Tafter Journal. Esperienze e strumenti per cultura e territorio. Interazioni tra media per un museo virtuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tafter Journal. Esperienze e strumenti per cultura e territorio. Interazioni tra media per un museo virtuale"

Transcript

1 Tafter Journal Esperienze e strumenti per cultura e territorio n.1/2007 Interazioni tra media per un museo virtuale Elisa Giaccardi* Silence of the Lands è un museo virtuale localizzato a Boulder, in Colorado (USA) sul silenzio della natura. Il progetto, basato su tecniche di locative and tangibile computing, promuove un modello di realtà virtuale che rafforza il ruolo attivo e propositivo delle comunità locali nella interpretazione, salvaguardia e rinnovamento della quiete naturale, quale importante fattore del patrimonio ambientale. *Ricercatore Associato presso il Center for LifeLong Learning and Design (L3D)- Department of Computer Science dell'università del Colorado Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da Registrazione Tribunale di Roma n. 225/2007 del 12 giugno 2007

2 Elisa Giaccardi Silence of the Lands è un museo virtuale localizzato a Boulder, in Colorado (USA) sul silenzio della natura. Il progetto, basato su tecniche di locative and tangibile computing, promuove un modello di realtà virtuale che rafforza il ruolo attivo e propositivo delle comunità locali nella interpretazione, salvaguardia e rinnovamento della quiete naturale, quale importante fattore del patrimonio ambientale. Questo obiettivo può essere perseguito usando i suoni come pezzi di conversazione di un racconto sociale, finalizzato a trasformare un museo virtuale in un organismo intimamente legato alle persone, alle idee e ai valori propri di un determinato contesto ambientale. Il progetto combina molteplici tecnologie con pratiche sociali, attraverso un processo di interazione tra diversi media, che comprende: (a) la raccolta dei dati (salvare i suoni dall ambiente naturale); (b) la descrizione dei dati (realizzare una mappa del paesaggio sonoro sul Web); (c) l interpretazione dei dati (creare un ideale paesaggio sonoro condiviso all interno dello spazio pubblico). Introduzione I significati culturali associati al patrimonio naturalistico rimandano, dal punto di vista evolutivo, alla valenza di un sito naturalistico. Come dimostrato da Kumi Kato nel suo caso di studio sull area di Shirakami sanchi, patrimonio mondiale dell umanità dell Unesco, l impegno per la salvaguardia del proprio ambiente naturale deriva dal senso di appartenenza di una comunità locale alla natura che la circonda, e dalla responsabilità di preservare l integrità di un luogo, di cui essa è parte integrante (Kato 2006, 459). I risultati a cui è pervenuto Kato suggeriscono che, il profondo coinvolgimento per la tutela del proprio ambiente naturale da parte di una comunità locale, è un aspetto rilevante del rapporto che si costituisce, nel corso del tempo, tra una comunità ed un luogo. Proprio come le tradizioni orali, le pratiche sociali e le abilità tradizionali sono espressione del patrimonio culturale intangibile, i significati e i valori culturali associati al patrimonio naturalistico sono, a loro volta, costantemente ri-creati dai gruppi e dalle comunità di individui, come reazione al loro ambiente, alla loro interazione con la natura, e alle condizioni storiche della loro esistenza (UNESCO 2005). Questa analisi solleva molti e importanti interrogativi inerenti il patrimonio naturale: in che modo, oggi, si possono preservare e trasmettere i valori e i significati culturali, che legano una comunità locale alla propria terra? In che modo si possono tramandare le conoscenze e le relazioni sociali, che sono costitutive di questi valori e significati? In che modo si possono accordare i gruppi sociali con punti di vista differenti, e alle volte in competizione tra loro? Dalla prospettiva degli studiosi e dei progettisti di nuovi media, un ulteriore domanda potrebbe essere: in che modo si possono utilizzare i nuovi media per accrescere la sensibilità verso la natura che ci circonda, per sviluppare una cultura ambientalista, per costruire una comunità capace di generare conoscenze condivise? Il modello proposto in questo lavoro di ricerca risponde a queste sfide, ed è focalizzato in particolare sulle problematiche proprie della gestione e protezione di uno spazio aperto, come il parco montano di Boulder, in Colorado. Ricongiungersi alla Natura attraverso i Suoni In collaborazione con il Dipartimento di Open Space and Mountain Parks della città di Boulder, Colorado, ci siamo chiesti se fosse possibile usare i nuovi media per creare e Tafter Journal n. 1/2007 2

3 Interazioni tra media per un museo virtuale mantenere nel tempo un legame tra la comunità di Boulder e il suo territorio. Sulla base di alcuni primi studi ed incontri con i nostri stakeholder, e attraverso una collaborazione internazionale e interdisciplinare con artisti, ricercatori e scienziati, provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e Italia, abbiamo cominciato a sviluppare Silence of the Lands (http://www.thesilence.org). L obiettivo principale di questo progetto è quello di stimolare una coinvolgente modalità di ascolto dell ambiente naturale, e di sostenere un metodo narrativo e specifico per un determinato contesto, in grado di interpretare la quiete della natura, di incentivare la costruzione di una comunità e di contribuire alla diffusione di un educazione all ambiente e allo sviluppo sostenibile. Perché ciò fosse possibile, il progetto Silence of the Lands è stato ideato per coinvolgere i membri della comunità di Boulder nelle fasi di registrazione e mappatura, sotto forma di rappresentazioni digitali, delle proprie esperienze in modo da utilizzarle per esprimere i differenti valori e prospettive. L ipotesi di fondo è che, estraendo i suoni dall ambiente circostante e componendo gli stessi in habitat acustici personalizzati, gli individui siano in grado di produrre paesaggi sonori, che riflettono la loro conoscenza dell ambiente, le loro abitudini e i loro interessi 1. Tutto ciò fornirebbe alla comunità un senso di appartenenza che deriva dalla possibilità di nominare e interpretare la propria terra (Plumwood 2002). Inoltre in questo modo si doterebbero i diversi portatori di interesse di uno strumento attraverso cui monitorare le tendenze sociali, sostenere i programmi educativi, e facilitare i processi partecipativi all interno delle pratiche decisionali. Il progetto Silence of the Lands Il progetto Silence of the Lands si basa sull assunto che lo sviluppo di un supporto tecnologico non sia sufficiente per stimolare la partecipazione della comunità locale e rendere un progetto un risultato di successo. Come dimostrano i casi di studio MUVI (Giaccardi 2006) e Southville Mediascape (Miskelly and Fleuriot 2006), i fattori critici per il successo di un progetto, che interessa un intera comunità e che si serve dei nuovi media, comprendono: la progettazione di un processo aperto per la raccolta dei materiali e l interpretazione dell ambiente; il suo inserimento all interno della struttura delle pratiche sociali e delle attività proprie della comunità locale; l identificazione di meccanismi di supporto sociali ed emozionali; e la collaborazione con gli stakeholder e i gruppi sociali. Sulla base di questa idea, Silence of the Lands rappresenta un ambiente in cui: (a) dare voce ad una vasta gamma di interpretazioni, e non semplicemente archiviare i suoni della natura; (b) innescare una relazione aperta e dinamica con l istruzione e le relazioni esterne; (c) gli stakeholder hanno la possibilità di agire in maniera autonoma come facilitatori all interno della propria comunità, attraverso l uso di strumenti tecnologici messi a loro disposizione. Silence of the Lands è attualmente in via di sviluppo presso il Center for LifeLong Learning & Design (L 3 D), e il Dipartimento di Computer Science della University of Colorado, in Boulder (USA), in collaborazione con l Istituto di Digital Art and Technology (i-dat) della University of Plymouth (UK), e il Pictorial Computing Laboratory, dell Università di Brescia (Italy). Tafter Journal n. 1/2007 3

4 Elisa Giaccardi Verso un Nuovo Tipo di Museo Virtuale I suoni rappresentano un aspetto intimo e personale delle percezioni e delle esperienze dei fruitori del patrimonio naturale. Nel 1994, il National Park Service degli Stati Uniti ha dichiarato il silenzio della natura parte del patrimonio naturale da preservare e di cui godere; i suoni, sono un importante elemento degli spazi naturali da proteggere. Usare i suoni dell ambiente come brani di una conversazione sociale sulla quiete della natura, implica considerare sia gli elementi fisici che rappresentano quello stesso ambiente, che le molteplici prospettive che aiutano a capire come esso era, ed è percepito e compreso dagli altri (cfr Heath et al. (2002) e Giaccardi (2004) 2. Ciò richiede una particolare attenzione rivolta non solo agli archivi digitali per la raccolta dei suoni, ma anche all intero corpo delle conoscenze ambientali e delle relazioni sociali, responsabili dei significati e dei valori culturali associati al patrimonio ambientale. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso la creazione di un ambiente in cui la quiete ed il silenzio della natura sono compresi ed interpretati per mezzo di un interazione reale e localizzata con i suoni dell ambiente. In questo spazio, il termine virtuale ha a che fare con la modalità di potenziamento della interazione creativa tra le attuali conoscenze sul patrimonio naturale, la sua potenziale interpretazione, e le caratteristiche tangibili dei suoni, a cui è associata l esperienza del patrimonio ambientale (Benedetti 2002). Il modello di museo virtuale proposto qui, non è un mero archivio digitale, per la raccolta e la conservazione, nello spazio e nel tempo, della rappresentazione di uno specifico patrimonio ambientale. Si tratta, piuttosto, di un repertoire volto a supportare l intero sistema delle conoscenze e delle relazioni sociali responsabili della creazione, trasmissione e riproduzione di quel patrimonio come un vero e proprio sistema vivente (Kirshenblatt- Gimblett 2004). E il modello di un museo che, come suggerito da Hugues de Varine- Bohan (1996), prende le sue note principali dalla relazione dialettica tra l uomo e il suo ambiente, e che riflette le domande che gli individui e i gruppi sociali pongono a se stessi. In questo tipo di museo virtuale, il contenuto intangibile delle percezioni uditive, i significati culturali, e i valori associati al patrimonio naturale sono creati, assemblati e riassemblati di volta in volta. Sfide per la partecipazione della comunità Le pratiche e i valori individuali, svolgono un ruolo critico nel supportare le attività di raccolta dei suoni e di mappatura collettiva. Ciononostante, la partecipazione ha dei limiti che dipendono dalla particolare situazione di ciascun individuo e dai processi di accesso forniti dalla tecnologia disponibile (Aria set al., 2000). Scoprire nuovi modi di affrontare queste sfide è la chiave per garantire la sopravvivenza del patrimonio ambientale e dei differenti aspetti, che contribuiscono a costituirlo. Infrastrutture sociali La metodologia adottata per la progettazione e la valutazione di Silence of the Lands è strettamente connessa all idea di breaching experiment, suggerita da Crabtree (2004). Essa considera la combinazione di infrastrutture tecnologiche e sociali come un evento Tafter Journal n. 1/2007 4

5 Interazioni tra media per un museo virtuale sociale teso ad innescare un cambiamento nella relazione vitale tra la comunità locale e le sue abituali pratiche di interazione con l ambiente circostante. Sebbene la componente fisica di supporto per la partecipazione sia una parte fondamentale per l infrastruttura tecnologica, anche le infrastrutture sociali devono essere attivate, per favorire l implementazione delle esperienze user generated e per attivare quelle sinergie sociali e quei meccanismi che sostengono e regolano la partecipazione della comunità (Adams and Goldbard 2001; Giaccardi 2006), nel corso del tempo. Dopo due anni di progettazione, e dopo la costruzione dei primi prototipi, e delle infrastrutture sociali iniziali (Giaccardi et al. 2006; Giaccardi et al. 2005) 4, attualmente il lavoro di ricerca si focalizza sullo sviluppo e sulla valutazione in situ degli strumenti e dei processi per la raccolta e la descrizione dei dati. Passeggiate sonore. Tre passeggiate sonore sono organizzate nel mese di luglio 2007, come parte dell OSMP Natural Selections Hikes. Durante queste lunghe passeggiate, i membri della comunità locale raccolgono i suoni provenienti dall ambiente naturale, usando la strumentazione sperimentale, conosciuta come PDA 5. Il primo percorso si svolge lungo il Boulder Creck Path, che rappresenta un paesaggio sonoro tranquillo e composito ed è sede di molte e differenti pratiche sociali. Gli interpreti naturalisti di OSMP individueranno le altre due passeggiate sonore, per dirigersi progressivamente verso aree più silenziose all interno di spazi aperti e parchi montani. La progressione da zone meno silenziose a zone maggiormente silenziose dovrebbe favorire la valutazione dei processi di apprendimento dei partecipanti, in riferimento alle loro capacità d ascolto. Le passeggiate sonore saranno individuali. In questo modo i partecipanti volontari avranno la possibilità di prendersi tutto il tempo di cui avranno bisogno e di fermarsi quante volte vorranno; un percorso individuale ha, poi, un impatto meno invasivo rispetto ad una passeggiata di gruppo sull ecologia acustica delle aree silenziose 6. Workshop Collettivi. Un workshop collettivo sarà organizzato per facilitare e comprendere meglio la partecipazione della comunità di riferimento. I volontari avranno a disposizione una settimana per la propria passeggiata individuale, e tre settimane in tutto per qualsiasi altro percorso essi desidereranno fare. Dopo la prima passeggiata sonora, a tutti i volontari sarà chiesto di partecipare ad un workshop, durante il quale verrà spiegato loro come caricare i suoni raccolti all interno dell interfaccia Web, realizzeranno i paesaggi sonori e saranno osservati mentre portano avanti la costruzione della mappatura di gruppo. Per le passeggiate successive, ai volontari sarà offerta la possibilità di recarsi presso i laboratori universitari e di potersi avvalere dell assistenza tecnica da parte di personale esperto, nel caso non si sentissero particolarmente avvezzi all uso della tecnologia disponibile. Inoltre i volontari saranno liberi di gestire le loro attività di raccolta dei suoni e di mappatura di gruppo nei tempi, modi, luoghi che essi preferiranno. Tutte queste attività verranno monitorate, attraverso la raccolta di dati sia quantitativi che qualitativi. Conclusioni Silence of the Lands promuove un modello di museo virtuale che potenzia il ruolo attivo e partecipativo delle comunità locali nei confronti dell interpretazione, della conservazione e del rinnovamento del patrimonio naturale. In questo museo la conoscenza condivisa del Tafter Journal n. 1/2007 5

6 Elisa Giaccardi patrimonio naturale è una conseguenza del continuo processo di interazione ed interpretazione, che connette la comunità locale alla sua terra, e che è supportato dall interazione tra media diversi. Ciò che ci auspichiamo è di collegare una comunità locale alla sua terra di appartenenza, e di coltivare le relazioni creative per invogliare gli abitanti e tutti i portatori d interesse a partecipare gli uni alle esperienze degli altri, a creare delle connessioni reciproche tra le differenti percezioni, e a parlare delle proprie azioni attraverso un racconto condiviso che si dipana nel corso del tempo. In questo senso, il modello di museo virtuale proposto non è un archivio digitale, ma un repertoire un mezzo per sostenere l intero sistema delle conoscenze e delle relazioni sociali, responsabili della nascita, trasmissione e riproduzione del patrimonio naturale. Ciò che, infine, questo modello suggerisce ai media designer interessati al patrimonio culturale è che le informazioni e le comunicazioni tecnologiche non sono semplicemente degli strumenti per rappresentare e tutelare il patrimonio nel tempo e nello spazio, ma possono rappresentare una forza ed uno stimolo per la costruzione di una comunità e per lo sviluppo sostenibile della stessa. Insieme con la sensibilità necessaria per sostenere e regolare le pratiche sociali di una comunità, le applicazioni cross-media dei processi di locative and tangibile computing, riprendono le strutture della conservazione e delle relazioni sociali tra gli umani e tra i mondi umano e non-umano, mondi che non sono influenzati dalla fisicità del patrimonio, e possono attribuire a questa componente fisica differenti funzioni e gradi di importanza, in base alle caratteristiche di ciò che deve essere rappresentato. Note 1. Questa ipotesi sul potenziale dei locative media è supportata dai risultati dei progetti di autori pubblici e di archeologia quotidiana, come Social Tapestries (http://socialtapestries.net), Murmur (http://murmurtoronto.ca/), e Scape the Hood (http://dsi.kqed.org/index.php/situated/c59/). Ma gli usi communitybased sono ancora rari e allo stato embrionale; si veda, per esempio, the Southville Mediascape Project, descritto da Miskelly e Fleuriot (2006). 2. La differenza tra i due studi è sul come arricchire le risorse interpretative di un dato oggetto museale in relazione al progetto esposto per migliorare l esperienza del visitatore (Heath et al. 2002; vedi anche Bannon et al. 2005), contrapposto al come far leva sulle risorse interpretative di una comunità per comprendere la produzione e la comunicazione del patrimonio intangibile (Giaccardi 2006; vedi anche Kirshenblatt-Gimblett 2004). 3. Questo significato di realtà virtuale necessita di un differente approccio alle nozioni di spazio interattivo e confini mediatici, generalmente categorizzate all interno di ambienti semi reali (si veda, per esempio, Benford et al. 1998). 4. Si veda, per informazioni maggiormente aggiornate, il sito internet che presenta anche gli studi sull interfaccia web usata dagli utenti e gli studi sull usabilità condotti per la progettazione dei nostri primi prototipi. 5. Sebbene i partecipanti potranno scaricare il software di funzionamento per il PDA direttamente da internet e usare i loro propri computer, i PDAs saranno forniti dal team di ricerca nelle prime fasi di valutazione. 6. Naturalmente, nulla vieta ai partecipanti di recarsi negli spazi aperti in compagnia dei loro amici o dei loro bambini, se lo desiderano. Questa flessibilità permette di Tafter Journal n. 1/2007 6

7 Interazioni tra media per un museo virtuale Bibliografia catturare i differenti punti di vista e le diverse pratiche sociali. Adams, D., and A. Goldbard Creative community: The art of community development. New York: Rockefeller Foundation. Arias, E., H. Eden, G. Fischer, A. Gorman, and E. Scharff Transcending the individual human mind: Creating shared understanding through collaborative design. ACM Transactions on Computer Human-Interaction, 7 (1): Benedetti, B Virtuality and reality in enterprise's museum, art museum, archeological sites. Quaderni della Fondazione Piaggio, Nuova Serie: Cultura Europea e Musei, 6 (1): Crabtree, A Design in the absence of practice: Breaching experiments. In Proceedings of the 5th International Conference on Designing Interactive Systems (DIS 2004): New York: ACM Press. Giaccardi, E Social creativity and collective storytelling in the virtual museum: A case study. Design Issues, 22 (3): Giaccardi, E, H. Eden, and G. Sabena Silence of the Lands: Interactive soundscapes for the continuous rebirth of natural heritage. In Proceedings of CUMULUS 2005 on Pride & Pre-Design: The Cultural Heritage and the Science of Design: Lisbon, Portugal: IADE. Giaccardi, E Memory and territory: New forms of virtuality for the museum. In Proceedings of Museums & the Web Available from Kato, K Community, connection and conservation: Intangible cultural values in natural heritage the case of Shirakami-sanchi World Heritage Area. International Journal of Heritage Studies, 12 (5): Kirshenblatt-Gimblett, B Intangible heritage as metacultural production. Museum International, 56 (1-2): Plumwood, V Environmental culture: The ecological crisis of reason. London: Routledge. UNESCO Report of the expert meeting on inventorying intangible cultural heritage, Paris, March 17-18, Available from de Varine-Bohan, H The museum in the fourth dimension. Nordisk Museologi 96 (2): Tafter Journal n. 1/2007 7

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

Problemi con il CLIL?

Problemi con il CLIL? Problemi con il CLIL? Noi abbiamo una soluzione Nato nel 1994, il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un approccio didattico di tipo immersivo che punta alla costruzione di competenze linguistiche

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Nuove tecniche di comunicazione nei musei e coinvolgimento del pubblico: lo Storytelling digitale

Nuove tecniche di comunicazione nei musei e coinvolgimento del pubblico: lo Storytelling digitale Nuove tecniche di comunicazione nei musei e coinvolgimento del pubblico: lo Storytelling digitale Workshop di 21 ore ROMA - Museo Civico di Zoologia, 6-7-8 luglio 2015 Tra le nuove tecniche di comunicazione

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose Interattività per menti curiose About Us Dove siamo Metodologia Servizi Space sharing Progetti 2 ABOUT US Design interattivo per menti curiose Siamo creatori appassionati dell arte multimediale, di idee

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

RICERCATORE e CURATORE MOSTRE ARTE/SCIENZA PRESSO CENTRO STUDI SULLA STORIA DEL PENSIERO BIOMEDICO - CESPEB

RICERCATORE e CURATORE MOSTRE ARTE/SCIENZA PRESSO CENTRO STUDI SULLA STORIA DEL PENSIERO BIOMEDICO - CESPEB INFORMAZIONI PERSONALI ANNALISA BANZI RICERCATORE e CURATORE MOSTRE ARTE/SCIENZA PRESSO CENTRO STUDI SULLA STORIA DEL PENSIERO BIOMEDICO - CESPEB ESPERIENZA PROFESSIONALE 2012-2013 INTERNATIONAL PROGRAMME

Dettagli

Costruzione di scenari futuri (visioning)

Costruzione di scenari futuri (visioning) OPEN PISM 2104 Distance Course Learning Human Oriented Design Costruzione di scenari futuri (visioning) Alessandro Giangrande PREMESSA Un processo di partecipazione, per essere efficace, deve rafforzare

Dettagli

Documento n. 1 Accademia Musicale Chigiana Fondazione Siena Jazz Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci

Documento n. 1 Accademia Musicale Chigiana Fondazione Siena Jazz Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci Documento n. 1 Accademia Musicale Chigiana Fondazione Siena Jazz Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci Contributo congiunto per la discussione in occasione degli Stati Generali della Cultura

Dettagli

PREMESSA Sito Unesco Centro Storico di Siena. I valori e la tutela nel lungo termine.

PREMESSA Sito Unesco Centro Storico di Siena. I valori e la tutela nel lungo termine. PREMESSA Sito Unesco Centro Storico di Siena. I valori e la tutela nel lungo termine. E ormai idea comune che la tutela del patrimonio storico-artistico e culturale vada pensata in senso dinamico ed evolutivo;

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA Sulla base delle Indicazionii Nazionali (L.53/2003) si individuano i seguenti obiettivi formativi per le diverse classi e discipline attraverso i quali gli insegnanti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti

Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti e servizi t 2 i trasferimento tecnologico e innovazione è la società consortile per l innovazione, promossa dalle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo, nata NEL

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

corso triennale HABITAT DESIGN [HD]

corso triennale HABITAT DESIGN [HD] corso triennale HABITAT DESIGN [HD] Progetto: Valerio Calamari, Valentina Ciocci, Devil D Angelo, Giulia Lombardi, Jessica Pizzuto, Alessio Rubini L habitat è il complesso delle strutture fisiche, naturali

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

LABORATORIO CULTURA D IMPRESA. Gennaio 2014

LABORATORIO CULTURA D IMPRESA. Gennaio 2014 LABORATORIO CULTURA D IMPRESA Gennaio 2014 The Round Table 2012 LABORATORIO CULTURA D IMPRESA LABORATORIO CULTURA D IMPRESA è un progetto dedicato alle Imprese che vogliono valorizzare la propria Identità,

Dettagli

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5.

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale La Realtà Virtuale intesa come replica digitale di oggetti e ambienti fisici quanto più possibile prossima

Dettagli

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli" in un apposita aula attrezzata.

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli in un apposita aula attrezzata. All interno del Circolo si prevedono diverse modalità di attuazione del miglioramento dell offerta formativa attraverso attività laboratoriali, i progetti e la sperimentazione metodologica. NELL AULA DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi.

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi. BOZZA 2.1 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI Introduzione Obiettivi Principi Principio 1: Implementazione Principio 2: Scopi e metodi Principio 3: Fonti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014)

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) Team di esperti per la realizzazione di attività di affiancamento nell ambito dell iniziativa progettuale A SCUOLA

Dettagli

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Docente: Stefano Maffei Cultori: Massimo Bianchini Ursula Borroni Beatrice Villari D - Cloud Amandolese Daniela Difonzo

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA,

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, FRESCA INFANZIA Il progetto si prefigge di veicolare in un ottica interdisciplinare gli obiettivi fissati nel P.O.F. Esso è rivolto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL PROGRAMMA DI GESTIONE AMBIENTALE DEL EXCELSIOR CONSERVATION CORPS

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL PROGRAMMA DI GESTIONE AMBIENTALE DEL EXCELSIOR CONSERVATION CORPS Per la diffusione immediata: 09/15/2015 State of New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL PROGRAMMA DI GESTIONE AMBIENTALE DEL EXCELSIOR

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 2 3 Cambiamenti nell istruzione e nel mercato del lavoro XX SECOLO XXI

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA TITOLO: TEMPO CAMBIA COLORE UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA DATI IDENTIFICATIVI TIPOLOGIA DELL UA: Pluridisciplinare ANNO SCOLASTICO:2012/2013 DESTINATARI: alunni di classe prima di Porticino DOCENTI COINVOLTI:

Dettagli

Come suona la città?

Come suona la città? Come suona la città? Passeggiata sonora e laboratorio sull ecologia acustica Le Chiavi della Città Tempo Reale Lorelei 2012 - Tutti i diritti riservati Parole chiave Paesaggio sonoro Ecologia acustica

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Media Office Coordinator

Media Office Coordinator TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: Media Office Coordinator Marketing e Comunicazione Divisione Comunicazione Media and Celebrities Department Save the Children Italia Onlus

Dettagli

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA VALORIZZAZIONE NEL TEMPO Realizzazione di un sistema digitale di catalogazione e fruizione on line dell Archivio storico e audiovisuale del Teatro dell

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

PROGETTAZIONE educativo-didattica

PROGETTAZIONE educativo-didattica PROGETTAZIONE educativo-didattica A.S. 2014/15 Premessa Motivazione del Percorso Formativo Il bambino nella scuola dell infanzia, sviluppa la propria identità personale e il senso di appartenenza alla

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

Business Model Generation. La progettazione e il design.

Business Model Generation. La progettazione e il design. «Camp for Company» Business Model Generation. La progettazione e il design. Aprile 2013 Mario Farias 1 Business Model Generation 2 La progettazione - Strumenti e tecniche Tutti i modelli di business hanno

Dettagli

+39 0258370580. Offerta formativa 2016

+39 0258370580. Offerta formativa 2016 +39 0258370580 Offerta formativa 2016 L offerta formativa a catalogo 2016 è il primo prodotto del partenariato ICOM Italia e Intesa Sanpaolo Formazione - agenzia formativa del Gruppo Intesa Sanpaolo -

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

IL DESIGN SOSTENIBILE COME RAGION D ESSERE

IL DESIGN SOSTENIBILE COME RAGION D ESSERE Pagina 1 di 5 Cerca IT EN DE ulaola Blog Compra Vendi ART COMMUNITY DESIGN FASHION FOOD HOBBY LIFESTYLE VINTAGE HOME / DESIGN / IN EVIDENZA / IL DESIGN SOSTENIBILE COME RAGION D ESSERE IL DESIGN SOSTENIBILE

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti Disciplinari, costituiti dai docenti della stessa disciplina, rappresentano, in base alla legge sull autonomia scolastica, una suddivisione del Collegio dei docenti

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION MUMAC Il museo della macchina per caffè espresso, viene inaugurato nel 2012 in occasione del centenario dalla nascita del La Cimbali al fine di diffondere la conoscenza della storia e dell evoluzione delle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Il progetto intende favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane, attraverso la sua digitalizzazione e

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry Learning through Inquiry Creating a Community based on Respect Demonstrating International Mindedness The International School of Milan is committed to high standards in learning and the promotion of international

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI Facoltà di Lettere e Fisolofia Corso di Laurea in Archeologia A.A. 2012/2013 Dott.ssa Annamaria Bria www.mat.unical.it/bria Informazioni Generali Docente: Bria Annamaria

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

Beacon al museo. La pinacoteca di Palazzo Farnese a Piacenza

Beacon al museo. La pinacoteca di Palazzo Farnese a Piacenza Beacon al museo. La pinacoteca di Palazzo Farnese a Piacenza Valeria De Marchi L integrazione di fisico e digitale resa possibile dai beacon modifica l esperienza del visitatore, rendendola capace di adattarsi

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA RONCADE NOME PROGETTO OBIETTIVI DESTINATARI TEMPI

SCUOLA PRIMARIA RONCADE NOME PROGETTO OBIETTIVI DESTINATARI TEMPI SCUOLA PRIMARIA RONCADE Libri per sognare Promuovere il gusto della lettura; Alunni e Genitori Anno Scolastico favorire lo sviluppo della scrittura creativa. Musica, suoni, ritmi e Approfondire le conoscenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators Autori: Laura Molloy (HATII) Leo Konstantelos (HATII) Ann Gow (HATII) David Wilson (HATII) Seamus Ross (ischool, utoronto) Nathan Moles (ischool, utoronto)

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova EDUCAZIONE AL PAESAGGIO: DALLA CONOSCENZA LA CREATIVITA Bologna, 7 novembre 2011 Il Montello è una collina piena di gioia! In 3KCL

Dettagli

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale

28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2015/2016 Docente Patrizia Gioia patrizia.gioia@uniroma1.it 28 maggio 2015, LEZIONE 10: La didattica museale CULTURA E FORMAZIONE I musei rappresentano una straordinaria

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Progetti a.s. 2015-2016

Progetti a.s. 2015-2016 Progetti a.s. 2015-2016 TITOLO SETTORE/CLASSI COINVOLTE Potenziamento Arte e Immagine Un settore di scuola : secondaria 1 grado e obiettivi di progetto 1. Potenziamento delle competenze nella pratica e

Dettagli