INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI STAGIONE AGONISTICA Circolare Organizzativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI STAGIONE AGONISTICA 2013-2014 Circolare Organizzativa"

Transcript

1 INDIZIONE CAMPIONATI PROVINCIALI STAGIONE AGONISTICA Circolare Organizzativa Terni, 2 agosto 2013 FIPAV - Comitato Provinciale di Terni Via F. Turati, Terni Tel. e fax: Sito Internet: FIPAV Comitato Provinciale di Terni 1 Indizione Campionati Provinciali 2013/

2 Sommario ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI USATE... 4 NORME GENERALI VALIDE PER TUTTI I CAMPIONATI... 4 AFFILIAZIONE... 4 MODALITA DI VERSAMENTO CONTRIBUTI - FIPAV NAZIONALE... 5 VERSAMENTI, RIMBORSI E COMPENSAZIONI - CP DI TERNI... 5 Contributi in vigore per la Stagione 2013/ PARTECIPAZIONE AI DIVERSI CAMPIONATI PALLONI DI GIOCO OMOLOGAZIONE CAMPI DI GARA LIBERO Requisiti minimi per organizzare i Campionati di Serie C e D dalla stagione 2013/ CESSIONE DIRITTO SPORTIVO STRUTTURAZIONE DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA LIMITI DI ETÀ - ALTEZZA RETE e UTILIZZO DEL LIBERO DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA SERIE C - D - 1^ E 2^ DIVISIONE NORME GENERALI PENDENZE AMMINISTRATIVE STAGIONE PRECEDENTE ISCRIZIONE CESSIONE DIRITTI SPORTIVI CONTRIBUTI GARA CALENDARI UFFICIALI SPOSTAMENTI DI DATA ORARIO CAMPO DI GIOCO GARE INTERROTTE E RINVII SPOSTAMENTI E RINVII CAUSA EMERGENZE (anche meteo) REQUISITI E MODALITA' PER L'OMOLOGA DEI CAMPI DI GIOCO CAMPO DI RISERVA SERVIZIO DI INFERMERIA E PRIMO SOCCORSO RITARDO INIZIO GARE MULTE E SANZIONI AMMINISTRATIVE PRIMA RINUNCIA ALLA GARA RITIRI DURANTE IL CAMPIONATO COMUNICATO UFFICIALE e SANZIONI OBBLIGATORIETA' DELL'ALLENATORE IN PANCHINA VINCOLO SOCIETARIO ALLENATORI FIPAV Comitato Provinciale di Terni 2 Indizione Campionati Provinciali 2013/

3 FORME E TERMINI PER RECLAMO APPELLO E APPELLO D URGENZA PARTECIPAZIONE ATLETI IDONEITA MEDICO - SPORTIVA LIBERO PRESTITO PER UN CAMPIONATO DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE ALLE GARE UFFICIALI DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO E AUTOCERTIFICAZIONE ARBITRO ASSOCIATO SEGNAPUNTI ASSOCIATO LINEA DELL ALLENATORE INDUMENTI DI GIOCO SEGGIOLONE ARBITRALE REFERTO DI GARA CAMPIONATI GIOVANILI: OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE SISTEMA DI GIOCO (RALLY POINT SYSTEM) SISTEMA DI PUNTEGGIO DI CLASSIFICA CLASSIFICA AVULSA SET SUPPLEMENTARE DI SPAREGGIO INVIO RISULTATO, caso PRESENZA ARBITRO INVIO RISULTATO, caso ASSENZA ARBITRO SERVIZIO RISULTATI ORGANIZZAZIONE LOGISTICA COMMISSIONE GARE INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. N 196 DEL 30/06/ CAMPIONATI DI SERIE ^ DIVISIONE FEMMINILE ^ DIVISIONE MASCHILE UNDER CAMPIONATI DI CATEGORIA UNDER 18 FEMMINILE UNDER 17 MASCHILE UNDER 16 FEMMINILE UNDER 14 FEMMINILE UNDER 13 MASCHILE E FEMMINILE (6VS6) UNDER 13 (3VS3) ATTIVITA PROMOZIONALE APPENDICE PRINCIPALI NOVITA DELLA STAGIONE 2013/ NUOVE REGOLE DI GIOCO RESPONSABILITA DEL COMITATO PROVINCIALE DI TERNI FIPAV Comitato Provinciale di Terni 3 Indizione Campionati Provinciali 2013/

4 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI USATE Al fine di agevolarne la lettura, si riassumono di seguito le principali abbreviazioni utilizzate nel documento (se ne trovate altre, segnalatele, e ne terremo conto nella prossima edizione): CAMP3 = Distinta o modulo dei partecipanti alla gara COGP = Comitato Organizzativa Gare Provinciale (di Terni, se non diversamente indicato) CP CQN CR F = Comitato Provinciale Fipav (di Terni, se non diversamente indicato) = Centro di Qualificazione Nazionale = Comitato Regionale Fipav (dell Umbria, se non diversamente indicato) = femminile FIPAV = Federazione Italiana Pallavolo FIVB GUP = Federazione Internazionale Pallavolo = Giudice Unico Provinciale (di Terni, se non diversamente indicato) Indizione = Circolare organizzativa per l indizione dei campionati provinciali M = maschile MPS = Servizio web per la gestione delle attività agonistiche (risultati, classifiche, iscrizioni, spostamenti gare ecc.), RAT = Regolamento Affiliazione e Tesseramenti RATG = Regolamento Attuativo Tasse Gara RDG/RdG = Regole di Gioco RG U = Regolamento Giurisdizionale = under NORME GENERALI VALIDE PER TUTTI I CAMPIONATI AFFILIAZIONE La richiesta di affiliazione deve precedere qualsiasi atto ufficiale della Società (iscrizione campionati, tesseramenti, ecc.) e la partecipazione a qualsiasi attività indetta o autorizzata dalla FIPAV. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 4 Indizione Campionati Provinciali 2013/

5 MODALITA DI VERSAMENTO CONTRIBUTI - FIPAV NAZIONALE E possibile effettuare tutti i versamenti dovuti alla FIPAV Nazionale (tutti quelli che hanno la causale di versamento), tramite l utilizzo delle Carta di Credito del circuito CartaSi, Visa e Mastercard. Si può consultare a riguardo il manuale operativo sul portale nell area riservata del Tesseramento on line. Dalla stagione agonistica 2011/2012 le società dei Campionati di Serie Nazionale A1 A2 B1 e B2 sono obbligate all utilizzo della carta di credito per il pagamento di alcune tasse dovute per lo svolgimento dell attività sportiva. E ovvio che anche le tasse per cui è possibile il pagamento con conto corrente postale, potranno essere versate tramite carta di credito. Per i contributi che si possono versare tramite conto corrente postale, si comunicano gli estremi da utilizzare: CONTO CORRENTE POSTALE della FIPAV NAZIONALE Numero c/c/p: Intestato a: Federazione Italiana Pallavolo, Via Vitorchiano 107/ ROMA IMPORTANTE: non saranno più inviati per Postel i bollettini pre-intestati con il codice della società. Le società nel Tesseramento on-line sezione Stampa Bollettini CCP avranno la possibilità di stampare i bollettini necessari per i vari versamenti e con tutte le causali previste. A tal proposito si precisa che la società potrà stampare il bollettino completo con la relativa causale inserendo anche la cifra da versare e, una volta stampato, sarà pronto per l effettuazione del versamento alla Posta; sarà possibile anche stampare il bollettino senza inserire la cifra che potrà essere aggiunta successivamente a mano. In ogni caso è assolutamente VIETATO apportare correzioni alle parti intestate dei bollettini sia per i dati del versante che per la causale, tale eventualità tra l'altro va a discapito degli stessi versanti che non vengono riconosciuti dalla procedura meccanizzata. Evitate di trasmettere i vari contributi per contanti, assegno o bonifici bancari. VERSAMENTI, RIMBORSI E COMPENSAZIONI - CP DI TERNI I versamenti effettuati a qualsiasi titolo a favore del CP devono essere effettuati unicamente a mezzo conto corrente postale n intestato a FIPAV, Comitato Provinciale di Terni, Viale Turati Terni. Deve essere specificata chiaramente la denominazione del Sodalizio versante, il codice di affiliazione FIPAV e OBBLIGATORIAMENTE deve essere riportata la causale. Si raccomanda la massima attenzione nell utilizzo dei bollettini di conto corrente postale onde evitare che versamenti a favore del CP possano essere inviati alla FIPAV nazionale o al CR. In caso di errore si dovrà comunque provvedere al versamento dovuto, senza attendere il rimborso da parte della struttura federale a cui erroneamente è stato fatto il versamento. Tali somme potranno essere richieste solo mediante esplicita domanda di rimborso. Per esigenze contabili inderogabili non sono ammessi versamenti cumulativi per causali diverse. Per gli stessi motivi, versamenti di contributi gara recanti compensazioni per eventuali somme già versate a qualunque titolo, sono ammessi solo se autorizzati preventivamente. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 5 Indizione Campionati Provinciali 2013/

6 CONTRIBUTI IN VIGORE PER LA STAGIONE 2013/2014 Tipo Versamento IMPORTO Causale ccp o c/credito Affiliazione: Prima affiliazione (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione soc. A1 (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione soc. A2 (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione soc. B1 (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione soc. B2 (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione soc. C-D-1^-2^-3^ div. (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Riaffiliazione (solo camp.di categoria e minivolley) (compresi primi 6 dirigenti del consiglio direttivo) Prima Aff. o Riaff. (solo attività minivolley) (compresi primi 3 dirigenti del consiglio direttivo) 220,00 ccp ,00 c/credito 1.200,00 c/credito 900,00 c/credito 700,00 c/credito 450,00 ccp ,00 ccp ,00 ccp 01 Prima Aff. o Riaff. (solo attività di beach volley) 190,00 ccp 01 Il contributo comprende anche la quota associativa di 30,00. Si ricorda che la quota del rinnovo affiliazione da versare alla Fipav è quella relativa al titolo sportivo al ; I contributi per le affiliazioni e le riaffiliazioni sono comprensivi della RC verso terzi e la RC gestione impianti; maggiori dettagli sono pubblicati sul sito federale nella sezione Documenti/Assicurazioni/ Copertura RC. Tesseramento Per ogni altro Dirigente (soc. nazionali) 11,00 c/credito Dirigenti Soc. Per ogni altro Dirigente (soc. non nazionali) 11,00 ccp 04 FIPAV Comitato Provinciale di Terni 6 Indizione Campionati Provinciali 2013/

7 Tesseramento Nate negli anni (femmine) gratuito Atleti Nati negli anni (maschi) gratuito (*) le società di serie nazionale dovranno Nate negli anni (femmine) Nati negli anni 1998 (maschi) Nati/e negli anni ,00 5,00 9,00 ccp 09 (*) ccp 09 (*) ccp 09 (*) effettuare Nati/e negli anni 1989 e precedenti 15,00 ccp 09 (*) questi versamenti tramite c/credito Stranieri 500,00 c/credito Tesseramento Allenatori Allievi 1 Livello Giovanile 70,00 c/credito Tecnici Allenatori 1 Grado 1 o 2 L.Giovanile 80,00 c/credito Allenatori 2 Grado 1-2 o3 L.Giov.le 110,00 c/credito Allenatori 3 Grado 200,00 c/credito Allenatori 3 Grado (1 in Serie A) 1 500,00 c/credito Fisioterapisti 100,00 ccp 06 Arbitri indoor-arbitri beach volley e Segnapunti Federale (Primo Tesseramento gratuito) Arbitri indoor Ruolo A (rinnovo) Arbitri indoor Ruolo B1-B2 (rinnovo) 50,00 ccp 07 Arbitri indoor Ruoli Reg.-Prov. (rinnovo) 35,00 ccp 07 Arbitri beach volley 1-2 Liv.(rinnovo) 26,00 ccp 07 Arbitri beach volley 3 Liv. (rinnovo) 35,00 ccp 39 Segnapunti Federali (rinnovo) 26,00 ccp 39 26,00 ccp 42 1 I Tecnici di 3 Grado che svolgeranno le funzioni di primo Allenatore in Serie A, pagheranno la loro quota di tesseramento annuale in due momenti diversi: 1. Versamento di 200,00 al momento del rinnovo del Tesseramento, come tutti i terzi grado. 2. Versamento di ulteriori 300,00 a titolo individuale (in aggiunta alla quota di vincolo versata dalla società) all atto del vincolo da primo allenatore con una società partecipante al Campionato di Serie A. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 7 Indizione Campionati Provinciali 2013/

8 Osservatori Categoria Nazionale Osservatori Categoria Regionale Delegati Arbitrali Docenti Ufficiali di Gara 35,00 26,00 35,00 26,00 ccp 08 ccp 08 ccp 08 ccp 43 Tesseramento Societario Allenatori Vincolo Serie A/1 e A/2 300,00 c/credito Vincolo Serie B/1 e B/2 150,00 c/credito Serie C e D 60,00 ccp 14 Altre serie e camp. di Categoria 30,00 ccp 14 Diritti di Serie A ,00 ccp 36 Segreteria per Serie A ,00 ccp 36 Acquisizione Serie B ,00 ccp 36 Titoli Serie B ,00 ccp 36 Assorbimenti Serie C 1.000,00 c/o C.R. Fusioni Serie D 500,00 c/o C.R. Serie Provinciali (1^ e 2^ divisione) 300,00 c/o C.P. Iscrizione ai Serie A ,00 c/o Lega Campionati Serie A/ ,00 c/o Lega Serie B/ ,00 c/credito Serie B/ ,00 c/credito Serie C 260,00 c/o CP/CR Serie D 130,00 competente 1 Divisione 80, Divisione 52,00 Master U19M 50,00 26,00 U17M-U18F 26,00 U15M-U16F 26,00 U14 16,00 U13 (3vs3) e (6vs6) 6,00 Cauzioni Serie A/1 Maschile Fideiussione Serie A/2 Maschile Fideiussione Serie A/1 Femminile Fideiussione Serie A/2 Femminile Fideiussione Serie B/ ,00 c/credito FIPAV Comitato Provinciale di Terni 8 Indizione Campionati Provinciali 2013/

9 Serie B/ ,00 c/credito Serie Regionali e Provinciali Può essere prevista da CR/CP Contributo Gara Serie A1 Serie A ,00 700,00 c/credito c/credito Serie B1 260,00 c/credito Serie B2 180,00 c/credito Coppa Italia serie B 110,00 c/credito Contributo Serie C 90,00 c/o C.R. Gara Serie D 75,00 1 Divisione 45,00 2 Divisione 40,00 3 Divisione 35,00 c/o C.P. Master U19M 50,00 25,00 U17M-U18F 20,00 U15M-U16F 20,00 U14 5,00 U13 (6vs6) U13 (3vs3) 3,00 gratuito Spostamenti gare campionati C - D C.R. Orari e campi gare camp.1^,2^,3^ Divisione e di categoria C.P. Contributi per Torneo provinciale (per torneo) 30,00 C.P. attività torneistica Torneo regionale (per torneo) Torneo nazionale e internaz.le (per torneo) 60,00 100,00 C.R. 30 Diritti di Omologazione campi gioco A1 e A2 260,00 c/credito Segreteria Omologazione campi gioco B1 e B2 155,00 c/credito Omologazione campi gioco altre serie 52,00 C.P. - C.R. Tassa iscrizione corso 3 grado da stabilire 32 Allenatori e altri stage nazionali Richiesta copia atti procedimenti giurisdizionali (ritirati a mano) 60,00 34 Richiesta copia atti procedimenti giurisdizionali (inviati per posta) 100,00 34 FIPAV Comitato Provinciale di Terni 9 Indizione Campionati Provinciali 2013/

10 Omologazione Attrezzature e Materiali: diritto di segreteria: 310,00 34 omologazione: secondo i casi Concorso spese generali c/o C.R di gestione c/o C.P. Non potrà in ogni caso essere richiesta più di una volta l anno, una volta sola per ogni squadra e dovrà essere commisurata ai servizi offerti alle società. Multe Società di serie nazionale Commissario di campo Commutazione squalifiche (Campionati A1 e A2) secondo casi i c/credito c/credito c/credito Reclami Giudice Unico Provinciale 50,00 C.P. Giudice Unico Regionale 80,00 C.R. Giudice Unico Federale 150,00 ccp 24 Ricorsi Commissione Appello Federale 260,00 ccp 24 Commissione Tesseramento Atleti 150,00 ccp 24 Corte Federale 260,00 ccp 24 Rimborsi per ripetizioni gare, per assenza arbitro o per errore tecnico o per mancata disputa gara con rimborso forfetario da parte della società e per numero di tesserati iscritti a referto fino ad un massimo di 15 persone: Campionati nazionali Tariffa treno per viaggio in 2^ classe a persona;. 21,00 a persona per pernottamento (dietro presentazione documentazione);. 13,00 a persona per ogni pasto (dietro presentazione documentazione). Campionati regionali e provinciali:. 0,03 a chilometro a persona. PARTECIPAZIONE AI DIVERSI CAMPIONATI Un giocatore che ha preso parte ad un campionato di serie superiore non può giocare in uno di serie inferiore nella stessa stagione sportiva, fatta eccezione per la partecipazione alla Coppa Italia A e B che non sono considerati, a questo fine, campionati (ovviamente per la stessa società) e fatto salvo quanto previsto per le serie A e B in riferimento ai trasferimenti di atleti già scesi in campo. Tale limitazione non è prevista per gli atleti: nati negli anni 1992 e successivi per le società di serie A maschile che possono essere utilizzati in un campionato superiore di serie A1 o A2 senza limitazioni di numero di presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di serie B1 o B2 oppure possono essere utilizzati in un campionato superiore di serie A1 o A2 fino a 10 presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di FIPAV Comitato Provinciale di Terni 10 Indizione Campionati Provinciali 2013/

11 serie regionale o provinciale (dopo la 11^ presenza nel campionato superiore non potranno più partecipare a gare della serie regionale o provinciale); nati negli anni 1994 e successivi per le società di serie B1 e B2 maschile che possono essere utilizzati in un campionato superiore di serie B1 o B2 fino al raggiungimento di 10 presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di serie inferiore (dopo la 11^ presenza nel campionato superiore non potranno più partecipare a gare della serie inferiore); nate negli anni 1995 e successivi per le società di serie A1 e A2 femminile che possono essere utilizzate in un campionato superiore di serie A1 o A2 senza limitazioni di numero di presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di serie B1 e B2 oppure possono essere utilizzati in un campionato superiore di serie A1 o A2 fino a 15 presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di serie regionale o provinciale (dopo la 16^ presenza nel campionato superiore non potranno più partecipare a gare della serie regionale o provinciale) ; nate negli anni 1995 e successivi per le società di serie B1 e B2 femminile che possono essere utilizzate in un campionato superiore di serie B1 o B2 fino al raggiungimento di 15 presenze e contemporaneamente disputare gare di un campionato di serie inferiore (dopo la 16^ presenza nel campionato superiore non potranno più partecipare a gare della serie inferiore). Le presenze nei campionati superiori possono essere anche non consecutive e anche se l atleta debutta nella stagione in una gara del campionato di serie superiore. Si precisa, inoltre, che la norma si applica soltanto su due campionati di serie per atleta e pertanto un atleta durante la stagione può disputare gare al massimo in due campionati di serie. Il Consiglio Regionale, sentita la propria Consulta, ha facoltà di estendere tale normativa alle società dei Campionati di serie Regionale e Provinciale per la contemporanea partecipazione a gare di campionati inferiori con la possibilità di modificare sia i limiti di età che il numero di presenze. Per gli atleti trasferiti è vincolante, ai fini della partecipazione ai Campionati, la data del trasferimento stesso. Pertanto, un giocatore trasferito oltre il termine previsto per un determinato Campionato non può partecipare a quel Campionato né a quelli superiori. Per gli/le atleti/e appartenenti al Club Italia è prevista la possibilità di rinunciare a tale progetto tecnico. L adesione al progetto tecnico del Club Italia non comporta instaurazione del vincolo sportivo. La decisione finale è di competenza del Consiglio Federale. Qualora il Consiglio Federale accetti la rinuncia dell atleta, lo/a stesso/a rientra nella Società di Appartenenza. Gli/le atleti/e possono scendere in campo con la Società di Appartenenza, solo nel caso in cui la rinuncia dell atleta sia stata comunicata entro i termini previsti per la riapertura dei Trasferimenti. Gli/le atleti/e del Club Italia possono partecipare alle finali interregionali e nazionali dei campionati di categoria con i rispettivi club di appartenenza. Nel caso di ritiro da un campionato di una squadra, le gare annullate non contano ai fini della classifica, ma agli atleti che sono scesi in campo in queste gare viene comunque conteggiata la presenza in campo. PALLONI DI GIOCO Tutti gli incontri ufficiali dei campionati di serie B1-B2-C-D-1^-2^-3^ divisione e di categoria, comprese le gare di Coppa Italia di serie B1 e B2 e delle Coppe Regionali si devono disputare esclusivamente con palloni delle marche FIPAV Comitato Provinciale di Terni 11 Indizione Campionati Provinciali 2013/

12 MIKASA e MOLTEN, in tutti i tipi e modelli omologati dalla FIVB, al punto 1.2 del 2012 Volleyball Sports Material, Team Equipment & Advertising Guidelines for FIVB World and Official Competition (edition 15 July 2012). Per maggiore chiarezza si riportano i modelli dei palloni da poter utilizzare: MIKASA MVA 200 MVA 300 MOLTEN V5M 5000 Nel caso la squadra ospitante non metta a disposizione palloni delle marche e modelli su indicati, la gara non potrà essere disputata e la squadra ospitante in sede di omologa sarà sanzionata dal Giudice Unico con la perdita dell incontro con il punteggio più sfavorevole. Per i Campionati Under 13 Maschile (3vs3) e Under 12 F/M misto si prevede l utilizzo dei palloni Volley School MOLTEN V4M3000L (210 gr) e MIKASA MVA123SL ( gr), che saranno utilizzati anche nelle Finali Nazionali. OMOLOGAZIONE CAMPI DI GARA Art. 14 del Regolamento Gare Si prega di fare attenzione all art. 14 del Regolamento Gare ed in particolar modo al nuova comma 2bis e al comma 5 riformulato, ed ai comma 1, 10, 11 e 15. Tutte le partite devono essere disputate in impianti regolarmente omologati dalla FIPAV. Tutte le gare dei campionati nazionali e regionali devono essere disputate in impianti al coperto. I campi di gara devono essere omologati per la stagione 2013/2014, dal Comitato Regionale per i campionati regionali e dal Comitato Provinciale per i campionati provinciali. Il CP, per i campionati di propria competenza, su espressa e motivata richiesta degli interessati, può concedere deroghe ai requisiti ed alle misure fissate nelle Regole di Gioco e nelle norme emanate con le circolari di indizione, ove accerti che nel caso concreto che in relazione al livello del campionato cui si riferisce la richiesta di omologa il mancato rispetto di uno o più dei suddetti requisiti e misure non impedisca il regolare svolgimento del gioco. Laddove il campo di gara per il quale è richiesta l omologa in deroga sia soggetto a specifiche prescrizioni derivanti dall applicazione delle vigenti disposizioni in materia di sicurezza sugli impianti sportivi, la concessione della deroga sarà possibile purché nel rispetto di tali prescrizioni. A tal proposito si ricorda che le zone libere si intendono tali se liberi da qualsiasi ostacolo sia fisso che mobile. Ove necessario, la concessione della deroga potrà essere subordinata, da parte dell organismo omologante, all adozione di idonee misure precauzionali (protezioni, ecc.), da verificarsi da parte del primo arbitro in occasione dello svolgimento delle gare. La FIPAV ha inviato nella stagione 2012/2013 ai Comitati Regionali e Provinciali apposita comunicazione con la quale sono state definite le misure minime per la concessione delle eventuali deroghe. Per omologare l'impianto di gara la società deve versare il relativo diritto di segreteria all'organo omologante, che rilascia il verbale di omologa. La società è tenuta ad esibirlo all'arbitro prima di ogni gara. In caso più squadre della stessa società utilizzino lo stesso impianto, l'omologa viene effettuata dal Comitato competente all'organizzazione del campionato di serie maggiore. Nel caso di impianti utilizzati da più società, ognuna di queste deve versare il previsto diritto di segreteria per l'omologazione del campo. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 12 Indizione Campionati Provinciali 2013/

13 LIBERO E' confermata l'applicazione della regola del "LIBERO in tutti i campionati di qualsiasi serie e categoria, tranne nei Campionati Under 13 M/F e Under 14 M/F. SECONDO LIBERO L utilizzo del Secondo Libero è previsto nei seguenti campionati e relative Coppe di serie, con i seguenti Limiti di età: B1 e B2 M B1 e B2 F C-D-1^-2^ e 3^ Div. under 21 (nati 1993 e successivi) under 19 (nate 1995 e successivi) under 19 (nati/e 1995 e successivi) la norma non è obbligatoria e può essere deliberata dai rispettivi Consigli Regionali sentito il parere delle relative Consulte. Under 19/M Under 18/F Under 17/M Under 16/F Under 15/M limite di età del campionato limite di età del campionato limite di età del campionato limite di età del campionato limite di età del campionato Pertanto nei campionati ove previsto, ogni squadra potrà iscrivere a referto: max 12 atleti/e senza alcun libero, oppure max 11 atleti/e e un libero oppure max 11 atleti/e e due liberi di cui uno/a secondo i limiti di età su riportati. Ovviamente nel caso di due liberi iscritti a referto, durante la gara potrà entrare in campo soltanto un/a libero secondo la normativa attuale; la differenza sta nel fatto che il libero che può entrare in campo può essere uno dei due iscritti a referto secondo le scelte tecniche dell allenatore. A ulteriore precisazione della normativa del libero, si comunica che nelle Finali Nazionali di cui all'oggetto, il libero e l'eventuale 2 libero possono essere nominati gara per gara e quindi non è obbligatorio che le due figure tecniche siano rivestite sempre dallo/a stesso/a atleta per tutta la durata della manifestazione. La normativa sull utilizzo del Secondo Libero è riportata nelle Regole di Gioco punto 9 della Casistica della Regola 19. REQUISITI MINIMI PER ORGANIZZARE I CAMPIONATI DI SERIE C E D DALLA STAGIONE 2013/2014 NORMA PRINCIPALE I campionati di serie C e serie D per poter essere organizzati devono prevedere un organico di almeno 10 squadre effettivamente partecipanti. 1) Un Comitato Regionale per poter organizzare un campionato di Serie C, deve organizzare nella stessa stagione un campionato di serie D ed un campionato di 1^ divisione, in ambito regionale, di almeno 12 squadre effettivamente partecipanti, per un totale di 32 squadre. In questo caso la vincente della serie C avrà diritto di promozione alla serie B2 nazionale. 2) Nel caso un Comitato Regionale non sia in grado di organizzare una serie C, potrà organizzare una serie D solo se nella stessa stagione svolge un campionato di 1^ divisione, in ambito regionale, di almeno 12 squadre effettivamente partecipanti. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 13 Indizione Campionati Provinciali 2013/

14 In questo caso la vincente della serie D dovrà decidere entro 20 giorni dal termine del campionato di serie D in quale regione partecipare al campionato di serie C della stagione successiva. 3) Nel caso un Comitato Regionale non fosse in grado di organizzare nemmeno il campionato di serie D, dovrà organizzare il campionato di 1^ divisione, in ambito regionale, di almeno 12 squadre effettivamente partecipanti. In questo caso la vincente della 1^ divisione dovrà decidere entro 20 giorni dal termine del campionato di 1^ divisione in quale regione partecipare al campionato di serie D della stagione successiva. Nel caso il campionato di 1^ divisione fosse organizzato con un numero di squadre effettivamente partecipanti inferiore a 12 squadre, la vincente del campionato non avrà diritto alla promozione diretta e potrà richiedere entro 20 giorni dal termine del campionato di 1^ divisione un eventuale ripescaggio nella serie D alla regione in cui intende eventualmente partecipare alla serie D. In base a questi requisiti nella stagione 2013/2014 il Comitato Regionale Basilicata non organizzerà i campionati di Serie C Maschile e Femminile e il Comitato Regionale Molise non organizzerà i campionati di Serie C e D Maschile e Femminile. CESSIONE DIRITTO SPORTIVO Termini per la presentazione delle richieste di cessione / acquisizione di un diritto sportivo: Campionati di Serie C e D M e F 10 settembre 2013 Campionati di Serie Provinciale M e F 10 ottobre 2013 Per comodità si riportano i punti principali della Cessione del Diritto Sportivo: Non è ammesso subentrare nel solo diritto sportivo di partecipare ad un campionato, salvo i seguenti casi: 1. CAMPIONATI CONSECUTIVI Gli associati regolarmente affiliati che con una delle loro squadre militano nei campionati di serie A1 e A2 non possono partecipare con altra squadra in un campionato di serie immediatamente inferiore; non ci sono limitazioni per gli affiliati che disputano i campionati dalla serie B1 alla 3^ Divisione. Qualora un associato regolarmente affiliato, a seguito del meccanismo di promozione e retrocessione, alla fine del campionato, abbia due squadre in campionati incompatibili fra loro ai sensi del precedente paragrafo, esso dovrà optare per uno dei due all'atto dell'iscrizione al campionato dell'anno successivo oppure cedere uno dei due diritti sportivi secondo quanto previsto dall'art. 16, comma 2 RAT, prima della iscrizione al campionato prescelto. Qualora un associato regolarmente affiliato, a seguito del meccanismo di promozione e retrocessione, alla fine del campionato, abbia due squadre nella stessa serie, esso potrà cedere uno dei due diritti sportivi entro i termini stabiliti annualmente dal Consiglio Federale oppure partecipare ad ambedue se rientrano fra quelli compatibili in base al comma 3 dell art.8 del Regolamento Gare: 3. Gli associati regolarmente affiliati possono partecipare ai campionati di serie provinciale con più squadre soltanto nei comitati dove possono essere inserite in gironi diversi e secondo le norme organizzative che vengono emanate annualmente; mentre possono partecipare ai campionati di serie Nazionale e Regionale con una sola squadra. 2.5 Campionati di serie Provinciale M. e F. Le Consulte Regionali hanno la facoltà di estendere l istituto delle cessioni dei diritti sportivi anche ai campionati di serie Provinciale, secondo le seguenti norme. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 14 Indizione Campionati Provinciali 2013/

15 E' possibile la cessione dei diritti dei campionati di serie Provinciale maschile e femminile tra società all interno della stessa Provincia. Alla richiesta deve essere allegata la seguente documentazione: avvenuta affiliazione per il 2013/2014 dei due associati ( si ricorda che la quota del rinnovo affiliazione da versare alla Fipav tramite CCP è quella relativa al titolo sportivo al ); delibera da parte di entrambi gli associati interessati rispettivamente di consenso alla cessione e alla acquisizione del diritto; la società che acquisisce il diritto sportivo deve allegare la ricevuta di versamento di. 300,00 da versare al Comitato Provinciale; tutta la documentazione dovrà essere presentata al proprio Comitato Provinciale che, integrandola con il proprio parere motivato obbligatorio, provvederà ad inviarla all Ufficio Tesseramento entro il 10 ottobre La Consulta Regionale ha la facoltà di anticipare tale termine. Inoltre, potrà stabilire eventuali norme per limitare e regolamentare le cessioni dei diritti sportivi nei campionati di serie Provinciale. Gli atleti vincolati con l associato cedente ed interessati al campionato ceduto, salvo accordo diretto o nulla osta, possono richiedere alla CTA lo scioglimento coattivo del vincolo, da attivarsi entro il 15 ottobre 2013, secondo le procedure previste nel Regolamento Giurisdizionale (art. 77 e seguenti) e dal Regolamento Affiliazione e Tesseramento. NOTA BENE PER TUTTE LE SERIE non è possibile per una società che viene reintegrata o integrata, cedere successivamente il diritto del campionato per il quale è stata reintegrata o integrata; l eventuale decadenza dal diritto di un campionato per effetto dell acquisizione di altro diritto, purché consecutivo, non costituisce rinuncia (quindi non viene irrogata alcuna multa e si determina il trasferimento delle somme pagate in capo al nuovo diritto acquisito); le società che acquisiscono un titolo (esclusi quelli di serie A1 e A2) non assumono anche l eventuale diritto di ripescaggio della società cedente. Tale assunzione si determina nel solo caso in cui l acquisizione avvenga fra due società della stessa provincia. Si precisa che una Società che cede un titolo sportivo non può essere ammessa ad altro Campionato (a differenza di quelle rinunciatarie) ma conserva esclusivamente il diritto a partecipare agli altri Campionati a cui aveva diritto prima della cessione del titolo. Per la stagione 2014/2015 le Norme sulla cessione dei diritti sportivi potrebbero subire delle variazioni anche alla luce della delibera della Giunta Nazionale del CONI n del relativa ai Principi Generali in materia di cessione dei titoli sportivi negli sport di squadra. Le società, pertanto, dovranno attendere la comunicazione degli eventuali adeguamenti della normativa deliberati dal Consiglio Federale, prima di procedere a qualsiasi operazione in merito alle cessioni stesse. Le Norme per la effettuazione di Assorbimenti e Fusioni saranno pubblicate nella Guida Pratica documento Norme Affiliazione e Tesseramento. STRUTTURAZIONE DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA Per la stagione 2013/2014 i Campionati di categoria avranno questa struttura: FIPAV Comitato Provinciale di Terni 15 Indizione Campionati Provinciali 2013/

16 MASCHILE UNDER 13 (3vs3) UNDER 13 (6vs6) UNDER 14 UNDER 15 UNDER 17 UNDER 19 svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Regionale svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Nazionale a 21 squadre FEMMINILE UNDER 13 UNDER 14 UNDER 16 UNDER 18 svolgimento fino alla Fase Regionale svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) svolgimento fino alla Finale Nazionale (formula da definire) IMPORTANTE Da questa stagione 2013/2014 non saranno più disputate le Fasi Interregionali in nessuno dei campionati di categoria. Relativamente alla Finali Nazionali di tutti i campionati di categoria (tranne il campionato Under 19/M) il numero delle squadre partecipanti, il sistema di qualificazione e la formula di svolgimento saranno rese note entro il mese di settembre E possibile l impegno della FIPAV a coprire parzialmente o totalmente le spese di vitto e alloggio di tutte le Finali Nazionali tranne di quella del Campionato Under 19/M dove tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio saranno a totale carico delle squadre partecipanti. La Lega Serie A Maschile organizzerà il Torneo Boy League (U14) e Junior League, secondo la formula attuale con partecipazione non obbligatoria per le società di serie A ed aperta anche a società di altre serie. La Lega Serie A Femminile potrebbe organizzare il Torneo Girl League (U18), con partecipazione non obbligatoria per le società di serie A ed aperta anche a società di altre serie. LIMITI DI ETÀ - ALTEZZA RETE E UTILIZZO DEL LIBERO DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA SETTORE MASCHILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO Under 19 Maschile Nati dal 1995 al 1998 mt. 2,43 SI SI Under 17 Maschile Nati dal 1997 al 2002 mt. 2,43 (*) SI SI Under 15 Maschile Nati dal 1999 al 2002 mt. 2,35 (**) SI NO Under 14 Maschile Nati dal 2000 al 2003 mt. 2,15 NO NO FIPAV Comitato Provinciale di Terni 16 Indizione Campionati Provinciali 2013/

17 Under 13 Maschile (6vs6) Nati dal 2001 al 2003 mt NO NO Under 13 Maschile (3vs3) Nati dal 2001 al 2003 mt. 2,05 NO NO (*) per tutta la fase provinciale l altezza della rete è fissata a 2,35 (**) per tutta la fase provinciale l altezza della rete è fissata a 2,24 SETTORE FEMMINILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO Under 18 Femminile Nate dal 1996 al 2002 mt. 2,24 SI SI Under 16 Femminile Nate dal 1998 al 2002 mt. 2,24 SI SI Under 14 Femminile Nate dal 2000 al 2003 mt. 2,15 NO NO Under 13 Femminile Nate dal 2001 al 2003 mt. 2,15 NO NO PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA MASCHILI FASE UNDER 19 UNDER 17 UNDER 15 UNDER 14 UNDER 13 (6vs6) UNDER 13 (3vs3) PROVINCIALE Stabilito dalle Consulte Regionali REGIONALE entro 30 marzo 2014 entro 1 giugno 2014 entro 25 maggio 2014 entro 18 maggio 2014 (*) Stabilito dalla Consulta Regionale entro 25 maggio 2014 NAZIONALE aprile giugno giugno maggio - 1 giugno 2014 Non disputa si giugno 2014 (*) i Comitati a cui sono affiliate Società che partecipano alla Boy League sono pregati a non organizzare le Finali Provinciali e/o Regionali nelle date in cui si disputa la Finale della Boy League. FEMMINILI FASE UNDER 18 UNDER 16 UNDER 14 UNDER 13 PROVINCIALE Stabilito dalle Consulte Regionali REGIONALE entro 1 giugno 2014 entro 25 maggio 2014 entro 18 maggio 2014 Stabilito dalla Consulta Regionale NAZIONALE giugno giugno maggio - 1 giugno 2014 Non si disputa Le date di svolgimento delle Finali Nazionali potranno subire modifiche in base ad eventuali impegni delle Nazionali di categoria. Entro il mese di novembre 2013 l Ufficio Campionati FIPAV provvederà ad un controllo delle date definite dalle Consulte Regionali in relazione allo svolgimento delle Fasi Regionali dei Campionati di Categoria al fine di evitare che FIPAV Comitato Provinciale di Terni 17 Indizione Campionati Provinciali 2013/

18 alcuni Comitati Regionali programmino lo svolgimento di tali fasi in date diverse da quelle previste e che potrebbero causare problemi organizzativi sia alle società che ai Comitati organizzatori delle rispettive Finali Nazionali. OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI DI CATEGORIA IMPORTANTE PER TUTTE LE SOCIETA Si ricorda che le società di serie B1 e B2 non possono assolvere l obbligo di partecipazione ai campionati di categoria tramite convenzione con altra società. Le società che stipulano convenzioni con società di serie A1 o A2 per l assolvimento degli obblighi di queste ultime, con la stessa squadra non assolvono eventuali obblighi previsti per la propria società derivanti dalla serie che disputano. In pratica i campionati di categoria in convenzione non possono assolvere a due obblighi. E ovvio che se una società, per esempio, disputa un campionato Under 17 in convenzione per una società di serie A1 o A2, può partecipare con un altra squadra, ovviamente formata da atleti diversi, nella stessa categoria per assolvere ad eventuali propri obblighi. SERIE C - D - 1^ E 2^ DIVISIONE I Comitati Periferici, su parere della Consulta Regionale, deliberano sull obbligatorietà di partecipazione delle società di serie regionale e provinciale ai campionati di categoria. Eventuali provvedimenti a discrezione dei Comitati Periferici per la mancata partecipazione comporteranno: per la società di serie C e D la multa fino ad un massimo di. 500,00 per la società di Prima e Seconda Divisione la multa fino ad un massimo di. 250,00. Per le società che disputano più campionati di diverse serie nell'ambito di uno stesso settore, l'obbligatorietà di partecipazione ai campionati di categoria viene assolta in base a quanto previsto per il campionato maggiore a cui partecipano. Il Consiglio Federale, rilevata la peculiarità e la specificità dell'attività svolta, ha deliberato di esonerare dall'obbligo di partecipazione a detti campionati, i CUS e i Gruppi Sportivi delle Forze Armate affiliati alla FIPAV. Per le società di nuova affiliazione che partecipano all'ultimo campionato di divisione provinciale, l'eventuale obbligo di partecipazione ai campionati di categoria decorre dalla stagione agonistica successiva. Non sono previsti obblighi per le società di 3^ Divisione. NORME GENERALI 1) PARTECIPAZIONE DELLE SOCIETA Possono prendere parte ai campionati tutte le società affiliate alla FIPAV per l'anno 2013/ ) IDONEITA MEDICO - SPORTIVA Per gli atleti che partecipano ai campionati di Categoria è prevista l'obbligatorietà della visita medica di idoneità agonistica. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 18 Indizione Campionati Provinciali 2013/

19 3) VINCOLO DEGLI ATLETI Si richiama l'attenzione delle società sulle norme del vincolo a tempo determinato come previsto dalle norme delle procedure di Tesseramento. 4) DOCUMENTAZIONE I Comitati Provinciali, alla conclusione della fase eliminatoria, devono trasmettere la relativa documentazione ai Comitati Regionali. Questi ultimi, a loro volta, devono inviare la documentazione della Fase Regionale all Ufficio Campionati della FIPAV che provvede all'organizzazione delle Finali Nazionali. 5) CONCOMITANZE La concomitanza di gare di campionati di categoria e gare di campionati di serie non costituisce motivo di rinvio. In sede di stesura dei calendari dei vari campionati, sarà cura delle Commissioni Organizzative FIPAV competenti, cercare di evitare nei limiti del possibile la concomitanza di partite per la stessa squadra. 6) FASI DI ORGANIZZAZIONE I campionati di Categoria si articolano in fasi a diversi livelli: provinciale, interprovinciale, regionale e Finale Nazionale. L'organizzazione della fase provinciale è demandata al competente CP; qualora tale fase fosse interprovinciale, l'organizzazione sarà affidata ai CP su indicazione della Consulta Regionale. L'organizzazione della fase regionale è demandata al competente CR. L Ufficio Campionati FIPAV organizza la Finale Nazionale. I provvedimenti disciplinari pendenti dopo ogni fase si azzerano, a parte eventuali giornate di squalifica o sospensioni da ogni attività federale che vanno comunque scontate nelle gare successive anche se di Fase diversa. FASI PROVINCIALI e INTERPROVINCIALI Il Consiglio Federale ha ribadito che le fasi provinciali e/o interprovinciali di tutti i campionati di categoria dovranno essere svolte con la partecipazione di almeno 5 squadre con una formula che preveda la disputa di almeno 8 gare per squadra, ad eccezione del Campionato Under 13 maschile. Quei Comitati Provinciali che avranno meno di 5 squadre iscritte dovranno essere accorpate ad altra provincia con la disputa di una fase interprovinciale, in base alle opportune verifiche effettuate dalla Consulta Regionale. Pertanto qualora un CP raccolga l'iscrizione di meno di 5 squadre della propria provincia dovrà comunicare al competente CR le iscrizioni pervenute. La Consulta Regionale, verificata la composizione dei gironi e gli organici anche delle altre province, può provvedere alla definizione di gironi interprovinciali composti da almeno 5 squadre. Criteri prioritari per la composizione di tali gironi devono essere: la vicinanza tra le società ed il contenimento dei costi per le trasferte. La Consulta Regionale provvederà altresì a definire: le competenze dei CP in merito all'organizzazione di tali fasi, le modalità di proclamazione del campione provinciale e le modalità di passaggio delle squadre alla fase regionale. Pertanto le eventuali fasi provinciali e/o interprovinciali che vengano disputate senza rispettare i parametri su riportati, non saranno ritenute valide ai fini del conteggio dell attività svolta dai quei Comitati per la predisposizione del Ranking dei Comitati Regionali e non daranno diritto alle società partecipanti alla attribuzione dei relativi voti supplementari ai fini dello svolgimento delle Assemblee Nazionali, Regionali e Provinciali. Iscrizione: I Comitati devono fissare l'iscrizione almeno 30 giorni prima dell'inizio del campionato comunque con data unica per tutta la regione. FIPAV Comitato Provinciale di Terni 19 Indizione Campionati Provinciali 2013/

20 Inizio: Termine: stabilito dalla Consulta Regionale stabilito dalla Consulta Regionale Le società (appartenenti a tutte le serie) che partecipano con più squadre ai campionati di Categoria devono inviare la loro iscrizione all'organo provinciale unitamente ai prescritti contributi, con le seguenti indicazioni: ogni squadra deve pagare la propria iscrizione ed i contributi gara; ogni società deve presentare al momento dell'iscrizione al campionato, gli elenchi dei giocatori di ciascuna squadra. Gli atleti restano vincolati per tale squadra per tutta la durata della fase provinciale (finale compresa) e quindi di conseguenza le varie squadre di una stessa società, se qualificate, possono disputare i vari turni della fase provinciale. Gli elenchi non possono quindi subire variazioni, anche in caso di ritiro dal campionato di una delle squadre, ad eccezione dell'inserimento di atleti di primo tesseramento e/o trasferiti da altra società nei modi e termini previsti; la COGP nel formare i gironi eliminatori deve, ove possibile, inserire le squadre della stessa società in gironi diversi; una società non può accedere alla fase interprovinciale e/o regionale con più di una squadra; la società che accede alla fase interprovinciale e/o regionale può utilizzare i propri atleti a prescindere dalla precedente composizione degli elenchi; Il CP provvede alla formazione del/i girone/i, alla stesura del calendario, alla designazione dei direttori di gara e all'omologazione delle gare. La formula del CAMPIONATO è dettata dalla CONSULTA REGIONALE secondo le precipue realtà del territorio di competenza (potranno essere stabilite formule che prevedano anche meno di 10 incontri). FASE DI ECCELLENZA REGIONALE La Consulta Regionale può indire una fase di Eccellenza Regionale riservata alle società partecipanti ai campionati di serie nazionale ed a quelle società dei campionati di serie regionale e provinciale che intendono parteciparvi. La squadra vincente questa fase accede alla fase regionale secondo i criteri stabiliti dalla Consulta Regionale. FASE REGIONALE A cura dei Comitati Regionali competenti per territorio. Accedono alla Finale Regionale le squadre vincenti le fasi organizzate secondo quanto stabilito in sede di Consulta Regionale, prima dell inizio della fase provinciale. I nominativi delle Società ammesse a partecipare alla Finale Nazionale devono essere comunicati dalle COGR all Ufficio Campionati FIPAV. FINALE NAZIONALE, a cura dell Ufficio Campionati FIPAV. Relativamente alla Finali Nazionali di tutti i campionati di categoria (tranne il campionato Under 19/M) il numero delle squadre partecipanti, il sistema di qualificazione e la formula di svolgimento saranno rese note entro il mese di Settembre Under 19 Maschile Finale Nazionale a 21 squadre Partecipano 21 squadre: 19 vincenti le fasi regionali e le vincenti delle fasi provinciali di Trento e Bolzano. Nel caso di Regioni che non saranno in grado di svolgere il campionato con almeno 5 squadre e con una formula che preveda la disputa di almeno 8 gare per squadra, dovranno accorparsi ad altra regione limitrofa con la disputa di una fase interregionale che qualificherà UNA sola squadra alla Finale Nazionale; nel caso tale accorpamento non venga FIPAV Comitato Provinciale di Terni 20 Indizione Campionati Provinciali 2013/

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA Regolamento Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, sotto l egida della IAAF e della FIDAL, con il patrocinio di Roma Capitale e della Regione Lazio, indice ed organizza la 41ª edizione della Roma Ostia Half

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal Coni Federazione Italiana Nuoto F.I.N.A. LE.N. I.LS.E. I.L.S. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli