Processi di cambiamento concettuale e di appropriazione Esempi di analisi qualitative in studi sull insegnamento/apprendimento della relatività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Processi di cambiamento concettuale e di appropriazione Esempi di analisi qualitative in studi sull insegnamento/apprendimento della relatività"

Transcript

1 Processi di cambiamento concettuale e di appropriazione Esempi di analisi qualitative in studi sull insegnamento/apprendimento della relatività Olivia Levrini Dipartimento di Fisica Università di Bologna

2 Obiettivo: presentare due studi recenti Levrini O., disessa A.A. (2008), How Students Learn from Multiple Contexts and Definitions: Proper Time as a Coordination Class, Physical Review Special Topics - Physics Education Research, 4, De Ambrosis A., Levrini O., (2010), How physics teachers approach innovation: An empirical study for reconstructing the appropriation path in the case of special relativity, Physical Review Special Topics - Physics Education Research, 6, collocandoli in un quadro che mostri: -alcuni tratti del modello di ricostruzione didattica che stiamo elaborando; -alcuni aspetti che caratterizzano metodologicamente gli studi; -alcuni esempi di risultati di ricerca che vanno oltre l ambito specifico (SR).

3 Il problema da cui tutto ebbe origine Nei libri di testo di scuola secondaria, passando dalla fisica classica alla fisica moderna: Più il gioco di fa duro, più la trattazione si fa semplice: - Da argomentazioni articolate ad una collezione di nozioni; - Evidenza di incoerenze.

4 I contenitori spazio-temporali sono stati eliminati dalla fisica? La relatività ristretta come la teoria che ha permesso di eliminare dalla fisica spazio e tempo assoluti (oggetti reali, contenitori sostanziali) vs. La relatività generale solitamente divulgata con immagini di un contenitore spazio-(temporale) così reale da essere curvato dalla materia

5 Ipotesi sull ORIGINE dell inconsistenza: - ogni teoria è presentata didatticamente scegliendo UNA e UNA SOLA interpretazione; - la scelta dell interpretazione si basa spesso su criteri impliciti (tra i quali senso di familiarità, senso di semplicità, principio di autorità, pseudo-storie ); Ipotesi sulla PERMANENZA dell inconsistenza: - sua invisibilità (solo ponendosi certe domande meta-, inter- o intra-disciplinari essa diventa visibile).

6 Scelta di soluzione dell inconsistenza: mostrare e argomentare la plausibilità, le peculiarità e la significatività di due possibili interpretazioni sia della RR sia della RG circa il contributo della relatività al dibattito sui concetti di spazio e tempo in fisica.

7 Il dibattito tra sostanzialismo e relazionismo Spazio e tempo intesi come oggetti fisici dotati di sostanzialità (contenitori) SPAZIO E TEMPO SOSTANZIALI Spazio e tempo intesi come costruzione della mente umana per capire il mondo naturale (insieme di relazioni formali) SPAZIO E TEMPO RELAZIONALI Epicuro, Lucrezio Newton Minkowski Wheeler Aristotele Cartesio, Leibniz, Mach Einstein-Poincaré Weinberg, Sciama

8 Motivazioni della scelta (criteri di ricostruzione didattica) Il percorso avrebbe consentito di: - Imparare la fisica (piano concettuale) - Imparare sulla fisica (piano epistemologico) - Imparare dalla fisica (piano cognitivo)

9 Il percorso avrebbe consentito di: Piano disciplinare: - affrontare temi e problemi di fisica del Novecento a partire da una ri-costruzione moderna dei contenuti di fisica classica; - affrontare i concetti base di relatività, privilegiando la qualità rispetto alla quantità (un insegnamento per nuclei fondanti).

10 Piano epistemologico ( messa in cultura ): - ancorare, in modo problematico, la trattazione disciplinare a domande primarie di conoscenza (fisica come filosofia naturale ): quale è il contributo della relatività al dibattito sui concetti di spazio e tempo in fisica? - analizzare la dinamica di un dibattito scientifico, ovvero la coesistenza di: - un nocciolo oggettivo della conoscenza (i vincoli); - spazi di negoziazione giocabili sulla base di assunti soggettivi e della propria visione del mondo e della fisica (la creatività).

11 Piano cognitivo-didattico: - aprire uno spazio di possibilità (corridoio): creare un ambiente di apprendimento in cui ciascuno studente fosse messo nelle condizioni di costruire un proprio percorso individuale di crescita culturale, cognitiva ed emotiva, seppur rispettoso del sapere consolidato (traiettoria).

12 Da un punto di vista metodologico: Analisi della letteratura di ricerca sui fondamenti, storia e filosofia della fisica dello spaziotempo Analisi della letteratura di ricerca in didattica della fisica per individuare una prospettiva didattica e operare una ri-costruzione disciplinare del dibattito per valorizzarne la significatività culturale e l efficacia cognitiva e didattica

13 La sfida: Entrare nella disciplina e nei dibattiti sui fondamenti, storia e filosofia...

14 ..e trasformarli in un territorio propriamente complesso, culturalmente significativo per gli studenti ma anche intelligibile e percorribile

15 Making things easy but not easier (A. Einstein): - evitare complicazioni inutili, ma anche... - evitare, il più possibile, approcci falsamente semplificanti (approcci che impongono una revisione dei concetti acquisiti non appena li si voglia approfondire o approcci che sottovalutano le potenzialità degli studenti); - valorizzare alcune forme di complessità produttiva (complessità che rendono un ambiente di apprendimento ricco abbastanza da favorire la comprensione dei contenuti e da valorizzare il potenziale cognitivo di ciascuno studente e dei diversi stili d apprendimento).

16 Forme di complessità produttiva sotto studio (1) Un approccio pluri-prospettico analisi degli stessi contenuti (fenomenologie) da diverse prospettive; (2) Un approccio pluri-dimensionale analisi e confronto delle diverse prospettive condotti su diversi piani: per le loro implicazioni concettuali, sperimentali, formali, ma anche per le loro peculiarità epistemologiche; (3) Un approccio longitudinale (PRIN F21, Coordinatore: P. Guidoni) l insegnamento/apprendimento della fisica moderna come ampliamento, revisione, ri-organizzazione dei fondamenti della fisica classica, sottolineando continuità e discontinuità dei diversi paradigmi esplicativi.

17 Peculiarità del percorso sulla RR Fuoco sul confronto tra la prospettiva operazionista di Einstein e quella geometrica di Minkowski Disegni di S. Guicciardi

18 «Se io dico per esempio Quel treno giunge qui alle 7, ciò equivale a dire, in pratica: Il posizionarsi della lancetta del mio orologio sul 7 e l arrivo del treno sono eventi simultanei.» Spazio e tempo come relazioni tra eventi da definire IN PRATICA, mediante regoli ed orologi

19 La prospettiva operazionista «Questo concetto [di simultaneo ] non esiste per il fisico, finché non gli sia possibile scoprire se esso sia o non sia soddisfatto in un caso reale. Ci è necessaria, quindi, una definizione di simultaneità capace di fornirci i mezzi con i quali, nel caso concreto, si possa decidere mediante l esperienza se gli eventi avvengono simultaneamente.» (Einstein, 1916, Relatività: esposizione divulgativa ) Il nuovo vincolo: c costante! (animazioni di M. Recchi, Prin FFC, Dip. Fisica, Bologna)

20 L orologio a luce In quiete In moto e il tempo proprio!

21 Son convinto che i filosofi abbiano avuto un influenza dannosa sul progresso del pensiero scientifico, trasportando certi concetti fondamentali dal dominio dell empirismo, dove essi erano sottoposti al nostro controllo, alle altezze intangibili dell a-priori. Ciò è particolarmente vero per i nostri concetti di tempo e di spazio, che i fisici sono stati obbligati dai fatti a far discendere dall Olimpo dell a-priori per adattarli e renderli servibili. (Einstein, 1922, Il significato della relatività )

22 [...] D ora innanzi, lo spazio in se stesso, e il tempo in se stesso, sono condannati a svanire come pure ombre, e solo una sorta di unione tra i due conserverà una realtà indipendente (Spazio e tempo,1908)

23 La prospettiva geometrica Il cuore della teoria: L unificazione geometrica di spazio e tempo imposta dall esistenza in natura di una velocità limite e invariante L invarianza dell intervallo spaziotemporale "s 2 = c 2 ("t) 2 # ("x) 2 Da due contenitori separati ad un unico! contenitore spaziotemporale

24 L invarianza del quadrintervallo S S v S V h cδt 1 cδt 2 E R Δt 0 = 2h/c E Δx 1 R E Δx 2 R S 0 S 1 S 2 (Δt 0 ) (Δt 1 Δx 1 ) (Δt 2 Δx 2 ) =! t1 "! x1 c =! t 2 " x 2 / c! t! La distanza spazio-temporale INVARIANTE tra due eventi E e R: S ER = c! t "! x 2

25 La relatività ristretta come il trionfo dell assoluto Dall invarianza dell intervallo spaziotemporale S ER = c! t "! x 2 al Postulato del mondo assoluto [...] il termine postulato di relatività, se ci si riferisce alla richiesta di invarianza rispetto al gruppo G c, mi sembra forzato, [...] preferisco chiamarlo il postulato del mondo assoluto (o, brevemente, postulato del mondo).

26 Spazio e tempo come proiezioni (ombre) di un entità spazio-temporale ct ct B cδt 1 cδt 2 A d x Δx 2 Δx 1 x d 2 = c 2 Δt Δx 1 2 = c 2 Δt Δx 2 2

27 La critica all enfasi posta da Einstein agli effetti relativistici: Il residuo newtoniano di guardare a spazio e tempo come a due enti separati Siamo costretti ad ammettere che solo in quattro dimensioni le relazioni fisiche rivelano la loro essenza in piena semplicità e che in uno spazio tridimensionale esse lasciano solo una complicata proiezione.

28 La contingenza Il contesto Il tirocinio di due studenti della SSIS (totale 18 ore, Marzo-Aprile 2001) riguardante un corso di approfondimento, facoltativo, pomeridiano per studenti di V liceo Scientifico. Il campione 12 studenti di V Liceo Scientifico ( N. Copernico Bologna) che già avevano seguito un Percorso di Relatività elaborato dall insegnante a partire dal testo di E. Fabri Per un insegnamento moderno della Relatività (1989). Sorgenti dati transcript delle lezioni degli specializzandi note scritte di ricercatori e insegnanti tutor elaborati degli studenti transcript delle interviste individuali degli studenti condotte dagli specializzandi

29 Obiettivi generali Tramite la storia e l epistemologia, mostrare le teorie fisiche come prodotto culturale di una determinata situazione storica, sociale e culturale. Mostrare diverse possibili interpretazioni dello stesso formalismo matematico date da scienziati differenti, in direzione di un immagine di fisica come dibattito aperto e attuale, e un immagine di conoscenza fisica come costruzione sociale fatta dai membri della comunità scientifica. Fornire agli studenti spazi e momenti per riflettere sulla fisica e le sue teorie; sollecitare una riflessione sulle conoscenze di senso comune e le proprie visioni del mondo, alla luce delle interpretazioni accreditate delle teorie fisiche. Dal progetto di tirocinio di Bonazzi e del Pennino, SSIS, Indirizzo FIM, Bologna, 2001

30 Percorso realizzato in classe Genesi della relatività ristretta: lettura di brani tratti dal testo di Holton e discussione sul ruolo dell esperimento di Michelson e Morley nella nascita della Relatività Ristretta (rapporto teoriaesperimento; l esperimento cruciale; il ruolo dell induzione, ecc.). Presentazione e analisi di brani tratti dall articolo di Einstein del 1905: le definizioni operative di simultaneità e di tempo. Confronto con la definizione di Newton di tempo. Discussione sul concetto di spazio: analisi comparativa di brani tratti da Newton, Einstein e Minkowski. Il concetto di tempo proprio: il dibattito Einstein-Minkowski come chiave per affrontare alcuni problemi emersi durante un compito in classe e rafforzare l idea dell unificazione tra spazio e tempo Il principio di relatività: analisi delle possibili formulazioni. Il problema della sua generalizzazione. Analisi di brani dai libri divulgativi di Sciama e Wheeler. Discussione sulle possibili interpretazioni del principio di equivalenza e del ruolo dell esperimento mentale dell ascensore. Presentazione delle principali evidenze sperimentali a sostegno della validità della Relatività Ristretta e Generale. Compito scritto Interviste individuali.

31 Problema: Le difficoltà degli studenti nella comprensione del concetto di tempo proprio L esercizio (da Halliday, Resnick, Walker, Fondamenti di fisica, Zanichelli) Sei di fianco ai binari di una ferrovia e un treno ti passa davanti a velocità costante; dentro il treno uno sperimentatore invia un impulso di luce laser dal fronte (punto A) verso il retro di un vagone (punto B). Per lo sperimentatore la misura del tempo di percorrenza è un tempo proprio? Motiva la risposta

32 Definizione di intervallo di tempo proprio del testo Se, rispetto a un certo sistema di riferimento, due eventi accadono nello stesso luogo (SIC!), chiamiamo intervallo di tempo proprio l intervallo di tempo misurato in quel particolare sistema di riferimento Risposte della maggioranza degli studenti Sì, lo sperimentatore misura un tempo proprio perché si trova nello stesso sistema di riferimento del raggio laser

33 Un episodio di classe interessante confronto di una pluralità di definizioni e proprietà del concetto L'intervallo di tempo tra due eventi misurato nel sistema di riferimento in cui i due eventi avvengono nella stessa posizione (misurabile con un solo orologio) (prospettiva operazionista) La lunghezza invariante di una distanza spaziotemporale (prospettiva geometrica) Evidenza progressiva costruzione di senso, grazie alla molteplicità dei contesti e alla riflessione epistemologica e senso finale di soddisfazione collettiva: ma cosa è successo e perché?

34 I studio Il modello delle classi di coordinazione (A. disessa)*: Interpretazione teorica del perché il confronto tra diverse prospettive favorisca una comprensione profonda *Levrini O., disessa A.A. (2008), How Students Learn from Multiple Contexts and Definitions: Proper Time as a Coordination Class, Phys Rev.ST-PER, 4,

35 Elementi di (mio) interesse per la teoria delle classi di coordinazione: - esempio di Humble Theory costruita in coerenza con i Design Studies; - esempio di teoria che mi sembrava bella : * misteriosa, intrinsecamente parziale e aperta (U. Eco); * complessa (la sua comprensione impone che la si usi : le sue idee di base non pre-esistono alla loro applicazione); * drammaticamente sul pezzo.

36 Design Studies o Design Experiments - L orientamento teorico: Design studies are conducted to develop theories, not merely to empirically tune what works. * - Il carattere humble (o local ) delle teorie: Unlike grand theories or orienting frameworks, they [the theories] aim at being specific enough [humble] to do real work for improving instructional design *; - Enfasi sulle analisi qualitative (enfasi sui processi); - Un design iterativo (la crucialità della retroazione). * Cobb, P., Confrey, J., disessa A., Lehrer, R., Schauble, L. (2003). Design Experiments in Educational Research, Educational Researcher, 32 (1), 9-13.

37 In order to pursue this intimate relationship between developing theory and improving instruction, the Design Studies indicates that, in collecting and analyzing data, what works must be underpinned by a concern for how, when and why it works, and by a detailed specification of what, exactly, it is (Cobb et al, 2003).

38 da Ontological innovation and the role of theory in design experiments (disessa, Cobb, 2004) Being in the forest Although the state of the art constantly changes, it is often difficult to tell the progress is being made. [ ] In our view the apparent complexity and messiness of human action and learning in these settings indicate our collective limited theoretical sophistication.

39 Theories in Science Theories have always displayed a principal part of the power and elegance of science. They embody generalization, bringing order to a vast array of seemingly disparate phenomena that come to be seen as special cases of some theory. They encapsulates the most secure of our knowledge claims at any stage of scientific advance. They enable us to discriminate between relations that are necessary and those that are contingent. They delineate classes of phenomena that are worthy of inquiry and specify how to look and what to see in order to understand them. [ ] epigrammatically, teaching us how to see

40 Grand theories, for example Piaget s theory of intellectual development or Skinner s behaviourist theory of learning Orienting frameworks, for example constructivist theory or cultural-historical theory (they identify family resemblances and perhaps core values) Frameworks for action refer to more or less general prescriptions of pedagogical strategies. They provide some focus and direction to the design of learning environments, an they are often effective heuristics. Humble (or Local) theories or ontological innovations, they provide new lenses for making sense of what is happening in the complex, more-or-less real world instructional setting in which the design study is conducted.

41 Il modello (Humble theory) delle classi di coordinazione Una classe di coordinazione è un modello di un particolare tipo di concetto. La teoria delle classi di coordinazione è coerente con una prospettiva per cui la conoscenza è un sistema complesso: concepts are large and intricately organized systems, which effectively coordinate activation and use of many specific elements according to context. Learning a concept is seen as a process of recruiting and coordinating a large number of elements in many ways.

42 Avere un concetto: Architettura di una classe di coordinazione ben formata: - readout strategies: the ways in which people focus their attention and read out any related information from the real world ; - the causal net (o inferential net): the total set of inferences one can use to turn related information readouts into the particular information at issue. Banalmente: F=ma

43 Principali difficoltà nella costruzione di una classe di coordinazione: 1) Il problema dello span: having adequate conceptual resources to operate the concept across a wide range of contexts in which it is applicable. 2) Il problema dell alignment: being able to determine the same concept-characteristic information across diverse circumstances. La conoscenza particolare utilizzata in specifiche applicazioni del concetto è chiamata concept projection.

44 La teoria in azione analisi del transcript della discussione avvenuta in classe

45 Come gli studenti coordinano le conoscenze per dare significato al concetto di tempo proprio La coordinazione degli studenti Inizio della discussione Stadio intermedio Fine della discussione 3 fasi Le scelte didattiche Definizione di tempo proprio mediante l OaL e seguendo un percorso geometrico (insegnante di classe) Introduzione di nuovi elementi (specializzando) Collocazione della discussione entro il dibattito tra Einstein e Minkowski (specializzando)

46 Inizio della discussione Marco: Elis: Il tempo proprio di qualcosa è il tempo misurato nello stesso sistema di riferimento o in un sistema di riferimento in quiete rispetto a quel qualcosa. [ ] Ad esempio questo raggio laser..[ ] il tempo proprio è il tempo calcolato nello stesso SdR dell oggetto, del raggio laser di ciò di cui si vuol calcolare il tempo cioè l evento. [ ] Noi abbiamo definito il tempo proprio partendo da un orologio a luce che si muoveva. E abbiamo definito il tempo proprio abbiamo trovato una relazione che era Δτ=Δt 1-β 2 [SIC!]. [ ] E da lì si trovava il tempo proprio perché era nel SdR dell orologio..

47 La complessità dell ambiente di apprendimento: Pluralità di contesti e di definizioni Contesto 1: L esercizio Contesto 2: L esperimento mentale dell orologio a luce Definizione di tempo proprio Marco: il tempo proprio di qualcosa è il tempo misurato nello stesso sistema di riferimento o in un sistema di riferimento in quiete rispetto a quel qualcosa. [ ] Ad esempio questo raggio laser..[ ] il tempo proprio è il tempo calcolato nello stesso sdr dell oggetto, del raggio laser di ciò di cui si vuol calcolare il tempo cioè l evento. [ ] Elis: Noi abbiamo definito il tempo proprio partendo da un orologio a luce che si muoveva. E abbiamo definito il tempo proprio abbiamo trovato una relazione che era Δτ=Δt 1-β 2 [SIC!]. [ ] E da lì si trovava il tempo proprio perché era nel SdR dell orologio.. Readout strategies e causal nets Dalla definizione a una readout strategy: per coordinare il tempo proprio, trova il giusto riferimento e poi misura il tempo in quel riferimento La definizione fornisce un metodo per vedere il tempo proprio nell esperimento mentale dell orologio a luce (contesto 2). Nell esercizio (contesto 1) le readout strategies fornite dalla definizione sono ambigue perché manca l oggetto di riferimento. Difficoltà degli studenti: span e alignment La descrizione in termini di oggetto, presupposta dalla definizione, ha uno span limitato (non permette di vedere nel caso in cui non ci sia un oggetto fisico di riferimento, ma solo due eventi ). La descrizione in termini di oggetti implica la persistenza di inferenze ontologiche classiche che la descrizione relativistica richiede siano spostate (displaced).

48 Nuovi elementi introdotti dallo specializzando (I) (1/2) Definizione 2 introdotta dall insegnante: Tempo proprio come l intervallo misurato tra due eventi che avvengono nella stessa posizione. Lorenzo: Il tempo proprio là [nell orologio a luce, contesto 2] sarà definito come il tempo tra due fenomeni che avvengono nella stessa coordinata spaziale. Qua i due fenomeni erano l andata e il ritorno. Qui [nell esercizio, contesto 1] c è solo l andata. Non c è il ritorno. [Lorenzo: Se Δτ è sempre γδt, esiste per forza.]

49 La complessità dell ambiente di apprendimento: Pluralità di contesti e di definizioni Definizione 2 introdotta dall insegnante (I): Tempo proprio come l intervallo misurato tra due eventi che avvengono nella stessa posizione. Lorenzo: Il tempo proprio là [nell orologio a luce, contesto 2] sarà definito come il tempo tra due fenomeni che avvengono nella stessa coordinata spaziale. Qua i due fenomeni erano l andata e il ritorno. Qui [nell esercizio, contesto 1] c è solo l andata. Non c è il ritorno. [Lorenzo: Se Δτ è sempre γδt, esiste per forza.] Readout strategies e causal nets Dalla definizione a una nuova readout strategy: Per coordinare il tempo proprio, trova l appropriata coppia di eventi, poi misura il tempo in quel sistema di riferimento. Difficoltà degli studenti: span e alignment Lorenzo non riesce a vedere nel contesto 1 la coppia rilevante di eventi che avvengono nella stessa posizione (mancanza di span nella definizione). La mancanza di span rende impossibile l alignment delle due definizioni (non sono viste da Lorenzo come due proiezioni dello stesso concetto).

50 Nuovi elementi introdotti dallo specializzando (I) (2/2) Contesto 3: Una palla/particella lanciata orizzontalmente sul treno I: Supponiamo che adesso, invece di avere un raggio di luce, abbiamo una particella che si muove con una certa velocità minore della velocità della luce rispetto a questo sistema di riferimento e in questa direzione. Allora, per calcolarmi il tempo proprio tra A e B, come potrei fare? Marco: Dovrei essere a cavallo della particella. I: Perché? Marco: La coordinata spaziale è fissa a cavallo della particella.

51 La complessità dell ambiente di apprendimento: Pluralità di contesti e di definizioni Contesto 3: Una palla lanciata orizzontalmente sul treno [ ] Marco: Dovrei essere a cavallo della particella. I: Perché? Marco: la coordinata spaziale è fissa a cavallo della particella. Lorenzo: Come faccio qua a mettermi in un SdR in cui misuro un tempo proprio? Luca: Non c è. Lorenzo: Dunque per questo qui non esiste un tempo proprio. Ma se il tempo proprio è uguale a γδt Readout strategies e causal nets Gli studenti traducono la condizione avvenire nella stessa posizione nell idea più intuitiva di essere sulla palla. Difficoltà degli studenti: span e alignment Il nuovo contesto (contesto 3) permette agli studenti di dare senso alla definizione di tempo proprio; la definizione funziona (genera una proiezione del concetto) per la palla che si muove orizzontalmente... MA non funziona per l esercizio (ancora mancanza di alignment)

52 La complessità dell ambiente di apprendimento: Pluralità di contesti e di definizioni Readout strategies e causal nets Difficoltà degli studenti: span e alignment Lorenzo: Come faccio qua a mettermi in un SdR in cui misuro un tempo proprio? Luca: Non c è. Lorenzo: Dunque per questo qui non esiste un tempo proprio. Ma se il tempo proprio è uguale a γδt Marco S. Viene zero, in questo caso, perché v=c! Lorenzo. Quindi il tempo proprio è uguale a zero, non è che non esiste! Mentre il tempo proprio esiste, anche se vale zero, il sistema di riferimento limite, nelle loro parole, non esiste. Gli studenti sono in grado di concludere che la seconda definizione di tempo proprio (data dall insegnante) funziona nei contesti 2 e 3: è coerente sia con la loro definizione originale essere a riposo con.. sia con la loro definizione più intuitiva essere a cavallo di.. Inoltre, la definizione dell insegnante permette si allineare il contesto dell esercizio (contesto 1) come un caso limite.

53 Due situazioni: B A=B A essere a riposo con l orologio essere sulla palla l intervallo di tempo tra due eventi che avvengono nella stessa posizione (o sul raggio di luce )

54 Alla fine della discussione: la messa in prospettiva del caso limite I: allora [tornando all esercizio ] secondo voi, Einstein cosa avrebbe risposto? [Quanto vale il tempo proprio]? Tutti: non esiste! Non si può misurare I: e Minkowski? Luca: Zero! lui avrebbe preso il concetto matematico come base di partenza per le sue deduzioni. Come fondamento.. Articulated alignment

55 Prima conclusione: L analisi del processo 1/3 Evidenza macroscopica: Progresso come cambiamento prospettiva da un modo di guardare in termini di fenomeni a un modo di guardare in termini di eventi da tempo proprio come caratteristica di un dato fenomeno a tempo proprio come caratteristica di una relazione tra eventi

56 Prima conclusione: L analisi del processo 2/3 Progresso come cambiamento prospettiva da un modo di guardare in termini di fenomeni a un modo di guardare in termini di eventi : Ulteriore conferma di un risultato già noto Posner G. J., Strike K.A., Hewson P.W., Gerzog W.A. (1982). Accommodation of a Scientific Conception: Toward a Theory of Conceptual Change. Sci. Educ., 66, 2, Hewson P.W. (1982). A case study of conceptual change in Special Relativity. The influence of prior knowledge in learning. Eur. J. Sci. Educ., 4(61), Scherr R. E., Shaffer P. S., & Vokos S. (2002). The challenge of changing deeply held student beliefs about relativity of simultaneity. Am. J. Phys., 70(12),

57 Prima conclusione: L analisi del processo 3/3 Nel linguaggio delle coordination class, il cambiamento è un processo cognitivo modellizzabile come quel processo che: i) porta a identificare gli eventi spazio-temporali come fuochi privilegiati d attenzione per ogni inferenza importante, ovvero per utilizzare in modo preferenziale una particolare classe di readout strategies al fine di estrarre informazioni da un contesto (quali eventi) e per inferire l informazione importante (quali relazioni spaziotemporali esistono tra gli eventi); ii) implica lo spostamento (displacement) di assunti ontologici persistenti sulla lunghezza degli oggetti e la durata di un fenomeni; iii) porta alla fattorizzazione dello spazio delle possibili proiezioni del concetto (le conoscenze particolari utilizzate nell applicazione del concetto in diverse situazioni).

58 Seconda conclusione: Implicazioni per l insegnamento - l analisi ha fornito una base teorica per spiegare perché, quando e come il confronto tra diverse prospettive interpretative favorisca una comprensione profonda di un concetto: La possibilità di collocare una pluralità di proiezioni concettuali in un quadro storicoepistemologico multi-prospettico ha stimolato gli studenti a confrontarsi consapevolmente coi problemi di span e alignment. - la fattorizzazione delle classi di proiezioni può aiutare un insegnante ad organizzare il lavoro cognitivo implicato in un processo di cambiamento concettuale.

59 Terza conclusione: l intreccio dati-teoria I dati hanno rappresentato un contesto ricco nel quale la teoria è stata profondamente: Controllata nella sua applicabilità: si è affinata la comprensione di quando e come la teoria si applica (il tempo proprio è un concetto modellizzabile come classe di coordinazione); Testata: le previsioni e le aspettative della teoria sono state, in questo contesto, confermate (span e alignment); Controllata nella sua efficacia (potere esplicativo): la teoria ha permesso di vedere aspetti non visti nei dati e di spiegare alcuni vantaggi e svantaggi di varie strategie didattiche; Raffinata ed estesa: è stato scoperto l articulated alignment.

60 II studio* Il processo di appropriazione da parte degli insegnanti di proposte innovative di relatività *De Ambrosis A., Levrini O., (2010), How physics teachers approach innovation: An empirical study for reconstructing the appropriation path in the case of special relativity, Physical Review Special Topics - Physics Education Research, 6,

61 Contesto: Master IDIFO e la scelta di Anna De Ambrosis e mia di collaborare al Modulo di relatività a cui hanno partecipato 20 insegnanti di matematica e fisica

62 Il gruppo di insegnanti - 1 insegnante non aveva mai studiato relatività nel corso del suo iter di formazione universitaria e le sue conoscenze derivavano da una lettura personale di libri di testo di scuola secondaria superiore; - 1 insegnante aveva studiato relatività soltanto nell ambito di un insegnamento della Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario; - 7 insegnanti avevano seguito un insegnamento di relatività a livello universitario; - tutti gli altri insegnanti avevano studiato relatività a livello universitario nell ambito di insegnamenti di base e/o non specifici di relatività (ad esempio, Fisica Generale, Meccanica Razionale o Istituzioni di Fisica Teorica).

63 DAL MASTER IDIFO (direttore: M. Michelini) Modulo di relatività A B C Concetti fondanti per un percorso di base di relatività Ricostruire la relatività in prospettiva didattica: la proposta di Taylor e Wheeler Le interpretazioni di Einstein e Minkowski a co nfronto e le attuali proposte didattiche (materiali originali) Laboratorio di didattica sulla proposta di relatività ripercorrere e approfondire le conoscenze di base di relatività in prospettiva d insegnamento; riconoscere le peculiarità della proposta di Taylor & Wheeler. analizzare e discutere le radici storiche delle principali proposte didattiche; riflettere sulle implicazioni epistemologiche di alcune scelte didattiche; analizzare articoli di ricerca sulle difficoltà degli studenti nello studio della relatività approfondire temi emersi come rilevanti ai fini di una progettazione di percorsi.

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri

F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri AIF F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri Breve raccolta antologica di risposte fornite da scienziati famosi e da esperti in didattica della fisica

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DI MATEMATICA

FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DI MATEMATICA Relazione al XVII Congresso U.M.I., Milano 2003 FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DI MATEMATICA Mario Ferrari Pavia Introduzione Intendo esporre alcune riflessioni sulla formazione iniziale degli insegnanti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli