PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE"

Transcript

1 PROFILI INNOVATIVI DELL AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE (Prof. Sido Bonfatti) 1. I profili problematici delle innovazioni apportate dalla riforma alla disciplina dell azione revocatoria fallimentare. Relativamente agli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli ai creditori, è noto che il dibattito originato dalla considerazione delle applicazioni pratiche che la giurisprudenza aveva ritenuto di dovere fare delle azioni revocatorie fallimentari, e la conseguente discussione sull opportunità o meno di procedere ad interventi calmieratori (e sulla base di quali presupposti ed in quale direzione), hanno costituito il principale oggetto di contrasto tra i componenti delle varie Commissione costituite, nel corso del tempo, per la riforma della legge fallimentare. E altrettanto noto, poi, che contestualmente al dibattito sui profili generali della disciplina dell istituto (e segnatamente sulla funzione che dovesse essere riconosciuta ad esso, o comunque attribuitagli in sede di riforma), si erano sviluppate innumerevoli discussioni su profili specifici di questa o quella azione revocatoria fallimentare, che ne avevano fatto un argomento dal perimetro smisurato. L approccio del legislatore alla modifica della disciplina dell istituto è stato (giustamente) giudicato complessivamente inadeguato: sostanzialmente rinunciatario per ciò che concerne una presa di posizione inequivoca sulla funzione della revocatoria; eccessivamente sommario nella scelta dei metodi con i quali ridurne l impatto pratico sui rapporti intrattenuti dal fallito con le sue controparti abituali (clienti; fornitori; dipendenti; istituti di credito); grossolano nella traduzione in disposizioni normative di talune iniziative innovative volte ad evitare che la prospettiva dell azione revocatoria costituisse un indesiderabile deterrente alla adozione di iniziative funzionali a superare od a comporre le situazioni di crisi dell impresa, altrimenti destinate a sfociare nel fallimento.

2 In fatto, la riforma della disciplina dell azione revocatoria fallimentare è costituita essenzialmente in: a) la omissione di una qualsiasi presa di posizione sui profili generali dell istituto, e principalmente sulla funzione da riconoscergli; b) la conferma pari pari della disciplina degli atti a titolo gratuito, dei pagamenti cc.dd. anticipati, e dell esperimento dell azione revocatoria ordinaria nel fallimento; c) il ridimensionamento dell impatto dell azione revocatoria (degli atti a titolo oneroso) sui rapporti intrattenuti dal fallito con i suoi creditori, attraverso il dimezzamento dei cc.dd. periodi sospetti, idonei a determinare la revocabilità in astratto di questo o quell atto in considerazione della sua prossimità temporale alla sentenza di fallimento; d) l introduzione di nuove fattispecie di esenzione dall azione revocatoria, per lo più rivolte ad incentivare (o non ostacolare) il ricorso a procedure di composizione negoziale delle crisi d impresa art. 67, co. 3, lett. d), e), g) -; e negli altri casi rivolto a fare prevalere, rispetto all interesse generale dei creditori alla c.d. ricostruzione del patrimonio del fallito, o altri interessi generali considerati prevalenti (quale la continuazione dell esercizio dell impresa fin quando si esprima attraverso il compimento di atti usuali : art. 67, co. 3, lett. a), oppure l ordinato funzionamento dei sistemi di pagamento: art. 70, co. 1); o interessi individuali giudicati meritevoli di speciale tutela per ragioni di carattere sociale (quali gli interessi degli acquirenti di immobili abitativi destinati ad essere utilizzati personalmente o dai propri parenti, o gli interessi dei lavoratori : art. 67, co. 3, lett. c) e lett. f); e) la blindatura del ridimensionamento degli effetti conseguenti all applicazione giurisprudenziale dell istituto alle rimesse su conto corrente bancario, attraverso la duplice previsione: (i) della loro tendenziale sottrazione a revocatoria, salvo i casi di riduzione dell esposizione debitoria della banca in maniera consistente e durevole (art. 67, co. 3, lett. b), l.f.); e (ii) della limitazione del risultato revocatorio complessivo, comunque, alla differenza tra l ammontare

3 massimo raggiunto dalle [sue] pretese della banca, e l ammontare residuo delle stesse, alla data in cui si è aperto il concorso (art. 70, co. 3, l.f.). La riforma della disciplina dell azione revocatoria fallimentare ha ovviamente originato molte discussioni, non solo sul merito, ma anche sulla tecnica utilizzata per esprimere questo o quel merito : e le disposizioni riservate alla disciplina revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario non sono evidentemente sfuggite al dibattito, nè per ciò che concerne la opportunità politica dell intervento (innegabilmente) calmieratore, nè per quel che riguarda gli esiti strettamente interpretativi delle innovazioni rappresentate dai richiamati artt. 67, co. 3, lett. b), e 70, co. 3: primo tra i quali la effettiva correttezza o meno della affermazione della concomitante applicabilità di entrambe le norme al pagamento (o allo atto ) costituito dalla rimessa su conto corrente bancario. 2. L inserimento del conto corrente bancario tra i rapporti continuativi o reiterati. Anche a volere escludere che il correttivo potesse intervenire sulle scelte del legislatore riformatore assegnabili all area della opportunità politica, è certo che innumerevoli sarebbero state le esigenze di correzioni alla scadentissima tecnica legislativa utilizzata. La scelta, invece, è stata quella di un intervento minimale da taluno definito nulla più che un restyling -, nel quale si è ritenuto di cogliere se bene abbiamo inteso la volontà politica di non creare i presupposti per una possibile riesumazione di un argomento tanto delicato da condizionare da solo gli esiti della riforma della intera legge fallimentare. Riprova ne sia che anche l intervento del correttivo, nel suo piccolo, mostra l evidente traccia di un perdurante contrasto nell ambito di applicazione da attribuire (o da conservare) all azione revocatoria fallimentare in campo bancario. L intervento del decreto legislativo correttivo, a volere considerare lo Schema trasmesso dal Governo al Parlamento per l espressione del necessario parere, consisteva in ciò: nel precisare che tra i rapporti continuativi disciplinati dall art. 70, co. 3, l.f. nel senso di ridurre la somma

4 dovuta dal terzo che abbia beneficiato di atti estintivi delle proprie pretese alla sola (eventuale) differenza tra la massima esposizione raggiunta nel periodo sospetto e la esposizione finale effettivamente dovevano essere annoverati anche i rapporti di conto corrente bancario. La Relazione governativa a commento sottolineava addirittura che innanzitutto i conti correnti bancari meritavano di essere ricompresi nella nozione di rapporti continuativi. Dato per scontato (c è da augurarsi) che l espressione atti estintivi di rapporti di conto corrente bancario venisse intesa come è stata intesa subito la originaria espressione atti estintivi di rapporti continuativi o reiterati, e cioè rivolta ( non già alla estinzione dei rapporti, bensì) alla estinzione dei crediti originati da detti rapporti, avrebbe dovuto risultare definitivamente superata la discussione, subito accesasi a ridosso dell approvazione della Riforma, sull applicabilità o meno alle rimesse in conto corrente bancario anche dell art. 70, co. 3, l.f. Il problema tuttavia non può considerarsi definitivamente superato. La tormentata vicenda della revisione della disciplina revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario registra un ultimo sussulto (per ora) con la misteriosa modificazione subita dalla correzione dell art. 70 l.fall. successivamente all espressione da parte delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato dei prescritti Pareri. Non consta che il Parlamento avesse suggerito al Governo, a proposito del tema che stiamo considerando, alcunchè. Ciononostante, il dettato legislativo dell art. 4, co., 5, del decreto legislativo correttivo, modificativo dell art. 70 l.fall., non è risultato lo stesso che figurava nello Schema trasmesso al Parlamento e dal Parlamento approvato senza osservazioni -, ma è ulteriormente cambiato. Il nuovo art. 70, co. 3, l.fall., infatti, recita ora. Qualora la revoca abbia ad oggetto atti estintivi di posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario o comunque rapporti continuativi o reiterati..., in tal modo sostituendo l originaria correzione - rappresentata dalla introduzione, dopo l espressione atti estintivi di, delle parole rapporti di conto corrente bancario -, con una nuova correzione, ora rappresentata dalla introduzione, posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario. Nè la Relazione governativa aiuta a capire l arcano, perchè come

5 prima parafrasava l originaria correzione, ora semplicemente parafrasa la nuova versione della stessa. Naturalmente l intervento in extremis ha già creato sconcerto: inducendo per esempio ad osservare che l ipotesi presa in considerazione (quella delle posizioni passive derivanti da rapporti di conto corrente bancario ) riguardi situazioni di posizioni passive non derivanti da rapporti continuativi o reiterati; e ad aggiungere che le fattispecie ipotizzabili dovrebbero essere alquanto rare 1. In realtà non sembra che l adozione di una diversa espressione per apportare la correzione de qua all art. 70, co. 3, l.fall. abbia alterato la portata dell intervento correttivo, come era stata desunta dalla lettura del testo normativo inserito nello Schema trasmesso al Parlamento. Non pare vi possano essere dubbi sulla circostanza che la modificazione dell art. 70 l.fall. ha lo scopo di precisare, oltre ogni possibile dubbio, che tra i rapporti continuativi o reiterati devono essere ricompresi anche i rapporti di conto corrente bancario. L utilizzo di una nuova espressione deve essere spiegato con la oggettiva approssimazione di quella originaria, che riproducendo un difetto risalente al d.-l. n. 35/2005 alludeva ad atti estintivi di rapporti giuridici (i rapporti di conto corrente bancario ), anzichè fare riferimento ad atti estintivi di debiti originati da (rapporti giuridici, ed in particolare da) rapporti di conto corrente bancario. In considerazione di ciò si è opportunamente precisato che la disciplina in commento (limitazione dell importo revocabile al c.d. rientro rispetto al massimo scoperto registrato nell ambito del periodo sospetto ) si applica agli atti estintivi di debiti originati da rapporti di conto corrente bancario: debiti che sono stati indicati con il termine passività, probabilmente per eludere il problema se attribuire o negare rilevanza alla esigibilità del saldo debitore del conto in relazione alla esistenza od alla mancanza di una adeguata apertura di credito. Tuttavia, risolto in senso positivo il problema dell an ( si applichi l art. 70, co. 3, l.f. alla revocatoria delle rimesse su conto corrente bancario), rimane irrisolto, per primo, il problema del quomodo. E ancora suscettibile di essere variamente inteso il rapporto (ormai ineludibile) della disposizione di cui all art. 67, co. 3, lett. b) l.f. e quella di cui all art. 70, co. 3, l.f., essendone possibile una pluralità di versioni: la prima, ad esempio, 1 PANZANI, Il decreto correttivo della riforma delle procedure concorsuali, in n. 8

6 favorevole ad affermare che in prima battuta sia necessario accertare se e quali rimesse abbiano prodotto una riduzione consistente e durevole della esposizione bancaria, ed una volta (eventualmente) individuatele, sommarle l una all altra, salvo dovere ridurre il risultato della sommatoria se beninteso superiore entro il limite massimo (il tetto ) indicato dall art. 70, co. 3; la seconda, invece, favorevole ad affermare la equivalenza della portata delle due disposizioni viste come l esperimento di due tentativi affidati a mezzi diversi con l obiettivo (ed il risultato) di conseguire il medesimo scopo -, attraverso l affermazione che la esigenza della consistenza della riduzione dell esposizione bancaria rappresenta un modo improprio di affermare la necessità della presenza di un interesse ad agire nel caso concreto (pena, altrimenti, la necessaria conclusione della incostituzionalità della norma rispetto ai creditori diversi dalle imprese bancarie, indiscutibilmente esposti al rischio revocatorio anche per pagamenti non consistenti ); nonchè l affermazione che la durevolezza della riduzione dell esposizione consiste nel carattere duraturo dell estinzione (totale o parziale) del credito bancario; e così giungendo alla conclusione che la differenza tra massimo scoperto e credito residuo, alla quale l art. 70, co. 3, l.f. limita l obbligo restitutorio del convenuto in revocatoria per pagamenti ricevuti nell ambito di rapporti continuativi o reiterati (e oggi nell ambito di rapporti di conto corrente bancario ), coincide con la somma delle porzioni di rimesse bancarie accreditate sul conto corrente e non (interamente) riutilizzate (con corrispondenti prelevamenti od altri atti di disposizione), così da risultare, a posteriori, definitivamente acquisite a decurtazione del credito bancario. Il correttivo ha quindi mostrato di perseguire il risultato di chiarire definitivamente i limiti dell impatto quantitativo del fenomeno della revocatoria delle rimesse sui rapporti intercorrenti tra banca e impresa: risultato peraltro raggiunto solamente grosso modo, rivelandosi esso ancora influenzato, nei singoli casi di specie, dagli esiti di discussioni interpretative per nulla sopite e certamente non risolte nè dalla Riforma nè dal correttivo, quali: a) la nozione di esposizione debitoria alla quale rapportare gli effetti delle rimesse accreditate su conto corrente bancario;

7 b) la rilevanza o meno della esistenza e della entità di un rapporto contrattuale produttivo di credito disponibile e ripristinabile per il correntista (quale, tipicamente - ma soltanto, oppure a titolo di esempio? -, l apertura di credito in conto corrente), ai fini della attribuibilità alle rimesse della attitudine a costituire un atto revocabile; c) la rilevanza o meno del titolo produttivo dell accreditamento costituente la rimessa, con particolare riguardo alla sua inerenza al patrimonio (non del correntista, bensì) di un terzo (il c.d. pagamento del terzo ), od al patrimonio della stessa banca (la rimessa originata da giroconto da conto debitore ; la rimessa originata dalla erogazione di un separato finanziamento produttivo di un ulteriore e corrispondente credito della banca verso il correntista); d) la rilevanza o meno della destinazione della (provvista originata grazie all accreditamento della) rimessa fenomeno c.d. delle partite bilanciate -. Si deve inoltre rilevare, che l affermazione della inerenza dell atto solutorio rappresentato (quando ne risultino i presupposti) dalla rimessa sul conto corrente bancario al fenomeno degli atti estintivi (di crediti sorti nel contesto) di rapporti continuativi e reiterati, e quindi in definitiva (anche, se non solo) alla disciplina dell art. 70, co., 3, l.f., rende significativi anche per la revocatoria delle rimesse in conto corrente gli interrogativi ventilati dalla dottrina a proposito: (i) della individuazione dei presupposti di revocabilità degli atti de quibus (se occorra, alla stregua degli atti a titolo oneroso, o non occorra, per non essere stata prevista, la prova della scientia decoctionis del convenuto in revocatoria da parte del curatore fallimentare); e (ii) della individuazione del periodo sospetto rilevante ai fini della revocabilità dei medesimi atti (se l intero periodo anteriore al fallimento per il quale risulti dimostrata come che debba esserlo la scientia decoctionis del convenuto in revocatoria -; oppure se la sola porzione di detto periodo che rientri nel termine massimo previsto per la revocabilità degli atti a titolo oneroso sei mesi -, ovvero, laddove configurabili nel singolo caso di specie come tali, degli atti a titolo gratuito due anni -).

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata:

Rispetto alla disciplina precedente, l azione revocatoria è ora caratterizzata: LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE di Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati di Vicenza Introduzione La nuova azione revocatoria delle rimesse bancarie è disciplinata da due articoli della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO

NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO NOVITA IN TEMA DI CONTENZIOSO BANCARIO E FINANZIARIO La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario Prof. Avv. Sido Bonfatti 1 SOMMARIO: 1. Ambito di applicazione delle norme di esonero dall azione

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di lavoro formato da: Pignagnoli Dott.ssa Rosanna (responsabile) Correggi Dott. Giuseppe Grillenzoni Rag. Silvana Lanzotti Dott. Gianluca Mastrantonio Dott. Gregorio

Dettagli

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità Come noto, con la Legge 14 maggio 2005, n. 80 (la Legge 80/2005 ), è stato convertito il Decreto Legge 14 marzo 2005, n. 35, recante

Dettagli

Prof. Avv. Stefano Ambrosini. Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria. (con particolare riferimento alle operazioni bancarie)

Prof. Avv. Stefano Ambrosini. Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria. (con particolare riferimento alle operazioni bancarie) Prof. Avv. Stefano Ambrosini Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria (con particolare riferimento alle operazioni bancarie) Testo provvisorio Relazione al convegno La soluzione delle crisi d impresa:

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO)

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) di Giorgio Tarzia, Avvocato e Professore Sommario: 1. Premessa - 2. La salvaguardia dei

Dettagli

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia

Giugno 2013. Damiano Tommasini, Professore a contratto di diritto fallimentare nell Università di Padova Avvocato, Studio De Poli - Venezia ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario Giugno 2013 Sulle incertezze applicative della «nuova» azione revocatoria fallimentare di rimesse in conto corrente bancario (nota a Tribunale di Udine 24 ottobre

Dettagli

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA

LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA LA NUOVA REVOCATORIA DELLE RIMESSE BANCARIE. L IMPOSSIBILE CONVIVENZA DEGLI ARTT. 67 E 70 L. FALL. E LA RECENTE DOTTRINA di Giuseppe Rebecca e Giuseppe Sperotti, dottori commercialisti Sommario: 1. L incompatibilità

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA FOCUS E APPROFONDIMENTI Fallimento Rapporti pendenti GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA di Luciano M. Quattrocchio e Gabriele Varrasi Sommario: 1.1. Vendita a rate con riserva

Dettagli

La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa

La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Il Punto sull Iva La gestione del credito Iva da parte del curatore fallimentare a cura di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Considerazioni preliminari La questione dei crediti Iva nel fallimento ha

Dettagli

Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum

Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum Intervento AIGA Catanzaro 14 giugno 2013 Master Diritto fallimentare Santo Viotti Il curatore,

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre 2011 - Federico Clemente

Revocatoria fallimentare e istituti di credito Minimaster Ordine commercialisti Bergamo novembre 2011 - Federico Clemente Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo MINIMASTER DI DIRITTO FALLIMENTARE * * * Revocatoria fallimentare e istituti di credito Intervento del 28 novembre 2011 Federico Clemente

Dettagli

Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati

Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati di Davide David e Giovanni Turazza Il Decreto Semplificazioni ha introdotto la possibilità di recuperare l Iva in ipotesi di mancato

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2014. Presidente estensore Limitone. riserva Finanziam

Dettagli

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il presupposto soggettivo dell azione revocatoria fallimentare 3.

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE La questione all esame della Seconda Sezione Civile della Suprema Corte concerneva

Dettagli

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA di Clelia Maltese, Magistrato Sommario: 1. La necessità della tutela dei terzi, la prevalenza della

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI

L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI 3 L AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE NEI NUOVI FALLIMENTI (Prof. Sido Bonfatti) Parte Prima 1. Premessa. Effetti diretti ed indiretti della disciplina dell azione revocatoria fallimentare sul soddisfacimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA. Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010

LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA. Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010 LE PROCEDURE DI COMPOSIZIONE NEGOZIALE DELLE CRISI D IMPRESA: OPPORTUNITA E RESPONSABILITA Convegno Nazionale di Reggio Emilia, 8 ottobre 2010 Il sostegno finanziario dell impresa nelle procedure di composizione

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI Astolfo DI AMATO Sommario - 1. La mancata riforma dei reati fallimentari; 2. La riforma implicita

Dettagli

SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015

SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015 Settembre 2015 SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015 ABF Roma, 20 aprile 2015, n. 3091 Pres. De Carolis Est. Nervi Conto corrente (contratto di) Recesso del

Dettagli

La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario

La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario Sommario: 1.Interpretazione del sistema revocatorio. La teoria indennitaria e la teoria antindennitaria. 2.La riforma del diritto fallimentare: novità

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 34 I finanziamenti dei soci nella nuova società a responsabilità limitata luglio 2003 I FINANZIAMENTI DEI SOCI NELLA NUOVA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA DOCUMENTO ARISTEIA

Dettagli

Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it

Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it Procedure concorsuali Accordo di ristrutturazione, piano del consumatore e liquidazione dei beni Diritto e giustizia.it di Fabio Valerini Assegnista di ricerca in diritto processuale civile Come abbiamo

Dettagli

Contenzioso Bancario

Contenzioso Bancario Contenzioso Bancario Convegno GAM 26 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Cardia studiobarbaracardia@gmail.com Corso Stati Uniti 53, Torino Anatocismo nei rapporti bancari Anatocismo: produzione di interessi

Dettagli

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MASSERA (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) NERVI Membro designato da Associazione

Dettagli

[Giurisprudenza] Il Caso.it

[Giurisprudenza] Il Caso.it Finanziamenti prededucibili finalizzati ad un piano concordatario o ad un accordo di ristrutturazione dei debiti: distinzione e oggetto dell attestazione del professionista Tribunale di Bergamo, 26 giugno

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Si chiede parere in merito all onerosità ovvero all eventuale gratuità di un intervento di ristrutturazione

Dettagli

schema: Dagli agronomi ai periti industriali una fotografia in chiaroscuro per gli altri Ordini).

schema: Dagli agronomi ai periti industriali una fotografia in chiaroscuro per gli altri Ordini). fonte: Il sole 24 Ore, lunedì 1 dicembre 2014 _ Professionisti, formazione a rilento : A un mese esatto dalla scadenza del primo anno della riforma per la formazione dei professionisti, tra ritardi mancanza

Dettagli

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale?

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale? Questo scritto è in corso di pubblicazione in Giurisprudenza Costituzionale n. 5/2004 I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent L utilizzo della clausola simul stabunt simul cadent in un contesto che tende a realizzare la revoca anticipata di un dato amministratore

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno de Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/2007

CIRCOLARE N. 13/2007 PROT. n. 90575 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 13/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Cancellazione di ipoteche ex art. 13, commi da 8-sexies a 8- quaterdecies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito,

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA

INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA INDICE - SOMMARIO I. PREMESSA 1. Revisione della normativa in materia di credito fondiario, edilizio e alle opere pubbliche, nell ambito della riforma in materia bancaria e creditizia. Impostazione e contenuti

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri..Presidente - prof. avv. Giuseppe Leonardo Carriero...membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte...membro designato

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

6.3 La decadenza dall impugnazione e procedura di intimazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo

6.3 La decadenza dall impugnazione e procedura di intimazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo L impugnazione e la revoca del licenziamento 6.3 La decadenza dall impugnazione e procedura di intimazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo Nel precedente Cap. 4, si è visto che nel

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale in situazione di crisi d impresa

I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale in situazione di crisi d impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L attività di revisione legale e vigilanza del collegio sindacale in situazione di crisi d impresa I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale

Dettagli

Avvocato ROBERTO FATTORI

Avvocato ROBERTO FATTORI GLI ATTI E GLI ACCORDI PER EVITARE IL FALLIMENTO DELL IMPRESA IN CRISI: I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLE RECENTI RIFORME DELLA LEGGE FALLIMENTARE Premessa

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano Diritto e processo.com Non è chiaro quale sia il momento dal quale il correntista

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE

LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE CAPITOLO I LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE Sezione I LA NATURA, L OGGETTO E I POSSIBILI EFFETTI DELLA TRASCRIZIONE, IN GENERALE A) LA NATURA DELLE NORME SULLA

Dettagli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli Previdenza complementare: il contributo datoriale entra nel calcolo del Tfr Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps - Componente Centro studi attività ispettiva del Ministero del lavoro Il Ministero

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli