CTP SYSTEM. La norma ICH Q9: innovazione e cambiamento INTEGRATED COMPETENCES. 47 Simposio AFI. Workshop: Quality Risk Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CTP SYSTEM. La norma ICH Q9: innovazione e cambiamento INTEGRATED COMPETENCES. 47 Simposio AFI. Workshop: Quality Risk Management"

Transcript

1 CTP SYSTEM INTEGRATED COMPETENCES 47 Simposio AFI Workshop: Quality Risk Management Rimini, 13 Giugno 2007 La norma ICH Q9: innovazione e cambiamento Giovanni Bini, CTP Tecnologie di Processo S.p.A.

2 La nuova strategia GMP Il lancio FDA Il recepimento internazionale SCHEMA DELLA RELAZIONE Prima parte Il documento ICH Q9A: Quality Risk Management I principi Le metodologie di Risk Analysis Risk ranking e IPR Seconda parte Le applicazioni del RM nell Industria Farmaceutica: ottimizzazione di tempi e risorse 2 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

3 La nuova strategia GMP Risk Management Lancio del Risk-Based Approach The Gold Sheet, May 2000 Risk Management is being explored by FDA as a possible next step in the evolution of pharmaceutical good manufacturing practice 3 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

4 Fino al l atteggiamento dell FDA nel controllo sulla produzione farmaceutica era indirizzato a garantire in modo rigido l applicazione delle normative (CFR 21 part ; CFR 21 part 11; etc.) Gli adempimenti regolatori da sostenere per una innovazione tecnologica, anche decisamente migliorativa (per es., l automazione dei processi aziendali e produttivi con sistemi computerizzati), insieme al rischio di un esito negativo della conseguente ispezione, erano tali da scoraggiare l innovazione stessa. VECCHIO APPROCCIO VECCHIO APPROCCIO PREVENZIONE DEL RISCHIO BASATA SULLE REGOLE 4 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

5 L FDA si è resa conto che questo atteggiamento costituiva un grave handicap per poter offrire alla popolazione i migliori mezzi di difesa della salute ed ha intrapreso una decisa inversione di rotta, che è stata lanciata con l emissione di documenti in cui viene richiesto esplicitamente l utilizzo delle tecniche di valutazione dei rischi come strumento fondamentale per la conoscenza del processo e come base scientifica delle decisioni. NUOVO APPROCCIO PREVENZIONE DEL RISCHIO BASATA SUL RISK MANAGEMENT 5 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

6 Agosto 2003 FDA Strategic Action Plan MISSION STATEMENT The FDA is also responsible for advancing the public health by helping to speed innovations that make medicines and foods more effective, safer, and more affordable The FDA has identified efficient risk management as the primary way to make the most effective use of agency resources and address these challenges. Efficient risk management requires using the best scientific data, developing quality standards, and using efficient systems and practices that provide clear and consistent decisions and communications for the American public and regulated industry. 6 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

7 Settembre 2004 Guidance for Industry: Process Analytical Technologies BACKGROUND the pharmaceutical industry generally has been hesitant to introduce innovative systems into the manufacturing sector for a number of reasons. For example, one reason often cited is regulatory uncertainty, which may result from the perception that our existing regulatory system is rigid and unfavorable to the introduction of new technologies. Pharmaceutical manufacturing will need to employ innovation, cutting edge scientific and engineering knowledge, along with the best principles of quality management to respond to the challenges of new discoveries and ways to do business. Regulatory policies must also rise to the challenge.. quality cannot be tested into products; it should be built-in or should be by design. 7 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

8 Settembre 2006 Guidance for Industry: Quality Systems Approach The overarching philosophy articulated in both the CGMP regulations and in robust modern quality systems is: Quality should be built into the product, and testing alone cannot be relied on to ensure product quality.. It is important that we harmonize the cgmps to the extent possible with other widely used quality management systems including ISO 9000, non-u.s. pharmaceutical quality management requirements, and FDA s own medical device quality system regulations..the convergence of quality management principles across different regions and among various product types is very desirable. 8 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

9 Settembre 2006 Guidance for Industry: Quality Systems Approach A quality system can provide the necessary framework for implementing quality by design (building in quality from the development phase and throughout a product s life-cycle), continuous improvement, risk management, in the drug manufacturing process. 9 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

10 La nuova strategia GMP Recepimento a livello internazionale 2005 ICH Q8 Pharmaceutical Development 2005 ICH Q9 Quality Risk Management 2006 ICH Q10 Pharmaceutical Quality Systems Step 2, Version 12.0, 9 May Workshop AFI, 13 Giugno 2007

11 ICH Q8 Pharmaceutical Development The aim of pharmaceutical development is to design a quality product and its manufacturing process to consistently deliver the intended performance of the product. The information and knowledge gained from pharmaceutical development studies and manufacturing experience provide scientific understanding to support the establishment of the design space, specifications, and manufacturing controls. Information from pharmaceutical development studies can be a basis for quality risk management. It is important to recognize that quality cannot be tested into products; i.e., quality should be built in by design. 11 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

12 ICH Q8 Pharmaceutical Development Design Space The multidimensional combination and interaction of input variables (e.g., material attributes) and process parameters that have been demonstrated to provide assurance of quality. Working within the design space is not considered as a change. Movement out of the design space is considered to be a change and would normally initiate a regulatory post approval change process. Design space is proposed by the applicant and is subject to regulatory assessment and approval. 12 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

13 ICH Q10 Pharmaceutical Quality Systems Step 2, Version 12.0, 9 May 2007 ICH Q10 describes one comprehensive approach to an effective pharmaceutical quality system that is based on ISO concepts, includes applicable Good Manufacturing Practice (GMP) regulations and complements ICH Q8 Pharmaceutical Development and ICH Q9 Quality Risk Management ICH Q10 is not intended to create any new expectations beyond current regulatory requirements. Consequently, the content of ICH Q10 that is additional to current GMP requirements is optional.. Implementation of ICH Q10 throughout the product lifecycle should facilitate innovation and continual improvement and strengthen the link between pharmaceutical development and manufacturing activities. 13 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

14 ICH Q9 Quality Risk Management 1. INTRODUCTION The purpose of this document is to offer a systematic approach to quality risk management.. It specifically provides guidance on the principles and some of the tools of quality risk management that can enable more effective and consistent risk based decisions, both by regulators and industry, regarding the quality of drug substances and drug (medicinal) products across the product lifecycle. 14 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

15 2. SCOPE ICH Q9 Quality Risk Management This guideline provides principles and examples of tools for quality risk management that can be applied to different aspects of pharmaceutical quality. These aspects include development, manufacturing, distribution, and the inspection and submission/review processes throughout the lifecycle of drug substances, drug (medicinal) products, biological and biotechnological products (including the use of raw materials, solvents, excipients, packaging and labeling materials in drug (medicinal) products, biological and biotechnological products). 15 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

16 ICH Q9 Quality Risk Management 3. PRINCIPLES OF QUALITY RISK MANAGEMENT Two primary principles of quality risk management are: The evaluation of the risk to quality should be based on scientific knowledge and ultimately link to the protection of the patient; and The level of effort, formality and documentation of the quality risk management process should be commensurate with the level of risk. 16 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

17 ICH Q9 Quality Risk Management 4. GENERAL QUALITY RISK MANAGEMENT PROCESS Quality risk management is a systematic process for the assessment, control, communication and review of risks to the quality of the drug (medicinal) product across the product lifecycle. RISK COOMUNICATION Initiate Quality Risk Management Process RISK ASSESSMENT RISK CONTROL RISK REVIEW Risk identification Risk Analysis Risk Evaluation Risk Reduction Risk Acceptance Output/Result of the Quality Risk Management Process Rewiew events unacceptable 17 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

18 ICH Q9 Quality Risk Management 5. RISK MANAGEMENT METHODOLOGY the pharmaceutical industry and regulators can assess and manage risk using recognized risk management tools and/ or internal procedures (e.g., standard operating procedures). Below is a non-exhaustive list of some of these tools: Basic risk management facilitation methods (flowcharts, check sheets etc.); Failure Mode Effects Analysis (FMEA); Failure Mode, Effects and Criticality Analysis (FMECA); Fault Tree Analysis (FTA); Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP); Hazard Operability Analysis (HAZOP); Preliminary Hazard Analysis (PHA); Risk ranking and filtering; Supporting statistical tools. 18 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

19 ICH Q9 Le tipologie di approccio Si postula una particolare condizione del sistema o di parte di esso e si cerca di immaginare l effetto che tale condizione avrebbe sulla funzionalità del sistema stesso FMEA HAZOP Si postula che il sistema stesso abbia fallito in un certo modo e si cerca di capire quali componenti del sistema hanno contribuito a tale fallimento FTA 19 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

20 ICH Q9 FMEA - Failure Mode Effects Analysis Metodo induttivo causa effetto, che parte dal prendere in considerazione un caso specifico per arrivare al caso generale; il metodo consiste nel postulare una particolare condizione di fallimento/guasto del sistema o di una parte di esso e nell immaginare l effetto che tale condizione avrebbe sulla funzionalità del sistema stesso. FMEA può essere usato per valutare l efficacia delle attività di controllo dei rischi. FMEA può essere applicato ad attrezzature e strumenti e può essere usato per analizzare le operazioni di produzione ed il loro effetto sul prodotto o sul processo. 20 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

21 ICH Q9 FMECA - Failure Mode, Effects and Criticality Analysis Il metodo consiste in una indagine sulla gravità delle conseguenze, le loro probabilità di accadimento e la loro scoperta. Il metodo può essere usato per l analisi dei rischi associati al processo produttivo. 21 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

22 ICH Q9 FTA - Fault Tree Analysis L analisi FTA è una tecnica analitica deduttiva effetto causa per l analisi dell affidabilità e della sicurezza, usata generalmente per sistemi dinamici complessi, che fornisce le basi oggettive dell analisi e la giustificazione per i cambiamenti. Questo metodo è particolarmente utile nella gestione delle deviazioni o dei reclami: si postula che il sistema abbia fallito in un certo modo e si cerca di capire quali componenti del sistema hanno contribuito a tale fallimento, ovvero come una data condizione fallimentare del sistema può accadere. Considerando il fallimento della funzionalità del sistema, permette di prevedere le cause di problemi comunemente noti. 22 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

23 ICH Q9 HACCP - Hazard Analysis and Critical Control Points Approccio sistematico, proattivo e preventivo per il controllo di processo e per assicurare la qualità, l affidabilità e la sicurezza del prodotto. Il controllo del processo previene i problemi applicando i giusti controlli a livello degli steps produttivi in cui i pericoli possono essere controllati, ridotti o eliminati. Questo tipo di approccio può essere usato per identificare e gestire i rischi associati a pericoli fisici, chimici o biologici. Con questa metodologia i controlli vengono concentrati soltanto sui punti critici. 23 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

24 ICH Q9 HAZOP - Hazard Operability Analysis Metodo induttivo che consente di identificare potenziali deviazioni del progetto di realizzazione di un sistema/impianto, rispetto agli intenti iniziali ( DESIGN INTENT ), di esaminarne le possibili cause e di valutarne le conseguenze. Il metodo è in pratica uno studio FMEA modificato che si concentra solo sui pericoli causati da deviazioni dalle intenzioni di progetto o operative. Il metodo può essere applicato a processi produttivi, ma anche ad attrezzature e macchinari. 24 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

25 ICH Q9 PHA - Preliminary Hazard Analysis Metodo che utilizza l esperienza precedente o la conoscenza di pericoli o fallimenti precedenti, per identificare future situazioni di pericolo e valutare la loro probabilità di accadimento. Il metodo è comunemente usato nella prime fasi di sviluppo di un progetto quando ci sono poche informazioni sulle procedure operative. Di solito pericoli identificati con questa metodica vengono poi successivamente valutati con altre tecniche di gestione dei rischi. 25 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

26 ICH Q9 Strumenti statistici Fra gli strumenti che possono essere usati per supportare il processo di Risk Analysis devono essere tenuti in particolare considerazione alcune comuni tecniche statistiche: Design of experiments (DOE) Process Capability Analysis Carte di controllo I vari strumenti devono essere scelti ed applicati in funzione dell applicazione specifica e degli obiettivi che si vogliono raggiungere; spesso può essere opportuno utilizzare una combinazione dei diversi strumenti stessi. 26 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

27 ICH Q9 Risk Ranking L applicazione delle tecniche di Risk Analysis permette di creare una vera e propria graduatoria (Risk Ranking) dei rischi connessi ad un processo produttivo e, di conseguenza, di fornire un criterio di priorità per gli interventi da effettuare. Risk ranking of complex systems typically requires evaluation of multiple diverse quantitative and qualitative factors for each risk. The tool involves breaking down a basic risk question into as many components as needed to capture factors involved in the risk. These factors are combined into a single relative risk score that can then be used for ranking risks. 27 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

28 VALUTAZIONE QUANTITATIVA DEL RISCHIO INDICE DI PRIORITÀ DI RISCHIO IPR = (severità) ) x (probabilità) ) x (rilevabilit( rilevabilità) SEVERITÀ PROBABILITÀ RILEVABILITÀ Alta Media Bassa Alta Media Bassa Alta Media Bassa <IPR<27 (Si possono utilizzare anche scale diverse: 1-5 o 1-10) 28 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

29 Seconda parte Le applicazioni del RM nell Industria Farmaceutica: ottimizzazione di tempi e risorse. 29 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

30 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management La parte finale del documento ICH Q9 presenta una serie di esempi applicativi, per i quali la conduzione di un Risk Management può fornire informazioni riguardanti parametri critici che possono essere usati in una varietà di operazioni farmaceutiche. This Annex is intended to identify potential uses of quality risk management principles and tools by industry and regulators. However, the selection of particular risk management tools is completely dependent upon specific facts and circumstances. 30 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

31 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management Aree di applicazione del Quality Risk Management: 1. Quality Management 2. Regulatory Operations 3. Development 4. Facilities, Equipment and Utilities 5. Materials Management 6. Production 7. Laboratory Control and Stability Studies 8. Packaging and Labelling 31 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

32 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.1 Quality Management Gestione dei documenti Training e formazione del personale Difetti di Qualità Auditing ed auto-ispezioni Revisioni periodiche Gestione e controllo dei cambiamenti Miglioramento continuo Deviazioni e discrepanze Gestione dei reclami e dei richiami Reclami sulla qualità dei prodotti 32 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

33 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management Allocazione di risorse II.2 Regulatory Operations Valutazione della significatività di difetti di qualità, di potenziali richiami e di rilevazioni ispettive Determinazione del follow-up regulatorio post-ispezione e della sua adeguatezza Valutazione dell impatto di variazioni e cambiamenti proposti Identificazione dei rischi che dovrebbero essere comunicati fra ispettori e tecnici per comprendere meglio come possano essere controllati 33 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

34 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.3 Development Progettare un prodotto di qualità ed il suo processo produttivo Valutare le caratteristiche critiche di materie prime, solventi, materiali di partenza per principi attivi (API), principi attivi stessi, eccipienti e materiali di confezionamento Stabilire appropriate specifiche, identificare parametri critici di processo e stabilire i controlli di produzione Diminuire la variabilità nella qualità; ridurre i difetti relativi alle caratteristiche di qualità dei prodotti e al processo produttivo 34 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

35 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.4 Facilities, Equipment and Utilities Design of facilities/equipment Progettazione di strutture ed apparecchiature Aspetti igienici dei sistemi produttivi Qualificazione di strutture, apparecchiature e servizi Pulizia delle apparecchiature e monitoraggio ambientale Taratura e manutenzione preventiva Sistemi informatici e macchinari controllati da computer 35 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

36 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.5 Materials Management Valutazione di fornitori e contratti Materiali di partenza Utilizzo di materiali Stoccaggio, logistica e condizioni di distribuzione 36 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

37 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management Convalida II.6 Production Per identificare lo scopo ed estendere le attività di verifica, qualificazione e convalida; per distinguere gli step di processo critici e non critici Analisi e campionamento durante il processo Per valutare e giustificare l uso delle PAT (Process Analytical Technologies) connesse al rilascio parametrico in tempo reale Programmazione della produzione 37 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

38 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.7 Laboratory Control and Stability Studies Risultati fuori specifica (OOS - Out Of Specification) Identificazione di potenziali cause ed azioni correttive durante l analisi dei risultati fuori specifica Periodo di riesame e data di scadenza Valutazione dell adeguatezza dello stoccaggio e dei test sugli intermedi, sugli eccipienti e sui materiali di partenza 38 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

39 ICH Q9 Annex II: Potential Applications for Quality Risk Management II.8 Packaging and Labelling Progettazione del confezionamento Progettazione del confezionamento secondario per la protezione del prodotto nel suo contenitore primario Selezione del sistema di chiusura del contenitore Determinazione dei parametri critici del sistema di chiusura del contenitore Controlli delle etichette Progettare le procedure di controllo delle etichette per prevenire il potenziale mix-up di etichette di prodotti diversi o di differenti versioni della stessa etichetta 39 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

40 CONCLUSIONI Il concetto di Risk Management è ormai diventato la base del moderno approccio alle cgmp; le tecniche di Risk Analysis ne sono lo strumento fondamentale. In realtà si può dire che tale concetto non è niente di nuovo: chi prende le decisioni in modo razionale, normalmente esegue comunque una valutazione (non organizzata né documentata) del rischio connesso alle varie alternative decisionali prese in considerazione. 40 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

41 CONCLUSIONI Il valore aggiunto dell approccio di Risk Management risiede proprio nelle metodologie di lavoro: Un lavoro di squadra, con cui si possono raccogliere e sintetizzare conoscenze ed esperienze da parte delle diverse funzioni aziendali; si ottiene così un approfondimento della conoscenza dei processi, che diviene know-how aziendale; Un filo logico dell analisi e delle valutazioni, che consente di economizzare tempi e risorse e di ottenere comunque un risultato con basi razionali consolidate; 41 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

42 CONCLUSIONI La tracciabilità documentata delle decisioni prese e delle motivazioni che ne sono alla radice, con la conseguente possibilità di poterne riscontrare i risultati; La focalizzazione sugli aspetti critici dei processi e dei sistemi, che diventa la base per poter mettere in pratica il concetto di miglioramento continuo ; La possibilità di concentrare le risorse aziendali su ciò che è veramente critico, ottenendo vantaggi economici e temporali. 42 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

43 CONCLUSIONI Quest ultimo aspetto è stato colto ed esplicitato dalla stessa FDA, per ottimizzare l utilizzo delle proprie risorse al servizio della salute pubblica: Da: FDA Strategic Action Plan Agosto 2003 Use science-based, efficient risk management in all agency regulatory activities, so that the agency s limited resources can provide the most health promotion and protection at the least cost for the public. 43 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

44 grazie per l attenzione Relatore: Giovanni Bini CTP SYSTEM INTEGRATED COMPETENCES

45 CTP SYSTEM INTEGRATED COMPETENCES 47 Simposio AFI Workshop: Quality Risk Management Rimini, 13 Giugno 2007 CASE 1 L'approccio per la definizione delle criticità GMP nell'ambito della realizzazione di un nuovo stabilimento e nel revamping di uno esistente Simone Villani, CTP Tecnologie di Processo S.p.A. 45 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

46 SCHEMA DELLA RELAZIONE Approccio Metodologia Impact Assessment Esempi pratici Conclusioni 46 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

47 Strategia e Requisiti GxP Affrontare il progetto di convalida richiede uno sforzo di impostazione strategico, necessario per la corretta pianificazione delle successive attività. Secondo quanto previsto dalle GMP, il primo step che l user deve effettuare è stabilire quali siano i sistemi da convalidare. It is a requirement of GMP that manufacturers identify what validation work is needed to prove control of the critical aspects of their particular operations (EU-GMP, Vol. 4 Annex 15, Punto1) 47 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

48 Obiettivo Costruzione di una metodologia di lavoro per: Identificazione attività in termini di convalida/riconvalida Definizione periodicità di riconvalida Identificazione strumentazione critica e relativa periodicità Identificazione test minimi di convalida/riconvalida 48 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

49 Campo di Applicazione La metodologia si applica per qualsiasi sistema che operi in ambiente GxP. N.B. Per sistema si intende impianto, apparecchiatura, strumento analitico, sistema computerizzato e quindi anche le Utilities. 49 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

50 Metodologia Per ogni sistema la metodologia dell attività si sviluppa secondo tre fasi principali : 1. Identificazione dell ambiente (GMP, GCP, GLP, ) in cui il sistema opera. 2. Individuazione dei sistemi a impatto diretto sulla qualità del prodotto in modo da definire gli item soggetti ad un regime GxP, distinguendoli dagli altri sistemi (fase realizzata per mezzo di un Impact Assessment, tenendo presente anche la tecnica HACCP). 3. Esecuzione di analisi, valutazione, controllo e gestione del rischio, utilizzando la tecnica FMEA, sui sistemi ad impatto diretto in modo da definire i test minimi di convalida, la periodicità di riconvalida, la strumentazione critica. 50 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

51 Applicazione della Metodologia La metodologia è strutturata secondo i seguenti livelli: 1. SOP per la definizione della strategia dell approccio 2. Protocollo di Risk Assessment per la definizione della metodologia e degli strumenti di lavoro, secondo un metodo GMP, cioè con obiettivo e procedura di verifica 3. Esecuzione del protocollo attraverso la compilazione degli allegati, ovvero la misura del rischio 4. Sommario dei risultati, ovvero la valutazione del rischio 5. Piano di azione, ovvero il controllo del rischio 6. Revisione periodica 51 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

52 Guideline ICH Q9 QualityRiskManagement (IMPOSTAZIONE DELL ANALISI) Initiate risk management process (ANALISI DEI PERICOLI) (VALUTAZIONE DEL RISCHIO) Risk identification Risk Analysis Risk Evaluation RISK ASSESSMENT Risk Reduction Risk Acceptance RISK CONTROL Yes RISK COOMUNICATION Risk Communication OUTPUT/results No Risk Acceptance Rewiew events RISK REVIEW 52 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

53 Diagramma di flusso della Metodologia Sistema in esame Fuori dallo scopo della presente RA NO Il sistema serve un area/ processo GxP? SI Identificazione dell area/processo GxP Sistema a Impatto Nullo NO Il sistema è collegato ad un sistema a impatto diretto? NO Il sistema ha impatto Diretto sulla qualità del prodotto? SI Sistema a Impatto Diretto (Regime GxP) GEP SI Sistema a Impatto Indiretto GEP + Gestione del rischio. In genere: check al punto d uso Oppure test integrati Definizione Tipologia di Convalida e Documenti Gestione del rischio (definizione attività di convalida, riconvalida, manutenzione, calibrazione e frequenza) 53 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

54 IMPACT ASSESSMENT Nota ( ) Razionale Utilizzato per l Impact Assessment di Utilities Il sistema viene in contatto con il prodotto oppure con i suoi intermedi? Il sistema è un ingrediente per un intermedio o per il prodotto? Il sistema è utilizzato per la pulizia o per la sterilizzazione/sanitizzazione? Il sistema preserva la qualità ed integrità del prodotto/intermedio? Il malfunzionamento del sistema può costituire pericolo per il prodotto? Ci sono fasi di processo, successive all introduzione dell utility, in grado di correggere eventuali pericoli causati dall utility in esame? Ambiente (GMP, GCP, GLP, no GxP) Utilility (nome e ID) Impact Assessment Risposta alle domande ( / ) No Impact Risultati dell Impact Assessment No Direct Impact Direct Impact No te 54 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

55 Esempio HVAC per reparto sterile area A\B, processo asettico Ambiente (GMP, GCP, GLP, no GxP) Utilility (nome e ID) Impact Assessment Risposta alle domande ( / ) No Impact Risultati dell Impact Assessment No Direct Impact Direct Impact Note GMP HVAC X Contaminazione nel caso di P sbagliati, back flows, filtri danneggiati 55 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

56 Esempio VENTILAZIONE per reparto BULK di sintesi con sistemi chiusi Ambiente (GMP, GCP, GLP, no GxP) Utilility (nome e ID) Impact Assessment Risposta alle domande ( / ) No Impact Risultati dell Impact Assessment No Direct Impact Direct Impact Note GMP VENTILAZIONE X Sistema chiuso, CIP, no spec. microb., monoprodotto, solo benessere personale 56 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

57 Fase di analisi di rischio Per ogni sistema identificato avente impatto diretto sulla qualità del prodotto, al fine di identificare le criticità e quindi definire la strumentazione critica e i test di convalida, occorre applicare la metodologia dell analisi di rischio basata sulla tecnica FMEA. La tecnica metodologica dell analisi dei rischi FMEA permette un analisi preventiva del sistema per: individuare i guasti potenziali del sistema, valutare gli effetti dell eventuale verificarsi del guasto, identificare le cause possibili, cercare ed individuare le azioni correttive da mettere in pratica. Il risultato dell analisi, documentato e valutato nel Report di Risk Assessment, consentirà di definire le attività minime di test necessarie ed inoltre, in relazione all IPR ottenuto confrontato con l IPR target. 57 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

58 RISK ANALYSIS Le tecniche più utilizzate Failure Modes and Effects Analysis ICH Q9 POTENTIAL AREAS OF USE(S) FMEA can be used to prioritize risks and monitor the effectiveness of risk control activities. FMEA can be applied to equipment and facilities, and might be used to analyze a manufacturing operation and its effect on product or process. It identifies elements/operations within the system that render it vulnerable. The output/results of FMEA can be used as a basis for design or further analysis or to guide resource deployment. 58 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

59 FMEA Failure Modes and Effects Analysis Mil STD 1629 Military Standard procedures for performing FMEA. US Department of Defense IEC (1985) Analysis technique for system reliability Procedure for failure mode and effect analysis (FMEA) SAE J 1739 (QS9000) Potential Failure Mode and Effects analysis (FMEA) Reference Manual: AIAG BS EN ISO 14971(2001) Medical Devices Application of risk management to medical devices BASELINE ISPE VOL. 5 "Commissioning and Qualification" (FMEA) GAMP 4 Guide ISPE Validation of automated systems Appendix M3 December 2001 (FMEA) ICH Q9: Quality risk management 59 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

60 FMEA L analisi dei pericoli Che cosa succede al sistema se...? PERICOLI: malfunzionamenti del sistema Si può manifestare il pericolo in questa parte del sistema? In che modo? Quali sono le CAUSE? Qual è l EFFETTO sul sistema/processo? Quali AZIONI PREVENTIVE potrebbero ridurre l effetto o eliminare il pericolo? Tali azioni sono già previste all interno della gestione del sistema? (SI= Precauzioni NO= Raccomandazioni ) 60 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

61 FMEA Valutazione dei parametri Severità: il team valuterà la gravità dell effetto provocato dalla manifestazione di ogni pericolo sulla qualità del prodotto. Probabilità: il team multidisciplinare valuterà, utilizzando come base di riferimento sia l esperienza che la configurazione dell impianto, le possibilità che un evento accada, anche sulla base della frequenza d uso dell utility caratterizzando la probabilità con due componenti distinte: la frequenza di utilizzo e la probabilità tecnologica. Rilevabilità: il team valuterà la capacità del sistema di rilevare e registrare prontamente la manifestazione del pericolo quindi considererà la strumentazione di misura presente, la possibilità di eseguire controlli in process e le attività di manutenzione preventiva. 61 Workshop AFI, 13 Giugno 2007

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE!

IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE! !!! CFR21 PART 11! IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE! APPLICATO AI SISTEMI! DI MONITORAGGIO IN CONTINUO Gianni Andreucci Origini CFR21 PART 11 Nel marzo del 1997 l FDA

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Guida alle attività di convalida dei processi nei Servizi Trasfusionali e nelle Unità di Raccolta del sangue e degli emocomponenti

Guida alle attività di convalida dei processi nei Servizi Trasfusionali e nelle Unità di Raccolta del sangue e degli emocomponenti Guida alle attività di convalida dei processi nei Servizi Trasfusionali e nelle Unità di Raccolta del sangue e degli emocomponenti A cura di Ivana Menichini, Monica Lanzoni, Giancarlo M. Liumbruno, Giulio

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli