PROGRAMME SPECIFICATION OF THE FASHION DESIGN THREE YEAR COURSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMME SPECIFICATION OF THE FASHION DESIGN THREE YEAR COURSE"

Transcript

1 English version PROGRAMME SPECIFICATION OF THE FASHION DESIGN THREE YEAR COURSE 0 Brief descriptive summary Over the past 78 years this programme at Istituto Marangoni has grown and developed alongside the thriving Italian fashion and design industry. Through an exciting curriculum aimed to develop practical, creative and business and management skills, which are both subject specific and relevant to the international fashion industry, these courses will turn out students fully equipped for a career in Fashion Design, Fashion Styling, Fashion Business, Graphic Design, Interior Design and Product Design. Students will initially acquire basic skills, advancing over the 3 years into independent learners, ready for a career in their chosen profession. Three year course 1 Certification attained Istituto Marangoni private certificate Course information 2 Educational Aims and Course Aims Campus Education Aims: To develop flexible approaches to programme delivery and student support which reflect the needs and expectations of our students. To provide a supportive and inclusive learning environment which will enable success for all learners To encourage the development of students intellectual and imaginative powers, creativity, independence, critical self-awareness, imagination and skills that will enhance global employment opportunities on graduation in all programmes. To establish a culture of constant improvement in learning, teaching and assessment that is anticipatory, enabling, supportive, rewarding and fully aligned with the Institutions vision and strategic objectives. To provide a learning experience that is informed by research, scholarship, reflective practice and engagement with fashion and design industry and the professions. Course Education aims: Fashion Design: To produce students who have a breadth of skills and knowledge in design, pattern and garment technology, responding to the changing needs of the industry. They will be equipped to deal with existing and emerging technologies in today s apparel manufacturing and retailing environments, and have an understanding of business practices within the global clothing industry. We aim to send forth our graduates as independent life-long learners who can progress to industry, postgraduate study or a self-employed. Page 1 of 15

2 3 Course Learning Outcomes Educational Outcomes: On successful completion of their course of study students will be able to: apply skills of critical analysis to real world situations within a defined range of contexts; demonstrate a high degree of professionalism characterised by initiative, creativity, motivation and self management; express ideas effectively and communicate information appropriately and accurately using a range of media including ICT; develop working relationships using teamwork and leadership skills, recognising and respecting different perspectives; manage their professional development reflecting on progress and taking appropriate action; find, evaluate, synthesise and use information from a variety of sources; articulate an awareness of the social and community contexts within their disciplinary field. 1. Three years courses learning outcomes: On successful completion of the Fashion Design three years course, students will be able to: understand the fashion design process and, within that framework, have developed the creative, intellectual and technical skills necessary to practice within the fashion industry; apply both current and emerging relevant technology, with the intention of demonstrating their understanding of the role and application of these technologies; demonstrate their ability to collate and communicate ideas and information within a variety of roles in the fashion industry; engender a professional approach by demonstrating their skills to solve problems, evaluate evidence, conclude and present arguments appropriate for graduate employment or education at Postgraduate level. Page 2 of 15

3 4 Teaching/Learning and Assessment Strategy Curriculum The programme is offered as three and one year courses in the fashion and design subjects. The Programme is designed to facilitate the development of a student who will be highly employable and will allow them to investigate and develop their strengths. The programme will present students with a variety of approaches to learning and assessment strategies that will promote students intellectual, imaginative, analytical and critical judgement. It will allow students to develop understanding as well as their presentation and communication skills, which they will be able to demonstrate in a variety of forms. A combination of different learning and teaching methodologies are employed in order to promote reflective learning and develop generic transferable skills. Methods include: projects to encourage independent learning through investigation, enquiry and problem solving; group project to enhance interpersonal and collaborative skills; tutorials and group tutorials to facilitate shared experiences and best practice; seminars, formal lectures and workshops; study, trips, external projects and competitions present the students with another dimension to their leaning experience; guest speakers provide the students with a full, broader and real prospective to their specialist field of study. Students will have the opportunity to demonstrate their achievement of the intended learning outcomes through a variety of tests appropriate to their field of study. The Three years Fashion Design is delivered through a variety of learning and teaching methods, which include seminars, tutorials, workshop inductions, study visits, lectures, IT workshops, library sessions, group projects, and independent research. In the first year the unit framework will provide an opportunity for students from widely varied backgrounds and abilities to learn the fundamentals of drawing ensuring that by the end of the year they will become proficient in expressing their ideas in 2D with good presentation skills. Pattern cutting and construction classes throughout the first year will give students an introduction to the technical skills required and how they relate to, and are supported by academic practice. Students will compile a technical file, which includes construction, details and manipulations. Portfolio and Collection Creation Unit will help students aim towards the production of an individual portfolio and sketchbooks with photographic reference; sketches, ideas, collages, fabric samples and a range plan for different markets. A great deal of the focus is placed on working towards practical output through projects set by tutors. The units comprising the second year are designed to encourage students to experiment widely and challenge their existing ideas and approach to design implementing skills learnt on the first year. To this end, tutors will encourage the students to experiment and develop their own personal style. Students will target their collections to a variety of market segments. The creative work will take place in the design and pattern making studio, a realistic working environment in which students experiment with fabrics, print, pleating, silhouettes and details. Students will work with fabric suppliers, print/knit technicians and tailors towards the production of their capsule collection, developing their practical skills with the support of tutors. Second year units will prepare students to express, evaluate and present ideas and information clearly in a variety of forms appropriate to the situation and audience. At this level, students will be introduced to the practice of keeping Reflective Learning Journals. Page 3 of 15

4 Whereas second year encourages diverse experimentation and a challenging approach to thinking, on the third year students skills are honed to increasingly produce well-informed finished pieces of work that communicate their ideas. By this stage the students are aiming to work as independent practitioners. Fashion Marketing within units will help students to research and analyse different markets, understand consumer demographics, competitors, price points, marketing methods, promotion and the preparation of a business plan. At this level of study the student will be equipped to work as a self-employed entrepreneur. The introduction to Reflective Learning Journals on the second year will endow them with the self-analysis necessary to become independent thinkers at on the third year. A portfolio of developmental work will support the final major project, the Collection Design Unit. It will demonstrate the culmination of the students studies and enable them to develop work capable of confronting clients, employers, sponsors and curators. At the end of the third year, students have the chance to face, according to a special commission direction, a choice of units: either Collection Development, which allows students to develop their collection further in relation to industry or Industry Portfolio Preparation, which prepares students for interview with a specific company or market level. Both these Units play to the students strengths. The Theory Units run through all 3 years of the three-year Fashion Design course forming a firm basis for studio practice. The first year Theory unit, History of Art and Dress, is designed to paint a broad picture of the evolution of Art and Dress from early evidences, e.g. Mesopotamia, Ancient Egypt to the end of the 19th Century. The element of Dress will be taught in terms of cut and construction, the development of fabrics & materials, jewellery design, footwear, and hair & makeup. Students will explore the relationship between artistic movements and the development of dress, within a wider social, cultural, historical and political framework. They will draw parallels between artistic movements and the way they are interpreted in recent fashion collections. Students will become competent both in the demands of academic study and in the skills of effective communication in written format. They will access electronic archives and databases and a range of library resources, relevant to their discipline. On the second year, Fashion and Cultural Contemporary Perspectives, starts with a presentation of contemporary developments in Fashion Studies from 1900 to the present day. In the second and third terms students select one option from those on offer: 1. Fashion and Consumerism 2. Fashion Photography and Desire 3. Gender Identity and the Body 4. Future-Fashion On the third year, Researching Theory and Practice, will give students the opportunity to critically research, and through their investigations, gain expert knowledge of a specialist area within their studio practice. It will be expected that their choice of subject will be able to sustain sufficient breadth and depth of enquiry, to review elements of the social, economic, cultural, and historical implications of their area of study. Course Specific Assessment Criteria The methods of assessment used give breadth and depth, which allow for both the formative and summative assessment of every student at each stage of the programme. Assessment methods to support learning: The Fashion Studies Programme uses a balanced assessment system, both summative and formative as an integral part of gathering information on student learning. Different forms of assessment can, and where appropriate should, be used to test different types of skills and learning. Formative Assessment: Formative assessment informs both teachers and students about student understanding at a point when timely adjustments can be made. In formative assessment students could be involved in the assessment process. Page 4 of 15

5 These formative assessment situations will also give students an opportunity to learn to critique the work of others. Some of the instructional strategies that will be used formatively include the following: criteria and goal setting: asking students to participate in establishing what should be included in criteria for success; self and peer assessment: With peer evaluation, students see each other as resources for understanding and checking for quality work against previously established criteria; student record keeping: helps students better understand their own learning as evidenced by their classroom work. This process of students keeping ongoing records of their work not only engages students, it also helps them, beyond a "grade," to see where they started and the progress they are making toward the learning goal. Summative Assessments: These assessments are a means of gauging student learning, at a particular point in time, relative to established marking criteria. Summative assessments can occur during as well as at the end of each unit and concentrate on specific evidence of student work, examples as follows: Portfolio Assessment is used to assess a variety of projects that have been developed throughout the unit. Practical Coursework allows the students to demonstrate their understanding and application of practical areas of study. Written Reports are required is some study areas, where a clear and structured brief is provided and the students are asked to submit work to me marked independently and anonymously by staff. Formal Examinations are required is some study areas. Presentations are used in some subjects to allow the student to develop their professional communication and presentation skills. Student Projects are used when the student is required to submit work to be marked independently and anonymously. 5 Course structures Fashion Design three years course Year 1 Core Units Code Status Unit Title AD Core Architecture of Design FED Core Fabric Exploration & Design PCC Core Portfolio & Collection Creation HAD Core History of Art and Dress Year 2 Core Units Code Status Unit Title BR Core Brand Revival AFI Core Art & Fashion Interface PS Core Personal Style FCCP Core Fashion, Culture and Contemporary Perspectives Page 5 of 15

6 Year 3 Core Units Code Status Unit Title PC Core Pre-Collection CD Core Collection Design RTP Core Researching Theory and Practice Optional unit Choose one of the following unit CD According to the Collection Development commission direction IPP According to the commission direction Industry Portfolio Preparation 6 Personal Development Planning The Personal Development Plan is defined as a structured and supported process to develop the capacity of individuals to reflect on their own learning and to plan for their own personal and educational career development. All students are free to participate to this Project, through seminars delivered by the school. Then they will be assisted in setting some development goals. Success in achieving these goals will be determined through their studies and through extra-curricular activities etc.. At the end of the course all students are given the opportunity to meet with the campus placement officer and discuss their future employment possibilities. 7 Career service for three years courses The purpose of the Career service is to bridge the gap between Istituto Marangoni and the job market. To do so, monitoring and counselling activities are organised throw the academic year. Career service organises seminars and round table discussions with fashion professionals, HR managers and head hunter usually on specific topics such as career paths, personal research methods and job figures. Are also provided individual meetings in which Cvs and portfolios are revised encouraging students to talk about their career goals and expectations. 8 Course Admission Requirements To register for the three-year and one-year course candidates must have a high school diploma. Academic references and titles is the key requirement. All non-mother tongue students will need to have at least a basic knowledge of the language spoken in the selected course. 9 Programme Leader Responsibilities They will have the responsibility for implementing the strategic direction of the courses within their programme and for co-ordinating the academic administration necessary for its successful day-to-day operation. Responsibilities Programme Leader s job profile will combine the roles of the Unit Tutor. His/her responsibilities will, therefore, include: 1. chairing the Programme Committee, and arranging for such meetings of the Committee as Page 6 of 15

7 considered appropriate; 2. acting as the Chief Executive Officer to the programme. As such he/she will be responsible, within the agreed policies of the Programme Committee, and Academic Boards, for the efficient operation of the programme as approved by the Institute; 3. all matters pertinent to the proper day-to-day operation of the programme involving leading, supporting and encouraging their teaching team; 4. advise the Programme Committee on its proper responsibility for the continuing development of the programme; 5. liaise on behalf of the Programme Committee with all staff as appropriate; 6. be empowered to take on behalf of the Programme Committee any reasonable action with respect to the proper functioning of the programme; 7. assess the value of the unit in terms of staff delivery and integration with the rest of the programme. 8. recommend areas for curriculum development; 9. co-ordinate the assessment schedule for the Unit and ensure that it is communicated to students and the director of education; 10. liaise with Student Support Officers to ensure that appropriate study support is available; 11. recommend the appropriate level of resource required for the Unit and liaise with the teaching team; 12. undertake in training and professional development and contribute to the training of others; 13. actively participate and organise Peer Support system; 14. monitoring & responding to the student voice including regular meetings with the student Rep. 15. monitor Unit and course feedback and the student voice; 16. organise all areas of assessment procedures, facilitate monitoring, joint marking, internal verification; 17. maintaining the quality of academic standards by supporting the rules and regulations concerning exam procedures and conduct of the student and teaching team. Joint Responsibilities: admissions: management of admissions is undertaken by the administrative admissions manager whom coordinates and supports the subject specific Programme leader and the Campus Director of Education in dealing with interviews and portfolio assessments (where appropriate). 10 Student Support Strategy Istituto Marangoni s Departmental Policies ensure that various mechanisms are in place to enhance the student experience, in an academic, practical and pastoral way: a. Programme Leaders are set in place as a first point of call to acquaint students of their teaching programme; b. Faculty Student Support Officers for referral of students where appropriate; c. programme handbooks and assessment handbooks to give relevant information; d. induction programmes on using the Library, IT, campus facilities and Media Services, on the course contents and objectives; e. student group representatives elected to the programme Committee as the student voice; f. Programme Leaders guide students to the most appropriate help. Student Support Officers Istituto Marangoni provides Faculty Student Support Officers, who act as the first point of contact for students in both academic and personal counselling. A Faculty Student Support Officer is available for Master programmes and another for the three year courses and one-year programmes. For academic counselling, Student Support Officers will liaise with tutors to offer practical advice to resolve specific difficulties with presentation skills, research, essay writing and reflective learning journals. A written record of these tutorials will be kept in the student s file for reference and to assist in monitoring of student progress. Page 7 of 15

8 For matters of pastoral care the Student Support Officers will help in: - finding their way around campus and city; - managing their time; - dealing with stress; - exam tips; - getting the best from their course; - understanding and applying the school s rules; - anything else they would like to talk about. One-to-one appointments may be made by phone, through the receptionists or by . Students can expect to be seen almost immediately. 11 Student Assessment Student feedback is essential to programme development and student comments are used to enhance both the successful management of the programme and the teaching/learning strategies. Istituto Marangoni will gather student opinion in a variety of ways, which may include the following: informal contact with Programme Leader and subject Tutor, for example during lectures and seminars and through appointments with academic staff; end of Unit Evaluation; end of academic year online questionnaires where students will be invited to reflect on their overall experience in their campus. Issues will be taken to Programme Reflective Meetings and added to the Annual Academic Monitoring Report; Programme Committee. Istituto Marangoni would prefer that on most occasions students be identified when giving constructive feedback on the course and teaching methods. There might be occasions when it is not appropriate and IM recognizes this exception. In these instances, programme teams and central support services will ensure that anonymity and confidentiality is respected. In order to close the feedback loop and to communicate any improvements resulting from student participation at least once every academic year, programme teams relate back to students the actions taken in response to student views. Students will be asked to respond to a series of questions, for example, if they were clear about what they were meant to be learning on the unit, if the teaching had helped them learn effectively and if they have developed new or existing skills. The data will be analyzed and the Programme Leader will be required to comment on: Key strengths and issues arising from student performance; Key strengths and issues arising from student feedback; Actions and improvements for the next academic year. Page 8 of 15

9 Versione italiana SPECIFICHE DEL CORSO DI STUDI TRIENNALE IN FASHION DESIGN 0 Breve riassunto descrittivo Negli ultimi 78 anni il programma dei corsi presso Istituto Marangoni si è ampliato e sviluppato insieme alla fiorente industria italiana della moda e del design. Attraverso un accattivante programma di studi, mirato a sviluppare le capacità pratiche, creative, aziendali e gestionali, si formeranno studenti pienamente preparati per una carriera nel Fashion Design, nel Fashion Styling, nel Fashion Business, nel Graphic Design e Interior Design. Gli studenti acquisiranno inizialmente conoscenze basilari, per poi sviluppare nel corso dei tre anni competenze sempre più specifiche, fondamentali per una brillante carriera nella professione da loro scelta. Corso triennale 1 Titolo conseguito Certificato privato Istituto Marangoni Informazioni sul Corso di Studi 2 Obiettivi Formativi e obiettivi del Corso Obiettivi Formativi del Campus: Sviluppare metodi di studio idonei alla realizzazione del programma e al supporto degli studenti che riflettano i loro bisogni e le loro aspettative. Creare un ambiente favorevole all apprendimento che renda possibile il successo per tutti gli studenti. Incoraggiare lo sviluppo delle capacità intellettuali degli studenti, della loro creatività, indipendenza e coscienza critica, doti che potranno solo aumentare le opportunità di lavoro futuro a prescindere dal corso seguito. Favorire un costante miglioramento dell apprendimento da parte degli studenti, della docenza e dei criteri di valutazione che supporti e metta in luce la visione generale dell Istituto e i suoi obiettivi. Fornire un esperienza formativa fondata sulla ricerca, sulla cultura e sulla pratica che introduca alla professione nell industria della moda e del design. Obiettivi Formativi del Corso: Fashion Design: Formare studenti che dimostrino di possedere molteplici abilità e conoscenze nel campo del design e nelle tecniche di realizzazione di modelli e abiti, rispondendo alle mutevoli esigenze dell industria del fashion. Il nostro obiettivo primario è quello di permettere allo studente, grazie alle competenze acquisite, di farsi strada in modo indipendente verso il mondo lavorativo o un proseguo degli studi. 3 Risultati Formativi del Corso Risultati Formativi: Al termine del loro corso gli studenti saranno in grado di : applicare l analisi critica a situazioni reali in differenti contesti; dimostrare un alto livello di professionalità caratterizzato dall iniziativa, dalla creatività, dalla motivazione e dall auto-gestione; Page 9 of 15

10 esprimere idee efficacemente ed in modo appropriato utilizzando diversi mezzi di comunicazione includendo l ICT; sviluppare rapporti di lavoro utilizzando le capacità di team building e di leadership, riconoscendo e rispettando le diverse prospettive; individuare, valutare, sintetizzare ed utilizzare informazioni ottenute da diverse fonti. 2. Risultati Formativi del Corso Al termine del corso Triennale in Fashion Design, gli studenti saranno in grado di: Capire il processo del fashion design sviluppando le abilità creative, intellettuali e tecniche necessarie per operare nell industria della moda; Applicare tecnologie sia attuali che all avanguardia dimostrandone la comprensione e la capacità di utilizzarle; Dimostrare la capacità di confrontare e comunicare idee e informazioni nell ambito dei diversi ruoli che è possibile assumere all interno dell industria della moda. Dimostrare un approccio professionale denotando capacità di problem solving e di concludere e sostenere argomentazioni appropriate per iniziare un attività lavorativa o un proseguo degli studi. 4 Docenza/Apprendimento e Strategia di Valutazione Curriculum Il programma è offerto sotto forma di corsi triennali e one year specialistici nell ambito della moda del design. Il Programma di tutti i corsi è stato realizzato in modo da facilitare l apprendimento dello studente che sarà altamente qualificato e gli permetterà di introdursi nel mondo del lavoro sviluppando i propri punti di forza. Il programma permetterà agli studenti di assimilare diverse strategie di apprendimento che stimoleranno il giudizio intellettuale, immaginativo, analitico e critico di ciascuno e li renderà in grado di comunicare efficacemente le proprie idee. Verranno impiegate una combinazione di diverse metodologie di apprendimento e insegnamento in modo da favorire lo sviluppo delle competenze di ciascuno studente. I metodi comprendono: progetti per incoraggiare lo studio individuale attraverso la ricerca; progetti di gruppo per migliorare le relazioni interpersonali; lezioni pratiche in gruppi ridotti per facilitare la condivisione di esperienze e le best practice; seminari, lezioni formali e workshop; visite, progetti esterni e concorsi che mettano gli studenti a confronto con un altra dimensione nel loro iter formativo; Relatori esterni forniscono agli studenti una prospettiva completa, più ampia e reale delle possibilità di impiego nel loro ambito di studio. Gli studenti avranno l opportunità di dimostrare il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti attraverso una serie di prove appropriate al loro ambito di studio. Il corso Triennale in Fashion Design è basato su diversi metodi di apprendimento e di insegnamento, che includono seminari, tutorials, workshop, visite esterne, lezioni, workshop di IT, sessioni in biblioteca, progetti di gruppo e ricerca individuale. Al 1 anno il programma permette agli studenti, che abbiano un background di conoscenze, di apprendere le tecniche fondamentali del disegno rendendoli in grado, entro la fine dell anno, di realizzare le loro idee in 2D. Le lezioni di modellistica durante il primo anno, consentiranno agli studenti di acquisire le basi delle competenze specialistiche richieste supportate da attività pratiche. Gli studenti compileranno una scheda tecnica che includerà la costruzione, i dettagli e le manipolazioni dei capi. L unità Portfolio and Collection Creation aiuterà gli studenti nella produzione di un portfolio individuale e di un quaderno di schizzi con riferimenti fotografici, disegni, collage, campioni di tessuto e un piano di gamma per differenti mercati. Buona parte di questo corso sarà quindi concentrato su attività pratiche grazie ai progetti assegnati dai docenti. Page 10 of 15

11 Le unità del 2 anno hanno lo scopo di incoraggiare gli studenti a sondare e mettere in discussione le loro idee e ad avvicinarsi al design approfondendo le abilità assimilate al 1 anno. A questo fine gli insegnanti incoraggeranno gli studenti a sperimentare e sviluppare uno stile personale e a realizzare le collezioni in base alle esigenze di diversi segmenti di mercato. Il lavoro creativo avrà luogo nelle aule di design e modellistica, un ambiente di lavoro realistico nel quale gli studenti possono misurarsi con l utilizzo di tessuti e con la creazione di cartamodelli. Si lavorerà anche con professionisti del settore come fornitori di tessuti, stampatori e laboratori di sartoria per giungere alla produzione di una collezione capsula, sviluppando sempre più le abilità pratiche con il supporto dei docenti. Le unità del 2 anno preparano gli studenti a esprimere, valutare e presentare idee e informazioni in modo chiaro ed adeguato alla situazione e al mercato. A questo livello, gli studenti inizieranno a tenere il Reflective Learning Journal. Mentre il 2 anno incoraggia la sperimentazione e la riflessione, al 3 anno le capacità degli studenti vengono affinate per produrre lavori finiti ben realizzati che comunichino le loro idee. A questo punto infatti gli studenti mirano a lavorare come professionisti indipendenti. Inoltre il Fashion Marketing all interno delle unità aiuterà a ricercare e analizzare i diversi mercati, a capire la demografia dei consumatori, i competitor, i prezzi di vendita, i metodi di marketing, la promozione e la preparazione di un business plan. L introduzione del Reflective Learning Journal al 2 anno darà agli studenti le competenze necessarie per auto-analizzarsi e costruirsi un pensiero autonomo al 3 anno. Un portfolio di lavori supporterà il progetto finale, che rappresenterà per gli studenti un punto d arrivo e permetterà loro di sviluppare lavori che siano adeguati al confronto con i clienti, i datori di lavoro e gli sponsor. Alla fine del 3 anno, gli studenti potranno affrontare su indicazione di una commissione l unità di Collection Development che permette agli studenti di sviluppare maggiormente la loro collezione in rapporto all industria oppure Industry Portfolio Preparation che prepara gli studenti al colloquio con un impresa o un livello di mercato specifici. Entrambe queste unità mettono in risalto i punti di forza degli studenti. Le unità teoriche saranno tenute durante i 3 anni del corso in Fashion Design formando una solida base per la pratica dello studio. L unità teorica del 1 anno, History of Art and Dress, è pensata in modo da fornire un ampia panoramica sull evoluzione dell Arte e del Costume dalle testimonianze più antiche (la Mesopotamia, l Egitto Antico) fino alla fine del diciannovesimo secolo. Gli elementi di storia del costume analizzano lo sviluppo di tessuti e materiali, design di gioielleria, calzature, acconciature e trucco. Gli studenti esploreranno il rapporto tra i movimenti artistici e lo sviluppo dell abbigliamento in un contesto sociale, culturale, storico e politico. Stabiliranno parallelismi fra i movimenti artistici e il modo in cui sono interpretati nelle collezioni di moda più recenti. Gli studenti acquisiranno competenze sia nell ambito degli studi accademici che nella comunicazione scritta. Avranno accesso ad archivi e banche dati elettroniche e ad un ampia gamma di materiali bibliotecari rilevanti per la disciplina. Al 2 anno, l unità Fashion and Cultural Contemporary Perspectives inizia con una presentazione degli sviluppi contemporanei nei Fashion Studies dal 1900 al giorno d oggi. Nel percorso di studi gli studenti affronteranno: 5. Moda e Consumismo 6. Fotografia di Moda e Desiderio 7. Identità di Genere e il Corpo 8. Moda-Futuristica Al 3 anno, l unità Researching Theory and Practice, fornirà agli studenti l opportunità di ricercare in modo critico e di acquisire una conoscenza approfondita di un area specialistica all interno del loro ambito di studio. Ci si aspetterà da loro che la scelta dell argomento sia sostenuta da solide basi di ricerca che includano implicazioni sociali, economiche, culturali e storiche. Criteri di Valutazione Specifici del Corso I metodi di valutazione utilizzati rendono possibile una valutazione sia formative che summative di ogni studente a ogni livello del programma. Metodi di valutazione per supportare l apprendimento: Page 11 of 15

12 Il programma utilizza un sistema di valutazione equilibrato, sia summative che formative, come parte integrante del processo di raccolta di informazioni sul livello di apprendimento degli studenti. Formative Assessment (Valutazione Formativa): Il formative assessment informa sia i docenti che gli studenti del livello di comprensione della materia raggiunto in un momento in cui sono ancora possibili dei miglioramenti sul processo di apprendimento. Nel formative assessment, gli studenti potrebbero essere coinvolti nella valutazione. Queste situazioni di formative assessment daranno inoltre l opportunità agli studenti di imparare ad esaminare anche il lavoro degli altri. Alcune delle strategie di insegnamento che saranno utilizzate a livello formativo comprendono: Stabilire criteri e obiettivi: chiedendo agli studenti di partecipare alla scelta degli elementi che dovrebbero essere inclusi nei criteri di valutazione. Autovalutazione e Peer evaluation: con la valutazione dei compagni gli studenti possono giungere a capire e controllare la qualità dei propri lavori sulla base di criteri prestabiliti. Registrazione delle valutazioni dei lavori degli studenti: aiuta gli studenti a comprendere meglio il proprio processo di apprendimento come attestato dal lavoro in classe. Questa fase in cui gli studenti registrano i commenti dei docenti sui propri lavori non soltanto è fonte di motivazione, ma è, inoltre, un aiuto per valutare il progresso che stanno facendo nel raggiungimento dell obiettivo formativo. Summative Assessment (valutazioni finali): Queste valutazioni sono un modo di misurare l apprendimento degli studenti, in un momento specifico, in relazione ai criteri di valutazione stabiliti. Le valutazioni finali o summative possono aver luogo durante o alla fine di ogni unità e concentrarsi su elementi specifici del lavoro degli studenti, come nei seguenti esempi: Valutazione del Portfolio: viene utilizzata per valutare diversi progetti che sono stati sviluppati durante la unit. Coursework: permette agli studenti di dimostrare la loro comprensione e applicazione di aree di studio pratiche. Relazioni Scritte: sono richieste in alcune aree di studio, dove viene fornito un brief chiaro e strutturato e dove gli studenti devono consegnare il loro lavoro che viene poi valutato in modo indipendente dai docenti. Esami Scritti: sono richiesti in alcune aree di studio. Presentazioni: sono utilizzate in alcune materie per permettere agli studenti di sviluppare le loro capacità di comunicazione e presentazione professionali. Progetti degli Studenti: sono utilizzati quando lo studente è tenuto a consegnare lavori che saranno valutati individualmente. 5 Struttura del corso Corso Triennale Fashion Design Anno 1 Unità Fondamentali Codice Stato Titolo Unità AD Fondamentale Architecture of Design FED Fondamentale Fabric Exploration & Design PCC Fondamentale Portfolio & Collection Creation HAD Fondamentale History of Art and Dress Anno 2 Unità fondamentali Codice Stato Titolo Unità BR Fondamentale Brand Revival AFI Fondamentale Art & Fashion Interface PS Fondamentale Personal Style FCCP Fondamentale Fashion, Culture and Contemporary Perspectives Page 12 of 15

13 Anno 3 Unità Fondamentali Codice Stato Titolo Unità PC Fondamentale Pre-Collection CD Fondamentale Collection Design RTP Fondamentale Researching Theory and Practice Unità Opzionali Scegliere una delle opzioni elencate CD Su indicazione Collection Development della commissione IPP Su indicazione della commissione Industry Portfolio Preparation 6 Personal Development Planning (PDP - Programmazione dello Sviluppo Individuale) PDP/Tutorial di Sviluppo Individuale per i Corsi triennali Il personal Development Plan è definito come una procedura strutturata e sostenuta per sviluppare la capacità degli studenti di riflettere sul proprio apprendimento e di pianificare il proprio sviluppo personale e della carriera didattica. Tutti gli studenti potranno partecipare a questo progetto attraverso dei seminari messi a disposizione dall Istituto. In seguito saranno assistiti nel determinare gli obiettivi di sviluppo. Il raggiungimento di questi obiettivi verrà raggiunto sia attraverso gli studi che attraverso attività extracurriculari, ecc.. Alla fine del corso tutti gli studenti dei corsi triennali avranno l opportunità di incontrare il placement officer del proprio campus per discutere le possibilità di lavoro futuro. 7 Career service per i corsi triennali Il fine del career service è quello di colmare le distanze tra l Istituto Marangoni e il mercato del lavoro. Per far questo le attività di tutor e di supporto sono organizzate lungo tutto l arco dell anno accademico. Vengono organizzati seminari e discussioni con professionisti del settore, HR manager e haed hunter su argomenti specifici come direzioni professionali, metodi di ricerca del personale e dati occupazionali. Sono previsti anche incontri individuali in cui vengono suggeriti sviluppi e revisioni di CV e portfolio incoraggiando gli studenti a discutere i loro obiettivi professionali e le loro aspettative. 8 Requisiti per iscriversi Per potersi iscrivere ai corsi triennali ed annuali il candidato deve essere in possesso di un diploma di scuola media superiore. Le referenze accademiche e i titoli di studio sono il principale requisito. Tutti gli studenti non madrelingua devono avere una conoscenza minima della lingua del corso prescelto. 9 Le responsabilità dei Programme Leader I Programme Leader avranno la responsabilità di implementare le indicazioni strategiche relative ai corsi dei loro programmi di studio e di coordinare l amministrazione accademica necessaria per la loro operatività quotidiana. Responsabilità: Il profilo professionale dei Programme Leader si combina con il ruolo dello unit tutor. Le sue responsabilità Page 13 of 15

14 includono dunque: 1. Presiedere la Programme Committee, ed organizzare le riunioni in maniera appropriata. 2. Agire in qualità di capo operativo del programma, in maniera tale da fungere da responsabile, entro le politiche definite della Programme Committee e della direzione, per l operatività del programma, così come approvato dall Istituto. 3. Tutte le questioni legate nello specifico all operatività quotidiana che implichino la guida, il supporto e l incoraggiamento al proprio staff di insegnanti. 4. Consigliare la Programme Committee sulle proprie responsabilità per lo sviluppo continuo del corso di studi. 5. Operare appropriatamente in nome della Programme Committee con tutto lo staff. 6. Essere autorizzati a intraprendere qualunque ragionevole decisione in nome della Programme Committee nel rispetto del buon funzionamento del corso. 7. Valutare il valore delle unit in termini di insegnamento da parte del docente e di integrazione con il resto del programma. 8. Raccomandare aree di sviluppo del corso di studi. 9. Coordinare la pianificazione delle valutazioni per le unit ed assicurare che venga comunicata agli studenti e al direttore degli studi. 10. Collaborare con gli Student Support Officers per garantire un supporto allo studio adeguato 11. Raccomandare un livello appropriato di risorse necessarie per le unit e collaborare con il corpo docenti. 12. Impegnarsi nella propria formazione e sviluppo professionale e a migliorare la preparazione dei colleghi. 13. Partecipare attivamente e organizzare il sistema di Peer Supporting. 14. Monitorare e rispondere alla student voice, inclusi gli incontri periodici con i rappresentanti degli studenti. 15. Monitorare i feed-back su unit, corsi e lo student voice; 16. Organizzare le procedure di valutazione, facilitare il monitoraggio, le votazioni congiunte e le verifiche interne. 17. Mantenere la qualità degli standard dell Istituto supportando le regole e i regolamenti relativi alle procedure di esame e di condotta di studenti e corpo docente. Responsabilità congiunte: Ammissioni: La gestione delle ammissioni è gestita dal responsabile amministrativo delle ammissioni, che coordina e supporta il Programme Leader della materia specifica ed il direttore degli studi di campus nel gestire i colloqui e la valutazione dei portfolio (ove pertinente). 10 Strategia di Supporto allo studente Le policy di Istituto Marangoni assicurano che vi siano in atto vari meccanismi per migliorare l esperienza degli studenti dal punto di vista accademico e pratico: a. I Programme Leader costituiscono il primo punto di riferimento da contattare per gli studenti dei loro corsi di appartenenza; b. Gli Student Support Officers per i casi di studenti rimandati, quando appropriato. c. I manuali del corso e quello di valutazione per fornire informazioni rilevanti; d. I corsi di introduzione all uso della biblioteca, all IT, alle attrezzature di campus e ai servizi Media, ai contenuti ed obiettivi dei corsi; e. Il gruppo di rappresentanti degli studenti eletti per la commissione di corso come prima forma di rappresentanza dello studente; f. I Programme Leader guidano gli studenti all aiuto più appropriato. Gli Student Support Officer Page 14 of 15

15 L Istituto Marangoni dispone di figure professionali denominate Student Support Officers primo punto di contatto per gli studenti che necessitano di sostegno a livello personale e accademico. C è uno Student Support Officer disponibile per i corsi Master ed un altro per i corsi triennali ed i One-year. Per il sostegno accademico gli Student Support Officer collaboreranno con gli insegnati per offrire consigli pratici per risolvere difficoltà specifiche relative alle capacità di presentazione, ricerca e redazione dei reflective learning journals. Per aiutare a monitorarne i progressi nello storico dello studente si archivierà documentazione scritta di questi incontri. Per questioni di sostegno e guida lo Student Support Officer aiuterà lo studente: Ad orientarsi nel campus e in città; A gestire il proprio tempo; A gestire lo stress; Con suggerimenti per affrontare gli esami; A trarre il meglio dai corsi; A comprendere e mettere in pratica il regolamento di Istituto; Per ogni altra questione riguardante situazioni che potrebbero avere un impatto sui risultati scolastici. Si possono fissare appuntamenti via telefono, attraverso la reception e via mail. Gli studenti verranno ricevuti immediatamente oppure, indicativamente, entro 48 ore dal primo contatto. 11 Valutazione degli Studenti Il feedback degli studenti è essenziale per lo sviluppo degli programmi e i commenti vengono utilizzati per per migliorare la gestione del programma e le strategie di docenza/apprendimento. Istituto Marangoni raccoglierà l opinione degli studenti in differenti modalità: Colloqui informali con il Programme Leader ad esempio durante le lezioni o i seminari e attraverso appuntamenti con il personale docente; Valutazione di Fine Unità; Questionari internet di fine anno accademico dove gli studenti saranno invitati a riflettere sulla loro esperienza generale nel campus. Le questioni sollevate saranno portate ai Programme Reflective Meetings e aggiunte nell Annual Academic Monitoring Report; Commissione di Programma L Istituto Marangoni preferirebbe che nella maggior parte dei casi gli studenti si identificassero quando danno un feedback sul corso e sui metodi di insegnamento. Ci potranno però essere occasioni dove questo non è opportuno e l IM riconosce questa eccezione. In tal caso, i programme teams e servizi centrali di supporto assicureranno che l anonimità e la riservatezza siano rispettate. Per chiudere il cerchio del feedback e per comunicare eventuali miglioramenti risultanti dalle segnalazioni degli studenti, raccolte almeno una volta ogni anno, i programme teams riferiranno i provvedimenti presi a seguito delle loro indicazioni. Una serie di domande saranno poste agli studenti, ad esempio se dall inizio del corso hanno avuto un idea chiara di quello che avrebbero imparato nell unità, se l insegnante li ha aiutati ad imparare efficacemente e se sentono di aver sviluppato abilità nuove. I dati saranno analizzati e il Programme Leader dovrà commentare: I principali punti di forza e debolezze sorti dalle indicazioni dello studente; I principali punti di forza e debolezze sorti dal feedback dello studente; Eventuali miglioramenti per il prossimo anno di corso. Page 15 of 15

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli