MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio 2015. Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno"

Transcript

1 RIFORMA POPOLARI, LA FABI SULLA STAMPA Il monito del leader della FABI, Sileoni: "Con questa riforma si creano condizioni per ulteriori tagli del personale". Leggi i servizi di Repubblica, Corriere della Sera, Milano Finanza, Gazzetta del Mezzogiorno, Giornale di Brescia MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio 2015 Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno Clicca sull'immagine per ingrandirla e leggere l'articolo CORRIERE DELLA SERA mercoledì 21 gennaio 2015

2 I sindacati: «Più rischi per il lavoro» Negative le reazioni dei sindacati dei bancari alla riforma delle popolari. «Questa decisione mette a rischio posti di lavoro per l inevitabile avvio di aggregazioni. Inoltre bisogna mettere in conto la possibile perdita fra 18 mesi dell italianità delle banche a forte rischio di fronte ai capitali stranieri», ha messo in guardia Lando Sileoni, segretario generale della Fabi, il sindacato più rappresentativo tra i bancari. «Abi e Federcasse aggiunge Sileoni dimostrino intelligenza politica rivedendo le loro posizioni di chiusura sui contratti». Dal canto suo Agostino Megale, segretario generale di Fisac Cgil, ricorda che «le difficoltà principali nel settore, individuate anche con gli stress test, riguardano alcune società per azioni, non si capisce perché trasformare le popolari in spa rilancerebbe il sistema». «Con un percorso d urgenza si liquidano 150 anni di storia chiude il segretario della Cisl Luigi Sbarra insieme con Giulio Romani, a capo della Fiba Cisl. Le conseguenze oggi forse non sono valutate a sufficienza». RIPRODUZIONE RISERVATA LA REPUBBLICA mercoledì 21 gennaio 2015 L asse tra cattocomunisti e forzaleghisti nella trincea dei resistenti Clicca sull'immagine per ingrandirla e leggere l'articolo

3 LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO mercoledì 21 gennaio 2015 I sindacati: si colpiscono le banche che funzionano Ora fusioni e posti a rischio "Non capisco l'urgenza urgenza di procedere con decreto sul tema delle banche popolari, che potrebbe tranquillamente far parte di un disegno di legge e favorire così la stessa discussione parlamentare". Così il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale, sul decreto approvato dal Cdm. "Rammento - prosegue - che le difficoltà principali nel settore, individuate anche con gli stress test, riguardano alcune Spa per cui non si capisce il perché trasformare le 10 popolari in Spa rilancerebbe il sistema, semmai mette a rischio l'occupazione occupazione". Non è l'unica unica voce sindacale preoccupata, quella di Megale. "Se il presidente Grasso deciderà di firmare il decreto, convalidando il percorso di urgenza con cui una questione così importante per l'economia economia e la democrazia nel Paese viene liquidata senza alcun contraddittorio, 150 anni di storia fatta di sussidiarietà e di partecipazione saranno d'un un tratto cancellati, con conseguenze oggi forse non sufficientemente valutate". Lo affermano in una nota congiunta Luigi Sbarra, Segretario Confederale Cisl e Giulio Romani Segretario Generale Fiba Cisl che chiedono un incontro al presidente Grasso per spiegare che "le ragioni che sostengono il provvedimento del Governo cozzano drammaticamente con i fatti, che dimostrano come il sistema di governance delle Banche Popolari non è mai stato di alcun impedimento né alla salute economica delle stesse, né alla loro capacità di assolvere la funzione sociale di erogazione creditizia e di tutela del risparmio". Il decreto mette "a rischio posti di lavoro per l'inevitabile inevitabile avvio di aggregazioni" e inoltre apre la strada alla "possibile perdita, fra 18 mesi, del'italianità italianità delle banche, a forte rischio di fronte ai capitali stranieri". Così il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni. "Abi e Federcasse - è l'invito invito di Sileoni - dimostrino intelligenza politica rivedendo le loro posizioni di incomprensibile chiusura sui contratti di lavoro di 350mila mila bancari italiani". "Prima vedremo se Grasso lo firmerà e cosa ne dirà il Parlamento ma sono estremamente preoccupato delle ripercussioni che ciò avrà sull'occupazione occupazione del credito e così rendiamo le prime 10 banche popolari scalabili da capitali stranieri. Mi viene da pensare che fosse proprio questo l'obiettivo obiettivo". È il commento in una nota del segretario della Uilca, Massimo Masi. "Renzi - attacca Masi - insiste nell'attribuire attribuire il problema al numero elevato dei banchieri, mentre invece avrebbe potuto intervenire, come hanno fatto altri paesi, ponendo un tetto sulla retribuzione dei manager italiani". Inoltre "corrispondono a falsità le affermazioni che stanno circolando che questa trasformazione in Spa agevoli la risoluzione dei problemi di Mps e Carige GAZZETTA DI MODENA mercoledì 21 gennaio 2015 Timori anche da parte dei sindacati Un vertice di Assopopolari Assopopolari, l'associazione associazione nazionale delle banche popolari presieduta da Ettore Caselli di Bper (nella foto), è pronta a reagire e per questo ha indetto una riunione di vertice per domani. Caselli già alla vigilia del Consiglio dei ministri aveva esposto le perplessità di Assopopolari sul decreto, ricordando che sulla materia è da tempo al lavoro una commissione composta da accademici. Caselli ha auspicato che l'associazione associazione possa fornire un proprio contributo al perfezionamento della riforma, anche perchè un adeguamento delle normative alle mutate esigenze del sistema bancario viene

4 ritenuto realmente necessario. Anche i sindacati dei bancari Fabi e Uilca ieri hanno espresso il timore della perdita di posti di lavoro e dei legami con i territori in seguito a scalate e aggregazioni favorite dalla trasformazione delle Popolari in spa. Del resto da due giorni le Popolari quotate in Borsa sono state prese d'assalto assalto da speculatori che hanno cercato di fare incetta di azioni, su tutte proprio Bper. «Prima vedremo se il presidente Grasso firmerà il decreto e cosa ne dirà il Parlamento - ha detto Massimo Masi di Uilca - ma sono preoccupato delle ripercussioni sull'occupazione occupazione del credito e così rendiamo le prime 10 banche popolari scalabili da capitali stranieri. Forse proprio questo era l'obiettivo obiettivo». Queste le prime dieci Popolari italiane in base all'attivo attivo patrimoniale: Banco Popolare 123,7 7 miliardi; Ubi Banca 121,3 3; Bper 61,2 2; Bpm 49,2 2; Popolare di Vicenza 44,2 2; Veneto Banca 35,9 9; Popolare di Sondrio 30,4 4; Credito Valtellinese 26,8 8; Popolare Etruria e Lazio 16,3 3; Popolare di Bari Sette di queste sono anche quotate in Borsa. Il sistema delle Popolari conta complessivamente 70 istituti con sportelli e 1,34 34 milioni di soci. L'ECO DI BERGAMO mercoledì 21 gennaio 2015 «Colpite le banche migliori, spazzati 150 anni di storia Una riforma che «lascia sbalorditi», dice senza mezzi termini Paolo Citterio, coordinatore del sindacato Fabi in Ubi. E aggiunge: «È bene informare gli utenti bancari che questo provvedimento non migliorerà le cose, anzi consegna le migliori banche popolari ai grandi capitali finanziari che non saranno certo interessati a migliorare l'attenzione attenzione alla semplice clientela o alle piccole imprese. Aumenteranno i giochi di potere politici e finanziari che nulla hanno a che vedere con una seria attività bancaria tradizionale». E per quanto riguarda, nello specifico, il gruppo Ubi? «Per Ubi risponde Citterio - significa cancellare in un minuto 150 anni di storia. I mali del sistema bancario vanno affrontati in modo serio, colpendo chi ha portato al "fallimento di fatto" e al commissariamento varie banche in Italia (spesso proprio delle Spa). Con questo decreto Renzi colpisce invece le banche migliori, le meglio gestite e maggiormente patrimonializzate». E ricorda ancora Citterio: «Non va dimenticato infine che Ubi nel 2013 aveva varato un sistema misto, un giusto equilibro fra capitali e soci: evidentemente il giovane premier dimostra di non rappresentare i cittadini ma le grandi e potenti lobby del paese». Il sindacalista Fabi non entra nel merito degli equilibri Bergamo- Brescia in Ubi che potrebbero essere alterati dal provvedimento governativo ma guarda oltre: «Non è questione di Bergamo e Brescia. Il fatto è che questo decreto spazza via tanto i bergamaschi quanto i bresciani, aprendo la strada agli arabi e ai cinesi». Un giudizio severo arriva anche da un altro sindacato dei bancari Ubi, la Fiba- Cisl di Bergamo. Dice Andrea Battistini: «L'intervento intervento del governo volto al superamento del voto capitano con la trasformazione in Spa delle principali banche popolari, come dice Renzi, "è un momento storico". Storico sì ma perché con un colpo di mano dell'ultima ultima ora si cancellano storie di persone e di territori, sacrificati sull'altare altare del valore dominante, il capitale». Quale valore aggiunto - si chiede Battistini - viene creato per la collettività? «Con l'obiettivo obiettivo di mi- gliorare il governo societario e favorire la concorrenza nel settore bancario il provvedimento, di fatto, crea valore solo per il mercato, senza certezza alcuna che l'economia economia reale, quella delle imprese e delle famiglie per capirci, possa averne dei benefici». E ancora si chiede il sindacalista FibaCisl Cisl: «Il mercato è al servizio della società, oppure la società è asservita al mercato e ai suoi interessi? Se il governo voleva intervenire, come sostiene, contro i banchieri, aveva un disegno di legge popolare che abbiamo già depositato con 120 mila firme contro i superstipen di dei manager. Ma forse l'obiettivo obiettivo era un altro». Conclude Battistini con una valutazione complessiva del provvedimento assunto

5 ieri dal consiglio dei ministri: «La valutazione è negativa, sia per la forma del provvedimento adottato (decreto), che per la sostanza. Ci aspettano sicuramente dei grandi cambiamenti e come sindacato faremo, come sempre, la nostra parte». CORRIERE DI BERGAMO mercoledì 21 gennaio 2015 Un coro di critiche e Jannone reclama «i diritti d autore» - Caldiani: si cancellano secoli di storia. Bonomi Deleuse: provvedimento incomprensibile «Sono shoccato come tutti quelli che hanno lavorato 40 anni per una banca cooperativa»: questo il commento «emotivo» di Graziano Caldiani, presidente degli «Amici di Ubi». «Con un provvedimento politico e non giuridico, il governo con un tratto di penna, tirato pure male, cancella due secoli di storia delle banche italiane. Ora si tratterà di leggere le disposizioni applicative che il decreto contiene. Cosa succederà nei prossimi mesi? Immagino, venendo a Ubi, che il 25 aprile voteremo ancora per teste, ma poi? Mi auguro che il decreto non venga convertito in legge e che tutte le forze politiche, sindacali e di categoria si muovano in questo senso». «È un provvedimento incomprensibile nella forma e nella sostanza gli fa eco il presidente dell Associazione Ubi Banca popolare!, Antonio Bonomi Deleuse non si capisce perché sia stato adottato un decreto in fretta e furia anziché un normale iter legislativo, senza poi contare il crinale della soglia degli 8 miliardi di attivi. La ricchezza territoriale delle banche federali, il cuore di Ubi, esce a pezzi e rischia di spezzare per sempre il circolo virtuoso, frutto di una storia secolare». Giorgio Jannone, presidente dell Associazione Azionisti di Ubi lancia un messaggio al premier: «Volendo fare una battuta, Renzi dovrebbe pagarmi i diritti d autore per il decreto che ricalca con la massima precisione i disegni di legge che ho presentato dal 1994 ad oggi in tema di riforma delle popolari». Secondo Jannone «per Ubi la trasformazione sarà eteroguidata da Banca d Italia, accelerata se si vorrà la partecipazione in Montepaschi, posticipata all assemblea 2016 se la questione sarà risolta in altri modi: in ogni caso gli attuali vertici dovranno dimettersi prima della prossima assemblea». Sul fronte sindacale, netta la presa di posizione di Luigi Bresciani, segretario generale della Cgil, che bolla la riforma come «inopportuna nel metodo e non necessaria nel merito» focalizzando l attenzione sul destino di Ubi: «Il risultato della trasformazione in Spa sarà l acquisto a prezzi stracciati da parte di finanziarie neppure italiane; alcuni grandi investitori, anche bergamaschi e bresciani, ricaveranno un mucchio di soldi, i piccoli investitori un piatto di lenticchie, le famiglie, le imprese del territorio, le comunità locali avranno tutto da perdere e nulla da guadagnare». Pensa ai territori anche Gigi Petteni, segretario nazionale Cisl: «È un provvedimento antistorico, perché va contro la storia e le necessità della gente e dei territori che, attraverso questo modello, hanno sviluppato benessere e ricchezza». Per Paolo Citterio della Fabi: «Ubi è una delle migliori banche italiane; sono spazzati via in un secondo un secolo di storia, per salvare Mps, mettendo in discussione un modello che ha sempre funzionato». D.T. RIPRODUZIONE RISERVATA AVVENIRE mercoledì 21 gennaio 2015 Ma il «no» è trasversale: «Un sistema da tutelare Banche popolari vittime di una penalizzazione eccessiva. A discapito dei grandi istituti. È questo, in sintesi, il commento rilasciato ieri da forze politiche di ogni schieramento, sindacati e associazioni di categoria. Tutti contrari alla riforma. «Le banche popolari e il credito cooperativo storicamente stanno alle famiglie come un interlocutore amichevole che può capire, intervenire e facilitare la soluzione di problemi, grandi e piccoli, laddove spesso la grande banca pone condizioni troppo difficili per poter essere accettate», si legge in una lettera recapitata al premier da un folto gruppo di parlamentari del gruppo Area popolare. C'è è anche chi - come il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi - ha ricordato

6 come il 66% del credito erogato dalle banche popolari è per le imprese, a fronte di una media nazionale del 36%. Nel mirino anche lo strumento utilizzato per la riforma, ovvero il decreto legge, la cui urgenza è stata contestata da Edoardo Patriarca (Pd). Ancora più critico - restando in area Pd - il commento di Stefano Fassina: «È un danno per l'italia Italia, ma è un grande favore per le grandi istituzioni finanziarie internazionali. Dopo l'intervento intervento di svalutazione del lavoro realizzato con il cosiddetto Jobs Act, il governo Renzi attua un altro fondamentale capitolo dell'agenda agenda della troika». Critiche anche dai deputati del Movimento Cinque Stelle: «Palazzo Chigi vuole davvero smantellare un segmento finanziario che mantiene un contatto diretto con le Pmi italiane, che ha preservato una buona capitalizzazione e ha fatto il proprio mestiere di prestatore senza lasciarsi tentare troppo dalla speculazione?». E mentre la Fabi, il sindacato più rappresentativo dei bancari, tramite il segretario generale Lando Sileoni parla di posti di lavoro a rischio, il segretario confederale Cisl, Luigi Sbarra, ha dichiarato che il sistema delle popolari «va difeso. La strada per affrontare seriamente l'efficienza efficienza di uno o più sistemi bancari nazionali, e non solo, è quella della differenziazione tra banche commerciali e banche d'investimento investimento che debbono essere regolate differentemente». Confartigianato, infine, ha ribadito che «il sillogismo grande bancagrande credito non sembra aver funzionato. Gli imprenditori non registrano miglioramenti nell'accesso accesso al credito con gli istituti di grandi dimensioni». Per il presidente Giorgio Merletti, al contrario, «il localismo bancario ha contribuito allo sviluppo del sistema produttivo italiano rappresentato per il 95% da piccole imprese. È il modello di sviluppo fatto di intreccio dell'economia economia con il territorio, idoneo a reggere la sfida dell'economia economia globale. Per questo siamo contrari alla riforma». GIORNALE DI BRESCIA mercoledì 21 gennaio 2015 Tsunami Popolari, entro 18 mesi dieci diventeranno «banche spa» Eliminato il voto capitario e il limite di possesso azionario Renzi: tante banche, poco credito. Padoan: il mercato è europeo Le popolari italiane hanno 18 mesi di tempo per trasformarsi in Spa, perchè «il sistema bancario italiano deve cambiare: abbiamo troppi banchieri e facciamo troppo poco credito». Così Matteo Renzi annuncia la principale novità del decreto sul sistema delle Banche Popolari varato dal Consiglio dei ministri in tandem con le prime norme dell'«investment act». «Do- po 20 anni di dibattito interveniamo attraverso un decreto legge sulle banche popolari - dice Renzi - non su tutte, ma su quelle con gli attivi superiori a 8 miliardi: sono 10 banche popolari in Italia. Le altre banche se vorrano potranno mantenere la fisionomia di popolari, ma queste 10 in 18 mesi dovranno trasformarsi in Spa». Via, dunque, l'articolo articolo 30 del testo unico bancario che in particolare regola il voto capitario e fissa il limite al possesso azionario. Entro 18 mesi, se il decreto verrà approvato dal Parlamento, non varrà più la regola di «una testa un voto», ma si voterà in base a quante azioni si hanno in portafoglio. Renzi ribatte alle polemiche di parte del mondo politico e bancario, che in questi giorni hanno accompagnato il dibattito sul provvedimento, e sottolinea che «siamo il Paese che ha probabilmente il maggior numero di istituti di credito: abbiamo troppi banchieri e facciamo poco credito, l'idea idea è di poter aprirci, per quanto possibile, ai mercati, aprirci all'innovazione innovazione, aprirci al futuro». La trasformazione delle principali banche popolari in Spa «renderà le banche popolari più forti», aggiunge il ministro dell'economia Economia, Pier Carlo Padoan, secondo cui la decisione del governo di procedere per decreto serve a dare «una scossa e un segnale di urgenza al sistema». «È una misura che rafforza il sistema bancario italiano che andrà sempre meglio man mano che la ripresa si consolida, è interesse del sistema bancario e

7 dei consumatori», rileva. Quanto ai tempi, secondo Padoan, diciotto mesi «sono un periodo sufficiente». Il ministro dell'economia Economia torna anche sulle parole del governatore della Banca d'italia Italia, Ignazio Visco, che al termine dell'esecutivo esecutivo dell'abi Abi aveva detto di non conoscere i contenuti del decreto: «Non so cosa abbia detto il governatore Visco, ma sicuramente, come è avvenuto in passato, quando il ministero dell'economia Economia si occupa di questioni bancarie ascolta i consigli che vengono dalla Banca d'italia Italia: anche in questo caso c'è è stata una condivisione», osserva Padoan. «Na- turalmente - sottolinea il titolare del Tesoro - le decisioni politiche sono prese dal governo». Quanto alla decisione del governo di applicare la norma solo alle dieci grandi banche popolari, Padoan spiega che serve «per dare una scossa forte preservando però in alcuni casi una forma di governance che ha servito bene il Paese». «Andranno valutati al- tri suggerimenti di modifica - conclude - ma dobbiamo iniziare a pensare in termini di un mercato del credito europeo e di questo forse anche le banche più piccole dovranno tenere conto». RISCHIO EVITATO Le Bcc non toccate dalla riforma â- Il decreto legge su investimenti e banche non tocca il credito cooperativo. Lo ha precisato lo stesso premier Renzi fugando in questo modo le indiscrezioni che indicavano anche le banche di credito cooperativo come coinvolte nella riforma che trasformerà le Popolari in sociatà per azioni. LA FABI «A rischio migliaia di posti di lavoro» â- La riforma delle Popolari varata dal governo in Cdm mette «a rischio posti di lavoro per l'inevitabile inevitabile avvio di aggregazioni, la possibile perdita fra 18 mesi del'italianità italianità delle banche a un forte rischio di fronte ai capitali stranieri». È quanto afferma il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni. CORRIERE DI VERONA mercoledì 21 gennaio 2015 Zanotto: «Preoccupato dalla svolta a rischio l autonomia degli istituti» - L ex sindaco: da chiarire le vere ragioni di questa operazione Pollice verso dal sindacato ma qualche piccolo socio applaude VERONA - Chiudere con la storia secolare della banca popolare della città è uno choc e di questo non può che farsi interprete Paolo Zanotto, già sindaco di Verona e figlio di Giorgio, che per vent anni fu presidente della Banca Mutua Popolare, vero e proprio padre nobile dell istituto nel Dopoguerra. Il predecessore di Flavio Tosi si dice preoccupato per questa svolta. «Il senso del voto capitario spiega è quello di rendere la banca non scalabile, mantenendola in questo modo libera da condizionamenti ad ogni livello. In questa fase, poi, i capitali in Borsa sono nelle mani soprattutto dei cosiddetti investitori istituzionali. Il che comporta sempre una netta diminuzione della libertà dei soci nelle assemblee». Zanotto aggiunge di voler «vedere con maggiore esattezza le ragioni della riforma proposta dal governo: quella di rendere contendibili gli istituti di credito non mi sembra infatti una motivazione sufficiente. Bisognerà capire fino in fondo se e come sarà possibile garantire l autonomia delle Popolari da condizionamenti e poteri. Mi pare che questa, al momento, sia una questione tanto rilevante quanto tutta da vedere. Di questi temi ho parlato spesso, anche nelle assemblee societarie, spiegando che il voto capitario era un valore che andava comunque tutelato. Adesso cercherò di capire fino in fondo le motivazioni governative, ma certo sono preoccupato». Se la politica locale per il momento reagisce (a parte la Lega) con qualche timidezza soprattutto sul fronte del centrosinistra, netta è la presa di posizione della principale fra le sigle sindacali di settore. «Voglio sottolineare un aspetto riflette Marco Muratore, segretario provinciale a Verona della Fabi che riguarda i dipendenti, ben 2500 nella provincia sparsi fra direzioni e un centinaio di sportelli. Moltissimi di loro sono anche azionisti della banca, pure se le regole assembleari del Banco Popolare non li hanno mai autorizzati al voto. Ebbene, il ruolo di soci ha spinto i lavoratori

8 dell istituto ad essere i primi guardiani di una sana gestione del credito e del rapporto con i clienti. Proprio perché dovevano tutelare un patrimonio che era anche loro. Che poi - aggiunge il sindacalista - il voto capitario e la natura cooperativa della banca ostacolino le aggregazioni è smentito dalla stessa storia del Banco Popolare, che è il frutto della progressiva fusione dell istituto veronese prima con quello omologo di Novara e poi con quello di Lodi. E noi come sindacato non temiamo tanto le fusioni in sé. Anche perché la politica di riduzione del personale negli ultimi tempi è stata il frutto di altre scelte, come quella di abbandonare progressivamente i servizi sul territorio a favore delle attività a distanza, la banca on line o quella telefonica». Trovare favorevoli al blitz di Renzi è arduo, a meno che non si vada a pescare tra i singoli soci dell istituto. «Noi piccoli azionisti contavamo poco nella gestione della banca anche prima della riforma - ammette Franco Pravato che detiene un pacchetto di azioni del Banco -. Così conteremo ancora meno ma il sistema delle nanoaziende ha dimostrato di non essere più in grado di reggere. Credo invece che con questa riforma ci troveremo in un prossimo futuro ad avere nel panorama nazionale una decina di grandi banche che saranno utili per le aziende che si occupano di estero». Attualmente il panorama bancario nazionale è fatto da due grandi banche (Unicredit e Intesa) e una cinquantina di istituti di medie (o medio-grandi, nel caso veronese) dimensioni che, per quanto possano sforzarsi, non sono in grado di fornire assistenza alle imprese che cercano disperatamente spazi commerciali in Estremo Oriente o su altri mercati lontani. «Se invece grazie a questa riforma le banche si accorpano con qualche scalata - continua Pravato - ci troveremo una decina di grandi istituti che è più di quanto abbiamo adesso in termini di concorrenza». Alessio Antonini e Lillo Aldegheri.

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati: istruttoria legislativa sul disegno di legge C.

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza

Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Una buona finanza per il rilancio dell'economia, nel Paese ed in Piemonte: le proposte della FISAC/CGIL nel Manifesto per la buona finanza Torino,27/11/2013 Grandi Banche e Banche locali: dove va il Credito?

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE

INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE 1002 INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE Antonio Tajani - Fulvio Martusciello - Lara Comi Rappresentanti di Forza Italia nella commissione

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13)

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 marzo 2015 sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) Introduzione e base giuridica Il 20 febbraio 2015 la Banca centrale europea (BCE) ha

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

JOBS ACT E LEGGE DI STABILITÀ SMONTIAMO PEZZO PER PEZZO LE ILLUSIONI DEI CERVELLONI DI PALAZZO CHIGI Testo di Giuliano Cazzola

JOBS ACT E LEGGE DI STABILITÀ SMONTIAMO PEZZO PER PEZZO LE ILLUSIONI DEI CERVELLONI DI PALAZZO CHIGI Testo di Giuliano Cazzola a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 808 JOBS ACT E LEGGE DI STABILITÀ SMONTIAMO PEZZO PER PEZZO LE ILLUSIONI DEI CERVELLONI

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Nuove banche per nuove imprese: la riforma delle Popolari

Nuove banche per nuove imprese: la riforma delle Popolari Nuove banche per nuove imprese: la riforma delle Popolari Giuseppe LATORRE Partner KPMG, Responsabile Corporate Finance e Financial Services Milano, 16 aprile 2015 Le Popolari in Italia e i contenuti della

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 bis Ufficio Documentazione e Studi 12 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 Ufficio Documentazione e Studi 5 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015

La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale. Bologna 31 marzo 2015 1 La quotazione delle PMI su AIM Italia e gli investitori istituzionali nel capitale Bologna 1 marzo 2015 2 L'AIM Italia (Alternative Investment Market) è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor PARADIGMA Srl Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Milano,10 e 11 ottobre 2012 Indice L iter parlamentare

Dettagli

BANCA ONLINE, LA PROPOSTA DELLA FABI SULLA STAMPA

BANCA ONLINE, LA PROPOSTA DELLA FABI SULLA STAMPA BANCA ONLINE, LA PROPOSTA DELLA FABI SULLA STAMPA Sileoni all'abi: "Istituire commissione paritetica su nuove tecnologie per gestire innovazione e garantire livelli occupazionali". Leggi i servizi di Corriere

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

«IL RISIKO DELLE BANCHE POPOLARI»

«IL RISIKO DELLE BANCHE POPOLARI» «IL RISIKO DELLE BANCHE POPOLARI» GIANLUCA SEMERARO Senior Correspondent Milano, 18 giugno 2015 #EditorialeItalia CHATROOM WHATSUP ITALIA Potete accedere all interno della Chatroom Whatsup Italia : UTENTI

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI.

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 6 agosto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PETERLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 GENNAIO 2012 Delega al Governo per la separazione delle attività bancarie

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

TUTTI I DECRETI DI RENZI

TUTTI I DECRETI DI RENZI 067 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTI I DECRETI DI RENZI SULLE BANCHE POPOLARI E IL CONFLITTO DI INTERESSI 17 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il Governo

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA

TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA A CURA DI UFFICIO STAMPA FILLEA CGIL NAZIONALE www.filleacgil.it - Twitter @filleacgil responsabile: barbara cannata cell.3357888152 ufficiostampa@filleacgil.t

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale di Redazione Sicilia Journal - 28, Gen, 2016 http://www.siciliajournal.it/lavoro-san-pellegrino-fai-cisl-flai-cgil-e-uila-uil-insieme-per-valorizzare-ilsettore-dellacqua-minerale/

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA

APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA BILANCIO - 06/05/2014 APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA Approvato oggi il consuntivo 2013: raddoppiato il Fondo per il Sociale, adeguamenti delle tariffe

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013 Dalle Province alle Città metropolitane Firenze 22 ottobre 2013 1 Il caos del Disegno di legge del Governo: una legge in attesa di Il Disegno di Legge sulle Città metropolitane riscrive le leggi su queste

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Parte Straordinaria RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Parte Straordinaria RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE BOZZA Parte Straordinaria RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato in sede straordinaria per sottoporre alla Vostra approvazione talune modifiche statutarie vòlte

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile

Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile (ANSA) - ROMA, 19 GIU - Il Governo ha stabilito il principio che il lavoro flessibile deve costare di più di quello stabile. Lo ha ribadito il

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 26/06/2014 Emilianet 27/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 17 27/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 13 27/06/2014 La Nuova Prima Pagina

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del deputato BENCINI Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche d'affari Onorevoli Colleghi! Tra le cause della

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

ALEA SRL INFOALEA 61 02/09/2013

ALEA SRL INFOALEA 61 02/09/2013 FfffSAD ALEA SRL INFOALEA 61 02/09/2013 Un altra vergogna all italiana..la modifica e la quasi eliminazione delle detrazioni assicurative. La decisione di tagliare drasticamente la detrazione fiscale sulle

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

Come cambierà il risparmio

Come cambierà il risparmio Data Pubblicazione 13/05/2016 Come cambierà il risparmio Chi c'era e cosa si è detto al seminario organizzato da Azimut dal titolo: "Il risparmio tra protezione e crescita. E' tempo di cambiare". Sito

Dettagli

PERCHE I DATI UTILIZZATI PER DETERMINARE GLI AUMENTI CONTRIBUTIVI E L INNALZAMENTO DELL ETA PENSIONABILE SONO SBAGIATI?

PERCHE I DATI UTILIZZATI PER DETERMINARE GLI AUMENTI CONTRIBUTIVI E L INNALZAMENTO DELL ETA PENSIONABILE SONO SBAGIATI? PERCHE I DATI UTILIZZATI PER DETERMINARE GLI AUMENTI CONTRIBUTIVI E L INNALZAMENTO DELL ETA PENSIONABILE SONO SBAGIATI? Questa nuova riforma è stata predisposta in base alle valutazioni attuariali fornite

Dettagli

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 Il SINDACO del Comune di VERBANIA, appoggia l indicazione del sì alla costituzione in SOCIETÀ PER AZIONI, quale unica via percorribile

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 15 Settembre 2015

Rassegna Stampa. Martedì 15 Settembre 2015 Rassegna Stampa 15 Settembre 2015 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. UILCA Giornale di Vicenza (Il) Gazzettino (Il) - ed. Treviso 7 Sindacati contro Fabi 1 8 Sorpresa alla Banca di Treviso «Vogliono

Dettagli

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia Il I convegno dei Coordinamenti provinciali del volontariato di Protezione civile della Puglia CONVEGNI Quale futuro per il volontariato di Protezione civile pugliese? : è stato questo il tema di un interessante

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE CON ACCESS E PROJECT 2007 In questo articolo esamineremo come una applicazione Access ed una applicazione Project 2007 possono interagire per creare un piano di produzione

Dettagli

PREMIO AZIENDALE : RAGGIUNTO L ACCORDO

PREMIO AZIENDALE : RAGGIUNTO L ACCORDO PREMIO AZIENDALE : RAGGIUNTO L ACCORDO Accordo triennale, garanzia e certezza di erogazione per tutti noi sulla base di un accordo con un unica erogazione per il 2010 ed un unica tabella per il biennio

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli