QUALITA DELL ARIA INTERNA E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALITA DELL ARIA INTERNA E"

Transcript

1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento QUALITA DELL ARIA INTERNA E SISTEMI DI FILTRAZIONE Prof. Cinzia Buratti

2 DEFINIZIONE INDOOR AIR QUALITY Standard 62/04 ASHRAE Per ambienti ad uso prevalentemente residenziale, la qualità dell aria interna è considerata accettabile quando in essa non sono presenti inquinanti in concentrazioni dannose, secondo quanto stabilito dalle autorità competenti e quando una notevole percentuale di persone ( 80%) non esprime insoddisfazione verso di essa. In generale, l aria deve essere percepita fresca e confortevole dagli occupanti, in modo da rendere minima la percentuale di insoddisfatti, e soprattutto devono essere trascurabili i rischi per la salute che derivano dalla sua respirazione. Implicazioni di carattere soggettivo

3 PRINCIPALI FONTI DI INQUINANTI ESTERNE INTERNE Fonti di inquinamento civili e industriali Traffico veicolare Impianti di riscaldamento Attività produttive Presenza di persone respirazione sudorazione Rilascio di particelle volatili materiali di costruzione componenti di arredo

4 PRINCIPALI FONTI DI INQUINANTI CLASSIFICAZIONE 1_Provenienza 2_Tipo 3_Effetti 1_Provenienza sostanze contaminanti ti prodotte all interno dell ambiente, dovute alla presenza di persone, a processi di combustione o ai materiali; sostanze contaminanti presenti nell aria esterna che confluiscono all interno attraverso i condotti di ventilazione o le aperture.

5 2_Tipo gas o vapori (CO, CO 2, SO X, NO X, VOC, ozono, radon, ammoniaca); inquinanti biologici (microrganismi, materiale organico); solidi, ulteriormente suddivisi in base al diametro in polveri ( < 5 µm) e fumi (diametro 0,1 1 µm); liquidi, distinguibili in nebbie e sospensioni. 3_Effetti inquinanti che producono sollecitazioni sensoriali (odori); inquinanti che producono sollecitazioni fisiologiche (mal di testa, affaticamento); inquinanti che producono sollecitazioni biologiche (irritazioni di occhi e mucose, allergie, effetti mutageni e carcinogeni).

6 Fanger ha proposto due unità di misura per la valutazione della qualità dell'aria interna e gli effetti della presenza di inquinanti sulle condizioni di benessere delle persone: l'olf eildecipol. L'olf (dal latino olfactus) è una grandezza che esprime la capacità inquinante di una sorgente: è definito come la quantità di bioeffluenti emessa da un soggetto che svolge attività sedentaria in condizioni di benessere termico, con uno standard igienico di 0.7 bagni/giorno. (Ogni altra sorgente inquinante può essere espressa in numero di olf che producono una sensazione equivalente). Il decipol (pol dal latino pollutio) è una grandezza che consente di quantificare la percezione degli inquinanti; è l'inquinamento percepito in presenza di un soggetto normale (1 olf) in un ambiente con ventilazione di 10 l/s di aria pulita.

7 Tab. 2.1: Sorgenti di inquinamento (olf). Sorgente olf Sorgente olf/m 2 di pavimento Persona seduta (1 met) 1 Fumatore mediamente 6 Persona in movimento (4 met) 5 Uffici 0.3 Persona in movimento (6 met) 11 Scuole Fumatore quando fuma 25 Sale conferenze 0.5 Tab. 2.2: Valori in decipol dell inquinamento dell aria percepito in alcune situazioni. Ambiente esterno Decipol Aria esterna, in montagna o al mare 0 Aria esterna, in città con aria poco inquinata 0.1 Aria esterna, in città, con aria molto inquinata i Ambiente interno Aria interna, in edifici salubri 1 Aria interna, in edifici insalubri 10 Pannelli in gesso 2.1 Sigillanti 3.0 Fumo da tabacco 14.4

8 Sindrome da edifici insalubri In numerosi edifici, i nonostante t la portata t di ventilazione i sia adeguata a purificare l'aria dagli inquinanti interni, ci sono elevate percentuali di persone che considerano la qualità dell'aria insoddisfacente. Ciò provoca una serie di disturbi quali sonnolenza, mal di testa, irritazione agli occhi e all'apparato respiratorio, ecc. Tale situazione è stata denominata Sick Building Syndrome (S.B.S.) e definita dalla O.M.S. come Building Sickness che si esprime attraverso sintomi di malessere generali e non specifici, accusati da persone situate in determinati ti edifici, i sintomi i che recedono poco dopo l'abbandono degli edifici stessi. Una significativa quota parte delle sostanze é introdotta per mezzo degli stessi sistemi di ventilazione: nei canali spesso transitano polveri, microrganismi, insetti, residui organici di vario tipo che, uniti all'umidità dell'aria, si annidano nei filtri dove si sviluppano funghi e batteri. L'aria che attraversa i filtri per poi essere distribuita in ambiente dà luogo a condizioni di malessere, anche se tutti i parametri termoigrometrici e di ventilazione assumono i valori ottimali.

9 Determinazione portata d aria di ventilazione Un appropriata ventilazione, meccanica o naturale, miscelando l aria interna ad un ambiente e realizzando un indispensabile ridistribuzione, permette di rimuovere e/o diluire i contaminanti generati e di ottenerne la qualità desiderata. CEN Ventilation of buildings - Design criteria for the indoor environment CR 1752 Propone due distinte procedure, che consentono rispettivamente di determinare la portata di ventilazione necessaria per il comfort e quella richiesta per minimizzare il potenziale di rischio di effetti indesiderati sulla salute. Il valore più alto tra i due viene scelto come dato di progetto.

10 A_Individuazione del livello di qualità dell aria interna desiderata Tab. 2.3: Qualità percepita dell aria interna. Categoria % di insoddisfatti (PPD) Qualità dell aria (decipol) Aria esterna (l/s olf) A, ottima qualità B, buona qualità C, scarsa qualità I valori si riferiscono alla prima impressione dei visitatori di un dato ambiente poiché, in pochi minuti, l organismo si adatta ai bioeffluenti umani. Il livello di qualità percepita dell aria interna (C i ), a partire dalla percentuale di insoddisfatti (PPD), può essere anche ricavato dalla seguente relazione di origine sperimentale (fig.2.1): C i = 112 [ ln( PPD) 5,98] 4 [decipol]

11 Fig. 2.1: Relazione tra la qualità percepita dell aria espressa in decipol e la g q p p p p percentuale di insoddisfatti.

12 B_Valutazione della qualità percepita dell aria esterna disponibile Tab. 2.4: Livelli di qualità dell aria esterna. Qualità percepita dell aria (decipol) CO 2 (mg/m 3 ) Inquinanti dell aria CO (mg/m 3 ) NO 2 (mg/m 3 ) SO 2 (mg/m 3 ) Al mare In città, buona qualità < In città, scarsa qualità > C_Valutazione del carico di inquinamento prodotto G tot = Gi [olf] Carico di inquinamento prodotto, valutato come somma dei contributi delle diverse sorgenti inquinanti presenti nell ambiente riportati nelle tabelle 2.5 e 2.6.

13 Tab. 2.5: Carico di inquinamento prodotto dagli occupanti. Sedentari, met 1 Carico prodotto (olf/persona) CO 2 (l/h persona) CO* (l/h persona) H 2 O** (g/h persona) fumatori 0% fumatori 20% * fumatori 40% * fumatori 100% * Esercizio fisico livello basso, 3 met livello medio, 6 met livello alto, 10 met (atleti) Bambini i Asilo, 3-6 anni, 2.7 met Scuola, anni, met * Derivato dal fumo di tabacco. ** Per individui prossimi alla neutralità termica. 1 1 met = 58 W/m2 di pelle, ovvero a circa 100 W per una persona media. 2 In media 1.2 sigarette/ora per fumatore, velocità di emissione pari a 44 ml CO/sigaretta.

14 Tab. 2.6: Carico inquinante prodotto dall edificio completo di mobili e sistemi di ventilazione. Edifici esistenti media Carico prodotto (olf/m 2 pav) range uffici scuole (aule) asili sale riunioni abitazioni 5 Edifici poco inquinanti: valori target Dati relativi a 24 edifici a uso ufficio con ventilazione meccanica. 2 Dati relativi a 6 scuole con ventilazione meccanica. 3 Dati relativi a 9 asili con ventilazione meccanica. 4 Dati relativi a 5 sale riunioni con ventilazione meccanica. 5 Dati relativi a 3 edifici uso abitazione con ventilazione naturale.

15 D_Valutazione dell efficienza di ventilazione (ε v ) Dipende dal sistema di ventilazione i adottato; t esistono due diversi i metodi di diffusione dell aria in ambiente: 1 a completo mescolamento completa diluizione degli inquinanti in ambiente aria immessa da bocchette con velocità notevolmente superiori a quelle ammesse nella zona occupata dalle persone (da 2 m/s a 12 m/s). Svantaggi: possibilità di correnti d aria aria, probabile corto circuitazione dell aria tra immissione ed estrazione, stagnazioni dell aria. 2 a perfetto dislocamento un fronte d aria che avanza da un lato verso l altro dell ambiente e la rimozione costante dei contaminanti durante il suo moto. La concentrazione degli inquinanti varia da un minimo nella zona di immissione ad un massimo nella zona di estrazione. Grandi portate d aria, che implica da un lato piccole differenze di temperatura tra aria immessa e aria ambiente e dall altro una velocità dell aria nella zona occupata dalle persone sicuramente superiore a quelle tradizionali (circa 0,5 m/s).

16 Efficienza di ventilazione (ε v ) ε v = C C e i C C s s dove: C e : concentrazione inquinanti nell'aria in uscita; C s : concentrazione inquinanti nell'aria in ingresso; C i : concentrazione inquinante nella zona occupata dalle persone (zona di respirazione). Nel caso di perfetta miscelazione tra aria ed inquinante il valore sarà pari a 1. Se la concentrazione dell'inquinante è minore nella zona di respirazione rispetto all'aria in uscita, si avrà un valore > 1, il che significa che si potrà avere il livello di qualità desiderato con un flusso di ricambio relativamente contenuto. Se, al contrario, la concentrazione dell'inquinante è minore nell'aria in uscita rispetto alla zona di respirazione, occorrerà un ricambio maggiore.

17 Tab. 2.7: Efficienza di ventilazione con tecniche diverse. Principio di ventilazione Differenza di temperatura tra l aria di immissione e l aria della zona di respirazione, t s-t i ( C) Efficienza di ventilazione Ventilazione per miscelazione < > < > Ventilazione per miscelazione > < Ventilazione a dislocamento

18 E_Determinazione del tasso di ventilazione necessario La capacità di rimozione (CR e ) di sostanze inquinanti da parte di una portata d aria esterna Q, caratterizzata da una concentrazione C 0, si esprime con: CR e = Q ( C C ) 0 [olf] i La capacità di rimozione (CR v ) delle sostanze inquinanti prodotte in ambiente da parte di un sistema di ventilazione, vale: CR (G è la portata di inquinante prodotta). v G = [olf] ε v Uguagliando le due quantità e considerando la definizione di decipol, la portata d aria esterna Q sarà data da: G 1 Q = 10 C i C ε [l/s] C i qualità dell aria interna di progetto; C 0 qualità dell aria (in decipol) a livello della presa esterna. 0 v

19 Tab. 2.8: Concentrazione massima ammissibile per sostanze inquinanti indoor. Sostanza Concentrazione Tempo massimo inquinante limite di esposizione Monossido di carbonio 100 mg/m 3 15 minuti 60 mg/m 3 30 minuti 30 mg/m 3 1 ora 10 mg/m 3 8ore Formaldeide 100 µg/m 3 30 minuti Piombo µg/m 3 1 anno Diossido di azoto Anidride solforosa 400 µg/m 3 1 ora 150 µg/m 3 24 ore 500 µg/m 3 10 minuti 350 µg/m 3 1 ora Vanadio 1 µg/m 3 24 ore

20 Determinazione portata d aria di ventilazione ASHRAE : Ventilation for Acceptable Indoor Air Quality Prevede due possibili procedure per la valutazione dei requisiti di ventilazione, entrambe basate sull approccio tradizionale della diluizione degli inquinanti tramite aria di ricambio esterna, che si differenziano per i diversi approcci utilizzati per la determinazione delle portate d aria di rinnovo: - procedura Ventilation Rate (approccio prescrittivo); - procedura Indoor Air Quality (approccio prestazionale).

21 Approccio prescrittivo La portata necessaria è determinata facendo riferimento ai dati riportati in tabella 2.9 per diverse destinazioni d uso; duso; si hanno a disposizione: portate d aria necessarie per persona G = G p N p (m 3 /h) G= portata totale (m 3 /h); G p = portata per persona (m 3 /h persona); N p = numero di persone. Nel caso in cui non risulta di facile determinazione il numero di persone si ricorre alla formula seguente con A = superficie dei locali in m 2 ; N p = G v A p v

22 portate d aria necessarie per unità di superficie G = G a A (m 3 /h) Tab. 2.9: Alcuni valori delle portate di ventilazione da rispettare nella zona occupata dalle persone. Ambiente G p G v G a m 3 /h *persona n persone/ m 2 m 3 /h* m 2 Aule scolastiche Laboratori informatici Ristoranti Camere da letto Uffici Banche Musei Discoteche Palestre sala aerobica Palestre sala pesi

23 Occorre inoltre considerare l efficienza di ventilazione: la portata d aria di ventilazione effettivamente necessaria (G tot ) è fornita da: G tot = G/ε v (m 3 /h) Tab. 2.10: Alcuni valori di efficienza di ventilazione all interno dell ambiente confinato. Sistema di distribuzione dell aria Mandata di aria calda dal pavimento e ripresa dal pavimento Mandata di aria calda dal pavimento e ripresa dal soffitto 0.7 Mandata di aria calda dal soffitto e ripresa dal pavimento 1.0 Mandata di aria calda (almeno 8 C superiore alla temperatura ambiente) dal soffitto e ripresa dal soffitto Note: 1.soffitto include ogni punto al di sopra della zona occupata dalle persone 2.pavimento include ogni punto al di sotto della zona occupata dalle persone ε v

24 Metodo prescrittivo empirico G tot = β V (m 3 /h) con: β = numero di ricambi/ora (h -1 ), variabile nell intervallo 0.5 2a seconda del grado di purezza richiesto; V = volume dell ambiente (m 3 ). Approccio prestazionale La procedura Indoor air quality è fondata sul controllo di specifici inquinanti, per i quali si presuppongono noti i tassi di emissione da parte dell edificio. Ha per obiettivo la determinazione i della quantità di aria esterna sufficiente i a diluire quella interna fino a raggiungere livelli di concentrazione, per prefissati inquinanti, inferiori ai limiti imposti.

25 SISTEMI DI FILTRAZIONE E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO Nel processo di filtrazione dell aria si deve considerare: -tipologia di inquinante da rimuovere; -forma; - dimensioni; -peso specifico delle particelle; - proprietà elettriche delle polveri; -velocità del flusso di aria. Esistono diversi meccanismi di filtrazione con efficienze differenti. I dispositivi per la depurazione dell aria possono essere inseriti all interno dei canali, oppure consistono in apparecchi indipendenti, da installare all interno dei locali o da appoggiare a terra o su ripiani.

26 Meccanismo di setaccio. Fig. 2.3: Esempio di filtro a sacco (Tiemmefc). Il flusso d aria attraversa le fibre del filtro: -le particelle solide con diametro maggiore della distanza tra le fibre che costituiscono il filtro sono arrestate; - le particelle più grossolane si fermano nei punti di intersezione delle fibre; - le particelle più minute si depositano lungo le fibre stesse per l azione di forze elementari di attrazione elettrostatica (effetto intercettazione). Il meccanismo di setaccio non è influenzato dalla velocità delle particelle ed è il più efficiente per quelle con dimensioni 5 μm; per le particelle tra μm, interviene il meccanismo di intercettazione. tt i

27 Il mezzo filtrante utilizza una carta filtro, costituita per il 95% di microfibre di vetro e per il 5% di leganti sintetici. Esempio di filtro a pieghe. L ampia pieghettatura fa sì che, per una velocità all ingresso che può essere di 2 o 3 m/s, quella di attraversamento del media filtrante si riduca a m/s. La perdita di carico iniziale varia tra 120 e 150 Pa, quella finale tra 350 e 450 Pa.

28 Dello stesso genere dei filtri a pieghe sono i filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air). Mezzo filtrante costituito da fibre di solo 0,1 μm. Le perdite di carico di tali filtri sono, inizialmente, di almeno 200 o 250 Pa. Tali filtri trovano impiego in ambienti nei quali debba essere garantita un elevata asetticità (sale operatorie, camere bianche); in particolari lavorazioni o processi si ricorre ai filtri ULPA (Ultra Low Penetration Air), che presentano valori di efficienza ancora più elevati. Esempio di filtro assoluto (Tiemmefc).

29 Esempio di filtro viscoso a rullo (Satrel). Le velocità di attraversamento t vanno da 1.2 a 3.0 m/s e il valore di efficienza, in funzione della velocità, è ottimale nel campo compreso tra 1.5 e 2.5 m/s, mentre decresce per valori minori o maggiori della velocità. L efficienza Lefficienza è mediamente attorno al 75% e pertanto sono spesso utilizzati come prefiltri a quelli di maggiore efficienza. La perdita di carico, alle velocità ottimali, è attorno a Pa a filtro nuovo. I filtri viscosi possono essere di due tipi: -a perdere - rigenerabili,

30 Schema semplificativo del meccanismo di inerzia. Le particelle contenute in un flusso d aria soggetto ad una brusca variazione di direzione seguono una traiettoria generalmente diversa dalle molecole che compongono il gas. L efficienza di questa tipologia di filtri aumenta con la Esempio di separatore inerziale (Satrel). velocità dell aria; attualmente t esistono separatori in grado di far depositare particelle di dimensione minima dell ordine di 1 μm.

31 Il flusso d aria in prossimità delle fibre del filtro tende a seguirne il contorno, trascinando le particelle più fini i e leggere. Se la traiettoria delle particelle passa a una distanza dalla fibra inferiore al raggio delle particelle stesse, esse si fissano per forze elementari di attrazione elettrostatica. L efficienza i di questo meccanismo aumenta con il diametro e la distanza tra le fibre del filtro. La velocità dell aria, entro certi limiti, non ha influenza. Schema semplificativo del meccanismo di intercettazione.

32 Schema semplificativo del meccanismo di diffusione. Le particelle più piccole, in un flusso d aria, sono soggette a moti oscillatori di tipo browniano; nel corso di tali moti, lungo la generale direzione del flusso d aria, daria, esse giungono a contatto con le fibre del filtro. La probabilità bilità che le particelle incontrino i la fibra del filtro aumenta con il diminuire i i del diametro, sia delle particelle che delle fibre, e con il ridursi della velocità dell aria. Anche in questo meccanismo le particelle aderiscono alle fibre per effetto di forze elettriche elementari;

33 Il flusso d aria è fatto passare attraverso un intenso campo elettrico, che ionizza le molecole d aria. Gli ioni colpiscono le particelle sospese, trasferendo loro la propria carica elettrica positiva; successivamente il flusso d aria attraversa un campo elettrico più debole, dove le particelle, cariche positivamente, si depositano su apposite piastre caricate negativamente. Le particelle devono essere periodicamente rimosse attraverso l'azione detergente di un liquido oppure un azione meccanica di percussione o vibrazione. Schema semplificativo di un filtro elettrostatico.

34 Esempi di filtri ad adsorbimento (MCleoDrussel). Utilizzati per l eliminazione di gas e polveri. Sulla base della natura delle forze che impegnano il materiale adsorbente e l inquinante inquinante, cioè la sostanza adsorbita, si possono distinguere l adsorbimento chimico e quello fisico. L adsorbimento chimico i consiste it nella reazione degli inquinantii con opportuni agenti chimici (permanganato di potassio, carbonato di sodio) che li trasformano o fissano definitivamente. Nell adsorbimento fisico, la molecola contaminante contenuta nei vapori è trattenuta sulla superficie esterna del materiale adsorbente da deboli forze elettrostatiche.

35 Caratteristiche funzionali dei filtri: - resistenza; - ritentività; - efficienza. La resistenza di un filtro è rappresentata dalla perdita di carico, cioè dalla caduta di pressione statica del flusso d aria tra le due facce opposte del filtro, per una data portata. La ritentività èlacapacità, espressa come quantità di un certo tipo dipolvere, che il filtro può trattenere dalla messa in funzione al limite massimo di perdita di carico ammissibile. L efficienza è la capacità di un filtro di arrestare, e quindi di separare, le particelle contenute nel flusso di aria che lo attraversa. Il grado di efficienza media nel corso della durata di un filtro è, per molte applicazioni, la caratteristica più significativa ed è in base a tale parametro che è possibile effettuare una ulteriore classificazione dei sistemi di filtrazione.

36 L efficienza può essere determinata in base a tre differenti metodologie di prova adottate dalle norme ASHRAE (Test Standard for Air Cleaning Devices) 1) metodo gravimetrico (o ponderale); 2) metodo opacimetrico (o colorimetrico); 3) metodo DOP (dioptilftalato). 1) Metodo gravimetrico (o ponderale) E anche denominato Synthetic Dust Weight Arrestance Test in quanto si basa sull'aumento di peso del filtro di controllo al termine della prova. Il test può essere schematizzato nel seguente modo a)una portata nota d'aria viene aspirata e filtrata tramite filtri assoluti (A) i quali, come si vedrà successivamente, sono caratterizzati da rendimenti molto più elevati rispetto al filtro in prova; tale operazione permette di garantire una elevata purezza dell aria impiegata nella prova; b) a valle del filtro (A) viene immessa una quantità nota di polveri sintetiche di test, con concentrazione prefissata (70 mg/m 3 ); c) l'aria contenente le polveri attraversa il filtro da testare (B); d) a valle del filtro di prova l'aria laria viene nuovamente filtrata da un filtro assoluto (C), che trattiene le particelle non arrestate da (B).

37 Il filtro (C) viene pesato prima e dopo la prova; la differenza di peso consente di calcolare l efficienza del filtro (B) da testare; maggiore è il peso del filtro (C), minore è l efficienza del filtro (B). L efficienza Lefficienza di filtrazione E è data dalla relazione: W2 E = 1 (%) W W 1 W 1 = peso di polvere sintetica di riferimento; W 2 = peso di polvere sintetica che attraversa il filtro (e che viene arrestata dal filtro C). Schema semplificativo del metodo gravimetrico per la determinazione dell efficienza di filtrazione (Satrel).

38 2) Metodo opacimetrico (o colorimetrico); Sonde con filtri di raffronto Schema semplificativo del metodo opacimetrico i per la determinazione i dell efficienza i di filtrazione i (Satrel). Il metodo opacimetrico è anche denominato Atmospheric Dust Spot Efficency Test in quanto si basa sul grado di annerimento di filtri campione, valutato per mezzo di un colorimetro. Il filtro da testare viene fatto attraversare da aria atmosferica per un periodo variabile di tempo. A monte e a valle del filtro sono collocate due sonde che prelevano l'aria e la filtrano attraverso carte di filtro di raffronto. Al termine della prova si misura il diverso grado di colorazione tra la carta di filtro a valle e quello a monte del filtro da testare tramite un colorimetro: maggiore è la differenza migliore è l efficienza E del filtro.

39 E Q O = 1 (%) 1 2 Q 2 O 1 dove: Q 1, Q 2 = portate totali di aria prelevate dalle sonde, rispettivamente a monte e a valle del filtro di prova; O 1, O 2 = opacità della carta campione a monte e a valle del filtro di prova pari a: O 1 = t u1 t t u1 u2 O 2 = t d1 t t d1 d2 con: t u1, t u2 = coefficienti i di trasmissione i luminosa iniziale i i e finale a monte del filtro t d1, t d2 filtro in in prova; = coefficienti i i di trasmissione i luminosa iniziale i i e finale a valle del prova.

40 3) Metodo DOP (dioptilftalato). E adottata t per valutare la resa di filtri i caratterizzati ti da efficienze i > 98%. Per valutare l'efficacia del filtro, nell'aria, precedentemente filtrata con filtri assoluti, sono immesse goccioline (diametro 0.3 μm) di dioptilftalato, (ottenute per ebollizione e successiva condensazione), con una concentrazione stabile di 80 mg/m 3. Tramite fotometri, misurando la luce diffusa da goccioline presenti in sospensione in aerosol, vengono contate tali goccioline a monte (CM) e a valle del filtro (CV), ottenendo così il rapporto di penetrazione (RC): CV 100 RC = CM dove: CV = numero di goccioline a valle del filtro; CM = numero di goccioline a monte del filtro. (%) L'efficienza di filtrazione (E): E = 100 RC (%)

41 Tabella riepilogativa della classificazione filtri in base all efficienza. EN 779 Arrestanza media A (%) Prefiltri m (con polvere sintetica) Corrispondenza con Norme Eurovent G EU1 Perdita di carico finale G EU2 (massimo 250 Pa) G EU3 Filtri i medi Perdita di carico finale (massimo 450 Pa) G4 > 90 EU4 Efficienza ce media edae m (%) (per particelle di 0.4 μ) F EU5 F EU6 F EU7 F EU8 F9 >95 EU9 EN 1822 Filtri assoluti Efficienza globale MPPS (%) Corrispondenza con Norme Eurovent H10 85 EU10 H11 95 EU11 Hepa H EU12 H EU13 H EU14 Ulpa U EU15 U EU16 U EU17

42 Tab. 2.12: Concentrazione e dimensioni delle polveri in diverse aree [3]. Area Campagna Città Zona Concentrazione Dimensione Dimensione (mg/m 3 ) media (μm) massima (μm) Tempo umido Tempo secco Residenziale Periferia Industriale Industriale Tab. 2.13: Distribuzione delle polveri [3]. Dimensione (μm) Concentrazione (particelle/m 3 ) Percentuale in volume

43 Tab. 2.14: Esempi di applicazione di diversi filtri [3]. Tipologia di filtro FILTRI ASSOLUTI FILTRI AD ALTISSIMA EFFICIENZA FILTRI A MEDIA EFFICIENZA Applicazioni Camere bianche, locali sterili per ospedali e laboratori farmaceutici, industrie elettroniche e fotografiche, industria nucleare arresto della contaminazione Locali per elaboratori, condizionamento dell aria cabine di verniciatura, industria chimica e meccanica di precisione, filtri per motori esotermici Ventilazione locali pubblici ed officine, prefiltri per filtri assoluti, filtri per compressori Tab. 2.15: Tipologie di filtri in funzione della perdita di carico massima [2]. Tipologia di filtro Filtro a grana grossa (diametro particelle captate 1 3 μm) Filtro a grana fine (diametro particelle captate < 1 μm) Filtro assoluto Manutenzione/Sostituzione Incremento della perdita di carico di 100 Pa rispetto al filtro nuovo (50 Pa) PERDITA DI CARICO FINALE 150 Pa Incremento della perdita di carico di Pa rispetto al filtro nuovo ( Pa) PERDITA DI CARICO FINALE 200 Pa Incremento della perdita di carico di 250 Pa rispetto al filtro nuovo (250 Pa) PERDITA DI CARICO FINALE 500 Pa

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento QUALITA DELL ARIA INTERNA E SISTEMI DI FILTRAZIONE

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento QUALITA DELL ARIA INTERNA E SISTEMI DI FILTRAZIONE 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento QUALITA DELL ARIA INTERNA E SISTEMI DI FILTRAZIONE 2 DEFINIZIONE INDOOR AIR QUALITY Standard 62/04 ASHRAE Per ambienti ad uso prevalentemente residenziale,

Dettagli

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD.

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl La Qualità dell aria Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Secondo lo Standard 62/04 ASHRAE: «La qualità

Dettagli

Impianti di ventilazione

Impianti di ventilazione Impianti di ventilazione Michele De Carli Università di Padova UNIVERSITÀ DI PADOVA! Principi di ventilazione Ventilazione naturale (infiltrazioni, aperture, funzione delle condizioni interne ed esterne)

Dettagli

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri?

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri? che peso ha l aria che respiri? periso ti libera dagli aggressori dell aria QUALITÀ DELL ARIA E IONIZZAZIONE La qualità della vita riveste sempre maggiore interesse nei settori pubblici e privati. Fornire

Dettagli

CONVEGNO UNIARIA. Milano, 3 aprile 2014

CONVEGNO UNIARIA. Milano, 3 aprile 2014 CONVEGNO UNIARIA Milano, 3 aprile 2014 ASPIRAZIONE E DEPURAZIONE DI NEBBIE OLEOSE E FUMI GENERATI DA LAVORAZIONI MECCANICHE CON UTILIZZO DI OLI LUBROREFRIGERANTI, CON REIMMISSIONE DELL'ARIA NELL'AMBIENTE

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot

Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot La ventilazione per una migliore qualità dell aria Impianti e sistemi di ventilazione nei luoghi di lavoro e aperti al pubblico; tutela della salute dei non fumatori Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot

Dettagli

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

GAMMA CELLE FILTRANTI I 03/03 SISTEMI ED APPARECCHI PER LA FILTRAZIONE DELL ARIA

GAMMA CELLE FILTRANTI I 03/03 SISTEMI ED APPARECCHI PER LA FILTRAZIONE DELL ARIA SSTEM ED APPARECCH PER LA FLTRAZONE DELL ARA CELLE FLTRANT GAMMA 0/0 Via Firenze, 1-006 Cernusco sul Naviglio - Milano - TALA Tel. 9.0.9..1 r.a. - Fax 9.0.9..00 nternet: www.sagicofim.com - E-mail: info@sagicofim.com

Dettagli

TIPOLOGIA DI CONDIZIONATORI

TIPOLOGIA DI CONDIZIONATORI TIPOLOGIA DI CONDIZIONATORI I condizionatori si dividono in due grandi famiglie quelli chiamati solo freddo e quelli detti a pompa di calore. La differenza sostanziale è che quelli a pompa di calore oltre

Dettagli

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna Il comfort può essere definito come una condizione di benessere psicofisico dell

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria

Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria Trattamenti antibatterici per la purificazione dell aria Pezzoli Daniele, Ph.D. INSTM - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali NextMaterials S.R.L., spin-off di

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE Si stima che il 30% dei consumi di energia fossile sia utilizzato, nei Paesi Sviluppati, per la Climatizzazione estiva ed il Riscaldamento

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO In Italia la climatizzazione è obbligatoria ed è responsabilità dell architetto in sede di progettazione predisporre l edificio per accogliere

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE R. & R. sas di Reina Jenni Via D on Luigi Sturzo 31-20033 D ESIO (M I) C.F. 02327670150 P.IV A 00733710966 TEL.0362/626375 r.a. FA X 0362/300959 E-m ail r.r.aspirazione@ libero.it CENTRALINA DI DEPURAZIONE

Dettagli

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi SALE OPERATORIE Roberto Bruschi UNI EN 13795-1 GIUGNO 2004 Teli chirurgici, camici e tute per blocchi operatori, utilizzati come dispositivi medici, per pazienti, personale clinico e attrezzature Requisiti

Dettagli

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto Pubblicato nella G.U. 20 aprile

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO 1 Legislazione di riferimento D.Lgs 277/91 D.Lgs 66/00 D.Lgs. 25/02 UNI EN 689/97 TLV - Threshold Limit Values della American Conference

Dettagli

Materiali da costruzione e inquinamento indoor

Materiali da costruzione e inquinamento indoor Materiali da costruzione e inquinamento indoor Sono moltissimi i fattori che condizionano la qualità dell'aria negli spazi che abitiamo. di Silvia Piardi Tratto da AMBIENTE COSTRUITO n.4/1998 I materiali

Dettagli

Agenda. Ing. Claudia Guardini. Introduzione Ventilazione meccanica controllata. Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione. Indoor Air Quality

Agenda. Ing. Claudia Guardini. Introduzione Ventilazione meccanica controllata. Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione. Indoor Air Quality 27 05 11 Ing. Claudia Guardini Agenda Introduzione Ventilazione meccanica controllata Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione Indoor Air Quality Riferimenti normativi Certificazione energetica Tipologie

Dettagli

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera DPI DPI È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera diversa. La stessa cosa se ci esponiamo ad inalazione

Dettagli

Research & Development. quanto conta respirare. un aria. salubre?

Research & Development. quanto conta respirare. un aria. salubre? quanto conta respirare un aria salubre? ci prendiamo cura dell aria che respiri PERISO, consapevole del valore etico dell esistenza naso e gola, tosse secca, vertigini o nausea, difficoltà di L innovativa

Dettagli

NORMATIVE ISO 8573-1 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA

NORMATIVE ISO 8573-1 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA NORMATIVE ISO 8573- DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DEI CONTAMINANTI DELL ARIA COMPRESSA La nostra azienda, al fine di dare un contributo a coloro che progettano o utilizzano sistemi pneumatici, vi propone

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA Premessa Per caratterizzare un ambiente da un punto di vista microclimatico è necessario definire i parametri oggettivi, che lo descrivono mediante alcune grandezze

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA E RECUPERATORI DI CALORE PARTE QUINTA 23 GENNAIO 2014 VALENTINA RAISA- SISTENE E.S.CO. valentina.raisa@sistene.

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA E RECUPERATORI DI CALORE PARTE QUINTA 23 GENNAIO 2014 VALENTINA RAISA- SISTENE E.S.CO. valentina.raisa@sistene. VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA E RECUPERATORI DI CALORE PARTE QUINTA 23 GENNAIO 2014 VALENTINA RAISA- SISTENE E.S.CO. valentina.raisa@sistene.it 1 Ventilazione meccanica in relazione agli impianti

Dettagli

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale 1) La Ventilazione meccanica applicazioni e normativa vigente 2) applicazione nella ristrutturazione 3) La classe A e la ventilazione meccanica i perchè della scelta. Umberto Buzzoni Inquinamento indoor:

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

3M Respiratori per gas e vapori

3M Respiratori per gas e vapori 3M Respiratori per gas e vapori Bloccare le sostanze nocive Lo spettro d azione di molte sostanze nocive è molto vario. È quindi necessario individuare con grande precisione il rischio specifico presente

Dettagli

MiglioraLaVita Beghelli

MiglioraLaVita Beghelli Trattamento Aria 159 Trattamento aria MiglioraLaVita Beghelli 160 MiglioraLaVita Beghelli Ionizzatore d aria Ionizzatore per migliorare la qualità dell'aria, aspirare e abbattere il fumo da sigaretta e

Dettagli

Cenni sulla qualità dell aria, la ventilazione naturale e forzata. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia

Cenni sulla qualità dell aria, la ventilazione naturale e forzata. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Cenni sulla qualità dell aria, la ventilazione naturale e forzata degli ambienti P. Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 La qualità dell aria interna (IAQ) in un ambiente è considerata accettabile quando

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI FACCIALI FILTRANTI CLASSE DI APPARTENENZA ESEMPIO SIMBOLOGIA FFP 1 D AV RESISTENZA ALL'INTASAMENTO PROTEZIONE AGGIUNTIVE SIMBOLOGIA : TIPOLOGIA DEL PRODOTTO: FFP (Facciali

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SCHEDA TECNICA N 15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

Francesco Mussini matr. 255890 Filippo Reviati matr. 263003 Lezione del 26/05/2016 ora 8:30-10:30

Francesco Mussini matr. 255890 Filippo Reviati matr. 263003 Lezione del 26/05/2016 ora 8:30-10:30 Francesco Mussini matr. 255890 Filippo Reviati matr. 263003 Lezione del 26/05/2016 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Impianti di ricambio aria con recupero entalpico, tipologie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

IMPIANTO GEOTERMICO energia geotermica energia

IMPIANTO GEOTERMICO energia geotermica energia IMPIANTO GEOTERMICO L'energia geotermica è l'energia generata per mezzo di fonti geologiche di calore e può essere considerata una forma di energia alternativa e rinnovabile. Si basa sui principi della

Dettagli

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Cartuccia e media filtranti Claudio Rossi Country Manager IAF ITALY Biomasse Target di mercato

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli

FILTRAZIONE A SECCO DELL OVERSPRAY PRODOTTO NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA DELLE AUTOCARROZZERIE CON SISTEMI FILTRANTI DI NUOVA GENERAZIONE

FILTRAZIONE A SECCO DELL OVERSPRAY PRODOTTO NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA DELLE AUTOCARROZZERIE CON SISTEMI FILTRANTI DI NUOVA GENERAZIONE Tu rc hi s.r.l. FILTRAZIONE A SECCO DELL OVERSPRAY PRODOTTO NEGLI IMPIANTI DI VERNICIATURA DELLE AUTOCARROZZERIE CON SISTEMI FILTRANTI DI NUOVA GENERAZIONE 1 Depurazione overspray di verniciatura Nella

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE Arch. Valentina Raisa Assegnista di ricerca dell Università di Ferrara (finanziamento di AldesItalia) Qual è l edificio ad elevate

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com NELLA CASA SI TRASCORRE L 80% DEL TEMPO DELLA NOSTRA VITA CHE ARIA RESPIRIAMO DENTRO LA NOSTRA

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Componenti innovative per ospedali. Per un aria sterile e pulita.

Componenti innovative per ospedali. Per un aria sterile e pulita. Componenti innovative per ospedali. Per un aria sterile e pulita. Quando si tratta di progettare e realizzare soluzioni innovative per raggiungere la massima purezza dell aria, ecco che trovano applicazione

Dettagli

tecnologia Sistemi di depolverazione e depurazione, recupero energetico, camere bianche, inverter e regolatori di pressione Filtri per aria...pag.

tecnologia Sistemi di depolverazione e depurazione, recupero energetico, camere bianche, inverter e regolatori di pressione Filtri per aria...pag. tecnologia 195 Sistemi di depolverazione e depurazione, recupero energetico, camere bianche, inverter e regolatori di pressione Filtri per aria...pag. 192 I filtri per aria contemplati dalle norme sono

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

Purificazione dell aria

Purificazione dell aria Purificazione dell aria Per un aria sana per tutti Lo sapevate che trascorriamo circa l 80 percento della nostra vita all interno spesso respirando aria viziata? Le sostanze nocive di ogni tipo presenti

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola minergie Impianto di ventilazione: la casa respira da sola I moderni edifici provvisti di sistemi di aerazione garantiscono un clima abitativo o lavorativo confortevole, sano e aria sempre fresca nei locali;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Classi d utilizzo dei filtri:

Classi d utilizzo dei filtri: clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 1 clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 2 Classi d utilizzo dei filtri: Particelle FFP1 FFP2 FFP3 Polveri protezione da protezione da aerosol protezione

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

QUALITÀ DELL ARIA INDOOR

QUALITÀ DELL ARIA INDOOR QUALITÀ DELL ARIA INDOOR Composizione dell aria atmosferica Inquinanti primari e secondari Altre sostanze Energia Attività umane Inquinanti primari Reazioni Inquinanti secondari Esempio... Radiazioni Ossigeno

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

PlasmaMade e aria pulita. Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1

PlasmaMade e aria pulita. Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1 PlasmaMade e aria pulita Come vendere aria pulita per tutti, ovunque V1.0 000-11.1 Le garanzie del filtro aria PlasmaMade: Aria Sana Aria Pulita In spazi dove più persone coabitano, come soggiorni, camere

Dettagli

RECUPERA SLIM Ventilazione meccanica controllata IT 04

RECUPERA SLIM Ventilazione meccanica controllata IT 04 RECUPERA SLIM Ventilazione meccanica controllata IT 4 Climatizzazione I d e e d a i n s t a l l a r e Recupera Il tuo benessere La casa è un bene prezioso in cui ogni persona trascorre gran parte della

Dettagli

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE 3203 FFP1 3204 FFP1 + VALVOLA 3205 FFP2 3206 FFP2 + VALVOLA UNI EN 149 : 2003 MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE PIEGHEVOLE MODELLO PREMIUM 4 4110 FFP1

Dettagli

Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima.

Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima. Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima.it La tecnologia PCO TM La tecnologia PCO TM (Photocatalytic Oxidation),

Dettagli

PRESENTAZIONE PRODOTTO

PRESENTAZIONE PRODOTTO PRESENTAZIONE PRODOTTO L'IDEA ECOPARED Ecological System è un sistema di pannelli ecologici che hanno la capacità di eliminare, ridurre, adsorbire umidità, cattivi odori, condensa, muffe e fumo e che permettono

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE

IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE IL MICROCLIMA DEL MUSEO E IL MONITORAGGIO DELL AMBIENTE A cura di: Paolo Mandrioli Paola De Nuntiis Chiara Guaraldi ISAC, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna La conservazione preventiva nei musei:

Dettagli

IN BASSO PIANTA ARREDI

IN BASSO PIANTA ARREDI SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DEL BLOCCO OPERATORIO DELL ISTITUTO: CRITERI E SCELTE PROGETTUALI DELL IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA LA PROGETTAZIONE DEL COMPLESSO

Dettagli

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La qualità dellʼaria negli ambienti confinati (indoor), comprese le abitazioni, può essere causa di una vasto numero di effetti indesiderati che

Dettagli

S o l u z i o n i p e r l a r i a p u l i t a. Group presentation. Camfil Farr - clean air solutions

S o l u z i o n i p e r l a r i a p u l i t a. Group presentation. Camfil Farr - clean air solutions S o l u z i o n i p e r l a r i a p u l i t a Camfil Farr Corporate brochure Group presentation Camfil Farr - clean air solutions s o m m a r i o 4-5 Aria pulita per una migliore qualità della vita 8-9

Dettagli

Italia. Soluzioni aerauliche SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA PER TRATTAMENTO ARIA

Italia. Soluzioni aerauliche SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA PER TRATTAMENTO ARIA Italia Soluzioni aerauliche SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA PER TRATTAMENTO ARIA 2 www.vmc-franceair.com Il nostro progetto nasce dalla volontà di concepire gli impianti di trattamento aria e di ventilazione

Dettagli

Creare Aria Pulita. una guida ai prodotti. Taking small steps together, always ahead, towards a better world

Creare Aria Pulita. una guida ai prodotti. Taking small steps together, always ahead, towards a better world Creare Aria Pulita una guida ai prodotti Taking small steps together, always ahead, towards a better world Creare Aria Pulita una guida ai prodotti La gamma di filtri Vokes Air è in grado di soddisfare

Dettagli

LOSSNAY SERIE RECUPERATORI DI CALORE. I ventilatori a recupero di calore. Comfort e risparmio energetico

LOSSNAY SERIE RECUPERATORI DI CALORE. I ventilatori a recupero di calore. Comfort e risparmio energetico SERIE PRESTAZIONI CERTIFICATE RECUPERATORI DI CALORE I ventilatori a recupero di calore Elevato comfort I ventilatori a recupero di calore, universalmente riconosciuti per la loro efficienza, per il loro

Dettagli

EMISSIONI DI INQUINANTI DA

EMISSIONI DI INQUINANTI DA EMISSIONI DI INQUINANTI DA INCENERITORI: ASPETTI NORMATIVI E RICERCA LUCA STABILE, GIORGIO BUONANNO l.stabile@unicas.it, buonanno@unicas.it DICeM Università di Cassino e del Lazio Meridionale via G. Di

Dettagli

PRE FILTRAZIONE. Per una migliore qualità dell aria

PRE FILTRAZIONE. Per una migliore qualità dell aria FILTRAZIONE Per una migliore qualità dell aria La qualità dell aria all interno degli ambienti civili ed industriali è uno dei principali fattori da tenere in considerazione nello studio del benessere

Dettagli

Gamma Trattamento Aria

Gamma Trattamento Aria APPLICAZIONI Gamma Trattamento Aria L aria all interno dei locali è un elemento essenziale per gli esseri umani. Il nostro comfort e la ns. salute dipendono dal grado di umidità e purezza dell aria. La

Dettagli

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU INTRODUZIONE Le nuove conquiste tecnologiche nel campo degli isolanti termici e nella tenuta dei serramenti ha reso le moderne abitazioni sempre più confortevoli sia a livello acustico che termico, riducendo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Protezione vie Respiratorie

Protezione vie Respiratorie Protezione vie Respiratorie D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

Analisi in continuo della emissione di polveri. Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it

Analisi in continuo della emissione di polveri. Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it Analisi in continuo della emissione di polveri Gianantonio Favalessa Ital Control Meters srl www.italcontrol.it Perchè controllare le polveri Per noi stessi, per la nostra salute: Le polveri che respiriamo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Paint Stop (260 g/m 2 ) 1.2. Società: D.L.G. sas via Cal de Livera 71/b 31020 VITTORIO

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo Spett.: Ecoservice Office S.r.l. C.F./P.I 01474030416, Borgo S. Maria n. 43, Pesaro c.a. Sig. G. Simoncelli Torino, 20/11/2006 Oggetto: Relazione finale attività svolte per Ecoservice Office S.r.l Introduzione

Dettagli

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento)

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIatura impianti di aspirazione localizzata Le schede che qui vengono riportate

Dettagli

Filtrazione Panoramica Prodotti 2008

Filtrazione Panoramica Prodotti 2008 Filtrazione Panoramica Prodotti 2008 Una gamma completa La filtrazione dell aria ha assunto negli ultimi anni un ruolo fondamentale per garantire la qualità dell aria ambiente e la protezione di apparecchiature

Dettagli

Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni

Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni ing. Stefano Paolo Corgnati, Ph.D. POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Energetica stefano.corgnati@polito.it 1 Pannelli radianti: comportamento

Dettagli