UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA IL CONSUMO DEI PRODOTTI ITTICI NEI TERRITORI DI BISCEGLIE, MOLFETTA E GIOVINAZZO

2

3 IL GRUPPO DI AZIONE COSTIERA TERRE DI MARE IL PROGETTO CONSU.MARE L INDAGINE DI MERCATO METODOLOGIA UTILIZZATA I RISULTATI IL PROFILO DEL CONSUMATORE LOCALE IL GRADO DI INTERESSE PER LE ATTIVITÁ DI PESCA DIVERSIFICATE pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 22

4 Il Gruppo di Azione Costiera Terre di Mare Il GAC Terre di Mare è una società consortile a responsabilità limitata composta da soggetti pubblici e privati rappresentativi del tessuto socio economico del territorio, portatori di interessi comuni della fascia costiera dei Comuni di Molfetta, Bisceglie e Giovinazzo, che ha come finalità lo sviluppo sostenibile della zona di pesca, attraverso la concessione di finanziamenti nel territorio di competenza. Il GAC Terre di Mare è riconosciuto dall Unione Europea, dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dalla Regione Puglia con l iniziativa comunitaria Sviluppo sostenibile delle zone di pesca - ASSE IV art del Regolamento (CE) n. 1198/2006 Fondo Europeo per la pesca (FEP) Il GAC Terre di Mare ha redatto e delineato, utilizzando il c.d. approccio bottom up (coinvolgimento dal basso verso l alto), il Piano di Sviluppo Costiero (PSC). Tale approccio ha l enorme vantaggio di avvicinare i processi decisionali al territorio, consente di comprendere meglio i problemi e le aspirazioni della propria comunità, con un attivo e continuo coinvolgimento degli enti locali, degli operatori economici e sociali e dei cittadini della zona. Attraverso l attuazione del Piano di Sviluppo Costiero (PSC), finanziato a valere sull Asse IV del P.O. F.E.P , il GAC finanzia azioni in materia di sviluppo sostenibile e miglioramento della qualità di vita nelle zone di pesca, ammissibili nel quadro di una strategia globale di sostegno all attuazione degli obiettivi della politica comune della pesca, tenendo conto, in particolare, delle implicazioni socioeconomiche. Il GAC, pertanto, favorisce l implementazione di una strategia locale, finalizzata alla realizzazione di un sistema di sviluppo locale che sia integrato e basato sulle risorse locali, in grado di valorizzarne le potenzialità produttive, le tipicità e le risorse locali, attraverso il consolidamento dell assetto politico-economico-sociale esistente, per la crescita del sistema locale e la partecipazione di tutti gli attori ai processi decisionali. Il Progetto CONSU.MARE Il settore ittico dell area del GAC Terre di Mare è caratterizzato, ormai da diversi anni, da una flessione delle produzioni e del valore prodotto. La progressiva ed inarrestabile perdita di redditività, per gli operatori delle imprese di pesca, caratterizza particolarmente la nostra area per i noti ritardi nel recupero di efficienza dei processi di smercio ed è ulteriormente aggravata dalla difficoltà di adeguare i prezzi dei prodotti ittici all incremento dei costi (forte rincaro del prezzo del gasolio e dei costi di produzione in generale). Alla sensibile riduzione registrata dalle catture, frutto di una condizione di sofferenza delle risorse e della conseguente politica di riduzione dello sforzo di pesca, non ha fatto riscontro un proporzionale incremento dei prezzi spuntati, a causa di una perdurante congiuntura economica negativa che ha determinato una restrizione generale dei consumi e della difficoltà dei percorsi di commercializzazione e valorizzazione; il risultato evidente è che, in media, il valore dei prodotti sbarcati ha raggiunto il livello più basso dal 2005 e le imprese quindi stentano sempre di più a trovare redditività adeguata nell attività di pesca. A prescindere dalle pesanti conseguenze dei ritardi strutturali e della scarsa trasparenza dei processi di smercio non può non considerarsi che la stessa distribuzione del valore prodotto tra le diverse fasi della filiera ittica (fornitori di mezzi tecnici, fase di cattura, commercializzazione grossista, distribuzione, ristorazione, trasformazione ) è notoriamente poco favorevole ai pescatori, che, soprattutto dove non si realizzano processi virtuosi di governo e/o di 4 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

5 integrazione, riescono ad incamerare una parte molto modesta del valore aggiunto del prodotto della pesca e del ricavo complessivo. Inoltre, la globalizzazione del mercato dei prodotti della pesca e le crescenti esigenze dei consumatori in materia di informazione, qualità e sicurezza, impongono agli operatori del settore della pesca nuove strategie in termini di commercializzazione dei prodotti ittici. Da diversi anni, ormai, sono in atto cambiamenti importanti per quanto concerne il mercato dei prodotti della pesca, in particolare, nelle abitudini e nelle crescenti esigenze dei consumatori. Si è infatti assistito ad una crescente diversificazione dei servizi richiesti per il consumo di pesce, cui ha fatto riscontro un settore ittico locale caratterizzato da una produzione non sempre in grado di cogliere e soddisfare le nuove esigenze e abitudini alimentari dei consumatori. Benché numerose indagini sul consumo dei prodotti ittici sono state effettuate negli anni precedenti, vi è da considerare che il consumo di prodotti ittici presenta una serie di caratterizzazioni e peculiarità che determinano aspetti assolutamente diversi nell ambito delle diverse realtà locali, contraddistinte da fenomeni e costumi diversificati nella pratica del consumo e della pesca. Oltre all aspetto tradizionalistico, le abitudini di acquisto dei consumatori dipendono altresì da diversi fattori esogeni, quali ad esempio gli stili di vita sociale e lavorativi, abitudini alimentari o il tenore economico delle famiglie. Sulla base di tali considerazioni e, a seguito dei diversi incontri di animazione sul territorio del GAC Terre di Mare, si è ritenuto utile e necessario realizzare indagini di mercato per individuare e comprendere meglio le esigenze, preferenze ed aspettative dei consumatori locali rispetto ai prodotti della pesca. La realizzazione dell azione indagini di mercato sul consumo del prodotto ittico nella realtà locale è quindi finalizzata a rendere manifeste le tendenze di consumo in atto, le esigenze, le preferenze e i comportamenti del consumatore riguardo ad aspetti qualitativi, nutrizionali e di preparazione del prodotto ittico, sottolineando la propensione all acquisto, le modalità di acquisto, i servizi richiesti per l acquisto e/o una disponibilità a pagare un premium price per prodotti con particolari caratteristiche e trattamenti. L indagine di mercato metodologia utilizzata # Finalità dell indagine L indagine è finalizzata a: individuare le caratteristiche del consumatore locale dell area GAC (Comuni di Bisceglie, Giovinazzo e Molfetta), espresse in termini di preferenze, comportamenti e percezioni in merito ai prodotti della pesca e dell acquacoltura; far emergere il grado d interesse (riscontrato e potenziale)di tali consumatori per le attività di pesca diversificate, quali pescaturismo e ittiturismo. # Strumenti L indagine di mercato sul consumo locale dei prodotti ittici è stata realizzata dalla Società IZI S.p.A. Per la realizzazione materiale dell indagine sono state utilizzate idonee metodologie e tecniche di rilevazione, archiviazione ed elaborazione dei dati già efficacemente testate in analoghe ricerche svolte in altri ambiti territoriali. L indagine è stata effettuata con il metodo CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) su un campione casuale di famiglie residenti nei Comuni di Bisceglie, Giovinazzo e Molfetta. Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 5

6 Il campione è stato stratificato in funzione di due variabili: il comune di residenza e l ampiezza del nucleo familiare. L estrazione casuale dei potenziali intervistati è stata eseguita sulla base degli elenchi telefonici comunali. Tutte le interviste sono state realizzate da personale qualificato e specificatamente formato. Gli intervistatori sono stati selezionati all interno del network di IZI, che è certificato a norma UNI ENI ISO 9001:2008. # Questionario Il questionario si compone di otto sezioni, cui vanno aggiunte le parti dedicate alla raccolta delle informazioni sulla famiglia e sulle caratteristiche socio-demografiche dell intervistato. In sintesi, il questionario è articolato in dieci sezioni: Nella sezione introduttiva, si rilevano le caratteristiche del nucleo familiare ed, in particolare, l eventuale presenza di bambini o ragazzi, che potrebbe essere, verosimilmente, un elemento in grado di influenzare il consumo di generi alimentari. La prima sezione è dedicata alla rilevazione del grado di penetrazione e alla determinazione della frequenza di consumo dei prodotti ittici. La seconda e la terza sezione sono finalizzate a raccogliere informazioni in merito alle tipologie di prodotti ittici consumate e al tipo di esercizio commerciale in cui si effettuano tali acquisti. La quarta parte s incentra sugli elementi che influenzano il consumo di pesce. La quinta accoglie le domande finalizzate ad indagare la scelta dei luoghi di consumo extra-domestico. Nella sezione successiva, la sesta, si chiede di quantificare economicamente il budget destinato agli acquisti di generi alimentari ed, in particolare, di prodotti ittici. Nella settima sezione s indagano gli elementi che potrebbero incentivare il consumo domestico di pesce. Nell ottava sezione si sondano la conoscenza e le opinioni delle famiglie in merito alle attività di pescaturismo e ittiturismo. Infine, il questionario termina con una breve sezione anagrafica, inserita al fine di profilare l intervistato. # Piano di campionamento La popolazione di riferimento è costituita dalle famiglie residenti nei Comuni di Giovinazzo, Molfetta e Bisceglie. In base ai dati ISTAT, tale universo ammonta a oltre 50mila unità. Poco meno della metà sono residenti a Molfetta (45,7%), oltre un terzo a Bisceglie (38,8%), mentre il restante 15,5% a Giovinazzo. Nelle tabelle che seguono si illustra la composizione dell universo in valori assoluti ed in percentuale. 6 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

7 Il piano di campionamento adottato è di tipo stratificato. La prima variabile di stratificazione è costituita dal Comune di residenza (tre modalità). La seconda variabile di stratificazione è costituita, invece, dal numero di componenti della famiglia. In fase ex ante, si è ritenuto che questa variabile potesse influenzare in modo rilevante il consumo alimentare delle famiglie. Tale variabile presenta sei modalità: le famiglie sono state accorpate a partire dal sesto componente. La numerosità campionaria ammonta a famiglie. L allocazione interna a ciascuno strato è stata di tipo proporzionale. Il campione intervistato è illustrato nella tabella seguente. Si noti che 207 rispondenti hanno dichiarato di non consumare pesce. I Risultati Il capitolo è dedicato all analisi dei principali risultati della ricerca. L ordine di presentazione degli argomenti riflette fedelmente gli obiettivi dell indagine: Delineamento del profilo del consumatore locale: CHI? QUANTO? COSA? DOVE? Individuazione del grado di interesse per le attività di pescaturismo e ittiturismo. L elemento centrale delle elaborazioni è costituito dalle frequenze semplici di tutte le variabili del questionario (analisi univariata). Laddove si è ritenuto esistere una correlazione significativa, tali variabili sono state anche incrociate con le variabili demografiche (analisi multivariata). Tutti i dati sono stati ponderati al fine di riportare le stime campionarie al totale della popolazione di riferimento. I risultati delle elaborazioni sono stati rappresentati tramite grafici a barre, grafici a torta e i principali indici di posizionamento e dispersione. 1.1 IL PROFILO DEL CONSUMATORE LOCALE # CHI? La profilazione anagrafica degli intervistati mostra una predominanza del genere femminile le donne ammontano a più di tre quarti del campione e di un età piuttosto avanzata. Quanti anni ha? meno di 30 anni tra 31 e 50 anni 23% 77% 3% 21% tra 51 e 70 anni 47% più di 70 29% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 7

8 Sul fronte del titolo di studio, l opzione più segnalata è il diploma di scuola media superiore, mentre l indagine della condizione professionale rileva una predominanza delle casalinghe. Che titolo di studi hanno gli intervistati? 1,5% Nessuno 25,6% 36,8% Licenza Media Inferiore Diploma di Scuola Media Superiore 23,6% Licenza Elementare 12,6% Laurea 1% Post Laurea Il campione risulta parzialmente sbilanciato verso il genere femminile, l età avanzata e la condizione professionale di tipo casalinga in quanto, trattandosi di un indagine sui consumi, sono stati intervistati, ove possibile, i responsabili degli acquisti presenti in casa durante l arco della giornata. 8 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

9 41% Casalinga 31% Pensionato ritirato dal lavoro Inabile al laboro 24% Occupato 2% Disoccupato in cerca di prima occupazione 2% Studente 1% Altro Condizione professionale Nella sezione introduttiva del questionario è stato chiesto agli intervistati di fornire alcune informazioni circa numerosità e composizione del nucleo familiare. Il nucleo familiare medio residente nei Comuni oggetto di indagine è costituito da meno di tre persone ed è composto in larga parte da soli adulti. La maggioranza dei nuclei familiari dichiara di essere assidua consumatrice di pesce: le famiglie dove il consumo di pesce è totalmente assente si attestano solo all 11%. Più di tre quarti degli intervistati, invece, afferma che il consumo di pesce riguarda la totalità della propria famiglia Distribuzione delle famiglie in base al consumo di prodotti ittici 76% 13% 11% Tutti consumano prodotti ittici Solo una parte consuma prodotti ittici Nessuno consuma prodotti ittici Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 9

10 Incrociando i dati sul consumo di prodotti ittici con la composizione del nucleo familiare, è emerso che la percentuale di non-consumatori più alta si trova nelle famiglie monocomponente. Frequenza di non consumatori per ampiezza del nucleo familiare ,96% 9,13% 5,01% 4,70% 8,03% In ultima analisi, la distribuzione territoriale della percentuale di non-consumatori sul totale dei residenti è sostanzialmente costante in tutti e tre i Comuni considerati: si passa dall 8% del Comune di Giovinazzo, all 11% dei Comuni di Bisceglie e Molfetta. # QUANTO? Anche dall analisi delle frequenze di consumo emerge con chiarezza la larga diffusione del consumo di prodotti ittici nei Comuni presidiati dal GAC Terre di Mare: l 87% delle famiglie consuma pesce almeno una volta alla settimana. Frequenza del consumo delle famiglie LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA 53% 34% 13% 2 o più volte a settimana 1 volta a settimana più raramente 10 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

11 Indagando quali potrebbero essere i fattori su cui far leva per aumentare tali frequenze di consumo c.d. elementi incentivanti emerge come poco meno di un consumatore su quattro (24,3%) dichiari che non aumenterebbe in nessun caso il consumo di prodotti ittici. Fra coloro che, invece, sarebbero disposti a consumare una maggior quantità di pesce, la disponibilità di garanzie circa la provenienza è l elemento più segnalato (16,2%). Elementi incentivanti il consumo di prodotti ittici Nessun aumento 24,3% Garanzie sulla provenienza 16,2% Info sulle qualità nutrizionali Prezzo 15,6% 15% Bollino di qualità 12% Acquisto dal pescatore 7,9% PESCATORE Pronto per la cottura 4,9% Sostenibilità e legalità della pesca 4,1% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 11

12 Gli elementi discriminanti il consumo di prodotti ittici si configurano, da un lato, come elementi di scelta del rivenditore e, dall altro, come elementi di scelta del prodotto da acquistare. Dal lato rivenditore, è stato chiesto di indicare quali fossero i fattori più importanti a guidarne la scelta; la domanda offriva la possibilità di indicare più opzioni di risposta e quasi tutti i rispondenti ne hanno indicate due. Fatto 100 il totale delle opzioni segnalate dagli intervistati, più di un terzo delle risposte riguarda la fiducia nel rivenditore ed un ulteriore terzo la qualità del prodotto venduto. La prossimità del luogo di vendita, di contro, è l opzione meno segnalata. Tale ultima considerazione suggerisce un altra caratteristica del consumatore medio dell area GAC: il prodotto ittico riveste una certa importanza e, quindi, si giudicano poco rilevanti elementi come la vicinanza del venditore o il prezzo praticato. Fattori determinanti la scelta del venditore 37,90% Fiducia nel venditore 0,3% Altro 7,2% Prossimità del venditore 34,50% Qualità del prodotto venduto 12,7% Prezzo 7,4% Qualità del servizio offerto 12 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

13 Sul lato prodotto, a ciascun rispondente è stata data la possibilità di esprimere un punteggio compreso tra 1 (minima importanza) e 10 (massima importanza) ad ogni fattore di scelta. Rispetto alla situazione delineatasi per i fattori di scelta del venditore, si osserva una variabilità molto inferiore: quasi tutti i fattori vengono giudicati importanti in egual misura, eccezion fatta per la lunghezza dei tempi di cottura e di preparazione. Voto medio fattori determinanti la scelta del prodotto Gusto personale 9,3% Salubrità e proprietà nutrizionali 9,2% Caratteristiche esteriori 9,2% Produzione locale Origine italiana 9,4% 9,4% Prezzo 8,7% Lunghezza dei tempi di cottura/preparazione 7,5% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 13

14 Infine, è stato chiesto agli intervistati di quantificare economicamente la spesa in prodotti ittici. Questa risulta essere una domanda sensibile, infatti, come prevedibile, circa un intervistato su quattro ha scelto di non rispondere. Tra coloro che, invece, si sono resi disponibili a rispondere, prevale una spesa media mensile compresa tra i 51 e i 100 euro, con un valor medio puntuale di 93 euro e una mediana pari ad 80 euro. Spesa mensile in prodotti ittici 35% 33% 20% 8% Tra 51 e 100 Tra 21 e 50 Tra 101 e 200 Meno di 20 4% Più di 200 # COSA? I prodotti più consumati dalla popolazione di riferimento sono i merluzzi, le spigole, le orate, il pesce azzurro ed i molluschi. Al contrario, gli astici e le aragoste sono i prodotti meno acquistati, verosimilmente, a causa del prezzo più elevato. Prodotti ittici consumati 13,5% 13,1% 12,7% 12,4% 10,8% 8,9% 6,7% 5,5% 5,1% 4,1% 2,4% 1,7% 1,4% 0,6% 1,1% Merluzzo Spigola Orata Pesce azzurro Seppia Polpo Calamaro Totano Gambero Scampo Cicala.. Triglia Frutti di mare Zanchetta Sogliola Rana pescatrice Gallinella Dentice Rombo Pesce Spada Tonno fresco Astice Aragosta Altro 14 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

15 Sul lato delle tipologie di prodotti ittici consumati, è stato chiesto agli intervistati di indicare quali fossero le loro preferenze, dando anche più di una risposta. Tenendo conto delle località di residenza della popolazione di riferimento, non sorprende affatto l emersione di una larga preferenza verso prodotti freschi, rispetto ai prodotti congelati e trasformati 1 : il 95% dei consumatori acquista pesce fresco. Si tenga conto che la quota relativamente bassa di crostacei freschi è giustificata dal fatto che molti degli intervistati li imputano inconsciamente alla categoria del pesce fresco. Tipologia di prodotto consumato 32,5% 94,7% 55,7% Prodotto trasformato 46,3% Crostacei freschi Prodotto congelato Pesce fresco 1 Con la dicitura prodotti congelati/surgelati si intendono tutti quei prodotti che hanno subito solo un processo di abbattimento della temperatura prima della vendita. Con la dicitura prodotti trasformati/pronti/precucinati si intendono, invece, quei prodotti che sono stati elaborati in vario modo prima di giungere al consumatore (bastoncini di pesce fritto, prodotti precucinati, tonno in scatola, salmone affumicato, etc.). Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 15

16 A quei pochi intervistati a cui sono state chieste le motivazioni per le quali non consumano prodotti ittici freschi emergono il prezzo elevato, le difficoltà a riconoscere il prodotto fresco e la scarsa propensione nel pulire e cucinare il pesce. Perchèènon consuma prodotti freschi? 3% 7% 14% 21% 21% 17% Non so riconoscere il prodotto Si deteriora in fretta Hanno un prezzo troppo elevato Altro Rimane a lungo l odore Non mi piace pulire il pesce 17% Non so cucinarli Quando sono state indagate le motivazioni per le quali i prodotti congelati non venissero consumati sono state addotte essenzialmente motivazioni riguardanti il gusto. Perchèènon consuma prodotti congelati? 30% Non piacciono a tutti 23,7% 19,1% 18,4% 7,1% 1,6% Perdono il gusto naturale Dubbi sulla qualità delle materie prime Altro Hanno un valore nutrizionale inferiore Hanno un prezzo troppo elevato 16 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

17 I prodotti trasformati, invece, non incontrano il favore dei consumatori a causa di motivazioni legate prevalentemente alla qualità delle materie prime e del processo di trasformazione. Perchè non consuma prodotti trasformati? 40,5% Dubbi sulla qualità delle materie prime 23,8% 19,7% 9,7% 6,3% Dubbi sulla correttezza del processo di trasformazione Altro Non trovo in commercio i prodotti che vorrei Hanno un prezzo troppo elevato Rispetto all ipotesi per la quale l acquisto di prodotti trasformati potesse essere correlato con la presenza di bambini e ragazzi o al numero di membri del nucleo familiare, i dati smentiscono tale ipotesi. Non c è alcuna correlazione significativa tra la tipologia di pesce consumato ed il numero o l età dei componenti del nucleo familiare. # DOVE? Per ciò che attiene ai luoghi di acquisto dei prodotti ittici, la quasi totalità del campione (93%) dichiara di non avvalersi della GDO, prevale infatti una generale vicinanza del produttore al consumatore. Il discount viene indicato da una quota praticamente nulla (0,1%) dei rispondenti a comprova dell importanza attribuita al prodotto ittico e, dunque, la scarsa rilevanza del fattore prezzo. Luoghi di acquisto Mercato 41,3% Discount 0,1% Supermarket 5,5% Pescatore 30,5% Altro 0,8% Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 17

18 Ai rispondenti che hanno dichiarato di non acquistare prodotti ittici dal pescatore è stato successivamente chiesto se preferirebbero farlo: il 60% ha dato risposta affermativa, mentre il 18% ha mostrato una posizione neutrale. Acquisterebbe dal pescatore? 60% SI 22% NO 18% INDIFFERENTE A questo 78% che ha mostrato una posizione positiva o neutrale, è stato anche chiesto quali fossero le modalità di acquisto che potessero spingere ad acquistare direttamente dal pescatore. I risultati sono in linea con quelli ottenuti circa i luoghi di acquisto. Modalità di acquisto diretto dal pescatore 44,7% Pescheria In porto 8,3% 44% Frequenza consumo extradomestico 48,1% Mai Servizio a domicilio Messaggistica 2,6% 0,5% Vendita online 26,1% 22,1% 3,7% Spesso Raramente A volte 18 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

19 Quando è stato chiesto quali fossero i motivi di tale limitato consumo, le risposte si sono concentrate su una scarsa disposizione, in generale, a consumare pasti fuori casa. Motivi assenza di consumo extradomestico Incapacità valutazione materia prima 27% Prezzo Altro 5% 55% 13% Non si consumano pasti fuori casa Ai rispondenti che, invece, hanno dichiarato di consumare, almeno raramente, prodotti ittici fuori casa è stato chiesto quali fossero i luoghi che prediligevano: più della metà delle risposte converge sui ristoranti misti ed il 32% sui ristoranti specializzati nella cucina dei prodotti ittici. Nella categoria altro rientrano le friggitorie ed i ristoranti giapponesi (sushi bar). Luoghi di consumo extradomestico 9% Ristoranti misti 55% 4% 32% Ristoranti specializzati Trattorie ed osterie Altro Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A 19

20 Ai rispondenti che hanno dichiarato di consumare prodotti ittici fuori casa è stato anche chiesto di esprimere un punteggio compreso tra 1 (minima importanza) e 10 (massima importanza) ad ipotetici fattori determinanti per la scelta del luogo di consumo del pesce fuori casa. La maggior parte dei rispondenti ha considerato di estrema importanza la qualità della materia prima e le informazioni circa la provenienza e la freschezza delle stesse. Fattori determinanti la scelta del luogo di consumo extra-domestico 7,47% Vicinanza domicilio 9,27% Qualità della materia prima 8,51% Prezzo 9,18% Disponibilità di info circa provenienza,freschezza, ecc... 8,87% Conoscenza del posto Chi è il consumatore locale 8,97% Specializzazione della ristorazione Alla luce dei risultati ottenuti, abbiamo cercato di delineare un profilo del consumatore locale dell area GAC di prodotti ittici. Innanzitutto, emerge una chiara predilezione per il pesce fresco, rispetto ai prodotti trasformati e congelati. Il consumatore attribuisce al prodotto ittico fresco maggior sapore e contenuto nutritivo rispetto ai prodotti trasformati e congelati, verso i quali nutre anche diffidenza per la qualità delle materie prime, la provenienza e le modalità e i tempi dei processi di trasformazione e di decongelamento. Ancora, a livello emotivo, il fresco ha un fascino particolare, che rende gratificante l atto dell acquisto e del consumo, in quanto nell area del GAC si ha una vera e propria cultura del pesce fresco. Sull altro piatto della bilancia figurano alcune barriere che però non sono in grado di contrastare le valenze positive: minori garanzie in termini di sicurezza sanitaria (dovute alla mancanza di informazioni), maggiore difficoltà di preparazione (sia nel pulirlo che nel cucinarlo) e, soprattutto, l elevato prezzo di acquisto. I consumatori dell area GAC, pur riconoscendo la garanzia di igiene e di controllo, attribuiscono agli ipermercati e ai supermercati una sensazione di freddezza e sterilità; diverso è il contesto percettivo che caratterizza il mercato rionale o la pescheria, al quale si associa una maggiore qualità e freschezza del prodotto venduto dal dettagliante o dal pescatore, oltre ad elementi emotivi, come l abitudine, la conoscenza e fiducia del venditore. Inoltre il consumatore dell area GAC è ben disposto, qualora non lo facesse, ad acquistare prodotti ittici direttamente dal pescatore, preferibilmente in una pescheria o in banchina. 20 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

21 Oltre al tema delle preferenze e modalità di acquisto del consumatore, si è cercato di analizzare l importanza di determinati elementi che possano incentivare maggiormente il consumo di prodotti ittici. Gli elementi in assoluto ritenuti determinanti sono le informazioni relative alla provenienza, alla specie ittica, sul metodo di produzione (allevato o pescato) e sulle qualità nutrizionali, e la loro assenza genera una certa diffidenza. Immediatamente alle spalle si posiziona il prezzo. In complesso, tutte queste informazioni sono molto importanti al momento dell acquisto, ma non sempre sono presenti in modo corretto e preciso. Traendo, per così dire, le somme di questo primo sotto capitolo, si delinea un profilo del consumatore locale dell area GAC così tipizzato: consuma assiduamente prodotti ittici, in particolare fresco; consuma prodotti ittici almeno 2 volte a settimana; spende mediamente al mese tra i 50 e i 100 euro per l acquisto di prodotti ittici; predilige prodotti freschi, di alta qualità e di certa provenienza; effettua la maggior parte dei suoi acquisti presso negozi di piccole dimensioni (mercati rionali, pescherie); è ben disposto, qualora non lo facesse, ad acquistare prodotti ittici direttamente dal pescatore, preferibilmente in una pescheria o in banchina; pretende informazioni sul pescato. 21 Progetto INDAGINE DI MERCATO SUL CONSUMO LOCALE DEI PRODOTTI ITTICI - CONSU.MARE - PSC GAC Terre di Mare - Misura 4 - Azione 4.1.A

22 1.2 IL GRADO DI INTERESSE PER LE ATTIVITÀ DI PESCA DIVERSIFICATE Dall analisi dei dati della sezione otto del questionario è stato possibile determinare il grado di conoscenza e l eventuale interesse verso le attività di pesca diversificate. Le attività di pesca diversificate consistono principalmente nel pescaturismo e ittiturismo. Il Pescaturismo consiste in un attività integrativa alla pesca professionale che offre la possibilità agli operatori del settore di ospitare a bordo delle proprie imbarcazioni un certo numero di persone diverse dall equipaggio per lo svolgimento di attività turistico-ricreative, quali: l osservazione dello svolgimento delle diverse attività di bordo, in navigazione, e delle attività di pesca con i sistemi e gli attrezzi autorizzati dalla licenza di pesca dell imbarcazione; lo svolgimento della pratica di pesca sportiva mediante l impiego degli attrezzi da pesca; lo svolgimento di attività finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione del mestiere di pescatore, dell ambiente costiero e delle lagune costiere; le escursioni lungo la costa e le città di mare; lo svolgimento di attività finalizzate a promuovere la cultura del territorio, del mare e della pesca; l attività di somministrazione di alimenti e bevande, ivi compresa la ristorazione a bordo finalizzata alla conoscenza dei prodotti della pesca locale e alla loro valorizzazione, anche con la riscoperta di antiche ricette regionali e della cucina del pescatore; la ospitalità a bordo. Pescaturismo è quindi accoglienza, racconto dell esperienza quotidiana di vita con il mare, introduzione alle antiche tecniche di pesca sostenibile, illustrazione dell ambiente e della vita marina, degustazione del cibo della tradizione, escursione della costa, e molto altro tutto offerto con cordialità, passione, competenza e qualità. Il Pescaturismo racconta e fa vivere un mestiere, quello della pesca, antico quanto l uomo e ricco di fatiche, emozioni ed esperienze. L Ittiturismo consiste in attività di ospitalità ricreative, didattiche, culturali e di servizi finalizzate alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici delle risorse della pesca e alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali delle imprese ittiche esercitate da imprenditori, singoli o associati, attraverso l utilizzo della propria abitazione o di struttura nella disponibilità dell imprenditore stesso.

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

La rete dei Gac Pugliesi

La rete dei Gac Pugliesi La rete dei Gac Pugliesi I Gruppi di Azione Costiera (GAC) nascono per l attuazione del cosiddetto Piano di Sviluppo Costiero (PSC), ovvero quell insieme di azioni, programmi e progetti finalizzati allo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Art. 3 Condizioni e modalità di partecipazione

Art. 3 Condizioni e modalità di partecipazione AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE A VIAGGIO DI STUDIO NEL SETTORE DELLO SVILUPPO LOCALE DELLE COMUNITA DI PESCA E ACQUACOLTURA: IL GRUPPO DI AZIONE COSTIERA DELLA VALLE DELL EBRO (SPAGNA) (approvato

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI FORMATIVI RILANCIO DELL OCCUPAZIONE NEL SETTORE ATTRAVERSO NUOVE PROFESSIONI DELLA PESCA NELL AMBITO DEL PROGETTO NUOVE ATTIVITÀ ECONOMICHE E COMPETENZE PROFESSIONALI

Dettagli

Consumi e condizioni economiche delle famiglie

Consumi e condizioni economiche delle famiglie Consumi e condizioni economiche delle famiglie La fonte informativa più rilevante per l analisi della spesa familiare per beni e servizi è l indagine sui consumi delle famiglie. L ampio dettaglio relativo

Dettagli

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting Il Pesce nella Rete 1 Un approccio organico 2 Considerando i rapporti tra Pesca e territorio Pesca e tradizione enogastronomica Pesca, pescatori e infrastrutture come elementi caratterizzanti di un paesaggio

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction Per realizzare in modo adeguato una qualunque indagine di customer satisfaction occorre, anzitutto, preparare la rilevazione:

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca

Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca Allegato C Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli interventi per la pesca ASSE IV SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura ATTUAZIONE ASSE 4 FEP 2007-2013 Mis. 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna GAC Nord Sardegna Az. 244. RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce

Dettagli

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 1 OBIETTIVO DELLA RICERCA L obiettivo principale è quello di indagare le opinioni, le attitudini e

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

Fonti e offerta di dati su famiglia, società e lavoro

Fonti e offerta di dati su famiglia, società e lavoro Fonti e offerta di dati su famiglia, società e lavoro Rita Maggian Mestre Venezia, 21 ottobre 2014 Indice Fonti di dati su famiglia e società Fonti di dati su lavoro Offerta di dati su famiglia, società

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Giugno 2015 (Dati cumulati cicli 3, 4 del 2014 e cicli 1, 2 del 2015) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13

LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13 10889 LEGGE REGIONALE 23 marzo 2015, n. 13 Disciplina del pescaturismo e dell ittiturismo. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: Art. 1 Finalità

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Caccia e Pesca Via Paolo Lembo, 38/F 70126 BARI Tel. 080/9179817 SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO Paese:

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA

LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA Osservatorio Commercio Osservatorio regionale del commercio N IT 231513 LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA ANALISI DELL ANDAMENTO DEI CONSUMI PRINCIPALI MUTAMENTI NELLE ABITUDINI

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie e individui

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare

Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano 6 Giugno 2015 tutela preoccupazioni impegno Waste Watcher - Knowledge

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 Roma, settembre 2015 1. CLIMA DI FIDUCIA, PREVISIONI PER IL FUTURO Per la prima volta, dall inizio della crisi economica,

Dettagli

I gusti musicali degli italiani e gli eventi musicali sostenibili

I gusti musicali degli italiani e gli eventi musicali sostenibili I gusti musicali degli italiani e gli eventi musicali sostenibili Indagine quantitativa presso la popolazione italiana Roma, 17 Maggio 2011 (Rif. 2403v311) L interesse per la musica 2 Italiani popolo di

Dettagli

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 Il Contesto Europeienordamericanisprecanoatestaall incircatrai95ei115kgdiciboall

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

L acqua a Milano: percezione e consumi

L acqua a Milano: percezione e consumi L acqua a Milano: percezione e consumi Indagine tra le famiglie milanesi, gli amministratori condominiali e le aziende con elevato consumo d acqua Milano, 21 marzo 2012 (Rif. 1708v411) Metodologia 2 ISPO

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro PROGETTO DI RICERCA Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro Certosa, Dicembre 2011 Il Comune di Certosa di Pavia ha manifestato la necessità di attivare una serie di indagini conoscitive all

Dettagli

OGM: informazione, opinione sulla ricerca scientifica e propensione all acquisto degli italiani Roma, 27 novembre 2012

OGM: informazione, opinione sulla ricerca scientifica e propensione all acquisto degli italiani Roma, 27 novembre 2012 OGM: informazione, opinione sulla ricerca scientifica e propensione all acquisto degli italiani Roma, 27 novembre 2012 (Rif. 2417v212) La conoscenza degli OGM 2 Intervistati divisi sulla conoscenza degli

Dettagli

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 PERCHÈ UNA RICERCA SULL E-COMMERCE? GLI OBIETTIVI DELL INDAGINE Perché gli utenti decidono di acquistare online? Che cosa acquistano? Attraverso quali canali?

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

Il commercio a CANOSSA

Il commercio a CANOSSA Il commercio a CANOSSA Indagine su un campione di residenti e di frequentatori dell area commerciale a cura di CAT Confesercenti Reggio Emilia e CAT Confesercenti Emilia-Romagna s.r.l. Dicembre 2008 Indice:

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA ITTITURISMO 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Cod.Fiscale Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

I ritardi scolastici a 11 e 13 anni

I ritardi scolastici a 11 e 13 anni I ritardi scolastici a 11 e 13 anni Comportamenti, abitudini e contesto scolasticofamiliare-territorialedegli studenti delle scuole secondarie inferiori con percorsi non regolari Ritardi scolastici: primo

Dettagli

I risultati dell indagine statistica

I risultati dell indagine statistica Riqualificazione del turismo sostenibile nel Delta del Po Ariano nel Polesine, 25 ottobre 2007 Percezioni, conoscenze e comportamenti per un turismo sostenibile nel Parco. I risultati dell indagine statistica

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Tema «Mangiare sano e veloce» Giugno 2009 Coop Thiersteinerallee 14 Casella postale

Dettagli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli Giugno 2010 Sistema Statistico nazionale Ufficio Comunale di Statistica Direzione Risorse Tecnologiche Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo

Dettagli

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo A cura del Centro Studi ALSPES 1 Struttura della presentazione Parte I Il quadro dell utenza dei servizi di refezione

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI L indagine sulla spesa delle famiglie piemontesi realizzata per il quinto anno consecutivo da Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte rientra tra le attività

Dettagli

La metodologia. L universo di riferimento del sondaggio è costituito dagli individui. residenti su tutto il territorio nazionale. di 18 anni ed oltre

La metodologia. L universo di riferimento del sondaggio è costituito dagli individui. residenti su tutto il territorio nazionale. di 18 anni ed oltre La metodologia L universo di riferimento del sondaggio è costituito dagli individui residenti su tutto il territorio nazionale di entrambi i sessi di 8 anni ed oltre appartenenti a qualsiasi condizione

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ

ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ ALLA RICERCA DELLA QUALITÀ E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE DOCUMENTO NON RIPRODUCIBILE INTEGRALMENTE L Italia è, anche agli occhi del mondo, il Paese del buon cibo, il regno dell eccellenza, testimoniata

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

IL PESCE A TAVOLA: PERCEZIONI E STILI DI CONSUMO DEGLI ITALIANI Maggio 2011

IL PESCE A TAVOLA: PERCEZIONI E STILI DI CONSUMO DEGLI ITALIANI Maggio 2011 Prodotti ittici IL PESCE A TAVOLA: PERCEZIONI E STILI DI CONSUMO DEGLI ITALIANI Maggio 2011 Preferenze e comportamento del consumatore, grado di informazione e conoscenza della normativa sull etichettatura

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo Roma 28 settembre 2012 (11128zv) agenda à metodo à clima di fiducia à andamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

Osservatorio Sentiment 2015: La percezione degli italiani sull andamento dei prezzi e sull evoluzione del proprio potere di acquisto

Osservatorio Sentiment 2015: La percezione degli italiani sull andamento dei prezzi e sull evoluzione del proprio potere di acquisto CERMES Centro di Ricerca su Marketing e Servizi Osservatorio Sentiment 2015: La percezione degli italiani sull andamento dei prezzi e sull evoluzione del proprio potere di acquisto Milano, marzo 2015 Conten

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

PILOT EUROPEAN REGIONAL INTERVENTIONS FOR SMART CHILDHOOD OBESITY PREVENTION IN EARLY AGE (PERISCOPE)

PILOT EUROPEAN REGIONAL INTERVENTIONS FOR SMART CHILDHOOD OBESITY PREVENTION IN EARLY AGE (PERISCOPE) This document arises from the project Periscope which has received funding from the European Union, in the framework of the Public Health Programme PILOT EUROPEAN REGIONAL INTERVENTIONS FOR SMART CHILDHOOD

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6. La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6. L efficacia dei flussi informativi 8

SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6. La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6. L efficacia dei flussi informativi 8 Indice SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6 La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6 L efficacia dei flussi informativi 8 La soddisfazione per il servizio di raccolta porta a porta

Dettagli

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Premessa La qualità delle relazioni tra i cittadini e la Polizia Municipale rappresenta un elemento di centrale interesse per il Corpo,

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa 1. Introduzione Come ogni anno Tecnoborsa torna a sondare il mercato dei

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Pag.1 di 9 FORMATIVI rivolta alla identificazione delle figure professionali da sviluppare nel settore ristorativo Data di redazione: 30/09/2014 Redatto da: Serenella Marani Approvato da D.G.: Andrea Marchetti

Dettagli

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4

Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico. Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Gruppo di Azione Costiera Distretto mare Adriatico Bandi per la presentazione delle domande FEP 2007-2013 Asse 4 Misura 1 Obiettivo specifico Mantenere la prosperità economica e sociale delle zone di pesca

Dettagli

Luca Romano Direttore Local Area Network. Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015

Luca Romano Direttore Local Area Network. Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015 Luca Romano Direttore Local Area Network Centro Congressi Abbazia di Praglia 26 settembre 2015 L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI 1/5 Durante l estate si è assistito al massiccio arrivo di profughi in Europa attraverso

Dettagli

Esito dei consumer test realizzati sul Tramezzino Light

Esito dei consumer test realizzati sul Tramezzino Light Esito dei consumer test realizzati sul Tramezzino Light L obiettivo del test è stato quello di valutare l apprezzamento dei consumatori verso una nuova tipologia di tramezzino (il tramezzino light), e

Dettagli

Pescaturismo e Ittiturismo stato dell arte, buone prassi e opportunità di sviluppo

Pescaturismo e Ittiturismo stato dell arte, buone prassi e opportunità di sviluppo Pescaturismo e Ittiturismo stato dell arte, buone prassi e opportunità di sviluppo Il comparto del Pescaturismo e dell Ittiturismo in Sardegna Alberto Pili, Roberto Sai Agenzia Laore, Servizio Risorse

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona FACCIAMO I CONTI! Relatore: Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona Elaborazione dati e testi: Valentina Mezzani Mara Sartori Elaborazione e stampa a cura di Federconsumatori Verona Per Credito

Dettagli

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA

OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONE: EVIDENZE DALL INDAGINE ISFOL SULLA MOBILITÀ GEOGRAFICA DEI DOTTORI DI RICERCA Investire in istruzione In letteratura è stato ampiamente dimostrato che le persone che effettuano

Dettagli

LE BOTTEGHE: la voce dei clienti

LE BOTTEGHE: la voce dei clienti per LE BOTTEGHE: la voce dei clienti Marzo 2013 Profilo anagrafico dei frequentatori SESSO Italia Roma maschio 34 42 femmina 66 58 ETÀ Italia Roma 18-24 anni 2 2 25-34 anni 17 15 35-44 anni 27 19 45-54

Dettagli