La funzione delle proteine dipende dalla loro struttura tridimensionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La funzione delle proteine dipende dalla loro struttura tridimensionale"

Transcript

1 La funzione delle proteine dipende dalla loro struttura tridimensionale La struttura dipende dal ripiegamento di particolari sequenze aminoacidiche La sequenza aminoacidica della catena polipeptidica è la struttura primaria Regioni diverse della sequenza formano strutture secondarie regolari (alfa eliche e filamenti beta) Gli elementi di struttura secondaria si dispongono secondo semplici motivi strutturali. La struttura terziaria risulta dalla associazione di più motivi strutturali in una o più unità dette domini. La proteina può essere formata da più catene polipeptidiche disposte in una struttura quaternaria

2 Elementi strutturali delle proteine L interno delle molecole proteiche contiene soprattutto catene laterali idrofobe disposte in strutture secondarie che permettono di neutralizzare la polarità dei loro gruppi polari mediante la formazione di legami idrogeno. Esistono 2 tipi principali di struttura secondaria: α- eliche e foglietti-β (che costituisocno le regioni del core), e sono collegate da regioni loop presenti alla superficie

3 Gli elementi della costruzione α-elica - Presenti nelle proteine quando una stringa di residui consecutivi presentano tutti coppie di angoli diedri Φ e ψ con valori compresi tra -60 e Presenta 3,6 residui per spira -Stabilizzata da legami idrogeno che si formano tra il gruppo C=O di un residuo n ed il gruppo NH del residuo n+4. In questo modo tutti i gruppi NH e CO della catena principale sono uniti da legami idrogeno. -L elica è sempre destrorsa

4 Gli elementi della costruzione foglietto-β Rossi ossigeno Blu azoto Bianco idrogeno Nero Cα cat princ Viola posizione cat lat -Costituiti da filamenti β che possono essere tutti antiparalleli oppure paralleli tra loro. -Nel foglietto β i filamenti si trovano allineati giacendo uno accanto all altro in modo da formare legami idrogeno tra i gruppi C=O di un filamento β ed i gruppi NH di un filamento adiacente

5 I filamenti beta antiparalleli sono tra gli elementi a più alta stabilità foglietto β antiparallelo (direzioni opposte N C C N) foglietto β parallelo (medesima direzione biochimica N C)

6 Gli elementi della costruzione loop -tratti di catena apparentemente disorganizzati, di lunghezza variabile -fanno da collegamento fra α-eliche o filamenti β -partecipano spesso alla formazione di siti di legame (come i loop degli anticorpi) o del sito attivo degli enzimi -si trovano alla superficie della molecola

7 I diagrammi di topologia Topologia come gli elementi di struttura secondaria sono connesi tra loro utili per rappresentare le connessioni tra elementi di struttura secondaria aspartato carbamiltransferasi flavodossina plastocianina

8 Gli elementi di struttura secondaria sono collegati a formare semplici motivi strutturali MOTIVO STRUTTURALE semplice combinazione di pochi elementi fondamentali di struttura secondaria Motivi strutturali semplici possono combinarsi a formare motivi complessi Combinazioni di piccoli motivi strutturali costituiscono il core dei domini (unità fondamentali della struttura terziaria)

9 I 4 motivi strutturali più ricorrenti Elica-loop-elica Forcina β Chiave greca β-α-β La combinazione dei motivi strutturali semplici dà luogo a strutture complesse

10 Motivo Elica-loop-elica motivo strutturale specifico per il legame del DNA motivo strutturale specifico per il legame del calcio (parvalbuina,calmodulina, troponinac)

11 Il motivo EF hand -Comprende 2 alfa-eliche:e ed F, che affiancano il loop: 5 residui del loop legano il calcio quindi la loro cat lat deve contenere un atomo di ossigeno Elica E direzione che parte dalla base dell indice Dito medio regione loop di 12 residui che lega il calcio Elica F diretta all estremità del pollice -Residuo num.6 del loop è sempre glicina (poco ingombrante) La mano destra simboleggia il motivo di legame al calcio Sequenze consenso dei motivi EF in 3 proteine diverse (in arancio aa deputati al legame con il calcio; In verde aa con cat lat idrofobe destinate a formare core idrofobo tra le alfa-eliche)

12 Struttura della troponina C con i suoi motivi EF -E costituita da 4 motivi EF hand di cui 2 legano il calcio (sfere rosa) -L atomo di calcio è legato attraverso 6 atomi di ossigeno, dei quali tre proviengono dalla cat lat di Asp (D9), Asn (N11) e Asp (D13), due sono forniti dalla cat lat di Glu (E20), ed uno dal legame peptidico del residuo 15. -Al calcio è legata anche una molecola d acqua. Quindi questo motivo, per espletare la sua funzione, necessita sia di una specifica conform della catena principale sia della presenza di un peculiare raggruppamento di catene laterali. Il motivo elica-loop-elica fornisce l impalcatura che ancora i ligandi degli ioni calcio in posizione corretta per poter legare e liberare questi ultimi

13 motivo elica-loop-elica legante il DNA Motivo elica-loop-elica legante il DNA presente nella proteina Cro del fago λ. legato al DNA

14 Forcine β forcina β come foglietto isolato forcina β come parte di un foglietto più complesso

15 Ipotetica modalità di ripiegamento di struttura a forcina che porta alla formazione del motivo a greca Motivo a greca -Quando 4 filamenti beta antiparalleli si dispongono secondo un modello simile all unità ripetitiva di un tipico disegno ornamentale caratteristico dell arte dell antica Grecia, noto come Greca. -Si basa sull iniziale formazione di una lunga struttura antiparallela in cui i loop sono presenti al centro di entrambi i filamenti beta. - Il motivo a greca si originerebbe in conseguenza di cambiamenti strutturali nelle regioni loop interposte tra i filamenti beta 1 e 2 e nelle regioni interposte tra i filamenti 3 e 4. Per effetto di ciò, la struttura si ripiega verso il basso ed il filamnto beta 2 va ad associarsi col filamento 1 formando con questo legami idrogeno.

16 Motivo a greca a) diagramma topologico della greca b)motivo a greca presente nell enzima nucleasi Staphylococcus. Il motivo a greca fornisce un semplice modo di collegare filamenti beta antiparalleli che si trovino su lati opposti di una struttura a botte

17 Motivo β-α-β a) Schema del percorso della catena principale b) Diagrammi topologici del motivo β-α-β -Permette il collegamento tra filamenti beta paralleli. -Consiste di 2 fil beta paralleli, un alfa elica e due regioni loop. -L alfa elica collega l estremità carbossilica di un filamento beta con quella aminica del filamento beta successivo -Il loop che collega il terminale carbossilico del filamento beta con quello aminico dell alfa elica spesso è implicato nella formazione del sito funzionale

18 Motivo β-α-β a) Modalità di collegamento destrorsa b) Collegamento di tipo sinistrorso In linea di principio, questo motivo può presentare due diverse disposizioni: una in cui l elica si trova al di sopra del piano della pagina ( connessione destrorsa perché presenta il medesimo orientamento di una alfa elica destrorsa); ed una in cui l elica si trova al di sotto del piano della pagina (sinistrorsa). In realtà la connessione è sempre destrorsa, con l unica eccezione della subtilisina.

19 I DOMINI Strutture alfa elica superavvolta fascio a 4 eliche ripiegamento della globina Strutture alfa-beta TIM barrel Strutture beta antiparallele Beta barrel greca Strutture beta parallele foglietto alfa- beta aperto ferro di cavallo Up-and-down Jelly roll Elica beta a 2 foglietti Elica beta a 3 foglietti

20 Il dominio è unità compatta e semi-independente (Richardson, 1981). unità stabile di una proteina che può ripiegarsi autonomamente (Wetlaufer, ti 1973). modulo funzionale ed evoluzionistico ricorrente (Bork, 1992) icazione dei domini è essenziale:

21 lisozima da Gallus gallus pdb: 1hel esochinasi da Homo sapiens pdb: 1hkc I domini hanno dimensioni variabili. Circa il 50% delle proteine studiate hanno domini compresi fra 51 e 150 amminoacidi. Sono note proteine con molti domini (13) e le interazioni interdominio sono le stesse che stabilizzano le loro strutture interne. i cuori idrofobici sono fondamentali per la stabilità dei domini (nelle sezioni proteiche i residui idrofobici sono in giallo)

22 Non tutti i domini sono costituiti da tratti continui di polipeptide. In alcune proteine un dominio è interrotto da un tratto di sequenza che si ripiega in un dominio separato, dopo il quale continua il dominio originale. alanina racemasi da Bacillus stearothermophilus pdb: 1sft

23 Le proteine multidominio si sono probabilmente evolute dalla fusione dei geni che un tempo codificavano per proteine separate. tioesterasi da E. coli (pdb: 1c8u) 2 domini fusi tioestere deidratasi da E. coli (pdb: 1mkb) omodimero con ciascun monomero simile ai domini della tioesterasi

24 Il numero dei fold (motivi strutturali) proteici è vasto ma limitato. triptofano sintasi da Salmonella typhimurium α-galattosidasi da Homo sapiens

25 Elica superavvolta Struttura ad elica superavvolta. Un alfa elica isolata presenta una ridotta stabilità in soluzione. Perciò, nelle proteine, le alfa eliche sono stabilizzate dal reciproco impaccamento mediato dall interazione delle catene idrofobe. Il modo più semplice di realizzare tale stabilizzazione è quello di associare 2 alfa-eliche, in modo da formare una struttura superavvolta. Una strutura superavvolta sinistrorsa formata da 2 alfa eliche destrorse riduce il numero di residui per giro in ognuna delle eliche costitutive da 3,6 a 3,5, in modo che le interazioni tra le catene laterali delle 2 eliche vengono a ripetersi ogni 7 residui. Ciò si riflette nelle sequenze aminoacidiche delle due catene, le quali risultano ripetitive, con un periodo di ripetitività di 7 residui.

26 Elica superavvolta I residui aminoacidici nell unità ripetitiva vengono indicati come a-g ed il residuo d è idrofobo (di solito è una leucina). La regione idrofoba tra le due alfa eliche è completata dai residui a che sono idrofobi anch essi. Ripetitività degli aa in un alfa elica superavvolta: un residuo di leucina si ripete ogni 7 aminoacidi Impaccamento delle catene laterali idrofobe tra 2 alfa-eliche in una struttura superavvolta

27 Ruolo delle interazioni elettrostatiche a) Visione schematica dall alto di una ripetizione di sette aa. b) Visione schematica laterale di una struttura superavvolta I residui e e g che orlano il core idrofobo sono carichi e le loro catene forniscono interazioni ioniche (ponti salini) tra le α eliche.

28 Fascio a 4 eliche Dispiegamento della catena polipeptidica in un dominio costituito da un fascio di 4 eliche -Due alfa eliche impaccate insieme in una struttura superavvolta sono elementi costitutivi di un dominio ma non sono sufficienti a formare un dominio completo. -Infatti, il dominio ad alfa elica più semplice consiste in 4 alfa eliche disposte in un fascio con l asse di ognuna parallelo a quelli delle altre. -Le alfa eliche sono disposte in modo tale che le eliche consecutive nella sequenza aminoacidica vengono ad essere adiacenti.

29 Fascio a 4 eliche Proiezione del motivo su un piano perpendicolare all asse del fascio Le catene laterali di ciascuna elica sono disposte in modo tale che le catene laterali idrofobe si trovano comprese nello spazio tra le eliche, mentre le catene laterali idrofile vengono a trovarsi alla superficie del fascio. In questo modo, nella parte centrale del fascio viene a formarsi un core idrofobo in cui le catene laterali si trovano ammassate così fittamente da escludere la presenza di molecole d acqua. Cerchi grandi catena principale delle alfa eliche Cerchi piccoli catene laterali: verdi (catene laterali idrofobe ammassate); rosse (cat lat idrofile che si trovano esposte alla superficie del fascio)

30 Fasci a 4 eliche come singolo dominio di proteine monomeriche, o come motivo di dimerizzazione

31 Il Ripiegamento della globina Fascio di 8 eliche Collegate da brevi loop Formazione di una tasca idrofobica in cui si trova il sito attivo

32 Strutture a dominio alfa-beta (foglietto β centrale di tipo parallelo o misto circondato da α eliche)

33 Modalità di connessione β-α-β Le tre strutture alfa-beta sono tutte costituite da motivi β-α-β collegati tra loro in modo che i filamenti β vengono ad essere paralleli. 2 motivi β-α-β si possono collegare in 2 diversi modi: a) le alfa eliche si trovano tutte sul medesimo piano del foglietto (TIM barrel e ferro di cavallo); b) le alfa eliche si trovano sul piano opposto (foglietti beta aperti)

34 TIM Barrel Gli 8 filamenti beta racchiudono un core idrofobo impaccato costituito dalle catene laterali dei residui presenti in filamenti beta alternati. Il core è disposto a formare tre strati, dove ogni strato contiene 4 catene laterali provenienti dai residui presenti in filamenti beta alternati. Struttura formata da 8 filamenti beta paralleli Filamento 8 forma legami idrogeno col filamento1 Per formarla sono necessari almeno 200 aa Presente in molti enzimi Filamenti beta ed alfa eliche impalcatua strutturale Regioni loop siti attivi

35 Nel TIM barrel il sito attivo si trova in una tasca formata dalle regioni loop che collegano le estremità carbossiliche dei filamenti β con le adiacenti α-eliche. Rappresentazione vista dall altodella strutturaa botte del sito attivo dell enzima RuBisCo. Il sito di legame per il substrato (in rosso) è generato da numerose catene laterali cariche (in blu) presenti su differenti loop.

36 La Piruvato chinasi contiene diversi domini, uno dei quali con struttura TIM barrel La struttura di questo enzima illustra perfettamente in che modo una lunga catena polipeptidica può ripiegarsi a formare domini di tipo diverso dal punto di vista strutturale. La funzione enzimatica risulta sempre associata con il dominio che presenta struttura a botte.

37 Il foglietto alfa-beta aperto Nei domini con struttura α/β aperta, il sito attivo si trova in una fessura localizzata esternamente all estremità carbossilica dei filamenti β. Questa fessura è formata da 2 regioni loop adiacenti che collegano i due filamenti con α eliche presenti su facce opposte del foglietto β. Ciò è illustrato dalle dita curvate delle due mani, in cui la metà superiore delle dita rappresenta le regioni loop mentre la metà inferiore rappresenta i filamenti β. Il cilindro rappresenta un ligando posizionato nella fessura di legame.

38 Esempi di tipi diversi di strutture α/β aperta flavodossina e adenilato chinasi esochinasi e fosfoglicerato mutasi

39 Ripiegamento a Ferro di cavallo Struttura dell inibitore della ribonucleasi, costituita da motivi β-loop-α ripetuti, ricorda un ferro di cavallo formato all interno da un foglietto β parallelo a 17 filamenti e all esterno da 16 α eliche. Ruolo dei residui conservati di leucina dei motivi ricchi di leucina nella stabilizzazione del modulo strutturale β-loop- α

40 Il beta Barrel Comprende enzimi, proteine di trasporto, anticorpi, proteine virali di rivestimento. Core: costituito da filamenti β (da 4-5 a più di 10), disposti in modo antiparallelo a formare 2 foglietti β collegati ed impaccati l uno con l altro. Le strutture β antiparallele presentano un core di catene laterali idrofobe all interno di una struttura a botte, formato dalle catene laterali dei residui presenti nei filamenti β, mentre la superficie è costituita da residui provenienti sia dai filamenti β che da regioni loop

41 La maggior parte delle strutture β rientra in pochi gruppi con topologia uguale o simile up and down Ogni filamento β è collegato al successivo attraverso una breve regione loop motivi a greca Quando in una struttura a β barrel a 8 filamenti, il numero n è collegato al filamento n+3 jelly roll La catena polipeptidica si avviluppa attorno ad un ideale struttura a botte centrale come un dolce arrotolato coperto di gelatina

42 Un esempio di struttura a β-barrel greca: la SOD 8 filamenti β antiparalleli disposti attorno alla superficie di una botte ideale. La struttura, a " β -barrel", evidenzia un motivo topologico a greca, comune a molti sistemi biologici di grande interesse, tra cui, ad esempio, le immunoglobuline.

43 RBP lega il retinolo all interno di una struttura a botte up and down 8 filamenti β antiparalleli ruotati e ripiegati in modo che la struttura può anche essere vista come 2 foglietti β (verde e blu) impaccati l uno contro l altro. Alcuni dei filamenti β ruoati (in rosso) partecipano alla formazione di entrambi i foglietti β. La vitamina A si trova legata all interno della struttura a botte tra i 2 foglietti β, in modo da esporre alla superficie della proteina l unica porzione idrofila della molecola (coda contenente un gruppo OH)

44 La neuraminidasi si ripiega a formare foglietti beta up and down Presente nel virus dell influenza Catalizza idrolisi dell acido sialico Omotetramero costituito da 4 catene polipeptidiche identiche, ognuna di 470 aa Ogni monomero è ripiegato a formare una superstruttura a botte costituita da 24 filamenti β disposti a formare 6 motivi strutturali simili, ognuno dei quali contiene 4 filamenti β che rappresentano le pale della struttura a forma di elica

45 Nella neuraminidasi i motivi strutturali generati col ripiegamento formano una superstruttura a forma di elica Tetramero: 4 domini ognuno con struttura ad elica a 6 pale Monomero: (Dominio:elica a 6 pale) Topologia del monomero Motivo: (foglietto β:pala dell elica) Ognuna delle 4 subunità del tetramero è ripiegata a formare un singolo dominio costituito da 6 motivi strutturali simili strettamente impaccati. Tale motivo strutturale è un foglietto β a 4 filamenti antiparalleli up-and-down. Questi 6 foglietti β sono disposti in modo da formare le sei lame di un elica a 6 pale

46 La regione strutturale e la regione del sito attivo risultano ben separate. In conseguenza della simmetria senaria dei 6 motivi strutturali a foglietti β, le 12 regioni loop derivate dai foglietti si trovano dalla stessa parte della molecola Le regioni loop che collegano i motivi strutturali formano un ampia tasca ad imbuto contenente il sito attivo I filamenti beta rappresentano lo scheletro strutturale sul quale è incernierato il sito attivo costituito da loop di connessione tra un elemento e un altro elemento

47 L emoagglutinina si ripiega a formare un motivo strutturale a jelly roll Formata da 3 subunità, ognuna delle quali è ancorata alla membrana pericapsidica del virus dell influenza. Le teste globulari contengono i siti per i recettori che legano i residui di acido sialico presenti alla superficie delle cellule eucariotiche Singola subunità dell emoagglutinina del virus dell influenza

48 Il sito di legame per il recettore è formato dal dominio jelly roll La testa globulare di ogni subunità dell emoagglutinina ha una struttura a botte jelly roll distorta. Il sito di legame è localizzato all apice della subunità, all interno della struttura a botte jelly roll.

49 Domini ad eliche β parallele Scoperta nel 1993 in California Presente in molte proteasi batteriche extracellulari e nella proteina della coda del batteriofago P22 La catena polipeptidica risulta ripiegata a formare un ampio superavvolgimento ad elica formato da filamenti β separati da regioni loop I filamenti β si allineano a formare 2 o 3 foglietti β paralleli che racchiudono un core riempito dagli atomi delle catene laterali.

50 Eliche beta parallele a 2 foglietti Elica β a 2 foglietti dove sono mostrati 3 superavvolgimenti completi dell elica. - Ogni unità strutturale è costituita da 18 residui che formano una struttura β-loop-β. - Ogni regione loop contiene sei residui di sequenza Gly-Gly-X-Gly-X-Asp-H-U-X dove U è un aminoacido con catena ingombrante e idrofobica, spesso una leucina. - Ioni calcio sono legati ad entrambe le regioni loop, stabilizzandole.

51 Eliche beta parallele a 3 foglietti - 2 dei foglietti β sono paralleli l un l altro e perpendicolari al terzo. - Ogni giro dell elica contiene 3 brevi filamenti β ognuno di 3-5 residui collegati da 3 regioni loop. - Uno dei loop è sempre costiuito solo da 2 residui, mentre gli altri 2 sono più lunghi e variano in dimensioni. -Quindi l elica β comprende comprende 3 foglietti β paralleli grossolanamente disposti come le tre facce di un prisma

52 Struttura della pectato liasi C

53 Banca Dati secondaria (viene fatta prima un analisi, una selezione ed infine viene eseguito l immagazzinamento dei dati) Classificazione delle proteine in base a similarità di sequenza e strutturali La funzione non è presa in considerazione in questa banca dati

54

55 Livelli di classificazione Class (α, β, mixed α-β, low 2ndry structure content) Architecture: stesso arrangiamento spaziale tra le strutture secondarie, ma connessioni diverse Topology: stesso fold Homologous superfamily: proteine con probabile ancestore comune Sequence Family: proteine con identità di sequenza (id >= 35%) e funzionalità

56 CLASS (C-level) Assegnata in modo automatico Class : secondary structure composition and contacts Class1 : Mainly Alpha Class2 : Mainly Beta Class3 : Mixed Alpha- Beta Class4 : Few Secondary Structures Class1 Class2 Class3 Class4

57 Architecture (A-level) -forma generale del dominio -descrizione dell arrangiamento della struttura secondaria indipendentemente dalle connessioni - Effettuata manualmente

58 Topology (T-level) Proteine che hanno la stessa topologia hanno fold simile e core abbastanza conservato, e quindi hanno strutture che sono simili ma con funzioni diverse. prende in considerazione le connessioni tra elementi di struttura secondaria, ovvero le connessioni tra motivi strutturali

59 Topology Il panorama non è identicamente rappresentato

60 Metodi di classificazione -avviene in maniera gerarchica, così che ogni proteina è riconosciuta attraverso un numero. -es: vuol dire che la proteina appartiene alla Classe 1, Architettura 10, Topologia 490 e Homologia 20. -ad ogni numero corrisponde una ed una sola proteina

61 Criteri di classificazione Step 1 : si selezionano serie di strutture su PDB (risolte per diffrazione o NMR a risoluzione di almeno 3.0 Å) Step 2: Comparazione di sequenze: proteine con identità di sequenza >35% vengono messe a livello S Step 3: dividere proteine in domini per poi analizzarle singolarmente. L assegnamento della classe è automatico perché utilizza una procedura che esamina la composizione della struttura secondaria analizzando il valore degli angoli Φ e ψ. Step 4: Comparazione di struttura per definire H e T in maniera automatica utilizzando il programma SSAP

62 SSAP (Sequence Structure Alignement Program) Programma di comparazione strutturale Compara distanze tra residui in modo sequenziale. Il parametro utilizzato per la classificazione è il numero S che è proporzionale all inverso della sommatoria di queste differenze. Tanto è più piccola questa differenza tanto più saranno simili le strutture e tanto più S sarà grande. Se S è uguale a 100 le strutture sono completamente identiche. La soglia è S=70 per il livello T, e di S= 80 per il livello H. Quindi tra 70 e 80 la proteina viene classificata nel livello T o da 80 in su viene classificata nel livello H.

63

64

65 Codice PDB Codice CATH Parole chiave Accesso tramite link da altri database (es. PDB)

66

Macromolecole Biologiche. I domini (II)

Macromolecole Biologiche. I domini (II) I domini (II) Domini β Nonostante l elevato numero di possibili disposizioni di filamenti β (a costituire foglietti β antiparalleli) connessi da tratti di loop, i domini β più frequentemente osservati

Dettagli

Macromolecole Biologiche. I domini (I)

Macromolecole Biologiche. I domini (I) I domini (I) I domini I motivi generalmente si combinano a formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita da uno o più domini. I domini sono definiti come una

Dettagli

Macromolecole Biologiche. I domini (III)

Macromolecole Biologiche. I domini (III) I domini (III) Domini α/β La cross over connection è l unità costitutiva su cui si basa la topologia di 3 tipi di domini α/β osservati nelle proteine: - α/β barrel - motivi ricchi di Leu (fold a ferro

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 7 La struttura delle proteine Concetti chiave: La struttura terziaria di una proteina descrive il ripiegamentodei suoi elementi

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita i da unoo più domini.

formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita i da unoo più domini. Idomini(I) I domini I motivi generalmente si combinano a formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita i da unoo più domini. I domini sono definiti come parte

Dettagli

Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE

Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE LE PROTEINE possono assumere 4 LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE STRUTTURA PRIMARIA SEQUENZA degli amminoacidi STRUTTURA SECONDARIA Ripiegamento locale

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

I motivi generalmente si combinano a formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita da uno o più domini.

I motivi generalmente si combinano a formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita da uno o più domini. I motivi generalmente si combinano a formare strutture globulari compatte, chiamate domini. Una proteina può essere costituita da uno o più domini. I domini sono definiti come una catena polipeptidica

Dettagli

STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE

STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso secco. Svolgono funzioni biologiche

Dettagli

strutture di Proteine

strutture di Proteine Laboratorio di Bioinformatica I Database di strutture di Proteine Dott. Sergio Marin Vargas (2014 / 2015) Dal gene alla proteina La funzione della proteina è nella sua struttura 3D. Struttura delle proteine

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Gerarchia della struttura delle proteine

Gerarchia della struttura delle proteine Si indica con CONFORMAZIONE la disposizione tridimensionale degli atomi di una molecola, cioè la loro organizzazione spaziale. Gerarchia della struttura delle proteine struttura primaria: sequenza degli

Dettagli

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI PROTEINE sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI Unione di elementi chimici diversi Il composto chimico principale è il C (carbonio) Sono quattro gli elementi chimici principali che formano le proteine : C (carbonio),

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

Peptidi, proteine ed e nzim i i 1

Peptidi, proteine ed e nzim i i 1 Peptidi, proteine ed enzimi 1 Gli amminoacidi possono formare catene Due amminoacidi possono unirsi tra loro attraverso il legame ammidico detto legame peptidico, tra il gruppo NH 2 di un amminoacido e

Dettagli

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente Gli amminoacidi naturali sono α-amminoacidi : il gruppo amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente formula generale: gruppo funzionale carbossilico

Dettagli

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica.

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. Concanavalina A Emoglobina subunità Trioso fosfato isomerasi Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. 1 La conformazione è

Dettagli

Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine.

Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine. Struttura di proteine Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine. Correlazioni struttura-funzione Gli amminoacidi

Dettagli

Relazione struttura-funzione

Relazione struttura-funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione struttura-funzione Marco Nardini Dipartimento di Scienze

Dettagli

Struttura delle proteine

Struttura delle proteine Struttura delle proteine Nelle proteine vi sono quattro livelli di organizzazione strutturale Struttura Primaria: sequenza di aminoacidi legati tra loro da legami peptidici Tutte le proteine esistenti

Dettagli

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012 Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI andidato: Marcello Dolano 5 I Relatore: prof. Mauro Tonellato NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI

Dettagli

corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata

corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata STRUTTURA DELLE PROTEINE Peptide: corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata Polipeptide (proteina): lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 9 Funzioni delle proteine Concetti chiave: La varietà strutturale delle proteine consente loro di svolgere un enorme quantità

Dettagli

Indice. Dalla sequenza alla struttura. 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura delle proteine 2. 1.1 Gli amminoacidi 4

Indice. Dalla sequenza alla struttura. 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura delle proteine 2. 1.1 Gli amminoacidi 4 Indice Prefazione XIII Protein Data Bank: una nota degli autori XIV Nota all edizione italiana XV Ringraziamenti XVI CAPITOLO 1 Dalla sequenza alla struttura 1.0 Visione d insieme: funzione e architettura

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE Lo studio delle relazioni tra struttura e funzione nelle biomolecole è uno degli aspetti più importanti per la comprensione del funzionamento dei processi biologici La

Dettagli

Domini nelle Proteine

Domini nelle Proteine Struttura secondaria, Motivi e Domini nelle Proteine Proprietà generali Le forme ioniche degli aminoacidi, senza considerare alcuna ionizzazione delle catene laterali. Proprietà generali Tutti gli aminoacidi

Dettagli

Capitolo 17. Risposte alle domande interne al capitolo. 17.1 (p. 501) a. glicina. b. prolina. c. treonina. d. aspartato

Capitolo 17. Risposte alle domande interne al capitolo. 17.1 (p. 501) a. glicina. b. prolina. c. treonina. d. aspartato apitolo 17 Risposte alle domande interne al capitolo 17.1 (p. 501) a. glicina b. prolina c. treonina d. aspartato e. 17.2 (p. 501) a. La glicina è un aminoacido idrofobico. b. La prolina è un aminoacido

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

Rappresentazione dei Dati Biologici

Rappresentazione dei Dati Biologici Rappresentazione dei Dati Biologici CORSO DI BIOINFORMATICA C.d.L. Ingegneria Informatica e Biomedica Outline Proteine ed Amminoacidi Rappresentazione di Amminoacidi Rappresentazione delle strutture Proteiche

Dettagli

aa 2013-14 Proteine Struttura delle Proteine α Amminoacidi

aa 2013-14 Proteine Struttura delle Proteine α Amminoacidi Proteine Biopolimeri degli α-amino acidi. Amino acidi sono uniti attraverso il legame peptidico. Alcune funzioni: Struttura (collagene, cheratina ecc.) Enzimi (maltasi, deidrogenasi ecc) Trasporto (albumine,

Dettagli

AMMINOACIDI E PROTEINE

AMMINOACIDI E PROTEINE AMMINOACIDI E PROTEINE Vengono chiamate amminoacidi quelle molecole organiche in cui sono contemporaneamente presenti sia un gruppo acido carbossilico -COO che un gruppo amminico -N2. Una molecola appartenente

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI Struttura dei nucleotidi Il gruppo fosfato conferisce carica negativa e proprietà acide FUNZIONI DEI NUCLEOTIDI MOLECOLE DI RISERVA DI ENERGIA L idrolisi dei nucleosidi trifosfato

Dettagli

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice MEMBRANA 1. Legame recettore-ligando 2. oligomerizzazione 3. Attivazione TYR-K -Dominio citosolico dei RTK -Reclutamento TYR-K (src, jak, fak, abl) 4.

Dettagli

Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa

Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa Gli amminoacidi Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa classe di molecole: p. es. la catalisi delle

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA Email: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Legame al GMPciclico COOH

Legame al GMPciclico COOH Moduli strutturali delle proteine Nelle proteine è possibile individuare alcune strutture caratterizzate da omologia, che svolgono particolari funzioni, e che si ritrovano in proteine diverse. Si può parlare

Dettagli

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2 Emoglobina (Hb): tetramero (le globine si associano formando due copie di dimeri αβ (α 1 β 1 e α 2 β 2 ) che si associano a formare un tetramero attraverso interazioni idrofobiche, legami H e ponti salini

Dettagli

dominio strutturale dominio modulo

dominio strutturale dominio modulo Riepilogo 2^lezione DOMINI Si definisce dominio strutturale (o dominio o modulo) di una proteina: un'unità globulare o fibrosa formata da catene polipeptidiche ripiegate in più regioni compatte le quali

Dettagli

La biochimica è anche definita la chimica del C :

La biochimica è anche definita la chimica del C : Tutte le cellule viventi sono composte da macromolecole simili, costituite dalle stesse piccole molecole di base. La grande diversità è data dalle diverse combinazioni di 4 principali elementi C H O N

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

I gruppi R differenziano i 20 amminoacidi standard. Tratto da D. Voet, G. Voet e C.W. Pratt Fondamenti di biochimica

I gruppi R differenziano i 20 amminoacidi standard. Tratto da D. Voet, G. Voet e C.W. Pratt Fondamenti di biochimica Gli aminoacidi NOMENCLATURA Aminoacido Abbr. tre lettere Abbr. una lettera Aminoacido Abbr. tre lettere Abbr. una lettera Alanina ALA A Lisina LYS K Arginina ARG R Metionina MET M Asparagina ASN N Fenilalanina

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Macromolecole Biologiche. Chimica Biologica A.A. 2010-2011. Struttura Terziaria

Macromolecole Biologiche. Chimica Biologica A.A. 2010-2011. Struttura Terziaria Macromolecole Biologiche Chimica Biologica A.A. 2010-2011 Struttura Terziaria Domini e struttura terziaria Struttura terziaria L arrangiamento spaziale degli amminoacidi di una singola catena polipeptidica

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali

Le proteine. Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali Le proteine Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali LE PROTEINE HANNO FUNZIONI BIOLOGICHE DIVERSE enzimi proteine di trasporto proteine strutturali proteine di

Dettagli

la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero dominio in genere da 50 a 300 residui

la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero dominio in genere da 50 a 300 residui Durante la traduzione l informazione di ripiegamento codificata nella sequenza aminoacidica diventa disponibile in maniera vettoriale la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero

Dettagli

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz LA MEMBRANA www.fisiokinesiterapia.biz Struttura della membrana Le membrane sono fondamentali per la vita della cellula Racchiudono la cellula definendone i confini e mantenendo le differenze fondamentali

Dettagli

Le idee della chimica

Le idee della chimica G. Valitutti A.Tifi A.Gentile Seconda edizione Copyright 2009 Zanichelli editore Capitolo 25 Le basi della biochimica 1. I carboidrati 2. I lipidi 3. Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine 4. La struttura

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

- CINETICA ENZIMATICA

- CINETICA ENZIMATICA - CINETICA ENZIMATICA ENZIMI: - CATALIZZATORI aumenta la V di una reazione chimica senza subire trasformazioni durante l intero processo - PROTEINE gli enzimi sono proteine di struttura 3 o talora 4 -

Dettagli

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua I LIPIDI I LIPIDI - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua - ruolo fondamentale di fornitori di energia (circa 9 kcal/grammo),

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Costituzione dei viventi

Costituzione dei viventi Costituzione dei viventi La materia e costituita da elementi chimici in forma pura o in combinazioni dette composti 25 dei 92 elementi naturali sono costituenti essenziali dei viventi 4 (C, O,, N) costituiscono

Dettagli

Continua. Peptidasi H 2 O

Continua. Peptidasi H 2 O Continua Peptidasi H 2 O Classificazione delle peptidasi 1. Meccanismo catalitico 2. Tipo di reazione catalizzata 3. Struttura molecolare e omologia 1. Meccanismo catalitico (mostrato per la chimotripsina)

Dettagli

trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano

trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano Struttura Acidi Nucleici RNA, DNA acidi nucleici = polinucleotidi (polimeri di nucleotidi) in cui

Dettagli

Gli attivatori trascrizionali sono delle proteine modulari. domini funzionali sovrapposti

Gli attivatori trascrizionali sono delle proteine modulari. domini funzionali sovrapposti Gli attivatori trascrizionali sono delle proteine modulari domini funzionali sovrapposti DIMOSTRAZIONE SPERIMENTALE DI DOMINI FUNZIONALI SEPARATI NEL TF DI LIEVITO GAL 4! Esperimenti di Ptshane. Cellule

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

E il server più utilizzato, permette di tracciare tutte le operazioni che svolge e di impostare alcuni parametri importanti per il risultato finale.

E il server più utilizzato, permette di tracciare tutte le operazioni che svolge e di impostare alcuni parametri importanti per il risultato finale. Homology modelling L omology modeling delle proteine è il tipo di predizione di struttura terziaria più semplice ed affidabile. Viene richiesta soltanto una (o più) sequenze di riferimento su cui modellare

Dettagli

AMINOACIDI - 1 AMINOACIDI - 2

AMINOACIDI - 1 AMINOACIDI - 2 AMINOAIDI - 1 Proteine (gr. pròtos = primo) 50-80% peso secco cellulare GENE POTEINA EFFETTO proteine calore idrolisi acida o alcalina α-aminoacidi proteasi Struttura generale degli α-aminoacidi primari

Dettagli

Struttura delle proteine

Struttura delle proteine Struttura delle proteine I II III Copyright 2001-2015 by Giorgio Sartor. All rights reserved. Versione 1.0.2 oct 2015 Struttura quaternaria Èil livello di organizzazione per il quale si formano strutture

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. Prof. Augusto Parente. Lezione 7. DiSTABiF. Corso di Laurea in SCIENZE BIOLOGICHE

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. Prof. Augusto Parente. Lezione 7. DiSTABiF. Corso di Laurea in SCIENZE BIOLOGICHE Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Corso di Laurea in SCIENZE BIOLOGICHE Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Prof. Augusto Parente Anno Accademico 2014-15 Lezione 7 Mioglobina Emoglobina po

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

EMOGLOBINA ... www.pianetachimica.it

EMOGLOBINA ... www.pianetachimica.it EMGLBIA www.pianetachimica.it L'emoglobina è una proteina specializzata nel trasporto di ossigeno, si trova all interno dei globuli rossi del sangue ai quali conferisce il caratteristico colore rosso intenso.

Dettagli

Chaperon molecolari e ripiegamento delle proteine

Chaperon molecolari e ripiegamento delle proteine UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Scienze Applicate ai Biosistemi Biochimica e Biologia Molecolare Chaperon molecolari e ripiegamento

Dettagli

Predizione della struttura terziaria

Predizione della struttura terziaria Predizione della struttura terziaria Metodi di predizione La predizione della struttura tridimensionale è di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Sperimenta il BioLab

Sperimenta il BioLab Sperimenta il BioLab Attività di Bioinformatica Le proteine in 3D Università degli Studi di Milano Settore Didattico, via Celoria 20, Milano Laboratorio 105 LE PROTEINE IN 3D Obiettivo dell'attività è

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi Le proteine Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi (D. Voet, J.G. Voet, Biochemistry, 3 ed., John Wiley & Sons, 2004) PROTEINE come ATTUATORI nella cellula Trasporto elettronico Trasporto di ioni e

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE Nell ultima fase della sintesi proteica la catena polipeptidica neosintetizzata assume spontaneamente la sua conformazione nativa (massimo numero di legami

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi 4x4x4=4 3 =64 codoni 20 aminoacidi 1 Le 20 diverse catene laterali (gruppo R) che costituiscono gli aminoacidi si differenziano considerevolmente per dimensioni, volume e per le loro caratteristiche fisico-chimiche,

Dettagli

Rapporto Struttura/Funzione delle Proteine

Rapporto Struttura/Funzione delle Proteine Macromolecole Biologiche Chimica Biologica A.A. 2010-2011 Rapporto Struttura/Funzione delle Proteine Struttura/Funzione delle Proteine Interazioni proteina-ligando come base della funzione di molte proteine

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

Membrane Biologiche preservano l individualità della cellula hanno permeabilità altamente selettiva pompe confine attivo canali controllano il flusso di informazione recettori specifici movimento verso

Dettagli

2 H H + O=O 2 H2O un legame chimico si rompe se si forma un altro legame chimico

2 H H + O=O 2 H2O un legame chimico si rompe se si forma un altro legame chimico RNA DNA Cl Cl Cl* + Cl* la rottura di un legame chimico può portare a formare radicali liberi 2 H H + O=O 2 H2O un legame chimico si rompe se si forma un altro legame chimico Strutture del DNA: a doppia

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 2 Versatilità del carbonio nel formare legami covalenti La chimica degli organismi viventi è organizzata intorno al

Dettagli

2011 - G. Licini, Università di Padova. La riproduzione a fini commerciali è vietata

2011 - G. Licini, Università di Padova. La riproduzione a fini commerciali è vietata Ammino acidi Composto che contiene una funziome acida e amminica. Usualmente però con amminoacidi si intendono gli alfa- amminoacidi. Tra questi composti ve ne sono 20 che vengono definiti geneticamente

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Lezione 2. Sommario. Bioinformatica. Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine. Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi

Lezione 2. Sommario. Bioinformatica. Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine. Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi Lezione 2 Bioinformatica Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine Dip. Informatica e Automazione Università Roma Tre Dip. Medicina Clinica Università

Dettagli

La classificazione dei lipidi

La classificazione dei lipidi La classificazione dei lipidi Concetti chiave Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA la replicazione del DNA viene effettuata da ENZIMI: DNA-polimerasi (catalizza la formazione del legame fosfodiestere) ogni filamento fa da stampo (enzima diretto dallo stampo) le DNA-polimerasi

Dettagli

i principi alimentari

i principi alimentari i principi alimentari CARBOIDRATI glucidi PROTEINE protidi GRASSI lipidi VITAMINE SALI MINERALI ACQUA 1 carboidrati glucidi o zuccheri sono composti di carbonio, idrogeno e ossigeno Lo zucchero più semplice

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli