L applicazione, combinata, di più tecniche (DSC, DTA, TMA, TGA, WAXS, SAXS, ecc.) ha permesso di delucidare il comportamento e la

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L applicazione, combinata, di più tecniche (DSC, DTA, TMA, TGA, WAXS, SAXS, ecc.) ha permesso di delucidare il comportamento e la"

Transcript

1 B 4,4 ) Termo-ossidazione e comportamento termico delle fibre di seta Il calore può indurre variazioni di natura strutturale-morfologica e fisica che interessano sia le regioni cristalline delle fibre che quelle amorfe. In opportune circostanze, l azione combinata del calore e dell ossigeno è causa di reazioni chimiche (free radical thermal oxidation) che interessano i residui di α amminoacidi presenti lungo la macromolecola della fibroina. Questi processi di termo-ossidazione, che possono provocare estesi fenomeni di deterioramento nelle fibre di seta, sono la risultante della combinazione di reazioni di idrolisi e di ossidazione. A seconda delle condizioni e del ph delle fibre prevale l uno o l altro processo [63]. Le fibre di seta si caratterizzano per una buona stabilità al calore; esse infatti sono capaci di sopportare, anche se per tempi relativamente brevi, trattamenti fino ai 150 C senza subire apprezzabili modificazioni chimiche e fisiche [64]. E importante sottolineare che comunque la permanenza alle alte temperature accelera altri processi di deterioramento causati da fattori di natura diversa (ad esempio quelli chimici). I fenomeni di degradazione termo-ossidativa determinano un decadimento delle caratteristiche chimico-fisiche delle fibre riconducibile a fenomeni di scissione delle catene e/o alla formazione di reticolazioni che modificano sostanzialmente la struttura chimica delle macromolecole proteiche componenti. A.Timar-Balazsy e D. Eastop, in relazione agli effetti del calore sulla seta scrivono: «The most common effect of heat on silk is desiccation and free radical thermal oxidation. It has been noted in artificial ageing tests that silk yellows ten times faster when exposed to heat compared with exposure to electromagnetic radiation, but without the same decrease on its tensile strength. The mechanical properties of silk suffer considerable changes above 140 C» [26]. M. Romanò e G. Freddi hanno osservato, mediante microspia elettronica in scansione, che l esposizione al «calore induce deformazioni di tipo plastico che nelle zone di frattura assumono una caratteristica forma di fungo» (vedasi figura 87) [64]. L applicazione, combinata, di più tecniche (DSC, DTA, TMA, TGA, WAXS, SAXS, ecc.) ha permesso di delucidare il comportamento e la 184

2 Fig. 87: Micrografia elettronica a scansione di un insieme di fibre di seta. Viene evidenziato l effetto dell esposizione al calore che produce deformazioni di tipo plastico che, nelle zone di frattura assumono un aspetto fungiforme [64]. stabilità termica della seta e di correlare le modificazioni molecolari, strutturali e morfologiche con la tipologia dei trattamenti termici [54, 65, 66, 67]. Nelle figure 88 e 89 sono riportati, rispettivamente, i termogrammi di analisi termomeccanica (TMA) e di calorimetria differenziale a scansione (DSC) di fibre di fibroina [65, 67]. La curva TMA mostra nell intervallo che va dalla temperatura ambiente a ~ 120 C una leggera contrazione (~ 0,7%). Il corrispondente termogramma DTA presenta un primo picco, di natura endotermica, piuttosto slargato, posizionato tra ~ C. Queste due transizioni sono attribuite all evaporazione di acqua assorbita dalle fibre [54, 67, 68]. A temperature più elevate, ed in particolare intorno ai ~ 310 C, si osservano, nelle curve TMA e DSC, rispettivamente un improvviso e drastico allungamento delle fibre (figura 88) e una endoterma, principale, il cui massimo è tra ~ C (figura 89). Queste ultime transizioni, a più alta temperatura, sono state ascritte ad un processo di distruzione, indotto dalla temperatura, dell impacchetta- 185

3 Fig. 88: Diagramma di analisi termomeccanica di fibre di fibroina (Bombyx Mori), in atmosfera di N 2 [65]. mento delle macromolecole di fibroina disposte a foglietto ripiegato con una conformazione di tipo β (β pleated sheet structure) [54]. Il comportamento meccanico dinamico delle fibre di fibroina, sottoposte all applicazione di uno sforzo variabile con legge sinusoidale nel tempo, ha permesso di acquisire informazioni utili a delucidare le variazioni strutturali causate dalla permanenza alle alte temperature, correlando il modulo elastico dinamico (E ) [la parte reale del modulo relativo alla deformazione in concordanza di fase con lo sforzo] ed il modulo di perdita meccanica (E ) [la parte immaginaria del modulo relativo alla deformazione in opposizione di fase con lo sforzo] con la temperatura. E e E sono legati tra di loro mediante le seguenti relazioni: E* = E + i E Tang(δ) = E / E 186

4 Fig. 89: Termogramma DSC di fibre di fibroina (in atmosfera di N 2 ). Il diagramma mostrato in figura si riferisce a temperature superiori a 150 C [65]. Dove, E* è il modulo complesso e Tang (δ) rappresenta la perdita meccanica. La dipendenza dalla temperatura dei due moduli, E e E, nel caso delle fibre di fibroina, ricavate per sgommatura delle bavelle secrete dal Bombix Mori, è mostrata nella figura 90 [67]. Dall andamento delle due curve, E, E T, si ricava che: I) E rimane praticamente costante fino a ~ 150 C, quindi subisce una rapida e brusca diminuzione; II) I valori di E restano, pressocchè, invariati fino a ~110 C, quindi si impennano presentando un massimo a ~220 C. La stabilità termica delle fibre di fibroina, al di sotto dei 100 C, viene imputata all alto grado di orientamento delle macromolecole nelle regioni amorfe ed in generale ad una struttura fibrosa molto compatta [67]. J. Magoshi et Al. [69] hanno determinato, attraverso misure di TMA, effettuate su membrane amorfe, un valore di 175 C per la temperatura di transizione vetrosa della fibroina. Questo valore coincide con le temperature a cui corrispondono le brusche variazioni di pendenza osservate nei diagrammi della figura

5 Fig. 90: Comportamento meccanico-dinamico di fibre di fibroina (Bombyx Mori) in funzione della temperatura. In figura viene graficata la dipendenza del Modulo elastico dinamico E e del Modulo di perdita meccanica E al variare della temperatura [67]. L applicazione, di tecniche basate sulla misura della birifrangenza e dell indice di rifrazione isotropico e della diffrazione dei raggi X all alto angolo, ha permesso di ottenere interessanti elementi conoscitivi per una più completa comprensione dei meccanismi che sono alla base del comportamento termico della seta [67]. In particolare, dalle figure 91, 92, è stato possibile trarre le seguenti indicazioni: I) la birifrangenza ( n), che fornisce una misura dell orientazione media delle macromolecole lungo l asse di fibra della fibroina, decresce, quasi monotonicamente, con l aumentare della temperatura; al di sopra dei 240 C si osserva una brusca inflessione (figura 91), a dimostrazione del fatto che a temperatura elevata il sistema tende a disorientarsi; II) l indice di rifrazione isotropo (η iso ) aumenta con la temperatura (figura 92) [67]. In relazione a questo ultimo punto, M. Tsukada et Al., avendo osservato che la struttura delle regioni cristalline, come si evince analizzando gli spettri dei raggi X all alto angolo, non subisce modificazioni rilevanti al variare della temperatura, concludono: 188

6 «therefore, we should estimate that the variations of refractives indeces were due to some changes that occurred in the less ordered regions of the silk fibers» [67]. H. Ishikawa et al. [68] hanno proposto, per le fibre di fibroina un modello caratterizzato da tre fasi: una cristallina, ad elevato ordine tridimensionale (fase C ); una amorfa, altamente disordinata (fase A ) ed una terza fase, di transizione, avente un grado di ordine intermedio (fase L ) che si interpone tra la fase A e la fase C. pertanto una fibra consiste di fatto in una successione di sequenze del tipo [-C-L-A-] che si ripetono n volte lungo l asse di fibra. M. Tsukada et Al. [67] hanno proposto un metodo per valutare la frazione della fase L che consiste nel separare, nei diffrattogrammi dei Fig. 91: Birifrangenza di fibre di fibroina in funzione della temperatura [67]. 189

7 Fig. 92: Indice di rifrazione isotropico di fibre di fibroina in funzione della temperatura [67]. raggi X all alto angolo, l area corrispondente alla diffrazione discreta da parte del reticolo cristallino da quella continua connessa alle regioni amorfe e di transizione. Questa procedura (vedasi figura 93) è stata effettuata graficamente applicando due metodi diversi per la separazione delle varie componenti e cioè quello di P. Hermans e H. A.Weidinger [70] e quello di I. Sakurada et Al. [71] i quali differiscono tra loro per la maniera di tracciare la linea di base che separa il contributo cristallino da quello amorfo. Come si evince dalla figura 93, il grado di cristallinità che si ricaverebbe con il metodo proposto da Sakurada et Al., risulterebbe maggiore di quello determinato con quello di Hermans e Weidinger. M. Tsukada et Al., «assuming that the intensity of the broad peak representing the amorphous contribution is proportional to the degree of order and orientation of the amorphous phase suggest that the area between the two base line drawn on the X-Ray diffractograms (figura 93) is an index representing the laterally ordered regions at the silk fibers (regioni di transizione, L, n.d.a.)» [67]. 190

8 Fig. 93: Diffrattogramma dei raggi X all alto angolo di fibroina. La curva tratteggiata (A) e quella piena (B) si riferiscono rispettivamente al metodo di separazione della parte cristallina ed amorfa dello spettro proposto da Hermans e Weidinger [70] e da Sakurada et. Al. [71]. Sulla base delle assunzioni di cui sopra, e dei risultati ottenuti, M. Tsukada et Al. suggeriscono un modello, per le fibre di fibroina (illustrato nella figura 94), in base al quale vengono evidenziate le modificazioni strutturali indotte dalla temperatura. In particolare, come si deduce dai dettagli della figura 94, il trattamento termico provocherebbe un riarrangiamento strutturale-morfologico con un incremento delle dimensioni dei cristalliti e un impacchettamento più compatto delle macromolecole nelle regioni di transizione. La bassa contrattilità osservata nelle curve di TMA è attribuita al fatto che anche nelle regioni amorfe le macromolecole non sono libere di muoversi essendo impedite alle estremità. «These findings suggest that B.Mori silks possess the higher degree of order and molecular orientation in the amorphous region» [67]. 191

9 192 Fig. 94: Rappresentazione schematica delle variazioni strutturali e morfologiche provocate dalla temperatura alle fibre di fibroina. A sinistra, viene rappresentata una fibrilla elementare a temperatura ambiente, a destra dopo trattamento termico [67].

10 B 4,5 ) Foto ossidazione e termo-ossidazione delle fibbre cellulosiche B 4,5,1 ) Degradazione fotochimica e fotoossidativa della cellulosa e delle fibre cellulosiche Le radiazioni con λ compresa tra i 500 e 450 millimicrons, come evidenziato nel diagramma della figura 95, hanno energia paragonabile a quella di alcuni legami primari presenti lungo la catena macromolecolare della cellulosa [72]. Dall analisi dello spettro mostrato nella figura 96-c si ricava che la cellulosa nativa (non trattata) presenta valori elevati dell assorbanza, in riflessione, in corrispondenza di radiazioni UV con λ < 400 nm. La capacità assorbente diminuisce man mano che la lunghezza d onda delle radiazioni si sposta verso il visibile (per λ > 400 nm l assorbanza è praticamente nulla o comunque molto bassa) [73]. L assorbimento di radiazioni innesca una serie di reazioni fotochimiche basate sulla formazione di radicali liberi le quali rappresentano, in presenza di ossigeno, la prima fase dei processi di foto-ossidazione della cellulosa. In assenza di ossigeno, le molecole di cellulosa possono subire un processo di fotolisi diretta, che porta alla rottura dei legami C C, C O e C H, la cui energia di dissociazione è rispettivamente pari all incirca a 335, 377 e 418 J/mol [26, 74, 75]. In presenza di ossigeno la foto-ossidazione della cellulosa avviene attraverso due distinti processi. Processo-A Ossidazione dei gruppi ossidrili laterali. In ogni unità anidroglucosidica della cellulosa sono presenti un gruppo ossidrilico primario ( CH 2 OH), sul carbonio in posizione 6, e due secondari ( CHOH ), posizionati sugli atomi di carbonio 2 e 3 (vedasi figura 97-a). Le reazioni di ossidazione degli ossidrili tendono ad essere di natura progressiva, con prodotti intermedi facilmente identificabili. La foto-ossidazione degli ossidrili primari, come illustrato attraverso gli schemi della figura 97-b e 98-a, porta, prima a gruppi aldeidici e quindi a gruppi carbossilici. Quella relativa agli ossidrili secondari produce inizialmente gruppi chetonici, successivamente, attraverso la rottura del legame ed apertura dell anello glucosidico, gruppi aldeidici ed eventual- 193

11 Fig. 95: Diagramma dove vengono correlate l energia di dissociazione di alcuni legami interatomi con l energia delle radiazioni del visibile e del vicino e lontano ultravioletto [72]. mente gruppi carbossilici (figura 98-b, c). In appropriate condizioni è stata osservata la presenza di dichetoni sui C 2 e C 3 che, mediante una tautomeria cheto-enolica, danno luogo alla formazione di un doppio legame tra gli atoni di carbonio 3 e 4 (figura 98 d) [76, 26]. La fotolisi di gruppi ossidrilici secondari, secondo lo schema di reazione riportato nella figura 99, potrebbe spiegare lo sviluppo di molecole di 194

12 Fig. 96: Spettrogramma in riflessione [ Assorbanza in funzione della lunghezza d onda della luce incidente (dal visibile al lontano ultra-violetto)]: a) legno; b) lignina; c) cellulosa [73]. a) b) Fig. 97: a) struttura molecolare della cellulosa; b) ossidazione di un gruppo ossidrilico primario (alcool primario) [76]. 195

13 Fig. 98: Prodotti derivanti dall ossidazione degli ossidrili primari e secondari presenti nelle unità anidroglucosidiche della cellulosa: a) ossidazione del CH 2 OH, legato al C 5, ad aldeide e quindi a gruppo carbossilico: b) ossidazione del C 2 a chetone; c) ossidazione del C 2 e del C 3 ad aldeide con apertura dell anello anidroglucosidico; d) formazione di dichetoni sul C 2 e sul C 3 con succesiva formazione di un doppio legame tra C 3 e C 4 (reazione di tautomeria cheto-enolica) [76, 26]. idrogeno osservato durante la foto-ossidazione della cellulosa [77, 75]. Le reazioni sopra menzionate determinano nella cellulosa fenomeni di ingiallimento, di imbrunimento e di scolorimento insieme alla variazione di alcune significative caratteristiche quali la polarità, la solubilità e l assorbimento/deassorbimento di acqua [26]. Processo-B Rottura del legame etero-glicosidico. La reazione di degradazione fotochimica della cellulosa inizia con l estrazione di un idrogeno e con la formazione di un radicale sull atomo di ossigeno legato al C1 (radicale ossi-cellulosa, figura 100-a). Secondo alcuni Autori radiazioni aventi lunghezze d onda pari a 260nm penetrando nelle regioni amorfe hanno la capacità di indurre il processo fotodegradativo a cui fa seguito una reazione a catena che conduce alla 196

14 Fig. 99: Fotolisi di gruppi idrossilici, presenti nelle unità anidroglucosidiche della cellulosa, che porta allo sviluppo di idrogeno [77,75]. a) b) Fig. 100: Reazione di foto-ossidazione della cellulosa che porta alla scissione della catena in due tronconi a più basso peso molecolare [26]. rottura del legame glicosidico e quindi a due distinti tratti di catena, caratterizzati, l uno da un terminale chetonico, l altro da un terminale radicale ossi-cellulosico (vedasi schema in figura 100-b) [26]. La scissione foto-ossidativa della cellulosa comporta una riduzione del grado medio di polimerizzazione (DP) delle macromolecole costituenti che determina un abbassamento della tenacità ed un aumento della rigidità. Il fatto che la degradazione avvenga principalmente nella fase amorfa permette la ricristallizzazione dei segmenti macromolecolari a minore massa molecolare. Pertanto la cellulosa degradata presenta, rispetto a quella integra, un grado di cristallinità maggiore. Il processo di foto-ossidazione delle fibre vegetali dipende fortemente dalla loro composizione chimica, in particolare dalla percentuale di lignina. La lignina, presente nel legno (15-30% in peso), è un polimero reticolato le cui unità costitutive hanno una struttura di natura fenolica (vedasi modello molecolare nella figura 101). La lignina ha la funzione di legante. 197

15 Fig. 101: Modello della struttura molecolare della lignina del legno Soft [73]. Infatti essa agisce come una matrice strutturale rigida, amorfa, idrofobica, con spiccate caratteristiche acidiche, capace di legarsi agli altri componenti del legno e delle fibre vegetali (cellulosa, emicellulose ecc.) mediante forti legami secondari [26, 73]. Nella macromolecola della lignina sono presenti due gruppi cromofori (A e B in figura 101) i quali hanno la capacità di asssorbire fortemente radiazioni UV (vedasi spettro di assorbanza in figura 96-b) e quindi, attraverso la fomazione di radicali, favorire i processi foto-degradativi anche nelle molecole delle altre sostanze, incluso la cellulosa, che sono presenti nel legno e nelle fibre [26, 73]. 198

16 a) b) Fig. 102: a) schema della struttura del fusto del lino [78]; b) sezione trasversale di un aggregato di fibre di lino (schematico). 199

17 Fig. 103: Struttura di una fibra elementare di lino (schematico) [78]. Il processo di foto-ossidazione della lignina porta alla produzione di fenossi-radicali che si trasformano in derivati del chinone dai quali ultimi dipende il fenomeno di ingiallimento osservato alla superficie del legno e delle fibre vegetali [73]. Ciascuna fibra di cotone (fibra vegetale da seme), come già precedentemente riportato, è un pelo seminale monocellulare; quelle da fusto (lino, canapa, juta e ramiè), allo stato greggio, sono costituite da più fibre elementari riunite in fasci e saldate le une alle altre da emicellulosa, pectina, lignina, grassi e cere e altre sostanze solubili in acqua. Questi componenti secondari si trovano anche nelle fibre elementari, tra le pareti (primarie, secondarie e terziarie) e come cementanti nelle fibrille e microfibrille [vedasi figure 102 e 103 dove viene riportato lo schema della struttura delle fibre di lino (fusto, aggregato di fibre e fibra elementare)] [78]. La lignina, praticamente assente nel cotone (fibra prettamente cellulosica), è presente nelle fibre cellulosiche vegetali da fusto con una percentuale che dipende fortemente dalla loro origine [lino macerato-2% (fibra lignificata); canapa-3,3% (fibra lignificata); juta-11,8% (fibra for- 200

18 Fig. 104: Cromatogrammi, ottenuti mediante la Size Exclusion Chromatography, di campioni di cotone degradati all aria per tempi variabili (indicati in figura) e in corrispondenza di differenti temperature di ageing (120, 140 e 160 C ) [81]. 201

19 Fig. 105: Correlazione tra l andamento del grado di polimerizzazione viscosimetrico, di campioni di cotone sottoposti a degradazione ossidativa in aria, con il tempo e con le corrispondenti variazioni osservate nei cromatogrammi di cui alla figura 104 (vedasi testo)[81]. temente lignificata); ramiè-0,6% (fibra poco lignificata)] [79]. H. P. Stout, studiando il comportamento alla foto-ossidazione, indotta da radiazioni UV, di fibre a basso ed alto contenuto di lignina (rispettivamente cotone e juta) ha trovato che nelle fibre di cotone, dopo una esposizione di 900 ore, la tenacità si riduce del 50%, mentre nel caso delle fibre di juta una analoga riduzione si registra dopo 350 ore. Questi risultati inequivocabilmente dimostrano come la presenza di lignina faciliti i processi di foto-ossidazione delle fibre naturali di origine vegetale [80]. La degradazione ossidativa del cotone, in aria, in funzione della temperatura e del tempo, è stata studiata, impiegando la tecnica della Size Exclusion Chromatography, da A. M. Emsley, M. Ali e R. J. Heywood [81]. Da questi studi è emerso che la forma della curva della distribuzione del peso molecolare della cellulosa (MWD), al crescere del tempo di ageing, a temperatura costante, subisce delle sostanziali modifiche. In particolare il massimo, al crescere del tempo di trattamento, si sposta sistematicamente verso regioni corrispondenti a valori più bassi delle masse molecolari (vedasi i cromatogrammi nella figura 104). Mediante opportune curve di calibrazione è stato possibile determinare dai cromatogrammmi il valore del peso molecolare medio numerico e 202

20 quindi il grado di polimerizzazione cromatografico (DPC) in funzione del tempo di degradazione, relativamente alle varie temperature sperimentate. In separati esperimenti gli Autori hanno ricavato, mediante viscosimetria, effettuata sugli stessi campioni di cotone sottoposti a degradazione, il grado di polimerizzazione viscosimetrico (DPV). Nella figura 105 viene messa in risalto la stretta correlazione riscontrata tra l andamento del DPV, in funzione del tempo di ageing, la forma dei cromatogrammi e quindi i corrispondenti valori del DPC. L insieme dei dati conferma che la degradazione ossidativa della cellulosa porta ad una brusca riduzione del grado di polimerizzazione. Questo comportamento viene spiegato assumendo che la rottura dei legami avvenga preferenzialmente al centro delle macromolecole [81]. B 4,5,2 ) Termo-ossidazione e comportamento termico delle fibre cellulosiche Il calore può indurre reazioni di condensazione tra gruppi ossidrilici laterali, appartenenti a macromolecole cellulosiche adiacenti, favorendo così la formazione di forti reticolazioni di natura intermolecolare. A seguito di questo processo le fibre diventano più rigide e fragili. Inoltre esse perdono parte della loro capacità di legare molecole d acqua. Il calore può generare radicali liberi i quali, come nel caso della fotoossidazione, in presenza di ossigeno innescano reazioni di termo-ossidazione che conducono all ossidazione di gruppi ossidrilici e alla scissione delle macromolecole cellulosiche. La termo-degradazione determina nelle fibre vegetali un decremento nei valori della tenacità a cui si acompagna un marcato fenomeno di ingiallimento e di infragilimento. Le fibre cellulosiche, sottoposte all azione delle radiazioni elettromagnetiche e in presenza di umidità e di tracce di particolari catalizzatori, acquisiscono una maggiore sensibilità all azione degradativa del calore e dell ossigeno. «Heat causes severe degradation of cellulose fibres; photoxidized or bleached fibres are especially vulnerable to heat, as they contain weakened bonds and free radicals. Hemicellulose and lignine also undergo severe chemical changes when subjected to heat» [26]. T. P. Nevell, D. Price et Al., hanno dimostrato che la degradazione ter- 203

21 Fig. 106: Comportamento termico di fibre di cotone sottoposte ad un regime di riscaldamento lineare nel tempo (condizioni non isoterme di degradazione) in aria: a) diagrammi di analisi termogravimetrica effettuati a due diverse velocità di riscaldamento (curva 1-2, 0 C /min ; curva 2-6, 0 C /min); b) curve di analisi della derivata termogravimetrica corrispondente ai diagrammi in figura 106-a [82]. mica della cellulosa da legno, in aria, avviene in tre stadi: 1) deidro-ossilazione; 2) carbonizzazione; 3) degradazione ossidativa. L osservazione che la resa finale in carbone dipenda dalla velocità di riscaldamento ha condotto gli Autori a concludere che gli ultimi due stadi siano congiunti tra loro [82, 83, 84]. La degradazione termica delle fibre di cotone, sottoposte ad un regime di riscaldamento di tipo lineare nel tempo (condizioni non isoterme), è stata analizzata da S. Bourbigot et Al., utilizzando le tecniche della termogravimetria (TGA), dell analisi della derivata termogravimetrica (DTGA) e dell analisi termica differenziale (DTA). I diagrammi di TGA e DTGA di fibre di cotone, corrispondenti a due regimi di riscaldamento in aria [2 e 6 C /min], sono mostrati rispettiva- 204

22 Fig. 107: Comportamento termico delle fibre di cotone in assenza di ossigeno studiato attraverso tecniche varie: Analisi termica diferenziale a scansione (DSC); analisi termogravimetrica (TGA) e analisi della derivata termogravimetrica (DTGA). In figura sono riportati i relativi termogrammi (velocità di riscaldamento- 20C /min; velocità di flusso dell azoto- 60ml/min) [85]. mente nelle figure 106-a e 106-b [82]. L andamento delle curve di TGA e DTGA (figura 106) porta alla conclusione che la degradazione delle fibre avviene in due distinte fasi. Nel corso della prima (tra circa C ), secondo l interpretazione data da Bourbigot et Al., il materiale subisce un processo di deidro-ossilazione e di parziale carbonizzazione pur mantenendo inalterata la sua struttura morfologica. A più elevate temperature si innesca il secondo stadio termo-ossidativo che è un processo di decomposizione controllato dalla diffusione dell ossigeno all interno del materiale [82]. La termodegradazione del cotone, in assenza di ossigeno, è stata investigata da numerosi ricercatori combinando la tecnica della analisi termica differenziale a scansione (DSC) con quella della TGA e della DTGA. Un esempio dei corrispondenti termogrammi è mostrato nella figura 107 [85]. La curva DSC del cotone presenta una prima endoterma, piuttosto slargata, con un massimo a 100 C ; questa transizione è determinata dalla per- 205

23 Fig. 108: Degradazione termica del cotone in assenza di ossigeno: termogrammi di analisi termogravimetrica (TG in figura) e della derivata prima della termogravimetria (DTG in figura). ( curve relative al cotone purificato). ( curve relative al cotone ossidato) [86]. dita di acqua absorbita dalle fibre. La termo-decomposizione viene evidenziata, al DSC, dall endoterma tra C. Il processo di reticolazione dei prodotti della carbonizzazione spiegherebbe la inflessione di natura esotermica della curva intorno ai 380 C (vedasi figura 107) [85]. M. J. Fernandez et Al., analizzando i termogrammi TGA e DTGA, hanno concluso che la decomposizione termica del cotone purificato si realizza in due distinti stadi nell intervallo di temperatura che va da 150 a 600 C. In particolare, come evidenziato in figura 108, nel primo stadio ( C ) si verifica la maggior parte del processo di decomposizione, mentre durante la seconda fase (T > 400 C ), la perdita in peso, dovuta a degradazione di cellulosa residua e di varie impurezze, riguarda solo il 20% della totalità della perdita di materiale [86]. 206

24 RIFERIMENTI 1) R. R. Bresee, J. Am. Inst. for Cons. (JAIC), 25, N.1, Article 4 (1986). 2) /1c09_221.ht (2002). 3) G. Levita, Invecchiamento Fisico dei Polimeri, in «Macromolecole, Scienza e Tecnologia», Vol II, V 7, pp , a cura di F. Ciardelli, V. Crescenzi, G. Pezzin, E. Peggion, AIM, Pacini Editore, Pisa (1986). 4) L. Mascia, «Thermoplastics», Elsevier Applied Science, London (1989). 5) E. Martuscelli «Relazioni Proprietà Struttura nelle Fibre di Lana», Collana di Trasferimento e Diffusione, Vol. I, CAMPEC Editore, Napoli (2003). 6) E. Martuscelli, La Chimica e l Industria, 57 (12), 171 (1975) 7) G. Alfonso, Polimeri Cristallini in «Fondamenti di Scienza dei Polimeri», a cura di M. Guaita, F. Ciardelli, F. La Mantia, E. Pedemonte, pp , AIM, Pacini Editore, Pisa (1998). 8) E. Martuscelli, J. Makromol. Sci. Phys., B11 (1), 1 (1975). 9) A. Keller, «Polymer Crystals», Report on Progress in Physics, Vol. 207

25 XXXI, Part 2, 623 (1968). 10) E. Martuscelli, La Chimica e l Industria, 57 (n. 9), 597 (1975). 11) E. Martuscelli, La Chimica e l Industria, 60 (n. 1), 27 (1978). 12) W.O. Statton, J. Polym. Sci., A2, 10, 1587 (1972); J. Polym. Sci., C, 13, 133 (1966). 13) L. E. Brancati, C. Di Nola, M. Zaccagnini, Kermes, 41, Anno XIV, 9 gennaio/febbraio (2001). 14) G. Bandini, Kermes, 40, Anno XIII, 49, ottobre/dicembre (2000). 15) J. W. S. Bearle, B. Lomas, W. D. Cooke, «Atlas of Fibre Fracture and Damage of Textiles», Woodhead Publishing Limited, Cambridge, England (1998). 16) N. Johnson, A. Akbar Gharehaghaji, Wool Fibre Rupture and Damage in Opening Processes, in «Atlas of Fibre Fracture and Damage to Textiles», pag. 177, Woodhead Publishing Limited, Cambridge, England (1998). 17) C. A. Anderson, V. N. Robinson, J. of the Textiles Institute (letter to Editors), pp (1971). 18) K. Schäfer, V. Schmitz, H. Höcker, European Microscopy and Analysis, pp , January (2001). 19) «Speciale Catania», Arrivederci, Anno XII, n. 131, gennaio (2001). 20) F. Puntoriero, S. Campagna, S. Serroni, La Chimica e l Industria, 85, 39 (2003). 21) G. Caneva, M. P. Nugari, O. Salvatori, «La Biologia nel Restauro», Cardini Editore, Firenze (1997). 22) S. Dolci, «Corso di Formazione Avanzato per l Inventariazione e l Archiviazione dei Beni Culturali», PNR, MAE (Ambasciata d Italia a 208

26 Madrid) (1999). 23) M. Trozzolo, Stabilization against Oxidative Photodegradation in «Polymer Stabilization» Edited by W. Lincoln Hawkins, Wiley Interscience, New York (1972). 24) F. H. Winslow, W. Matreyek, A. M. Trozzolo, ACS Polym. Reprints, 10 (2), 1271 (1969). 25) J. C. McNeill, Fundamental Aspects of Polymer Degradation, in «Polymers in Conservation» Edited by N. S. Allen, M. Edge, C. V. Horie, Proceedings of an International Conference organized by Manchester Polytechnic and Manchester Museum, 17 th 19 th July (1991) (pp ), The Royal Society of Chemistry, Cambridge (1992). 26) A. Timar Balazsy, D. Eastop, «Chemical Principles of Textiles Conservation», Butterworth-Heinemann, Oxford (1999). 27) a) G. Camino, Degradazione e Stabilizzazione, in «Fondamenti di Scienza dei Polimeri» a cura di M. Guaita, F. Ciardelli, F. La Mantia, E. Pedemonte, pp , AIM, Pacini Editore, Pisa (1998). b) G. Camino, Processi di Degradazione nei Polimeri, in «Gli Additivi per i Materiali Polimerici», pp , PF Chimica Fine e Secondaria (CNR), AIM, Genova (1982). 28) S. Lo Russo, B. Schippa, «Le Metodologie Scientifiche per lo Studio dei Beni Culturali», Bulzoni Editore, Roma (1992). 29) A. Ciaperoni, A. Mula, «Chimica e Tecnologia delle Poliammidi», Pacini Editore, Pisa (2001). 30) P. Maltese, Materie Plastiche ed Elastomeri, pp Nov. Dic. (2002). 31) G. C. Ramsay, Wool Sci. Rev., 39, 27 (1970). 32) I. L. Weatherall, The Aging of Wool Fibers, in «Historic Textiles, 209

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR

2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR 2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR La composizione chimica della fibra di ginestra da noi utilizzata è già stata appurata in una tesi precedente

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici

Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici Preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici attraverso precursori organo-silanici Ezio Amerio Politecnico di Torino, Dipartimento di Scienza dei Materiali ed Ingegneria Chimica C.so Duca

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

DEGRADAZIONE DEI POLIMERI

DEGRADAZIONE DEI POLIMERI DEGRADAZIONE DEI POLIMERI Foto-degradazione D. termica Riduzione proprietà meccaniche Imperfetto aspetto superficiale D. chimica Minore tempo di vita del prodotto D. biologica I vari fenomeni di degradazione

Dettagli

Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS

Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS Serena Santacesaria SRA Instruments SpA santacesaria@srainstruments.com Tecniche di caratterizzazione Analisi Termica FT-IR TGA-FT-IR Analisi Termica:

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di

Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di 1)PESO termogravimetria 2)DIMENSIONI dilatometria 3)ENTALPIA analisi termica differenziale calorimetria differenziale Analisi Termiche Si definiscono

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

analisi del degrado I - fenomeni di degrado

analisi del degrado I - fenomeni di degrado analisi del degrado I - fenomeni di degrado alterazioni - strutturali deformazioni cinematismi controlli strumentali diagnosi dei dissesti - della materia analisi interdisciplinari fisiche chimiche biologiche

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A.

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. DIPARTIMENTO DI CHIMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. Ferrara, 28/07/07 1/9 Premessa: Questa relazione contiene

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 INDICE GENERALE INDICE GENERALE CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 CAPITOLO 3 PARAMETRI CHIMICI-METALLI... 57 CAPITOLO 4 PARAMETRI ORGANICI...

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola

Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse. M. Priola Caratterizzazione chimico fisica di matrici note, incognite e complesse M. Priola priola@ssc.it Area analisi chimico fisiche Lab. Liquidi Grezzi Lab. Solidi Lab. Gas Lab. Spettoscopia AA 2 Laboratorio

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti

Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti CONSUMO DI ENERGIA In media 2 kw per essere umano 10 kw USA (5% della popolazione mondiale usa il 25 % dell energia) 5 kw Europa < 1kW resto

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La chimica e l alimentazione Nell alimentazione la chimica è coinvolta: 1) Nella produzione

Dettagli

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05 I tipi di fibre [1] riscontrabili in atmosfera si dividono in due grandi categorie quelle Naturali e quelle Sintetiche (artificiali). Entrambe queste categorie sono a loro volte distinguibili in organiche

Dettagli

www.pizzaovenacademy.com

www.pizzaovenacademy.com COME BRUCIA IL LEGNO Il legno è, in sostanza, un magazzino di energia solare. Le foglie degli alberi agiscono come piccoli pannelli solari che assorbono l energia irraggiata dal sole, utilizzandola per

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico

Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico NOTA APPLICATIVA Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico Con la gentile concessione di ALTANA Pharma AG Lo scopo del presente studio è stata la determinazione di una

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

Elenco delle principali gomme ed impieghi tipici

Elenco delle principali gomme ed impieghi tipici Elenco delle principali gomme ed impieghi tipici Proprietà Mescole Gomma Naturale (NR) Temperatura Impiego: -50 +80 C Struttura chimica preponderante: cis-poliisoprene Caratteristiche: Ottima resa elastica

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e Considerazioni preliminari: 1) Sono saggi qualitativi in cui la positività del saggio viene

Dettagli

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI Autore: Andrea Peluso INTRODUZIONE: La riduzione delle cloroammine in piscina tramite l utilizzo di raggi ultravioletti è una pratica

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI 12 CFU 1 e 2 Semestre Prof.ssa Milena Rizzo A.A. 2013-2014 Obiettivi Il corso fornisce gli strumenti teorici

Dettagli

Degradazione del Propoxur mediante Electron Beam e foto-ossidazione. ossidazione con H 2 O 2. Serena Caminati Salvatore S. Emmi Gabriella Poggi

Degradazione del Propoxur mediante Electron Beam e foto-ossidazione. ossidazione con H 2 O 2. Serena Caminati Salvatore S. Emmi Gabriella Poggi Degradazione del Propoxur mediante Electron Beam e foto-ossidazione ossidazione con H 2 O 2 Serena Caminati Salvatore S. Emmi Gabriella Poggi XIV Convegno Nazionale della Società Italiana per le Ricerche

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

Tintura. Tintura in botte

Tintura. Tintura in botte Tintura 1 Tintura Si conferisce a tutta la pelle nella sua sezione, la colorazione di base che poi sarà raggiunta in maniera definitiva con la fase di finissaggio (rifinizione) Tintura in botte 2 Le materie

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA 3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA La caratterizzazione meccanica delle fibre di juta è stata effettuata in collaborazione con il Dott. S. S. Tripathy [21], sia per la conduzione sperimentale

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE STAZIONE APPALTANTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, edilizia Servizio lavori pubblici Via Giulia, 75/1-34126

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI Agosto 2011 Rev. 1.01 Dr. F. Appendino Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax

Dettagli

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio questo interesserà più cellule e quindi apparirà più

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

La ricostruzione della sorgente e del meccanismo di formazione dell immagine sul tessuto della Sindone di Torino: un modello qualitativo ipotetico*

La ricostruzione della sorgente e del meccanismo di formazione dell immagine sul tessuto della Sindone di Torino: un modello qualitativo ipotetico* La ricostruzione della sorgente e del meccanismo di formazione dell immagine sul tessuto della Sindone di Torino: un modello qualitativo ipotetico* di Valery Golikov** (traduzione di Angela Balletti e

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione prof. ing.. Umberto ARENA Dipartimento

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli