MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie"

Transcript

1 Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza

2 Modulo 1 La vigente normativa in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro prescrive una serie di adempimenti formativi a carico dei datori di lavoro; tra questi, il Decreto Legislativo numero 81 del 2008 prevede che tutti i lavoratori devono ricevere una formazione sufficiente ed adeguata secondo i contenuti previsti dall articolo 37 dello stesso. Il progetto formativo Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie prevede una serie di corsi di formazione a distanza per i datori di lavoro e i lavoratori delle farmacie. L adozione della metodologia didattica della formazione a distanza (FAD) è fondamentale per svincolare l intervento didattico dai limiti posti dalla formazione in aula, permettendo di superare problemi logistici ed organizzativi in modo da agevolare la partecipazione dei corsisti. Il presente corso è rivolto a tutti coloro che svolgono attività lavorativa in farmacia. Il diritto alla formazione viene esplicitamente riconosciuto come un diritto spettante a ciascun lavoratore ed è inviolabile ed inalienabile. Tale diritto mira alla realizzazione di un processo di socializzazione delle conoscenze e delle capacità avendo come obiettivo un cambiamento culturale dei lavoratori attraverso lo sviluppo di un sistema di educazione alla sicurezza che consente ai lavoratori di partecipare attivamente e consapevolmente alla creazione di un ambiente di lavoro salubre e sicuro. Obiettivi raggiungibili attraverso: la responsabilizzazione dei lavoratori, formandoli adeguatamente in materia di salute e sicurezza; l acquisizione da parte di ciascun lavoratore di attitudini e modalità di comportamento adeguate nello svolgimento delle proprie mansioni, in relazione alle condizioni di igiene e sicurezza dell ambiente di lavoro. Il presente corso di formazione si svolgerà con una struttura modulare in coerenza con le linee guida dell ISPESL (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) ed in base ai contenuti previsti dalla vigente normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro. Il corso è suddiviso in tre moduli; due moduli riguardanti la parte generale comune a tutti i lavoratori operanti in farmacia inerenti: Modulo 1: Normativa vigente in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro; Organizzazione della prevenzione aziendale; Diritti e i doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza e controllo. 1

3 Modulo 2: Concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione; Rischi specifici nella farmacia. Un modulo specifico, Modulo 3, inerente alla singola mansione svolta riguardante: Rischi riferiti alla mansione lavorativa, possibili danni e conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione. Alla fine dei 3 moduli è previsto un test di verifica dell apprendimento; il superamento (80% delle risposte esatte) è vincolante per l accesso all'indagine di gradimento ed il rilascio dell attestato di partecipazione al corso. In questo primo modulo del corso verrà fornito un quadro generale della normativa vigente in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, degli adempimenti previsti e dei diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, degli organi di vigilanza e controllo. La normativa sulla sicurezza sul lavoro è protesa a garantire la tutela della salute del lavoratore, mettendo in atto dei sistemi organizzativi, tecnici e procedurali interni alla farmacia in modo da prevenire che lo stesso possa avere un infortunio oppure possa insorgere una malattia professionale. Viene definito lavoratore qualsiasi persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolga un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato. Nell ambito della farmacia sono individuabili cinque categorie distinte di lavoratori: L infortunio è un evento dannoso che si verifica durante l attività lavorativa che comporta la morte del lavoratore o ne abolisce o comunque ne menoma la capacità lavorativa; la malattia professionale è un evento dannoso che agisce sulla capacità lavorativa dell individuo ed è originata da cause non violente protratte nel tempo. 2

4 Nella sicurezza sui luoghi di lavoro troviamo molteplici disposizioni normative di diversa provenienza: Le norme internazionali e comunitarie devono essere recepite nel nostro paese mentre tutte le altre sono di diretta applicazione. Tra le norme emesse dal nostro legislatore possiamo distinguere quelle di natura primaria e secondaria. Tra le norme di natura primaria, le norme costituzionali sono superiori a tutte le altre norme; come ordine di importanza seguono le norme statali, le leggi ordinarie dello stato, i decreti legislativi, i decreti legge e le leggi regionali. Norme di natura secondaria sono i decreti ministeriali ed i regolamenti negoziali, che sono fonti di diritto ma non possono derogare o contrastare con i principi costituzionali e le leggi ordinarie. Le norme riguardanti la contrattazione collettiva valgono per le parti (associazioni sindacali di datori di lavoro e lavoratori) che hanno aderito al tipo di accordo di quel settore lavorativo, come ad esempio quello farmaceutico. Possono essere presenti circolari ministeriali che hanno una funzione interpretativa e che non possono altresì andare in contrasto con le norme di natura primaria. La Costituzione italiana prevede, nell articolo 32, la tutela della salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività. Ad ogni individuo deve essere garantito il diritto al rispetto dell integrità fisica, all assistenza sanitaria ed alla salubrità dell ambiente anche in ambito lavorativo. L articolo 2087 del codice civile prevede che l imprenditore è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l integrità fisica e la personalità morale del prestatore di lavoro. Il titolare della farmacia, in quanto soggetto responsabile dell attività, deve pertanto adottare le misure necessarie affinché il lavoratore sia tutelato nel miglior modo possibile secondo la tecnologia disponibile e l esperienza acquisita nello specifico settore. Ogni Datore di Lavoro dovrà aggiornare le misure di prevenzione ogni qual volta siano a disposizione tecnologie più avanzate che garantiscano condizioni migliori di lavoro. Lo scopo previsto dalla norma codicistica da raggiungere è garantire un livello di sicurezza ottimale con i mezzi a disposizione nella situazione concreta. 3

5 Conformemente ai principi costituzionali e civilistici, il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il Decreto Legislativo numero 81 del 9 aprile 2008 al fine di attuare il riassetto e la riforma delle norme in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, mediante il riordino e il coordinamento delle medesime in un unico testo normativo così come previsto dalla Legge numero 123 del Per la prima volta si è proceduto ad elaborare un unico corpus legislativo che include la maggior parte delle norme previste in materia di sicurezza sul lavoro sia di carattere generale che di natura più specifica. Per la maggior parte delle attività lavorative, così come anche per le farmacie, il Decreto Legislativo numero 81 del 2008 deve essere considerato come la norma principale sulla sicurezza ed igiene dei luoghi di lavoro, in sostituzione del Decreto Legislativo numero 626 del 1994 abrogato dallo stesso decreto. Tale norma è il risultato anche del recepimento nel nostro paese di alcune direttive comunitarie. Le disposizioni del Decreto Legislativo numero 81 del 2008 si applicano a tutti i settori di attività privati e pubblici, per tutte le tipologie di rischio individuabili nei diversi settori ed appiccabile a tutti i lavoratori con o senza retribuzione, nonché ai soggetti ad essi equiparati. Per quanto concerne la farmacia, rientrano nell ambito di applicazione del decreto i soci lavoratori, i lavoratori a progetto, i contratti di collaborazione, i tirocinanti, gli stagisti e gli apprendisti. Inoltre in forma semplificata, trova applicazione anche la tutela dei liberi professionisti. Il Decreto Legislativo numero 81 del 2008 ribadisce i principi fondamentali già stabiliti dalla precedente normativa; in particolare sottolinea l importanza: Il Decreto Legislativo numero 81 del 2008 sinteticamente prevede che in ogni farmacia sia adottata un organizzazione delle attività lavorative mirata alla salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, attraverso: un analisi approfondita dei rischi presenti negli ambienti lavorativi e specifici delle singole mansioni svolte, tenendo conto della possibile presenza di soggetti sensibili ; l individuazione dei mezzi, dei sistemi e delle risorse per l eliminazione e la riduzione al minimo dei rischi al fine della salvaguardia dei lavoratori; 4

6 la definizione delle procedure operative e di comportamento, riguardanti sia le normali condizioni lavorative che le situazioni di emergenza (incendio, evacuazione, primo soccorso); l identificazione dei compiti e delle responsabilità, generali e singole, delle figure aziendali partecipanti alla gestione della sicurezza sul lavoro della farmacia; la programmazione e l attuazione delle attività formative ed informative necessarie per le singole figure aziendali; l implementazione del sistema di controllo, verifica e monitoraggio in base alla periodicità prevista dalle disposizioni di legge, dalle norme tecniche e di buona prassi. Trovano applicazione nell ambito dell igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro diverse disposizioni normative stabilite da altre norme. In particolare, per quanto concerne la farmacia, si può principalmente far riferimento alle disposizione contenute: nel Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, riguardante la modalità di valutazione del rischio incendio, delle misure di sicurezza antincendio e della gestione dell emergenza; nel Decreto Ministeriale 388 del 2003, recante le misure da attuare per la gestione dell emergenza sanitaria; nel Decreto Legislativo numero 151 del 2001, recante le norme atte alla tutela delle lavoratrici gestanti; nel Decreto Legislativo numero 66 del 2003, inerente la disciplina del lavoro notturno e della relativa tutela; nel Decreto Ministeriale numero 37 del 2008, recante le norme in materia di attività di installazioni degli impianti all interno degli edifici; nel D.P.R. numero 380 del 2001, contenente le disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia; nel Decreto Legislativo numero 230 del 1995 e successive modifiche ed integrazioni, contenente anche le disposizioni in materia di tutela dalle radiazioni ionizzanti da sorgenti naturali (Radon). Inoltre, i requisiti strutturali ed impiantistici, come la manutenzione periodica, devono soddisfare norme tecniche specifiche. Utili strumenti per l organizzazione e la gestione ottimale della sicurezza sul lavoro all interno della farmacia sono rappresentati dalle linee guida di organismi di vigilanza ed enti di ricerca. La tutela dei lavoratori all interno di una farmacia viene esplicata dal Servizio di Prevenzione e Protezione. Il Servizio di Prevenzione e Protezione è l insieme dei mezzi e delle risorse umane atte principalmente a prevenire il verificarsi di eventi dannosi (infortuni o malattie professionali) all interno della farmacia. 5

7 Obbligo del titolare della farmacia è istituire il Servizio di Prevenzione e Protezione. Le figure che compongono il Servizio di Prevenzione e Protezione all interno di una farmacia sono le seguenti: Il Datore di Lavoro è il titolare della farmacia: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore e detiene i poteri decisionali e di spesa. Qualora la legale rappresentanza della farmacia fosse composta da più titolari, può essere individuato un singolo Datore di Lavoro. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è la persona designata dal Datore di Lavoro, a cui risponde, che ha il compito di coordinare il servizio stesso. Secondo quando previsto dalla normativa, la persona designata deve essere in possesso di appropriate capacità e requisiti professionali. I titolari delle farmacie potranno svolgere direttamente tale incarico o assegnarlo ad un professionista, generalmente esterno. La normativa prevede delle semplificazioni dei requisiti professionali per i titolari che vogliono svolgere direttamente il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione: è infatti sufficiente aver seguito un corso specifico della durata di almeno sedici ore, secondo i dettami del Decreto Ministeriale del 16 Gennaio 1997, per ricoprire tale ruolo. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è la persona eletta, o designata nell ambito delle rappresentanze sindacali, avente il compito di rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti inerenti la salute e la sicurezza durante il lavoro. Il nominativo della persona eletta deve essere comunicato dal Datore di Lavoro della farmacia all INAIL, Istituto Nazionale dell Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro. Compito sempre del titolare della farmacia è garantire allo stesso un adeguata formazione della durata minima di trentadue ore. 6

8 Il Medico Competente è nominato dal titolare della farmacia, con il quale collabora ai fini della valutazione dei rischi, ed ha il compito di effettuare gli atti medici finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali ed alle modalità di svolgimento dell attività lavorativa. Tale figura è nominata soltanto qualora sia prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori, in particolare nei casi in cui sono presenti rischi specifici rilevanti: lavoro notturno, carico di lavoro fisico importante, esposizione di elevata intensità ad agenti fisici, chimici e/o biologici pericolosi. Ulteriori figure che cooperano ai fini della sicurezza aziendale sono le seguenti: Gli addetti alla gestione delle emergenze incendio ed evacuazione sono i lavoratori designati dal titolare della farmacia aventi il compito di attuare le procedure per fronteggiare l insorgere di una emergenza. Tali figure devono essere in numero sufficiente ed adeguatamente formate secondo le modalità previste dal Decreto Ministeriale del 10 Marzo Il titolare della farmacia può svolgere i compiti di prevenzione degli incendi e di evacuazione, assumendo personalmente questo incarico. Gli addetti alla gestione delle emergenze del primo soccorso sono i lavoratori designati dal titolare della farmacia aventi il compito di attuare le procedure per fronteggiare l insorgere di una emergenza sanitaria (infortuni e/o malore). Tali figure devono essere in numero sufficiente ed adeguatamente formate secondo le modalità previste dal Decreto Legislativo numero 388 del 15 Luglio Il titolare della farmacia può svolgere i compiti di gestione del primo soccorso, assumendo personalmente questo incarico. I dirigenti sono le figure aziendali che, in ragione delle competenze professionali e dei poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico ricoperto, attuano le direttive del Datore di Lavoro organizzando l attività lavorativa e vigilando sulla stessa. Generalmente tali figure sono presenti nelle farmacie comunali o di grandi dimensioni; anche per tali figure è prevista un adeguata formazione. 7

9 I preposti sono le figure aziendali che, in ragione delle competenze professionali e dei poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico ricoperto, sovraintendono all attività lavorativa e garantiscono l attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. Anche per tali figure è prevista un adeguata formazione. Obblighi del Datore di Lavoro: 8

10 Il Datore di Lavoro può delegare ad un dipendente specifiche responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro, solamente se conferisce anche un adeguato potere di spesa, organizzazione, gestione e controllo. Tale delega deve risultare da atto scritto con apposizione del timbro recante la dicitura data certa e deve essere accettata dal delegato per iscritto. Si presume che il delegato abbia i requisiti di professionalità e di esperienza necessari per assolvere a tale incarico. Il conferimento della delega di funzioni non esclude per il Datore di Lavoro l obbligo di vigilanza. Il soggetto incaricato può a sua volta delegare ad altri dipendenti alcune specifiche funzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, vigilando sempre sull operato dei medesimi. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ha compiti esclusivamente consultivi, cioè osserva, valuta, suggerisce ed ha l obbligo di segnalare al Datore di Lavoro eventuali rischi e/o carenze in materia di sicurezza: non attiva le misure di sicurezza ma le propone al Datore di Lavoro che decide come, quando e quali attuare. Collabora all attività di prevenzione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro mediante proposte e suggerimenti. Deve provvedere all individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure da adottare per la sicurezza degli ambienti lavorativi. Il Rappresentate dei Lavoratori per la Sicurezza è consultato preventivamente ogni qualvolta si deve procedere all individuazione o alla valutazioni di rischi. Collabora alla stesura del documento di valutazione dei rischi; ha il compito di promuovere l elaborazione, l individuazione e l attuazione delle misure di prevenzione per la salute dei lavoratori, facendo proposte in merito alle attività di prevenzione; avverte il titolare della farmacia dei rischi individuati durante le sue attività e, se ritiene che le misure adottate dal Datore di Lavoro in materia di prevenzione e protezione non siano sufficienti o non siano idonee a garantire la sicurezza dei lavoratori, può fare ricorso alle autorità competenti. Il Medico Competente ha il compito di collaborare con il Datore di Lavoro e con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione alla stesura del documento di valutazione dei rischi; programma ed effettua, ove previsto, la sorveglianza sanitaria attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici; istituisce, aggiorna e custodisce una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Il Medico Competente 9

11 ha inoltre il compito di informare ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria e, se richiesto, rilascia una copia della documentazione sanitaria; in occasione delle riunioni comunica in maniera anonima al Datore di Lavoro, al Responsabile di Prevenzione e Protezione e al Rappresentate dei Lavoratori per la Sicurezza gli eventuali risultati anomali della sorveglianza sanitaria effettuata e ne fornisce indicazione sul significato ai fini di indicare e attuare misure per la tutela dei lavoratori. Almeno una volta l anno visita gli ambienti di lavoro. Gli addetti alla gestione dell emergenza incendio informano tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare. Programmano gli interventi, prendono i provvedimenti e danno istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato che non può essere evitato, possano cessare la loro attività o mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro. Garantiscono la presenza di mezzi di estinzione idonei alla classe di incendio ed al livello di rischio presenti sul luogo di lavoro, tenendo anche conto delle particolari condizioni in cui possono essere usati. Il controllo si applica anche agli impianti di estinzione fissi, manuali o automatici, individuati in relazione alla valutazione dei rischi. Gli stessi non possono rifiutarsi di ricevere un adeguata formazione in materia di sicurezza sul lavoro. 10

12 Gli addetti alla gestione del primo soccorso informano tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare; hanno inoltre il compito di attivare in modo corretto il servizio sanitario nazionale. Durante l emergenza hanno il compito di proteggere ed assistere la persona coinvolta prestando il primo soccorso nell attesa dell arrivo del personale qualificato; inoltre, hanno il compito di verificare periodicamente il contenuto della cassetta di primo soccorso. Gli stessi non possono rifiutarsi di ricevere un adeguata formazione in materia di sicurezza sul lavoro. Nelle aziende o nelle unità produttive con più di 15 lavoratori il Datore di Lavoro, con o tramite il Servizio di Prevenzione e Protezione, convoca almeno una volta l anno una riunione periodica sulla sicurezza sul lavoro. Ad essa partecipano: il Datore di Lavoro, il Responsabile di Prevenzione e Protezione, se previsto il Medico Competente e il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Durante la riunione viene sottoposto ad esame il documento di valutazione dei rischi, l andamento degli infortuni, delle malattie professionali e della sorveglianza sanitaria. Vengono inoltre discussi i programmi di informazione e formazione per le varie figure e vengono esaminati i criteri di scelta e le caratteristiche dei dispositivi di protezione individuale. La riunione ha anche il compito di individuare codici di comportamento e obbiettivi di miglioramento della sicurezza. La riunione periodica può essere convocata anche in occasioni di eventuali significative variazioni delle condizioni di esposizioni al rischio. In occasione della riunione annuale, il Medico Competente comunica i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini dell attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori. Al termine della riunione deve essere redatto un verbale che deve essere firmato e reso disponibile ai partecipanti. Gli organismi atti alla vigilanza ed al controllo in materia di sicurezza sul lavoro sono le ASL territorialmente competenti e gli Ispettorati provinciali del Lavoro. Compiti dei succitati organismi sono la vigilanza ed il controllo del rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza sul Lavoro, nonché l accertamento delle violazioni e l emissione di eventuali verbali sanzionatori; inoltre, fa parte integrante dei rispettivi compiti la sensibilizzazione in merito alle problematiche legate alla sicurezza, attuata anche tramite specifiche attività formative. Il ruolo principe dell organismo bilaterale (costituito dalla componente datoriale e dalla rappresentanza sindacale dei lavoratori) è quella di promuovere iniziative volte alla sensibilizzazione di tutti gli attori inerenti la sicurezza sul lavoro, al fine di divulgare i principi fondamentali per una specifica organizzazione atta a fronteggiare ed a risolvere le problematiche del proprio settore. 11

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente La sicurezza sul lavoro Concetti di base e accenni alla normativa vigente BENVENUTI! Contenuti: - Cenni storici; - Concetti di base: Infortunio e Malattia lavoro-corr. Pericolo Rischio Valutazione dei

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

I contenuti della formazione dei lavoratori devono essere commisurati alle. risultanze della valutazione dei rischi e devono riguardare:

I contenuti della formazione dei lavoratori devono essere commisurati alle. risultanze della valutazione dei rischi e devono riguardare: OBIETTIVO FORMAZIONE DEI LAVORATORI I contenuti della formazione dei lavoratori devono essere commisurati alle risultanze della valutazione dei rischi e devono riguardare: a) I rischi riferiti al posto

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Corso di Formazione Regolato da Provvedimento del 26 Gennaio 2006 (G. U. del 14/2/2006 n. 37) Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell articolo

Dettagli

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Indice Un ruolo da costruire Messa a norma Sistema di gestione Modello di prevenzione

Dettagli

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE L esecuzione delle visite periodiche, nonché di quelle svolte su richiesta dei lavoratori, rimane uno dei compiti più qualificanti dell attività del medico competente.

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Edizione 2009 Testo realizzato da: Silvia Maria Squarcina Responsabile Processo Prevenzione Sede INAIL di Parma Giovanna

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE 1. Generalità Il testo unico, al pari del decreto 494/96 ormai abrogato, dedica

Dettagli

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE LEZIONE 55 e obblighi Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana FONTI NORMATIVE SULLA SICUREZZA Codice civile Statuto dei diritti dei lavoratori Decreto legislativo 81/2008 LA LEGISLAZIONE

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi

Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi FIGURE ATTRICI DELLA SICUREZZA Valutazione dei Rischi consulenza in materia di sicurezza sul lavoro Servizio di Prevenzione Protezione e Sicurezza Responsabile SPP Addetti SPP Addetti all antincendio Addetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA 1 CONTRATTO INTEGRATIVO PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA Roccastrada Via S. d Acquisto s.n. Protocollo d intesa tra il Dirigente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Dott. Massimo Servadio Consulente e Formatore in ambito di Salute e Sicurezza sul Lavoro SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI ART.

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Regolamento di Ateneo per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro

Università degli Studi di Cagliari. Regolamento di Ateneo per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro Regolamento di Ateneo per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro Indice Art. 1 - Campo di applicazione Art. 2 - Datore di lavoro Art. 3 - Deleghe e principio di effettività Art. 4 - Direttore Generale

Dettagli

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Lezione 6 La riunione periodica (art 35) La riunione periodica è un momento di discussione sui temi della prevenzione e della tutela della salute e dell integrità psicofisica dei lavoratori, prevista per

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma IL Co.N.A.P.I. Confederazione Nazionale Artigiani Piccoli Imprenditori Co.N.A.P.I. rappresenta una Associazione Datoriale dei lavoratori ed è ente bilaterale della UGL nel settore della sicurezza e formazione

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/2008 modificato dal D.Lgs. 106/2009 dalla legge alla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Infortuni e mala.e professionali Ogni anno in Italia

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 Durata del corso Sede del corso 32 ore Ambiente e Lavoro srl Strada Gragnana 17/A 29121 Piacenza

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Dipartimento di Sanità Pubblica SEDE di MODENA LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena A1- titolo

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

D.R. n. 287 Teramo, lì 7 agosto 2014

D.R. n. 287 Teramo, lì 7 agosto 2014 D.R. n. 287 Teramo, lì 7 agosto 2014 Regolamento di ateneo per la Sicurezza e la Salute dei Lavoratori nei luoghi di lavoro. IL RETTORE VISTO il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.81 Testo unico sulla

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO D. Lgs. n 81 / 2008 D.Lgs. n 106/2009 Modulo 1: le norme PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione del quadro legislativo

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno 1-20142 Milano Tel. 02 88444696 Fax 02 88444704 e-mail uffici: MIIC8DZ008@istruzione.it posta certificata:

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) http://www.unifi.it/rls/mdswitch.html rls@unifi.it UNO 1. Introduzione Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Un saluto a tutti

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO 113 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 33 Reg./15 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 05/02/2015 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Dipartimento Salute e Sicurezza Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Cos è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo Unico per la Sicurezza dei

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Senza entrare troppo nei dettagli che meglio vedremo più avanti, bisogna a questo punto focalizzare l attenzione sugli strumenti che, come operatori e/o

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

Corso di Diritto per l Ingegneria

Corso di Diritto per l Ingegneria Anno Accademico 2012-2013 Corso di Diritto per l Ingegneria La legislazione in materia di prevenzione infortuni e igiene sul lavoro Lezione 1 Gabriele Zeppa 1 Principi costituzionali Le norme costituzionali

Dettagli

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori OBIETTIVO DEL CORSO: Acquisire nozioni utili in tema di salute e sicurezza, conoscere compiti e responsabilità dei soggetti

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice PREMESSA... 2 DEFINIZIONI, RUOLI, AMBITI E ATTIVITÀ... 5 RETTORE... 5 DIRIGENTI... 6 PREPOSTI... 8 ADDETTI SQUADRE

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Emanato con Decreto Rettorale n 93 del 17.03.2010, in vigore dal 1 aprile 2010 Pag. 1/14 POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Normativa sicurezza. Le Origini. La filosofia, la linea gerarchica, la norma, le figure 01/03/2014

Normativa sicurezza. Le Origini. La filosofia, la linea gerarchica, la norma, le figure 01/03/2014 Normativa La filosofia, la linea gerarchica, la norma, le figure Le Origini La prima produzione normativa in tema di sul lavoro risale alla fine del secolo XIX, per arginare il fenomeno infortunistico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza

Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Sommario RLS RLS - La situazione antecedente il D.Lgs. 626/94 RLS - Nomina RLS - Ruolo e modalità operative RLS - Organismi paritetici RLS - Aziende fino

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE -1

FORMAZIONE GENERALE -1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di formazione per gli STUDENTI sulla sicurezza e salute sul lavoro Facoltà di MEDICINA VETERINARIA MARZO 2015 FORMAZIONE GENERALE -1 Programma Gli infortuni sul lavoro

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA via San Pietro a Majella 35-80138 Napoli tel.0815644411 fax 0815644415 c.fisc.

CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA via San Pietro a Majella 35-80138 Napoli tel.0815644411 fax 0815644415 c.fisc. CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA via San Pietro a Majella 35-80138 Napoli tel.0815644411 fax 0815644415 c.fisc.80017700636 Napoli, 21 marzo 2013 Prot. n. 2138 Bando di gara per conferimento

Dettagli

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Università degli Studi-Azienda Ospedaliera di Verona Servizio di Prevenzione e Protezione Dott Claudio Soave RSPP Dr Claudio Soave 1 APPROCCIO METODOLOGICO Individuare

Dettagli

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Beppe Baffert USR CISL Piemonte . Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto,

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

La formazione e informazione dei lavoratori

La formazione e informazione dei lavoratori La formazione e informazione dei lavoratori La formazione dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 riserva una particolare attenzione alla formazione dei soggetti responsabili della sicurezza (addetti antincendio,

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (D.M. 12/12/2000) dopo il primo biennio di attività ANNO SCHEDA

Dettagli