Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale"

Transcript

1 Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 Regolamento e Programma Tecnico

2 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette dal settore Ginnastica ENDAS tutte le scuole, associazioni e società sportive regolarmente affiliate per la stagione sportiva in corso. 2. La domanda di affiliazione, redatta sugli appositi moduli, dovrà essere presentata al Comitato periferico competente per territorio. A tale richiesta dovrà essere allegata la seguente documentazione: a. Atto Costitutivo e Statuto. b. Verbale d Assemblea dei Soci, dove risulti l elezione del Consiglio Direttivo in carica. c. Ricevuta di versamento della quota di affiliazione. 3. Tutti gli atleti partecipanti dovranno essere in regola con il tesseramento ENDAS e potranno essere iscritti ad un solo campionato (oltre all Endas Team). 4. I ginnasti delle sezioni maschile e femminile che durante l anno sportivo in corso partecipino a competizioni del settore agonistico F.G.I. (serie C1 compresa), non potranno prendere parte ai campionati promozionali ENDAS. 5. Il modulo di iscrizione alla gara, completo in ogni sua parte, dovrà pervenire tramite o fax al Comitato Organizzatore entro il decimo giorno precedente la gara (Mercoledì ore 12.00). 6. Nel caso di ritardata iscrizione è prevista una sanzione per ogni società di 15,00 fino al sesto giorno precedente la gara, oltre tale termine l iscrizione non potrà più essere presa in considerazione. 7. Gli atleti assenti, se non comunicati entro le ore del Martedì precedente la gara, saranno comunque tenuti al pagamento della quota d iscrizione. 8. All inizio dell anno sportivo è consentito il passaggio degli atleti da una categoria inferiore ad una superiore, ma non viceversa. Tale passaggio rimane comunque vincolante fino al termine dell anno sportivo stesso, salvo quanto previsto per il Torneo di serie D femminile. 9. In campo di gara possono essere presenti per ogni società massimo due accompagnatori (tecnici o dirigenti) purché in regola con il tesseramento. 10. Le varie fasi delle manifestazioni verranno giudicate da giudici ENDAS. 11. Le decisioni ed i provvedimenti adottati dalla Commissione Gare (Direttore Tecnico, Direttore di Gara e Presidente di Giuria) sono inappellabili. 12. Eventuali sanzioni disciplinari potranno essere adottate nei confronti di tecnici, dirigenti, ginnasti e società che dovessero dimostrare comportamenti poco consoni all etica sportiva, così come previsto nel Regolamento di Disciplina dell ENDAS. 13. L ENDAS declina ogni responsabilità per incidenti e danni che possono verificarsi prima, durante e dopo lo svolgimento delle manifestazioni, salvo quanto previsto dalla polizza infortuni Endas. 14. Il Presidente della Società aderente all ENDAS dichiara sotto la propria responsabilità che tutti gli atleti sono in possesso del certificato medico per la pratica di attività sportiva, previsto dalle leggi in materia, valido per l anno in corso e che i propri ginnasti, giudici e tecnici prendono parte alle attività ed alle manifestazioni indette dall ENDAS in forma spontanea e senza alcun vincolo ed obbligo di partecipazione in quanto organizzate in forma dilettantistica e di svago, dichiarando altresì, che tutti i tesserati si impegnano a non richiedere all ENDAS il risarcimento dei danni per infortuni non rimborsati dalla Società di assicurazione. Il Presidente della Società dichiara, inoltre, in base al consenso scritto validamente prestato da parte dei propri soci, ai sensi dell art. 11 della legge n 675/676 del 31/12/96, di autorizzare l ENDAS ad utilizzare e gestire, per i suoi fini istituzionali, i nominativi dei propri soci tesserati ai sensi della legge n. 675/676 del 31/12/96.

3 3 TORNEO serie D (valido per il Trofeo Gym Endas) La suddetta competizione è riservata a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara. Prima prova provinciale / regionale Seconda prova provinciale / regionale CATEGORIE 2014/2015 pulcine 09 e successivi giovani allieve ragazze junior 02 e precedenti FASI DEL TROFEO PROGRAMMA TECNICO (concorso a squadre) Trave bassa cm. 45/50 dai tappeti Corpo libero striscia m. 12 x 2 esercizi liberi con elementi imposti REGOLAMENTO TECNICO Ogni ginnasta si presenterà individualmente all attrezzo, ma al termine di ciascuna prova verrà stilata esclusivamente una classifica di squadra per ciascuna categoria. Ai fini della classifica e indipendentemente dai punteggi assegnati dalle Giurie, il totale massimo considerato per ciascuna ginnasta sarà di punti 31,00. Per ogni Società ed in ciascuna categoria, la squadra sarà composta da tutte le ginnaste iscritte. La musica dell esercizio al corpo libero dovrà avere una durata massima di 50 secondi. Il brano musicale su CD scelto per l esercizio al corpo libero potrà essere cantato e all occorrenza sfumato o interrotto dal tecnico al termine dell esercizio. La penalità per esercizio troppo lungo è di p. 0,30 fissi. Durante l esercizio la ginnasta potrà uscire dalla striscia senza incorrere in alcuna penalità. E consentita la presenza dell istruttore (purché non ostacoli la visuale dei giudici) ed il suggerimento verbale/gestuale, ma senza eseguire gli elementi dell esercizio. Alla trave bassa, potrà essere utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappeto (tipo Sarneige) per l uscita. E consentita l assistenza solo alla trave (penalità o.v. punti 0,30). CLASSIFICHE Squadra: per ogni categoria, in ciascuna delle due prove, verrà stilata una classifica di squadra sommando i punti attribuiti a tutte le ginnaste in gara, partendo da 30 punti, per la 1^ ginnasta classificata, via, via a scalare ma senza considerare i pari merito (un punto per tutte le ginnaste dalla 30^ classificata in poi). La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la squadra con il minor numero di ginnaste iscritte e successivamente quella con il totale individuale maggiore. Società: al termine della seconda prova verrà stilata una classifica sommando per ogni società i punti attribuiti nelle due prove alle squadre di tutte le categorie. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la società con il minor numero di ginnaste iscritte. Ricordando che si tratta di un programma tecnico estremamente elementare, rivolto perciò a bambine e ragazze alle prime esperienze di gara, si invitano tutte le società aderenti ad iscrivere al Torneo di serie D esclusivamente ginnaste con le prescritte caratteristiche, evitando quindi di proporre esecuzioni inadeguate (punteggi eccessivamente elevati) che troverebbero migliore collocazione e gratificazione negli altri campionati indetti dall ENDAS. Pertanto è consentito il cambio di categoria dopo la prima prova.

4 4 TORNEO serie C2 (valido per il Trofeo Gym Endas) CATEGORIE 2014/2015 giovani 07 e successivi allieve ragazze junior 02 e precedenti Prima prova provinciale / regionale Seconda prova provinciale / regionale FASI DEL CAMPIONATO PROGRAMMA TECNICO (concorso a squadre) Volteggio (panca e tramp.) tappetoni m. 4 x 2 x 0,80 2 salti obbligatori (vale il migliore) Trave bassa cm. 45/50 dai tappeti esercizi liberi con elementi imposti Corpo libero striscia m. 12 x 2 REGOLAMENTO TECNICO Ogni ginnasta si presenterà individualmente all attrezzo, ma al termine di ciascuna prova verrà stilata esclusivamente una classifica di squadra per ciascuna categoria. Ai fini della classifica e indipendentemente dai punteggi assegnati dalle Giurie, il totale massimo considerato per ciascuna ginnasta sarà di punti 46,50. Per ogni Società ed in ciascuna categoria, la squadra sarà composta da tutte le ginnaste iscritte. La musica dell esercizio al corpo libero dovrà avere una durata massima di 60 secondi. Il brano musicale su CD scelto per l esercizio al corpo libero potrà essere cantato e all occorrenza sfumato o interrotto dal tecnico al termine dell esercizio. La penalità per esercizio troppo lungo è di p. 0,30 fissi. Durante l esercizio la ginnasta potrà uscire dalla striscia senza incorrere in alcuna penalità. E consentita la presenza dell istruttore (purché non ostacoli la visuale dei giudici) e solo per la categoria Giovani, il suggerimento verbale/gestuale, ma senza eseguire gli elementi dell esercizio. Alla trave bassa, potrà essere utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappeto (tipo Sarneige) per l uscita. CLASSIFICHE Squadra: per ogni categoria, in ciascuna delle due prove, verrà stilata una classifica di squadra sommando i punti attribuiti a tutte le ginnaste in gara, partendo da 50 punti, per la 1^ ginnasta classificata, via, via a scalare ma senza considerare i pari merito (un punto per tutte le ginnaste dalla 50^ classificata in poi). La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la squadra con il minor numero di ginnaste iscritte e successivamente quella con il totale individuale maggiore. Società: al termine della seconda prova verrà stilata una classifica sommando per ogni società i punti attribuiti nelle due prove alle squadre di tutte le categorie. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la società con il minor numero di ginnaste iscritte.

5 5 CAMPIONATO serie C1 CATEGORIE 2014/2015 pulcine 09 e successivi giovani allieve ragazze junior senior master e precedenti FASI DEL CAMPIONATO Prima prova provinciale / regionale Seconda prova provinciale / regionale (entro il 17 maggio) Finale Nazionale (entro il 7 giugno) Qualificazioni per categoria: - 1 Società partecipante = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale; - 2 Società partecipanti = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale più la ginnasta della Società eventualmente non rappresentata tra le atlete qualificate; - 3 o più Società partecipanti = un numero di ginnaste classificate nella fase Regionale corrispondente al numero di Società partecipanti, più una ginnasta per ciascuna Società non rappresentata tra le atlete qualificate. PROGRAMMA TECNICO Volteggio tappetoni m. 4 x 2 x 0,80 2 salti obbligatori (vale il migliore) Trave bassa cm. 45/50 dai tappeti esercizi liberi con elementi imposti Corpo libero striscia m. 12 x 2 REGOLAMENTO TECNICO La musica dell esercizio al corpo libero dovrà avere una durata massima di 60 secondi. Il brano musicale su CD scelto per l esercizio al corpo libero potrà essere cantato, ma non potrà in alcun modo essere sfumato o interrotto dal tecnico nel corso della gara. La penalità per esercizio troppo lungo è di p. 0,30 fissi. Durante l esercizio al corpo libero la ginnasta potrà uscire dalla striscia senza incorrere in alcuna penalità. Alla trave bassa, potrà essere utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappeto (tipo Sarneige) per l uscita. CLASSIFICHE Individuale: per ciascuna delle due prove ed alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica individuale, suddivisa per categoria, sommando per ogni ginnasta i punteggi ottenuti a tutti gli attrezzi. La classifica del campionato provinciale / regionale di serie C e le relative qualificazioni saranno determinate per ciascuna ginnasta, dalla somma del migliore punteggio conseguito ad ogni attrezzo tra le due prove in calendario. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la ginnasta più giovane in tutte le categorie ad eccezione della categoria Master in cui si privilegerà l atleta più anziana. Società Regionale: al termine della seconda prova verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alle prime 20 ginnaste classificate per ogni categoria, indipendentemente dal numero delle ginnaste partecipanti, partendo da 20 punti a scalare. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il minor numero di ginnaste iscritte. Società Nazionale: alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alla migliore ginnasta classificata per ogni categoria. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il maggior totale individuale.

6 6 CAMPIONATO serie B CATEGORIE 2014/2015 giovani 07 e successivi allieve ragazze junior senior master 98 e precedenti FASI DEL CAMPIONATO Prima prova provinciale / regionale Seconda prova provinciale / regionale (entro il 17 maggio) Finale Nazionale (entro il 7 giugno) Qualificazioni per categoria: - 1 Società partecipante = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale; - 2 Società partecipanti = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale più la ginnasta della Società eventualmente non rappresentata tra le atlete qualificate; - 3 o più Società partecipanti = un numero di ginnaste classificate nella fase Regionale corrispondente al numero di Società partecipanti, più una ginnasta per ciascuna Società non rappresentata tra le atlete qualificate. PROGRAMMA TECNICO (concorso individuale) Volteggio tappetoni m. 4 x 2 x 0,80 2 salti obbligatori (vale il migliore) cm. 45/50 dai tappeti Gio All Rag: esercizi liberi con elementi imposti Trave cm. 105/110 dai tappeti Jun Sen Mas: esercizi liberi con elementi imposti Corpo libero striscia m. 12 x 2 esercizi liberi con elementi imposti REGOLAMENTO TECNICO La musica dell esercizio al corpo libero dovrà avere una durata massima di 1 minuto e 10 secondi. Il brano musicale su CD scelto per l esercizio al corpo libero potrà essere cantato, ma non potrà in alcun modo essere sfumato o interrotto dal tecnico nel corso della gara. La penalità per esercizio troppo lungo è di p. 0,30 fissi. Durante l esercizio al corpo libero la ginnasta potrà uscire dalla striscia senza incorrere in alcuna penalità. Alla trave bassa, potrà essere utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappeto (tipo Sarneige) per l uscita. Alla trave alta, potrà utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappetone (m. 4 x 2 x 0,20) per l uscita. CLASSIFICHE Individuale: per ciascuna delle due prove ed alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica individuale, suddivisa per categoria, sommando per ogni ginnasta i punteggi ottenuti a tutti gli attrezzi. La classifica del campionato provinciale / regionale di serie B e le relative qualificazioni saranno determinate per ciascuna ginnasta, dalla somma del migliore punteggio conseguito ad ogni attrezzo tra le due prove in calendario. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la ginnasta più giovane in tutte le categorie ad eccezione della categoria Master in cui si privilegerà l atleta più anziana. Società Regionale: al termine della seconda prova verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alle prime 20 ginnaste classificate per ogni categoria, indipendentemente dal numero delle ginnaste partecipanti, partendo da 20 punti a scalare. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il minor numero di ginnaste iscritte. Società Nazionale: alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alla migliore ginnasta classificata per ogni categoria. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il maggior totale individuale.

7 7 CAMPIONATO serie A CATEGORIE 2014/2015 giovani 07 e successivi allieve ragazze junior senior master 98 e precedenti FASI DEL CAMPIONATO Prima prova provinciale / regionale Seconda prova provinciale / regionale (entro il 17 maggio) Finale Nazionale (entro il 7 giugno) Qualificazioni per categoria: - 1 Società partecipante = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale; - 2 Società partecipanti = le prime due ginnaste classificate nella fase Regionale più la ginnasta della Società eventualmente non rappresentata tra le atlete qualificate; - 3 o più Società partecipanti = un numero di ginnaste classificate nella fase Regionale corrispondente al numero di Società partecipanti, più una ginnasta per ciascuna Società non rappresentata tra le atlete qualificate. PROGRAMMA TECNICO (concorso individuale) Volteggio tappetoni m. 4 x 2 x 0,80 2 salti obbligatori (vale il migliore) Parallele solo staggio inferiore Gio All : esercizi liberi con elementi a scelta staggio inf. e sup. Rag Jun Sen Mas: eserc. liberi con elem. a scelta Trave cm. 45/50 dai tappeti Gio All: esercizi liberi con elementi imposti cm. 105/110 dai tappeti Rag Jun Sen Mas: eserc. liberi con elem. imposti Corpo libero striscia m. 12 x 2 esercizi liberi con elementi imposti REGOLAMENTO TECNICO La musica dell esercizio al corpo libero dovrà avere una durata massima di 1 minuto e 10 secondi. Il brano musicale su CD scelto per l esercizio al corpo libero potrà essere cantato, ma non potrà in alcun modo essere sfumato o interrotto dal tecnico nel corso della gara. La penalità per esercizio troppo lungo è di p. 0,30 fissi. Durante l esercizio al corpo libero la ginnasta potrà uscire dalla striscia senza incorrere in alcuna penalità. Alla trave bassa, potrà essere utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappeto (tipo Sarneige) per l uscita. Alla trave alta, potrà utilizzata una pedana o uno step per l entrata e un tappetone (m. 4 x 2 x 0,20) per l uscita. Alle parallele asimmetriche le categorie Giovani e Allieve dovranno eseguire l esercizio esclusivamente allo staggio inferiore mentre le altre categorie potranno utilizzare anche quello superiore. CLASSIFICHE Individuale: per ciascuna delle due prove ed alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica individuale, suddivisa per categoria, sommando per ogni ginnasta i migliori 3 punteggi ottenuti ai quattro attrezzi. La classifica del campionato provinciale / regionale di serie A e le relative qualificazioni saranno determinate per ciascuna ginnasta, dal miglior totale conseguito tra le due prove in calendario. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la ginnasta più giovane in tutte le categorie ad eccezione della categoria Master in cui si privilegerà l atleta più anziana. Società Regionale: al termine della seconda prova verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alle prime 20 ginnaste classificate per ogni categoria, indipendentemente dal numero delle ginnaste partecipanti, partendo da 20 punti a scalare. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il minor numero di ginnaste iscritte. Società Nazionale: alla Finale Nazionale verrà stilata una classifica sommando, per ogni Società, i punti attribuiti alla migliore ginnasta classificata per ogni categoria. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Società con il maggior totale individuale.

8 8 TROFEI REGIONALI E NAZIONALI Il Trofeo Gym Endas verrà assegnato alla società che, al termine della stagione agonistica Regionale, avrà ottenuto il maggior totale sommando tutti i punti attribuiti nel Torneo di serie D e nel Torneo di serie C2 a tutte le squadre di tutte le categorie. Il Trofeo Regionale verrà assegnato alla società che, al termine della stagione agonistica Regionale, avrà ottenuto il maggior totale sommando tutti i punti attribuiti alle proprie ginnaste della serie A, B e C1. Il Trofeo Nazionale verrà assegnato alla società che al termine della Finale Nazionale avrà ottenuto il maggior totale sommando tutti i punti attribuiti alle proprie ginnaste della serie A, B e C1. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la società con il minor numero di ginnaste partecipanti. La società vincitrice dovrà conservare il Trofeo con la massima cura fino alla prossima edizione (ultima gara Regionale o Finale Nazionale dell anno successivo) quando lo stesso verrà di nuovo rimesso in palio. COPPA DELLE REGIONI La Coppa delle Regioni si disputerà in occasione della Finale Nazionale e verrà assegnata, al termine delle gare di serie A, alla Rappresentativa Regionale che avrà ottenuto il maggior totale sommando i punti conseguiti dalle proprie migliori ginnaste di ogni categoria della serie A. Qualora la rappresentativa fosse sprovvista di un atleta di serie A il relativo punteggio, ai fini della classifica per regione, potrà essere sostituito da quello della migliore ginnasta di serie B penalizzata nel totale di punti 0,50. Categorie - Programmi - Regolamento Tecnico: (vedi Campionato serie A o B). La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita la Regione la cui ginnasta avrà conseguito il maggiore totale individuale. La rappresentativa vincitrice depositerà il Trofeo presso la sede del proprio Comitato Regionale dove questo sarà conservato con la massima cura fino alla prossima edizione (Finale Nazionale dell anno successivo) quando lo stesso verrà di nuovo rimesso in palio.

9 9 ENDAS TEAM CATEGORIE 2014/2015 I Categoria (G-A) II Categoria (R-J) III Categoria (S-M) 05 e successivi e precedenti FASI DEL CAMPIONATO Prova unica regionale (entro il 17 maggio) Finale Nazionale (entro il 7 giugno) Qualificazione minima garantita per ciascuna categoria: le prime due squadre (appartenenti a differenti Società) della classifica Regionale. PROGRAMMA TECNICO (concorso a squadre miste) Corpo libero striscia m. 12 x 2 2 ondate di 3 elementi a scelta per ogni ginnasta Mini trampolino vedi regolamento 2 salti di gruppi differenti (av.- ind.) per ogni ginnasta REGOLAMENTO TECNICO Possono partecipare all Endas Team tutti i tesserati Endas indipendentemente dalla serie di appartenenza (agonisti federali esclusi). Alla prova regionale, ciascuna Società partecipante potrà iscrivere più squadre (anche miste), ognuna contraddistinta da un colore a piacere. Ogni squadra potrà essere composta da un minimo di 3 ad un massimo di 6 ginnasti/e. Ciascun componente la squadra dovrà eseguire: - al Corpo Libero: due ondate (partenza della 2^ ondata dall angolo adiacente a quello di arrivo della 1^), anche non in serie e composte complessivamente da 6 elementi diversi (tre per ogni ondata), liberamente scelti tra quelli proposti nella griglia. Le ondate possono contenere massimo 3 elementi ed il valore di partenza di ciascuna ondata sarà determinato in ordine cronologico dai primi tre eseguiti ad eccezione di eventuali rondate, ribaltate e flic flac, da considerarsi come elementi preparatori (nessun altro tipo di elemento può essere considerato preparatorio). L esecuzione di ulteriori elementi, anche non presenti nella griglia, comporterà la penalità di p. 0,50 (oltre alle eventuali penalità per i falli d esecuzione). Gli elementi ripetuti o ritentati dallo/a stesso/a ginnasta, non saranno presi in considerazione per la determinazione del punteggio di partenza. Ogni ondata può essere composta da un massimo di 2 diagonali, altrimenti si applicherà la penalità di p. 0,30. Penalità per ondata con meno di tre elementi p. 1,00. - al Mini trampolino: due salti di gruppi differenti (1 avanti e 2 in dietro) tra quelli proposti nella griglia. La I categoria (G-A) dovrà eseguire i salti del gruppo AVANTI con rincorsa sulla panca (lungh. m. 3) con mini trampolino in piano. L inclinazione del mini trampolino, per la II e III categoria, sarà di 10 /15 per i salti del gruppo AVANTI e di 0 (in piano) per quelli INDIETRO. Per ogni squadra la prova avrà inizio al Corpo Libero con la presentazione del Team alla Giuria e la successione senza interruzione della prima ondata, al termine della quale si dovrà attendere il via della Giuria per la seconda ondata (sempre con il medesimo ordine di partenza). Dopo il saluto alla Giuria del Corpo Libero, la squadra si sposterà in fila al Mini trampolino dove, dopo essersi presentata alla Giuria, inizierà con le sequenze dei salti (prima AVANTI e poi INDIETRO ), con lo stesso ordine di partenza e modalità del Corpo Libero. Dopo il saluto alla Giuria del Mini trampolino, il Team dovrà abbandonare il campo di gara fino alla sfilata per la Cerimonia di Premiazione. E prevista una musica di sottofondo esclusivamente per l esibizione delle squadre al Corpo Libero. Il brano musicale su CD potrà anche essere cantato. E vietato il suggerimento (p. 0,30 o.v.), mentre la presenza dell istruttore è consentita solamente al Mini trampolino (purché non ostacoli la visuale dei giudici). CLASSIFICHE Squadra: verrà stilata una classifica, suddivisa per categoria, sommando per ogni squadra i punteggi ottenuti dalle migliori 6 ondate al Corpo Libero e dai migliori 6 salti (3 avanti e 3 indietro) al Mini trampolino. La premiazione, in caso di parità, vedrà favorita in tutte le categorie la squadra con il minor numero di iscritti e successivamente quella con il parziale maggiore.

10 10 PROGRAMMA TECNICO - GAF TRAVE e CORPO LIBERO composizione esercizi Ogni ginnasta deve eseguire i 6 elementi corrispondenti alla propria colonna di appartenenza, in funzione della categoria e del tipo di campionato. Ognuno dei 6 elementi deve appartenere ad una riga differente ed ha il valore di p (punteggio max. di partenza = p. 6.00). Per ogni riga mancante viene tolto 1.00 p. dal punteggio di partenza. La ginnasta può eseguire l elemento della colonna o categoria precedente o al massimo di 2 colonne o categorie precedenti ma ciò è possibile solo per un massimo di due elementi ad eccezione della serie C2, nella quale è consentito declassare fino ad un massimo di tre elementi. Per ogni elemento verranno tolti dal punteggio di partenza p se appartiene alla colonna precedente e p se appartiene a 2 colonne precedenti. Questo è valido anche in caso di declassamento degli elementi da parte della Giuria. L esercizio potrà contenere al massimo 2 elementi declassati, il terzo elemento declassato non potrà essere considerato e quindi verrà tolto l intero valore della riga (p. 1.00); tuttavia la Giuria andrà a favore della ginnasta eliminando l elemento o riga di minor valore. Punteggi di partenza possibili: - p (6 elementi della categoria di appartenenza) - p (1 elemento della categoria precedente) - p (2 elem. della categ. prec. o 1 elem. di 2 categ. prec.) - p (1 elem della categ. prec. e 1 elem. di 2 categ. prec.) - p (2 elem. di 2 categ. prec.) Altri punteggi possibili solo serie C2: - p (3 elem. della categ. prec.) - p (2 elem. della categ. prec. e 1 elem. di 2 categ. prec.) - p (1 elem. della categ. prec. e 2 elem. di 2 categ. prec.) - p (3 elem. di 2 categ. prec.)

11 GAF PARALLELE Serie A - punti 16,00 - L esercizio di libera composizione dovrà contenere: per le categorie Giovani e Allieve n. 4 elementi a scelta ognuno del valore di punti 1,50. per le categorie Ragazze e Junior n. 5 elementi a scelta* ognuno del valore di punti 1,20. per la categoria Senior e Master n. 6 elementi a scelta* ognuno del valore di punti 1,00. - Gio.-All.: solo staggio inferiore (gli elementi eseguiti sullo staggio superiore non saranno considerati dalla giuria ma verranno penalizzati) con pedana per l entrata e tappetone (m. 4 x 2 x 0,20) facoltativo per l uscita. - Rag.-Jun.-Sen.-Mas.: anche staggio superiore con pedana per l entrata e tappetone (m. 4 x 2 x 0,20) facoltativo per l uscita. - L esercizio dovrà comunque terminare con una uscita scelta tra quelle presenti nel programma Endas altrimenti la penalità sarà di p. 0,50 per esercizio senza uscita. - I movimenti ripetuti e quelli non in elenco saranno penalizzati come da C.d.P. ma non verranno inclusi nel computo degli elementi. * vedi le limitazioni per categorie nell elenco elementi. VALORE ELEMENTI Giovani - Allieve (1,50 x 4) Ragazze - Junior (1,20 x 5) Senior - Master (1,00 x 6) p. 6,00 ESECUZIONE p. 10,00 p. 16,00 Elenco elementi entrata in capovolta allo s/i con spinta di una gamba G I O V A N I - A L L I E V E (4 elementi) R A G A Z Z E - J U N I O R (5 elementi) S E N I O R - M A S T E R (6 elementi) uscita con slancio indietro dall'appoggio ritto s/i entrata in capovolta allo s/i con spinta di due gambe entrata saltando all'appoggio allo s/i elemento o collegamento con cambio di fronte (esclusa entrata e uscita) uscita in avanti dalla sospensione s/s con tempo di frustata entrata in capovolta allo s/i senza spinta delle gambe entrata saltando in sospensione allo s/s giro addominale indietro o capovolta indietro all'appoggio libero giro addominale avanti (gambe tese) giro in appoggio indietro divaricato (sagittale o frontale) giro in appoggio avanti divaricato (sagittale o frontale) capovolta indietro allo s/s dalla sospensione kippe lunga all'appoggio divaricato sagittale (anche in entrata) kippe lunga all'appoggio ritto frontale (anche in entrata) kippe lunga all'appoggio dorsale (anche in entrata) kippe breve all'appoggio divaricato sagittale kippe breve all'appoggio ritto frontale kippe breve all'appoggio dorsale giro di pianta indietro unito o divaricato slancio con posa piedi a gambe unite allo staggio inferiore uscita in fioretto (con o senza piedi) s/i o s/s uscita in salto giro indietro Possibilità di declassamento (anche di 2 gruppi precedenti) con penalità ogni volta di p. 0,50 per facilitazione.

12 GAF VOLTEGGIO - punti 16,00 GIOVANI A ALLIEVE A RAGAZZE A JUNIOR A SENIOR A MASTER A GIOVANI B ALLIEVE B RAGAZZE B JUNIOR B SENIOR B MASTER B PULCINE C1 GIOVANI C1 ALLEVE C1 RAGAZZE C1 JUN.-SEN. C1 MASTER C1 CAPOVOLTA CAPOVOLTA SALTATA angolo corpo 90 e posa delle mani oltre la linea di cm. 50 CAPOVOLTA SALTATA angolo corpo 135 e posa delle mani oltre la linea di cm. 100 VERTICALE + CADUTA (arrivo supino) VERTICALE + SPINTA (arrivo supino) RONDATA con rotazione 180 nel 1 volo RIBALTATA 1/2 giro e VERTICALE + SPINTA con 1/2 giro (arrivo supino) oppure VERTICALE + SPINTA con 1 giro (arrivo supino) oppure RONDATA in pedana + FLIC FLAC - Tappetoni (m. 4 x 2 x 0,80) è consentito sovrapporre un tappeto tipo Sarneige. - E prevista una zona di appoggio delle mani delimitata da due linee trasversali poste una a cm. 50 e l altra a cm. 100 dall inizio dei tappetoni. Ad eccezione delle capovolte (vedi indicazioni e penalità specifiche) l'appoggio delle mani deve avvenire all'interno o sulle righe della suddetta zona d'appoggio. - La ginnasta dovrà eseguire due salti obbligatori, uguali o differenti, con rincorsa e distanza della pedana libera. - Ai fini della classifica verrà considerato il miglior punteggio. - Si possono eseguire massimo 3 rincorse solo se in una delle prime 2 la ginnasta non ha toccato né la pedana, né i tappetoni. - La ginnasta avrà la facoltà di eseguire il salto della categoria precedente con una penalità di p. 1,00.

13 13 GAF VOLTEGGIO (con panca e mini-trampolino) - punti 16,00 GIOVANI C2 ALLEVE C2 RAGAZZE C2 JUNIOR C2 CAPOVOLTA SALTATA angolo corpo 90 e posa delle mani oltre la linea di cm. 50 CAPOVOLTA SALTATA angolo corpo 135 e posa delle mani oltre la linea di cm. 100 VERTICALE + CADUTA posa delle mani anche oltre la linea di cm. 100 (arrivo supino) VERTICALE + SPINTA posa delle mani anche oltre la linea di cm. 100 (arrivo supino) - Tappetoni (m. 4 x 2 x 0,80) è consentito sovrapporre un tappeto tipo Sarneige. - Tutti i salti dovranno essere eseguiti con una breve rincorsa su una panca di 3 metri di lunghezza e con il trampolino inclinato dai 10 ai 15 (senza possibilità di distanziare né la panca, né il trampolino). - E prevista una zona di appoggio delle mani delimitata da due linee trasversali poste una a cm. 50 e l altra a cm. 100 dall inizio dei tappetoni. Ad eccezione delle capovolte (vedi indicazioni e penalità specifiche) l'appoggio delle mani nelle verticali deve superare la linea dei cm. 50, ma può avvenire anche oltre la linea dei cm. 100, senza incorrere in alcuna penalità specifica. - La ginnasta dovrà eseguire due salti obbligatori, uguali o differenti. - Ai fini della classifica verrà considerato il miglior punteggio. - Si possono eseguire massimo 3 rincorse solo se in una delle prime 2 la ginnasta non ha toccato né il trampolino, né i tappetoni. - La ginnasta avrà la facoltà di eseguire il salto della categoria precedente con una penalità di p. 1,00.

14 14 GAF TRAVE - punti 16,00 GIO. A ALL. A RAG. A JUN. A SEN. A MAS. A Trave Alta GIO. B ALL. B RAG. B JUN. B SEN. B MAS. B Trave Bassa PUL. C 1 GIO. C 1-2 ALL. C 1-2 RAG. C 1-2 JUN. C 1-2 SEN. C 1 MAS. C 1 PUL. - GIO. D ALL. D RAG. D JUN. D ENTRATE 1 POSIZIONI STATICHE 2" (appoggio ritto) 2 A B C D E F G H I In squadra divaricata con stacco libero Libera in punta (step) Posizione artistica libera Libera senza appoggio delle mani (step) Posizione libera su 2 avampiedi Fianco alla trave con appoggio delle mani e arrivo a raccolta busto eretto (step) Posizione libera su un piede In punta stacco a un piede con volo e arrivo con appoggi successivi Posizione su un piede con gamba elevata laterale tesa In punta con stacco e arrivo a piedi uniti con volo Posizione libera su un avampiede Trasversale in framezzo a raccolta Posiz. su un piede con gam. elevata later. tesa sopra i 45 In punta in squadra divaricata con stacco a piedi uniti tenuta 2" Orizzontale prona In squadra divaricata con spinta a piedi uniti + 1/2 giro in squadra Posiz. su un piede con gam. elevata later. tesa sopra i 90 avanti (arrivo anche supino) Orizzontale prona su un avampiede GIRI 3 SERIE E SALTI GINNICI (riga non declassabile) 4 Circonduzione delle braccia (solo categorie di questa colonna) 3 Passi sugli avampiedi 1/2 Giro (180 ) su due avampiedi a gambe semipiegate Salto in estensione 1/2 Giro (180 ) su due avampiedi a gambe ritte Salto del gatto 1/2 Giro (180 ) su due avampiedi a gambe piegate (max raccolta) Salto a raccolta 1/2 Giro (180 ) su 1 avampiede Sforbiciata a gambe tese 1/2 Giro (180 ) con gamba libera tesa sopra i 45 Salto del cosacco + Salto in estensione 1 Giro (360 ) Salto del cosacco + Salto a raccolta Enjambeè + Salto del gatto 1/2 giro (180 ) con gamba libera tesa sopra i 90 Salto a racc. + Salto in estens. con 1/2 giro (180 ) Enjambeè + Cosacco 1 Giro (360 ) con gamba libera tesa sopra i 45 Salto del cosacco + Salto in estens. con 1/2 giro (180 ) Enjambeè + Sisonne SLANCI (in serie) E ACROBATICA 5 Slancio avanti gamba sopra i 45 Slancio avanti destro+slancio avanti sinistro (o viceversa) Slancio avanti destro+slancio indietro sinistro (o viceversa) Slancio avanti+chassè (solo categorie di questa colonna) Candela 2" (solo categorie di questa colonna) Capov. Ind. (anche in ginocchio) Vertic. di slancio (minimo una gamba) Capov. avanti (arrivo anche supino) Vertic. di slancio a gambe unite e ritorno ritto avanti (arrivo ritto) Ruota Rovesc. Av. o Rovesc. Ind. senza mani USCITE 6 Salto in estens. o a raccolta (in punta) Salto a raccolta (in punta) Salto divaric con apertura > di 90 (in punta) Salto in estensione con 1/2 giro (180 ) Rondata Rondata Ribaltata Rondata (solo Master C1) Uscita in rondata libera Salto giro (avanti o indietro) Uscita in rondata libera Salto giro (avanti o indietro)

15 GAF CORPO LIBERO - punti 16,00 Musica 1'10" A GIO. A ALL. A RAG. A JUN. A SEN. A MAS. A B GIO. B ALL. B 15 RAG. B JUN. B SEN. B MAS. B Musica 60" C PUL. C 1 GIO. C 1-2 ALL. C 1-2 RAG. C 1-2 JUN. C 1-2 SEN. C 1 MAS. C 1 Musica 50" D PUL. - GIO. D ALL. D RAG. D JUN. D A B C D E F G H I ACROBATICA AVANTI (o serie) ACROBATICA INDIETRO ACROBATICA LATERALE (o serie) GIRI PERNO E CANDELE SERIE GINNICHE O ELEMENTI DI MOBILITA' ARTICOLARE avanti con arrivo minimo supino Da seduti 1/2 capovolta indietro o indietro (arrivo libero) Rotolamento laterale (360 ) a terra o Ruota 4 Candela 2 5 SALTI GINNICI 6 Seduta divaricata con flessione busto avanti e braccia in alto 2 Galoppo laterale o Passo composto saltato (minimo due) avanti arrivo su un ginocchio indietro arrivo in ginocchio Ruota Candela senza mani 2 Passag. front. dalla seduta divaric. a prone anche con mani (solo queste categ.) Salto del gatto avanti a piedi uniti Verticale con cambio gamba (ritorno ritto) saltata da fermi Rovesciata avanti Ribaltata a 1 Ribaltata a 1 + rondata (serie) Ribaltata a 1 + Ribaltata a 2 (serie) Salto giro avanti oppure oppure oppure oppure oppure oppure oppure Verticale con Verticale e Verticale con 1/2 Verticale con 1 Verticale con 1 Verticale con 2 1/2 giro (180 ) capovolta giro (180 ) giro (360 ) + 1/2 giri (540 ) giri (720 ) + capov. av. (ritorno ritto) (ritorno ritto) (ritorno ritto) (ritorno ritto) Capov. indietro Capov. indietro Capov. indietro indietro a braccia indietro alla alla verticale a alla vertic. + 1/2 alla verticale indietro arrivo tese arrivo verticale braccia tese rovesciata con 1/2 giro smezzato smezzato avanti (180 ) oppure oppure oppure oppure oppure oppure oppure indietro arrivo a gambe divaricate Ponte Ruota con partenza con un ginocchio a terra 1/2 Giro (180 ) con gamba libera in passè Staccata sagittale o frontale (solo queste categ.) Ponte + elevazione una gamba Ruota + Ruota 1/2 Giro (180 ) con gamba libera elevata avanti tesa Enjambeè apertura > 90 + Salto del gatto Ponte + 1/2 rovesciata indietro o rovesc. indietro Rondata + salto in estensione 1/2 Giro (180 ) con gamba libera elevata avanti tesa oltre i 45 Enjambeè apertura > Sforbiciata a gambe tese Rovesciata indietro Rondata + salto in estensione con 1/2 giro + av. 1 Giro (360 ) Enjambeè apertura Salto del gatto con 1 giro (360 ) Rovesciata indietro da seduti o flic-flac Rondata + salto in estens. con 1/2 giro (arrivo smezz.) + ruota 1 Giro (360 ) con gamba libera elevata avanti tesa Enjambeè apertura Enjambeè laterale Flic-flac indietro Rondata + salto carpio divaricato o Ruota senza mani 1 Giro (360 ) con gamba libera elevata avanti tesa oltre i 45 Enjambeè con cambio + Enjambeè Salto giro indietro Ruota senza mani 1 + 1/2 Giri (540 ) Enjambeè con cambio + Enjambeè laterale Salto a raccolta Salto del Salto del Salto del Salto del Sforbiciata a Salto a raccolta con 1/2 giro cosacco stacco cosacco stacco cosacco con 1/2 cosacco con 1 gambe tese (180 ) a 1 piede a 2 piedi giro (180 ) giro (360 ) oppure oppure oppure oppure oppure oppure oppure Salto in estensione con 1/2 giro (180 ) Salto con divaricata frontale (apertura > 90 ) Salto in estens. con 1 giro (360 ) Sisonne (flesso o teso) Salto carpio divaricato Sisonne flesso ad anello Schuschunova

16 16 PROGRAMMA TECNICO ENDAS TEAM ENDAS TEAM - CORPO LIBERO (punti 10 + somma valore 3 elementi) 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 CAPOVOLTA AVANTI (ARRIVO RITTI) KIPPE TUFFO CORPO 180 (ARRIVO RITTI) SALTO GIRO AVANTI CON ARRIVO PRONO MANI A TERRA SERIE DI 2 SALTI GIRO AVANTI CAPOVOLTA SALTATA (ARRIVO RITTI) ROVESCIATA AVANTI RIBALTATA A 1 RIBALTATA A 2 SALTO GIRO AVANTI RACCOLTO SALTO GIRO AVANTI CARPIATO SALTO GIRO AVANTI TESO VERTICALE + DISCESA IN CAPOV. AV. (ARRIVO RITTI) TIC-TAC FLIC FLAC AVANTI RIBALTATA SENZA MANI SALTO GIRO AVANTI + GIRO 180 TWIST CAPOVOLTA INDIETRO (ARRIVO RITTI) CAPOVOLTA INDIETRO ALLA VERTICALE (ARRIVO RITTI) CAPOVOLTA INDIETRO ALLA VERTICALE + GIRO (CAPOV. AV. o 1/2 ROVESC. AV.) CAPOVOLTA INDIETRO ALLA VERTICALE + GIRO 360 (ARRIVO RITTI) PONTE + 1/2 ROVESCIATA INDIETRO RUOTA RUOTA SU UNA MANO ROVESCIATA INDIETRO RUOTA SPINTA RUOTA SALTATA RONDATA FLIC FLAC INDIETRO SERIE DI 2 FLIC FLAC INDIETRO FLIC TEMPO SALTO GIRO INDIETRO + GIRO 180 SALTO GIRO INDIETRO SALTO GIRO INDIETRO + GIRO 360 RUOTA SENZA MANI RONDATA SENZA MANI SALTO GIRO LATERALE PENNELLO 180 PENNELLO 360 SALTO CARPIO DIVARICATO SCHUSCHUNOVA SALTO CARPIO DIVARICATO + GIRO 360 (POPA) VERTICALE DI SLANCIO A GAMBE UNITE VERTICALE + GIRO 180 (ARRIVO RITTI) VERTICALE + GIRO 360 (ARRIVO LIBERO) VERTICALE + GIRO 540 (ARRIVO LIBERO) VERTICALE + GIRO 720 (ARRIVO LIBERO) - Ogni ginnasta dovrà eseguire due ondate (partenza della 2^ ondata dall angolo adiacente a quello di arrivo della 1^), anche non in serie e composte complessivamente da 6 elementi diversi (tre per ogni ondata), liberamente scelti tra quelli proposti nella griglia. - Le ondate possono contenere massimo 3 elementi ed il valore di partenza di ciascuna ondata sarà determinato in ordine cronologico dai primi tre eseguiti ad eccezione di eventuali rondate, ribaltate e flic flac, da considerarsi come elementi preparatori (nessun altro tipo di elemento può essere considerato preparatorio). - L esecuzione di ulteriori elementi, anche non presenti nella griglia, comporterà la penalità di p. 0,50 (oltre alle eventuali penalità per i falli d esecuzione). - Gli elementi ripetuti o ritentati dallo/a stesso/a ginnasta, non saranno presi in considerazione per la determinazione del punteggio di partenza. - Ogni ondata può essere composta da un massimo di 2 diagonali, altrimenti si applicherà la penalità di p. 0,30. - Penalità per ondata con meno di tre elementi p. 1,00.

17 17 ENDAS TEAM - MINI TRAMPOLINO (punti 10 + valore salto) I CATEG. II e III CATEG. GRUPPO 1,00 1,20 1,40 1,60 1,80 2,00 RINCORSA SU PANCA (lunghezza m. 3) INCLIN. MINI TRAMP. 0 RINCORSA AL SUOLO INCLINAZ. MINI TRAMP. 10 /15 AVANTI CAPOVOLTA SALTATA angolo corpo 135 SALTO IN ESTENSIONE CON 1 /2 AVVITAMENTO (180 ) TUFFO CORPO TESO FLIC AVANTI SALTO IN ESTENSIONE CON 1 AVVITAMENTO (360 ) SALTO GIRO AVANTI RACCOLTO SALTO CARPIO UNITO CON 1/2 AVVITAMENTO (180 ) SALTO GIRO AVANTI CARPIATO SALTO GIRO AVANTI RACCOLTO CON 1/2 AVVITAMENTO (180 ) SALTO GIRO AVANTI TESO SALTO GIRO AVANTI CARPIATO CON 1/2 AVVITAMENTO (180 ) DOPPIO SALTO GIRO AVANTI SALTO GIRO AVANTI CARPIATO O TESO CON 1 AVVITAMENTO (360 ) PANCA (lunghezza m. 3) INCLINAZ. MINI TRAMP. 0 INDIETRO CON RONDATA DA FERMI O CON UN RIMBALZO RONDATA + SALTO IN ESTENSIONE SALTO IN ESTENSIONE INDIETRO CON 1/2 AVVITAMENTO RONDATA + SALTO CARPIO DIVARICATO FLIC FLAC INDIETRO RONDATA + FLIC FLAC INDIETRO SALTO GIRO INDIETRO RACCOLTO RONDATA + SALTO GIRO INDIETRO SALTO GIRO INDIETRO CARPIATO RONDATA + SALTO IND. CON 1/2 AVVITAM. (180 ) RONDATA + TWIST TWIST RONDATA + SALTO IND. CON 1 AVVITAMENTO (360 ) SALTO IND. CON 1 AVVITAMENTO (360 ) - Ogni ginnasta deve eseguire due salti differenti (1 avanti e 2 indietro) tra quelli proposti nella griglia. - La I categoria (G-A) dovrà eseguire i salti del gruppo AVANTI con rincorsa sulla panca (lungh. m. 3) con mini trampolino in piano. - La II e III categoria dovrà eseguire i salti del gruppo AVANTI con rincorsa libera al suolo con mini trampolino inclinato di 10 /15. - Tutte le categorie dovranno eseguire i salti del gruppo INDIETRO da fermi o con un rimbalzo (penalità per ulteriori rimbalzi p. 0,30) oppure con rondata dalla panca (lungh. m. 3) con mini trampolino in piano. - Il tappetone della zona di arrivo dovrà avere un altezza di cm 40/50. - Non si possono eseguire rincorse o partenze da fermi supplementari. In caso di rincorsa o arresto dopo il/i rimbalzi falliti il salto sarà considerato NULLO.

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2012/2013 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Il Campionato Nazionale Serie A è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D., alle ex-ginnaste federali che, da almeno

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società USCITE STAGGIO GIRI/SLANCI ENTRATE PARALLELE CAMPIONATO GOLD Saltare all'appoggio ritto frontale Kippe infilata con 1 gamba: infilata in presa poplitea Capovolta dietro all appoggio ritto frontale (partenza

Dettagli

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE ANNO SPORTIVO 2012/2013 GIOVANISSIME: 2006-2005-2004 ALLIEVE: 2003-2002-2001 JUNIOR:

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE. Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE. Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO Alfonso Luigi Venosi - Presidente Comitato Provinciale Via A. Barone 26, 84129 Salerno

Dettagli

Campionato Nazionale di Eccellenza

Campionato Nazionale di Eccellenza Coordinamento Nazionale Ginnastica Artistica Prof. Mario Pappagallo Campionato Nazionale di Eccellenza A cura di Cinzia Pennesi Ginevra Civiletti Tiziana Di Nitto Alice Grecchi Ilenia Oberni Componenti

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Artistica Femminile

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Artistica Femminile Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Artistica Femminile In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico TROFEO

Dettagli

Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile

Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile I programmi tecnici sono stati formulati sul nuovo ordinamento del C.d.P. CSAIN sono suddivisi in settori in base alla difficoltà tecnica: SETTORE

Dettagli

Ginnastica Artistica 2015-2019 QUADRIENNIO 2015 2019 C.S.A.IN.

Ginnastica Artistica 2015-2019 QUADRIENNIO 2015 2019 C.S.A.IN. Ginnastica Artistica 2015-2019 Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile I programmi tecnici sono stati formulati sul nuovo ordinamento del C.d.P. CSAIN sono suddivisi in settori in base alla

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE IN CONTATTO CON I PIEDI IN CONTATTO CON LE MANI IN CONTATTO CON MANI E PIEDI (andature quadrupediche) IN ACQUA Parte 2d (Disegni di elementi di slancio) p.

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DI GINNASTICA

FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DI GINNASTICA Newsletter del CTF N. 31 Mrs. Nelly Kim, Presidente del Comitato Tecnico Minsk (BLR) / Lausanne (SUI), Febbraio 2011 A: Tutte le Federazioni I. Dopo i Campionati del Mondo di Rotterdam (NED) 2010, il CTF

Dettagli

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA SETTORE GINNASTICA SEZIONE GINNASTICA RITMICA XXIV Campionato di Coreografia XVII Trofeo Internationalgym Trofeo Arcobaleno Arcobimbe

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS

REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS La Libertas nazionale in collaborazione con l ASD SCFTITALIA indice ed organizza per l anno sportivo 2013/14 le attività riservata alla Ginnastica ritmica.

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

FIG FLACK HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE

FIG FLACK HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE FIG FLACK Help Desk GAF 5º Edizione - Marzo 2015 Indice: Questo documento denominato Help Desk di Ginnastica Artistica Femminile intende chiarire ed esemplificare le diverse norme del Codice dei Punteggi

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Ritmica

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Ritmica Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana TROFEO ARCOBALENO Palestra CS Collelasalle, Roma

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Ginnastica Artistica Regolamento 1 Consiglio Provinciale Varese CAMPIONATO NAZIONALE FASE PROVINCIALE Ginnastica Artistica Regolamento La manifestazione è aperta

Dettagli

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1 CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1 REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Artistica 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette

Dettagli

FIG FLACK! HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE. 4º Edizione - Gennaio 2014

FIG FLACK! HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE. 4º Edizione - Gennaio 2014 Help Desk GAF 4º Edizione - Gennaio 2014 Indice: Sezioni 2-6 Sezione 7 1 6 Questo documento denominato Help Desk di Ginnastica Artistica Femminile intende chiarire ed esemplificare le diverse norme del

Dettagli

SCHEMA DELLA DIVISIONE STRUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLANCIO LEGENDA

SCHEMA DELLA DIVISIONE STRUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLANCIO LEGENDA SCHEMA DELLA DIVISIONE SUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLCIO LEGENDA Attitudini Atteggiamenti SOSP VOLO FLESSO SQUAD TESO Attitudine di appoggio Attitudine di sospensione Attitudine di volo Atteggiamento flesso

Dettagli

ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015

ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015 DIREZIONE TECNICA NAZIONALE GINNASTICA per TUTTI ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015 Aggiornato al 23 gennaio 2015 ATTIVITA (a Squadre) FASCIA ETA RAPPRESENTATIVA PROGRAMMA TECNICO E DOCUMENTAZIONE

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016

QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016 QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Forme Basilari della Ginnastica Artistica agli attrezzi, strumento molto utile sia per i neofiti che per gli appassionati,

Dettagli

PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk:

PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk: PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk: DIFFICOLTA : 1.1.1. Ciascuna Difficoltà corporea è contata una sola volta o isolata o come componente di una Difficoltà di Rotazione Multipla o Mista 1.8.1. Non può

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette dal Settore Ginnastica - Sezione Ginnastica Ritmica della Confsport Italia A.S.D., tutte

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE C DI SPECIALITÀ

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE C DI SPECIALITÀ Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Danza

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Danza REGOLAMENTO GENERALE Sezione Danza 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette dal Settore Ginnastica - Sezione Danza della Confsport Italia A.S.D., tutte le scuole, associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011. Daniela Delle Chiaie

CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011. Daniela Delle Chiaie GR CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011 Daniela Delle Chiaie D1 41 video HELP DESK precisazioni I^ Precisazione Pag. 15 1.4. riguardo a : 0,1 0,2 0,3 o più Simbolo errato della difficoltà corporea

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Lega Nazionale Pattinaggio GRUPPI FOLK NORME DI ATTIVITA EDIZIONE 2015. Ed. 10/2015 V2b

Lega Nazionale Pattinaggio GRUPPI FOLK NORME DI ATTIVITA EDIZIONE 2015. Ed. 10/2015 V2b Lega Nazionale Pattinaggio GRUPPI FOLK NORME DI ATTIVITA EDIZIONE 2015 Ed. 10/2015 V2b 1 Art. 1) PARTECIPAZIONE Possono partecipare alle categorie COMPETITIVE tutte le Società regolarmente affiliate alla

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B DI SPECIALITÀ

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B DI SPECIALITÀ Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Anno Sportivo 2014 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2014 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive Norme Tecniche 2014 Il documento intende presentare il panorama completo delle attività proposte dai Calendari Federali in modo che gli interessati a queste possano identificare, attraverso la consultazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO Stagione Sportiva 2003/2004 Modalità di partecipazione: I prerequisiti per poter partecipare alle gare di nuoto per Disabili Intellettivi e Relazionali sono

Dettagli

Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari Attività Competitive Attività NON Competitive Attività competitive 2011 Gare di rappresentativa societaria Gare individuali Serie A Campionati Assoluti

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO 1 PREMESSA Nell ambito delle azioni dirette all innalzamento del livello qualitativo delle competizioni ed al miglioramento

Dettagli

Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013

Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013 Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica CAMPIONATO NAZIONALE GOLD Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013 AMMISSIONE Il Campionato

Dettagli

ENDAS NAZIONALE REGOLAMENTO

ENDAS NAZIONALE REGOLAMENTO ENDAS NAZIONALE SETTORE KARATE REGOLAMENTO 1 L ENDAS Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale, organizza i " Campionati Regionali ", fase preliminare, valida per la qualificazione alle " FINALI NAZIONALI

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 Articolo 1 - INTRODUZIONE 1. La Federazione Italiana Pallavolo indice per la stagione 2013 il Circuito

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale n 1 del 03/09/2015 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

Comitato Regionale Toscano

Comitato Regionale Toscano Comitato Regionale Toscano Calendario e Regolamento stagione invernale 2015/2016 CATEGORIA CAMPIONATI ASSOLUTI REGIONALI INVERNALI 5/6 Dicembre 2015 Livorno (piscina La Bastia) Sabato 5/12 pomeriggio 200SL

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE Roma, 02.10.2015 Prot. n. 619 Ai Comitati Regionali AICS Ai Comitati Provinciali AICS Alle Società di Ginnastica Artistica AICS ----------- Loro Sedi Oggetto: Campionato Nazionale di Ginnastica Artistica

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

Amatori (1978-1989) Master MM35 (1973/77) Master MF35 (1973/77) Master MM40 (1968/72) Master MF40 (1968/72) Master MM45 (1963/67)

Amatori (1978-1989) Master MM35 (1973/77) Master MF35 (1973/77) Master MM40 (1968/72) Master MF40 (1968/72) Master MM45 (1963/67) CAMPIONATO NAZIONALE LIBERTAS 2012 DI CORSA CAMPESTRE 63 LEVA NAZIONALE LIBERTAS MASCHILE DI CORSA CAMPESTRE 48 LEVA NAZIONALE LIBERTAS FEMMINILE DI CORSA CAMP ESTRE 19 TROFEO NAZ. LIBERTAS MASTER / AMATORI

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale n 1 del 04/08/2014 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

PATTINAGGIO ARTISTICO VARIAZIONE NORME ATTIVITA 2015

PATTINAGGIO ARTISTICO VARIAZIONE NORME ATTIVITA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO COMMISSIONE DI SETTORE ARTISTICO 00196 ROMA - VIALE TIZIANO, 74 - Tel.06-91684011 - www.fihp.org / e-mail - artistico@fihp.org COMUNICATO UFFICIALE N.66/2014 Roma,

Dettagli

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 PERCHE PROPORRE UN MODELLO DI MANIFESTAZIONI A SQUADRE E PERCORSI? Elaborare un modello di gara per bambini basato su tre requisiti fondamentali:

Dettagli

BOLZANO ON ICE. Associazione Sportiva Dilettantistica Pattinaggio Artistico. PALAONDA - Stadio del ghiaccio di Bolzano 31.gennaio.-01.

BOLZANO ON ICE. Associazione Sportiva Dilettantistica Pattinaggio Artistico. PALAONDA - Stadio del ghiaccio di Bolzano 31.gennaio.-01. ALTO ADIGE - SŰDTIROL ICE CUP DI PATTINAGGIO ARTISTICO PALAONDA - Stadio del ghiaccio di Bolzano 31.gennaio.-01.febbraio 2015 Trofeo nazionale categorie FREE ALTO ADIGE - SŰDTIROL ICE CUP DI PATTINAGGIO

Dettagli

Anno Sportivo 2015 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2015 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive orme Tecniche 2015 Il documento intende presentare il panorama completo delle attività proposte dai Calendari Federali in modo che gli interessati a queste possano identificare, attraverso la consultazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

TENNIS TAVOLO 2013-2014

TENNIS TAVOLO 2013-2014 TENNIS TAVOLO 2013-2014 Il Centro Sportivo Italiano, Comitato Provinciale di Milano, in collaborazione con SPORT-ORG snc, organizza l attività 2013/14 di Tennis Tavolo. 1 11 COPPA CSI PROVINCIALE INDIVIDUALE

Dettagli

Indice. Modulo 4. Modulo 5 III. Sport individuali 1. Unità 1 Atletica leggera 2. Sport di squadra 99

Indice. Modulo 4. Modulo 5 III. Sport individuali 1. Unità 1 Atletica leggera 2. Sport di squadra 99 III Indice Modulo 4 Sport individuali 1 Unità 1 Atletica leggera 2 1. Cenni storici 2 2. La struttura 3 3. Le corse veloci 5 Il velocista ideale 7 Le capacità motorie del velocista 8 Training La corsa

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO 5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO CON FORMULA A COLORI + HANDICAP E JOLLY PROGRAMMA E REGOLAMENTO ART. 1 ORGANIZZAZIONE Il Circolo Tennis A. Ronconi, indice ed organizza un Torneo Estivo di Tennis maschile e

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

13 CAMPIONATO INTERREGIONALE N U O T O

13 CAMPIONATO INTERREGIONALE N U O T O CONSIGLIO REGIONALE DI TOSCANA DIREZIONE TECNICA REGIONALE 13 CAMPIONATO INTERREGIONALE DI N U O T O 2 TAPPA CIRCUITO SPECIAL SWIMMERS Carrara 18 Gennaio 2015 Piscina di Carrara Via Sarteschi,1 tel. 0585/71419

Dettagli

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 Regolamento Pagina 1 di 8 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Swisslifter (per facilitarne la leggibilità, il

Dettagli

Campionato Regionale H2O UISP Campania 2015

Campionato Regionale H2O UISP Campania 2015 Al Presidente UISP Regionale Campania Ai Comitati Territoriali UISP Al Responsabile del GAN Campania Alle Società affiliate Campionato Regionale H2O UISP Campania 2015 Marina di Camerota (SA) - 14 Giugno

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Il cronometraggio sarà sia di tipo automatico con piastre e manuale.

Il cronometraggio sarà sia di tipo automatico con piastre e manuale. 19 TROFEO CITTA DI CREMA 20-21 - 22 Giugno 2014 VASCA RISCALDATA DA 50m A 8 CORSIE SCOPERTA INIZIO MANIFESTAZIONE VENERDÌ ORE 18.45 C/O CENTRO NATATORIO COMUNALE VIA INDIPENDENZA 97/A 26013 CREMA (CR)

Dettagli

Gara Nazionale. Che cos è il Sound Karate PROGRAMMA DELLA GARA

Gara Nazionale. Che cos è il Sound Karate PROGRAMMA DELLA GARA I CC Con il patrocinio del Comune di Mola di Bari Assessorato allo Sport L' A.S.D. Picca Karate Team Mola di Bari ORGANIZZA DOMENICA 20 Febbraio Febbraio 2011 ore 9.00 il 1 Trofeo Nazionale Sound Karate

Dettagli