Approfondimento delle conoscenze in materia di credito e rating - Nuovi strumenti finanziari. Programma di attività camerale per l'anno 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimento delle conoscenze in materia di credito e rating - Nuovi strumenti finanziari. Programma di attività camerale per l'anno 2011"

Transcript

1 Programma di attività camerale per l'anno 2011 Macro area 2 Supporto alle imprese in materia creditizia Denominazione progetto Approfondimento delle conoscenze in materia di credito e rating Nuovi strumenti finanziari L ACCESSO AL CREDITO NEL SISTEMA COOPERATIVO: RISULTATI DELL INDAGINE SUGLI STRUMENTI E OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE

2 Indice Premessa Considerazioni generali Il progetto Interviste agli istituti bancari, consorzi fidi e strutture finanziarie Fidicoop Sardegna Banca di Cagliari- Banca di credito cooperativo Banca Prossima Gruppo Intesa San Paolo Coop. Fin s.p.a. I risultati di un confronto Conclusioni

3 Premessa Considerazioni generali Partendo dalla considerazione che la difficoltà di accesso al credito delle imprese rappresenta una criticità che condiziona lo sviluppo delle imprese stesse e si ripercuote sullo sviluppo del territorio, si ritiene doveroso individuare le criticità e adottare dei correttivi. Nell esercizio dell attività quotidiana di assistenza e consulenza alle cooperative, emerge che gli elementi di criticità nei rapporti tra imprese e sistema bancario sono in prima istanza di natura oggettiva, rappresentate appunto dalla bassa capitalizzazione delle imprese, dalla struttura patrimoniale e finanziaria debole, dalla stretta del credito quale conseguenza della crisi finanziaria, in seconda istanza di natura soggettiva, rappresentate dalla carenza o assenza di reciproche relazioni tra banche e imprese. Individuate genericamente le criticità si tratta di trovare appunto dei correttivi, l associazione di categoria svolge questa azione attraverso l esercizio delle sue funzioni istituzionali, a tutela della base associativa nei confronti del sistema bancario e finanziario e nei confronti degli attori istituzionali e più precisamente lo fa: 1. stimolando il confronto con le istituzioni per la messa a punto e per l integrazione di politiche volte a facilitare l accesso al credito; 2. promuovendo strumenti e servizi per rafforzare il tessuto imprenditoriale; 3. creando e animando sinergie con i diversi stakeholders per promuovere e realizzare iniziative volte a facilitare la circolazione dei flussi informativi.

4 ll Progetto Il presente documento sintetizza i risultati dell attività svolta da Confcooperative Cagliari nell ambito del progetto Approfondimento delle conoscenze in materia di credito e rating - Nuovi strumenti finanziari, un iniziativa realizzata nell ambito del programma di attività 2011 della Camera di Commercio di Cagliari. Il Progetto, presentato a cura di Confindustria Sardegna Meridionale e Confapi Sardegna d intesa con Confcooperative Cagliari, Comitato IF della Camera di Commercio di Cagliari, CNA, Confartigianato, CLAAI, Casartigiani, Confcommercio e Confesercenti, si proponeva l obiettivo di diffondere presso le imprese gli strumenti finanziari messi a disposizione dal sistema bancario e finanziario, al fine di agevolare le scelte delle imprese e al contempo migliorare la capacità di dialogo e di negoziazione tra imprese e sistema bancario e finanziario. Articolato in tre macrofasi: 1) rilevazione strumenti finanziari presso il sistema bancario e dei consorzi fidi; 2) condivisione delle risultanze; 3) sessioni di incontro ed interrelazione tra operatori economici e sistema creditizio, il progetto è stato avviato con l individuazione, da parte di ciascun soggetto del partenariato, degli istituti bancari da sottoporre ad intervista e con la predisposizione di una scheda sintesi per la rilevazione dei prodotti bancari e finanziari offerti dai soggetti intervistati.

5 Interviste agli istituti bancari, consorzi fidi e strutture finanziarie Per quanto riguarda l indagine condotta da Confcooperative Cagliari, la scelta dei soggetti da intervistare è stata ragionata ed è ricaduta su testimoni privilegiati i cui principi e la cui mission sono orientati alla promozione e alla coesione sociale, alla crescita dei territori di appartenenza, alla promozione della cooperazione nonché allo sviluppo delle imprese del Terzo Settore. L indagine è stata condotta nella forma dell intervista aperta e ha consentito di sintetizzare un quadro di strumenti, che benché ampiamente e chiaramente espressi anche nelle pagine web di ciascun soggetto intervistato, non sempre facilmente percepiti dalle imprese.

6 Fidicoop Sardegna Fidicoop Sardegna è una società cooperativa di garanzia collettiva fidi nata per agevolare l accesso al credito delle imprese cooperative, dei consorzi e delle società a partecipazione cooperativa. Fidicoop è primo confidi cooperativo unitario in Sardegna e unico confidi regionale nel settore della cooperazione; esso nasce dalla fusione di due confidi regionali cooperativi, Consafi di Confcooperative e Coopfidi di Legacoop, operazione di fusione questa, che non solo ha consentito di raggiungere un importante livello dimensionale, ma che ha posto le basi per un efficace processo di cooperazione necessario per dare più forza alle imprese cooperative. L offerta La legge definisce attività di garanzia collettiva fidi l utilizzazione di risorse provenienti in tutto o in parte dalle imprese consorziate o socie per la prestazione di garanzie volte a favorirne il finanziamento da parte delle banche e di altri soffetti operanti nel settore finanziario, Fidicoop Sardegna realizza il proprio scopo attraverso la prestazione di garanzie al sistema bancario per facilitare l impresa nell accesso al credito. Le principali operazioni attuabili con garanzia del confidi sono: - apertura di credito in c/c - anticipo fatture e sconto effetti - finanziamenti di campagna per il comparto agricolo ed agroindustriale - prestiti aziendali fino a 96 mesi - mutui ipotecari fino a 20 anni - leasing - prestiti per capitalizzazione

7 Fidicoop Sardegna offre altresì servizi di informazione, assistenza, consulenza tecnicofinanziaria, gestisce il fondo antiusura di cui alla legge 108/1996, inoltre la convenzione con Sardaleasing garantisce alle aziende associate la possibilità di usufruire di condizioni particolari e di risposte celeri sul leasing per auto, veicoli commerciali, arredi, attrezzature, macchinari e immobili.

8 Banca di Cagliari Credito Cooperativo Banca di Cagliari è una banca di credito cooperativo e come tale essa ha doppia valenza: una associativa che si rivolge ai soci destinando loro servizi creditizi, finanziari ed extra bancari, una imprenditoriale, di intermediario creditizio che svolge l attività di raccolta del risparmio e di finanziamento. Nata nel 2004, dopo un periodo di commissariamento la Banca di Cagliari è stata rilanciata con il rinnovo dei vertici da parte dell Assemblea dei soci tenutasi il 26 novembre 2011 La volontà della Banca di credito cooperativo di Cagliari è quella di proporsi in un mercato concorrenziale con professionalità, nel rispetto dei valori e dei principi che stanno alla base del credito cooperativo e in particolare con l impegno: - a soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti, ricercando il miglioramento continuo della qualità e della convenienza dei prodotti e dei servizi offerti; - a promuove il benessere della comunità locale, il suo sviluppo economico, sociale e culturale. I prodotti offerti da Banca di Cagliari Azioni Obbligazioni Conti Correnti Apertura di Credito Prestiti Mutui Ipotecari Mutui Artigiancassa Leasing Leasing Artigiancassa Sconto Commerciale Contratto di Appalto Certificati di deposito Depositi a risparmio Prestiti Obbligazionari

9 Banca Prossima per le imprese sociali e le Comunità Banca Prossima è la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata esclusivamente al mondo non profit laico e religioso. Per statuto Banca Prossima si propone di creare valore sociale sostenendo con il credito le migliori iniziative non profit per i servizi alla persone, la diffusione della cultura e dell'istruzione, la fruizione e la protezione dell'ambiente e dell'arte, l'accesso al credito e al lavoro. I prodotti offerti da Banca Prossima Banca Prossima propone, oltre ai classici prodotti bancari quali: - apertura di credito in c/c - anticipo fatture e sconto effetti - mutui ipotecari e chirografari - anticipi su contributi, compresa l anticipazione del 5x1000 interviene con finanziamenti destinati alla ricerca, biologica e di utilizzo di energie alternative, inoltre attraverso iniziative quali quella denominata Terzo valore consente di finanziare progetti non profit. Terzo Valore è una piattaforma che consente a chiunque abbia interesse di offrire dei prestiti a tasso di interesse concordato, ad organizzazioni Non profit per la realizzazione di progetti.

10 Coop.Fin s.p.a. La COOP.FIN s.p.a. è una società finanziaria costituita nel 1989, assieme alle altre centrali cooperative operanti in Sardegna, nell'ambito di un'iniziativa promossa d'intesa con la Regione Sardegna. Obiettivo di Coop.Fin è quello di favorire il potenziamento e lo sviluppo del sistema cooperativo nel suo insieme. Coop. Fin finanzia, a tal proposito, nuove iniziative imprenditoriali in forma d'impresa cooperativa e lo sviluppo delle cooperative esistenti nell'ambito di progetti specifici di crescita e potenziamento. Le forme di intervento finanziario offerte da Coop. Fin s.p.a. sono: concessione di crediti d esercizio finanziamenti per acquisto di macchinari e attrezzature finanziamenti per acquisto di immobili prestiti ai soci finalizzati alla capitalizzazione della cooperativa Sportello informativo Coop. Fin s.p.a. Coasco Società Cooperativa, Cagliari Via Marche n. 8

11 I risultati di un confronto Conclusa la fase di rilevazione, il progetto è proseguito con l organizzazione di un evento pubblico di presentazione dei risultati. Nell organizzazione dell evento si è voluta garantire una ampia partecipazione, prevedendo il coinvolgimento diretto non solo dei referenti delle strutture coinvolte nella rilevazione, ma anche dei vari soggetti bancari e finanziari del sistema cooperativo, con l obiettivo di stimolare il confronto con le istituzioni, di creare e animare sinergie con i diversi stakeholders, nonché di promuovere il confronto fra i diversi operatori del sistema bancario e finanziario. Sulla base di questi presupposti Confcooperative Cagliari ha realizzato un seminario di confronto dal titolo L accesso al credito nel sistema Cooperativo- opportunità e strumenti per le imprese. Tenutosi a Cagliari l 8 febbraio 2012 il seminario, che ha visto la partecipazione dei principali soggetti del credito che interessano in modo particolare il mondo della cooperazione, ha rappresentato un occasione per la presentazione di esperienze utili ad accompagnare le politiche di sviluppo delle imprese cooperative, nella prospettiva di costruire sinergie fra soggetti del mondo economico e finanziario, del non profit e della cooperazione, nonché per offrire una panoramica delle opportunità offerte dai soggetti bancari e finanziari che vi operano e una maggior consapevolezza delle opportunità e degli strumenti disponibili, anche al fine di migliorare la capacità di dialogo e di negoziazione. Ha aperto i lavori Virginio Condello, direttore di Confcooperative Cagliari, il quale ha illustrato gli aspetti e le modalità operative di sviluppo del progetto e ha fornito alcuni dati sulle caratteristiche del tessuto imprenditoriale territoriale di Confcooperative. In particolare si è soffermato sul fatto che il sistema delle cooperative si presenta particolarmente debole sotto il profilo del rapporto tra capitale proprio e capitale investito. L analisi effettuata all interno delle imprese di Confcooperative rivela che l indice di indipendenza finanziaria si attesta al 10

12 20%, troppo poco in tempi come questi in cui si chiede alle imprese una partecipazione agli investimenti intorno al 30%. Sono seguiti i saluti di Giovanni Angelo Loi e Gianni Locci, in rappresentanza rispettivamente di AGCI Cagliari e Legacoop Cagliari, associazioni di rappresentanza del movimento cooperativo che insieme a Confcooperative hanno dato vita all Alleanza delle Cooperative Italiane, il coordinamento stabile delle tre centrali cooperative costituito con la funzione di coordinare l azione di rappresentanza nei confronti delle Istituzioni comunitarie, nazionali e regionali nonché verso le parti sociali a sostegno delle imprese cooperative. Giovanni Loi, AGCI Cagliari, nel suo intervento ha evidenziato come il modello di sviluppo delle cooperative dagli anni novanta abbia sostenuto con successo l economia sarda, mantenendo adeguati livelli occupazionali e garantendo servizi e prodotti di qualità, ha tuttavia ribadito la necessità di una nuova evoluzione rivolta verso gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo, rivolta al superamento del nanismo e alla creazione di forme di collaborazione tra imprese e soprattutto ha ribadito la necessità di una maggiore attenzione da parte delle istituzioni verso questo sistema caratterizzato dalla presenza attiva nel territorio regionale di circa imprese cooperative. Gianni Locci, Legacoop Cagliari, ha individuato nella complessità delle procedure e nei tempi di attesa le principali criticità per le imprese nell accesso al credito, difficoltà che unitamente a situazioni caratterizzate da sottocapitalizzazione e piccole dimensioni, hanno limitato di fatto progetti di espansione. Locci ha ribadito la necessità di attribuire alle politiche del credito una certa priorità nell agenda politica della Regione Sardegna, una politica che deve valorizzare il ruolo dei consorzi fidi, promuovere le banche del territorio agevolandone la presenza capillare, ad oggi si conta la presenza di due BCC: Banca di Cagliari e Banca di Credito Cooperativo di Arborea, e rivitalizzare la legge sul credito agevolato alle cooperative(l.r. 16/83). Il presidente di Legacoop ha chiuso il suo intervento citando l iniziativa che Legacoop, in collaborazione con Coopfond, UGF banca e sistema confidi ha messo per agevolare

13 lo start up delle imprese cooperative Mille Cooperative in tre anni, iniziativa che ha consentito di finanziare 50 nuove imprese cooperative. I lavori sono proseguiti con l intervento di Aldo Pavan presidente della Banca Cagliari, il quale ha evidenziato i numeri e le caratteristiche della Banca di credito cooperativo di Cagliari e del sistema del credito cooperativo che a livello nazionale conta 400 banche, sportelli, di soci, una banca del territorio, con un 95% delle risorse destinate alle imprese del territorio, una banca etica che non tratta prodotti finanziari pericolosi o derivati speculativi, una banca che si occupa di finanza fisiologica destinate alle esigenze di credito delle imprese e delle famiglie. Prof. Pavan ha proseguito illustrando il Fondo istituzionale di garanzia del credito cooperativo, un fondo avanzatissimo di copertura dei fondi bancari e ha concluso il suo intervento ricordando l esperienza del commissariamento della Banca e il suo rilancio con l impegno ad elevare i livelli di professionalità, a soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti, a promuove il benessere della comunità locale, il suo sviluppo economico, sociale e culturale. I lavori sono proseguiti con l intervento di Totoni Sanna presidente CoopFin S.p.A. società nata vent anni fa a seguito di un accordo tra Regione Sardegna e centrali cooperative, che ha consentito alle imprese cooperative di poter disporre di strumenti finanziari per il loro potenziamento e lo sviluppo. Il presidente di Coop. Fin dopo aver illustrato le forme tecniche di intervento finanziario della società, ha auspicato l apertura di un dialogo costruttivo e l avvio di forme di collaborazione con le istituzioni per sviluppare e implementare la gamma dei servizi da offrire al sistema delle cooperative. Riccardo Barbieri direttore Fidicoop Sardegna, ha aperto il suo intervento illustrando gli effetti della crisi economica sulle piccole e medie imprese, sul sistema bancario e sul sistema pubblico; una crisi che ha inciso appunto sui diversi livelli, da un lato la riduzione delle intensità degli aiuti pubblici ha determinato una maggiore necessità di credito per le imprese, d altra parte i vincoli normativi imposti da Basilea 3 e dalla autorità bancaria europea (EBA) hanno ulteriormente razionato il credito.

14 Barbieri ha proseguito il suo intervento individuando negli strumenti di garanzia (consorzi fidi e strumenti pubblici di garanzia) degli efficaci strumenti anticrisi in grado di incidere sul radicamento territoriale e quindi di catturare le c.d. soft information nonché di rappresentare una efficace leva ponderativa e moltiplicativa. Il direttore di Fidicoop ha infine concluso individuando nell esigenza di una maggiore valorizzazione della territorialità, nell individuazione di nuove garanzie su forme tecniche standard e nella stabilizzazione del sostegno pubblico, le nuove sfide da affrontare. Ha proseguito i lavori Roberto Cutrona funzionario Fondosviluppo S.p.A. (www.fondosviluppo.coop), la società per azioni senza scopo di lucro a cui è affidata la gestione del fondo nel quale confluiscono, ai sensi della legge 31/01/1992 n. 59, le somme derivanti dal 3% degli utili di esercizio delle cooperative aderenti a Confcooperative, il quale ha illustrato le diverse forme tecniche di intervento di Fondo sviluppo per la promozione della cooperazione e in particolare illustrando : - le caratteristiche e modalità di intervento finanziario in strutture strategiche e interventi in convenzione; - le forme di assistenza all Alleanza delle Cooperative Italiane per la gestione del Fondo Centrale di Garanzia; - le forme di supporto alla Federcasse per la realizzazione di rilevanti studi nell interesse del Credito Cooperativo - primi passi. Si sono avvicendati al tavolo dei relatori Sandrino Porru e Augusto Liani rispettivamente responsabile di relazione di Banca Prossima del gruppo Intesa San Paolo il primo ed esperto finanziario Unicredit Universo non profit il secondo, i quali dopo aver illustrato le specificità delle strutture di appartenenza, la mission e le diverse forme tecniche di intervento a favore del sistema non profit, si sono resi disponibili a condividere percorsi comuni con le imprese del terzo settore per la previsione di nuovi strumenti operativi di sviluppo. 12

15 Ha proseguito Gilberto Marras, direttore di Confcooperative Sardegna, il quale dopo aver illustrato i percorsi che l Associazione sta avviando insieme alle istituzioni locali e consorzio fidi per la ricerca di strumenti finalizzati alla capitalizzazione, ha illustrato il progetto PINC (http://pinc.confcooperative.sardegna.it/) un iniziativa volta a creare nuova imprenditoria, incentivare l impiego di giovani manager in attività cooperative già avviate nonchè avviare piani di sviluppo aziendali che possano essere virtuosi per il territorio. Ha chiuso i lavori Tonino Tilocca, presidente della SFIRS s.p.a. (www.sfirs.it), la società che concorre, in attuazione dei piani, programmi ed indirizzi della Regione Autonoma della Sardegna, allo sviluppo economico e sociale del territorio, il quale ha evidenziato che la via di uscita dalla crisi è da ricercare nella creazione di un sistema in grado di armonizzare e coordinare le esigenze di tutti nell interesse del bene comune, una crisi che si può fronteggiare in primis con il pensiero, il pensiero che tradotto in tecnica è in grado di definire prima gli obiettivi e poi gli strumenti. Tilocca ha proseguito illustrando la valenza del fondo per il microcredito, delle garanzie di piccolo livello, dei nuovi progetti in fase di sviluppo, degli interventi a favore dei consorzi fidi e ha concluso offrendo la disponibilità della struttura di appartenenza per il rafforzamento delle strutture la cui attività sia rivolta allo sviluppo locale e all impiego di risorse sui territori. 14

16 Conclusioni Attraverso le azioni sviluppate nell ambito del progetto Approfondimento delle conoscenze in materia di credito e rating- Nuovi strumenti finanziari è stato possibile: - realizzare un efficace azione di sensibilizzazione nei confronti delle Istituzioni nel creare un sistema di relazioni tali da armonizzare e contemperare le diverse esigenze e specificità espresse dal sistema imprenditoriale, al fine di condividere la programmazione di strumenti finanziari per il consolidamento del tessuto economico locale, per la creazione e rafforzamento delle Banche di Credito Cooperativo e dei Consorzi Fidi; - realizzare un azione di informazione a favore delle imprese e degli operatori economi in genere, in merito agli strumenti e alle opportunità offerte dal sistema bancario, finanziario del sistema cooperativo. - promuovere una rete efficace fra i soggetti bancari e finanziari perché operino verso le singole cooperative come sistema coerente, in grado di intervenire adeguatamente, ciascuno nella sua specificità ma in collegamento tra essi, una sorta di Pool che valuta e affronta il rischio mettendo in gioco diversi strumenti in parallelo. Confcooperative Cagliari Via Marche, 8 tel fax

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Patto per Ferrara Un progetto di cittadinanza sociale delle imprese

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli