FIPAV Federazione Italiana Pallavolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIPAV Federazione Italiana Pallavolo"

Transcript

1 FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA Il presente documento costituisce una guida per campionati di categoria lo svolgimento della attività agonistica dei

2 Indice INDICE... 2 NORME E REGOLAMENTI PER I CAMPIONATI DI CATEGORIA 2009/ STRUTTURAZIONE DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA... 3 LIMITI DI ETÀ - ALTEZZA RETE e UTILIZZO DEL LIBERO DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA... 3 OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA... 4 Convenzione per assolvimento Obbligo Campionati di Categoria... 7 NORME GENERALI... 9 PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA 2009/ SCHEMA RIEPILOGATIVO SQUADRE UNDER 18 e UNDER 16 PER REGIONE STAGIONE 2008/ CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE MASCHILE CAMPIONATO UNDER 13 MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 14 MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 16 MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 18 MASCHILE CAMPIONATO NAZIONALE JUNIOR LEAGUE MASCHILE (UNDER 20) CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE FEMMINILE CAMPIONATO UNDER 13 FEMMINILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 14 FEMMINILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 16 FEMMINILE CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 18 FEMMINILE TABELLA DI RIEPILOGO DELL'ATTIVITÀ GIOVANILE 2009/

3 NORME E REGOLAMENTI PER I CAMPIONATI DI CATEGORIA 2009/2010 STRUTTURAZIONE DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA Per la stagione 2009/2010 i Campionati di categoria hanno questa struttura: MASCHILE UNDER 13 svolgimento fino alla Fase Regionale UNDER 14 con Finale Nazionale a 21 squadre UNDER 16 con Fase Interregionale e Finale Nazionale a 16 squadre UNDER 18 con Fase di Lega e Fase Interregionale Finale Nazionale a 16 squadre JUNIOR LEAGUE (U20) riservato alle sole società di serie A1 FEMMINILE UNDER 13 UNDER 14 UNDER 16 UNDER 18 svolgimento fino alla Fase Regionale con Finale Nazionale a 21 squadre con Fase Interregionale e Finale Nazionale a 16 squadre con Fase Interregionale e Finale Nazionale a 12 squadre La Lega Serie A Maschile organizzerà il Torneo Boy League, secondo la formula attuale con partecipazione non obbligatoria per le società di serie A ed aperta anche a società di altre serie. Particolare attenzione verrà posta nello sviluppo del calendario al fine di evitare concomitanze con l attività federale di pari età (Under 14 maschile). La partecipazione a detto torneo non assolve ad alcun obbligo relativamente alla partecipazione ai campionati di categoria. Le società ospitanti dovranno richiedere al C.P. FIPAV di competenza la relativa assistenza arbitrale in misura di 2 arbitri di livello provinciale per ogni gara, sostenendo i relativi costi. LIMITI DI ETÀ - ALTEZZA RETE e UTILIZZO DEL LIBERO DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE MASCHILE Utilizzo CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE LIBERO Junior League Maschile Nati dal 1990 al 1994 mt. 2,43 SI SI Under 18 Maschile Nati dal 1992 al 1998 mt. 2,43 SI SI Under 16 Maschile Nati dal 1994 al 1998 mt. 2,35 NO NO Under 14 Maschile Nati dal 1996 al 1999 mt. 2,24 NO NO Under 13 Maschile Nati dal 1997 al 2000 mt. 2,15 NO NO Utilizzo 2 LIBERO 3

4 SETTORE FEMMINILE Utilizzo CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE LIBERO Under 18 Femminile Nate dal 1992 al 1998 mt. 2,24 SI SI Under 16 Femminile Nate dal 1994 al 1998 mt. 2,24 SI SI Under 14 Femminile Nate dal 1996 al 1999 mt. 2,15 NO NO Under 13 Femminile Nate dal 1997 al 2000 mt. 2,15 NO NO Utilizzo 2 LIBERO OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA IMPORTANTE PER TUTTE LE SOCIETA Si ricorda che le società di serie B1 e B2 non possono assolvere l obbligo di partecipazione ai campionati di categoria tramite convenzione con altra società. Le società che stipulano convenzioni con società di serie A1 o A2 per l assolvimento degli obblighi di queste ultime, con la stessa squadra non assolvono eventuali obblighi previsti per la propria società derivanti dalla serie che disputano. In pratica i campionati di categoria in convenzione non possono assolvere a due obblighi. E ovvio che se una società, per esempio, disputa un campionato Under 18 in convenzione per una società di serie A1 o A2, può partecipare con un altra squadra, ovviamente formata da atleti diversi, nella stessa categoria per assolvere ad eventuali propri obblighi. SERIE A1 e A2 MASCHILE Le società partecipanti ai campionati di Serie A1 e A2 maschile devono prendere parte a tutti i campionati di categoria indetti dalla FIPAV nella corrispondente sezione maschile: UNDER 18 (Fase di Lega) -UNDER 16 e UNDER 14. La Partecipazione alla Junior League è facoltativa per le società di Serie A1 e A2 maschile. La Lega Pallavolo Serie A si riserva poi la possibilità di invitare squadre extra Serie A, previa verifica del livello tecnico delle formazioni interessate. Convenzioni: Le società di serie A1 possono disputare in convenzione solo il campionato Under16; Le società di Serie A2 2008/09 o retrocesse dalla Serie A1, o riammesse alla serie A2 per qualsivoglia ragione dopo aver disputato la Serie A2 2008/09 potranno disputare in convenzione il Campionato Under 16 o il Campionato Under 18 Fase di Lega; Le società neopromosse in Serie A2 possono disputare in convenzione il Campionato Under 16 e il Campionato Under 18 Fase di Lega; è facoltà della Lega estendere tale deroga anche alle Società che hanno acquisito il titolo di Serie A2 al termine della stagione 2008/09 e hanno trasferito l attività in un altro territorio; in nessun caso è consentito disputare in convenzione il Campionato Under 14. 4

5 NOTE Le società che stipulano convenzioni con società di serie A2 per l assolvimento degli obblighi di queste ultime per il campionato Under 18, devono disputare questo campionato nella Fase organizzata dalla Lega. Le società di serie A possono disputare il campionato Under 18 anche nelle fasi organizzate dalla FIPAV, ovviamente con una squadra totalmente diversa da quella con cui disputano la Fase di Lega; tali squadre devono limitare la partecipazione alla sola fase provinciale senza poter concorrere per il Titolo Provinciale e, una volta terminata la fase provinciale, non possono utilizzare gli atleti nella squadra che partecipa alla Fase di Lega. Tutto ciò in quanto le squadre di A hanno l obbligo di svolgere la Fase di Lega e quindi possono qualificarsi alle fasi successive soltanto tramite quella fase. Nel caso di qualificazione alla Finale Nazionale potranno utilizzare gli atleti anche della squadra che ha disputato il campionato nelle fasi FIPAV. Identica procedura vale per le società NON di serie A, che partecipano alla fase di Lega in convenzione per una società di serie A. Le società di serie A dovranno versare la somma di 1.000,00 per ogni Campionato disputato in Convenzione. Sanzioni Il mancato assolvimento degli obblighi suddetti comporteranno le seguenti sanzioni: la prima rinuncia ad una gara di un Campionato di categoria: multa di 1.000,00; seconda rinuncia ad una gara del medesimo Campionato: multa di 1.000,00 ed esclusione dal Campionato con conseguente ulteriore multa di ,00 (per la serie A2) e ,00 (per la serie A1) e 3 punti di penalizzazione nella classifica del Campionato di serie A. In caso di rinunce commesse da una società che partecipa in funzione della convenzione con una società di Serie A, sarà quest ultima a subire le sanzioni suddette. SERIE A1 e A2 FEMMINILE Le società partecipanti ai campionati di Serie A1 e A2 femminile devono prendere parte ad almeno due campionati di categoria indetti dalla FIPAV nella corrispondente sezione femminile a scelta tra: UNDER 18 - UNDER 16 e UNDER 14. Tale obbligo può essere assolto anche facendosi rappresentare da altra società sulla base della apposita convenzione. In caso di mancata partecipazione, anche ad un solo campionato, è prevista la multa di 1.500,00. 5

6 SERIE B1 e B2 Serie B1 e B2 Maschile Le società partecipanti ai campionati di Serie B1 e B2 maschile devono prendere parte ad almeno due campionati di categoria indetti dalla FIPAV nella corrispondente sezione maschile a scelta tra: UNDER 18 - UNDER 16 e UNDER 14. In caso di mancata partecipazione, anche ad un solo campionato, è prevista la multa di 1.000,00, che sarà sanzionata dal Giudice Unico Provinciale e dovrà essere versata al Comitato Provinciale. Serie B1 e B2 Femminile Le società partecipanti ai campionati di Serie B1 e B2 femminile devono prendere parte ad almeno due campionati di categoria indetti dalla FIPAV nella corrispondente sezione femminile a scelta tra: UNDER 18 - UNDER 16 e UNDER 14. In caso di mancata partecipazione, anche ad un solo campionato, è prevista la multa di 1.000,00, che sarà sanzionata dal Giudice Unico Provinciale e dovrà essere versata al Comitato Provinciale. SERIE C - D - 1^ E 2^ DIVISIONE I Comitati Periferici, su parere della Consulta Regionale, deliberano sull obbligatorietà di partecipazione delle società di serie regionale e provinciale ai campionati di categoria. Eventuali provvedimenti a discrezione dei Comitati Periferici per la mancata partecipazione comporteranno: per la società di serie C e D la multa fino ad un massimo di. 500,00 per la società di Prima e Seconda Divisione la multa fino ad un massimo di. 250,00. Per le società che disputano più campionati di diverse serie nell'ambito di uno stesso settore, l'obbligatorietà di partecipazione ai campionati di categoria viene assolta in base a quanto previsto per il campionato maggiore a cui partecipano. Il Consiglio Federale, rilevata la peculiarità e la specificità dell'attività svolta, ha deliberato di esonerare dall'obbligo di partecipazione a detti campionati, i CUS e i Gruppi Sportivi delle Forze Armate affiliati alla FIPAV. Per le società di nuova affiliazione che partecipano all'ultimo campionato di divisione provinciale, l'eventuale obbligo di partecipazione ai campionati di categoria decorre dalla stagione agonistica successiva. Non sono previsti obblighi per le società di 3^ Divisione. 6

7 Convenzione per assolvimento Obbligo Campionati di Categoria Premesso che è comune interesse delle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A e delle Società partecipanti ai Campionati di Categoria favorire lo sviluppo del movimento pallavolistico sia nei suoi aspetti promozionali, sia in quelli di avviamento alla pratica agonistica; che in determinate situazioni può essere utile cogliere ogni opportunità perché tale comune interesse possa concretizzarsi in iniziative comuni; Visto in particolare che può essere interesse per una Società di Serie A creare interscambi con le Società del medesimo territorio partecipanti ai Campionati di Categoria; che per queste medesime Società può essere utile avere come riferimento l attività di Società partecipanti ai massimi Campionati federali; Considerato: che la Federazione nell intento di favorire ogni forma di collaborazione fra sodalizi ha stabilito: 1) L obbligo di partecipare ai Campionati di Categoria può essere assolto dalle Società di Serie A, salvo le previste limitazioni, anche mediante accordo con altra Società del medesimo territorio, indicativamente nell ambito della medesima provincia, avente diritto a partecipare a Campionati di qualunque Serie con esclusione di quelli nazionali di A; 2) La Società che assolve l obbligo della Società di Serie A di partecipare a uno o più Campionati di Categoria mantiene inalterati tutti i diritti/doveri con i propri tesserati ai fini della partecipazione ai propri Campionati di Serie, secondo i Regolamenti in vigore; 3) Gli atleti tesserati per Società di Serie A possono essere prestati per il campionato di categoria alla Società di Serie convenzionata, secondo i vigenti regolamenti; 4) L accordo fra le due Società non altera in nessun modo la disposizione in ordine al vincolo di tesseramento degli atleti. Non costituisce pertanto motivo di svincolo, giusta causa, opzione, riscatto o quanto altro possa costituire alterazione al costituito rapporto Società/atleta; 5) Il raggiungimento di tale accordo, regolarmente sottoscritto dalle due Società, deve essere comunicato alla Lega di Serie A dalla Società di Serie A ed al Comitato periferico di competenza dall altra Società.; 6) L obbligo di partecipazione ai Campionati di Categoria può essere assolto dalla Società di Serie A anche mediante accordo con più di una Società, ciascuna partecipante a Campionati di diversa Categoria; 7) La partecipazione ai Campionati di Categoria per convenzione con una Società di Serie A non assolve dall obbligo di partecipazione a tali Campionati eventualmente derivanti dalla partecipazione della medesima Società a Campionati di Serie. 7

8 Modello Tipo di Convenzione Fra la Società. di Serie A e la Società.. di Serie si conviene quanto segue: La Società di Serie A con Codice Affiliazione Federale. riconosce alla Società.. con Codice Affiliazione Federale... il diritto di partecipare al Campionato/i di Categoria. in assolvimento ai propri obblighi di partecipazione; La Società... di Serie. accetta di partecipare al Campionato di Categoria... per conto della Società.. di Serie A; Per l assolvimento del presente accordo la due Società si impegnano a sottoscrivere una convenzione che in linea di massima preveda: da parte della Società di Serie A; Una serie di iniziative idonee a favorire assistenza tecnica, crescita dei singoli atleti, formazione di tecnici e dirigenti, etc... Una serie di interventi economici/organizzativi atti a favorire una qualificata partecipazione ai Campionati di Categoria, quali reperimento di idonei campi, fornitura di materiale sportivo facilitazioni per le trasferte, etc Una serie di interventi in ordine alla comunicazione, quali utilizzo del medesimo ufficio stampa, iniziative comuni agli eventuali sponsor, rapporti con enti e autorità locali, etc. Da parte della Società di Serie Un impegno promozionale per favorire lo sviluppo dell attività, coinvolgendo anche attraverso l attività di minivolley, scolastica e studentesca il maggior numero di famiglie, tale da creare sul territorio un reale interesse sia per la propria attività sia per quella della Società di Serie A Favorire, sempre attraverso iniziative promozionali, la presenza di pubblico agli incontri di Serie A, in modo che tali incontri rappresentino l appuntamento settimanale, il punto di ritrovo di tutto il mondo della pallavolo. Da parte di entrambe: Coinvolgere nelle proprie iniziative il Comitato Provinciale della Federazione in modo da coordinare la programmazione delle attività (calendari, orari etc ) Facilitare il coinvolgimento di tutti in relazione a tutta la responsabilità dirigenziali, tecniche, arbitrali, organizzative, di comunicazione che normalmente gravitano intorno ai Campionati. 8

9 NORME GENERALI 1) PARTECIPAZIONE DELLE SOCIETA Possono prendere parte ai campionati tutte le società affiliate alla FIPAV per l'anno 2009/ ) IDONEITA MEDICO - SPORTIVA Per gli atleti che partecipano ai campionati di Categoria è prevista l'obbligatorietà della visita medica di idoneità agonistica. 3) VINCOLO DEGLI ATLETI Si richiama l'attenzione delle società sulle norme del vincolo a tempo determinato come previsto dalle norme delle procedure di Tesseramento. 4) DOCUMENTAZIONE I Comitati Provinciali, alla conclusione della fase eliminatoria, devono trasmettere la relativa documentazione ai Comitati Regionali. Questi ultimi, a loro volta, devono inviare la documentazione della Fase Regionale all Ufficio Campionati della FIPAV che provvede all'organizzazione delle Fasi Interregionali e delle Finali Nazionali. 5) CONCOMITANZE La concomitanza di gare di campionati di categoria e gare di campionati maggiori non costituisce motivo di rinvio. In sede di stesura dei calendari dei vari campionati, sarà cura delle Commissioni Organizzative FIPAV competenti, cercare di evitare nei limiti del possibile la concomitanza di partite per la stessa squadra. 6) FASI DI ORGANIZZAZIONE I campionati di Categoria si articolano in fasi a diversi livelli: provinciale, interprovinciale, regionale, interregionale e nazionale, ad eccezione del campionato Junior League Maschile che sarà organizzato in tutte le fasi dalla Lega Serie A. Inoltre per il Campionato maschile Under 18 è previsto lo svolgimento di un ulteriore fase, riservata alle società di Serie A, che sarà organizzata dalla Lega Serie A e che designerà 6 finaliste per la Finale Nazionale. L'organizzazione della fase provinciale è demandata al competente CP; qualora tale fase fosse interprovinciale, l'organizzazione sarà affidata ai CP su indicazione della Consulta Regionale. L'organizzazione della fase regionale è demandata al competente CR. L Ufficio Campionati FIPAV organizza la Fase Interregionale e la Finale Nazionale. I provvedimenti disciplinari pendenti dopo ogni fase si azzerano, a parte eventuali giornate di squalifica o sospensioni da ogni attività federale che vanno comunque scontate nelle gare successive anche se di Fase diversa. 9

10 FASE ELIMINATORIA PROVINCIALE O INTERPROVINCIALE Provinciale Un CP può organizzare la propria fase provinciale qualora siano iscritte almeno 5 squadre della propria provincia. Interprovinciale Il Consiglio Federale ha ribadito che le fasi provinciali e/o interprovinciali di tutti i campionati di categoria dovranno essere svolte con la partecipazione di almeno 5 squadre con una formula che preveda la disputa di almeno 8 gare per squadra. Quei Comitati Provinciali che avranno meno di 5 squadre iscritte dovranno essere accorpate ad altra provincia con la disputa di una fase interprovinciale, in base alle opportune verifiche effettuate dalla Consulta Regionale. Pertanto qualora un CP raccolga l'iscrizione di meno di 5 squadre della propria provincia dovrà comunicare al competente CR le iscrizioni pervenute. La Consulta Regionale, verificata la composizione dei gironi e gli organici anche delle altre province, può provvedere alla definizione di gironi interprovinciali composti da almeno 5 squadre. Criteri prioritari per la composizione di tali gironi devono essere: la vicinorietà tra le società ed il contenimento dei costi per le trasferte. La Consulta Regionale provvederà altresì a definire: le competenze dei CP in merito all'organizzazione di tali fasi, le modalità di proclamazione del campione provinciale e le modalità di passaggio delle squadre alla fase regionale. Le eventuali fasi provinciali e/o interprovinciali che vengano disputate senza rispettare i parametri su riportati, non saranno ritenute valide ai fini del conteggio delle gare per la predisposizione del Ranking e non daranno diritto alle società partecipanti alla attribuzione dei relativi voti supplementari ai fini dello svolgimento delle Assemblee Nazionali, Regionali e Provinciali. Iscrizione: I Comitati devono fissare l'iscrizione almeno 30 giorni prima dell'inizio del campionato comunque con data unica per tutta la regione. Inizio: stabilito dalla Consulta Regionale Termine: stabilito dalla Consulta Regionale Le società (appartenenti a tutte le serie) che partecipano con più squadre ai campionati di Categoria devono inviare la loro iscrizione all'organo provinciale unitamente ai prescritti contributi, con le seguenti indicazioni: ogni squadra deve pagare la propria iscrizione ed i contributi gara; ogni società deve presentare al momento dell'iscrizione al campionato, gli elenchi dei giocatori di ciascuna squadra. Gli atleti restano vincolati per tale squadra per tutta la durata della fase provinciale (finale compresa) e quindi di conseguenza le varie squadre di una stessa società, se qualificate, possono disputare i vari turni della fase provinciale. Gli elenchi non possono quindi subire variazioni, anche in caso di ritiro dal campionato di una delle squadre, 10

11 ad eccezione dell'inserimento di atleti di primo tesseramento e/o trasferiti da altra società nei modi e termini previsti; la COGP nel formare i gironi eliminatori deve, ove possibile, inserire le squadre della stessa società in gironi diversi; una società non può accedere alla fase interprovinciale e/o regionale con più di una squadra; la società che accede alla fase interprovinciale e/o regionale può utilizzare i propri atleti a prescindere dalla precedente composizione degli elenchi; Il Comitato provinciale provvede alla formazione del/i girone/i, alla stesura del calendario, alla designazione dei direttori di gara e all'omologazione delle gare. La formula del CAMPIONATO è dettata dalla CONSULTA REGIONALE secondo le precipue realtà del territorio di competenza (potranno essere stabilite formule che prevedano anche meno di 10 incontri). FASE DI ECCELLENZA REGIONALE La Consulta Regionale può indire una fase di Eccellenza Regionale riservata alle società partecipanti ai campionati nazionali ed a quelle società dei campionati regionali e provinciali che intendono parteciparvi. La squadra vincente questa fase accede alla fase regionale secondo i criteri stabiliti dalla Consulta Regionale. FASE REGIONALE A cura dei Comitati Regionali competenti per territorio. Accedono alla Finale Regionale le squadre vincenti le fasi organizzate secondo quanto stabilito in sede di Consulta Regionale, prima dell inizio della fase provinciale. Il termine ultimo per lo svolgimento della fase regionale sarà comunicato successivamente. Le squadre vincenti le fasi provinciali di Trento e Bolzano accedono direttamente alle Fasi Interregionali. I nominativi delle Società ammesse a partecipare alla Fase Interregionale devono essere comunicati dalle COGR all Ufficio Campionati FIPAV. FASE INTERREGIONALE A cura dell Ufficio Campionati FIPAV. Alcune Regioni qualificheranno direttamente 1 o 2 squadre alle Finali Nazionali, mentre le rimanenti Regioni disputeranno la Fase Interregionale per la qualificazione alla Finale Nazionale (vedi tabella allegata). Questa suddivisione è stata definita in base ad un ranking delle 21 Regioni in base al numero delle squadre partecipanti in ciascun campionato nella stagione 2008/2009. Questa scelta è stata dettata con il fine di dare più tempo per la disputa delle varie fasi dei Campionati di Categoria alle Regioni con maggior attività. 11

12 Nell indizione di ogni campionato di categoria viene riportato l elenco delle Regioni che qualificheranno direttamente proprie squadre alla Finale Nazionale e delle Regioni le cui squadre disputeranno la Fase Interregionale, con le relative formule di svolgimento. Inoltre per la stagione 2009/2010 il Ranking valido per la stagione 2010/2011 sarà definito in base al numero di gare dei campionati di categoria Under 18 e 16 disputate durante l'intera stagione e che saranno conteggiate in base ai modelli CAMP 3 che le società predispongono on-line per la disputa delle gare. Non saranno conteggiate le gare di eventuali fasi provinciali e/o interprovinciali che vengano disputate senza rispettare i parametri su riportati. FINALE NAZIONALE A cura dell Ufficio Campionati FIPAV. Nell indizione di ogni campionato viene riportato il numero delle squadre partecipanti con i relativi criteri di qualificazione. Entro il mese di Febbraio 2010 verranno emanate le ulteriori norme organizzative delle Fasi Interregionali (con la suddivisione dei gironi) e delle Finali Nazionali dei campionati di categoria. PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA 2009/2010 MASCHILI FASE PROVINCIALE REGIONALE JUNIOR LEAGUE A cura della Lega Serie A UNDER 18 UNDER 16 UNDER 14 UNDER 13 entro 2 maggio 2010 Stabilito dalla Consulta Regionale entro 28 aprile 2010 entro 12 maggio 2010 Stabilito dalla Consulta Regionale INTERREGIONALE 22 e 23 maggio 15 e 16 maggio Non si disputa Non si disputa NAZIONALE maggio giugno 3-6 giugno maggio Non si disputa FEMMINILI FASE UNDER 18 UNDER 16 UNDER 14 UNDER 13 PROVINCIALE Stabilito dalla Consulta Regionale REGIONALE entro 2 maggio 2010 entro 28 aprile 2010 entro 12 maggio 2010 Stabilito Consulta Regionale INTERREGIONALE 22 e 23 maggio 15 e 16 maggio Non si disputa Non si disputa NAZIONALE giugno 3-6 giugno maggio Non si disputa Per i Campionati Under 18 e Under 16 Maschile e Femminile, nelle Regioni le cui squadre non disputano la Fase Interregionale, la data entro la quale deve terminare la Fase Regionale è quella relativa alla data di svolgimento della Fase Interregionale di quel campionato. dalla 12

13 Le date di svolgimento delle fasi interregionali e delle Finali Nazionali potranno subire modifiche in base ad eventuali impegni delle Nazionali di categoria. 13

14 SCHEMA RIEPILOGATIVO SQUADRE UNDER 18 e UNDER 16 PER REGIONE STAGIONE 2008/2009 (DEFINITIVO - approvato 9-10/10/2009) Regione U18/M Squadre qualificate 09/10 Regione U18/F Squadre qualificate 09/10 LOMBARDIA 65 1 squadra alla Fin. Naz. LOMBARDIA squadre alla Fin. Naz. VENETO 59 1 squadra alla Fin. Naz. VENETO squadre alla Fin. Naz. LAZIO 59 1 squadra alla Fin. Naz. TOSCANA squadre alla Fin. Naz. PUGLIA 48 1 squadra alla Fin. Naz. EMILIA ROMAGNA squadra alla Fin. Naz. EMILIA ROMAGNA 45 1 squadra alla Fin. Naz. LAZIO squadra alla Fin. Naz. SICILIA 40 1 squadra alla Fin. Naz. PIEMONTE 69 1 sq. Fase Int. - t.serie CAMPANIA 39 1 sq. Fase Int. - t.serie PUGLIA 67 1 sq. Fase Int. - t.serie TOSCANA 33 1 sq. Fase Int. - t.serie MARCHE 61 1 sq. Fase Int. - t.serie PIEMONTE 27 1 sq. Fase Int. - t.serie SICILIA 53 1 sq. Fase Int. - t.serie MARCHE 27 1 sq. Fase Int. - t.serie CAMPANIA 45 1 squadra Fase Int.le LIGURIA 21 1 squadra Fase Int.le SARDEGNA 41 1 squadra Fase Int.le CALABRIA 18 1 squadra Fase Int.le LIGURIA 39 1 squadra Fase Int.le SARDEGNA 13 1 squadra Fase Int.le CALABRIA 36 1 squadra Fase Int.le UMBRIA 10 1 squadra Fase Int.le FRIULI VEN. GIULIA 35 1 squadra Fase Int.le ABRUZZO 10 1 squadra Fase Int.le ABRUZZO 25 1 squadra Fase Int.le BASILICATA 9 1 squadra Fase Int.le BASILICATA 20 1 squadra Fase Int.le FRIULI VEN. GIULIA 8 1 squadra Fase Int.le TRENTINO 14 1 squadra Fase Int.le TRENTINO 7 1 squadra Fase Int.le UMBRIA 13 1 squadra Fase Int.le MOLISE 6 1 squadra Fase Int.le ALTO ADIGE 8 1 squadra Fase Int.le ALTO ADIGE 2 1 squadra Fase Int.le VAL D'AOSTA 7 1 squadra Fase Int.le VAL D'AOSTA 1 1 squadra Fase Int.le MOLISE 7 1 squadra Fase Int.le Regione U16/M Squadre qualificate 09/10 Regione U16/F PUGLIA 87 2 squadre alla Finale Nazionale LOMBARDIA 359 LOMBARDIA 78 2 squadre alla Finale Nazionale VENETO 296 VENETO 74 2 squadre alla Finale Nazionale EMILIA ROMAGNA 209 LAZIO 71 2 squadre alla Finale Nazionale LAZIO 178 SICILIA 69 1 squadra alla Finale Nazionale TOSCANA 143 CAMPANIA 69 1 squadra alla Finale Nazionale PIEMONTE 134 EMILIA ROMAGNA 54 1 squadra alla Finale Nazionale MARCHE 127 MARCHE 51 1 squadra alla Finale Nazionale PUGLIA 125 TOSCANA 36 1 sq. alla Fase Int. - testa di serie SICILIA 122 PIEMONTE 31 1 sq. alla Fase Int. - testa di serie CAMPANIA 110 CALABRIA 31 1 sq. alla Fase Int. - testa di serie SARDEGNA 79 LIGURIA 19 1 sq. alla Fase Int. - testa di serie FRIULI VEN. GIULIA 70 ABRUZZO 18 1 squadra alla Fase Interregionale LIGURIA 64 SARDEGNA 16 1 squadra alla Fase Interregionale ABRUZZO 59 UMBRIA 13 1 squadra alla Fase Interregionale CALABRIA 59 FRIULI VEN. GIULIA 12 1 squadra alla Fase Interregionale UMBRIA 45 TRENTINO 8 1 squadra alla Fase Interregionale BASILICATA 21 BASILICATA 8 1 squadra alla Fase Interregionale ALTO ADIGE 20 MOLISE 4 1 squadra alla Fase Interregionale TRENTINO 19 ALTO ADIGE 3 1 squadra alla Fase Interregionale MOLISE 10 VAL D'AOSTA 0 1 squadra alla Fase Interregionale VAL D'AOSTA 7 14

15 CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE MASCHILE CAMPIONATO UNDER 13 MASCHILE La Federazione Italiana Pallavolo indice e organizza tramite i competenti Comitati periferici il Campionato Nazionale Under 13 per l'anno 2009/2010, valevole per l'assegnazione del titolo di Campione Regionale. Il campionato si articola in varie fasi dalla Provinciale fino alla Finale Regionale. Da questa stagione 2009/2010 il Campionato Under 13 entra a far parte del settore agonistico e la Fase Regionale sarà il massimo livello di organizzazione. Relativamente allo svolgimento di eventuali fasi a livello promozionale si rimanda alle specifiche norme emanate dal Settore Scuola e promozione. E ovvio che con il passaggio del Campionato Under 13 nel settore agonistico l obbligatorietà della visita medica agonistica viene estesa agli atleti che partecipano anche a questo campionato. 1) PARTECIPAZIONE DELLE SOCIETA Possono prendere parte al campionato tutte le società affiliate alla FIPAV. 2) LIMITI DI ETÀ Possono partecipare al campionato gli atleti nati negli anni 1997/1998/1999/ ) ALTEZZA DELLA RETE Tutti gli incontri devono essere disputati con la rete posta a mt. 2,15. 4) DURATA DEGLI INCONTRI e CLASSIFICA Tutte le partite dovranno essere disputate al meglio di 2 set su 3 con il Rally Point System con l eventuale terzo set a 25 punti con cambio di campo a 13. Per la classifica si applica il nuovo sistema di punteggio. 3 punti alla vittoria per punti alla vittoria per punto alla sconfitta per punti alla sconfitta per 0-2 Si può anche utilizzare il sistema di gioco della disputa di 3 set comunque, con l attribuzione di un punto in classifica per ogni set vinto. 5) LIBERO Nel campionato Under 13 Maschile non può essere utilizzato il LIBERO. 6) NORME TECNICHE È obbligatorio l uso del servizio dal basso. 7) ALLENATORI Relativamente all abilitazione degli allenatori, valgono le normative già previste per tutti gli altri campionati di categoria. 15

16 CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 14 MASCHILE La Federazione Italiana Pallavolo indice e organizza tramite i competenti Comitati periferici il Campionato Nazionale Under 14 per l'anno 2009/2010, valevole per l'assegnazione del titolo di Campione d'italia. Il campionato si articola in varie fasi dalla Provinciale fino alla Finale Nazionale. 1) LIMITI DI ETÀ Possono partecipare al campionato gli atleti nati negli anni 1996/1997/1998/ ) ALTEZZA DELLA RETE Tutti gli incontri devono essere disputati con la rete posta a mt. 2,24 3) DURATA DEGLI INCONTRI e CLASSIFICA Tutte le partite devono essere disputate al meglio di 3 set su 5 con il Rally Point System. Nel caso di Finali a concentramento è possibile disputare le gare al meglio di 2 set su 3 con il Rally Point System con l eventuale terzo set a 25 punti con cambio di campo a 13. Per la classifica si applica il nuovo sistema di punteggio. 3 punti alla vittoria per 3-0/3-1 o punti alla vittoria per 3-2 o punto alla sconfitta per 2-3 o punti alla sconfitta per 0-3/1-3 o 0-2 4) NORME TECNICHE Non esiste più alcun obbligo riferito all'uso della battuta dal basso, e quindi il servizio è liberalizzato. 5) LIBERO Nel campionato Under 14 Maschile non può essere utilizzato il LIBERO. 5) FINALE NAZIONALE Partecipano 21 squadre: 19 vincenti le fasi regionali e le vincenti delle fasi provinciali di Trento e Bolzano. E previsto l impegno della FIPAV a coprire le spese di vitto e alloggio. 16

17 CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 16 MASCHILE La Federazione Italiana Pallavolo indice e organizza tramite i competenti Comitati periferici, il Campionato Nazionale Under 16 per l'anno 2009/2010, valevole per l'assegnazione del titolo di Campione d'italia. Il campionato si articola in varie fasi dalla Provinciale fino alla Finale Nazionale. 1) LIMITI DI ETÀ Possono partecipare al campionato gli atleti nati negli anni dal 1994 al ) ALTEZZA DELLA RETE Tutti gli incontri devono essere disputati con la rete posta a mt. 2,35 3) DURATA DEGLI INCONTRI e CLASSIFICA Tutte le partite devono essere disputate al meglio di 3 set su 5 con il Rally Point System in qualunque fase, compresa quella finale. Per la classifica si applica il nuovo sistema di punteggio. 4) LIBERO Nel campionato Under 16 Maschile non può essere utilizzato il LIBERO. 5) FASE INTERREGIONALE e FINALE NAZIONALE Alla Finale Nazionale partecipano 16 squadre ed è previsto l impegno della FIPAV a coprire le spese di vitto e alloggio. Per definire le 16 squadre finaliste si procederà come segue: è stato stilato un ranking delle 21 regioni in base al numero delle squadre partecipanti al campionato Under 16/M 2008/2009; le regioni al e 4 posto del ranking (PUGLIA LOMBARDIA VENETO - LAZIO) qualificano direttamente 2 squadre alla Finale Nazionale per un totale di 8 squadre; le regioni al e 8 posto del ranking (SICILIA - CAMPANIA - EMILIA ROMAGNA - MARCHE) qualificano direttamente 1 squadra alla Finale Nazionale per un totale di 4 squadre; le restanti regioni (13) disputano la Fase Interregionale; saranno formati 4 gironi (3 da 3 squadre e 1 da 4) in cui le regioni al e 12 posto del ranking (Toscana - Piemonte - Calabria - Liguria) sono considerate teste di serie e le altre 9 vengono inserite nei 4 gironi con il criterio della vicinorietà; questi gironi si disputano con la formula del girone all italiana con gare di sola andata in sede unica che sarà scelta fra una delle regioni componenti il girone; la 1^ classificata di ogni girone si qualifica per la Finale Nazionale per un totale di 4 squadre. 17

18 CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 18 MASCHILE La Federazione Italiana Pallavolo indice e organizza tramite i competenti Comitati periferici e con la Lega di Serie A, il Campionato Nazionale Under 18 per l'anno 2009/2010, valevole per l'assegnazione del titolo di Campione d'italia. Il campionato si articola in varie fasi dalla Provinciale fino alla Finale Nazionale. 1) LIMITI DI ETÀ Al Campionato Under 18 maschile possono partecipare gli atleti nati negli anni dal 1992 al ) ALTEZZA DELLA RETE Tutti gli incontri devono essere disputati con la rete posta a mt. 2,43 3) DURATA DEGLI INCONTRI e CLASSIFICA Tutte le partite devono essere disputate al meglio di 3 set su 5 con il Rally Point System in qualunque fase, compresa quella finale. Per la classifica si applica il nuovo sistema di punteggio. 4) LIBERO Nel campionato Under 18 può essere utilizzato il LIBERO e il secondo Libero. 5) FASE INTERREGIONALE e FINALE NAZIONALE Partecipano 16 squadre: 6 qualificate dalla Fase di Lega e 10 qualificate dalla Fase FIPAV. E previsto l impegno della FIPAV a coprire le spese di vitto e alloggio. Per definire le 10 squadre finaliste FIPAV si procederà come segue: è stato stilato un ranking delle 21 regioni in base al numero delle squadre partecipanti al campionato Under 18/M 2008/2009; le regioni dal 1 al 6 posto del ranking (LOMBARDIA - VENETO LAZIO PUGLIA EMILIA ROMAGNA - SICILIA) qualificano direttamente 1 squadra alla Finale Nazionale per un totale di 6 squadre; le restanti regioni (15) disputano la Fase Interregionale; saranno formati 4 gironi (3 da 4 squadre e 1 da 3) in cui le regioni al e 10 posto del ranking (Campania - Toscana - Marche - Piemonte) sono considerate teste di serie e le altre 11 vengono inserite nei 4 gironi con il criterio della vicinorietà; questi gironi si disputano con la formula del girone all italiana con gare di sola andata in sede unica che sarà scelta fra una delle regioni componenti il girone; la 1^ classificata di ogni girone si qualifica per la Finale Nazionale per un totale di 4 squadre. 6) FASE DI LEGA La Fase di Lega del Campionato Under 18 maschile è riservata ed obbligatoria per tutte le società di Serie A1 e A2 per un totale di 30 squadre, secondo le modalità di seguito descritta, e qualificherà 6 squadre alla Finale Nazionale: 18

19 Tutte le società di serie A1 e A2 dovranno iscriversi presso la Lega Pallavolo Serie A maschile inviando una mail all indirizzo entro venerdì 28 agosto 2009 specificando: 1) Società 2) Nome della squadra 3) indirizzo ufficiale 4) nome e cognome e telefoni del responsabile della squadra 5) indirizzo del campo di gioco 6) indirizzo per il recapito della corrispondenza. ULTERIORI OBBLIGHI PER LE SOCIETÁ Le società di Serie A che disputano il campionato in convenzione con un altra squadra dovranno comunicare via mail alla Lega i recapiti (mail e cellulare) e del dirigente responsabile. Non sono previste tasse gara. L iscrizione è gratuita, e non si pagano tasse gara. Prima di ogni gara la società che gioca in casa ha l obbligo di consegnare agli arbitri una busta affrancata con 1,40 e indirizzata a Lega Pallavolo Serie A via Rivani Bologna, che verrà usata per spedire in Lega il referto ed il rapporto arbitrale. Al termine di ogni gara la squadra che gioca in casa deve comunicare immediatamente il risultato e i parziali alla Lega presso uno dei seguenti recapiti: o al numero di cell , mediante SMS o messaggio alla segreteria telefonica o all indirizzo oppure o SPOSTAMENTI DI DATA/ORA/CAMPO La giornata di gara è fissata alla domenica. Orario di inizio gare ore Le eventuali richieste di spostamento di data/ora/campo devono essere inviate all'indirizzo corredate del parere favorevole della squadra avversaria. Nel caso le squadre abbiano raggiunto un accordo verbale sulla data/ora/campo dello spostamento, sarà sufficiente inviare una mail in Lega e per conoscenza alla squadra avversaria con i dati ella partita e il nome del dirigente della squadra avversaria con cui si è concordato lo spostamento. La autorizzazione della Lega consisterà nell aggiornamento del calendario ufficiale sul sito, pertanto uno spostamento di data/ora/campo è da considerarsi NON AUTORIZZATO fino a che non viene pubblicato sul sito. DESIGNAZIONI ARBITRALI Le designazioni arbitrali verranno effettuate a cura del Settore Arbitrale Fipav. Si applicano integralmente le disposizioni previste dalla Circolare Indizione Serie B "Assenza del primo arbitro designato..." 19

20 GIUSTIZIA SPORTIVA Le omologazioni delle gare avverranno in primo grado a cura del Giudice di Lega, che è competente ad infliggere tutte le sanzioni di cui all articolo 33, del Regolamento Giurisdizionale con esclusione: a) delle squalifiche e/o delle sospensioni per periodi superiori a sei mesi; b) della radiazione. Qualora il Giudice di Lega, nel corso di un procedimento, riscontri una violazione che non rientra nella sua competenza deve trasmettere tutti gli atti alla Procura Federale perché proceda ai sensi degli articoli 71 Regolamento Giurisdizionale e seguenti. Appartiene al Ufficio Campionati della Lega la competenza a verificare la regolarità di svolgimento delle gare, provvedendo ad omologare tutte le gare ufficiali dei campionati di sua competenza o di loro fasi ed a decidere sui reclami previsti dai Regolamenti Vigenti. La omologazione delle gare e la erogazione delle relative sanzioni avverrà approssimativamente con cadenza mensile. Le sanzioni pecuniarie conseguenti a infrazioni commesse da società che disputano il campionato in convenzione con una società di serie A verranno inflitte alla società di serie A medesima. CLASSIFICHE Non esistono norme specifiche per quanto attiene alle classifiche, pertanto sono in vigore le disposizioni ordinarie previste dai Regolamenti vigenti, valide per tutti i campionati. Si ricorda che per quanto riguarda il confronto tra squadre appartenenti a gironi diversi si applica l'art 41 del Regolamento Gare (classifica avulsa) FORMULA DI SVOLGIMENTO Prima Pool Le 30 Società iscritte d ufficio vengono suddivise in 6 gironi (dalla lettera A alla lettera F) da 5 squadre. La Prima Pool si disputa con la formula del girone all italiana di Andata/Ritorno. Le squadre classificate dal primo al terzo posto nella Prima Pool si qualificano alla Seconda Pool, le squadre classificate al 4 e 5 posto di ogni girone vengono eliminate. Giornate di Gara: Andata: 27 settembre, 11 e 25 ottobre, 8 e 22 novembre Ritorno: 6 e 20 dicembre, 3, 17 e 31 gennaio Seconda Pool I gironi della Seconda Pool: Girone G Girone H Girone I 1a A 1a B 1a C 1a D 1a E 1a F 2a A 2a B 2a C 2a D 2a E 2a F 3a A 3a B 3a C 3a D 3a E 3a F Si gioca con formula all italiana andata e ritorno ma con esclusione delle gare già disputate nella Prima Pool. Ciò significa che le squadre provenienti dal medesimo 20

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

ARTICOLO 2 - OBIETTIVI

ARTICOLO 2 - OBIETTIVI Bando di partecipazione al Programma "Attività di formazione e sensibilizzazione del corpo docente delle scuole primarie e secondarie sui temi della lotta alla contraffazione e della valorizzazione e tutela

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli