Activities Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Activities Report 2007-2012 1"

Transcript

1 Activities Report

2

3 La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita è stata voluta dalla Provincia di Varese alla fine del 2006, quale soggetto preposto a promuovere la ricerca medico scientifica ed a presidiare l innovazione biotecnologica nel territorio dell Insubria. All iniziativa della Provincia hanno aderito quali fondatori, l Università dell Insubria, il Comune di Busto Arsizio, il governo del Canton Ticino, la Regio Insubrica, la Fondazione Cardiocentro Ticino Lugano e più recentemente il Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation a testimonianza della volontà delle più importanti istituzioni di governo del territorio e di enti che svolgono attività medico-scientifiche e di ricerca biotecnologica di eccellenza, di creare un ambito di collaborazione transnazionale che favorisca le sinergie tra ricerca di base e applicata e il dialogo tra il mondo accademico e quello delle imprese. Nel marzo del 2007, la Fondazione ha ricevuto in donazione da Vicuron-Pfizer i laboratori di ricerca siti in Gerenzano (Va), che inizialmente appartenevano ad una illustre azienda farmaceutica italiana, la Lepetit. Questi laboratori, che si erano resi noti in passato perché sede di grandi scoperte che hanno contribuito significativamente al potenziamento della terapia antibiotica, sono stati consegnati completi di impianti e tecnologie d avanguardia, in grado di diventare immediatamente operativi. Oltre agli immobili e alle tecnologie, la Fondazione ha ricevuto un patrimonio intellettuale di grande interesse, costituito da metodologie di ricerca, da un imponente database contenente i risultati originali della discovery in decenni di attività, una libreria di estratti prodotti da microorganismi, una libreria chimica, una biblioteca scientifica di enorme interesse e una animal house. Sono trascorsi ormai cinque anni dal conferimento di questo patrimonio e sembra opportuno proporre una riflessione su quanto è stato fatto. La prima preoccupazione è stata quella di garantire al meglio la funzionalità del sito: per questo, il primo atto della Fondazione è stato quello di costituire un azienda di servizi che, con la riassunzione del personale tecnico di Vicuron-Pfzier, ha assicurato la manutenzione degli stabili, degli impianti e delle tecnologie. La scelta immediatamente successiva fu di tipo strategico: la trasformazione del sito in un Bioparco destinato ad ospitare nel 70% degli spazi disponibili gruppi e imprese operanti autonomamente in diversi settori della ricerca biotecnologica, riservando l uso del restante 30% alle attività di ricerca direttamente operate dalla Fondazione con propri ricercatori, per valorizzare al meglio il patrimonio intellettuale ricevuto. Attualmente nel Bioparco sono incubate diciotto aziende, che operano nei diversi settori della ricerca, dalle terapie avanzate all innovazione in diagnostica. La Fondazione ha avviato progetti per la ricerca di nuovi farmaci antitumorali, di nuovi antibiotici e di nuove terapie per il morbo celiaco, progetti che vedono oggi il coinvolgimento di importanti enti nazionali di ricerca e ospedalieri. Inoltre sono stati recentemente estesi gli accordi di collaborazione con realtà statunitensi per lo studio delle proprietà dei nostri estratti nella terapia della tubercolosi e nel campo degli antiparassitari. Un importante progetto di collaborazione con il Canton Ticino, ha visto impegnata la Fondazione nella ricerca di nuove modalità per l impianto di cellule staminali adulte nei tessuti da risanare, a testimonianza della vocazione transnazionale della Fondazione stessa. Sei anni di attività nel campo della ricerca non sono molti; tuttavia ci sembra di poter affermare che le iniziative messe in atto siano coerenti con il mandato di tutelare l innovazione nel nostro territorio e che alcuni obiettivi siano stati raggiunti: il mantenimento e lo sviluppo del sito e dell occupazione, la promozione della ricerca nell Insubria, la realizzazione di un network internazionale e la facilitazione di sinergie tra mondo accademico e imprese e l ottenimento di due brevetti. Questi risultati sono stati possibili grazie anche alla continua attenzione dei Fondatori e al valido contribuito che i loro rappresentanti hanno dato nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione. A. Carenzi Presidente Fondazione Istituto Insubrico Ricerca per la Vita Introduzione 3

4 A. Gambini Direttore Fondazione Istituto Insubrico Ricerca per la Vita Sono passati sei anni da quando abbiamo iniziato questa bellissima sfida e oggi possiamo trarre le prime conclusioni. Nel corso di questi anni infatti con l impegno, il lavoro e la disponibilità da parte di tutti siamo riusciti ad ottenere questi risultati: Insediate 18 aziende BIOTECH 200 ricercatori ed impiegati ogni giorno lavorano in questo sito Depositato 1 Brevetto Europeo di una molecola attiva contro il glutine e quindi per il morbo celiaco Depositato un brevetto Europeo di una molecola antinfiammatoria Tutto questo è stato possibile da una parte grazie ai soci fondatori che hanno dato un contributo iniziale per far partire tutte queste attività, dall altra grazie all impegno quotidiano di tutte le persone che lavorano insieme a me. Concludendo posso affermare che siamo riusciti insieme a far ripartire questo sito. Infatti oggi tutti gli spazi all interno dell Insubrias Biopark sono occupati. Collaborazione a livello internazionale con la Texas University Collaborazione a livello internazionale con la Dow Agroscience Partecipazione a numerosi progetti regionali nazionali ed internazionali Considerando però che abbiamo molte richieste di nuove aziende sembra opportuno riflettere ed impegnarsi in questa nuova sfida, magari da realizzare nei prossimi sei anni, ossia quella di costituire un nuovo BUILDING. Grazie ancora a tutti. Introduzione 4

5 Fondatori Istituzionali

6 D. Galli Presidente Provincia di Varese E stato un anno importante per l Insubrias BioPark, che può così tracciare un bilancio più che positivo in termini di risultati scientifici, progettuali e di credibilità internazionale. Gli obiettivi raggiunti sono motivo d orgoglio anche per l Amministrazione provinciale, che non solo ha con convinzione contribuito alla nascita di un polo che sapesse valorizzare le potenzialità del nostro territorio anche nel campo della ricerca per la vita e le biotecnologie, ma continua a seguire da vicino e con grande interesse gli sviluppi di questo affascinante percorso. Abbiamo, infatti, appreso con grande soddisfazione i progressi nel campo della ricerca sulla celiachia e l importante finanziamento internazionale ottenuto per reclutare giovani ricercatori con il doppio obiettivo di limitare la fuga dei cervelli all estero e al contempo creare posti di lavoro sul territorio. Tutto questo in un periodo non certo roseo sotto il profilo economico. Oggi non è certo facile mantenere punti di eccellenza nel campo della ricerca farmacologica. Esserci riusciti è un merito che va a tutto il personale e agli addetti dell Insubrias e alle Istituzioni che continuano a credere in questo progetto, nella speranza che il Paese riesca al più presto a trovare una nuova configurazione industriale funzionale al rilancio dell intero sistema socio economico. Fondatori Istituzionali 6

7 Innovazione, ricerca, competitività: se ne parla da molto, le si invoca da tutti e, costantemente, anche nell epoca dei professori, paiono parole per riempire relazioni, al massimo buoni auspici per lastricare vie di sempre più probabili inferni terreni. Ecco perché con uno scatto di coraggio quasi superiore all improntitudine, con una determinazione, forse meritevole di essere apprezzata e seguita anche da molti colleghi, come sindaco di Busto Arsizio proposi al consiglio comunale di sostenere sin dalla fondazione l Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita. Oggi, nonostante le difficoltà crescenti, una crisi internazionale e finanziaria che non accenna a dare segnali di fine, i concreti risultati che l annuario allegato conferma con i numeri, i progetti e le persone sottese più di ogni parola, c è persino l orgoglio di aver voluto essere tra i fondatori. Un orgoglio però che non si appaga e che ha bisogno di diventare consapevolezza di più enti e persone, di sempre maggiori associazioni, imprese ed università. Proprio quest anno, anno in cui dopo aver seminato spesso in un deserto la necessità di porre anche i comuni alla testa di un progetto di rete che sappia essere attrattivo per il territorio e per le imprese di risorse pubbliche, private e comunitarie che ne garantiscano un futuro, occorre ancor di più che, partendo da ciò che ha superato crisi, resistenze ed ostruzionismi, magari proprio da chi teme il cambiamento e la messa in discussione di alcuni equilibri, si rilanci e, oltre a chiamare sempre più realtà a condividere questo sforzo, sempre più si inserisca l esperienza dell Istituto nella rete di tutte le piattaforme da costruire per il concreto rilancio di una politica di crescita. Per una ricerca che non si appaghi dell accademia, dell università spesso autoreferenziali, ma veda nelle imprese, ed in particolare nelle piccole medie imprese del territorio che sanno resistere alla tentazione dell abbandono, un loro fulcro. E l unica vera speranza che abbiamo per dare un senso al nostro impegno. Impegno di amministratori locali, politici che non intendano cedere alla disaffezione, al disimpegno e all antipolitica, uomini che vogliano dare concreta fiducia alle giovani generazioni. E anche il momento di stimolare giovani e capaci ricercatori a investire i loro talenti nel nostro Paese e non vederlo soltanto come una base di partenza. Check in incluso. Gigi Farioli Sindaco di Busto Arsizio G. Farioli Sindaco Busto Arsizio Fondatori Istituzionali 7

8 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Fondatori Istituzionali Repubblica e Cantone Ticino Nel 2007 il Cantone Ticino aderì con convinzione alla proposta di partecipare, quale ente fondatore, alla Fondazione dell Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita, poiché ritenne interessanti le finalità che furono proposte da parte dall allora Presidente della Provincia di Varese, onorevole Marco Giovanni Reguzzoni. Questa Fondazione è infatti nata con il preciso obiettivo di stimolare e supportare iniziative di sviluppo delle biotecnologie rivolte alle scienze della vita e alla salvaguardia della salute dell uomo, di coordinare progetti di ricerca per lo sviluppo di nuovi prodotti e protocolli nell ambito delle scienze della vita, di promuovere sinergie nelle attività di ricerca in questo settore, di promuovere sinergie e collaborazioni a vari livelli con realtà importanti della ricerca privata attive nella Regione insubrica, quindi anche con il Cantone Ticino, di favorire il trasferimento tecnologico e l innovazione all industria privata, catalizzandone e ottimizzandone gli investimenti e, quale ultimo punto, di interfacciare industria e ricerca nei rapporti con le istituzioni, in primo luogo quelle accademiche. Il Consiglio di Stato del Cantone Ticino mantiene e ribadisce il proprio interessamento per questa lodevole iniziativa, di cui va segnalato l assiduo impegno del professor Angelo Carenzi e degli altri membri del Consiglio di Fondazione. In effetti il settore della ricerca scientifica, in particolare nell ambito delle scienze della biomedicina, racchiude in sé un formidabile potenziale di crescita e di sviluppo, sia dal profilo disciplinare che da quello economico. Vi sono poi i migliori presupposti affinché la Fondazione di Gerenzano possa aprire e approfondire collaborazioni e sinergie con alcuni centri di eccellenza presenti nel nostro Cantone, centri già affermati nel panorama scientifico nazionale e internazionale. Mi riferisco all Istituto di ricerche in biomedicina (IRB) e all Istituto oncologico della Svizzera italiana (IOSI), entrambi a Bellinzona, al Cardiocentro Ticino di Lugano e all Istituto alpino di chimica e tossicologia di Blenio. Senza dimenticare le relazioni virtuose che si possono instaurare con il polo universitario ticinese, l Università della Svizzera italiana (USI), soprattutto con la sua Facoltà in scienze informatiche e il relativo Istituto in scienze computazionali, e la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), con il suo Dipartimento della sanità, ma anche con il potente supporto scientifico costituito dal Centro svizzero di calcolo scientifico (CSCS), il cui ruolo nella ricerca, anche nelle scienze della vita, assumerà un peso determinante. In questa prospettiva, come presidente del Consiglio di Stato del Cantone Ticino, ma anche come direttore del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport, auspico che l Istituto insubrico di ricerca per la vita possa conseguire al meglio gli obiettivi che si è prefissato nel 2007 e che riesca a promuovere, attraverso il proprio Comitato scientifico, dei progetti di ricerca innovativi che sappiano coinvolgere anche il nostro Cantone, mettendo a frutto l enorme potenziale intellettuale e scientifico disponibile nella Regione insubrica. Alle autorità politiche e agli amministratori locali spetta il compito, per la verità non facile in un periodo di bassa congiuntura economica, di creare le migliori condizioni quadro possibili, ricordando che quello della ricerca scientifica è un investimento che merita attenzione da parte degli enti pubblici, oltre che per ragioni etiche, anche per le importanti ricadute economiche che sa generare. 8 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport

9 La Regione insubrica è una delle regioni più belle, laboriose e ricche d Europa e sancisce una fusione tra italicità - matrice comune di tutto il suo territorio - ed elveticità, creando un connubio unico di valori, modi di sentire, pensare e operare simili o altrimenti fortemente complementari e con un potenziale altissimo ancora inespresso. Nel segno di un confine che unisce, la Regio Insubrica si offre, nel rispetto delle competenze istituzionali dei suoi membri, come uno strumento giovane e flessibile di management strategico del territorio. Essa invita i suoi attori a superare le logiche puramente localistiche, senza misconoscere le differenze che sono fonte di arricchimento, e a cooperare nel nome di quanto unisce questo territorio. La Regio Insubrica, costituita nel 1995 a Varese, è composta attualmente dal Cantone Ticino (Svizzera) e dalle Province di Como, Lecco, Novara, Varese e del Verbano Cusio Ossola (Italia), allo scopo di promuovere la cooperazione transfrontaliera nella regione italo-svizzera dei Laghi Prealpini e di favorire la presa di coscienza dell appartenenza ad un territorio che è iscritto, al di là dei confini istituzionali, nella geografia, nella storia, nella cultura e nella lingua; opera nella convinzione che l integrazione, attraverso la cooperazione, delle grandi risorse del territorio insubrico e la sua evoluzione in uno spazio funzionale, potranno liberare nuove risorse e nuove energie e dare nuove prospettive di crescita a chi vive, lavora e trascorre il proprio tempo libero in questa regione. La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita si colloca esattamente in questo contesto di aggregazione delle eccellenze presenti sul territorio per presentarsi al resto dell Europa in una veste più competitiva e quindi atta a tradursi in sviluppo e innovazione a favore delle popolazioni che lo abitano. La vocazione transfrontaliera che è insita in questo progetto assicura, a questa importante piattaforma a favore della ricerca, di farsi interprete delle aspettative comuni di passaggio dalle mere dichiarazioni d intesa alla realizzazione di strategie di sviluppo reali e fortemente condivise. Giampiero Gianella Segretario Regio Insubrica Fondatori Istituzionali 9

10 R. Dionigi Magnifico Rettore Università degli Studi dell Isubria Fondatori Istituzionali Negli ultimi mesi la Fondazione Istituto Insubrico Ricerca perla Vita ha rinnovato, al compimento del primo quinquennio di attività, il proprio Consiglio di Amministrazione e si ripropone nella confermata decisione di incrementare e sviluppare i numerosi progetti scientifici, all interno di rapporti sinergici con centri di ricerca nazionali ed internazionali. Come fondazione a carattere scientifico ha saputo sostenere attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico, rivelandosi uno strumento adeguato a valorizzare la cultura della partecipazione, a sollecitare la capacità di instaurare un circuito di riproduzione delle risorse, a implementare progetti secondo la logica del capital risk. Nei prossimi mesi l Università degli Studi dell Insubria porterà a compimento tutti i molteplici adempimenti indicati nella legge di riforma degli studi universitari, rinnovando funzioni, organi e strutture accademiche. In questa prospettiva, la capacità di fare ricerca come compito proprio del sistema universitario e come contenuto di collaborazioni scientifiche con realtà intra - ed extra-accademiche, continuerà ad essere, ancor più che per il passato, uno dei principali parametri di valutazione accademica, che tuttora colloca stabilmente il nostro Ateneo tra i primi venti del panorama nazionale. L Università degli Studi dell Insubria ha perciò rinnovato con convinta responsabilità la sua adesione al FIIRV, assecondando e riconfermando le motivazioni che l hanno vista socio fondatore, accanto ad altre realtà istituzionali e scientifiche. Sono certo, ed è anche il mio augurio, che la collaborazione tra il nostro Ateneo e la Fondazione saprà svilupparsi e trovare ipotesi innovative di ricerca scientifica, con l auspicio che possa affermarsi anche come elemento significativo per la crescita culturale ed economica del suo territorio di elezione. 10

11 La partecipazione come ente fondatore al progetto dell Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita ha rappresentato e ancora rappresenta per la Fondazione Cardiocentro Ticino il naturale corollario di una strategia di sviluppo perseguita negli anni con una forte consapevolezza: solo una prospettiva transnazionale e traslazionale, solo un deciso impegno nella ricerca e nell aggiornamento tecnologico, solo lo scambio continuo delle esperienze e delle conoscenze consentono a un piccolo ospedale, ma forse si dovrebbe dire a un ospedale tout-court, di sottrarsi a un destino di marginalità e retroguardia. Poiché, al contrario, vogliamo essere un ospedale moderno e coltiviamo ambizioni di eccellenza, abbiamo il dovere di aprirci alla ricerca e alla formazione, di partecipare attivamente all evoluzione del sapere scientifico, di metterci in rete come soggetto attivo e propositivo. È d altra parte sempre più chiaro che ogni investimento nella ricerca e nella formazione si traduce pressoché immediatamente in miglioramento nella cura: in altre parole, la ricerca alimenta la formazione e la qualità dell assistenza. Significa che al nostro paziente possiamo offrire le terapie più moderne e i medici più aggiornati e competenti. Un idea di sanità, un idea di medicina, un idea di sviluppo del territorio, anche sviluppo sociale ed economico, sottende alla nostro impegno e al nostro ruolo nel polo bio-tecnologico lombardo. La stessa idea che ci ha consentito di raggiungere, proprio in questi mesi, un traguardo storico per il sistema sanitario ticinese e per il Ticino. Grazie a un accordo con l Università di Zurigo, che prevede l avvio di un intensa collaborazione nella formazione, nella ricerca e nello sviluppo di terapie d avanguardia, il Cardiocentro Ticino è oggi istituto associato al prestigioso ateneo zurighese e assume ufficialmente lo status di clinica universitaria, la prima nella Svizzera italiana. È un ulteriore, deciso passo verso il traguardo di avere finalmente in Ticino una facoltà di medicina, fondamentale nel potenziamento di quella rete di collaborazioni e di sinergie con i migliori istituti universitari oltralpe, con l Europa e ovviamente con la vicina Lombardia che rappresenta il coronamento del nostro progetto e consentirà un ulteriore miglioramento della qualità già eccellente della nostra medicina. G. Giudici Presidente Cardiocentro Ticino e Lugano Fondatori Istituzionali 11

12 G. Banfi Direttore Scientifico Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation Fondatori Istituzionali 12 La Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation, nata nel 1995, è un organizzazione senza scopo di lucro che ha il fine di promuovere la ricerca, gli studi e gli scambi culturali nel campo delle scienze biomediche e dell organizzazione sanitaria. La Fondazione sostiene e realizza progetti scientifici in aree strategiche della ricerca biomedica per il presente ed il futuro del nostro Paese, avvalendosi della collaborazione di altri enti di ricerca, strutture sanitarie, università, istituzioni, enti pubblici e privati. Oggi il Gruppo Ospedaliero San Donato porta il suo aiuto a un gran numero di malati: ogni anno sono oltre 2 milioni i pazienti, i ricoveri e sono più di i medici, gli infermieri e il restante personale tecnico e amministrativo che lavorano all interno del Gruppo. Sede dei Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia e delle Scuole di Specialità delle Università degli Studi di Milano e di Pavia, con oltre tra docenti universitari, medici specialisti e ricercatori che svolgono la loro attività clinica, didattica e scientifica presso le strutture del Gruppo. Per garantire la salute di tutti i suoi pazienti, il Gruppo Ospedaliero San Donato è impegnato in un ambizioso programma di costruzione di nuove strutture edilizie, nell acquisizione di innovative attrezzature tecnologiche e nella realizzazione di specifici progetti sanitari e scientifici d avanguardia, nel trasferimento alla pratica clinica di metodiche diagnostiche e terapeutiche innovative. A partire dal 2009 la GSD Foundation e la FIIRV collaborano per il perseguimento di scopi comuni di ricerca, sperimentazione, sviluppo e trasferimento di pratiche diagnostiche e terapeutiche innovative, in un contesto di cooperazione e interscambio. Tra le due fondazioni esiste coincidenza di interessi scientifici per la realizzazione di progetti di ricerca traslazionale che utilizzino le potenzialità e le risorse umane e finanziarie di entrambe. L interesse della Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation è concentrato in particolare sulla Medicina Rigenerativa, in collaborazione con enti di ricerca e industria. Nonostante i notevoli progressi e miglioramenti introdotti dalla chirurgia, dalla tecnologia e dalla farmacologia, non si è sempre in grado di rispondere adeguatamente ai danni più gravi che il nostro organismo può subire. Oggi si sta affermando e diffondendo un nuovo approccio terapeutico che vede una grande collaborazione tra le competenze dei medici, dei biologi e degli ingegneri: la Medicina Rigenerativa. G. Banfi

13 La Fondazione

14 Ricerca e tecnologia al servizio del territorio La Fondazione La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita (FIIRV) è nata il 12 ottobre 2006, senza fini di lucro, grazie all impegno della Provincia di Varese, dello Stato e Repubblica del Cantone Ticino, della Comunità di Lavoro Regio Insubrica, dell Universtà dell Insubria di Varese e Como, della Fondazione Cardiocentro Ticino di Lugano e del Comune di Busto Arsizio e più recentemente il Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation, tali istituzioni hanno promosso la realizzazione di FIIRV con il chiaro obiettivo di sostenere, promuovere e tutelare la ricerca medico scientifica e biotecnologica in un contesto transfrontaliero di grandi potenzialità. Il secondo articolo dello statuto della Fondazione specifica che FIIRV si pone l obiettivo di stimolare e supportare iniziative di sviluppo delle biotecnologie rivolte alla scienza della vita, alla salvaguardia della salute dell uomo e alle biotecnologie industriali ad alta accettabilità con particolare riferimento all area geografica sovranazionale della Regione Insubrica. L obiettivo ambizioso che FIIRV si pone è infine quello di trasferire nel territorio conoscenze e tecnologie sfruttando le sinergie e la collaborazione fra enti istituzionali, strutture qualificate e istituti accademici, stimolando lo sviluppo della ricerca biotecnologica nelle scienze della vita e la nascita di iniziative di alta competitività. La Fondazione svolge anzitutto attività di ricerca con un proprio team di ricercatori nel campo della farmacologia, della microbiologia e della chimica analitica. FIIRV possiede un patrimonio che consiste in una rarissima collezione di estratti microbici e microrganismi e si trova all interno del centro di ricerca Insubrias Biopark. Nella gestione del Bioparco, FIIRV supporta aziende in fase di startup e spin-off, con l obiettivo di creare valore aggiunto e di rendere l Insubrias Biopark un punto di riferimento e di collegamento per tutti gli attori del territorio, dalle imprese fino agli istituti accademici e di ricerca. La Fondazione svolge attività di ricerca con un proprio team di esperti nel campo della farmacologia, della microbiologia e della chimica analitica. Nella gestione del Bioparco, FIIRV supporta aziende in fase di startup e spin-off, con l obiettivo di creare valore aggiunto e di rendere l Insubrias Biopark un punto di riferimento e di collegamento per tutti gli attori del territorio. La Fondazione 14

15 Organizzazione e gestione della struttura La Fondazione Istituto Insubrico Ricerca per la Vita è gestita da un Consiglio di Amministrazione composto dal Presidente e da vari membri, di cui due nominati dalla Provincia di Varese, uno dalla Comunità di Lavoro Regio Insubrica, uno dall Università dell Insubria, uno dal Comune di Busto Arsizio, uno dal Governo del Canton Ticino e uno dalla Fondazione Cardiocentro Ticino-Lugano I Fondatori che hanno tale qualifica ai sensi dell art. 6, comma 2, possono nominare un proprio rappresentante all interno del C.d.A. sino alla concorrenza di trenta membri. Sono membri dell attuale Consiglio di Amministrazione: Angelo Carenzi, Presidente della Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita; Andrea Barlocco, Consigliere in rappresentanza del Comune di Busto Arsizio; Avv. Andrea Masetti Vice Presidente di FIIRV e Consigliere in rappresentanza della Provincia di Varese; Patrizio Castelli, Consigliere in rappresentanza dell Università dell Insubria; Giampiero Gianella, in rappresentanza di Comunità di Lavoro Regio Insubrica; Giuseppe Banfi, in rappresentanza del Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation Fabio Rezzonico, Consigliere in rappresentanza della Fondazione Cardiocentro Ticino Partecipa ai lavori del C.d.a. il direttore Andrea Gambini. Collegio dei Revisori dei Conti: Fabio Frattini, Presidente; Giorgio Faroni; Alberto Zanetti Per l attività di ricerca e per la gestione la Fondazione si avvale di un team di dipendenti: alcuni sono ricercatori impiegati a vario titolo nei diversi progetti, altri sono impiegati amministrativi. Inoltre, la società Servire Srl, totalmente posseduta dalla Fondazione, è incaricata della manutenzione del patrimonio immobiliare e dell erogazione dei servizi per il funzionamento del Bioparco. Gli Organi della Fondazione La Fondazione 15

16

17 La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita ha sede a Gerenzano (VA) presso l Insubrias Biopark. Il Bioparco, di proprietà della Fondazione, è immerso in un area verde naturale e si estende su una superficie totale di cinquantaduemila metri quadrati, di cui quindicimila esclusivamente dedicati a laboratori e uffici. Questo polo di ricerca di altissimo livello è inserito in un contesto ambientale strategico, crocevia fra Milano, Varese, gli aeroporti internazionali di Malpensa e Linate e la Svizzera italiana. FIIRV occupa una posizione rilevante nel cuore della Lombardia, uno dei quattro motori dell economia europea. In questo territorio si individuano particolari elementi di forza, rappresentati da un offerta accademica di alta qualità e dalla disponibilità di strutture qualificate che insieme sostengono ed alimentano la base scientifica della Fondazione, creando le opportunità per un efficace trasferimento tecnologico. Far parte di un tale contesto significa poter usufruire di un canale di assoluto valore per visibilità, condivisione di conoscenze e network, sia a livello nazionale che internazionale, e poter unire e potenziare in modo strategico le competenze di un territorio straordinariamente ricco. Location strategica e di riferimento Proprio la collocazione della Fondazione ed i rapporti di partnership stretti con il Governo del Canton Ticino e la Regio Insubrica, evidenziano la vocazione internazionale di FIIRV, che vede una grande sinergia fra le due regioni, in continua collaborazione a livello di ricerca scientifica e progetti innovativi. La sede della Fondazione è immersa in un area verde naturale e si estende su una superficie totale di cinquantaduemila metri quadrati, di cui quindicimila esclusivamente dedicati a laboratori e uffici. In previsione prossimi ampliamenti per soddisfare le richieste di numerose aziende che vorrebbero insediarsi qui. La Sede La Fondazione 17

18 Il Patrimonio Tra eredità e nuove acquisizioni La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita possiede un patrimonio di grande valore ereditato da Pfizer Vicuron e da tutte le realtà di ricerca applicata che hanno operato nel sito di Gerenzano a partire dagli anni 80. Il valore di questo patrimonio consiste nella varietà degli elementi che lo compongono: competenze, tecnologie, una libreria di estratti microbici, una libreria di ceppi di microorganismi, una libreria di composti chimici, una imponente biblioteca scientifica e una animal house. Grazie all attività di ricerca svolta autonomamente in questi sei anni la Fondazione ha aumentato la consistenza del patrimonio ricevuto che oggi può vantare una collezione di estratti, una libreria microbica di ceppi e una libreria chimica di circa diversi composti. Allo scopo di incrementare e svolgere al meglio le attività di ricerca, la Fondazione possiede strumenti ad elevato contenuto tecnologico, quali: 6 stazioni robotiche per effettuare test in High Throughput Screening (HTS) sugli estratti microbici; 1 nuova stazione robotizzata Perkin Elmerr con 11 moduli RapidTrace SPE utilizzabile per la preparazione degli estratti microbici; Apparecchi cromatografici e HPLC per lo studio delle molecole; Impianto pilota costituito da bioreattori con volumi da 3 a litri e attrezzature per estrazione, frazionamento e purificazione di elevate quantità di campioni; Spettrometri di massa per analizzare nel dettaglio gli estratti microbici e individuare possibili nuove molecole definendone le caratteristiche chimico-fisiche; Camere termo-climatiche per ricreare le diverse condizioni di temperatura (dai 4 ai 28 C) e umidità; 7 autoclavi di cui 4 compiuterizzate con volume fino a 800 litri; Camere bianche; Ultracentrifughe; Sequenziatore genico; Oscilloscopi; Impianti di microfiltrazione; Impianto di produzione di acqua demineralizzata per osmosi da utilizzare all interno dei laboratori del Centro. Grazie all attività di ricerca svolta autonomamente in questi sei anni la Fondazione ha aumentato la consistenza del patrimonio ricevuto in eredità, che oggi può vantare una collezione di estratti, una libreria microbica di ceppi e una libreria chimica di circa diversi composti. La Fondazione 18

Activities Report 2007-2012 1

Activities Report 2007-2012 1 Activities Report 2007-2012 1 La Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita è stata voluta dalla Provincia di Varese alla fine del 2006, quale soggetto preposto a promuovere la ricerca medico

Dettagli

CURRICULUM VITAE REDATTO NELLA FORMA DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 46 D.P.R. 44/2000.

CURRICULUM VITAE REDATTO NELLA FORMA DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 46 D.P.R. 44/2000. CURRICULUM VITAE REDATTO NELLA FORMA DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 46 D.P.R. 44/2000 Il sottoscritto Dott. Andrea Gambini, consapevole delle sanzioni penali in caso

Dettagli

Activities Report 2007-2009 1

Activities Report 2007-2009 1 Activities Report 2007-2009 1 Activities Report 2007-2009 Introduzione A. Carenzi Presidente Fondazione Istituto Insubrico Ricerca per la Vita 6 A. Gambini Direttore Fondazione Istituto Insubrico Ricerca

Dettagli

Mercati di riferimento per le imprese science-based

Mercati di riferimento per le imprese science-based Mercati di riferimento per le imprese science-based 1 Tipologie di Imprese biotech Orientate alla ricerca Orientate allo sviluppo - Content companies - Platform companies - Service companies - Commodoty

Dettagli

Nerviano Medical Sciences

Nerviano Medical Sciences Nerviano Medical Sciences Sinergie ROL-NMS 28 gennaio 2011 1 Sinergie ROL/NMS 1. Apertura sistemica della ricerca di NMS da un lato verso il mondo accademico, regionale in primis ma nazionale e internazionale

Dettagli

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita Capitolo 7 La ricerca nel campo delle scienze della vita 7. la ricerca nel campo delle scienze della vita Promozione e valorizzazione della ricerca per il Sistema sanitario regionale In ambito di promozione

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa

Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa Milano, 21 settembre 07 di Roberto Formigoni Presidente della Regione Lombardia Sono lieto di intervenire oggi a questo appuntamento con

Dettagli

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche A Biomed Kind of Island Giuseppe Serra Sardegna Ricerche MISSION SARDEGNA RICERCHE L Agenzia del Governo Regionale per l innovazione e la R&S Supportare il Governo Regionale nell attuazione delle politiche

Dettagli

ARETA e IL SUO VALORE

ARETA e IL SUO VALORE ARETA e IL SUO VALORE Dr. Maria Luisa Nolli C.E.O. Areta International www.aretaint.com 1 ARETA INTERNATIONAL Areta è una società di biotecnologie nel settore delle colture cellulari per lo sviluppo di

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

Insubrias Biopark. Diciannove aziende insediate. Il Bioparco

Insubrias Biopark. Diciannove aziende insediate. Il Bioparco Le aziende incubate rappresentano un punto di forza dell Insubrias Biopark, che all interno delle proprie strutture raggruppa una grande varietà di competenze e specializzazioni. L orientamento del Parco

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Cerimonia di Inaugurazione 840 anno accademico Modena, 17 marzo 2016 Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Magnifico Rettore, Autorità, Studenti, cari Colleghi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Toscana Life Sciences è una Fondazione senza scopo di lucro costituita nel 2005

Toscana Life Sciences è una Fondazione senza scopo di lucro costituita nel 2005 Ente: TLS - TOSCANA LIFE SCIENCES Rappresentante nell Organo Gestionale: Carla Ghelardini Periodo di competenza: anno 2013 A - IDENTITÀ Toscana Life Sciences è una Fondazione senza scopo di lucro costituita

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2002-2003 Presentazione

Dettagli

ATTIVAMENTE INSIEME BIOTECH NEL CUORE DELLE BIOTECNOLOGIE: CELLULE STAMINALI E FARMACI ORFANI

ATTIVAMENTE INSIEME BIOTECH NEL CUORE DELLE BIOTECNOLOGIE: CELLULE STAMINALI E FARMACI ORFANI ATTIVAMENTE INSIEME BIOTECH NEL CUORE DELLE BIOTECNOLOGIE: CELLULE STAMINALI E FARMACI ORFANI In occasione del 60 compleanno della scoperta del DNA che l Europa festeggia con la settimana europea biotech,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA 1. PREMESSA 1.1. European Advanced Translational Research

Dettagli

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie CONSORZIO ITALBIOTEC 1 Consorzio Italbiotec Alta Formazione e corsi di perfezionamento Ricerca, Sviluppo e Innovazione Fund Raising per lo sviluppo delle biotecnologie Industria&Università insieme 2 CONSORZIO

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014 Rapporto sulle biotecnologie in Italia BioInItaly Report 2014 Assobiotec-EY Torino, 11 marzo 2014 1. Il sistema delle imprese biotecnologiche in Italia Numero di imprese Anche nel 2013, quello delle biotecnologie

Dettagli

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso Università Università degli Studi di Trieste Classe 24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso Modifica di INFORMAZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche 1. Denominazione e durata del Corso di Laurea Il Corso di Laurea magistrale o specialistica in Biotecnologie Mediche appartiene

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento SCIENZE DELLA VITA PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento di Scienze della Vita

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA UFFICIO II DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE IL MINISTRO

Dettagli

Bioetica della ricerca medica

Bioetica della ricerca medica Pagina 1 di 5 ITALBIOFORMA IN COLLABORAZIONE CON Istituto Ortopedico Galeazzi ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO CENTRO DI ATENEO DI BIOETICA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ORGANIZZA

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute. corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche

Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute. corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche LM-13 5 anni a ciclo unico sede: Camerino crediti complessivi da acquisire:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 Oggetto: FINANZIAMENTO DI STUDI CLINICI A DIRETTO GOVERNO REGIONALE. APPROVAZIONE DEL BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI DESTINATI A PROGETTI DI RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA.

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA. STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA Sintesi Roma, 25 luglio 2013 Con l espressione Medicina Rigenerativa

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER

CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER UNIFI Università degli Studi di Firenze L Università degli studi di Firenze (UNIFI), grazie ai suoi 24 Dipartimenti raggruppati in 5 Aree di studio, rappresenta un punto

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma

Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma Università Campus Bio-Medico di Roma Facoltà Dipartimentale di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

Sandro BANFI Gabriella DE VITA

Sandro BANFI Gabriella DE VITA RELAZIONE FINALE Il giorno 25.10.2011 alle ore 15,00, presso la sede dell Università degli Studi Parthenope di Napoli, in Via Acton 38, si riunisce in sesta seduta la Commissione Giudicatrice, nominata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. F al bando di ammissione pubblicato in data 0/11/01 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 01/0, il Master Universitario di II livello in Progettazione e Sviluppo dei

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La Formazione al Mario Negri L Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri è un organizzazione

Dettagli

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE N.05/25/15-OGGETTO: Convenzione operativa di collaborazione Sardegna Ricerche Fase 1 srl per la progettazione e gestione dei programmi di attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

Le innovazioni del prossimo futuro TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L INDUSTRA. Dr.ssa Maria Luisa Nolli

Le innovazioni del prossimo futuro TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L INDUSTRA. Dr.ssa Maria Luisa Nolli Le innovazioni del prossimo futuro TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L INDUSTRA Farmaceutica e biotecnologie 17 giugno 2013 Centro delle Professioni Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso Dr.ssa Maria

Dettagli

Scienze Nutraceutiche

Scienze Nutraceutiche Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in Scienze Nutraceutiche le ragioni di una scelta www.farmacia.unina.it Scienze Nutraceutiche : le ragioni di una scelta

Dettagli

Flavio Corradini Università di Camerino, rettore@unicam.it

Flavio Corradini Università di Camerino, rettore@unicam.it START UP & SPIN OFF: dalla ricerca, al prodotto, al mercato Flavio Corradini Università di Camerino, rettore@unicam.it START UP & SPIN OFF UNIVERSITARI Quando i risultati della ricerca diventano prodotti

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi FACOLTÀ DI FARMACIA sede via Ospedale, 72 09124 Cagliari Palazzo delle Scienze sito web: http://farmacia.unica.it e-mail: presfarm@unica.it Segreteria di Presidenza tel. 070 675 8601-8602 fax 070 675 8612

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Nome Stefania Anna Lucia Cognome Zanetti

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Nome Stefania Anna Lucia Cognome Zanetti Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Nome Stefania Anna Lucia Cognome Zanetti Telefono(i) 079 228463 Fax 079 212345 E-mail zanettis@uniss.it Cittadinanza Italiana Luogo

Dettagli

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA Essere sempre aggiornati sulla medicina e la salute, con informazioni di qualità e in tempo reale. Oggi è possibile. Costruiamo progetti informativi, culturali

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE REGOLAMENTO DIDATTICO

Corso di Laurea Specialistica in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea Specialistica in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (Classe 14/S Farmacia e Farmacia Industriale) REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Il corso di Laurea Specialistica in Chimica e Tecnologia

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO INTERFACOLTÀ DI I LIVELLO IN BIOTECH MANAGEMENT a) Obiettivi e finalità del Master Il cuore del percorso didattico del Corso di Master universitario

Dettagli

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L Formazione e aggiornamento dei ricercatori del Centro di Biotecnologia dell Università Eduardo Mondlane di Maputo (AID 9397)

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A.

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE DIPARTIMENTO PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA (indicare, eventualmente,

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 Negli ultimi anni le amministrazioni pubbliche, e in particolar modo le Regioni, sono coinvolte in un processo di forte cambiamento dettato dalla

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

Promuovere progetti internazionali finalizzati al reclutamento di giovani ricercatori

Promuovere progetti internazionali finalizzati al reclutamento di giovani ricercatori Piano d azione: Potenziare la valorizzazione della conoscenza attraverso il sostegno di progetti di ricerca su tecnologie emergenti con forti ricadute applicative Area RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA

Dettagli

[ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005"

[ crescere insieme per guardare lontano.]  Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005 Studio Panato: Bilancio sociale 2005 [ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005" Questo documento vuole essere: una breve analisi,

Dettagli

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE

LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE 1. Premesse LILT - Bando di ricerca sanitaria 2015 Programma 5 per mille anno 2013 INDIZIONE Il Programma Nazionale della Ricerca 2011-13 (PNR) evidenzia come le patologie legate allo stile di vita ed

Dettagli

Dalla ricerca, i professionisti della crescita

Dalla ricerca, i professionisti della crescita AL Dalla ricerca, i professionisti della crescita Agrisystem Scuola di Dottorato per il Sistema Agroalimentare Piacenza scuoledidottorato.unicatt.it/agrisystem INTERNATIO MULTI SECTO 8 RESEARCH AR L Università

Dettagli

Le previsioni che dovranno essere rispettate sono le seguenti:

Le previsioni che dovranno essere rispettate sono le seguenti: - Il materiale informativo di consultazione scientifica o di lavoro, non specificamente attinente al medicinale, può essere ceduto a titolo gratuito solo alle strutture sanitarie pubbliche ad eccezione

Dettagli

BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862

BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862 BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862 SCADENZA 30 giugno 2012 Pagina 1 di 6 PREMESSA Dompè SpA, Axxam SpA, Italsitemi Srl, aziende farmaceutiche

Dettagli

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Associazione Giuseppe Dossetti Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Roma, 21 Marzo 2013 Leonardo Santi Presidente Comitato Scientifico CNRB Presidente Onorario Comitato

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A.

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. 2011/2012 QCM Direttore Scientifico del Master Prof. Gaetano Ragno Dipartimento

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA AL PROCESSO DI RIORDINO DEGLI ENTI DI RICERCA

PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA AL PROCESSO DI RIORDINO DEGLI ENTI DI RICERCA PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA AL PROCESSO DI RIORDINO DEGLI ENTI DI RICERCA di Danilo Corradini L articolo considera il ruolo che dovrà essere svolto dalla comunità scientifica che opera negli

Dettagli

FACOLTA DI FARMACIA Laurea specialistica quinquennale in Farmacia Anno Accademico 2008/2009

FACOLTA DI FARMACIA Laurea specialistica quinquennale in Farmacia Anno Accademico 2008/2009 Università degli Studi di Ferrara FACOLTA DI FARMACIA Laurea specialistica quinquennale in Farmacia Anno Accademico 2008/2009 Sito web: http://www.unife.it/farmacia/ls.farmacia Classe 14 S: FARMACIA e

Dettagli

Il ruolo delle discipline universitarie nella qualificazione dell assistenza territoriale

Il ruolo delle discipline universitarie nella qualificazione dell assistenza territoriale Il ruolo delle discipline universitarie nella qualificazione dell assistenza territoriale dott. Edgardo Contato Direttore Sanitario 01 Ferrara, 20 Febbraio 2008 Premessa Le Aziende Sanitarie devono rispondere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. H al bando di ammissione in data 27 settembre 2011 - II GRUPPO Art. 1 Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2011/2012, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Dipartimento

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli