FONDO ASSISTENZA UBI BANCA. 58 esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO ASSISTENZA UBI BANCA. 58 esercizio 01.07.1956 31.12.2013"

Transcript

1 FONDO ASSISTENZA UBI BANCA 58 esercizio BILANCIO CONSUNTIVO AL

2

3 FONDO ASSISTENZA DI SOCIETA DEL GRUPPO UBI BANCA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO PER L ANNO EVENTI ED ATTIVITA DI RILIEVO Gentili Associati, con il si è concluso il cinquantottesimo esercizio della nostra associazione e qui di seguito viene presentato il bilancio del Fondo Assistenza di Società del Gruppo UBI Banca. La presente relazione è stata predisposta dal Consiglio di Amministrazione ed approvata nel corso della riunione del 31 marzo Nella relazione del precedente anno era stato indicato che nel corso dell anno 2012 la crisi aveva interessato in particolare le economie occidentali evidenziando in modo specifico la crisi dei debiti sovrani dei paesi dell Euro. Nel corso dell anno 2013, è noto purtroppo che la situazione economica non è migliorata ed i principali indici economici riferiti alla produzione ed al mercato del lavoro hanno avuto un andamento negativo. Le politiche economiche conseguentemente adottate dai Governi nazionali e particolarmente nel nostro Paese sono improntate al generale contenimento della spesa pubblica, con l obiettivo di riequilibrare per quanto possibile i conti dello Stato, causando una maggiore pressione fiscale e soprattutto i tagli dei finanziamenti ai servizi pubblici erogati, con riflessi anche nel campo della sanità. Nel 2013 si è assistito all acuirsi di alcuni fenomeni come l invecchiamento della popolazione, l indebolimento dei sistemi di welfare, la diminuzione del personale delle aziende, la progressiva crescita di posizioni diverse rispetto alle tradizionali figure del lavoratore attivo o in quiescenza (quali per esempio i lavoratori esodati) e, per quanto riguarda la popolazione attiva più giovane, il prevalente ricorso alle assunzioni con contratto di lavoro a tempo determinato. Anche nella nostra realtà, si è quindi iniziato a ragionare in termini di sostenibilità da parte del Fondo di Assistenza anche nel medio periodo alla luce sia di probabili flessioni sul fronte delle contribuzioni, sia di possibile crescita delle richieste di rimborso. Per quanto riguarda la popolazione del Fondo, nei prossimi anni la tendenza alla limitazione delle assunzioni ed all utilizzo di contratti di lavoro a tempo determinato che non consentono l accesso al fondo dei più giovani, dovrebbe accentuare la riduzione della componente degli associati under 30, mentre gli appartenenti alla fascia d età dovrebbe mantenersi ed anzi aumentare, con graduale passaggio alla fascia degli over 60, a seguito dell innalzamento della vita lavorativa. In estrema sintesi, gli scenari tuttora all attenzione, sulla base dei quali viene valutato l andamento dei dati operativi ed economici del Fondo, evidenziano un invecchiamento degli associati a fronte di un numero di iscritti che, nel prossimo decennio, non dovrebbe subire sensibili oscillazioni salvo una ridistribuzione a favore della categoria pensionati e reversibili. Per quanto concerne i possibili scenari di evoluzione dei costi e dei ricavi nel medio periodo, va segnalata l attesa di una sostanziale stabilità dei contributi, con una predominanza della contribuzione dell Azienda e da parte degli associati attivi rispetto a quella degli associati in quiescenza. Sul fronte delle prestazioni, invece, è prevedibile la graduale crescita delle richieste di rimborso, particolarmente sul versante degli associati in quiescenza. --- *** --- Pagina 1 di 18

4 I dati economici del 2013 sono determinati dalla modifica apportata con delibera del CdA il 18 dicembre 2012 al Regolamento che, si ricorda, aveva l obiettivo di contenere il livello dei costi per bilanciare i disavanzi maturati nel biennio Il consistente avanzo registrato è il frutto: delle modifiche effettuate della importante flessione della spesa sanitaria da parte delle famiglie, fenomeno che nel nostro ambito si è tradotto in un calo delle richieste di rimborso da parte degli associati al Fondo. In particolare, il Bilancio d esercizio 2013 si chiude con un avanzo di gestione di importo pari ad Euro ,00 a fronte di una previsione di un avanzo di Euro ,00 così come deliberato dall Assemblea ordinaria del : rammentiamo che l anno 2012 aveva registrato un disavanzo di Euro ,00 e che l anno 2011 si era chiuso con un disavanzo di Euro ,00. Alla luce del consistente risultato conseguito, il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 18 dicembre 2013, ha valutato la possibilità di accogliere la richiesta pervenuta da parte di molti associati, volta ad ottenere un innalzamento delle prestazioni. E stato quindi deliberato di modificare il Regolamento, rispettandone l impianto di base, con l obiettivo di coniugare l esigenza di un trattamento più favorevole per gli associati con la necessità di preservare l integrità del patrimonio del Fondo Assistenza che, com è noto, rappresenta una garanzia per i beneficiari al fine di consentire per il futuro le prestazioni di volta in volta previste dalla normativa in vigore. I dati completi del Bilancio di previsione, composto da Stato Patrimoniale e da Conto Economico, riferito all anno 2014 verranno successivamente presentati in apposito punto dell ordine del giorno dell Assemblea ordinaria. In merito all attività messa in atto dal Consiglio di Amministrazione nel corso dell anno 2013 si segnala che la gestione ordinaria delle richieste di intervento presentate dagli Associati, dopo alcuni ritardi accumulati nei primi mesi dell anno a causa di eventi straordinari, è rientrata gradualmente nei normali parametri di efficienza, con tempi di liquidazione delle prestazioni pari a circa un mese. Con l obiettivo di migliorare il livello di comunicazione e trasparenza tra Fondo e Associati, nel mese di ottobre è stato avviato il nuovo Sito web che, tra l altro, consentirà in un futuro prossimo di implementare nuove modalità di gestione di alcune comunicazioni, facilitando ulteriormente l accesso ai dati personali da parte degli Associati. Per quanto riguarda le disposizioni legislative in tema di assistenza sanitaria, il Fondo Assistenza ha provveduto a trasmettere la prevista documentazione all Anagrafe dei Fondi Sanitari istituita dal Ministero della Salute entro il termine del 31 luglio In seguito a tale invio in data è stata confermata la registrazione del nostro Fondo Assistenza con il protocollo n Gli eventi e le attività di rilievo sono riportati analiticamente nei successivi paragrafi: 1.1. Associati Prestazioni dirette Prestazioni indirette. - * - * - * - * - * - Pagina 2 di 18

5 1.1. ASSOCIATI A. MOVIMENTAZIONE ASSOCIATI La movimentazione degli associati dell anno 2013 è da attribuire a: o Ingresso di n. 76 nuovi associati dipendenti della Società IWBank passati in UBI Sistemi e Servizi, acquisiti in forza di un accordo stipulato nell ambito dell operazione societaria gestita dal Gruppo UBI; o nuove assunzioni; o conferma con contratto di lavoro a tempo indeterminato di dipendenti a tempo determinato; o cessazione per dimissioni; o decessi. Nel corso dell anno 2013 sono mancati i seguenti associati: a) Associati in servizio: Patrizia Barsotti, Paola Biasi e Nicola Santoriello. b) Associati in quiescenza: Giovanni Aperti, Maria Rosa Battaleni, Luciano Belleri, Giuseppe Bovio, Secondo Capelloni, Alfredo Castelletti, Pellegrino Cavalli, Gerardo Cò, Giacomo Comincioli, Eugenio Corradini, Paolo Corulli, Giovanni Franceschini, Giovanni Franzini, Luisa Frugoni, G. Battista Gallina, Maria Gentilini, Cesare Lattuille, Bruno Patti, Alberto Peri, Flavio Pogliani, Clotilde Saottini,, Giuseppe Semprini, Santo Simoni, Giuseppe Vicentini e Enzo Zanelli. c) Superstite di associato: Bice Badinelli Viadana, Maria Gei, Celestina Mazzacani, Angela Pizzamiglio, Selvaggia Pollonio, Santina Rolfi Pasolini e Lucia Zucchi. Pagina 3 di 18

6 B. ASSOCIATI E AVENTI DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DIRETTE Gli Associati, i famigliari ed i superstiti sono così ripartiti: ASSOCIATI E FAMILIARI CON DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DIRETTE ASSOCIATI E SUPERSTITI DATI AL DATI AL CONIUGI FIGLI TOTALE ASSOCIATI E SUPERSTITI CONIUGI FIGLI TOTALE - ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN ESODO ASSOCIATI PENSIONATI POSTICIPATI TOTALE ASSOCIATI IN SERVIZIO/ESODO ASSOCIATI IN PENSIONE TOTALE PARZIALE SUPERSTITI T O T A L E G E N E R A L E VARIAZIONE SU ANNO PRECEDENTE -0,49% -3,48% -0,16% -0,62% 0,38% -0,70% -1,84% -0,48% SUDDIVISIONE SUL TOTALE 57,3% 8,1% 34,6% 100,00% 57,7% 8,1% 34,2% 100,00% RAPPORTO ATTIVI/PENSIONATI 1,34 1,34 Il numero dei beneficiari al denota una riduzione di 51 unità sul totale generale, a fronte però di un incremento di 23 unità per quanto attiene il totale Associati in Servizio e in Quiescenza. Quest ultimo valore è determinato dall ingresso, con decorrenza 1 gennaio 2013, di n. 76 nuove adesioni rivenienti dall operazione societaria di IWBank. C. CONTRIBUTO PER PRESTAZIONI DIRETTE I contributi richiesti agli associati per il 2013, che sono stati confermati nel Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione del , sono i seguenti: ASSOCIATI IN SERVIZIO ED ESODI ANTICIPATI 0,50 % dell imponibile previdenziale dedicato alle prestazioni dirette; 0,10 % dell imponibile previdenziale dedicato alla copertura della polizza LTC. Contributo minimo di Euro 175,00, di cui Euro 25,00 per polizza LTC, e massimo di Euro 1.100,00, di cui Euro 100,00 per polizza LTC. ASSOCIATI IN QUIESCENZA 0,80 % dell imponibile previdenziale; 0,10 % dell imponibile previdenziale dedicato alla copertura della polizza LTC. Contributo minimo di Euro 175,00, di cui Euro 25,00 per polizza LTC, e massimo di Euro 1.100,00, di cui Euro 100,00 per polizza LTC. La contribuzione dei FAMILIARI fiscalmente a carico, resta confermata nel modo seguente: 1. Coniuge: 0,30% della base imponibile utilizzata per il calcolo del contributo a carico dell associato, con un minimo annuo di Euro 300,00 ed un massimo di Euro 450,00. Pagina 4 di 18

7 2. Altri familiari: NUMERO FAMILIARI PERCENTUALE DI RETRIBUZIONE CONTRIBUTO MINIMO ANNUO PER NUCLEO CONTRIBUTO MASSIMO ANNUO PER NUCLEO 1 0,20% 200,00 450,00 2 0,35% 350,00 900,00 3 0,47% 470, ,00 4 e oltre 0,55% 550, ,00 3. Familiari superstiti: 0,40% sull imponibile di riferimento di cui lo 0,30% destinato alle prestazioni dirette e lo 0,10% alle prestazioni indirette a copertura del premio annuo della Polizza L.T.C., con un minimo annuo di Euro 325,00, di cui Euro 25,00 per polizza L.T.C., ed un massimo annuo di Euro 1.100,00, di cui Euro 100,00 per polizza L.T.C PRESTAZIONI DIRETTE Le prestazioni dirette del 2013 hanno interessato gli Associati come da prospetti seguenti: UTILIZZATORI PRESTAZIONI DIRETTE E DI ASSISTENZA SOCIALE ANNO 2011 ANNO 2012 VARIAZIONI % ANNO 2013 VARIAZIONI % ASSOCIATI IN SERVIZIO ED IN ESODO ANTICIPATO ,10% ,20% CONIUGI A CARICO DI ASSOCIATI IN SERVIZIO ED IN ESODO ANTICIPATO ,10% 367-0,80% FIGLI A CARICO DI ASSOCIATI IN SERVIZIO ED IN ESODO ANTICIPATO ,30% ,20% ASSOCIATI IN QUIESCENZA E SUPERSTITI ,50% ,80% CONIUGI A CARICO DI ASSOCIATI IN QUIESCENZA ,20% 365-0,80% FIGLI A CARICO DI ASSOCIATI IN QUIESCENZA ,10% 119-6,20% TOTALE ,10% ,70% Il seguente grafico evidenza l andamento delle prestazioni nel triennio per tipologia di assistiti. Sono stati elaborati i documenti che hanno interessato i nuclei familiari di seguito indicati. Pagina 5 di 18

8 DOCUMENTI/NUCLEI ANNO 2011 ANNO 2012 VARIAZIONI % ANNO 2013 VARIAZIONI % FATTURE/DOCUMENTI DI SPESA ELABORATI ,80% ,30% PRATICHE COMPLESSIVE ,30% ,30% NUCLEI FAMIGLIARI INTERESSATI ALLE PRESTAZIONI ,40% ,00% Nel 2013 i rimborsi per prestazioni dirette sono stati sensibilmente inferiori alle attese per cui emerge un avanzo di gestione nel comparto. Le prestazioni dirette per tipologia di beneficiario e per sesso vengono riepilogate nella tabella seguente: PRESTAZIONI DIRETTE E DI ASSISTENZA SOCIALE PER GLI ANNI NUMERO UTENTI A N N O A N N O PRESTAZIONI RESE NUMERO FATTURE NUMERO UTENTI PRESTAZIONI RESE NUMERO FATTURE ASSOCIATI IN SERVIZIO E IN ESODO ANTICIPATO FAMILIARI DI ASSOCIATI IN SERVIZIO E IN ESODO ANTICIPATO ASSOCIATI IN QUIESCENZA E SUPERSTITI FAMILIARI DI ASSOCIATI IN QUIESCENZA E SUPERSTITI M F TOTALE CONIUGI FIGLI M F M F TOTALE M F TOTALE CONIUGI FIGLI TOTALE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI SOCIALI TOTALE PRESTAZIONI DIRETTE TOTALI CONTRIBUTI VERSATI % QUOTA SOCIETA AVANZO M F M F TOTALE Pagina 6 di ,70% -20,90% ,70% -21,20% ,23% 1,31%

9 Nel prospetto seguente vengono indicate in dettaglio le prestazioni dirette erogate agli assistiti nel corso dell anno 2013 con un raffronto omogeneo con l anno DESCRIZIONE PRESTAZIONI IMPORTO FATTURE IMPORTO RIMBORSI ANNO 2012 ANNO 2013 % PRESTA- ZIONI % RIMBORSI N. FATTURE IMPORTO FATTURE IMPORTO RIMBORSI % PRESTA- ZIONI % RIMBORSI N. FATTURE A ASSISTENZA DIRETTA CURE ODONTOIATRICHE ,90% 71,50% ,70% 60,10% APPARECCHI ORTODONTICI ,10% 65,40% ,70% 56,40% 814 LENTI CORRETTIVE ,20% 64,80% ,90% 50,90% VISITE SPECIALISTICHE ,20% 74,80% ,20% 66,10% PSICOTERAPIE ,90% 46,30% ,20% 31,10% CURE RIABILITATIVE E TERMALI ,70% 69,00% ,60% 60,90% TICKETS ,10% 98,60% ,50% 88,80% PROTESI VARIE ,20% 53,50% ,20% 47,00% 273 RICOVERI ,70% 43,00% ,90% 52,90% 189 RIMBORSI STRAORDINARI 0 0 0,00% ,10% 95,20% 13 T O T A L E ,00% 71,10% ,00% 61,50% B ASSISTENZA SOCIALE ,40% ,70% 48 T O T A L E GENERALE ,90% ,30% Di seguito vengono riportate le ripartizioni percentuali dei macro raggruppamenti delle prestazioni negli ultimi cinque anni: MACRO GRUPPI DELLE PRESTAZIONI % RIPARTIZIONE ANNO 2009 % RIPARTIZIONE ANNO 2010 % RIPARTIZIONE ANNO 2011 % RIPARTIZIONE ANNO 2012 % RIPARTIZIONE ANNO 2013 CURE DENTARIE ED ORTODONZIA 55,20% 56,50% 54,00% 52,00% 49,40% LENTI CORRETTIVE 9,00% 9,40% 8,40% 9,20% 7,90% VISITE SPECIALISTICHE ED ESAMI DI LABORATORIO 27,70% 26,80% 29,50% 31,20% 33,90% ALTRE 8,10% 7,30% 8,10% 7,60% 8,80% T O T A L E 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% I dati della sopra indicata tabella vengono meglio rappresentati con il seguente grafico: Pagina 7 di 18

10 Le entrate e le uscite per prestazioni dirette (escluse le prestazioni per assistenza sociale) e per tipologia di associato sono cosi riassumibili: ASSOCIATI IN SERVIZIO ANNO 2012 ANNO 2013 DIFFERENZA ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE CONTRIBUTI BANCA CONTRIBUTI ASSOCIATO TOTALE CONTRIBUTI TOTALE PRESTAZIONI ASSOCIATO + FAMILIARE DIFFERENZA CONTRIBUTI PRESTAZIONI NUMERO ASSOCIATI NUMERO ASSOCIATI E FAMILIARI CONTRIBUTO MEDIO PER NUMERO ASSOCIATI CONTRIBUTO MEDIO PER ASSOCIATI + FAMILIARI PRESTAZIONE MEDIA PER NUMERO ASSOCIATI PRESTAZIONE MEDIA PER ASSOCIATI E FAMILIARI Suddividendo il Contributo Banca tra tutti gli Associati ( in Servizio e in quiescenza), il risultato della gestione delle prestazioni dirette ed i dati medi per associato risulterebbero i seguenti: Pagina 8 di 18

11 ANNO 2012 ANNO 2013 DIFFERENZA ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE ASSOCIATI IN SERVIZIO ASSOCIATI IN QUIESCENZA TOTALE CONTRIBUTI BANCA CONTRIBUTI ASSOCIATO TOTALE CONTRIBUTI TOTALE PRESTAZIONI ASSOCIATO + FAMILIARE DIFFERENZA CONTRIBUTI PRESTAZIONI NUMERO ASSOCIATI NUMERO ASSOCIATI E FAMILIARI CONTRIBUTO MEDIO PER NUMERO ASSOCIATI CONTRIBUTO MEDIO PER ASSOCIATI + FAMILIARI PRESTAZIONE MEDIA PER NUMERO ASSOCIATI PRESTAZIONE MEDIA PER ASSOCIATI E FAMILIARI PRESTAZIONI INDIRETTE Le polizze assicurative sono uno strumento che consente di gestire gli eventi particolarmente gravosi che il Fondo non riuscirebbe a gestire con le proprie risorse ovvero per consentire una assistenza sanitaria anche per i famigliari fiscalmente non a carico. La situazione delle polizze assicurative a inizio di ogni anno è rappresentata dal prospetto indicato qui di seguito DESCRIZIONE POLIZZA N. ASSICU- RATI INCREMENTO ANNO PRECEDENTE N. ASSICU- RATI INCREMENTO ANNO PRECEDENTE N. ASSICU- RATI INCREMENTO ANNO PRECEDENTE N. ASSICU- RATI INCREMENTO ANNO PRECEDENTE N. ASSICU- RATI INCREMENTO ANNO PRECEDENTE POLIZZA SANITARIA ( BASE A CARICO DEL FONDO) ,10% ,20% ,70% ,30% ,50% POLIZZA SANITARIA (FACOLTATIVA PARZIALMENTE A CARICO DEL FONDO) ,20% ,70% ,10% ,10% ,40% POLIZZA SANITARIA PER I FAMILIARI FISCALMENTE NON A CARICO (FACOLTATIVA A TOTALE CARICO ASSOCIATO) ,70% ,90% ,70% ,60% ,50% ASSICURAZIONE L.T.C. (OBBLIGATORIA A CARICO DEL FONDO) ,90% ,70% ,30% ,70% ,80% ASSICURAZIONE L.T.C. (VOLONTARIA A TOTALE CARICO ASSOCIATO) 307 1,70% 291-5,30% 294 1,10% 298 1,40% 297-0,40% TOTALE ,70% ,20% ,50% ,30% L incremento degli assicurati viene rappresentato nel grafico riportato nella pagina seguente. Pagina 9 di 18

12 N. ASSICURATI 2010 N. ASSICURATI 2011 N. ASSICURATI 2012 N. ASSICURATI 2013 N. ASSICURATI 0 POLIZZA SANITARIA ( BASE A CARICO DEL FONDO) POLIZZA SANITARIA (FACOLTATIVA PARZIALMENTE A CARICO DEL FONDO) POLIZZA SANITARIA PER I FAMILIARI FISCALMENTE NON A CARICO (FACOLTATIVA A TOTALE CARICO ASSOCIATO) ASSICURAZIONE L.T.C. (OBBLIGATORIA A CARICO DEL FONDO) ASSICURAZIONE L.T.C. (VOLONTARIA A TOTALE CARICO ASSOCIATO) TOTALE I dati esposti consentono di rilevare come le polizze facoltative sanitaria e familiari fiscalmente non a carico per numero di adesioni si siano stabilizzate essendo apprezzate dagli Associati. Gli Associati, unitamente ai componenti del loro nucleo famigliare, che non hanno sottoscritto la polizza sanitaria facoltativa che prevede un massimale annuo di Euro ,00 per interventi ordinari e di Euro ,00 per interventi chirurgici ad alta specializzazione (intervento conseguente a malattie ad esempio: del cuore, dei reni, del polmone, tumorali maligne, ecc.), possono fruire della polizza sanitaria a carico del Fondo che prevede un massimale annuo solo di Euro ,00 ed esclusivamente per un solo intervento all anno classificabile tra i grandi interventi. A. POLIZZA SANITARIA ( RICOVERI OSPEDALIERI ) 1. Polizza sanitaria base Ricoveri con soli interventi chirurgici speciali. La polizza, il cui premio è totalmente a carico del Fondo, copre un solo intervento all anno classificabile tra gli interventi chirurgici speciali di tutti gli associati, e di tutti i componenti il loro nucleo famigliare presenti sullo stato di famiglia al momento del sinistro, che non aderiscono alla polizza sanitaria ( ricoveri ospedalieri ) volontaria. Sinteticamente tale polizza viene riepilogata nel prospetto seguente: NUMERO RICHIEDENTI PRESTAZIONI PRESTAZIONI RIMBORSATE PRESTAZIONI IN ATTESA DI RIMBORSO PREMI VERSATI LORDI IMPOSTA 2,50% PREMI NETTI TOTALE DIFFERENZA Pagina 10 di 18

13 2. Polizza sanitaria volontaria Ricoveri ospedalieri e interventi chirurgici. Il premio annuo della polizza per il 2013 per ogni aderente è di Euro 395,00 di cui Euro 295,00 a carico dell Associato e Euro 100,00 a carico del Fondo. Tale polizza per il 2013 presenta un andamento con uno sbilancio premi - importi rimborsati/in attesa di liquidazione pari a Euro ,00 (situazione liquidazioni al ). I due prospetti che seguono riepilogano le voci significative di questa polizza. POLIZZA SANITARIA (RICOVERI OSPEDIALERI) NUMERO RICHIEDENTI PRESTAZIONI PRESTAZIONI RIMBORSATE PRESTAZIONI IN ATTESA DI RIMBORSO PREMI VERSATI LORDI IMPOSTA DEL 2,50% PREMI NETTI TOTALE DIFFERENZA TIPOLOGIA RICOVERO IMPORTO RIMBORSATO IMPORTO PER SINISTRO N. RICOVERI IMPORTO RIMBORSATO IMPORTO PER SINISTRO N. RICOVERI DIARIA GRAVI PATOLOGIE DIARIA CON INTERVENTO ORDINARIO DIARIA SENZA INTERVENTO DIARIA SPECIALE INTERVENTO PER MIOPIA PARTO NATURALE RICOVERO CON INTERVENTO ORDINARIO RICOVERO SENZA INTERVENTO RICOVERO CON RIMBORSO SPECIALE TOTALE SINISTRI RIMBORSATI ADERENTI ALLA POLIZZA AL 1/ ADERENTI ALLA POLIZZA AL 31/ ADERENTI ALLA POLIZZA MEDIA ANNUALE RIMBORSO MEDIO PER ADERENTE PRESTAZIONI IN ATTESA DI LIQUIDAZIONE (DI CUI) B. POLIZZA SANITARIA FAMIGLIARI NON A CARICO Il premio polizza per l anno 2013 è di Euro 530,00 per famigliare (fiscalmente non a carico ) ed il costo resta a totale carico dell associato ed è rimasto invariato rispetto al La polizza conferma di aver raggiunto l equilibrio già evidenziato nel Viene riportato il seguente prospetto che sintetizza gli indici che caratterizzano questa polizza. Pagina 11 di 18

14 POLIZZA SANITARIA FAMILIARI (NON A CARICO) NUMERO RICHIEDENTI LE PRESTAZIONI NUMERO FATTURE PRESENTATE PRESTAZIONI RIMBORSATE PREMI VERSATI LORDI IMPOSTA PREMI NETTI (al netto imposta 2,5%) DIFFERENZA PRESTAZIONI PREMI NUMERO POLIZZE A FINE ANNO NUMERO MEDIO POLIZZE 1.962, , , , ,00 MEDIA RIMBORSI PER RICHIEDENTI LE PRESTAZIONI MEDIA RIMBORSI PER ASSICURATI MEDI PREMIO INDIVIDUALE ANNUO C. ASSICURAZIONE L.T.C. Copertura per non autosufficienza 1. Assicurazione L.T.C. base a totale carico del Fondo. La polizza è stata rinnovata dal Fondo Assistenza nell anno Per l anno 2013 stesso sono state mantenute le preesistenti condizioni (premio annuo individuale di Euro 48,00). Per il triennio , il premio annuo è stato ridefinito in Euro 50,00 per associato, ferme restando le prestazioni. Il premio è a totale carico del Fondo e viene finanziato con i contributi obbligatori degli Associati nella misura dello 0,10% del valore di riferimento per il calcolo dei contributi con un minimo annuo di Euro 25,00 ed un massimo di Euro 100,00. L andamento di questa polizza nel corso degli anni è rappresentato dal prospetto che segue: ASSICURAZIONE L.T.C. BASE N NUMERO ASSICURATI NUMERO ASSICURATI CON MAGGIORAZIONE PREMIO PREMI VERSATI SINISTRI PRESENTATI SINISTRI ACCOLTI SINISTRI IN CORSO DI DEFINIZIONE SINISTRI NON RICONOSCIUTI (*) 2 3 (**) 1 (*) Per decesso dell'associato (**) Di cui 1 per decesso dell'associato Si ricorda che in caso di sinistro la Società di Assicurazione corrisponde un importo di Euro 6.000,00 annui netti (somma non soggetta ad alcuna trattenuta fiscale), per tutta la durata della vita dell associato o fino al cessare dello stato di non autosufficienza. A fine 2013 sono stati avviati i primi contatti con un Broker assicurativo per una completa analisi dei contenuti di questa polizza, in rapporto alle prestazioni offerte agli associati ed alle eventuali alternative di mercato. Pagina 12 di 18

15 2. Assicurazione L.T.C. volontaria a carico dell Associato. La polizza è stata rinnovata dal Fondo Assistenza anche per il triennio , e riguarda gli Associati in servizio, in quiescenza, gli aventi diritto alle prestazioni di reversibilità nonché tutti i familiari che volontariamente hanno aderito con premio a loro totale carico. ASSICURAZIONE L.T.C. VOLONTARIA N NUMERO ASSICURATI (ASSOCIATI + FAMILIARI) PREMI VERSATI SINISTRI PRESENTATI SINISTRI ACCOLTI SINISTRI IN CORSO DI DEFINIZIONE SINISTRI NON RICONOSCIUTI ESAME DEL BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2013 Si indicano qui di seguito alcune precisazioni in merito ai dati esposti nel Conto Economico e nel Bilancio. 1. Nella Situazione Economica, nell ambito delle Prestazioni e costi: Le prestazioni dirette e di assistenza sociale per ultima malattia accolgono tutte le fatture del 2013 di spese sostenute dagli associati e convalidate dal Fondo, distinte tra associati attivi e in quiescenza, ultima registrazione la nr del 14/02/2014. Le polizze sono esposte in bilancio per l ammontare del premio della Compagnia Generali Italia di competenza dell anno; la polizza sanitaria facoltativa (per i 295,00 euro annui a carico dell associato), familiari non a carico e la polizza LTC volontaria pareggiano col rispettivo importo di contributi. Le altre spese accolgono i residui oneri 2013, a cominciare dal compenso all Organo di Controllo e l imposta di bollo. Le spese contabili amministrative sono relative allo Studio Manenti per l esternalizzazione dei servizi di gestione contabile amministrativa per Euro ,00, alle prestazioni della Società Disc, relative al progetto WEB per Euro ,00, al compenso alla Società Mefop relativo al Progetto COM-113 per Euro 2.430,00, la quota 2013 Assoprevidenza, il compenso al Notaio Grasso Biondi e l imposta di bollo, le commissioni relative al contratto di consulenza in materia di investimenti Pro Awa, e altri oneri relativi a rimborsi spese. Come ultima voce troviamo le polizze di responsabilità civile degli amministratori per Euro 8.557,50 e delle perdite pecuniarie per Euro 1.350,00 che sono gli stessi importi sostenuti negli anni precedenti. 2. Nell ambito delle Contribuzioni e ricavi: I contributi sono stati imputati in Bilancio in funzione della delibera del Consiglio di Amministrazione del che, al fine di ridimensionare gli accantonamenti destinati ai fondi per l assistenza diretta e quella indiretta, ha stabilito la ripartizione della quota banca in Pagina 13 di 18

16 1,31% a copertura dell assistenza diretta e 0,09% quale contributo destinato alla copertura dell assistenza indiretta. La trattenuta fissa individuale, relativa agli associati in servizio, in esodo e pensionati posticipati, viene destinata per lo 0,5% a copertura delle prestazioni dirette e lo 0,1% alla copertura della polizza LTC base. Relativamente agli associati in quiescenza la ripartizione della trattenuta fissa avviene attribuendo lo 0,1% alla copertura della polizza LTC base e 0,8% a copertura delle prestazioni dirette; infine la ripartizione della trattenuta fissa individuale relativa ai reversibili destina lo 0,1% alla copertura della polizza LTC base e lo 0,3% a copertura delle prestazioni dirette. L ammontare complessivo della quota Banca è pari ad Euro 2.867,132.93, di cui Euro ,38 per gli associati attivi, ad Euro ,78 per gli esodati e ad Euro ,77 per quanto concerne le trattenute per sospensione. Di seguito si riporta un prospetto con le voci di entrata riferite agli associati in servizio: in Servizio Associati Scivolanti Pens. Post. TOTALE Quota individuale , ,48 465, ,57 Quota familiari , , ,49 Quota part-time , ,77 Totale , ,68 465, ,83 Polizza sanitaria , ,80 196, ,48 Polizza familiari fiscalmente non a carico , ,84 706, ,92 polizza LTC volontaria , ,30 135, ,34 Totale , , , ,57 Di seguito un riepilogo dei contributi relativi agli associati in quiescenza: Associati Trat. Ind. Fissa Trat. Ind. Familiari Contr.Pol. Sanitaria Contr.Pol. Familiari Contr.Pol. LTC Totale pensionati , , , , , ,23 reversibili , , , ,96 594, ,00 Totale , , , , , ,23 L eccedenza di cassa destinata alla copertura delle prestazioni sociali ammonta ad euro ,37 ed è stato accreditato in data 27/02/2013. Gli altri proventi sono dati dagli interessi attivi di conto corrente al netto della ritenuta d imposta per Euro 8.015,86 e degli oneri bancari per Euro 102,46; relativamente ai titoli azionari e obbligazionari la voce rendimento titoli accoglie i dividendi e gli interessi liquidati e maturati per competenza fino al , la rivalutazione delle azioni UBI Banca e i proventi derivanti dalle vendite/estinzioni, al netto degli oneri, delle perdite e svalutazioni; per ultimo abbiamo il rimborso degli oneri amministrativi sostenuti e rilevati per competenza. L avanzo che otteniamo è stato suddiviso in funzione alla sua formazione e va ad incrementare/decrementare i rispetti Fondi ai sensi dello Statuto, e cioè: o la differenza tra i contributi per l assistenza diretta e le prestazioni rimborsate direttamente consegna un avanzo pari ad Euro ,00; Pagina 14 di 18

17 o la differenza tra i contributi per l assistenza indiretta e i premi assicurativi consegna un disavanzo pari ad Euro ,00; o la differenza tra i proventi relativi all eccedenza di cassa 2002 e le liquidazioni delle prestazioni di assistenza sociale consegna un avanzo pari ad Euro ,00; o la differenza tra gli altri proventi e le altre spese ammonta ad Euro ,00 e provvisoriamente è stato imputato come segue: Euro ,00 al fondo per l assistenza diretta, Euro ,00 a quello per l indiretta e Euro 439,00 a quello per l assistenza sociale. La somma degli avanzi/disavanzi è pari ad Euro , Nell Attivo sono presenti le seguenti voci: Il conto corrente è pari al saldo della giacenza sul conto. I titoli BTPit 13/17 FOI sono stati sottoscritti al collocamento pertanto essendo stati acquistati alla pari la loro valutazione corrisponde al valore nominale, tutti gli altri sono stati acquistati sopra la pari e per criteri prudenziali vengono rettificati del rateo di svalutazione del sovrapprezzo per la quota di competenza del Le azioni UBI, la cui quotazione al 31/12/2013 è pari ad Euro 4,936 sono state incrementate nel conto economico della rivalutazione di Euro 442,50 e pertanto il valore al è pari ad Euro 1.234,00. Il Fondo Euro Bond Acc B è stato acquistato al prezzo di Euro 17,23 ed è stato svalutato di Euro essendo diminuita di due centesimi la valutazione al Gli altri crediti sono aperti per Euro ,00 e sono dati dall importo degli interessi attivi lordi nei confronti del Banco di Brescia, dall ammontare richiesto del saldo 2013 del rimborso delle spese amministrative e dall anticipo liquidato alla Compagnia Generali Italia su premi 2014 relativamente alle polizze ricoveri base, sanitaria facoltativa e familiari fiscalmente non a carico. La voce ratei attivi annovera la quota di interesse sui titoli al netto della ritenuta che va dalla data dello stacco dell ultima cedola al Nel Passivo: Il debito verso associati è pari ad Euro ,64 e corrisponde al saldo delle prestazioni dirette del 2013, ultima liquidazione erogata in data Gli altri debiti includono la ritenuta del 20% sugli interessi attivi di conto corrente pari ad Euro 2.003,97, gli oneri e l imposta di bollo addebitati nel 2014 con valuta ; l ammontare dovuto ai professionisti e precisamente verso i Revisori per Euro ,80, verso lo Studio Manenti per Euro 6.978,40 e verso il Notaio Grasso Biondi per vidimazione registro per Euro 219,68. La voce debiti verso Compagnia di Assicurazioni Generali comprende i premi mensili delle polizze di dicembre 2013, e il saldo annuale delle polizza ricoveri e LTC base, e si articola in: - polizza ricoveri base ,00 - polizza sanitaria facoltativa 1.997,02 - polizza familiari non a carico 643,98 - polizza volontaria LTC 207,60 - polizza base LTC 4.144,00 La voce residua debiti diversi accoglie l impegno verso UBI Banca per le commissioni in materia di investimenti PRO AWA, oltre ad altre spese di rimborso. I fondi di riserva sono postati per il loro valore al rettificato dei rispettivi avanzi/disavanzi 2013 e dell avanzo delle altre rendite. Pagina 15 di 18

18 Il rendiconto 2013, comparato con il medesimo prospetto del 2012, presenta i seguenti scostamenti: ANNO 2012 ANNO 2013 SCOSTAMENTO VALORE IN % ASSOLUTO CONTRIBUZIONE E RICAVI: a) CONTRIBUTI ASSISTENZA DIRETTA DA SOCIETA ,90% b) CONTRIBUTI ASSISTENZA DIRETTA DA ASSOCIATI IN SERVIZIO ,40% c) CONTRIBUTI ASSISTENZA DIRETTA DA ASSOCIATI IN QUIESCENZA ,70% d) CONTRIBUTI ASSISTENZA INDIRETTA DA SOCIETA ,40% e) CONTRIBUTI POLIZZA RICOVERI DA ASSOCIATI ,80% f) CONTRIBUTI POLIZZA FAMILIARI FISCALMENTE NON A CARICO ,50% g) CONTRIBUTI PER POLIZZA L.T.C ,90% h) CONTRIBUTI PER POLIZZA L.T.C. VOLONTARIA ,20% i) CONTRIBUTI STRAORDINARI ,00% l) ALTRE ENTRATE ,10% m) ECCEDENZE DI CASSA ,90% TOTALE ENTRATE ,10% PRESTAZIONI E COSTI: a) PRESTAZIONI DIRETTE ,30% b) PREMI POLIZZA SANITARIA BASE ,80% c) PREMI POLIZZA SANITARIA VOLONTARIA ,90% d) PREMI POLIZZA SANITARIA FAMILIARI NON A CARICO ,50% e) PREMI ASSICURAZIONE L.T.C. BASE ,90% f) PREMI ASSICURAZIONE L.T.C. VOLONTARIA ,20% g) PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SOCIALE ,10% h) ALTRI COSTI ,20% TOTALE USCITE ,30% AVANZO(+) O DISAVANZO (-) D'ESERCIZIO La rendicontazione del 2013, per macro aggregazioni, viene di seguito comparata con i tre anni precedenti. E N T R A T E VARIAZ. % 2011/ VARIAZ. % 2012/ VARIAZ. % 2013/2012 CONTRIBUTI ASSISTENZA DIRETTA ,20% ,70% ,60% CONTRIBUTI PER POLIZZE ,00% ,50% ,20% ECCEDENZA CASSA ,30% ,50% ,90% RENDITE FINANZIARIE ,00% ,90% ,20% RIMBORSI SPESE E SOPRAVV. ATTIVE ,20% ,80% ,70% CONTRIBUTI STRAORDINARI T O T A L E ,30% ,40% ,10% Pagina 16 di 18

19 U S C I T E VARIAZ. % 2011/ VARIAZ. % 2012/ VARIAZ. % 2013/2012 PRESTAZIONI DIRETTE ,70% ,10% ,20% POLIZZA BASE RICOVERI ,00% ,80% ,70% POLIZZA INTEGRAT. RICOVERI ,80% ,30% ,80% POLIZZA FAMILIARI NON A CARICO ,30% ,80% ,40% POLIZZE LTC ,40% ,20% ,70% ALTRE DI GESTIONE ,50% ,00% ,10% PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SOCIALE ,30% ,20% ,00% T O T A L E ,50% ,30% ,20% ANNO AVANZO / DISAVANZO D ESERCIZIO L avanzo complessivo di esercizio è stato così imputato: - a incremento del Fondo per l assistenza diretta... EURO a decremento del Fondo per l assistenza indiretta... EURO a incremento del Fondo per l assistenza sociale.. EURO EURO Le risorse destinate al Fondo per l assistenza diretta nell anno sono state così individuate: - Contributi per l assistenza diretta.. EURO Prestazioni dirette.... EURO Parte della gestione finanziaria netta EURO EURO Le risorse destinate al Fondo per l assistenza indiretta nell anno sono state così individuate: - Contributi per l assistenza indiretta.. EURO Premi polizze assicurative. EURO Parte della gestione finanziaria netta EURO EURO Le risorse destinate al Fondo per l assistenza sociale nell anno sono state così individuate: - Eccedenze di cassa prescritte e versate dalle Banche.. EURO Prestazioni di assistenza sociale erogate nell anno.. EURO Parte della gestione finanziaria netta 2013 EURO 439 Criteri di valutazione EURO I crediti ed i debiti sono iscritti al valore nominale che, per i crediti, corrisponde al presunto valore di realizzo. I titoli sono così valutati: a) il BTPIT FOI scadenza , codice titolo , acquistato alla pari, valutato al valore nominale; Pagina 17 di 18

20 b) i BTP scadenza , codice titolo , acquistato sopra la pari, al valore d acquisto rettificato, con imputazione a decurtazione delle rendite finanziarie, del rateo dell anno per sovrapprezzo; c) il BTP scadenza , codice titolo , acquistato sopra la pari, al valore d acquisto rettificato, con imputazione a decurtazione delle rendite finanziarie, del rateo dell anno per sovrapprezzo; d) i BTPIT FOI scadenza , codice titolo , acquistato alla pari, valutato al valore nominale; e) i CCT EU scadenza 15/6/17, codice titolo , acquistati sopra la pari, al valore d acquisto rettificato, con imputazione a decurtazione delle rendite finanziarie, del rateo dell anno per sovrapprezzo; f) Fondo EURO BOND B-ACC, codice titolo LU , acquistato al prezzo di Euro 17,23, svalutato di Euro 475,98, risultando diminuita di 2 centesimi la valutazione al g) Le azioni UBI Banca, codice titolo , la cui quotazione al è pari ad Euro 4,936 sono state incrementate nel conto economico della rivalutazione di Euro 442,50 e pertanto il valore al è pari ad Euro 1.234,00. Al , dopo le imputazioni del riparto dell'avanzo complessivo d'esercizio come sopra descritto, il patrimonio e le disponibilità sono i seguenti: RIPARTO FONDO PER L ASSISTENZA DIRETTA FONDO PER L ASSISTENZA INDIRETTA FONDO PER L ASSISTENZA SOCIALE T O T A L E Il valore del Fondo per l assistenza diretta al così determinato è in linea con la normativa statutaria in vigore, art. 15, 4 comma, lett. a), in quanto superiore al 10% delle prestazioni dirette annue complessive riferite al 2012 e non superiore al 80% delle medesime prestazioni. Il valore del Fondo per l assistenza indiretta al così determinato è in linea con la normativa statutaria in vigore, di cui all art. 15, 4 comma, lett. b), in quanto non superiore ad Euro ,00. Concludiamo questa relazione chiedendo agli associati l'approvazione del bilancio consuntivo per l anno Cordiali saluti. Brescia, lì 31 marzo 2014 FONDO ASSISTENZA DI SOCIETA DEL GRUPPO UBI BANCA Per il Consiglio di Amministrazione Il Presidente Franco Favalli Pagina 18 di 18

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli