La progettazione degli esperimenti (DOE) mediante l uso delle matrici ortogonali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La progettazione degli esperimenti (DOE) mediante l uso delle matrici ortogonali"

Transcript

1 La progettazione degli esperimenti (DOE) mediante l uso delle matrici ortogonali Anno Accademico

2 1 Introduzione Glossario La sperimentazione campione: la saldatura laser ad alta potenza Il campo sperimentale di applicazione La tecnologia del processo Concetti di base, La determinazione dei fattori oggetto di indagine La costruzione delle matrici degli esperimenti Esperimenti con fattori a 2 livelli La misura dell esperimento: la funzione obiettivo La costruzione della funzione obiettivo L introduzione dei fattori esterni Passi dell applicazione Brainstorming, formulazione del problema Pianificazione dell esperimento Conduzione dell esperimento Analisi dei risultati Valutazione dei fattori esterni analisi della varianza Analisi mediante la deviazione standard Analisi mediante il rapporto S/n Previsione dell ottimo delle prestazioni Accuratezza degli esperimenti con l uso di matrici ortogonali Lo studio delle interazioni Esperimenti progettati per lo studio di interazioni Impostazione dell esperimento L analisi delle interazioni Indagine sulla presenza di interazioni Il "Severity Index" L'adozione di colonne dedicate Azioni da condurre in caso di interazione Conclusioni Pag. 2 di 44

3 1 Introduzione Nei progetti di sviluppo di prodotto e nella messa a punto dei processi industriali, la realizzazione di prove sperimentali rappresenta quasi sempre una fonte notevole di costi, sia come impiego di tempo che di risorse umane e materiali. Infatti, lo studio e la sperimentazione effettuata su sistemi complessi, che quindi presentano numerosi parametri di funzionamento e diversi fattori che influiscono sulle loro prestazioni, richiede generalmente tempi lunghi e risorse notevoli, specie affrontando l influenza dei singoli fattori singolarmente; inoltre, uno studio così condotto non porta necessariamente a risultati significativi, con forte rischio di perdita degli investimenti fatti. Il DOE (Design Of Experiments) è un metodo di approccio alla progettazione ed organizzazione degli esperimenti, mediante il quale è possibile analizzare in modo sistematico la natura, gli obiettivi, gli elementi significativi degli esperimenti e dei processi su cui operano, e poter così finalizzare le prove sperimentali alla massima efficacia. Mediante una ragionata applicazione delle tecniche del DOE, è quindi possibile ridurre drasticamente i costi della realizzazione di prove sperimentali, e operando su prove pianificate correttamente è possibile ottenere risultati ricchi di informazioni, anche in considerazione delle semplici tecniche di analisi statistica che il DOE ha fatto proprie. In particolare, attraverso l adozione delle matrici ortogonali e del metodo di Taguchi, è possibile con l ausilio di semplici strumenti indagare su un largo numero di parametri e, con l applicazione di appropriate metodologie statistiche, ottenere valutazioni importanti sul comportamento del sistema con un minimo numero di prove sperimentali. La progettazione degli esperimenti con l applicazione del metodo di Taguchi può essere inoltre un valido strumento nella ricerca di continui miglioramenti della qualità dei prodotti e dei processi: attraverso la sperimentazione si possono identificare i fattori che più influenzano la qualità e le prestazioni dei prodotti stessi, selezionare per essi dei valori ottimizzati e, seguendo i paradigmi del Robust Design, rendere i prodotti stessi più stabili nel loro comportamento rispetto all influenza delle variabili esterne ed incontrollabili. 2 Glossario Nell ambito del DOE utilizzeremo un insieme di termini specifici, analogamente a quanto riportato in letteratura: Fattore: ogni grandezza caratteristica di un fenomeno fisico e tecnologico che influisce sul suo rendimento. Viene di seguito chiamato anche Parametro. Rispetto al contesto in cui l esperimento viene effettuato, i fattori possono essere di due tipi: Pag. 3 di 44

4 Controllabili: sono quelli per i quali è possibile definirne i valori a priori, come input dell esperimento stesso. Parametri controllabili possono essere considerati le dimensioni geometriche, le variabili caratteristiche del processo, i materiali impiegati. Non controllabili: sempre con riferimento all ambito sperimentale, sono quei fattori che possono modificarsi durante il funzionamento del prodotto o del processo, ma non fanno parte (per scelta costruttiva, operativa o per impossibilità oggettiva) delle variabili controllate. Parametri non controllabili (rumore, disturbi) possono considerarsi le variabili ambientali, il deterioramento del prodotto, le imperfezioni dei componenti di produzione. Rispetto alle grandezze rappresentate, i fattori possono inoltre essere: continui, ai quali possiamo far assumere qualsiasi valore per i livelli che vogliamo prendere in considerazione. Rientrano in questa tipologia le grandezze fisiche ( temperatura pressione, etc.) e di dimensione (volumi, fatotri di forma, etc.) discreti, per i quali si assumono valori noti per ciascun livello (indici di merito, scelte costruttive, materiali diversi, ruote dentate, etc.) Livello: indica ciascun valore del fattore o parametro considerato, con riferimento ad unità di misura e modalità di misurazione per le grandezze fisiche, a scelte tecniche o costruttive, oppure a indici di merito nel caso di parametri non direttamente misurabili (ad esempio: aspetto della superficie); Matrice degli esperimenti: in questo contesto, matrice avente sulle colonne i fattori presi in considerazione nell esperimento, e per ogni riga i livelli dei fattori adottati in ogni condizione di prova. Esperimento: indica in questo contesto l insieme delle prove riferibili alla matrice degli esperimenti. In un DOE è possibile avere uno o più esperimenti. Le condizioni di prova di ciascun esperimento sono indicate da quanto espresso nella matrice utilizzata. Condizioni di prova: sono quelle relative alla singola prova all interno dell esperimento complessivo: corrispondono ai valori(livelli) di una riga della matrice adottata. Funzione obiettivo: si indica con questo termine la funzione mediante la quale noi misureremo la prestazione del nostro prodotto o processo, combinando una o più grandezze attraverso coefficienti pesati. La forma tipica della funzione è del tipo: Y 0.3 cr1 0.2 cr2 0.2 cr3 0,3 cr4 laddove i termini cr1, cr2,... sono le grandezze misurate in output nelle diverse condizioni di prova. Risultati: nel caso di esperimenti progettati con una funzione obiettivo composta da una sola grandezza, si adotta anche la dizione, prestata dalla teoria dei sistemi, di risposta. Nel caso di funzione obiettivo composta dalla combinazione di più grandezze, si dà il nome di risultato al valore della combinazione in base ai coefficienti e alla formulazione della funzione obiettivo. Diagramma di processo: la funzione di un processo o di un prodotto può essere rappresentata come un sistema che richiede un input per produrre un output attraverso l uso di diversi fattori. Se l input non si modifica nel corso del tempo, siamo di fronte ad un sistema cosiddetto statico, mentre se l input è variabile, abbiamo un sistema dinamico. Pag. 4 di 44

5 3 La sperimentazione campione: la saldatura laser ad alta potenza Nella trattazione teorica che segue, è bene collegare i concetti di riferimento a casi pratici di progettazione degli esperimenti tratti dalla realtà industriale. E stato qui scelto di fare riferimento all applicazione del DOE nella saldatura laser ad alta potenza. L esempio sviluppato è particolarmente esaustivo, per vari motivi: la determinazione dei fattori nasce da un analisi accurata dei fenomeni fisici ed ingegneristici che sono alla base del funzionamento con tecnica laser; i fattori sono numerosi, e ciò consente di analizzare approfonditamente le valutazioni che sono alla base delle scelte di progettazione degli esperimenti; esistono diversi fattori esterni, inerenti a materiali e condizioni ambientali di funzionamento, che costituiscono materia di indagine ai fini del Robust Design la valutazione delle prestazioni nasce da un insieme di grandezze non omogenee, da considerare all interno di una funzione obiettivo complessa. Di seguito vengono riportate le informazioni che riguardano il campo sperimentale di applicazione e la tecnologia del processo, che saranno utile riferimento nella descrizione dei passi di applicazione del metodo. 4 Il campo sperimentale di applicazione La tecnologia laser nel campo della saldatura si è affermata in questi anni in molti settori dell industria allargando il suo campo di utilizzo, in origine limitato solo ad alcuni processi particolari. Infatti, dopo aver visto la sua introduzione limitatamente all impiego di laser Ni:Yag di bassa potenza per la saldatura di piccoli componenti, già da diverso tempo negli impianti robotizzati delle grandi linee di produzione in serie sono previsti impianti laser ad alta potenza (C0 2 ) per la saldatura di organi di trasmissione e lamiere estese e di alto spessore (ad esempio, nel settore automotive, parti di carrozzeria; nel settore navale, parti dello scafo). La diffusione di questa tecnologia è legata alla qualità della saldatura, che viene realizzata con un apporto termico molto basso e su zone più ristrette del materiale rispetto alle tecniche tradizionali, con distorsioni e conseguentemente tensioni residue ridotte, oltre ai vantaggi di una finitura di alta qualità, alla velocità di esecuzione e all accuratezza del risultato, senza necessitare del contatto meccanico con il pezzo in lavorazione. 5 La tecnologia del processo La saldatura laser è un processo ad alta densità di energia, che opera secondo due modalità differenti in base alle caratteristiche del fascio impiegato. Nel caso di sorgenti a bassa potenza (Nd:Yag), l energia viene trasferita sulle superfici da saldare e agisce trasportata all interno del materiale per conduzione: questa modalità è utilizzabile per saldature con poca penetrazione e di dimensioni modeste. Pag. 5 di 44

6 In questo caso, il raggio laser focalizza in un piccolo spot di diametro stabilito, e fornisce l'energia per far fondere ed evaporare il metallo. Nel caso di sorgenti ad alta potenza, la trasmissione del calore avviene attraverso del cosiddetto key-hole, una cavità che si forma a causa della vaporizzazione istantanea del materiale in corrispondenza del raggio laser. La presenza di questa cavità, di forma approssimativamente cilindrica, permette al raggio laser di cedere direttamente in profondità al materiale una buona parte della sua potenza incidente, sia direttamente, sia attraverso il mantenimento di vapori di metallo ad altissima temperatura, in grado di riemettere parte dell energia assorbita verso le pareti del key-hole. Per sorgenti CO 2 ad elevata potenza, vengono utilizzati specchi focalizzanti raffreddati ad acqua al posto delle tradizionali lenti. La saldatura che si ottiene da questo procedimento è caratterizzata da un buon rendimento, vista l efficacia degli scambi termici descritti, e da un elevata penetrazione, come si denota dai particolari rapporti di forma ottenibili nel cordone di saldatura prodotto. Influisce invece negativamente sul rendimento il fenomeno del pluming, ovvero la tendenza da parte del vapore che fuoriesce dal key-hole a trasformarsi in plasma, con conseguente diminuzione da parte del raggio della sua profondità di penetrazione. Inoltre, l energia assorbita dal plasma tende ad essere riemessa in tutte le direzioni, con perdita di efficienza del processo. Tra i parametri di controllo del processo, l impiego dei gas di saldatura è fondamentale per il mantenimento del rendimento, dell efficienza e della qualità della saldatura per i laser CO 2 di elevata potenza. In particolare, i gas di saldatura agiscono sia in termini di protezione della zona di saldatura che delle ottiche laser dai fumi e dalla contaminazione, sia nell inibizione della formazione del plasma:la scelta delle miscele e dei gas, in funzione della tipologia di saldatura e dei materiali utilizzati è decisiva per il controllo di questo tipo di fenomeno, che, se si presenta in modo rilevante, può portare anche all interruzione del processo di saldatura. Pag. 6 di 44

7 6 Concetti di base, 6.1 La determinazione dei fattori oggetto di indagine Il DOE è una strategia sperimentale che prevede di studiare simultaneamente l effetto di fattori multipli effettando test che prevedono ciascuo diversi livelli dei fattori. La progettazione di un esperimento implica quindi la determinazione iniziale di una serie di fattori oggetto dell indagine. Anche se nei processi industriali è possibile riscontrare la presenza di fenomeni in cui i fattori che influenzano il fenomeno possono assumere in parte 2-3 valori, in parte valori più numerosi, in una grande maggioranza di casi è possibile considerare lo stesso numero di livelli per ciascun fattore. E comunque oggetto della progettazione degli esperimenti la scelta su quali livelli debbano essere considerati, come debbano essere combinati tra loro, quanti esperimenti vadano effettuati. Per studiare l influenza di un fattore preso come parametro, occorre effettuare una serie di esperimenti con due o più valori (livelli) dello stesso fattore: ovviamente, due è il minor numero di valori richiesto per poter effettuare un confronto di risultati per la funzione obiettivo, e su questa base determinarne l influenza. Nell esempio preso in esame, si può partire dalla valutazione di alcuni dei fattori caratteristici, ed ipotizzare per essi dei valori di funzionamento (presi dai dati di manuale delle macchina, ovvero dall esperienza industriale e di laboratorio su questo tipo di tecnologie): id. Fattori u.m. P min=l1 P std P max=l2 P1 Diametro di spot mm P2 Lunghezza d onda m P3 Densità di energia W/cm 2 1x x x10 6 P4 Velocità di avanzamento mm/sec Come detto in precedenza, occorre chiedersi quando la scelta di due soli valori non possa essere considerata sufficiente. In generale, è possibile affermare che, dal momento che la scelta di due soli livelli ci consente di tracciare una linea tra due punti per quanto riguarda l andamento della funzione obiettivo, in caso di linearità degli effetti del fattore in esame rispetto alla funzione stessa, l adozione di più livelli può risultare non necessaria, mentre è necessaria laddove si sospetti (per ragioni fisiche o per la natura del processo) che l andamento non sia lineare all interno dell intervallo di sperimentazione. Pag. 7 di 44

8 6.2 La costruzione delle matrici degli esperimenti Se prendiamo in considerazione due fattori P1 e P2, dalla tabella precedente, per ognuno dei quali consideriamo due livelli L1 e L2, si possono creare 4 differenti combinazioni: P2=L1 P2=L2 P1=L1 * * P1=L2 * * Volendo effettuare una prova per ogni combinazione, otteniamo: P1L1,P2L1 P1L1,P2L2 P1L2,P2L1 P1L2,P2L2 Analogamente, se consideriamo una situazione sperimentale identificata da tre fattori P1, P2 e P3 per ognuno dei quali si considerino 2 livelli, gli esperimenti saranno nel complesso 8: Ovvero: P2=L1 & P3=L1 P2=L1 & P3=L2 P2=L2 & P3=L1 P2=L2 & P3=L2 P1=L1 * * * * P1=L2 * * * * P1L1,P2L1,P3L1 P1L1,P2L2,P3L1 P1L2,P2L1,P3L1 P1L2,P2L2,P3L1 P1L1,P2L1,P3L2 P1L1,P2L2,P3L2 P1L2,P2L1,P3L2 P1L2,P2L2,P3L2 Pag. 8 di 44

9 Se usiamo 1 per il livello 1 e 2 per il livello 2, possiamo usare la seguente notazione: n.esp. P1 P2 P3 Y Y Y Y Y Y Y Y Y8 che chiameremo matrice dell esperimento. In essa: La prima colonna rappresenta il progressivo di ciascuna prova dell esperimento; ogni riga rappresenta una combinazione di livelli dei diversi parametri per la quale viene effettuato un esperimento; ogni colonna centrale (P1, P2, etc.) rappresenta la valorizzazione dei livelli di ciascun parametro nei singoli esperimenti. L ultima colonna, il risultato dell esperimento, ovvero il valore misurato e calcolato della funzione obiettivo nella singola prova sperimentale. In generale, il totale delle n combinazioni possibili di un numero dato di parametri, per ognuno dei quali si vogliano due livelli di settaggio, è dato dalla seguente tabella: Condizioni sperimentali n p l n Parametri Livelli 3 2 n n n Come si può ben vedere, l applicazione di una matrice completa comporta, al crescere dei fattori da analizzare, un numero senz altro eccessivo di esperimenti. Al fine di rendere applicabile una sperimentazione, è necessario a questo punto cercare ed applicare un criterio che consenta di mantenerne l efficacia e la significatività, ma ne riduca significativamente il numero degli esperimenti, ovvero l impatto in termini di costi e di tempi. A questo scopo, per la progettazione di esperimenti nel comune ambito industriale, Taguchi ha costruito un certo numero di matrici ortogonali, che consentono di affrontare la sperimentazione riducendo drasticamente il numero delle combinazioni previste dalle matrici complete. Pag. 9 di 44

10 6.3 Esperimenti con fattori a 2 livelli Se torniamo all esempio considerato di tre fattori P1,P2 e P3 con ciascuno due livelli applicabili, Taguchi fornisce in questo caso una matrice ridotta, denominata L-4 che contiene solo 4 delle righe della matrice completa di tutte le possibili combinazioni dei livelli esposta in precedenza. Alle combinazioni dei valori è stata aggiunta una colonna a destra, utile in seguito per indicare i valori Y1, Y2... dei risultati degli esperimenti condotti: L-4 # Esperimento Fattore P1 Fattore P2 Fattore P3 Risultat o Y Y Y Y4 Il contenuto di questa matrice può suggerire alcune osservazioni: I numeri riportati rappresentano i livelli dei fattori P x Ciascuna riga rappresenta una condizione sperimentale Ciascuna colonna è ortogonale, ovvero in essa i diversi livelli sono presenti in egual numero: in questo caso sono stati dati ai livelli i valori di riferimento 1 e 2; per comodità di calcolo, nelle successive applicazioni potranno essere riportate le coppie di valori +1 e 1, in maniera tale da consentire l applicazione semplificata del criterio di ortogonalità (ovvero: 8 1 l i 1 i, j 7 j 0 ) la prima riga riporta tutti i livelli = 1, ma non c è necessariamente una riga con i livelli tutti = 2, come sarebbe in una matrice completa; I livelli di ciascun fattore compaiono in egual numero le combinazioni di fattori del tipo: P P... P 1 1P 2 1 2P 2 1 1P compaiono in egual numero, consentendo una valutazione pesata del contributo delle singole condizioni sperimentali sui risultati; Gli effetti del fattore P 1 possono essere separati dagli effetti di P 2, P 3 I risultati della sperimentazione possono esser valutati sulla base dei valori medi registrati. La matrice prevede solo 4 condizioni sperimentali invece delle 8 previste dalla matrice completa. Pag. 10 di 44

11 gli esperimenti così condotti (limitato numero di condizioni sperimentali, fattori e livelli ordinati,etc.) generano risultati più facilmente riproducibili La condizione migliore che sarà verificabile dagli esperimenti, sarà una delle 8 possibili, ma non necessariamente una delle 4 descritte nella matrice ortogonale: questo perché le conclusioni tratte dagli esperimenti vengono estese come valide all intero dominio sperimentale abbracciato dai parametri e dai loro valori. Nel caso di esperimenti con 7 fattori e 2 livelli, la matrice completa prevede 128 esperimenti, mentre la matrice ortogonale suggerita da Taguchi ne riporta solamente 8: n.o esperimento P 1 P 2 P 3 P 4 P 5 P 6 P 7 Risultat o Y Y Y Y Y Y Y Y8 Se considerassimo invece la matrice completa, avremmo le seguenti combinazioni: P4L1 P4L2 P5L1 P5L2 P5L1 P5L2 P6L1 P6L2 P6L1 P6L2 P6L1 P6L2 P6L1 P6L2 P1L1 P1L2 P2L1 P2L2 P2L1 P2L2 P3L1 P3L2 P3L1 P3L2 P3L1 P3L2 P3L1 P3L2 P7L1 Esp.1 P7L2 P7L1 P7L2 Esp.3 P7L1 P7L2 Esp.5 P7L1 Esp.7 P7L2 P7L1 P7L2 Esp.8 P7L1 Esp.6 P7L2 P7L1 Esp.4 P7L2 P7L1 P7L2 Esp.2 Pag. 11 di 44

12 All interno della matrice sono riportate le otto condizioni sperimentali (Esp.1... Esp.8) previste nella matrice di Taguchi. Si può notare come le condizioni di bilanciamento dei fattori e di simmetria tipiche delle matrici ortogonali siano percepibili in forma di simmetria delle 8 condizioni di Taguchi nello schema delle 128 condizioni di prova possibili (schema a V inclinata). La notazione standard per descrivere le matrici ortogonali ha la forma: L n (x m ) laddove n rappresenta il numero delle condizioni di prova (e quindi, delle righe della matrice), x il numero dei livelli presi in considerazione per ciascun parametro, m il numero dei fattori/parametri, per cui la matrice presa in considerazione viene rappresentata da: L 8 (27) Nell esempio che andremo sviluppando, sarà proprio questa la matrice utilizzata, dal momento che la scelta progettuale riguarderà la sperimentazione su 7 fattori a 2 livelli, e la matrice di Taguchi sarà così rappresentabile: Matrice interna L8-2 Esp.# P 1 P 2 P 3 P 4 P 5 P 6 P 7 Y Y Y Y Y Y Y Y Y8 6.4 La misura dell esperimento: la funzione obiettivo Come esposto in precedenza, nel progettare un esperimento occorre definire in fase preliminare quali sono le grandezze caratteristiche (definite anche criteri ) che vengono adottate come misura delle prestazioni del prodotto o processo in esame. A seconda dei casi, è possibile che un fenomeno sia compiutamente definito nelle sue prestazioni attraverso una sola grandezza: nell esempio qui sviluppato, sarebbe stato corretto anche assumere il solo rapporto di forma della saldatura come indice dell efficacia del processo. Peraltro, avendo a che fare spesso con fenomeni complessi, la valutazione complessiva delle prestazioni è facile che possa prendere in considerazione più grandezze (criteri), che dovranno essere pesati da coefficienti che esprimono percentualmente la valutazione (soggettiva) dell incidenza della Pag. 12 di 44

13 singola grandezza sulla prestazione complessiva. La funzione obiettivo assume quindi la forma: Y 0.3 cr1 0.2 cr2 0.2 cr3 0,3 cr4 Le caratteristiche di Qualità (QC) Per valutare correttamente la scelta dei livelli di ciascun parametro ottimali per la funzione prescelta, occorre stabilire prioritariamente la caratteristica di Qualità applicabile al caso in oggetto. Abbiamo: #1 BigIs Better (BiB) E migliore il valore più alto della funzione obiettivo #2 SmallIsBetter (SiS) E migliore il valore più basso #3 StandardIsBetter (STDiB) E migliore il valore più vicino ad un valore standard di riferimento Nel caso di una funzione obiettivo composta, ricordiamo che le grandezze prese a misura della prestazione dovranno essere combinate in un unica funzione obiettivo che tenga conto anche del peso relativo di ciascuna rispetto a quello che viene considerato come risultato atteso ottimale. 6.5 La costruzione della funzione obiettivo In questi casi, ricordiamo che nella determinazione di un unica funzione obiettivo, occorrerà fare in modo che la caratteristica di qualità (QC) risulti essere per tutte o il maggior valore (BiB) oppure il minor valore(sib) oppure StdiB. Se si riferisce, ad esempio, tutto al QC= BigIsBetter (BIB), avendo grandezze per cui il miglior valore è quello nominale (cr1), si può ricondurre la CQ al maggior valore considerando la differenza rispetto al valore target, rapportandola alla differenza massima registrata, e complementando ad 1. Nel caso invece di grandezze con QC=(SmallIsBetter), si può ricondurre la QC alla BigIsBetter considerando la differenza tra il valore massimo e il valore registrato. Se consideriamo il caso della saldatura laser, gli obiettivi di miglioramento riguardano l analisi dell influenza dei diversi parametri di funzionamento rispetto alla qualità del prodotto di saldatura, per la quale si prendono in considerazione come grandezze di riferimento: il rapporto di forma della saldatura, definito come: rf = profondità del cordone / larghezza media [L ] la durezza finale del campione, misurata in un intorno della zona interessata dalla saldatura e dalla deformazione locale residua Pag. 13 di 44

14 la deformazione residua locale del campione, quale indice di valutazione delle tensioni residue, espressa in gradi Brinell. la caratteristica qualitativa del giunto, esprimibile come un indice di merito che tiene conto dell aspetto, della regolarità del cordone, delle caratteristiche di finitura. Le grandezze prese in considerazione dovranno essere combinate in un unica funzione obiettivo che tenga conto anche del peso relativo di ciascuna rispetto a quello che viene considerato come risultato atteso ottimale. Ci troviamo quindi in questo caso nella condizione in cui la valutazione del risultato viene operata in base alla combinazione di quattro diverse grandezze osservabili come riportato in tabella: Criterio Grandezza U.M. Minimo Target Massimo QC Peso relativo cr1 Rapporto di forma (rf) n. 0,51 0,75 0,97 StdiB 30% cr2 Durezza finale del Brinell BiB 20% campione cr3 Deformazione residua % 0,1% 0,1% 0,5% SiB 20% locale cr4 Caratteristica del giunto n BiB 30% Fig. grandezze osservabili costituenti la funzione obiettivo In questi casi, ricordiamo che la determinazione di un unica funzione obiettivo dovrà soddisfare le seguenti condizioni: Le funzioni componenti dovranno essere misurate in base alla stessa unità di misura, e nel caso di grandezze adimensionali comunque, ciascuna funzione viene espressa come frazione percentuale rispetto all intervallo minimo - massimo preso in esame. Ad esempio, detto r=120 il valore della grandezza del cr2 rilevato, in base ai valori della tabella, ai fini del calcolo della funzione obiettivo il valore cr2 considerato sarà: cr2 r r max r r min min La caratteristica di qualità (QC) deve essere per tutte o il maggior valore (BiB) oppure il minor valore(sib). Qui viene adottato CQ= BigIsBetter (BIB). Nel caso di grandezze per cui il miglior valore è quello nominale (cr1), si può ricondurre la QC al maggior valore considerando la differenza rispetto al valore target, rapportandola alla differenza massima registrata, e complementando ad 1. Nel caso specifico, la cr1 può essere quindi ricondotta Pag. 14 di 44

15 alla QC=BiB considerando che, se r= 0.84 è la misura del rapporto di forma rilevato in uno degli esperimenti, la cr1 calcolata per la funzione obiettivo sarà: cr1 1 max Essendo: r r std 0.09 ed in questo caso: max r std r min 0.24 Nel caso invece della cr3 (SmallIsBetter), si può ricondurre la QC alla BigIsBetter considerando la funzione: cr3 r r max max r r min Ciascun criterio deve essere incluso con un peso appropriato, che tenga conto della sua importanza rispetto al risultato di miglioramento che si vuole ottenere. Da qui è stata valorizzata l ultima colonna della tabella sopra esposta: la funzione obiettivo potrà quindi in questo caso essere così formulata: Y 0.3 cr1 0.2 cr2 0.2 cr3 0,3 cr4 6.6 L introduzione dei fattori esterni L idea centrale di Taguchi è che una variazione in una prestazione di un prodotto genera una perdita di qualità ed economica nel corso del ciclo di vita del prodotto, e uno degli scopi della sperimentazione è analizzare come questa variazione possa dipendere dai fattori che influiscono sul processo. Tuttavia occorre considerare come le sorgenti di queste variazioni possano essere classificate in parametri controllabili, i cui valori quindi possono essere assunti come input, facenti parte delle condizioni di prova dell esperimento, e parametri incontrollabili, cioè rumore. Una grandezza di per sé non appartiene in modo assoluto ad uno dei due insiemi sopra definiti: ad esempio, per il nostro processo di saldatura, in determinate condizioni noi potremmo considerare l umidità e la temperatura dell ambiente di Pag. 15 di 44

16 saldatura come due fattori esterni, in quanto supponiamo che anche in esercizio la saldatrice operi in un capannone industriale con condizioni di microclima interno variabili e fuori controllo: tuttavia, se magari al termine di una sperimentazione, ci accorgessimo che umidità e temperatura ambientale sono due grandezze alle quali il nostro processo è estremamente sensibile, potremmo decidere di modificare a priori le condizioni di funzionamento, facendo operare la saldatrice in aria controllata (predisponendo, ad esempio un impianto aggiuntivo di trattamento dell aria ambiente): in questo caso, i fattori umidità e temperatura potrebbero rientrare nel novero dei fattori controllabili, e noi potremmo anche decidere di verificarne l influenza assumendoli come parametri ed assegnandogli due o più livelli all interno delle nostre condizioni di prova. La sperimentazione organizzata attraverso l applicazione delle matrici che prendono in considerazione i soli fattori controllabili identifica sicuramente l influenza dei singoli fattori sulla funzione obiettivo, ma occorre anche tener conto che in molte situazioni, come quella qui presa in considerazione, l influenza dei parametri non controllabili non è a priori trascurabile nelle valutazioni di Robust Design. In questo contesto, la strategia proposta da Taguchi prevede di minimizzare l influenza dei parametri non controllabili ottimizzando i livelli dei fattori controllabili. In pratica, il progetto ottimizzato si ottiene non scegliendo le migliori prestazioni nelle condizioni ideali, ma piuttosto ricercando una condizione di prestazioni accettabili anche quando il sistema è esposto all influenza di fattori non controllabili. I fattori esterni assumono comunque una particolare importanza all interno di un esperimento quando si vogliano prendere in considerazione le caratteristiche di robustezza di un progetto. Infatti, quando si procede nella progettazione di un prodotto, di un sistema, di un processo, si ipotizzano delle condizioni di funzionamento che riguardano sia i fattori interni che una serie di condizioni ambientali tipiche, ovvero i limiti entro i quali il nostro prodotto opererà. Il concetto di robustezza entra in gioco quando ci poniamo l obiettivo di valutare non tanto le prestazioni del nostro sistema nelle condizioni ordinarie di funzionamento, ma il suo comportamento al di fuori dei limiti progettuali, e di indagare sulla sensibilità del sistema ai fattori esterni, al rumore. Noi potremmo avere, ad esempio, un motore progettato per operare in un range di temperatura prefissato, ad esempio Le prestazioni del motore saranno sicuramente sensibili alla temperatura ambiente, ma volendo effettuare una valutazione di robustezza potrebbe essere più interessante sapere cosa accade a 37 oppure a +55, ovvero se il motore, fuori dai limiti stabiliti, accusa solo un calo proporzionale di potenza, resta parzialmente attivo oppure cessa completamente di funzionare, e come la variazione delle condizioni ambientali, ovvero di variabili non controllabili, influisce sul corretto funzionamento del motore. Viene considerato robusto un progetto in cui le prestazioni, seppure influenzate dall azione delle variabili esterne, siano stabili rispetto alle loro variazioni, e garantiscano il funzionamento il meno degradato possibile del sistema in esame anche al di fuori dai limiti stabiliti per il progetto. Volendo applicare al caso concreto questa strategia, occorrerà: Pag. 16 di 44

17 prevedere un set di run multipli per ogni condizione sperimentale prevista, costruendo una matrice esterna, che riporti differenti combinazioni dei parametri esterni a cui far riferimento per ciascuna sperimentazione; sottoporre i risultati multipli ottenuti a criteri di analisi, come la deviazione standard e il rapporto S/n Si tenga conto che in base a quanto Taguchi enuncia, il vero obiettivo è quello di ridurre le variazioni di performance intorno al valore target della funzione obiettivo per l elemento progettato, ovvero, in altre parole, ridurre la variabilità senza pensare a rimuovere le cause della variabilità. L introduzione delle variabili esterne, non controllabili, in un esperimento viene quindi realizzata procedendo secondo le seguenti fasi: tenendo in considerazione le sole variabili interne, costruire una matrice dell esperimento valutare quali sono i fattori non controllabili di cui si intende osservare l influenza rispetto all esperimento in corso costruire una matrice esterna di fattori non controllabili prevedere l esecuzione delle prove dell esperimento in condizioni ambientali che simulino e riproducano le combinazioni dei fattori non controllabili riportate nella matrice esterna: in tal caso, i fattori non controllabili vengono messi sotto controllo per poter riprodurre condizioni sperimentali simili a quelle ottenibili in ambiente aperto : ad esempio, simulando, attraverso un sistema di controllo climatizzato, le condizioni di temperatura ed umidità che nel nostro esempio sono considerati fattori esterni non controllabili. Per ciascuna delle condizioni di prova previste dalla matrice interna, ottenere tanti valori della funzione obiettivo quante sono le righe (=condizioni di prova) della matrice esterna: in pratica, si ottiene così un vettore di valori delle Y ottenuti con gli stessi livelli dei fattori interni, che differiscono tra di loro per effetto delle sole condizioni esterne: l analisi della varianza fornirà in tal caso una valutazione dell effetto specifico dovuto alla variazione dei fattori esterni, e quindi una valutazione diretta della robustezza del sistema. Nel nostro esempio, la matrice ortogonale comprende quindi fattori controllabili (P1, P2, P3,..) che fattori esterni (= non controllabili = E1, E2, E3). Mentre la matrice interna definisce i valori dei parametri adottati per ciascuna prova, i valori assegnati ai fattori esterni definiscono le condizioni di prova a cui il sistema verrà esposto durante l esperimento. id. Fattori Grandezza/tipo u.m. P1 Diametro di spot Lunghezza mm. P2 Frequenza frequenza Hz P3 Energia di impulso Energia W P4 Velocità di avanzamento Velocità mm/sec P5 Inclinazione dello spot Angolo di incidenza P6 Geometria delle superfici Forma del A/B Pag. 17 di 44

18 di saldatura profilo P7 Miscela del gas di 2 tipologie di A/B saldatura miscela E1 Purezza del gas di Concentrazion ppm saldatura e impurezze presenti nel gas E2 Temperatura del campione temperatura C E3 Umidità dell ambiente di saldatura Umidità relativa % Tab. 2 Fattori candidati che possono influenzare il fenomeno La combinazione delle due matrici, interna ed esterna, può essere rappresentata in base allo schema seguente: Matrice esterna L4-2 E E E Matrice interna L8-2 Esp.# P 1 P 2 P 3 P 4 P 5 P 6 P R11 R12 R13 R R21 R22 R23 R R31 R32 R33 R R41 R42 R43 R R51 R52 R53 R R61 R62 R63 R R71 R72 R73 R R81 R82 R83 R84 Tab.3 matrice di esecuzione della sperimentazione Avendo costruito una matrice esterna di 4 condizioni di prova, complessivamente la sperimentazione comporterà 4 x 8 = 32 esperimenti, caratterizzati ciascuno da una combinazione di condizioni di prova dei 7 fattori interni e da una delle 4 condizioni previste dalla matrice esterna per i fattori esterni. Questa situazione comporta quindi un numero maggiormente elevato di prove, e quindi costi maggiori, con in più il beneficio di sottoporre la sperimentazione ad un analisi ben strutturata ed organizzata rispetto all influenza dei disturbi esterni. Questo approccio può essere in generale visto come quello di maggiore sofisticazione in una scala di interventi per la considerazione dei disturbi, in ordine di complessità decrescente, come riportato dalla seguente tabella: Pag. 18 di 44

19 1 Costruzione di una matrice esterna per i fattori di disturbo 2 Ripetizione degli esperimenti, applicando valori random per i fattori di disturbo 3 Ripetizione multipla delle prove 4 Effettuazione di un sola prova per ogni condizione sperimentale Nella valutazione seguenti vantaggi: costi-benefici di questo approccio occorre tenere conto dei La condizione di ottimo risultante dall adozione della matrice esterna risulta essere la meno sensibile all effetto dei disturbi esterni non controllabili, e quindi è in linea con la filosofia di Robust Design; Il numero delle ripetizioni previste e le ipotesi relative ai valori dei fattori esterni possono essere stabiliti in base alla dimensione prevista della matrice esterna. L influenza dei fattori esterni può essere calcolata facilmente, come vedremo in seguito, nello stesso modo dei fattori controllabili. L interazione tra fattori controllabili e disturbi può essere successivamente valutata, qualora si ritenga necessario. Pag. 19 di 44

20 7 Passi dell applicazione L applicazione del metodo prevede una serie di passi, mutuati principalmente dal ciclo di Deming (PDCA, Plan, Do, Check, Act), a cui viene preposta una fase di brainstorming e formulazione del problema, essenzialmente necessaria per analizzare il problema fisico ed ingegneristico, e raccogliere idee ed informazioni sui dati tipici del problema. In questa fase viene quindi analizzato il campo di applicazione del metodo, mettendo in evidenza le caratteristiche del processo preso in esame e la possibilità di identificarne tutti gli elementi critici: per far questo viene anche analizzata la tecnologia del processo, allo scopo di identificare sia gli obiettivi della sperimentazione, e quindi le grandezze e i metodi utili a definirne l efficienza, sia i parametri in gioco che possono incidere sui risultati. Pianificazione degli esperimenti Brainstorming, Formulazione del problema Analisi dei risultati Adozione del progetto migliorato NO Conferma del miglioramento SI Processo di applicazione del DOE 7.1 Brainstorming, formulazione del problema La fase di brainstorming produce i migliori risultati se viene correttamente pianificata e formalizzata. In questo ambito, è necessario che una sessione del gruppo di lavoro che opera intorno al progetto sia dedicata ai punti di una checklist di domande che coprono le scelte di impostazione iniziale dell esperimento che viene progettato. Pag. 20 di 44

Progettazione Robusta

Progettazione Robusta Progettazione Robusta Perdita Consumatore qualità = f 1 (perdita Perdite di reputazione e quote di mercato Costi di garanzia per il produttore La qualità di un prodotto è la (minima perdita impartita alla

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento Analisi della varianza a una via a misure ripetute (Anova con 1 fattore within) modello strutturale dell'analisi della varianza a misure ripetute con 1 fattore: y = μ ik 0 +π i +α k + ik ε ik interazione

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Il fotone Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Interpretazione di Einstein dell effetto fotoelettrico Esistono «particelle»* di luce: i fotoni! La luce è composta da quantità indivisibili di energia

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli