Studio sulle attività di pesca professionale nell Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio sulle attività di pesca professionale nell Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno"

Transcript

1 Ente Regionale per la Gestione del Sistema delle Aree Naturali Protette nel Comune di Roma Studio sulle attività di pesca professionale nell Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno Maggio 2005

2 04_600_P Rev. Versione Redatto Verificato Approvato Data 1 Bozza 2 I emissione 3 II emissione 4 Finale

3 Gruppo di Lavoro Via L.Spallanzani Roma Tel. 06/ fax 06/ Dott. Ing. Alessandro Bardi (responsabile del progetto) Dott. Beatrice Frank Dott. Ing. Alessandro Musmeci Dott. Emanuele Zendri Con la collaborazione tecnica di: Dott. Paolo Pelusi Dott. Eraldo Rambaldi Via dei Radiotelegrafisti Roma Tel. 06/

4 Indice Indice 1 Premessa Finalità dello studio L Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno L Ambiente fisico Inquadramento geografico ed ambientale Geomorfologia e Batimetria Geologia Inquadramento climatico Oceanografia La Foce del Tevere Biodiversità marina Infrastrutture ed urbanizzazione della fascia costiera Porti e Navigazione Industrie ed Elettrodotti Aspetti socio-economici La pesca locale Le attività subacquee I flussi turistici Finalità dell Ente Gestore RomaNatura Metodologia Attività del Progetto Organizzazione dei dati raccolti Predisposizione dello Studio Risultati dello studio La pesca professionale Le licenze di pesca Produzione e cattura Lo sforzo di pesca Strutture di supporto alla pesca RE_04/600/P 4

5 Indice 5.6 Principali fattori di disturbo alle attività di pesca L Area Marina Protetta ed il Pescaturismo La pesca sportiva Indicatori socio-economici Il settore turistico I movimenti turistici nel bacino di riferimento Aspetti Economici Pescaturismo ed Ittiturismo Aspetti Economici e Sociali Sviluppo e benefici del pescaturismo e dell ittiturismo Aspetti legislativi Requisiti legislativi e regolamenti Conclusioni Bibliografia RE_04/600/P 5

6 1 Premessa Lo sviluppo del Sistema Nazionale dellearee Protette, per quel che riguarda le Aree Marine Protette (AMP), ha assunto maggior rilievo soltanto negli ultimi anni, a seguito dell emanazione della Legge quadro per le aree protette (L. 394/91). Le AMP ad oggi istituite rivestono una funzione fondamentale nella tutela della biodiversità marina e delle risorse ittiche, ma anche un ruolo chiave nelle politiche di gestione delle aree costiere e delle acque territoriali. L evoluzione normativa conclusasi con l emanazione della Legge quadro per le aree protette ha corrisposto quella del ruolo e delle finalità delle AMP nel nostro paese. Nate come zone di tutela biologica per la conservazione e la protezione delle risorse marine, in cui era interdetta qualsiasi attività di pesca, coerentemente con le finalità identificate dalla Legge quadro per le aree protette, le AMP oggi mirano non solo alla salvaguardia della biodiversità, ma anche allo sviluppo eco-sostenibile delle realtà locali. La Legge n.979 sulla Disposizione per la difesa del mare del 1982, fu la prima forma di protezione in Italia per i tratti di mare, in quanto essa individuava 21 aree marine per le quali appariva opportuna la protezione. Di seguito con l istituzione di Zone di tutela biologica ai sensi del Decreto Ministeriale n. 402 del 20 Agosto del 1988 è stata razionalizzata la pesca professionale. Nel 1991 la Legge quadro ha permesso di individuare ulteriori 26 aree marine da tutelare. Infine il Parco marino di Torre del Cerano è stato inserito nell elenco delle aree protette con la Legge n. 344 sulla Disposizione per lo sviluppo e la qualificazione degli eventi e dell occupazione in campo ambientale. Attualmente, sono state istituite 20 aree marine protette lungo tutto il litorale italiano (Fig.1.1), per un totale di circa 184 mila ha di mare e circa 580 km di costa tutelata. RE_04/600/P 6

7 Fig.1.1- Distribuzione geografica della Aree Marine Protette istituite Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio I dati significativi per tali aree sono riportati in tabella 1.1. RE_04/600/P 7

8 Tab Aree Marine Protette istituite in Italia AREE PROTETTE MARINE GIA ISTITUITE IN ITALIA Area Marina Protetta Regione Legge Anno d Istituzione Riserva naturale marina Isola di Sicilia L. 979/82 D. I Ustica Riserva naturale marina Miramare Friuli Venezia Giulia L. 979/82 D. I Nel Golfo di Trieste Riserva naturale marina Isole Puglia L. 979/82 D. I Tremiti Riserva naturale marina Isole Ciclopi Sicilia L. 979/82 D. I D.M Riserva naturale marina Torre Puglia L. 979/82 D.I Guaceto Area naturale marina protetta Isola Calabria L. 979/82 D.M Capo Rizzuto Riserva naturale marine Isole Egadi Sicilia L. 979/82 D.D. I.I D.D. I.I D.M Area naturale marina protetta Isole Lazio L. 979/82 D.M di Ventotene e Santo Stefano Area naturale marina protetta Liguria L. 979/82 D.M Cinque Terre Area naturale marina protetta Porto Puglia L. 979/82 D.M Cesareo Area naturale marina protetta Tavolara - P. Coda Cavallo Sardegna L. 979/82 DD.MM DD.MM Area naturale marina protetta Punta Campanella Campania L. 979/82 DD.MM DD.MM Area naturale marina protetta Sardegna L. 979/82 D.M Penisola del Sinis Isola Mal di Ventre Area naturale marina protetta Liguria L. 979/82 D.M Portofino Area naturale marina protetta Capo Sardegna L. 394/91 D.M Carbonara Area naturale marina protetta Secche Lazio L. 394/91 D.M di Tor Paterno Area naturale marina protetta Capo Sicilia L. 394/91 D.M Gallo-Isola della Femmina Area naturale marina protetta Isola Sardegna L. 394/91 D.M: dell Asinara Area naturale marina protetta Capo Sardegna L. 394/91 D.M Caccia Isola Piana Area naturale marina protetta Isole Pelagie Sicilia L. 394/91 D.M Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio RE_04/600/P 8

9 A queste si aggiunge il Santuario dei mammiferi marini che interessa la Liguria, la Toscana, la Campania e la Sardegna, oltre che la Francia e il Principato di Monaco, istituita con la Legge 426/98. A testimonianza dell importanza che tali ambienti rivestono nella salvaguardia di importanti siti marini, sono in fase di istruttoria altre 18 AMP (Fig. 1.2). Fig Distribuzione geografica della Aree Marine Protette di prossima istituzione Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio RE_04/600/P 9

10 L Area Marina Protetta delle secche di Tor Paterno fu istituta come Zona di tutela biologica con Decreto Ministeriale n. 402 del 20 Agosto Nel 2000 la gestione dell AMP fu affidata all Ente RomaNatura, che ha individuato obiettivi di tutela coerenti a quelli individuati dalla L.394/91, ovvero di conservazione della biodiversità marina prioritariamente, ma anche di sviluppo socio-economico, quindi di comunic.zione ed educazione ambientale. Proprio al fine di conciliare le esigenze di tutela con quelle di sviluppo economico, risulta fondamentale per l Ente gestore conoscere nel dettaglio le attività di pesca professionale che gravitano nell area delle secche di Tor Paterno, ovvero lo sforzo di pesca esercitato dalle attività di prelievo professionale, al fine di indirizzare politiche e strategie per la conservazione e la tutela delle risorse ittiche. Prima dello svolgimento di questo studio le informazioni inerenti alla pesca all interno delle secche erano parziali e poco approfondite. In particolare, non erano disponibili dati recenti raccolti in maniera continuativa ed organica che dessero delle informazioni sullo sfruttamento delle risorse ittiche da parte della pesca professionale. Inoltre non erano stati raccolti dati riguardanti le attività di pesca artigianale, vale a dire sull'attività esercitata dalle piccole imbarcazioni entro la fascia costiera, utilizzando principalmente reti da posta, il cui impatto risulta essere poco conosciuto dal punto di vista scientifico. I dati relativi alla composizione quali-quantitativa delle catture, della redditività e della distribuzione spazio-temporale delle imbarcazioni da pesca erano quindi limitati e piuttosto datati. Tutte le informazioni raccolte con questo studio, risulteranno invece necessarie per la programmazione, la gestione e la progettazione di interventi all interno dell AMP, potendo valutare l impatto delle attività antropiche sulle secche e sulle loro biodiversità. I risultati ottenuti, illustrati nel seguito, consentiranno quindi di individuare modelli di gestione atti a garantire la tutela della ricca biodiversità delle secche di Tor Paterno e nello stesso tempo a perseguire modalità di sfruttamento delle risorse demersiali più efficenti e sostenibili. RE_04/600/P 10

11 2 Finalità dello studio Obiettivo generale dello studio è stato quello di dotare l Ente RomaNatura di un quadro completo di conoscenza sulle attività di pesca professionale interessanti la l Area Marina Protetta delle secche di Tor Paterno. Gli scopi specifici perseguiti per il raggiungimento di questo obiettivo generale hanno riguardato l approfondimento di: conoscenze riguardanti la consistenza delle attività di pesca e di tecniche e mezzi utilizzati; principali minacce e criticità che incidono sull ecosistema naturale; interazioni tra AMP e attività di pesca professionale; potenzialità di attività complementari (pescaturismo, ittiturismo); attività antropiche e fattori di pressione che incidono sull AMP. Al fine di quantificare le entità dei prelievi e quindi l impatto delle attività antropiche sull Area Marina Protetta, sono stati raccolti ed analizzati dati riguardanti l evoluzione e le tendenze ecologiche della comunità ittica locale. A tale scopo sono state acquisite specifiche informazioni inerenti al pescato commerciale, alla flottiglia locale e ai consorzi di pesca che operano nell Area Marina Protetta. La quantificazione delle entità dei prelievi e la definizione degli impatti delle pesca professionale sull Area Marina Protetta, hanno quindi fornito criteri essenziali all individuazione di modelli e strategie di gestione in grado di rendere tali attività compatibili con la tutela dell ecosistema marino. L individuazione degli aspetti economici legati al rapporto tra le secche e le attività socio-economiche, fornisce gli elementi conoscitivi di base necessari alla pianificazione e alla valorizzazione di attività complementari ed integrative come il pescaturismo e l ittioturismo, per i quali dovranno essere svolti studi specifici approfonditi. Tutte le informazioni raccolte con questo studio, risulteranno invece necessarie per la programmazione, la gestione e la progettazione di interventi all interno dell AMP, potendo valutare l impatto delle attività antropiche sulle secche e sulle loro biodiversità. RE_04/600/P 11

12 3 L Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno 3.1 L Ambiente fisico Inquadramento geografico ed ambientale L Area Marina Protetta (AMP) Secche di Tor Paterno si estende su una superficie complessiva di ha, distante circa 4,5 miglia dalla terra ferma più vicina e circa 7 miglia per 167 dal Borghetto dei Pescatori di Ostia (Comune di Roma). Le secche sono costituite da tre formazioni rocciose sommerse di forma allungata, disposte perpendicolarmente al litorale laziale. Fig Inquadramento dell Area Marina Protetta delle secche di Tor Paterno. RE_04/600/P 12

13 L area tutelata è quindi rappresentata da un rettangolo delimitato da quattro boe, le cui coordinate geografiche sono riportate in tabella 3.1. Tab. 3.1 Coordinate geografiche delle boe che delimitano l AMP. Punto Latitudine Longitudine Boa A N E Boa B N E Boa C N E Boa D N E La cartografia di riferimento è costituita dalla carta nautica n. 7 in scala 1: dell Istituto Idrografico della Marina Militare. Il tratto costiero antistante le secche è caratterizzato da un sistema territoriale complesso costituito dalla foce del fiume Tevere, da aree di pregio naturalistico, da centri urbani e da numerose infrastrutture. Il Fiume Tevere sfocia a Nord dell AMP. Con i suoi apporti determina un elevata produttività ecologica in tutto il tratto di mare circostante la foce, tanto che sulle secche rocciose si sviluppa una sorprendente quantità di vita vegetale ed animale, come di seguito illustrato (cfr. 3.2). Lungo la costa sono presenti la Riserva Naturale Statale del "Litorale Romano", la Tenuta Presidenziale di Castelporziano, la Tenuta di Capocotta, la Riserva Naturale Regionale di Decima-Malafede e alcuni Siti d Importanza Comunitaria. (Fig. 3.2). La Riserva Naturale Statale del "Litorale Romano" si contraddistingue per la presenza di siti d interesse storico-archeologico e di aree di rilevante interesse naturalistico. Nei circa 16 mila ettari della Riserva sono compresi i tumuleti di Bocca di Leone, la foce dell Arrone, le vasche di Maccarese, l Oasi di Macchiagrande, la pineta di Coccia di Morto, Macchiagrande di Galeria, la valle e la foce del Tevere, la tenuta di Procoio, la pineta di Castel Fusano, le dune di Capocotta. Queste ultime rappresentano uno dei pochi esempi di duna mediterranea dell intero litorale laziale. La Tenuta Presidenziale di Castelporziano e la Tenuta di Capocotta sono invece caratterizzate da foresta planiziaria mediterranea. Tali aree risultano ancora oggi integre grazie al divieto di accesso agli estranei alla Presidenza della Repubblica. Per di più Castelporziano comprende al suo interno la ZPS Castelporziano (Tenuta Presidenziale) (IT ) ed il SICp Castelporziano fascia costiera (IT ). RE_04/600/P 13

14 Lungo la costa antistante alle secche di Tor Paterno sono presenti i SICp Isola Sacra (IT ), Lido dei Gigli ( ) e Tor Caldara (Zona solfatare e fossi) (IT ). Oltre alle aree di valore naturalistico, il litorale antistante l AMP è caratterizzato principalmente da insediamenti abitativi, porti, spiagge libere, stabilimenti balneari e da piccole località costiere. Nonostante l elevata densità demografica e la forte antropizzazione dell area costiera, legata soprattutto alla vicinanza di Roma, le Secche di Tor Paterno si contraddistinguono per la loro biodiversità. Essa è dovuta sia alla lontananza dell AMP dalla costa, alla presenza in un fondale marino ricco di sedimenti di origine terrestre e di organismi marini, di un habitat roccioso. Tali caratteristiche rendono questo sito unico per la diversità di habitat marini che vi si incontrano. La sommità del banco roccioso delle secche è popolata dalla Posidonia oceanica, la più grande fanerogama marina del Mediterraneo, specie di interesse comunitario ai sensi della Direttiva Habitat (92/43/CEE), la cui rarefazione è dovuta all'inquinamento e in minor misura ai danni inferti dagli ancoraggi delle imbarcazioni. Sulle pareti rocciose, e a maggior profondità, si trovano interessanti colonie di celenterati, come la bellissima Gorgonia rossa (Paramuricea clavata), nonché gli Alcionari (gen. Alcyonium), rarissimi altrove. Sono inoltre frequenti, in gran numero, le specie di pesci sia di fondale, come la murena (Murena helena), il gronco (Conger conger), le triglie (gen. Mullus) e la rana pescatrice (Lophius piscatorius), che di acque libere, come la spigola (Dicentrarchus labrax), il cefalo(gen. Mugil), l'occhiata (Oblata melanura) e il sarago (gen. Diplodus). La ricchezza biologica dell AMP è inoltre dimostrata dalla presenza di numerose altre specie ittiche, tra cui lo scorfano rosso (Scorpena scrofa), la ricciola (Trachynotus glaucus), il dentice (Dentex dentex), l orata (Sparus aurata), l aragosta (Palinurus elephas) ed il cavalluccio marino (Hippocampus hippocampus). RE_04/600/P 14

15 Fig. 3.2 Sistema delle aree protette sul litorale. In legenda trans. salvaguardia significa in regime transitorio di salvaguardia Fonte: Regione Lazio, Geomorfologia e Batimetria Le secche di Tor Paterno si configurano come tre formazioni rocciose sommerse su fondali mobili sabbiosi, disposte su una linea quasi perpendicolare al litorale. Sulla base della posizione geografica e della loro reciproca collocazione le secche vengono denominate rispettivamente secche di terra, secche di mezzo e secche di fuori. RE_04/600/P 15

16 Fig. 3.3 Batimetria e Geomorfologia delle secche di Tor Paterno. Le curve di livello si elevano ogni metro a partire dal centro dell AMP. Per quanto riguarda la geomorfologia, in blu viene evidenziato l Alto Morfologico, in marrone il Fondo duro roccioso e in marrone chiaro il Sedimento sabbioso con biodetrito. Le linee rosse indicano l Allineamento strutturale geologico Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio, La struttura asimmetrica, evidente soprattutto nell estremità settentrionale delle secche, è forse dovuta a deformazioni di natura tettonica a pieghe e faglie. Tale fenomeno potrebbero spiegare la particolare forma del pendio, costituito da una serie di rotture dovute probabilmente all affioramento e all erosione di strati geologici piegati. A profondità comprese tra i 30 e i 40 metri, alcune aree della secca mostrano forme di fondo (ripple) con lunghezza d onda dell ordine del metro. Tali strutture sono probabilmente riconducibili alle correnti oscillatorie create dal moto ondoso sui sedimenti sabbiosi o ghiaiosi. Le mareggiate provenienti da sud-ovest e da ovest, favoriscono infatti il moto ondoso alla base di questo fenomeno. Infine, la zona nord-orientale della secca è caratterizzata dalla presenza di depressioni sub circolari di metri di diametro, la cui origine risulta ancora oggi ignota. Da un punto di vista morfologico, i fondali delle secche si contraddistinguono quindi per la presenza da un lato di pendii costanti e dall altro di grandi blocchi rocciosi. Il fondale delle secche di terra e delle secche di fuori si presenta come un pendio omogeneo (mediamente 0,45 ) privo di irregolarità, con una profondità compresa tra RE_04/600/P 16

17 i 35 e i 70 metri circa. Le secche di terra, costituite soprattutto da formazioni rocciose basse e spesso insabbiate, si estendono da 4-5 m di profondità fino a circa m, mentre le secche di fuori sono situate più a largo, a profondità pari ad un centinaio di metri. La seconda formazione rocciosa, separata da una striscia di sabbia dalla prima e detta secche di mezzo, presenta una profondità compresa tra 20 e 50m ed è caratterizzata da affioramenti di rocce sedimentarie deformate di origine pleistocenica (fra e anni fa). Le secche di mezzo sono infatti costituite da un rilievo roccioso di forma oblunga di circa 20 metri di altezza, disposto obliquamente da nord-est verso sud-ovest. Il versante sud occidentale delle secche di mezzo degrada con minore inclinazione rispetto agli altri versanti, che si presentano estremamente ripidi. Le secche di mezzo, uniche a ricadere totalmente nell area tutelata, costituiscono quindi la formazione rocciosa più interessante dell intera catena, sia dal punto di vista naturalistico, sia per le attività di pesca che qui si concentrano, attirate dalla ricchezza biologica Geologia La piattaforma continentale laziale su cui si colloca l AMP risale all età pliocenica e quaternaria (da 5 milioni e mezzo di anni fa all attuale). Essa ha un ampiezza tra Capo Linaro e Capo Circeo di circa 20 km ed una pendenza media pari a 0,5. La stratificazione della sedimentazione detritica ad opera delle ridotte maree ( a anni fa) segue l andamento del fondale, anche se gli strati mostrano una disposizione spostata di alcuni gradi verso il largo, dovuta alla deposizione di detrito sulla scarpata continentale. Durante l espansione del glacialismo würmiano ( anni fa), l abbassamento del livello del mare ha favorito la parziale erosione dei sedimenti depositati, che successivamente alla trasgressione versiliana ( anni fa), hanno subito una progressiva sommersione. In seguito (tra gli e anni fa), l arretramento della linea di riva ha raggiunto il livello del mare prossimo a quello attuale, per poi subire un avanzamento nei tratti di costa interessati dall apporto di sedimenti del fiume Tevere. La costruzione di bacini artificiali lungo il Tevere e la captazione delle acque hanno causato una drastica diminuzione della quantità di sedimenti trasportati dal fiume in mare. Tale fenomeno, concentratosi soprattutto negli ultimi 60 anni, ha favorito di nuovo l arretramento della linea di riva, soprattutto in prossimità del delta del Tevere. Nonostante le modificazioni legate all erosione degli strati di deposito, la resistenza di alcuni affioramenti rocciosi, noti come relitti di erosione, ha permesso la preservazione di rilievi geofisici, quali le secche di Tor Paterno. Si ipotizza che tali formazioni derivino o da movimenti tettonici o da affioramenti del substrato litoide RE_04/600/P 17

18 presenti nell entroterra. Entrambe le ipotesi di formazione della secca richiederebbero un indagine diretta per confermarne la validità, anche se la prima risulta essere ad oggi la più probabile. Durante la trasgressione versiliana, l area delle secche di Tor Paterno ha subito l erosione dei sedimenti costieri e continentali, seguita poi durante l olocene dalla deposizione del sedimento ad opera del Tevere. I sedimenti da cui emerge la secca derivano quindi dal prodelta, ovvero prendono origine dalla struttura conoide deltizia sommersa Inquadramento climatico Le Secche di Tor Paterno si collocano nella regione climatica mediterranea, con un accentuato contrasto tra l estate calda e arida (con 2-4 mesi di siccità estiva) e la stagione autunno-inverno, piovosa e con temperature relativamente moderate. Il clima mediterraneo si contraddistingue per la sua imprevedibilità. Infatti è caratterizzato da forti venti, da improvvisi rovesci temporaleschi, da variazioni repentine della temperatura e da periodi di siccità (Blondel J., Aronson J., 1999; Grove A. T., Rackham O., 2001). Le elevate temperature e i venti invernali secchi favoriscono l evaporazione della massa d acqua del mare. Nel bacino del Mar Mediterraneo tale fenomeno non viene compensato dall apporto delle precipitazioni e del ruscellamento, ma dallo scambio di masse d acqua con l Oceano Atlantico e col Mar Nero. Questi scambi idrici, sommati agli apporti fluviali, causano una diminuzione di salinità. Inoltre la scarsa profondità dello stretto di Gibilterra, favorisce l entrata delle acque superficiali calde, fattore che si ripercuote sul regime delle temperature delle acque. Le acque profonde del Mediterraneo risultano infatti omeoterme, al contrario di quelle superficiali la cui temperatura oscilla tra i 10 C di Gennaio e i C di Luglio (ANPA, 2001). Per quanto riguarda l area di studio, il clima delle secche può essere definito come clima ad attenuato mediterraneismo (Bullini L., Pignatti S., Virzo De Santo A., 1998), ossia un clima più umido, con valori medi di precipitazione elevati (superiori agli 800 mm) e con periodi di aridità estiva brevi. Le temperature massime oscillano tra i 13 C di Gennaio-Febbraio e i 28 C di Luglio- Agosto; il range di temperature minime è compreso tra i 4 C di Gennaio e i 18 C di Agosto. Per quanto riguarda le precipitazioni, i mesi più piovosi sono Ottobre (121 mm al suolo), Novembre (119 mm al suolo) e Dicembre (107 mm al suolo), mentre la maggiore aridità si riscontra nel mese di Luglio, caratterizzato da un minimo di precipitazione (11 mm al suolo). Nel resto dell anno i valori oscillano tra i 37 mm (Maggio) e gli 81 mm (Febbraio). RE_04/600/P 18

19 I venti soffiano prevalentemente da ovest, ad una velocità di 8,5 nodi (Fig.3.4) e l umidità relativa varia dal 74% di marzo-luglio al 78% di maggio-dicembre. I valori sotto riportati sono delle medie calcolate in base ai dati del trentennio della stazione termopluviometrica di Pratica di mare (Roma), la stazione più vicina alla AMP. Fig. 3.4 Rosa annuale dei venti costruita sui dati triorari rilevati nella Stazione A.M. n. 245 (Pratica di Mare) nel periodo Fonte: Noli et al, Oceanografia Nel Tirreno centrale le masse d acqua a profondità superiore ai 20 m presentano un moto prevalentemente parallelo alla linea di costa, ossia con direzione SE-NW (Fig. 3.5). Queste correnti hanno una velocità media di 0,03m/s dovuta sia ai gradienti di densità sia ai venti. Anche le correnti di superficie hanno una direzione predominante verso SE-NW, ma con velocità dell ordine dei 0,01m/s. RE_04/600/P 19

20 Fig. 3.5 Distribuzione direzionale del moto ondoso rilevata nella stazione ondametrica di Lido di Ostia; Hs = altezza d onda significativa. Fonte: da Noli et al, 1996 (modificato) L area di studio è lambita da onde con direzione prevalenti tra i 135 e i 285 e da correnti variabili da Sud-Est a Nord-Ovest. Le secche sono bagnate da correnti provenienti dalla Sardegna, dalla Sicilia settentrionale e dal Tirreno meridionale da Novembre a Gennaio. Da Febbraio a Maggio, le correnti cicloniche del Tirreno meridionale, dopo aver toccato la costa siciliana e calabra, raggiungono l AMP. A Giugno il vortice ciclonico si spinge sino alla costa del Lazio meridionale, spostandosi quindi più a settentrione. La circolazione delle acque ricomincia nuovamente da Luglio a Settembre. Infine ad Ottobre le acque che lambiscono le secche derivano dal vortice localizzato tra la costa laziale e la Sardegna settentrionale, nonché da un vortice provenienti dalla Sicilia settentrionale. Il moto degli strati superficiali nell AMP può discostarsi dai valori di direzione e velocità del Tirreno centrale per effetto del vento, delle differenze di riscaldamento solare o degli apporti fluviali (soprattutto del Tevere). Da immagini di satellite, si nota come ad esempio il pennacchio del fiume Tevere può lambire la zona RE_04/600/P 20

21 settentrionale delle secche di Tor Paterno. Le acque dolci del fiume possono infatti disperdersi con moto turbolento nel verso contrario alla corrente dominante La Foce del Tevere Il fiume Tevere sfocia a nord delle secche di Tor Paterno determinando con i suoi apporti un impatto significativo sull ambiente marino protetto. Dopo l immissione in mare l acqua dolce del fiume genera un pennacchio (fig. 3.6) che defluisce verso la costa tirrenica, a nord di Fiumicino. In questa maniera il flusso del Tevere evita di investire direttamente le secche di Tor Paterno. Fig. 3.6 Pennacchio del fiume Tevere che lambisce la parte settentrionale dell AMP (evidenziata in arancione). Immagine satellitare (Medium Resolution Imaging Spectrometer (MERIS); 2003). In condizioni particolari, gli improvvisi mutamenti del regime delle correnti causano condizioni di torbidità nelle secche, dovute alla scarsa qualità delle acque del Tevere. Tale fenomeno offre un importante contributo per lo sviluppo della vegetazione marina. Le particolari condizioni di torbidità e l apporto di materiale organico sono infatti responsabili dell alta "produttività ecologica" della zona. RE_04/600/P 21

22 Oltre all apporto di materiale organico che favorisce lo sviluppo di una ricca comunità marina, il Tevere veicola sostanze inquinanti verso il Tirreno sotto forma di scarichi e rifiuti. Lungo il suo corso è infatti caratterizzato da due condizioni ambientali ben distinte. Dalla sorgente fino a metà della sua lunghezza il Tevere è ben preservato. La qualità delle acque in questo tratto risulta ancora resistere al degrado, grazie alla grossa portata e alla capacità autodepurativa del fiume stesso. Nell ultimo tratto le condizioni ambientali del Tevere subiscono un notevole peggioramento dei valori chimici e biologici, da addebitarsi alla presenza di scarichi veicolati dai suoi affluenti e dalla città di Roma. Il fiume risulta quindi gravemente compromesso da un forte impatto antropico. Gli scarichi civili riversano un eccessivo carico inquinante lungo il suo corso, soprattutto in concomitanza degli insediamenti urbani. La soglia critica di inquinamento si riscontra infatti a valle della città di Roma. Al fine di limitare i danni dovuti alle acque di scarico la provincia di Roma ha installato 519 depuratori, pari al 38,1% degli impianti presenti nel Lazio. Ad oggi le reti fognarie, idriche e i depuratori servono quindi il 98% della popolazione residente nel territorio del comune di Roma. Nonostante ciò, nel tratto a valle del Depuratore Roma-Sud, i valori dell'indice biologico IBE (Indice Biologico Esteso) rilevano che in tale area la qualità dell acqua non è idonea alla vita dei pesci (Tutela della fauna ittica, D.Lgs. 130/92). Tale condizione è imputabile agli alti livelli di enterococchi, di coliformi e di streptococchi fecali (valori superiore al limite consentito dalla DPR 470/82), dovuta proprio agli scarichi civili. La fascia costiera interessata dal fiume Tevere risultate quindi di mediocre qualità, in accordo con i valori di clorofilla e biomassa riscontrati lungo tutto il litorale laziale. A determinate condizioni ambientali, tale situazione può quindi causare il peggioramento degli strati superficiali del mare nell area delle secche di Tor Paterno. Infine la qualità dei corsi d acqua minori risulta buona nelle aree non interessate da agglomerati urbani per poi diventare mediocre in presenza di insediamenti abitativi. Fanno eccezione l Aniene, già in condizioni di inquinamento cronico a monte di Roma, e il Garigliano che, al contrario, gode di una migliore qualità delle acque rispetto agli altri corsi idrici Le acque dolci La qualità delle acque del Tevere, per la vicinanza della foce all AMP delle secche di Tor Paterno, può influenzare la qualità dell ambiente della riserva marina. RE_04/600/P 22

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI 7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI Da un punto di vista fisico il lago è un fenomeno transitorio. È una massa d acqua raccolta in una depressione naturale della superficie terrestre; indipendentemente

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA ISPA COMUNE DI MOLA DI BARI ISTITUTO DI SCIENZE DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI Progetto LIFE09 ENV/IT/000061 Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli