per lampara, 4 a Martinsicuro e 4 a Pescara, e ben 28 di doppia licenza, 10 a Giulianova, 16 a Pescara e 2 a Martinsicuro, le imbarcazioni che in questo periodo hanno armato a lampara sono solo quelle di Martinsicuro e un paio a Giulianova. Quella che era la pesca più sostenibile con più personale imbarcato e che aveva riscontri positivi nell industria di trasformazione sta inesorabilmente tramontando. Che fare? Necessita attivare una linea di condotta che verta su tre direttrici strategiche: la prima affinché si finanzi la ricerca sulle risorse disponibili, sostenibili e condivise con una scientifica valutazione delle stesse e la determinazione degli stocks per ogni singola specie e definendo per esse aree protette di ripopolamento e accrescimento da destinare a fermo pesca pluriennale. La realizzazione per aree omogenee di piani per la Gestione Integrata della Fascia Costiera con il coinvolgimento diretto delle municipalità costiere La seconda: - sullo sforzo di pesca affinché si finanzino ricerche sia per attrezzi sempre più selettivi che per una nuova tipologia di peschereccio a basso costo e a basso consumo e con maggior confort e sicurezza per gli equipaggi e in grado di sostituire la flotta che risulta essere in Europa la più obsoleta. - un forte impegno per l apertura di Centri per la moderna formazione e aggiornamento professionale dei pescatori per incrementare il loro livello professionale in tema di gestione responsabile delle risorse e di attività innovative e avvicinare così le nuove generazioni a questa professione, - creazione degli opportuni dispositivi legislativi affinché gli addetti possano accedere alle varie forme di cassa integrazione in forma continuativa e non in deroga, - modifica degli articoli del Codice della Navigazione in netto contrasto con l evoluzione dei diritti dei lavoratori per dar modo di instaurare rapporti di lavoro ed ingaggio regolati allo stesso modo dei lavoratori di terra, quindi sganciamento dalle Capitanerie di Porto. La terza è nella necessità di creare una Governance del settore per la programmazione, l integrazione, l armonizzazione, la sostenibilità e la vigilanza delle politiche della pesca a livello transfrontaliero spronando i vertici politico-amministrativi delle Regioni italiane su delega del Governo centrale affinché aprano con sollecitudine un tavolo di concertazione con le Regioni frontaliere affinché si formalizzino forme di cooperazione per la nascita dei Distretti di Pesca Mediterranei, sul modello di quelli esistenti nel Mar del Nord. Solo trasformando il Mare Adriatico e il Mediterraneo tutto in un grande bacino di maricoltura naturale, dove le specie ittiche vengono accompagnate nella loro crescita e catturate per fini commerciali ad una dimensione adulta che non vada a pregiudicare la loro capacità di riproduzione, si possono ottenere le condizioni per la creazione di ricchezza e di sbocco professionale qualificato e qualificante per le nuove generazioni. 13

14 Nel corso di dieci anni si potrebbe raggiungere una produzione ittica atta a creare le condizioni di sviluppo economico e professionale con la creazione possibile di centomila nuovi posti di lavoro tra pescatori diretti e indotto della nostra area e un armonia ed unità di intenti con i Paesi frontalieri tramite la definizione di una macro area di pesca regolamentata per zone e per sforzo di pesca. Così come avviene nei Mari del Nord e nella quasi totalità dei Paesi detentori di risorse ittiche, stabilendo una diversa disciplina delle catture, fissando fermi biologici per aree prolungati ed efficaci, rappresentando un diverso approccio con la risorsa e quindi una crescita culturale e professionale dei pescatori, una programmazione economica atta a favorire il turn-over del personale imbarcato e una diversa organizzazione della distribuzione, del commercio e della trasformazione del pescato. In sostanza va attivata una Agenda Strategica con la predisposizione di un progetto di grande respiro e con finanziamenti importanti alle imprese proporzionati al deficit di 3 miliardi di euro annui per import di pescato dall estero, prevedendo una rilevante quota dalla UE, con un progredire delle iniziative in grado di innescare una dinamica sociale improntata sull ottimismo e all entusiasmo proprio di chi si sente coinvolto in una grande impresa così da attivare tante idee innovative oggi inespresse o inibite che andranno ad arricchire il programma valorizzandone il contenuto e accelerandone la sua attuazione. 14

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei Introduzione Nei primi mesi del 2011, l incremento del costo del gasolio sui livelli del 2008 ha compromesso la profittabilità del settore peschereccio, ponendo gli operatori in una situazione di incertezza

Dettagli

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE II 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Questa sezione viene, di norma, aggiorna una volta all anno, nella newsletter relativa al quarto trimestre. Riportiamo

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

TAPPA N 0 DA TRIESTE A SAN BENEDETTO 27 APRILE 1 MAGGIO. Partenza da Chioggia il 27 mattina dopo la cerimonia organizzata dalla locale Sezione

TAPPA N 0 DA TRIESTE A SAN BENEDETTO 27 APRILE 1 MAGGIO. Partenza da Chioggia il 27 mattina dopo la cerimonia organizzata dalla locale Sezione TAPPA N 0 DA TRIESTE A SAN BENEDETTO 27 APRILE 1 MAGGIO Partenza da Chioggia il 27 mattina dopo la cerimonia organizzata dalla locale Sezione Arrivo a Venezia in tarda mattinata dove si sosta Giovedì 28

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca La Commissione Europea oggi ha trovato un accordo sul principio e sui contenuti del pacchetto di misure d emergenza per contrastare

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo R MA MA IMED L a P e s c a come fattore di sviluppo del Turismo sostenibile Introduzione R A M M I D E La gioia dei gabbiani all arrivo in porto di un peschereccio al termine di una battuta di pesca rende

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Premessa Il progetto denominato Andar per Mare vuole essere il momento promozionale dell attività della pesca nella Regione Marche, che è una delle più importanti

Dettagli

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Action Plan Italia Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Genesi del provvedimento Il 17 dicembre 2012 la Commissione europea richiama l Italia sulle sue

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura Osservatorio Socio Economicoo della Pesca e dell Acquacoltura Indagine sulla pesca a strasci ico entro le 3 miglia dallaa costa in Veneto o: risultati e considerazioni 1. Premessa L esigenza di un analisi

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

QUADRO DELLE INFRAZIONI E RELATIVE SANZIONI (Artt.7-13 Titolo II D.Lgs. 9 gennaio 2012, n. 4)

QUADRO DELLE INFRAZIONI E RELATIVE SANZIONI (Artt.7-13 Titolo II D.Lgs. 9 gennaio 2012, n. 4) CONTRAVVENZIONI PENE PRINCIPALI (A CARICO DELL'ARMATORE) PENE ACCESSORIE PUNTI COMMINATI IN LICENZA PER INFRAZIONI GRAVI* SOTTOTAGLIA* a) detenere, sbarcare e trasbordare esemplari di specie ittiche di

Dettagli

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org 3-4-5 giugno Il Lavoro #adottaungiovanedisoccupatoo La Formazione #adottaungiovanefuturoo ANALISI E PROPOSTE DELLA FLAEI-Cisl Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro Le politiche

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE

*** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per la pesca 10.4.2015 2014/0319(NLE) *** PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'unione

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Milano, 28 ottobre 2015 Sala Meeting Padiglione Commissione Europea Giovanni Tumbiolo Mazara del Vallo - Italy Distretto Produttivo della Pesca -

Dettagli

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale XV Rapporto LA FILIERA DEL TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale DENIS PANTINI Nomisma Roma, 4 aprile 2012 LE VALENZE DELLA FILIERA (2010) Economica Valore delle vendite

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere LE INFRASTRUTTURE VERDI:

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PATTO PER L AMBIENTE per la lotta ai cambiamenti climatici e all inquinamento, per un Italia che,

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE L'industria italiana della raffinazione apporta un contributo sostanziale all economia italiana. Il settore impiega circa 7000 persone, con circa altre 7600 che lavorano

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010 GABICCE MARE: DALLA SOSTENIBILITA IL FUTURO Per un territorio attraente e competitivo INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2-21 A cura di Europa Inform Consulting Ottobre 21 Introduzione Dieci anni fa, esattamente

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale di Redazione Sicilia Journal - 28, Gen, 2016 http://www.siciliajournal.it/lavoro-san-pellegrino-fai-cisl-flai-cgil-e-uila-uil-insieme-per-valorizzare-ilsettore-dellacqua-minerale/

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA - report gennaio-giugno 2009 - Anche nella prima metà del 2009 Cofidi Veneziano si conferma la struttura di garanzia del credito più importante nella provincia

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Workshop. multi-stakeholder 19 ottobre 2015 Liceo Siotto, Cagliari, 14.30-18.30. Graziella Pisu

Workshop. multi-stakeholder 19 ottobre 2015 Liceo Siotto, Cagliari, 14.30-18.30. Graziella Pisu Workshop multi-stakeholder 19 ottobre 015 Liceo Siotto, Cagliari, 14.30-18.30 Graziella Pisu Riflessioni e agenda dell incontro di oggi Quadro di riferimento della S3 Processo di definizione e condivisione

Dettagli

Comunicato stampa del 16 luglio 2015

Comunicato stampa del 16 luglio 2015 Comunicato stampa del 16 luglio 2015 Boom del turismo internazionale in Sardegna: il 2014 si è chiuso con un milione di arrivi stranieri confermando il record 2013 Tra il 2006 e il 2014 il numero dei passeggeri

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli