SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità"

Transcript

1 TAVOLA ROTONDA SUL TEMA SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità Cosa si può fare concretamente per un reale miglioramento di Qualità/Affidabilità dei nostri prodotti? 1

2 Conviene riconoscere fin da subito che: al livello di competitività attuale, effettivi miglioramenti di Qualità/Affidabilità possono essere ottenuti soltanto con un deciso supporto del Top Management; i temi di Qualità/Affidabilità sono divenuti, a tutti gli effetti, una disciplina organica (con risvolti sia metodologici che organizzativi). 2

3 Conseguentemente: è necessario un minimo di organizzazione mirata (e una regia costante); sono indispensabili una convinta cultura della Qualità e la partecipazione ad un clima di sfida a tutti i livelli aziendali; è opportuna la conoscenza di un bagaglio di metodologie specifiche, per poter scegliere, caso per caso, quella più semplice ed economica compatibile con risultati di sicuro interesse. 3

4 Una volta entrati in quest ordine di idee, ci si imbatte però in una proliferazione di approcci e metodologie, nella quale risulta difficile raccapezzarsi: Risk Management Lean Manufacturing Sei Sigma Lean Six Sigma World Class Manufacturing (WCM) 4

5 Innanzitutto un brevissimo cenno al Sei Sigma, che è senz altro l approccio più rappresentativo di una nuova mentalità, volta all eliminazione degli sprechi, attraverso una riduzione drastica della variabilità delle caratteristiche riconosciute importanti per i clienti, sia finali che intermedi. 5

6 Sostanzialmente esso non ricorre a strumenti metodologici nuovi, ma inquadra in modo razionale, coerente ed organico l utilizzo di quelli già noti, al più con qualche arricchimento. Lo scopo è di passare, da un loro impiego su base volontaristica (di solito sotto l urgenza di problemi particolarmente gravi) ad una loro applicazione sistematica, anche nelle attività correnti. Ciò comporta che l Azienda si doti di almeno un minimo di organizzazione mirata. 6

7 Il nome Sei Sigma TOLLERANZE PRESCRITTE x ± 3 s Tolleranze naturali 3 s TOLLERANZE PRESCRITTE 6 s x ± 3 s Nuove tolleranze naturali 6 s Le tolleranze naturali di un processo produttivo corrispondono all intervallo media ± 3 s, perché si era pensato che una dispersione più grande di così costituisse, in pratica, un errore impossibile. In effetti, l area di ciascuna coda al di fuori di tale intervallo, per una distribuzione normale, è pari a 1,35 e la somma vale il 2,7 (mentre il complemento a 1 è il 99,73%). Quindi, se i limiti delle Tolleranze prescritte coincidessero con quelli delle Tolleranze naturali, si a- vrebbe una percentuale di non conformi del 2,7, ma soltanto se il processo rimanesse centrato. Poiché in realtà, nel medio-lungo termine, ciò non può verificarsi, l approccio Sei Sigma consiglia, almeno per le caratteristiche più importanti, di sforzarsi di ridurre la variabilità del processo fino a che il suo s diventi così piccolo da stare 6 volte nella distanza fra la quota nominale e ciascuno dei due limiti di specifica. Si ribadisce che 6 s non è un obiettivo per tutte le variabili indistintamente, ma soltanto per quelle particolarmente importanti; e, anche per esse, costituisce una bandiera, nel senso che va raggiunto per gradi: se oggi si è a 3,5 s, arrivare a 4 s è già un risultato! 7

8 Il Sei Sigma fa propri i principi base degli approcci metodologici precedenti, quali: 1. Orientamento alla soddisfazione del cliente. 2. Progettare il prodotto ed il suo processo in modo robusto cioè deve funzionare in tutte le condizioni di utilizzo prevedibili (e consentite) in clientela. 3. Fatti e non impressioni: ragionare sui dati. 4. Prevenire il più a monte possibile. 5. Miglioramento continuo. 6. Gestione per processi. 7. Rigore nell attuazione delle regole che ci si è dati (Memoria Tecnica e Consolidamento Esperienze). Mentre sono nuovi o particolarmente enfatizzati i seguenti 9 aspetti: 8

9 1. Le tolleranze sulle prestazioni richieste dai clienti, ovvero elenco di tutte le funzioni attese con relativi range di accettabilità (al di fuori dei quali c e l area annoying nella quale il cliente comincia a pensare di cambiare marca). 2. L identificazione chiara delle caratteristiche critiche per la qualità, in inglese Critical To Quality (CTQ); la criticità può riguardare la qualità percepita dai clienti (CTQ in senso stretto), oppure i tempi (CTT = Critical To Time), per e- sempio di consegna, oppure i costi (CTC = Critical To Cost): su queste caratteristiche (e non su altre meno importanti) verranno concentrati gli sforzi di miglioramento. 3. Il Project Charter: un modulo di analisi di costi/benefici (inclusa previsione di tempi e risorse necessari) obbligatorio prima dell avvio di qualsiasi Progetto di Miglioramento: di regola, quest ultimo deve concludersi entro 3 6 mesi (per evitare il rischio di fossilizzarsi). 4. Le opportunties (opportunità di difetto) ovvero le occasioni di difetto potenzialmente attribuibili ad un determinato particolare o sistema, che si possono dedurre, per esempio, dalle FMEA. La metrica 6 s prevede di rapportare il numero di difetti, rilevati o previsti, al numero di opportunities (potenziali): si riesce così a quantificare il livello di qualità raggiunto, distinguendo fra un semplice componente, con un numero ridotto di possibilità di guasto, ed un sistema articolato, con molte possibilità di guasto. 9

10 5. L Ipotesi MOTOROLA, secondo la quale, nel lungo periodo (long term), un processo produttivo in controllo statistico produce una percentuale di difettosi pari a quella che produrrebbe se lavorasse con una deriva (dalla quota nominale) costante e pari a 1,5 s. Tolleranze prescritte (Specifiche) Situazione media assunta per il lungo periodo (Long Term) Esempio su una situazione pari a 4 s Quantità di non-conformi prevedibile deriva (1,5 s)

11 Livello di s La seguente Tabella che mostra i differenti risultati ottenuti con i vari livelli di s. PROCESSO CENTRATO Distanza ipotizzata dal limite di tolleranza più vicino PROCESSO NON CENTRATO L c p Rendimento Difettosi [ppm] z = L - 1,5 c pk Rendimento Difettosi [ppm] 2 0,6667 0, , ,5 0,1667 0, ,5 3 1,0000 0, , ,5 0,5000 0, ,2 4 1,3333 0, , ,5 0,8333 0, ,7 5 1,6667 0, , ,5 1,1667 0, ,7 6 2,0000 0, , ,5 1,5000 0, ,4 Le frazioni di difettosi per il PROCESSO NON CENTRATO sono divenute uno standard per tutta la Letteratura sul SEI SIGMA. 11

12 6. Il metodo D.M.A.I.C. (Define, Measure, Analyze, Improve, Control). F A S I F I N A L I T À Define Definizione degli obiettivi di miglioramento, dei benefici attesi (valutati in termini economici), del monitoraggio dei risultati via via conseguiti, previsione delle risorse da impegnare e pianificazione delle attività (che devono concludersi entro 3 6 mesi). Measure Partire da misure sui processi attuali, dopo aver stabilito criteri validi ed affidabili per il successivo monitoraggio dei progressi, da confrontare con gli obiettivi stabiliti nella fase di Define. Analyze Analizzare il sistema in esame in modo mirato a far emergere provvedimenti/azioni migliorativi in grado di portare al conseguimento delle prestazioni in obiettivo. Improve Individuare, con creatività, le soluzioni migliorative da adottare, in grado di conseguire gli obiettivi prestabiliti (o, almeno, di avvicinarsi molto ad essi). Control Convalidare efficacia e stabilità nel tempo dei provvedimenti migliorativi adottati, provvedendo a consolidarli adeguandovi le procedure esistenti (con eventuale estensione a casi similari). Non far partire un Progetto di Miglioramento se non ci sono valide garanzie di condurlo a termine soddisfacentemente e nei tempi programmati. Fatti concreti alla base delle situazioni da migliorare e riferimenti oggettivi per la valutazione dei miglioramenti. Le analisi devono arrivare a correlare i fatti importanti, così da stimolare l esperienza e la creatività degli Specialisti verso soluzioni efficaci ed economiche. È il coronamento della fase di Analyze. La fase di Improve può anche avvalersi di ulteriori prove sperimentali e/o verifiche a calcolo specifiche. Garantirsi contro risultati instabili e, una volta accertatane la validità, renderli patrimonio aziendale operativo. 12

13 7. Il First Time Yield ed il Rolled Throughput Yield: il primo indica il numero di unità che attraversano una fase del processo produttivo senza difetti al primo colpo, ovvero al netto delle rilavorazioni, mentre il secondo riguarda l insieme di tutte le fasi di un processo; chiaramente, la soddisfazione dell azienda cliente è legata soprattutto alla percentuale di unità conformi nei lotti consegnati (che ha ben poco a che fare con i due indicatori in discussione); invece gli scarti, e soprattutto le rilavorazioni (direttamente legati agli indicatori citati) costituiscono quella che viene definita la fabbrica nascosta, che fa aumentare i tempi ciclo, ma soprattutto i costi e che può anche causare ritardi nelle consegne con ulteriore insoddisfazione del cliente. 8. Il controllo delle funzioni attese dai clienti collocato a monte sulle caratteristiche dei componenti: Y = f(x i ). I controlli a fondo linea permettono di selezionare i prodotti conformi, ma se si riesce a stabilire il legame fra ogni componente del sottosistema e ciascuna delle funzioni attese, si può risalire, dai range di accettabilità di queste ultime, ai range di accettabilità delle caratteristiche di ciascun componente correlati con quelli delle singole funzioni: controllando, appena possibile (nelle stazioni del processo produttivo), le caratteristiche dei singoli componenti sui loro range di accettabilità così determinati e scartando quelli fuori, si avrebbe la ragionevole certezza di realizzare prodotti sempre almeno accettabili da parte dei clienti, senza bisogno di ulteriori controlli. 9. La struttura organizzativa mirata, caratterizzata da Figure professionali specifiche, Champions, Owners, Master Black Belts, Black Belts, Green Belts e Yellow Belts, ciascuna con compiti ben definiti ed integrati, la cui coerenza è garantita da un preciso iter formativo. 13

14 Le Figure Professionali specifiche Executive Sponsorship CHAMPIONs (Responsabili gerarchici) Scelta Persone e Progetti 6 Master Black Belts (Maestri di Cinture Nere, Docenti/Guide) OWNERs (Titolari dei processi beneficiari dei risultati dei Progetti di Miglioramento) Per esempio, un azienda con circa dipendenti potrebbe organizzarsi nel modo illustrato qui a lato. 200 Black Belts (Cinture Nere, gestori, a tempo pieno, di più Progetti di Miglioramento contemporaneamente) 1500 Green Belts (Cinture Verdi, dedicate, a tempo parziale, a 1 2 Progetti) 5000 Yellow Belts (Cinture Gialle di aiuto alle Cinture Verdi) 14

15 Cinture Verdi (Green Belts) - Pur senza un impegno a tempo pieno, gestiscono, con approccio SEI SIGMA, 1 2 progetti di miglioramento l anno, con il supporto e la supervisione di una Cintura Nera. Alla loro formazione provvedono classicamente le Cinture Nere (se già organizzate all interno dell azienda) con l appoggio dei Maestri di Cintura Nera, oppure un Ente esterno. La formazione avviene, di solito, in 2 sessioni di 3 giornate ciascuna, intervallate da un certo tempo: nella 1 a sessione viene concordato un Progetto di Miglioramento, che viene poi discusso nella 2 a. La difficoltà tipica da superare in questa fase consiste generalmente nell individuare i modi migliori di misura dei processi (che possono essere di qualunque tipo), come partenza per il miglioramento. Capita sempre più spesso di far aiutare le Green Belt da Colleghi con una preparazione sommaria sul Sei Sigma, alle quali viene dato il titolo di Yellow Belt (cintura gialla). 15

16 Cinture Nere (Black Belts) - Sono dedicate a tempo pieno allo sviluppo dei progetti di miglioramento, coordinando l attività delle Cinture Verdi, che esse stesse hanno contribuito a formare. La loro posizione nell organigramma aziendale riveste un certo rilievo e dovrebbe essere destinata a crescere. Alla loro formazione provvedono i Maestri di Cintura Nera con un corso intensivo di 4 settimane, intercalate da alcune settimane (di solito 3), affinché possano applicare quanto appreso ai progetti di miglioramento assegnati. Per poter essere certificati come Cintura Nera, è usualmente richiesto di averne portati a termine con successo almeno due. 16

17 Maestri di Cintura Nera (Master Black Belts) - Sono gli Specialisti della metodologia e degli strumenti ad essa collegati, che supportano i Responsabili aziendali (Champions) nella scelta dei progetti di miglioramento e che provvedono formare le Cinture Nere, costituendone poi il riferimento metodologico/disciplinare. Champions - Sono i Responsabili (in genere Direttori) che, tra i loro obiettivi, hanno, oltre a quelli usuali, anche il successo dei Progetti di Miglioramento di loro pertinenza, condivisi preventivamente con i Master Black Belts che forniscono loro continua assistenza: sta a loro garantire la disponibilità di persone e mezzi. Owners - Sono i Responsabili delle Funzioni Aziendali o dei Reparti che trarranno beneficio dai risultati dei Progetti di Miglioramento e che quindi sono garanti (a priori) e giudici (a posteriori) di validità ed efficacia dei benefici previsti/conseguiti. 17

18 Executive Sponsorship CHAMPIONs (Responsabili gerarchici) Scelta Persone e Progetti 6 Master Black Belts (Maestri di Cinture Nere, Docenti/Guide) In alcune aziende, come per esempio SKF, le Master Black Belt rivestono compiti eminentemente formativi e sono presenti prevalentemente nella sede centrale. OWNERs (Titolari dei processi beneficiari dei risultati dei Progetti di Miglioramento) 200 Black Belts (Cinture Nere, gestori, a tempo pieno, di più Progetti di Miglioramento contemporaneamente) Allora il Coordinatore di tutte le attività Sei Sigma locali prende il nome di Champion, mentre il facilitatore gerarchico (ex Champion) prende il nome di Sponsor Green Belts (Cinture Verdi, dedicate, a tempo parziale, a 1 2 Progetti) 5000 Yellow Belts (Cinture Gialle di aiuto alle Cinture Verdi) 18

19 L investimento in formazione può essere molto impegnativo dal punto di vista economico se avviene con modalità top-down secondo l approccio classico americano (le Master Black Belt formano le Black Belt che, in cascata, formano le Green Belt), ma molto più abbordabile con modalità bottom-up (si formano dapprima le Green Belt, alcune delle quali, dopo un periodo di applicazione su Progetti di Miglioramento Cantiere (che permetteranno all azienda di apprezzare i benefici del Sei Sigma), diventeranno Black Belt, cosicché l implementazione del metodo potrà essere estesa gradualmente e su misura a tutta l azienda). 19

20 Il Sei Sigma a confronto con gli altri Approcci La Lean Manufacturing (Produzione Snella) punta soprattutto alla logistica (sia dei processi produttivi che di quelli organizzativi). Il Sei Sigma non insiste molto sulla logistica, ma richiede un certo impegno formativo di Statistica di base e un minimo di organizzazione dedicata (le Green Belt, Black Belt, ecc). La Lean Six Sigma cerca di coniugare la Lean Manufacturing con il Sei Sigma, mantenendo un approccio abbastanza intuitivo come la prima, ma recuperando i metodi statistici più semplici e di impiego più frequente dal secondo. Il Risk Management pone le premesse per evidenziare prima e monitorare poi i rischi connessi con lo sviluppo di nuovi progetti. Il World Class Manufacturing si prefigge di portare e mantenere un azienda in una posizione di eccellenza per Qualità/Affidabilità. 20

21 Tutti questi Approcci valgono: sia per aziende di prodotto che per aziende di servizi, sia in fase di progetto (del prodotto e/o del processo produttivo) che in fase di gestione (produzione/erogazione). 21

22 Non si può dire che uno di questi approcci sia migliore degli altri. Piuttosto si può individuare un percorso attraverso il quale un azienda possa crescere fino a raggiungere i livelli di Qualità/Affidabilità più elevati. In pratica, gli elementi che fanno riconoscere uno degli approcci precedenti come più adatto per una determinata realtà aziendale possono essere: Il tipo di azienda di prodotto o di servizi di progetto, di processo (o entrambi) La sua posizione sul mercato dal punto di vista della Qualità primi approcci avvio di un organizzazione mirata consolidamento con Figure Professionali dedicate ricerca determinata dell eccellenza 22

23 Ad esempio, per un azienda di processo, che cominci per la prima volta a prendere in considerazione queste problematiche, può essere conveniente cominciare con un approccio del tipo Lean Six Sigma e, dopo un certo periodo di rodaggio, quando la nuova mentalità si è diffusa ed è stata interiorizzata, si può passare ad approcci più evoluti e sofisticati, per arrivare all eccellenza. 23

24 L A.I.C.Q. è in grado di orientare le aziende nella scelta degli strumenti più adatti alla situazione di ciascuna e di guidarle nell applicazione corretta di questi nuovi concetti e metodi. 24

25 AICQ-Piemonte dispone di un team di docenti capaci di gestire questi metodi con flessibilità, adattandosi alle esigenze particolari delle singole Aziende-Clienti, come è stato fatto, per esempio, per il corso F.M.E.A. presso SKF di Airasca. 25

26 P04 Q.F.D. Quality Function Deployment P01 Le tecniche F.M.E.A. di I e II generazione Analisi e previsione di affidabilità nel progetto/processo P09 La STATISTICA che serve in Azienda P02 L AFFIDABILITÀ del prodotto e la quantificazione dei rischi P06 Enterprise RISK MANAGEMENT Il rischio manageriale d impresa I corsi AICQ-Piemonte costituiscono i tasselli di ogni approccio globale a Qualità/Affidabilità, P07 Introduzione al SEI SIGMA (e al Lean Six Sigma) Comprensione e conoscenza di un approccio e delle relative tecniche per il miglioramento dei processi e dei prodotti P05 Strumenti per il CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO (S.P.C. = Statistical Process Control) P03 D.O.E. Design Of Experiments in particolare del Sei Sigma, per il quale è a catalogo un corso introduttivo specifico. 26

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative PCPA ESITO: Data: Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornitore: Stab. Forn.: FIAT Purchasing Supplier Quality VERIFICHE DI PROCESSO Richiesta mat.: Disponibilità: PRESERIE

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Statistical Process Control

Statistical Process Control Statistical Process Control 1 Introduzione SPC si occupa del miglioramento della qualità. I metodi per il miglioramento della qualità possono essere applicati a qualsiasi area in una fabbrica o organizzazione

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli