MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE"

Transcript

1 MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE Programma per il recupero, la riqualificazione, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali valdarnesi (L.R. 29 Luglio 1998, n. 41)

2

3 Regione Toscana Provincia di Arezzo Comune di San Giovanni Valdarno Programma per il recupero, la riqualificazione, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali valdarnesi (L.R. 29 Luglio 1998, n. 41) Dossier conclusivo, 2006

4

5 Programma per il recupero la riqualificazione la conservazione dei beni culturali Valdarnesi (L.R. 29 luglio 1998) Coordinamento Comune di San Giovanni Valdarno, Ufficio Cultura Giuseppino Piras, Fausto Forte Project Management Giuseppe Gherpelli Manuela Rossi Ufficio di coordinamento del programma Cooperativa Archeologia: Giuseppina Noviello, Simona Zeni Progetto 1 Studio e Analisi Ilaria D Uva Olivia Faggi Piero Guicciardini Marco Magni Marco Storchi Rilevamento dati Cooperativa Archeologia: Matteo Fusini Progetto 2 Studio e Analisi Irpet Ciset Progetto 3 Studio e Analisi Maurizio Vivarelli Si ringraziano: Comune di Bucine, Comune di Castelfranco di Sopra, Comune di Cavriglia, Comune di Laterina, Comune di Loro Ciuffenna, Comune di Montevarchi, Comune di Pergine, Comune di Pian di Scò, Comune di Terranuova Bracciolini, Comune di San Giovanni Valdarno, Accademia Valdarnese del Poggio, Associazione Amici di Casa Venturi, Fondazione Roseto Botanico di Cavriglia Carla Fineschi, Parrocchia della Collegiata di San Lorenzo, Parrocchia di San Giovanni Battista in Cavriglia, Parrocchia di Santa Maria Bambina in Terranuova Bracciolini, Parrocchia di Pieve a Presciano, Parrocchia di Santa Maria a Scò, Pieve di Gropina, Rettorato della Basilica Santissima Maria delle Grazie, Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico, ed Etnoantropologico della Provincia di Arezzo, Air Liquide di Pergine Valdarno, Stefano Bertocci, Mario Bellini, Fabrizio Tani. Copyright 2005 Comune di San Giovanni Valdarno, Ufficio Cultura

6

7 I n d i c e Progetto 1 11 Linee Guida Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi 13 Introduzione Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi 17 Allegato A Protocollo d intesa 31 Allegato B Ordinamento, organizzazione e struttura dei Musei Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi 39 Analisi delle condizioni di conservazione e protezione dei beni mobili e immobili dei musei del Valdarno Piero Guicciardini, Marco Magni 49 Progetto di riqualificazione del sistema museale del Valdarno Marco Storchi 77 Servizi al pubblico per il Sistema Museale Valdarnese Ilaria D Uva, Olivia Faggi 139 Allegato C Curricula Allegato D Apparato Fotografico Studio Associato Guicciardini e Magni Architetti, D Uva Workshop Allegato E CD Rom, Schede di rilevazione Progetto Introduzione metodologica Parte I Il sistema turistico-culturale del Valdarno Superiore Sud: I risultati dell analisi desk 1. IL SISTEMA ECONOMICO DELL AREA E IL RUOLO DELLA COMPONENTE TURISTICA Premessa La domanda turistica L offerta ricettiva 2. L OFFERTA CULTURALE DELLA TOSCANA: IL TERRITORIO DEL VALDARNO SUPERIORE Premessa: musei, sostenibilità e organizzazione in rete I musei in Toscana Le reti museali toscane 7

8 I n d i c e Le strutture museali valdarnesi Beni culturali, ambiente e territorio Confronto tra le strutture museali presenti nel Valdarno fiorentino e aretino Elementi di forza e di debolezza dell offerta culturale del Valdarno e valutazioni conclusive 235 Appendice: SCHEDE SISTEMI MUSEALI 3. MODELLI CULTURALI ED EVOLUZIONE DELLA DOMANDA NEL VALDARNO Premessa I modelli di domanda e di turismo culturale Turismo rurale e rurale-culturale. Interpretazioni per la Toscana e il Valdarno Domanda turistica e culturale in Toscana Il Valdarno nel mercato turistico attuale e modelli di fruizione Parte II I risultati dell analisi field 4. IL SISTEMA TURISTICO CULTURALE DEL VALDARNO SUPERIORE SUD I risultati dell indagine I risultati dei focus group Parte III Valutazioni e proposte POSIZIONAMENTO COMPETITIVO E POTENZIALE DI ATTRATTIVITÀ TURISTICO-CULTU- RALE DELL AREA ANALISI SWOT COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI SVILUPPO TURISTICO DELL AREA OSSERVAZIONI FINALI E PROPOSTE DI INTERVENTO Progetto Le biblioteche del Valdarno Statistiche e indicatori. Criticità. Modelli di sviluppo Maurizio Vivarelli 8

9 MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE Programma per il recupero, la riqualificazione, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali valdarnesi (L.R. 29 Luglio 1998, n. 41) PROGETTO 1 Musei/beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione

10

11 L i n e e G u i d a L I N E E G U I D A PROGETTO 1. Musei e beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione INDIVIDUAZIONE E ANALISI DEI MUSEI E BENI CULTURALI MUSEI E SEDI ESPOSITIVE ESI- STENTI Casa Masaccio e Museo della Basilica (San Giovanni Valdarno) Casa Venturi e Museo Venturi (Loro Ciuffenna) La Ginestra, Museo della Collegiata, Museo Galeffi, Museo Paleontologico (Montevarchi) Museo della Miniera e Museo della Pieve (Cavriglia) MUSEI E BENI CULTURALI NEI QUALI SONO IN CORSO PROGET- TI Museo di Arte Sacra (Terranuova Bracciolini) Torre di Galatrona (Bucine) Torre Guinigi (Laterina) ALTRI BENI CULTURALI Badia a Soffena (Castelfranco di Sopra) Il Cassero (Montevarchi) Pieve di San Pietro a Gropina (Loro Ciuffenna) Pieve di Santa Maria (Pian di Scò) Roseto Fineschi (Cavriglia). AREE DI ANALISI (Allegato B e C) ORDINAMENTO E CONSERVA- ZIONE SERVIZI DI SUPPORTO (conservazione e supporto in funzione delle attività di valorizzazione) VALORIZZAZIONE 1) organizzazione e struttura 2) condizioni statiche, strutturali, impiantistiche delle sedi e delle collezioni esposte 3) stato dei recuperi, dei restauri e degli allestimenti 1) servizi tecnici dell immobile servizi di pulizia e igiene ambientale 2) servizi di sicurezza armata e non armata 3) servizi di accoglienza ai visitatori 4) servizi di governo, comunicazione, informazione, controllo Gherpelli-Rossi Guicciardini & Magni Marco Storchi D Uva Workshop 1) modalità di accesso al pubblico sussidi alla visita 2) Sussidi alla visita 3) servizi speciali servizi accessori 4) strumenti di comunicazione primaria 5) comunicazione al pubblico 6) contatti, collaborazioni e partenariato 7) sistemi di fidelizzazione e analisi dell offerta e della valutazione del pubblico AZIONI PRIORITARIE A) SOTTOSCRIZIONE NUOVO PROTOCOLLO D INTESA B) ATTIVAZIONE STRUTTURA DI COORDINAMENTO DEL SISTEMA PRIMI INTERVENTI DEL NUOVO SISTEMA 1) redazione atti normativi individuali e di sistema (statuti e regolamenti) 2) individuazione sistema di identità visiva e comunicazione coordinata del sistema 3) progetto di didattica integrato 4) fund raising 5) individuazione di una figura di coordinamento organizzativo del sistema 6) individuazione e coordinamento di alcuni progetti preliminari 11

12

13 I n t r o d u z i o n e Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi I N T R O D U Z I O N E Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi 1. INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto 1 del programma finanziato dalla legge 41/98 dal titolo Musei/beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione aveva come obiettivo previsto nel bando l elaborazione e la stesura di uno studio preliminare sul sistema dei musei e dei beni culturali del Valdarno, comprensivo di tutti gli elementi utili di conoscenza relativamente allo stato di fatto di ogni elemento componente il sistema (atti costitutivi, stato della catalogazione, stato di conservazione, analisi del pubblico, condizioni di fruibilità, presenza di statuti e regolamenti, servizi e prodotti per il pubblico, possesso degli standard di riferimento, interconnessioni con il sistema museale provinciale, ecc.), il rilievo delle criticità e delle potenzialità, la scala delle priorità di intervento, le linee di intervento da attivare, ecc. Il lavoro è stato svolto, tra maggio e novembre 2005, in quattro fasi: costituzione di un team di specialisti nel settore della conservazione e restauro, della valorizzazione e dei servizi di supporto ai beni culturali (allegato C), oltre a una figura dedicata al rilevamento dei dati relativi ai beni culturali del Valdarno (allegato E); sopralluoghi, raccolta dati, analisi e discussione del team dei risultati che nel corso del lavoro sono emersi; elaborazione dei dossier con le conclusioni specifiche di ogni specialista del team (allegato B); lavoro comune di sintesi e individuazione delle linee prioritarie di intervento per rispondere agli obiettivi del progetto. I siti presi in esame durante il lavoro sono riassumibili in tre tipologie (allegato D): 1) Musei e sedi espositive esistenti: Casa Masaccio e Museo della Basilica (San Giovanni Valdarno); Casa Venturi e Museo Venturi (Loro Ciuffenna); La Ginestra, Museo della Collegiata, Museo Galeffi, Museo Paleontologico (Montevarchi); Museo della Miniera e Museo della Pieve (Cavriglia). 2) Musei e beni culturali nei quali sono in corso progetti di recupero e/o di allestimento museale: Museo di Arte Sacra (Terranuova Bracciolini); Torre di Galatrona (Bucine); 13

14 I n t r o d u z i o n e Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi Torre Guinigi (Laterina). 3) altri beni culturali: Badia a Soffena (Castelfranco di Sopra); Il Cassero (Montevarchi); Pieve di San Pietro a Gropina (Loro Ciuffenna); Pieve di Santa Maria (Pian di Scò); Roseto Fineschi (Cavriglia). Dal punto di vista metodologico il team ha potuto contare su una medesima base di conoscenza, acquisita attraverso l osservazione e la discussione sul campo effettuata insieme al gruppo di specialisti, da una parte, e tramite il lavoro di raccolta dati a opera dell ufficio coordinamento dedicato al progetto dall altro. Questa situazione ha potuto determinare una visione a 360 gradi delle strutture, dei luoghi e delle relative opportunità e problematiche. Gli aspetti analizzati per ognuno dei 18 siti sono ascrivibili a tre aree di intervento sui beni culturali, analogamente a quanto già definito dalla normativa sugli standard museali recepita dalla Regione Toscana: 1) ordinamento e conservazione: organizzazione e struttura (atti normativi, personale, collezioni, gestione) condizioni statiche, strutturali, impiantistiche delle sedi e delle collezioni esposte stato dei recuperi, dei restauri e degli allestimenti 2) servizi di supporto (conservazione e supporto in funzione delle attività di valorizzazione): servizi tecnici dell immobile (calore, manutenzione edificio e impianti) servizi di pulizia e igiene ambientale servizi di sicurezza armata e non armata servizi di accoglienza ai visitatori (reception, custodia) servizi di governo, comunicazione, informazione, controllo 3) valorizzazione: modalità di accesso al pubblico (orari, tariffe, servizi di accoglienza) sussidi alla visita servizi speciali (didattica, biblioteca, archivio, fototeca, multimedia, laboratori) servizi accessori 14

15 I n t r o d u z i o n e Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi strumenti di comunicazione primaria (segnaletica, orientamento, didascalie) comunicazione al pubblico contatti, collaborazioni e partenariato sistemi di fidelizzazione e analisi dell offerta e della valutazione del pubblico. 2. PROPOSTE DI AZIONE 2.1 Verso il nuovo sistema museale del Valdarno Per attuare le principali linee di intervento emerse dal lavoro svolto in questi mesi, sono state individuate due azioni prioritarie: INDIVIDUARE UN NUOVO STRUMENTO DI GESTIONE DEL SISTEMA Un nuovo protocollo di intesa che sia propedeutico alla costituzione degli strumenti più idonei alla gestione di servizi e alla costruzione di programmi, con l obiettivo di individuare priorità in materia di conservazione, valorizzazione, organizzazione di servizi di supporto e al pubblico integrati e linee di lavoro per l acquisizione degli standard. La bozza di documento che segue queste pagine (allegato A) costituisce lo strumento che dovrà definire per il nuovo sistema museale: le linee di conservazione e valorizzazione dei beni culturali e museali del Valdarno; le metodologie decisionali da mettere in campo in relazione alle azioni di intervento; la costituzione di un comitato tecnico; l attivazione di un ufficio di coordinamento del sistema; le azioni prioritarie da coordinarsi. ATTIVARE UNA STRUTTURA DI COORDINAMENTO DEL SISTEMA, in grado di orientare e stimolare le fasi di adeguamento e di progettazione durante le fasi di attuazione del sistema. Il quale rappresenta una soluzione per superare alcune delle criticità di ogni realtà, per individuare un posizionamento della loro immagine, per una riorganizzazione secondo criteri di efficacia ed efficienza. Alcuni servizi potranno così fare capo a una struttura centrale che abbia il ruolo di programmazione e coordinamento I primi interventi del nuovo sistema museale In considerazione di quanto illustrato finora, si propongono alcune azioni di intervento ritenute prioritarie, 15

16 I n t r o d u z i o n e Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi da attivarsi potenzialmente a partire dal 2006: 1) redazione atti normativi individuali e di sistema (statuti e regolamenti); 2) individuazione di un sistema di identità visiva e di comunicazione coordinata del sistema; 3) progetto di didattica integrato; 4) fund raising; 5) individuazione di una figura di coordinamento organizzativo del sistema; 6) individuazione e coordinamento di alcuni progetti preliminari a mo di modello in alcuni dei campi di intervento analizzati nel corso del lavoro del progetto 1 del programma. 16

17 MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE Allegato A Protocollo d intesa Musei/beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione

18

19 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi S C H E M A P R O T O C O L L O D I N T E S A Protocollo d intesa Sistema museale e dei beni culturali del Valdarno Superiore CONSERVAZIONE, VALORIZZAZIONE, GESTIONE Il giorno., in San Giovanni Valdarno (Arezzo), presso la sede municipale, in via, n, fra la Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico di Arezzo e l Amministrazione Provinciale di Arezzo e il Comune di Bucine e il Comune di Castelfranco di Sopra e il Comune di Cavriglia e il Comune di Laterina e il Comune Loro Ciuffenna e il Comune di Montevarchi e il Comune di Pergine Valdarno e il Comune di Pian di Scò e il Comune di San Giovanni Valdarno e 19

20 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi il Comune di Terranuova Bracciolini, e la Comunità Montana del Pratomagno e l Accademia Valdarnese del Poggio e la Parrocchia di San Lorenzo di Montevarchi e il Rettorato della Basilica di San Giovanni Valdarno e la Parrocchia della Pieve di Cavriglia e la Fondazione Fineschi di Cavriglia e la Casa Venturino Venturi di Loro Ciuffenna premesso che - i Comuni di Bucine, Castelfranco di Sopra, Cavriglia, Laterina, Loro Ciuffenna, Montevarchi, Pergine Valdarno, Pian di Scò, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini, allo scopo di potenziare e coordinare le strutture museali esistenti, sviluppandone le attività gestionali e promozionali, la qualità dei servizi, e in generale la fruibilità da parte dei cittadini e dei turisti, sottoscrissero, nel 2002, uno specifico Protocollo d intesa (cui aderirono il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Provincia di Arezzo, la Comunità Montana del Pratomagno, l Accademia Valdarnese del Poggio, la Parrocchia di San Lorenzo di Montevarchi, il Rettorato della Basilica di San Giovanni Valdarno, la Parrocchia della Pieve di Cavriglia) - il succitato Protocollo d intesa prefigurava l avvio di un progetto di valorizzazione dei beni culturali del territorio attraverso la costituzione del sistema museale valdarnese, denominato Musei del Valdarno Superiore, inteso come rete di musei che consente di migliorare i servizi offerti, razionalizzare i costi, promuovere livelli di efficienza ed efficacia delle attività superiori a quanto sarebbe possibile realizzare 20

21 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi da parte dei singoli musei, e ha permesso la realizzazione di prodotti di informazione e comunicazione che possono essere ripresi e valorizzati nel futuro - il progetto 1 del programma presentato, nel 2004, dal Comune di San Giovanni Valdarno (Arezzo), alla Regione Toscana, che lo ha co-finanziato (L.R. 41/98, annualità 2005), recante il titolo Musei/beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione è stato completato in data 13 dicembre 2005, ed è costituito dallo Studio Preliminare comprensivo di tutti gli elementi utili di conoscenza relativamente allo stato di fatto di ogni elemento componente il sistema (atti costitutivi, stato della catalogazione, stato di conservazione, analisi del pubblico, condizioni di fruibilità, presenza di statuti e regolamenti, servizi e prodotti per il pubblico, possesso degli standard di riferimento, interconnessioni con il sistema museale provinciale, ecc.), il rilievo delle criticità e delle potenzialità, la scala delle priorità di intervento, le linee di intervento da attivare, ecc. - il sistema dei musei, dei beni culturali e del paesaggio del Valdarno Superiore costituisce un patrimonio di notevole interesse e fra i più rilevanti dell intera provincia di Arezzo - è necessario garantire lo sviluppo di azioni coordinate, volte a garantire la conservazione, la la valorizzazione e la gestione del sistema dei musei, dei beni culturali e del paesaggio del Valdarno Superiore - per il raggiungimento degli obiettivi di cui al punto precedente è indispensabile procedere alla definizione di un programma pluriennale, comprendente interventi, progetti e servizi, riferiti all intera gamma delle tipologie d azione individuate nello Studio Preliminare - la complessità e l onerosità del programma sopra indicato presuppongono la convergenza di intenti e di disponibilità di tutti i soggetti, pubblici e privati, locali e non locali, a qualsiasi titolo interessati alla conservazione, valorizzazione e gestione dei beni culturali e paesaggistici valdarnesi - è indispensabile corredare la redazione del programma sopra citato con le analisi e le scelte relative all istituto giuridico amministrativo cui successivamente fare riferimento per adottare un modello gestionale capace di assicurare efficacia, efficienza e trasparenza nelle decisioni concernenti il sistema 21

22 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi museale e dei beni culturali del Valdarno Superiore premesso ancora che - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 3) specifica che la tutela consiste nell esercizio delle funzioni e nella disciplina delle attività dirette, sulla base di una adeguata attività conoscitiva, ad individuare i beni costituenti il patrimonio culturale e a garantirne la protezione e la conservazione, e che l esercizio delle funzioni di tutela si esplica anche attraverso procedimenti volti a confermare e regolare i diritti e i comportamenti inerenti al patrimonio culturale - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 29) prevede che la conservazione del patrimonio culturale sia assicurata mediante una coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione ( il complesso delle attività idonee a limitare le situazioni di rischio connesse al bene culturale nel suo contesto ), manutenzione ( complesso delle attività e degli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento della integrità, dell efficienza funzionale e dell identità del bene e delle sue parti ) e restauro ( intervento diretto sul bene attraverso un complesso di operazioni finalizzate all integrità materiale del bene medesimo, alla sua protezione e alla trasmissione dei suoi valori culturali ) - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 30) assegna allo Stato, alle Regioni, agli altri enti pubblici territoriali nonché ad ogni altro ente ed istituto pubblico l obbligo di garantire la sicurezza e la conservazione dei beni culturali di loro appartenenza - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42) prevede che gli interventi conservativi sui beni culturali che coinvolgono lo Stato, le Regioni e gli altri enti pubblici territoriali, nonché altri soggetti pubblici e privati, siano ordinariamente oggetto di preventivi accordi programmatici - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 6) specifica che la valorizzazione dei beni culturali consiste nell esercizio delle funzioni e nella disciplina delle attività dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso, e che la valorizzazione comprende la promozione ed 22

23 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi il sostegno degli interventi di conservazione del patrimonio - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 6) ribadisce la necessità che tutte le azioni di valorizzazione dei beni culturali siano attuate in forme compatibili con le esigenze della tutela - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 6) prevede espressamente, favorisce e sostiene la partecipazione di soggetti privati, singoli o associati, alla valorizzazione del patrimonio culturale - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 7) afferma il vincolo per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per le Regioni e per gli altri enti pubblici territoriali di perseguire il coordinamento, la armonizzazione e la integrazione delle attività di valorizzazione dei beni pubblici - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 102) prevede che lo Stato, le Regioni e gli altri enti pubblici territoriali nonché ogni altro ente o istituto pubblico assicurino la fruizione, fra gli altri, dei complessi monumentali - il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 7), prevede che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali possa trasferire alle Regioni e agli altri enti pubblici territoriali, in base ai principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza, la disponibilità di istituti e luoghi di cultura al fine di assicurare una adeguata fruizione e valorizzazione dei beni ivi presenti premesso infine che - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.1, auspica la promozione e la integrazione di funzioni e compiti concernenti la tutela, la fruizione, la valorizzazione e la gestione del bene culturale, e favorisce il coordinamento e l`integrazione delle iniziative e degli interventi sui beni culturali con le politiche di governo del territorio e di tutela del paesaggio 23

24 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.3, in applicazione del principio di leale collaborazione, elabora, definisce e propone atti di coordinamento, di intesa e di accordo con lo Stato che possano accrescere il livello di integrazione nell`esercizio delle funzioni concernenti i beni culturali - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.3, prevede, fra l altro, l organizzazione, l integrazione e lo sviluppo delle attivita` di fruizione degli istituti e dei luoghi della cultura, compresi quelli di appartenenza statale, nonche` l attribuzione della disponibilita` e della gestione di istituti e luoghi della cultura statali al sistema regionale e locale, ai sensi dell`articolo 102 del d. lgs. 42/ la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.3, prevede, fra l altro, la organizzazione, l integrazione e lo sviluppo delle attivita` di valorizzazione, ai sensi dell`articolo 115 del d. lgs. 42/2004, e l individuazione di adeguate forme di gestione - L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, riconosce negli enti locali territoriali i soggetti essenziali per il sistema regionale, ai quali compete la responsabilita` di integrare, coordinare e gestire, nel quadro dei principi indicati dalla Regione, le relazioni fra il bene culturale ed il contesto paesaggistico e territoriale - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, riconosce il contributo di conoscenze tecniche, di esperienze, di risorse economiche ed organizzative che i privati, singoli o associati, con o senza scopo di lucro, possono apportare all`intervento pubblico per i beni culturali, e ne valorizza l`iniziativa e l`attivita` - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.8, prevede che l intervento regionale in materia di beni culturali si avvalga di forme di cooperazione quali accordi, convenzioni, contratti - la L.R. 31 gennaio 2005, n. 19, art.9, prevede la partecipazione della Regione Toscana a fondazioni, associazioni, comitati e altri organismi sulla base di progetti definiti in applicazione dei principi di sussidiarieta`, di differenziazione e di adeguatezza e di congruita` dimensionale, tecnica e gestionale 24

25 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi si stipula e conviene quanto segue Articolo 1 Le premesse sono parte integrante del presente protocollo d intesa. Articolo 2 Le parti convengono sulla necessità di predisporre, entro il , il programma degli interventi di conservazione, valorizzazione e gestione relativi al sistema museale e dei beni culturali del Valdarno Superiore. Articolo 3 Il programma degli interventi di cui all articolo precedente sarà costituito da tre distinti progetti, che dovranno contenere le specifiche degli interventi prioritari in ordine alla conservazione (prevenzione, manutenzione, restauro), alla valorizzazione (diffusione delle conoscenze, informazione e comunicazione, servizi per il pubblico, ecc.), e alla gestione coordinata (modello giuridico amministrativo da adottare per la conduzione delle azioni) del patrimonio culturale valdarnese. Articolo 4 Le parti si riservano di valutare in sede di definizione del programma l eventuale decisione di presentare uno o più progetti al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, alla Regione Toscana e alla Provincia di Arezzo, in vista del loro eventuale inserimento negli accordi quadro poliennali, ovvero per concorrere ad altre forme di finanziamento disposte da altri soggetti pubblici e privati. Articolo 5 Al fine di predisporre il programma di cui ai precedenti articoli è costituito il Comitato di Programma per il sistema museale e dei beni culturali del Valdarno Superiore. ll Comitato di Programma è costituito da: - in rappresentanza della Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico di Arezzo - in rappresentanza della Amministrazione Provinciale di Arezzo - in rappresentanza del Comune di Bucine 25

26 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi - in rappresentanza del Comune di Castelfranco di Sopra - in rappresentanza del Comune di Cavriglia - in rappresentanza del Comune di Laterina - in rappresentanza del Comune di Loro Ciuffenna - in rappresentanza del Comune di Montevarchi - in rappresentanza del Comune di Pergine Valdarno - in rappresentanza del Comune di Pian di Scò - in rappresentanza del Comune di San Giovanni Valdarno - in rappresentanza del Comune di Terranuova Bracciolini - in rappresentanza della Comunità Montana del Pratomagno - in rappresentanza dell Accademia Valdarnese del Poggio - in rappresentanza della Parrocchia di San Lorenzo di Montevarchi - in rappresentanza del Rettorato della Basilica di San Giovanni Valdarno - in rappresentanza della Parrocchia della Pieve di Cavriglia - in rappresentanza della Fondazione Fineschi - in rappresentanza della Casa Venturino Venturi Per l organizzazione dei suoi lavori, il Comitato di Programma si avvale dell ufficio di coordinamento costituito dal Comune di San Giovanni Valdarno (L.R. 41/98). Articolo 6 Le spese di funzionamento del Comitato di Programma sono a carico del Comune di San Giovanni Valdarno, che utilizzerà al riguardo, fino alla data di consegna del programma, i fondi di cui alla L.R. 41/98. Articolo 7 Le parti si riservano di definire gli eventuali rispettivi impegni finanziari in ordine al programma con successivi atti specifici. Articolo 8 Le parti si riservano di inserire nel Comitato di Programma rappresentanti di altri enti pubblici o privati che ne facciano richiesta o la cui collaborazione venga giudicata necessaria. 26

27 P r o t o c o l l o d i n t e s a Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi Letto, approvato e sottoscritto San Giovanni Valdarno,.. 27

28

29 MUSEI DEL VALDARNO SUPERIORE Allegato B Relazione Specialisti Musei/beni culturali del Valdarno Superiore: la valorizzazione

30

31 O r d i n a m e n t o, o r g a n i z z a z i o n e e s t r u t t u r a d e i M u s e i Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi O R D I N A M E N T O, O R G A N I Z Z A Z I O N E E S T R U T T U R A D E I M U S E I Giuseppe Gherpelli, Manuela Rossi 1. ORDINAMENTO Le considerazioni che seguono sono relative essenzialmente ai Musei afferenti al sistema. È infatti molto difficile fare considerazioni generali sull ordinamento dei beni culturali presi in esame in quanto al massimo è possibile rilevarne la proprietà ed eventuali convenzioni in essere sulle modalità di gestione, mentre non ci sono dati (e nemmeno obblighi specifici) in relazione a una forma ordinamentale da adottare. I Musei del sistema sono quasi tutti relativamente recenti quanto a data di istituzione e di apertura al pubblico. L unico museo storico è il Museo Paleontologico di Montevarchi, istituito e aperto al pubblico nel Se poi si escludono il Museo della Basilica di San Giovanni Valdarno e il Museo della Collegiata di Montevarchi, a cui si può accomunare l attività di Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno, aperti tra il 1973 e il 1985, tutti gli altri Musei presi in esame sono stati istituiti e aperti al pubblico negli ultimi dieci anni. Sintomo di una volontà e di una ricerca di recupero della storia e dell identità del territorio diffusa, anche se scarsamente integrata nella proposta culturale e promozionale. A questi musei, si aggiungono luoghi come la Torre di Galatrona a Bucine, la Torre Guinigia a Laterina, il Museo d arte sacra di Terranuova, la Badia di Soffena a Castelfranco e le attività di arte contemporanea alla Ginestra di Montevarchi in cui sono in corso progetti e/o interventi finalizzati alla fruizione culturale in senso lato o più strettamente museale. Infine nel panorama si staglia il nuovo progetto del Museo delle Terre Nuove nel Palazzo d Arnolfo a San Giovanni, che costituisce la fase conclusiva del programma finanziato dalla legge 41/98. Si tratta quindi ancora di una realtà piuttosto fluida e in evoluzione, su cui è ipotizzabile incidere con azioni e interventi. Prima di tutto rispetto al sistema museale, merita un analisi il protocollo d intesa firmato nel Si tratta di un documento che esprime una volontà comune di integrazione per i musei, con il positivo coinvolgimento di Soprintendenza e Provincia di Arezzo, ma - come è anche nella natura dello strumento - non ha determinato azioni concrete di sistema. Proprio a livello di sistema, è opportuno iniziare una concreta riflessione e azione per dare una connotazione di IDENTITA e di COORDINAMENTO e INTEGRAZIONE dei SERVIZI, prima di tutto quelli minimi al pubblico come l apertura. È questo il primo passo per acquisire coscienza di sistema e per trovare un proprio posizionamento di offerta nel panorama, tutt altro che scarso, della Toscana. 31

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione

Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO ai sensi dell articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 TESTO COORDINATO 1 DECRETI LEGISLATIVI 22 GENNAIO 2004, N. 42; 24 MARZO 2006, NN.156 E 157; 26 MARZO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli