PIANI DI LAVORO ANNO Ausl della Romagna Dipartimento di Sanità Pubblica di Ravenna Via Fiume Abbandonato, Ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANI DI LAVORO ANNO 2015. Ausl della Romagna Dipartimento di Sanità Pubblica di Ravenna Via Fiume Abbandonato, 134 - Ravenna"

Transcript

1 Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna PIANI DI LAVORO ANNO 205 Ausl della Romagna Dipartimento di Sanità Pubblica di Ravenna Via Fiume Abbandonato, 34 - Ravenna

2 Indice INDICE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SP SICUREZZA E SALUTE A BORDO DELLE NAVI E NEI PORTI SP2 VIGILANZA NEI CANTIERI EDILI SP3 VIGILANZA SULLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO FRIABILE E COMPATTO (ETERNIT) SP4 SALUTE E SICUREZZA NEL COMPARTO METALMECCANICO SP5 SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI DERIVANTI DALL UTILIZZO O DALLA PRESENZA DI PRODOTTI CHIMICI PERICOLOSI E DA AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI SP6 SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI NELLE ATTIVITA PORTUALI CHE ESPONGONO A SILICE LIBERA CRISTALLINA SP7 PREVENZIONE INFORTUNI IN AGRICOLTURA SP8 INCHIESTE PER INFORTUNIO SUL LAVORO SP9 INDAGINI PER LA PROCURA SU CASI DI MALATTIA PROFESSIONALE SP0 ESPRESSIONE PARERI PER NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SP PROMOZIONE DELLA SALUTE SUI PROBLEMI ALCOL CORRELATI SP2 DROGA E LAVORO SP3 LUOGHI DI LAVORO LIBERI DAL FUMO SP4 SORVEGLIANZA SANITARIA AD EX ESPOSTI A CVM SP5 MAPPATURA/CENSIMENTO AZIENDE CON POSSIBILE ESPOSIZIONE AD AFLATOSSINE SP6 PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA CULTURA E PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SP7 PARTECIPAZIONE A COMMISSIONI E COLLEGI MEDICI SP8 VIGILANZA SULL EFFETTUAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI SANITARI PREVENTIVI E PERIODICI PER I LAVORATORI SP9 PARTECIPAZIONE ALLA COMMISSIONE PER LA PROTEZIONE SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI L.R. 07/09/ SP20 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO SULLE CONDIZIONI SANITARIE DEI CARABINIERI CHE HANNO OPERATO NEI TERRITORI DELLA BOSNIA HERZEGOVINA E DEL KOSOVO SP2 ATTIVITÀ DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA AUTORIZZAZIONE DELLE STRUTTURE SANITARIE EX L.R. 04/ SP22 PREVENZIONE DEI RISCHI NELLE STRUTTURE SANITARIE DEL TERRITORIO SP23 INFORMAZIONE-FORMAZIONE-ASSISTENZA NEI CONFRONTI DEL MONDO DEL LAVORO SP24 ATTIVITÀ DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA AUTORIZZAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE E SOCIO-ASSISTENZIALI EX D.G.R. 564/2000 E DELLE COMUNITA PER MINORI EX D.G.R. 846/ SP25 MIGLIORAMENTO DELLE CONOSCENZE DELLE CAUSE DEGLI INFORTUNI E DELLE MALATTIE PROFESSIONALI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL TERRITORIO DI COMPETENZA SP26 IMPLEMENTAZIONE DEI MODELLI NAZIONALI PER L ANALISI DEGLI INFORTUNI GRAVI O MORTALI (INFOR.MO) E DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (MAL PROF) SP27 VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SP28 PREVENZIONE DELLE MALATTIE MUSCOLO-SCHELETRICHE SP29 VIGILANZA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI SP30 PREVENZIONE DEI RISCHI CONNESSI AL SISTEMA DEGLI APPALTI U. O SICUREZZA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA IN AMBIENTI DI VITA E DI LAVORO pag 2 di 208

3 Indice IA VERIFICHE IMPIANTI ELETTRICI IA2 VERIFICHE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO ED IDROESTRATTORI IA3 VERIFICHE APPARECCHI IN PRESSIONE IA4 VERIFICHE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IA5 VERIFICHE IMPIANTI ELETTRICI IN CANTIERI EDILI SERVIZIO IGIENE PUBBLICA IGIENE DEL TERRITORIO E DEGLI AMBIENTI CONFINATI IP) PROGETTO AZIENDALE TABAGISMO IP2) GESTIONE DEL RISCHIO AMIANTO IP3) SICUREZZA E SALUBRITA NELLE SCUOLE E NELLE COLLETTIVITA INFANTILI IP4) CONTROLLO IMPIANTI NATATORI IP5) LOCALI E MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO IP6) ATTIVITA PER LA CURA DELLA PERSONA (PRODUZIONE COSMETICI, ESTETISTI, TATUATORI, ACCONCIATORI) IP7) ATTIVITA SU DOMANDA O SEGNALAZIONE RIFERITA A COMPETENZE DI IGIENE PUBBLICA IP8) PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E CONTROLLO DELLE INFESTAZIONI DA ZANZARE IP9) CONTROLLO DELLE INFESTAZIONI DI RILEVANZA IGIENICO-SANITARIA IP0) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI TERMICI IP) VALUTAZIONE DELL IMPATTO SANITARIO DI PROBLEMATICHE AMBIENTALI IP2) PREVENZIONE DELLA PATOLOGIA INDOTTA DALL AMBIENTE COSTRUITO IP3) INSEDIAMENTI PRODUTTIVI IP4) CONTROLLO DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE STRUTTURE SANITARIE E SOCIO-ASSISTENZIALI IP5) STRUTTURE SANITARIE, STABILIMENTI TERMALI, STUDI PROFESSIONALI: ATTIVITÀ SU DOMANDA IP6) VIGILANZA SULLE STRUTTURE DELL OSPEDALITA PRIVATA IP7) ATTIVITA DI VIGILANZA SULLE ATTIVITA SANITARIE IP8) PROTEZIONE SANITARIA CONTRO I PERICOLI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI E ATTIVITA DELL ORGANISMO TECNICO EX L.R. / IP9) ATTIVITA DI VIGILANZA SULLE FARMACIE IP20) AUTORIZZAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE E SOCIO-ASSISTENZIALI EX DGR N. 564/2000 E DELLE COMUNITA PER MINORI EX DGR N. 904/ IP2) VIGILANZA SULLE STRUTTURE RESIDENZIALI SOCIO-SANITARIE/SOCIO- ASSISTENZIALI E SULLE COMUNITA PER MINORI PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE IP22) RILASCIO DELLE CERTIFICAZIONI MEDICO LEGALI IP23) ACCERTAMENTI NECROSCOPICI E ATTIVITÀ DI POLIZIA MORTUARIA IP24) GESTIONE DEL REGISTRO DI MORTALITA IP25) CAMPAGNE VACCINALI RIVOLTE ALLA POPOLAZIONE ADULTA E AGLI ADOLESCENTI IP26) COORDINAMENTO DELLA CAMPAGNA VACCINALE ANTINFLUENZALE IP27) SORVEGLIANZA SANITARIA E MONITORAGGIO DELLE MALATTIE INFETTIVE IP28) COUNSELING AI VIAGGIATORI INTERNAZIONALI AZIONI PREVISTE IP29) PREVENZIONE DELL INFEZIONE DA HIV E PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE SIEROPOSITIVE pag 3 di 208

4 Indice IP30) ATTIVITÀ DI PREVENZIONE PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI RAVENNA IP3) INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI PROMOZIONE DELLA SALUTE E SISTEMI DI SORVEGLIANZA IP32) SISTEMA DI SORVEGLIANZA PASSI IP33) PROGETTI DI COMUNITA LA CASA DELLA SALUTE PER GUADAGNARE SALUTE E GINS-GRUPPI IN SALUTE IP34) PROMOZIONE DELLA SALUTE IN AMBITO SCOLASTICO SERVIZIO IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE SIAN) ATTIVITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE SIAN A) CONTROLLO DELLA RISTORAZIONE PUBBLICA SIAN B) CONTROLLO DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SIAN C) CONTROLLO DELLE ATTIVITÀ ARTIGIANALI SIAN D) CONTROLLO DEI BAR, DEGLI ESERCIZI DI VENDITA E DELLE ATTIVITA DI DEPOSITO ALIMENTI SIAN E) CONTROLLO DELLE ATTIVITÀ INDUSTRIALI SIAN F) CONTROLLO DELLA LAVORAZIONE UVE SIAN 2) CAMPIONAMENTO DI MATRICI ALIMENTARI E DI MATERIALI A CONTATTO CON ALIMENTI (MOCA) SIAN 3) GESTIONE DEI SISTEMI DI ALLERTA SIAN 4) CONTROLLO DELL IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI SIAN 5) CONTROLLO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO SIAN 6) SORVEGLIANZA SANITARIA DELLE ZONE DI PRODUZIONE E RACCOLTA DI MOLLUSCHI BIVALVI VIVII SIAN 7) PREVENZIONE DELLE INTOSSICAZIONI DA FUNGHI SIAN 8) GESTIONE DELLE NOTIFICHE E DELLE ATTIVITA SU DOMANDA (RICONOSCIMENTI, CERTIFICAZIONI) SIAN 9) SISTEMA INFORMATIVO E ANAGRAFE DELLE AZIENDE ALIMENTARI SIAN 0) PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI (MTA) - FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI SIAN ) PROMOZIONE DELLA QUALITA NUTRIZIONALE DELL OFFERTA ALIMENTARE SCOLASTICA SIAN 2) ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA NUTRIZIONALE SIAN 3) CONTRASTO AL SOVRAPPESO E ALL OBESITÀ NELL INFANZIA E NELL ETA EVOLUTIVA SIAN 4) CONTROLLO DELLA PRODUZIONE/ SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI PRIVI DI GLUTINE SIAN 5) PROMOZIONE DELLA RIDUZIONE DEL SALE NELLA DIETA E DELL OFFERTA DI SALE IODATO PIANO DI LAVORO DI AREA DI SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA PRODUZIONE PRIMARIA A CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: FILIERA BOVINI C8 CONTROLLO DELL ALIMENTAZIONE IN ALLEVAMENTI BOVINI DA RIPRODUZIONE AI FINI DELLA PROFILASSI BSE, NEL RISPETTO DEL SISTEMA NAZIONALE DI SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DELLA ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA A2 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: FILIERA OVICAPRINI A3 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: FILIERA SUINI A4 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: FILIERA AVICUNICOLI A5 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: FILIERA EQUINI pag 4 di 208

5 Indice A6 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO: ANIMALI D ACQUACOLTURA A7 CONTROLLO SANITARIO DELLE STRUTTURE DI ALLEVAMENTO PER LE ALTRE SPECIE DI INTERESSE ZOOTECNICO : API E SELVAGGINA D ALLEVAMENTO E SELVATICA A8 CONTROLLO DELLE ZOONOSI E DELLE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI C3 FARMACOVIGILANZA E FARMACOSORVEGLIANZA C4 PROTEZIONE DEGLI ANIMALI DA REDDITO IN ALLEVAMENTO, NEL TRASPORTO E DURANTE LA MACELLAZIONE O L ABBATTIMENTO, IN APPLICAZIONE ALLE NORMATIVE NAZIONALI E COMUNITARIE VIGENTI C7 VIGILANZA SANITARIA SULLA RIPRODUZIONE ANIMALE C9 PRELEVAMENTO DI CAMPIONI FINALIZZATO AL CONTROLLO UFFICIALE SUGLI ALIMENTI DESTINATI AGLI ANIMALI B05.02 CONTROLLO VETERINARIO DELLE AZIENDE ZOOTECNICHE CHE PROVVEDONO ALLA VENDITA DIRETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DI ORIGINE ANIMALE (COMPRESE LE CASE DI CACCIA, LA MACELLAZIONE DI POLLAME E CONIGLI NON SOGGETTA A RICONOSCIMENTO E LA TRASFORMAZIONE DI ALTRI PRODOTTI AZIENDALI DI ORIGINE ANIMALE) B05.03 PRODUZIONE MIELE B24. CONTROLLO VETERINARIO SULLA PRODUZIONE DI ALIMENTI PER AUTOCONSUMO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI DESTINATI AL CONSUMO UMANO E PER GLI ANIMALI C APPLICAZIONE IN AMBITO PROVINCIALE DEL REGOLAMENTO (CE) 83/2005 CHE STABILISCE REQUISITI PER L IGIENE DEI MANGIMI. ATTUAZIONE IN AMBITO AZIENDALE DEL PIANO NAZIONALE E REGIONALE DI SORVEGLIANZA E DI VIGILANZA SANITARIA SULLA ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI (PNAA/PRAA) B CONTROLLO VETERINARIO, ZOOSANITARIO E SUL BENESSERE DEI MAMMIFERI DOMESTICI E SELVATICI NEGLI IMPIANTI DI MACELLAZIONE E DI SEZIONAMENTO DELLE CARNI FRESCHE. SEZ.SANCO I,II,III,IV B CONTROLLO VETERINARIO SULLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE DELLE CARNI. SEZ.V, SEZ.VI, SEZ.XII E SEZ.XIII B CONTROLLO VETERINARIO DEGLI IMPIANTI DI MACELLAZIONE, IMMAGAZZINAGGIO DEI PRODOTTI ITTICI, PREPARAZIONE, TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELLA PESCA E DELL'ACQUACOLTURA E DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI MOLLUSCHI EDULI LAMELLIBRANCHI. SEZ.VII, SEZ.VIII E SEZ. XI B CONTROLLO VETERINARIO SULLA LAVORAZIONE DEI PRODOTTI A BASE DI LATTE. SEZ.IX C6 APPLICAZIONE IN AMBITO PROVINCIALE DEI PIANI NAZIONALE E REGIONALE, PER LA RICERCA DEI RESIDUI NEGLI ANIMALI E IN ALCUNI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE IN OTTEMPERANZA AL D.LGS 58/2006 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI COMMERCIO INGROSSO E DETTAGLIO, DISTRIBUZIONE, SOMMINISTRAZIONE, IMPORT-EXPORT PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE E DI ALIMENTI ZOOTECNICI C2 CONTROLLO SULLA MOVIMENTAZIONE DEGLI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESSO IL PORTO S. VITALE IN APPLICAZIONE AL D.L.GS 223/2003 E AL REG. CE 83/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI B VIGILANZA SUGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO DI CARNI E SUGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO DI CARNI E PRODOTTI ITTICI B05.0. CONTROLLO VETERINARIO NEGLI IMPIANTI FRIGORIFERI DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI RICONOSCIUTI E NEI DEPOSITI ALIMENTARI REGISTRATI B2. PIANO DI LAVORO INTEGRATO CON UVAC E PIF PER LA GESTIONE DEL RISCHIO ALIMENTARE NEGLI SCAMBI E NELLE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI ALIMENTARI DI ORIGINE ANIMALE E CONTROLLO DI SUPERVISIONE NEGLI STABILIMENTI ABILITATI ALL ESPORTAZIONE DI ALIMENTI NEI PAESI TERZI B8. GESTIONE DELLE PRATICHE PER GLI STABILIMENTI ABILITATI ALL ESPORTAZIONE VERSO PAESI TERZI pag 5 di 208

6 Indice C5 APPLICAZIONE DELLE NORME SANITARIE RELATIVE AI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO, AI FINI DELLA PROFILASSI DELLE ENCEFALOPATIE SPONGIFORMI TRASMISSIBILI E DI ALTRE MALATTIE INFETTIVE E DIFFUSIVE B08. PIANO DI CAMPIONAMENTO DELLE MATRICI ALIMENTARI LA SANITÀ DEGLI ANIMALI NON DESTINATI ALLA PRODUZIONE DI ALIMENTI E IL LORO RUOLO PER IL BENESSERE DELL'UOMO A9. GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE VETERINARIE NELLE AREE URBANE (IGIENE URBANA VETERINARIA) C0 CONTROLLI UFFICIALI NEGLI ALLEVAMENTI DI ANIMALI DA PELLICCIA A. GLI ANIMALI SPORTIVI PIANI INTEGRATI A VALENZA DIPARTIMENTALE B05.0. APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA SANITARIA NELLE ZONE DI MARE CLASSIFICATE PER LA MOLLUSCHICOLTURA INTENSIVA (MITILICOLTURA) E PER LA RACCOLTA DEI MOLLUSCHI BIVALVI VIVI DELLE SPECIE CHAMALEA GALLINA E TAPES SPP.(IN COLLABORAZIONE CON SIAN) B05.2 VIGILANZA NEI SUPERMERCATI CON ATTIVITÀ DI PRODUZIONE E VENDITA AL DETTAGLIO DI CARNI E PRODOTTI ITTICI, NEGLI ESERCIZI DI GASTRONOMIA E DI SOMMINISTRAZIONE PASTI B4. REGISTRAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE IMPRESE ALIMENTARI B05. VISITE ISPETTIVE INTERNE (AUDIT DI SISTEMA) SULLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO NELLE STRUTTURE DI INTERESSE ZOOTECNICO E NEGLI STABILIMENTI DI PRODUZIONE DI ALIMENTI RICONOSCIUTI/REGISTRATI AI SENSI DEI REGOLAMENTI COMUNITARI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE PROGETTI DI INTERESSE COMUNE ALLE UO VETERINARIE B3/C GESTIONE SISTEMI RAPIDI D'ALLERTA PER LA SICUREZZA ALIMENTARE. (SETTORE PROD. PRIMARIA, MANGIMISTICO, TRASFORMAZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E SOMMINISTRAZIONE) A/B5/C2 LL SISTEMA INFORMATIVO VETERINARIO, LO SVILUPPO DEL SOFTWARE AVELCO E DEI SISTEMI INFORMATICI GESTIONALI A/B7/C. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE ESTERNO E INTERNO E SULLA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTI DI MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELLE PRESTAZIONI VETERINARIE --93 B9 LA SUPERVISIONE SULL ATTIVITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE STAFF DI EPIDEMIOLOGIA E COMUNICAZIONE EC BILANCIO DI MISSIONE EC2 SISTEMA DI SORVEGLIANZA PASSI EC3 SISTEMI INFORMATIVI CORRENTI EC4 BOLLA I PERICOLI EC5 S.IN.A.T.RA (S.ORVEGLIANZA IN.QUINAMENTO A.TMOSFERICO T.ERRITORIO DI RA.VENNA) EC6 CONTRIBUTO ALLO STUDIO DEL RAPPORTO AMBIENTE DI VITA E SALUTE EC7 PROGETTI DI COMUNITA LA CASA DELLA SALUTE PER GUADAGNARE SALUTE E GINS-GRUPPI IN SALUTE pag 6 di 208

7 Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Premessa Servizio Prevenzione e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Le funzioni di prevenzione e vigilanza negli ambienti di lavoro sono state attribuite alle (attuali) Aziende USL con Legge 833/78 che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale e confermate nel DLgs 502/92 riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. della Legge 23 Ottobre 992, n. 42 e nel DLgs 8/08 il cui articolo 3 recita: La vigilanza sull applicazione della legislazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro è svolta dall Unità Sanitaria Locale e, per quanto di specifica competenza, dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, nonché, per il settore minerario, dal Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato, e per le industrie estrattive di seconda categoria e le acque minerali e termali dalle Regione e Province Autonome di Trento e di Bolzano. ( ) Per il territorio della provincia di Ravenna tale vigilanza è svolta dall Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (U.O. PSAL), che è articolazione del Dipartimento di Sanità Pubblica (DSP) di Ravenna, dell AUSL della Romagna. L U.O. PSAL è struttura complessa individuata all interno del Dipartimento di Sanità Pubblica dall Atto Aziendale dell AUSL di Ravenna, con funzioni di prevenzione, promozione della salute, vigilanza e controllo su salute pubblica e sicurezza sul lavoro. Attività dell U.O. PSAL: criteri di programmazione dell attività di controllo e modalità di intervento Il Piano di interventi che l Unità Operativa di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (PSAL) si è prefissato di realizzare nel corso del 205 consta di obiettivi ed azioni rivolte sia al controllo delle imprese del territorio, vigilando sul rispetto delle specifiche norme in materia, sia all informazione ed assistenza su temi di carattere generale e specifico inerenti la valutazione dei rischi, l adozione di soluzioni preventive, la formazione dei lavoratori e altri ancora. Per quanto attiene alla azioni di vigilanza, l U.O. PSAL, in linea con gli obiettivi indicati dalla Regione, ha programmato di controllare 350 imprese del territorio, appartenenti ai diversi comparti produttivi presenti. Tale valore, sommato al numero di imprese controllate dall Unità Operativa Impiantistica Antinfortunistica, consente di arrivare ad una copertura di controllo delle imprese pari al 9% del totale, valore che rappresenta il Livello Essenziale di Assistenza (LEA) fissato dalla Regione Emilia-Romagna (LEA nazionale : 5%). In particolare, nel settore delle costruzioni, attività molto diffusa nel territorio, il programma prevede di ispezionare 320 cantieri, che, sommati a quelli controllati dall Unità Operativa Impiantistica Antinfortunistica specificamente rivolti alla regolarità ed adeguatezza dell impianto elettrico, consentono di raggiungere un livello di copertura territoriale superiore a quello (429). indicato dagli atti di indirizzo nazionali (Piano Nazionale della Prevenzione ), che verranno a breve recepiti nel Piano Regionale della Prevenzione dell Emilia-Romagna Il vistoso calo dell indice infortunistico di frequenza verificatosi nell ultimo decennio negli ultimi anni (con un certo aumento nel 202 rispetto al 200) non deve indurre a facili trionfalismi: il settore rimane ad elevato rischio di infortuni, anche gravi e mortali e occorre quindi insistere nella vigilanza dei fattori di pericolosità (caduta dall alto, seppellimento, sprofondamento, folgorazione, ecc.) che ne sono alla base. Di seguito vengono riportati i principali criteri per la programmazione dei controlli, coerentemente con quanto indicato dai documenti di indirizzo regionali in materia di vigilanza e controllo. La selezione/programmazione delle imprese in cui effettuare controlli è solo in minima parte condizionata dalle dimensioni delle stesse, visto che l esperienza sul campo evidenzia che nelle unità produttive rilevanti, pur essendo in generale più organizzato il sistema della prevenzione, non sempre a ciò corrisponde una minore presenza di fattori di rischio, anche in virtù della frequente maggiore complessità della lavorazione e dei rapporti con ditte in appalto, a volte numerose nello stesso luogo di lavoro. Più determinante nella scelta delle aziende da ispezionare è l appartenenza ad un settore produttivo che si distingua per la maggiore pericolosità in rapporto al possibile accadimento di infortuni o al manifestarsi di pag 7 di 208

8 Servizio Prevenzione e Sicurezza in Ambienti di Lavoro malattie professionali o che (in virtù di tali motivi) viene indicato come settore prioritario di intervento da parte di documenti di indirizzo nazionali o regionali. In continuità con quanto precedentemente indicato dal Piano Regionale della Prevenzione ed in linea con gli atti di indirizzo nazionali e con le indicazioni regionali attualmente disponibili, l U.O. PSAL interviene prioritariamente nei seguenti settori/fattori di rischio: agricoltura, edilizia, aziende con rischio cancerogeno, aziende con rischio di malattie muscolo scheletriche, controlli mirati alla verifica dei corretti adempimenti in materia di formazione dei lavoratori; a questi, nel 205, in continuità con quanto già iniziato nel 204, si aggiungerà un programma specifico di controlli sugli elementi di tutela che maggiormente possono essere penalizzati dal lavoro in appalto, previsti da un programma regionale in via di definizione, nonché verifiche su particolari tipologie di ambienti confinati, quali impianti di aziende vitivinicole e biodigestori. E previsto inoltre un progetto pluriennale di monitoraggio e controllo del rischio derivante da esposizione dei lavoratori ad aflatossine come contaminanti di cereali ed alimenti, per il quale sarà necessario implementare un flusso informativo tra le U.O. del Dipartimento di Sanità Pubblica che si occupano a vario titolo della problematica (in particolare del settore veterinario). Sono previsti interventi anche presso le aziende a vario titolo ricomprese nel petrolchimico, con particolare riferimento al rischio da amianto e a quello infortunistico connesso alla rimozione dello stesso. Oltre ad interventi mirati a questi comparti/fattori di rischio indicati dalla Regione, l U.O. effettua una valutazione di natura epidemiologica finalizzata al monitoraggio dell indice infortunistico e della frequenza di malattie correlate al lavoro nel territorio, al fine di trarne elementi utili per l individuazione dei comparti lavorativi cui dedicare maggiori risorse per l attività di vigilanza e controllo e in generale di prevenzione. Il documento statistico-epidemiologico di riferimento è il Rapporto annuale OREIL, elaborato dall Azienda USL di Reggio Emilia su mandato della Regione. In generale, vi è corrispondenza tra i comparti produttivi prioritari per la vigilanza indicati da atti nazionali e regionali e quelli individuati consultando il Rapporto e desumendone le priorità territoriali. Tuttavia, eventuali criticità territoriali vengono considerate in modo specifico (al fine di riservarvi risorse per interventi di prevenzione) e di ciò viene dato atto, all interno di questo Piano di lavoro, nella descrizione del progetto dedicato al comparto o al fattore di rischio che presenta tali criticità. In questa tipologia rientra nel 205 la metalmeccanica, comparto nel quale l indice infortunistico non mostra decrementi lineari. Occorrerà pertanto reindirizzare alcune risorse dedicate ai piani di interesse nazionale e regionale verso questo settore, vista la rilevanza locale. Allo stesso modo, emergendo una criticità nel numero di malattie professionali di natura muscoloscheletrica nei settori agricoltura ed edilizia, a partire dal 205 verranno condotte azioni di controllo e promozione presso aziende di questi comparti, in particolar medo finalizzate ad ottenere un miglioramento della valutazione del rischio biomeccanico. E importante anche privilegiare quelle situazioni che, per tipologia produttiva-pericolosità-percezione del rischio nella popolazione, rappresentano peculiarità territoriali: tra queste spicca certamente il settore portuale nel quale, nel corso del 204, sono state coinvolte dai controlli circa 50 imprese, livello che, con circa una trentina di interventi, si prevede di mantenere nel corso del 204. Nello stesso settore, si è anche programmato un piano di monitoraggio specificamente rivolto al rischio di esposizione a silice libera cristallina. Grande attenzione e utilizzo di risorse viene riservata al rischio amianto, considerata la notevole diffusione di attività produttive nella cui strutture questo minerale era ed è presente in quantità variabili e lo spiccato livello di percezione del rischio tra la popolazione: oltre ad esaminare circa 200 piani di rimozione amianto presentati da imprese (quelli presentati da privati cittadini per piccole quantità vengono ora gestiti dall U.O. Igiene Pubblica), si prevede di ispezionare circa tra i 70 e i 90 cantieri di rimozione o luoghi con i pericolo connesso all amianto. I principali criteri in base ai quali individuare singole imprese in cui intervenire sono rappresentati da: conoscenza diretta da parte dell U.O. PSAL, all interno del territorio, di situazioni rischiose, anche acquisite attraverso visione diretta dei luoghi di lavoro, come accade per i cantieri edili che si presentano irregolari perlustrando le diverse zone della provincia; accadimento di infortuni sul lavoro gravi o frequenti; segnalazioni di situazioni pericolose da parte di lavoratori, cittadini, altri portatori di interesse (con un vaglio preventivo sull attendibilità della segnalazione); aggregati anomali di malattie professionali della stessa natura. Nell ambito della cosiddetta Sezione Permanente, Organismo Provinciale di scambio di informazioni e programmazione di attività congiunte tra gli Enti della Pubblica Amministrazione aventi compiti di prevenzione e controllo (istituito ai sensi del DPCM 7/2/2007), anche su impulso della Prefettura di Ravenna, sono stati definiti criteri anche per l attivazione, nel settore dell edilizia, di interventi coordinati e congiunti. Negli interventi coordinati gli Enti interagiscono comunicandosi reciprocamente caratteristiche pag 8 di 208

ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA. Compiti e funzioni del servizio:

ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA. Compiti e funzioni del servizio: a) indagini epidemiologiche; ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA b) mappatura dei fattori di rischio per le popolazioni; c) educazione sanitaria relativa all igiene e

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria

Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria Le attività di vigilanza e controllo nel campo della sicurezza alimentare e della sanità pubblica

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CRITERI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Competenza su: alimenti di origine animale. La pianificazione annuale dell attività dell

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

ULSS 6 VICENZA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI NELL ANNO 2014: SALTARE SUL TRENO DELLA RIPRESA SENZA FARSI MALE

ULSS 6 VICENZA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI NELL ANNO 2014: SALTARE SUL TRENO DELLA RIPRESA SENZA FARSI MALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Cod. ipa AUV Tel. 0444 753111

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Al Dipartimento di Sanità Pubblica competono funzioni di promozione della salute, di prevenzione delle malattie e di miglioramento della qualità della vita, nonché funzioni

Dettagli

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007 Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro Comitato di Programma 17 dicembre 2007 OBIETTIVI DI UN PROGRAMMA DEL PIANO PER LA SALUTE - migliorare la salute del gruppo di popolazione a cui il

Dettagli

U. O Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica In ambienti di Vita e di Lavoro. Programma di lavoro anno 2015

U. O Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica In ambienti di Vita e di Lavoro. Programma di lavoro anno 2015 Pag. 1 U. O Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica In ambienti di Vita e di Lavoro Programma di lavoro anno 2015 Pag. 2 1. Compiti e finalità La tutela dai rischi derivanti dall installazione ed utilizzo

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Medico

Dipartimento di Prevenzione Medico CURE PRIMARIE 30 Dipartimento di Prevenzione Medico Direttore: Dr.ssa Giuliana Pieracci Il Dipartimento di Prevenzione Medico è struttura gestionale dell Azienda Sanitaria, caratterizzata da ampia flessibilità

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL RIMINI Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica INDICE 1.1. Dipartimento di Sanità Pubblica...4 1.2. Direttore del Dipartimento...4 1.3. Responsabile Tecnico del Dipartimento...5

Dettagli

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI Abstract I Servizi o Unità operative Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti Lavoro (PSAL) e le Unità Operative Impiantistiche Antinfortunistiche (UOIA), operanti nel Dipartimento di Sanità Pubblica delle

Dettagli

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna PROGETTO REGIONALE DI AUDIT PER VERIFICARE LA CORRETTA APPLICAZIONE PRESSO I LABORATORI DESIGNATI E I MACELLI, DEL REGOLAMENTO 2075/2005 RELATIVO AI CONTROLLI UFFICIALI SULLA PRESENZA DI TRICHINELLA NELLE

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di prevenzione assicura le prestazioni volte al mantenimento e alla promozione della salute della popolazione, attraverso diverse funzioni rivolte direttamente

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

Regione Emilia Romagna

Regione Emilia Romagna Regione Emilia Romagna Assessorato Politiche per la Salute Studio Servizio Sanità Pubblica Anno 2007 Verifica, implementazione e valutazione di modelli di prevenzione basati sull Evidenza Scientifica Rapporto

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica

Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Il livello della Prevenzione collettiva e sanità pubblica include le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la sicurezza della comunità da rischi

Dettagli

Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali

Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali Allegato 1 Livello di Assistenza: Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Il livello della Prevenzione collettiva e sanità pubblica include le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI AREA DI SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA

PIANO DI LAVORO DI AREA DI SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA https://posta0.intra.ausl.ra.it/service/home/~/?auth=co&loc=it&id=956&part= Dipartimento di Sanità Pubblica di Ravenna PIANO DI LAVORO DI AREA DI SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA 05 U.O. Sanità Animale U.O.

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C.

istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C. istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C. Strumenti per la Prevenzione.. Dr. Paolo Bruno Angori Project Manager S.I.S. Prevenzione Collettiva REGIONE TOSCANA - Direzione Generale

Dettagli

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi Giugno 2015 Indice Sintesi introduttiva del Piano provinciale

Dettagli

Ministero della salute Ufficio VII AUDIT DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI VETERINARI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE AASSLL DI VITERBO, RM G E RM H L audizione si è svolta il 20 novembre presso l Assessorato

Dettagli

Carta dei Servizi SEZIONE 2 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

Carta dei Servizi SEZIONE 2 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA 54 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Direttore Dr. Ermanno Bongiorni Il Piano Sanitario Nazionale individua nell assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro uno dei tre macro livelli

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili L idoneità tecnico professionale imprese e lavoratori autonomi Dott. Martini Stefano smartini@ausl.pr.it tel. 0521/865173 tel. 0521/865399 SPSAL - DISTRETTO SUD-EST

Dettagli

Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010

Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010 Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010 Sicurezza Alimentare Disciplina delle modalità di finanziamento dei controlli sanitari

Dettagli

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L.

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L. Ruolo dell organo di vigilanza nel sistema della prevenzione Santo Alfonzo Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO S OGGETTI O BBLIGATI DATORI DI LAVORO, DIRIGENTI,

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cognome, Nome SOLLINI MARIA ANTONIETTA Luogo e data di Montedinove, 29.06.1953 Nascita Qualifica Dirigente Medico Amministrazione A.S.U.R. MARCHE Incarico

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini Quale EBP nei Dipartimenti di Sanità Pubblica. Analizzare, condividere, sperimentare attività efficaci. Proposte e prospettive per condividere attività efficaci Bologna 16 giugno 2008 PREVENZIONE INFORTUNI

Dettagli

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale.

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina veterinaria La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Dott. Paolo Cozzolino R.178/2002/CE principi generali

Dettagli

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.12.2010 N. 21-1278 PER I SEGUENTI

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Schiavoni Ugo Carlo Data di nascita 26/07/1959 Qualifica Dirigente Ingegnere Incarico attuale Responsabile Setting Zona di Arezzo -

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO COORDINATORE GRUPPO INTERREGIONALE MARCO MASI REGIONE TOSCANA LINEE STRATEGICHE PRINCIPALI PERSEGUITE Il Comitato tecnico interregionale

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA "A"

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA A SERVIZIO VETERINARIO Il Servizio Veterinario è costituito da una Area di Coordinamento e da tre Aree Funzionali: > AREA A: sanità animale; > AREA B: igiene della produzione, trasformazione e trasporto

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di Prevenzione è la struttura sanitaria dell Azienda ULSS che assicura le prestazioni volte al mantenimento ed alla promozione della salute della popolazione

Dettagli

Criteri e modalità di svolgimento del controllo

Criteri e modalità di svolgimento del controllo Tipologia di Tutte le attività iscritte alla camera di Commercio indipendentemente dal settore di attività (salvo attività sanitarie) tutte le imprese verifica documentale segnalazione certificata di inizio

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro

REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro A- PREMESSE 1-EPIDEMIOLOGIA REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro La regione Abruzzo nel 2004 presentava 479.000 occupati con un lieve incremento

Dettagli

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE Coltivazioni (orticole in pieno campo, orticole in serra, cereali, leguminose, industriali,foraggere ) Decisione CE 2007/363 ;Reg. CE 183/05 degli Alimenti e Nutrizione Allevament apistici riferimento.

Dettagli

Dipartimento di prevenzione

Dipartimento di prevenzione ARTICOLAZIONE TERRITORIALE E SEDI ACCORPAMENTO ASL 6 di Ciriè + ASL 7 di Chivasso + ASL 9 di Ivrea - Distretto Venaria ASL 6 = ASL TO 4 STRUTTURA COMPLESSA AREA B DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA AREA

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Dipartimento di Sanità Pubblica SEDE di MODENA LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena hanno

Dettagli

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione A. Programma del corso per addetti delle imprese di da amianto (30 ore) TEMA 1. Aspetti introduttivi 2. Aspetti sanitari 2. Dispositivi di Protezione

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

PIANO OPERATIVO ATTIVITA DI PREVENZIONE IN EDILIZIA

PIANO OPERATIVO ATTIVITA DI PREVENZIONE IN EDILIZIA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI Ospedale di Tolmezzo-Gemona accreditato Joint Commission International DIPARTIMENTO DI

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08. Regione Emilia-Romagna

Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08. Regione Emilia-Romagna ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08 Regione Emilia-Romagna ANNO 2012 2 INDICE ORGANIZZAZIONE DEL

Dettagli

DOMANDE PIU FREQUENTI

DOMANDE PIU FREQUENTI DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA REGIONE MARCHE PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA a cura del Gruppo Tecnico Regionale Edilizia 1 LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN EDILIZIA PREMESSA Gli infortuni

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (PRIMA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Pianifica stabilire gli obiettivi ed i processi necessari. Plan. Do Esegui dare attuazione ai processi

Pianifica stabilire gli obiettivi ed i processi necessari. Plan. Do Esegui dare attuazione ai processi SICUREZZA SUL LAVORO Il fine ultimo della sicurezza aziendale è la prevenzione del rischio, con l intento di salvaguardare la salute del lavoratore, intesa, come da definizione dell OMS (Organizzazione

Dettagli

Sicurezza Alimentare. Relazione Annuale. Servizio Igiene Alimenti Origine Animale

Sicurezza Alimentare. Relazione Annuale. Servizio Igiene Alimenti Origine Animale Sicurezza Alimentare Relazione Annuale 2012 Servizio Igiene Alimenti Origine Animale PREMESSA Nell ambito del settore alimentare l attività del Servizio Igiene degli Alimenti di Origine Animale è costantemente

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA 1 IL MEDICO COMPETENTE chi è? medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente 2 Disposizioni di legge Rischi / lavorazioni/

Dettagli

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI Rappresenta lo spazio organizzativo che all interno dell impresa agricola deve occuparsi della gestione della sicurezza. Il responsabile del SPP viene nominato dal datore di lavoro tra i propri dipendenti

Dettagli

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO A) ATTIVITÁ MONITORATA ATTRAVERSO I LEA 1) Attività di vigilanza per comparto Grandi Opere (GO) e altri cantieri complessi* EDILIZIA (comparto)

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula -PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula CORSO RSPP DATORE DI LAVORO ALTO RISCHIO 48ORE D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art. 34 coordinato al D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 ed Accordo Stato-Regioni del 21

Dettagli

Corso Modulo A per ASPP-RSPP CORSO DI ABILITAZIONE (ASR 26.01.2006 e Linee Guida) 29 ore 8/17 settembre 2015

Corso Modulo A per ASPP-RSPP CORSO DI ABILITAZIONE (ASR 26.01.2006 e Linee Guida) 29 ore 8/17 settembre 2015 Corso Modulo A per ASPP-RSPP CORSO DI ABILITAZIONE (ASR 26.01.2006 e Linee Guida) 29 ore 8/17 settembre 2015 Laboratorio TekneHub Tecnopolo dell Università di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

Direzione Igiene e Sanità Pubblica Unità Operativa di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Sedi: Trento - Rovereto

Direzione Igiene e Sanità Pubblica Unità Operativa di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Sedi: Trento - Rovereto Direzione Igiene e Sanità Pubblica Unità Operativa di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Sedi: Trento - Rovereto È la struttura dell Azienda Sanitaria della Provincia di Trento, deputata

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014 Allegato a) PROCEDURE DI SALUTE E SICUREZZA RELATIVE A APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI ALL INTERNO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI SECONDO GRADO AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008 LINEE GUIDA

Dettagli

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di Modello A Timbro protocollo ufficio ricevente Data Al SUAP del Comune di Oggetto: Dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN

ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN SEDE LEGALE ED UFFICIO: Corso Roma 45 15121 Alessandria (AL) SEDE OPERATIVA LIGURIA: Palazzina Ex Omsav Zona

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VIOLA DOMENICO Data di nascita 11/10/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Veterinario Servizio Veterinario : Area Igiene degli

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA Premessa Prevenzione della Collettività e cura del singolo individuo appartengono alla medesima Azienda Sanitaria, ma

Dettagli

Organismo Provinciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro della Provincia di Bari COMPITI E FUNZIONI DELL ORGANISMO PROVINCIALE 24/05/2014

Organismo Provinciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro della Provincia di Bari COMPITI E FUNZIONI DELL ORGANISMO PROVINCIALE 24/05/2014 Organismo Provinciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro della Provincia di Bari Prefettura di Bari, 16 maggio 2014 COMPITI E FUNZIONI DELL ORGANISMO PROVINCIALE Il sistema istituzionale per la

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita [06/09/1954] MELONI GIUSEPPINA MARIA TERESA Qualifica Amministrazione Incarico attuale e

Dettagli

Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del D. lgs. 81/08

Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del D. lgs. 81/08 Supporto alle PMI nell adeguamento alle nuove regole per i comparti artigiani che utilizzano sostanze e miscele Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del

Dettagli

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo CEFAS GIORNATE DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (ai sensi dell allegato XIV del D.lgs 81/2008 - edizione 2013) LA GESTIONE DEI PROTOCOLLI

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti.

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti. SISTEMI INTEGRATI Nasce dall esigenza di proporre alle aziende un servizio sempre più flessibile ed organizzato per meglio adattarsi alle necessità del mercato e nel contempo ampliare i servizi offerti

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli