FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso"

Transcript

1 FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso

2 Introduzione Lo scopo di questo manuale e introdurre all uso della FMEA e fornire strumenti di guida all applicazione di questa tecnica. Una FMEA descrive un gruppo di attività mirate a: 1. Riconoscere e valutare i potenziali difetti di un prodotto/processo e i suoi effetti 2. Identificare azioni che possono eliminare o ridurre la frequenza di accadimento dei difetti potenziali 3. Descrivere i prodotti/processi. Essa è complementare alla progettazione per definire in modo ottimale come deve essere il prodotto/processo per soddisfare il cliente finale. Si possono distinguere due modalità di applicazione della FMEA: FMEA di progettazione (Design FMEA): consiste nell analisi dei potenziali anomalie ed effetti da utilizzarsi nella fase di progettazione di un prodotto/processo. FMEA di Processo (Process FMEA): analisi dei anomalie potenziali ed effetti durante la fase di produzione di un prodotto/processo. Storia Verso la metà degli anni 60 in alcune aziende statunitensi del settore aeronautico è stato introdotto l uso della FMEA sia nel settore della progettazione che della produzione. Ad esempio alla NASA fu introdotta questa tecnica in maniera massiccia durante la fase di studio, messa a punto e realizzazione della missione Apollo. Durante i successivi anni alcune grosse aziende: Boeing, Ford, General Motor, Chrysler, Texas Instruments, Motorola per citarne alcune contribuirono in modo determinante alla diffusione di questa tecnica di analisi. Possiamo affermare che nei settori: Aeronautico, Automotive e Elettronico ormai costituisce uno standard consolidato. FMEA di Progettazione (Design FMEA) La FMEA di Progettazione è una tecnica utilizzata generalmente dai responsabili della progettazione (uffici tecnici, di sviluppo nuovi prodotti, di ingegnerizzazione della produzione). Nasce con il prodotto e si evolve con esso, ne segue lo sviluppo: in pratica si tratta di prevedere già durante la fase di progettazione e sviluppo quali potranno essere i problemi potenziali di produzione e legarli alle presunte cause che li generano. La FMEA di Progettazione dovrebbe focalizzare la propria attenzione su: Disegno del modello, delle forme (stampi), degli strumenti, scelta dei materiali necessari per la produzione Limitare, ove possibile, le finiture superficiali Rendere il più agevole possibile il montaggio delle parti componenti Ottimizzare la Process-Capability (capacità di processo) e la performance del processo produttivo. Ove previsto disegnare opportuni lay-out impiantistici per ottimizzare il flusso della produzione e ridurre il WIP (Work In Progress)

3 FMEA di Processo (Process FMEA) La FMEA di processo è una tecnica analitica utilizzata da un responsabile di processo o da un gruppo come mezzo per individuare i problemi potenziali e legarli alle possibili cause. L inserimento delle cause potenziali deve essere il più preciso possibile solo così può essere uno strumento importante nella soluzione dei problemi (effetti). La FMEA di processo dovrebbe: Identificare i potenziali prodotti legati ai problemi nei processi (guasti, anomalie, difetti) Individuare i possibili effetti sul cliente. Identificare i processi di produzione o assemblaggio e le variabili di processo che possono concorrere alla creazione del problema (effetto) in esame. Predisporre un controllo più efficace per individuare o ridurre le condizioni che provocano il anomalia. Realizzare una lista di potenziali problemi e stabilire una priorità di intervento. Documentare il risultato del processo di produzione o assemblaggio. Definizione di Cliente La definizione di cliente per una FMEA di Processo è normalmente da intendersi come Utente finale. Tuttavia si può considerare cliente anche il processo (operazione) di produzione o assemblaggio successiva a quello in esame, oppure un servizio di assistenza clienti. Descrizione colonne FMEA 1) Process Step/Input: Nome del processo, della fase o della variabile. Esempi: Assemblaggio, Saldatura, Temperatura, Pressione. 2) Potential Failure Mode: Descrizione della modalità di fuoriuscita dalle specifiche (interne o verso il cliente). La descrizione dovrebbe essere il più specifico possibile. Può essere una causa associata con una anomalia potenziale in una operazione a monte o a valle. La modalità si può verificare, ma non è necessario che avvenga. Il responsabile/team di processo si dovrebbe porre e rispondere alle seguenti domande: Quanto può il processo/prodotto scostarsi dalle specifiche? Il mancato rispetto delle specifiche di progetto quale danno può arrecare al cliente (finale, operazione seguente)? Esempi: Saldatura fredda, Temperatura alta, Pressione alta, Larghezza >10. 3) Potential effects of Failure: Effetto potenziale definito come l effetto (impatto) provocato dalla fuoriuscita dalle specifiche per il cliente. Deve essere inserito un solo effetto per riga, qualora la fuoriuscita della specifica in oggetto comporti più effetti devono essere inseriti in più righe. Esempi: Saldatura fredda => Cattivo contatto Temperatura alta => Sovracottura Larghezza >10 => Difficoltà di assemblaggio -3 -

4 4) Severity (S): Severità definita come indice di potenziale danno per il cliente. Questo indice deve essere riferito solo all effetto potenziale in analisi. La valutazione è espressa attraverso una scala da 1 a 10, dove 1 rappresenta il valore di minimo danno e 10 il massimo. Criterio di valutazione suggerito: Impatto Criterio: Severità dell effetto Valore Molto Pericoloso Può provocare danni ingenti sia alle macchine che agli operatori. E 10 un effetto difficilmente prevedibile che merita la massima attenzione. Solitamente deriva da prescrizioni normative di sicurezza o legislative. Pericoloso Può provocare danni ingenti sia alle macchine che agli operatori. E 9 un effetto talvolta prevedibile che comunque merita attenzione. Può derivare da prescrizioni normative di sicurezza o legislative. Molto alto Provoca il blocco della linea di produzione. Il 100% della produzione 8 può essere scartata. Il cliente è assolutamente insoddisfatto. Alto Può provocare il blocco della linea di produzione. Il prodotto deve 7 essere controllato e una parte di esso (meno del 100%) scartato. Il cliente è insoddisfatto. Moderato Può provocare il fermo della linea di produzione. Una parte della 6 produzione (meno del 100%) dovrà essere scartata. Non è compromessa la funzionalità ma le specifiche non sono totalmente rispettate (ad esempio: il motore funziona ma può avere vibrazioni). Il cliente non è completamente soddisfatto Basso Può provocare il fermo della linea di produzione. Il 100% della 5 produzione può necessitare di rilavorazione. Non è compromessa la funzionalità ma il livello di performance non è totalmente rispettato. Alcuni clienti non sono completamente soddisfatti. Molto Basso Può provocare il fermo della linea di produzione. Potrebbe essere 4 necessario controllare la produzione e una parte di essa (meno del 100%) necessitare di rilavorazione. Il difetto è rilevato da molti clienti. Minore Esiste la possibilità che possa provocare il fermo della linea, 3 generalmente una parte della produzione necessita di rilavorazione in-linea ma fuori dalla stazione di lavoro. Il difetto è rilevato dalla media dei clienti. Trascurabile Esiste la possibilità che possa provocare il fermo della linea, 2 generalmente una parte della produzione necessita di rilavorazione in-linea nella stazione di lavoro. Il difetto è rilevato da pochi clienti. Nessuno Nessun effetto 1 5) Potential causes: Causa potenziale. Lista dettagliata delle cause potenziali. Qualora una causa concorra in modo esclusivo alla formazione dell effetto in esame, cioè quando il controllo della causa ha un impatto diretto sull effetto, allora questa parte di FMEA si può considerare terminata. Molto spesso in realtà molte cause concorrono contemporaneamente alla produzione dell effetto, in tal caso è opportuno prevedere una analisi più dettagliata, attraverso una sperimentazione per determinare la causa principale e concentrare gli sforzi verso il controllo della stessa

5 6) Occurrence (O): Frequenza di accadimento della causa. Viene valutata con un indice che assume un valore da 1 a 10, dove uno rappresenta la frequenza minima e 10 la massima. Criterio di valutazione suggerito Probabilità di evento Frequenza Cpk Valore Molto alta: Praticamente inevitabile. > 1 ogni 2 1 ogni 3 < 0,33 > 0, Alta: Generalmente associato con processi 1 ogni 8 > 0,51 8 simili o precedenti che hanno spesso anomalie 1 ogni 20 > 0,67 7 Moderata: Generalmente associato con 1 ogni 80 > 0,83 6 processi simili o precedenti che talvolta hanno 1 ogni 400 > anomalie in modo non troppo frequente. 1 ogni 2000 > 1,17 4 Bassa: Generalmente associato con processi 1 ogni > 1,33 3 simili o precedenti che hanno sporadiche anomalie. Molto Bassa: Generalmente associato con 1 ogni > 1,50 2 processi simili o precedenti che hanno anomalie episodiche. Remota: Anomalie improbabili. Nessuna 1 ogni > 1,67 1 anomalia mai associata con processi identici 7) Current controls: Descrive ciò che allo stato attuale è implementato per misurare, controllare e prevenire gli eventi che causano l anomalia. Questo controllo può essere una segnalazione di anomalia, una misura continua, un asservimento (PID), un controllo statistico di processo (SPC), un TQC del processo successivo Vi sono tre tipi di Controllo di processo (approccio) da considerare: Prevenire la causa/meccanismo o il modo/effetto di anomalia quando succede, oppure ridurne la frequenza di accadimento. Individuare le cause/meccanismi e focalizzare l attenzione sulle azioni correttive Individuare le modalità di anomalia. Normalmente l approccio da preferirsi è il primo (se possibile); quindi il secondo e infine il terzo. 8) Detection (D): Indica la probabilità di individuare/prevenire la causa in esame con gli strumenti (controlli) normalmente in uso nel processo. Viene utilizzata una scala da 1 a 10, dove 1 rappresenta la facilità di individuazione e 10 praticamente l impossibilità. Criterio di valutazione suggerito: Individuabilità Criterio: Probabilità che l esistenza del anomalia venga Valore individuata prima del processo successivo. Praticamente Non si conoscono sistemi o strumenti per verificare l esistenza del 10 impossibile anomalia Molto difficile Probabilità remota che i controlli attuali individuino il anomalia 9 Difficile Estrema difficoltà di individuazione del anomalia con i controlli 8 attuali Molto bassa Difficoltà di individuazione del anomalia con i controlli attuali 7 Bassa Bassa probabilità di individuazione del anomalia con i controlli attuali 6 Moderata Moderata probabilità di individuazione del anomalia con i controlli attuali

6 Media Buona probabilità di individuazione del anomalia con i controlli 4 attuali Alta Alta probabilità di individuazione del anomalia con i controlli attuali 3 Molto alta Probabilità molto alta di individuazione del anomalia con i controlli 2 attuali Certa I controlli correnti individuano certamente le anomalie. 1 9) Risk Priority Number (RPN): E il prodotto degli indici di Severità (S), Frequenza (O) e Individuazione (D). RPN = S x O x D E un valore variabile da 1 a 1000, che evidenzia al Responsabile/Team di processo la gravità del problema, in modo da stabilire una priorità di intervento. E evidente che dovranno essere affrontati dapprima i problemi con RPN elevato. 10) Recomended action(s): Dopo aver ordinato opportunamente le modalità di anomalie secondo il valore RPN, devono essere decise delle azioni correttive per consentire un maggiore controllo e investigazione delle cause in esame. Se per esempio, le cause non sono perfettamente conosciute, l azione raccomandata potrebbe essere determinata attraverso una DOE (Design of experiments). Design of Esperiments (DOE): Efficiente metodo di realizzazione di esperimenti che prevede l analisi dei risultati attraverso l utilizzo di strumenti statistici. L intento delle azione dovrà essere la riduzione degli indici di severità (S), frequenza (O), individuazione (D). Se non vi sono azioni raccomandate per la causa specifica, si indicherà in questa colonna NESSUNA. In tutti i casi quando l effetto può essere pericoloso per il personale di produzione/assemblaggio opportune azioni correttive dovranno essere intraprese per prevenire le anomalie attraverso l eliminazione o un accurato controllo delle cause in oggetto. Azioni come le seguenti dovranno essere opportunamente considerate: Per ridurre la frequenza di anomalia (O) potrebbe essere necessario intervenire in fase di progettazione e/o riprogettazione. In tale caso sarà opportuno progettare o riprogettare il prodotto/processo attraverso un metodo di analisi statistico che preveda le opportune informazioni e feedback per un miglioramento continuo e una sempre migliore prevenzione dei difetti. La revisione del modello e/o del processo potrebbe essere necessaria per la riduzione del solo indice di severità (S). Per aumentare la possibilità di individuazione dell anomalia (indice D), il processo e/o il prodotto spesso necessitano di revisione. Generalmente, il miglioramento dell indice di investigazione (D) è costoso e inefficace per il miglioramento qualitativo. Aumentare il livello qualitativo incrementando la frequenza dei controlli non è abitualmente una azione correttiva efficace se non per tamponare una situazione temporanea; in molti casi il numero di controlli si ripercuote negativamente sui costi. Una azione correttiva efficace potrebbe essere ad esempio modificare il metodo di controllo attuale allo scopo di migliore la possibilità di individuazione delle anomalie. 11) Responsability: Invidua il gruppo o la persona responsabile dell azione correttiva e la data prevista per il completamento. 12) Actions Taken: Ogni volta che una azione viene intrapresa, si inserisce una breve descrizione della stessa e la data

7 13) Resulting: Dopo aver identificato le azioni correttive, stimato e registrato i risultati attraverso gli indici S, O, D reinserire i valori e procedere al ricalcolo dell indice RPN. Se a questo punto il valore RPN non è considerato soddisfacente ripetere i passi da 10 a 13. FOLLOW-UP: Il responsabile di processo (progettazione) deve assicurarsi che le azioni correttive vengano correttamente eseguite e indirizzate. La FMEA è un documento vivo, dovrebbe essere costantemente aggiornato ed adeguato all ultima versione del modello del prodotto in esame

8 ESEMPIO DI FMEA: -8 -

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC)

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC) PREMESSA Come noto un progetto SIX SIGMA si articola in cinque fasi diverse, che abitualmente sono in sequenza ma che talvolta possono anche essere temporalmente in parte sovrapposte : DEFINIZIONE MISURA

Dettagli

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO)

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) 3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) Flussi informativi correnti SDO, prestazioni ambulatoriali, movimento degenti, flussi informativi ministeriali, certificati di assistenza al parto, interruzioni

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

AFFIDABILITA. Tutto ciò va messo in relazione all importanza dell apparato dal punto di vista operativo e della sicurezza.

AFFIDABILITA. Tutto ciò va messo in relazione all importanza dell apparato dal punto di vista operativo e della sicurezza. AFFIDABILITA L affidabilità è insieme una disciplina ed una proprietà. Come disciplina è una teoria di validità generale che ha per scopo quello di descrivere, prevedere, dominare il comportamento delle

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 7 TECNICHE AFFIDABILISTICHE FMEA ED FTA (Lezioni tratte in parte dal testo: Strumenti statistici avanzati per la

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

15/10/2013 CONTROLLO DI PROCESSO (STATISTICAL PROCESS CONTROL ) ( CONTROLLO OPERATIVO) GENERALITÀ

15/10/2013 CONTROLLO DI PROCESSO (STATISTICAL PROCESS CONTROL ) ( CONTROLLO OPERATIVO) GENERALITÀ Controllo di processo ( Controllo statistico di processo -Statistical Process Control ) Parte II Scuola di Economia Urbino, 16 ottobre 2013 Federico De Cillis Indicatore Secondo la norma UNI 11097:2003,

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I)

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) 203 APPENDICE A: Tabella Process Sigma (II) 204 APPENDICE B: Tipologie di variabili Lo schema sottostante è utile per la corretta scelta degli indicatori durante

Dettagli

Metodi di analisi errore e gestione del rischio ASL AL 2009

Metodi di analisi errore e gestione del rischio ASL AL 2009 Metodi di analisi errore e gestione del rischio ASL AL 2009 Strumenti di Analisi Un programma di gestione del rischio clinico utilizza diverse tipologie di strumenti per l analisi del rischio analizzando

Dettagli

Del senno di poi, son piene le fosse

Del senno di poi, son piene le fosse Del senno di poi, son piene le fosse Parigi (25 luglio 2000) Il 25 luglio 2000, il Concorde della Air France Btsc diretto a New York si schianta due minuti dopo il decollo dall'aeroporto Charles de Gaulle

Dettagli

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17 Indice Prefazione 15 Introduzione 17 1. Pianificazione della qualità 1.1. Il concetto di 6 sigma 1.1.1. Le aree e le fasi del sei sigma 1.2. I processi produttivi e la variabilità 1.2.1. Cause comuni 1.2.2.

Dettagli

Trasferimento Tecnologico: applicazione di metodologie per la Qualità nella ricerca

Trasferimento Tecnologico: applicazione di metodologie per la Qualità nella ricerca + qpmo Quality and Project Management OpenLab Trasferimento Tecnologico: applicazione di metodologie per la Qualità nella ricerca Annamaria Kisslinger IV Giornata informativa BioTTASA 27 gennaio 2014 Area

Dettagli

CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità. Facoltà di Ingegneria RISK ANALYSIS. Carlo Noè. Università Carlo Cattaneo

CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità. Facoltà di Ingegneria RISK ANALYSIS. Carlo Noè. Università Carlo Cattaneo CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria RISK ANALYSIS Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 RISK ANALYSIS Risk Analysis: tecnica che considera

Dettagli

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione Manutenzione predittiva: dove, quale, quanta? Metodi e strumenti per l'introduzione efficace in una industria d processo: il caso Terreal Italia MANUTENZIONE PREDITTIVA Massimo Bonci, Terreal Italia, Castiglion

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Tartari & Partners consulenza e formazione

Tartari & Partners consulenza e formazione Tartari & Partners consulenza e formazione La nostra storia La Tartari & Partners, fondata ad Osimo (AN) nel 2003 da Rinaldo Tartari, nasce dall esperienza ventennale del suo fondatore in ambito di organizzazione

Dettagli

Gas medicinali. La distribuzione e l utilizzo dei gas medicinali. la distribuzione e l analisi di rischio

Gas medicinali. La distribuzione e l utilizzo dei gas medicinali. la distribuzione e l analisi di rischio la distribuzione e l analisi di rischio Un metodo di valutazione del rischio specifico per gli impianti di distribuzione dei gas medicinali nelle strutture sanitarie per la tutela di lavoratori e utenti

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi

Dettagli

Total Quality Management

Total Quality Management Corso di Sistemi di Produzione Prof. Dario Antonelli Total Quality Management 28 settembre 2007 dott.ssa Brunella Caroleo Il concetto di qualità Conformità alle specifiche Conformità nel tempo di utilizzo

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Quality Risk

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità TAVOLA ROTONDA SUL TEMA SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità Cosa si può fare concretamente per un reale miglioramento di Qualità/Affidabilità dei nostri prodotti? 1 Conviene riconoscere

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Sicurezza Funzionale

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Sicurezza Funzionale Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Docente: Page 1 Definizione di Safety Integrity Level (SIL) I SIL sono delle espressioni dei livelli di sicurezza di

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

LA PUNTA DELL ICEBERG. La Gestione del Rischio Clinico R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O

LA PUNTA DELL ICEBERG. La Gestione del Rischio Clinico R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O LA PUNTA DELL ICEBERG La Gestione del Rischio Clinico R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale Audit Clinico Dott. Antonio Maria Pinna Clinical

Dettagli

Safety Speed Monitoring. Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza

Safety Speed Monitoring. Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza Safety Speed Monitoring Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza Safety Speed ESEMPI DI COMBINAZIONE TRA SENSORI E MOSAIC MV Encoder Proximity Modulo MV Livello

Dettagli

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo www.agiplus.it La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo della carpenteria e dell automazione e

Dettagli

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa ??? La Clinical Governance è un sistema attraverso cui le organizzazioni sanitarie (Aziende Sanitarie) si rendono responsabili del continuo miglioramento della qualità dei loro servizi e della salvaguardia

Dettagli

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Titolo piano formativo Gestione integrata qualità, sicurezza e ambiente

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Progettazione del processo

Progettazione del processo Progettazione del processo produttivo Il miglioramento della qualità e della produttività ha maggiore efficacia quando è parte integrante del processo di realizzazione del prodotto. In particolare l uso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci

La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci A RTICOLO T ECNICO La gestione delle deviazioni nella produzione dei farmaci Sul numero 1/2010 abbiamo parlato dell analisi del rischio e delle sue applicazioni nel settore farmaceutico. Sempre prendendo

Dettagli

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa L ULSS 3 ha sviluppato, a partire dal 2009, un modello organizzativo finalizzato a migliorare la sicurezza del paziente; il punto di partenza

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

SIMCO E LA SIMULAZIONE

SIMCO E LA SIMULAZIONE SIMCO E LA SIMULAZIONE: Chi non vorrebbe avere la possibilità di sperimentare il differente comportamento di tutte le alternative di progetto prima di averle realizzate, per identificare la combinazione

Dettagli

Figura 1 - Pagina del catalogo elettronico dedicata ai mobili per uffici direzionali. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Pagina del catalogo elettronico dedicata ai mobili per uffici direzionali. Politecnico Innovazione 1 MASCAGNI S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ L azienda è interamente di proprietà della famiglia Mascagni, ha iniziato la propria attività nel 1930 con la produzione di cornici e complementi d arredo, è ora

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

FMEA (Fealure Mode Effects Analysis)

FMEA (Fealure Mode Effects Analysis) FMEA (Fealure Mode Effects Analysis) IL PROCESSO DI ANALISI DEI MODI POTENZIALI DI GUASTO March 10, 2010 QMR01 1/17 INTRODUZIONE L individuazione tempestiva delle avarie e delle difettosità a cui possono

Dettagli

WHIT E PAPER. skipper

WHIT E PAPER. skipper WHIT E PAPER skipper Giugno 2003 schedulatore a capacità finita Skipper è un programma di elevato contenuto tecnologico che non richiede particolari installazioni. Si interfaccia con la base dati (comune

Dettagli

PENSARE SNELLO. Lean Thinking. Gestione Totale della Qualità 18 ottobre 2007. Unione degli Industriali della Provincia di Varese

PENSARE SNELLO. Lean Thinking. Gestione Totale della Qualità 18 ottobre 2007. Unione degli Industriali della Provincia di Varese PENSARE SNELLO Lean Thinking Gestione Totale della Qualità 18 ottobre 2007 Unione degli ndustriali della Provincia di Varese 1 La presunzione originale di creare valore Tutte le aziende affermano di perseguire

Dettagli

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE ALLEGATO I (previsto dall'art. 3, comma 3, lettera a)) Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi alla

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS Matrice delle interazioni Unità per Unità, si analizzano le sostanze pericolose o che possono dar luogo a composti pericolosi. La

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Il processo di valutazione dei rischi. Considerazioni, percorso e metodi

Il processo di valutazione dei rischi. Considerazioni, percorso e metodi Il processo di valutazione dei rischi Considerazioni, percorso e metodi 1 «valutazione dei rischi» q) «valutazione dei rischi»: valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza

Dettagli

Principio di controllo a Correnti Indotte

Principio di controllo a Correnti Indotte PRÜFTECHNIK NDT sviluppa soluzioni pratiche per controlli non distruttivi (NDT) durante la produzione e nel controllo finale per tutti i tipi di semilavorati, tubi metallici, barre e fili. PRÜFTECHNIK

Dettagli

Progettazione Robusta

Progettazione Robusta Progettazione Robusta Perdita Consumatore qualità = f 1 (perdita Perdite di reputazione e quote di mercato Costi di garanzia per il produttore La qualità di un prodotto è la (minima perdita impartita alla

Dettagli

Servizi di Analisi Termica Quali aspettative?

Servizi di Analisi Termica Quali aspettative? Servizi di Analisi Termica Quali aspettative? Con la miniaturizzazione dell elettronica, la sempre maggiore varietà di funzioni e le crescenti esigenze di velocità, ad ogni progettista elettronico accade,

Dettagli

Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti (Calcolo del Rischio)

Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti (Calcolo del Rischio) Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti (Calcolo del Rischio) Maurizio Rebaudengo, Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica Sommario

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo di identificare la causa vera di un problema, e le azioni

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile

Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile Engineering GEA S.r.l Via Pavia, 65 10090 Cascine Vica - Rivoli (Torino) 27/03/02 Diapositiva 1 Ciclo di sviluppo

Dettagli

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia You cannot Manage What you cannot Measure 1. Moduli di GEM Energy Monitoring Misurare è il primo passo

Dettagli

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI Pag. 1 di 21 PROCEDURA ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 09 Revisionato

Dettagli

LA STATISTICA SIMPATICA

LA STATISTICA SIMPATICA LEADERSHIP& LM MANAGEMENT LA STATISTICA SIMPATICA ED IL FRULLATORE DOE (DESIGN OF EXPERIMENT) LA STATISTICA SIMPATICA ED IL DOE Mi rendo conto che il titolo contiene una contraddizione di termini che sembra

Dettagli

Analisi FMECA applicata ad una macchina equilibratrice

Analisi FMECA applicata ad una macchina equilibratrice POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Analisi FMECA applicata ad una macchina equilibratrice Relatore: Ing. Marco Macchi Co-relatore:

Dettagli

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI 2006-10-31 TICLE Srl - www.ticle.it Pag. 1/9 Dalla IV di copertina... Knowledge Based Project Management - Presentazione Questo libro nasce da un esperienza ventennale

Dettagli

CAPITOLO TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE, MODELLAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE

CAPITOLO TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE, MODELLAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE CAPITOLO TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE, MODELLAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE CAPITOLO 4 TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE, MODELLAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE 4.1. TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE Nel Capitolo 1 si è discusso delle

Dettagli

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto

METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Alberi di Evento e Alberi di Guasto Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale METODI PER LA QUANTIFICAZIONE DEL RISCHIO: Docente: Page 1 Quantificazione del Rischio Fase Fase 1. 1. Fase Fase 2. 2. Fase Fase 3. 3. Definizione Definizione

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

Soluzioni per il collaudo di motori tubolari. SyTest

Soluzioni per il collaudo di motori tubolari. SyTest Soluzioni per il collaudo di motori tubolari SyTest System Electric è specializzata nella realizzazione di sistemi di collaudo automatici, fortemente integrati nel processo produttivo e facilmente collegabili

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

COMPUTER INDUSTRIALI:

COMPUTER INDUSTRIALI: COMPUTER INDUSTRIALI: Domande più frequenti FAQ_What is an Industrial PC_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono

Dettagli

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere Consulting Line Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere le Persone, le Competenze e le Tecnologie più adatte si rivelerà sempre una decisione determinante. Scegliere fra le formule Body Rental

Dettagli

Unifast, grazie alle Chiusure rapide ad ¼ di giro, agli Inserti filettati maschi e femmine oltre che ad un ampia gamma di Prodotti speciali, offre l

Unifast, grazie alle Chiusure rapide ad ¼ di giro, agli Inserti filettati maschi e femmine oltre che ad un ampia gamma di Prodotti speciali, offre l Unifast, grazie alle Chiusure rapide ad ¼ di giro, agli Inserti filettati maschi e femmine oltre che ad un ampia gamma di Prodotti speciali, offre l opportunità di generare efficienze sui processi produttivi

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 Seminario del corso Progetto e misura della qualità a cura di Michele Incagli 1 Contenuti del seminario/1 Qualità: introduzione e cenni storici Definizione

Dettagli

Advanced Asset Management and Maintenance

Advanced Asset Management and Maintenance Advanced Asset Management and Maintenance La gestione tradizionale ed avanzata degli impianti di produzione A. PREMESSA Secondo The Global Chief Executive Officer - CEO Study 2004, effettuato a cura di

Dettagli

Le origini di Lean Six Sigma

Le origini di Lean Six Sigma 1 Le origini di Lean Six Sigma Le origini di Lean e Six Sigma risalgono agli anni 80 (e più indietro) Lean emerse come metodo per ottimizzare la produzione di automobili Venne sviluppato nei primi anni

Dettagli

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA FMECA La metodologia FMECA (Failure Mode, Effects and Criticality Analysis) è quella della Analisi dei Modi di Guasto come codificata dalle Norme CEI 56.1 (IEC 812,1985), MIL-STD 1629-A. Tale metodologia

Dettagli