UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO

2

3 IL GRUPPO DI AZIONE COSTIERA TERRE DI MARE IL PROGETTO CONSU.MARE L INDAGINE DI MERCATO METODOLOGIA UTILIZZATA I RISULTATI IL PROFILO DEL CONSUMATORE LOCALE IL GRADO DI INTERESSE PER LE ATTIVITÁ DI PESCA DIVERSIFICATE pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 22

4 Il Gruppo di Azione Costiera Terre di Mare Il GAC Terre di Mare è una società consortile a responsabilità limitata composta da soggetti pubblici e privati rappresentativi del tessuto socio economico del territorio, portatori di interessi comuni della fascia costiera dei Comuni di Molfetta, Bisceglie e Giovinazzo, che ha come finalità lo sviluppo sostenibile della zona di pesca, attraverso la concessione di finanziamenti nel territorio di competenza. Il GAC Terre di Mare è riconosciuto dall Unione Europea, dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dalla Regione Puglia con l iniziativa comunitaria Sviluppo sostenibile delle zone di pesca - ASSE IV art del Regolamento (CE) n. 1198/2006 Fondo Europeo per la pesca (FEP) Il GAC Terre di Mare ha redatto e delineato, utilizzando il c.d. approccio bottom up (coinvolgimento dal basso verso l alto), il Piano di Sviluppo Costiero (PSC). Tale approccio ha l enorme vantaggio di avvicinare i processi decisionali al territorio, consente di comprendere meglio i problemi e le aspirazioni della propria comunità, con un attivo e continuo coinvolgimento degli enti locali, degli operatori economici e sociali e dei cittadini della zona. Attraverso l attuazione del Piano di Sviluppo Costiero (PSC), finanziato a valere sull Asse IV del P.O. F.E.P , il GAC finanzia azioni in materia di sviluppo sostenibile e miglioramento della qualità di vita nelle zone di pesca, ammissibili nel quadro di una strategia globale di sostegno all attuazione degli obiettivi della politica comune della pesca, tenendo conto, in particolare, delle implicazioni socioeconomiche. Il GAC, pertanto, favorisce l implementazione di una strategia locale, finalizzata alla realizzazione di un sistema di sviluppo locale che sia integrato e basato sulle risorse locali, in grado di valorizzarne le potenzialità produttive, le tipicità e le risorse locali, attraverso il consolidamento dell assetto politico-economico-sociale esistente, per la crescita del sistema locale e la partecipazione di tutti gli attori ai processi decisionali. Il Progetto CONSU.MARE Il settore ittico dell area del GAC Terre di Mare è caratterizzato, ormai da diversi anni, da una flessione delle produzioni e del valore prodotto. La progressiva ed inarrestabile perdita di redditività, per gli operatori delle imprese di pesca, caratterizza particolarmente la nostra area per i noti ritardi nel recupero di efficienza dei processi di smercio ed è ulteriormente aggravata dalla difficoltà di adeguare i prezzi dei prodotti ittici all incremento dei costi (forte rincaro del prezzo del gasolio e dei costi di produzione in generale). Alla sensibile riduzione registrata dalle catture, frutto di una condizione di sofferenza delle risorse e della conseguente politica di riduzione dello sforzo di pesca, non ha fatto riscontro un proporzionale incremento dei prezzi spuntati, a causa di una perdurante congiuntura economica negativa che ha determinato una restrizione generale dei consumi e della difficoltà dei percorsi di commercializzazione e valorizzazione; il risultato evidente è che, in media, il valore dei prodotti sbarcati ha raggiunto il livello più basso dal 2005 e le imprese quindi stentano sempre di più a trovare redditività adeguata nell attività di pesca. A prescindere dalle pesanti conseguenze dei ritardi strutturali e della scarsa trasparenza dei processi di smercio non può non considerarsi che la stessa distribuzione del valore prodotto tra le diverse fasi della filiera ittica (fornitori di mezzi tecnici, fase di cattura, commercializzazione grossista, distribuzione, ristorazione, trasformazione ) è notoriamente poco favorevole ai pescatori, che, soprattutto dove non si realizzano processi virtuosi di governo e/o di 4 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

5 integrazione, riescono ad incamerare una parte molto modesta del valore aggiunto del prodotto della pesca e del ricavo complessivo. Inoltre, la globalizzazione del mercato dei prodotti della pesca e le crescenti esigenze dei consumatori in materia di informazione, qualità e sicurezza, impongono agli operatori del settore della pesca nuove strategie in termini di commercializzazione dei prodotti ittici. Da diversi anni, ormai, sono in atto cambiamenti importanti per quanto concerne il mercato dei prodotti della pesca, in particolare, nelle abitudini e nelle crescenti esigenze dei consumatori. Si è infatti assistito ad una crescente diversificazione dei servizi richiesti per il consumo di pesce, cui ha fatto riscontro un settore ittico locale caratterizzato da una produzione non sempre in grado di cogliere e soddisfare le nuove esigenze e abitudini alimentari dei consumatori. Benché numerose indagini sul consumo dei prodotti ittici sono state effettuate negli anni precedenti, vi è da considerare che il consumo di prodotti ittici presenta una serie di caratterizzazioni e peculiarità che determinano aspetti assolutamente diversi nell ambito delle diverse realtà locali, contraddistinte da fenomeni e costumi diversificati nella pratica del consumo e della pesca. Oltre all aspetto tradizionalistico, le abitudini di acquisto dei consumatori dipendono altresì da diversi fattori esogeni, quali ad esempio gli stili di vita sociale e lavorativi, abitudini alimentari o il tenore economico delle famiglie. Sulla base di tali considerazioni e, a seguito dei diversi incontri di animazione sul territorio del GAC Terre di Mare, si è ritenuto utile e necessario realizzare indagini di mercato per individuare e comprendere meglio le esigenze, preferenze ed aspettative dei consumatori locali rispetto ai prodotti della pesca. La realizzazione dell azione indagini di mercato sul consumo del prodotto ittico nella realtà locale è quindi finalizzata a rendere manifeste le tendenze di consumo in atto, le esigenze, le preferenze e i comportamenti del consumatore riguardo ad aspetti qualitativi, nutrizionali e di preparazione del prodotto ittico, sottolineando la propensione all acquisto, le modalità di acquisto, i servizi richiesti per l acquisto e/o una disponibilità a pagare un premium price per prodotti con particolari caratteristiche e trattamenti. L indagine di mercato metodologia utilizzata # Finalità dell indagine L indagine è finalizzata a: individuare le caratteristiche del consumatore locale dell area GAC (Comuni di Bisceglie, Giovinazzo e Molfetta), espresse in termini di preferenze, comportamenti e percezioni in merito ai prodotti della pesca e dell acquacoltura; far emergere il grado d interesse (riscontrato e potenziale)di tali consumatori per le attività di pesca diversificate, quali pescaturismo e ittiturismo. # Strumenti L indagine di mercato sul consumo locale dei prodotti ittici è stata realizzata dalla Società IZI S.p.A. Per la realizzazione materiale dell indagine sono state utilizzate idonee metodologie e tecniche di rilevazione, archiviazione ed elaborazione dei dati già efficacemente testate in analoghe ricerche svolte in altri ambiti territoriali. L indagine è stata effettuata con il metodo CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) su un campione casuale di famiglie residenti nei Comuni di Bisceglie, Giovinazzo e Molfetta. Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 5

6 Il campione è stato stratificato in funzione di due variabili: il comune di residenza e l ampiezza del nucleo familiare. L estrazione casuale dei potenziali intervistati è stata eseguita sulla base degli elenchi telefonici comunali. Tutte le interviste sono state realizzate da personale qualificato e specificatamente formato. Gli intervistatori sono stati selezionati all interno del network di IZI, che è certificato a norma UNI ENI ISO 9001:2008. # Questionario Il questionario si compone di otto sezioni, cui vanno aggiunte le parti dedicate alla raccolta delle informazioni sulla famiglia e sulle caratteristiche socio-demografiche dell intervistato. In sintesi, il questionario è articolato in dieci sezioni: Nella sezione introduttiva, si rilevano le caratteristiche del nucleo familiare ed, in particolare, l eventuale presenza di bambini o ragazzi, che potrebbe essere, verosimilmente, un elemento in grado di influenzare il consumo di generi alimentari. La prima sezione è dedicata alla rilevazione del grado di penetrazione e alla determinazione della frequenza di consumo dei prodotti ittici. La seconda e la terza sezione sono finalizzate a raccogliere informazioni in merito alle tipologie di prodotti ittici consumate e al tipo di esercizio commerciale in cui si effettuano tali acquisti. La quarta parte s incentra sugli elementi che influenzano il consumo di pesce. La quinta accoglie le domande finalizzate ad indagare la scelta dei luoghi di consumo extra-domestico. Nella sezione successiva, la sesta, si chiede di quantificare economicamente il budget destinato agli acquisti di generi alimentari ed, in particolare, di prodotti ittici. Nella settima sezione s indagano gli elementi che potrebbero incentivare il consumo domestico di pesce. Nell ottava sezione si sondano la conoscenza e le opinioni delle famiglie in merito alle attività di pescaturismo e ittiturismo. Infine, il questionario termina con una breve sezione anagrafica, inserita al fine di profilare l intervistato. # Piano di campionamento La popolazione di riferimento è costituita dalle famiglie residenti nei Comuni di Giovinazzo, Molfetta e Bisceglie. In base ai dati ISTAT, tale universo ammonta a oltre 50mila unità. Poco meno della metà sono residenti a Molfetta (45,7%), oltre un terzo a Bisceglie (38,8%), mentre il restante 15,5% a Giovinazzo. Nelle tabelle che seguono si illustra la composizione dell universo in valori assoluti ed in percentuale. 6 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

7 Il piano di campionamento adottato è di tipo stratificato. La prima variabile di stratificazione è costituita dal Comune di residenza (tre modalità). La seconda variabile di stratificazione è costituita, invece, dal numero di componenti della famiglia. In fase ex ante, si è ritenuto che questa variabile potesse influenzare in modo rilevante il consumo alimentare delle famiglie. Tale variabile presenta sei modalità: le famiglie sono state accorpate a partire dal sesto componente. La numerosità campionaria ammonta a famiglie. L allocazione interna a ciascuno strato è stata di tipo proporzionale. Il campione intervistato è illustrato nella tabella seguente. Si noti che 207 rispondenti hanno dichiarato di non consumare pesce. I Risultati Il capitolo è dedicato all analisi dei principali risultati della ricerca. L ordine di presentazione degli argomenti riflette fedelmente gli obiettivi dell indagine: Delineamento del profilo del consumatore locale: CHI? QUANTO? COSA? DOVE? Individuazione del grado di interesse per le attività di pescaturismo e ittiturismo. L elemento centrale delle elaborazioni è costituito dalle frequenze semplici di tutte le variabili del questionario (analisi univariata). Laddove si è ritenuto esistere una correlazione significativa, tali variabili sono state anche incrociate con le variabili demografiche (analisi multivariata). Tutti i dati sono stati ponderati al fine di riportare le stime campionarie al totale della popolazione di riferimento. I risultati delle elaborazioni sono stati rappresentati tramite grafici a barre, grafici a torta e i principali indici di posizionamento e dispersione. 1.1 IL PROFILO DEL CONSUMATORE LOCALE # CHI? La profilazione anagrafica degli intervistati mostra una predominanza del genere femminile le donne ammontano a più di tre quarti del campione e di un età piuttosto avanzata. Quanti anni ha? meno di 30 anni tra 31 e 50 anni 23% 77% 3% 21% tra 51 e 70 anni 47% più di 70 29% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 7

8 Sul fronte del titolo di studio, l opzione più segnalata è il diploma di scuola media superiore, mentre l indagine della condizione professionale rileva una predominanza delle casalinghe. Che titolo di studi hanno gli intervistati? 1,5% Nessuno 25,6% 36,8% Licenza Media Inferiore Diploma di Scuola Media Superiore 23,6% Licenza Elementare 12,6% Laurea 1% Post Laurea Il campione risulta parzialmente sbilanciato verso il genere femminile, l età avanzata e la condizione professionale di tipo casalinga in quanto, trattandosi di un indagine sui consumi, sono stati intervistati, ove possibile, i responsabili degli acquisti presenti in casa durante l arco della giornata. 8 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

9 41% Casalinga 31% Pensionato ritirato dal lavoro Inabile al laboro 24% Occupato 2% Disoccupato in cerca di prima occupazione 2% Studente 1% Altro Condizione professionale Nella sezione introduttiva del questionario è stato chiesto agli intervistati di fornire alcune informazioni circa numerosità e composizione del nucleo familiare. Il nucleo familiare medio residente nei Comuni oggetto di indagine è costituito da meno di tre persone ed è composto in larga parte da soli adulti. La maggioranza dei nuclei familiari dichiara di essere assidua consumatrice di pesce: le famiglie dove il consumo di pesce è totalmente assente si attestano solo all 11%. Più di tre quarti degli intervistati, invece, afferma che il consumo di pesce riguarda la totalità della propria famiglia Distribuzione delle famiglie in base al consumo di prodotti ittici 76% 13% 11% Tutti consumano prodotti ittici Solo una parte consuma prodotti ittici Nessuno consuma prodotti ittici Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 9

10 Incrociando i dati sul consumo di prodotti ittici con la composizione del nucleo familiare, è emerso che la percentuale di non-consumatori più alta si trova nelle famiglie monocomponente. Frequenza di non consumatori per ampiezza del nucleo familiare ,96% 9,13% 5,01% 4,70% 8,03% In ultima analisi, la distribuzione territoriale della percentuale di non-consumatori sul totale dei residenti è sostanzialmente costante in tutti e tre i Comuni considerati: si passa dall 8% del Comune di Giovinazzo, all 11% dei Comuni di Bisceglie e Molfetta. # QUANTO? Anche dall analisi delle frequenze di consumo emerge con chiarezza la larga diffusione del consumo di prodotti ittici nei Comuni presidiati dal GAC Terre di Mare: l 87% delle famiglie consuma pesce almeno una volta alla settimana. Frequenza del consumo delle famiglie LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA 53% 34% 13% 2 o più volte a settimana 1 volta a settimana più raramente 10 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

11 Indagando quali potrebbero essere i fattori su cui far leva per aumentare tali frequenze di consumo c.d. elementi incentivanti emerge come poco meno di un consumatore su quattro (24,3%) dichiari che non aumenterebbe in nessun caso il consumo di prodotti ittici. Fra coloro che, invece, sarebbero disposti a consumare una maggior quantità di pesce, la disponibilità di garanzie circa la provenienza è l elemento più segnalato (16,2%). Elementi incentivanti il consumo di prodotti ittici Nessun aumento 24,3% Garanzie sulla provenienza 16,2% Info sulle qualità nutrizionali Prezzo 15,6% 15% Bollino di qualità 12% Acquisto dal pescatore 7,9% PESCATORE Pronto per la cottura 4,9% Sostenibilità e legalità della pesca 4,1% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 11

12 Gli elementi discriminanti il consumo di prodotti ittici si configurano, da un lato, come elementi di scelta del rivenditore e, dall altro, come elementi di scelta del prodotto da acquistare. Dal lato rivenditore, è stato chiesto di indicare quali fossero i fattori più importanti a guidarne la scelta; la domanda offriva la possibilità di indicare più opzioni di risposta e quasi tutti i rispondenti ne hanno indicate due. Fatto 100 il totale delle opzioni segnalate dagli intervistati, più di un terzo delle risposte riguarda la fiducia nel rivenditore ed un ulteriore terzo la qualità del prodotto venduto. La prossimità del luogo di vendita, di contro, è l opzione meno segnalata. Tale ultima considerazione suggerisce un altra caratteristica del consumatore medio dell area GAC: il prodotto ittico riveste una certa importanza e, quindi, si giudicano poco rilevanti elementi come la vicinanza del venditore o il prezzo praticato. Fattori determinanti la scelta del venditore 37,90% Fiducia nel venditore 0,3% Altro 7,2% Prossimità del venditore 34,50% Qualità del prodotto venduto 12,7% Prezzo 7,4% Qualità del servizio offerto 12 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

13 Sul lato prodotto, a ciascun rispondente è stata data la possibilità di esprimere un punteggio compreso tra 1 (minima importanza) e 10 (massima importanza) ad ogni fattore di scelta. Rispetto alla situazione delineatasi per i fattori di scelta del venditore, si osserva una variabilità molto inferiore: quasi tutti i fattori vengono giudicati importanti in egual misura, eccezion fatta per la lunghezza dei tempi di cottura e di preparazione. Voto medio fattori determinanti la scelta del prodotto Gusto personale 9,3% Salubrità e proprietà nutrizionali 9,2% Caratteristiche esteriori 9,2% Produzione locale Origine italiana 9,4% 9,4% Prezzo 8,7% Lunghezza dei tempi di cottura/preparazione 7,5% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 13

14 Infine, è stato chiesto agli intervistati di quantificare economicamente la spesa in prodotti ittici. Questa risulta essere una domanda sensibile, infatti, come prevedibile, circa un intervistato su quattro ha scelto di non rispondere. Tra coloro che, invece, si sono resi disponibili a rispondere, prevale una spesa media mensile compresa tra i 51 e i 100 euro, con un valor medio puntuale di 93 euro e una mediana pari ad 80 euro. Spesa mensile in prodotti ittici 35% 33% 20% 8% Tra 51 e 100 Tra 21 e 50 Tra 101 e 200 Meno di 20 4% Più di 200 # COSA? I prodotti più consumati dalla popolazione di riferimento sono i merluzzi, le spigole, le orate, il pesce azzurro ed i molluschi. Al contrario, gli astici e le aragoste sono i prodotti meno acquistati, verosimilmente, a causa del prezzo più elevato. Prodotti ittici consumati 13,5% 13,1% 12,7% 12,4% 10,8% 8,9% 6,7% 5,5% 5,1% 4,1% 2,4% 1,7% 1,4% 0,6% 1,1% Merluzzo Spigola Orata Pesce azzurro Seppia Polpo Calamaro Totano Gambero Scampo Cicala.. Triglia Frutti di mare Zanchetta Sogliola Rana pescatrice Gallinella Dentice Rombo Pesce Spada Tonno fresco Astice Aragosta Altro 14 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

15 Sul lato delle tipologie di prodotti ittici consumati, è stato chiesto agli intervistati di indicare quali fossero le loro preferenze, dando anche più di una risposta. Tenendo conto delle località di residenza della popolazione di riferimento, non sorprende affatto l emersione di una larga preferenza verso prodotti freschi, rispetto ai prodotti congelati e trasformati 1 : il 95% dei consumatori acquista pesce fresco. Si tenga conto che la quota relativamente bassa di crostacei freschi è giustificata dal fatto che molti degli intervistati li imputano inconsciamente alla categoria del pesce fresco. Tipologia di prodotto consumato 32,5% 94,7% 55,7% Prodotto trasformato 46,3% Crostacei freschi Prodotto congelato Pesce fresco 1 Con la dicitura prodotti congelati/surgelati si intendono tutti quei prodotti che hanno subito solo un processo di abbattimento della temperatura prima della vendita. Con la dicitura prodotti trasformati/pronti/precucinati si intendono, invece, quei prodotti che sono stati elaborati in vario modo prima di giungere al consumatore (bastoncini di pesce fritto, prodotti precucinati, tonno in scatola, salmone affumicato, etc.). Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 15

16 A quei pochi intervistati a cui sono state chieste le motivazioni per le quali non consumano prodotti ittici freschi emergono il prezzo elevato, le difficoltà a riconoscere il prodotto fresco e la scarsa propensione nel pulire e cucinare il pesce. Perchèènon consuma prodotti freschi? 3% 7% 14% 21% 21% 17% Non so riconoscere il prodotto Si deteriora in fretta Hanno un prezzo troppo elevato Altro Rimane a lungo l odore Non mi piace pulire il pesce 17% Non so cucinarli Quando sono state indagate le motivazioni per le quali i prodotti congelati non venissero consumati sono state addotte essenzialmente motivazioni riguardanti il gusto. Perchèènon consuma prodotti congelati? 30% Non piacciono a tutti 23,7% 19,1% 18,4% 7,1% 1,6% Perdono il gusto naturale Dubbi sulla qualità delle materie prime Altro Hanno un valore nutrizionale inferiore Hanno un prezzo troppo elevato 16 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

17 I prodotti trasformati, invece, non incontrano il favore dei consumatori a causa di motivazioni legate prevalentemente alla qualità delle materie prime e del processo di trasformazione. Perchè non consuma prodotti trasformati? 40,5% Dubbi sulla qualità delle materie prime 23,8% 19,7% 9,7% 6,3% Dubbi sulla correttezza del processo di trasformazione Altro Non trovo in commercio i prodotti che vorrei Hanno un prezzo troppo elevato Rispetto all ipotesi per la quale l acquisto di prodotti trasformati potesse essere correlato con la presenza di bambini e ragazzi o al numero di membri del nucleo familiare, i dati smentiscono tale ipotesi. Non c è alcuna correlazione significativa tra la tipologia di pesce consumato ed il numero o l età dei componenti del nucleo familiare. # DOVE? Per ciò che attiene ai luoghi di acquisto dei prodotti ittici, la quasi totalità del campione (93%) dichiara di non avvalersi della GDO, prevale infatti una generale vicinanza del produttore al consumatore. Il discount viene indicato da una quota praticamente nulla (0,1%) dei rispondenti a comprova dell importanza attribuita al prodotto ittico e, dunque, la scarsa rilevanza del fattore prezzo. Luoghi di acquisto Mercato 41,3% Discount 0,1% Supermarket 5,5% Pescatore 30,5% Altro 0,8% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 17

18 Ai rispondenti che hanno dichiarato di non acquistare prodotti ittici dal pescatore è stato successivamente chiesto se preferirebbero farlo: il 60% ha dato risposta affermativa, mentre il 18% ha mostrato una posizione neutrale. Acquisterebbe dal pescatore? 60% SI 22% NO 18% INDIFFERENTE A questo 78% che ha mostrato una posizione positiva o neutrale, è stato anche chiesto quali fossero le modalità di acquisto che potessero spingere ad acquistare direttamente dal pescatore. I risultati sono in linea con quelli ottenuti circa i luoghi di acquisto. Modalità di acquisto diretto dal pescatore 44,7% Pescheria In porto 8,3% 44% Frequenza consumo extradomestico 48,1% Mai Servizio a domicilio Messaggistica 2,6% 0,5% Vendita online 26,1% 22,1% 3,7% Spesso Raramente A volte 18 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

19 Quando è stato chiesto quali fossero i motivi di tale limitato consumo, le risposte si sono concentrate su una scarsa disposizione, in generale, a consumare pasti fuori casa. Motivi assenza di consumo extradomestico Incapacità valutazione materia prima 27% Prezzo Altro 5% 55% 13% Non si consumano pasti fuori casa Ai rispondenti che, invece, hanno dichiarato di consumare, almeno raramente, prodotti ittici fuori casa è stato chiesto quali fossero i luoghi che prediligevano: più della metà delle risposte converge sui ristoranti misti ed il 32% sui ristoranti specializzati nella cucina dei prodotti ittici. Nella categoria altro rientrano le friggitorie ed i ristoranti giapponesi (sushi bar). Luoghi di consumo extradomestico 9% Ristoranti misti 55% 4% 32% Ristoranti specializzati Trattorie ed osterie Altro Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 19

20 Ai rispondenti che hanno dichiarato di consumare prodotti ittici fuori casa è stato anche chiesto di esprimere un punteggio compreso tra 1 (minima importanza) e 10 (massima importanza) ad ipotetici fattori determinanti per la scelta del luogo di consumo del pesce fuori casa. La maggior parte dei rispondenti ha considerato di estrema importanza la qualità della materia prima e le informazioni circa la provenienza e la freschezza delle stesse. Fattori determinanti la scelta del luogo di consumo extra-domestico 7,47% Vicinanza domicilio 9,27% Qualità della materia prima 8,51% Prezzo 9,18% Disponibilità di info circa provenienza,freschezza, ecc... 8,87% Conoscenza del posto Chi è il consumatore locale 8,97% Specializzazione della ristorazione Alla luce dei risultati ottenuti, abbiamo cercato di delineare un profilo del consumatore locale dell area GAC di prodotti ittici. Innanzitutto, emerge una chiara predilezione per il pesce fresco, rispetto ai prodotti trasformati e congelati. Il consumatore attribuisce al prodotto ittico fresco maggior sapore e contenuto nutritivo rispetto ai prodotti trasformati e congelati, verso i quali nutre anche diffidenza per la qualità delle materie prime, la provenienza e le modalità e i tempi dei processi di trasformazione e di decongelamento. Ancora, a livello emotivo, il fresco ha un fascino particolare, che rende gratificante l atto dell acquisto e del consumo, in quanto nell area del GAC si ha una vera e propria cultura del pesce fresco. Sull altro piatto della bilancia figurano alcune barriere che però non sono in grado di contrastare le valenze positive: minori garanzie in termini di sicurezza sanitaria (dovute alla mancanza di informazioni), maggiore difficoltà di preparazione (sia nel pulirlo che nel cucinarlo) e, soprattutto, l elevato prezzo di acquisto. I consumatori dell area GAC, pur riconoscendo la garanzia di igiene e di controllo, attribuiscono agli ipermercati e ai supermercati una sensazione di freddezza e sterilità; diverso è il contesto percettivo che caratterizza il mercato rionale o la pescheria, al quale si associa una maggiore qualità e freschezza del prodotto venduto dal dettagliante o dal pescatore, oltre ad elementi emotivi, come l abitudine, la conoscenza e fiducia del venditore. Inoltre il consumatore dell area GAC è ben disposto, qualora non lo facesse, ad acquistare prodotti ittici direttamente dal pescatore, preferibilmente in una pescheria o in banchina. 20 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

21 Oltre al tema delle preferenze e modalità di acquisto del consumatore, si è cercato di analizzare l importanza di determinati elementi che possano incentivare maggiormente il consumo di prodotti ittici. Gli elementi in assoluto ritenuti determinanti sono le informazioni relative alla provenienza, alla specie ittica, sul metodo di produzione (allevato o pescato) e sulle qualità nutrizionali, e la loro assenza genera una certa diffidenza. Immediatamente alle spalle si posiziona il prezzo. In complesso, tutte queste informazioni sono molto importanti al momento dell acquisto, ma non sempre sono presenti in modo corretto e preciso. Traendo, per così dire, le somme di questo primo sotto capitolo, si delinea un profilo del consumatore locale dell area GAC così tipizzato: consuma assiduamente prodotti ittici, in particolare fresco; consuma prodotti ittici almeno 2 volte a settimana; spende mediamente al mese tra i 50 e i 100 euro per l acquisto di prodotti ittici; predilige prodotti freschi, di alta qualità e di certa provenienza; effettua la maggior parte dei suoi acquisti presso negozi di piccole dimensioni (mercati rionali, pescherie); è ben disposto, qualora non lo facesse, ad acquistare prodotti ittici direttamente dal pescatore, preferibilmente in una pescheria o in banchina; pretende informazioni sul pescato. 21 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

22 1.2 IL GRADO DI INTERESSE PER LE ATTIVITÀ DI PESCA DIVERSIFICATE Dall analisi dei dati della sezione otto del questionario è stato possibile determinare il grado di conoscenza e l eventuale interesse verso le attività di pesca diversificate. Le attività di pesca diversificate consistono principalmente nel pescaturismo e ittiturismo. Il Pescaturismo consiste in un attività integrativa alla pesca professionale che offre la possibilità agli operatori del settore di ospitare a bordo delle proprie imbarcazioni un certo numero di persone diverse dall equipaggio per lo svolgimento di attività turistico-ricreative, quali: l osservazione dello svolgimento delle diverse attività di bordo, in navigazione, e delle attività di pesca con i sistemi e gli attrezzi autorizzati dalla licenza di pesca dell imbarcazione; lo svolgimento della pratica di pesca sportiva mediante l impiego degli attrezzi da pesca; lo svolgimento di attività finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione del mestiere di pescatore, dell ambiente costiero e delle lagune costiere; le escursioni lungo la costa e le città di mare; lo svolgimento di attività finalizzate a promuovere la cultura del territorio, del mare e della pesca; l attività di somministrazione di alimenti e bevande, ivi compresa la ristorazione a bordo finalizzata alla conoscenza dei prodotti della pesca locale e alla loro valorizzazione, anche con la riscoperta di antiche ricette regionali e della cucina del pescatore; la ospitalità a bordo. Pescaturismo è quindi accoglienza, racconto dell esperienza quotidiana di vita con il mare, introduzione alle antiche tecniche di pesca sostenibile, illustrazione dell ambiente e della vita marina, degustazione del cibo della tradizione, escursione della costa, e molto altro tutto offerto con cordialità, passione, competenza e qualità. Il Pescaturismo racconta e fa vivere un mestiere, quello della pesca, antico quanto l uomo e ricco di fatiche, emozioni ed esperienze. L Ittiturismo consiste in attività di ospitalità ricreative, didattiche, culturali e di servizi finalizzate alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici delle risorse della pesca e alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali delle imprese ittiche esercitate da imprenditori, singoli o associati, attraverso l utilizzo della propria abitazione o di struttura nella disponibilità dell imprenditore stesso.

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00 SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1 Scienze Forestali e Ambientali I liv. - 3 anno - dal 30 settembre al 04 ottobre 2013 Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 Aula 9 Aula

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA AVVISO DI SELEZIONE DI COMUNI PARTNERS PER L ATTUAZIONE DELL AZIONE 1 AVVISO Il Gal Isc

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione

Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione Indagine sulla percezione dei consumatori rispetto alla contraffazione 1 Premessa La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico ha realizzato, tra

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli