MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio 2015. Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno"

Transcript

1 RIFORMA POPOLARI, LA FABI SULLA STAMPA Il monito del leader della FABI, Sileoni: "Con questa riforma si creano condizioni per ulteriori tagli del personale". Leggi i servizi di Repubblica, Corriere della Sera, Milano Finanza, Gazzetta del Mezzogiorno, Giornale di Brescia MF-MILANO FINANZA mercoledì 21 gennaio 2015 Bancari e banchieri presi in contropiede. Tranne uno Clicca sull'immagine per ingrandirla e leggere l'articolo CORRIERE DELLA SERA mercoledì 21 gennaio 2015

2 I sindacati: «Più rischi per il lavoro» Negative le reazioni dei sindacati dei bancari alla riforma delle popolari. «Questa decisione mette a rischio posti di lavoro per l inevitabile avvio di aggregazioni. Inoltre bisogna mettere in conto la possibile perdita fra 18 mesi dell italianità delle banche a forte rischio di fronte ai capitali stranieri», ha messo in guardia Lando Sileoni, segretario generale della Fabi, il sindacato più rappresentativo tra i bancari. «Abi e Federcasse aggiunge Sileoni dimostrino intelligenza politica rivedendo le loro posizioni di chiusura sui contratti». Dal canto suo Agostino Megale, segretario generale di Fisac Cgil, ricorda che «le difficoltà principali nel settore, individuate anche con gli stress test, riguardano alcune società per azioni, non si capisce perché trasformare le popolari in spa rilancerebbe il sistema». «Con un percorso d urgenza si liquidano 150 anni di storia chiude il segretario della Cisl Luigi Sbarra insieme con Giulio Romani, a capo della Fiba Cisl. Le conseguenze oggi forse non sono valutate a sufficienza». RIPRODUZIONE RISERVATA LA REPUBBLICA mercoledì 21 gennaio 2015 L asse tra cattocomunisti e forzaleghisti nella trincea dei resistenti Clicca sull'immagine per ingrandirla e leggere l'articolo

3 LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO mercoledì 21 gennaio 2015 I sindacati: si colpiscono le banche che funzionano Ora fusioni e posti a rischio "Non capisco l'urgenza urgenza di procedere con decreto sul tema delle banche popolari, che potrebbe tranquillamente far parte di un disegno di legge e favorire così la stessa discussione parlamentare". Così il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale, sul decreto approvato dal Cdm. "Rammento - prosegue - che le difficoltà principali nel settore, individuate anche con gli stress test, riguardano alcune Spa per cui non si capisce il perché trasformare le 10 popolari in Spa rilancerebbe il sistema, semmai mette a rischio l'occupazione occupazione". Non è l'unica unica voce sindacale preoccupata, quella di Megale. "Se il presidente Grasso deciderà di firmare il decreto, convalidando il percorso di urgenza con cui una questione così importante per l'economia economia e la democrazia nel Paese viene liquidata senza alcun contraddittorio, 150 anni di storia fatta di sussidiarietà e di partecipazione saranno d'un un tratto cancellati, con conseguenze oggi forse non sufficientemente valutate". Lo affermano in una nota congiunta Luigi Sbarra, Segretario Confederale Cisl e Giulio Romani Segretario Generale Fiba Cisl che chiedono un incontro al presidente Grasso per spiegare che "le ragioni che sostengono il provvedimento del Governo cozzano drammaticamente con i fatti, che dimostrano come il sistema di governance delle Banche Popolari non è mai stato di alcun impedimento né alla salute economica delle stesse, né alla loro capacità di assolvere la funzione sociale di erogazione creditizia e di tutela del risparmio". Il decreto mette "a rischio posti di lavoro per l'inevitabile inevitabile avvio di aggregazioni" e inoltre apre la strada alla "possibile perdita, fra 18 mesi, del'italianità italianità delle banche, a forte rischio di fronte ai capitali stranieri". Così il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni. "Abi e Federcasse - è l'invito invito di Sileoni - dimostrino intelligenza politica rivedendo le loro posizioni di incomprensibile chiusura sui contratti di lavoro di 350mila mila bancari italiani". "Prima vedremo se Grasso lo firmerà e cosa ne dirà il Parlamento ma sono estremamente preoccupato delle ripercussioni che ciò avrà sull'occupazione occupazione del credito e così rendiamo le prime 10 banche popolari scalabili da capitali stranieri. Mi viene da pensare che fosse proprio questo l'obiettivo obiettivo". È il commento in una nota del segretario della Uilca, Massimo Masi. "Renzi - attacca Masi - insiste nell'attribuire attribuire il problema al numero elevato dei banchieri, mentre invece avrebbe potuto intervenire, come hanno fatto altri paesi, ponendo un tetto sulla retribuzione dei manager italiani". Inoltre "corrispondono a falsità le affermazioni che stanno circolando che questa trasformazione in Spa agevoli la risoluzione dei problemi di Mps e Carige GAZZETTA DI MODENA mercoledì 21 gennaio 2015 Timori anche da parte dei sindacati Un vertice di Assopopolari Assopopolari, l'associazione associazione nazionale delle banche popolari presieduta da Ettore Caselli di Bper (nella foto), è pronta a reagire e per questo ha indetto una riunione di vertice per domani. Caselli già alla vigilia del Consiglio dei ministri aveva esposto le perplessità di Assopopolari sul decreto, ricordando che sulla materia è da tempo al lavoro una commissione composta da accademici. Caselli ha auspicato che l'associazione associazione possa fornire un proprio contributo al perfezionamento della riforma, anche perchè un adeguamento delle normative alle mutate esigenze del sistema bancario viene

4 ritenuto realmente necessario. Anche i sindacati dei bancari Fabi e Uilca ieri hanno espresso il timore della perdita di posti di lavoro e dei legami con i territori in seguito a scalate e aggregazioni favorite dalla trasformazione delle Popolari in spa. Del resto da due giorni le Popolari quotate in Borsa sono state prese d'assalto assalto da speculatori che hanno cercato di fare incetta di azioni, su tutte proprio Bper. «Prima vedremo se il presidente Grasso firmerà il decreto e cosa ne dirà il Parlamento - ha detto Massimo Masi di Uilca - ma sono preoccupato delle ripercussioni sull'occupazione occupazione del credito e così rendiamo le prime 10 banche popolari scalabili da capitali stranieri. Forse proprio questo era l'obiettivo obiettivo». Queste le prime dieci Popolari italiane in base all'attivo attivo patrimoniale: Banco Popolare 123,7 7 miliardi; Ubi Banca 121,3 3; Bper 61,2 2; Bpm 49,2 2; Popolare di Vicenza 44,2 2; Veneto Banca 35,9 9; Popolare di Sondrio 30,4 4; Credito Valtellinese 26,8 8; Popolare Etruria e Lazio 16,3 3; Popolare di Bari Sette di queste sono anche quotate in Borsa. Il sistema delle Popolari conta complessivamente 70 istituti con sportelli e 1,34 34 milioni di soci. L'ECO DI BERGAMO mercoledì 21 gennaio 2015 «Colpite le banche migliori, spazzati 150 anni di storia Una riforma che «lascia sbalorditi», dice senza mezzi termini Paolo Citterio, coordinatore del sindacato Fabi in Ubi. E aggiunge: «È bene informare gli utenti bancari che questo provvedimento non migliorerà le cose, anzi consegna le migliori banche popolari ai grandi capitali finanziari che non saranno certo interessati a migliorare l'attenzione attenzione alla semplice clientela o alle piccole imprese. Aumenteranno i giochi di potere politici e finanziari che nulla hanno a che vedere con una seria attività bancaria tradizionale». E per quanto riguarda, nello specifico, il gruppo Ubi? «Per Ubi risponde Citterio - significa cancellare in un minuto 150 anni di storia. I mali del sistema bancario vanno affrontati in modo serio, colpendo chi ha portato al "fallimento di fatto" e al commissariamento varie banche in Italia (spesso proprio delle Spa). Con questo decreto Renzi colpisce invece le banche migliori, le meglio gestite e maggiormente patrimonializzate». E ricorda ancora Citterio: «Non va dimenticato infine che Ubi nel 2013 aveva varato un sistema misto, un giusto equilibro fra capitali e soci: evidentemente il giovane premier dimostra di non rappresentare i cittadini ma le grandi e potenti lobby del paese». Il sindacalista Fabi non entra nel merito degli equilibri Bergamo- Brescia in Ubi che potrebbero essere alterati dal provvedimento governativo ma guarda oltre: «Non è questione di Bergamo e Brescia. Il fatto è che questo decreto spazza via tanto i bergamaschi quanto i bresciani, aprendo la strada agli arabi e ai cinesi». Un giudizio severo arriva anche da un altro sindacato dei bancari Ubi, la Fiba- Cisl di Bergamo. Dice Andrea Battistini: «L'intervento intervento del governo volto al superamento del voto capitano con la trasformazione in Spa delle principali banche popolari, come dice Renzi, "è un momento storico". Storico sì ma perché con un colpo di mano dell'ultima ultima ora si cancellano storie di persone e di territori, sacrificati sull'altare altare del valore dominante, il capitale». Quale valore aggiunto - si chiede Battistini - viene creato per la collettività? «Con l'obiettivo obiettivo di mi- gliorare il governo societario e favorire la concorrenza nel settore bancario il provvedimento, di fatto, crea valore solo per il mercato, senza certezza alcuna che l'economia economia reale, quella delle imprese e delle famiglie per capirci, possa averne dei benefici». E ancora si chiede il sindacalista FibaCisl Cisl: «Il mercato è al servizio della società, oppure la società è asservita al mercato e ai suoi interessi? Se il governo voleva intervenire, come sostiene, contro i banchieri, aveva un disegno di legge popolare che abbiamo già depositato con 120 mila firme contro i superstipen di dei manager. Ma forse l'obiettivo obiettivo era un altro». Conclude Battistini con una valutazione complessiva del provvedimento assunto

5 ieri dal consiglio dei ministri: «La valutazione è negativa, sia per la forma del provvedimento adottato (decreto), che per la sostanza. Ci aspettano sicuramente dei grandi cambiamenti e come sindacato faremo, come sempre, la nostra parte». CORRIERE DI BERGAMO mercoledì 21 gennaio 2015 Un coro di critiche e Jannone reclama «i diritti d autore» - Caldiani: si cancellano secoli di storia. Bonomi Deleuse: provvedimento incomprensibile «Sono shoccato come tutti quelli che hanno lavorato 40 anni per una banca cooperativa»: questo il commento «emotivo» di Graziano Caldiani, presidente degli «Amici di Ubi». «Con un provvedimento politico e non giuridico, il governo con un tratto di penna, tirato pure male, cancella due secoli di storia delle banche italiane. Ora si tratterà di leggere le disposizioni applicative che il decreto contiene. Cosa succederà nei prossimi mesi? Immagino, venendo a Ubi, che il 25 aprile voteremo ancora per teste, ma poi? Mi auguro che il decreto non venga convertito in legge e che tutte le forze politiche, sindacali e di categoria si muovano in questo senso». «È un provvedimento incomprensibile nella forma e nella sostanza gli fa eco il presidente dell Associazione Ubi Banca popolare!, Antonio Bonomi Deleuse non si capisce perché sia stato adottato un decreto in fretta e furia anziché un normale iter legislativo, senza poi contare il crinale della soglia degli 8 miliardi di attivi. La ricchezza territoriale delle banche federali, il cuore di Ubi, esce a pezzi e rischia di spezzare per sempre il circolo virtuoso, frutto di una storia secolare». Giorgio Jannone, presidente dell Associazione Azionisti di Ubi lancia un messaggio al premier: «Volendo fare una battuta, Renzi dovrebbe pagarmi i diritti d autore per il decreto che ricalca con la massima precisione i disegni di legge che ho presentato dal 1994 ad oggi in tema di riforma delle popolari». Secondo Jannone «per Ubi la trasformazione sarà eteroguidata da Banca d Italia, accelerata se si vorrà la partecipazione in Montepaschi, posticipata all assemblea 2016 se la questione sarà risolta in altri modi: in ogni caso gli attuali vertici dovranno dimettersi prima della prossima assemblea». Sul fronte sindacale, netta la presa di posizione di Luigi Bresciani, segretario generale della Cgil, che bolla la riforma come «inopportuna nel metodo e non necessaria nel merito» focalizzando l attenzione sul destino di Ubi: «Il risultato della trasformazione in Spa sarà l acquisto a prezzi stracciati da parte di finanziarie neppure italiane; alcuni grandi investitori, anche bergamaschi e bresciani, ricaveranno un mucchio di soldi, i piccoli investitori un piatto di lenticchie, le famiglie, le imprese del territorio, le comunità locali avranno tutto da perdere e nulla da guadagnare». Pensa ai territori anche Gigi Petteni, segretario nazionale Cisl: «È un provvedimento antistorico, perché va contro la storia e le necessità della gente e dei territori che, attraverso questo modello, hanno sviluppato benessere e ricchezza». Per Paolo Citterio della Fabi: «Ubi è una delle migliori banche italiane; sono spazzati via in un secondo un secolo di storia, per salvare Mps, mettendo in discussione un modello che ha sempre funzionato». D.T. RIPRODUZIONE RISERVATA AVVENIRE mercoledì 21 gennaio 2015 Ma il «no» è trasversale: «Un sistema da tutelare Banche popolari vittime di una penalizzazione eccessiva. A discapito dei grandi istituti. È questo, in sintesi, il commento rilasciato ieri da forze politiche di ogni schieramento, sindacati e associazioni di categoria. Tutti contrari alla riforma. «Le banche popolari e il credito cooperativo storicamente stanno alle famiglie come un interlocutore amichevole che può capire, intervenire e facilitare la soluzione di problemi, grandi e piccoli, laddove spesso la grande banca pone condizioni troppo difficili per poter essere accettate», si legge in una lettera recapitata al premier da un folto gruppo di parlamentari del gruppo Area popolare. C'è è anche chi - come il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi - ha ricordato

6 come il 66% del credito erogato dalle banche popolari è per le imprese, a fronte di una media nazionale del 36%. Nel mirino anche lo strumento utilizzato per la riforma, ovvero il decreto legge, la cui urgenza è stata contestata da Edoardo Patriarca (Pd). Ancora più critico - restando in area Pd - il commento di Stefano Fassina: «È un danno per l'italia Italia, ma è un grande favore per le grandi istituzioni finanziarie internazionali. Dopo l'intervento intervento di svalutazione del lavoro realizzato con il cosiddetto Jobs Act, il governo Renzi attua un altro fondamentale capitolo dell'agenda agenda della troika». Critiche anche dai deputati del Movimento Cinque Stelle: «Palazzo Chigi vuole davvero smantellare un segmento finanziario che mantiene un contatto diretto con le Pmi italiane, che ha preservato una buona capitalizzazione e ha fatto il proprio mestiere di prestatore senza lasciarsi tentare troppo dalla speculazione?». E mentre la Fabi, il sindacato più rappresentativo dei bancari, tramite il segretario generale Lando Sileoni parla di posti di lavoro a rischio, il segretario confederale Cisl, Luigi Sbarra, ha dichiarato che il sistema delle popolari «va difeso. La strada per affrontare seriamente l'efficienza efficienza di uno o più sistemi bancari nazionali, e non solo, è quella della differenziazione tra banche commerciali e banche d'investimento investimento che debbono essere regolate differentemente». Confartigianato, infine, ha ribadito che «il sillogismo grande bancagrande credito non sembra aver funzionato. Gli imprenditori non registrano miglioramenti nell'accesso accesso al credito con gli istituti di grandi dimensioni». Per il presidente Giorgio Merletti, al contrario, «il localismo bancario ha contribuito allo sviluppo del sistema produttivo italiano rappresentato per il 95% da piccole imprese. È il modello di sviluppo fatto di intreccio dell'economia economia con il territorio, idoneo a reggere la sfida dell'economia economia globale. Per questo siamo contrari alla riforma». GIORNALE DI BRESCIA mercoledì 21 gennaio 2015 Tsunami Popolari, entro 18 mesi dieci diventeranno «banche spa» Eliminato il voto capitario e il limite di possesso azionario Renzi: tante banche, poco credito. Padoan: il mercato è europeo Le popolari italiane hanno 18 mesi di tempo per trasformarsi in Spa, perchè «il sistema bancario italiano deve cambiare: abbiamo troppi banchieri e facciamo troppo poco credito». Così Matteo Renzi annuncia la principale novità del decreto sul sistema delle Banche Popolari varato dal Consiglio dei ministri in tandem con le prime norme dell'«investment act». «Do- po 20 anni di dibattito interveniamo attraverso un decreto legge sulle banche popolari - dice Renzi - non su tutte, ma su quelle con gli attivi superiori a 8 miliardi: sono 10 banche popolari in Italia. Le altre banche se vorrano potranno mantenere la fisionomia di popolari, ma queste 10 in 18 mesi dovranno trasformarsi in Spa». Via, dunque, l'articolo articolo 30 del testo unico bancario che in particolare regola il voto capitario e fissa il limite al possesso azionario. Entro 18 mesi, se il decreto verrà approvato dal Parlamento, non varrà più la regola di «una testa un voto», ma si voterà in base a quante azioni si hanno in portafoglio. Renzi ribatte alle polemiche di parte del mondo politico e bancario, che in questi giorni hanno accompagnato il dibattito sul provvedimento, e sottolinea che «siamo il Paese che ha probabilmente il maggior numero di istituti di credito: abbiamo troppi banchieri e facciamo poco credito, l'idea idea è di poter aprirci, per quanto possibile, ai mercati, aprirci all'innovazione innovazione, aprirci al futuro». La trasformazione delle principali banche popolari in Spa «renderà le banche popolari più forti», aggiunge il ministro dell'economia Economia, Pier Carlo Padoan, secondo cui la decisione del governo di procedere per decreto serve a dare «una scossa e un segnale di urgenza al sistema». «È una misura che rafforza il sistema bancario italiano che andrà sempre meglio man mano che la ripresa si consolida, è interesse del sistema bancario e

7 dei consumatori», rileva. Quanto ai tempi, secondo Padoan, diciotto mesi «sono un periodo sufficiente». Il ministro dell'economia Economia torna anche sulle parole del governatore della Banca d'italia Italia, Ignazio Visco, che al termine dell'esecutivo esecutivo dell'abi Abi aveva detto di non conoscere i contenuti del decreto: «Non so cosa abbia detto il governatore Visco, ma sicuramente, come è avvenuto in passato, quando il ministero dell'economia Economia si occupa di questioni bancarie ascolta i consigli che vengono dalla Banca d'italia Italia: anche in questo caso c'è è stata una condivisione», osserva Padoan. «Na- turalmente - sottolinea il titolare del Tesoro - le decisioni politiche sono prese dal governo». Quanto alla decisione del governo di applicare la norma solo alle dieci grandi banche popolari, Padoan spiega che serve «per dare una scossa forte preservando però in alcuni casi una forma di governance che ha servito bene il Paese». «Andranno valutati al- tri suggerimenti di modifica - conclude - ma dobbiamo iniziare a pensare in termini di un mercato del credito europeo e di questo forse anche le banche più piccole dovranno tenere conto». RISCHIO EVITATO Le Bcc non toccate dalla riforma â- Il decreto legge su investimenti e banche non tocca il credito cooperativo. Lo ha precisato lo stesso premier Renzi fugando in questo modo le indiscrezioni che indicavano anche le banche di credito cooperativo come coinvolte nella riforma che trasformerà le Popolari in sociatà per azioni. LA FABI «A rischio migliaia di posti di lavoro» â- La riforma delle Popolari varata dal governo in Cdm mette «a rischio posti di lavoro per l'inevitabile inevitabile avvio di aggregazioni, la possibile perdita fra 18 mesi del'italianità italianità delle banche a un forte rischio di fronte ai capitali stranieri». È quanto afferma il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni. CORRIERE DI VERONA mercoledì 21 gennaio 2015 Zanotto: «Preoccupato dalla svolta a rischio l autonomia degli istituti» - L ex sindaco: da chiarire le vere ragioni di questa operazione Pollice verso dal sindacato ma qualche piccolo socio applaude VERONA - Chiudere con la storia secolare della banca popolare della città è uno choc e di questo non può che farsi interprete Paolo Zanotto, già sindaco di Verona e figlio di Giorgio, che per vent anni fu presidente della Banca Mutua Popolare, vero e proprio padre nobile dell istituto nel Dopoguerra. Il predecessore di Flavio Tosi si dice preoccupato per questa svolta. «Il senso del voto capitario spiega è quello di rendere la banca non scalabile, mantenendola in questo modo libera da condizionamenti ad ogni livello. In questa fase, poi, i capitali in Borsa sono nelle mani soprattutto dei cosiddetti investitori istituzionali. Il che comporta sempre una netta diminuzione della libertà dei soci nelle assemblee». Zanotto aggiunge di voler «vedere con maggiore esattezza le ragioni della riforma proposta dal governo: quella di rendere contendibili gli istituti di credito non mi sembra infatti una motivazione sufficiente. Bisognerà capire fino in fondo se e come sarà possibile garantire l autonomia delle Popolari da condizionamenti e poteri. Mi pare che questa, al momento, sia una questione tanto rilevante quanto tutta da vedere. Di questi temi ho parlato spesso, anche nelle assemblee societarie, spiegando che il voto capitario era un valore che andava comunque tutelato. Adesso cercherò di capire fino in fondo le motivazioni governative, ma certo sono preoccupato». Se la politica locale per il momento reagisce (a parte la Lega) con qualche timidezza soprattutto sul fronte del centrosinistra, netta è la presa di posizione della principale fra le sigle sindacali di settore. «Voglio sottolineare un aspetto riflette Marco Muratore, segretario provinciale a Verona della Fabi che riguarda i dipendenti, ben 2500 nella provincia sparsi fra direzioni e un centinaio di sportelli. Moltissimi di loro sono anche azionisti della banca, pure se le regole assembleari del Banco Popolare non li hanno mai autorizzati al voto. Ebbene, il ruolo di soci ha spinto i lavoratori

8 dell istituto ad essere i primi guardiani di una sana gestione del credito e del rapporto con i clienti. Proprio perché dovevano tutelare un patrimonio che era anche loro. Che poi - aggiunge il sindacalista - il voto capitario e la natura cooperativa della banca ostacolino le aggregazioni è smentito dalla stessa storia del Banco Popolare, che è il frutto della progressiva fusione dell istituto veronese prima con quello omologo di Novara e poi con quello di Lodi. E noi come sindacato non temiamo tanto le fusioni in sé. Anche perché la politica di riduzione del personale negli ultimi tempi è stata il frutto di altre scelte, come quella di abbandonare progressivamente i servizi sul territorio a favore delle attività a distanza, la banca on line o quella telefonica». Trovare favorevoli al blitz di Renzi è arduo, a meno che non si vada a pescare tra i singoli soci dell istituto. «Noi piccoli azionisti contavamo poco nella gestione della banca anche prima della riforma - ammette Franco Pravato che detiene un pacchetto di azioni del Banco -. Così conteremo ancora meno ma il sistema delle nanoaziende ha dimostrato di non essere più in grado di reggere. Credo invece che con questa riforma ci troveremo in un prossimo futuro ad avere nel panorama nazionale una decina di grandi banche che saranno utili per le aziende che si occupano di estero». Attualmente il panorama bancario nazionale è fatto da due grandi banche (Unicredit e Intesa) e una cinquantina di istituti di medie (o medio-grandi, nel caso veronese) dimensioni che, per quanto possano sforzarsi, non sono in grado di fornire assistenza alle imprese che cercano disperatamente spazi commerciali in Estremo Oriente o su altri mercati lontani. «Se invece grazie a questa riforma le banche si accorpano con qualche scalata - continua Pravato - ci troveremo una decina di grandi istituti che è più di quanto abbiamo adesso in termini di concorrenza». Alessio Antonini e Lillo Aldegheri.

CAMERA DEI DEPUTATI Audizione del Presidente della Consob Giuseppe Vegas

CAMERA DEI DEPUTATI Audizione del Presidente della Consob Giuseppe Vegas CAMERAA DEI DEPUTATI Audizione nell ambito dell esame del disegnoo di leggee C. 28444, di conversione del decreto-legge n.. 3 del 2015, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L Euro CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L adesione all Euro è la conseguenza della adesione allo SME (Sistema Monetario Europeo) del 1979 (Governi Andreotti- Cossiga)

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Pagina 1 di 5 Giovedì, 8 Maggio 2008 Notizie Web Politica NOTIZIE Cronaca Economia Esteri Politica Scienze e Tech Spettacoli Sport Top New MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Presentata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Banca Popolare Friuladria

Banca Popolare Friuladria La Voce Banca Popolare Friuladria Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti - settembre 2007 SOMMARIO Aumento di capitale Credit Agricole 1 Conclusa la bozza Staututo FIM 3 18 settembre primo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA L azienda mette in atto alcune iniziative che riteniamo insufficienti (antievasione/filtri a terra/affiancamenti tutor/ nuova

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli