NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI"

Transcript

1 STATISTICA, ao LXII,. 3, 00 NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli. PREMESSA Assuiao di voler codurre ua prova cliica per l idustria faraceutica, ad esepio per paragoare l efficacia di due faraci per la cura del raffreddore coue, che o coporti gravi problei etici relativi alla salute dei pazieti e il cui iteresse pricipale sia la precisioe dei risultati. U problea oggetto di olta attezioe el capo della sperietazioe edica è la costatazioe che cooscere i parteza o poter prevedere facilete l assegazioe dei trattaeti ai pazieti può ifluezare l esito stesso dell esperieto, perché vi è la possibilità da parte di chi selezioa i pazieti di assegarli ad u trattaeto piuttosto che ad u altro Piatadosi, 997). Questo problea è oto coe selectio bias, distorsioe dovuta alla selezioe, e per eutralizzarlo è diffusa la pratica di ricorrere ad esperieti radoizzati. Ioltre è be oto che il ricorso alla radoizzazioe ell assegazioe dei trattaeti alle uità protegge l esperieto da altri tipi di distorsioe accidetale ei risultati. Tuttavia se da u lato, co la radoizzazioe, si garatisce la casualità e quidi l iparzialità, dall altro si viee eo ad altre esigeze di ottialità dell esperieto tra cui, ad esepio, quella di bilaciare l ipiego dei trattaeti. Queste cosiderazioi valgoo ache el caso di esperieti sequeziali, i cui i pazieti arrivao alla struttura saitaria i tepi diversi. No sapedo quado si esaurirà l afflusso di pazieti, ci si vorrebbe ateere costateete il più vicio possibile alla parità uerica tra i vari trattaeti, utilizzado ua strategia elle assegazioi che allo stesso tepo riduca la prevedibilità delle stesse. Ua volta decisa la strategia, la successioe radoizzata delle assegazioi costituisce u processo stocastico ed il coportaeto dell esperieto è descritto dalla I questo lavoro si utilizza il terie disego sequeziale per idicare u esperieto i cui, ad ogi passo, si decide quale trattaeto assegare, i cotrapposizioe a disego adattativo, state ad idicare ua procedura i cui la scelta del trattaeto da utilizzare viee effettuata cosiderado ache i dati via via otteuti, ossia coe sioio di disego respose adaptive o data depedet. Questo uso dei terii è quello più coueete adottato a o è acora del tutto geerale e cotrasta, ad esepio, co quello di Wei, 978).

2 49 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli legge cogiuta e dalle distribuzioi argiali del processo. Purtroppo il calcolo esplicito di tali distribuzioi di solito preseta difficoltà o sorotabili dal puto di vista ateatico e le siulazioi riagoo spesso l uica alterativa. Notiao che, per loro atura, gli esperieti qui cosiderati hao coe fie esclusivo l'ifereza e ciò rede il problea diverso da quello oto i letteratura coe Play-the-Wier Zele, 969) i cui u successo i u particolare trattaeto geera ua successiva assegazioe del trattaeto stesso, etre u fallieto porta alla soiistrazioe al prossio paziete del trattaeto alterativo. Nel caso del cofroto tra due trattaeti, el 97 Efro ha proposto u assegazioe sequeziale radoizzata - ota coe BCD =Biased Coi Desig) - ediate l ipotetico lacio di ua oeta distorta che favorisce ad ogi passo, co probabilità p /, il trattaeto fio a quel oeto sotto-rappresetato. I Baldi Atogii e Giovagoli, 00) la procedura di Efro è stata estesa itroducedo u disego odificato, chiaato ABCD =Adjustable Biased Coi Desig), che viee cofrotato co la oeta di Efro e co altri eccaisi radoizzati suggeriti da Wei, 978), Atkiso, 98) e Sith, 984a, 984b) per ezzo degli idicatori di prevedibilità e sbilaciaeto studiati da tali autori. Nel presete lavoro vegoo ivece defiiti due uovi idicatori, di sbilaciaeto e prevedibilità di u esperieto sequeziale, basati sulla probabilità del "worst possible sceario". A differeza di quelli precedeteete esaiati i letteratura, di cui si cooscoo quasi esclusivaete i coportaeti asitotici, di questi è possibile calcolare il valore esatto per ogi uero fiito di assegazioi dei trattaeti, perettedo così cofroti tra diversi esperieti ache per piccoli capioi, seza dover ricorrere a siulazioi. Usado questi idici, abbiao cofrotato il disego ABC co la oeta distorta di Efro e i disegi di Wei e di Sith. I geerale, la aggiore flessibilità della procedura ABCD perette la scelta di u disego sequeziale radoizzato che risulta, per ogi, eo prevedibile e eo sbilaciato degli altri.. DEFINIZIONE DEL DISEGNO ABC N, N la probabilità che al prossio paziete sia assegato T, essedo N ed N le uerosità relative ai trattaeti. U iediata geeralizzazioe della oeta di Efro cosiste el odificare la probabilità p di scelta, ad u dato passo, del trattaeto i quel oeto sotto-rappresetato, i odo tale che più la sorte ci allotaa dal bilaciaeto, più si rafforza il eccaiso di riequilibrio. I altre parole, sia Idichiao co T e T i due trattaeti e sia P D N N la differeza uerica tra i due gruppi di pazieti assegati rispettivaete ai trattaeti T e T dopo assegazioi N N ), avedo posto D 0 0, e sia F : Z 0, ua fuzioe o crescete tale che F F ; sia ioltre l isiee delle fuzioi che verificao tali codizioi. Poiao: N N F D ) P.,

3 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 493 Si osservi che se N N etrabi i trattaeti hao probabilità /. Si oti ioltre che, per Fx ) 0 x otteiao il disego perfettaete bilaciato T T T T oppure T T T T ), etre per F x il disego risulta essere copletaete radoizzato, ossia guidato dalla oeta equilibrata. Questo disego, defiito coe l ABCD geerato dalla fuzioe F, è dotato di aggiore flessibilità rispetto alla oeta distorta Efro i quato, ad ogi assegazioe, la probabilità di scegliere il trattaeto sotto-rappresetato o è costate, besì fuzioe decrescete della differeza uerica osservata a quel passo tra i due trattaeti. La oeta di Efro e è chiaraete u caso particolare co: F p F q sex 0 sex 0, co p, q p. F 0) Nel lavoro di Baldi Atogii e Giovagoli, 00) soo state studiate le proprietà della successioe D, 0,,... D0 0, che è ua catea di Markov oogeea sui aturali co probabilità di trasizioe: P x,x ) Fx ) x,,... P x,x ) F x,,... ) P0,). Tale catea risulta essere periodica, di periodo, quidi la sua distribuzioe o coverge, a il suo coportaeto asitotico può ugualete essere ricavato dallo studio della distribuzioe stazioaria: x N F) F t ) x..., t F ) F ) F t) t,,... ) t, t 0 t 0 I Baldi Atogii e Giovagoli, 00) soo state aalizzate le proprietà, sia al fiito che per gradi capioi, relative alla procedura ABC geerata attraverso ua particolare classe di fuzioi F a così defiita: a a x x ), x Fa, x 0 3) a x ) x

4 494 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli Si osservi che, estededo i odo ovvio la fuzioe F a tutto l asse reale, F) a/ 4, quidi il paraetro a isura la pedeza della fuzioe ei puti e. 3. ALTRI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI Alcui autori preferiscoo far dipedere la probabilità P N,N o solo dalla differeza D, a ache direttaete da, i quato ua differeza piccola tra N e N può essere assai poco sigificativa se l esperieto è grade. A tal scopo soo stati defiiti algoriti che favoriscoo l assegazioe al trattaeto sottorappresetato i aiera crescete al crescere di D /. I particolare Wei, 978) suggerisce di porre P N N f D / ) 4), dove f :[ ;] [0,] è ua fuzioe o crescete tale che f f. Questo iclude la oeta di Efro coe caso speciale quado: f sg p. Sith studia i disegi defiiti dalla 4) utilizzado ua fuzioe geeratrice della fora: t f. 5) t t Per t 0 si ottiee il disego copletaete radoizzato, per t coverge al disego sequeziale bilaciato, per t e t coicide rispettivaete co le due oete proposte da Atkiso, 98): P N N, N ) N N e N P N, N ) N N 6) Lo svataggio della oeta di Wei 4) è che se la fuzioe f è stata scelta i odo che f ) 0, pertato f ), la regola di assegazioe risulta i certi casi deteriistica. Ciò avviee apputo per il disego defiito da 5) e, i particolare, per le oete di Atkiso 6). I questi casi sarebbe più opportuo cosiderare la fuzioe odificata: pf qf ) co p. 7) f p x

5 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 495 L algorito defiito attraverso la 7) ha il vataggio di o redere i essu caso il disego esattaete prevedibile: per p coicide co la 5) e tede alla oeta di Efro per t. 4. NUOVI INDICATORI DI PREVEDIBILITÀ E DI SBILANCIAMENTO 4.. Selectio bias Per isurare quato u esperieto sia prevedibile, i letteratura si è fiora utilizzato l idicatore SB, defiito coe il uero atteso di assegazioi correttaete previste, su prove, utilizzado i ciascu passo ua strategia ottiale. I tutti i disegi visti sopra, la strategia ottiale cosiste ello scegliere coe prossia assegazioe il trattaeto che al oeto risulta essere sottorappresetato, seza prefereza alcua i caso di parità. Cosiderado ua variabile aleatoria che vale se si idovia la -sia assegazioe, 0 altrieti, si ha quidi che: SB E k. k Nel caso di disego copletaete radoizzato ogi strategia risulta ugualete iutile e la probabilità di idoviare ua qualuque assegazioe è sepre /, etre el caso di ABCD la probabilità di idoviare al passo è F D ) ; pertato l'espressioe aalitica di SB, per ABCD è Baldi Atogii e Giovagoli, 00): SB k ABCD) F h)pr Dk h) 8) k h0 e, asitoticaete, si ha che: li SB h0 ABCD) F h) h). 9) Purtroppo l'espressioe 8) o è seplice da calcolare e questo poe ua liitazioe alla possibilità di utilizzare tale idice per cofroti fra disegi al fiito, forzado di cosegueza l uso della 9) ache per piccoli valori di. Del resto ache Wei, 978) e Sith, 984) utilizzao solo delle espressioi asitotiche di SB. Suppoiao allora di adottare u approccio ispirato ai criteri di tipo iiax : ci preoccupiao cioè di scegliere l esperieto che iiizza la probabilità che si verifichi l'eveto più egativo, ossia l'idoviare ad ogi passo utilizzado la strategia ottiale) la prossia assegazioe. Idicado co u geeri-

6 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli 496 co disego sequeziale radoizzato, possiao cosiderare u uovo idicatore di prevedibilità, ), defiito così: P P P )... ),..., ),...,, ) 0) quidi coe edia geoetrica delle probabilità codizioate di idoviare le sigole assegazioi, relativaete al uero di assegazioi effettuate; ciò perette di effettuare cofroti ache per diversi valori di. Il calcolo di ) è seplice per ogi uero di assegazioi. Per la procedura ABC si ha ), ) ) F F ABCD ) e, i particolare. /, ) p p EFRON ) Si oti coe ) dipeda dal disego solo attraverso il valore assuto dalla fuzioe F el puto ; il iio di ABCD) si ottiee quidi i corrispodeza della scelta di ua fuzioe. ).. F c t F Tutto ciò si verifica apputo per la 3), el qual caso si ha che: ABCD / ) che rappreseta il valore di prevedibilità proprio del disego copletaete radoizzato. Per la oeta di Efro, l idicatore ) porterebbe a scegliere il valore. p Per quato riguarda il disego di Wei geerato attraverso ua fuzioe f, coe ella 4), si ha che: ) i f i f WEI i i 3)

7 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 497 il cui valore sarà sepre strettaete aggiore di /, a eo di scegliere F per ogi x, ossia il disego copletaete radoizzato. I particolare osserviao che, coe è ovvio, dal puto di vista di questo idicatore di prevedibilità la odifica al disego suggerito da Sith, cosistete el sostituire la 5) co la 7), i effetti risulta eo prevedibile, diiuedo il valore di SMITH ). 4.. Sbilaciaeto Tra le possibili isure di sbilaciaeto di u disego sequeziale dopo assegazioi, la più seplice è forse E D ), presa i cosiderazioe el lavoro di Baldi Atogii e Giovagoli, 00) per effettuare paragoi tra disegi diversi. Dalle aalisi effettuate eerge coe la procedura ABC data da 3) forzi al bilaciaeto il disego si dalle assegazioi iiziali, garatedo ua elevata stabilità delle distribuzioi argiali della catea. Al crescere di a diiuisce la pedeza della fuzioe geeratrice: ciò iduce ad u ior sbilaciaeto del disego a, coteporaeaete, ad ua aggiore prevedibilità. U altra possibilità è cosiderare il coportaeto asitotico delle quatità casuali D / oppure N N 4, coe i Wei, 978) e Sith, 984a). Essedo però qui iteressati alle proprietà dei disegi al fiito, coereteete co l approccio di tipo iiax già utilizzato, itroduciao u uovo idicatore di sbilaciaeto, ), defiito coe la probabilità di otteere i assegazioi ua sequeza assiaete sbilaciata: ) P D ) P Dk k Dk k. k 4) La scelta dell espoete ) i ) ivece di, coe per l idicatore di prevedibilità 0), deriva dal fatto che il prio passo della catea è fisso: P D ). Il iio dell idice ) è 0, valore raggiuto i corrispodeza di u disego copletaete bilaciato. Ma questo valore iio è raggiugibile utilizzado ua qualsiasi procedura che, ad u passo qualuque, preveda la possibilità di raddrizzare deteriisticaete il bilaciaeto a favore del trattaeto sottorappresetato. Per questo otivo liitereo i seguito le ostre cosiderazioi a disegi totalete privi di copoeti deteriistiche, cosiderado di cosegueza le restrizioi F : Z 0, per la procedura ABC ed f :[ ;] ]0,[ per il disego di Wei. Per quato riguarda ABCD si ha:

8 498 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli ABCD) P D ) F x 5) Si oti coe il valore dell idicatore ella 5) risulti tato più piccolo quato più rapidaete decresce la fuzioe F i Z +. Nel caso particolare della oeta di Efro: EFRON) q q, 6) x quidi il BCDp) igliore si ottiee i corrispodeza della scelta di u valore q prossio a 0, codizioe che risulta chiaraete i cotraddizioe co il tetativo di iiizzare ). Per quato riguarda il disego di Wei: WEI ) f ). 7) I particolare, per la odifica alla procedura di Sith data dalla 7) si ha: SMITHod) q. Ache i questo caso, coe per Efro, la scelta igliore si ottiee i corrispodeza di u valore q prossio a CONSIDERAZIONI FINALI Le assegazioi sequeziali dei trattaeti sebrao rivestire grade iteresse applicativo. I particolare riteiao che caratteristiche iportati ella piaificazioe di u esperieto sequeziale siao: la seplicità; l affidabilità pur dispoedo di poche uità sperietali; la facilità iterpretativa dei risultati. Da questo puto di vista tutti i eccaisi radoizzati richiaati i questo lavoro, co le relative proprietà, eritao di essere eglio coosciuti per le loro potezialità el capo delle prove cliiche sequeziali. I particolare la procedura ABC, ua seplice odifica del tradizioale disego a oeta distorta di Efro, ci pare soddisfare el odo più adeguato i suddetti requisiti: la possibilità di scegliere opportuaete la fuzioe geeratrice F che costituisce u eleeto di flessibilità del disego o dispoibile ella versioe data da Efro. Ioltre, le forule ), 3), 5) e 7) ostrao che, per ogi uero di assegazioi e per ogi disego di Wei o deteriistico i cui cioè f ) 0 ) è possibile trovare u ABCD ad esso preferibile rispetto ad etrabi gli idicatori cosiderati. Nel caso si utilizzi la 3) si deve verificare la codizioe:

9 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 499 i Fa i) f ) e, affiché questa sia soddisfatta per ogi, è sufficiete scegliere a i odo che: l f )) l f )) a. 8) l Al cotrario, dato a è ipossibile scegliere u valore f ) 0 tale che: f ) i i a, i quato, al crescere di, il secodo ebro tede a 0. Dipartieto di Scieze statistiche Paolo Fortuati Uiversità di Bologa CNR IMATI. Milao Dipartieto di Scieze statistiche Paolo Fortuati Uiversità di Bologa ALESSANDRO BALDI ANTOGNINI ANTONELLA BODINI ALESSANDRA GIOVAGNOLI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI A. C. ATKINSON 98), Optiu biased coi desigs for sequetial cliical trials with progostic factors, Bioetrika, 69, pp A. BALDI ANTOGNINI, A. GIOVAGNOLI 00), A ew biased coi desig for the sequetial allocatio of two treatets, oural of the Royal Statistical Society, series D, to appear). B. EFRON 97), Forcig sequetial experiets to be balaced, Bioetrika, 58, pp S. PIANTADOSI 997), Cliical trials: a ethodological perspective, Wiley, New York. R. SMITH 984a), Properties of biased coi desigs i sequetial cliical trials, Aals of Matheatical Statistics,, pp R. SMITH 984b), Sequetial treatet allocatio usig biased coi desigs, oural of the Royal Statistical Society, series B, 46, part 3, pp L.. WEI 977), A class of desigs for sequetial cliical trials, oural of the Aerica Statistical Associatio, 7, pp L.. WEI 978), The adaptive biased coi desig for sequetial experiets, Aals of Statistics, 6), pp M. ZELEN 969), Play the wier rule ad the cotrolled cliical trials, oural of the Aerica Statistical Associatio, 64, pp

10 500 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli RIASSUNTO Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati: cofroti fra biased coi desigs diversi Ua ota tecica di casualizzazioe relativa a prove cliiche sequeziali per il cofroto tra due trattaeti i asseza di fattori progostici è la oeta distorta di Efro, volta a eutralizzare il vizio di selezioe selectio bias ) garatedo couque buoe proprietà di bilaciaeto del disego. Questa idea è stata estesa ella letteratura ad altre procedure sequeziali di cui tuttavia soo state aalizzate solo le proprietà asitotiche relative ad opportui idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità. I questo lavoro oi defiiao uovi idicatori di prevedibilità e sbilaciaeto per u esperieto sequeziale basati sulla probabilità del worst possible sceario, dei quali è possibile calcolare il valore esatto relativaete a disegi diversi per ogi uerosità capioaria, seza dover ricorrere a siulazioi. Utilizzado tali idicatori cofrotiao quidi l Adjustable Biased Coi Desig ABCD), receteete itrodotto da due dei preseti autori, co i pricipali disegi sequeziali esisteti. I geerale, la aggior flessibilità dell ABCD cosete di scegliere ua procedura sequeziale che, per ogi uerosità capioaria, risulta eo prevedibile e più bilaciata delle altre oete distorte cosiderate. SUMMARY New idicators of balace ad selectio bias for radoized sequetial desigs: coparisos of differet biased coi desigs Efro s 97) Biased Coi Desig is a well-kow radoizatio techique of sequetial cliical trials for coparig two treatets i the absece of progostic factors that helps eutralize selectio bias while keepig the experiet fairly balaced., Efro s idea has bee exteded to other types of procedures, but oly their asyptotic properties as regards selectio bias ad ibalace are cosidered i the literature. I this paper we defie ew idicators of selectio bias ad ibalace of the sequetial experiet, based o the probability of the worst possible sceario, which ca be coputed explicitly for differet desigs ad for ay fiite saple size without resortig to siulatios. Makig use of these easures, we copare the ai existig desigs with the Adjustable Biased Coi Desig ABCD), recetly itroduced by two of the preset authors. I geeral, the greater flexibility of the ABCD allows oe to choose a sequetial procedure that turs out, for all, to be less predictable ad ore balaced tha the other biased coi desigs.

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi appunti di testo in bozza] 1) Scelta tra progetti economico-finanziari (generalità)

STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi appunti di testo in bozza] 1) Scelta tra progetti economico-finanziari (generalità) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartieto di Scieze Ecooiche e Aziedali Via S. Felice, 7-271 Pavia Tel. 382/986268 - Fax 382/22486 STRUMENTI MATEMATICI PER LE SCELTE ECONOMICHE. [brevi apputi di testo

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Cenni di Teoria delle assicurazioni

Cenni di Teoria delle assicurazioni ei di Teoria dee assicurazioi Vautazioe di acue fore basiari di assicurazioi sua ita Probea di autazioe di ua redita di durata aeatoria Necessità di espriere a probabiità di sopraieza di u idiiduo: Fuzioi

Dettagli

! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3)

! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA SINGOLA (m=1) ! SCHEDULING MACCHINE IN SERIE (m 3) CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Schedulig PROBLEMI DI SCHEDULING! CRITERI DI VALUTAZIONE E REGOLE DI PRIORITA! SCHEDULING A MACCHINA

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

TURBINA PELTON. DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbine PELTON sfruttano salti elevati e portate d acqua anche piccole; orientativamente

TURBINA PELTON. DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbine PELTON sfruttano salti elevati e portate d acqua anche piccole; orientativamente 6 TURBINA PELTON DESCRIZIONE E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le turbie PELTON sfruttao salti elevati e portate d acqua ache piccole; orietativaete ΣY c H g 00 000 Q < 0 5 3 /s Ua tipica disposizioe d ipiato

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Distribuzioni di probabilità Unità 79

Distribuzioni di probabilità Unità 79 Prerequisiti: - Primi elemeti di probabilità e statistica. - Nozioi di calcolo combiatorio. - Rappresetazioe di puti e rette i u piao cartesiao. Questa uità iteressa tutte le scuole ad eccezioe del Liceo

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI www.shutterstock.com/vladitto Stima di u immobile a destiazioe alberghiera di Maria Ciua (Ricercatore di Estimo Facoltà di Igegeria dell Uiversità di Palermo) I geere ell expertise immobiliare

Dettagli

Tecnica di isolamento dalle vibrazioni meccaniche Elementi introduttivi.

Tecnica di isolamento dalle vibrazioni meccaniche Elementi introduttivi. Corso di Orgaizzazioe e Gestioe della Sicurezza Aziedale Tecica di isolaeto dalle vibrazioi eccaiche Eleeti itroduttivi. Terii e defiizioi Vibrazioe eccaica: rappreseta il ovieto oscillatorio di u corpo

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Appunti sulle SERIE NUMERICHE

Appunti sulle SERIE NUMERICHE Apputi sulle SERIE NUMERICHE Michele Bricchi I queste ote iformali parleremo di serie umeriche, foredo i criteri stadard di covergeza che si è soliti itrodurre i ua trattazioe elemetare della materia.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENTORY CONTRO Ig. orezo Tiacci Testo di riferimeto: Ivetory Maagemet ad Productio Plaig ad Cotrol - Third Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterso Wiley, 998 Idice. POITICA (s, ) (order poit, order quatity)

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (Note didattiche) Bruo Chiadotto Fabrizio Cipollii Capitolo CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Il calcolo delle probabilità, ato el cotesto dei giochi d azzardo si è sviluppato

Dettagli

Valutazione delle prestazioni di calcolo

Valutazione delle prestazioni di calcolo Architettura degli Elaboratori e delle Reti Valutazioe delle prestazioi di calcolo A. Borghese, F. Pedersii Dipartimeto di Iformatica Uiversità degli Studi di Milao 1 Perché valutare le prestazioi? Perché?!

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

Un problema! La letteratura riporta che i pazienti affetti da cancro. = mesi

Un problema! La letteratura riporta che i pazienti affetti da cancro. = mesi CONFRONTO TRA DUE MEDIE U problema! La letteratura riporta che i pazieti affetti da cacro hao ua sopravviveza media di 38.3 mesi e deviazioe stadard di 43.3 mesi: µ 38.3mesi σ 43.3mesi (la distribuzioe

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI SOMMARIO:. Itroduzioe. -. Variabili casuali discrete. - 3. La variabile casuale di Beroulli. - 4. La variabile casuale biomiale. -. La variabile casuale di Poisso.

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA aa 2009-2010 Operazioi statistiche elemetari Spesso ci si preseta il problema del cofroto tra dati Ad esempio, possiamo voler cofrotare feomei [ecoomici]

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Serie numeriche. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. A.A. 2007/08

Serie numeriche. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. A.A. 2007/08 Serie umeriche Lorezo Pisai Facoltà di Scieze Mm.Ff.N. A.A. 2007/08 Il problema di sommare i iti addedi è uo dei problemi classici dell aalisi matematica. Azi si tratta di u problema che ell atichità ha

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA Pubblicazioi dell I.S.U. Uiversità Cattolica GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione Esae 003 Si deve provvedere all accoppiaeto tra u otore asicroo trifase ed ua popa a vite, ediate u riduttore a ruote detate cilidriche a deti diritti. Cosiderado che: il otore asicroo ha ua sola coppia

Dettagli

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory Demad-Side Maagemet i a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based o Bayesia Game Theory Matteo Sola e Giorgio M. Vitetta Dipartimeto di Igegeria Ezo Ferrari Uiversità degli Studi di Modea e Reggio

Dettagli

Estimo rurale appunti 2005. Estimo rurale

Estimo rurale appunti 2005. Estimo rurale Estimo rurale apputi 2005 Estimo rurale L estimo rurale rietra ell ambito delle disciplie ecoomiche, ma metre l ecoomia si occupa della coosceza della realtà, esso si occupa della valutazioe dei bei. Compito

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

Le soluzioni di elettroliti

Le soluzioni di elettroliti Le soluzioi di elettroliti Elettroliti: sostaze (acidi, basi e gra parte dei sali) che, sciolte i acqua o altri opportui solveti, dao origie a soluzioi capaci di codurre la correte elettrica Elettrolita

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Capitolo 6 Teoremi limite classici

Capitolo 6 Teoremi limite classici Capitolo 6 Teoremi limite classici Abstract I Teoremi limite classici, la legge dei gradi umeri e il teorema limite cetrale, costituiscoo il ucleo del Calcolo delle Probabilità, per la loro portata sia

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

9. MACCHINE CON COLLETTORE A LAMELLE (A CORRENTE CONTINUA).

9. MACCHINE CON COLLETTORE A LAMELLE (A CORRENTE CONTINUA). 9. MACCHINE CON COLLETTOE A LAMELLE (A COENTE CONTINUA). 1. Geeralità e caratteristiche costruttive. Itrisecamete più complesse delle macchie sicroe e asicroe, le macchie co collettore a lamelle soo ate

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Complementi di Matematica e Statistica

Complementi di Matematica e Statistica Uiversità di Bologa Sede di Forlì Ao Accademico 009-00 Complemeti di Matematica e Statistica (Alessadro Lubisco) Aalisi delle compoeti pricipali INDICE Idice... i Aalisi delle compoeti pricipali... Premessa...

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo Problemi di turistica del persoale ei trasporti Paolo Toth e Daiele Vigo DEIS, Uiversità di Bologa http://promet4.deis.uibo.it/ Piaificazioe dei turi Dati: u isieme di servizi da effettuare i u determiato

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli