Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società."

Transcript

1 LA TRASFORMAZIONE

2 Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società. Rimangono immutati però gli aspetti sostanziali: - attività; - soggetto economico; - rapporti con i terzi.

3 Nello svolgimento di una attività commerciale (articolo 2249 codice civile) la trasformazione avviene da un tipo a un altro delle seguenti società: società in nome collettivo; società in accomandita semplice; società a responsabilità limitata; società per azioni; società in accomandita per azioni. Le ragioni delle trasformazioni possono essere ricondotte alle seguenti: problematiche aziendali; responsabilità civilistica; disposizioni di legge; convenienza fiscale.

4 Da una sentenza della Cassazione ( n. 3790) La Trasformazione di una società commerciale da uno in altro dei tipi riconosciuti dalla legge non importa estinzione di un soggetto giuridico e correlativa creazione di un altro soggetto, in luogo di quello precedente, ma soltanto modificazione dell atto costitutivo, restando ferma l identità del soggetto titolare dei rapporti giuridici da esso costituiti anteriormente alla trasformazione.

5 TRASFORMAZIONE: Motivazioni

6 Tipo di trasformazione Da società di persone in società di capitali Da società di capitali in società di persone Vantaggi Limitazione responsabilità dei soci Maggior accesso a capitali di rischio Limitazione del rischio di impresa Necessità di dotarsi di una struttura patrimoniale adeguata in caso di aumento delle dimensioni dell attività Il fallimento della società non produce il fallimento dei soci Si adatta a strutture anche di grandi dimensioni Non è richiesto un capitale minimo Formalità ridotte Non è richiesto il deposito del bilancio civilistico Non è previsto un organo di controllo (collegio sindacale) Costi amministrativi sicuramente inferiori Si adatta a strutture di più modeste dimensioni Svantaggi Capitale minimo obbligatorio piuttosto elevato nelle S.p.a. e Sapa ( ) ( nelle S.r.l.) Formalità civilistiche maggiori quali redazione e deposito bilanci, necessità di avere il Collegio sindacale per le S.p.a. e S.a.p.a. (anche per le S.r.l. se superano determinate dimensioni) Costi di gestione superiori (si pensi alla presenza del collegio sindacale) Formalità contabili più numerose ed impegnative Difficoltà ad allargare la compagine sociale I soci sono illimitatamente responsabili (ad esclusione dei soci accomandanti di s.a.s.) Il fallimento della società produce automaticamente il fallimento di tutti i soci (esclusi gli accomandanti di s.a.s.)

7 Tipo di trasformazione Da s.n.c. a s.a.s. Vantaggi Possibilità di limitare la responsabilità per alcuni soci (accomandanti di s.a.s.). Il fallimento della s.a.s. non produce il fallimento dei soci accomandanti Svantaggi I soci accomandanti non possono essere amministratori. Da s.a.s. a s.n.c. Livellare la responsabilità di tutti i soci facendo diventare illimitatamente responsabili anche gli ex accomandanti delle s.a.s. Gli ex soci accomandanti della s.a.s. possono diventare amministratori della s.n.c. Il fallimento della società produce il fallimento di tutti i soci. Da s.r.l. in s.p.a. Adeguamento struttura societaria in caso di sviluppo dell attività. Possibilità di emettere prestiti obbligazionari. Possibilità di emettere azioni privilegiate. I soci rimangono limitatamente responsabili. Capitale sociale richiesto più elevato (minimo ) Obbligo del collegio sindacale Costi di gestione più elevati

8 Tipo di trasformazione Da s.p.a. in s.r.l. Vantaggi Capitale sociale richiesto inferiore a quello delle s.p.a. (per s.r.l. minimo e ) Si può utilizzare in caso di perdite che riducono il capitale sotto il minimo richiesto per le s.p.a. Non è richiesto il collegio sindacale se la s.r.l. ha un capitale sociale inferiore inferiore al minimo richiesto per le s.p.a. e non supera limiti dimensionali stabiliti Costi di gestione inferiori I soci continuano a mantenere la responsabilità limitata Svantaggi Le s.r.l. non possono emettere prestiti obbligazionari. Non è possibile emettere quote con diritti diversi. L immagine della società è più modesta rispetto a quella di una s.p.a.

9 Tipo di trasformazione Da s.r.l. o s.p.a. in s.a.p.a. Da s.a.p.a. in s.r.l. o s.p.a. Vantaggi Creare un amministratore o un gruppo di amministratori stabili (che sono i soci accomandatari delle s.a.p.a.). Possibilità di emettere prestiti obbligazionari ( le s.r.l. sono comunque abilitate ad emettere titoli di debito art c.c.). Continuare a mantenere la responsabilità limitata per un gruppo di soci (accomandanti di s.a.p.a.). Rendere tutti i soci limitatamente responsabili. Nella trasformazione in s.r.l. il capitale richiesto si riduce a Estensione della possibilità di essere amministratori anche a persone diverse dai soli soci accomandatari delle s.a.p.a. Si può utilizzare la trasformazione in s.r.l. quanto le perdite riducono il capitale sotto il minimo richiesto per le s.a.p.a. ( ) Svantaggi I soci accomandatari delle s.a.p.a. diventano illimitatamente responsabili. Capitale minimo delle s.a.p.a. uguale a quello delle s.p.a. ( ) Gli amministratori delle s.a.p.a. possono essere solo i soci accomandatari. La trasformazione da s.r.l. in s.a.p.a. obbliga al collegio sindacale a maggiori costi di gestione. Le s.r.l. non possono emettere prestiti obbligazionari e quote con diritti diversi. La trasformazione in s.r.l. comporta una più modesta immagine per la società. La trasformazione in s.p.a. non elimina il collegio sindacale e mantiene inalterati i costi di gestione.

10 LA NORMATIVA CIVILISTICA

11 ARTICOLI - ART ART ART. 2500, 2500-bis, 2500-ter, quater, 2500-quinquies, 2500-sexies, septies, 2500-octies e 2500-novies

12 ART Con la trasformazione l'ente trasformato conserva i diritti e gli obblighi e prosegue in tutti i rapporti anche processuali dell'ente che ha effettuato la trasformazione.

13 ART Può farsi luogo alla trasformazione anche in pendenza di procedura concorsuale, purché non vi siano incompatibilità con le finalità o lo stato della stessa.

14 ART La trasformazione in società per azioni, in accomandita per azioni o a responsabilità limitata deve risultare da atto pubblico. L atto pubblico: - deve contenere le indicazioni previste dalla legge per l'atto di costituzione del tipo adottato; - è soggetto alla disciplina prevista per il tipo adottato;- è soggetto alle forme di pubblicità relative, nonchè alla pubblicità richiesta per la cessazione dell'ente che effettua la trasformazione. La trasformazione ha effetto dall'ultimo degli adempimenti pubblicitari sopra indicati.

15 ART bis Eseguita la pubblicità di cui all'articolo precedente, l'invalidità dell'atto di trasformazione non può essere pronunciata. Resta salvo il diritto al risarcimento del danno eventualmente spettante ai partecipanti all'ente trasformato ed ai terzi danneggiati dalla trasformazione.

16 ART ter Salvo diversa disposizione del contratto sociale, la trasformazione di società di persone in società di capitali e' decisa con il consenso della maggioranza dei soci determinata secondo la parte attribuita a ciascuno negli utili. Al socio che non ha concorso alla decisione spetta il diritto di recesso. Il capitale della società risultante dalla trasformazione deve: - essere determinato sulla base dei valori attuali degli elementi dell'attivo e del passivo; - risultare da relazione di stima redatta a norma dell'articolo 2343 o, nel caso di società a responsabilità limitata, dell'articolo Si applicano altresì, nel caso di società per azioni o in accomandita per azioni, il secondo, terzo e, in quanto compatibile, quarto comma dell'articolo 2343, relativo a: - responsabilità dell'esperto per i danni causati alla società; - obbligo di controllo delle valutazioni da parte degli amministratori entro centottanta giorni dall'iscrizione della società e eventuale revisione delle valutazioni

17 ART quater Nel caso previsto dall'articolo 2500-ter, ciascun socio ha diritto all'assegnazione di un numero di azioni o di una quota proporzionale allasua partecipazione, salvo quanto disposto dai commi successivi. Il socio d'opera ha diritto all'assegnazione di un numero di azioni o di una quota in misura corrispondente alla partecipazione che l'atto costitutivo gli riconosceva precedentemente alla trasformazione o, in mancanza, d'accordo trai soci ovvero, in difetto di accordo, determinata dal giudice secondo equità. Nelle ipotesi di cui al comma precedente, le azioni o quote assegnate agli altri soci si riducono proporzionalmente.

18 ART quinquies La trasformazione non libera i soci a responsabilità illimitata dalla responsabilità per le obbligazioni sociali sorte prima degli adempimenti previsti dal terzo comma dell'articolo 2500, se non risulta che i creditori sociali hanno dato il loro consenso alla trasformazione. Il consenso si presume se i creditori, ai quali la deliberazione di trasformazione sia stata comunicata per raccomandata o con altri mezzi che garantiscano la prova dell'avvenuto ricevimento, non lo hanno espressamente negato nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione.

19 ART sexies Salvo diversa disposizione dello statuto, la deliberazione di trasformazione di società di capitali in società di persone è adottata con le maggioranze previste per le modifiche dello statuto. È comunque richiesto il consenso dei soci che con la trasformazione assumono responsabilità illimitata. Gli amministratori devono predisporre una relazione che illustri le motivazioni e gli effetti della trasformazione. Copia della relazione deve restare depositata presso la sede sociale durante i trenta giorni che precedono l'assemblea convocata per deliberare la trasformazione; i soci hanno diritto di prenderne visione e di ottenerne gratuitamente copia. Ciascun socio ha diritto all'assegnazione di una partecipazione proporzionale al valore della sua quota o delle sue azioni. I soci che con la trasformazione assumono responsabilità illimitata,rispondono illimitatamente anche per le obbligazioni sociali sorte anteriormente alla trasformazione.

20 ART septies Le società disciplinate nei capi V, VI, VII del presente titolo possono trasformarsi in consorzi, società consortili, società cooperative, comunioni di azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni. Si applica l'articolo 2500-sexies, in quanto compatibile. La deliberazione deve essere assunta con il voto favorevole dei due terzi degli aventi diritto, e comunque con il consenso dei soci che assumono responsabilità illimitata. La deliberazione di trasformazione in fondazione produce gli effetti che il capo II del titolo II del Libro primo ricollega all'atto di fondazione o alla volontà del fondatore.

21 ART octies I consorzi, le società consortili, le comunioni d'azienda, le associazioni riconosciute e le fondazioni possono trasformarsi in una delle società disciplinate nei capi V, VI e VII del presente titolo. La deliberazione di trasformazione deve essere assunta, nei consorzi, con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consorziati; nelle comunioni di aziende all'unanimità; nelle società consortili e nelle associazioni con la maggioranza richiesta dalla legge o dall'atto costitutivo per lo scioglimento anticipato. La trasformazione di associazioni in società di capitali può essere esclusa dall'atto costitutivo o, per determinate categorie di associazioni,dalla legge; non è comunque ammessa per le associazioni che abbiano ricevuto contributi pubblici oppure liberalità e oblazioni del pubblico. Il capitale sociale della società risultante dalla trasformazione è diviso in parti uguali fra gli associati, salvo diverso accordo tra gli stessi. La trasformazione di fondazioni in società di capitali è disposta dall'autorità governativa, su proposta dell'organo competente. Le azioni o quote sono assegnate secondo le disposizioni dell'atto di fondazione o, in mancanza, dell'articolo 31.

22 ART novies In deroga a quanto disposto dal terzo comma dell'articolo 2500, la trasformazione eterogenea ha effetto dopo sessanta giorni dall'ultimo degli adempimenti pubblicitari previsti dallo stesso articolo, salvo che consti il consenso dei creditori o il pagamento dei creditori che non hanno dato il consenso. I creditori possono, nel suddetto termine di sessanta giorni, fare opposizione. Si applica in tal caso l'ultimo comma dell'articolo 2445.

23 A DA Società di Persone Società di Capitali Società Di Persone Società Di Capitali Società Cooperative SI SI SI SI SI SI Società Cooperative NO NO -

24 LA TRASFORMAZIONE DA SOCIETÀ DI PERSONE A SOCIETÀ DI CAPITALI

25 DA SOC.DI PERSONE A SOC. DI CAPITALI è esplicitamente disciplinata dal c.c. è necessario l atto pubblico (notaio) atto costitutivo conforme al nuovo tipo di società adottato quorum deliberativo: art c.c. : <<consenso di tutti i soci se non è convenuto diversamente>> in caso di ammissione di quorum inferiore è riconosciuto ai soci dissenzienti il diritto di recesso per giusta causa (art c.c.)

26 Il socio uscente sarà liquidato sulla base di quanto previsto dall art c.c.: - entro 6 mesi dal giorno in cui il socio esce dalla società; - sulla base della situazione patrimoniale della società del giorno di uscita, tenuto conto delle operazioni in corso;

27 Allegati all atto costitutivo: - perizia di stima del patrimonio richiesta dall art ai sensi dell art. 2343; - statuto sociale; - eventuali autorizzazioni per l esercizio particolari attività;

28 Versamento del 25% del capitale sociale della società di persone che si trasforma in società di capitali? - secondo orientamento prevalente:non necessario - solo nel caso di trasformazione con aumento di capitale sociale con versamento in contanti

29 PROCEDURA ATTO DI TRASFORMAZIONE TRASCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE COMUNICAZIONE DELLA TRASFORMAZIONE ALLA C.C.I.A.A., AGENZIA DELLE ENTRATE

30 LA STIMA DEL PATRIMONIO AZIENDALE obbligatoria per trasformazioni da società di persone a società di capitali deve garantire i creditori deve verificare che il patrimonio netto esposto trovi reale capienza nel valore dei beni dell attivo dedotto il passivo CONTENUTO: situazione patrimoniale completa e analiticamente strutturata (elencazione di tutti i beni, descrizione, valore) indicazione dei criteri seguiti

31 Obbligatoria anche quando il patrimonio presenta solo beni liquidi e non beni in natura e crediti? SI,in quanto art ter parla di stima del patrimonio sociale ; il rinvio all art riguarda le formalità e le procedure da seguire (istanza al tribunale per nomina perito, intervento amministratori e sindaci ). Per le s.r.l. si rinvia invece all art c.c. che prevede minori obblighi procedurali (non necessario l intervento del tribunale nella nomina del perito).

32 VALORI DI PERIZIA DIVERSI DAI VALORI CONTABILI

33 SI EVIDENZIANO I SEGUENTI CASI: VALORE DI STIMA INFERIORE AL VALORE CONTABILE: VALORE DI STIMA SUPERIORE AL VALORE CONTABILE: SI DEVE RECEPIRE IL MINORE VALORE CORRENTE SI MANTIENE IL VALORE CONTABILE

34 Occorre considerare il valore dei singoli beni anche se il netto patrimoniale della perizia è superiore al netto contabile.

35 LA TRASFORMAZIONE DA SOCIETÀ DI CAPITALI A SOCIETÀ DI PERSONE

36 DA SOC. DI CAPITALI A SOC. DI PERSONE Comporta modifica atto costitutivo: volontà espressa con il quorum e le formalità dell assemblea straordinaria.

37 S.P.A. E S.A.P.A.: assemblea convocata con avviso pubblicato sulla g.u. almeno 15 gg. prima di quello fissato per l adunanza; in alternativa: assemblea totalitaria; occorre l intervento del notaio per redigere l atto;

38 Quorum: 1a convocazione: più della metà del capitale sociale (50% + 1). 2a convocazione: 1/3 del capitale sociale e almeno i 2/3 del capitale rappresentato in assemblea. in ogni caso è necessario il consenso unanime di tutti i soci che accettano di diventare illimitatamente responsabili.

39 S.R.L.: convocazione comunicata almeno 8 gg. prima dell adunanza assemblea straordinaria delibera col voto favorevole di almeno 1/2 del capitale sociale

40 TRASFORMAZIONE: IMPOSTAZIONI CONTABILI

41 Il semplice cambiamento di forma giuridica non richiede particolari obblighi contabili. La contabilità può essere continuata sugli stessi libri della società trasformanda TUTTAVIA

42 È opportuno procedere alla chiusura in partita doppia della società trasformanda e aprirne una nuova per la società trasformata al fine di predisporre uno Stato Patrimoniale e determinare il risultato economico sino al giorno della trasformazione.

43 L opportunità di redigere un bilancio di confine tra le due forme giuridiche diviene necessità quando si passa da un soggetto IRE ad uno IRES (o viceversa).

44 TRASFORMAZIONE: RILEVAZIONI CONTABILI

45 Nel conto rettifiche di trasformazione affluisce: - annullamento poste attive (es.immobilizzazioni) - annullamento poste passive (es. f.do manutenzione) - adeguamento attività/passività a valori di perizia E un conto transitorio confluisce nel capitale netto di trasformazione

46 Il C.N. di trasformazione ha natura di netto patrimoniale ed è costituito da: - saldi dei conti del netto della trasformanda - saldo del conto rettifiche di trasformazione

47 S.P. S.N.C. IMMOBILIZ RIMANENZE CREDITI CASSA TOTALE DEBITI F.DO AMM.TO C.S UTILE 500 TOTALE S.P. SNC A VALORI DI PERIZIA IMMOBILIZ RIMANENZE CREDITI CASSA TOTALE DEBITI F.DO AMM.TO C.N. DI TRASFORM TOTALE

48 SCRITTURE SOCIETÀ TRASFORMANDA HP RECEPIMENTO VALORI PERIZIA IMMOBILIZZAZIONI A RETTIF. DI TRASFORM RETTIF.DI TRASFORM. A CREDITI DIVERSI A C.N. DI TRASFORMAZ C.S UTILE 500 RETTIF. DI TRASF DIVERSI A DIVERSI DEBITI F.DO AMM.TO SOCIO A SOCIO B IMMOBILIZ RIMANENZE CREDITI CASSA C.N. DI TRASFORM A DIVERSI SOCIO A SOCIO B 5.200

49 SCRITTURE APERTURA POST TRASFORMAZIONE DIVERSI A DIVERSI IMMOBILIZ RIMANEN CREDITI CASSA DEBITI F.DO AMM.TO SOCI EX SNC C/APPORTI SOCI EX SNC C/APPORTI A C.S

50 SCRITTURE SOCIETÀ TRASFORMANDA HP NON RECEPIMENTO VALORI PERIZIA RETTIF. DI TRASF. A CREDITI DIVERSI A DIVERSI C.S UTILE 500 RETTIF. DI TRASF. 100 C.N. DI TRASFOR DIVERSI DEBITI F.DO AMM.TO SOCIO A SOCIO B A DIVERSI IMMOBILIZ RIMANENZE CREDITI CASSA C.N. DI TRASF A DIVERSI SOCIO A SOCIO B 3.950

51 SCRITTURE APERTURA POST TRASFORMAZIONE DIVERSI A DIVERSI IMMOBILIZ RIMANENZE CREDITI CASSA DEBITI F.DO AMM.TO SOCI EX SNC C/APPORTI SOCI EX SNC C/APPORTI A C.S

52 TRASFORMAZIONE: MOTIVAZIONI FISCALI

53 DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETA DI CAPITALI ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI SOCIETA DI CAPITALI (SOGGETTI IRES) ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI IMPRENDITORE INDIVIDUALE E SOCIETA DI PERSONE (SOGGETTI IRE IMPRESE) PERSONE FISICHE NON IMPRENDITORI Concorre alla formazione del reddito il 5% del dividendo (Art. 89) Concorre alla formazione del reddito il 40% del dividendo (Art. 59) Se derivano da partecipazioni qualificate Tassazione del 40% (Art. 47, 1 comma) Se derivano da partecipazioni non qualificate Tassazione nella forma della ritenuta a titolo d imposta del 12,5% Azioni o Quote che rappresentano diritti di voto nell assemblea ordinaria superiori al 20% (2% se società quotata) Azioni o Quote che rappresentano una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 25% (5% se società quotata) Azioni o Quote pari o inferiori ai predetti limiti

54 TRASFORMAZIONE: DISCIPLINA FISCALE

55 NORMATIVA

56 NORMATIVA DPR 917/86 ARTICOLO 170 Comma 1 La trasformazione della società non costituisce realizzo né distribuzione delle plusvalenze e minusvalenze dei beni, comprese quelle relative alle rimanenze e il valore di avviamento. Comma 2 In caso di trasformazione: - DA società soggetta all Imposta sul reddito delle società A società non soggetta a tale imposta; - DA società non soggetta all Imposta sul reddito delle società A società soggetta a tale imposta; il reddito del periodo compreso tra: - l inizio del periodo d imposta - la data in cui ha effetto la trasformazione è determinato secondo le imposizioni applicabili prima della trasformazione in base alle risultanze di apposito conto economico.

57 NORMATIVA DPR 917/86 ARTICOLO 170 Comma 3 Trasformazione: DA una società NON soggetta all imposta sul reddito delle società A società soggetta a tale imposta le riserve: - costituite prima della trasformazione con utili imputati ai soci a norma dell articolo 5 del T.u.i.r. ; - iscritte in bilancio dopo la trasformazione con indicazione della loro origine; A) NON concorrono a formare il reddito dei soci in caso si distribuzione; B) Se imputate a capitale sociale, la successiva delibera di riduzione del capitale esuberante non è considerata distribuzione di utili.

58 NORMATIVA DPR 917/86 ARTICOLO 170 Comma 4 Trasformazione: DA una società soggetta all imposta sul reddito delle società A società NON soggetta a tale imposta le riserve costituite prima della trasformazione sono imputate ai soci, a norma dell articolo 5: A) nel periodo di imposta in cui vengono distribuite o utilizzate per scopi diversi dalla copertura di perdite d esercizio, se dopo la trasformazione siano iscritte in bilancio con indicazione della loro origine. B) nel periodo di imposta successivo alla trasformazione, se non siano iscritte in bilancio o vi siano iscritte senza la detta indicazione. Tali riserve sono assoggettate ad imposta secondo il regime applicabile alla distribuzione delle riserve delle società di capitali.

59 DETERMINAZIONE DELL IMPONIBILE FISCALE La trasformazione della società è fiscalmente irrilevante sul reddito della stessa TUTTAVIA Società di Persone Trasferimento dei redditi Pro-Quota ai soci (e conseguente imposizione in capo agli stessi), per il principio di trasparenza. Società di Capitali Assolvimento in proprio dell imposta sui redditi delle società, salvo opzione della tassazione per trasparenza. Per entrambi i tipi di società si applica in ogni caso l IRAP, con l aliquota fissa del 4,25% calcolata su una base imponibile che, pur partendo dai principi base di calcolo dell imposta sui redditi delle società, non tiene conto dei seguenti componenti: - costi del personale; - proventi e oneri fiscali; - proventi e oenri straordinari.

60 DI CONSEGUENZA - la trasformazione da Società di Persone a Società di Capitali ( e viceversa) determina una radicale modifica del sistema di tassazione dell imponibile. - la trasformazione causa l insorgenza di due distinti periodi di imposta, per ciascuno dei quali la società è soggetta all imposizione confacente.

61 LA TASSAZIONE PER TRASPARENZA NELLE SOCIETA DI CAPITALI

62 Le Società di Capitali possono optare per la Tassazione per Trasparenza, ottenendo un trattamento del tutto simile a quello delle Società di Persone. La Tassazione per Trasparenza interviene per opzione del contribuente, solo se esistono le condizioni indicate di seguito. L opzione è irrevocabile per 3 esercizi e deve essere comunicata all amministrazione finanziaria entro il primo dei tre esercizi.

63 L opzione per Trasparenza fiscale riguarda 2 tipi di Società di Capitali: 1 Tutte le Società di Capitali che abbiano contemporaneamente le seguenti condizioni: - tutti i soci a loro volta Società di Capitali residenti in Italia (oppure, soci a loro volta Società di Capitali non residenti in Italia, purché non ci sia l obbligo di effettuare ritenute sugli utili distribuiti); - partecipazione agli utili di ciascun socio non inferiore al 10% e non superore al 50%; - i soci partecipanti non devono usufruire di un aliquota IRES ridotta; - la società che chiede la Tassazione per Trasparenza non deve aver optato per il consolidato nazionale o mondiale. 2 Tutte le Società a responsabilità limitata che abbiano contemporaneamente le seguenti condizioni: - tutti i soci esclusivamente persone fisiche; - numero dei soci non superiore a 10; - ricavi non superiori al limite previsto per l applicazione degli studi di settore (attualmente pari a in fase di revisione a 7,5 Milioni); - partecipazione non posseduta dal socio come immobilizzazione finanziaria esente da imposta.

64 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

65 Titoli Percipiente Qualificazione Imposizione Azioni o quote Azioni di risparmio Azioni non di risparmio o quote Qualsiasi Qualsiasi Qualsiasi Persone fisiche private residenti in Italia Soggetti residenti all'estero Soggetti residenti all'estero Soggetti esenti da Ires Persone fisiche private residenti in Italia Imprenditori individuali e società di persone Partecipazione al capitale non superiore al 20% (2% per quotate) Ritenuta 12,5% a titolo di imposta * Ritenuta 12,5% a titolo di imposta * Ritenuta 27% a titolo di imposta Qualsiasi Partecipazione al capitale non superiore al 20% (2% per quotate) Qualsiasi Ritenuta 27% a titolo di imposta Inclusione del 40% dell'ammontare percepito nell'imponibile del percipiente Inclusione del 40% dell'ammontare percepito nel reddito di impresa del percipiente Qualsiasi Società di capitali ed enti commerciali Qualsiasi Inclusione del 5% dell'ammontare percepito nel reddito di impresa del percipiente

66 Sono quindi soggetti all obbligo di dichiarare gli utili percepiti i seguenti soci: - persone fisiche private che possiedono una partecipazione qualificata; - persone fisiche che possiedono una partecipazione nell ambito di un impresa individuale; - Società di Persone; - Società di Capitali.

67 DICHIARAZIONE DEI REDDITI

68 TRASFORMAZIONE FRA DIVERSI TIPI DI SOCIETÀ DI CAPITALI / TRASFORMAZIONE FRA DIVERSI TIPI DI SOCIETÀ DI PERSONE Non è obbligatorio redigere un bilancio/dichiarazione alla data di trasformazione. È comunque opportuno redigere un bilancio quando si modificano le responsabilità fra soci (passaggio da s.n.c. a s.a.s. o viceversa; passaggio da s.r.l./s.p.a. a s.a.p.a. o viceversa).

69 Pertanto: - si realizza una CONTINUITÀ del periodo di imposta, sia contabile sia fiscale; - la società trasformata deve presentare una sola dichiarazione dei redditi nei termini ordinari, relativa all'intero esercizio, determinando un unico reddito che comprende i due sotto periodi (prima e dopo la trasformazione). Eccezione: Quanto detto non vale in caso di adozione del regime di tassazione per trasparenza, qualora le condizioni cambino a seguito della trasformazione. Eccezione: Quanto detto non vale in caso di adozione del regime di tassazione per trasparenza, qualora le condizioni cambino a seguito della trasformazione. Di conseguenza: si applicano i criteri previsti per la trasformazione da società di capitali in società di persone e viceversa. Esempio: - Periodo ante trasformazione: S.r.l. in regime di trasparenza; - Periodo post trasformazione: S.p.a. non ammessa al regime di trasparenza.

70 TRASFORMAZIONE DA SOCIETÀ DI CAPITALI A SOCIETÀ DI PERSONE E VICEVERSA Formazione di due periodi di imposta differenti: PERIODO 1 - dall'inizio dell'esercizio alla data di effetto della trasformazione PERIODO 2 - dalla data di effetto della trasformazione alla fine dell'esercizio. In seguito si analizzano nello specifico le problematiche connesse a quest'ultima tipologia di trasformazione.

71 TRASFORMAZIONE DI SOCIETÀ DI PERSONE IN SOCIETÀ DI CAPITALI Divisione in periodi di imposta Il reddito va ripartito per ciascuno dei due periodi di imposta (prima e dopo la trasformazione), per tener conto del diverso regime di determinazione delle imposte fra società di persone e di capitali. Si presentano due dichiarazioni dei redditi: - per la società trasformanda, da presentarsi entro l'ultimo giorno del decimo mese successivo a quello in cui ha effetto la trasformazione (dall'anno prossimo ridotto al settimo mese); - per la società trasformata, da presentarsi nei termini ordinari. Non vanno istituiti nuovi libri e registri contabili. I due periodi di imposta sono soggetti alle normali regole sul reddito di impresa, per cui devono essere determinati tutti gli assestamenti ai fini della determinazione del reddito per competenza economica.

72 TRASFORMAZIONE DI SOCIETÀ DI PERSONE IN SOCIETÀ DI CAPITALI Riserve pregresse Distribuzione di riserve costituite prima della trasformazione con utili già tassati in capo ai soci non si procede a tassazione. Condizioni: - le riserve devono risultare iscritte nel bilancio della società trasformata; - deve indicarsi che sono "ante tassazione". La distribuzione non è tassata neppure se le riserve vengono imputate ad aumento di capitale sociale e successivamente vengono distribuite ai soci per riduzione di capitale esuberante.

73 TRASFORMAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI IN SOCIETÀ DI PERSONE Divisione in periodi di imposta Vale quanto detto per il caso precedente a proposito della divisione dell'esercizio in due periodi fiscali.

74 TRASFORMAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI IN SOCIETÀ DI PERSONE Riserve pregresse 1) Riserve conferite originariamente dai soci (fondo sovrapprezzo azioni, versamenti dei soci in conto capitale) rimangono nel bilancio della trasformata e non sono mai tassate. 2) Riserve ante-trasformazione (escluse quelle indicate al punto precedente) iscritte separatamente in bilancio, con indicazione della provenienza sono tassate in capo ai soci nel periodo di imposta in cui alternativamente: - sono distribuite; - sono utilizzate per qualsiasi scopo, ad eccezione della copertura perdite. 3) Riserve ante-trasformazione (escluse quelle indicate al primo punto) non iscritte separatamente in bilancio la tassazione avviene nel periodo di imposta successivo alla trasformazione. Stesso trattamento qualora la società trasformata adotti il regime di contabilità semplificata.

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese di Claudio Venturi Sommario: - 1. Soggetti obbligati. 1.1. Consorzi. 1.2. Consorzi di garanzia

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI COMMISSIONE DI STUDIO FISCALITA, CONTENZIOSO E RAPPORTI CON L AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA L UTILIZZO DELLE PERDITE D IMPRESA NELLA NORMATIVA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli