Report a cura di Maurizio De Dominicis Truffe assicurative in Italia: Analisi socio economica e possibili rimedi. (estratto)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report a cura di Maurizio De Dominicis Truffe assicurative in Italia: Analisi socio economica e possibili rimedi. (estratto) www.thinkthanks."

Transcript

1 Report a cura di Maurizio De Dominicis Truffe assicurative in Italia: Analisi socio economica e possibili rimedi. (estratto)

2 Ultimo aggiornamento IVASS L analisi svolta si conclude con una panoramica dei dati relativi all anno appena conclusosi, sulla base delle informazioni recentemente fornite dall IVASS 1. Il primo dato rilevante riguarda l andamento dei mercati assicurativi su scala internazionale, in quanto si evince una condizione di miglioramento che è partita sin dal Difatti la raccolta premi è cresciuta in termini reali, nell ordine del 2,9%; questo andamento ricalca il dato positivo già registrato per il ramo danni, mentre rappresenta una positiva inversione di tendenza per il comparto vita, che aveva fatto registrare dei lievi cali in precedenza. La rilevazione si basa sull andamento dei mercati dei paesi OCSE e l andamento medio nasconde numerosi dati importanti, utili soprattutto a mettere in luce le difformità tra le diverse aree. A conferma di ciò, basta osservare i dati concernenti la raccolta dei premi per il settore vita, le cui oscillazioni vanno dal +44% del Lussemburgo al -14% dell Olanda, passando per il +12% della Norvegia e il -10% della Grecia, con una media complessiva pari al +1,5%. Il dato riguardante l Italia è molto lontano dall andamento medio OCSE, con un calo pari quasi all 8%. (#$ ''='$ '#$ &#$ "%=>$ "#=>$ "#$ %#$ #$ %"=?$ %%=?$ %%="$ %#=%$?$ '=A$ &=A$ "=>$ "=?$ "=?$ "='$ %=($ )*++,-.*/01$ 21/,3$4,)$+*4$ 25),$ 61/7,053$.,)051$ 81)1653$ 5/)3643$ -,++521$ /,061$*6591$ 5+/3,),$ +9395$*6595$ -,453$8164,/393$12+,$ /23$ ,$ +75::,/3$ -,453$12+,$ 5+)3643$ 0,/-3653$ +)17322;53$ +)17,653$ <56)36453$ +7,:53$ /,8*..)523$2,23$ $,+91653$ 9*/2;53$ 3*+9/3)53$ 593)53$ 81/9103))1$ 3*+9/53$ 0/,253$ </36253$ $ *60;,/53$ 83,+5$.3++5$ Figura 8: Tassi di variazione in termini reali della raccolta per il settore vita (Fonte IVASS 2014) Per quel che riguarda il pagamento dei sinistri, anche in questo caso i dati sono fortemente oscillanti e vanno dall incremento del 43% fatto registrare in Lussemburgo al calo del 31% in Portogallo; l Italia presenta una variazione in aumento dell 1,5%, lontana dalla media dei paesi OCSE (che si attesta al 5,7%). Lo scenario è meno ondivago per quanto concerne il settore danni, dove la media per la raccolta premi è di poco superiore allo 0,5% (a differenza della sopracitata media in termini reali del 2,9%) e sintetizza l estremo positivo della Corea del Sud (+15%) e quello negativo della Svezia (-19% circa). paesi europei (in crescita per il 6%). 1 IVASS, 2014, Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno

3 (#$!"#$% "#$ %#$ &#$ '#$ &'#"% ()#$% ("#(% ("% ("% (&#)%(&#!%(&#"%((#*% ((#&% *#&% +#)% +#)%,#*%,#,% )#&% "#*% "#"% &#!% (#)% (#$% (#$% (#$% -'#$%-'#,% -'#*% -'#*% -(#(% -"#+% -$#$%-('#,% -"'#*% #$!'#$!&#$!%#$!"#$ "#$ )*++,-.*/01$ 23,+4$.3++4$ 54),$ /,2*..)453$5,53$ $ +7,843$ 4+)3693$ +)17,643$.,)041$ 61/7,043$ +)17355:43$ /53$ -,++451$ 4+/3,),$ 0/,543$ ;46)36943$ <*/5:43$ Figura 9: Tassi di variazione delle uscite per pagamenti in termini nominali nel settore vita fonte IVASS 2014 /,061$*64<1$ $ ;/36543$ 3*+</3)43$ ,$ 4<3)43$ +<3<4$*64<3$ 51/,3$9,)$+*9$ *60:,/43$,+<1643$ 21)1643$ 4/)3693$ 3*+</43$ +7488,/3$ 0,/-3643$ 21/<103))1$ %&$!"#$%!!#&%!'#&% (#)% (#&% %#$ )#*% "#(% "#"% &$ #$ &#"% &% *#+% *#"% *#$% *#!% $#+%!#!%!% '#)% '#&% '#$% '%,!#-%,$#*%,$#(%,*#&%,&#"%,&#)%,&#-%,&#-%,&#(%,)#*%,(#-%,!'#$%,!(#(%!&$!%#$!%&$!"#$ '()*+$,*-$./,$ 0/)'12+$ 2)-+3,+$ 3()4*52+$ *.0(32+$ '+3+,+$ '2-*+$ +/.0)+-2+$ 6*-52($ 2.)+*-*$ 7*..2'($.0+02$/3202$ 5*)7+32+$.4288*)+$ 7*,2+$9(3,*)+0+$('.*$ :)+3'2+$ 9(-(32+$ Figura 10: Tassi di variazione in termini reali della raccolta per il settore danni fonte IVASS *,2+$.*79-2'*$('.*$,+327+)'+$ 2.-+3,+$ +/.0)2+$ 9+*.2$6+..2$ :23-+3,2+$.-(4*32+$ -/..*76/)5($ )*9/66-2'+$'*'+$ )*53($/320($.9+53+$ $.-(4+''12+$ 9()0(5+--($ 5)*'2+$ /351*)2+$.4*82+$ )#$!"# (#$ "#$ %#$ $%&'# $(&(# &#$ '#$ ##$!'#$!&#$!%#$ *+,-$./-0+1$ 234*5+1$ )'&(# )*&!# )*&$# +&+# "&,#,&!#!&'# (&"# (&'# $&"# $&,# $&(# )&)# *&+# *&(# *&$# *&)# -*&,# 6417*+1$ 784/-9+1$ :8,87+1$ ;-,9+8$ *84-1$<-,$.3<$ $.,8/1**5+1$./+00-41$ :1-.+$;1..+$.212+$37+2+$ $ =-..+*8$ 4-978$37+28$ *171<1$ 9-4=17+1$ +.41-,-$ 4-:3;;,+*1$*-*1$.:1971$.,8/-7+1$ -)# -)&$# -)&'# -)&'# -$&$# -"&)# -)$&)#-)%&+#-$)&+# -$!&$#-()&(# +.,17<1$ :842891,,8$ 6+7,17<+1$ +21,+1$ <17+=14*1$ $,3..-=;3498$ +4,17<1$ 94-*+1$ ,+1$!"#$ Figura 11: Tassi di variazione delle uscite per pagamenti in termini nominali per sinistri nel settore danni - fonte IVASS

4 In queste misurazioni l Italia si presenta con un calo del 4,8%, cui si affianca un calo del 2,2% per il pagamento dei sinistri nello stesso settore. Il dato in questione è poco allineato alla media rilevata dallo studio OCSE, che mostra un incremento del 2% considerando tutti i paesi dell area OCSE e pari, invece, all 1% con riferimento ai paesi dell area europea. Lo scenario assicurativo italiano si è modificato in questi ultimi anni, non solo per i dati mostrati poc anzi, ma anche per quanto concerne gli operatori, il cui numero è in costante calo. A testimonianza di ciò, in un decennio gli operatori assicurativi operanti sul territorio nazionale si sono ridotti da 189 a 131, con una riduzione netta pari a poco più del 30%. Ciò non sta a significare che c è stato un costante abbandono del mercato da parte degli operatori, in quanto il dato è frutto anche delle operazioni di accorpamento verificatesi nel tempo. Un ulteriore dato importante è rappresentato dal numero di imprese che possono essere definite multiramo, pari a solo il 10%. Nel panorama così descritto vanno, però, inserite alcune considerazioni di maggior dettaglio in termini di ricadute economiche sull attività svolta dalle compagnie assicurative italiane. In particolare, viene valutato l impatto di uno degli strumenti di più recente introduzione, vale a dire il risarcimento diretto. La Convenzione fra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (CARD) è stata lanciata nel 2007, ma ha cominciato a fornire i primi risultati incoraggianti nel 2010, quando oltre la metà dei sinistri veniva rimborsata mediante CARD. Da quel momento in poi, però, l utilizzo di questa procedura è andata calando e nel 2013, il dato è calato fino in prossimità dei livelli del 2008 in termini di valore e al 2009 in termini di numerosità dei casi. Tuttavia, i risultati, seppur positivi, restano un parziale avvicinamento agli obiettivi prefissati negli anni addietro, data la perpetrazione di comportamenti opportunistici e l assenza di incentivi verso le prassi virtuose poste in essere. Nel complesso, però, i sinistri continuano a calare, soprattutto nel ramo r.c. auto, che è da sempre l attività di più difficile gestione per gli operatori del comparto assicurativo. Un primo dato rilevante riguarda la riduzione del volume d affari per i premi r.c. auto, il cui calo continua inesorabilmente (-7,5%), dopo un accenno di ripresa nei due ultimi anni (2011 e 2012); il canale che paga maggiormente questa diminuzione è quello delle agenzie, la cui quota continua ad erodersi, ormai, dal La vendita diretta e, soprattutto, i nuovi canali basati sulle più recenti tecnologie hanno, in parte, contribuito a queste risultanze e, come segnalato nel paragrafo3, le compagnie assicurative italiane dovrebbero puntare maggiormente su queste nuove forme di contrattualizzazione, che stanno mostrando risultati positivi. La loro quota, infatti, è cresciuta dal 5 all 8% negli ultimi anni e i trend mostrati in altri paesi industrializzati, lasciano immaginare, con un buon grado di certezza, una continua evoluzione lungo questo percorso. Un analisi territoriale rispetto alla r.c. auto, realizzata dall IVASS in tutte le città capoluogo di provincia in Italia, ha fatto registrare sensibili riduzioni del numero di sinistri, in misura sempre superiore al 10%, con eccezione della provincia di Trento, dove il calo si è fermato al 9%. Nella tabella che segue i dettagli delle riduzioni. La miglior performance in termini di volumi e di valori si registra a Napoli, dove si sono ridotti di un terzo i sinistri; simili riduzioni si sono manifestate a Potenza e L Aquila, quindi in aree solitamente additate per lo scarso virtuosismo degli assicurati. Province Variazione sinistri (in volume) Variazione sinistri (in valore) Torino -30,2% -27,8% Aosta -18,7% -11,3% Genova -23,4% -13,0% Milano -25,1% -19,0% Bolzano -11,6% -2,2% Trento -9,1% -13,1% Venezia -21,9% -18,7% Trieste -24,5% -20,8% Bologna -17,4% -13,1% 4

5 Ancona -20,7% -14,5% Firenze -20,9% -23,0% Perugia -22,9% -14,3% Roma -23,8% -17,4% Napoli -33,9% -33,6% L Aquila -31,4% -28,1% Campobasso -32,0% -11,9% Bari -31,1% -20,1% Potenza -30,8% -32,1% Reggio Calabria -29,1% -14,3% Palermo -27,1% -11,6% Cagliari -27,9% -17,4% Media Capoluoghi -25,9% -20,5% Media nazionale -24,0% -20,3% Tabella 8: Andamento r.c.a. nel biennio Figura 12: Relazione tra la variazione del numero dei sinistri e la variazione del valore degli stessi nel biennio (Fonte IVASS 2014) Il grafico di dispersione qui rappresentato rappresenta degli andamenti non lineari in alcuni casi, in quanto le positive performance di alcune aree (Napoli, Potenza, L Aquila e Torino) si presentano sia per quanto concerne il ridotto numero di sinistri, sia per il calo degli indennizzi che le compagni assicurative hanno versato, in maniera del tutto simile. In altre aree, invece, la forte riduzione del numero di sinistri non si accompagna ad una similare diminuzione dell ammontare del valore dei sinistri, come a Campobasso, Reggio Calabria, Palermo e Genova. Molte le città che presentano risultati medi, ma equilibrati ed in linea con la media dei capoluoghi (indicata con M1) e con quella nazionale (indicata con M2), come Milano, Roma, Venezia e Perugia. Ridotte, ma sicuramente equilibrate, le variazioni presentatesi a Trento, Bologna ed Aosta. Singolare, infine, il caso di 5

6 Bolzano, dove un calo dell 11% del numero dei sinistri è stato associato ad una riduzione del 2% del valore dei sinistri rimborsati. Le considerazioni sopra esposte richiedono delle analisi approfondite, in quanto il dato di sintesi nasconde gli effetti combinati (e contrastanti) dell incremento del valore medio dei sinistri con la riduzione degli stessi in termini di volume, soprattutto per quanto concerne i casi che mostrano discrepanza nei due andamenti. In parallelo alle riduzioni appena analizzate non si è manifestato, però, un calo dei premi assicurativi di pari importo, visto che le riduzioni oscillano tra il 2 e l 11%. Nella tabella che segue, l andamento dei premi riferiti al periodo Hanno particolare rilievo i cali ridotti in città come L Aquila, Bari e Reggio Calabria, viste le positive performance in termini di riduzione di sinistri. Nel complesso, però, si riscontrano miglioramenti dovuti ai recenti interventi delle compagnie assicurative, che hanno messo a frutto la costruzione della Banca dati sinistri, costituita grazie alle informazioni fornire dalle imprese assicurative operanti in Italia e con sede nello stesso paese. L archivio così costituito ha consentito, grazie anche ai dati messi a disposizione dalle forze dell ordine e da appositi soggetti individuati dai dispositivi di legge di più recente introduzione, di migliorare l attività di investigazione, volta a ridurre gli interventi fraudolenti. È per questo che il numero di interrogazioni del sistema è quasi quintuplicato rispetto al 2012; allo stesso scopo l IVASS ha istituito uno strumento che integra ed elabora i dati a disposizione (l Archivio Integrato Antifrode - AIA), in modo da favorire una più rapida ed approfondita individuazione dei casi di sospetta fraudolenza. L alimentazione di questi registri diventa, dunque, cruciale e per tale motivo è stata prevista l obbligatorietà 2 della predisposizione di resoconti annuali da parte delle compagnie assicurative, circa la loro attività di contrasto agli atti fraudolenti. C è da sottolineare, però, che poco meno della metà delle imprese ha rispettato tale obbligo nel 2013 e, quindi, che c è ancora molto da fare per sensibilizzare circa l utilità di questo strumento e la necessità di partecipazione da parte di tutti gli operatori del settore. Queste considerazioni risultano in linea con quanto sta accadendo nello scenario internazionale, dove sempre più spesso le banche dati stanno fornendo dei risultati incoraggianti in termini di lotta alle attività fraudolente, con forme sempre più innovative e integrative di diverse fonti di informazione, come evidenziato dai casi neozelandesi e britannici messi in luce nel paragrafo 3. I risultati registrati possono, con tutta probabilità, rappresentare uno stimolo verso una più profonda partecipazione, considerando i dati riguardanti l analisi dei casi esposti a rischio frode; si evidenzia, infatti, un sensibile aumento, a conferma di due tendenze: l efficacia delle attività di contrasto e la crescita del numero di soggetti che, stanti le condizioni economiche del paese, puntano a cercare negli indennizzi assicurativi una fonte di sostentamento, seppur di breve periodo. L aumento in questione è pari, difatti, al 15% visto che i sinistri a rischio frode sono passati da a All esposizione al rischio frode mostrata dai dati precedenti, si affianca il numero dei sinistri che sono stati oggetto di ulteriori attività investigative; anche in questo caso è stato registrato un aumento, seppur di misura ridotta, dato che dalle occorrenze del 2012, si è passati alle del 2013, con un aumento superiore all 8%. Il numero degli interventi di contrasto da parte delle compagnie assicurative aumenta particolarmente se si tengono in considerazione anche i casi di frode emersi in fase liquidativa; questo tipo di attività fraudolenta ha fatto registrare un aumento del 30%. Ancor più forte è l incremento che ha interessato le frodi non derivanti dalla simulazione dei sinistri o dalla modifica alle fattispecie ad essi legati, ma dalla predisposizione di aspetti contrattuali e non contrattuali volti all ottenimento di indebiti vantaggi. Per questa misura, difatti, l aumento delle frodi è pari al 35,5%. Le aree interessate dalla realizzazione di queste attività fraudolenti sono sostanzialmente invariate rispetto ai dati dello 2 Art. 30, comma 1, del d. l. n. 1/2012, convertito con modificazioni in legge n. 27/ IVASS, 2014, Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013, Riduzione del premio medio 6

7 scorso anno ed emerge una certa uniformità territoriale. Risulta, però, interessante sottolineare come uno degli obiettivi auspicati in passato per le compagnie assicurative sia stato realizzato; il riferimento è alla riduzione dei costi da frode, che sono calati di ben 6 milioni di Euro rispetto all anno 2012, con un miglioramento in termini percentuali del 3%. Per ciò che concerne il futuro, inoltre, una ulteriore strada da percorrere è rappresentata dalla dematerializzazione del contrassegno, che si verificherà nel giro di due anni e consentirà di ridurre il sempre crescente numero di tagliandi falsi in circolazione, come illustrato nel paragrafo 3. Infine, un ulteriore spiraglio verso il miglioramento delle condizioni operative delle imprese assicurative risiede nel forte contrasto che si è posto ai fenomeni di imprese online che, raggiravano i clienti, danneggiando l intero comparto assicurativo. Tali attività fraudolente riguardavano non soltanto compagnie assicurative inesistenti, ma anche imprese che emulando i nomi di operatori realmente esistenti, truffavano i sottoscrittori di polizze e danneggiavano immagine e relazioni delle imprese concretamente operanti. Torino -6,1% Perugia -7,4% Aosta -11,2% Roma -6,9% Genova -9,6% Napoli -6,4% Milano -2,6% L Aquila -2,5% Bolzano -6,0% Campobasso -7,4% Trento -6,9% Bari -3,9% Venezia -9,6% Potenza -5,6% Trieste -9,6% Reggio Calabria -4,6% Bologna -10,9% Palermo -2,9% Ancona -7,6% Cagliari -10,8% Firenze -4,4% Media Capoluoghi -5,8% Media nazionale -7,7% Un quadro analitico Le frodi nel settore assicurativo sono un fenomeno sempre più diffuso a livello globale e preoccupante per gli impatti sulla gestione e sul risultato tecnico delle compagnie. Principali cause del fenomeno sono il contesto sociale e culturale e il malcostume la mancanza di senso civico. Le difficoltà nel contrastare e prevenire le truffe stanno nel fatto che nella maggior parte dei casi le frodi sono occasionali. Una dinamica che alimenta il circolo vizioso, frodi aumento dei costi di liquidazione per le imprese aumento delle tariffe applicate agli assicurati, che si è particolarmente accentuato nell attuale congiuntura economica. Nel Mezzogiorno, spesso la frode assicurativa è una delle attività economiche svolte dalla criminalità. Come è noto, l attività della mafia nei mercati legittimi «spiazza» i rivali imponendo in numerose industrie barriere all entrata effettive, sia nei mercati dei prodotti, sia in quello del lavoro. Sotto molti aspetti, questi mercati sono di gran lunga meno contendibili nelle regioni colpite dal crimine organizzato piuttosto che nelle altre. In alcuni casi estremi, nei quali la mafia riesce a controllare sia il lato dell offerta, sia quello della domanda dei beni: i mercati (sia il mercato della corruzione, sia quelli normali) sono soppressi e si afferma un organizzazione economica gerarchica, nella quale imprese esterne al cartello o gli entranti potenziali sono costretti a fronteggiare costi di transazione molto elevati. Questo ambiente istituzionale è una fonte di inefficienza ed inefficienza, nonché di distruzione del capitale sociale esistente. Il fenomeno della frode assicurativa, in sintesi, ha rilevanti effetti a livello macroeconomico dato che le frodi assicurative causano un sostanziale incremento dei costi per le compagnie assicuratrici che, a loro volta, reagiscono aumentando i premi a carico degli assicurati, provocando effetti negativi dal lato dei prezzi e del costo della vita in generale. Il fenomeno, nonostante importanti 7

8 innovazioni sul versante delle politiche di contrasto continua a cresce a causa di fattori diversi che trovano terreno fertile nelle difficoltà socioeconomiche che caratterizzano il nostro paese. La criminalità organizzata fa leva sulle sofferenze territoriali in diversi contesti economicamente depressi e nei quali anche grazie alle truffe riesce ad alimentare i suoi giri di affari. In tali contesti cresce un network ampio e complesso di truffatori i cui affari illeciti impattano gravemente sui costi delle assicurazioni. Come si è visto le nuove tecnologie e l'utilizzo incrociato delle banche dati sia all'interno dei singoli Stati sia a livello internazionale tra banche dati di Stati diversi, rappresentano dei veri e propri argini alla ulteriore affermazione del fenomeno. Molto importanti le indicazioni che giungono dall'analisi comparativa del contrasto in altri paesi, sebbene queste informazioni mostrino quanto ancora il nostro paese debba recuperare in questa direzione. All'estero il coinvolgimento degli assicurati nella lotta alle frodi è un meccanismo che comincia a dare i suoi frutti mentre in Italia manca un meccanismo premiante visto che la riduzione dei sinistri non incide sulla riduzione in pari misura dei premi. Molto rilevanti sono le disposizioni normative e le innovazioni introdotte su questo versante, sebbene i dispositivi legislativi siano ancora in fase di maturazione. E certamente le politiche e gli strumenti di contrasto dovranno fare affidamento oltre che su un nuovo contesto normativo più favorevole anche e soprattutto sulla possibilità di costruire un unico fronte comune costituito dalle compagnie assicurative. Un fronte comune che nel tempo deve generare strumenti e scelte comuni per opporsi con efficacia alle frodi assicurative. All'alleanza tra le compagnie deve seguire anche quella tra consumatori e compagni assicuratrici al fine di saldare un unico muro contro le frodi. Più volte in questo report si ricorre al concetto di rete rispetto all insieme di attori che a diverso titolo intervengono nella lunga filiera delle truffe assicurative e ai loro rapporti. In particolare si ricorre a due concetti chiave: da un lato si parla di network delle truffe assicurative, dall altro si ricorre all espressione meno neutrale di "capitale sociale". La presenza di capitale sociale è inversamente proporzionale alla diffusione e al radicamento di fenomeni legati al mondo dell illegalità quindi anche alle truffe. Le regioni e i territori ricchi di capitale sociale sono contesti dotati di anticorpi in grado di frenare la diffusione di fenomeni devianti. Il "capitale sociale" in questo approccio è sinonimo di civicness (senso civico) e di rispetto per le regole. Di qualche interesse per la spiegazione del fenomeno e della sua maggiore diffusione in contesti privi o dotati di un "capitale sociale" debole è il concetto di unsocial capital 4. Tale espressione sottolinea come la presenza di contesti sociali molto strutturati in termini di relazioni, come quelli riscontrabili nell regioni del Mezzogiorno italiano, possano rappresentare un terreno molto fertile per fenomeni devianti. La presenza della criminalità organizzata è dimostrazione di quanto il contesto e la sua organizzazione sociale possano influire sul tipo di mercati criminali controllati dai clan. In questo senso la presenza del crimine organizzato determina anche la maggiore diffusione di determinate truffe assicurative rispetto ad altre come l'incendio intenzionalmente provocato di capannoni e impianti industriali o il più recente "sinistro da bagna" (allagamenti intenzionalmente provocati di immobili acquistati dai clan in aste fallimentari). Sarebbe tuttavia difficile sostenere un nesso univoco tra la presenza di truffe e la presenza delle mafie e certamente le pratiche truffaldine quando si manifestano in territori ad alta densità mafiosa ci dimostrano quanto diffusa sia l illegalità in tali contesti e quanto tali comportamenti oltrepassino i confini delle stesse organizzazioni criminali, interessando soggetti in molti casi estranei alle cupole e ai clan. Seguendo questa linea interpretativa le truffe diventano un campanello di allarme quando si manifestano in contesti che sono per tradizioni dotati di capitale sociale forte come le regioni italiane centrosettentrionali. Il dilagare delle truffe in tali contesti ci mostra la formazione di una zona grigia in grado di promuovere comportamenti devianti senza il rischio di essere inquadrati come fenomeno criminale organizzato ma afferente ad un rango inferiore e in quanto tale meno rischioso. Di certo la 4 LEVI, M. Social and Unsocial capital: A review Essay of Robert Putnam s making Democracy Work, Politics & Society, vol. 24, n. 1,

9 professionalizzazione delle truffe può essere letta come costruzione di un terreno d ingresso in carriere criminali, come porta d accesso verso crimini più pesanti rispetto ai rischi e alle pene in cui incorrono i truffatori. Le truffe rappresentano un virus kafkiano molto difficile da abbattere, in quanto si annidano all interno dei gangli burocratici del processo assicurativo. Tale invisibilità, intesa come alta probabilità di farla franca da parte dei truffatori, sommata alle competenze legali e assicurative di chi truffa, ci mostra quanto il fenomeno sia riconducibile ai reati dei colletti bianchi più che al fenomeno mafioso tout court. Come se le truffe andassero strutturando un percorso di terziarizzazione per i manovali dell illegalità più che per i vertici o per gli esponenti di spicco afferenti alle organizzazioni criminali. Altrettanto rilevante sul terreno dell interpretazione, sono le ragioni profonde che spingono e che animano i truffatori e sui quali vale almeno la pena soffermarsi e avanzare qualche spiegazione. La diffusione del fenomeno è tale da giustificare una interpretazione che inquadra gli operatori assicurativi come poteri forti contri i quali è comprensibile schierarsi, in ragione della crisi o come tattica di sopravvivenza specie in contesti che si caratterizzano per assenza di opportunità, alta disoccupazione, sottosviluppo. Tale presa di posizione rappresenterebbe una giustificazione ideologica del comportamento truffaldino teso ad assimilare le assicurazioni alle banche e alle corporazioni fino ad alimentare l orgoglio del truffatore nell misura in cui non sente di aver danneggiato la collettività ma solo di aver scalfito la credibilità di soggetti forti e comunque in grado di riprendersi. Come si è visto nel presente report le dimensioni del fenomeno invece sono tali da giustificare una maggiore presa di coscienza da parte dell opinione pubblica e da stimolare una riflessione continua e approfondita su strumenti e politiche di contrasto più efficaci rispetto a tutto quello già sperimentato fino ad oggi. È evidente che parliamo non solo di interessi contrapposti, perché le truffe assicurative se hanno un merito, paradossalmente tale merito è quello di avvicinare gli assicurati alle assicurazioni. Entrambi, assicurato e assicuratore, in tutti i casi in cui non siano parte della filiera delle truffe, perdono qualcosa nella consapevolezza di assistere insieme ad un fenomeno con gravi ripercussioni sul benessere collettivo. La funzione assicurativa oltre ad essere obbligatoria in molte fattispecie giuridiche è anche un sistema di tutele in tutte le situazioni di rischio verso le persone e i patrimoni ma tale evidenza necessita di un fondamento più forte rispetto a quello dei soli operatori del settore. Team di ricerca: Maurizio De Dominicis, Avvocato, Esperto in Diritto delle Assicurazioni; Marco Tregua, Ph.D. in Scienze Aziendali, research fellow presso l'università degli Studi di Napoli "Federico II"; Serena De Simone, Avvocato, Giornalista professionista; Lucio Iaccarino, Ph.D. in sociologia, Ceo di ThinkThanks, ricercatore senior. Think Thanks nasce a Napoli nel 2007 con l obiettivo di supportare imprese, liberi professionisti, istituzioni e associazioni, grazie agli strumenti della ricerca scientifica e del marketing strategico. Gioco di parole, traducibile con grazie del pensiero, Think Thanks è ricerca di saperi, esperienze e soluzioni per migliorare le performance economiche dei suoi clienti. La mission di Think Thanks è "l'impresa di fare ricerca quando la ricerca si fa impresa" lavorando sempre in modo sistematico e con un approccio scientifico. Produce contenuti e contenitori della comunicazione ricorrendo alle scienze sociali. Con una rete di oltre sessanta ricercatori tra sociologi, economisti, politologi, urbanisti, antropologi, storici e filosofi è attiva sull intero territorio nazionale. Grazie alla sua rete, Think Thanks ha prodotto indagini di mercato, piani marketing ed eventi a favore di importanti clienti su scala nazionale e internazionale come Rsa Group (assicurativo), Premio Strega (evento culturale), Italia Futura (advocacy group) e Optima Italia (multiutility), Esseti (farmaceutici), Polo dello Shipping (polo di professionisti), Civil Law (associazione internazionale notai). Ha collaborato con prestigiosi enti come il Master in Criminologia critica dell Università degli Studi di Padova, la Conferenza Episcopale Italiana, con organizzazioni formative internazionali come Arcadia University. 9

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro) TASSE RECORD: PER LE MICRO-IMPRESE PRESSIONE FISCALE FINO AL 63% Per le aziende con meno di 10 addetti, nel le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese ===============================================================

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi ATTIVITA DI RICERCA 2013 2014 Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le frodi nel settore assicurativo rappresentano un fenomeno che sta assumendo

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

ASILI NIDO E MENSE SCOLASTICHE ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SULLE CITTA CAPOLUOGO DI REGIONE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

ASILI NIDO E MENSE SCOLASTICHE ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SULLE CITTA CAPOLUOGO DI REGIONE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ASILI NIDO E SCOLASTICHE ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SULLE CITTA CAPOLUOGO DI REGIONE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 LE RETTE PER GLI ASILI NIDO E PER LE SCOLASTICHE COSTANO

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012 Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Indagine sui R.C.A. al 1 luglio 2012 Roma, 12 novembre 2012 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 LUGLIO 2012 L ISVAP esegue un monitoraggio

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 Sul sito internet dell IVASS (www.ivass.it) è stata pubblicata la nuova indagine sulle tariffe r.c. auto praticate in Italia al 1 gennaio 2013. L indagine, che ha riguardato

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 L IVASS esegue un monitoraggio trimestrale dell andamento dei prezzi dell assicurazione r.c.a. praticati in 21 provincie italiane, di cui, 18 capoluoghi di regione,

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia

Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia Osservatorio CRIF sui furti di identità e le frodi creditizie in Italia Nel 2013 più di 26.000 le vittime di frodi creditizie in Italia Il numero dei casi rilevati è cresciuto del +8,3% rispetto al 2012,

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI non varia a seconda del sesso, come detta la direttiva UE) e con l ampiezza della copertura. In questo modo, il pagamento del premio (registrato in busta paga per i dipendenti) permette di accedere serenamente

Dettagli

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa Indice A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 212 INDICE Nota introduttiva..pag. 3 La spesa delle famiglie per l abitazione: l acquisto...pag.

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione

FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione CONVEGNO PUBBLICO I MERCATI DELL ENERGIA ITALIA E IN EUROPA TRA AUMENTI DELLE TARIFFE E ASPETTATIVE DELUSE: QUALI PROSPETTIVE? Lunedì, 14 Aprile 2014 ore 9.30 CNEL Sala del Parlamentino Roma 1 A SETTE

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il mercato immobiliare si avvia verso la ripresa. Conversano, 25 Maggio 2015

COMUNICATO STAMPA. Il mercato immobiliare si avvia verso la ripresa. Conversano, 25 Maggio 2015 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master s.r.l. progetta, produce e commercializza accessori

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012 Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012 Roma, 18 gennaio 2013 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 OTTOBRE 2012 L IVASS esegue un monitoraggio

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Focus su sinistri, frodi e contenzioso r.c. auto I prezzi delle polizze r.c.a. e la normativa mancata La raccolta totale premi 2013 per canale distributivo Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE

Dettagli

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE IMPRESE E CONSUMATORI FOCUS CALZATURE E OCCHIALI SINTESI La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dettagli

TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI

TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI Sindaci costretti ad aumentare il prelievo fiscale: in 5 anni i tagli ai trasferimenti in queste 3 città sono stati del 48 per cento. A Milano del 63 per cento

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi Un 2012 all insegna della timida ripresa per il mercato immobiliare residenziale. I primi due mesi dell anno

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX La Banca dello Stato del Cantone Ticino lancia, in collaborazione con CIFI SA, due nuovi indici immobiliari ticinesi: CAEX per le case unifamiliari e APEX

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE. II trimestre 2015

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE. II trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE II trimestre 2015 Nel II trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari complessivamente considerate (161.357)

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder

Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Patrimoni e rendimenti delle Gestioni Separate: utilizzo tattico e decisioni strategiche per gli stakeholder Roberto Casanova Milano, 24 maggio 2012 Solvency II: i passi da compiere per definire e gestire

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre 1. Il 7 dicembre l OCSE ha presentato i risultati di PISA 2009. Nello stesso giorno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli