SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO G. F. MAIA MATERDONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO G. F. MAIA MATERDONA"

Transcript

1

2 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO Competenze per lo sviluppo Annualità 2009/10 Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani Azione:1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave Codice C-1-FSE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO G. F. MAIA MATERDONA MESAGNE GRUPPO OPERATIVO DI PROGETTO Dirigente Scolastico Maria Santina FAGGIANO SEMERARO D. S. G. A. Sabina DE STRADIS Tutor d Obiettivo Roberto GUADALUPI Referente per la Valutazione Giuseppa PENNETTA Facilitatore di piano Fulvio GIAMPORCARO Ministero dell Istituzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione D.G. per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali per lo sviluppo e la coesione sociale Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e pari Opportunità D.G. Politiche Regionali 2

3 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO L Unione Europea, per conseguire gli obiettivi di coesione sociale e di sviluppo competitivo con il resto del mondo - concordati nel Consiglio Europeo di Lisbona (23 e 24 marzo 2000) e di Goteborg (15 e 16 giugno 2001)- ha deciso di intervenire nelle Regioni dell Unione che presentano un ritardo di sviluppo per superare le criticità e convergere verso il livello medio di sviluppo economico-sociale comunitario. Ai fini dell'attuazione di tale Quadro Comunitario di Sostegno (QCS), la Commissione Europea ha finanziato i Programmi Operativi Nazionali (PON) per promuovere l'adeguamento strutturale delle Regioni e per ridurre il divario tra quelle più avanzate e quelle in ritardo di sviluppo, relativamente a diversi settori: ricerca, scuola, sicurezza, sviluppo locale, trasporti, pesca, assistenza tecnica e azioni di sistema. Gli interventi comunitari, tramite l Obiettivo Convergenza (Obiettivo 1), sono centrati soprattutto sul tema della Scuola. Infatti, il rafforzamento del sistema dell istruzione è ritenuto d importanza strategica nel conseguimento delle finalità di sviluppo e di coesione sociale, nel miglioramento del mercato del lavoro, nel favorire i processi di innovazione e produttività del sistema economico, oltre che nel garantire reali processi di inclusione sociale, di applicazione del principio delle pari opportunità e di riduzione del disagio sociale. Sono interessate a tale obiettivo le Regioni il cui PIL è inferiore al 75% della media comunitaria. Per l'italia tali Regioni, definite dalla Programmazione 2007/2013 Regioni dell Obiettivo Convergenza sono : Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. I Fondi Strutturali Europei ad esse assegnati offrono strumenti e mezzi concreti per colmare i divari territoriali e per garantire che anche queste Regioni contribuiscano all attuazione della Strategia di Lisbona, cioè alla trasformazione dell economia dell Unione Europea in un economia basata sulla conoscenza e la competenza, la più competitiva e dinamica possibile. Questi fondi sono erogati alle scuole dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca sulla base di due Programmi Operativi Nazionali ideati per sostenere l innovazione e la qualità del sistema scolastico. Per la Scuola, i Fondi strutturali PON per il sono: il Fondo Sociale Europeo (FSE), che serve a finanziare le Competenze per lo sviluppo ossia gli interventi nel campo sociale e la formazione dei cittadini. il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), attraverso il quale l'unione finanzia gli Ambienti per l Apprendimento ossia interventi infrastrutturali e tecnologici nei settori della comunicazione, energia, istruzione, sanità, ricerca ed evoluzione tecnologica. Pertanto, nell ambito della Programmazione dei Fondi Strutturali Europei Competenze per lo sviluppo, il Ministero della Pubblica Istruzione si pone come obiettivo quello di migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani e innalzare i livelli di apprendimento nell area delle competenze chiave. 3

4 PRESENTAZIONE DEI MODULI La Scuola Secondaria di 1 grado G. F. Maia Materdona, dopo aver effettuato l autodiagnosi e aver individuato punti di forza e punti di criticità dell Istituto, ha progettato per il corrente anno scolastico un Piano Integrato di interventi FSE, riferito all Obiettivo C Azione 1 (n. 9 Moduli), orientato essenzialmente allo sviluppo delle competenze chiave in lingua madre, lingua straniera (inglese e francese), matematica, geometria e informatica, al fine di migliorare l efficacia dell offerta formativa in funzione dell innalzamento dei livelli di competenza degli studenti. Il coinvolgimento delle famiglie e di tutto il territorio si è attuato con varie iniziative: il territorio è stato informato ed invitato ad una attiva partecipazione attraverso i vari bandi pubblici per il reclutamento degli esperti: avvisi su quotidiani locali e inserzioni sul sito web dell Istituto. Prima dell avvio delle lezioni, genitori e alunni sono stati informati dal Dirigente Scolastico e dai Tutor di modulo su obiettivi, tempi e modalità di svolgimento del corso, assumendo l impegno, formalizzato con la sottoscrizione di un Contratto formativo, a frequentare con assiduità le lezioni, a seguire le lezioni con attenzione, a rispettare le regole. Prima e durante lo svolgimento dei corsi agli alunni sono stati distribuiti dei questionari per rilevare le aspettative d ingresso e il gradimento dei corsi frequentati. A conclusione del Progetto PON, il 5 giugno 2010 presso la Villa Comunale di Mesagne, la Scuola M. Materdona, in collaborazione con l Amministrazione Comunale, ha organizzato la manifestazione della Giornata Europea, nel corso della quale sono stati consegnati gli attestati di frequenza a tutti gli alunni partecipanti(199) ai 9 Moduli PON. Il Progetto PON C-1 FSE, annualità 2009/2010 codice 1254, elaborato dalla Scuola M. Materdona, ha attuato i seguenti interventi formativi: TITOLO CLASSE ORE DOCENTE ESPERTO E TUTOR Patente ECDL Modulo 1 3^ 30 Prof.ssa Iannetta Lucilla Prof.ssa Zurlo Angela Patente ECDL Modulo 2 3^ 30 Prof. Bari Antonio Prof. Guadalupi Roberto Patente ECDL Modulo 3 2^ 30 Prof.ssa Andriola Antonella Prof.ssa Gallo Agnese Patente ECDL Modulo 4 2^ 30 Prof.ssa Piro Daniela Prof.ssa Moro Carmela Geometria al computer Modulo 5 2^ 30 Prof.ssa Soroberto Franca Prof.ssa Deleo Enza Ricomincio da 0 - Modulo 6 1^ 30 Prof. Villani Alfredo Prof.ssa Ferrucci Patrizia Paroliamoci: giochiamo con le parole - Modulo 1^ 50 Prof. Tardio Cosimo 7 Prof.ssa Gennaro Ida Target: Learning English - Modulo 8 3^ 50 Prof.ssa Strisciullo Rosanna Prof.ssa Andriulo Anna On s entrance en francais - Modulo 9 2^ 50 Prof.ssa Bellanova Miriam Prof.ssa Distante Luisa 4

5 I PROGETTI DEI MODULI PON LINGUA FRANCESE MATEMATICA MODULO On s entraîne en Français Tutor: Prof.ssa Distante Luisa Esperta: Prof.ssa Bellanova Miriam Destinatari: 21 alunni delle classi 2 ^ Durata: Febbraio-Maggio Competenze specifiche: Comprensione orale e scritta; produzione orale e scritta. Obiettivi: Demander et donner des renseignements personnels; écrire des lettres, des cartes postales, des courriels; présenter sa famille; décrire une personne, une maison; exprimer les goûts, les sports et les loisirs préférés; demander et donner des indications; parler des actions quotidiennes, des études; parler de la météo, des vacances; demander et donner le prix; parler des achats: des produits et des quantités; raconter des événements au passé; écrire des cartes de vœux et des invitations. Approccio: eclettico integrato. Metodologie: Cooperative learning; lezione frontale; insegnamento individualizzato; didattica laboratoriale; simulazione e role-playing; Supporti: LIM; fotocopie; cd-rom; MODULO Ricomincio da zero Tutor: Prof.ssa Patrizia Ferrucci Esperto: Prof.Alfredo Villani Destinatari: 21 alunni delle classi 2 ^ Durata: Febbraio-Maggio Competenze specifiche: Analisi di situazioni problematiche per tradurle in termini matematici Esecuzione di operazioni aritmetiche in diversi contesti applicativi Uso di diverse strategie per risolvere situazioni problematiche Obiettivi specifici: Eseguire le quattro operazioni fondamentali Risolvere espressioni aritmetiche e problemi Calcolare le potenze e applicare le proprietà Ricercare multipli e divisori di un numero per calcolare il M.C.M. e il m.c.m. Operare con i segmenti e con gli angoli Obiettivi formativi: Conoscere e padroneggiare algoritmi e procedure di calcolo Analizzare, ordinare e mettere in relazione dati Risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica Utilizzare specifici linguaggi simbolici Metodologie: Cooperative learning Lezione frontale Insegnamento individualizzato Didattica laboratoriale Problem solving Supporti: LIM Software didattici 5

6 INFORMATICA Classi 3^ MODULO Percorso formativo per il conseguimento della Patente Europea (ECDL) Competenze relative ai modd. 1, 6, 7 MODULO Percorso formativo per il conseguimento della Patente Europea (ECDL) Competenze relative ai modd. 1, 6, 7 Esperto: Prof. Antonio Bari Tutor: Prof. Guadalupi Roberto Destinatari: 17 alunni delle classi 3^ Durata: Febbraio-Maggio Finalità Superamento degli esami ECDL Core Level relativi ai moduli presentati nel corso Obiettivi/Competenze Comprendere i concetti fondamentali delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT) ad un livello generale e conoscere le varie parti di un computer Saper usare un software di presentazione. Possedere conoscenze relative a Internet e saper utilizzare un browser web. Comprendere alcuni dei concetti legati alla posta elettronica ( ), conoscere altre opzioni di comunicazione e saper apprezzare alcune considerazioni legate alla sicurezza nell uso della posta elettronica. Metodologie e Strumenti Le lezioni sono state svolte nell aula multimediale della scuola media Maia Materdona di Mesagne, utilizzando come strumento principale la postazione docente collegata al video-proiettore. I corsisti hanno avuto a disposizione 17 postazioni di lavoro per provare individualmente, sottoforma di esercitazioni-stimolo, quanto loro proposto. Inoltre, le dispense relative agli argomenti svolti, le fotocopie utilizzate per le esercitazioni, nonché un efficace collegamento ad Internet sono stati ulteriori strumenti utilizzati per una più completa azione didattica. Altri strumenti utilizzati risultano la stampante, la lavagna tradizionale, le pen drive e non da meno il manuale ECDL più di Mario R. Storchi, Ed. Manna, già in dotazione ad ogni corsista. Così come previsto in fase di progettazione, è stata Esperto: Prof.ssa Lucilla Iannetta Tutor: Prof.ssa Angela Zurlo Destinatari: 17 alunni delle classi 3^ Durata: Febbraio-Maggio Finalità Superamento degli esami ECDL Core Level relativi ai moduli presentati nel corso Obiettivi/Competenze CONCETTI DI BASE DELL ICT (M1 ECDL Core Level) STRUMENTI DI PRESENTAZIONE (M6 ECDL Core Level) NAVIGAZIONE WEB E COMUNICAZIONE (M7 ECDL Core Level) Metodologie e Strumenti Lezioni teoriche e pratiche svolte nel laboratorio di Informatica (presso IISS E. Ferdinando sez. Commerciale - Mesagne), esercitazioni pratiche, simulazioni d esame Si prevede di utilizzare, per ciascuna lezione del corso, il laboratorio di informatica, fotocopie, CDrom, manuale in adozione: ECDL più di Mario R. Storchi, Ed. Manna. 6

7 prevalentemente utilizzata una metodologia laboratoriale, per cui ogni corsista è stato sollecitato a provare praticamente quanto proposto dal Syllabus 5.0 dell ECDL. La lezione frontale, invece, è stata utilizzata solo per presentare le diverse funzionalità dei software affrontati, cercando di usare sempre un linguaggio semplice e ricco di esempi pratici, al fine di coinvolgere tutti e tenere vivo l interesse di ognuno dei partecipanti. Infine, è stata seguita una metodologia di e-learning attraverso la consultazione di materiale didattico online selezionato (dispense, test, simulazioni d'esame, ecc.). Tale metodologia è stata ritenuta adatta per un continuo esercizio teso all acquisizione di quelle competenze utili all'attività di studente ma anche necessaria per una più completa preparazione, in vista degli esami per il conseguimento della Patente Europea del computer ECDL. INFORMATICA Classi 2^ MODULO Percorso formativo per il conseguimento della Patente Europea (ECDL) Competenze relative ai modd. 4 e 5 Esperto: Prof.ssa Antonella Andriola Tutor: Prof.ssa Agnese Gallo Destinatari: 23 alunni delle classi 2^ Durata: Febbraio-Maggio MODULO Percorso formativo per il conseguimento della Patente Europea (ECDL) Competenze relative ai modd. 4 e 5 Esperto: Prof.ssa Daniela Piro Tutor: Prof.ssa Carmela Moro Destinatari: 24 alunni delle classi 2^ Durata: Febbraio-Maggio Finalità Migliorare l offerta formativa sviluppando la padronanza e l uso delle tecnologie didattiche multimediali e l introduzione di tali tecnologie. L attività di formazione ipotizzata mira a far acquisire la capacità d uso, nonché un atteggiamento maturo e critico nei confronti delle nuove tecnologie e degli strumenti multimediali. Dare la possibilità di completare il titolo finale del corso di studi con il superamento degli esami per il conseguimento dell ECDL. Obiettivi/Competenze: Capacità d uso del foglio di calcolo elettronico (mod. 4); Capacità d uso degli elementi base per l archiviazione dei dati (mod. 5); Miglioramento della efficacia delle conoscenze curricolari. Preparazione conseguimento dell ECDL 7

8 Cooperare in gruppo con altri alunni della scuola Strumenti e metodologie: Ogni incontro ha avuto la durata di 2 ore. Ad inizio corso si è somministrato un test di ingresso al fine di valutare le conoscenze pregresse di ogni allievo. In ognuno dei moduli l intervento è stato strutturato in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, utilizzando le attrezzature tecnologiche presenti. L approccio didattico si è basato sulla metodologia del "learn by doing", al fine di acquisire competenze immediatamente spendibili. Alla fine di ogni modulo si è somministrato un test finale di valutazione delle conoscenze acquisite. Ad ogni incontro si è proceduto a: esercitazioni autonome dei corsisti sulle tematiche trattate; simulazioni di prova di esame per l ECDL. GEOMETRIA Tutor: Prof.ssa Franca Soroberto Esperta: Prof.ssa Vincenza Deleo Destinatari: 25 alunni delle classi 2^ Durata: Febbraio-Maggio MODULO: Geometria al computer Finalità: Il progetto nasce dall esigenza di gestire la geometria con un programma nuovo : geogebra. Gli alunni più motivati con operazioni di input/output delle funzioni del disegno geometrico effettuano misurazioni di grandezze comuni usando correttamente gli strumenti.giunge alla descrizione- rappresentazione in molteplici modi. Obiettivi: Conoscere proprietà degli elementi fondamentali della geometria. Individuare le proprietà di rette parallele ortogonali e sghembe. Costruire figure geometriche con l uso di geogebra, partendo dalle proprietà dei quadrilateri triangoli e parallelogrammi.. Motivazione allo studio della geometria. Calcolo delle aree con l uso di geogebra ed excel Costruzione di situazioni problematiche e relativa soluzione. Metodologie: Lezioni teoriche pratiche svolte in laboratorio di informatica, esercitazioni pratiche. 8

9 INGLESE MODULO: Learning English Tutor: Prof.ssa Anna Andriulo Esperta: Prof.ssa Rosanna Strisciullo Destinatari: 25 alunni delle classi 3^ Durata: Febbraio-Maggio Finalità: Il progetto nasce dall esigenza di offrire agli alunni un livello di competenza linguistica che possa consentire l acquisizione di certificazioni spendibili in Italia e all estero, titoli formativi che sono diventati oramai un must nella società odierna. Il percorso formativo di lingua inglese prevede, oltre al potenziamento della competenza linguistica, l arricchimento formativo del confronto interculturale ed interlinguistico. Obiettivi: Consolidare le competenze linguistiche di base. Acquisire competenze linguistiche specifiche. Conseguire una preparazione propedeutica al livello di competenze che corrispondono al livello A2 e B1del Quadro Comune di Riferimento Europeo. Motivazione allo studio della lingua inglese. Identificarsi in una prospettiva storica comune, pur se fondata su diversi costumi, culture e lingue Metodologie: Interazione alunno-alunno; alunno insegnante Attività di listening Attività di speaking Role play; pair work Fasi operative: Fase 1 (Gen.) Individuazione degli alunni attraverso indagine conoscitiva e formazione di un gruppo omogeneo per abilità e competenze Fase 2 (Febbraio - Maggio) 25 Incontri di due ore ciascuno, finalizzati a far raggiungere agli alunni le competenze che corrispondono al livello A2 del Framework europeo Fase 3 (Maggio) A conclusione del percorso tutti gli studenti potranno prendere parte all esame del Trinity College Grade 4/5 (ente certificatore riconosciuto dal Ministero Pubblica Istruzione e dal Consiglio d Europa). Le competenze acquisite e verificate costituiranno crediti formativi scolastici che rientrano nel portfolio personale di ogni allievo. Interventi didattici: Gli interventi mireranno soprattutto allo sviluppo delle abilità audio orali. Il lavoro sarà organizzato in moduli tematici attraverso cui gli allievi potranno sviluppare gradualmente le abilità necessarie per conseguire gli obiettivi linguistici e comunicativi fissati. Ogni incontro avrà inizio con la fase della consapevolizzazione degli studenti sugli obiettivi che essi dovranno man mano raggiungere (presentazione della funzione comunicativa e dell unità tematica da affrontare). Dopo la fase di warming up si procederà con l attività di ascolto di dialoghi situazionali o di testi autentici in cui siano presenti le funzioni e le strutture il cui funzionamento sarà appreso dai ragazzi attraverso il metodo induttivo. Per fissare le nuove strutture e le nuove funzioni i ragazzi svolgeranno esercizi di interazione alunno-alunno, alunno-insegnante. La fase successiva sarà quella della produzione orale (minidialoghi, role play, pair work, drammatizzazione ) come reimpiego del materiale linguistico proposto. Ogni incontro si concluderà con una listening comprehension: i ragazzi dovranno completare o rispondere a domande relative ad un testo ascoltato. Saranno adoperati libri di testo, stampati vari, giochi didattici, materiale autentico, mezzi sonori (laboratorio linguistico).la presenza di un esperto madrelingua contribuirà a stimolare maggiormente il processo di apprendimento. Risultati attesi: Gli studenti svilupperanno le competenze comunicative della lingua Inglese corrispondenti alle linee guida del livello A2 e B1 del Quadro Comune di Riferimento Europeo e potranno sostenere, alla fine del corso, l esame Trinity: grade 4 e grade 5. 9

10 Tutor: Prof. Cosimo Tardio Esperta: Prof.ssa Ida Gennaro Destinatari: 17 alunni delle classi 1^ Durata: Febbraio-Maggio ITALIANO MODULO: Paroliamoci Obiettivi: avvicinare in modi più creativi e spontanei gli alunni all uso della lingua italiana accrescere in loro la curiosità verso variegate tipologie testuali potenziare ed accrescere la comprensione, sia orale che scritta, di ogni tipo di testo avvicinare gli alunni ad una produzione scritta ed ad una espressione orale più pensate, organizzate ed efficaci. Attività e Metodologie utilizzate: Si è inteso così presentare agli alunni strumenti, modalità di lettura, e diversificate narrazioni esemplari, che svelassero loro la funzione imprescindibile della narrazione, nella costruzione dell immaginario dei giovani. Per questo i laboratori di lettura e di scrittura, che si sono rivelati efficaci modalità didattiche, si sono concentrati su : o la diretta e motivata esperienza della lettura, ad alta voce, con espressività e facendo propri modelli ed esempi presentati dall esperto. o La prima acquisizione della consapevolezza del quanto e come l uso della voce, del gesto, della postura e del respiro siano pratiche importanti nella costruzione di una efficace comunicazione interpersonale. o La verifica di forme più pensate e più coinvolgenti di scrittura, ( soprattutto di tipo autobiografico e poetico), capace di fare pensiero, far acquisire un nuovo lessico e intercettare i primi pensieri sul mondo dei ragazzi. o La constatazione di quanto la scrittura sia un prezioso antidoto allo spaesamento, alla solitudine, capace com è di sollecitare l esperienza del se. La scrittura poetica è divenuta così una pratica laboratoriale in qualche modo trasversale : la lingua ha incontrato la musica, la metrica, con le sue scansioni ha toccato la matematica; il disegno è divenuto percorso parallelo alla ricerca lessicale e via discorrendo. Si sono usate metodologie ritenute coinvolgenti quali : la lezione dialogata e circolare, intesa quale breve comunicazione dell esperto, tesa a sollecitare un dibattito, alla quale seguiva una buona partecipazione degli alunni. Una pratica incentrata sulla didattica laboratoriale, ovvero sul fare, attraverso la quale gli alunni apprendevano, in itinere, le varie tecniche di scritture e le modalità fondamentali ( progetto, stesura, prima scrittura ), con le quali iniziare una più fondata esperienza scritta. Strumenti: Si sono utilizzati vari supporti, mezzi e strumenti, con l obiettivo di sostenere il complessivo impianto formativo intentato : Diverse fotocopie di testi esemplari, da leggere ed analizzare La LIM, usata in chiave anche creativa, che ha consentito pratiche didattiche più innovative Postazioni computer, usate anche per attivare forme di scrittura diverse, anche in collegamento all uso creativo della rete. Risultati attesi: Incontro con lo scrittore, che, anche se la sua figura ha coinciso con quella dell esperto, ha costituito una preziosa occasione di disvelamento delle funzioni della scrittura e di alcune nuove modalità narrative esemplari. La possibilità, sempre in itinere considerata e poi rivelatasi fondata, di realizzare un libro finale, che contenesse una miniantologia dei testi più interessanti realizzati durante i laboratori. Va sottolineato, per chiudere, quanto e come, il titolo scelto per la suddetta pubblicazione, e io a perdermi dietro questi pensieri!, ha finito per racchiudere il senso del progetto, che, in definitiva, voleva far divenire questi incontri una prima occasione per convogliare la fantasia e la lingua dei ragazzi verso la felice sconclusione della poesia. 10

11 GRUPPO OPERATIVO DI PROGETTO Dirigente Scolastico Direttore dei Servizi generali Amministrativi Tutor d Obiettivo Referente per la Valutazione Facilitatore di piano D.ssa Maria Santina FAGGIANO SEMERARO D.ssa Sabina DE STRADIS Prof. Roberto GUADALUPI Prof.ssa Giuseppa PENNETTA Prof. Fulvio GIAMPORCARO TEMPI E MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO Le attività didattiche si sono svolte dall 8 febbraio al 31 maggio 2010, dalle ore alle ore 17.00, nei locali della Scuola Secondaria Maia Materdona e dell I.I.S.S. E. Ferdinando Sez. Commerciale- Mesagne. Gli esami per la Certificazione Delf e Trinity si sono svolti rispettivamente nei giorni 7, 13 maggio e 17, 18 maggio Gli esami dell ECDL si sono svolti il 4 e 5 giugno Le lezioni dei Progetti PON sono state distribuite nell arco della settimana dal lunedì al venerdì, avendo cura di evitare sovrapposizioni, anche con altri progetti finanziati con il Fondo d Istituto, al fine di favorire, ove richiesto, la frequenza di più moduli da parte dello stesso alunno. Per conseguire la formazione di gruppi-classe il più possibile omogenei, all interno di ciascun Consiglio di Classe i docenti curricolari hanno individuato gli allievi più motivati e in possesso dei prerequisiti adeguati alla frequenza di ciascun Progetto. La programmazione delle attività didattiche, anche quando sono risultate simili per moduli diversi, sono state calibrate sugli effettivi bisogni formativi dei corsisti. VALUTAZIONE DEL PROGETTO L attività di monitoraggio e valutazione ha riguardato l analisi del percorso formativo nelle sue diverse fasi ed è stata finalizzata a verificarne la conformità con i requisiti di base del Progetto. In particolare, l intervento di valutazione è stato condotto su tre livelli: Valutazione della qualità del servizio erogato basata su dati oggettivi e verificabili: Numero degli alunni Frequenza Valutazione della qualità del servizio percepita dai destinatari e volta a conoscere aspettative e grado di soddisfazione attraverso: Somministrazione di questionari su aspettative e motivazioni (in entrata) Somministrazione di questionari di gradimento a tutti i corsisti (intermedi e finali) Relazione finale dei docenti esperti Valutazione della qualità del servizio basata sull acquisizione di competenze certificate attraverso: Somministrazione di prove di verifica (intermedie e finali) Esami di certificazione per lingua francese, inglese e ECDL 11

12 Per quanto riguarda il primo punto, il numero degli alunni iscritti è stato sostanzialmente alto e la frequenza è rimasta pressoché invariata fino alla fine dei corsi, come si evince dalla seguente tabella. Riepilogo dell utenza degli interventi di formazione Maschi femmine totali Numero partecipanti Numero Ritiri Percentuale assenze 0,81 0,71 0,76 % frequenza % frequenza TRINITY grado 4-5 PAROLIAMOCI ECDL mod 1 ECDL mod 2 RICOMINCIO D. DELF ECDL mod 4 ECDL mod 3 GEOMETRIA.. Passando al secondo punto, occorre precisare che l attività di valutazione ha voluto considerare, oltre agli aspetti formativi valutabili oggettivamente dai Docenti Esperti e dai Tutor e attraverso le certificazioni esterne, anche gli aspetti legati al gradimento e soddisfazione dell utenza. Tale scelta è scaturita da una considerazione di natura pratica: frequentare uno o più progetti PON può risultare per i ragazzi a volte faticoso, tuttavia se le attività, l approccio metodologico e i contenuti proposti risultano interessanti e motivanti, gli stessi alunni possono vedere nella scuola un ulteriore occasione di crescita e formazione oltre che luogo di laboratorio attivo dove acquisire competenze spendibili sia in ambito scolastico che nella pratica quotidiana. In effetti, l analisi dei dati rilevati dai questionari di gradimento (iniziale, intermedio e finale) evidenzia un alto livello di soddisfazione degli alunni, delle famiglie e dei docenti. Da questi risultati è facile capire che l obiettivo di sviluppo delle competenze perseguito dai progetti PON è stato pienamente raggiunto, come è ampiamente documentato dai grafici seguenti. 12

13 RISULTATI DEL QUESTIONARIO IN ENTRATA (Allegato 1) 13

14 RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO INTERMEDIO (Allegato 2) Livello di gradimento Esperto/Tutor Capacità dell Esperto e del Tutor di stimolare creatività e operosità 14

15 Gradimento aspetti organizzativi Chiarezza obiettivi-gradimento contenuti 15

16 RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FINALE (Allegato 4) Contesto di insegnamento Didattica 16

17 Clima relazionale Risultati attesi 17

18 L ultimo punto, riguardante l attività di valutazione, ha preso in esame il processo di apprendimento degli alunni, che è stato monitorato costantemente dai Docenti Esperti e Tutor mediante la somministrazione di prove di verifica iniziali, intermedie e finali. Le stesse prove, oltre a definire i livelli di formazione dei corsisti, sono state utilizzate anche come attività di monitoraggio delle diverse fasi progettuali, per individuare elementi di criticità da risolvere in itinere al fine di svolgere al meglio le attività del PON. In un secondo momento anche il Consiglio di Classe e i Coordinatori, attraverso una scheda di Rilevazione dati e osservazioni (all. 3), hanno registrato i livelli di miglioramento degli alunni e la ricaduta delle azioni PON sulla formazione dei discenti, al fine di integrare la valutazione del percorso didattico curricolare con quella relativa ai progetti in esame. Dall analisi dei dati delle verifiche intermedie e finali, è possibile rilevare significativi miglioramenti e risultati nettamente positivi, circa le competenze acquisite, per la quasi totalità degli alunni frequentanti. N ALUNNI PARTECIPANTI AI PON N alunni; Terze; 28% N alunni; Prime; 24% Prime Seconde Terze N alunni; Seconde; 48% I grafici che seguono documentano gli esiti delle attività svolte. 18

19 RICADUTA DELLE AZIONI PON sulla formazione dei discenti a cura del Consiglio di Classe (Allegato 3) Miglioramento conoscenze 19

20 RISULTATI DELLE VERIFICHE FRANCESE Delf: Ons entraine en Francais INGLESE Learning English 20

21 INFORMATICA Moduli ECDL a confronto classi 3^ Moduli ECDL a confronto classi 2^ 21

22 MATEMATICA Ricomincio da zero GEOMETRIA Geometria al computer 22

23 ITALIANO Paroliamoci CONSEGUIMENTO CERTIFICAZIONE ESTERNA in FRANCESE, INGLESE e ECDL 23

24 RELAZIONE DEL REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Giuseppa PENNETTA In data mi è stato conferito l incarico di far parte del Gruppo Operativo di Progetto di Piano Integrato, afferente all Azione C-1-FSE , per realizzare l analisi qualitativa di processo e di valutazione del Progetto sopraccitato, verificandone l efficienza, l efficacia e la capacità d impatto. La mia funzione è stata quella di coordinare le attività valutative riguardanti l intero piano della scuola, con il compito di verificare, sia in itinere che ex-post, l andamento e gli esiti degli interventi, interfacciandomi costantemente con l Autorità di Gestione e gli altri soggetti coinvolti nella valutazione del Programma. Tale attività è stata svolta nelle ore e nei periodi di attività corsale (dall 8 febbraio al 31 maggio 2010 per complessive n. 62,75 ore/minuti), secondo linee condivise dal G.O.P., di concerto con Tutor ed Esperti di ciascun percorso formativo, in un clima di dialogo e di collaborazione. In qualità di Referente per la Valutazione ho adottato le seguenti fasi procedurali: lettura dei progetti proposti, con attenzione alla tipologia dei destinatari, ai bisogni e alle finalità educative; visione della struttura validata sulla piattaforma dell Agenzia Scuola con attenzione agli obiettivi e al calendario dei corsi; elaborazione dei questionari di monitoraggio ex ante in ordine ad aspettative e motivazioni dell utenza (Alleg.1) e loro somministrazione in forma anonima (febbraio 2010); elaborazione dei questionari di gradimento intermedio al fine di far emergere eventuali ostacoli al regolare svolgimento dei corsi (Alleg. 2) e loro somministrazione all incirca a metà del corso (marzo 2010); ricognizione e socializzazione dei dati raccolti nelle riunioni G.O.P. e nelle riunioni con Tutor ed Esperti; elaborazione di questionari per la rilevazione della ricaduta dei progetti PON sulla formazione dei discenti da compilare a cura del coordinatore e all interno di ogni Consiglio di Classe( Alleg. 3) e relativa somministrazione (aprile 2010); elaborazione dei questionari di monitoraggio finale relativo al contesto di apprendimento, didattica, clima relazionale rivolti ai corsisti (Alleg. 4) e loro somministrazione (maggio 2010). Elaborazione del Documento finale di sintesi (Report). I questionari somministrati prevedevano la possibilità di esprimere un giudizio da per nulla a moltissimo, in una scala pentenaria. Dall analisi delle risposte acquisite emerge che tutti i moduli formativi attuati hanno suscitato interesse negli alunni e che la soddisfazione complessiva si attesta su percentuali che vanno oltre il 60%. Infatti, dai questionari di gradimento in itinere e dal monitoraggio finale è emerso l impatto positivo dei vari moduli formativi sugli alunni: - le lezioni dei moduli di Italiano e Matematica, per la maggior parte dei corsisti, hanno aiutato a migliorare la comunicazione in lingua e a superare le difficoltà nella disciplina seguita; 24

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO SCIENTIFICO TECNOLOGICO E DELLE SCIENZE APPLICATE 7202 - FRANCAVILLA FONTANA (BR) Viale V. Lilla, 25 Tel.: 083.84727 Fax: 083.83744 72024 - ORIA (BR) Via A. Negri, Tel.: 083.87097

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli