Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente"

Transcript

1 Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di un anno, del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area sottostante al canile sanitario. Il Comune di Pesaro intende affidare in economia, ad associazioni o enti aventi finalità di protezione degli animali o altre organizzazioni non aventi scopo di lucro, iscritte nell albo regionale delle Marche previsto dall art. 9 del Regolamento Regionale n. 2/2001, il servizio di gestione, per la durata di un anno, del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area sottostante al canile sanitario. La scelta dell affidatario sarà fatta in base al curriculum e la gestione dovrà essere espletata con le modalità, alle condizioni e nei termini previsti nel Disciplinare allegato al presente avviso (non sono ammesse varianti, né offerte in ribasso sull importo né richieste di aumento). I concorrenti devono far pervenire la propria domanda contenente il curriculum (massimo due pagine scritte) e la seguente dichiarazione: di essere iscritti all albo regionale delle Marche di cui all art. 2, comma 14, del Regolamento Regionale , n. 2; di aver gestito negli ultimi tre anni un canile sanitario (o rifugio per cani), di proprietà comunale o di Comunità montana, della capienza di oltre 100 cani. La predetta domanda, indirizzata al Comune di Pesaro-Servizio Qualità Ambiente, deve essere inoltrata esclusivamente tramite fax al n , entro e non oltre il Eventuali informazioni possono essere richieste al seguente numero telefonico: Pesaro, Il Dirigente responsabile del Servizio Qualità Ambiente (dott. Gianfranco Flori) Allegato: Disciplinare

2 COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente DISCIPLINARE relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area sottostante al canile sanitario

3 Art. 1 - Affidamento della gestione 1. Il presente Disciplinare è relativo all affidamento della gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area sottostante al canile sanitario (in seguito, per brevità, nel presente Disciplinare denominato Rifugio ), completo di arredi e attrezzature. 2. L affidamento della gestione del Rifugio è effettuato in economia, a seguito di espletamento di procedura pubblica, riservata ad associazioni o enti aventi finalità di protezione degli animali o altre organizzazioni non aventi scopo di lucro, iscritte nell albo regionale previsto dall art. 9 del Regolamento Regionale n. 2/2001 (come modificato dal Regolamento Regionale n. 5/2002), ai sensi dell art. 2, comma 4, della L.R. Marche , n. 10 (come modificata dalla L.R. Marche , n. 26) e in applicazione dell art. 2, comma 14, del predetto Regolamento Regionale n. 2/2001, e nel rispetto degli artt. 40 e 41 del Regolamento comunale sulla tutela degli animali. 3. La gestione del Rifugio viene affidata al Gestore senza che ciò costituisca alcun rapporto di impiego o di lavoro subordinato con il Comune; nessun onere sarà a carico del Comune per assicurazioni previdenziali ed assistenziali sotto qualsiasi titolo. 4. La gestione del Rifugio comprende le attività a carattere continuativo indicate all art. 2 del presente Disciplinare e le attività a carattere periodico indicate al successivo art. 3, da espletare da parte del Gestore presso il Rifugio avente una capienza non superiore a 155 capi. La gestione comprende inoltre le altre attività indicate nei successivi articoli. La fornitura di acqua, energia elettrica e telefono è a carico del Comune. Art. 2 Attività a carattere continuativo da espletare 1. Le attività del Gestore, a carattere continuativo, devono essere svolte tutti i giorni dell anno. 2. Le predette attività comprendono: a) accoglienza dei cani provenienti dal canile sanitario e/o inseriti a seguito di autorizzazione dell Ufficio comunale Tutela Animali, e custodia degli stessi presso il Rifugio. Gli animali devono essere custoditi con le modalità più idonee atte a salvaguardare il loro benessere. I cani di proprietà privata possono essere ricoverati per il pensionamento (temporaneo o definitivo) solo a seguito di autorizzazione dell Ufficio Tutela Animali e alle condizioni indicate nell autorizzazione, e devono essere detenuti in reparti distinti e separati dagli altri box e recinti; b) approvvigionamento e somministrazione quotidiana di cibo e acqua in misura congrua alle esigenze in rapporto all età, taglia, peso, e comunque l alimentazione deve essere avvalorata per iscritto dal Veterinario responsabile (di cui all art. 4) incaricato dal Gestore a sue spese; c) spazzolamento e sottoposizione degli animali a specifici trattamenti antiparassitari almeno due volte all anno e comunque ogni volta ne venga ravvisata la necessità dal veterinario responsabile o dal Servizio Veterinario dell ASUR. Le vaccinazioni, le sterilizzazioni, l apposizione di microchip identificativo e la profilassi veterinaria, competono invece al Servizio Veterinario dell ASUR secondo quanto stabilito dalla normativa vigente; d) allattamento e svezzamento dei cuccioli; e) spese veterinarie per operazioni chirurgiche, medicazioni, medicinali e quant altro necessario alla salute dei cani; f) i cani ospitati devono essere fatti uscire dai box giornalmente e lasciati liberi nello sgambettatoio per un periodo di tempo valutato in rapporto al numero dei cani, alla compatibilità di convivenza tra gli stessi e alle condizioni climatiche; g) tenuta, presso il Rifugio, dei registri di carico e scarico costantemente aggiornati dal Gestore e siglati dal veterinario responsabile ed inviati in copia trimestralmente all Ufficio Tutela Animali; h) tenuta, presso il Rifugio, delle schede di ogni singolo cane riportanti il nome, la razza, la fotografia, la data di ingresso, di affido temporaneo, di adozione a distanza o definitiva, di morte e quant altro interessi la vita del singolo animale. La stessa scheda deve riportare anche ogni singola visita medica (comprese quelle periodiche), vaccinazioni, richiami, terapie, le malattie superate e quelle croniche, il numero identificativo di microchip, e quant altro interessi la vita del cane; i) compilazione di una scheda informativa, aggiornata mensilmente, dalla quale risulti il numero complessivo dei cani ospitati, dei cani entrati, deceduti, affidati, adottati e/o restituiti al proprietario nel

4 corso del mese considerato. Tale scheda deve pervenire all Ufficio Tutela Animali entro i primi giorni del mese successivo a quello rilevato; j) numerazione dei box, tenuta di un prospetto o piantina o file elettronico indicante la collocazione dei cani, suo aggiornamento tempestivo e sua comunicazione all Ufficio Tutela Animali; k) apertura del Rifugio al pubblico nei giorni di sabato e domenica, per almeno tre (3) ore al giorno, per visite guidate (nel rispetto delle misure di sicurezza), per favorire rapporti di socievolezza tra uomo e animale, e a fini didattici e di Pet-Therapy; gli orari di apertura del Rifugio al pubblico, validi per almeno un anno solare, devono essere esposti all ingresso del Rifugio e i loro aggiornamenti devono essere comunicati tempestivamente all Ufficio Tutela animali; l) operazioni di restituzione dei cani ai legittimi proprietari, dietro consegna di copia della ricevuta di pagamento della tariffa regionale dovuta al Servizio Veterinario dell Asur e della tariffa comunale dovuta al Comune (salvo, per quest ultima, l eventuale esonero stabilito nell autorizzazione dell Ufficio Tutela Animali); m) promozione per l affidamento e per l adozione dei cani; n) promozione per l adozione a distanza dei cani; o) attività didattica e di Pet-Therapy; p) formazione specifica e aggiornamento continuo degli operatori. Il Gestore deve comunicare tempestivamente all Ufficio Tutela Animali: i nominativi e il numero degli operatori che svolgono le attività di gestione e loro eventuale cessazione e/o sostituzione, la tipologia, la durata e il tema dei corsi frequentati e i nomi degli operatori interessati. Art. 3 Attività a carattere periodico da espletare 1. Le attività a carattere periodico da espletare da parte del Gestore comprendono lo sfalcio dell erba, la disinfestazione, disinfezione e derattizzazione (attività per le quali il Gestore deve redigere e consegnare all Ufficio Tutela Animali un piano annuale), la pulizia dei pozzetti degli scarichi fognari. La manutenzione (anche la piccola) è invece a carico del Comune. Art. 4 Veterinario responsabile 1. Il Gestore deve comunicare tempestivamente al Servizio Veterinario dell Asur n. 1 di Pesaro e all Ufficio Tutela Animali il nome del veterinario responsabile del benessere dei cani ospiti del Rifugio come da termini di legge, iscritto all Ordine dei Medici Veterinari. Art. 5 Adozioni 1. Gli affidi temporanei e le adozioni di cani possono essere effettuati esclusivamente presso il Rifugio, previo accertamento dell idoneità del richiedente, come previsto dal Regolamento comunale sulla tutela degli animali e salvo verifica, nei primi 60 giorni, che il cane dato in affido o in adozione venga curato e accudito tenendo conto del suo benessere e della normativa vigente. 2. I cani accolti nel Rifugio non possono essere dati in affidamento o in adozione, neanche temporanea, né possono essere ceduti a qualunque titolo, a coloro che abbiano riportato condanna o abbiano patteggiato pene per abbandono, maltrattamento, combattimenti o uccisione di animali. L assenza di tali condanne e pene deve essere autocertificata al momento della cessione e tenuta agli atti del Gestore. Il divieto di cui sopra vale anche nei confronti dei minori di anni I cani con aggressività non controllata di cui all art. 27, commi 7 e 8, del Regolamento comunale sulla tutela degli animali, non possono essere dati in affidamento né in adozione, né possono essere ceduti a qualunque titolo (ai sensi dell art. 18, comma 3, del predetto Regolamento) alle seguenti persone: a) ai delinquenti abituali o per tendenza; b) a chi è sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale; c) a chiunque abbia riportato condanna, anche non definitiva, per i reati di cui agli artt. 727, 544-ter, 544-quater e 544 quinques del codice penale e per quelli previsti dall art. 2 della legge n. 189/2004; d) ai minori di anni 18 e agli interdetti o inabilitati per infermità. 4. Il Comune, congiuntamente con il Gestore, favorisce la pratica degli affidamenti e delle adozioni di cani, attraverso opportune campagne pubblicitarie; il Gestore fornisce supporti tecnici per divulgare congiuntamente interventi di lotta al randagismo e a favore dell affidamento e all adozione dei cani.

5 5. Le attività di promozione degli affidamenti e delle adozioni, come feste e/o manifestazioni, vanno programmate a inizio anno e comunicate all Ufficio Tutela Animali indicandone la data prevista. 6. Ai sensi dell art. 35, comma 3, del Regolamento comunale sulla tutela degli animali è possibile adottare a distanza un cane ospite del Rifugio, dietro consegna al Gestore di copia della ricevuta di pagamento della tariffa comunale dovuta al Comune per la durata di un mese (salvo l eventuale esonero indicato nell autorizzazione dell Ufficio Tutela Animali). Il pagamento della tariffa mensile è dovuto per tutto il periodo in cui si intende mantenere tale impegno. All adottante a distanza è consegnato dal Gestore un attestato con la foto dell animale, la sua storia di vita e l attestazione di essere diventato suo tutore per il periodo prescelto. E possibile per il tutore far visita al proprio cane adottato a distanza, negli orari in cui il Rifugio è aperto al pubblico, e in accordo con il Gestore; a tal fine gli operatori del Rifugio metteranno a disposizione l area dedicata alla sgambatura degli animali. Il tutore può anche portare l animale in aree esterne al Rifugio (ad esempio: per fare delle passeggiate); a tal fine: a) il permesso viene dato dal Gestore decorso almeno 15 giorni dall inizio del rapporto di adozione a distanza e dopo un numero congruo di incontri tra il cane e l adottante, per consentire agli operatori di valutare l idoneità del tutore ; b) il cane, fuori dal Rifugio, è soggetto alla normativa vigente applicabile ai cani dei privati e quindi all obbligo del guinzaglio o della museruola, all obbligo della raccolta delle deiezioni e alle altre prescrizioni stabilite nel Regolamento comunale per la tutela degli animali ; c) la copertura assicurativa per responsabilità civile per danni a terzi è a carico del Comune (il Gestore deve accertarsi che la copertura assicurativa sia in corso, prima di consentire l uscita del cane dal Rifugio); ciò comunque non fa venir meno la responsabilità del tutore nel caso in cui il danno sia stato cagionato dall animale in violazione della normativa sulla detenzione dei cani nelle aree aperte al pubblico. 7. Per gli affidamenti e le adozioni devono essere utilizzati i modelli allegati al presente Disciplinare, contenenti gli obblighi da sottoscrivere e osservare da parte dei richiedenti. Art. 6 Obblighi del gestore 1. Il Gestore si impegna a: a) svolgere con continuità le attività stabilite dal presente Disciplinare per il periodo concordato; b) comunicare tempestivamente all Ufficio Tutela Animali le interruzioni che, per giustificato motivo, dovessero intervenire nello svolgimento delle attività; c) verificare che gli operatori di cui si avvale rispettino i diritti degli animali, che il loro operato sia svolto con modalità tecnicamente corrette, nel rispetto delle normative specifiche del settore, che gli stessi operatori siano in possesso delle cognizioni tecniche e pratiche necessarie allo svolgimento delle mansioni, che siano qualificati e aggiornati; d) garantire che gli operatori utilizzati nelle attività siano coperti da adeguata polizza assicurativa contro infortuni, malattie connesse allo svolgimento delle attività stesse e per la responsabilità civile verso terzi, secondo quanto stabilito dall art. 4 della legge 11 agosto 1991, n. 266; e) comunicare tempestivamente all Ufficio Tutela Animali le eventuali sostituzioni degli operatori; f) assicurare il rispetto delle norme sulla privacy e sul trattamento dei dati personali o sensibili. Art. 7 - Rendiconto 1. Ogni sei mesi il Gestore dovrà presentare all Ufficio Tutela Animali un rendiconto tecnicoeconomico sull andamento delle attività oggetto del presente disciplinare. Il rendiconto deve contenere il dettaglio delle entrate e uscite di gestione. 2. Il Comune, da parte sua, comunicherà tempestivamente al Gestore ogni evento che possa incidere sull attuazione delle attività. Art. 8 Importo 1. Il Comune provvederà a liquidare al Gestore la somma annua di euro ,00 (più IVA se dovuta) in rate mensili, dietro presentazione di regolare nota o fattura. Il predetto importo è determinato come segue: a) euro ,75 per le attività di gestione del Rifugio a carattere continuativo, cura e mantenimento degli animali, pulizia del Rifugio, spese veterinarie, e per l attività di promozione degli affidamenti e

6 delle adozioni dei cani, e attività di visite guidate e di Pet Therapy, e quant altro concerne la gestione ordinaria del Rifugio, compreso l aggiornamento degli operatori; b) euro 3.588,25 per le attività periodiche di cui all art. 3 e quant altro previsto dal presente Disciplinare a carattere non ordinario. Art. 9 - Cauzione 1. Il Gestore, prima dell affidamento del servizio, deve costituire la cauzione definitiva per euro 7.431,00, o con versamento nella Tesoreria Comunale di Pesaro o con fideiussione assicurativa o bancaria. 2. La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa di cui al comma 1, deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all articolo 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta del Comune. 3. Fino a quando non verrà costituita, nelle suddette forme, la cauzione, il Comune tratterrà direttamente dalla liquidazione delle prime note o fatture la somma corrispondente, a titolo di cauzione. Art Verifiche 1. Il personale dell Ufficio Tutela Animali, o persona dallo stesso incaricata, ha facoltà di verificare in ogni momento, e di propria iniziativa, la regolare attuazione degli adempimenti previsti nel presente disciplinare. Art Penali 1. Il Gestore che non si attenga agli obblighi di cui al presente Disciplinare, in quanto non effettui in parte o totalmente le prestazioni stabilite, può essere assoggettato, previa contestazione per iscritto degli addebiti ed esame delle controdeduzioni, ad una penale pari al 10% dell importo mensile mediante ritenuta diretta da parte del Comune sul corrispettivo delle note o fatture ancora da liquidare. 2. In caso di ritardo nell invio all Ufficio Tutela Animali dei report e delle comunicazioni indicate nel presente Disciplinare, si applica una penale di euro 5,00 per ogni giorno di ritardo. Art. 12 Subappalto 1. Il subappalto è vietato. 1. E vietata la cessione del contratto. Art. 13 Cessione del contratto Art. 14 Disposizioni in materia di sicurezza 1. Il Gestore avrà l obbligo di predisporre il Piano delle misure per la sicurezza fisica dei lavoratori di cui all art. 118, comma 7, e all art..131 del D.Lgs.n. 163/2006, sottoscritto dal legale rappresentante del Gestore. Il Piano dovrà essere redatto sulla base dei fattori di rischio ambientale. 2. Al Piano deve essere allegato il Documento di Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori inerenti le prestazioni oggetto dell appalto redatto ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. n. 626/1994. Gli oneri relativi all elaborazione e all attuazione dei suddetti documenti si intendono compresi nel corrispettivo offerto per il servizio. 3. La mancata presentazione del Piano, o la redazione non conforme alle indicazioni fornite sui fattori di rischio ambientale, potrà comportare la revoca dell affidamento della gestione. 4. Il Gestore deve predisporre tutte le attrezzature, i mezzi di protezione e prevenzione, compresi i dispositivi individuali di protezione (D.P.I.) necessari ed opportuni. Il Gestore deve emanare le disposizioni e le procedure di sicurezza che ritiene opportuno adottare per garantire l incolumità del proprio personale e di eventuali terzi. 5. I mezzi tecnici impiegati devono essere omologati e muniti dei dispositivi di prevenzione e sicurezza previsti per legge. 6. Il Comune si riserva il diritto di controllare, in qualsiasi momento, l adempimento di quanto sopra indicato.

7 7. In caso di associazione in ATI (o di consorzi), gli adempimenti di cui al presente articolo spettano al capogruppo (o al consorzio). 8. Il Gestore deve notificare immediatamente al Comune, oltre che alle autorità ed enti previsti dalla legislazione vigente, ogni incidente e/o infortunio avvenuto durante l esecuzione delle attività. Art. 15 Risoluzione della convenzione 1. La convenzione potrà essere risolta anticipatamente da parte del Comune nei seguenti casi, senza pregiudizio di ogni altro ulteriore diritto per il Comune anche per risarcimento danni: a) in caso di mancata assunzione del servizio da parte del Gestore entro la data stabilita dal Comune; b) nel caso si siano verificate almeno tre contestazioni formali con conseguente addebito delle penali; c) in caso di cessione del Gestore, o di cessazione dell attività; d) in caso di concordato preventivo, fallimento o violazione degli obblighi contributivi, retributivi e fiscali a proprio carico e/o nei confronti di dipendenti o collaboratori. 2. Nei casi sopra indicati il contratto si risolve di diritto nel momento in cui il Comune comunica al Gestore, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, che intende avvalersi della clausola risolutiva espressa, ed è efficace dal momento in cui la raccomandata risulta pervenuta al Gestore stesso. Il Comune potrà richiedere il risarcimento degli ulteriori danni. 3. Il Comune potrà inoltre procedere alla risoluzione del contratto, fatto salvo il diritto ad incamerare la cauzione definitiva e al risarcimento del danno, nei seguenti casi: a) qualora il Gestore si renda colpevole di frode, grave negligenza e grave inadempimento nell esecuzione degli obblighi contrattuali; b) in caso di abituale inadeguatezza e negligenza nell esecuzione del servizio, quando la gravità e la frequenza delle infrazioni debitamente accertate e contestate compromettano il servizio e arrechino (o possano arrecare) danno al Comune. 4. Nei casi sopra indicati il Comune farà pervenire al Gestore apposita comunicazione scritta, contenente intimazione ad adempiere a regola d arte alla prestazione entro cinque giorni naturali e consecutivi. Decorso detto termine senza che il gestore abbia adempiuto secondo le modalità previste dal Disciplinare, la convenzione si intende risolta di diritto. 5. In caso di risoluzione della convenzione, al Gestore spetterà il pagamento delle prestazioni svolte fino al momento dello scioglimento della convenzione. 6. Sia il Comune che il Gestore potranno richiedere la risoluzione della convenzione in caso di sopravvenuta impossibilità ad eseguire la convenzione stessa, in conseguenza di causa non imputabile ad alcuna delle parti, in base all art del codice civile. Art. 16 Riserve e reclami 1. Le riserve e i reclami che il Gestore riterrà opportuno avanzare, a tutela dei propri interessi, dovranno essere presentati al Comune con motivata documentazione, per iscritto, a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Art. 17 Trattamento dati personali e sensibili 1. Il Gestore è responsabile del trattamento dei dati personali e sensibili, di cui venga a conoscenza per le attività della gestione del Rifugio. Art. 18 Esenzioni da imposte 1. Il presente disciplinare è esente dall imposta di bollo e dall imposta di registro ai sensi dell art. 8, comma 1, della legge , n Il presente disciplinare sarà registrato solo in caso d uso ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.P.R. 26 aprile 1986, n Tutte le spese relative al presente disciplinare, comprese quelle di eventuale registrazione, sono a carico del Gestore.

8 MODULO DI ADOZIONE A DISTANZA (da compilare a cura del gestore) Elementi identificativi dell'animale: razza... taglia... sesso... mantello... colore... eta` (anche approssimativa)... n tatuaggio...n microchip... DICHIARAZIONE Il sottoscritto..... residente in...prov. telefono../., identificato con documento di riconoscimento n rilasciato in..., accetta di adottare a distanza il cane sopra identificato e di diventare tutore dello stesso per il periodo prescelto. Si impegna, altresì, a pagare al Comune la tariffa comunale, determinata dalla Giunta Comunale, per la durata di un mese. Il pagamento della tariffa mensile è dovuto per tutto il periodo in cui si intende mantenere tale impegno. A tal fine consegna al Gestore copia della ricevuta di pagamento della tariffa comunale dovuta al Comune per la durata di un mese (salvo l eventuale esonero indicato nell autorizzazione dell Ufficio Tutela Animali), versata come segue: euro... versati a mezzo... DICHIARA inoltre: 1) Di non aver riportato condanna o patteggiato pene per abbandono, maltrattamento,combattimenti o uccisione di animali. 2) Di aver compiuto i 18 anni di età. 3) Di conoscere e rispettare le norme vigenti in materia di detenzione di animali. Nel caso l adozione a distanza riguardi i cani ad aggressività non controllata di cui all art. 27, commi 7 e 8, del Regolamento comunale sulla tutela degli animali, dichiara: a) di non essere delinquente abituale o per tendenza; b) di non essere sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale; c) di non aver riportato condanna, anche non definitiva, per delitto non colposo contro la persona o contro il patrimonio, punibile con la reclusione superiore a due anni;

9 d) di non aver riportato condanna, anche non definitiva, per i reati di cui agli articoli 727, 544-ter, 544-quater e 544-quinquies del codice penale e per quelli previsti dall art. 2 della legge n. 189/2004; e) di non essere minorenne, interdetto o inabilitato. Il tutore, per tutto il periodo di durata dell adozione a distanza, può far visita al proprio cane adottato, previo accordo con il gestore, negli orari in cui il Rifugio è aperto al pubblico; si prevede la possibilità per il tutore di portare l animale in aree esterne al Rifugio (ad esempio: per fare delle passeggiate). A tal fine: a) il permesso viene dato dal Gestore decorso almeno 15 giorni dall inizio del rapporto di adozione a distanza, e dopo un numero congruo di incontri tra il cane e l adottante, per consentire agli operatori di valutare l idoneità del tutore ; b) il cane, fuori dal Rifugio, è soggetto alla normativa vigente applicabile ai cani dei privati e quindi all obbligo del guinzaglio o della museruola, all obbligo della raccolta delle deiezioni e alle altre prescrizioni stabilite nel Regolamento comunale per la tutela degli animali ; c) la copertura assicurativa per responsabilità civile per danni a terzi è a carico del Comune (il Gestore deve accertarsi che la copertura assicurativa sia in corso, prima di consentire l uscita del cane dal Rifugio); ciò comunque non fa venir meno la responsabilità del tutore nel caso in cui il danno sia stato cagionato dall animale in violazione della normativa sulla detenzione dei cani nelle aree aperte al pubblico. Firma del Gestore Firma del tutore del cane Data Informativa ai sensi dell art. 10 della legge 675/1996: i dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.

10 SCHEDA DI AFFIDO CANI (da compilare a cura dei responsabile della struttura) Elementi identificativi dell'animale: razza... taglia... sesso... mantello... colore... eta` (anche approssimativa)... numero tatuaggio...n microchip... DICHIARAZIONE Il sottoscritto... residente in...prov... telefono../., identificato con documento di riconoscimento... n..... rilasciato in..., in qualita` di affidatario dell'animale di cui sopra, si impegna a mantenere lo stesso in buone condizioni presso la propria residenza o al seguente domicilio e a non cederlo se non previa segnalazione al servizio veterinario della azienda sanitaria locale dove il cane è iscritto con tatuaggio o microchip. DICHIARA inoltre: 4) Di non aver riportato condanna o patteggiato pene per abbandono, maltrattamento,combattimenti o uccisione di animali. 5) Di non aver meno di anni 18. 6) Di rispettare le norme vigenti in materia di detenzione di animali. Nel caso l affido riguardi cani ad aggressività non controllata di cui all art. 27, commi 7 e 8, del Regolamento comunale sulla tutela degli animali, dichiara: a) di non essere sottoposto a misure di prevenzione personale o a misura di sicurezza personale; b) di non aver riportato condanna, anche non definitiva, per delitto non colposo contro la persona o contro il patrimonio, punibile con la reclusione superiore a due anni; c) di non aver riportato condanna, anche non definitiva, per i reati di cui agli articoli 727, 544-ter, 544-quater e 544-quinquies del codice penale e per quelli previsti dall art. 2 della legge n. 189/2004; d) di non essere minorenne, interdetto o inabilitato per infermità.

11 Dichiara inoltre di impegnarsi a denunciare al Servizio veterinario lo smarrimento o il decesso dell'animale e a mostrare l'animale affidato, al personale incaricato nel corso dei controlli domiciliari predisposti dal Servizio Veterinario dell'azienda Sanitaria Locale competente o dal gestore di riferimento. Verrà disposto l'affido: a) In forma temporanea nel caso in cui non siano ancora trascorsi sessanta giorni dall'accalappiamento. In questo caso gli affidatari dovranno impegnarsi a restituire gli animali ai proprietari che ne facciano richiesta entro i suddetti termini. b) In forma definitiva quando siano trascorsi i sessanta giorni dall'accalappiamento e siano trascorsi sessanta giorni dalla data della presa in custodia dell animale. In ogni caso dal momento dell'affido, sono trasferiti all'affidatario tutti gli obblighi e le responsabilità del proprietario di animali ai sensi delle vigenti leggi. Firma del responsabile della struttura Firma dell'affidatario del cane Data Informativa ai sensi dell art. 10 della legge 675/1996: i dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.

12 MODULO PER IL PENSIONAMENTO Il/la sottoscritto/a.nato/a... (prov..) il residente in.. via/piazza.n..telefono. documento di riconoscimento..n. rilasciato il..da consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità degli atti, richiamate dall art. 76 D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, in qualità di: A) proprietario dell animale; B) persona delegata dal proprietario dell animale; AFFIDA al Rifugio del Canile Comunale il cane corrispondente al seguente stato segnaletico: - RAZZA - SESSO. - ETA - MANTELLO... - NOME. - A) TATUAGGIO n.. B) MICROCHIP n..... in custodia temporanea a far data dal fino al.per le seguenti motivazioni: E dovuta una tariffa giornaliera comunale per il mantenimento dell animale dal giorno dell ingresso del cane nella predetta struttura, fino al giorno della restituzione. A tal fine consegna al Gestore copia della ricevuta di pagamento della cauzione corrispondente alla tariffa per la durata di un anno (salvo l eventuale esonero indicato nell autorizzazione dell Ufficio Tutela Animali), versata come segue: euro... versati a mezzo... Il/la sottoscritto/a.., dichiara altresì: 1) il cane, temporaneamente affidato ai sensi dell art. 4, comma 3, L.R. n. 10/1997 e dell art.38, comma 2, del Regolamento Comunale sulla tutela degli animali approvato con delibera del

13 Consiglio Comunale n.117 dell : - possiede copertura immunitaria nei confronti delle comuni malattie infettive e contagiose per la specie a seguito di vaccinazione, come da allegato libretto vaccinale datato, compilato, timbrato e firmato dal Medico Veterinario; - è stato sottoposto a sierodiagnosi nei confronti della lehismania con esito ; - non presenta sintomi clinicamente rilevabili e riferibili a patologie infettive od infestive in atto, come certificato da refertazione veterinaria rilasciata in data non antecedente a giorni dieci, che si allega; - nei 10 giorni antecedenti alla data di ricovero, per quanto di mia conoscenza, non si è reso responsabile di episodi di aggressione e morsicatura nei confronti di persone od altri animali, né è rimasto vittima di similari eventi da parte di animali rimasti sconosciuti; 2) il cane, temporaneamente affidato ai sensi dell art. 4, comma 3, L.R. n. 10/1997 e dell art.38, comma 2, del Regolamento Comunale sulla tutela degli animali approvato con delibera del Consiglio Comunale n.117 dell , stante l urgenza e l imprevedibilità dell evento, non è stato sottoposto a controlli veterinari; in tal senso, quindi, si autorizza il Gestore a sottoporre l animale a controllo sanitario per il tramite del personale veterinario dell Azienda ASUR n.1 di Pesaro. - Si autorizza il gestore a far eseguire sull animale affidatogli ogni tipo di intervento che si rendesse necessario per la tutela del benessere e della salute dello stesso, avvalendosi del Servizio Veterinario dell Azienda ASUR n.1 di Pesaro, operante presso il canile sanitario, o del Veterinario responsabile. Resta inteso che le spese sostenute, opportunamente documentate da certificazione sanitaria e fiscale, saranno da me interamente rimborsate, per importi non superiori alle tariffe regionali applicate dall Asur. - In caso di morte dell animale durante il periodo di custodia, la stessa sarà accertata dal Servizio Veterinario dell Azienda ASUR n.1 di Pesaro che procederà alla certificazione della morte del cane; il/la sottoscritto/a, peraltro, si riserva la facoltà di sottoporre a proprie spese, le spoglie dell animale ad ulteriori accertamenti finalizzati all individuazione delle cause di morte dello stesso. In assenza di mie comunicazioni e disposizioni a riguardo le spoglie del cane saranno regolarmente smaltite per il tramite delle procedure definite dal personale del Servizio Veterinario, attribuendone le spese a mio carico. Luogo e data.. IL RICHIEDENTE

14 P.S. Nel caso di cane la cui razza sia compresa in quelle elencate all art. 27, comma 7 del Regolamento Comunale sulla tutela degli animali approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 117 dell , è fatto obbligo al richiedente la stipula di una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi ai sensi dell art. 27, comma 9 del predetto Regolamento Comunale. Si allega alla presente fotocopia di documento di identità Informativa ai sensi dell art. 10 della legge 675/1996: i dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.

15 RITIRO DEL CANE Nel rispetto degli orari di apertura del Rifugio del Canile Comunale gestito da..., dal al dalle ore..alle ore. Spazio riservato alla dichiarazione resa ai sensi dell art. 46 del D.P.R. n. 445 del 28/12/00, dal proprietario dell animale, al momento del ritiro. Il/la sottoscritto/a.nato/a. (Prov. ) il..residente in via/piazza.dichiara di aver ritirato in data... il proprio cane, sopra descritto e di averlo trovato in buone condizioni di salute e mantenimento. Dichiara di aver versato la tariffa comunale come segue: euro... versate a mezzo Dichiara di aver versato la tariffa regionale dovuta al Servizio Veterinario dell Asur come segue: euro... versate a mezzo... Qualora nei giorni immediatamente successivi al ritiro, l animale presentasse sintomi riconducibili a patologie infettive o infestive o altri disturbi che necessitassero del ricorso alle cure del Veterinario di fiducia, mi impegno a darne tempestivo avviso al personale gestore del rifugio. Pesaro lì, In fede La presente dichiarazione non necessita dell autenticazione della firma e sostituisce a tutti gli effetti le normali certificazioni richieste o destinate ad una pubblica amministrazione, nonché ai gestori di pubblici esercizi e ai privati che vi consentono. Informativa ai sensi dell art. 10 della legge 675/1996: i dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo.

Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di tre anni, del Rifugio comunale per gatti ubicato nel Parco XXV Aprile.

Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di tre anni, del Rifugio comunale per gatti ubicato nel Parco XXV Aprile. Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di tre anni, del Rifugio comunale per gatti ubicato nel

Dettagli

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente DISCIPLINARE relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area sottostante al canile

Dettagli

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Gattile sanitario comunale ubicato in via Madonna del

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Gattile sanitario comunale ubicato in via Madonna del COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente DISCIPLINARE relativo alla gestione del Gattile sanitario comunale ubicato in via Madonna del Monte Art. 1 - Affidamento della gestione

Dettagli

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Canile sanitario comprensoriale e annesso Rifugio

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Canile sanitario comprensoriale e annesso Rifugio COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente DISCIPLINARE relativo alla gestione del Canile sanitario comprensoriale e annesso Rifugio comprensoriale per cani ubicato in via

Dettagli

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area

DISCIPLINARE. relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente SERVIZIO QUALITÀ AMBIENTE Ufficio Tutela Animali DISCIPLINARE relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area

Dettagli

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di un anno, del Rifugio comunale per cani ubicato in via

Dettagli

Art. 1 - Affidamento della gestione 1. Il presente Disciplinare è relativo all affidamento della gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in

Art. 1 - Affidamento della gestione 1. Il presente Disciplinare è relativo all affidamento della gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in COMUNE DI PESARO Area Pianificazione Ambiente SERVIZIO QUALITÀ AMBIENTE Ufficio Tutela Animali DISCIPLINARE relativo alla gestione del Rifugio comunale per cani ubicato in via Madonna del Monte, nell area

Dettagli

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente. Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per la durata di un anno, del Rifugio comunale

Dettagli

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali Prot. 60511/09

Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali Prot. 60511/09 Comune di Pesaro Area Pianificazione Ambiente Servizio Qualità Ambiente Ufficio Tutela Animali Prot. 60511/09 Avviso di affidamento in economia del servizio di gestione, per il periodo 1.11.2009-31.03.2011,

Dettagli

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 77 DEL 25.11.2009 Art. 1 Strutture e finalità

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Regolamento struttura comunale di ricovero per cani Approvato con Deliberazione Consiliare n. 46 del 29.11.2011 1 SOMMARIO ART.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO ART.2 ATTIVITA

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO UBICATO IN COMUNE DI TALAMELLO LOCALITA FAGNANO DI SOTTO. PROGETTO DI GESTIONE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO DI VALLATA COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA AMBITO TERRITORIALE ZONA A SEDE DI NOVAFELTRIA (PU) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N. 75 DEL 15/11/2012 N. 100 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA JONICA

COMUNE DI GIOIOSA JONICA COMUNE DI GIOIOSA JONICA Via Garibaldi n. 16/18-89042 Provincia di Reggio Calabria Comando Polizia Municipale (Partita IVA 00288960800 - Tel. e Fax 0964/51537 e-mail: pmgioiosaionica1957@tiscali.it ) CAPITOLATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI ART. 1 Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio. COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.it REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL

Dettagli

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani 1 Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani Indice Art. 1 - Compiti del Canile Sanitario e del Rifugio per cani Città di Molfetta Art. 2- Servizio cattura cani randagi Art. 3 Gestione

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE AMBIENTE U.O.S. AFFARI ANIMALI

COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE AMBIENTE U.O.S. AFFARI ANIMALI CATTURA MANTENIMENTO CUSTODIA CANI RANDAGI DISCIPLINARE Pag. 1 di 1 COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE AMBIENTE U.O.S. AFFARI ANIMALI Documentazione complementare al bando relativa al DISCIPLINARE per il Servizio

Dettagli

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili PROGETTO "ADOTTA un AMICO di cui mi FIDO" Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Modalità di adozione progetto "ADOTTA

Dettagli

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n. 32 del 27/11/2009 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani ttttt UN FIDO AIUTO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 27 febbraio 2013 INDICE ART. 1 OGGETTO ART.

Dettagli

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa Disciplinare contenente le modalità per l adozione dei cani ricoverati presso il canile convenzionato, erogazione contributi e accesso al canile convenzionato Progetto

Dettagli

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Comune di Vicopisano Provincia di Pisa BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI FINALIZZATI ALL AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI CONVENZIONATI CON IL COMUNE Approvato con deliberazione G.C.

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E CITTÀ DI COSENZA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E ~ 2 ~ ARTICOLO 1... 3 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2... 3 ADOZIONI... 3 ARTICOLO 3... 3 AGEVOLAZIONI... 3 ARTICOLO 4...

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni Regolamento Comunale per l adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Piaggine Adottato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO DI CANI RICOVERATI PRESSO STRUTTURE CONVENZIONATE E PER LA COPERTURA DELLE SPESE INCENTIVANTI L AFFIDO ALLEGATO PARTE INTEGRANTE

Dettagli

Comune di Cutrofiano

Comune di Cutrofiano Allegato 1 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CANILE SANITARIO E DEL CANILE RIFUGIO COMUNALE SITO IN VIA DEL CIMITERO - IMPORTO A BASE D ASTA EURO 1,46 GIORNALIERI PER UNITA, OLTRE I.V.A..

Dettagli

COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari

COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari COMANDO POLIZIA LOCALE Oggetto: Capitolato speciale d appalto per la gestione del servizio di ricovero, custodia e mantenimento dei cani randagi catturati nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL INDICE Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Modalità di adozione...3 Art. 3 Incentivi

Dettagli

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 45 del 29.09.2009 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE CAPO I TITOLARITA E FORME DI GESTIONE Articolo 1 - Titolarità 1. Il Comune di Luino è proprietario del Canile sito in Via Don Folli,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Adottato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 07.03.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!.

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Allegato A alla delibera di Giunta n. 179_ del_26/09/2011 LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Art. 1 FINALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA.

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. ART. 1 - Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.52 del 7/6/2011 Art.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Art. 2 - Modalità di esecuzione del servizio

Art. 2 - Modalità di esecuzione del servizio UNIONE VAL D ENZA Capitolato per il servizio di cattura e custodia temporanea dei cani randagi di cui all art. 16, comma 1, lett. a) e b) della Legge Regionale 07/04/2000 n. 27, per il servizio di ricovero

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PERO E LA DITTA ALLEVAMENTO CASCINA CROCE PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO A MANTENIMENTO DEI CANI VAGANTI CATTURATI SUL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Orario di apertura del canile Art. 2 - Ingresso dei cani al canile Art. 3 - Abbinamento e inserimento nuovi cani nei box Art. 4 - Rieducazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI)

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI) Alleg. C COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO E MANTENIMENTO DEGLI ANIMALI RANDAGI DA AFFEZIONE RINVENUTI SUL TERRITORIO L anno........ il giorno.........

Dettagli

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139 Comune di Triggiano SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANTENIMENTO,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. 3 - AFFIDAMENTO 2 ART. 4 - CONSEGNA DEL MATERIALE A CORREDO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CANEGRATE E LA PROTEZIONE ANIMALI DI LEGNANO ONLUS PER IL SERVIZIO DI RICOVERO E MANTENIMENTO DEI CANI VAGANTI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CANEGRATE PER IL PERIODO

Dettagli

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI CONVENZIONE/CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO, MANTENIMENTO DEI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI RIETI CONVENZIONE/CAPITOLATO PER

Dettagli

COMUNE DI SCIARA. 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO

COMUNE DI SCIARA. 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO COMUNE DI SCIARA L i b e r o C o n s o r z i o C o m u n a l e d i P a l e r m o 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CATTURA, RICOVERO, VITTO E MANTENIMENTO IN

Dettagli

COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE

COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE Via Verdi 4/6 Tel. 070/260123 - Fax 070/230021 e-mail polizia.municipale@comune.sestu.ca.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

ACCORDO DI AFFIDO PROVVISORIO

ACCORDO DI AFFIDO PROVVISORIO ACCORDO DI AFFIDO PROVVISORIO - LAV ONLUS con sede in Roma, Viale Regina Margherita n 177, codice fiscale 80426840585 nella persona del leg. Rapp.te pro- tempore Gianluca Felicetti, e - LEGAMBIENTE ONLUS

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DIPARTIMENTO II Ufficio AMBIENTE Telefono 0771.469227 Fax 0771.469265

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DIPARTIMENTO II Ufficio AMBIENTE Telefono 0771.469227 Fax 0771.469265 COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DIPARTIMENTO II Ufficio AMBIENTE Telefono 0771.469227 Fax 0771.469265 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO RICOVERO, MANTENIMENTO E CURA DI CANI

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 OGGETTO: LINEE GUIDA PER INCENTIVARE L ADOZIONE DI CANI RANDAGI. L anno duemilaquattordici, il giorno

Dettagli

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO-ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE CON IL COMUNE DI GALATONE Articolo 1 Finalità e

Dettagli

SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO

SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Canile_Capitolato_rev2.doc Pagina

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA

CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA CITTA DI GRAVINA IN PUGLIA Provincia di Bari COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Servizio: Randagismo -Iigiene Urbana- Verde Pubblico Via Tagliamento - tel. 080/3267463 - Fax :080/3267672 CAPITOLATO SPECIALE D

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa Settore V - Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE DI CANI E SULLA LOTTA AL RANDAGISMO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.20 DEL 04/05/2009

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Domenica Areddu Allegato alla delibera di Consiglio comunale

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1 CITTÀ DI SANT ELPIDIO A MARE PROVINCIA DI FERMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO- ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE

Dettagli

STAZIONE APPALTANTE: Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità via Leonardo da Vinci n. 161 Palermo

STAZIONE APPALTANTE: Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità via Leonardo da Vinci n. 161 Palermo Unione Europea REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità Dipartimento delle Infrastrutture e della Mobilità e dei Trasporti Area 4 UOB A4 03- Gare e Contratti.

Dettagli

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. Allegato D COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. PERIODO 01/07/2015 30/06/2017. CIG: 61757348E CONVENZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RICOVERO E MANTENIMENTO CANI CANILE RIFUGIO Art.1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto disciplinato dal presente Capitolato ha

Dettagli

COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA ( PROVINCIA DI CATANIA )

COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA ( PROVINCIA DI CATANIA ) ALLEGATO ALLA DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL 3 SERVIZIO N. 168 DEL 02/07/2013 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI DI PROPRIETA DEL COMUNE. Art. 1 FINALITA

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA

COMUNE DI VEDANO OLONA 1 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese SERVIZIO TECNICO Tel. 0332/867790 Fax 0332/867749 e-mail ambiente@comune.vedano-olona.va.it http://www.comune.vedano-olona.va.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER L

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

si conviene e si stipula quanto segue:

si conviene e si stipula quanto segue: Convenzione tipo tra Comune ed Associazione/Ente o Ditta privata erogatrice, per il servizio di ricovero, custodia, cura e mantenimento di cani randagi catturati sul territorio comunale, in esecuzione

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO TRIENNALE DI RICOVERO CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI RANDAGI CATTURATI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CAPOTERRA CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO TRIENNALE DI RICOVERO CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI RANDAGI CATTURATI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 5 Settore - Servizio Polizia Locale CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO TRIENNALE DI RICOVERO CUSTODIA E MANTENIMENTO DEI CANI RANDAGI CATTURATI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE L anno duemiladieci. Il giorno del mese di dicembre, presso la Residenza Municipale TRA Il Comune di Marzabotto (BO) P.I. 00530261205, C.F., rappresentato

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A DITTA: 3. CORTESI REQUISITI GIURIDICO-AMMINISTRATIVI - BUSTA A

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO (Provincia di Brindisi) VI Settore Gestione del Territorio Urbanistica Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa

COMUNE DI CAROVIGNO (Provincia di Brindisi) VI Settore Gestione del Territorio Urbanistica Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RICOVERO, MANTENIMENTO, CUSTODIA, INTERRAMENTO DEI CANI RANDAGI E GESTIONE DEL CANILE MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAROVIGNO. Art. 1 SCOPI E LIMITI Il (qui

Dettagli

CIÒ PREMESSO, TRA SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

CIÒ PREMESSO, TRA SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Allegato sub E) Capitolato speciale d appalto/schema di convenzione tra Comune ed Associazione/Ente/Ditta per il servizio di ricovero, custodia, cura e mantenimento di cani randagi catturati sul territorio

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 4 DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO TRA

SCHEMA DI CONTRATTO TRA SCHEMA DI CONTRATTO Repertorio n. del REGIONE PUGLIA Contratto relativo ai Servizi di assistenza tecnica e supporto alle attività, connesse all'applicazione dei Regolamenti (CE) 1083/2006 e 1828/06, dell'autorità

Dettagli

COMUNE di NOLA PROVINCIA di NAPOLI Settore STAFF POLIZIA MUNICIPALE Servizio SANITA E RANDAGISMO

COMUNE di NOLA PROVINCIA di NAPOLI Settore STAFF POLIZIA MUNICIPALE Servizio SANITA E RANDAGISMO COMUNE di NOLA PROVINCIA di NAPOLI Settore STAFF POLIZIA MUNICIPALE Servizio SANITA E RANDAGISMO CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA, CURA E MANTENIMENTO CANI RANDAGI -Premesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE RIFUGIO DEL CANE DELLA BASSA TREVIGIANA Comuni di: Roncade, Breda di Piave, Carbonera, Casale Sul Sile, Casier, Maserada sul Piave, Mogliano Veneto, Ponte di Piave, Preganziol, San Biagio di Callalta,

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.it Via Luigi Bruno n.79-83020 0825.674081 0825/660977 Regolamento per l'adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 31 marzo 2015 REGOLAMENTO per l adozione dei cani IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli