Abuso del diritto di recesso e concessione abusiva del credito

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abuso del diritto di recesso e concessione abusiva del credito"

Transcript

1 Abuso del diritto di recesso e concessione abusiva del credito Sommario L esercizio abusivo del diritto di recesso riveste un ruolo di primo piano nell ambito della più generale tematica dell abuso del diritto. Le difficoltà e le incertezze nel delineare i tratti fondamentali della figura, sia sotto il profilo dell inquadramento sistematico, sia con riferimento ai suoi elementi distintivi e caratterizzanti, hanno indotto gli studiosi, a fronte di una giurisprudenza sempre più convinta nel ritenere giustiziabile il recesso dal contratto anche qualora sia previsto ad nutum, ad interrogarsi sull oggetto e sull estensione del sindacato giudiziale. Non meno problematica è la ricostruzione della fattispecie, di genesi giurisprudenziale, dell abuso nella concessione del credito, soprattutto alla luce delle recenti riforme che hanno interessato la disciplina delle procedure concorsuali. 1 L abuso del diritto Quando si parla di abuso del diritto, si fa riferimento a situazioni nelle quali è labile il confine tra valutazioni di carattere giuridico e giudizi etici, sicché si potrebbe sostenere che chi abusa del proprio diritto può meritare riprovazione morale, ma risulta immune da sanzioni giuridiche. Si ritiene che questa sia una delle ragioni per le quali, sebbene il progetto preliminare del codice civile proclamasse, all art. 7 di quelle che sarebbero diventate le disposizioni sulla legge in generale, che Nessuno può esercitare il proprio diritto in contrasto con lo scopo per il quale il diritto medesimo gli è stato riconosciuto, la formula non fu riprodotta nella versione finale. Vi è, tuttavia, una regola considerata immanente nel nostro ordinamento secondo la quale l esercizio del diritto è inammissibile se può avere il solo scopo di provocare danno ad altri o è diretto a conseguire utilità diverse da quelle considerate dal legislatore nell attribuire determinate facoltà. La positivizzazione dell abuso del diritto, pur nell assenza di una disposizione di legge che, quantomeno in ambito contrattuale, la preveda specificamente, ha radici risalenti, se è vero che già Cass. 3040/60 osservava come in singoli casi ed in riferimento ai fondamentali precetti giuridici della buona fede (come regola di condotta) e della rispondenza dell esercizio del diritto agli scopi etici e sociali per cui il diritto stesso

2 viene riconosciuto e concesso nell ordinamento giuridico positivo, l uso anormale del diritto possa condurre il comportamento del singolo (nel caso concreto) fuori della sfera del diritto soggettivo medesimo e che quindi tale comportamento possa costituire un illecito, secondo le norme generali di diritto in materia. Il danneggiante, quindi, risponde per fatto illecito anche se ha agito iure, nell esercizio del proprio diritto, se di questo egli ha abusato. Gli elementi costitutivi dell abuso del diritto Gli elementi costitutivi della figura, come tratteggiati da Cass /09 sono: 1) la titolarità di un diritto soggettivo in capo ad un soggetto; 2) la possibilità che il concreto esercizio di quel diritto sia effettuato secondo una pluralità di modalità non rigidamente predeterminate; 3) la circostanza che tale esercizio concreto, anche se formalmente rispettoso della cornice attributiva di quel diritto, sia svolto con modalità censurabili rispetto ad un criterio di valutazione giuridico ed extragiuridico; 4) la circostanza che, a causa di una tale modalità di esercizio, si verifichi una sproporzione ingiustificata tra il beneficio del titolare del diritto ed il sacrificio cui è soggetta la controparte. L abuso del diritto si distingue dall eccesso del diritto, in quanto, nel primo caso, il soggetto attivo si muove nell ambito dei poteri e delle facoltà attribuitegli, facendone un uso illecito, mentre, nel secondo caso, compie un azione che esorbita dagli stessi. Non mancano, peraltro, gli autori che evidenziano come il concetto di abuso del diritto, soprattutto se riferito ai diritti potestativi (che comportano la soggezione altrui a fronte di una situazione di potere attribuita in capo al soggetto attivo) contenga in sé un antinomia: se vi è un diritto (ovvero una libertà attribuita dall ordinamento ad un soggetto), non vi può essere abuso (che significherebbe ravvisare una responsabilità in capo a chi si avvale di tale libertà). Tuttavia, l abuso del diritto consiste in un comportamento che formalmente, ovvero in apparenza, presenta tutti i caratteri del diritto soggettivo, ma che, sulla base di criteri sostanziali di valutazione, si rivela illecito o comunque si avrebbe il dovere di non compiere, perché confligge con gli interessi altrui, che fungono da limite a tale diritto. 2 I parametri utilizzati nelle varie esperienze giuridiche per valutare l abusività o meno sono: a. il difetto di interesse all esercizio del diritto unito all intenzione esclusiva di nuocere ad altri; b. la modalità anomala o scorretta dell esercizio del diritto; c. il bilanciamento degli interessi perseguiti rispetto agli interessi sacrificati; d. la deviazione del potere dal fine istituzionale rispetto all interesse che il

3 potere è destinato legalmente a soddisfare; e. la violazione del divieto di venire contra factum proprium (ossia tenere un comportamento incoerente e contrastante con la condotta serbata fino al momento in cui viene esercitato il diritto; in altre parole, adottare un comportamento tale da ingenerare il convincimento che esso sia prodromico di una certa determinazione e, in un secondo momento, compiere una scelta radicalmente contraria a quanto fatto credere, come avviene quando la parte tolleri reiteratamente l inadempimento altrui ed eserciti improvvisamente la facoltà attribuitale da una clausola risolutiva espressa, cfr. Cass. 2507/79). L abuso del diritto di recesso. Similmente, si ritiene ravvisabile un abuso quando una parte si avvalga della facoltà di recesso contrattualmente o normativamente attribuitale, in maniera tale, tuttavia, da frustrare l aspettativa nella prosecuzione del rapporto ingenerata nell altra parte o in modo da provocare a quest ultima un ingiustificato sacrificio dei suoi interessi. Il problema si pone essenzialmente quando, per l efficacia del recesso, non è richiesta una giusta causa e si tratta, perciò, di recesso ad nutum: l effetto estintivo del vincolo contrattuale si produce, in questi casi, per mera volontà del recedente, tendenzialmente insindacabile ed incensurabile in sede giudiziaria. Va detto, in primo luogo, che la disciplina positiva del diritto di recesso non aiuta a comprendere in quali casi possa aversi abusività: a fronte di una norma (l art c.c.) che pone una regola generale in tema di recesso convenzionale, vi sono svariate disposizioni che, con riguardo alle singole fattispecie contrattuali, prevedono ipotesi di recesso legale affatto diverse (si pensi, ad esempio, all art c.c., che prevede il recesso ad nutum del comodante in caso di mancata predeterminazione del termine; all art c.c., che prevede il recesso ad nutum del committente, stabilendo il diritto dell appaltatore a percepire un indennità; all art c.c., che prevede il recesso ad nutum per entrambi i contraenti nel caso di contratto di apertura di credito a tempo indeterminato). 3 La prima pronuncia di legittimità in tema di abuso del diritto di recesso è quella di Cass. 4538/97: nel quadro della disciplina dettata dal codice civile, è consentito alla banca (così come al cliente) di recedere in qualsiasi momento da un rapporto di apertura di credito a tempo indeterminato, con il solo obbligo di darne preavviso alla controparte entro un termine che, se non diversamente stabilito dal contratto o dagli usi, lo stesso codice fissa in quindici giorni (art. 1845, ultimo cpv., c.c.). Se, invece, si tratta di un apertura di credito a tempo determinato, la banca, salvo patto contrario, ha potestà di recesso soltanto in presenza di una giusta causa (art. cit., comma 1 ) e deve comunque concedere al cliente un termine di quindici giorni per la restituzione delle somme utilizzate e dei relativi accessori

4 (comma 2 ) quanto appena osservato, tuttavia, non implica la totale insindacabilità del modo di esercizio del diritto potestativo di recesso da parte della banca. Resta pur sempre da rispettare il fondamentale principio dell esecuzione dei contratti secondo buona fede (art c.c.), alla stregua del quale non può escludersi che, anche se pattiziamente consentito in difetto di giusta causa, il recesso di una banca dal rapporto di apertura di credito sia da considerare illegittimo, ove in concreto esso assuma connotati del tutto imprevisti ed arbitrari; connotati tali, cioè, da contrastare con la ragionevole aspettativa di chi, in base ai comportamenti usualmente tenuti dalla banca ed all assoluta normalità commerciale dei rapporti in atto, abbia fatto conto di poter disporre della provvista creditizia per il tempo previsto, e non potrebbe perciò pretendersi sia pronto in qualsiasi momento alla restituzione delle somme utilizzate, se non a patto di svuotare le ragioni stesse per le quali un apertura di credito viene normalmente convenuta. Il fondamento giuridico della sindacabilità dell esercizio del diritto di recesso. Di qui la ritenuta sindacabilità, alla stregua dell art c.c., anche del diritto potestativo di recesso ad nutum dal contratto. Il canone generale dell esecuzione secondo buona fede viene elevato a criterio di valutazione dell esercizio di qualsiasi diritto soggettivo, ivi compresi quelli che derivano da un contratto. Poiché tale clausola generale attiene al rapporto contrattuale nel suo complesso, governandone l esecuzione, anche l esercizio del diritto di recesso, che attiene alla fisiologia di tale rapporto, deve essere improntato a buona fede. Resta, però, da considerare come debba porsi la distinzione fra recesso per giusta causa e recesso ad nutum. La differenza, secondo alcuni autori, è di ordine processuale e attiene alla distribuzione dell onere della prova: nel recesso per giusta causa incombe sul recedente l onere di provare la sussistenza di una giusta causa di recesso, pena l inefficacia dello stesso; nel recesso ad nutum, per contro, è l altra parte che, per impedire l effetto risolutivo del recesso, deve provare che esso è privo di ogni plausibile ragione giustificatrice. Ma può realmente parlarsi di ragione giustificatrice, se il recesso è ad nutum, vale a dire ammesso a prescindere dalla sua motivazione? L abusività del diritto di recesso può, allora, essere vista in una fase eziologica (nel senso di abuso della libertà contrattuale e, dunque, sotto il profilo della validità della clausola) o in una prospettiva dinamica (sotto il profilo dell abusività del suo esercizio, una volta affermata la legittimità della previsione contrattuale). 4 Nelle prime sentenze che si sono occupate dell abuso del diritto di recesso, l abusività veniva ricondotta, da un lato, all assenza di una ragione

5 giustificatrice del recesso (ovvero nel mancato riscontro di una adeguata giustificazione, di giustificati motivi, di ragionevoli motivi, di un valido motivo ), che lede il legittimo affidamento ingenerato nella controparte (pur essendo consentito recedere senza una valida motivazione, il diritto non può essere esercitato senza tenere in considerazione l aspettativa nella prosecuzione del rapporto ragionevolmente maturata dalla controparte) e, dall altro lato, all intenzionalità del comportamento del recedente (volontà di nuocere alla controparte). Il tipo di controllo dell atto di esercizio del diritto che il sindacato basato sullo strumento dell abuso implica si fonda essenzialmente sull accertamento di una deviazione dell esercizio del diritto rispetto allo scopo per il quale il diritto stesso è stato attribuito e mira essenzialmente a verificare che, attraverso tale esercizio, il titolare del diritto non cerchi di appropriarsi di utilità diverse ed ulteriori rispetto a quelle che, con l attribuzione del diritto, l ordinamento intende assicurargli. La situazione descritta è presa in specifica considerazione dal nostro legislatore con riferimento alla minaccia di fare valere un diritto, diretta a conseguire vantaggi ingiusti, ipotesi disciplinata dall art c.c. Questa norma rende annullabile l atto di autonomia privata quando la minaccia di esercitare il diritto sia posta in essere non tanto per manifestare l intenzione di pretendere le utilità che ineriscono al diritto in questione, quanto piuttosto per esercitare una indebita pressione sull altra parte, costringendola (o, comunque, cercando di indurla) a concludere un contratto, alle utilità scaturenti dal quale mira evidentemente l autore della minaccia. 5 Ma lo scopo per il quale il diritto di recesso ad nutum viene ammesso dal legislatore è, appunto, quello di consentire al recedente di potersi sciogliere dal contratto senza necessità di addurre alcuna particolare motivazione (e/o alcuna causa giustificatrice). Questo scopo non è, dunque, violato se il contraente recede immotivatamente, perché l esito conseguito (l interruzione del rapporto) è quello connaturato alla previsione del diritto di recesso. Pertanto, non può censurarsi l esercizio del diritto sotto il profilo della causa (o del motivo) che lo ha determinato, quale che sia tale causa, perché, così facendo, si introdurrebbe ex post una nuova qualificazione del diritto (nel senso che si trasformerebbe un diritto di recesso ad nutum in un recesso causale). Nel caso di recesso ad nutum, dunque, l assenza di una attendibile ragione non viene in rilievo in sé, ma può, al limite, fungere da indice di un esercizio scorretto del diritto. In questo senso, potrebbe, dunque, ricorrere la fattispecie dell abuso se, in presenza dei presupposti che ne consentono l esercizio, il recesso venga posto in essere non tanto per porre termine al rapporto, quanto piuttosto per indurre la controparte a rinunciare ad alcune pretese derivanti dal pregresso svolgimento del rapporto, per rinegoziarne il rinnovo o la prosecuzione a condizioni più vantaggiose e da una posizione di maggiore forza (derivante dal timore della controparte che la relazione contrattuale possa interrompersi definitivamente).

6 Tuttavia, l analisi dell intenzionalità psicologica dei contraenti è del tutto estranea alla valutazione del loro comportamento alla stregua della buona fede oggettiva. Le condizioni che rendono non arbitrario il recesso non debbono essere soggettivamente valutate, ma devono avere carattere di oggettività, da valutarsi secondo buona fede. Il rischio è quello di confondere due piani che vanno tenuti assolutamente distinti: la violazione della buona fede oggettiva, alla stregua della quale verificare l abusività o meno del recesso e l atteggiamento psicologico che la sorregge, del tutto irrilevante ove si voglia ancorare la valutazione di abusività ad un dato oggettivo, anche perché l assenza dell intenzionalità non ha effetto scriminante della illegittimità del comportamento oggettivamente contrario a buona fede. Un altro rischio è quello di assimilare il recesso ad nutum al recesso per giusta causa (quando, per la concretizzazione della clausola generale di buona fede, si propone di individuare nei fatti concreti che integrano la clausola generale della giusta causa altrettanti casi di esercizio del recesso ad nutum secondo buona fede), che, evidentemente, integrano fattispecie diverse. Si è tentato, dunque, di dare un diverso fondamento giuridico alla censurabilità del recesso abusivo. La clausola generale di buona fede impone a ciascuna parte di agire, per quanto possibile, in modo tale da salvaguardare gli interessi dell altra, in vista della realizzazione del reciproco interesse economico-negoziale che ha indotto le parti a concludere il contratto. Il giudizio di abusività suppone la legittimità dei diritti conferiti dal contratto ad una parte nei confronti dell altra ed ingiunge di disapplicare quel modo soltanto del loro esercizio che metta a repentaglio l attuazione del progetto negoziale concordato, infrangendo l equilibrio, anche del tutto asimmetrico, ad esso consegnato dalle parti. In questo senso, la differenza tra recesso abusivo e non abusivo andrebbe ricondotta a ciò, che, pur non essendo necessario che ricorra una giusta causa a fondamento dell esercizio del diritto, quest ultimo non leda ingiustificatamente gli interessi della controparte, indipendentemente dalla volontà del recedente di arrecare un nocumento (nel che sarebbe ravvisabile un atto emulativo, più che un esercizio abusivo del diritto). In quest ottica, l esercizio del diritto di recesso ad nutum è abusivo non quando è esercitato in assenza di giusta causa, ma allorché si riveli non conciliabile con il principio di solidarietà che permea l intero ordinamento giuridico. Lo stesso problema, peraltro, si pone allorché le parti abbiano tipizzato la giusta causa legittimante il recesso: anche in questi casi, pur ricorrendo una delle ipotesi pattiziamente previste, potrà essere ravvisata la ricorrenza di un abuso quando il recesso sia esercitato con modalità del tutto impreviste ed arbitrarie, tali da contrastare con la ragionevole aspettativa nella stabilità del rapporto ingenerata in capo alla controparte contrattuale in ragione dei comportamenti tenuti e della normalità commerciale (così Cass. 6

7 9321/00). Dando questa configurazione all abuso del diritto di recesso, il controllo non attiene più alla causa dell atto di esercizio del diritto, tendente ad evitare che questo possa ipoteticamente essere stato posto in essere per conseguire uno scopo o un risultato diverso e ulteriore rispetto alle utilità che l ordinamento garantisce al titolare della situazione giuridica attiva, in quanto, attraverso il canone della buona fede, non è sindacato lo scopo per il quale tale esercizio è avvenuto, ma la modalità con cui esso si è realizzato, che, per l appunto, può essere tale da fare ritenere sleale la condotta del contraente. Il giudice non potrà, quindi, limitarsi a constatare la mancanza di una giusta causa per giudicare scorretta la condotta del recedente, ma dovrà operare una valutazione più ampia e complessiva (per esempio, se, pur in assenza di una ragione giustificatrice, il recesso da un contratto di apertura di credito sia attuato con accorgimenti tali da consentire alla controparte di reperire le risorse necessarie per estinguere il proprio debito ed ottenere altri finanziamenti). Esperienze applicative Anche lo Studio si è confrontato con la problematica dell abuso del diritto di recesso: in una sentenza del 2011, il Tribunale di Roma, trattando una fattispecie simile a quella considerata dalla nota Cass /09 (nella quale una casa produttrice di automobili aveva comunicato il recesso dal contratto di concessione di vendita a circa 200 concessionari, nella dichiarata ottica di ristrutturare la propria rete di distribuzione e, nel contempo, aveva risolto il contratto di lavoro con una serie di dirigenti, con il patto di tramutarlo in contratto di concessione di vendita, da collocare al posto dei concessionari revocati), ha escluso la sussistenza di profili di abusività in ragione del fatto che (i) non era stato indotto nella parte che ha subito il recesso un legittimo affidamento circa la prosecuzione del rapporto, (ii) la previsione di un congruo termine di preavviso ed il tentativo di individuare soluzioni condivise per l interruzione del rapporto consentissero di escludere una irragionevole lesione dei suoi interessi e (iii) le ragioni addotte a giustificazione del recesso (pure pattuito ad nutum) avevano attinenza con la causa del contratto, per cui ne è stata esclusa la pretestuosità. 7 La concessione abusiva del credito Figura per certi versi speculare rispetto all abusivo recesso dal contratto di apertura di credito è la concessione abusiva del credito. Si ritiene che vi sia abuso nella concessione del credito quando, mediante l erogazione di finanziamenti o il mantenimento in essere di linee di credito già accordate, l impresa viene artificiosamente tenuta in vita, pur in

8 presenza di una conclamata situazione di insolvenza, creando una falsa situazione di apparenza circa la solvibilità dell impresa lesiva dell affidamento dei terzi sulla sua salute finanziaria. La condotta abusiva si sostanzia, dunque, nel comportamento del soggetto finanziatore che mantiene artificiosamente in vita un impresa insolvente, suscitando negli altri operatori del mercato un errata percezione della realtà finanziaria ed economica dell impresa sovvenuta ed inducendoli, in questo modo, a contrattare o a continuare a contrattare con tale impresa in una situazione di sostanziale aggravamento del dissesto, conoscendo la quale si sarebbero presumibilmente astenuti dal contrarre o si sarebbero attivati a tutela delle proprie ragioni di credito già insorte. L elemento soggettivo Le operazioni di credito hanno come presupposto indefettibile la valutazione tecnico-economica delle condizioni patrimoniali e delle potenzialità produttive del destinatario del finanziamento, ossia del merito di credito, da svolgersi con la diligenza del bonus argentarius, nel rispetto delle regole dettate dalle norme bancarie e dalle istruzioni dell autorità di vigilanza; di qui, l antigiuridicità del comportamento della banca che accordi credito a soggetti che risultino immeritevoli e che, per le loro condizioni patrimoniali, non saranno in grado di utilizzare produttivamente il finanziamento ottenuto, cioè di consolidarlo produttivamente nel patrimonio, perpetuando senza giustificazione una presenza nel mercato che inevitabilmente porterà ad un ulteriore ampliamento dell esposizione debitoria anche nei confronti dei terzi. 8 Tale antigiuridicità può essere sorretta a) dal dolo, quando la banca miri a conseguire ingiusti vantaggi rispetto agli altri creditori dell impresa, consolidando garanzie reali o i pagamenti effettuati per rientrare dalla pregressa esposizione debitoria (mettendoli al riparo dalle azioni revocatorie), ovvero finanziando un soggetto prossimo all insolvenza confidando sulla garanzia prestata da un terzo e nella certezza che sarà quest ultimo e non il garantito a restituire l importo finanziato; oppure b) dalla colpa, quando è ravvisabile la conoscenza o la conoscibilità della mancanza dei presupposti tecnici della concessione del credito e la conseguente violazione delle regole tecniche e dei doveri di diligenza professionale e di buona fede posti a presidio dell attività creditizia, che, in quanto funzione di interesse pubblico, ha attitudine ad ingenerare nei terzi, pur al di fuori di ogni relazione con la banca, un affidamento incolpevole sulla accuratezza e correttezza delle valutazioni sul merito creditizio e sull affidabilità del sovvenuto, basate sulle condizioni patrimoniali e produttive che inducono a confidare nella restituzione del credito piuttosto che sull idoneità delle garanzie rilasciate dall impresa o da terzi (la quale

9 attiene al diverso problema della recuperabilità del credito). La valutazione che la banca è chiamata ad operare (sostenere l impresa nella speranza del superamento della crisi o abbandonarla, determinandone, di fatto, il fallimento) è molto delicata, in quanto, nel momento in cui deve essere effettuata, non si dispongono di tutti gli elementi dei quali solo una verifica ex post può beneficiare. Spesso, inoltre, l immediatezza delle decisioni che la banca deve prendere per assicurare la continuità dell impresa risulta difficilmente conciliabile con le tempistiche necessarie per compiere approfondite disamine. Tale valutazione non è, dunque, scevra da una componente di rischio, dal quale è connotata l attività creditizia, per cui la responsabilità della banca sarà ravvisabile quando, usando l ordinaria diligenza, si sarebbe potuto accertare una attuale situazione di insolvenza (sulla base degli elementi patrimoniali disponibili) tale da non consentire la restituzione di quanto percepito (implicando ciò una valutazione di carattere dinamico, basata sulla capacità economica dell impresa, che tenga conto delle previsioni degli andamenti futuri del mercato, delle caratteristiche dei prodotti e dei servizi offerti dal sovvenuto, della fiducia dei fornitori, della fedeltà della clientela). In questo senso, nella valutazione di abusività della condotta della banca, assumono determinante rilievo, da un lato, la veridicità e la completezza delle informazioni fornite dall imprenditore ai fini dell erogazione e, dall altro lato, l agire truffaldino o reticente del richiedente (idoneo ad interrompere il nesso di causalità). 9 L interferenza con la soluzione della crisi d impresa La questione dell abuso nella concessione del credito si pone in termini problematici a fronte del favor mostrato dal legislatore per le soluzioni negoziali e stragiudiziali della crisi d impresa. Per evitare che il timore di incorrere in censure di abusività ne determini, di fatto, la paralisi, alcuni autori hanno proposto di restringere la rilevanza della fattispecie alle sole condotte dolose, oppure alla fase che precede la pubblicizzazione della crisi, ovvero l elaborazione di atti destinati alla pubblicazione ed alla conseguente conoscibilità da parte del mercato (in questi casi, infatti, il terzo non potrebbe invocare l ignoranza della situazione di difficoltà dell imprenditore sovvenuto, dal momento che l erronea percezione della realtà, a causa del sostegno bancario, sarebbe, in questi casi, da ascrivere ad una colpevole ignoranza non meritevole di tutela). Si è anche sostenuto, d altro canto, che, lungo tutta la fase di attuazione del piano, sia predicabile un obbligo di vigilanza in capo al finanziatore e, conseguentemente, un possibile abuso a fronte della mancata interruzione del sostegno finanziario, nel caso in cui emerga con certezza che il piano è destinato all insuccesso, essendosi modificati in maniera decisiva i

10 presupposti su cui trovava fondamento la sua preventivata idoneità. Il danno Il danno derivante dall abusiva concessione di credito viene identificato, in primo luogo, nella lesione della libertà contrattuale del terzo (intesa come libertà di non contrarre), indotta dall erronea percezione della solvibilità dell impresa finanziata. Secondo il fondamentale arresto delle Sezioni Unite della Corte di cassazione (il riferimento è alle sentenze n. 7029, 7030 e 7031 del 28 marzo 2006), perché si perfezioni e produca pregiudizio, la abusiva concessione del credito non deve essere, di necessità, collegata all evento fallimento, rimanendo illecita ancorché non venga seguita dal fallimento ed addirittura prima ancora che questo si verifichi. Una concessione di credito estranea alle regole di corretta amministrazione del medesimo, mantenendo artificiosamente in vita un impresa quando essa, invece, dovrebbe uscire dal mercato, le consente di continuare una concorrenza che, altrimenti, non eserciterebbe. Con ciò, essa, quale che ne possa essere la sorte, produce un danno di natura concorrenziale al concorrente. Gli interessi lesi sono, dunque, individuati, da un lato, in quello dei terzi creditori all autodeterminazione negoziale ed al libero esplicarsi dei poteri contrattuali e di gestione della propria posizione creditoria e, dall altro lato, in quello degli imprenditori concorrenti a non subire un illecito concorrenziale per contrarietà ai principi della correttezza professionale. Il finanziamento abusivo lede, altresì, l interesse dei creditori a che non venga menomata l integrità del patrimonio dell imprenditore destinato alla loro soddisfazione, a seguito dell ulteriore depauperamento conseguente al ritardo nell accertamento della crisi irreversibile ed all accumulazione di nuove perdite. 10 La legittimazione attiva Secondo l indirizzo maggioritario, la legittimazione a fare valere il danno spetta a ciascun terzo, nella misura in cui il comportamento abusivo del finanziatore lo abbia indotto in errore nella percezione della reale situazione economica e finanziaria dell imprenditore sovvenuto e gli abbia procurato un danno di natura concorrenziale, mentre si tende ad escludere quella del curatore fallimentare, sia con riguardo ad un danno subito dalla società fallita (che non può lamentare alcun danno dalla creazione di una situazione di apparenza che ha contribuito essa stessa a creare), sia con riguardo a quello provocato alla massa e, quindi, alle ragioni restitutorie del ceto

11 creditorio. Per chi, invece, sostiene la legittimazione del curatore ad esperire l azione risarcitoria per abusiva concessione del credito, si ritiene che venga procurato anche un danno alla massa, consistente nel depauperamento complessivo del patrimonio dell imprenditore, determinato dal ritardo nell accertamento del dissesto, che ha determinato l inidoneità del patrimonio a coprire i crediti ammessi al passivo. In quest ottica, si afferma che un finanziamento concesso al di fuori di ogni regola di produttività non produce alcun beneficio all impresa, ma unicamente un peso insopportabile e, in definitiva, un pregiudizio, dal momento che all immissione di nuove disponibilità finanziarie fa da contrappeso l obbligo della restituzione del capitale, maggiorato degli interessi e delle spese, che non potrà essere adempiuto, in quanto manca alla base un piano industriale che consenta un impiego efficiente della liquidità conseguita, capace di produrre gli utili necessari almeno a coprire il costo degli investimenti, erodendosi, così, in modo progressivo il patrimonio della società. In definitiva, dal lato passivo si consolida il debito contratto, riveniente da un finanziamento palesemente improduttivo, perché non suscettibile di un impiego utile nell azienda, mentre, dal lato attivo, i capitali affluiti non si consolidano in poste patrimoniali che conservano valore, ma si disperdono, in quanto non vengono indirizzati in impieghi produttivi e di consolidato valore. Questi autori hanno, peraltro, distinto due profili risarcitori che i terzi danneggiati dal finanziamento abusivo potrebbero fare valere: quello individuale, avente per oggetto i pregiudizi derivanti da scorrette informazioni fornite dalla banca sulla solvibilità del debitore fallito o che abbiano indotto al compimento di scelte contrattuali o dispositive pregiudizievoli; quello avente per oggetto il danno subito dalla garanzia patrimoniale, ulteriormente indebolita per il protrarsi dell attività nell insolvenza e per il ritardo nella dichiarazione di fallimento, per il quale la legittimazione non può che essere complessiva e spettare, dunque, al curatore, funzionalmente in grado di tutelare la lesione alla garanzia patrimoniale (il quale individuerà e farà valere quella percentuale di soddisfazione concorsuale che è andata compromessa e perduta a causa del ritardo nella dichiarazione di fallimento per effetto dell abusiva concessione di credito, con pregiudizio al patrimonio dell imprenditore e, conseguentemente, a tutti i creditori concorrenti). 11 La concessione abusiva del credito ai consumatori Un breve cenno finale va dedicato all abusiva concessione di credito nei rapporti con i consumatori, trattandosi di una fattispecie che, al di là del nomen iuris, condivide con l altra solo alcuni degli aspetti che sono stati

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013

RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013 Marzo 2014 RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013 Apertura di credito a tempo indeterminato Recesso della banca Mancanza idoneo preavviso Assenza di

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Massimiliano Silvetti Avv. Michele Maccarone IL COLLEGIO DI ROMA Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Informativa per la clientela di studio N. 78 del 29.06.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato

SOMMARIO. Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato SOMMARIO PARTE PRIMA Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato 1. Globalizzazione delle formule commerciali e le nuove esigenze delle imprese; contrazione della

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma La nozione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo è

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda A cura di CLAUDIA CARICASOLE Ai sensi dell art. 1372 c.c. il contratto, quale esplicazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema La società Contratto per l affidamento dell attività di commercializzazione ai sensi del decreto del direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in data 21 marzo 2006 tra: titolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE A.- POLIZZA R.C. PROFESSIONALE 1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE POLIZZE. La polizza Assicuratrice Milanese spa regolamenta il profilo in esame all art. 16 n. 2 delle condizioni

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Roselli; Rel. A. Manna) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente Demansionamento Soppressione del posto Licenziamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Contratto internazionale di Agenzia

Contratto internazionale di Agenzia Contratto internazionale di Agenzia Tra:.... con sede in (in seguito denominato "il Fabbricante") e: con sede in (in seguito denominato "l'agente") SI CONVIENE QUANTO SEGUE: Art. 1: Territorio e Prodotti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 Circolazione stradale Incertezze del vigile nella descrizione dell automobile nel verbale di infrazione Multa

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

1. REQUISITI PER L AVVIO DELLA COLLABORAZIONE

1. REQUISITI PER L AVVIO DELLA COLLABORAZIONE CONTRATTO Tra La GDE Edizioni Musicali di Farina Vincenzo con sede legale 00139 Roma, via Monviso, 3 Codice Fiscale FRNVCN62C16G315Y Partita Iva: 09505521006, (di seguito denominata GDE Edizioni ) e, con

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Corso di Diritto civile, A.A. 2014-2015 Prof. Giuseppe Vettori 7 ottobre 2014 Mario Mauro I contratti di distribuzione I contratti di distribuzione

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli