LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Rita D Ancora GRUPPO MIRATO: CLASSE IV A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Rita D Ancora GRUPPO MIRATO: CLASSE IV A"

Transcript

1

2 LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) PROGETTO a.s. 2011/2012 l OR_SO della montagna ( Percorso di Educazione alla Cultura della Sicurezza e della Protezione Civile ) DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Rita D Ancora GRUPPO MIRATO: CLASSE IV A

3 UD n 1 CALAMITA' NATURALI DELLA MONTAGNA UD n 2 VITA ESCURSIONISTA DA UD n 3 L'ATTREZZATURA DELL'ESCURSIONISTA UD n 4 EMERGENZE SANITARIE in MONTAGNA UD n 5 IL SOCCORSO IN MONTAGNA UD n 6 IL RUOLO DELLE GUIDE ALPINE PROGETTO : l'or_so della montagna UD n 7 CHE BELLO SCIARE! UD n 8 CORPO FORESTALE SULLE VETTE INNEVATE UD n 9 L'MPORTANZA DELLA METEOROLOGIA in MONTAGNA UD n 10 LO SCAUTISMO NELLA NOSTRA CITTA' UD n 11 LA NOSTRA AVVENTURA SUL CERVATI UD n 12 PRODUZIONE CD l'or_so della Montagna UD n 13 REALIZZAZIONE SERVIZIO FOTOGRAFICO

4 Da cosa nasce cosa.. E stato bello per me lavorare con i giovani, accanto alle istituzioni. Il presidente della Provincia on. Edmondo Cirielli, consegna alla prof.ssa Rita D ancora la targa in occasione relativa al concorso «Premio unità d Italia» vinto dalla classe IV sez. A, in data 13 febbraio 2012

5 Piano comunale di Protezione Civile di Cava de Tirreni (SA)

6 Studio dell evento franoso, verificatosi in data 5 maggio 1998 nel nostro territorio.

7 LO SCAUTISMO NELLA NOSTRA CITTA L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SALERNO E IL MONTE CERVATI ( SA ) Intervista al Prof. Alfonso Ser Nicola, uno dei responsabili di un gruppo scout (A.G.E.S.C.I.) di Cava De Tirreni (SA)

8 Le è mai capitato di andare in montagna con un gruppo e trovarsi in una situazione di pericolo? No, anche perché le escursioni vengono programmate tenendo conto delle capacità di quelli meno esperti e, comunque, non presentano mai difficoltà accentuate. Lei, come responsabile di un gruppo scout, come si comporta in caso di incendio? Non perdere la calma e ragionare per poter trovare la soluzione più conveniente per il gruppo; se possibile, cercare di bloccare l incendio. Come si orienta durante un escursione in montagna con i suoi ragazzi? In caso di smarrimento come bisogna orientarsi? Se l escursione avviene in luoghi mai frequentati, io e parecchi capi scout utilizziamo le carte topografiche e la bussola. Oggi esistono anche mezzi elettronici come il G.P.S. e i navigatori. In caso di smarrimento la prima cosa da fare è portarsi in un luogo elevato da cui poter osservare i dintorni per poter meglio decidere la direzione da seguire e, poi, durante il cammino cercare di seguire un percorso rettilineo e ciò si ottiene con il vento da mantenere sempre dallo stesso lato o dal muschio sugli alberi come elementi caratteristici della natura. In caso di neve quali sono le modalità da seguire durante un escursione? Sapere l entità dello spessore del manto nevoso per stabilire se occorrono dotazioni particolari (ciaspole o sci di fondo, ecc.) e tener presente che sulla neve lo sforzo è maggiore e, quindi, ridurre di conseguenza lo spazio da percorrere.

9 Le è mai capitato di vivere una disavventura per la presenza di un animale pericoloso? No, anche perché nelle nostre zone non sono numerosi gli animali pericolosi; inoltre, preferiscono evitare il contatto con l uomo, forse i più pericolosi possono essere branchi di cani selvatici. Durante un pernottamento in un campo in alta montagna quali accorgimenti vengono seguiti per assicurare la sicurezza degli scout? I pernottamenti in alta montagna sono da evitare; soprattutto se le attrezzature in dotazione non sono adeguate, perché in alta montagna le condizioni climatiche possono cambiare bruscamente e raggiungere livelli di pericolosità notevoli per l incolumità dei ragazzi. Prima di montare le tende in che modo effettua il controllo del suolo? Conviene non mettere le tende in zone alte, in modo da non essere i punti più elevati della zona o nelle vicinanze di una struttura (traliccio, albero, ecc.) che è la più alta della zona. Ciò per evitare i fulmini, con le aperture in direzione opposta a quella da dove soffiano i venti predominanti nella zona, e neppure in avvallamenti chiusi che potrebbero riempirsi d acqua.

10 Le è mai capitato di portare, durante un escursione, un ragazzo disabile? Se sì, quali accorgimenti ha seguito? Sì, in questo caso, ovviamente, tutta l attenzione è rivolta al ragazzo, soprattutto in passaggi dove potrebbe incontrare maggiori difficoltà, e informarsi con una certa continuità sulle sue condizioni di stanchezza e fisiche. I nostri monti Lattari che tipo di insidia possono presentare ad un escursionista? Essendo costituite da rocce carbonatiche possono presentare sprofondamenti (fossi più o meno stretti e profondi) fino a veri e propri inghiottitoi ed anche pareti ripide, per cui, se non si è molto esperti, conviene non lasciare i sentieri segnati dal C.A.I. o altra istituzione addetta. Come affrontare un pronto soccorso nel caso in cui qualche componente del gruppo è ferito? Tutti i ragazzi vengono preparati su come comportarsi in caso di pronto soccorso, dalla semplice medicazione, alla fasciatura delle varie parti del corpo, dal bloccaggio di un arto alla realizzazione di una barella rudimentale con materiale in possesso o reperito sul luogo. Le è mai capitato di essere colto da un improvviso temporale mentre era in montagna con i suoi ragazzi? Quasi sempre, specialmente quando la quota aumenta, aumentano le possibilità di temporali, improvvisi e anche violenti, per cui tra le nostre attrezzature è previsto un poncho con cappuccio che copre la persona e lo zaino. In caso di malore, qual è la procedura da seguire? La stessa procedura della domanda n 10. Cosa non bisogna mai fare in montagna? Accendere fuochi senza la dovuta protezione, bere grosse quantità di sostanze alcoliche, anche se fatto per combattere il freddo e qualsiasi azione sconsiderata che può provocare danni alla persona stessa, agli altri e alla natura. Che tipo di informazioni relative alla vegetazione dà ai suoi ragazzi prima di effettuare un escursione in montagna? Soprattutto quelle relative alla resistenza del legno e alla capacità di combustione. Grazie!

11 600 INDAGINE SUL TERRITORIO Dopo un sondaggio, condotto al Presidio Ospedaliero di S. Angelo dei Lombardi (AV), sono emersi i seguenti dati relativi ai vari accessi al P.S. in base agli incidenti dell anno Su 9000 casi registrati Incidenti Stradali Incidenti sul Lavoro Incidenti Domestici Incidenti Sportivi Violenza e/o Autolesioni Incidenti in Montagna Altro non specificato 0

12 Prendendo in considerazione i 400 incidenti relativi alla montagna, emerge che: 95% Sono traumi caratterizzati da frattura di elementi dello scheletro osseo 2% Traumi maggiori con complicanze cranio e/o toraciche e/o addominali 3% Cause non specificate

13 LA NOSTRA AVVENTURA SUL MONTE CERVATI ( effettuata in data 13 marzo 2012, rimandata più volte per motivi di sicurezza a causa delle pessime condizioni meteo ).

14

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 PROGRAMMA LEZIONI TEORICHE Saluto del Presidente della Sezione Equipaggiamento e materiali 1 13/03/2017 - Equipaggiamento e materiali specifici per l escursionismo

Dettagli

Preparazione e condotta della salita

Preparazione e condotta della salita Preparazione e condotta della salita Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli I pericoli in montagna Pericoli oggettivi Pericoli soggettivi Preparazione di una salita Scelta della salita Formazione

Dettagli

Si salvi chi può! incendi

Si salvi chi può! incendi incendi Il fuoco esiste da sempre e l uomo nel corso degli anni ha imparato ad utilizzarlo e a dominarlo. Conoscere il pericolo aiuta ad affrontarlo e quindi a prevenire le cause che possono verificarsi

Dettagli

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI. Pericolo valanghe: Moderato LUOGHI PERICOLOSI. tutti i versanti > 2000 m Neve ventata

STRATI DEBOLI NEVE BAGNATA PERSISTENTI. Pericolo valanghe: Moderato LUOGHI PERICOLOSI. tutti i versanti > 2000 m Neve ventata Pericolo valanghe di venerdì 23 febbraio 2018 - Situazione EVITARE I NUOVI ACCUMULI EOLICI Nella notte fra giovedì e venerdì e venerdì mattina saranno ancora possibili deboli nevicate soprattutto nella

Dettagli

LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo.

LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo. LA VALUTAZIONE E LA PREVENZIONE DEL PERICOLO/RISCHIO VALANGHE è una questione di forma mentale, di preparazione e di metodo. Mario Di Gallo gennaio 2012 Il consolidamento del manto nevoso è inversamente

Dettagli

CORSO DI SCIALPINISMO

CORSO DI SCIALPINISMO Scuola di Scialpinismo FALC CORSO DI SCIALPINISMO Preparazione e condotta della gita di scialpinismo Corso SA1 2012 Dario Naretto e Michele Stella (ISA Istruttori Regionali di Scialpinismo) ARGOMENTI 1.

Dettagli

In alcuni punti forte pericolo di valanghe Edizione: , 08:00 / Prossimo aggiornamento: , 17:00

In alcuni punti forte pericolo di valanghe Edizione: , 08:00 / Prossimo aggiornamento: , 17:00 Pagina 1/5 In alcuni punti forte pericolo di valanghe Edizione: / Prossimo aggiornamento: 19.4.2017, 17:00 Pericolo valanghe aggiornato al regione A Forte, grado 4 Neve fresca e ventata Da ieri è caduta

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale, che dal 1 gennaio 2005 si svolge su base esclusivamente volontaria, è l opportunità messa a disposizione dei giovani

Il Servizio Civile Nazionale, che dal 1 gennaio 2005 si svolge su base esclusivamente volontaria, è l opportunità messa a disposizione dei giovani Il Servizio Civile Nazionale, che dal 1 gennaio 2005 si svolge su base esclusivamente volontaria, è l opportunità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 28 anni di dedicare un anno della propria vita

Dettagli

La gestione delle emergenze

La gestione delle emergenze La gestione delle emergenze Alcune semplici nozioni Che cos è un emergenza? Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Che cos è il piano

Dettagli

a227_protezione-civile.html

a227_protezione-civile.html TIENITI INFORMATO sulle ALLERTE METEO REGISTRATI AL SISTEMA di informazione telefonica in emergenza. Collegati al sito del Comune di Campiglia M.ma alla pagina della protezione civile; http://www.comune.campigliamarittima.li.it/pagin

Dettagli

Mammut Safety tour Neve e valanghe

Mammut Safety tour Neve e valanghe Mammut Safety tour Neve e valanghe Nikita Uboldi Guida alpina diplomata Lugano 10.11.2016 Filmato 1 Filmato 2 Parete Est del Monte Rosa 01 maggio 2009 1 I fattori nel pericolo valanghe Nuova neve Vento

Dettagli

PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE

PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE Sugli esiti e l organizzazione che hanno caratterizzato gli eventi nelle passate stagioni riproponiamo il progetto di: LE FINALITA' DEL PROGETTO MontagnAmica e Sicura in ambiente

Dettagli

EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO

EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO TRAUMA DIRETTO CONTUSIONE FRATTURA DISTORSIONE TRAUMA INDIRETTO LUSSAZIONE FRATTURA FRATTURA- LUSSAZIONE I traumi dello scheletro sono molto frequenti soprattutto

Dettagli

COMPORTAMENTI E CAUTELE IN CASO D INCENDIO

COMPORTAMENTI E CAUTELE IN CASO D INCENDIO Per una Cultura della Sicurezza COMPORTAMENTI E CAUTELE IN CASO D INCENDIO Il fenomeno degli incendi rappresenta ogni anno una grave minaccia per l intero patrimonio ambientale della nostra Regione e per

Dettagli

Il Sistema Nazionale di Protezione Civile. Campi scuola Anch io sono la protezione civile

Il Sistema Nazionale di Protezione Civile. Campi scuola Anch io sono la protezione civile Il Sistema Nazionale di Protezione Civile Campi scuola Anch io sono la protezione civile Che cos è la Protezione Civile? Con il termine protezione civile si intendono le attività messe in campo dallo Stato

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE

ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE NEVE E VALANGHE Le slavine scivolano e sono piccole, le valanghe rotolano, sono grandi e quindi pericolose. Non è vero sono la stessa cosa, indicano qualcosa che precipita

Dettagli

Topografia e orientamento

Topografia e orientamento CAI - ALPINISMO GIOVANILE Secondo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2012 Topografia e orientamento C A I B o r g o m a n e r o A l p i n i s m o G i o v a n i l e 2 0 1 2 Pagina 1 Introduzione Per un

Dettagli

NOTE DI PRIMO INTERVENTO

NOTE DI PRIMO INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO Leonardo da Vinci JESI 3 NOTE DI PRIMO INTERVENTO 3.1 Spesso la vita dell infortunato può dipendere dai primi interventi compiuti da chi giunge in suo soccorso 3.2 In ogni caso il soccorritore

Dettagli

Servizio Meteomont FISICA DELLA NEVE

Servizio Meteomont FISICA DELLA NEVE FISICA DELLA NEVE Fattori che influenzano il distacco delle valanghe: 1. NEVE FRESCA 2. TEMPERATURA e UMIDITÀ 3.VENTO 4. IL SOLE La quantità di neve caduta nelle 24 ore fa aumentare il rischio valanga

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE di una ESCURSIONE MONTAGNA IN SICUREZZA 1 FASE COME? CLUB ALPINO ITALIANO a. INFORMAZIONE b. CONSULTAZIONE c. VALUTAZIONE INFORMAZIONI Stagione Ore di luce Situazione

Dettagli

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali)

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) I materiali portati in uscita possono permetterci di affrontare difficoltà impreviste che si siano presentate lungo il percorso, ma anche di affrontare in sicurezza

Dettagli

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO 2016-2017 PIANO DIDATTICO PRIMA SESSIONE base culturale Sabato 12.11.2016 ore 8:30 Presentazione del Corso ANE ISFE INV- AS-C

Dettagli

Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri

Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Obiettivo III - Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenza e disastri ARGOMENTI DELLA LEZIONE Obiettivi specifici dell Area III Attività

Dettagli

REGOLAMENTO BIVACCO COMUNE DI FENIS COMMUNE DE FENIS. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 49 dell 11/11/2016

REGOLAMENTO BIVACCO COMUNE DI FENIS COMMUNE DE FENIS. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 49 dell 11/11/2016 COMUNE DI FENIS REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Località Chez-Croset, n. 22 11020 Fénis COMMUNE DE FENIS REGION AUTONOME DE LA VALLEE D'AOSTE Hameau Chez-Croset, n. 22 11020 Fénis C.F. 00096180070

Dettagli

Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello: 230 m Sviluppo: 250 m Tiri: 7 Ore: 3 Roccia: ottima Attrezzatura: NDA

Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello: 230 m Sviluppo: 250 m Tiri: 7 Ore: 3 Roccia: ottima Attrezzatura: NDA Sas dles Nu Parete est VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 3:00 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Parete est Vallon. Difficoltà: IV, un passaggio di IV+ Dislivello:

Dettagli

In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato in Val di Fosse. Questo è il percorso della 4. tappa dell'alta Via di Merano.

In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato in Val di Fosse. Questo è il percorso della 4. tappa dell'alta Via di Merano. Alta Via di Merano - 4. Tratto TREKKING Durata Distanza 4:45 h 12.4 km Dislivello Altitudine Max 950 m 2074 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio In alta montagna Da Santa Caterina fino al masi Gelato

Dettagli

Ciclo Ciaspolate 2010 Anello dei due Valloni - Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise- DATA 20 marzo 2011

Ciclo Ciaspolate 2010 Anello dei due Valloni - Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise- DATA 20 marzo 2011 Ciclo Ciaspolate 2010 Anello dei due Valloni - Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise- DATA 20 marzo 2011 ORA PARTENZA: ore 15.00 del 19 marzo con auto propria RITROVO: Via Recanati (di fronte mercato

Dettagli

MeteoHeroes. Fulmini e saette

MeteoHeroes.  Fulmini e saette Fulmini e saette Il fulmine è in assoluto il fenomeno più pericoloso prodotto da un temporale, perché non è preceduto da nessun segnale che lo annuncia. Tocca terra soltanto il 25% delle scariche che possono

Dettagli

Capitolo. L elicottero: m odalità di comportamento da tenere in caso di arrivo del soccorso esterno.

Capitolo. L elicottero: m odalità di comportamento da tenere in caso di arrivo del soccorso esterno. Capitolo 1 L elicottero: m odalità di comportamento da tenere in caso di arrivo del soccorso esterno. In questi ultimi 30 anni ha rivoluzionato il modo di fare soccorso permettendo di fare interventi via

Dettagli

Scuola Interregionale di Alpinismo e Sci Alpinismo L.P.V.

Scuola Interregionale di Alpinismo e Sci Alpinismo L.P.V. OBIETTIVI: - Fornire i criteri di base per una corretta preparazione di un itinerario scialpinistico - Dare gli elementi necessari per effettuare una valutazione a priori (in fase di preparazione) dei

Dettagli

Elementi di primo soccorso per le escursioni in ambiente innevato. Lombardia - Dr. Vincenzo Palomba

Elementi di primo soccorso per le escursioni in ambiente innevato. Lombardia - Dr. Vincenzo Palomba Elementi di primo soccorso per le escursioni in ambiente innevato S.R.E. Lombardia - Dr. Vincenzo Palomba Alcuni dati (AINEVA) Nella stagione 2013-2014, si sono registrati in Italia: 117 travolgimenti

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: Fax:

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: Fax: PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 NEVE GEN06 SOP ATTIVATA - CCS c/o UTG NON ATTIVATO INFORMATIVA DA: Sala Operativa Provinciale

Dettagli

Adesioni entro venerdì 11 settembre Sabato 10 e domenica 11 ottobre 2015 CAI Caserta propone Le Vie Cave Etrusche Un mistero ancora non svelato

Adesioni entro venerdì 11 settembre Sabato 10 e domenica 11 ottobre 2015 CAI Caserta propone Le Vie Cave Etrusche Un mistero ancora non svelato Club Alpino Italiano Sezione di Caserta 81100 Caserta caserta@cai.it www.caicaserta.it Adesioni entro venerdì 11 settembre Sabato 10 e domenica 11 ottobre 2015 CAI Caserta propone Le Vie Cave Etrusche

Dettagli

2 STEP UNITA' CINOFILE RICERCA IN SUPERFICIE. INAUGURAZIONE CORSO Presso la sala del Comitato Prov.le di Trento Via Muredei, 51.

2 STEP UNITA' CINOFILE RICERCA IN SUPERFICIE. INAUGURAZIONE CORSO Presso la sala del Comitato Prov.le di Trento Via Muredei, 51. 1 2 STEP UNITA' CINOFILE RICERCA IN SUPERFICIE 1 20.01.2009 D Del. Reg.UC INAUGURAZIONE CORSO Presso la sala del Comitato Prov.le di Trento Via Muredei, 51 Presentazione corso. Scopo e finalità. 2 25.01.2009

Dettagli

SICURI A CERCAR FUNGHI. cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano

SICURI A CERCAR FUNGHI. cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano SICURI A CERCAR FUNGHI cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano a cura di Cecconi Filippo 12.06.2017 CI SONO QUATTRO BUONI MOTIVI PER PARLARE DI SICUREZZA 1) Il Gruppo promuove diverse

Dettagli

Centro Funzionale Monitoraggio Rischi di Regione Lombardia

Centro Funzionale Monitoraggio Rischi di Regione Lombardia Comuni, Provincia e Prefettura: per un coordinamento di conoscenze, competenze e responsabilità Villa Recalcati Varese 12 settembre 2015 Centro Funzionale Monitoraggio Rischi di Regione Lombardia Attività

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE Introduzione L escursionismo su neve, in tutte le sue forme e modalità, porta il praticante ad accostarsi ad un mondo diverso, fantastico,

Dettagli

Preparazione e condotta della salita

Preparazione e condotta della salita Preparazione e condotta della salita Conoscere i pericoli per poter meglio evitarli Io credetti e credo la lotta con l Alpe utile come il lavoro, nobile come un come un arte, bella come una fede (Guido

Dettagli

Determinante è la pendenza massima del pendio e non quella media!

Determinante è la pendenza massima del pendio e non quella media! inclinazione Determinante è la pendenza massima del pendio e non quella media! Questa pendenza critica deve essere considerata al momento della pianificazione della gita con: l uso della carta topografica

Dettagli

Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini

Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini SEPES Sicurezza in Età Pediatrica Educazione a Scuola 1 Dicembre 2016 Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini Antonino Reale Paola Silvestri Incidente accadimento inatteso che

Dettagli

Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito.

Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito. Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito. La segnaletica del CAI Commissione Centrale per l'escursionismo La segnaletica

Dettagli

Nelle regioni meridionali marcato pericolo di valanghe Edizione: , 17:00 / Prossimo aggiornamento: , 08:00

Nelle regioni meridionali marcato pericolo di valanghe Edizione: , 17:00 / Prossimo aggiornamento: , 08:00 Pagina 1/5 Nelle regioni meridionali marcato pericolo di valanghe Edizione: / Prossimo aggiornamento: 27.12.2017, 08:00 Pericolo valanghe aggiornato al regione A Marcato, grado 3 Neve fresca e ventata,

Dettagli

FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino-

FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino- FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino- Obiettivi Discutere l importanza dell intervenire in sicurezza in ambiente ostile. Discutere le leggi dell energia e del moto. Osservare

Dettagli

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Mëisules dala Biesces Fessura ad ypsilon (parete ovest) VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 3:00 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Fessura ad ypsilon (parete

Dettagli

Gli accessi ai pronto soccorso per causa traumatica in Toscana

Gli accessi ai pronto soccorso per causa traumatica in Toscana Gli accessi ai pronto soccorso per causa traumatica in Toscana A cura di Alice Berti, Francesco Innocenti e Silvia Brenzini Settore epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di Epidemiologia

Dettagli

Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello: 120 m Sviluppo: 135 m Tiri: 5 Ore: 2 3 Roccia: discreta Attrezzatura: NDA

Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello: 120 m Sviluppo: 135 m Tiri: 5 Ore: 2 3 Roccia: discreta Attrezzatura: NDA Punta Clark Spigolo sud-ovest VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 2:30 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Spigolo sud-ovest Gruppo del Cir. Difficoltà: IV Dislivello:

Dettagli

Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza

Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Ministero della Salute e dell Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGE.NA.S) FOCUS SU ALCUNE FASI OPERATIVE DELL ESERCITAZIONE

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. La gestione delle emergenze

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. La gestione delle emergenze La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione La gestione delle emergenze 0 Presentazione La gestione delle emergenze costituisce un aspetto di grande rilievo nell ambito delle misure per la prevenzione

Dettagli

Pericolo valanghe aggiornato al , 08:00. Bollettino valanghe completo (da stampare) Bollettino valanghe per sabato, 30 dicembre 2017

Pericolo valanghe aggiornato al , 08:00. Bollettino valanghe completo (da stampare) Bollettino valanghe per sabato, 30 dicembre 2017 Pagina 1/5 Nelle regioni occidentali e nelle regioni settentrionali in molti punti forte pericolo di valanghe Edizione: 30.12.2017, 08:00 / Prossimo aggiornamento: 30.12.2017, 17:00 Pericolo valanghe aggiornato

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO progetto MontagnAmica MontagnAmica è un ambizioso progetto del Club Alpino Italiano in collaborazione con tutte le Associazioni dedite alla formazione e/o prevenzione degli incidenti in montagna. Il 9%

Dettagli

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio

Durata Distanza. Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Escursione circolare al Sass Putia ESCURSIONI Durata Distanza 5:15 h 12.8 km Dislivello Altitudine Max 600 m 2360 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Bizzarre formazioni rocciose. Non bisogna per

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Pubblica Assistenza Valnure Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel

Pubblica Assistenza Valnure Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel Via F. Parri 10 Ponte dell'olio (PC) Tel.0523-877988 www.pubblicavalnure.it Elisoccorso Composizione equipaggio Pilota CVS ( Il copilota e un infermiere abilitato ) Medico rianimatore Infermiere del 118

Dettagli

Smarrirsi non è possibile?

Smarrirsi non è possibile? Smarrirsi non è possibile? Tarcento Palazzo Frangipane PROGRAMMARE E VARIARE UN'ESCURSIONE IN BASE AL METEO A cura di Marco Virgilio 6 MARZO 2 0 1 4 CONDIZIONI ATMOSFERICHE E RISCHI IN MONTAGNA Le statistiche

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O G. M A Z Z I N I P O R T O S. S T E F A N O

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O G. M A Z Z I N I P O R T O S. S T E F A N O Pericolo Moduli di ambienti sicuri Attenzione Manutenzione CURRICOLO PER PROGETTI EDUCATIVI INTERDISCIPLINARI PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO E NEGLI

Dettagli

SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO

SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO (Modulo previsto nel corso avvistamento incendi boschivi) A cura dei Volontari Formatori per la Sicurezza (Rev. Gennaio 2017) DI COSA

Dettagli

INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE

Dettagli

Piano Provinciale di Emergenza di Protezione Civile

Piano Provinciale di Emergenza di Protezione Civile 1.8 SCENARIO DI CORRELATO ALL INTERRUZIONE VIABILISTICA E ALL ISOLAMENTO DI CENTRI ABITATI 1.8.1 IL CASO STUDIO DELLA S.P. 63: BALLABIO MORTERONE (LC) Alla luce della normativa vigente nel settore della

Dettagli

Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve

Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve Proposte didattiche - anno scolastico 2014-2015 Escursioni e Soggiorni Piemonte e Valle d Aosta AL.MA.TURISMO AMBIENTE Le escursioni possono essere

Dettagli

Obiettivo strategico 3. Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri. Patrizia Voi CRI Castiglione delle Stiviere

Obiettivo strategico 3. Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri. Patrizia Voi CRI Castiglione delle Stiviere Obiettivo strategico 3 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Patrizia Voi CRI Castiglione delle Stiviere Obiettivo della serata Avere una panoramica sull impegno CRI all interno

Dettagli

PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016

PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016 LUNEDI Andalo h. 14,00 / 16,00 SCI NORDICO: prova lo sci di fondo con i maestri di sci. family8+ Uno sport invernale aerobico brucia calorie, nella tranquillità dei boschi

Dettagli

SOTTOPROGETTO 3 MODENA L AZIONE DEL VOLONTARIATO NEGLI INCENDI BOSCHIVI

SOTTOPROGETTO 3 MODENA L AZIONE DEL VOLONTARIATO NEGLI INCENDI BOSCHIVI SOTTOPROGETTO MODENA L AZIONE DEL VOLONTARIATO NEGLI INCENDI BOSCHIVI Lezioni frontali 1 ore 11 incontri Esercitazioni 12 ore incontri Esame o verifica finale 5 ore 1 incontro 48 ore_ 15 incontri Sede

Dettagli

Risorgenza di Pietrarossa (Carpineto della Nora, Pescara)

Risorgenza di Pietrarossa (Carpineto della Nora, Pescara) Risorgenza di Pietrarossa (Carpineto della Nora, Pescara) Redazione note: Francesco Papetti (Gruppo Esplorazione Speleologica, CAI Pescara World Activity Club, diving Francavilla) Silvia Clausi Schettini

Dettagli

Geodiscovered & Società Guide Alpine Finale

Geodiscovered & Società Guide Alpine Finale Geodiscovered & Società Guide Alpine Finale PRESENTAZIONE Il pianeta azzurro, il pianeta a cui apparteniamo, il pianeta che ci appartiene: La terra! Terremoti, eruzioni vulcaniche e variazioni climatiche

Dettagli

Pennello per Levigatura Moia Andrea

Pennello per Levigatura Moia Andrea Fabbricazione di un Pennello per levigature A tutti sarà capitato di dover levigare una parte del nostro modello per ore (basti pensare ad esempio allo scafo, oppure al ponte ). Sicuramente ci sarà capitato

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO 1 ALLEGATO A DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE, PRESENTI SUL TERRITORIO DI ROMA CAPITALE ED ISCRITTE NELL ELENCO TERRITORIALE

Dettagli

Gestione delle Emergenze nelle scuole

Gestione delle Emergenze nelle scuole Gestione delle Emergenze nelle scuole 2 SEGMENTO PRIMA POSIZIONE ECONOMICA (ex Art.7) La partecipazione alla gestione dell emergenza e del primo soccorso Il quadro normativo di riferimento D.Lgs. 81/08

Dettagli

Percorso MB Munt da Rina

Percorso MB Munt da Rina Percorso MB Munt da Rina SENTIERI MOUNTAIN BIKE Durata Distanza 3:00 h 22.4 km Dislivello Altitudine Max 880 m 2075 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Con il mountain-bikke ad Antermoia. Non lungissimo,

Dettagli

Ufficio Educazione Fisica

Ufficio Educazione Fisica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XII Ambito territoriale della provincia di Livorno Ufficio Educazione Fisica Prot. n.9037

Dettagli

GALBIATE ATTREZZI A MOTORE: Il Cantiere. Agrot. Negri Raffaele

GALBIATE ATTREZZI A MOTORE: Il Cantiere. Agrot. Negri Raffaele GALBIATE 2017 ATTREZZI A MOTORE: Il Cantiere. Agrot. Negri Raffaele Che cosa è il Cantiere? Agrotecnico R.Negri IL cantiere è un Area di lavoro Temporanea nel quale si svolge un opera di manutenzione,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 7235 Seduta del 17/10/2017

DELIBERAZIONE N X / 7235 Seduta del 17/10/2017 DELIBERAZIONE N X / 7235 Seduta del 17/10/2017 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

cav. Luigi Fasani 1 La legislazione 1970 Legge 996 Norme sul soccorso e l assistenza alle persone colpite da calamità

cav. Luigi Fasani 1 La legislazione 1970 Legge 996 Norme sul soccorso e l assistenza alle persone colpite da calamità Corso per volontari di protezione civile La legislazione di Protezione Civile Luigi Fasani La legislazione 1970 Legge 996 Norme sul soccorso e l assistenza alle persone colpite da calamità 1992 Legge 225

Dettagli

COMUNE DI CAMAIORE Provincia di Lucca. IL PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE In sintesi

COMUNE DI CAMAIORE Provincia di Lucca. IL PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE In sintesi COMUNE DI CAMAIORE Provincia di Lucca IL PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE In sintesi RIFERIMENTI NORMATIVI Il Piano Comunale di Protezione Civile è stato redatto nel rispetto dell attuale normativa

Dettagli

E COMPORTAMENTO IN GITA DEL 3X3 DI W. M

E COMPORTAMENTO IN GITA DEL 3X3 DI W. M PREVENZIONE E COMPORTAMENTO IN GITA METODO DEL 3X3 DI W. M W. MUNTER IL PERICOLO DI VALANGHE NON PUÒ ESSERE VALUTATO SULLA BASE DI UN SOLO CRITERIO MA, DI VOLTA IN VOLTA, DEVONO ESSERE PRESE IN CONSIDERAZIONE

Dettagli

I PROBLEMI MEDICI DEL TRASPORTO IN GROTTA

I PROBLEMI MEDICI DEL TRASPORTO IN GROTTA CORPO NAZIONALE SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO SCUOLA NAZIONALE MEDICI PER L EMERGENZA AD ALTO RISCHIO IN AMBIENTE IPOGEO I PROBLEMI MEDICI DEL TRASPORTO IN GROTTA ANGELO NAPOLI X ZONA SPELEO C.N.S.A.S

Dettagli

Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima di Stilves sopra Vipiteno

Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima di Stilves sopra Vipiteno Cima di Stilves SCI ALPINISMO Durata Distanza 3:00 h 10.2 km Dislivello Altitudine Max 1000 m 2420 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Prima in salita poi in discesa Escursione invernale sulla Cima

Dettagli

Itinerario dei castelli Bolzano-Lana- Tesido-Nalles

Itinerario dei castelli Bolzano-Lana- Tesido-Nalles Itinerario dei castelli Bolzano-Lana- Tesido-Nalles VIE DI ARRAMPICATA Durata Distanza 3:30 h 0.0 km Dislivello Altitudine Max 0 m m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Vista sulla Valle dell Adige

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO 1 ALLEGATO B DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE, PRESENTI SUL TERRITORIO DI ROMA CAPITALE ED ISCRITTE NELL ELENCO TERRITORIALE

Dettagli

Conoscereitemporali. Federico Grazzini ARPA-SIMC Ernesto Crescenzi CFS. CAI - Sez. "M.Fantin" di Bologna - Gruppo Escursionismo 15/12/2015

Conoscereitemporali. Federico Grazzini ARPA-SIMC Ernesto Crescenzi CFS. CAI - Sez. M.Fantin di Bologna - Gruppo Escursionismo 15/12/2015 Conoscereitemporali Federico Grazzini ARPA-SIMC Ernesto Crescenzi CFS CAI - Sez. "M.Fantin" di Bologna - Gruppo Escursionismo 15/12/2015 La nube temporalesca La distribuzione della carica elettrica al

Dettagli

Programma di Informazione sanitaria

Programma di Informazione sanitaria Programma di Informazione sanitaria In caso di EMERGENZA SANITARIA chiama subito il 118 NUMERO VERDE GRATUITO L Unità Operativa 118 dell Azienda Ospedaliera S. Anna e S. Sebastiano di Caserta, egregiamente

Dettagli

TRAUMA. Principali eventi traumatici Incidenti stradali Infortuni sul lavoro Infortuni domestici Infortuni sportivi

TRAUMA. Principali eventi traumatici Incidenti stradali Infortuni sul lavoro Infortuni domestici Infortuni sportivi TRAUMA Alterazione anatomica e/o funzionale indotta nell organismo dall azione lesiva di determinati agenti (traumatici) meccanici, fisici, chimici, capaci di modificare in maniera più o meno grave l integrità

Dettagli

Lista di controllo Cantieri di montagna

Lista di controllo Cantieri di montagna Sicurezza realizzabile Lista di controllo Cantieri di montagna Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza sui cantieri di montagna? I cantieri di montagna sono esposti a particolari condizioni

Dettagli

COMUNE DI MANZANO. Provincia di Udine. Ufficio Protezione Civile Tel Fax

COMUNE DI MANZANO. Provincia di Udine. Ufficio Protezione Civile Tel Fax . COMUNE DI MANZANO Provincia di Udine Ufficio Protezione Civile Tel. 0432 938.344 335 10.78.999 Fax 0432 938.351 e-mail comune@comune.manzano.ud.it RELAZIONE ATTIVITA SQUADRA COMUNALE PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

INDICE INDICE... 2 GENERALITÀ... 5

INDICE INDICE... 2 GENERALITÀ... 5 INDICE INDICE... 2 GENERALITÀ... 5 LINEE GUIDA DELLA PIANIFICAZIONE E DELLE AZIONI DI PIANO... 5 Indice revisioni... 5 DEFINIZIONE DI PROTEZIONE CIVILE... 6 1.1 COMPETENZE IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE...

Dettagli

Dieci regole vitali per i lavori forestali

Dieci regole vitali per i lavori forestali Dieci regole vitali per i lavori forestali La vita e la salute delle persone hanno la massima priorità. Per me, lavoratore, questo significa che: per primo rispetto sempre le regole di sicurezza perché

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ATENEO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ATENEO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Introduzione Le misure organizzative e gestionali da attuare in caso di eventi emergenziali, da parte del personale presente in Ateneo, sono contenute nel Piano di

Dettagli

EAWS European Avalanche Warning Services è stato fondato nel 1983 con lo scopo di coordinare l attività degli uffici di previsione neve e valanghe

EAWS European Avalanche Warning Services è stato fondato nel 1983 con lo scopo di coordinare l attività degli uffici di previsione neve e valanghe 1 EAWS European Avalanche Warning Services è stato fondato nel 1983 con lo scopo di coordinare l attività degli uffici di previsione neve e valanghe europei ed ha permesso, negli anni, l omogeneizzazione

Dettagli

Progetto di educazione alla salute Primo soccorso. Scheda di progetto PROPOSTA PLURIENNALE

Progetto di educazione alla salute Primo soccorso. Scheda di progetto PROPOSTA PLURIENNALE 1.1 Denominazione del progetto Indicare denominazione del progetto. A Scuola di Sicurezza Scheda di progetto PROPOSTA PLURIENNALE 1.2 Responsabile del progetto Indicare il responsabile del progetto. Colaluce

Dettagli

Il bollettino valanghe

Il bollettino valanghe Abteilung 26 Brand- und Zivilschutz Lawinenwarndienst Ripartizione 26 Protezione antincendi e civile Servizio prevenzione valanghe Il bollettino valanghe Fabio Gheser, servizio prevenzione valanghe contenuti

Dettagli

PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016

PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE inverno 2016 LUNEDI Andalo h. 14,00 / 16,00 -SCI: prova lo Sci da Fondo. family8+ Uno sport invernale aerobico, nella tranquillità dei boschi intorno al laghetto di Andalo. Equilibrio,

Dettagli

TECNICHE DI PRELIEVO PER

TECNICHE DI PRELIEVO PER TECNICHE DI PRELIEVO PER GLI UNGULATI UNGULATI RUMINANTI CERCA ( o pircsh) APPOSTAMENTO: - Fisso (altane) - Temporaneo Premessa Le ore migliori in cui cacciare sono quelle delle prime ore di luce e quelle

Dettagli

LA PREVISIONE DEL PERICOLO DI VALANGHE

LA PREVISIONE DEL PERICOLO DI VALANGHE Le attività di SNPA finalizzate alla gestione dei rischi naturali nelle aree montane LA PREVISIONE DEL PERICOLO DI VALANGHE Arabba (BL), Winter School Assoarpa 31 marzo 2017 Giovanni Peretti, ARPA Lombardia

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: Fax:

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: Fax: PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 NEVE DIC05 SOP ATTIVATA - CCS c/o UTG NON ATTIVATO INFORMATIVA DA: Sala Operativa Provinciale

Dettagli

Corso base di Scialpinismo SA1 2018

Corso base di Scialpinismo SA1 2018 Corso base di Scialpinismo SA1 2018 La Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Franco Alletto della Sezione del CAI di Roma organizza il corso base di scialpinismo SA1 che si svolgerà nei

Dettagli

pia variazione legata al turismo -bassa densità abitativa (55,1 / kmq)

pia variazione legata al turismo -bassa densità abitativa (55,1 / kmq) Dr. PAOLO DELLA TORRE Direttore L ELICOTTERO E IL FUTURO IN EMERGENZA IL SOCCORSO IN MONTAGNA CON ELICOTTERO MULTIRUOLO O Congresso Na azionale SIS 118 Perugia, 21 23 maggio 2009 TERRITORIO DELLA PROVINCIA

Dettagli

SICURAMENTE PIÙ SICURI

SICURAMENTE PIÙ SICURI Progetto sicurezza SICURAMENTE PIÙ SICURI Insegnante responsabile del progetto: Cristiana Pegoraro Anno scolastico 2012/13 PREMESSA L educazione alla sicurezza nella scuola dell infanzia costituisce un

Dettagli

Pista ciclabile della Val Pusteria

Pista ciclabile della Val Pusteria Pista ciclabile della Val Pusteria BICI Durata Distanza 2:30 h 73.5 km Dislivello Altitudine Max 800 m 1154 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Per prati e campi fioriti. In questo itinerario da bici

Dettagli

In mezzo a selvaggi ghiacciai Sopra il più vasto ghiacciaio del Sudtirolo

In mezzo a selvaggi ghiacciai Sopra il più vasto ghiacciaio del Sudtirolo Becher e Cima Libera - Wilder Freiger ALTA MONTAGNA Durata Distanza 12:30 h 23.4 km Dislivello Altitudine Max 2310 m 3412 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio In mezzo a selvaggi ghiacciai Sopra il

Dettagli