La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni *"

Transcript

1 La reazione el primo bilancio esercizio successivo alla trasformazione i una società i persone in società i capitali i Fabio Giommoni * La reazione el bilancio esercizio a parte i una società i capitali risultante alla trasformazione i una società i persone (es. trasformazione a Snc a Srl), si presenta particolarmente problematica, tenuto conto elle ifferenze che caratterizzano le ue tipologie societarie nella reazione e pubblicità el bilancio. In particolare, ci si chiee se il primo bilancio ella Srl risultante alla trasformazione i una Snc ebba riferirsi all intero esercizio nel quale è realizzata la trasformazione o comprenere soltanto la frazione i esso successiva alla ata i effetto ell operazione. Inoltre, ci si chiee se tale bilancio ebba essere presentato in forma comparativa con l esercizio preceente, ancorché in tale esercizio la società trasformata rivestiva la forma i società i persone (e quini non era tenuta alla presentazione el bilancio). La isciplina fiscale ella trasformazione omogenea progressiva e il frazionamento ell esercizio ai fini ella eterminazione el reito i impresa Come è noto, la trasformazione i una società i persone in una società i capitali (c.. trasformazione omogenea progressiva ), ai fini ella isciplina el reito i impresa impone il frazionamento ell esercizio in ue perioi i imposta, in quanto la moifica ella forma societaria etermina il passaggio all imposizione Irpef a quella Ires. Al riguaro, il secono comma ell art.170 el Tuir stabilisce, infatti, che in caso i trasformazione i una società soggetta a Irpef in società soggetta a Ires: il reito el perioo compreso tra l'inizio el perioo i imposta e la ata in cui ha effetto la trasformazione è eterminato secono le isposizioni applicabili prima ella trasformazione in base alle risultanze i apposito conto economico. Pertanto, nell ipotesi i trasformazione a Snc a Srl risulta necessario istinguere ue iversi perioi imposta, e i conseguenza sarà necessario presentare ue autonome ichiarazioni ei reiti: 1 2 PERIODI DI IMPOSTA quello che ecorre all inizio ell esercizio fino alla ata i effetto ella trasformazione 77, con riferimento al quale la tassazione avviene in base alle regole Irpef, ovvero per trasparenza in capo ai soci. quello che ecorre alla ata i effetto ell operazione fino alla fine ell esercizio, con riferimento al quale si applica l Ires sul reito prootto. DICHIARAZIONI DEI REDDITI Mo. Unico Società i Persone, per il perioo i imposta ecorrente all inizio ell esercizio fino alla ata i effetto ella trasformazione 78. Mo. Unico Società i Capitali per il perioo i imposta ecorrente alla ata i effetto ella trasformazione fino al termine ell esercizio. * Dottore commercialista e revisore legale Si ricora che gli effetti ella trasformazione, ai fini sia civilistici che fiscali, si proucono alla ata i iscrizione nel registro elle imprese ell atto i trasformazione a norma ell art.2500 el Coice civile. Tuttavia si ritiene possibile ifferire l efficacia ella trasformazione rispetto all iscrizione ell atto nel registro elle imprese, purché tale ifferimento non sia superiore a 60 giorni (cfr. massima K.A.10 el Notariato el Triveneto). In particolare, l art.5 bis, co.1 el DPR n.322/98 e successive moificazioni, stabilisce che in caso i trasformazione i una società soggetta a Irpef in società soggetta a Ires, eliberata nel corso el perioo 'imposta, la ichiarazione relativa alla frazione i esercizio compresa tra l'inizio el perioo 'imposta e la ata in cui ha effetto la trasformazione eve essere presentata in via telematica entro l'ultimo giorno el nono mese successivo a tale ata. elle razioni 38

2 Il primo bilancio successivo alla trasformazione e la urata ell esercizio i riferimento Mentre nell ambito ella isciplina el reito i impresa l esercizio in cui ha effetto la trasformazione subisce il frazionato in ue perioi i imposta, ai fini ella presentazione el bilancio, l esercizio eve essere consierato in moo unitario, in quanto la trasformazione non etermina, salvo specifica elibera assembleare, la moifica egli elementi costitutivi ella società, quale la see, l oggetto sociale e anche la ata i chiusura ell esercizio ella società oggetto i trasformazione. Pertanto, il primo bilancio esercizio presentato alla società i capitali risultante alla trasformazione ovrà riferirsi all intero esercizio e comprenere anche il risultato reituale ella frazione ello stesso urante la quale la società era gestita sotto la forma i società i persone 79. La trasformazione societaria, infatti, secono l impostazione ottrinale e giurispruenziale 80 prevalente, comporta unicamente un mutamento ella forma giuriica originariamente aottata alla società trasformana, senza necessità i aivenire alla sua preventiva estinzione 81. In altre parole, la trasformazione costituisce una moifica ella forma ella società, lasciano inalterati gli aspetti sostanziali quali l attività, il soggetto economico e i rapporti con i terzi. L estinzione ella società trasformana non si verifica nemmeno quano, a seguito ella trasformazione a un tipo personalistico a uno capitalistico, la società risultante alla trasformazione acquisisce la personalità giuriica. Anche in questa eventualità il soggetto rimane il meesimo opo la trasformazione, in quanto la nozione i personalità giuriica è ben iversa e ulteriore rispetto a quella i soggettività. In conclusione, poiché la trasformazione societaria non prouce l estinzione el soggetto giuriico, con contestuale creazione i un nuovo soggetto, bensì esclusivamente una moifica ell atto costitutivo, non si interrompe il regolare ecorso ell esercizio sociale 82. Esempio La società Alfa Snc effettua la trasformazione in Srl con atto el 20 novembre 2010 iscritto al Registro imprese in ata 30 novembre Ai fini fiscali occorrerà unque suiviere l esercizio 2010 in ue perioi i imposta: quello al 1/1/2010 al 30/11/2010, il cui risultato sarà soggetto a tassazione Irpef in capo ai soci per trasparenza; quello al 1/12/2010 al 31/12/2010, il cui risultato sarà soggetto a tassazione Ires. Ai fini ella presentazione el bilancio la società risultante alla trasformazione Alfa Srl preisporrà un unico bilancio esercizio per il perioo 1/1/ /12/2010, che sarà soggetto alla isciplina i reazione, approvazione e pubblicità tipica el bilancio elle società i capitali 83. La presentazione i un unico bilancio esercizio a parte ella Srl risultante alla trasformazione i una Snc, riferito all intero esercizio nel corso el quale è realizzata la trasformazione, non pare in contrasto con la necessità, evienziata alla ottrina, i reigere alla ata i effetto ella trasformazione i seguenti bilanci 84 : 1. bilancio i trasformazione : è un bilancio straorinario, costituito alla sola situazione patrimoniale 85, che ha lo scopo i eterminare il capitale netto i trasformazione, ovvero il valore el Tale tesi è sostenuta, in particolare, alla Fonazione Aristeia nel Documento n.55, La perizia i stima nella trasformazione (omogenea) progressiva, gennaio Dello stesso avviso G. Savioli, Le operazioni i gestione straorinaria, Giuffrè, Milano, 2003, pag.65. Per quanto riguara la posizione ella giurispruenza si vea, in particolare, Cassazione n el 4 novembre Il legislatore elegato, come veremo più avanti, ha fatto propria tale interpretazione nell attuale art.2498 c.c., secono il quale con la trasformazione, l ente trasformato conserva i iritti e gli obblighi e prosegue in tutti i rapporti, anche processuali, ell ente che ha effettuato la trasformazione. Secono tale impostazione, unque, la trasformazione non è evento interruttivo ella vita ella società, ma si inserisce senza soluzione i continuità nella inamica ell esercizio, il cui risultato va eterminato e sottoposto alla pubblicità propria ella società trasformata. In tal senso G. Anreani, G. Cristofori e R. Santini, La trasformazione i società, EGEA, Milano, 2001 e L. Potito, Bilanci straorinari, Utet, Torino, Artt.2423 e segg. el Coice civile. Per maggiori approfonimenti sugli aspetti contabili ella trasformazione sia consentito il rimano a M. Busico, F. Giommoni, F. Facchini, F. Salvaori, Il manuale elle operazioni s, Gruppo Euroconference Spa, e Tale situazione patrimoniale è reatta in base allo schema previsto all art c.c. e eve essere opportunamente aattata se la società i partenza è una società i persone. elle razioni 39

3 patrimonio ella società trasformata, che nell ambito ella trasformazione progressiva eve essere oggetto i relazione giurata i stima, ai sensi ell art.2500 ter c.c.; 2. bilancio i chiusura ella società trasformana: è un bilancio infrannuale (costituito a stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa) avente lo scopo, principalmente, i evienziare il risultato economico el perioo anteceente alla ata i efficacia ella trasformazione 86 ; 3. bilancio i apertura ella società trasformata: costituito al solo stato patrimoniale, ha lo scopo i eterminare, in particolare, la suivisione el capitale netto i trasformazione tra capitale sociale e altre poste el patrimonio netto e i evienziare le eventuali maggiori o minori entità elle attività e passività azienali conseguenti al recepimento ei valori i perizia. La reazione i tali bilanci non risulta in contrasto con la presentazione i un unico bilancio esercizio a parte ella società trasformata, in quanto questi rappresentano ocumenti i natura interna, che non sono oggetto i approvazione a parte ei soci 87. Il primo bilancio successivo alla trasformazione rappresenta invece il ocumento nel quale è evienziata la situazione patrimoniale, economica e finanziaria ella società con riferimento all intero esercizio e eve essere oggetto i regolare approvazione a parte ell assemblea ei soci ella società risultante alla trasformazione. Peraltro, vi è autorevole ottrina che ritiene necessaria nella trasformazione progressiva la preisposizione i ue separati bilanci sui quali si rifletteranno gli effetti patrimoniali e economici ella gestione svolta nei ue istinti tronconi in cui viene suiviso l originario esercizio sociale 88. Tale conclusione, motivata sulla base elle raicali ifferenze che caratterizzano la reazione el bilancio nell ambito elle società i persone rispetto alle società i capitali, sembrerebbe confermata alla esigua prassi ministeriale sull argomento (alla quale peraltro gran parte elle Camere i Commercio si sono uniformate nell ambito elle istruzioni al eposito ei bilanci), in base alla quale: le società i persone che iscrivono l atto i trasformazione in società i capitali sono tenute al eposito el bilancio a ecorrere all anno successivo a quello i trasformazione (salvo iversa inicazione el Conservatore o el Giuice el Registro) 89. La soluzione che prevee la reazione i ue istinti bilanci non appare tuttavia convincente, soprattutto in consierazione el citato principio i continuità ei rapporti giuriici che è stato efinitivamente sancito con la riformulazione ell art.2498 c.c. a opera ella riforma el iritto societario 90. Infatti, il isposto ell art.2498 c.c., assicurano la continuità elle posizioni giuriiche attive e passive, esclue ogni interferenza ella trasformazione sulla continuità ell esercizio impresa, le cui risultanze patrimoniali, economiche e finanziarie, evono essere unque rappresentate a un unico bilancio esercizio. Le esigenze informative consistenti nell iniviuazione el risultato reituale ell'ultimo perioo ella società trasformana 91, che assumono particolare rilevanza proprio quano muta la responsabilità el socio, come nella trasformazione progressiva, potranno essere soisfatte al bilancio i chiusura Il bilancio i chiusura integra unque anche l apposito conto economico previsto alla normativa fiscale al fine i eterminare il reito el perioo compreso tra l inizio el perioo imposta e la ata in cui ha effetto la trasformazione, soggetto a ifferente imposizione. La conferma i tale tesi può essere ricercata nella isciplina ella liquiazione, ove è prevista la reazione i un prospetto i bilancio infrannuale con riferimento alla ata i effetto ello scioglimento (Reniconto ella gestione), che non assume valenza esterna e che eve essere allegato, a norma ell art.2490, co.4, c.c., al primo bilancio annuale successivo alla liquiazione, il quale comprene anche la frazione ell esercizio preceente all avvio ella liquiazione. M. Caratozzolo, I bilanci straorinari, Giuffrè, Milano, II eizione, pag.391. Circolare Ministero Inustria n.3450/c el 27 ottobre 1998, pag.56. Attuata con D.Lgs. n.6/03. Al riguaro, è stato tuttavia osservato che anche il risultato ell esercizio è unico e è quello emergente all unico bilancio; alla eventuale istribuzione egli utili si applicheranno perciò le regole previste per il tipo sociale risultante alla trasformazione, a nulla rilevano l evienziazione nel bilancio infrannuale i un risultato esercizio provvisorio. Così, a esempio, nel caso i trasformazioni a società i persone a società i capitali, gli utili relativi a tutto l esercizio, compresi quelli maturati quano l impresa era gestita nella veste i società i persone, saranno, a norma ell art.2433 a isposizione ell assemblea senza che i soci abbiano alcun iritto i creito sui meesimi, come, invece avveniva nel vecchio tipo (G. Savioli, op. cit., pag.66). A tale riguaro, il bilancio i chiusura ella società trasformana potrà essere utilmente allegato al primo bilancio esercizio successivo alla trasformazione, in analogia con quanto previsto, in materia i liquiazione societaria, all art.2490, co.4, c.c., per quanto riguara il Reniconto ella gestione egli amministratori. elle razioni 40

4 Per le ragioni che saranno esposte in seguito, si ritiene inoltre che la reazione i unico bilancio contenente i ati ell intero esercizio non rappresenti un particolare problema, in quanto tale attività consiste essenzialmente nell aggregazione ei ati elle ue frazioni i esercizio, caratterizzati a criteri i valutazione sostanzialmente analoghi e rappresentati sulla base i un piano i conti che, normalmente, non subisce significative moifiche a seguito ella trasformazione. Qualche maggior ifficoltà potrebbe sorgere nel caso in cui la società i persone trasformana aotti la contabilità semplificata, in quanto in tale ipotesi non si ispone i una situazione patrimoniale a inizio esercizio, ma soltanto el bilancio i apertura ella società risultante alla trasformazione. In conclusione, si ritiene che il primo bilancio successivo alla trasformazione i una società i persone in società i capitali ebba essere reatto secono la isciplina i cui agli artt.2423 e segg. el Coice civile e ebba comprenere l intero esercizio nel quale è realizzata la trasformazione. Di conseguenza, nel caso in cui si voglia evitare i incluere in tale bilancio la frazione i esercizio preceente alla ata i effetto ella trasformazione, sarà necessario inserire una specifica previsione nell atto i trasformazione rivolta a stabilire la chiusura (anticipata) ell esercizio sociale ella Snc trasformana (e i inizio el nuovo esercizio ella Srl risultante alla trasformazione) in concomitanza con la ata i effetto ella trasformazione 93. Una simile previsione potrebbe essere particolarmente opportuna nei casi i trasformazione effettuata a riosso ella chiusura ell esercizio, in quanto consentirebbe i stabilire la chiusura el primo esercizio ella Srl al 31 icembre ell anno successivo, evitano quini i presentare un bilancio per l esercizio in cui è realizzata la trasformazione. Esempio Ripreneno l esempio preceente (ove gli effetti ella trasformazione ecorrevano al 30/11/2010) nell atto i trasformazione viene prevista la chiusura anticipata ell esercizio ella Alfa Snc alla meesima ata el 30/11/2010 e il conseguente inizio el nuovo esercizio ella Alfa Srl a partire al 1/12/2010. Nell atto viene inoltre stabilito che il primo esercizio sociale ella Alfa Srl chiuerà il 31/12/2011. In tal caso il primo bilancio che la Alfa Srl eve presentare sarà quello chiuso al 31/12/2011 (relativo a un esercizio i 13 mesi, ovvero al 1/12/2010 al 31/12/2011). Con riferimento all ultimo esercizio ella Alfa Snc (1/1/ /11/2010) non vi è invece obbligo i presentazione el bilancio. Il primo bilancio successivo alla trasformazione e la presentazione ei ati comparativi ell esercizio preceente Chiarito che il primo bilancio esercizio successivo alla trasformazione i una Snc in una Srl eve essere riferito all intero esercizio nel quale ha avuto effetto l operazione (salvo iversa previsione ell atto i trasformazione), rimane a approfonire la questione relativa alla presentazione ei ati comparativi con l esercizio preceente, urante il quale la società oggetto i trasformazione rivestiva la forma i società i persone. Nella pratica si assiste sovente alla presentazione i bilanci post trasformazione con la sola colonna relativa all esercizio in cui è realizzata l operazione, ma tale moalità operativa, oltre a fornire un informazione patrimoniale, economica e finanziaria scarsamente significativa, non risulta conforme al ettato el comma 5 ell art.2423 ter, c.c., in base al quale per ogni voce ello stato patrimoniale e el conto economico eve essere inicato l importo ella voce corrisponente ell esercizio preceente Tale possibilità sembrerebbe confermata alle istruzioni fornite alla Camera i Commercio i Roma con la Guia al eposito igitale ei bilanci i esercizio e egli elenchi soci, eizione el 2008, ove si legge (pag. 37) che le società i persone trasformate in società i capitali che hanno iscritto nel Registro elle Imprese l atto i trasformazione evono effettuare il eposito el bilancio esercizio a secona ella ata i chiusura el primo esercizio prevista nell atto i trasformazione. Lo stesso comma aggiunge inoltre che: se le voci non sono comparabili, quelle relative all esercizio preceente evono essere aattate; nella nota integrativa si evono segnalare e commentare: la non comparabilità, l aattamento o l impossibilità ell aattamento. elle razioni 41

5 La necessità i una comparazione con i ati ell esercizio preceente iscene all esigenza (accolta al legislatore el D.Lgs. n.127/91, che ha introotto il citato 2423 ter c.c.) i fornire un termine i paragone al lettore el bilancio, per permettere l analisi ell evoluzione ella situazione patrimoniale, economica e finanziaria ell aziena e non soltanto ei ati puntuali ell esercizio in corso. Infatti, la ottrina azienalistica sottolinea a sempre come la lettura i un solo bilancio fornisca scarse informazioni, mentre quella i più bilanci (o ei ati el bilancio raffrontati con quelli el bilancio preceente) consenta i percepire molte più informazioni circa l evoluzione ella gestione azienale 95. In tal senso i principi contabili nazionali, al i là el semplice richiamo alla previsione el comma 5 ell art.2423 ter c.c., non preveono particolari obblighi i comparazione con l esercizio preceente, mentre i principi contabili internazionali stabiliscono che le informazioni comparative evono essere fornite per il perioo preceente per tutti gli ammontari esposti nel bilancio (a meno che un altro principio consenta o isponga iversamente), in quanto la comparabilità elle informazioni tra esercizi aiuta gli utilizzatori a prenere ecisioni economiche, permetteno specialmente la valutazione egli anamenti nelle informazioni finanziarie per scopi previsionali 96. Nell ambito ella trasformazione progressiva taluni ritengono invece non necessario riportare i valori ell esercizio preceente, sulla base ella consierazione che, poiché prima ella trasformazione la società i persone non era obbligata alla reazione el bilancio, o comunque non vi era tenuta nella forma prevista per le società i capitali, non eve ritenersi sottoposta a questo obbligo in conseguenza ella trasformazione. Tale tesi non può essere accolta, in quanto le società i persone sono comunque tenute a reigere un reniconto annuale, a norma ell art.2261, co.2, c.c., il quale stabilisce che i soci, se l attività elle società ura oltre un anno, hanno iritto i avere il reniconto ell amministrazione al termine i ogni anno, salvo che il contratto sociale stabilisca un termine iverso. Inoltre l art.2217 c.c. impone agli imprenitori commerciali, e quini anche alle società i persone commerciali, i reigere il bilancio annuale e il conto ei profitti e elle perite, per le cui valutazioni l imprenitore eve attenersi ai criteri stabiliti per il bilancio elle società per azioni, in quanto compatibili. 97 Pertanto, in caso i trasformazione i Snc in Srl, nella maggior parte ei casi, vi sono tutte le informazioni necessarie per fornire i ati comparativi relativi all esercizio preceente, con riferimento al quale la Snc ovrebbe aver preisposto un bilancio annuale sulla base ei criteri i reazione e i valutazione previsti per i bilanci elle società i capitali. Di conseguenza, le sole ifferenze rispetto alla Srl ovrebbero riguarare le moalità i rappresentazione el bilancio. A tale riguaro risulta tuttavia possibile operare una riclassificazione ei conti ella Snc sulla base ello schema i bilancio i cui agli artt.2424 e segg. el Coice civile. Vi saranno, tuttavia, alcune ifferenze che non potranno essere eliminate e per le quali ovrà essere ata opportuna informazione in nota integrativa 98. A esempio, poiché il reito ella Snc è tassato per trasparenza in capo ai soci, la stessa in bilancio evienzia esclusivamente l Irap, per cui nell ambito ella comparazione tra i risultati economici ei ue esercizi a confronto si ovrà tenere conto che l utile netto ell esercizio preceente non comprene le imposte sul reito pagate ai soci. L unico caso in cui la società risultante alla trasformazione può essere esentata alla presentazione ei ati comprativi ell esercizio preceente si verifica quano la società i persone trasformana ha aottato la contabilità semplificata, in base alla quale non vi è obbligo i reazione el bilancio esercizio. In tale ipotesi, infatti, non vi sono le informazioni sufficienti a preisporre un informativa comparativa con riferimento all esercizio preceente, ma i tale situazione va comunque fornita aeguata informazione nella nota integrativa 99. Si vea, in particolare, S. Terzani, Le comparazioni i bilancio, Ceam, Paova, Cfr. IAS 1 Presentazione el bilancio, par.36 e par.40. Per maggiori approfonimenti sugli aspetti contabili elle società i persone si rimana a L. Scappini, F. Facchini e M. G. Facchini, Le società i persone , Gruppo Euroconference Spa, e. 2008, pagg.125 e ss.. In generale, il principio Contabile nazionale n.11 Bilancio esercizio: finalità e postulati, rivisto all OIC nel 2005, prescrive che gli eventi i natura straorinaria (come la trasformazione societaria) ebbano essere chiaramente evienziati (par.10). In tal senso I. Facchinetti, Aattamento elle voci el bilancio el preceente esercizio, in Contabilità Finanza e Controllo, n.4/00. elle razioni 42

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria Tributi, accertamento e giurispruenza tributaria Riflessi fiscali ella copertura elle perite nelle società in accomanita semplice i Fabio Giommoni * La copertura elle perite elle società in accomanita

Dettagli

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria La liquiazione mortis causa ella quota sociale agli erei i un socio i società i persone i Fabio Giommoni * La morte i un socio i società i persone impone generalmente la liquiazione ella quota agli erei.

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence fiscale i Marco Capra e Massimo Buongiorno Con il presente lavoro inauguriamo gli approfonimenti in orine ai ifferenti aspetti ella ue iligence. Come già esposto

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence nelle operazioni straorinarie: funzione, tipologie e moalità i esecuzione i Massimo Buongiorno e Marco Capra Il presente lavoro vuole tracciare un quaro introuttivo,

Dettagli

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Formule specifiche per la eterminazione ellavviamento nei trasferimenti aziena i Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Lavviamento ha sempre costituito una fonte i controversie tra orientamento giurispruenziale,

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

La Rivista delle Operazioni

La Rivista delle Operazioni elle razioni Mensile i approfonimento eicato alla gestione straorinaria i imprese e società aprile 2013 DIRITTOESOCIETÀ Societàaresponsabilitàlimitata(Srl),societàaresponsabilitàlimitata semplificata(srls),societàaresponsabilitàlimitataa

Dettagli

Lavoro e Tecnostress la sindrome della generazione always on

Lavoro e Tecnostress la sindrome della generazione always on obiettivo. Tuttavia, a ispetto i una (ipotetica) migliore prouttività, la continua reperibilità el lavoratore e la conseguente sua impossibilità a sottrarsi ai contatti lo pongono nella conizione i non

Dettagli

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana Nota metoologica I ati vengono raccolti nell ambito ell inagine campionaria sulle famiglie Aspetti ella vita quotiiana, ce fa parte i un sistema integrato i inagini sociali (Inagini Multiscopo) e è volta

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8 Rimini, 7 ottobre 2014 Macroeconomia 158 Il mercato ei titoli Sul mercato ei titoli si etermina il prezzo ei titoli

Dettagli

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse ISSN 2037-2582 5 Strumenti e tecniche i Business Intelligence per valutare l attenibilità elle stime campionarie i inagini complesse Strumento i ricerca a cura i Alessanro Martini strumenti L Istituto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade.

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade. Conizionamento, congestione e capacità economica elle strae. µ 3 4 ε (-Q) m (-Q) M : Equilibrio spontaneo in corrisponenza el traffico Q : volume i traffico Q E, corrisponente alla capacità economica ella

Dettagli

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni

Capitolo 4 Funzionamento dei gruppi elettrogeni e loro protezioni 61 Capitolo 4 Funzionamento ei gruppi elettrogeni e loro protezioni 4.1 ntrouzione Nel presente capitolo si prenono in esame le moalità i esercizio e i funzionamento ei gruppi elettrogeni nei confronti

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Relazione Valutazione ell apporto solio ei principali corsi acqua el golfo i Salerno Consulenti e collaboratori: Prof. Eugenio Pugliese Carratelli Prof. Enrico Foti (Univ. Catania) Prof. Vittorio Bovolin

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA Informazioni sul prootto Il chioo i sollevamento DEHA a testa sferica è annegato nel calcestruzzo con una guaina che viene successivamente rimossa. Il sollemento

Dettagli

Prot. Circolare n. 003/2015 Milano, 28 gennaio 2015 ALLE SOCIETA IN INDIRIZZO LORO SEDI. Oggetto: LA NUOVA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

Prot. Circolare n. 003/2015 Milano, 28 gennaio 2015 ALLE SOCIETA IN INDIRIZZO LORO SEDI. Oggetto: LA NUOVA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 STUIO COMMERCIALISTA BUSCEMI Viale Monte Nero, 17 20135 MILANO Tel. 02/54.100.190 (R.A.) Fax 02/54.100.511 www.studiobuscemi.it e-mail: info@studiobuscemi.it pec: studiobuscemi@legalmail.it Prot. Circolare

Dettagli

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale STRUTTUR DI SD CNTRAL *** Interventi i razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale Incontro con le OO.SS. Torino, 6 maggio 2005 Piano 2003-2005 Interventi: Integrazione i Carine Finanziaria

Dettagli

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS In un precedente intervento su questa stessa rivista

Dettagli

1. La retta IS in economia aperta

1. La retta IS in economia aperta 999, Riccaro Marselli. La riprouzione i questa ispensa, e parti i essa, per L'economia aperta Questa ispensa illustra le moifiche che è necessario apportare allo schema base IS-LM per tener conto ei legami

Dettagli

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari Sistemi i fissaggio Knauf 07/2011 Sistemi i fissagio Knauf Fissaggio sempice i carichi perpenicoari Cucine Forster Sistemi i fissaggio Knauf quari e scaffai Questo opuscoo iustra come fissare iversi carichi

Dettagli

Cap. 8 Sistemi di controllo

Cap. 8 Sistemi di controllo Cap. 8 Sistemi i controllo Come già etto, in generale, un sistema è solo potenzialmente in grao i soisfare gli obiettivi per i quali è stato costruito, e cioè i comportarsi nella maniera esierata. Per

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MOELLO 730/205 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro Stampato con tecnologia di stampa

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale WWW.BRUNOWEB.IT CANCELLA ATI MOELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate CONTRIBUENTE Gli importi devono essere indicati in unità

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 07 22.04.2014 Liquidazione Srl e Unico Categoria: Sottocategoria: Scadenze La messa in è una vicenda societaria piuttosto frequente in questo

Dettagli

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3

APPENDICE TECNICA. 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione dei cuscinetti volventi - Pag.3 1 APPENDICE TECNICA 1. SUDDIVISIONE DEI CUSCINETTI VOLVENTI 1.1 Denominazione ei cuscinetti volventi Pag.3 2. APPELLATIVO DEI CUSCINETTI VOLVENTI 2.1 Sigle ei cuscinetti volventi Pag.4 2.2 Schermi e anelli

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE RECESSO DEL SOCIO ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE A) Valore di liquidazione della quota superiore al corrispondente valore contabile del patrimonio netto

Dettagli

Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva

Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva Il riassorbimento osseo perimplantare nella tecnica postestrattiva Luca Fumagalli, nrea Parenti, Matteo Capelli, Francesco Zuffetti, Fabio Galli, Silvio Taschieri, Massimo Del Fabbro, Tiziano Testori.

Dettagli

Puntare tutto sul verde

Puntare tutto sul verde Puntare tutto sul vere i stima che siano il 5% ella S popolazione italiana, forse i più. Sicuramente è in crescita il numero i persone in Italia che optano per stili alimentari alternativi : vegetariani,

Dettagli

Capitolo 1: La sintesi del diamante a basse pressioni 1.1 Diagramma di fase del carbonio, paradosso termodinamico e ruolo dell idrogeno nella sintesi

Capitolo 1: La sintesi del diamante a basse pressioni 1.1 Diagramma di fase del carbonio, paradosso termodinamico e ruolo dell idrogeno nella sintesi Capitolo : La sintesi el iamante a basse pressioni. Diagramma i fase el carbonio, paraosso termoinamico e ruolo ell irogeno nella sintesi el iamante a basse pressioni. Moelli i nucleazione e i crescita

Dettagli

Viti a ricircolazione di sfere standard

Viti a ricircolazione di sfere standard Viti a ricircolazione i stanar KURODA prouce viti a ricircolazione i nelle versioni rullate stanar, rettificate stanar e rettificate secono isegno cliente; la gamma completa comprene chiocciole singole

Dettagli

Qualsiasi testo di elettronica o di sistemi dedica

Qualsiasi testo di elettronica o di sistemi dedica NOVEMBRE 2004 N. 234 IATTICA elle CIENZE 7 Il principio ella controreazione/1 In questa prima parte l Autore efinisce il concetto i controreazione, che ha un ruolo essenziale non solo in elettronica ma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 78/E. Roma, 12 novembre 2013

RISOLUZIONE N. 78/E. Roma, 12 novembre 2013 RISOLUZIONE N. 78/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 novembre 2013 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Svalutazione delle rimanenze di magazzino valutate a costi specifici

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari Moulo 8 L operatività in titoli e in ambi e i servizi banari 7 I estinatari el Moulo sono gli stuenti he, opo aver analizzato e appreso le aratteristihe fonamentali ell attività elle aziene i reito, le

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

L'equazione di continuità

L'equazione di continuità L'equazione i continuità Una prima imostrazione. Consieriamo il volume occupato a una istribuzione i cariche ρ (t, x). È possibile esprimere la proprietà i conservazione ella carica nel seguente moo t

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Dario Curlante Progettare strutture in legno lamellare AGGIORNATO AL NUOVO EC5 UNI EN 1995-1-1:014 Dario Flaccovio Eitore Dario Curlante ISBN 9788857903736 014 by Dario Flaccovio Eitore s.r.l. - tel. 0916700686

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO Agenda Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT.

Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT. Sicc Spa - V.le Porta Po 89 z.i. 45100 Rovigo Italy Tel. +39.0425.403111 r.a. Fax +39.0425.403177 www.siccspa.it - info@siccspa.it CT. 02-11 Catalogo Tecnico termo energie alternative acqua aria Costruire

Dettagli

Movimentazioni lineari. Si eseguono lavorazioni a disegno

Movimentazioni lineari. Si eseguono lavorazioni a disegno Movimentazioni lineari Si eseuono lavorazioni a iseno Movimentazioni lineari Sistemi lineari I sistemi lineari ACK sono costituiti a 2 barre acciaio a sezione circolare temprate e rettificate in tolleranza

Dettagli

Abstract: the article, after a brief mention of

Abstract: the article, after a brief mention of Giuseppe Sofia Ministero ello Sviluppo Economico - Comunicazioni Ispettorato Territoriale Calabria giuseppe.sofia@comunicazioni.it NOTE RADIOPROPAGAZIONE DI UN SEGNALE DVB-T IN UHF. ASPETTI TEORICI E PRATICI

Dettagli

Mi merito questa pausa

Mi merito questa pausa Mi merito questa pausa una vera tempesta ormonale che genera moifiche im- È portanti nel fisico, nella psicologia e nel metabolismo, un po come accae quano a bambine si iventa onne. Avviene intorno ai

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

coordinamento di Enrico Holzmiller*

coordinamento di Enrico Holzmiller* Soluzioni operative: determinazione e funzione del sovrapprezzo In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CORDA DI METALLO UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT

CORDA DI METALLO UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT UN MODELLO E UN ALGORITMO PER LA SIMULAZIONE PER MODELLI FISICI DI STRUMENTI AD ARCO PREPRINT Marco Palumbi, Lorenzo Seno marco.palumbi@bigfoot.com, lorenzo.seno@bigfoot.com Centro Ricerche Musicali Via

Dettagli

OGGETTO: L evoluzione normativa della Società a Responsabilità Limitata.

OGGETTO: L evoluzione normativa della Società a Responsabilità Limitata. NOTA OPERATIVA N. 4/2015 OGGETTO: L evoluzione normativa della Società a Responsabilità Limitata. - Introduzione Il modello di società a responsabilità limitata è stato caratterizzato, nel tempo, da notevoli

Dettagli

L interferenza e la natura ondulatoria della luce

L interferenza e la natura ondulatoria della luce CAPITOLO 5 L interferenza e la natura onulatoria ella luce Un serpentone lungo più i 6 mila chilometri, che corre a oltre mila anni nel cuore ella Cina. È sicuramente grazie alla sua graniosità e alla

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati TREMONTI-TER art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09 Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com 1 D.L. 01-07-2009, n. 78 Art. 5 - Detassazione degli investimenti in macchinari (testo in vigore dal 5

Dettagli

Cessione ed affitto d azienda

Cessione ed affitto d azienda Cessione ed affitto d azienda Appunti a cura di Claudio Ducoli aprile 2011 DEFINIZIONE DI AZIENDA L'art. 2555 del c.c. definisce l'azienda come il complesso dei beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti)

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) La riforma del Diritto Societario, avvenuta con l entrata in vigore del D.Lgs.

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

Fiscal News N. 104. Liquidazione: determinazione del reddito e termini dichiarativi. La circolare di aggiornamento professionale 07.04.2014.

Fiscal News N. 104. Liquidazione: determinazione del reddito e termini dichiarativi. La circolare di aggiornamento professionale 07.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 104 07.04.2014 Liquidazione: determinazione del reddito e termini dichiarativi Categoria: Operazioni straordinarie Sottocategoria: Liquidazione

Dettagli

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Dott.ssa Silvia Bocci SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Aspetti pratici e fiscali Giovedì 11 novembre 2004 Auditorium della Cultura e della Economia - Prato

Dettagli

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Edizioni Simone - Vol. 37/1 Compendio di ragioneria applicata e tecnica professionale Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Sommario Z 1. Introduzione. - 2. Metodo reddituale. - 3. Metodo patrimoniale.

Dettagli

INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE

INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE MOD. ISTAT/IMF-10/C.09 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE 1 2 Provincia... Comune... Sezione i Censimento... (a cura el Comune)

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di Materiale didattico non vendibile riservato

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista 1 modulo Le cause di scioglimento LE CAUSE DI SCIOGLIMENTO Le due categorie di cause di scioglimento

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

Dalle statistiche IFR più recenti risulta

Dalle statistiche IFR più recenti risulta SIRI - ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ROBOTICA E AUTOMAZIONE Da questo numero inizia una collaborazione tra SA e SIRI, associazione italiana i robotica e automazione. L associazione curerà una rubrica fissa

Dettagli

Pensare il Diritto Tributario

Pensare il Diritto Tributario Pensare il Diritto Tributario MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE I profili fiscali dei principi contabili internazionali (IFRS) Annualità 2015-2016 Direzione scientifica di Ivan Vacca e Nicola Mazza Assonime

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28

IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28 3.3 Il bilancio di fusione Le valutazioni del capitale economico delle società partecipanti alla fusione saranno illustrate nella relazione dell organo amministrativo e saranno oggetto del parere di congruità

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Dottori commercialisti, Studio Morri Cornelli e associati

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Dottori commercialisti, Studio Morri Cornelli e associati 11 Ottobre 2011, ore 14:46 Operazioni di compravendita con locazione finanziaria Sale and lease back: tassazione immediata della plusvalenza La questione relativa al corretto trattamento fiscale della

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio SCHEDA DI APPROONDIMENTO Prove i laoratorio PROVE DI RESISTENZA A TRAZIONE Le prove i resistenza a trazione sono essenziali per valutare le caratteristiche fonamentali e il comportamento el materiale sia

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Corso di Elettronica Digitale. Display decoder a 7 segmenti con le mappe di Karnaugh

Corso di Elettronica Digitale. Display decoder a 7 segmenti con le mappe di Karnaugh Corso i Elettronica Digitale Display ecoer a 7 segmenti con le mappe i Karnaugh Anrea Di Salvo A.A. 23/24 Che cos'è? Per un singolo moulo, è una rappresentazione i interi a a 9 (e eventualmente i alcuni

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

Termometri a capillare Conformi a DIN 16206 Riempimento di azoto Opzione: Contatti

Termometri a capillare Conformi a DIN 16206 Riempimento di azoto Opzione: Contatti Termometri a capillare Conformi a DIN 16206 Riempimento i azoto Opzione: Contatti Misurare Monitorare Analizzare Sistema i misura rispettoso ell'ambiente con riempimento non tossico in azoto Tempo i risposta

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI

DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI Ultimo aggiornamento 30/04/013 DISPENSE DEL CORSO DI IDRAULICA DEI MEZZI POROSI 1-1 Ultimo aggiornamento 30/04/013 INDICE 1. Introuzione al corso...1-4. Le fale acquifere...-6.1. Legge i Darcy...-7.. Fale

Dettagli

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Profili civilistici Art. 1751 C.C. comma 1 Testo in vigore fino

Dettagli

Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società.

Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società. LA TRASFORMAZIONE Definizione: La trasformazione è una modifica della forma giuridica di una società. Rimangono immutati però gli aspetti sostanziali: - attività; - soggetto economico; - rapporti con i

Dettagli

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. Circolare n. 15 Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. 633/1972) Indice 1 Premessa... 2 2 I rimborsi Iva trimestrali per i soggetti

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli DI CAPITALI TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE ALL INTERNO DELLO STESSO COMUNE Documento n. 30 del 18 novembre 2005 La variazione dell indirizzo della sede della società non comporta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito RISOLUZIONE N. 26/E Roma, 07 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Assegnazione azioni proprie a titolo di dividendo Articolo 94, comma

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 5

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 5 PPUNTI DI TOPOGRFI MODULO 5 MISUR DELLE DISTNZE E DEI DISLIVELLI PROF. SPDRO EMNUELE UNIT DIDTTIC N 1 MISUR DELLE DISTNZE http://spaaroemanueletopografia.bloog.it/ RIDUZIONE DELL DISTNZ LL SUPERFICIE DI

Dettagli

Bilancio. Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata?

Bilancio. Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata? Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata? di Riccardo Acernese La contabilizzazione del TFR con il metodo attuariale avrebbe potuto concettualmente consentire un accantonamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 326/E

RISOLUZIONE N. 326/E RISOLUZIONE N. 326/E Roma, 30 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello n. - Art. 11, legge 27/7/2000, n. 212 Istante: ALFA Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR),

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Sommario Premessa... 1 Principi contabili nazionali... 1 Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Principi contabili nazionali e internazionali: una diversa filosofia... 6 Premessa Colgo l occasione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO. Pontassieve 12-19 maggio 2009 dott. Gabriele Fornaciai

CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO. Pontassieve 12-19 maggio 2009 dott. Gabriele Fornaciai CRITERI DI VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI EDIFICI CON PRESENZA DI AMIANTO Pontassieve 12-19 maggio 2009 ott. Gabriele Fornaciai L AMIANTO INTRODUZIONE AL TEMA Cosa è, ove si trova, tipi i amianto, prootti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING a cura di IPC CONSULTING Carlo Parenti Dottore Commercialista IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING Imposizione diretta per i cedenti Imposizione

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

ALUPEX. Sistema multistrato per adduzione acqua e gas

ALUPEX. Sistema multistrato per adduzione acqua e gas ALUPEX Sistema multistrato per auzione acqua e gas 2 Catalogo tecnico Alupex Inice ALUPEX Multistrato ALUPEX la storia el multistrato ALUPEX la tubazione ALUPEX voci i capitolato ALUPEX GASystem voci i

Dettagli