Development and Application of Objective Uncertainty Measures for Nuclear Power Plant Transient Analysis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Development and Application of Objective Uncertainty Measures for Nuclear Power Plant Transient Analysis"

Transcript

1 Development and Application of Objective Uncertainty Measures for Nuclear Power Plant Transient Analysis THÈSE N O 3897 (2007) PRÉSENTÉE le 12 octobre 2007 À LA FACULTÉ DES SCIENCES DE BASE Laboratoire de physique des réacteurs et de comportement des systèmes PROGRAMME DOCTORAL EN ENERGIE ÉCOLE POLYTECHNIQUE FÉDÉRALE DE LAUSANNE POUR L'OBTENTION DU GRADE DE DOCTEUR ÈS SCIENCES PAR Paolo Vinai laurea di dottore in ingegneria nucleare, Politecnico di Torino, Italie et de nationalité italienne acceptée sur proposition du jury: Prof. M. Q. Tran, président du jury Prof. R. Chawla, directeur de thèse Dr H. Glaeser, rapporteur Dr P.-A. Haldi, rapporteur Prof. R. Macián-Juan, rapporteur Suisse 2007

2 Abstract For the development, design and licensing of a nuclear power plant (NPP), a sound safety analysis is necessary to study the diverse physical phenomena involved in the system behaviour under a wide range of operational and transient conditions. Such studies are based on detailed computer simulations, backed by appropriate experimental information where available. With the progresses achieved in computer technology and the greater availability of experimental and plant data, the use of so-called best estimate codes for safety evaluations has been gaining increasing acceptance in the nuclear community (i.e. among regulators, policy makers and utilities). These codes predict the physical response of a NPP to a postulated (or real) transient event by using a physically more realistic, and hence less conservative, description of the system. The application of best estimate safety analysis has opened new prospects but also raised new problems that need to be addressed. Thus, it has become more crucial to assess as to how reliable code predictions are, especially when, for example, they need to be compared against safety limits that must not be crossed. It hence becomes necessary to identify and quantify the various possible sources of uncertainty that could affect the reliability of the results. Currently, such uncertainty evaluations are generally based on experts opinion, although, when data are available, analytical methods based on parametric statistics can also be employed. In the present doctoral research, a novel methodology based on a non-parametric statistical approach has been developed for objective quantification of one of the most demanding contributors to best-estimate code uncertainties, viz. that related to the physical models which the code uses. The basis is an evaluation of the accuracy of a given physical model achieved by comparing its predictions with experimental data from an appropriate set of separate-effect tests. The discrepancies, i.e. the differences between measurements and predictions, can be considered stochastically distributed for several reasons, and thus a statistical approach can be employed. The first step which has been taken is the development of a procedure for investigating the dependence of a given physical model s accuracy on the experimental conditions. Each separate-effect test effectively provides a random sample of discrepancies between measurements and predictions, corresponding to a location in the state space defined by a certain number of independent system variables. As a consequence, the samples of errors, achieved from analysis of the entire database, are associated to various individual points over the state space. By applying a novel multi-dimensional clustering technique, based on the non-parametric statistical Kruskal-Wallis test, it has been possible to achieve a partitioning of the state space into regions differing in terms of the quality of the physical model s predictions. The second step has been a proper quantification of the model s uncertainty, for each of the identified state space regions, by applying a newly developed, probability density function (pdf) estimator. This is a kernel-type estimator, modeled on a universal orthogonal series estimator, such that its behavior takes advantage of the good features of both estimator types and yields reasonable pdfs, even with samples of small size and not very compact distributions (as is usually the case for experimental assessment studies). The pdfs, estimated in this manner, provide a reliable basis for sampling error values for use in Monte-Carlotype uncertainty propagation studies, aimed at quantifying the impact of the physical model s uncertainty on the code s output variables of interest.

3 The effectiveness of the currently developed methodology has been demonstrated by applying it to the quantification of the uncertainty related to thermal-hydraulic (drift-flux) models implemented in the best-estimate safety analysis code RETRAN-3D. This has been done via the usage of a wide database of void-fraction experiments for saturated and subcooled conditions. Appropriate pdfs were thereby generated for quantification of the physical model s uncertainty in a 2-dimensional (pressure/mass-flux) state space, partitioned into 3 separate regions. The impact of the RETRAN-3D drift-flux model uncertainties has been assessed at three different levels of the code s application, viz. to analysis of (a) Achilles Experiment No. 2, a separate effect experiment not included in the original assessment database, (b) Omega Rod Bundle Test No. 9, an integral experiment simulating a PWR loss-of-coolant accident (LOCA), and (c) the Peach Bottom (BWR) turbine trip test, a NPP (BWR) plant transient in which the void feedback mechanism plays an important role. In all three cases, it has been shown that a more detailed, realistic and accurate representation of output uncertainty can be achieved with the proposed methodology, than is possible based on an expert-opinion approach. Moreover, the importance of state space partitioning has been clearly brought out, by comparing results with those obtained assuming a single pdf for the entire database. In the context of the Omega integral test analysis, it has been demonstrated that the impact of the drift-flux model s uncertainty remains important even while introducing other representative uncertainties, viz. those on a set of relevant input parameters. Furthermore, it has been confirmed that the developed methodology well retains its advantageous features during such consideration of different uncertainty sources. The Peach Bottom turbine trip study represents a valuable demonstration of the applicability of the developed methodology to NPP transient analysis. In this specific application, the novel density estimator was also employed for estimating the pdf that underlies the uncertainty in a given output sample of interest (viz. the maximum power during the transient). The results obtained in this context have been found to provide more detailed insights than can be had from the classical approach of simply considering tolerance limits, variance values, etc. Another feature of the turbine trip analysis has been a qualitative study of the impact of possible neutronics cross-section uncertainties on the power calculation. It has been clearly shown that, although the uncertainty in void fraction predictions has an important influence on the accuracy of this coupled transient s simulation, uncertainties in neutronics parameters and models can be crucial as well. This has pointed at the need for developing an appropriate methodology for quantifying uncertainties in neutronics calculations, so that these can be aggregated with those assessed for the thermal-hydraulic phenomena during the simulation of such multi-physics transients. Keywords: Nuclear Power Plants, Safety Analysis, Best-estimate Codes, Physical Models, Thermal-hydraulics, Code Uncertainty Propagation, Uncertainty Analysis, Sensitivity Analysis, Non-parametric Statistics, Density Estimation.

4 Sommario Nelle fasi di sviluppo, progettazione e autorizzazione alla messa in funzione di un impianto nucleare, un approfondita analisi di sicurezza è necessaria al fine di studiare i diversi fenomeni fisici che caratterizzano il funzionamento di tali impianti in una ampia varietà di condizioni operative e transitorie. Tali studi sono basati su simulazioni dettagliate e supportati da informazioni sperimentali, qualora disponibili. Grazie ai progressi nel campo della tecnologia informatica e di una più grande disponibilità di dati sperimentali e impiantistici, l uso dei codici di calcolo cosiddetti best-estimate per le valutazioni di sicurezza stanno guadagnando consenso crescente nella comunità nucleare, che comprende regolatori, gestori di impianti, etc. Questi codici simulano l evoluzione del comportamento di un impianto nucleare in seguito a un evento ipotetico o reale impiegando una descrizione più realistica, e quindi meno conservativa, del sistema. L applicazione di analisi best-estimate nell ambito della sicurezza ha aperto nuove prospettive ma anche posto nuovi problemi che devono esser debitamente indirizzati. Ad esempio, è diventato cruciale valutare quanto sono affidabili le simulazioni, in particolar modo, quando vengono confrontate con criteri di sicurezza che non devono esser violati. Pertanto, diventa necessario identificare e quantificare tutte le varie fonti di incertezza che possono influenzare l attendibilità dei risultati. Queste valutazioni dell incertezze sono generalmente basate sulle considerazioni di esperti e, quando i dati lo permettono, possono venire usati metodi analitici e parametrico-statistici. Nella presente ricerca di dottorato, una nuova metodologia, basata su un approccio statistico non-parametrico, è stata sviluppata per quantificare in modo obbiettivo l incertezza dovuta ai modelli fisici utilizzati in un codice di calcolo e che rappresentano uno dei più importanti contributi all incertezza totale. Lo studio dell accuratezza di un dato modello fisico e basato sul confronto delle sue predizioni con i dati sperimentali ottenuti da un gruppo di esperimenti atti a investigare il fenomeno descritto dal suddetto modello fisico (separateeffect tests). Le discrepanze tra previsioni e misure possono esser considerate distribuite stocasticamente per diverse ragioni e pertanto può esser applicato un approccio statistico. Il primo passo è stato lo sviluppo di una procedura per studiare la dipendenza dell accuratezza di un modello fisico rispetto alle condizioni sperimentali. Per ogni esperimento si può ricavare un sample casuale costituito dalle discrepanze tra misure e previsioni, a cui corrisponde una particolare posizione nello spazio di stato definito da un certo numero di variabili indipendenti. Di conseguenza, i sample degli errori, ottenuti dall analisi dell intero database, saranno associati a diversi punti dello spazio fisico. Applicando un nuovo algoritmo multidimensionale di clustering basato sul test statistico non parametrico di Kruskal-Wallis è stato possibile dividere lo spazio di stato in regioni che differiscono per la qualità dei risultati calcolati con il modello fisico. Il secondo passo è stato quantificare propriamente le incertezze del modello per ognuna delle regioni identificate nello spazio fisico, applicando un nuovo estimatore della funzione di densità di probabilità (pdf). Questo è un cosiddetto estimatore di tipo kernel, modellato sull estimatore universale a sua volta basato su uno sviluppo in serie di Fourier (universal series orthogonal estimator), in modo tale da trarre beneficio dai vantaggi dei due differenti estimatori e stimare pdf ragionevoli anche nel caso di sample di piccole dimensioni e la cui distribuzione possa anche non esser molto compatta (come spesso accade nel caso di studi sperimentali). Le pdf cosí stimate forniscono una base affidabile per calcolare un sample di errori che, in seguito, può esser utilizzato nel contesto di un metodo Monte Carlo per la propagazione dell incertezza nel codice di calcolo, con l obbiettivo di quantificare l impatto delle incertezza del modello fisico nei risultati finali della simulazione.

5 L efficacia della metodologia sviluppata nel corso di questa ricerca è stata dimostrata applicandola per quantificare l incertezza relativa a modelli termoidraulici (modelli di driftflux) implementati nel codice RETRAN-3D usato nell analisi di sicurezza degli impianti nucleari. Questo studio è stato realizzato impiegando un vasto database di misurazioni della frazione di vuoto (void fraction) in esperimenti termoidraulici condotti in condizioni di saturazione e sotto-raffreddamento. Appropriate pdf sono quindi state generate per esprimere in termini rigorosi l incertezza del modello fisico in uno spazio di stato bidimensionale (definito dalla pressione e della portata massica per unita di superficie), diviso in tre diverse regioni. L impatto delle incertezze insite nel modello di drift-flux in RETRAN-3D è stato studiato attraverso tre diversi livelli applicativi, ovvero analizzando (a) un esperimento sulla frazione di vuoto (Achilles Experiment No. 2), (b) un esperimento integrale (Omega Rod Bundle Test No. 9) il cui scopo è stato quello di riprodurre un incidente con perdita di refrigerante (LOCA) nelle condizioni in cui opera un reattore di tipo PWR e (c) un transitorio in un impianto nucleare (Peach Bottom turbine trip) in cui il meccanismo di feedback relativo alla frazione di vuoto ha un ruolo basilare. In tutti i tre casi, è stato mostrato che una più dettagliata, realistica e accurata rappresentazione dell incertezza nei risultati può esser ottenuta con la metodologia proposta, rispetto a quella che ne puo derivare utilizzando il parere di un esperto. Inoltre, è stata messa in luce l importanza dell analisi della dipendenza dell accuratezza del modello fisico dalle condizioni del sistema, in paragone al caso in cui vengae usata l incertezza globale del modello fisico. Nel caso dell esperimento Omega Rod Bundle Test No. 9, è stato dimostrato che l impatto dell incertezza del modello di drift-flux rimane importante anche quando vengono introdotte incertezze in altri parametri rilevanti. Ulteriormente, è stato confermato che la metodologia sviluppata mantiene le sue caratteristiche vantaggiose quando altre diverse fonti di incertezza sono considerate. Lo studio sul Peach Bottom turbine trip è una valida dimostrazione dell applicabilità della metodologia nell analisi dei transitori negli impianti nucleari. In questa applicazione, il nuovo estimatore di densità è stato impiegato anche per calcolare la pdf che caratterizza la distribuzione di un dato ouput (in particolare, con questo approccio, è stato analizzato il sample per il valore massimo della potenza). I risultati conseguiti in questo contesto sono maggiormente dettagliati, a raffronto con quelli derivati da un procedura classica basata sul calcolo dei limiti di tolleranza, dei valori medi, della varianza, etc. In questa analisi, è stato anche compiuto un investigazione qualitativa dell impatto di possibili incertezze delle sezioni d urto neutroniche sul calcolo della potenza. E stato chiaramente mostrato che, benché l incertezza nel calcolo della frazione di vuoto abbia un peso importante nel grado di accuratezza con cui è determinata la potenza in questa simulazione, le incertezze dei parametri e dei modelli neutronici possono risultare ugualmente cruciali. Questo indica il bisogno di sviluppare metodologie appropriate per quantificare le incertezze di carattere neutronico cosicché possano esser aggregate con quelle di natura termoidraulica durante la simulazione di questi transitori multifisici. Parole Chiavi: Impianti Nucleari, Analisi di Sicurezza, Codici Best-estimate, Modelli Fisici, Termoidraulica, Propagazione dell Incertezza, Analisi dell Incertezza, Analisi della Sensitività, Statistica Non-parametrica, Stima della Densità.

6 CONTENTS 1 INTRODUCTION Nuclear Energy in the World Nuclear Power Plants Pressurized Water Reactors Boiling Water Reactors Fundamentals of Nuclear Safety Culture Scope and Structure of the Thesis 6 References 7 2 NUCLEAR SAFETY ANALYSIS AND UNCERTAINTY EVALUATION Safety Analysis of NPPs Normal Operation Anticipated Operational Occurrences and Design Basis Accidents Severe Accidents Deterministic Safety Analysis Probabilistic Safety Analysis Computer Codes for Safety Analysis Uncertainty Analysis Existing Uncertainty Analysis Methodologies 18 References 21 3 DEVELOPMENT OF A METHODOLOGY FOR THE QUANTIFICATION OF UNCERTAINTY IN BEST ESTIMATE CODE PHYSICAL MODELS Introduction Basic Statistical Concepts Random Variable and Sample Space Probability Density Function (pdf) Expected Value of a Random Variable Population and Sample Random Samples Confidence Interval for a Population Parameter Tolerance limits Novel Multi-dimensional Clustering Technique The Kruskal-Wallis Test Algorithm Implemented for the Kruskal-Wallis Test for State Space Clustering Non-parametric Density Estimation Non-Parametric Estimators Universal Orthogonal Series Estimator 40 Basic Theory 40 Oracle Inequalities Kernel Non-parametric Estimator Novel Density Estimator 54 References 58

7 4 UNCERTAINTY QUANTIFICATION FOR A DRIFT-FLUX MODEL AND CODE UNCERTAINTY PROPAGATION Database of Separate-effect Tests Stochastically Distributed Variable Application of the Methodology Sampling Techniques Simple Random Sampling Stratified Random Sampling Techniques to quantify the independence of the sample elements Code Uncertainty Propagation Basic Methodology Applied Selection of the Sample Size, Wilks Formula Quantification of Uncertainty Quantification of Sensitivity Drift-flux Model s Uncertainty Propagation in RETRAN-3D Summary and Conclusions 88 References 88 5 APPLICATIONS TO SEPARATE-EFFECT AND INTEGRAL TESTS Uncertainty Assessment for a Separate-effect Experiment Achilles Experiment No Results and Discussion Uncertainty Assessment for an Integral Test Re-quantification of the Drift-flux Model s Uncertainty The OMEGA Integral Test No Results and Discussion Summary and Conclusions 108 References APPLICATION OF THE CURRENT METHODOLOGY TO NPP-TRANSIENT UNCERTAINTY ANALYSIS RETRAN-3D Modeling of the Transients General Comments on Feedback Mechanisms The Peach Bottom Turbine Trip RETRAN-3D Model Description of the Transients Base Case (Turbine Trip) Extreme Case (Turbine Trip with Failure of Scram) Impact of Changes in the Cross-sections Uncertainty in the Lellouche-Zolotar Drift-flux Model Results and Discussion Base Case (Turbine Trip) Extreme Case (Turbine Trip with Failure of Scram) Summary and Conclusions 145 References 147

8 7 CONCLUSIONS AND RECOMMENDATIONS FOR FUTURE WORK Main Research Objective Summary of the Methodology Conclusions General Findings concerning the Developed Methodology Impact of Uncertainties in the RETRAN-3D Drift-flux Models Recommendations for Future Work Possible Applications to Other Areas 155 References 156 APPENDIX I: ADDITIONAL BASIC STATISTICAL CONCEPTS 159 I.1 Special Probability Density Functions 159 I.2 Non-parametric Tests 164 I.3 Density Estimation 166 References 168 APPENDIX II: STATISTICAL CODE FOR UNCERTAINTY ANALYSIS 169 II.1 Quantification of Input Uncertainty 169 II.2 Output Analysis 175 Reference 178 APPENDIX III: RETRAN-3D MODIFICATIONS 179 III.1 RETRAN-3D 179 III.2 The Slip Velocity Models 180 III.3 Modifications of RETRAN-3D for Uncertainty Code Propagation 188 References 194 APPENDIX IV: COMPARISON BETWEEN THE TWO DRIFT-FLUX MODELS 195 IV.1 Global Comparison 195 IV.2 Comparison with State Space Analysis 196 References 199 APPENDIX V: STATISTICAL ANALYSIS OF THE PERFORMANCES OF THE CHF CORRELATIONS IN TRACE 201 V.1 Critical Heat Flux Correlations 201 V.2 Assessment Database 203 V.3 Stochastically Distributed Variable 207 V.4 Results and Discussion 207 V.5 Conclusions 228 References 229 ACKNOWLEDGEMENTS 231 CURRICULUM VITAE 233

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Performance Evaluation of a Crystal-Enhanced Collimation System for the LHC

Performance Evaluation of a Crystal-Enhanced Collimation System for the LHC Performance Evaluation of a Crystal-Enhanced Collimation System for the LHC THÈSE N O 4794 (2010) PRÉSENTÉE LE 7 OCTOBRE 2010 À LA FACULTÉ SCIENCES DE BASE LABORATOIRE DE PHYSIQUE DES ACCÉLÉRATEURS DE

Dettagli

Design of Thermal Management Control Policies for Multiprocessors Systems on Chip

Design of Thermal Management Control Policies for Multiprocessors Systems on Chip Design of Thermal Management Control Policies for Multiprocessors Systems on Chip THÈSE N O 5253 (2011) PRÉSENTÉE LE 19 DÉCEMBRE 2011 À LA FACULTÉ INFORMATIQUE ET COMMUNICATIONS LABORATOIRE DES SYSTÈMES

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi in collaborazione con Datamat-Ingegneria dei Sistemi s.p.a. YIELD MANAGEMENT

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio. I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione di uno Sportello energia provinciale

WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio. I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione di uno Sportello energia provinciale Paving the way for self sufficient regional Energy supply based on sustainable concepts and renewable energy sources WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione

Dettagli

Impianti Geotermici ed Economia del Paesaggio: il caso della Val d Elsa

Impianti Geotermici ed Economia del Paesaggio: il caso della Val d Elsa Roberto D Autilia www.formulas.it, Laboratorio di Mathematica Facoltà di Architettura, Università di Roma3 dautilia@gmail.com Impianti Geotermici ed Economia del Paesaggio: il caso della Val d Elsa Abstract

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Emissions-Controlled Diesel Engine

Emissions-Controlled Diesel Engine Diss. ETH No. 18214 Emissions-Controlled Diesel Engine A dissertation submitted to the Swiss Federal Institute of Technology Zurich for the degree of Doctor of Sciences presented by Ezio Alfieri Dipl.

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 User satisfaction survey Technology Innovation 2010 Survey results Ricordiamo che l intervallo di valutazione

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20 RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Verifica dei campi magnetici ed elettrici non ionizzanti su KONTROLDRY mod. 20 EMF tests on KONTROLDRY mod. 20 Richiedente (Customer): - Ente/Società (Dept./Firm): S.K.M.

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Modeling and Tracking Social Walkers

Modeling and Tracking Social Walkers Diss. ETH No. 20340 Modeling and Tracking Social Walkers A dissertation submitted to the ETH ZURICH for the degree of Doctor of Science ETH presented by Stefano Pellegrini M.Eng. Sapienza University of

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009

Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009 Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009 User satisfaction survey Technology Innovation 2009 summary of results Rapporto sui risultati del

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria These guides have a lot information especially advanced tips such as the optimum settings configuration for quali sono scambi di assicurazione sanitaria. QUALI

Dettagli

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans 3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans La modellazione del territorio 3D a supporto dei piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore European and National laws Legge

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003 Mod. 1067 DS1067-019 LBT8388 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE Sch./Ref.1067/003 ITALIANO DESCRIZIONE GENERALE L interfaccia 1067/003 consente di collegare alla Centrale 1067/032 o 1067/042 (ver. 2.00

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

Telecontrol systems for renewables: from systems to services

Telecontrol systems for renewables: from systems to services ABB -- Power Systems Division Telecontrol systems for renewables: from systems to Adrian Timbus - ABB Power Systems Division, Switzerland Adrian Domenico Timbus Fortugno ABB - Power ABB Power Systems Systems

Dettagli

SC C1: System Development and Economics CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012.

SC C1: System Development and Economics CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012. SC C1: System Development and CIGRE 2012 Session 44 Palais des Congres Paris, France 26-31 / August / 2012 Report di sintesi Membro nazionale italiano: E.M. Carlini/B. Cova (Cesi) enricomaria.carlini@terna.it

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

SCENE UNDERSTANDING FOR MOBILE ROBOTS

SCENE UNDERSTANDING FOR MOBILE ROBOTS DISS. ETH. NO 18767 SCENE UNDERSTANDING FOR MOBILE ROBOTS A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented by LUCIANO SPINELLO MSc Automation Engineering, Università

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

Testi del Syllabus. 1006079 - MACHINE LEARNING FOR PATTERN RECOGNITION (2st MODULE) Corso di studio: Anno regolamento:

Testi del Syllabus. 1006079 - MACHINE LEARNING FOR PATTERN RECOGNITION (2st MODULE) Corso di studio: Anno regolamento: Testi del Syllabus Resp. Did. CAGNONI Stefano Matricola: 005079 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1006079 - MACHINE LEARNING FOR PATTERN RECOGNITION (2st MODULE) Corso di studio: Anno regolamento:

Dettagli

Introduction to Computer Simulation

Introduction to Computer Simulation Introduction to Computer Simulation Simulation Simulation means reproducing with a given accuracy how a system works in given conditions. A system may be: Input - a business process; - a manufacturing

Dettagli

Università degli Studi di Pisa

Università degli Studi di Pisa Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi Anno accademico 2010/2011 Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica Tesi di Laurea; Analisi di fattibilità di piccola

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3 Misura Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per

Dettagli

Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica

Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica -Applicazioni multifisiche - 1 Sommario PORTUNUS & Simulink hardware e struttura di

Dettagli

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering European Union University of Salerno University of Salerno Department of Industrial Engineering Ph.D. Thesis in Mechanical Engineering Cycle XII (2011-2013) Dry clutch for automated manual transmissions

Dettagli

ECO MANAGEMENT DEGLI ENTI PUBBLICI: ANALISI DI UN CASO DI STUDIO

ECO MANAGEMENT DEGLI ENTI PUBBLICI: ANALISI DI UN CASO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, ALIMENTARI E AMBIENTALI Corso di Laurea Magistrale in Sviluppo Rurale Sostenibile Settore scientifico disciplinare AGR/01 ECO MANAGEMENT

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Ref Date Question Answer

Ref Date Question Answer Q1 IT 10/09 Con la presente siamo a chiedere se la cifra esposta per l offerta è esatta; la frase riportata è la seguente: Il valore totale massimo dell'appalto è di 140 000 EUR per quattro anni" I 140.000

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli

La progettazione degli esperimenti nella validazione dei metodi di prova: presentazione di esempio applicato

La progettazione degli esperimenti nella validazione dei metodi di prova: presentazione di esempio applicato AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO La progettazione degli esperimenti nella validazione dei metodi di prova: presentazione di esempio applicato Bologna 25 Novembre

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Macchine ad Impatto Impact machines

Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad impatto S6 S5 S4 Queste macchine sono idonee per marcare, rivettare, ribadire, cianfrinare, numerare, fustellare, tranciare ecc. ed in tutte quelle operazioni

Dettagli

I SISTEMI DI CONTROLLO PASSIVO NELLA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN AREA MEDITERRANEA.

I SISTEMI DI CONTROLLO PASSIVO NELLA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN AREA MEDITERRANEA. Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Architettura DATA - Dipartimento di Design, Tecnologia dell'architettura, Territorio e Ambiente Dottorato di Ricerca in Progettazione Ambientale XXIII

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria Most of the time, quali sono scambi di assicurazione sanitaria is definitely instructions concerning how to upload it. quali sono scambi di assicurazione sanitaria

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT PROGRAMMA DI ASSICURAZIONE QUALITÀ QUALITY ASSURANCE PROGRAMM PROCEDURA DI QUALITÀ PQ 008 QUALITY PROCEDURE Pag. 1 di 6 REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION

Dettagli

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM For Special Protection Areas (SPA), Proposed Sites for Community Importance (psci), Sites of Community Importance (SCI) and for Special Areas of Conservation (SAC) SITE

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014

Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014 Sperimentazioni I Sessione di Laboratorio: 13 Novembre 2014 A. Garfagnini, M. Mazzocco Università degli studi di Padova AA 2014/2015 Statistica Secondo Kendall [1], Statistics is the branch of a scientific

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

Energia pulita. da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses

Energia pulita. da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses Energia pulita da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses Biogengas si propone come società primaria nella progettazione e realizzazione di impianti per la produzione

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Descrizione Il corso è basato su Oracle release 2. La caratteristica di questo corso è quella di insegnare agli allievi come creare e gestire le tabelle di dati spaziali e attivarli nelle applicazioni

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS)

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) Luciano Saso Deputy Rector for International Mobility Erasmus Institutional Coordinator luciano.saso@uniroma1.it February 2009 The traditional system A, B,

Dettagli