NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI"

Transcript

1 STATISTICA, ao LXII,. 3, 00 NUOVI INDICATORI DI SBILANCIAMENTO E PREVEDIBILITÀ NEI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI: CONFRONTI FRA BIASED COIN DESIGNS DIVERSI A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli. PREMESSA Assuiao di voler codurre ua prova cliica per l idustria faraceutica, ad esepio per paragoare l efficacia di due faraci per la cura del raffreddore coue, che o coporti gravi problei etici relativi alla salute dei pazieti e il cui iteresse pricipale sia la precisioe dei risultati. U problea oggetto di olta attezioe el capo della sperietazioe edica è la costatazioe che cooscere i parteza o poter prevedere facilete l assegazioe dei trattaeti ai pazieti può ifluezare l esito stesso dell esperieto, perché vi è la possibilità da parte di chi selezioa i pazieti di assegarli ad u trattaeto piuttosto che ad u altro Piatadosi, 997). Questo problea è oto coe selectio bias, distorsioe dovuta alla selezioe, e per eutralizzarlo è diffusa la pratica di ricorrere ad esperieti radoizzati. Ioltre è be oto che il ricorso alla radoizzazioe ell assegazioe dei trattaeti alle uità protegge l esperieto da altri tipi di distorsioe accidetale ei risultati. Tuttavia se da u lato, co la radoizzazioe, si garatisce la casualità e quidi l iparzialità, dall altro si viee eo ad altre esigeze di ottialità dell esperieto tra cui, ad esepio, quella di bilaciare l ipiego dei trattaeti. Queste cosiderazioi valgoo ache el caso di esperieti sequeziali, i cui i pazieti arrivao alla struttura saitaria i tepi diversi. No sapedo quado si esaurirà l afflusso di pazieti, ci si vorrebbe ateere costateete il più vicio possibile alla parità uerica tra i vari trattaeti, utilizzado ua strategia elle assegazioi che allo stesso tepo riduca la prevedibilità delle stesse. Ua volta decisa la strategia, la successioe radoizzata delle assegazioi costituisce u processo stocastico ed il coportaeto dell esperieto è descritto dalla I questo lavoro si utilizza il terie disego sequeziale per idicare u esperieto i cui, ad ogi passo, si decide quale trattaeto assegare, i cotrapposizioe a disego adattativo, state ad idicare ua procedura i cui la scelta del trattaeto da utilizzare viee effettuata cosiderado ache i dati via via otteuti, ossia coe sioio di disego respose adaptive o data depedet. Questo uso dei terii è quello più coueete adottato a o è acora del tutto geerale e cotrasta, ad esepio, co quello di Wei, 978).

2 49 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli legge cogiuta e dalle distribuzioi argiali del processo. Purtroppo il calcolo esplicito di tali distribuzioi di solito preseta difficoltà o sorotabili dal puto di vista ateatico e le siulazioi riagoo spesso l uica alterativa. Notiao che, per loro atura, gli esperieti qui cosiderati hao coe fie esclusivo l'ifereza e ciò rede il problea diverso da quello oto i letteratura coe Play-the-Wier Zele, 969) i cui u successo i u particolare trattaeto geera ua successiva assegazioe del trattaeto stesso, etre u fallieto porta alla soiistrazioe al prossio paziete del trattaeto alterativo. Nel caso del cofroto tra due trattaeti, el 97 Efro ha proposto u assegazioe sequeziale radoizzata - ota coe BCD =Biased Coi Desig) - ediate l ipotetico lacio di ua oeta distorta che favorisce ad ogi passo, co probabilità p /, il trattaeto fio a quel oeto sotto-rappresetato. I Baldi Atogii e Giovagoli, 00) la procedura di Efro è stata estesa itroducedo u disego odificato, chiaato ABCD =Adjustable Biased Coi Desig), che viee cofrotato co la oeta di Efro e co altri eccaisi radoizzati suggeriti da Wei, 978), Atkiso, 98) e Sith, 984a, 984b) per ezzo degli idicatori di prevedibilità e sbilaciaeto studiati da tali autori. Nel presete lavoro vegoo ivece defiiti due uovi idicatori, di sbilaciaeto e prevedibilità di u esperieto sequeziale, basati sulla probabilità del "worst possible sceario". A differeza di quelli precedeteete esaiati i letteratura, di cui si cooscoo quasi esclusivaete i coportaeti asitotici, di questi è possibile calcolare il valore esatto per ogi uero fiito di assegazioi dei trattaeti, perettedo così cofroti tra diversi esperieti ache per piccoli capioi, seza dover ricorrere a siulazioi. Usado questi idici, abbiao cofrotato il disego ABC co la oeta distorta di Efro e i disegi di Wei e di Sith. I geerale, la aggiore flessibilità della procedura ABCD perette la scelta di u disego sequeziale radoizzato che risulta, per ogi, eo prevedibile e eo sbilaciato degli altri.. DEFINIZIONE DEL DISEGNO ABC N, N la probabilità che al prossio paziete sia assegato T, essedo N ed N le uerosità relative ai trattaeti. U iediata geeralizzazioe della oeta di Efro cosiste el odificare la probabilità p di scelta, ad u dato passo, del trattaeto i quel oeto sotto-rappresetato, i odo tale che più la sorte ci allotaa dal bilaciaeto, più si rafforza il eccaiso di riequilibrio. I altre parole, sia Idichiao co T e T i due trattaeti e sia P D N N la differeza uerica tra i due gruppi di pazieti assegati rispettivaete ai trattaeti T e T dopo assegazioi N N ), avedo posto D 0 0, e sia F : Z 0, ua fuzioe o crescete tale che F F ; sia ioltre l isiee delle fuzioi che verificao tali codizioi. Poiao: N N F D ) P.,

3 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 493 Si osservi che se N N etrabi i trattaeti hao probabilità /. Si oti ioltre che, per Fx ) 0 x otteiao il disego perfettaete bilaciato T T T T oppure T T T T ), etre per F x il disego risulta essere copletaete radoizzato, ossia guidato dalla oeta equilibrata. Questo disego, defiito coe l ABCD geerato dalla fuzioe F, è dotato di aggiore flessibilità rispetto alla oeta distorta Efro i quato, ad ogi assegazioe, la probabilità di scegliere il trattaeto sotto-rappresetato o è costate, besì fuzioe decrescete della differeza uerica osservata a quel passo tra i due trattaeti. La oeta di Efro e è chiaraete u caso particolare co: F p F q sex 0 sex 0, co p, q p. F 0) Nel lavoro di Baldi Atogii e Giovagoli, 00) soo state studiate le proprietà della successioe D, 0,,... D0 0, che è ua catea di Markov oogeea sui aturali co probabilità di trasizioe: P x,x ) Fx ) x,,... P x,x ) F x,,... ) P0,). Tale catea risulta essere periodica, di periodo, quidi la sua distribuzioe o coverge, a il suo coportaeto asitotico può ugualete essere ricavato dallo studio della distribuzioe stazioaria: x N F) F t ) x..., t F ) F ) F t) t,,... ) t, t 0 t 0 I Baldi Atogii e Giovagoli, 00) soo state aalizzate le proprietà, sia al fiito che per gradi capioi, relative alla procedura ABC geerata attraverso ua particolare classe di fuzioi F a così defiita: a a x x ), x Fa, x 0 3) a x ) x

4 494 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli Si osservi che, estededo i odo ovvio la fuzioe F a tutto l asse reale, F) a/ 4, quidi il paraetro a isura la pedeza della fuzioe ei puti e. 3. ALTRI DISEGNI SEQUENZIALI RANDOMIZZATI Alcui autori preferiscoo far dipedere la probabilità P N,N o solo dalla differeza D, a ache direttaete da, i quato ua differeza piccola tra N e N può essere assai poco sigificativa se l esperieto è grade. A tal scopo soo stati defiiti algoriti che favoriscoo l assegazioe al trattaeto sottorappresetato i aiera crescete al crescere di D /. I particolare Wei, 978) suggerisce di porre P N N f D / ) 4), dove f :[ ;] [0,] è ua fuzioe o crescete tale che f f. Questo iclude la oeta di Efro coe caso speciale quado: f sg p. Sith studia i disegi defiiti dalla 4) utilizzado ua fuzioe geeratrice della fora: t f. 5) t t Per t 0 si ottiee il disego copletaete radoizzato, per t coverge al disego sequeziale bilaciato, per t e t coicide rispettivaete co le due oete proposte da Atkiso, 98): P N N, N ) N N e N P N, N ) N N 6) Lo svataggio della oeta di Wei 4) è che se la fuzioe f è stata scelta i odo che f ) 0, pertato f ), la regola di assegazioe risulta i certi casi deteriistica. Ciò avviee apputo per il disego defiito da 5) e, i particolare, per le oete di Atkiso 6). I questi casi sarebbe più opportuo cosiderare la fuzioe odificata: pf qf ) co p. 7) f p x

5 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 495 L algorito defiito attraverso la 7) ha il vataggio di o redere i essu caso il disego esattaete prevedibile: per p coicide co la 5) e tede alla oeta di Efro per t. 4. NUOVI INDICATORI DI PREVEDIBILITÀ E DI SBILANCIAMENTO 4.. Selectio bias Per isurare quato u esperieto sia prevedibile, i letteratura si è fiora utilizzato l idicatore SB, defiito coe il uero atteso di assegazioi correttaete previste, su prove, utilizzado i ciascu passo ua strategia ottiale. I tutti i disegi visti sopra, la strategia ottiale cosiste ello scegliere coe prossia assegazioe il trattaeto che al oeto risulta essere sottorappresetato, seza prefereza alcua i caso di parità. Cosiderado ua variabile aleatoria che vale se si idovia la -sia assegazioe, 0 altrieti, si ha quidi che: SB E k. k Nel caso di disego copletaete radoizzato ogi strategia risulta ugualete iutile e la probabilità di idoviare ua qualuque assegazioe è sepre /, etre el caso di ABCD la probabilità di idoviare al passo è F D ) ; pertato l'espressioe aalitica di SB, per ABCD è Baldi Atogii e Giovagoli, 00): SB k ABCD) F h)pr Dk h) 8) k h0 e, asitoticaete, si ha che: li SB h0 ABCD) F h) h). 9) Purtroppo l'espressioe 8) o è seplice da calcolare e questo poe ua liitazioe alla possibilità di utilizzare tale idice per cofroti fra disegi al fiito, forzado di cosegueza l uso della 9) ache per piccoli valori di. Del resto ache Wei, 978) e Sith, 984) utilizzao solo delle espressioi asitotiche di SB. Suppoiao allora di adottare u approccio ispirato ai criteri di tipo iiax : ci preoccupiao cioè di scegliere l esperieto che iiizza la probabilità che si verifichi l'eveto più egativo, ossia l'idoviare ad ogi passo utilizzado la strategia ottiale) la prossia assegazioe. Idicado co u geeri-

6 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli 496 co disego sequeziale radoizzato, possiao cosiderare u uovo idicatore di prevedibilità, ), defiito così: P P P )... ),..., ),...,, ) 0) quidi coe edia geoetrica delle probabilità codizioate di idoviare le sigole assegazioi, relativaete al uero di assegazioi effettuate; ciò perette di effettuare cofroti ache per diversi valori di. Il calcolo di ) è seplice per ogi uero di assegazioi. Per la procedura ABC si ha ), ) ) F F ABCD ) e, i particolare. /, ) p p EFRON ) Si oti coe ) dipeda dal disego solo attraverso il valore assuto dalla fuzioe F el puto ; il iio di ABCD) si ottiee quidi i corrispodeza della scelta di ua fuzioe. ).. F c t F Tutto ciò si verifica apputo per la 3), el qual caso si ha che: ABCD / ) che rappreseta il valore di prevedibilità proprio del disego copletaete radoizzato. Per la oeta di Efro, l idicatore ) porterebbe a scegliere il valore. p Per quato riguarda il disego di Wei geerato attraverso ua fuzioe f, coe ella 4), si ha che: ) i f i f WEI i i 3)

7 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 497 il cui valore sarà sepre strettaete aggiore di /, a eo di scegliere F per ogi x, ossia il disego copletaete radoizzato. I particolare osserviao che, coe è ovvio, dal puto di vista di questo idicatore di prevedibilità la odifica al disego suggerito da Sith, cosistete el sostituire la 5) co la 7), i effetti risulta eo prevedibile, diiuedo il valore di SMITH ). 4.. Sbilaciaeto Tra le possibili isure di sbilaciaeto di u disego sequeziale dopo assegazioi, la più seplice è forse E D ), presa i cosiderazioe el lavoro di Baldi Atogii e Giovagoli, 00) per effettuare paragoi tra disegi diversi. Dalle aalisi effettuate eerge coe la procedura ABC data da 3) forzi al bilaciaeto il disego si dalle assegazioi iiziali, garatedo ua elevata stabilità delle distribuzioi argiali della catea. Al crescere di a diiuisce la pedeza della fuzioe geeratrice: ciò iduce ad u ior sbilaciaeto del disego a, coteporaeaete, ad ua aggiore prevedibilità. U altra possibilità è cosiderare il coportaeto asitotico delle quatità casuali D / oppure N N 4, coe i Wei, 978) e Sith, 984a). Essedo però qui iteressati alle proprietà dei disegi al fiito, coereteete co l approccio di tipo iiax già utilizzato, itroduciao u uovo idicatore di sbilaciaeto, ), defiito coe la probabilità di otteere i assegazioi ua sequeza assiaete sbilaciata: ) P D ) P Dk k Dk k. k 4) La scelta dell espoete ) i ) ivece di, coe per l idicatore di prevedibilità 0), deriva dal fatto che il prio passo della catea è fisso: P D ). Il iio dell idice ) è 0, valore raggiuto i corrispodeza di u disego copletaete bilaciato. Ma questo valore iio è raggiugibile utilizzado ua qualsiasi procedura che, ad u passo qualuque, preveda la possibilità di raddrizzare deteriisticaete il bilaciaeto a favore del trattaeto sottorappresetato. Per questo otivo liitereo i seguito le ostre cosiderazioi a disegi totalete privi di copoeti deteriistiche, cosiderado di cosegueza le restrizioi F : Z 0, per la procedura ABC ed f :[ ;] ]0,[ per il disego di Wei. Per quato riguarda ABCD si ha:

8 498 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli ABCD) P D ) F x 5) Si oti coe il valore dell idicatore ella 5) risulti tato più piccolo quato più rapidaete decresce la fuzioe F i Z +. Nel caso particolare della oeta di Efro: EFRON) q q, 6) x quidi il BCDp) igliore si ottiee i corrispodeza della scelta di u valore q prossio a 0, codizioe che risulta chiaraete i cotraddizioe co il tetativo di iiizzare ). Per quato riguarda il disego di Wei: WEI ) f ). 7) I particolare, per la odifica alla procedura di Sith data dalla 7) si ha: SMITHod) q. Ache i questo caso, coe per Efro, la scelta igliore si ottiee i corrispodeza di u valore q prossio a CONSIDERAZIONI FINALI Le assegazioi sequeziali dei trattaeti sebrao rivestire grade iteresse applicativo. I particolare riteiao che caratteristiche iportati ella piaificazioe di u esperieto sequeziale siao: la seplicità; l affidabilità pur dispoedo di poche uità sperietali; la facilità iterpretativa dei risultati. Da questo puto di vista tutti i eccaisi radoizzati richiaati i questo lavoro, co le relative proprietà, eritao di essere eglio coosciuti per le loro potezialità el capo delle prove cliiche sequeziali. I particolare la procedura ABC, ua seplice odifica del tradizioale disego a oeta distorta di Efro, ci pare soddisfare el odo più adeguato i suddetti requisiti: la possibilità di scegliere opportuaete la fuzioe geeratrice F che costituisce u eleeto di flessibilità del disego o dispoibile ella versioe data da Efro. Ioltre, le forule ), 3), 5) e 7) ostrao che, per ogi uero di assegazioi e per ogi disego di Wei o deteriistico i cui cioè f ) 0 ) è possibile trovare u ABCD ad esso preferibile rispetto ad etrabi gli idicatori cosiderati. Nel caso si utilizzi la 3) si deve verificare la codizioe:

9 Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati 499 i Fa i) f ) e, affiché questa sia soddisfatta per ogi, è sufficiete scegliere a i odo che: l f )) l f )) a. 8) l Al cotrario, dato a è ipossibile scegliere u valore f ) 0 tale che: f ) i i a, i quato, al crescere di, il secodo ebro tede a 0. Dipartieto di Scieze statistiche Paolo Fortuati Uiversità di Bologa CNR IMATI. Milao Dipartieto di Scieze statistiche Paolo Fortuati Uiversità di Bologa ALESSANDRO BALDI ANTOGNINI ANTONELLA BODINI ALESSANDRA GIOVAGNOLI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI A. C. ATKINSON 98), Optiu biased coi desigs for sequetial cliical trials with progostic factors, Bioetrika, 69, pp A. BALDI ANTOGNINI, A. GIOVAGNOLI 00), A ew biased coi desig for the sequetial allocatio of two treatets, oural of the Royal Statistical Society, series D, to appear). B. EFRON 97), Forcig sequetial experiets to be balaced, Bioetrika, 58, pp S. PIANTADOSI 997), Cliical trials: a ethodological perspective, Wiley, New York. R. SMITH 984a), Properties of biased coi desigs i sequetial cliical trials, Aals of Matheatical Statistics,, pp R. SMITH 984b), Sequetial treatet allocatio usig biased coi desigs, oural of the Royal Statistical Society, series B, 46, part 3, pp L.. WEI 977), A class of desigs for sequetial cliical trials, oural of the Aerica Statistical Associatio, 7, pp L.. WEI 978), The adaptive biased coi desig for sequetial experiets, Aals of Statistics, 6), pp M. ZELEN 969), Play the wier rule ad the cotrolled cliical trials, oural of the Aerica Statistical Associatio, 64, pp

10 500 A. Baldi Atogii, A. Bodii, A. Giovagoli RIASSUNTO Nuovi idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità ei disegi sequeziali radoizzati: cofroti fra biased coi desigs diversi Ua ota tecica di casualizzazioe relativa a prove cliiche sequeziali per il cofroto tra due trattaeti i asseza di fattori progostici è la oeta distorta di Efro, volta a eutralizzare il vizio di selezioe selectio bias ) garatedo couque buoe proprietà di bilaciaeto del disego. Questa idea è stata estesa ella letteratura ad altre procedure sequeziali di cui tuttavia soo state aalizzate solo le proprietà asitotiche relative ad opportui idicatori di sbilaciaeto e prevedibilità. I questo lavoro oi defiiao uovi idicatori di prevedibilità e sbilaciaeto per u esperieto sequeziale basati sulla probabilità del worst possible sceario, dei quali è possibile calcolare il valore esatto relativaete a disegi diversi per ogi uerosità capioaria, seza dover ricorrere a siulazioi. Utilizzado tali idicatori cofrotiao quidi l Adjustable Biased Coi Desig ABCD), receteete itrodotto da due dei preseti autori, co i pricipali disegi sequeziali esisteti. I geerale, la aggior flessibilità dell ABCD cosete di scegliere ua procedura sequeziale che, per ogi uerosità capioaria, risulta eo prevedibile e più bilaciata delle altre oete distorte cosiderate. SUMMARY New idicators of balace ad selectio bias for radoized sequetial desigs: coparisos of differet biased coi desigs Efro s 97) Biased Coi Desig is a well-kow radoizatio techique of sequetial cliical trials for coparig two treatets i the absece of progostic factors that helps eutralize selectio bias while keepig the experiet fairly balaced., Efro s idea has bee exteded to other types of procedures, but oly their asyptotic properties as regards selectio bias ad ibalace are cosidered i the literature. I this paper we defie ew idicators of selectio bias ad ibalace of the sequetial experiet, based o the probability of the worst possible sceario, which ca be coputed explicitly for differet desigs ad for ay fiite saple size without resortig to siulatios. Makig use of these easures, we copare the ai existig desigs with the Adjustable Biased Coi Desig ABCD), recetly itroduced by two of the preset authors. I geeral, the greater flexibility of the ABCD allows oe to choose a sequetial procedure that turs out, for all, to be less predictable ad ore balaced tha the other biased coi desigs.

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3 Leica Lino L360, L25, L2+, L2, 5, 3 Manuale d'uso Versione 757665g Italiano Congratulazioni per aver acquistato Leica Lino. Le ore di sicurezza sono allegate al Manuale d'uso. Leggere attentaente le ore

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE INTODUZIONE A UMOE NEI CICUITI EETTONICI Se prendiao n qalsiasi circito elettronico ed andiao ad analizzare il valore di na grandezza elettrica (tensione o corrente in n pnto, vediao che non è stabile

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO www.senft-partner.at MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO È tepo di riscoprire l essenza del legno su un apia base. La costruzione con questo ateriale sano

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill)

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill) Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. cgraw-hill) Progettazione concettuale Scelta dei fatti: Fatto ORDINATO FATTURATO BUDGET Relazione

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli